Ordine degli Ingegneri della Provincia di Caserta

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli Ingegneri della Provincia di Caserta"

Transcript

1 Orne degli Ingegneri della Provincia Caserta SEMINARIO LA NTC ED IL CONTROLLO DEI MATERIALI: TECNICA, PROFESSIONE E ADEMPIMENTI SU EDIFICI NUOVI O ESISTENTI ing. Andrea Basile

2 Prove Non Distruttive testare caratteristiche fisiche, meccaniche e statiche strutture, materiali senza l applicazione sollecitazioni struttive, o incisivi prelievi materiale a campione. ESIGENZA l impoverimento dei suoli eficabili nelle aree centrali urbane, unitamente al fenomeno del deprezzamento delle aree periferiche, ha inrizzato i recenti filoni d investimento verso l ammodernamento e la ristrutturazione degli efici nei esistenti DETERMINAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI FINALIZZATA ALLA VERIFICA STRUTTURALE

3 N.T.C. Normativa Tecnica Costruzioni Livello conoscenza - Fattore Confidenza Livello conoscenza - Fattore Confidenza Lc 1 limitata Fc=1.35 limitate prove in-situ Lc 2 estesa Fc=1.20 estese prove in-situ Lc 3 esaustiva Fc=1.00 esaustive prove in-situ Per ogni tipo elemento primario MIGLIORE CONOSCENZA VERIFICA STRUTTURALE MENO ONEROSA

4 Prova Storica Valutazione della resistenza cubica del del cls cls sulla sulla base quella cilindrica determinata con con prove su su carote. UNI UNI EN EN Inerte Tagliato DETERMINAZIONE CARATTERISTICHE DI RESISTENZA DEL CONGLOMERATO MEDIANTE PROVE DISTRUTTIVE DANNEGGIAMENTO

5 Letteratura tecnica Rck Rck 1 = Rck Rck 2 = Rck Rck 3 = Rck Rck 4 = Rck Rck 5 = K NTC integrato C NTC integrato C φ φ n 0.83 ψ 1 n R Carota R Carota R Carota ( R ) Carota Carota ( n -1) R 0.83 ( n - 2) K = Coefficiente che tiene conto della rezione perforazione K = Coefficiente che tiene conto della rezione perforazione K = 2.00 per perforazioni orizzontali K = 2.00 per perforazioni orizzontali K = 1.84 per perforazioni verticali K = 1.84 per perforazioni verticali φ = Coefficiente passaggio dal valore cilindrico della φ = Coefficiente passaggio dal valore cilindrico della resistenza a quello cubico per effetto forma (è funzione della stessa resistenza a quello cubico per effetto forma (è funzione della stessa resistenza) resistenza) R carota φ Rck1 + Rck 2 + Rck3 + Rck 4 + Rck5 5 ψ = 1.5 ψ = 1.5 ψ = Coefficiente compattazione del conglomerato ψ = Coefficiente compattazione del conglomerato n = Rapporto tra altezza e ametro della carota n = Rapporto tra altezza e ametro della carota

6 Rilievi Microsismici UNI Si Si eseguono eseguono nell'ambito nell'ambito dei dei controlli controlli non non struttivi struttivi per per le le indagini indagini omogeneità omogeneità del del calcestruzzo, calcestruzzo, fetti fetti getto, getto, variazioni variazioni delle delle proprietà proprietà (dovute (dovute a a degrado, degrado, a a sollecitazioni, sollecitazioni, ecc.), ecc.), modulo modulo elasticità elasticità namico, namico, coefficiente coefficiente Poisson Poisson namico, namico, stima stima della della resistenza resistenza del del calcestruzzo calcestruzzo in in combinazione combinazione con con altre altre determinazioni determinazioni T2 Tempo ritardo Trasm. Ricev. Trasm. T1 Ricev. Punto arrivo Velocità m/sec Conzioni Velocità m/sec Struttura Zocca - Di Lena Istituto Sperimentale F.S. > 4570 Eccellenti buone Accettabili cattive < 2130 Pessime Normativa Inglese BSI 4727 Solette 4575 Travi a T in c.a.p Lastre in c.a.p Cls ad alta res.

7 Prove Sclerometriche UNI Consentono Consentono inviduare inviduare la la resistenza resistenza del del materiale materiale attraverso attraverso curve curve standard, standard, corredandola corredandola con con l entità l entità del del rimbalzo rimbalzo una una massa massa battente battente e e quin quin con con la la durezza durezza superficiale superficiale del del materiale materiale CON TALE METODO NON SI OTTENGONO INFORMAZIONI SULLO STATO DEL CONGLOMERATO CHE SI TROVA AD UNA PROFONDITÀ SUPERIORE A 3 CM. I RISULTATI DELLA PROVA SONO PERTANTO INFLUENZATI DALLE PROPRIETÀ LOCALI DELLO STRATO SUPERFICIALE FORNENDO DATI INESATTI SE QUESTO SI PRESENTA DEGRADATO.

8 Rilievi Microsismici UNI Prove Sclerometriche UNI EN EFFICACE ALL INTERNO DEL SOLIDO EFFICACE SULLA SUPERFICE DEL SOLIDO METODI COMBINATI PER LA DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA DEL CALCESTRUZZO Rcls1 = α 1 Rcls2 = α Rcls3 = α 3 7, (-10) (-7) (-9) Rs Rs Rs ( v1) (RILEM 1993, NDT4) 1.85 ( v1) (J. Gasparik 1992) ( v1) (Di Leo, Pascale 1994)

9 Tabelle del FACAROU Rck del Calcestruzzo in funzione del valore meo battuta sclerometrica e della velocità propagazione Velocità m/sec Conzioni Velocità m/sec Struttura Zocca - Di Lena Istituto Sperimentale F.S. > 4570 Eccellenti buone Accettabili cattive < 2130 Pessime Normativa Inglese BSI 4727 Solette 4575 Travi a T in c.a.p Lastre in c.a.p Cls ad alta res.

10 Calcestruzzo a dosaggio Calcestruzzo a dosaggio Innanzitutto sarebbe più corretto parlare del calcestruzzi anni 50 e anni 60, se non altro perché ormai dagli anni 70 e 80 in poi sono corrente uso i calcestruzzi a Rck ovvero confezionati tramite curva granulometrica. La fferenza fondamentale è, in buona sostanza, l ASSORTIMENTO GRANULOMETRICO. Nel calcestruzzo a Rck si riesce a chiudere una curva efficace con un minimo 3-4 pezzature ad esempio con i meto : - Fuller che tiene conto principalmente del ametro massimo degli inerti. - Bolomej che tiene conto del ametro massimo degli inerti, del dosaggio cemento e della lavorabilità (plastico fluido -umido). Lo scopo è ridurre al minimo l ince dei vuoti onde minimizzare il quantitativo fino e cemento. Il calcestruzzo a dosaggio invece si otteneva volte col seguente metodo empirico: Pietrisco (φ 8-63) e pietrischetto (φ 4-8) miscelato ad occhio n. 2 porzioni (n. 2 carriole); sabbia (φ ) n. 1 porzioni (n. 1 carriola); cemento kg/mc (n. 1 sacco); Acqua (quanto basta)

11 In termini pratici Con lo sclerometro su un cls a dosaggio si può facilmente battere rettamente su un inerte grossa pezzatura (φ 30 o 40). Contro un valore tipico dell ince rimbalzo pari a 28 30, si ottiene Anche la prova ultrasonica ne è fortemente influenzata in quanto l'ince alto dei vuoti caratterizza vari passaggi da un materiale all altro rallentando la velocità attraversamento dell impulso. Contro un valore tipico pari a m/sec si ottiene m/sec SI RISCHIA QUINDI: ESEGUENDO SOLO LA PROVA SCLEROMETRICA DI ASSEGNARE UNA RESISTENZA MAGGIORE DI QUELLA REALE; ESEGUENDO SOLO LA PROVA ULTRASONICA DI ASSEGNARE UNA RESISTENZA INFERIORE A QUELLA REALE

12 METODO 1. Si prelevano significative carote cls 2. Si sottopongono a prova ultrasuono sclerometrica ricavando Rs e V 3. Si sottopongono a rottura e quin si passa da resistenza cilindrica a resistenza cubica, da cui Rcarota 4. Si ricava a = coefficiente normalizzazione: δ Rs Rcls provino β γ provino provino 5. Si eseguono su varie parti della struttura le prove ultrasuono-sclerometriche ricavando la resistenza del calcestruzzo con le formule: Rcls1 = α 1 Rcls2 = α Rcls3 = α 3 7, (-10) (-7) (-9) Rs Rs Rs α = v 2.58 ( v1) (RILEM 1993, NDT4) 1.85 ( v1) (J. Gasparik 1992) ( v1) (Di Leo, Pascale 1994) dove r I = resistenza del materiale R = valore meo totale dell ince rimbalzo v = velocità propagazione Rcls1 + Rcls2 + Rcls3 Rcls = 3

13 Ince Rimbalzo Ince Rimbalzo (Di Leo, Pascale 1994) (RILEM 1993, NDT4) (J. Gasparik 1992) velocità velocità 4500 MEDIA Rcls1 = α 1 Rcls2 = α Rcls3 = α (RILEM 1993, (J. Gasparik NDT4) 1992) (Di Leo, Pascale 1994) 7, (-10) (-7) (-9) Rs Rs Rs ( v1) (RILEM1993, NDT4) 1.85 ( v1) (J.Gasparik 1992) ( v1) (Di Leo, Pascale1994) Ince Rimbalzo (J. Gasparik 1992) (RILEM 1993, NDT4) (Di Leo, Pascale 1994) velocità4500

14 RECUPERO E RIUSO DELLA SCUOLA AUDIOLESI SEZIONE STACCATA DELLA CORTE DI APPELLO DI LECCE IN TARANTO

15 RECUPERO E RIUSO DELLA SCUOLA AUDIOLESI SEZIONE STACCATA DELLA CORTE DI APPELLO DI LECCE IN TARANTO

16 21.40m 21.40m 21.40m RECUPERO E RIUSO DELLA SCUOLA AUDIOLESI SEZIONE STACCATA DELLA CORTE DI APPELLO DI LECCE IN TARANTO

17 FABBRICATO 1 PIANO PRIMO QUADRO DI RIEPILOGO ultrasuoni resistenza RESISTENZA battute sclerometriche valore d ritardo velocità vel corr cls d ritardo STRUTTURA mensioni armatura staffe passo MEDIA MPa valori rimbalzo meo cm sec-3 m/sec m/sec in MPa cm sec-3 pilastro 6 40 x 40 8φ14 φ6 20cm 23, , , , ,7 pilastro 7 40 x 40 8φ14 φ6 20cm 18, , , , ,8 pilastro 8 40 x 40 8φ14 φ6 20cm 18, , , , ,3 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 19, , , , ,2 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 18, , , , ,7 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 26, , , , ,6 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 22, , , , ,7 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 31, , , , ,2 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 29, , , , ,3 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 27, , , , ,7 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 31, , , , ,6 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 30, , , , ,9 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 29, , , , ,4 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 18, , , , ,6 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 28, , , , ,5 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 27, , , , ,9 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 30, , , , ,4 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 30, , , , ,3 pilastro x 40 8φ14 φ6 20cm 32, , , , ,8 MEDIA DELLE RESISTENZE CALCOLATE MPa 26,044 33,29 26,60

18 Andamento delle resistenze 35,000 30,000 resistenza in M Pa 25,000 20,000 r.m. 15,000 10, pilastro n.

19 FABBRICATO 2 FONDAZIONI - PLINTI ultrasuoni Resist. resist. mea battute sclerometriche valore d ritardo velocità vel corr cls d ritardo STRUTTURA DIMENZIONI ARMATURA STAFFE MPa valori rimbalzo meo cm sec-3 m/sec m/sec MPa cm sec-3 plinto x h 60 3φ14 φ14 19, , , , ,0 plinto x h 60 3φ14 φ14 17, , , , ,4 plinto x h 60 3φ14 φ14 19, , , , ,8 plinto x h 60 3φ14 φ14 20, , , , ,5 plinto x h 60 3φ14 φ14 20, , , , ,5 plinto x h 60 3φ14 φ14 21, , , , ,6 plinto x h 60 3φ14 φ14 19, , , , ,8 plinto x h 50 3φ18 φ14 27, , , , ,6 plinto x h 50 3φ18 φ14 24, , , , ,4 plinto x h 50 3φ18 φ14 23, , , , ,8 plinto x h 45 3φ18 φ14 26, , , , ,8 plinto x h 50 3φ18 φ14 26, , , , ,4 plinto x h 50 3φ14 φ14 22, , , , ,2 plinto x h 50 3φ14 φ14 22, , , , ,2 plinto x h 50 3φ14 φ14 19, , , , ,9 plinto x h 50 3φ14 φ14 23, , , , ,5 plinto x h 50 3φ14 φ14 22, , , , ,1 plinto x h 50 3φ18 φ14 22, , , , ,8 plinto x h 50 3φ14 φ14 20, , , , ,9 plinto x h 50 3φ18 φ14 25, , , , ,6 plinto x h 60 3φ14 φ14 24, , , , ,6 plinto x h 60 3φ14 φ14 20, , , , ,4 plinto x h 50 3φ18 φ14 19, , , , ,1 plinto x h 60 3φ14 φ14 20, , , , ,6 plinto x h 50 3φ14 φ14 19, , , , ,6 plinto x h 50 3φ18 φ14 18, , , , ,9 plinto x h 60 3φ14 φ14 18, , , , ,1 plinto x h 40 3φ14 φ14 20, , , , ,8 plinto x h 50 3φ18 φ14 17, , , , ,3 plinto x h 50 3φ18 φ14 18, , , , ,8 plinto x h 50 3φ18 φ14 17, , , , ,4 plinto x h 60 3φ14 φ14 20, , , , ,3 plinto x h 40 3φ14 φ14 20, , , , ,2 plinto x h 50 3φ14 φ14 22, , , , ,6 plinto x h 50 3φ14 φ14 19, , , , ,8 plinto x h 50 3φ14 φ14 23, , , , ,6 plinto x h 50 3φ14 φ14 23, , , , ,8 plinto x h 50 3φ14 φ14 24, , , , ,2 plinto x h 45 3φ14 φ14 20, , , , ,8 plinto x h 40 3φ14 φ14 22, , , , ,4 plinto x h 30 3φ14 φ14 19, , , , ,6 plinto x h 45 3φ14 φ14 18, , , , ,8 plinto x h 20 3φ14 φ14 20, , , , ,4 MEDIA DELLE RESISTENZE CALCOLATE MPa 21,244 29,70 V.meo 21,59

20 Andamento delle resistenze 29,00 27,00 25,00 resisten z e in M Pa 23,00 21,00 19,00 17,00 r.m. 15,00 13,00 11, plinto n.

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA PROVA SCLEROMETRICA Introduzione Nella pratica edilizia e dell ingegneria civile, la stima della qualità del calcestruzzo è necessaria, sia per i controlli di qualità dei nuovi edifici che per indagini

Dettagli

GLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A. Le indagini sui materiali

GLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A. Le indagini sui materiali Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003) GLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A. Le indagini sui materiali Prof. Ing.. Angelo MASI DiSGG, Università di Basilicata Centro

Dettagli

INDAGINI SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO

INDAGINI SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO LABORATORIO D E L T A via Savonarola 106 a,b,c,e Lucca Tel. 0583 419226 583326 Fax. 0583 419347 Email: info@laboratoriodelta.it Laboratorio prove su material da costruzione Decreto di Concessione n 5552

Dettagli

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE R. Pucinotti, M.R. Udardi Dipartimento Patrimonio, Architettura e Urbanistica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dettagli

Calcolo della resistenza del calcestruzzo di strutture esistenti

Calcolo della resistenza del calcestruzzo di strutture esistenti Calcolo della resistenza del calcestruzzo di strutture esistenti Adriano Castagnone Davide Cerroni 1 2 Sommario RESISTENZA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA... 4 Prove dirette su carote... 4 Metodo A.C.I. (American

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY La valutazione della resistenza a compressione del calcestruzzo in opera: dalla resistenza del campione cilindrico prelevato mediante

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Professor Alessandro De Stefano PROVINCIA DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA ITC PASCAL Via Carducci, n. 4 - GIAVENO

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza MICHELE VINCI Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Articolo 2 Ottobre 2013 Bibliografia:

Dettagli

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

La valutazione di edifici in c.a. Applicazione dei metodi di indagine distruttive e non distruttive

La valutazione di edifici in c.a. Applicazione dei metodi di indagine distruttive e non distruttive Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2012 2013 La valutazione di edifici in c.a. Applicazione dei metodi di indagine distruttive e non distruttive Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università

Dettagli

Curve di correlazione per il controllo dell affidabilità dei calcestruzzi ordinari

Curve di correlazione per il controllo dell affidabilità dei calcestruzzi ordinari Curve di correlazione per il controllo dell affidabilità dei calcestruzzi ordinari M. Cetraro 1, S. De Paola 2, M. Massaccesi 3, G. Menditto 4, G. Porco 5 1 Centro Studi e Ricerche Sposato P&P s.r.l. Villapiana

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Indagini Strutturali ANALISI E CORRELAZIONE DEI RISULTATI NELLE INDAGINI NON DISTRUTTIVE. Ponti & Viadotti SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO

Indagini Strutturali ANALISI E CORRELAZIONE DEI RISULTATI NELLE INDAGINI NON DISTRUTTIVE. Ponti & Viadotti SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Una campagna di indagini di Sidercem Srl per acquisire un Livello di Conoscenza Accurata (LC3) indispensabile per l identificazione strutturale di un viadotto e per l eventuale progetto di adeguamento

Dettagli

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI Claudio Barandoni Pisa 01/07/2015 Ingegnere Civile Edile Dottore di Ricerca in Materiali e strutture per L Architettura Via F. Rismondo, 39 56123 PISA MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA

Dettagli

PREMAC Srl Laboratorio Prove Zona Ind Fondaco F. 88040 Feroleto Antico CZ Tel 0968 453848 Fax 0968 455015 E-mail Info@premac.it WWW.premac.

PREMAC Srl Laboratorio Prove Zona Ind Fondaco F. 88040 Feroleto Antico CZ Tel 0968 453848 Fax 0968 455015 E-mail Info@premac.it WWW.premac. DETERMINAZIONE DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI IN BASE AL LIVELLO DI CONOSCENZA DELLE STRUTTURE IN CA INDAGINI DISTRUTTIVE E NON DISTRUTTIVE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI D.M.

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT)

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Insegnamento di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell Ambiente di Lavoro Tutor Docente neoassunto Prof. Andrea

Dettagli

Prove per la determinazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera

Prove per la determinazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera Prove per la determinazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera prove dirette di resistenza su campioni prelevati dagli elementi strutturali sono considerate prove distruttive prove indirette

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

INDAGINI DIAGNOSTICHE

INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE ESEMPIO DI SCHEDE OPERATIVE 1. Report di sopralluogo 2. Minute: rilievo armature prove sclerometriche prelievo carote prelievo barre di armature indagini soniche diagnostica manufatti

Dettagli

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE STRUTTURE IN C.A. E IN ACCIAIO COME PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008 2 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO STATICO IN CORSO D OPERA

Dettagli

Il metodo SonReb per la caratterizzazione meccanica di calcestruzzi estratti da edifici esistenti

Il metodo SonReb per la caratterizzazione meccanica di calcestruzzi estratti da edifici esistenti M.T.Cristofaro,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze A.D Ambrisi,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze M.DeStefano,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA MODIFICA DELLE FONDAZIONI DI EDIFICI ESISTENTI PER L INSERIMENTO DI ISOLATORI SISMICI

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA MODIFICA DELLE FONDAZIONI DI EDIFICI ESISTENTI PER L INSERIMENTO DI ISOLATORI SISMICI ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE DICAM TESI DI LAUREA in PROGETTO DI STRUTTURE DI FONDAZIONE LS MODIFICA DELLE FONDAZIONI DI EDIFICI

Dettagli

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Gaetano Manfredi gaetano.manfredi@unina.it Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia ortolani@dicea.unifi.it PISTOIA 28/09/2012 ASPETTI GENERALI Malta: acqua

Dettagli

Architettura Tecnica I. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Architettura Tecnica I. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I IL CALCESTRUZZO (CLS) prof. ing. Vincenzo Sapienza Composizione dei calcestruzzi BOIACCA = legante + acqua MALTA = legante + acqua + sabbia CALCESTRUZZI

Dettagli

Corso di Riabilitazione Strutturale. POTENZA, a.a. 2011 2012

Corso di Riabilitazione Strutturale. POTENZA, a.a. 2011 2012 Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 La valutazione di edifici in c.a. Il processo di conoscenza della struttura (2) Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it

Dettagli

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara)

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) RELAZIONE TECNICA STUDIO TECNICO MP MATTEO FELITTI Architetto Strutturista (Scuola F.lli Pesenti) e Tecnologo del

Dettagli

in collaborazione con organizza il

in collaborazione con organizza il in collaborazione con Ordine degli Ingegneri della Provincia di Catanzaro Collegio Geometri e Geometri Laureati Catanzaro organizza il Corso di Qualificazione e Certificazione di Livello 2 (rif. UNI EN

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA CAPITOLATO PRESTAZIONALE CAMPAGNA DI INDAGINI DI IDENTIFICAZIONE GEOMETRICO-STRUTTURALE

Dettagli

INDAGINI NON DISTRUTTIVE TRAVI PREFABBRICATE VIA NOBEL MONZA (MB)

INDAGINI NON DISTRUTTIVE TRAVI PREFABBRICATE VIA NOBEL MONZA (MB) INDAGINI NON DISTRUTTIVE TRAVI PREFABBRICATE VIA NOBEL MONZA (MB) PROVA n. 10373-A-B-C/MI 21-25-30 ottobre 2013 Committente: Responsabile: Relatore: Provincia di MONZA BRIANZA Ing. Francesco Silva Geom.

Dettagli

Curva di isteresi per carico concentrato. Prove di carico e indagini sui materiali Edificio Comunale, via Trento n 2, Limbiate (MI) pag.

Curva di isteresi per carico concentrato. Prove di carico e indagini sui materiali Edificio Comunale, via Trento n 2, Limbiate (MI) pag. Forza kn Curva di isteresi per carico concentrato ALLEGATO PROVA MI 8599/0 30 Area di carico 17,94 kn * mm Area di isteresi 1,86 kn * mm Salita Discesa 25 Area di isteresi/area di carico 10,37 % 20 15

Dettagli

Regione Toscana - Servizio Sismico Regionale. A cura di M. Ferrini, V. Prestifilippo N. Signorini, A. Tonelli, L. Tovazzi

Regione Toscana - Servizio Sismico Regionale. A cura di M. Ferrini, V. Prestifilippo N. Signorini, A. Tonelli, L. Tovazzi Ordinanza P.C.M. n 3274 del 20 Marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica

Dettagli

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari Giornate aicap 2014 Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari 1 Percentuali dei volumi tra i vari costituenti del calcestruzzo

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

PROVE SUL CALCESTRUZZO IN SITU

PROVE SUL CALCESTRUZZO IN SITU PROVE SUL CALCESTRUZZO IN SITU dott. ing. Nicola Longarini Consorzio CIS-E Politecnico di Milano Sommario 1- INTRODUZIONE...87 2- ADEMPIMENTI DEL COLLAUDATORE...87 3- PROVE NON DISTRUTTIVE...88 4- PROVA

Dettagli

Operazione "Impariamo a ricostruire" rif. PA 2012-2511/RER GLI INTERVENTI POST-SISMA

Operazione Impariamo a ricostruire rif. PA 2012-2511/RER GLI INTERVENTI POST-SISMA Operazione "Impariamo a ricostruire" rif. PA 2012-2511/RER GLI INTERVENTI POST-SISMA STRUTTURE IN C.A. LIVELLI DI CONOSCENZA E TECNICHE SPERIMENTALI II. Indagini sui materiali Prof. Ing. Nerio TULLINI

Dettagli

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI Comune di Villa Castelli Provincia di Brindisi RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI (ai sensi dell art. 4 della legge n 1086 del 5/11/1971) OGGETTO: ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ED IGIENE

Dettagli

Misura della profondità di carbonatazione

Misura della profondità di carbonatazione Controllo tecnico della qualità delle costruzioni Strutture edifici esistenti La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su edifici esistenti è caratterizzata da un grado di incertezza

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Manuale dei Controlli non Distruttivi

Manuale dei Controlli non Distruttivi SIDERCEM Istituto di Ricerca e Sperimentazione sui Materiali da Costruzione Quaderno tecnico n 3 Vincenzo Venturi Manuale dei Controlli non Distruttivi ai miei genitori, ad Elvira, Agata e Stefano Tutti

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

INDAGINI E VERIFICHE DI STRUTTURE IN C.A. E ACCIAIO

INDAGINI E VERIFICHE DI STRUTTURE IN C.A. E ACCIAIO INDAGINI E VERIFICHE DI STRUTTURE IN C.A. E ACCIAIO Committente: COMUNE DI VIADANA Indirizzo: P.zza Matteotti, 2 VIADANA (MN) Opera: Tecnico incaricato delle verifiche Palasport G.Farina Via Vanoni, 15

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Sezione Prove su Strutture, Monitoraggi e Controlli Non Distruttivi

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE STRUTTURE IN C.A. E IN ACCIAIO COME PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008 2 METODOLOGIE E PROVE NON DISTRUTTIVE PER LA DETERMINAZIONE DELLE CARATTERISTICHE

Dettagli

VERIFICA DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI, RILIEVO DELLA GEOMETRIA DEGLI ELEMENTI DI COLLETTORE INTERCOMUNALE 13005 C AR 00 RT 0004

VERIFICA DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI, RILIEVO DELLA GEOMETRIA DEGLI ELEMENTI DI COLLETTORE INTERCOMUNALE 13005 C AR 00 RT 0004 Comune di Bollate Esecuzione di un Urban Centre - Auditorium in Bollate PROJECT: 13005 DOC.NO.: 13005 C AR 00 RT-0004 DATE: 29/05/2014 PAGE: 1 REV. 02 VERIFICA DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI,

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

ESSEBI Srl CALCESTRUZZO ARMATO DIAGNOSTICA STRUTTURALE. ing. Giorgio Sforza

ESSEBI Srl CALCESTRUZZO ARMATO DIAGNOSTICA STRUTTURALE. ing. Giorgio Sforza ESSEBI Srl CALCESTRUZZO ARMATO DIAGNOSTICA STRUTTURALE ing. Giorgio Sforza Via Nomentana, 16 - Roma Roma, 16 luglio 2011 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DI STRUTTURE ESISTENTI Le costruzioni esistenti devono

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Le analisi e gli interventi sul patrimonio edilizio esistente t in calcestruzzo armato e in muratura

Le analisi e gli interventi sul patrimonio edilizio esistente t in calcestruzzo armato e in muratura Le analisi e gli interventi sul patrimonio edilizio esistente t in calcestruzzo armato e in muratura Le Nome Tecniche per le Costruzioni Le linee guida che conducono alla formulazione di un giudizio diagnostico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Prof. Silvia Santini

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Prof. Silvia Santini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Prof. Silvia Santini I materiali del c.a. Ing. Patrizio Ansovini CEMENTO ARMATO CALCESTRUZZO ACCIAIO da c.a.

Dettagli

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione M. Collepardi Politecnico di Milano E-mail: mario.collepardi@polimi.it In un precedente articolo (Parte

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6 11.2 CALCESTRUZZO PROVA A COMPRESSIONE SU CALCESTRUZZO INDURITO UNI EN 12390-3 DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELL'INTERNO 14/01/2008 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI. 11 MATERIALI E PRODOTTI

Dettagli

aicap Associazione Italiana Calcestruzzo Armato e Precompresso

aicap Associazione Italiana Calcestruzzo Armato e Precompresso Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma in collaborazione con aicap Associazione Italiana Calcestruzzo Armato e Precompresso LA IDENTIFICAZIONE DEI DIFETTI DEL CALCESTRUZZO DURANTE LA VITA DI SERVIZIO

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS Protocollo GEOLAB DATA: marzo 2013 GEOLAB S.R.L. Corso Galileo

Dettagli

Perchè. Quando utilizzare lo sclerometro

Perchè. Quando utilizzare lo sclerometro made in Italy L'Affidabilà e selezione dei componenti, decennale esperienza nella produzione di strumenti nd, desing funzionale ed innovativo e la continua ricerca scientifica grazie alla collaborazione

Dettagli

- RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL FABBRICATO SUL QUALE SI INTERVIENE

- RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL FABBRICATO SUL QUALE SI INTERVIENE - RELAZIONE GENERALE Su incarico affidato al presente studio dall Amministrazione Comunale di Resana (TV), è stata condotta la verifica di vulnerabilità sismica e il successivo progetto per il consolidamento

Dettagli

PROVE E CONTROLLI NON DISTRUTTIVI PER LA VERIFICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI SECONDO LA NORMATIVA SISMICA E LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI

PROVE E CONTROLLI NON DISTRUTTIVI PER LA VERIFICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI SECONDO LA NORMATIVA SISMICA E LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI In collaborazione con: Giovani Ingegneri Bresciani PROVE E CONTROLLI NON DISTRUTTIVI PER LA VERIFICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI SECONDO LA NORMATIVA SISMICA E LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI Brescia

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Il Calcestruzzo. Qt = Qi + Qa

Il Calcestruzzo. Qt = Qi + Qa Il Calcestruzzo Il calcestruzzo (CLS), detto anche conglomerato cementizio, è un impasto omogeneo costituito da una miscela di legante (che di norma è un cemento), acqua e aggregati o inerti (costituiti

Dettagli

INDICE. Un cls di qualità 1/6

INDICE. Un cls di qualità 1/6 INDICE,OFDOFHVWUX]]RIUHVFR 7UDVSRUWR /DYRUDELOLWj 0HVVDLQRSHUDSHUYLEUD]LRQH 6HJUHJD]LRQHHFRHVLRQH %OHHGLQJ GHOFOV 3RPSDJJLRGHOFOV 0L['HVLJQRSURSRU]LRQDPHQWR GHO FDOFHVWUX]]R 1 Un cls di qualità 1/6 I fenomeni

Dettagli

METODI COMBINATI PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO GABRIELE CINIGLIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

METODI COMBINATI PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO GABRIELE CINIGLIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI DOTTORATO IN INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI DOTTORATO IN INGEGNERIA DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE Coordinatore: Prof. Ing. Domenico Acierno XXI

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

CAROTAGGIO PULL-OUT PONTE SUL CANALE LARGON BRIAN ERACLEA

CAROTAGGIO PULL-OUT PONTE SUL CANALE LARGON BRIAN ERACLEA CAROTAGGIO PULL-OUT PONTE SUL CANALE LARGON BRIAN ERACLEA PROVA n. 3665/PD 29 settembre 2011 Committente: Direzione Lavori: Relatore: A.I. Progetti Architettura.Ingegneria S.c. ing. Antonio Alessandri

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

silpa esegue rilievi topo-fotogrammetrici con tecnologia iscan, riconoscimento e misurazione automatica con notevole risparmio di tempo.

silpa esegue rilievi topo-fotogrammetrici con tecnologia iscan, riconoscimento e misurazione automatica con notevole risparmio di tempo. La silpa è una società che opera dal 1986 nei settori dell ingegneria civile e ambientale. Possiede attrezzature, strumenti e competenze per la produzione di servizi tecnici all ingegneria dell ambiente

Dettagli

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio; Via A. Foresti, 5 25127 Brescia www.aipnd.it SEMINARIO INTERNACIONAL: Diagnòstico No Destructivo en Construcciones Civiles e Hidroeléctricas I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Corretto impiego delle prove non distruttive Il metodo ultrasonico

Corretto impiego delle prove non distruttive Il metodo ultrasonico cemento & calcestruzzo Corretto impiego delle prove non distruttive Il metodo ultrasonico Maurizio Agostino Gli articoli pubblicati sui numeri precedenti hanno approfondito il tema generale delle certificazioni

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei

Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei CONTROLLI INNOVATIVI PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI COMPONENTI MECCANICI ED OPERE INFRASTRUTTURALI Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei Angelo Tatì Laboratorio

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA LUIGI COPPOLA

VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA LUIGI COPPOLA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA LUIGI COPPOLA VALUTAZIONE RESISTENZA IN OPERA R c-insitu NUOVE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI Errori e difetti durante la messa in opera Esito negativo dei controlli

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test)

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) PROVE IN SITO Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) Durante le fasi di perforazione si possono eseguire, oltre al prelievo di campioni indisturbati, prove SPT (Standard Penetration

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI: LIVELLI DI CONOSCENZA E INDAGINI DIAGNOSTICHE STRUTTURALI ING. ROCCO TOLVE MATERA 05 OTTOBRE 2011 Costruzioni esistenti : livelli di conoscenza

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Normativa e controllo di qualità del calcestruzzo: dalla produzione alla verifica in sito

Normativa e controllo di qualità del calcestruzzo: dalla produzione alla verifica in sito 72 Normativa e controllo di qualità del calcestruzzo: dalla produzione alla verifica in sito di Vito Alunno Rossetti e Antonella Ferraro 1. Premessa La certezza della qualità del conglomerato cementizio,

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA PREMESSA La presente relazione riguarda il dimensionamento della sovrastruttura che andrà a costituire la pavimentazione del piazzale da adibire a deposito dei mezzi ARST. S.p.A da realizzare nella zona

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

PROVE SUL CALCESTRUZZO

PROVE SUL CALCESTRUZZO PROVE SUL CALCESTRUZZO Il conglomerato cementizio all atto atto del progetto deve essere identificato mediante la resistenza convenzionale a compressione misurata su cubetti (Rck( Rck), confezionati e

Dettagli

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio)

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Generalità Poco si trova in letteratura (eccezion fatta per Bowles, Fondazioni, ed. McGraw-Hill) riguardo le fondazioni con carico fortemente

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli