PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA"

Transcript

1 ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale) Una serie di esercizi per gli studenti della classe terza che devono consolidare le conoscenze e le abilità relative alla registrazione delle operazioni di gestione con il metodo contabile della partita doppia. Natura dei conti classifica i conti secondo il sistema del patrimonio e del risultato economico. DENOMINAZIONE DEI CONTI Merci c/vendite Debiti v/fornitori Risconti passivi Cambiali attive Fitti passivi Automezzi Crediti v/clienti Risconti attivi Merci c/acquisti Software Costi telefonici Costi di impianto Utile d esercizio Resi su vendite Denaro in cassa Ribassi e abbuoni attivi Fabbricati Cambiali passive Assegni CONTI FINANZIARI VARIAZIONI DI ESERCIZIO CONTI ECONOMICI DI REDDITO COSTI PLURIENNALI COSTI E RICAVI SOSPESI CONTI DI PATRIMONIO NETTO

2 ATTIVITÀ DIDATTICHE 2 Prova di verifica Conti e sezione di registrazione 1 in relazione a ogni operazione di gestione indica con una crocetta quale conto è movimentato nella sezione Dare. OPERAZIONI DI GESTIONE CAMBIALI ATTIVE BANCA X C/C CREDITI V/CLIENTI DEBITI V/FORNITORI Rilasciato pagherò a un fornitore Ricevuto bonifico da un cliente Vendita di merci, regolamento a 60 giorni Ordinato bonifico a favore di un fornitore Ricevuto pagherò da un cliente Maturati interessi su un credito verso un cliente Riscossa tramite banca cambiale in scadenza Girata cambiale a un fornitore Maturati interessi a credito sul c/c bancario Versato assegno sul c/c bancario Conti e sezione di registrazione 2 in relazione a ogni operazione di gestione indica con una crocetta quale conto è movimentato nella sezione Avere. OPERAZIONI DI GESTIONE CAMBIALI PASSIVE BANCA X C/C DENARO IN CASSA CREDITI V/CLIENTI Estinta cambiale tramite banca Versamento di denaro contante sul c/c bancario Emesso pagherò a favore di un fornitore Ricevuto bonifico da un cliente Prelevamento di denaro contante dal c/c bancario Ricevuto assegno da un cliente Maturati interessi passivi sul c/c bancario Accettata tratta a saldo fattura Emesso assegno a saldo fattura di acquisto Pagati fitti in contanti

3 Prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 3 Conti e sezione di registrazione 3 Per ciascuna operazione di gestione scrivi i due conti finanziari da utilizzare e indica la relativa sezione movimentata. OPERAZIONI DI GESTIONE DENOMINAZIONE DEI CONTI DARE AVERE Ricevuto assegno da un cliente Emesso pagherò a favore di un fornitore Estinta cambiale in scadenza tramite banca Girato assegno a un fornitore Emessa tratta su un cliente a favore di un fornitore Conti e sezione di registrazione 4 Per ciascuna operazione di gestione scrivi il conto economico da utilizzare e indica la relativa sezione movimentata. OPERAZIONI DI GESTIONE DENOMINAZIONE DEI CONTI DARE AVERE Ricevuta fattura per acquisto di merci Emesso assegno bancario per pagamento affitto Maturati interessi a favore di un fornitore Emessa fattura per vendita di merci Concesso abbuono a un cliente Ricevuta fattura da Telecom Restituite merci a un fornitore Pagate retribuzioni ai dipendenti

4 Prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 4 Analisi delle operazioni di gestione analizza le seguenti operazioni di gestione, indicando il conto utilizzato, se la variazione è finanziaria o economica, la sezione Dare o Avere movimentata e il relativo importo. a. A saldo di una fattura di euro si ricevono un assegno di euro e una cambiale di euro. Conto... variazione... sezione... importo... b. Pagate a mezzo c/c bancario retribuzioni a dipendenti per euro. c. Apporto del proprietario di un automezzo valutato euro a incremento dei mezzi propri. d. Girato assegno di euro a un fornitore a saldo fattura di euro. e. Prelevati dal c/c bancario euro in contanti. f. Pagata tramite c/c bancario la rata del mutuo di euro, di cui euro a titolo di interessi. Conto... variazione...sezione... importo... Conto... variazione...sezione... importo... Conto... variazione...sezione... importo... g. Sostenuti con assegno bancario costi di impianto per euro. h. Ottenuto dalla banca il rilascio di un assegno circolare di euro contro addebito del c/c bancario.

5 ATTIVITÀ DIDATTICHE 5 Prova di verifica Dai conti di mastro al libro giornale individua le operazioni che hanno originato le variazioni nei seguenti conti, presentando anche le registrazioni sul libro giornale. a.... DEBITI V/FORNITORI CAMBIALI ATTIVE CAMBIALI PASSIVE RIBASSI E ABBUONI ATTIVI 8.003, , ,00 3,00 b.... CAMBIALI PASSIVE BANCA X C/C 9.000, ,00 c.... CAMBIALI ATTIVE ASSEGNI RIBASSI E ABBUONI PASSIVI 8.305, ,00 5,00 d.... MUTUI PASSIVI INTERESSI PASSIVI SU MUTUI BANCA X C/C , , ,00 e.... CREDITI V/CLIENTI INTERESSI ATTIVI V/CLIENTI 120,00 120,00 f.... FITTI PASSIVI COMMISSIONI BANCARIE BANCA X C/C 300,00 2,00 300,00 2,00

6 Prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 6 Registrazioni sul libro giornale e nei conti di mastro rileva sul libro giornale e nei conti di mastro le seguenti operazioni di gestione compiute da un impresa individuale che svolge attività commerciale. a. Emessa fattura n. 80 sul cliente Rossi per vendita di merci per euro + IVA; il regolamento avviene mediante bonifico di euro; b. ricevuta fattura n da Telecom di 400 euro + IVA; il regolamento avviene a mezzo banca; c. accettata tratta di euro a saldo fattura di Bianchi di euro; d. richiesto assegno circolare di euro contro addebito del c/c bancario; l assegno è inviato al fornitore Noto a saldo di una fattura di euro, la differenza è costituita da interessi di mora; e. ricevuta fattura n. 111 dal fornitore Mieli per acquisto di merci per euro + IVA; il regolamento avviene per metà con assegno bancario e per metà con rilascio di pagherò; f. acquistato dalla Motorcar SpA un automezzo come da fattura n. 78 di euro + IVA; il regolamento avviene mediante girata di un assegno di euro, girata di una cambiale di euro e accettando una tratta per la differenza; g. apporto da parte del titolare dell impresa di arredamento valutato euro, a incremento del patrimonio netto; h. pagata a mezzo banca cambiale in scadenza di euro; i. maturati interessi a debito sul c/c bancario per 250 euro; l. corrisposte retribuzioni ai dipendenti per euro tramite assegni bancari.

7 ATTIVITÀ DIDATTICHE 7 Svolgimento della prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA Natura dei conti DENOMINAZIONE DEI CONTI CONTI FINANZIARI VARIAZIONI DI ESERCIZIO CONTI ECONOMICI DI REDDITO COSTI PLURIENNALI COSTI E RICAVI SOSPESI CONTI DI PATRIMONIO NETTO Merci c/vendite Debiti v/fornitori Risconti passivi Cambiali attive Fitti passivi Automezzi Crediti v/clienti Risconti attivi Merci c/acquisti Software Costi telefonici Costi di impianto Utile d esercizio Resi su vendite Denaro in cassa Ribassi e abbuoni attivi Fabbricati Cambiali passive Assegni Conti e sezione di registrazione 1 OPERAZIONI DI GESTIONE CAMBIALI ATTIVE BANCA X C/C CREDITI V/CLIENTI DEBITI V/FORNITORI Rilasciato pagherò a un fornitore Ricevuto bonifico da un cliente Vendita di merci, regolamento a 60 giorni Ordinato bonifico a favore di un fornitore Ricevuto pagherò da un cliente Maturati interessi su un credito verso un cliente Riscossa tramite banca cambiale in scadenza Girata cambiale a un fornitore Maturati interessi a credito sul c/c bancario Versato assegno sul c/c bancario

8 ATTIVITÀ DIDATTICHE 8 Svolgimento della prova di verifica Conti e sezione di registrazione 2 OPERAZIONI DI GESTIONE CAMBIALI PASSIVE BANCA X C/C DENARO IN CASSA CREDITI V/CLIENTI Estinta cambiale tramite banca Versamento di denaro contante sul c/c bancario Emesso pagherò a favore di un fornitore Ricevuto bonifico da un cliente Prelevamento di denaro contante dal c/c bancario Ricevuto assegno da un cliente Maturati interessi passivi sul c/c bancario Accettata tratta a saldo fattura Emesso assegno a saldo fattura di acquisto Pagati fitti in contanti Conti e sezione di registrazione 3 OPERAZIONI DI GESTIONE DENOMINAZIONE DEI CONTI DARE AVERE Ricevuto assegno da un cliente Assegni Crediti v/clienti Emesso pagherò a favore di un fornitore Debiti v/fornitori Cambiali passive Estinta cambiale in scadenza tramite banca Cambiali passive Banca X c/c Girato assegno a un fornitore Debiti v/fornitori Assegni Emessa tratta su un cliente a favore di un fornitore Debiti v/fornitori Crediti v/clienti Conti e sezione di registrazione 4 OPERAZIONI DI GESTIONE DENOMINAZIONE DEI CONTI DARE AVERE Ricevuta fattura per acquisto di merci Merci c/acquisti Emesso assegno bancario per pagamento affitto Fitti passivi Maturati interessi a favore di un fornitore Interessi passivi v/fornitori Emessa fattura per vendita di merci Merci c/vendite Concesso abbuono a un cliente Ribassi e abbuoni passivi Ricevuta fattura da Telecom Costi telefonici Restituite merci a un fornitore Resi su acquisti Pagate retribuzioni ai dipendenti Salari e stipendi

9 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 9 Analisi delle operazioni di gestione a. A saldo di una fattura di euro si ricevono un assegno di euro e una cambiale di euro. Conto ASSEGNI variazione FINANZIARIA ATTIVA sezione DARE importo 1.000,00 Conto CAMBIALI ATTIVE variazione FINANZIARIA ATTIVA sezione DARE importo 2.000,00 Conto RIBASSI E ABBUONI PASSIVI variazione ECONOMICA NEGATIVA sezione DARE importo 10,00 Conto CREDITI V/CLIENTI variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo 3.010,00 b. Pagate a mezzo c/c bancario retribuzioni a dipendenti per euro. Conto SALARI E STIPENDI variazione ECONOMICA NEGATIVA sezione DARE importo ,00 Conto BANCA X C/C variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo ,00 c. Apporto del proprietario di un automezzo valutato euro a incremento dei mezzi propri. Conto AUTOMEZZI variazione ECONOMICA NEGATIVA sezione DARE importo ,00 Conto PATRIMONIO NETTO variazione ECONOMICA POSITIVA sezione AVERE importo ,00 d. Girato assegno di euro a un fornitore a saldo fattura di euro. Conto DEBITI V/FORNITORI variazione FINANZIARIA ATTIVA sezione DARE importo 1.220,00 Conto ASSEGNI variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo 1.200,00 Conto RIBASSI E ABBUONI ATTIVI variazione ECONOMICA POSITIVA sezione AVERE importo 20,00 e. Prelevati dal c/c bancario euro in contanti. Conto DENARO IN CASSA variazione FINANZIARIA ATTIVA sezione DARE importo 3.000,00 Conto BANCA X C/C variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo 3.000,00 f. Pagata tramite c/c bancario la rata del mutuo di euro, di cui euro a titolo di interessi. Conto MUTUI PASSIVI variazione FINANZIARIA ATTIVA sezione DARE importo 6.000,00 Conto INTERESSI PASSIVI SU MUTUI variazione ECONOMICA NEGATIVA sezione DARE importo 3.000,00 Conto BANCA X C/C variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo 9.000,00 g. Sostenuti con assegno bancario costi di impianto per euro. Conto COSTI DI IMPIANTO variazione ECONOMICA NEGATIVA sezione DARE importo 2.000,00 Conto BANCA X C/C variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo 2.000,00 h. Ottenuto dalla banca il rilascio di un assegno circolare di euro contro addebito del c/c bancario. Conto ASSEGNI variazione FINANZIARIA ATTIVA sezione DARE importo 4.000,00 Conto BANCA X C/C variazione FINANZIARIA PASSIVA sezione AVERE importo 4.000,00

10 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 10 Dai conti di mastro al libro giornale a. A saldo di una fattura di euro si gira una cambiale di euro e si rilascia un pagherò di euro DEBITI V/FORNITORI saldo fattura fornitore 8.003, CAMBIALI ATTIVE girata cambiale 2.000, CAMBIALI PASSIVE rilascio pagherò 6.000, RIBASSI E ABBUONI ATTIVI ribasso ottenuto 3,00 b. Estinta cambiale di euro tramite banca CAMBIALI PASSIVE estinta cambiale 9.000, BANCA X C/C addebito c/c bancario 9.000,00 c. Riscossa cambiale di euro ricevendo a saldo un assegno di euro ASSEGNI ricevuto assegno 8.300, RIBASSI E ABBUONI PASSIVI concesso abbuono 5, CAMBIALI ATTIVE riscossa cambiale 8.305,00 d. Pagata tramite banca rata del mutuo di euro, di cui euro a titolo di interessi MUTUI PASSIVI quota capitale rata mutuo , INTERESSI PASSIVI SU MUTUI quota interessi rata mutuo 4.000, BANCA X C/C pagamento rata mutuo ,00 e. Concessa dilazione a un cliente con interessi per 120 euro CREDITI V/CLIENTI interessi per dilazione 120, INTERESSI ATTIVI V/CLIENTI interessi per dilazione 120,00 f. Ordinato bonifico di 300 euro per pagamento dell affitto a un privato, commissioni bancarie 2 euro FITTI PASSIVI pagato fitto 300, BANCA X C/C ordinato bonifico 300, COMMISSIONI BANCARIE commissione su bonifico 2, BANCA X C/C commissione su bonifico 2,00

11 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 11 Registrazioni sul libro giornale e nei conti di mastro Libro giornale a CREDITI V/CLIENTI fattura n. 80 su Rossi 9.928, MERCI C/VENDITE fattura n. 80 su Rossi 8.205, IVA NS/DEBITO fattura n. 80 su Rossi 1.723, BANCA X C/C saldo fattura n , RIBASSI E ABBUONI PASSIVI saldo fattura n. 80 3, CREDITI V/CLIENTI saldo fattura n ,05 b COSTI TELEFONICI fattura n da Telecom 400, IVA NS/CREDITO fattura n da Telecom 84, DEBITI V/FORNITORI fattura n da Telecom 484, DEBITI V/FORNITORI saldo fattura n , BANCA X C/C saldo fattura n ,00 c DEBITI V/FORNITORI saldo fattura fornitore Bianchi 1.520, CAMBIALI PASSIVE saldo fattura fornitore Bianchi 1.500, RIBASSI E ABBUONI ATTIVI saldo fattura fornitore Bianchi 20,00 d ASSEGNI richiesto assegno circolare 2.000, BANCA X C/C richiesto assegno circolare 2.000, DEBITI V/FORNITORI saldo fattura fornitore Noto 1.930, INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI interessi di mora 70, ASSEGNI saldo fattura fornitore Noto 2.000,00 e MERCI C/ACQUISTI fattura n. 111 da Mieli 5.000, IVA NS/CREDITO fattura n. 111 da Mieli 1.050, DEBITI V/FORNITORI fattura n. 111 da Mieli 6.050, DEBITI V/FORNITORI saldo fattura n , BANCA X C/C saldo fattura n , CAMBIALI PASSIVE saldo fattura n ,00 f AUTOMEZZI fattura n. 78 da Motorcar SpA , IVA NS/CREDITO fattura n. 78 da Motorcar SpA 6.300, DEBITI V/FORNITORI fattura n. 78 da Motorcar SpA , DEBITI V/FORNITORI saldo fattura n , ASSEGNI saldo fattura n , CAMBIALI ATTIVE saldo fattura n , CAMBIALI PASSIVE saldo fattura n ,00 g ARREDAMENTO apporto del titolare dell impresa 1.800, PATRIMONIO NETTO apporto del titolare dell impresa 1.800,00

12 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 12 h CAMBIALI PASSIVE pagata cambiale 4.000, BANCA X C/C addebito c/c bancario 4.000,00 i INTERESSI PASSIVI BANCARI interessi a debito c/c bancario 250, BANCA X C/C addebito c/c bancario 250,00 l SALARI E STIPENDI pagamento retribuzioni ai dipendenti 8.000, BANCA X C/C addebito per assegni bancari 8.000,00

13 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 13 Conti di mastro I conti sono riportati secondo l ordine delle operazioni registrate a libro giornale. CREDITI V/CLIENTI MERCI C/VENDITE IVA NS/DEBITO BANCA X C/C a ,05 a ,05 a ,00 a ,05 a ,00 b. 484,00 d ,00 e ,00 i. 250,00 l ,00 RIBASSI E ABBUONI PASSIVI COSTI TELEFONICI IVA NS/CREDITO a. 3,05 b. 400,00 b. 84,00 e ,00 f ,00 h ,00 DEBITI V/FORNITORI b. 484,00 c ,00 d ,00 e ,00 f ,00 b. 484,00 e ,00 f ,00 CAMBIALI PASSIVE h ,00 c ,00 e ,00 f ,00 RIBASSI E ABBUONI ATTIVI ASSEGNI INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI MERCI C/ACQUISTI c. 20,00 d ,00 d ,00 f ,00 d. 70,00 e ,00 AUTOMEZZI CAMBIALI ATTIVE ARREDAMENTO PATRIMONIO NETTO f ,00 f ,00 g ,00 g ,00 INTERESSI PASSIVI BANCARI i. 250,00 l ,00 SALARI E STIPENDI

14 ATTIVITÀ DIDATTICHE 14 Svolgimento della prova di verifica TABELLA DI VALUTAZIONE esercizio punteggio punteggio massimo Natura dei conti 0,5 punti per ogni conto esatto 9,5 Conti e sezione di registrazione 1 0,5 punti per ogni conto esatto 5 Conti e sezione di registrazione 2 0,5 punti per ogni conto esatto 5 Conti e sezione di registrazione 3 0,5 punti per ogni conto esatto 5 Conti e sezione di registrazione 4 0,5 punti per ogni conto esatto 4 Analisi delle operazioni di gestione 2 punti per ogni operazione analizzata correttamente 16 Dai conti di mastro al libro giornale 2 punti per ogni operazione descritta correttamente 12 1 punto per ogni operazione registrata correttamente sul libro giornale Registrazioni sul libro giornale e 2,5 punti per ogni articolo in partita doppia esatto 37,5 nei conti di mastro PUNTEGGIO TOTALE 100 PROVA COMPLESSIVA punteggio 0-49 Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo GIUDIZIO

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO DETERMINAZIONE INGEGNERE CAPO SETTORE LL.PP. 3 SETTORE TECNICO Servizio di manutenzione beni comunali e servizi tecnologici DETERMINA N 263 DEL 28/07/2011

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355 Pagamenti Per iscriversi a uno dei corsi di lingua italiana della Scuola Romit è necessario il pagamento della tassa di iscrizione di 50 euro più l importo equivalente al 20% del totale costo del corso,

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli