Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia"

Transcript

1 Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale Roma - Capitale versato Euro ,00 Tel. 06/ telex BANKIT - Partita IVA

2 Allegato 6 Gara per l affidamento dei servizi per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva di applicazioni software e l assistenza specialistica applicativa in ambiente SAP Criteri di aggiudicazione Agosto 2011 Pag. 1 di 23

3 AVVERTENZE La pubblicità degli atti di gara è preordinata in via esclusiva a esigenze di imparzialità e trasparenza dell attività amministrativa. È vietato, e sarà perseguito ai sensi di legge, qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del materiale pubblicato, che sia difforme da tale finalità. La pubblicazione dei documenti avviene nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali e dei diritti di privativa. In nessun modo la pubblicazione, infatti, intende costituire violazione dei diritti di privativa da cui sono coperti i prodotti citati negli atti pubblicati, come creazioni intellettuali o invenzioni industriali in uso presso la Banca. Allo stesso modo è vietato, e sarà perseguito ai sensi di legge, qualsiasi utilizzo, totale o parziale, da parte di terzi, del materiale pubblicato, che miri a costituire un vantaggio indiretto o pubblicità ingannevole nei confronti del pubblico ovvero ad appropriarsi della proprietà intellettuale altrui. Pag. 2 di 23

4 INDICE PREMESSA CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO TECNICO GRIGLIA DI VALUTAZIONE ASPETTI ORGANIZZATIVI GENERALI P1 Soluzioni organizzative per garantire flessibilità nell erogazione dei servizi ASPETTI TECNICO-ORGANIZZATIVI P2 - Livello di competenza del gruppo di lavoro P 3 Certificazione capo progetto P 4 Certificazioni su specifici sistemi SAP ASPETTI TECNICO-METODOLOGICI P 5 - Qualità e livello di dettaglio del modello di stima della fase di analisi proposto PRESA IN CARICO SERVIZI MANUTENZIONE EVOLUTIVA E ASSISTENZA APPLICATIVA P 6 - Modalità di presa in carico P 7 - Tempi e impegni per la presa in carico CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO ECONOMICO Pag. 3 di 23

5 Premessa Il presente documento descrive le modalità di aggiudicazione della gara per l affidamento dei servizi per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva di applicazioni software e l assistenza specialistica applicativa in ambiente SAP. La gara sarà aggiudicata a favore dell offerta economicamente più vantaggiosa secondo i fattori di seguito indicati: Caratteristiche tecniche dell offerta: massimo 60/100 punti; Importo totale massimo offerto: massimo 40/100 punti. Sarà considerata economicamente più vantaggiosa l offerta che avrà totalizzato il massimo punteggio in applicazione della seguente formula, tenendo presente che i conteggi verranno effettuati con l arrotondamento matematico alla 2^ cifra decimale 1 : P TOT = PT + PE dove PT e PE rappresentano rispettivamente il punteggio tecnico e quello economico. Il documento è composto da due capitoli: il primo contiene la griglia di valutazione per l attribuzione del punteggio tecnico; il secondo descrive le modalità di determinazione del punteggio economico. 1 La seconda cifra sarà arrotondata all unità superiore ove la terza cifra sia uguale o superiore a 5. Pag. 4 di 23

6 1 Criteri di attribuzione del punteggio tecnico 1.1. Griglia di valutazione La griglia di valutazione ha lo scopo di rendere noti i criteri per l assegnazione dei punteggi tecnici ed è organizzata in categorie contenenti insiemi omogenei di elementi di valutazione: Aspetti organizzativi generali; Aspetti tecnico-organizzativi; Aspetti tecnico-metodologici; Presa in carico servizi manutenzione evolutiva e assistenza applicativa. La tabella seguente riporta per ciascun elemento che sarà oggetto di valutazione il tipo di punteggio, qualitativo (Q) o ricavato da formula (F), e il relativo punteggio tecnico massimo W i che potrà essere assegnato. In particolare, si intende per tipo di Punteggio Qualitativo (Q) il punteggio che sarà attribuito da ciascun commissario mediante il confronto a coppie, seguendo le linee guida riportate nell Allegato G al DPR 5 ottobre 2010 n. 207, mentre per Punteggio ricavato da Formula (F) il punteggio determinato mediante un calcolo basato sui valori offerti da ciascun concorrente. Pag. 5 di 23

7 ELEMENTI DI VALUTAZIONE TIPO PUNTEGGIO (Q/F) PESO W i Aspetti organizzativi generali 5 P 1 Soluzioni organizzative per garantire flessibilità Q 5 nell erogazione dei servizi Aspetti tecnico-organizzativi 35 P 2 Livello di competenza del gruppo di lavoro F 25 P 3 Certificazione capo progetto F 2 P 4 Certificazioni su specifici sistemi SAP F 8 Aspetti tecnico-metodologici 5 P 5 Qualità e livello di dettaglio del modello di stima Q 5 della fase di analisi proposto Presa in carico servizi manutenzione evolutiva e assistenza applicativa 15 P 6 Modalità di presa in carico Q 10 P 7 Tempi e impegni per la presa in carico F 5 Punteggio massimo complessivo offerta tecnica 60 Il punteggio tecnico PT finale sarà attribuito secondo il seguente metodo: per ogni offerta tecnica relativa al concorrente k-esimo saranno assegnati i coefficienti parziali C ik (i=1, 7), variabili tra 0 e 1, relativi ai singoli elementi di valutazione indicati nella griglia; i coefficienti saranno espressi specificando due cifre decimali; successivamente, sarà calcolato il punteggio complessivo P K di ciascuna offerta tecnica, risultante dalla somma di tutti i coefficienti parziali moltiplicati il peso dell elemento corrispondente, secondo la seguente formula: P K = Σ 7 C ik W i infine, sarà determinato il punteggio relativo per ciascuna offerta tecnica, rapportando il punteggio migliore (P K ) max a quello massimo (60) e calcolando tutti gli altri in modo proporzionale; pertanto il punteggio tecnico PTk finale sarà determinato in base alla seguente formula: PT K = P K / (P K ) max * 60 Pag. 6 di 23

8 Per ciascun elemento di valutazione di natura qualitativa i (i = 1, 5, 6), si procederà nel seguente modo: nel caso in cui le offerte da valutare siano maggiori o uguali a tre si applicherà il metodo basato sulla media dei coefficienti, variabili tra 0 e 1, calcolati da ciascun commissario mediante il confronto a coppie 2 : per l applicazione di tale metodo sarà utilizzata la seguente tabella triangolare, dove con le lettere A, B, C, D, E, F,, N sono rappresentate le offerte di ogni concorrente per l elemento di valutazione in esame: B C D E F N A B C D E N-1 La tabella contiene tante caselle quante sono le possibili combinazioni tra tutte le offerte prese a due a due; in ciascuna casella della tabella triangolare saranno inserite la lettera corrispondente all offerta che è stata preferita e il relativo grado di preferenza 3 ; in caso di parità, verranno collocate nella casella le lettere delle due offerte in confronto, assegnando un punto ad entrambe. Per l elemento di valutazione in esame ciascun commissario sommerà i valori attribuiti a ciascun concorrente e li trasformerà in coefficienti compresi tra 0 e 1 attribuendo il coefficiente pari a 1 al concorrente che ha conseguito il valore più elevato e proporzionando ad esso il valore conseguito dagli altri concorrenti; la media dei coefficienti per il concorrente k-esimo determinati da ciascun commissario V ik sarà trasformata in coefficiente definitivo C ik, riportando a 1 la media più alta (V ik ) MAX e proporzionando ad essa le altre, applicando la seguente formula: C ik = V ik / ( V ik ) MAX 2 cfr. Allegato G del DPR del 5 ottobre 2010 n La preferenza va espressa secondo la seguente scala di valori: preferenza massima = 6 preferenza grande = 5 preferenza media = 4 preferenza piccola = 3 preferenza minima = 2 parità = 1 Pag. 7 di 23

9 nel caso in cui le offerte da valutare siano inferiori a tre: ogni commissario assegnerà in base al proprio giudizio qualitativo ad ogni offerta tecnica un coefficiente compreso tra 0 e 1 relativo all elemento in esame; la media dei coefficienti per il concorrente k-esimo determinati da ciascun commissario V ik sarà trasformata in coefficiente definitivo C ik, riportando a 1 la media più alta (V ik ) MAX e proporzionando ad essa le altre, applicando la seguente formula: C ik = V ik / (V ik ) MAX Nei paragrafi seguenti sono indicate le modalità di attribuzione dei singoli coefficienti tecnici Aspetti organizzativi generali P1 Soluzioni organizzative per garantire flessibilità nell erogazione dei servizi L elemento P 1 si riferisce alla valutazione delle soluzioni organizzative, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, che il fornitore si impegna a porre in essere per garantire un adeguato grado di flessibilità nell erogazione dei servizi oggetto di fornitura per fronteggiare, ad esempio, situazioni determinate da instabilità e mutevolezza dei requisiti, variazioni di pianificazione e/o eventi imprevisti e gli eventuali picchi di attività dovuti all'esecuzione di più interventi in parallelo. La valutazione di tale elemento sarà effettuata sulla base del contenuto dei capitoli 1 e 2 della Relazione tecnica presentata da ciascun concorrente (cfr. Allegato 4 Guida alla redazione dell offerta tecnica) Aspetti Tecnico-organizzativi P2 - Livello di competenza del gruppo di lavoro L elemento di valutazione P 2 è relativo al livello di competenza delle risorse chiave del gruppo di lavoro che il fornitore impegnerà nell esecuzione dei servizi oggetto di fornitura. Ai fini della presentazione dell offerta tecnica, della verifica della sua rispondenza ai requisiti e della determinazione del punteggio relativo al livello di competenza del gruppo di lavoro, i concorrenti dovranno compilare il 3.1 Composizione del gruppo di lavoro della Relazione tecnica, i moduli di presentazione del gruppo di lavoro e i curricula vitae secondo gli schemi e le linee guida contenute nelle sezioni 2.3.1, 3 e 4 dell Allegato 4 - Guida alla redazione dell offerta tecnica. La valutazione sarà fatta con riferimento alle competenze sui seguenti prodotti: Pag. 8 di 23

10 Codice Sistema/Modulo SAP Sottomodulo/Processo competenza FI ECC/FI (Financial) FI-GL (General Ledger Accounting) FI-AP (Accounts Payable) FI-AR (Accounts Receivable) FI-SL ECC/FI (Financial) FI-SL (Special Ledger Accounting) FI-AA ECC/FI (Financial) FI-AA (Asset Accounting) FIN-FSCM ECC/FIN-FSCM (Financial Supply TRM (Treasury and Risk Management) Chain Management) FM ECC/FM (Funds Management) FM (Funds Management) RE ECC/RE (Real Estate Management) RE-FX (Flexible Real Estate Management) MM ECC/MM (Material Management) MM (Material Management) LE ECC/LE (Logistic Execution) WMS (Warehouse Management System) SD ECC/SD (Sales and Distribution) SD (Sales and Distribution) PP ECC/PP (Production Planning and PP-PI (Produzione di processo) Control) Produzione discreta Pianificazione Produzione LTP e MRP QM ECC/QM (Quality Management) QM (Quality Management) PM ECC/PM (Plant Maintenance) PM (Plant Maintenance) CO-PS ECC/CO (Controlling) ECC/PS (Project System) CO-OM-CCA (Cost Center Accounting) CO-OM-OPA (Internal orders) CO-PC (Product Cost Controlling) CO-PA (Profitability Analysis) PS (Project System) HCM ECC/HCM (Human Capital PA (Personnel Management) Management) PT (Personnel Time Management) OM (Organizational Management) ESS - Employee Self Service MSS - Manager Self Service HRADMIN - HR Administrator HCM Process&Forms DPF (Digital Personnel File) LSO ECC/LSO (Learning Solution) LSO Pag. 9 di 23

11 Business Package for Learning Authoring Environment Collaboration Room SRM SRM Strategic Purchasing & Sourcing Supplier Collaboration Operational Procurement Procurement for Public Sector xrpm-cpr xrpm (Resource and Portfolio xrpm (Resource and Portfolio Management) cproject (Collaboration Project) Management) cproject (Collaboration Project) cfolder cfolder cfolder MDM MDM (Master Data Management) MDM (Master Data Management) PORTAL Enterprise Portal Enterprise Portal KM (Knowledge Management) BW Netweaver BW (Business BW (Business Warehouse) Warehouse) VC (Visual Composer) SEM (Strategic Enterprise Management) WAD (Web Application Designer) BEX (Business Explorer) IP (Integrated Planning) BO BusinessObjects Business Business Intelligence platform (Enterprise) Intelligence Crystal Reports Xcelsius Explorer Live Office Web Intelligence PI PI (Process Integrator) PI (Process Integrator) GP Guided Procedures Guided Procedures AIF AIF (Adobe Interactive Forms) AIF (Adobe Interactive Forms) ALE-IDOC Interfaccia SAP ALE/IDOC SVL-ABAP ABAP ABAP OO Web Dynpro ABAP (WDA) Business Server Page Pag. 10 di 23

12 SVL-JAVA Business Workflow Power List Floor Plan Manager per WDA Java Web Dynpro JAVA Flex Microsoft.NET Per ogni codice competenza dovranno essere indicate nella sezione competenze del curriculum vitae una o più referenze. Saranno oggetto di valutazione il gruppo di lavoro per lo sviluppo e manutenzione evolutiva (secondo le indicazioni contenute nel successivo ) e quello per l assistenza specialistica applicativa (secondo le indicazioni contenute nel successivo ). La determinazione del coefficiente tecnico C 2k relativo all elemento di valutazione P 2 per il concorrente k-esimo sarà effettuata applicando la seguente formula: C 2k = E k / E max dove: E k è la valutazione del concorrente k-esimo calcolata in base alla formula essendo: E k = 0,7 * Σ competenze (Σ risorse E A ) + 0,3 * Σ competenze (Σ risorse E B ) o E A l esperienza professionale specifica, espressa in mesi-uomo, maturata da una data risorsa del gruppo di lavoro presentata dal concorrente k-esimo per i servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva su una determinata competenza compresa tra quelle precedentemente indicate; o E B l esperienza professionale specifica, espressa in mesi-uomo, maturata da una data risorsa del gruppo di lavoro presentata dal concorrente k-esimo per il servizio di assistenza specialistica applicativa su una determinata competenza compresa tra quelle precedentemente indicate; E max è il valore E k più alto tra quelli presentati dai concorrenti. Nel calcolo dei parametri E A e E B il numero di mesi-uomo sarà determinato dividendo per 20 il numero dei giorni-uomo effettivamente lavorati e non la durata - e arrotondando per eccesso in caso di frazione di mese maggiore o uguale a 0,5 e per difetto in caso di frazione di mese inferiore a 0,5. Ai fini della determinazione del punteggio non saranno considerate le referenze specifiche il cui impegno sia inferiore a 80 giorni continuativi effettivamente lavorati. Inoltre, nel caso in cui l esperienza complessiva maturata sulla singola competenza sulla base delle diverse referenze dichiarate risulti maggiore di 36 mesi, la Banca assumerà comunque il valore di 36 mesi. Pag. 11 di 23

13 Il numero di giorni-uomo indicati per ciascuna risorsa nell ambito delle referenze relative a una singola esperienza lavorativa e complessivamente per tutte le esperienze dichiarate nel curriculum vitae non dovrà superare il numero complessivo di giorni lavorativi compresi nel periodo di riferimento 4 ; qualora si verificasse tale circostanza, sarà ritenuto valido ai fini della valutazione il suddetto limite considerando le referenze nell ordine in cui sono riportate nel curriculum vitae 5. Il coefficiente massimo sarà attribuito al concorrente che avrà presentato l esperienza professionale specifica complessiva più alta. Al concorrente aggiudicatario sarà richiesto in fase di esecuzione del contratto l impegno a utilizzare sempre risorse di livello professionale pari o superiore a quello indicato in sede di offerta tecnica Gruppo di lavoro per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva Ai fini della valutazione del gruppo di lavoro per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva sarà considerato un numero di risorse chiave compreso tra il valore minimo e massimo riportato nella tabella seguente per ciascuna competenza e figura professionale. Numero minimo - massimo di risorse rilevanti ai fini della valutazione Codice Competenza Senior Consultant Consultant (CON) Senior Technical Senior Developer Developer (DEV) (SCO) Consultant (STC) (SDE) FI FI-SL FI-AA In un mese solare vanno considerati 20 giorni-uomo lavorativi. 5 Ad esempio, nel caso in cui nella sezione competenze del CV siano indicate, nell ordine, le seguenti referenze riferite a un esperienza lavorativa svolta nel periodo di riferimento 01/08/ /12/2009: FI1 per 50 giorni uomo; FI2 per 60 giorni uomo; FI-SL1 per 30 giorni uomo; sarà ritenuto valido il limite di 100 giorni - uomo corrispondente al suddetto periodo di riferimento così ripartito tra le referenze seguenti: FI1 per 50 giorni uomo; FI2 per 50 giorni uomo. Pag. 12 di 23

14 FIN-FSCM FM RE MM LE SD PP QM PM CO-PS HCM LSO SRM xrpm-cpr cfolder MDM PORTAL BW BO PI GP AIF ALE-IDOC SVL-ABAP SVL-JAVA Nel caso in cui per una specifica competenza e figura professionale venga proposto un numero di risorse superiore rispetto a quello massimo indicato nella precedente tabella, le risorse in eccesso non saranno considerate ai fini della valutazione dell elemento in questione e saranno considerate quelle con esperienza professionale specifica più elevata. Eventuali referenze relative alla tipologia di servizio diversa da sviluppo e manutenzione evolutiva non saranno prese in considerazione. Qualora sia stata indicata nella referenza una tipologia di servizio relativa sia a sviluppo e manutenzione evolutiva sia a assistenza specialistica applicativa il relativo numero di giorni-uomo effettivamente lavorati dichiarato sarà dimezzato. Le risorse presentate da ciascun concorrente potranno essere in possesso anche di più di una delle Pag. 13 di 23

15 suddette competenze, in modo che tutte le competenze richieste siano possedute da un numero di risorse chiave per figura professionale compreso nell intervallo indicato nella seguente tabella: Gruppo di lavoro per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva Figura professionale Numero minimo - massimo risorse rilevanti ai fini della valutazione SAP Senior Consultant (SCO) SAP Consultant (CON) 7 20 SAP Senior Technical Consultant (STC) 2 2 SAP Senior Developer (SDE) 3 6 SAP Developer (DEV) Gruppo di lavoro per l assistenza specialistica applicativa Ai fini della valutazione del gruppo di lavoro per l assistenza specialistica applicativa sarà considerato un numero di risorse chiave compreso tra il valore minimo e massimo riportato nella tabella seguente per ciascuna competenza e figura professionale. Codice Numero minimo - massimo di risorse rilevanti ai fini della valutazione competenza ASP AES ACO FI FI-SL FI-AA FIN-FSCM FM RE MM LE SD PP QM PM Pag. 14 di 23

16 CO-PS HCM LSO SRM xrpm-cpr cfolder MDM PORTAL BW BO PI GP AIF ALE-IDOC SVL-ABAP SVL-JAVA Nel caso in cui per una specifica competenza e figura professionale venga proposto un numero di risorse superiore rispetto a quello massimo indicato nella precedente tabella, le risorse in eccesso non saranno considerate ai fini della valutazione dell elemento in questione e saranno considerate quelle con esperienza professionale specifica più elevata. Eventuali referenze relative alla tipologia di servizio diversa da assistenza specialistica applicativa non saranno prese in considerazione. Qualora sia stata indicata nella referenza una tipologia di servizio relativa sia a sviluppo e manutenzione evolutiva sia a assistenza specialistica applicativa il relativo numero di giorni-uomo effettivamente lavorati dichiarato sarà dimezzato. Il concorrente potrà impiegare le stesse risorse, ad eccezione del capo progetto, per i servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva e quello di assistenza specialistica applicativa, purchè dotate del profilo richiesto relativamente alle figure professionali corrispondenti, fino a un massimo del 50% del numero totale di risorse previste per gruppo di lavoro 6. Le risorse presentate da ciascun concorrente potranno essere in possesso anche di più di una delle suddette competenze, in modo che tutte le competenze richieste siano possedute da un numero di risorse chiave per figura professionale compreso nell intervallo indicato nella seguente tabella: 6 Ad esempio nel caso in cui il gruppo di lavoro per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva sia composto da 30 elementi e quello per l assistenza specialistica applicativa da 24 elementi, non più di 15 elementi del primo gruppo possono appartenere anche al secondo e non più di 12 elementi del secondo possono appartenere anche al primo. Pag. 15 di 23

17 Gruppo di lavoro per l assistenza applicativa Figura professionale Numero minimo - massimo risorse rilevanti ai fini della valutazione ASP 7-20 AES ACO P 3 Certificazione capo progetto L elemento di valutazione P 3 si riferisce al possesso da parte del capo progetto di una tra le seguenti certificazioni: PMP ; Prince2 Practitioner; IPMA livello B o C. La valutazione di tale elemento sarà effettuata sulla base del contenuto della sezione certificazioni dei curricula vitae delle risorse corrispondenti alla figura professionale SAP Project Manager presentate dal fornitore e della relativa documentazione allegata ai CV. In particolare, saranno attribuiti i seguenti punteggi: punti 1 se uno dei due capi progetto rispettivamente dei gruppi di lavoro per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva è in possesso di una delle suddette certificazioni; punti 2 se entrambi i capi progetto rispettivamente dei gruppi di lavoro per lo sviluppo e la manutenzione evolutiva sono in possesso di una delle suddette certificazioni P 4 Certificazioni su specifici sistemi SAP L elemento di valutazione P 4 si riferisce al possesso di specifiche certificazioni da parte delle risorse chiave del gruppo di lavoro che il fornitore impegnerà nell esecuzione dei servizi oggetto di fornitura. La valutazione di tale elemento sarà effettuato sulla base del contenuto della sezione certificazioni dei curricula vitae delle risorse che comporranno il gruppo di lavoro presentate dal fornitore e della relativa documentazione allegata ai CV. La valutazione sarà fatta con riferimento alle seguenti certificazioni: Codice certificazione SAP Denominazione certificazione Livello Soluzione Pag. 16 di 23

18 C_TBW45_70 P_BIE_70 P_BIR_70 C_TFIN52_64 C_TFIN52_65 P_FINACC_64 P_FINACC_65 C_THR12_64 ASSOCIATE- BUSINESS Associate INTELLIGENCE WITH SAP NETWEAVER 7.0 PROFESSIONAL - ENTERPRISE DATA WAREHOUSING WITH SAP Professional NETWEAVER BUSINESS WAREHOUSE (BW 7.0) PROFESSIONAL - REPORTING AND Professional ANALYSIS WITH SAP NETWEAVER BUSINESS WAREHOUSE (BW 7.0) ASSOCIATE - FINANCIAL Associate ACCOUNTING WITH SAP ERP 6.0 EHP4 ASSOCIATE - FINANCIAL Associate ACCOUNTING WITH SAP ERP 6.0 EHP5 PROFESSIONAL - FINANCIAL Professional ACCOUNTING WITH SAP ERP 6.0 EHP4 PROFESSIONAL - FINANCIAL Professional ACCOUNTING WITH SAP ERP 6.0 EHP5 ASSOCIATE - HUMAN CAPITAL Associate MANAGEMENT WITH SAP ERP 6.0 EHP4 Business Intelligence Business Intelligence Business Intelligence SAP ERP Financial accounting SAP ERP Financial accounting SAP ERP Financial accounting SAP ERP Financial accounting SAP ERP - Human capital management C_THR12_65 Associate SAP ERP - Human Pag. 17 di 23

19 P_HCMWPM_64 P_HCMWPM_65 P_ADM_SEC_70 C_TEP12_04s C_EP120_701 ASSOCIATE - HUMAN CAPITAL capital management MANAGEMENT WITH SAP ERP 6.0 EHP5 PROFESSIONAL - HCM WORKFORCE SAP ERP - Human Professional PROCESS MANAGEMENT WITH SAP capital management ERP 6.0 EHP4 PROFESSIONAL - HCM WORKFORCE SAP ERP - Human Professional PROCESS MANAGEMENT WITH SAP capital management ERP 6.0 EHP5 SAP CERTIFIED TECHNOLOGY PROFESSIONAL - SECURITY WITH Professional SAP NetWeaver SAP NETWEAVER 7.0 SAP CERTIFIED DEVELOPMENT CONSULTANT SAP NETWEAVER Associate SAP NetWeaver 2004S SAP NETWEAVER PORTAL SAP Certified Development Associate - SAP NetWeaver Portal 7.01 Associate SAP NetWeaver C_TAW12_70 C_TAW12_71 SAP CERTIFIED DEVELOPMENT ASSOCIATE - ABAP WITH SAP NETWEAVER 7.0 Associate SAP NetWeaver SAP Certified Development Associate - ABAP with SAP NetWeaver 7.02 Associate SAP NetWeaver SAP CERTIFIED DEVELOPMENT P_ABAP_70 PROFESSIONAL - ABAP WITH SAP Professional SAP NetWeaver NETWEAVER 7.0 SAP CERTIFIED TECHNOLOGY C_TEP10_701 ASSOCIATE - SAP NETWEAVER Associate SAP NetWeaver PORTAL 7.01 C_TBIT44_70 SAP CERTIFIED DEVELOPMENT CONSULTANT SAP NETWEAVER 7.0 Associate SAP NetWeaver Pag. 18 di 23

20 - EXCHANGE INFRASTRUCTURE SAP CERTIFIED DEVELOPMENT C_TBIT44_71 ASSOCIATE - PROCESS INTEGRATION WITH SAP Associate SAP NetWeaver NETWEAVER (PI 7.1) C_TSCM42_64 ASSOCIATE - PRODUCTION - PLANNING & MANUFACTURING WITH SAP ERP 6.0 EHP4 Associate SAP ERP - Production management C_TSCM42_65 ASSOCIATE - PRODUCTION - PLANNING & MANUFACTURING WITH SAP ERP 6.0 EHP5 Associate SAP ERP - Production management P_PROD_64 PROFESSIONAL - PRODUCTION - PLANNING & MANUFACTURING WITH SAP ERP 6.0 EHP4 Professional SAP ERP - Production management SAP ERP - P_PROD_65 PROFESSIONAL - PRODUCTION Professional Production WITH SAP ERP 6.0 EHP5 management C_SRM_70 ASSOCIATE - SUPPLIER RELATIONSHIP MANAGEMENT Associate SAP SRM WITH SAP SRM 7.0 P_SRM_70 PROFESSIONAL - SUPPLIER RELATIONSHIP MANAGEMENT Professional SAP SRM WITH SAP SRM 7.0 C_SRM_71 ASSOCIATE - SUPPLIER RELATIONSHIP MANAGEMENT Associate SAP SRM WITH SAP SRM7.0 EHP 1 P_SRM_71 PROFESSIONAL - SUPPLIER Professional SAP SRM Pag. 19 di 23

21 RELATIONSHIP MGT. WITH SAP SRM7.0 EHP 1 La determinazione del coefficiente tecnico C 4k relativo all elemento P 4 per il concorrente k-esimo sarà effettuata applicando la seguente formula: C 4k = E k / E max dove: E k è la valutazione del concorrente k-esimo calcolata in base alla formula E k = 0,7 * [Σ risorse (E A,A + 2 * E A,P )] + 0,3 * [Σ risorse (E B,A + 2 * E B,P )] essendo: o E A,A il numero di certificazioni di livello Associate, comprese tra quelle indicate nella tabella precedente, possedute da una data risorsa del gruppo di lavoro presentata dal concorrente k-esimo per i servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva; o E A,P il numero di certificazioni di livello Professional, comprese tra quelle indicate nella tabella precedente, possedute da una data risorsa del gruppo di lavoro presentata dal concorrente k-esimo per i servizi di sviluppo e manutenzione evolutiva; o E B,A il numero di certificazioni di livello Associate, comprese tra quelle indicate nella tabella precedente, possedute da una data risorsa del gruppo di lavoro presentata dal concorrente k-esimo per il servizio di assistenza applicativa; o E B,P il numero di certificazioni di livello Professional, comprese tra quelle indicate nella tabella precedente, possedute da una data risorsa del gruppo di lavoro presentata dal concorrente k-esimo per il servizio di assistenza applicativa; E max è il valore E k più alto tra quelli presentati dai concorrenti Aspetti Tecnico-metodologici P 5 - Qualità e livello di dettaglio del modello di stima della fase di analisi proposto L elemento P 5 si riferisce alla valutazione della qualità e del livello di dettaglio del modello di stima della fase di analisi funzionale descritto nel 4.1 Modello di stima della fase di analisi proposto della Relazione tecnica presentata da ciascun concorrente (cfr. Allegato 4 Guida alla redazione dell offerta tecnica). In particolare formeranno oggetto di valutazione l accuratezza e l oggettività del modello di stima nonché la conformità alle linee guida indicate nel del capitolato tecnico. Nella descrizione Pag. 20 di 23

22 del modello dovranno altresì essere specificati i criteri da applicare per la determinazione del numero di giorni-persona delle varie attività previste nell ambito della fase di analisi e della composizione del Gruppo di lavoro, in termini di figure professionali e loro percentuale di utilizzo Presa in carico servizi manutenzione evolutiva e assistenza applicativa P 6 - Modalità di presa in carico L elemento di valutazione qualitativo P 6 si riferisce alle soluzioni per l'addestramento del proprio personale per la presa in carico dei servizi di manutenzione evolutiva e assistenza applicativa, descritte nel 5.1 Modalità di presa in carico della Relazione tecnica presentata da ciascun concorrente (cfr. Allegato 4 Guida alla redazione dell offerta tecnica). In particolare, saranno valutate le risorse, gli strumenti, le modalità operative e la pianificazione temporale proposta dal fornitore sia in termini di efficacia ed efficienza sia in funzione della relativa applicabilità nel contesto della Banca P 7 - Tempi e impegni per la presa in carico L elemento P 7 è relativo alla valutazione della proposta del fornitore in merito ai tempi e agli impegni del personale di Banca richiesti con riferimento al periodo della presa in carico. La valutazione di tale elemento sarà effettuata sulla base del contenuto del 5.2 Tempi e impegni per la presa in carico della Relazione tecnica presentata da ciascun concorrente (cfr. Allegato 4 Guida alla redazione dell offerta tecnica). La determinazione del coefficiente tecnico C 7k relativo all elemento P 7 per il concorrente k-esimo sarà effettuata applicando la seguente formula: dove: C 7k = 1/2 * ( T min / T k + I min / I k ) T k è la durata del periodo di presa in carico, espressa in giorni lavorativi, dichiarata dal concorrente k-esimo come necessaria per acquisire adeguata conoscenza delle procedure e degli ambienti sui quali si impegna a erogare i servizi. Il periodo T k deve essere compreso tra 10 (dieci) e 90 (novanta) giorni e decorrerà dalla data di perfezionamento del contratto (restituzione del contratto firmato da parte del concorrente); I k è l impegno in giorni-uomo richiesto dal concorrente k-esimo a risorse di Banca e/o personale esterno per il passaggio delle conoscenze; 7 Il piano si intende applicabile nel contesto della Banca nella misura in cui mette il fornitore nelle condizioni di eseguire, a partire dal giorno successivo alla scadenza del periodo previsto per la presa in carico, gli interventi di manutenzione evolutiva e l assistenza applicativa su una qualunque delle procedure SAP della Banca descritte nell Appendice 2 al Capitolato tecnico Procedure già operanti in ambiente SAP. Pag. 21 di 23

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome GIANLUCA BARILE Indirizzo e Residenza VIA G. DONIZETTI 14, 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) Telefono +39

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail. L offerta economicamente più vantaggiosa Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.com 1 Quadro Legislativo D.P.R. n.544/99 D.Lgs n.163/06 e s.m.i. D. Lgs

Dettagli

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence dal Controllo di Gestione alla strumenti strategici per la gestione delle imprese Giovanni Esposito Bergamo, 29 Ottobre 2012 dal Controllo di Gestione alla 25/10/2012 1 Agenda 14:00 Benvenuto Il Sistema

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nazionalità Italiana Data di nascita Giugno 1973 Qualifica CONSULENTE DI BUSINESS INTELLIGENCE ESPERIENZE LAVORATIVE

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management.

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management. Stefano Perna Informazioni Personali Residenza Viale Spartaco, 91 00174 Roma Telefono (+39) 320 6974861 (+39) 340 2267281 Email perna.stefano@gmail.com Sito http://www.stefanoperna.it Luogo e Data di nascita

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali

Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali Business Intelligence a portata di mano: strumenti per una migliore gestione delle informazioni aziendali Smau Bologna 18 Giugno 2009 Eligio Papa Distribution Channel Sales Manager SAP Italia COSA SIGNIFICA

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in MODELLO PER PERSONE FISICHE ACI SERVIZIO PATRIMONIO E APPROVVIGIONAMENTI Coordinamento e Controllo Gestione Immobili Via Marsala 8 00185 - Roma OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Oggetto: Offerta per l'acquisto

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli