Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa"

Transcript

1 Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010

2 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di commercio di Torino. È vietata a riproduzione, anche parziae, con quasiasi mezzo effettuata, compresa a fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzata. Aggiornato a novembre 2010

3 Indice Introduzione...V Parte prima Capitoo primo Governare un impresa 1.1 L approccio dee imprese a tema dea gestione Governare vuo dire scegiere Le fonti informative C è un metodo per iniziare? Un sempice test su acuni aspetti...28 Parte seconda Nasce impresa (o si rinnova i suo piano d impresa) Parte terza I controo de impresa Parte quarta La gestione finanziaria de impresa Parte quinta Le scete straordinarie d impresa Parte sesta Comunicare i dati d impresa

4

5 Introduzione La Guida aa gestione de impresa nasce daa necessità di rispondere ae richieste di cooro che, a seguito di occasioni di incontro, e approfondimento sue tematiche de impresa manifestano esigenza di disporre di strumenti chiari di indirizzo su come appicare i concetti e e tecniche ascotate. La Camera di commercio di Torino, che da sempre supporta gi imprenditori ne oro percorso di crescita e sviuppo su territorio provinciae ha ritenuto di dar seguito a tai richieste aderendo aa proposta degi Autori di organizzare concetti, tecniche ed esempi appicativi in una Guida aa gestione de impresa. Tae Guida ha una caratteristica sperimentae: non è un ibro o pubbicazione riasciata in un corpo unico, ma, come un vero strumento di accompagnamento continuo, è pubbicata periodicamente in Parti distinte su sito dea Camera di commercio di Torino (www.to.camcom.it). Sarà quindi disponibie agi interessati con quea scansione temporae compatibie con intensa attività di chi gestisce e imprese, favorendone assimiazione e a ettura. I contenuto, di seguito pubbicato, rappresenta pertanto a prima dee 6 parti di cui si compone a Guida. Tutte e successive pubbicazioni on-ine saranno successivamente raccote in versione cartacea. I testo de presente voume è stato reaizzato dai Dottori Commerciaisti Aessio Berardino e Armando Cravino, i quai hanno sintetizzato i rigore e pragmatismo che a oro professione i spinge a mantenere ed evovere, in sintonia con indirizzo professionae de Ordine dei Dottori Commerciaisti e degi esperti Contabii di Torino Ivrea e Pineroo. Insomma uno sforzo corae di idee e azioni che aprono, con tae Guida aa gestione de impresa, una sfida di sintesi, efficienza ed efficacia nea comunicazione tecnica. Torino, novembre 2010 V

6

7 Capitoo I 1. Governare un'impresa Governare un impresa significa seezionare, coordinare e finaizzare e informazioni vitai per e proprie decisioni. Spesso e difficotà nea gestione derivano da assenza di un metodo per faro. Soo cooro che hanno a capacità di adattare metodi e azioni e se necessario gi obiettivi ai vincoi ed opportunità che si presentano su percorso manterranno a competitività dea oro impresa. 1.1 L'approccio dee imprese a tema dea gestione Vogiamo subito consegnare a ettore un immagine inerente a reae situazione nee piccoe e medie imprese, impegnate nea dura competizione quotidiana: e informazioni gestionai servono a imprenditore per prendere decisioni operative e strategiche impresa ha una quantità enorme di informazioni per supportare e decisioni d impresa, a seezione e coordinamento dee quai è fattore di successo e di eva competitiva e maggiori difficotà dee imprese nea gestione non derivano daa disponibiità di strumenti specifici per anaizzare ed estrarre e informazioni rievanti, ma da assenza di un metodo compessivo e organizzato per raccogiere, seezionare, eaborare ed esporre e informazioni in sintesi vitai per e decisioni d impresa. Per tae ragione a prima sceta fatta nea redazione di tae guida è stata quea di concentrare gi sforzi proprio ne rendere una visione ampia, sistemica di quai souzioni possano aiutare imprenditore a prendere a decisione giusta. Da qui partiamo, sottoineando come spesso sia assenza di una consapevoe visione dee interazioni ed interferenze a dare a imprenditore un senso di smarrimento ne comprendere i presupposti o e conseguenze dee proprie scete. Non per nua: quante imprese nascono con positive proiezioni economiche dee oro attività e chiudono perché non riescono a supportare i oro percorso con e necessarie risorse finanziarie? 7

8 Capitoo I quante imprese sottostimano i peso dei vincoi procedurai, dei tempi e costi anche fiscai di operazioni straordinarie e non ne ottengono gi stimati vantaggi? Tabea 1 Domande come queste potremmo ricavarne motissime, direttamente da esperienze di ogni ettore, a quae invece qui vogiamo dare ameno i contributo di una visione ampia e sistematica. Acuni dati ufficiai (de 2009, riferiti a soo Piemonte) aiutano a capire a dinamica compessiva dea nascita e chiusura di imprese 1. Movimento anagrafico dee imprese per settore di attività economica in Piemonte Anno 2009 Nota 8 (1) (a) I settori di attività economica fanno riferimento aa cassificazione Ateco Fonte: InfoCamere, banca dati Movimprese, sito internet (Aggiornamento maggio 2010)

9 Governare un'impresa Mote ed interagenti sono e cause che infuenzano a dinamica dee anagrafiche dee imprese e non si vuoe certo dare un messaggio basato su un sempice sado agebrico tra avviate e cessate. Ma ameno un dato è ricavabie dea tabee che precede: non vi è settore a riparo o meno daa crisi generae o specifica indenne da fenomeni di dinamica, sia essa provocata da: risutati economici intenzioni ed aspettative degi imprenditori vincoi o opportunità scete o bocchi. Situazioni tutte nee quai gi imprenditori prendono dee decisioni, sua base dee informazioni, storiche, attuai e future a oro disposizione. Se voessimo rappresentare graficamente a scrivania di coordinamento, seezione e vautazione cui è seduto i nostro imprenditore, non faticheremmo ad immaginarci una stanza virtuae dee informazioni, con a centro Imprenditore (qui ovviamente inteso in senso ato, quindi anche i manager, i deegato) che riceve copiosi fussi informativi. Ma sa seezionari, organizzari, vaorizzari? 9

10 Capitoo I 1.2 Governare vuo dire scegiere Sono mote e definizioni appicabii a questa esigenza, ma imitandoe a coordinamento degi aspetti gestionai significa seezionare, convogiare e coordinare e informazioni vitai per e proprie decisioni. Prima di esporre un eenco apparentemente formae dea tipoogia di informazioni necessarie, cerchiamo di immaginare da un punto di vista generae i percorso ogico di chiunque abbia esperienza di decidere e scete d impresa 1. Prima imprenditore traccia un obiettivo di medio termine. 2. Scegie a forma d impresa (o ne verifica a congruità) e imposta a sua operatività. 3. Ne segue e controa a dinamica economica, aa ricerca di efficacia ed efficienza. 4. La supporta con e risorse finanziarie necessarie, i cui fusso controa durante a gestione. 5. Ne rappresenta i risutati, vaorizzandoi in reazione ai concorrenti ed a territorio di riferimento. 6. Se necessario riparte da primo passo, per reagire a difficotà non previste o supportare evouzioni e modifiche. Non tutte e imprese hanno bisogno dea stessa attenzione sue varie fasi, non esiste un modeo compessivo standard per impostare e varie fasi ed ottenere e informazioni: diverse sono e variabii critiche, e risorse disponibii per faro 2. Ma per tutti crediamo - tae sviuppo ogico appare sempice, ineare e condivisibie: però spesso questo approccio non è seguito. Le ragioni sono motepici: imprenditore ritiene non opportuno (o non sa di dovero fare) dedicare troppo tempo a ciò che ritiene banamente a gestione contabie mancano e persone e e strutture per fornire a imprenditore tai informazioni e rappresentazioni vi è una errata visione di priorità di acuni aspetti (carico fiscae, aspetto finanziario o economico di breve periodo), o una minore esperienza o sensibiità su atri (aspetti organizzativi interni ed esterni, regoe societarie e vincoi di gestione). Nota 10 (2) Proveremo insieme, ne utimo capitoo di questa parte, a determinare un modo per evidenziare gi aspetti critici e quindi più sensibii e rievanti su cui imprenditore potrebbe costruire e proprie priorità di anaisi.

11 Governare un'impresa 1) Per prima cosa imprenditore traccia un percorso per raggiungere un obiettivo di medio termine Redige un piano puriennae dea propria attività, cercando daa simuazione dei voumi di attività e dee risorse aggregate di definire una programmazione dei fabbisogni e degi impieghi, a oro opportunità economica e fattibiità finanziaria. Si ritiene spesso che tae attività sia soo un esercizio formae utie ai richiedenti (enti, banche o soci) ma non certo a chi idea d impresa a conduce e reaizza. Invece proprio o sforzo di rivedere criticamente i presupposti de impresa e di ricombinari in chiave prospettica sono un esercizio utiissimo, costruttivo e coinvogente prima imprenditore / promotore iniziativa, e poi per gi atri. Prevedere equivae ad anticipare e criticità e a vendere (o megio comunicare) a propria impresa in modo ordinato, efficace, prudente. 11

12 Capitoo I ad esempio L andamento de fatturato è un evidente indicatore de benessere di un impresa: ma è giusto vautare a propria azienda soo in termini di crescita dei ricavi? quanta attenzione, ed energie, è necessario impegnare ne anaisi e gestione dei fattori produttivi a cui combinazione genera i fatturato de impresa? a crescita esponenziae dei ricavi va etta sempre come fattore positivo? Sono queste e domande che si pone imprenditore agricoo che gestisce in proprio i vigneti e a produzione de vino che viene commerciaizzato su mercato. La stagnazione dea domanda itaiana ne settore è ormai evidente da acuni anni e quindi i suo impegno si è rivoto ao sviuppo di una rete commerciae efficiente ed organizzata che ha portato i suo prodotto a estero, verso mercati in forte ascesa come a Cina e a Russia. Tutti gi sforzi vengono indirizzati verso a creazione e gestione dei giusti contatti in tai paesi, dove moti agenti, pagati da impresa, prima riescono ad affermare i marchio de prodotto e quindi a generare i primi ordini, a cui ne seguono atri sempre più rievanti. Necessitano ora nuove risorse finanziare che vengono tutte indirizzate verso a rete di vendita, a quae cooca i prodotto e permette una crescita esponenziae de fatturato, con utii sempre maggiori, ma con margini che entamente si assottigiano per sostenere i costi di trasporto ed i premi riconosciuti ai venditori. I troppo successo può essere dannoso se non correttamente gestito e programmato? Ad un certo punto de attività imprenditore agricoo si rende conto che i successo ottenuto sui mercati esteri diventa un probema in termini di produzione per a sua azienda. I vini prodotti direttamente dae propri vigne non bastano più a soddisfare a domanda, e d atra parte non venire incontro ae richieste dei nuovi cienti diventa rischioso in termini prospettici di sviuppo in tai paesi, dove ora o sforzo commerciae profuso rischia di venire meno ne momento in cui anche atri operatori si inseriscono su mercato. Ecco che scatta a ricerca di nuovi fornitori di uve che permettano di comare a sempre maggiore domanda. 12

13 Governare un'impresa Ma a questo punto imprenditore si trova ad affrontare una nuova situazione organizzativa moto diversa da quea originaria con a quae aveva impostato i suo business. I nuovi fornitori permettono di evadere tutti gi ordini in attesa, ma ora i margini su fatturato sono moto diversi, i ricarico su venduto va ora diviso anche con i nuovo produttore. La quaità de prodotto non è più sotto i totae controo de imprenditore, i cienti come reagiranno ad un prodotto che non conoscono? Le tempistiche commerciai di organizzazione e spedizione de prodotto devono essere ora concordate con atri soggetti. Sarà possibie continuare a mantenere i servizio atteso da ciente? 2) Scegie a forma d impresa e ne imposta a sua operatività Basta che costi poco! È questo approccio quando si scegie una cura per a propria saute? o un quasiasi atro bene o servizio necessario e fondamentae per e proprie necessità personai o professionai? No, queo che conta è che a forma d impresa sceta: risponda ae esigenze di funzionamento, tra cui i corretto rapporto adempimenti/necessità informative, idoneità dee forme organizzative interne con rievanza formae (forme di amministrazione) consenta a corretta impostazione dei rapporti endosocietari (tra i soci e gi amministratori) nonché esterni (responsabiità patrimoniai) determini per i soci e gi amministratori i congruo regime fiscae e previdenziae, anche sceto sua base dee specifiche situazioni ed esigenze sia idonea per e necessità di patrimonio e capitae in genere per i reae avvio e mantenimento de attività operativa. 13

14 Capitoo I ad esempio Le scete effettuate a inizio dea propria attività imprenditoriae possono rivearsi, ne prosieguo dea medesima, inadeguate se non addirittura antieconomiche: può risutare che errore nea sceta dea forma giuridica determini un sottodimensionamento, o un sovradimensionamento, de impresa che genera, in entrambi i casi, uteriori costi? errata forma giuridica con cui viene impostata attività può far perdere opportunità di sviuppo a attività stessa? Pensiamo così ad un dipendente di un impresa edie che decide di mettersi in proprio iniziando un attività di ristrutturazione immobiiare. Nei primi passi de proprio progetto a forma dea ditta individuae è sicuramente quea più snea ed economicamente vantaggiosa, gi adempimenti contabii e fiscai sono reativamente ridotti e tutta attività organizzativa e operativa poggia su avoro de singoo imprenditore, a cui capacità ed esperienza porta ad un costante e continuo sviuppo de attività. I avoro cresce, vengo assunti dipendenti, nuove attrezzature sono necessarie per poter svogere attività, nuovi coaboratori devo affiancare imprenditore nei rapporti con cienti e fornitori; a struttura aziendae si ramifica in più centri di costo/ricavi costituiti dai vari cantieri che vengono aperti, cresce i fatturato. Ora imprenditore necessita di maggiori risorse finanziarie, forse svogere attività da soo non è più possibie, e opportunità ed i rischi imprenditoriai potrebbero essere vantaggiosamente ripartiti con i propri coaboratori che vogiono condividere con ui i rischio d impresa. L imprenditore si rende conto che avere dei soci con cui condividere i progetto imprenditoriae potrebbe permettere ingresso di nuova iquidità a interno de attività, a quae, ne frattempo, si è tamente ingrandita da rendere particoarmente critico i rischio d impresa che coinvoge tutto i patrimonio personae de imprenditore i quae risponde personamente dei debiti contratti. Costi ridotti di gestione sono sempre sintomo di efficiente gestione economica? 14

15 Governare un'impresa Ecco che ciò che si era riveata una sceta comoda, quea dea ditta individuae, diventa ora un peso per o sviuppo aziendae. La mancanza di una forma societaria nea gestione de impresa non permette di aggregare nuovi soci che potrebbero invece dare un input importante per o sviuppo de attività. Certo a trasformazione in società di capitai (a forma che a questo punto megio potrebbe vestire attività imprenditoriae) è sempre possibie in quaunque momento, ma ora tae operazione può avere costi eevati, necessita di un coordinamento dea struttura interna non sempice da gestire, bisogna cambiare partita IVA, posizioni previdenziai, viene modificata immagine de impresa agi occhi di cienti e fornitori che devono essere adeguatamente informati su motivi e ragioni de cambiamento. 3) Ne segue e controa a dinamica economica, aa ricerca di efficacia ed efficienza Quae sia a forma contabie e gi obbighi di rendiconto (biancio da depositare a registro Imprese o meno), può davvero bastare esposizione per verificare andamento de anno o de periodo i soo biancio di verifica con i sadi contabii? Oppure ammontare de fatturato integrato da queo degi ordini? I soi dati contabii esprimono aggiornamento dei conti movimentati sua base de avanzamento dee registrazioni, che non possono che avvenire con a disponibiità materiae dei documenti. Ma non sono espressive daa formazione in corso dei risutati se non integrate dae rettifiche a quee registrazione che competano quei sadi dei costi e ricavi maturati per competenza, ossia in modo correato e coegato da un punto di vista temporae ed economico 3. Nota (3) Vedi a parte terza su controo de impresa. 15

16 Capitoo I Ecco perché imprenditore che vuoe i controo dea gestione struttura ne modo più efficiente a propria contabiità corrente (piano dei conti, procedure, tempistiche) e imposta un report gestionae periodico, congruo in reazione ae proprie esigenze di controo. ad esempio Spesso a interno de impresa sembra che attenzione a controo e gestione dee informazioni contabii sia una perdita di tempo, che potrebbe invece essere megio indirizzata verso aspetto commerciae de business: un organizzazione contabie ed informatica che permette una ettura immediata ed una comparazione di ordini e preventivi può essere etta come sempice maggior costo per azienda? riunioni e corsi di aggiornamento che coinvogono i personae amministrativo possono in utima anaisi essere tradotti in termini di maggior efficienza per impresa? L imprenditore che iniziava attività 30 anni fa si diceva avesse ufficio in tasca. Spesso gestiva direttamente i rapporti con i principai cienti e fornitori, esperienza maturata gi permetteva di avere un controo adeguato su processo produttivo tipico de mercato in cui operava. Per imprenditore che oggi costruisce impianti industriai aspetto organizzativo e strutturae dea produzione sono fondamentai per posizionarsi su mercato, così come i corretto approccio a mercato stesso attraverso un adeguata rete commerciae che fornisca gi ordini sufficienti a sostenere un tipo di attività che, generamente, fa registrare costi di struttura moto ati. Ma in tutto questo processo organizzativo che ruoo ha i fusso di informazioni che viene gestito in contabiità e susseguente a acquisizione di un contratto? Una vota costruito i preventivo di un progetto i documenti contabii ad esso seguenti hanno soo a funzione di certificarne i buon esito finae in sede di biancio? La contabiità ordinaria tenuti ai fini IVA è un sufficiente strumento di controo di gestione? 16

17 Governare un'impresa Per un impresa gestire in modo efficiente più commesse richiede necessariamente utiizzo di strumenti di controo, ed anaisi, degi stati avanzamento avoro che permettano una periodica visione dee spese sostenute e di quee necessarie aa utimazione de impianto, ripartite con criteri finanziari (per remunerare nei tempi previsti tutte e risorse impegnate ne processo produttivo), ma anche economici (per monitore a formazione de margine previsto). In commesse particoarmente compesse non è pensabie che i budget iniziae non venga infuenzato da imprevisti o richieste di modifiche da parte dea committenza. In tutto questo a sempice tenuta dea contabiità non basta a controare a gestione de impresa; è necessario fornirsi di strumenti che consentano di costruire e monitore periodicamente una contabiità di cantiere che individui in tempo e eventuai inefficienze che si possono generare. Chiudere un cantiere con un mese di ritardo vuo spesso dire incrementare i costi in modo più che proporzionae: pensiamo ad esempio aa commessa gestita a estero, far avorare i dipendenti 10 giorni in più può voer dire dover remunerare i sabati e domenica di trasferta; impementare un avoro può voer dire dover approvvigionarsi di materie prime da fornitori che appicano prezzi più ati. Ecco che soo uno strumento reportistico adeguatamente costruito ed aggiornato può dare a management e informazioni necessarie per affrontare a propria sfida a mercato. 17

18 Capitoo I 4) Supporta impresa con e risorse finanziarie necessarie, i cui fusso controa durante a gestione Apporto minimo di capitae per poi finanziarsi con i fussi operativi? Non è vero che a diazione dai fornitori costa? Non è importante far corrispondere gi impieghi dee risorse finanziarie (a breve - ne circoante - o a ungo - nee immobiizzazioni) con a corrispondente quaità di fonti (di debito, o con atro vincoo)? Non è più possibie, neanche per e attività di servizio a bassa incidenza di investimenti e e micro imprese, non pianificare a disponibiità, ne importo e quaità, dee risorse finanziarie. Queste sono i mezzo per reaizzare i proprio utie economico, perché a sostenibiità finanziaria rende fattibie a reaizzazione dei processi produttivi (di beni e servizi) de impresa. Ma i fornitori di denaro (banche, soci) vogiono visibiità su rimborso dee risorse e sua oro attesa redditività. L imprenditore consapevoe di ciò, partendo dei dati de proprio business pan, contratta e scegie e risorse finanziarie necessarie e controa a dinamica dei fussi ne ambito di una congrua (in reazione a impegno che ne deriva) gestione di tesoreria. Anticipa a visione dei punti critici ed ha più tempo per trovare una souzione. ad esempio L impresa, per poter sopravvivere, deve essere in grado di disporre, durante tutta a propria esistenza, di risorse finanziarie tai da coprire gi investimenti, a breve ed a ungo termine, richiesti daa gestione: autofinanziarsi o ricorrere a capitae di terzi è soo un probema di costo de denaro? conviene gestire a propria attività attraverso un soo istituto di credito o è megio averne moti? 18

19 Governare un'impresa scoperto di conto corrente o anticipo fatture sono soo strumenti diversi per raggiungere o stesso risutato: i reperimento di denaro? L impresa di nuova costituzione ha, per sua natura, un probema strutturae: i raggiungimento di un equiibrio economico e finanziario ne breve termine per un attività che deve ancora inserirsi su mercato. Spesso approccio iniziae è competamente rivoto a raggiungimento de equiibrio economico: se i ricavi eccedono i costi è possibie infatti remunerare tutti i fattori dea produzione, compreso i capitae investito. Ma ciò è sufficiente a garantire a crescita de impresa? Sicuramente no se a quanto sopra imprenditore non riesce ad abbinare un equiibrio finanziario tae da permettergi di avere a disposizione masse monetarie tai da far fronte agi impegni assunti; posso incassare dae vendite 100 tra tre mesi, ma se i miei fornitori devo pagari subito, a fronte di un equiibrio economico, non trova riscontro queo finanziario, che va quindi gestito: o attraverso i ricorso a credito o attraverso apporto personae dee risorse sufficienti da parte de imprenditore. Reperire risorse finanziarie su mercato vuo dire sempre garantire a crescita de impresa? Spesso i nuovo imprenditore ha una fiducia tae ne proprio progetto che ritiene poco importante dedicare de tempo ad un anaisi dea quaità dee fonti di finanziamento che i mercato gi offre. Pianifica e risorse necessarie per a fase di start-up (spese costituzione, consuenze, primi approvvigionamenti di materie), genera una riserva adeguata che gi permetta di mettere in moto i processo produttivo, si fa finanziare daa banca ed i più è fatto! È questo i giusto approccio per a nuova impresa? Spesso i sistema imprenditoriae si ferma perché a quaità dee fonti reperite si rieva non corretta. Si pensa di avere disponibiità finanziarie per perché questa è a disponibiità di anticipo fatture che è stata concessa, ma è stato verificato che ne periodo in cui si potrebbe manifestare esigenza finanziaria impresa abbia fatture sufficienti da portare in banca? (i dipendenti si pagano tutti i mesi e, magari, a fatturazione è invece trimestrae). Ma ciò non basta ancora: i denaro ha un costo (commissioni bancarie, interessi, spese dea gestione de conto), impresa è sicura di essere in grado di far fruttare que denaro più di quanto o paga? La redditività de capitae investito (i ROI) è sicuramente sempre superiore a costo di approvvigionamento de denaro? Utiizzare denaro che costa più di quanto si è in grado di faro fruttare arricchisce azienda? 19

20 Capitoo I 5) Ne rappresenta i risutati de impresa, vaorizzandoi in reazione ai concorrenti ed a territorio di riferimento I biancio serve soo ae banche e a fisco? Megio dire poco? Gi equiibri di biancio non servono a vautare azienda reamente? I mondo dee informazioni veoci e integrate necessita di comunicazioni di sintesi affidabii, espressive, convenzionai. I biancio è uno di questi strumenti, previsto certamente dae norme civiistiche de impresa, ma utiizzato anche: da fisco, per a base di determinazione degi imponibii e per i controo di specifiche condizioni di deducibiità di costi particoari (ad esempio gi interessi passivi) dae banche, per estrazione dei dati quantitativi utii e necessari aa determinazione dei giudizi di merito creditizio (rating), usati per determinare importi e condizioni di finanziabiità de impresa ai vautatori interessati (soci, cienti, fornitori) che nei bianci cercano e informazioni utii e necessarie ai propri scopi di indagine (redditività, vautazioni, sovibiità). ad esempio Per a PMI che svoge a propria attività sotto a veste di società di persone, se non si superano i imiti di Legge, gi adempimenti contabii possono essere sempificati : organizzare i fusso contabie appicando i metodo di registrazione dee fatture sempificato, che monitora unicamente egi aspetti economici de impresa, è un vantaggio in termini di sempificazione e di minori costi di consuenza? non contabiizzare in modo disaggregato e voci economiche di biancio in centri di costo, o ripartendoe per natura, è un utie sempificazione per veocizzare a contabiizzazione? 20

21 Governare un'impresa Per a società in nome coettivo che esercita un attività commerciae, non avere obbigo di deposito de Biancio, come avviene per e società di capitai, porta spesso a vedere a necessità annuae di redigero come un sempice adempimento fiscae, che ha come fine utimo i pagamento dee imposte e a compiazione de modeo UNICO. Queo che conta, spesso, è soo andamento dei ricavi e utie generato; eementi quai a struttura patrimoniae, a cassificazione dee fonti, andamento degi indici finanziari di iquidità non vengono considerati come eementi base per una corretta gestione de impresa. La redazione de Biancio è un obbigo fastidioso o i bigietto da visita de impresa? Annuamente non è però soo i fisco a voer vedere i Biancio dea società. Così, ad esempio, e banche periodicamente richiedono a visione de documento per confermare gi affidamenti o per concederne di nuovi. Ma non soo, attraverso i dati de Biancio viene anche attribuito i rating a azienda, un indicatore che, se negativo, non soo può imitare acceso a credito ma anche infuenzare i costo a cui i denaro viene concesso. È in questa fase che uso poco accorto dee disponibiità finanziarie de impresa e dea oro rappresentazione contabie può generare dee difficotà. Spesso a cassa dea società è utiizzata per pagare e imposte dei soci dea s.n.c., anche in periodi di modesti risutati di esercizio i preievi dei soci rimangono immutati, e così via; ecco che quindi una voce, quae quea degi acconti utii, in biancio assume vaori rievanti, spropositati rispetto agi apporti effettuati dagi stessi soci. Per i sistema bancario questo è un indice che in sostanza certifica uso personae dea finanza concessa, che viene così sottratta aa gestione corrente de impresa. Sottovautare tae aspetto, rievando sempicemente che andamento positivo dei ricavi giustifica tutto, in reatà può portare soo ad una stretta de credito ed a un maggiore costo de denaro. 21

22 Capitoo I 6) Se necessario riparte da primo passo, per reagire a difficotà non previste o supportare evouzioni e modifiche. La direzione de impresa e gi obiettivi non possono variare, nua può prevaere sue abitudini e obiettivi tradizionai de impresa. L imprenditore i individua e mantiene traasciando e difficotà che incontra su mercato sua base o a strada d impresa non cambia. Essere fessibii, reattivi e veoci ne anticipare i cambiamenti de mercato vuo dire esatare identità e capacità de impresa: i mercato, I paese, i mondo corrono, soo cooro che hanno a capacità di adattare metodi e azioni e se necessario gi obiettivi ai vincoi ed opportunità che si presentano su percorso manterranno a competitività dea oro impresa. ad esempio Misurarsi a interno di un economia gobae porta aa necessità di individuare percorsi di crescita sostenibii ne tempo, dove sussista un equiibrio costante tra redditività attesa ed investimenti effettuati: affermazione de impresa può soo avvenire a scapito dei diretti concorrenti, portando, però, a contempo vaore aggiunto per i consumatore finae? per avere successo è necessario sapere dirigere con incisività i processo di definizione dee strategie, attraverso un attenta seezione dee iniziative da intraprendere ed una precisa anaisi dei rischi connessi e dei ritorni potenziai? In un mercato in continua evouzione seguire strategie di difesa dea propria posizione, acquisita anche in moti anni di attività, vuo spesso dire perdere con certezza quote di mercato. L attività commerciae richiede un continuo aggiornamento dei bisogni de consumatore finae; spesso queo che finisce per contare non è più uso de bene di per se, ma immagine che di questo ne ha i fruitore. I negoziante che vendeva ceuari non può più, ormai da anni, pensare di puntare su di una cientea che si avvicina a prodotto per a prima vota, ma deve essere consapevoe di avo- 22

23 Governare un'impresa rare su di un settore ormai saturo, dove i fattore di successo dea comunicazione commerciae non può che basarsi su messaggi diversi da uso tradizionae di quanto venduto, quai: i servizi aggiuntivi egati aa vendita, immagine coettiva che viene data a prodotto, e motepici funzioni offerte da ceuare. La conoscenza dee prospettive de settore merceoogico in cui si opera è una necessità per a sostenibiità de progetto d impresa? Quando si para di comunicazione e pubbicità per un attività commerciae non si può fare a meno di prendere atto di come a tecnoogia abbia cambiato i modo di comunicare; in particoare a comunicazione via web ha competamente rivouzionato dei settori, come queo dea musica, dove a pubbicità e a susseguente vendita via internet hanno ampiamente modificato gi usi dei consumatori, portando aa chiusura quei negozi che basavano tutto i proprio avoro sua vendita diretta a dettagio dei CD; mote attività non riescono più a fare a meno di un proprio sito web in cui i cienti possano fare ordini o chiedere assistenza. Atro caso i settore aimentare, dove, con a sempre maggior espansione dei grandi magazzini, è evidente che i negozio a base famiiare, di modeste dimensioni, non è più in grado di competere a iveo di prezzi praticati, ma può trovare un suo spazio spingendo su eementi quai: a ocaizzazione comoda da raggiungere per i consumatore, a quaità de prodotto e, soprattutto, i servizio offerto a ciente durante acquisto. 23

24 Capitoo I 1.3 Le Fonti informative Chi gestisce impresa può essere anche rappresentato come un eaboratore di informazioni (input) a fine di generare: azioni (di breve o medio termine) informazioni (output). Le informazioni che riceve provengono: da interno de impresa, grazie ai processi (sempici o compessi) governati da proprio sistema informativo da esterno de impresa, iberamente disponibii ma cercate e seezionate sua base dee proprie esigenze da esterno de impresa, ottenute a seguito di specifiche azioni di raccota e seezione. In merito ae informazioni che derivano da interno de impresa possiamo comparare i sistema informativo aziendae ad un vero e proprio sistema nervoso de azienda stessa. 24

25 Governare un'impresa I concetti fondamentai aa base di un sistema informativo sono i dati e informazioni processi. e non necessariamente presuppongono utiizzo di tecnoogie informatiche: queste utime, ne insieme composto da attrezzature, reti informatiche, e procedure per eaborazione memorizzazione e trasmissione eettronica dee informazioni prende i nome di sistema informatico. Da esterno de impresa e informazioni sono per prima cosa quee iberamente disponibii, quindi acquisibii condividendo fussi informativi già presenti e distribuiti nea rete de sistema geografico ne quae impresa opera. Tai informazioni possono: avere potere di indirizzo assouto (fonti di diritto, di diversa graduazione) o reativo (fonti consistenti in fatti e non atti normativi) monitorare andamenti, fussi, dimensioni dei vari fenomeni di interesse per azienda riportare esperienze, pareri, suggerimenti, nonché derivare da dibattiti ed approfondimenti i cui esiti possono indirizzare nea souzione di specifici probemi. In tae situazione i probema per a piccoa e media impresa non è i reperimento dee informazioni, bensì a oro seezione e memorizzazione, secondo criteri utii a oro riutiizzo. Ma e informazioni da esterno impresa puo anche andare a cercare, secondo modei di aggregazione e finaità rispondenti a specifici obiettivi. Questo avviene - ad esempio - quando impresa necessità di una specifica raccota ed eaborazione di informazioni commerciai su uno specifico mercato o suo segmento anaizza specificamente i dati economico-finanziari di un proprio ciente o fornitore o concorrente desidera confrontare con i corrispondenti specific dati dei concorrenti a competitività dei propri prodotti o servizi. I cico dea conoscenza non può fermarsi aa trasmissione di dati e informazioni perché i oro rapporto è gerarchico e può essere schematizzato con a forma di una piramide. 25

26 Capitoo I Grafico 1 Schema dea gerarchia piramidae de knowedge management Saggezza Conoscenza Informazione Dati Aa base ci sono i dati, materiae grezzo e abbondante de informazione. Su un gradino più ato c è informazione, cioè dati seezionati e organizzati per essere comunicati. Poi a conoscenza, cioè informazione rieaborata e appicata aa pratica. A vertice troviamo a saggezza, conoscenza distiata da intuizione e da esperienza. Quea sopra esposta è una affascinante teoria 4 che caata nea reatà operativa dea Piccoa e Media Impresa pone sempicemente in evidenza come i trattamento ragionato dee informazione genera un oro sempre maggiore significato e vaore, che ovviamente dovrà da questa essere coto ne ambito dee proprie finaità. Nota 26 (4) Eaborata a prima vota da Kar Wiig, esposta da tae autore ne 1993 de ibro Knowedge management foundations, Voume 1 of Knowedge Management Series. Arington, seguono mote atre pubbicazioni deo stesso autore su tema.

27 Governare un'impresa 1.4 C'è un metodo per iniziare? Start up o impresa già avviata, da dove partire per impostare o verificare a congruità ed efficacia dea propria gestione? Beh, diremmo che a prima cosa è sentire di dovero fare, ossia sentire a necessità di dover organizzare un metodo che, governando i copioso fusso di informazioni risponda a bisogno de imprenditore che comprendendo che non riesce più da soo a garantire efficiente funzionamento dea propria impresa cerca ameno di impostare: regoe di comportamento interne (tempi, metodi, priorità) criteri di coordinamento nee azioni di chi opera in azienda identificazione di ruoi e mansioni. I secondo passaggio è anaizzare qua è o stato de arte, e perché ogni intervento, dato che e risorse aziendai (tra cui i tempo de imprenditore) sono imitate e vanno indirizzate secondo e priorità. Non c è dubbio che rivogersi a speciaisti e consuenti possa aiutare quee competenze ed aiuti non presenti in azienda, ma e esperienze operative possono inspirare anche un sempice quanto efficace test. 27

28 Capitoo I Senza scendere in dettagi operativi che possano riguardare attività di specifici settori, proviamo insieme ad indagare aspetti di generae interesse ed efficacia nea gestione d impresa, imitatamente a tre argomenti (aspetto economico, finanziario e fiscae). Per ciascuna tipoogia di impresa è possibie costruire approcci di anaisi più strutturati e dettagiati che evidenzino e priorità di intervento Un sempice test su acuni aspetti Provate a barrare tra quee proposte e risposte ae domande in questa tabea e poi provate a convertire con i punteggi che potrete trovare a fondo di questo capitoo. Se sommando i punteggi ad ogni gruppo di domande: a) avete raggiunto 20, non esistono priorità più sensibii di atre, savo che abbiate raggiunto meno di 5 in quache gruppo singoo b) viceversa anaizzate prioritariamente e ragioni che vi portano a sommare in ciascun gruppo un punteggio minore di 5 e probabimente que aspetto è queo che dovrebbe richiedere a vostra prioritaria attenzione. Dopo a tabea c è a spiegazione a ciascuna singoa domanda: Tabea 2 La gestione economica e a sua misurazione 1.a Esistono eementi non monetari che impresa usa per misurare i suo andamento? si no non so 1.b Esistono eementi dei costi e ricavi per i quai a sempice contabiità non è espressione de vaore prodotto? si, e sono considerati nee situazioni periodiche si, ma periodicamente non rievati no 1.c Sei certo che quando eggi una situazione economica periodica sia rispettata a correazione temporae tra ricavi prodotti e costi di competenza? non so cosa significhi si, ma tai conteggi i faccio fare soo a fine anno si, tutti gi eementi vengono ponderati 28

29 Governare un'impresa 1.d I criterio di competenza economico temporae di costi e ricavi si appica soo a fine anno sui bianci ufficiai, oppure è un criterio che va appicato anche ae situazioni periodiche per imprenditore? soo a fine anno, i controo o faccio fare a commerciaista sempre, è aa base di ogni situazione periodica è già aa base dea sempice contabiità 1.e Per una più efficace anaisi dei dati, ritieni necessari eggere i dati economici cassificati secondo a oro natura (merci, servizi, personae) o a oro destinazione (prodotto, servizio, attività)? per natura per destinazione non so Chiarimenti sue domande de gruppo 1: a) a produzione di beni o servizi ha utiità ad essere misurata in termini più tecnici produttivi, attraverso i cd key vaue driver opportunamente segnaati da imprenditore? (ad esempio h/uomo vendute, kg di prodotto, mq di tessuto) b) soo contabiizzare e fatture non da informazioni, ad esempio, su avanzamento di una commessa, sue giacenze di materie c) se esprimo un ricavo nea mia situazione correazione economico-temporae dei costi significa che devo inserire o accertare tutti i costi che hanno contribuito a produrre que ricavo, anche se non ancora espressi in fattura e contabiizzati d) a domanda si prefigge di soecitare uditore sua corretta comprensione de criterio dea competenza economico-temporae e) gi schemi di conto economico possono esporre e ricassificare i sadi dei conti economici secondo diversi obiettivi di indagine ed anaisi. La gestione finanziaria e a sua misurazione Tabea 3 2.a 2.b Ti è chiara a differenza tra i criterio dea competenza finanziaria e quea economica? L utie economico differisce da avanzo finanziario, ma sono due grandezze coegate? si no non so certamente no si non so 29

30 Capitoo I 2.c I costo reae de denaro, ad esempio suo scoperto bancario, è i tasso nominae contrattato con a banca? si, savo e spese di gestione de conto no, ne conteggio rientrano numerosi atri eementi non si può cacoare sua base degi eementi noti ae imprese Le tipoogie di prestiti bancari sono da vautare non tanto in base a uso 2.d che ne faccio, ma soo sua base de oro costo 2.e A cosa serve a gestione di tesoreria? si no dipende a supportare a gestione soo a chi incassa tramite RIBA quotidiana con e proiezioni e anaisi dei fussi finanziari soo nee medie e grandi aziende Chiarimenti sue domande de gruppo 2: a) a domanda soecita utente nea verifica di due principi che sostengono a misurazione di diversi aspetti monetari b) capire e correazioni tra utie e dinamica finanziaria continua anaisi dea domanda a) c) a gestione dee tecniche finanziarie di base è eemento di vautazione essenziae per impresa d) e diverse fonti di denaro richiedono attenzioni diverse otre aa oro disponibiità a impresa? e) quando i movimenti finanziari aumentano e si ripartiscono su più conti, è chiaro quai sono gi strumenti che vanno introdotti ne impresa per gestiri? Tabea 4 La gestione fiscae de'impresa 3.a 3.b Conosci quai imposte - e in che misura - gravano su reddito de impresa, e quai su reddito personae de imprenditore? Sai citare ameno tre tipoogie di costi che hanno un imitato regime di deducibiità? e imprese sono no, si gravate dae cambiano sempre stesse imposte si no non so 30

31 Governare un'impresa 3.c L IVA, per a tua azienda, sai se è un costo, un ricavo, o è neutra? IVA non ha effetto economico per e imprese è un costo perchè verso quea sue vendite anche se non ho incassato i crediti dipende dai tempi di incasso e pagamento 3.d L effettuazione di un investimento in che modo viene riconosciuta a favore de impresa da Fisco? Con a detassazione de imponibie, sempre deduco ammortamenti, in numero di anni che dipende da tipo di bene deduco i costi in fattura 3.e Sai quai aternative a attuae regime fiscae ha a tua impresa? si, ma non e considero opportune Non ne ho I carico fiscae non cambia mai, quae sia i regime sceto Chiarimenti sue domande de gruppo 3: a) conoscere quai imposte interessano impresa è i presupposto per definirne caratteristiche e vincoi nea propria attività: a pianificazione fiscae parte da qui b) dedurre in tutto o in parte un costo aumenta o diminuisce efficienza fiscae di un conto economico, a parità di atre condizioni c) IVA è una imposta indiretta, conoscere su quai aspetti gestionai interferisce ne imita i punti critici d) investire equivae a sconto fiscae? Saper rispondere a tae domanda spinge imprenditore ae sue vautazioni e) a norma fiscae è sicuramente articoata e presenta agevoazioni e scete strutturai o contingenti: conosci tutte e possibiità ne tuo caso? 31

32 Capitoo I Ecco i punteggi per convertire e tue risposte: Tabea 5 Punteggio reativo aa Tabea La gestione economica e a sua misurazione 1.a Esistono eementi non monetari che impresa usa per misurare i suo andamento? b Esistono eementi dei costi e ricavi per i quai a sempice contabiità non è espressione de vaore prodotto? c Sei certo che quando eggi una situazione economica periodica sia rispettata a correazione temporae tra ricavi prodotti e costi di competenza?

33 Governare un'impresa 1.d 1.e I criterio di competenza economico temporae di costi e ricavi si appica soo a fine anno sui bianci ufficiai, oppure è un criterio che va appicato anche ae situazioni periodiche per imprenditore? Per una più efficace anaisi dei dati, ritieni necessari egegre i dati economici cassificati secondo a oro natura (merci, servizi, personae) o a oro destinazione (prodotto, servizio, attività)? Punteggio reativo aa Tabea La gestione finanziaria e a sua misurazione Tabea 6 2.a Ti è chiara a differenza tra i criterio dea competenza finanziaria e quea economica? b L utie economico differisce da avanzo finanziario, ma sono due grandezze coegate? c I costo reae de denaro, ad esempio suo scoperto bancario, è i tasso nominae contrattato con a banca? d Le tipoogie di prestiti bancari sono da vautare non tanto in base a uso che ne faccio, ma soo sua base de oro costo e A cosa serve a gestione di tesoreria?

34 Capitoo I Tabea 7 Punteggio reativo aa Tabea La gestione fiscae de'impresa 3.a 3.b Conosci quai imposte - e in che misura - gravano su reddito de impresa, e quai su reddito personae de imprenditore? Sai citare ameno tre tipoogie di costi che hanno un imitato regime di deducibiità? c L IVA, per a tua azienda, sai se è un costo, un ricavo, o è neutra? d L effettuazione di un investimento in che modo viene riconosciuta a favore de imrpesa da Fisco? e Sai quai aternative a attuae regime fiscae ha a tua impresa? Qua è i punteggio che hai reaizzato? 34

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione TuttoTe Per a gestione automatica Tante forniture un unica souzione dee forniture teematiche. La souzione competa per e forniture teematiche di dichiarazioni e deeghe. Per gestire in maniera automatica

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Sei un professionista

Dettagli

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione Il sistema delle operazioni tipiche di gestione 1 LA GESTIONE Sistema delle attività svolte sul capitale per la realizzazione della funzione di CREAZIONE DI UTILITÀ propria di ogni azienda Il capitale

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA POPOLAZIONE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: popoazione... uogo di provenienza... immigrato...

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive RPE X HPE X 5 7 Refrigeratori d acqua e pompe di caore mod. RPE X HPE X 0,5 con parametri di funzionamento secondo e condizioni di carico de impianto mod. RPE X HPE X 5 Panneatura in acciaio inox compreso

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI... 4 LA

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 28 aprie 1 Report di Mario Esempio - 28 aprie 1 Indice 1 Persona Mastery Report 3 11 omprendere

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEI PROFESSIONISTI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Sei un professionista

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito

Criteri generali di valutazione della capacità di credito Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

Il rimborso dei prestiti

Il rimborso dei prestiti I rimborso dei prestiti Obiettivi individuare e caratteristiche dei diversi tipi di rimborso saper stendere un piano di ammortamento saper cacoare a rata di un ammortamento comprendere e caratteristiche

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/ Assicurazione crediti La protezione delle perdite sul fatturato/ Spesso la fiducia non paga/ Il pericolo di perdere il proprio denaro è in agguato in ogni fattura emessa. Le cose possono andare bene per

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

DALLA PARTE DELL EDILIZIA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL EDILIZIA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL EDILIZIA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL EDILIZIA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~ ~~~(!?d;ne Jf/~~ @rouffu~~e @r~j~ Jt~U&?o r~/if:~/m::u r 96~"g~ 96ur: n o ~ 30110/2009 4228/2009 AS/amp Ai Sigri Presidenti degi Ordini Provinciai dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestai Ai Sigri Presidenti

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

DALLA PARTE DELL EDILIZIA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL EDILIZIA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL EDILIZIA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL EDILIZIA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

LOCAL BUSINESS MANAGER

LOCAL BUSINESS MANAGER Da venti anni promozione e sviluppo d impresa LOCAL BUSINESS MANAGER IL BUSINESS DEL PROMUOVERE BUSINESS E SVILUPPO LOCALE Aiutare gli aspiranti imprenditori a creare una nuova attività, supportare gli

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli