Gli oneri deducibili, previsti dalla norma, sono i seguenti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli oneri deducibili, previsti dalla norma, sono i seguenti:"

Transcript

1 ONERI DEDUCIBILI INTRODUZIONE Cosa sono gli oneri deducibili Tipologie di oneri deducibili Gli oneri deducibili sono le spese che possono essere portate in diminuzione dal reddito complessivo. Si distinguono perciò dagli oneri detraibili, la cui detrazione va portata in diminuzione dall imposta lorda dovuta. Riferimento legislativo: art. 10, comma 1, DPR n. 917, Tuir Gli oneri deducibili, previsti dalla norma, sono i seguenti: contributi previdenziali e assistenziali assegni periodici per il coniuge contributi per addetti al servizio domestico contributi ad istituzioni religiose spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap contributi e premi per forme pensionistiche complementari ed individuali altri oneri deducibili Chi ha diritto alla deduzione Quando sorge il diritto alla deduzione La compilazione del 730 Il calcolo dell importo da dedurre Attenzione! Riferimenti Gli oneri deducibili in base alla loro tipologia, possono essere portati in deduzione: dal soggetto che ha effettivamente sostenuto la spesa nell interesse proprio dal soggetto che ha effettivamente sostenuto la spesa nell interesse dei familiari fiscalmente a carico ed in taluni casi, dal soggetto che ha effettivamente sostenuto la spesa nell interesse dei familiari non fiscalmente a carico. I familiari da considerare sono quelli elencati nell articolo 433 del Codice Civile. Sono deducibili tutte le spese sostenute nel corso del periodo d imposta per il quale viene presentata la dichiarazione dei redditi. Anche gli oneri deducibili come quelli detraibili seguono quindi il principio di cassa. Gli oneri deducibili vanno indicati nel quadro E del modello 730, nella sezione denominata oneri deducibili. Il CAF verifica gli importi indicati nei vari righi e, se necessario, procede alla correzione o alla applicazione di riduzioni o abbattimenti, quando la spesa sostenuta non è integralmente deducibile. Le variazioni apportate vengono comunicate al contribuente con un messaggio inserito nella sezione messaggi del modello Gli importi relativi agli oneri deducibili sono sommati tra loro, e viene calcolata la deduzione spettante. L importo della deduzione è riportato nel rigo oneri deducibili del modello Gli oneri indicati nel CUD, alla casella totale oneri sostenuti esclusi dai redditi indicati nei punti 1 e 2 e riportati con maggior dettaglio nel riquadro delle annotazioni, non vanno riportati nel modello 730 perché sono stati già dedotti dal sostituto di imposta. Vedi anche l approfondimento: la certificazione CUD Db 1

2 La documentazione La documentazione necessaria ai fini della deducibilità varia a seconda del tipo di onere sostenuto. Tutti gli oneri sostenuti devono essere documentati e sono sottoposti all apposizione del visto di conformità da parte del Caf. I CAF devono effettuare sia una verifica documentale sia una verifica del diritto al riconoscimento degli oneri deducibili alle condizioni e nei limiti previsti dalla normativa vigente. Riguardo ai controlli documentali è necessario verificare: la data in cui è stato effettuato il pagamento. Tutti i pagamenti devono essere stati effettuati nel periodo d imposta considerato; l intestatario della fattura/ricevuta, che salvo alcuni casi previsti dalla normativa deve essere intestata al contribuente che espone in dichiarazione tale spesa. La documentazione deve essere conservata per 4 anni dalla presentazione della dichiarazione. Db 2

3 CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI I contributi previdenziali e assistenziali deducibili. Sono deducibili sia i contributi previdenziali e assistenziali versati in osservanza a disposizioni di legge, sia i contributi volontari versati alla gestione della forma pensionistica obbligatoria. Rientrano in questa voce anche: i contributi sanitari obbligatori versati per l assistenza erogata nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale, compresi quelli versati con il premio di assicurazione Responsabilità Civile Autoveicoli; il contributo previdenziale versato alla gestione separata dell INPS nella misura effettivamente rimasta a carico del contribuente, come ad esempio il lavoro occasionale superiore a euro percepiti nell anno; i contributi agricoli unificati versati all INPS; i contributi previdenziali e assistenziali versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza, ivi compresi quelli per la ricongiunzione di periodi assicurativi. Rientrano in questa categoria ad esempio i contributi versati per il riscatto di anni di laurea, per la prosecuzione volontaria; i contributi versati per l assicurazione obbligatoria INAIL, per la tutela contro gli infortuni domestici (la cosiddetta assicurazione casalinghe). Riferimento legislativo: art. 10, comma 1, lettera e, DPR N. 917, Tuir Differenza tra contributi obbligatori e volontari. Il versamento dei contributi obbligatori è imposto dalla legge: sono contributi obbligatori quelli versati dai lavoratori di alcune categorie professionali (medici, veterinari, farmacisti, giornalisti, ecc.) che pur avendo un rapporto di lavoro dipendente sono obbligati a versare i contributi anche alla cassa previdenziale del loro Ordine professionale. Il versamento dei contributi volontari è una scelta che fa il lavoratore, per garantirsi un miglior trattamento pensionistico, come, per esempio, il cosiddetto riscatto degli anni di Università. Chi può dedurre. Riferimenti La compilazione del 730 I contributi previdenziali e assistenziali sono deducibili dal contribuente che li ha sostenuti per sé o per i familiari fiscalmente a carico. Circolare A.E. n. 50E/2000, risp.3.5 I contributi previdenziali ed assistenziali versati alla gestione della forma pensionistica obbligatoria vanno indicati nel quadro E del modello 730, sezione II, al rigo corrispondente. Non esiste alcun limite di deducibilità, per cui la spesa sostenuta può essere interamente dedotta. Il totale delle spese sostenute va riportato nel prospetto di liquidazione, sommato agli altri oneri deducibili. Oneri senza carattere previdenziale I versamenti agli Enti pensionistici sono deducibili solo quando rivestono carattere previdenziale cioè generano una prestazione futura da parte dell istituto previdenziale al quale sono versati. Db 3

4 Per questo, altre somme versate all INPS, come ad esempio quelle per ottenere l abolizione del divieto di cumulo tra pensione di anzianità e di attività di lavoro e quelle relative alla regolarizzazione dei periodi pregressi non possono essere considerati deducibili. L errore più frequente La documentazione L importo versato per l iscrizione all Ordine delle categorie professionali, quali medici, farmacisti, biologi, psicologi, ecc. non può essere portato in deduzione in quanto non ha natura previdenziale. La documentazione da sottoporre a controllo può essere: quietanza relativa al premio pagato in caso di contributo al SSN; certificazione del sostituto in caso di contributi previdenziali versati alla gestione separata dell INPS per i redditi occasionali; ricevuta del versamento in caso di contributi agricoli unificati versati all INPS; ricevute relative ai versamenti dei contributi volontari effettuati nell anno indipendentemente dal periodo a cui si riferiscono, per esempio riscatto anni di laurea o servizio militare, ricongiunzione di periodi assicurativi, iscrizione volontaria alla gestione separata dell INPS, contributo INAIL pagato dalle casalinghe; cartelle esattoriali per i contributi versati alle Casse Previdenziali degli Ordini professionali. Riferimenti legislativo e normativo: - art. 10, comma 1, lettera e), DPR , n.917, Tuir - Circolare Ministeriale , n.137, risposta Circolare Agenzia delle Entrate , n. 50E, risposta 3.5 Db 4

5 ASSEGNI PERIODICI CORRISPOSTI AL CONIUGE. L assegno periodico corrisposto al coniuge La sentenza di separazione L assegno periodico è costituito dalla somma di denaro che un coniuge deve all altro, a seguito di separazione legale ed effettiva, di scioglimento e annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili. L assegno è disposto dall autorità giudiziaria ed è destinato al mantenimento del coniuge e dei figli, se presenti, e normalmente versato a cadenza periodica. L assegno periodico corrisposto al coniuge costituisce onere deducibile, esclusa la quota per il mantenimento dei figli. La deducibilità è ammessa anche quando il coniuge è residente all estero. E sempre necessario verificare che nella sentenza sia stabilito che i versamenti sono periodici e che effettivamente siano erogati periodicamente, in quanto non sono considerate onere deducibile le somme corrisposte in un unica soluzione. Riferimenti legislativi e normativi: - art. 10, comma 1, lettera c), DPR , n.917, Tuir - Circolare ministeriale , n. 95, risposta L ammontare della deduzione La normativa non prevede un limite all importo che può essere dedotto dal reddito, ma specifica che tale importo deve corrispondere a ciò che è indicato nel provvedimento dell autorità giudiziaria, con esclusione della parte relativa ai figli. Il CAF deve quindi verificare: nella sentenza di separazione o divorzio la somma riportata sull atto e destinata al coniuge e, se previsto, la rivalutazione di tale importo; che gli importi riportati sui bonifici o sulle ricevute rilasciate dal soggetto che ha percepito la somma siano congruenti con quelli riportati sulla sentenza e che siano riferibili a versamenti periodici. Quota per il coniuge e i figli Se il provvedimento dell autorità giudiziaria, non distingue la quota per l assegno periodico destinato al coniuge da quella per il mantenimento dei figli, si considera che il 50% dell ammontare sia destinato al coniuge e l altro 50% sia destinato ai figli. La documentazione La compilazione del 730. La documentazione da verificare e sottoporre a controllo è la seguente: la sentenza di separazione o divorzio; i bonifici o le ricevute rilasciate dal soggetto che ha percepito la somma. Gli assegni corrisposti al coniuge vanno indicati nel quadro E del modello 730, rigo assegno al coniuge. Nello stesso rigo oltre al totale degli assegni corrisposti, va indicato, anche il codice fiscale dell ex coniuge destinatario degli assegni versati. Si precisa che in assenza del codice fiscale del coniuge non sarà riconosciuta la deduzione dal reddito con riferimento all importo indicato nella colonna 2. Il totale dell assegno per il coniuge concorre a formare l importo degli oneri deducibili che sarà indicato dal CAF nel modello rigo oneri deducibili. Db 5

6 CONTRIBUTI PER GLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI Contributi per gli addetti ai servizi domestici I contributi per gli addetti ai servizi domestici devono essere obbligatoriamente versati da tutti i datori di lavoro privati che hanno alle proprie dipendenze addetti ai servizi domestici ed all assistenza personale e familiare quali ad esempio baby-sitter, colf, ed assistenti delle persone anziane. Tali versamenti sono effettuati, trimestralmente, all INPS. Riferimento legislativo: art. 10, comma 2 del Tuir. La cassa sanitaria Colf Chi ha diritto alla deduzione Insorgenza del diritto Il limite di deducibilità A partire dal 1 luglio 2010 è operativa la nuova CAS.SA COLF che aumenta i servizi previdenziali, assistenziali assicurativi offerti alle colf garantendo il pagamento di una indennità in caso di eventi come la malattia, il parto, il ricovero ospedaliero. I contributi per addetti ai servizi domestici e familiari possono essere portati in deduzione solo dal soggetto che li ha sostenuti. Così, come per tutti gli altri oneri, devono essere fatti valere secondo il criterio di cassa, senza considerare il periodo di competenza. Ad esempio, contributi relativi al IV trimestre 2011 e pagati a gennaio 2012 potranno essere dedotti solo nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta 2012, (730/2013) mentre potranno essere dedotti nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta 2011 i contributi relativi al IV trimestre 2010 e pagati a gennaio Non è deducibile l intero importo versato ma solo la quota rimasta a carico del datore di lavoro, cioè del contribuente. L importo massimo deducibile è pari a Euro 1.549,37. Se nel modello 730 è indicata una somma superiore, l importo di tale rigo deve essere riportato al suddetto limite. Tale operazione viene effettuata dal CAF. Calcolo della quota a carico del datore di lavoro Riferimenti Come si pagano i contributi Sia la quota a carico del datore di lavoro che del lavoratore sono rapportate alle diverse fasce retributive ed all orario di lavoro e sono aggiornate annualmente dall INPS. Si dovrà quindi moltiplicare la quota oraria a carico del lavoratore per il numero di ore del trimestre (rilevabile dalla ricevuta di versamento) e sottrarre il risultato dall importo complessivamente versato. Vedi anche l approfondimento: Contributi assicurativi INPS per lavoratori domestici A partire dal secondo trimestre 2011 per il pagamento dei contributi dei lavoratori domestici è possibile effettuare il pagamento dal sito Internet dell'inps con il Pos Virtuale del gruppo bancario Intesa San Paolo oppure effettuare l'emissione online del M.AV. Relativamente al M.AV è necessario esaminare la causale di versamento, riportata nella parte alta del bollettino. Tale parte deve essere conservata dal datore di lavoro per l attestazione dei dati che hanno portato al calcolo del contributo versato. Db 6

7 Nella parte causale del versamento è importante individuare, oltre ai codici fiscali del datore di lavoro e del lavoratore: le ore lavorate la retribuzione oraria l importo (solo contributo) il contr. org. (cassa colf) l importo totale (contributi + cassa colf) Come evidenziato nella tabella a pag.db9 (approfondimenti), per il calcolo dei soli contributi si va a fasce orarie, fino a 24 ore settimanali ci sono tre importi a seconda della retribuzione oraria, dalle 25 ore settimanali il contributo è fisso. La cassa colf è calcolata in misura dello 0,03 centesimi di euro per ogni ora lavorata, 0,02 a carico del datore di lavoro e 0,01 del lavoratore. La compilazione del 730 I contributi per gli addetti ai servizi domestici e familiari vanno indicati nel quadro E, del modello 730, nel rigo corrispondente. La quota totale dei contributi effettivamente sostenuti concorre a formare l importo degli oneri deducibili che sarà indicato dal CAF nel modello La documentazione Riferimenti La documentazione da verificare e sottoporre a controllo è data dai versamenti effettuati tramite bollettini di versamento in conto corrente postale (primo trimestre 2011) e modalità MAV, intestati all INPS Riferimento legislativo e normativo: - art. 10, comma 2, DPR , n. 917, Tuir - Circolare dell Agenzia delle Entrate , n. 207 Db 7

8 COPIA del BOLLETTINO di VERSAMENTO CONTRIBUTI di LAVORATO- RI DOMESTICI MODELLO MAV. APPROFONDIMENTO Db 8

9 CONTRIBUTI ASSICURATIVI INPS per LAVORATORI DOMESTICI Retribuzione effettiva oraria ANNO 2010 con quota assegni familiari totale contributo di cui a carico orario del lavoratore senza quota assegni familiari totale contributo di cui a carico orario del lavoratore Rapporto di lavoro di durata fino a 24 ore settimanali Euro Euro Euro Euro Euro da 0 a 7,22 1,34 0,32 1,34 0,32 oltre 7,22 a 8,81 1,51 0,36 1,51 0,36 Oltre 8,81 1,85 0,44 1,84 0,44 APPROFONDIMENTO Rapporto di lavoro di durata oltre 24 ore settimanali (*) --- 0,98 0,23 0,97 0,23 Retribuzione effettiva oraria ANNO 2011 con quota assegni totale contributo orario familiari di cui a carico del lavoratore senza quota assegni familiari totale di cui a carico del lavo- contributo orario ratore Rapporto di lavoro di durata fino a 24 ore settimanali Euro Euro Euro Euro Euro da 0 a 7,34 1,36 0,33 1,37 0,33 (**) oltre 7,34 a 8,95 1,54 0,37 1,55 0,37 (**) Oltre 8,95 1,88 0,45 1,89 0,45 (**) Rapporto di lavoro di durata oltre 24 ore settimanali (*) --- 0,99 0,24 1,00 0,24 (**) (*) = L orario settimanale di oltre 24 ore deve essere effettuato presso lo stesso datore di lavoro. (**) = Il contributo senza la quota degli assegni familiari è dovuto quando il lavoratore è coniuge del datore di lavoro oppure è parente o affine entro il terzo grado e convive con il datore di lavoro. Db 9

10 CONTRIBUTI ED EROGAZIONI A FAVORE DI ISTITUZIONI RELIGIOSE Erogazioni a favore di istituzioni religiose Sono deducibili dal reddito complessivo le erogazioni liberali in denaro versate a favore: dell Istituto centrale per il sostentamento del clero della Chiesa cattolica italiana; dell Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7º giorno destinate al sostentamento dei ministri di culto e dei missionari e a specifiche esigenze di culto e di evangelizzazione; dell Ente morale Assemblee di Dio in Italia per il sostentamento dei ministri di culto delle Assemblee di Dio in Italia e per esigenze di culto, di cura delle a- nime e di amministrazione ecclesiastica; della Chiesa valdese, Unione delle chiese metodiste e valdesi, per fini di culto, istruzione e beneficenza che le sono propri e per i medesimi fini delle Chiese e degli enti facenti parte dell Unione cristiana evangelica dell ordinamento valdese; dell Unione cristiana evangelica battista d Italia per fini di culto, istruzione e beneficenza che le sono propri e per i medesimi fini della Chiesa e degli enti facenti parte dell Unione; della Chiesa evangelica luterana in Italia e delle comunità ad essa collegate per fini di culto e di evangelizzazione; dell Unione delle Comunità ebraiche italiane, nonché i contributi annuali versati alle Comunità ebraiche. Riferimenti Versamenti alla Chiesa Cattolica Chi può dedurre. Limite massimo deducibile La compilazione del 730 Riferimento legislativo: art. 10, comma 1, lettera i) e l), DPR , n. 917, Tuir I versamenti fatti a singole parrocchie della chiesa cattolica non sono deducibili. Sono deducibili soltanto i versamenti intestati all Istituto Centrale di sostentamento del Clero. Le erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose possono essere portate in deduzione solo dal contribuente che ha effettuato il versamento. Il limite massimo deducibile delle erogazioni in favore delle istituzioni religiose è di euro 1.032,91. Tale limite è riferito a ciascuna istituzione. I contributi ed erogazioni a favore di istituzioni religiose vanno indicate nel quadro E, sezione 2^, del modello 730, nel rigo corrispondente. Nel caso in cui un contribuente abbia effettuato più erogazioni ad una o a diverse istituzioni religiose, in tale rigo va indicato il totale delle somme versate, che non sono indicate analiticamente nella dichiarazione dei redditi. L importo da indicare nel quadro E, sezione 2^, rigo corrispondente, non può superare il limite di euro 1032,91 per istituzione, e quindi al massimo euro Db 10

11 7.230,37; pertanto, se il contribuente ha indicato una somma superiore, l importo deve essere riportato al suddetto limite. Tale operazione viene effettuata dal Caf. Il totale dei contributi concorre a formare l importo degli oneri deducibili che sarà indicato dal CAF nel modello La documentazione La documentazione necessaria è costituita da: ricevute di versamento in conto corrente postale intestato all istituzione religiosa; quietanze liberatorie; ricevute dei bonifici bancari intestate alla istituzione religiosa. Db 11

12 SPESE MEDICHE E DI ASSISTENZA SPECIFICA DEI PORTA- TORI DI HANDICAP Tipologie di spese generiche e di assistenza specifica I portatori di handicap Sono deducibili le spese mediche generiche e di assistenza specifica necessarie nei casi di grave e permanente invalidità o menomazione, sostenute per le persone portatrici di handicap. Le spese di assistenza specifica sono quelle relative: all assistenza infermieristica e riabilitativa; al personale in possesso di qualifica professionale di addetto al l assistenza di base, di operatore tecnico assistenziale dedicato unicamente all assistenza diretta alla persona; al personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo; al personale con la qualifica di educatore professionale; al personale qualificato addetto ad attività di animazione e/o di terapia occupazionale. Per essere considerato portatore di handicap, è necessario il riconoscimento in base all art. 3 della legge 104/92 o da altre commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell invalidità civile, di lavoro e di guerra purché siano presenti una o più condizioni di minorazione. Infatti, sono considerati portatori di handicap coloro che presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione, ai sensi dell art. 3 della legge 104/92 indipendentemente dalla circostanza che fruiscano o meno dell assegno di accompagnamento. Riferimenti Spese non deducibili Acquisto di medicinali Riferimenti legislativi e normativi: - art. 10, comma 1, lettera b), DPR , n.917, Tuir Non sono da considerare deducibili le spese: chirurgiche, per prestazioni specialistiche, per protesi dentarie e sanitarie per i mezzi di accompagnamento, di locomozione, di deambulazione e di sollevamento per sussidi tecnici e informatici in quanto rientrano tra quelle per le quali spetta la detrazione di imposta e devono essere indicate nei righi: * spese sanitarie; * spese sanitarie per familiari non a carico; * spese sanitarie per portatori di handicap; * spese per veicoli per i portatori di handicap Costituisce onere deducibile la spesa per l acquisto di medicinali sostenuta da un soggetto portatore di handicap. Riferimenti Riferimento normativo: Circolare Agenzia delle Entrate , n. 55E, punto Quota per ricovero in casa In caso di fattura relativa al ricovero di un portatore di handicap in una casa di Db 12

13 di assistenza Chi ha diritto alla deduzione Riferimenti La documentazione La compilazione del 730 assistenza e ricovero, non è possibile portare in deduzione l intera retta pagata, ma soltanto la parte che riguarda le spese mediche e paramediche di assistenza specifica. Nella fattura deve essere chiaramente distinta la quota relativa all assistenza medica e paramedica da quella relativa alla retta. Le spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap possono essere portate in deduzione dal contribuente che l ha sostenuta per sé o per le persone indicate nell art.433 del codice civile anche se non risultano fiscalmente a carico. Riferimento legislativo: - Art. 433 del Codice Civile, - Circolare Ministeriale n. 122, punto La documentazione da esaminare e sottoporre a controllo è la seguente: fattura o ricevuta fiscale rilasciata dal soggetto che ha erogato la prestazione attestante che si tratta di assistenza medica o paramedica; fattura rilasciata dalla casa di assistenza e ricovero in cui è chiaramente distinta dalla retta complessiva, la quota relativa all assistenza specifica; certificazione relativa al riconoscimento dell handicap, ovvero autocertificazione effettuata nei modi e nei termini previsti dalla legge che attesti la sussistenza dell handicap. Le spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap vanno indicate nel quadro E, sezione 2, del modello 730, nel rigo corrispondente. L importo dichiarato dal contribuente concorre nella sua interezza a costituire il totale degli oneri deducibili. Il totale delle spese concorre a formare l importo degli oneri deducibili che sarà indicato dal CAF nel modello Db 13

14 ALTRI ONERI DEDUCIBILI - Codici APPROFONDIMENTO SU: * CONTRIBUTI a FONDI INTEGRATIVI SSN * O.N.G. * O.N.L.U.S. * EROGAZIONI a UNIVERSITA, RICERCA, ENTI PARCO Gli altri oneri deducibili Riferimenti Identificazione degli altri oneri deducibili. Contributi ai fondi integrativi del SSN Gli altri oneri deducibili per i quali spetta una deduzione dal reddito complessivo sono una pluralità di oneri di diversa tipologia che, all interno dello stesso rigo, vengono contraddistinti da appositi codici. Riferimento normativo: art. 10, comma 1, lettera e-ter e g) del Tuir Per tutte le tipologie di altri oneri deducibili, nella compilazione del rigo, deve essere indicato: - il codice che identifica l onere, da 1 a 5; - l importo versato. Con il codice 1 vengono indicati i contributi versati ai fondi integrativi del servizio sanitario nazionale che erogano prestazioni negli ambiti di intervento stabiliti con decreto del Ministero della Salute. L'importo massimo dei contributi deve essere complessivamente non superiore ad euro 3.615,20. Ai fini del calcolo di tale limite si deve tener conto anche dei versamenti eseguiti agli enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale dai lavoratori dipendenti ed assimilati e dai loro datori di lavoro. La deduzione spetta anche se la spesa è stata sostenuta nell interesse delle persone fiscalmente a carico per la sola parte da queste ultime non dedotta. Riferimenti Contributi alle ONG Riferimento normativo: Circolare Agenzia delle Entrate , n. 54E Con il codice 2 vengono indicati i contributi, le donazioni e le oblazioni erogate alle organizzazioni non governative (ONG) riconosciute idonee, che operano nel campo della cooperazione con i Paesi in via di sviluppo. Il termine organizzazione non governativa (O.N.G) viene utilizzato per definire un insieme di organismi accomunati da alcuni valori di solidarietà e giustizia unitari e da una metodologia di lavoro fondata su elementi comuni. Nell ordinamento italiano, le ONG appartengono alla categoria giuridica delle associazioni senza scopo di lucro. Tra le ONG, particolare rilevanza assumono le organizzazioni caratterizzate dal fatto di operare nell ambito della cooperazione internazionale allo sviluppo. Tali organizzazioni infatti devono ottenere dal ministero degli Affari Esteri un riconoscimento di idoneità, fondamentale al fine di poter accedere ai contributi e ai progetti ministeriali. Lo stesso ministero aggiorna periodicamente l elenco delle organizzazioni riconosciute idonee. Db 14

15 A titolo esemplificativo sono organizzazioni idonee: la Caritas italiana l Iscos ( Istituto sindacale per la cooperazione con i paesi in via di sviluppo) Il Cuamm ( Collegio universitario aspiranti medici e missionari) Il Mlal ( Movimento laici America latina) Tale onere può essere dedotto solo nell interesse del soggetto che lo ha sostenuto. L importo massimo deducibile è pari al 2% del reddito complessivo. Se il contribuente ha indicato una somma superiore, l importo deve essere ricondotto a tale limite e ne deve essere data comunicazione al contribuente con apposito messaggio nel prospetto di liquidazione alla sezione messaggi. Tale operazione è effettuata dal CAF. Erogazioni liberali alle ON- LUS Con il codice 3 vengono indicate le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), associazioni di promozione sociale,alcune fondazioni e associazioni riconosciute ed altri enti aventi per oggetto statutario la tutela, la promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico. L importo versato è deducibile nel limite del 10 per cento del reddito complessivo e comunque nella misura massima di euro. Se il contribuente ha indicato una somma superiore, l importo deve essere ricondotto a tale limite e ne deve essere data comunicazione al contribuente con apposito messaggio nel prospetto di liquidazione alla sezione messaggi. Tale operazione è effettuata dal Caf. L onere può essere dedotto solo nell interesse del soggetto che lo ha sostenuto. Riferimenti Riferimento normativo: Circolare Agenzia delle Entrate , n. 39E. Utilizzo alternativo dei codici 2 e 3 Erogazioni e enti universitari di ricerca e enti parco regionali e nazionali Le ONG riconosciute idonee, assumono di diritto anche la qualifica di ONLUS, per cui al momento della compilazione del quadro E, le erogazione effettuate alle ONG potranno essere indicate in alternativa, con il codice 3; in questo caso l importo deducibile sarà quello previsto per le ONLUS. Con il codice 4 vengono indicate le erogazioni liberali in denaro a favore di enti universitari, di ricerca pubblica e di quelli vigilati nonché degli enti parco regionali e nazionali. La deduzione si applica alle erogazioni a favore di: università, fondazioni universitarie (di cui all articolo 59, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n.388); istituzioni universitarie pubbliche; enti di ricerca pubblici, ovvero enti di ricerca vigilati dal Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca; l Istituto superiore di sanità e l Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro; enti parco regionali e nazionali. Db 15

16 Tale onere può essere dedotto solo nell interesse del soggetto che lo ha sostenuto. L importo dichiarato concorre nella sua interezza a costituire il totale degli oneri deducibili. La documentazione Le erogazioni identificate con codice 2,3,4 per poter essere dedotte devono essere effettuate tramite versamento postale o bancario, ovvero mediante, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari. Riferimenti legislativi: - art. 10, comma 1, lettera e-ter) DPR , n. 917, Tuir - art. 10, comma 1, lettera g) DPR , n.917, Tuir - Circolari AE n. 54E/2002 e n. 39E/2005 Riferimenti Vedi anche l approfondimento Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale Db 16

17 ALTRI ONERI DEDUCIBILI - Codice 5 Altre tipologie di oneri deducibili Con il codice 5, vengono invece identificate le altre tipologie di oneri deducibili che rientrano tra la voce altri. Essi sono: Rendite, vitalizi e assegni periodici corrisposti in forza di testamento o di atto di donazione modale; assegni alimentari nella misura risultante da provvedimenti dell Autorità giudiziaria, corrisposti a persone indicate nell art. 433 del Codice Civile; Canoni, livelli e censi gravanti sui redditi degli immobili; Indennità per la perdita di avviamento corrisposte per disposizione di legge al conduttore in caso di cessazione della locazione di immobili urbani ad usi diversi da quello di abitazione; Somme restituite al soggetto erogatore che hanno concorso a formare il reddito in anni precedenti; Somme che non avrebbero dovuto concorrere a formare il reddito di lavoro dipendente e che invece sono state assoggettate a tassazione; Il 50% delle imposte arretrate sul reddito dovute per gli anni anteriori al 1974; Il 50% delle spese sostenute dai genitori adottivi di minori stranieri; Erogazioni liberali per oneri difensivi dei soggetti che fruiscono del gratuito patrocinio. Approfondiamo gli oneri più frequenti. Rendite, vitalizi, assegni a- limentari. Sono considerati oneri deducibili: gli assegni corrisposti in forza di un testamento o di una donazione modale, quale obbligo imposto dal de cuius all erede, oppure dal donante al donatario. In sostanza, tramite questi atti di disposizione, s impone all erede l obbligo di corrispondere a terzi un assegno periodico. L importo è deducibile nei limiti di quanto stabilito nel testamento o nell atto di donazione. Affinché l erede o il donatario possano beneficiare della deduzione è necessario che abbiano accettato l eredità o la donazione con il conseguente accollo dell obbligo di corrispondere tali assegni, gli assegni alimentari corrisposti alle persone indicate nell art. 433 del c.c. nella misura stabilita dal provvedimento dell Autorità Giudiziaria. ATTENZIONE: Si ricorda che, in ogni caso, rimangono indeducibili gli assegni versati volontariamente, ovvero non risultanti da alcun atto giudiziario. La documentazione. La documentazione da sottoporre a controllo è data da: * Bonifici, attestazioni di versamento o ricevute rilasciate dal soggetto che ha avuto la somma. Db 17

18 Canoni, livelli e censi gravanti sugli immobili Sono considerati oneri deducibili i canoni, livelli, censi e altri oneri gravanti sui redditi degli immobili che concorrono a formare il reddito complessivo, compresi i contributi ai consorzi obbligatori per legge o in dipendenza di provvedimenti della pubblica amministrazione, esclusi i contributi agricoli unificati. Si tratta, ad esempio, dei contributi pagati ai consorzi di bonifica territoriali. Non sono compresi in questa tipologia di oneri le tasse sui rifiuti. Notifica degli oneri gravanti sugli immobili Gli oneri gravanti sugli immobili, quali canoni, livelli e censi, vengono di norma notificati al contribuente con cartella esattoriale. La cartella esattoriale oltre al nome dell intestatario contiene anche i nomi degli altri eventuali comproprietari dell immobile. La deduzione va operata in capo ad ogni comproprietario percentualmente alla quota di possesso. La documentazione La documentazione da sottoporre a controllo è data da: Ricevute, cartelle quietanzate; Bollettini di c/c postale Somme restituite al soggetto erogatore. Le somme che, in un periodo d imposta, sono state assoggettate a tassazione secondo il criterio di cassa e che, in anni successivi, sono state restituite al soggetto che le ha erogate sono deducibili dal reddito complessivo. La norma si applica, oltre che ai redditi di lavoro dipendente, ai compensi di lavoro autonomo e ai redditi diversi (ad esempio lavoro autonomo occasionale). Il recupero delle somme già percepite e assoggettate a tassazione in anni precedenti deve avvenire al lordo della relativa ritenuta. La documentazione. Si deve sottoporre a controllo la: * documentazione che certifichi l assoggettamento a tassazione e la restituzione della somma Somme che non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente E riconosciuta al contribuente la deducibilità di importi che, per disposizione di legge, non avrebbero dovuto concorrere alla formazione del reddito di lavoro dipendente e assimilato e che invece vi hanno concorso subendo, di conseguenza, la relativa tassazione. E il caso, ad esempio, dei contributi versati per l assistenza sanitaria ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale da pensionati. Si ricorda che non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente i contributi versati ad enti e casse aventi esclusivamente fine assistenziale per un importo complessivamente non superiore ad euro 3.615,20, dal datore di lavoro o dal lavoratore. ATTENZIONE La possibilità di applicare tale disposizione è ammessa anche a beneficio dei lavoratori in pensione, in quanto i redditi da pensione hanno il medesimo trattamento tributario previsto per i redditi di lavoro dipendente. Db 18

19 Contributi versati a fondi o casse sanitarie da pensionati. Relativamente ai contributi versati dai pensionati, è necessario distinguere le diverse modalità di funzionamento dei singoli fondi o casse 1. contributi versati a fondi che prevedono, in favore del pensionato, un versamento contributivo a carico del datore di lavoro per il quale non sia possibile rinvenire un collegamento diretto tra il versamento stesso e la posizione di ogni singolo pensionato; In questo caso i contributi non sono deducibili (es. FASI Fondo di assistenza sanitaria integrativa dei dirigenti di aziende industriali in pensione). 2. contributi versati a fondi per i quali non è contrattualmente previsto alcun tipo di intervento da parte dell ex datore di lavoro. In questo caso i contributi sono deducibili considerato che sono integralmente a carico del pensionato. In conclusione: I contributi versati dal pensionato alla Cassa di assistenza sanitaria, quando costituiscono onere deducibile, rientrano tra le somme che non avrebbero dovuto concorrere a formare i redditi di lavoro dipendente e assimilati e che invece sono state assoggettate a tassazione. I contributi e le spese sanitarie Nell ipotesi in cui 1. i contributi non siano deducibili, le spese sanitarie sostenute sono interamente detraibili, anche se rimborsate. (E' il caso, ad esempio, dei contributi versati dai pensionati iscritti al FASI) 2. i contributi siano deducibili, le spese sanitarie sostenute sono detraibili, esclusivamente per la parte rimasta effettivamente a carico. Le spese mediche oggetto di rimborso. La documentazione Si ricorda che la detrazione spetta sull intero ammontare delle spese sostenute qualora non si sia beneficiato di detrazioni d imposta o di deduzioni su contributi o premi versati. Si deve sottoporre a controllo la: documentazione attestante l assoggettamento a tassazione, l entità e il motivo per cui tali somme non devono essere soggette a tassazione. Certificazione rilasciata dal Fondo, contenente per ciascun periodo d imposta, l ammontare di contributi complessivamente percepiti dal pensionato iscritto. Spese sostenute per l adozione di minori stranieri Le spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione di minori stranieri sono considerate oneri deducibili. La procedura di adozione deve essere effettuata da un ente autorizzato. L albo degli enti autorizzati è curato dalla Commissione per le adozioni internazionali della presidenza del Consiglio dei Ministri. Db 19

20 Spese deducibili per adozione di minori stranieri Tra le spese deducibili sono comprese quelle riferibili all assistenza che gli adottanti hanno ricevuto; alla legalizzazione o traduzione dei documenti; alla richiesta di visti, ai trasferimenti; ai soggiorni all estero; all eventuale quota associativa nel caso in cui la procedura sia stata curata da enti che la richiedono; altre spese documentate finalizzate all adozione del minore. Le spese sostenute in valuta estera devono essere convertite in euro utilizzando il cambio indicativo di riferimento del giorno, se il cambio non è stato fissato va utilizzato il cambio medio del mese. L importo massimo deducibile è pari al 50% del totale delle spese sostenute. La documentazione Procedura di adozione non a buon fine La documentazione necessaria è data dalla certificazione dell ammontare complessivo delle spese rilasciata dall ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione. Nel caso in cui la procedura di adozione non vada a buon fine le spese sostenute possono essere portate in deduzione a prescindere dall'effettivo completamento della procedura di adozione e, quindi, indipendentemente, dal suo esito finale. Infatti, anche se le pratiche si interrompono, gli aspiranti genitori adottivi sono tenuti a rimborsare all'ente autorizzato tutte le spese sostenute fino a quel momento per l'incarico ricevuto. La deduzione spetta in base al principio di cassa, quindi per il periodo d'imposta in cui sono state effettivamente sostenute, anche se l'iter procedurale non è ancora concluso. Db 20

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli