NOTA INTEGRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA INTEGRATIVA 31.12.2006"

Transcript

1 Signori Soci, la presente Nota Integrativa redatta ai sensi dell'art del Codice Civile, si articola nei seguenti paragrafi: Paragrafo A Principi adottati per la redazione del bilancio d esercizio; Paragrafo B Analisi delle voci dello stato patrimoniale; Paragrafo C Analisi delle voci del conto economico; Paragrafo D Altre notizie integrative. Paragrafo A Art bis Codice Civile Principi adottati per la redazione del bilancio. Lo stato patrimoniale e il conto economico sono stati predisposti in base agli schemi di cui all articolo 2424 e 2425 del codice civile così come riformati dal D. Lgs. N. 6/2006. Ai fini della comparabilità dei saldi di bilancio si è provveduto a riclassificare i saldi di bilancio dell esercizio precedente (ex. Art ter, quinto comma del C.C.) come evidenziato negli appositi paragrafi. I principi adottati per la redazione del bilancio sono quelli previsti dall'art bis del Codice Civile e precisamente: la valutazione delle voci è stata fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell'attività; si sono indicati solo gli utili realizzati alla data di chiusura dell'esercizio; si è tenuto conto degli oneri e dei proventi di competenza dell esercizio indipendentemente dalla data dell incasso o del pagamento; si è tenuto conto dei rischi e delle perdite di competenza dell'esercizio anche se conosciuti dopo la chiusura dello stesso; gli elementi eterogenei ricompresi nelle singole voci sono stati valutati separatamente; i criteri di valutazione di cui all art del Codice Civile, analiticamente evidenziati nel commento delle apposite voci, non si discostano da quelli adottati nell'esercizio precedente. Con riferimento al punto 5 di detto articolo si da atto che residuano riserve sufficienti a coprire l ammontare dei costi non ammortizzati riferiti ai costi di impianto e di ampliamento, dei costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità aventi utilità pluriennale iscritti nell attivo dello stato patrimoniale. Ai sensi dell'art del Codice Civile non esistono elementi dell'attivo e del passivo che ricadono sotto più voci dello schema di bilancio. Ai sensi dell art punto 6 del Codice Civile, si è indicato distintamente per ciascuna voce, quando ne ricorrono i presupposti, l ammontare dei crediti e dei debiti di durata residua superiore ai 5 anni, dei debiti assistiti da garanzie reali su beni sociali, con specifica indicazione della natura delle garanzie. Paragrafo B Analisi delle voci dello stato patrimoniale. ATTIVO A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. L importo di relativo ai crediti verso soci per versamenti ancora dovuti è il risultato della somma algebrica tra l importo del capitale sociale sottoscritto pari a (al netto della rivalutazione sul capitale sociale effettivamente versato pari a ) meno l importo del capitale sociale effettivamente versato pari a Situazione capitale sociale al /12/ /12/2005 differenza Capitale sottoscritto soci cooperatori Capitale sottoscritto soci sovventori Capitale sottoscritto soci dimessi A Totale capitale sottoscritto Rivalutazione soci cooperatori Rivalutazione soci sovventori Rivalutazione soci dimessi B Totale rivalutazione C Totale capitale sottoscritto e rivalutato (A + B) Capitale versato soci cooperatori Capitale versato soci sovventori Capitale versato soci dimessi D Totale capitale versato E Crediti Verso soci per versamenti ancora dovuti (C - B - D) B ) Immobilizzazioni, con separata indicazione di quelle concesse in locazione finanziaria. Le immobilizzazioni sono state valutate al costo di acquisto. Nel costo di acquisto sono stati computati anche eventuali costi accessori. Le immobilizzazioni materiali e immateriali sono state ammortizzate in relazione alla loro residua possibilità di utilizzazione. Rispetto all esercizio precedente l importo delle immobilizzazioni non ha registrato variazioni degne di nota. Pag. 15

2 B I ) Immobilizzazioni immateriali. Nel 2006 l'incremento è stato di mentre la diminuzione per effetto dell accantonamento dell esercizio 2006 è stata di La voce B I 3 diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione di opere dell ingegno ha subito un incremento di relativo all acquisto di nuovi programmi (software); La voce B I 5 avviamento, iscritto per la prima volta nel bilancio chiuso al e sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione alla residua possibilità di utilizzazione è relativo all iscrizione dell avviamento della controllata Madimer Friuli S.r.L. Le ragioni della prima iscrizione sono tutt ora valide. Rispetto all esercizio precedente l importo è diminuito di per effetto dell accantonamento dell esercizio La voce B I 7 oneri pluriennali ha subito un incremento di relativo a spese sostenute su beni in locazione finanziaria. La voce ha subito un decremento per effetto dell accantonamento dell esercizio B I 3 B I 5 B I 7 B I Voci di bilancio Software Avviamento Oneri Pluriennali Movimenti ante esercizio Movimenti esercizio in corso Movimenti fine esercizio Totale Immobilizzazioni Immateriali Costo storico Rivalutazione Fondo ammortamento Svalutazione TOTALE Incrementi Spostamenti Fondo ammortamento Alienazioni TOTALE Rivalutazione Ammortamento Svalutazione TOTALE Saldo Bilancio B II ) Immobilizzazioni materiali. Nel corso dell'esercizio 2006 sono state effettuate alienazioni di beni materiali pari a che hanno determinato plusvalenze per Si precisa che la cooperativa non ha effettuato alcuna rivalutazione dei cespiti ammortizzabili. Gli incrementi dell'esercizio pari a sono relativi ad acquisti di mezzi di movimentazione 4.424, mezzi di trasporto , altri beni L'ammortamento dei beni è stato calcolato tenendo conto dell'effettivo deperimento degli stessi in relazione alla loro residua possibilità di utilizzazione. Voci di bilancio Movimenti ante esercizio Movimenti esercizio in corso Movimenti fine esercizio B II 3 B II 4a B II 4b B II Attrezzature Industriali e Commerciali Mezzi di Trasporto Altri Beni Totale Immobilizzazioni Materiali Costo storico Rivalutazione Fondo ammortamento Svalutazione TOTALE Incrementi Spostamenti Fondo ammortamento Alienazioni TOTALE Rivalutazione Ammortamento Svalutazione TOTALE Saldo Bilancio Pag. 16

3 B III ) Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l esercizio successivo. Le immobilizzazioni finanziarie sono costituite: dalla partecipazione di controllo nella società Madimer Friuli S.r.l. valutata col metodo del patrimonio netto ai sensi dell art punto 4 del Codice Civile; dalla partecipazione di controllo nella società Aster Coop Zvijezdana Zadruga d.o.o. con sede in Croazia; dalla partecipazione di controllo nella società Friularchivi S.r.l. con sede a Udine; da altre partecipazioni a cooperative, a consorzi cooperativi e a società a responsabilità limitata valutate al costo di acquisto ai sensi dell'art punto 1 del Codice Civile; da titoli destinati all utilizzo durevole ai sensi dell art bis del Codice Civile iscritti al costo di acquisto ai sensi dell'art punto 1 del Codice Civile. VOCE DI BILANCIO IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B III 1.a Movimenti precedenti all inizio dell esercizio Incrementi dell esercizio Saldi di bilancio Aster Coop. Zvijezdana Zadruga d.o.o Madimer Friuli S.r.l. - Udine Friularchivi S.r.l. - Udine Totale partecipazioni in imprese controllate Aetas Media Assicoop Friuli S.r.l Banca di Udine Bei obbligazioni internazionali C.N.S. Bologna Co.re.ga.fi Finreco S.c.r.l. Udine Consorzio Coop.vo Finanz. per lo Sviluppo - RE Consorzio Europa - Padova Unilog Group Spa Fincooper Bologna Finreco s.c.r.l Mediaconsult Udine Seforcoop Udine Udine Mercati S.p.a B III 1.d Totale partecipazioni in altre imprese B III 1 TOTALE PARTECIPAZIONI A.M.G.A. Udine Comune di Udine Telecom S.p.a Rinaldo Rinaldi S.r.l. Roma Friulana Gas Udine Centro Udine Enel B III 2.d Totale crediti verso altre imprese B III 2 TOTALE CREDITI Obbligazioni Friulcassa Udine B III 3 TOTALE ALTRI TITOLI B III TOTALE IMM.NI FINANZIARIE Ai sensi dell articolo 2427 punto 5 del C.C. si indicano i dati delle seguenti partecipazioni: B III 1.a ) Partecipazioni in imprese controllate : Madimer Friuli S.r.L. costituita in data 1 giugno 1990 ha sede a Udine Via Oderzo, 1. Il capitale sociale sottoscritto e interamente versato è di Suddiviso in quote ai sensi di legge è posseduto per il 60% da Aster Coop Soc. Coop. Nell esercizio 2006 il fatturato si è attestato ad mentre l utile ad Madimer S.r.l. si occupa della distribuzione del collettame nel Friuli Venezia Giulia, del servizio partenze (specializzata nel campo del vino di qualità) e di servizi organizzati che sommano servizi di trasporto, deposito a temperatura controllata, servizi accessori e amministrativi : Aster Coop Zvijezdana Zadruga d.o.o. società a responsabilità limitata di diritto croato con sede nel comune di Matulji presso Fiume (Rijeka) in Croazia. Svolge attività di movimentazione merci all interno del mercato ortofrutticolo di riferimento per la città di Fiume, denominato RVRM. Capitale Sociale sottoscritto e versato Costituita nel 2001 è posseduta per il 75% dall Aster Pag. 17

4 Coop Soc. Coop. Nell esercizio 2006 il valore della produzione si è attestato a I risultati positivi dell esercizio 2003, che avevano consentito il ripianamento delle perdite precedenti, non si sono consolidati negli esercizi successivi che hanno determinato complessivamente perdite per di cui nel Tale situazione è dovuta essenzialmente alla diminuzione del volume e dell attività in generale presso il mercato di Matulij e da costi straordinari sostenuti nel 2006 per una ricerca di mercato volta alo sviluppo dell attività. I valori in euro sono stati determinati applicando un cambio euro/kune croate di 7,3504 alla data del (dato Ufficio Italiano Cambi); : Friularchivi S.r.L. con sede a Udine Via Oderzo - 21, capitale sociale sottoscritto e versato di Partecipata da Aster Coop Soc. Coop. nella misura del 37% del capitale sociale. L utile dell esercizio 2006 è stato di , mentre il fatturato si è attestato a B III 2.d ) Crediti verso altri composti da depositi cauzionali che sono stati iscritti al loro presumibile valore di realizzo e si riferiscono a: 253 Comune di Udine; 10 Friulana Gas di Campoformido (Ud); 690 A.M.G.A. di Udine; 41 Rinaldo Rinaldi S.r.l. Roma; 103 Telecom Italia S.p.a., 860 Centro Udine, Enel. B III 3 ) Altri titoli obbligazioni Friulcassa S.p.a. in scadenza il , cedola semestrale, contabilizzate al momento dell acquisto al loro valore nominale di C ) Attivo circolante. C II 1 ) Crediti verso clienti. I crediti verso clienti sono stati iscritti al valore di presunto realizzo. Si tratta di crediti correnti il cui incasso alla data della presente relazione è già avvenuto o è in corso di esecuzione e comunque non si sono verificati casi di mancate riscossioni. I crediti di (di cui per fatture da emettere) sono relativi alle prestazioni di movimentazione merci, di logistica integrata e di trasporto. L'importo è costituito in misura prevalente da crediti derivanti dagli appalti con i clienti: Electrolux Logistics Italy S.p.a. di Porcia (Pn), Electrolux Professional S.p.a. di Pordenone, Electrolux Home Products Italy S.p.a. di Porcia (Pn), Consorzio Interregionale Cooperative di Consumo di Anzola nell Emilia (Bo), Gema Commerciale Spa di Prato, Centro Distributivo Italmek Market di Villadose (Ro), Scambi Commerciali S.r.l. di Udine, Fantoni S.p.a. di Osoppo (Ud), Burgo Group Spa di San Mauro Torinese (To), Madimer Friuli S.r.l. di Udine e dalla gestione logistica del Mercato Ortofrutticolo di Udine. Rispetto all esercizio precedente il totale crediti verso clienti registra un incremento di dovuto principalmente all aumento del fatturato. L'importo di si riferisce a crediti verso clienti assoggettati a procedure concorsuali (voce C II 1 Crediti verso clienti oltre 12 mesi) e più precisamente: Asia Export S.r.l. - Udine 183; OrmelVetro S.r.l. - Ormelle Treviso ; Sapor S.r.l. - Cordovado Pordenone ; Ser. Com. S.r.l. - Udine ; C.G. di Fresco S.a.s. - Udine ; Corriere Italia S.r.l. - Parma ; Kn Domenichelli S.p.a - Milano ; Seleco S.p.a. - Pordenone ; Arex S.r.l. - Milano ; Bernardi Graziano - Musestre di Roncade Treviso 471; T H S s.p.a. Tribano (Mi) ; New Center Fruit Cordenons (Pn) 2.030; City Express 1.291; Co.n.e.di.m. S.c.a.r.l. 126 Buzzi e Capellaro Udine 572. Rispetto all esercizio precedente questa voce rileva una diminuzione per complessivi relativi alla somma algebrica dei seguenti valori: -incasso parziale dei crediti vantati nei confronti dei clienti Ge.ne.sup. S.r.l. di Villa Vicentina (Ud) per e di Candolini Sergio Gemona del Friuli (Ud) per 44; - dall inserimento di 572 relativo al credito in sofferenza vantato nei confronti del cliente Buzzi e Capellaro di Udine e dall utilizzo del fondo svalutazione crediti per 608. Si ritiene che i crediti in sofferenza sopra esposti siano interamente esigibili in quanto inseriti con privilegio negli stati passivi delle procedure. Tale situazione viene inoltre annualmente verificata tramite interazione con le curatele fallimentari. Nell esercizio 2006 si è provveduto alla prudenziale svalutazione dei crediti per l importo di C II 2 ) Crediti verso imprese controllate. I crediti verso le società controllate ammontano a così suddivisi: - verso Madimer Friuli S.r.l. Via Oderzo 1 Udine per verso Friularchivi S.r.l. Via Oderzo 1 Udine per Detti crediti conservano il valore nominale e sono solvibili. C II 4-bis ) Crediti tributari. I crediti tributari ammontano ad e sono relativi a: erario c/ritenute subite; crediti diversi verso l erario, per credito Irap (imposta calcolata per l anno acconti versati nel corso del ). Pag. 18

5 C II 4-ter ) Imposte anticipate. I crediti per imposte anticipate ammontano ad pari a imposte anticipate rilevate nell esercizio 2005 di 774 dedotta la quota di competenza del 2006 di. 194 sommate le imposte anticipate rilevate nell esercizio 2006 di complessivi dettagliatamente riportate al punto 22 Imposte sul reddito dell esercizio della presente relazione. C II 5 ) Crediti verso altri I crediti verso altri entro 12 mesi per sono composti da: relativi a pagamenti effettuati nel corso dell esercizio le cui fatture non sono state ancora ricevute; per note di credito da ricevere; per crediti diversi; per crediti per rimborsi infortuni; per cedole su titoli in corso di maturazione; per anticipi conto rimborso spese soci; per altri crediti di cui: canoni telefoni ed altre utenze, rimborsi di assicurazione, assicurazioni, 102 interessi di conto corrente, per anticipi a fornitore, 242 per associative. C IV ) Disponibilità liquide La consistenza finale della liquidità è pari a di cui rappresentata da depositi bancari e 122 da denaro contante. D Ratei e risconti, con separata indicazione del disaggio sui prestiti. Il conto risconti attivi, calcolato secondo il criterio della competenza temporale, di è così formato: per canoni leasing; 33 per spese leasing; per contratti manutenzione programmi; 980 per imposte e tasse autovetture; 76 per imposte e tasse mezzi di trasporto; 603 per abbonamenti a libri riviste quotidiani e cd rom; 154 per telefoni ed altre utenze; spese per pubblicità; per consulenze, per contratti manutenzione macchine ed attrezzature ufficio. PASSIVO A ) Patrimonio netto. A I ) Capitale. Situazione capitale sociale al /12/ /12/2005 differenza Capitale sottoscritto soci cooperatori Capitale sottoscritto soci sovventori Capitale sottoscritto soci dimessi A Totale capitale sottoscritto Rivalutazione soci cooperatori Rivalutazione soci sovventori Rivalutazione soci dimessi B Totale rivalutazione C Totale capitale sottoscritto e rivalutato (A + B) Capitale versato soci cooperatori Capitale versato soci sovventori Capitale versato soci dimessi D Totale capitale versato E Crediti Verso soci per versamenti ancora dovuti (C - B - D) Il capitale sociale evidenzia le quote sottoscritte dai Soci Cooperatori (ogni socio è detentore di una sola quota sociale) e dai Soci Sovventori, nonché le quote sottoscritte dai soci dimessi durante l esercizio 2006 per un importo complessivo di Il capitale sociale è formato dall importo sottoscritto da parte di n. 516 Soci Cooperatori e n. 44 Soci Sovventori. Il valore in bilancio pari a è il risultato della somma algebrica del capitale sociale sottoscritto dai Soci Cooperatori pari a , dal capitale sociale sottoscritto dai Soci Sovventori pari a , dal capitale sociale sottoscritto dai Soci dimessi durante l esercizio 2006 pari a più la rivalutazione del capitale sociale calcolata sul capitale effettivamente versato, ammontante complessivamente a di cui relativa ai Soci Cooperatori in forza, relativa ai Soci Sovventori ed relativa ai Soci dimessi nell anno Pag. 19

6 A IV ) Riserva legale. La riserva legale nel 2006 è stata incrementata di corrispondente al 30% dell utile netto dell'esercizio precedente come deliberato dall'assemblea dei Soci del Detta riserva è indivisibile e irripartibile fra i soci sia durante la vita della cooperativa sia all'atto del suo scioglimento. A VII ) Altre riserve. L'incremento di è determinato dalla destinazione dell'utile dell'esercizio precedente come da delibera dell'assemblea dei Soci in sede di approvazione del bilancio riferito all anno Dette riserve sono indivisibili e irripartibili fra i soci sia durante la vita della cooperativa sia all'atto del suo scioglimento. C ) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato. In questa voce sono compresi gli importi da corrispondere ai Soci e ai Dipendenti alla cessazione del rapporto di lavoro, calcolati in base al regolamento interno e al CCNL di riferimento. Valori in Euro Variazioni 2006 Valori in bilancio Fondo Trattamento fine rapporto al Accantonamento Trattamento fine rapporto Rivalutazione Tfr dipendenti Accantonamento residuo ratei Accantonamento Fondo garanzia Tfr Accantonamento Fondo Cooperlavoro Indennità Tfr pagate Imposta sostitutiva Tfr dipendenti -710 Totale variazioni Fondo trattamento di fine rapporto al D ) Debiti, con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l esercizio successivo. I debiti sono stati valutati al loro valore nominale e non sono assistiti da garanzie reali. D 3 ) Debiti verso soci per finanziamenti. La voce debiti verso soci per finanziamenti per complessive è composta da debiti per prestiti da parte di soci (Prestito Sociale) di cui pari agli interessi maturati sul prestito sociale nell esercizio In relazione all uso da parte della società di strumenti finanziari, comunque non rilevanti ai fini della valutazione patrimoniale e finanziaria e del risultato economico dell esercizio si precisa che: con riferimento alla istruzioni della Banca D Italia in materia di raccolta del risparmio da parte di soggetti diversi dalle banche, in attuazione della delibera C.I.C.R. del 3 marzo 1994 (G.U. n. 28 del ) e successive modifiche ed integrazioni, l ammontare dei prestiti raccolti alla data del ammonta complessivamente a (compresi gli interessi maturati al ) intestati a n. 38 Soci prestatori. Si precisa che nessuno dei 38 Soci prestatori ha superato il limite massimo d importo versato (attualmente ). L ammontare complessivo del Prestito Sociale non eccede il triplo del patrimonio netto della cooperativa (capitale sociale + riserve) essendo quest ultimo ammontante a La gestione del prestito sociale viene effettuata con procedura informatizzata, le operazioni sono registrate in appositi fogli elettronici intestati ad ognuno dei soci prestatori. Sono stati assolti gli obblighi relativi all informazione in merito alle condizioni applicate e alla rendicontazione annuale, tramite l invio di apposito foglio informativo analitico e a fine esercizio estratto dei movimenti e dei conteggi delle competenze. Il tasso lordo attualmente applicato (a decorrere dall 8 settembre 2003), come da regolare delibera del Consiglio di Amministrazione, è del 3,00%, che al netto della ritenuta fiscale applicata per legge del 12,50%, porta ad un tasso netto del 2,625%. Non sono previste spese di alcun tipo. Si informa, che il Prestito Sociale è riservato ai Soci iscritti a libro da almeno tre mesi, che il rapporto è disciplinato da apposito contratto di Prestito Sociale e dal Regolamento del Prestito da Soci. Di seguito si espone l andamento relativo agli ultimi undici anni del Prestito Sociale da cui si evince il consolidamento nel tempo dell importo prestato, che mediamente risulta superiore ai duecentoquarantamila euro. Pag. 20

7 Euro Andamento depositi Prestito Sociale Anno D 4 ) Debiti verso banche. La voce debiti verso banche per complessive si riferisce ad un finanziamento agevolato del Medio Credito Centrale erogato ai sensi della L. 454/97 art. 2 e 5 in data 2 ottobre L importo originario di viene rimborsato con rate semestrali, la prima rimborsata in data e l ultima prevista con scadenza Rate rimborsate a tutto l esercizio 2006 n. 6 per complessivi Rate scadenti oltre l esercizio successivo D 7 ) Debiti verso fornitori. La voce debiti verso fornitori pari a complessivi è composta da: per debiti verso fornitori entro 12 mesi (di cui per fatture da ricevere) inserito alla voce D 4 b debiti verso fornitori oltre 12 mesi fa riferimento alle procedure concorsuali di cui al punto C II 1 oltre 12 mesi dell attivo dello stato patrimoniale. D 9 ) Debiti verso imprese controllate. La voce debiti verso le società controllate si riferisce al debito verso Madimer Friuli S.r.L. ed è pari ad D 12 ) Debiti tributari. I debiti tributari pari a si riferiscono a per erario conto IRPEF, per erario conto Iva, 117 per imposta sostitutiva rivalutazione TFR, per ritenute operate in qualità di sostituto d imposta da versare all erario, per IRES. D 13 ) Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale. I debiti verso gli istituti di previdenza e sicurezza sociale ammontano a complessive così suddivisi: per debiti verso INAIL; per debiti verso INPS. D 14 ) Altri debiti. L importo di è rappresentato da: debiti verso soci e dipendenti per residuo ferie; debiti per capitale sociale da rimborsare; debiti per rivalutazione su capitale sociale da rimborsare; debiti per retribuzione soci e dipendenti; debiti per retribuzione collaboratori; debiti verso sindacati; debiti per cessione stipendi; debiti verso Unipol per cessione stipendi; note di credito da emettere; altri debiti; incassi anticipati; debiti verso Cooperlavoro; debiti per compensi verso Consiglio di Gestione; L importo della voce D 14 rispetto all esercizio precedente rileva una diminuzione di dovuto principalmente all importo straordinario ed occasionale relativo a note di credito da pagare per clienti inseriti l anno precedente e non presenti nel E ) Ratei e risconti. Il conto risconti passivi, calcolato secondo il criterio della competenza temporale, di è relativo a ricavi per affitti attivi e recupero spese da clienti. Pag. 21

8 CONTI D ORDINE Garanzie reali prestate Il valore di è riferito alla fideiussione limitata concessa in data alla società Buona Terra S.c.r.l. di Ronchi dei Legionari (Go), aderente alla Lega Cooperative del Friuli Venezia Giulia, a valere su un finanziamento di concesso alla stessa da parte di Friulcassa S.p.a. Cassa di Risparmio Regionale. Tale fideiussione resterà in vigore fino all erogazione da parte dell Amministrazione Regionale del Friuli Venezia Giulia di un contributo in conto capitale di tre milioni di euro. Impegni - locazione finanziaria Il valore dei beni in locazione finanziaria al è di oltre I.V.A. I beni coperti da contratti di locazione finanziaria direttamente utilizzati per l'esercizio dell'attività della cooperativa sono l immobile e sede amministrativa e legale della cooperativa, l immobile e sede legale ed operativa della controllata Madimer Friuli S.r.l., mezzi di movimentazione e trasporto merci, nonché in minima parte autoveicoli per trasporto persone. Per quanto riguarda il valore contrattuale dei beni in locazione finanziaria l'importo è di oltre I.V.A. di cui pari alle rate già pagate oltre IVA.; pari alle rate da pagare oltre IVA secondo la loro scadenza contrattuale. L importo complessivo di tutti i prezzi di riscatto è pari a oltre I.V.A. Si precisa che nei valori sopra evidenziati sono compresi i contratti di locazione finanziaria relativa ai due immobili siti a Udine in Via Oderzo, 1 (sede legale, amministrativa e operativa Aster Coop Soc. Coop.) e di Via Oderzo, 21 (sede operativa della controllata Madimer Friuli S.r.l.) che di seguito si evidenzia: a) contratto Friulia Lis S.p.a. di Udine n Immobile di Via Oderzo, 1 - Udine. Valore dei beni , Valore contrattuale , Riscatto Durata anni 8 a decorrere dalla data di sottoscrizione del Rate pagate compreso maxicanone iniziale , rate da pagare b) contratto Friulia Lis S.p.a. di Udine n Immobile di Via Oderzo, 21 - Udine. Valore dei beni , Valore contrattuale , Riscatto Durata anni 10 a decorrere dalla data di sottoscrizione del Rate pagate compreso maxicanone iniziale rate da pagare Paragrafo C Analisi delle voci del CONTO ECONOMICO. A ) Valore della produzione. La voce A valore della produzione pari a è composta dai ricavi delle vendite e delle prestazioni caratteristiche dell'attività della cooperativa per e da altri ricavi e proventi con separata indicazione dei contributi in conto esercizio pari a e più precisamente: recupero spese da clienti; recupero spese diverse e arrotondamenti; uso autovetture di proprietà della cooperativa; corrispettivi: rimborsi assicurativi; contributi in conto esercizio Fondo Sociale Europeo. Ai sensi del punto 10 dell art del Codice Civile di seguito si evidenzia la ripartizione dei ricavi per aree geografiche: Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lombardia Toscana Veneto per complessivi B 6 ) Per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci. per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci B 7 ) Per servizi. per servizi pari a formati da: spese sostenute correlate a corsi di formazione; corsi di formazione e aggiornamento; prestazioni da terzi; prestazioni padroncini; prestazioni sanitarie; servizio vigilanza; visite fiscali; prestazioni da subfornitori; Pag. 22

9 corrispettivi prestazioni da terzi; spese di trasporto; energia elettrica; telefoni ed altre utenze; assicurazioni di produzione; pulizie; pedaggi autostradali; servizio smaltimento rifiuti; carburanti mezzi di trasporto; assicurazioni mezzi trasporto; carburanti autovetture; assicurazioni autovetture; carburanti mezzi di movimentazione; assicurazioni mezzi movimentazione; manutenzioni mezzi di movimentazione in proprietà; manutenzioni mezzi trasporto merci; manutenzioni mezzi trasporto persone; manutenzioni varie; - 45 manutenzioni mezzi movimentazione in leasing; manutenzioni beni leasing mezzi trasporto persone; manutenzioni varie; manutenzioni beni in full service; manutenzione mezzi movimentazione a noleggio; manutenzione motospazzatrici e idropulitrici; riscaldamento e condizionamento; assicurazioni; cancelleria e stampati; postali e telefoniche; libri riviste quotidiani e cd rom; legali e notarili; consulenze da terzi; spese di rappresentanza; contratto manutenzione programmi; contratti manutenzione macchine ufficio; spese pubblicità; - 63 vidimazioni e certificazioni; assicurazioni leasing; spese per leasing; costo istruzione e sviluppo programmi informatici (software); manutenzione sistemi informatici; spese sociali; spese di rappresentanza indeducibili; compenso consiglio di gestione; compenso consiglio di sorveglianza; compensi revisore contabile; commissioni e oneri bancari; commissioni di factoring; spese d'incasso. Pag. 23

10 B 8 ) Per godimento di beni di terzi. per godimento di beni di terzi (noleggio/leasing) pari a formati da: noleggio operativo mezzi di movimentazione; noleggi vari; noleggio mezzi di trasporto; canoni di locazione finanziaria (leasing) mezzi di movimentazione e di trasporto, immobili; canoni di locazione finanziaria (leasing) autovetture; noleggio motospazzatrice. B 9 ) Per il personale. B 9 a ) Salari e stipendi. salari e stipendi (di cui per premio obiettivo qualità). B 9 b ) Oneri sociali. oneri sociali B 9 c ) Trattamento di fine rapporto. premio anzianità soci e trattamento di fine rapporto dipendenti per complessivi B 9 e ) Altri costi. altri costi per di seguito meglio descritti: rimborsi al personale; mensa; abbigliamento; liberalità ed omaggi; previdenza complementare; assicurazioni sanitarie dirigenti; prestazioni da interinali. B 10 ) Ammortamenti e svalutazioni. B 10 a ) Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali. ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali di seguito meglio descritti: ammortamento software; ammortamento spese pluriennali; ammortamento oneri pluriennali; ammortamento avviamento; ammortamento spese pluriennali su beni di terzi. B 10 b ) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali. ammortamenti delle immobilizzazioni materiali composti da: ammortamento mezzi di movimentazione; ammortamento mezzi di trasporto merci e persone; ammortamento attrezzature varie, macchine ufficio, arredo ed altri beni. B 10 d ) Svalutazione dei crediti compresi nell attivo circolante e delle disponibilità liquide svalutazione crediti. B 14 ) Oneri diversi di gestione. oneri diversi di gestione pari a formati da: danni; - 23 sanzioni; costi vari; imposte e tasse mezzi di trasporto; imposte e tasse autovetture; valori bollati; associative; spese varie ufficio; Pag. 24

11 - 489 spese varie non deducibili; conciliazioni; elargizioni e beneficenza; omaggi; imposte e tasse deducibili; imposte e tasse non deducibili; - 42 sconti abbuoni e arrotondamenti. C ) Proventi e oneri finanziari. C 15 ) Proventi da partecipazioni, con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate e collegate. La voce C 15 proventi da partecipazioni di 247 è costituita da proventi per dividendi di cui 2 dal Consorzio Cooperativo per lo Sviluppo e da 245 dal Consorzio Nazionale Servizi. C 16 ) Altri proventi finanziari. La voce C 16 altri proventi finanziari pari a è formata da per interessi attivi di conto corrente bancario, da per interessi attivi diversi e da per proventi su titoli. C 17 ) Interessi e altri oneri finanziari, con separata indicazione di quelli verso imprese controllate e collegate e verso controllanti. La posta in bilancio interessi e altri oneri finanziari pari a è composta da 61 per interessi passivi di conto corrente; per interessi passivi sul prestito sociale; per interessi passivi su mutui; 14 per interessi passivi diversi. E ) Proventi e oneri straordinari. E 20 ) Proventi, con separata indicazione delle plusvalenze da alienazione i cui ricavi non sono iscrivibili al n. 5. La voce E20 di è formata da per plusvalenze da alienazione cespiti; per sopravvenienze attive e da 789 per rimborsi contributo servizio sanitario nazionale pagato sulle assicurazioni mezzi di trasporto aziendale. E 21 ) Oneri, con separata indicazione delle minusvalenze da alienazione, i cui effetti contabili non sono iscrivibili al n. 14, e delle imposte relative a esercizi precedenti. La voce E21 pari a è composta da per sopravvenienze passive deducibili; 772 per sopravvenienze passive indeducibili e da per minusvalenze patrimoniali relative ad alienazione cespiti. 22 ) Imposte sul reddito dell esercizio, correnti, differite e anticipate. L importo totale di è dato dall importo di riferito all Imposta Regionale sulle Attività Produttive (IRAP) di cui al D.Lgs n. 446, calcolato sulla base dei valori del presente bilancio, da 194 relativi ad imposte anticipate rilevate negli esercizi precedenti, dedotti relativi ad imposte anticipate nell esercizio di competenza di esercizi successivi, e da relative all IRES anno 2006 calcolata all aliquota di legge del 33%. Voce di costo Importo % IRAP % IRES Totale Spese di manutenzione eccedenti il 5% , Spese di Rappresentanza (4/5 deducibili) , Totale variazioni temporanee in aumento , IMPOSTE ANTICIPATE IMPOSTE DIFFERITE Paragrafo D Altre notizie integrative. Ammontare dei compensi spettanti ai componenti il Consiglio di Gestione e del Consiglio di Sorveglianza. Nel corso dell'esercizio sono stati contabilizzati compensi ai componenti del Consiglio di Gestione per e compensi ai componenti del Consiglio di Sorveglianza per per un totale di per l attività da loro svolta dal al Art del Codice Civile Cooperativa a mutualità prevalente. L Aster Coop Soc. Coop. è una società cooperativa a capitale variabile con scopo mutualistico. L Aster Coop Soc. Coop. è una cooperativa a mutualità prevalente in quanto per lo svolgimento della propria attività si avvale prevalentemente delle prestazioni lavorative dei Soci. L Aster Coop Soc. Coop. dal 8 marzo 2005 è iscritta all Albo Nazionale delle Società Cooperative al n. A113446, Sezione Cooperative a Mutualità Prevalente, Categoria Cooperative Produzione e Lavoro. Pag. 25

12 Art del Codice Civile Criteri per la definizione della prevalenza. L Aster Coop Soc. Coop. realizza lo scambio mutualistico con i Soci instaurando con gli stessi rapporti di lavoro subordinato. Lo scambio mutualistico intrattenuto con i Soci, trova pertanto la sua espressione nel conto economico, all interno della voce B9 costi di produzione per il personale. Ai fini del calcolo della prevalenza e della specifica necessità della suddivisione del costo del lavoro relativo all opera dei Soci rispetto a quello rilevato nei confronti dei soggetti terzi tenuto conto della necessità prevista dall art. 2513, comma 1, lettera b) del Codice Civile di computare le altre forme di lavoro, diverse dal lavoro subordinato inerenti lo scopo mutualistico e tenuto conto altresì dell inserimento delle prestazioni di lavoro autonomo e delle prestazioni per collaborazioni, si è proceduto ai fini del calcolo percentuale di prevalenza come di seguito: la condizione di prevalenza è documentata, con riferimento a quanto prescritto dall art. 2513, comma 1, lettera b) del C.C. dal rapporto tra i sotto riportati dati contabili: - costo del lavoro verso Soci (b9) = 90,65% percentuale di prevalenza. - totale costo del lavoro (b9) Il costo del lavoro verso i Soci b9 di cui al numeratore della formula precedente è composto dalla voce b9 del conto economico al netto dei costi relativi al personale dipendente e ai compensi per collaborazioni a progetto come meglio evidenziato di seguito: Verso Soci Verso altri Totale lettera b 9 a - salari e stipendi verso Soci lettera b 9 b oneri sociali verso Soci lettera b 9 c trattamento fine rapporto lettera b 9 d altri costi verso Soci Totale Si afferma che la condizione oggettiva di prevalenza è raggiunta in quanto l attività svolta con i Soci rappresenta il 90,65% dell attività complessiva. Art del Codice Civile Requisiti delle cooperative a mutualità prevalente. L Aster Coop Soc. Coop., in quanto cooperativa a mutualità prevalente ha previsto, ai sensi dell art del Codice Civile ad inserire nel proprio Statuto Sociale i seguenti requisiti mutualistici e gli stessi sono stati rispettati: il divieto di distribuire i dividendi in misura superiore all interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato (rif. art. 30 Statuto Sociale); il divieto di remunerare gli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai Soci cooperatori in misura superiore a due punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi (rif. art. 30 Statuto Sociale); il divieto di distribuire le riserve fra i Soci Cooperatori (rif. art. 27 Statuto Sociale); l obbligo di devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell intero patrimonio sociale, dedotto soltanto il capitale sociale e i dividendi eventualmente maturati, ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione (rif. art. 23, 53 statuto sociale). Art quaterdecies del Codice Civile Controllo sulle società cooperative. (Revisione Ordinaria L. 59 del art. 15 e L.R. n. 79 del e succ. mod.) L Aster Coop Soc. Coop. è soggetta a revisione ai sensi dell art. 15, Legge 59 del e della Legge Regionale del n. 79 Capo III e successive modifiche. In quanto detentrice di quote di partecipazione in società a responsabilità limitata la periodicità della verifica è con cadenza annuale anziché biennale. La revisione ha il compito di accertare il corretto funzionamento degli organi sociali ed amministrativi, l osservanza delle norme legislative, regolamentari, statutarie e mutualistiche, la sussistenza dei requisiti, il regolare funzionamento contabile ed amministrativo, la consistenza patrimoniale e l esatta impostazione e il regolare svolgimento delle attività sociali e il conseguimento degli scopi statutari e mutualistici. La verifica relativa all esercizio 2006 si è conclusa il 23 gennaio 2007 con esito e giudizio positivo. Art. 223-octiesdecies del Codice Civile. Con Riferimento alle modifiche apportate al Codice Civile dal D. Lgs , n. 6 e successive modificazioni, si informa che il bilancio d esercizio è stato redatto conformemente a quanto disposto dalla norma a riferimento e secondo le leggi anteriormente vigenti. Pag. 26

13 Legge numero 57 del D.M. numero 221 del Con riferimento all art. 5 del succitato D.M. numero 221 del si precisa che la cooperativa Aster Coop Soc. Coop. per l esercizio 2006 è in possesso dei requisiti di capacità economico e finanziaria in quanto il patrimonio netto dell impresa è superiore al 8% del fatturato totale dell impresa, come di seguito viene evidenziato: Patrimonio netto dell impresa esercizio Fatturato esercizio Percentuale corrispondente 26,082% Documento programmatico sulla sicurezza (Art. 34 comma 1, lettera g, del D.Lgs. 196/2003). In data 16 marzo 2006 la cooperativa ha adottato il DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) come richiesto dalla normativa di riferimento. Sono stati nominati i responsabili del trattamento dei dati relativi all area commerciale e del personale nonché il custode dei codici informatici. Elenco sedi secondarie e reparti operativi. L Aster Coop Soc. Coop. ha sede legale ed amministrativa a Udine in Via Oderzo 1 e sede secondaria (unità locale) a Udine in Piazzale dell Agricoltura 16, presso il Mercato Ortofrutticolo di Udine. I reparti operativi del gruppo Aster Coop Soc. Coop. sono i seguenti: Regione Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lombardia Toscana Veneto Reparti Electrolux Forlì Fantoni (Osoppo-Ud), Mercato Ortofrutticolo (Ud), Electrolux Grandi Impianti (Vallenoncello-Pn), Madimer Friuli (Ud), Electrolux Porcia (Porcia-Pn), Scambi Commerciali (Ud), Cicc Sancito (San Vito- Pn), CDIM Udine, Radici (S.Giorgio di Nogaro-Ud), Cesano Maderno (Mi) Electrolux Montelupo (Fi), Electrolux Scandicci (Fi) Eelectrolux Susegana (Tv), Cartiera di Villorba (Tv), Dico (Noale-Ve) Numero medio dei soci e dei dipendenti. Il numero medio dei soci e dipendenti nel corso dell'esercizio, ripartito per categoria, è stato il seguente: Per i Soci Per i Dipendenti dirigenti n. 4 Dirigenti n. 1 quadri n. 16 Impiegati n. 2 Impiegati n. 24 Operai n. 1 Operai n. 429 Totale n. 473 Totale n. 4 Pag. 27

14 Art punto 22 Prospetto relativo alle operazioni di locazione finanziaria (valori in Euro). Attività: a) Contratti in corso: Prospetto per nota integrativa secondo le disposizioni OIC esercizio chiuso al 31/12/2006 Beni in leasing finanziario alla fine dell'esercizio precedente al netto degli ammortamenti alla fine dell'esercizio precedente pari a Beni acquisiti in leasing finanziario nel corso dell'esercizio 0 - Beni in leasing finanziario riscattati nel corso dell'esercizio Quote di ammortamento di competenza dell'esercizio /- Rettifiche/riprese di valore su beni in leasing finanziario 0 Beni in leasing finanziario al termine dell'esercizio al netto degli ammortamenti complessivi pari a b) Beni riscattati Maggior valore complessivo dei beni riscattati, determinato secondo la metodologia finanziaria, rispetto al loro valore netto contabile alla fine dell'esercizio c) Passività Debiti implici per operazioni di leasing finanziario alla fine dell'esercizio precedente di cui scadenti nell'esercizio successivo di cui scadenti da 1 a 5 anni di cui scadenti oltre i 5 anni Debiti implici sorti nell'esercizio 0 - Riborso quote di capitale e riscatti nel corso dell'esercizio Debiti impliciti per operazioni di leasing finanziario al termine dell'esercizio di cui scadenti nell'esercizio successivo di cui scadenti da 1 a 5 anni di cui scadenti oltre i 5 anni d) Effetto complessivo lordo alla fine dell'esercizio (a+b-c) e) Effetto fiscale f) Effetto sul Patrimonio Netto alla fine dell'esercizio (d-e) Conto Economico (+ variazioni positive dell'utile / - variazioni negative dell'utile) Storno di canoni su operazioni in leasing finanziario Rilevazione degli oneri finanziari su operazioni di leasing finanziario Rilevazione di: - quote di ammortamento: di cui su contratti in essere di cui su beni riscattati Rettifiche/riprese di valore su beni in leasing finanziario Effetto sul risultato prima delle imposte Rilevazione dell'effetto fiscale Effetto sul risultato d'esercizio delle rilevazioni delle operazioni di leasing con il metodo finanziario Udine, 29 marzo 2007 Il Presidente del Consiglio di Gestione Nanino Livio Pag. 28

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli