NOI E IL BULLISMO. Un indagine tra gli studenti della succursale PANAREO. A cura dei docenti: prof.ssa D ADAMO MARIA GRAZIA. prof.ssa MENGA ANTONELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOI E IL BULLISMO. Un indagine tra gli studenti della succursale PANAREO. A cura dei docenti: prof.ssa D ADAMO MARIA GRAZIA. prof.ssa MENGA ANTONELLA"

Transcript

1 NOI E IL BULLISMO Un indagine tra gli studenti della succursale PANAREO A cura dei docenti: prof.ssa D ADAMO MARIA GRAZIA prof.ssa MENGA ANTONELLA prof.ssa SERAFINO GIUSEPPINA Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 1

2 Il gran torto degli educatori è il voler che ai giovani piaccia quello che piace alla vecchiezza o alla maturità, che la vita giovanile non differisca dalla matura, di voler sopprimere la differenza dei gusti e dei desideri, di voler che gli ammaestramenti, i comandi e la forza della necessità suppliscano all esperienza. ( Giacomo Leopardi Zibaldone ) Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 2

3 INDICE PREMESSA PARTE PRIMA : 1. Gli studenti intervistati 2. Che cosa si intende per bullismo 3. Il bullismo nella propria scuola Conclusioni Appendice : il questionario Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 3

4 Premessa Le più recenti indagini nazionali su atti di bullismo presentano una situazione allarmante: minori denunciati per comportamenti illegali ad alto rischio di devianza. Poiché la complessità della condizione degli adolescenti richiede, da parte degli adulti, attenzione, ascolto, aiuto abbiamo ritenuto che occuparsi di un fenomeno come il bullismo, tanto comune nella nostra società è doveroso per noi docenti e importante per i nostri alunni che devono sentire l ambiente scuola come luogo privilegiato dove studiare con serenità, dove incontrarsi senza paura! La somministrazione del Questionario proposto è un piccolo passo per sensibilizzare, educare i nostri giovani alla legalità e al rispetto reciproco. Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 4

5 PARTE PRIMA: 1. Gli intervistati Il questionario è stato somministrato a 53 studenti del terzo anno dell Istituto Alberghiero indirizzo Enogastronomico. Intervistati sede Panareo 36% 64% Femmine Maschi La suddivisione, tra maschi e femmine, in base all appartenenza di genere non è equilibrata: i maschi costituiscono il 64% del campione rispetto alle femmine che è pari al 36%. Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 5

6 La distribuzione degli intervistati per età è la seguente: Distribuzione degli intervistati per età Serie1 8 3 Fino a 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 e oltre Mentre la percentuale degli intervistati risulta essere: Percentuale degli intervistati per età 6% 15% 27% Fino a 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 e oltre 52% Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 6

7 Che cosa si intende per bullismo Negli Item proposti agli intervistati si è tenuto in considerazione una serie di comportamenti diffusi e riscontrabili nella scuola e fuori. Gli alunni hanno risposto a domande sulle diverse forme di bullismo e dalla tabulazione dei dati è emerso quanto segue: Manifestazioni di bullismo molto un poco per nulla Insultare o offendere a parole un compagno/ compagna più debole 34,0 45,3 21 Parlare male di qualcuno con un compagno/ compagna 5,7 64,2 30 Prendere pesantemente in giro 64,2 17,0 19 Mettere in imbarazzo, umiliare un compagno di fronte ad altri 52,8 32,1 17 Pretendere obbedienza, anche con minacce, da un compagno 41,5 11,3 19 Pretendere la consegna di piccole somme di denaro o di oggetti personali 75,5 3,8 23 Fare telefonate o SMS molesti 45,3 35,8 19 Fare scherzi pesanti ad un compagno/compagna 34,0 39,6 21 Costringere a subire molestie sessuali 79,2 1,9 19 Diffondere foto o video che riguardano compagni 41,5 39,6 17 Emarginare, isolare un compagno/compagna 34,0 37,7 26 N=53 Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 7

8 I dati confermano che secondo gli studenti esistono forme di bullismo sotterranee. E importante sottolineare che il 64% è molto d accordo nel riconoscere come forme di bullismo i seguenti comportamenti: Costringere a subire molestie sessuali il 79% Pretendere la consegna di piccole somme di denaro o oggetti personali il 75% Prendere pesantemente in giro il 64% Mettere in imbarazzo il compagno il 52 % Una quota minima del 5% non riconosce come atto di bullismo il parlar male di qualcuno. Studenti molto d'accordo nel considerare atti di bullismo verso i compagni Emarginare, isolare un Diffondere foto o video che riguardano Costringere a subire molestie sessuali Fare scherzi pesanti ad un Fare telefonate o SMS molesti Pretendere la consegna di piccole somme Pretendere obbedienza, anche con Prendere pesantemente in giro Parlare male di qualcuno con un Insultare o offendere a parole un 3,8 1,9 24,5 9,4 32,1 9,4 28,3 20,8 13,2 28,3 17,0 28,3 24,5 15,1 22,6 22,6 11,3 50,9 47,2 41,5 37,7 41,5 Maschi Femmine Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 8

9 Nella scala dei fenomeni ascrivibili al bullismo nei confronti di compagni di scuola sono ai primi posti le tipologie sopra descritte : innanzitutto il parlare male di qualcuno con un compagno, emarginare / isolare un compagno, pretendere la consegna di piccole somme di denaro, fare scherzi pesanti, prendere pesantemente in giro, insultare o offendere un compagno. Bisogna, comunque, sottolineare le percentuali di studenti che hanno inteso esprimere un atteggiamento critico nei confronti degli atti di prevaricazione sui quali erano chiamati ad esprimere il loro parere: Non è bullismo Parlare male di qualcuno con un compagno/ compagna Emarginare, isolare un compagno/compagna Pretendere la consegna di piccole somme di denaro o di oggetti personali Fare scherzi pesanti ad un compagno/compagna Insultare o offendere a parole un compagno/ compagna più debole Prendere pesantemente in giro Pretendere obbedienza, anche con minacce, da un compagno Fare telefonate o SMS molesti Costringere a subire molestie sessuali Mettere in imbarazzo, umiliare un compagno di fronte ad altri Diffondere foto o video che riguardano compagni Diffondere foto o video che riguardano compagni Mettere in imbarazzo, umiliare un compagno di Costringere a subire molestie sessuali Fare telefonate o SMS molesti Pretendere obbedienza, anche con minacce, da Prendere pesantemente in giro Insultare o offendere a parole un compagno/ Fare scherzi pesanti ad un compagno/compagna Pretendere la consegna di piccole somme di Emarginare, isolare un compagno/compagna Parlare male di qualcuno con un compagno/ ,9 18,9 18,9 18,9 20,8 20,8 22,6 26,4 30,2 Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 9

10 Successivamente si sono invitati gli alunni, a precisare i luoghi in cui hanno eventualmente assistito ad episodi di bullismo: Luoghi nei quali gli intervistati hanno affermato di aver assistito ad episodi di bullismo da parte dei giovani In classe A scuola fuori dall'aula All'uscita dalla scuola In pulman In discoteca Per strada In classe A scuola fuori dall'aula All'uscita dalla scuola In pulman In Per strada Allo discoteca stadio, al palasport 6 In un altro luogo Allo stadio, al palasport Se appaiono diversi gli ambiti in cui gli intervistati hanno avuto occasione di osservare comportamenti di bullismo, è certamente sconfortante che sia stata indicata in misura più rilevante, la scuola, sommando le percentuali dei luoghi ( in classe 17%, a scuola fuori dall aula 30%, all uscita dalla scuola 34% ) teatro privilegiato dove i ragazzi fanno emergere le loro pulsioni aggressive a danno di compagni. Del resto può essere naturale che proprio gli istituti professionali, in quanto ambiente in cui si concentrano le varie espressioni delle diversità personali e Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 10

11 sociali, sia anche il terreno fertile di atteggiamenti e di comportamenti fondati sulla prevaricazione. Il bullismo nella propria scuola Si è potuto verificare, in che misura i ragazzi intervistati hanno avuto modo di assistere personalmente, nella propria scuola, a comportamenti definiti atti di bullismo. Un primo dato emerso dall indagine, a parte la constatazione dell abitudine di parlar male di un compagno ( 83% ), riguarda gli intervistati che hanno affermato di aver assistito a scene di insulti e di altre offese, praticamente otto su dieci : il 79%. Pochi quanti hanno dichiarato di aver visto episodi di molestie sessuali il 5,7%. Fa riflettere l elevata percentuale pari al 45%, di chi ha denunciato di aver assistito a scuola a situazioni in cui si umiliava un compagno /compagna. Osserviamo in breve, le testimonianze dei nostri alunni, sulle varie rappresentazioni del bullismo intrascolastico secondo la scansione degli Item riportati sull indagine. Comportamenti ai quali gli intervistati hanno affermato di aver assistito personalmente nella propria scuola Insulti o altre offese nei confronti di un compagno/compagna 79,2 20,8 Sentire un compagno/una compagna parlare male di altri ragazzi 83,0 17,0 Veder prendere pesantemente in giro, mettere in imbarazzo, umiliare un compagno/ una 45,3 54,7 compagna Il pretendere obbedienza, anche con minacce, da un compagno/ da una compagna 32,1 67,9 Pretendere la consegna di piccole somme di denaro o di oggetti personali 11,3 54,7 Il fare telefonate o SMS molesti 20,8 77,4 Fare scherzi pesanti ad un compagno in difficoltà 41,5 64,2 Episodi di molestie sessuali 5,7 88,7 La diffusione di foto o video che riguardano compagni 34,0 64,2 Vedere emarginare, isolare un compagno o una compagna 73,6 26,4 N=53 Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 11

12 Tenendo presente l istogramma sotto rappresentato per differenze di genere si nota la percentuale più elevata che interessa soprattutto i maschi. Vittima atto di bullismo a scuola Ragazzo Ragazza Ragazzo Ragazza Le risultanze appaiono allarmanti e sembrano evidenziare che vittima di bullismo a scuola risulta essere quasi sempre un compagno: Chi è stato vittima dell'atto di bullismo a scuola 50,9 22,6 18,9 Un immigrato/un'immigrata 5,7 3,8 Un omosessuale Un /una disabile Altro compagno Un/una insegnante Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 12

13 Il bullismo a scuola assume una colorazione razzista; altre volte manifesta un accanimento di chi esprime una diversità o si trova a dover convivere con i propri problemi, faticando nel quotidiano ad essere accettato. E, quindi, sufficiente essere in una condizione di fragilità psicologica o non essere accettati o in difficoltà negli studi o non omologati nel modo di vestire, per correre il rischio di venire individuato come soggetto verso cui dirigere l aggressività del più forte. Maggiormente presi di mira sono stati i maschi: lo afferma il 20% del campione, contro l 11% secondo cui la vittima è stata una ragazza. Il campione risulta essere privo di fondatezza poiché 22 alunni hanno eluso la domanda. Da non sottovalutare la risultanza forse più sorprendente, che riguarda una percentuale di studenti che hanno voluto rimarcare come sia stato un immigrato (23%) e un diversamente abile ( 19%) il bersaglio da colpire. A questo punto si è voluto indagare sugli stati d animo e sulle reazioni dei ragazzi che si sono trovati di fronte alle manifestazioni di intolleranza sopra esposte. E possibile pensare che le risposte siano state diversificate in dipendenza della gravità dell episodio, del contesto e del momento in cui si è verificato. Resta il fatto che gli autori degli atti di bullismo possono contare su una sorta di impunità, sulla convinzione di avere l appoggio altrui, secondo un atteggiamento omertoso, fondato sulla cultura del farsi gli affari propri tanto diffusa nelle nostre scuole. Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 13

14 Reazione nei confronti di un atto di bullismo scolastico Femmine Maschi E' normale/non sono affari miei Mi sono sentito/a a disagio, ma non ho osato intromettermi Ho chiesto aiuto/ sono intervenuto direttamente E possibile a questo punto ipotizzare la presenza di tipologie di atteggiamenti e di comportamenti denunciati dagli studenti. Quattro casi su dieci ( chi risponde è abbastanza normale non sono affari miei ) rappresentano l area dell assuefazione al clima di trasgressività che a volte si vive a scuola, chiudendosi dietro ad un indifferenza ed un estraniazione che finisce direttamente o indirettamente per legittimare la presenza e la diffusione nella scuola del bullismo nelle sue svariate forme, agito da minoranze che percepiscono di poter muoversi in un sostrato di complicità manifeste o latenti : uno su dieci ( il 12 % ) costituiscono la frazione relativa a quanti, mostrando timore ad intervenire, rivelano in fondo un adattamento passivo ad una situazione che ritengono di non poter cambiare: ancora due su dieci ( ho chiesto l intervento di altri, sono intervenuto in difesa del compagno : il 17 % ) rappresentano invece l area di chi cerca di affermare il proprio diritto di cittadinanza scolastica, esprimendo un ruolo attivo verso i compagni in difficoltà. Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 14

15 L accorpamento effettuato permette di vedere anche l esistenza di differenze comportamentali in funzione del genere, laddove un maggiore distacco si riscontra tra le femmine, mentre tra i ragazzi prevale la normalità a non intromettersi, ma anche l impegno a difesa dei più deboli. Reazione nei confronti di un atto di bullismo scolastico Femmine Maschi E' normale/non sono affari miei Mi sono sentito/a a disagio, ma non ho osato intromettermi Ho chiesto aiuto/ sono intervenuto direttamente Per semplificare, è utile unire insieme atteggiamenti e comportamenti, al fine di ottenere una distinzione esclusivamente tra gli atteggiamenti e i comportamenti di estraneità a quelli, invece, di intervento, come si osserva nella figura che segue: 26% Reazione ad un atto di bullismo - Distinzione tra estraneazione ed intervento 74% Non mi sono intromesso Sono intervenuto Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 15

16 E dunque il gruppo maggioritario ad evidenziare un atteggiamento di estraniazione e all interno di esso si confermano meno solidali i maschi. Con un ultima domanda, rivolta all intero campione, si è tentato di verificare se e in che misura gli intervistati siano stati vittime essi stessi del bullismo da parte di compagni, o se comunque si mostrano preoccupati per la situazione esistente anche a livello nazionale, temendo di poter subire in futuro atti di prevaricazione a scuola. Hai mai subito un atto di bullismo a scuola da parte dei compagni? % n. casi No, ma temo che potrei subirlo 4 2 No, mai e sono certo/a che non lo subirò Si, ho subito un atto di violenza fisica 6 0 Si, ho subito un atto di violenza psicologica 2 1 Si, ho subito un atto di violenza sessuale 0 0 n=53 Tenendo conto che alcuni ragazzi hanno denunciato di aver subito violenza fisica (maschi 5,7%) che psicologica (femmine 5,7%). Risulta positivo che nessun dei due generi ha subito un atto di violenza sessuale. E indispensabile verificare la correlazione esistente tra le denunce e l appartenenza di genere: Hai mai subito un atto di bullismo a scuola da parte dei compagni? 39,6 35,8 5,7 3,8 5,7 1,9 5,7 1,9 0,0 0,0 Maschi Femmine No, ma temo che potrei subirlo No, mai e sono certo/a che non lo subirò Si, ho subito un atto di violenza fisica Si, ho subito un atto di violenza psicologica Si, ho subito un atto di violenza sessuale Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 16

17 Occorre sottolineare come il timore di poter subire in futuro un gesto di bullismo venga manifestato in misura nettamente superiore dai ragazzi di sedici anni. Si è osservata una correlazione molto forte anche con l età, dalla lettura dei dati emerge un livello di preoccupazione tra i più giovani che decresce gradualmente con la crescita ( età). Hai mai subito un atto di bullismo a scuola da parte dei compagni? No, ma temo che potrei subirlo No, ma temo che potrei subirlo fino a 14 anni 15 anni 16 anni 17anni 18 e oltre Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 17

18 Alla fine del questionario è stato lasciato uno spazio libero, perché, eventualmente, gli studenti testimoniassero in breve senza fare nomi episodi di bullismo avvenuti nella propria scuola. A conferma di quanto sia sentita la gravità del problema preso in esame, sono stati 6 gli intervistati che hanno inteso dare una loro diretta testimonianza. Vediamone alcune particolarmente emblematiche: Un ragazzo è stato costretto a consegnare del denaro e la colazione a un ragazzo più grande Si sono tirati i gavettoni Due montenegrini fuori della scuola hanno picchiato un ragazzo Un giorno all uscita, c era un ragazzo che picchiava un altro ragazzo disabile io sono intervenuto in difesa del ragazzo disabile e lo ho difeso Si quello che avvenne da parte dei montenegrini, e non gli è stato fatto niente Avvengono molti episodi. I più frequenti sono quelli di violenza fisica tra ragazzi, contro una ragazza o un disabile Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 18

19 Conclusioni I risultati della nostra indagine sul bullismo rivelano che non è necessario che le vittime designate possiedano segni discriminanti particolari: è sufficiente rivelare le proprie debolezze, le difficoltà con gli studi o solo essere psicologicamente fragile per rischiare di diventare bersaglio di prepotenti, di chi cerca di affermare se stesso negando gli altri. E doveroso, da parte nostra, intervenire per evitare atteggiamenti omertosi. Vivere in contesto scolastico senza paure è il primo passo, non solo verso un apprendimento propositivo ma soprattutto verso una società più tollerante e giusta. Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 19

20 APPENDICE Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 20

21 QUESTIONARIO SUL BULLISMO 1. Scuola frequentata: I.P.S.O.E. A 2. Classe frequentata: 1. prima 2. seconda 3. Terza/sez 4.quarta 5. quinta 3. Tu sei: 1.maschio 2.femmina 4. Quanti anni hai? Specifica qui : 5. In che misura consideri atti di bullismo i seguenti comportamenti (oltre naturalmente agli atti di violenza fisica) che si osservano a volte fra compagni di scuola? (ATTENZIONE: fai una crocetta per ogni voce IN CIASCUNA RIGA) molto Un poco Per nulla 5A Insultare o offendere a parole un compagno/compagna più debole B Parlare male di qualcuno con un compagno/compagna C Prendere pesantemente in giro D Mettere in imbarazzo, umiliare un compagno di fronte ad altri E Pretendere obbedienza, anche con minacce, da un compagno F Pretendere la consegna di piccole somme di denaro o di oggetti personali G Fare telefonate o SMS molesti H Fare scherzi pesanti ad un compagno/ compagna I Costringere a subire molestie sessuali K Diffondere foto o video che riguardano compagni L Emarginare, isolare un compagno/una compagna Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 21

22 6. A quali di questi comportamenti ti è capitato di assistere personalmente nella tua scuola? (ATTENZIONE: fai una crocetta per ogni voce IN CIASCUNA RIGA) 6A Insulti o altre offese a parole nei confronti di un compagno/compagna 1 2 6B Sentire un compagno/una compagna parlare male di altri ragazzi 1 2 6C 6D 6E Veder prendere pesantemente in giro, mettere in imbarazzo, umiliare un compagno/una compagna Il pretendere obbedienza, anche con minacce, da un compagno/una compagna Pretendere la consegna di piccole somme di denaro o di oggetti personali SI NO F Fare telefonate o SMS molesti 1 2 6G Fare scherzi pesanti ad un compagno in difficoltà 1 2 6H Episodi di molestie sessuali 1 2 6I La diffusione di foto o video che riguardano compagni 1 2 6K Vedere emarginare, isolare un compagna/una compagna In quali luoghi ti è captato di assistere ad episodi di bullissimo da parte di giovani? (ATTENZIONE: fai una crocetta per ogni voce IN CIASCUNA RIGA) 7 In classe 1 2 A 7 A scuola fuori dall aula 1 2 B 7C All uscita dalla scuola In pullman 1 2 D 7E In discoteca 1 2 7F Per strada G 7 H Allo stadio, al palasport 1 2 In un altro luogo: 1 2 (ATTENZIONE: alle successive domande n. 8, 9 e 10 rispondi solo se ti è capitato di assistere ad un atto di bullismo NELLA TUA SCUOLA, se non CONTINUA saltando alla domanda n. 11) SI NO Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 22

23 8. Chi è stato vittima di quell atto di bullismo? 1. Una ragazza 2. un ragazzo 9. L atto di bullismo, di cui sei stato/a testimone nella tua scuola, ha riguardato (puoi fare più crocette) SI NO 9A Un immigrato/un immigrata 1 2 9B Un omosessuale 1 2 9C Un/una disabile 1 2 9D Altro compagno 1 2 9E Un/una insegnante Di fronte a quell atto di bullismo qual è stata la tua reazione? (qui FAI UNA SOLA CROCETTA) Non vi ho dato molta importanza, è abbastanza normale Non sono intervenuto/a perché non erano affari miei Mi sono sentito/a a disagio, ma non ho osato intromettermi Ho chiesto l intervento di altri compagni Ho chiesto l intervento di un insegnante/di un bidello Sono intervenuto/a direttamente a difesa del compagno 11. Tu hai mai subìto un atto di bullismo a scuola da parte di compagni? (qui puoi fare anche più di una crocetta) 11A No, ma temo che potrei subirlo 11B No, mai e sono certo/a che non lo subirò 11C Si, ho subito un atto di violenza fisica 11D Si, ho subito un atto di violenza psicologica 11E Si, ho subito un atto di violenza sessuale 12. Se vuoi puoi descrivere, senza fare nomi, un episodio di bullismo eventualmente avvenuto nella tua scuola: GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 23

24 Prof. D Adamo - Menga -Serafino Pagina 24

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine

Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine PROGETTO BULLISMO Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine A cura di Gianluca Gini Facoltà di Psicologia, Università degli Studi di Padova L attenzione per il fenomeno del

Dettagli

Aggressività: violenza, furti e bullismo

Aggressività: violenza, furti e bullismo Aggressività: violenza, furti e bullismo Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario completato

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input IL MIO CORSO SONALE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e del percorso di

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

BU B L U LIS I MO: che h e cos'è?

BU B L U LIS I MO: che h e cos'è? Siamo convinti che di questi argomenti non se ne parli mai troppo ed abbiamo trovato molto utile la presenza a scuola degli adulti disponibili all'incontro perché ci fa capire che non siamo soli, nel bene

Dettagli

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011 Società Cooperativa Sociale CRISALIDE - ONLUS Sede Legale: Via Europa n. 228-24069 Luzzana (BG) cell. 3316643586-3298954439 - 3298885363 fax: 035 19962686 www.cooperativacrisalide.it - info@cooperativacrisalide.it

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Laura Volpini 28 Marzo 2007 Università di Roma La Sapienza Il perché del numero verde: Richiesta da parte

Dettagli

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati raccolti in provincia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Sgonfiamo il bullo!!!

Sgonfiamo il bullo!!! Sgonfiamo il bullo!!! Questo progetto pilota ideato e curato dalla Dottoressa Onorina del Mauro, psicologa e psicoterapeuta, in stretta collaborazione con la Professoressa Cristina dell Orco è stato realizzato

Dettagli

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Marzo 2013 Bozza 11/07/2013 Introduzione... 1 Metodi... 1 Risultati... 1 Discussione... 5 Conclusioni... 6 Introduzione Nell ottobre 2012, in seguito ad un

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO NELLA SCUOLA Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO CHE COS È IL BULLISMO? Elementi per riconoscere un vero atto di bullismo: L INTENZIONALITA dell atto avviene quando

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA?

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? LUOGHI COMUNI SUL BULLISMO IL BULLISMO ESISTE SOLO NEI CONTESTI DEGRADATI IL BULLISMO E UNA QUESTIONE TRA MASCHI LA VIOLENZA FISICA VA CONTRASTATA, LE ALTRE PREPOTENZE

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE GAETANO FILANGIERI - FORMIA In collaborazione con Coop. Spazio Incontro Onlus Progetto A scuola..tutti presenti!

Dettagli

Progetto: Cultura della legalità

Progetto: Cultura della legalità Progetto: Cultura della legalità USP di Sondrio A.S. 2005/2006/2007/2008 Quartarone Antonella (Docente Coordinatrice) Componenti del Gruppo di lavoro Coordinatrice: Quartarone Antonella (docente) Referenti

Dettagli

Questura di Piacenza

Questura di Piacenza Questura di Piacenza Ufficio Relazioni con il Pubblico Atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica o psicologica commessi da un soggetto "forte" (bullo) nei confronti di uno "debole" (vittima)

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Il Bullismo. Cos è? I protagonisti. http://www.squarciagola.net/cyberbullismo/images/fbfiles/imag es/bullismo.jpg

Il Bullismo. Cos è? I protagonisti. http://www.squarciagola.net/cyberbullismo/images/fbfiles/imag es/bullismo.jpg Il Bullismo Cos è? Il bullismo è un comportamento violento che può implicare molestie verbali (parolacce o dicerie sulla vittima), aggressioni fisiche, anche dovute a discriminazioni etniche, confessionali

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani UDIA: QUANTI SIAMO? I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani 1 giornata: Oggi è un giorno speciale, c'è un compleanno da festeggiare,la festeggiata assumerà

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Nome........ Classe. SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Perché perché Ci sono tanti buoni motivi per impegnarsi nello stage? Individua 3 buoni motivi per cui ritieni che valga la

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Le istituzioni

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15 Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti a. s. 2014/15 Il questionario genitori è stato somministrato durante il secondo colloquio quadrimestrale. Pertanto il campione esaminato è costituito

Dettagli

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 SPAZIO GIOVANI A chi rivolgersi: Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 Dove: Piazzale Milano, 2 2 piano - blocco B Fax: 0523.317735 Email:

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

IL BULLISMO. Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo

IL BULLISMO. Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo IL BULLISMO Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo Bullying Bullismo Prepotenze Bullying Dan Olweus 1978 Bullo = persona arrogante, violenta o anche colui che ostenta la sua vanità maschile mediante atteggiamenti

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

PROMECO SERT- AUSL FERRARA

PROMECO SERT- AUSL FERRARA PROMECO Promeco è un servizio pubblico gestito congiuntamente da Comune e Azienda Usl di Ferrara in un rapporto di convenzione con la Provincia di Ferrara. Progetta e svolge interventi educativi con tutte

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico AUTORI: prof.ssa Francesca Ercoli, Pitscheider Christian, Di Marino Luca, Massacci Sara, Rautmann Anna. INTRODUZIONE:

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Attività per la scuola secondaria di II grado

Attività per la scuola secondaria di II grado Attività per la scuola secondaria di II grado Il punto di esplosione Gli adolescenti sperimentano ed esprimono la rabbia in diversi modi. Alcuni esplodono da un momento all altro, apparentemente senza

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Prodotti dell attività laboratoriale. Bullismo: una realtà da non sottovalutare. scuola secondaria 1 grado Pinocchio cl 2B prof. G.

Prodotti dell attività laboratoriale. Bullismo: una realtà da non sottovalutare. scuola secondaria 1 grado Pinocchio cl 2B prof. G. Prodotti dell attività laboratoriale Bullismo: una realtà da non sottovalutare scuola secondaria 1 grado Pinocchio cl 2B prof. G. Fava MOTIVAZIONE DEL PERCORSO E DELLE SCELTE ATTUATE Classe: II B N. ALUNNI:

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti

Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Il docente agli occhi dello studente Due scuole partner hanno somministrato il questionario Il docente agli

Dettagli

" Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale"

 Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Punto della Rete informativa per

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Sistema qualità IC 16 Verona

Sistema qualità IC 16 Verona Sistema qualità IC 16 Verona Formazione 2012-2013 Report dei questionari di gradimento somministrati al Collegio dei Docenti del 21/06/2013 Studio 06 Giugno 2013 Anno Scolastico 2012-2013 Introduzione

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI.

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM Per capire bene come si sente un bambino con DFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA immagina di trovarvi

Dettagli

Questionario di gradimento dello studente Req. 8.2.1 UNI EN ISO 9001:2008

Questionario di gradimento dello studente Req. 8.2.1 UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO SUPERIORE NINO BIXIO CF: 82009030634 - cod. mecc: NAIS086001 ISTITUTO TECNICO TRASPORTI MARITTIMI E LOGISTICA cod. mecc: NATH086011 Conduzione del mezzo navale - Conduzione di apparati ed impianti

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

A cura di dott.ssa Simona Diana, psicologa referente peer education AUSL MO Area Nord e Area Centro.

A cura di dott.ssa Simona Diana, psicologa referente peer education AUSL MO Area Nord e Area Centro. Progetto: Educazione tra pari in tema di affettività, sessualità e tutela della salute riproduttiva (con eventuale integrazione a progetto SerT- scuole libere da alcol in alcuni Istituti scolastici) A

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli