Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato"

Transcript

1 1 Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

2 2

3 Metodologia e campione Lo studio è stato realizzato in due fasi. A. STUDIO QUALITATIVO condotto mediante: 10 colloqui individuali in profondità con manager operanti nel settore della sanità pubblica e privata; 10 colloqui individuali in profondità con direttori del personale operanti in aziende dotate di sistemi e welfare aziendale e di sanità integrativa aziendale. B. STUDIO QUANTITATIVO interviste effettuale con l ausilio di sistemi di rilevazione online e telefonica - così suddivise: Interviste a soggetti operanti in aziende dotate di sistemi di welfare aziendale: o 835 Dirigenti aziendali; o 815 Lavoratori e lavoratrici non dirigenti; Dirigenti in pensione interviste a Imprenditori/rappresentanti di imprese dotate di sistemi di welfare aziendale. Le interviste sono state realizzate tra il 5 e il 30 novembre 2012 da G&G Associated. 3

4 4 Scenario

5 Scenario Stato Enti locali Welfare State Welfare Mix Terzo settore Reti Imprese e lavoratori Famiglie 5 Timori Rischio per di un aggravamento della pressione fiscale su aziende e lavoratori Percezione di assenza di Assenza di strategie per il Welfare strategie di welfare State del futuro Debito dello stato e degli enti locali

6 Scenario Le priorità/paure degli italiani Campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne (2.500 casi) Disoccupazione 92 Criminalità/corruzione 61 Povertà 38 Inefficienza del sistema sanitario 31 Debito pubblico 26 Inefficienza del sistema scolastico 18 Immigrazione 18 Altro 28 6 Studio G&G sulla popolazione italiana Febbraio

7 Conciliazione lavoro famiglia Sostegno alla formazione dei dipendenti e dei loro familiari Welfare mix aziendale Sanità integrativa Welfare aziendale Sostegno economico alle famiglie dei lavoratori Previdenza 7

8 Evoluzione del Welfare aziendale 100% 90% Graf. 1 - Welfare aziendale Secondo Lei, nei prossimi 4/5 anni, nelle aziende italiane il welfare aziendale... Base (totale campione soggetti in attività professionale) Non sa 10,9% Non sa 6,0% Non sa 15,2% Non sa 12,0% 80% 70% Subirà un 34% 41% ridimensionamento 34% 24% 60% 67% 50% 40% Rimarrà sui livelli 33% attuali 30% 30% 40% 30% 20% 10% Si diffonderà 23% sempre di più 23% 21% 24% 0% TOTALE (2.250) Dirigente in attività (835) Lavoratore non dirigente (815) Imprenditore (600) 8 Professione

9 Evoluzione del Welfare aziendale Perché il welfare aziendale subirà un ridimensionamento o rimarrà sui livelli attuali? (67% del campione in attività professionale) 1. Congiuntura economica sfavorevole Politiche di cost saving 2. Resistenze Scarsa consapevolezza dei benefici 3. Insufficienza degli incentivi fiscali/politiche di incentivazione da parte dello stato (5 per mille delle spese per prestazione lavorative) 4. Difficoltà di misurazione dei risultati Perché il welfare aziendale si diffonderà sempre di più? (23% del campione in attività professionale) 1. Contrazione del welfare state Aumento della domanda di welfare da parte dei lavoratori 2. Evoluzione organizzativa e competitiva Consapevolezza del miglioramento delle performance lavorative e aziendali per effetto delle politiche di welfare aziendale 3. Valida alternativa agli incentivi monetari Persistenza nel tempo dei risultati 9 4. Incremento degli incentivi fiscali

10 Welfare Variabili aziendale che incidono sul welfare aziendale Variazioni sociali, etniche e demografiche Enfasi sulle componenti immateriali Capitale Umano Relazionale Organizzativo Intellettuale Dinamiche Socio Demografiche Nuove forme familiari Bassa natalità Immigrazione Invecchiamento della popolazione + Beni immateriali Globalizzazione + Conoscenza - Lavoro - Capitale Fattori competitivi Mercati Modificazioni della domanda Cost reduction Modificazioni dell offerta + Sviluppo delle risorse umane + Identificazione degli alti potenziali Mercato del lavoro Nuove forme contrattuali Gender gap Instabilità occupazionale Dinamiche retributive Regole di contrattazione HRM Incremento del peso degli stakeholder interni 10 Incremento del peso degli stakeholder esterni Stato e Welfare state Inefficienze Debito pubblico Decrescita

11 Welfare integrativo e prestazioni aziendali Graf. 2 - Welfare aziendale Il Welfare aziendale e le prestazioni aziendali Base: Totale campione imprenditori e dirigenti attività Imprenditori (600) Dirigenti (835) Contribuisce a migliorare la produttività. 70% 88% Contribuisce a migliorare la qualità del prodotto/servizio. 70% 83% Concorre a migliorare i risultati economici e finanziari dell'impresa. 59% 79% Contribuisce a incrementare la competitività aziendale. 56% 74% Favorisce l'ingresso in azienda di lavoratori e lavoratrici particolarmente capaci. 50% 70% Fonte: G&G Associated 11 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

12 Welfare integrativo e prestazioni aziendali Creatività Condivisione obiettivi aziendali Riduzione tempi maternità Ambiente lavorativo Innovazione KM HRM Clima aziendale Propensione al team working Produttività Engagement Riduzione turnover TQM Qualità del prodotto Riduzione costi formazione Immagine aziendale Risultati economico finanziari Competitività 12

13 Welfare aziendale e incentivi alla sua diffusione Grafico 03 - Welfare aziendale Lo stato dovrebbe favorire la diffusione del Welfare aziendale attraverso incentivi fiscali, o di altro genere, alle imprese che se ne dotano? Base: Totale campione Lavoratori in attività e imprenditori Imprenditore (600) 74% Lavoratore non dirigente (815) 79% Dirigente in attività (835) 94% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 13

14 Welfare mix aziendale Grafico 4 - Welfare aziendale Benefit Attesi vs. Benefit disponibili Base: Lavoratori non dirigenti Sanità integrativa (a) 61% 78% Atteso Disponibile Programmi di prevenzione sanitaria (a) 13% 39% Contributi all'struzione dei figli (c) Contributi per l'asilo nido/voucher baby sitter (d) Telelavoro (b) 7% 3% 9% 35% 28% 31% Previdenza integrativa (f) Orario flessibile (b) 23% 37% 42% 34% Assicurazione sulla vita (f) 11% 24% Asilo nido (g) 1% 14% Prestiti/mutui (e) 6% 17% Ammesse più risposte 14

15 Welfare aziendale, benefit attesi Welfare aziendale Benefit attesi dal lavoratore, suddivisione per macro aree Inquadramento aziendale Genere Età Ammesse più risposte Totale Dirigente Lavoratore non dirigente Donna Uomo Fino a 39 anni Da 40 a 49 Da 50 a 59 Da 60 a 69 anni anni anni Più di 70 anni Base: lavoratori dipendenti in attività (dirigenti e non dirigenti) 100,0% 50,6% 49,4% 21,0% 79,0% 14,5% 24,8% 34,1% 19,3% 7,3% Sanità integrativa e salute (a) 91% 95% 87% 88% 92% 79% 90% 93% 97% 91% Previdenza sociale e assicurazioni (f) 67% 82% 51% 47% 72% 32% 62% 75% 80% 80% Orari e modalità di lavoro (b) 49% 37% 61% 67% 44% 70% 51% 47% 37% 41% Sostegno all'istruzione e alla cultura (c) 44% 45% 44% 35% 47% 43% 50% 46% 36% 46% Sostegno alla maternità/ paternità (d) 37% 31% 43% 44% 35% 67% 40% 25% 31% 38% Sostegno alle spese familiari (e) 36% 31% 41% 45% 33% 41% 36% 38% 27% 36% Servizi interni all'azienda (g) 21% 20% 23% 25% 20% 37% 20% 19% 17% 21% Fonte: G&G Associated 15

16 Welfare mix aziendale e Soddisfazione lavorativa Uomini 98,4% Sanità integrativa + Assicurazione vita + Orario flessibile 78,6% 77,3% Donne 86,9% Sanità integrativa + Orario flessibile 16 Soddisfazione Percentuale Media Complessiva (Totale campione lavoratori attivi) (Lavoratori attivi con particolari profili di Welfare mix aziendale)

17 Welfare aziendale e ciclo di vita familiare del dipendente Sanità e salute Orario e modalità di lavoro Servizi per i figli Maternità e paternità Servizi interni Sostegno alle spese familiari Istruzione e cultura Fino a 49 anni Da 50 a 60 anni Sanità e salute Previdenza sociale Assicurazione Sostegno alle spese familiari Istruzione e cultura Sanità e salute Previdenza sociale Assicurazione Istruzione e cultura Più di 60 anni 17

18 Welfare mix aziendale «Sistemi articolati di welfare (flexible benefit) producono effetti moltiplicativi sul benessere e la soddisfazione dei lavoratori. Questo accade soprattutto quando ai dipendenti è data la possibilità di creare pacchetti personalizzati di benefit, oltre a quelli previsti dal CCNL e dalla contrattazione di secondo livello.» Direttore per personale «Consapevoli della sempre più remota possibilità di poter contare sia sulla stabilità occupazionale per l'intero ciclo di vita lavorativa, sia su avanzamenti di carriera e remunerativi lineari, i lavoratori, soprattutto quelli a più alto potenziale professionale, tendono a privilegiare aziende che appaiono disposte a: Garantire opportunità di sviluppo professionale, da poter accumulare ed eventualmente utilizzare come "assicurazione" per eventuali esigenze lavorative future; Assicurare buoni livelli di welfare aziendale e, più in generale, di reward.» Direttore per personale 18

19 Emerging Trends Welfare interaziendale Strumenti 2.0 Flexible benefit Misurazione dei risultati Learning Engagement Benefit integrativi aziendali Contrattazione di II livello Misurazione dei risultati 19 Benefit da CCNL Misurazione dei risultati

20 Servizio Sanitario Nazionale 20

21 Sostenibilità del SSN Evoluzione demografica SSN = f( ) Tecnologia (costi) PIL Previsioni di lungo periodo? 21

22 Percezione della sostenibilità del SSN «L'imponente riduzione dei fondi destinati alla sanità pubblica è tale da costringerci molto presto a valutare le priorità assistenziali verso le quali indirizzare le risorse disponibili. Saremo costretti a rivedere le classi di priorità e a dare la precedenza alle urgenze, alle cure oncologiche e alla non autosufficienza, a scapito delle attività programmate, soprattutto quelle di primo livello, quindi la visita specialistica, la prestazione strumentale, ecc.» Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Nord Italia «Un aspetto preoccupante del nostro sistema riguarda la tutela per la non autosufficienza nella quale l Italia è sostanzialmente priva di prestazioni pubbliche. A farsene carico sono soprattutto le famiglie, spesso mediante il supporto delle badanti.» Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Nord Italia 22

23 Percezione della sostenibilità del SSN 100% 90% 80% 70% 60% 50% Graf. 5 - Sistema sanitario nazionale Secondo Lei, nei prossimi 4/5 anni... Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione) Non sa 14% 13% 15% 5% Aumenteranno 7% 7% Rimarranno stabili 24% Non sa Migliorerà Rimarrà sui livelli attuali 9% 42% Non sa Sì Solo in parte 40% 30% 74% Diminuiranno 56% Peggiorerà 20% 10% 33% No 0%...le risorse destinate alla sanità pubblica...la qualità complessiva dei servizi il Sistema Sanitario Nazionale riuscirà a garantire gli stessi livelli di assistenza sanitaria che riesce a offrire oggi? 23

24 Percezione della sostenibilità del SSN Graf. 6 - Sistema sanitario nazionale Secondo Lei, nei prossimi 4/5 anni... Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione) 100% 90% 80% 13% 14% Non sa 3% Diminuirà 1% 6% 5% Rimarrà stabile 70% 60% 50% 40% 30% 78% 80% Aumenterà 20% 10% 0%... quale sarà l evoluzione della spesa che le famiglie italiane sosterranno di tasca propria per l acquisto di beni e servizi sanitari?...il numero di famiglie che incontreranno difficoltà a sostenere spese sanitarie non coperte integralmente dal SSN 24

25 Percezione della sostenibilità del SSN Graf. 7 - Sistema sanitario nazionale Quali prestazioni saranno limitate o rimandate? Base: Totale campione imprenditori e dirigenti attività e non 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Non aumenterà il numero di famiglie che incontreranno difficoltà 6% Non sa Aumenterà il numero di famiglie che limiteranno o rimanderanno - Cure odontoiatriche - Prevenzione sanitaria 14% 55% 59% 80% - Visite mediche specialistiche - Esami diagnostici 39% 38% - Acquisto di farmaci - Assistenza per cronici / non autosufficienti - Cure mediche 12% 26% 25% 25 Fonte: G&G Associated - Altro 1% Ammesse più risposte

26 Sanità Integrativa Aziendale 26

27 La sanità integrativa La sanità in azienda è presente in circa il 15% delle aziende manifatturiere italiane, con picchi che superano il 25% in alcune aree del Nord, ma tali dati sono in rapida ascesa grazie a numerosi rinnovi contrattuali - anche di secondo livello - che al loro interno contemplano la sanità integrativa. «La sanità integrativa aziendale è uno strumento che si diffonderà sempre di più nelle aziende italiane, sia a causa delle difficoltà che sta attraversando la sanità pubblica, sia perché il valore per il dipendente è molto superiore all'equivalente in denaro o al costo per l'azienda. Anche i piani sanitari di fascia bassa consentono di ottenere prestazioni che in valore possono essere molto elevate, soprattutto quando il dipendente aggiunge la copertura sanitaria alla moglie e ai figli. E poi, avere un piano sanitario aziendale è anche un opportunità per condividere qualcosa d'importante.» Direttore per personale 27

28 Sanità integrativa, il punto di vista degli imprenditori Per imprenditori e direttori delle risorse umane, la sanità integrativa aziendale è uno strumento a elevato valore aggiunto e valida alternativa agli incentivi monetari, per i seguenti motivi: 1. Effetti positivi sul clima, l'ambiente di lavoro e l'immagine aziendale; 2. Effetti positivi sulle performance aziendali (turnover, senso di appartenenza, stato generale di salute, produttività, assenteismo, qualità del prodotto; ecc ) 3. Equilibrio tra costi e benefici; 4. Persistenza nel tempo dei suoi effetti; 5. Benefici fiscali. 28

29 Sanità integrativa, il punto di vista dei fruitori Più della metà del campione ha esteso la copertura sanitaria anche ad altri membri della famiglia e ciò, tenendo conto del fatto che questa tipologia di copertura è generalmente a carico dall'assistito, costituisce un affidabile indicatore del suo elevato value for money. 29

30 Sanità integrativa, il punto di vista dei fruitori Graf. 7 - Sanità integrativa aziendale La copertura sanitaria integrativa copre anche i suoi familiari? Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione dotati di S.I. al netto dei non rispondenti) 100% 90% 80% 70% 60% 14% 19% No Si, ma solo una parte 8% 9% 26% 17% 27% 14% 50% 40% 30% Sì, tutti i membri 67% della famiglia 67% 74% 59% 20% 10% 0% Dirigente in attività (835) Dirigente in pensione (800) Lavoratore non dirigente (605) 30 TOTALE (2.240) Attività

31 Incentivi alla Sanità integrativa aziendale Graf. 8 - Sanità integrativa aziendale In assenza di una copertura sanitaria aziendale, si sarebbe dotato, pagandola di tasca propria, di un fondo o di una assicurazione sanitaria integrativa? Base (totale campione soggetti in attività professionale 100% 1% 90% 80% 21% Non sa 42% 35% 27% 70% 60% 50% 37% No 20% 48% 40% 30% 20% 42% Sì 56% 45% 10% 25% 0% Dirigente in attività (835) Dirigente in pensione (800) Lavoratore non dirigente (815) 31 TOTALE (2.250) Attività

32 Sanità integrativa e prevenzione «Oltre alle aree non garantite dai LEA, alle prestazioni odontoiatriche e quelle di long term care, la sanità integrativa aziendale dovrebbe essere più orientata verso la prevenzione sanitaria, un ambito di attività che non solo porterebbe beneficio alla salute dei lavoratori e alla competitività delle imprese, ma consentirebbe di abbattere considerevolmente i costi per la cura di moltissime patologie.» Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Nord Italia 32

33 Sanità integrativa e prevenzione Graf. 9 - Sanità integrativa Da quando ha una copertura sanitaria integrativa, i suoi comportamenti sono cambiati? Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione dotati di S.I. al netto dei non rispondenti) 13% Migliori cure 11% 19% Più prevenzione sanitaria 11% 18% 22% Lavoratore non dirigente (815) Dirigente in pensione (800) Dirigente in attività (835) 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 33

34 Sanità integrativa aziendale e SSN Sanità integrativa aziendale come strumento da affiancare al Sistema Sanitario Nazionale? 1. gli intervistati sono generalmente favorevoli. 2. Emergono timori soprattutto tra i lavoratori non dirigenti e gli imprenditori: per un indebolimento dell'universalismo del Servizio Sanitario Nazionale per la possibilità che tali politiche pesino, dal punto di vista degli oneri, solo su imprese e lavoratori. 34

35 Sanità integrativa aziendale e SSN Graf Sanità integrativa Negli ultimi anni si guarda alla sanità integrativa aziendale come a uno strumento da affiancare sempre più al Sistema Sanitario Nazionale. Lei cosa pensa di questa tendenza? D'accordo 19% 14% Lavoratore non dirigente (815) Imprenditore (600) D'accordo a patto che non limiti equità e universalità 2% 30% D'accordo, ma non può pesare solo su imprese e i lavoratori 10% 32% E' un tema molto complesso, sarebbe necessario avere più informazioni 26% 22% E' inevitabile, per garantire la sostenibilità del SSN 7% 18% In Disaccordo 3% Altro 5% 12% 35

36 Sanità integrativa aziendale e SSN «"Abbiamo iniziato a lavorare con i Fondi diversi anni fa e ciò ci ha consentito di ottenere finanziamenti aggiuntivi, a quelli regionali, da reinvestire nei servizi previsti dal Sistema Sanitario Nazionale. Ad esempio, un paziente che vuole fare un intervento chirurgico programmato (sia ben chiaro, non parlo di cure oncologiche, urgenze ed emergenze che sono garantite a tutti nello stesso modo) genererà un costo. Se intervenisse un soggetto terzo a sostenere quel costo, che comunque la mia struttura avrebbe sostenuto, potrei effettuare l'intervento fuori orario - ottimizzando così l'uso delle strutture ospedaliere - e destinare quelle risorse alle prestazioni d'urgenza o a ridurre i tempi di attesa. Tuttavia, attivare questo tipo di sinergie è complesso, dal momento che necessitano di un cambiamento culturale e di un processo di riorganizzazione dell'intera struttura dei servizi a pagamento che nel pubblico sono sempre state viste come esclusivamente legate al diritto del medico di esercitarle. Inoltre, l inserimento di questo tipo di attività all interno di una struttura pubblica, se non gestita correttamente, rischia di creare discriminazioni. Ma se questa attività fosse concepita per migliorare il servizio nella sua globalità e per sfruttare pienamente tutte le risorse messe a disposizione dalle strutture pubbliche, allora potrebbe davvero costituire un "secondo pilastro" alla sanità. Se a ciò si aggiunge che a una buona sanità pubblica corrisponde sempre una buona sanità privata, ne ricaviamo che interventi di questo tipo potrebbero incidere positivamente sull'efficienza ed efficacia dell'intero sistema." Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Centro Italia 36

37 37

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca Logo FASI Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato Sintesi dei risultati di ricerca Studio realizzato da G&G Associated in occasione dei 35 anni di attività

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

Flexible Reward e Piani di Welfare

Flexible Reward e Piani di Welfare BBF&Partners Servizi per la Gestione delle Risorse Umane Flexible Reward e Piani di Welfare Soluzioni web-based per sistemi flessibili di remunerazione non monetaria con benefici fiscali e contributivi

Dettagli

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA DoubleYou è il partner per le aziende che vedono il Welfare come una leva strategica per lo sviluppo delle Risorse Umane, Soluzioni innovative per aumentare motivazione, produttività e senso di appartenenza

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014 Il welfare aziendale Roma 19 maggio 2014 Agenda Contenuti Cos è il welfare aziendale Le opportunità del welfare aziendale Implementazione di un piano di welfare aziendale Profili giuslavoristici Come finanziare

Dettagli

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Sfide per le imprese in un contesto di crisi: valorizzare il capitale umano e intellettuale, fattore chiave di successo competitivo

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato LogoFASI FONDO ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Losviluppodellasanitàintegrativa. Sinergietrawelfarepubblicoewelfareprivato Sintesideirisultatidiricerca StudiorealizzatodaG&GAssociatedinoccasionedei35annidiattivitàdelFASI

Dettagli

Assistenza sanitaria. Dott.ssa Fiammetta Fabris Direttore Operativo Unisalute S.p.A

Assistenza sanitaria. Dott.ssa Fiammetta Fabris Direttore Operativo Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Direttore Operativo Unisalute S.p.A 1 Agenda L assistenza sanitaria nei CCNL Sanità integrativa e Organizzazioni Sindacali Le coperture dei dipendenti di

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

Welfare Aziendale Moderno: le risposte innovative della tecnologia applicata all HRM

Welfare Aziendale Moderno: le risposte innovative della tecnologia applicata all HRM by Welfare Aziendale Moderno: le risposte innovative della tecnologia applicata all HRM Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata WELFARE AZIENDALE a 360 Copertura e gestione

Dettagli

2011 CARTELLA STAMPA Ufficio Stampa ASSIDAI

2011 CARTELLA STAMPA Ufficio Stampa ASSIDAI 2011 CARTELLA STAMPA Ufficio Stampa ASSIDAI D'Antona&Partners Via San Vito, 7-20123 Milano Marco Fusco m.fusco@dandp.it - tel. diretto +39 02 85457029 - cell. +39 345 6538145 Diletta Puglisi d.puglisi@dandp.it

Dettagli

Sanità nazionale: sostenibilità, attese e prospettive

Sanità nazionale: sostenibilità, attese e prospettive Sanità nazionale: sostenibilità, attese e prospettive Welfare Italia, Meeting di rete Reggio Emilia 3 settembre 2014 Carla Collicelli Fondazione Censis Carla Collicelli - Fondazione CENSIS 1 Tre grandi

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Rosita d Angiolella Comitato tecnico Scientifico Osservatorio Famiglia Festival della Famiglia Riva del Garda Politiche familiari

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014 FORUM HR 2014 Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo Roma, 19 maggio 2014 Tiziana Tafani Ufficio Relazioni Sindacali La produttività, la competitività

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative

Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Matteo Lippi Bruni e Cristina Ugolini Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Roma, 3 Ottobre 2012 Le motivazioni di una ricerca sulle Mutue

Dettagli

2013 - UNO SGUARDO AL. Veneto Banca, SAS e Juventus FUTURO DEI BENEFIT: Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012

2013 - UNO SGUARDO AL. Veneto Banca, SAS e Juventus FUTURO DEI BENEFIT: Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 2013 - UNO SGUARDO AL FUTURO DEI BENEFIT: Veneto Banca, SAS e Juventus Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Welfare Aziendale Nuove frontiere

Welfare Aziendale Nuove frontiere Welfare Aziendale Nuove frontiere Il contesto: nuovi bisogni e nuove soluzioni Ritiro del Welfare State a causa della spending review e della riduzione dei fondi di welfare pubblico. Nascita di nuovi servizi

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Welfare aziendale Gli scenari evolutivi Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale

Welfare aziendale Gli scenari evolutivi Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale Welfare aziendale Gli scenari evolutivi Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale Lorenzo Bandera Laboratorio "Percorsi di Secondo Welfare" Centro di Ricerca e Documentazione Luigi

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015

COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015 COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015 OLTRE L ATTUALE WELFARE INTEGRATIVO: RINNOVARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LA SANITÀ INTEGRATIVA Presentata durante la V edizione del Welfare Day l analisi delle prestazioni

Dettagli

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia 1. IL WELFARE AZIENDALE 1.1. Cos è il Welfare aziendale Per welfare aziendale

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-354 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Trent anni di Servizio sanitario nazionale: come è cambiata l Italia e la

Dettagli

Le imprese assicuratrici italiane di fronte alle grandi sfide ambientali e sociali

Le imprese assicuratrici italiane di fronte alle grandi sfide ambientali e sociali Le imprese assicuratrici italiane di fronte alle grandi sfide ambientali e sociali Dott.ssa Maria Bianca Farina Vice Presidente ANIA - Amministratore Delegato Poste Vita Roma ANIA, 4 novembre 2014 Il settore

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Associazione Italiana per l Previdenza e Assistenza Complementare Giornata Nazionale della Previdenza Milano, Palazzo Mezzanotte 15 maggio 2015 WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Indice Di cosa

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 SDA Bocconi School of Management Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 Agenda Il disegno di ricerca Il campione di analisi Alcuni risultati della ricerca Le riflessioni 2 3 DISEGNO DI RICERCA:

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

I FLEXIBLE BENEFITS: un modello innovativo di Welfare. Convegno ASSOFIN, 16 ottobre 2012

I FLEXIBLE BENEFITS: un modello innovativo di Welfare. Convegno ASSOFIN, 16 ottobre 2012 I FLEXIBLE BENEFITS: un modello innovativo di Welfare Convegno ASSOFIN, 16 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente pressione fiscale e

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010 Comitato scientifico Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza Roma 6 Dicembre 2010 1 I problemi della sanità pubblica Pur senza entrare nei dettagli delle stime di crescita della spesa

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

Welfare Aziendale: finalità

Welfare Aziendale: finalità Progetto WELFA-RE Welfare Aziendale: finalità Il Welfare Aziendale (WA) è un insieme di misure consistenti in beni, servizi e prestazioni che l Azienda offre ai Dipendenti in via unilaterale o bilaterale

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI

SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI Si va oltre la proposta Unipol-Censis ipotizzando il sostengo alla previdenza integrativa con forme di defiscalizzazione.

Dettagli

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index Iniziative di Welfare per i dipendenti Index Storia Nel 1948, a Milano, Valerio Gilli fonda Inaz Un azienda familiare, oggi condotta da Linda Gilli Una storia di innovazione continua dedicata ai professionisti

Dettagli

2013 - UNO SGUARDO AL

2013 - UNO SGUARDO AL 2013 - UNO SGUARDO AL FUTURO DEI BENEFIT: Veneto Banca, SAS e Juventus Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O.

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. I ncontri idee&fatti 30 marzo 2015 anno V WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche adottano i Flexible Benefits n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche

Dettagli

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA indagine AstraRicerche per Manageritalia e Edwi HR - 19 maggio 2014-1 LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Dott. Andrea Pezzi Direttore Generale Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Integrativa: Quali prospettive?

Dettagli

IL LAVORO NEL NONPROFIT

IL LAVORO NEL NONPROFIT IL LAVORO NEL NONPROFIT Evidenze dai lavori dell Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Un progetto: Giovanni Medi, Fondazione Sodalitas Responsabile 5^ Conferenza Nazionale della Donazione Isola

Dettagli

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012 WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE Mario Molteni 22 maggio 2012 1 Welfare aziendale, al cuore della CSR PROFIT Equitable Sustainable Bearable Viable PLANET PEOPLE CULTURA ed ENGAGEMENT

Dettagli

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di servizi in una logica di sussidiarietà pubblico - privato

Dettagli

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 17.000 dipendenti nel mondo 400 uffici in 140 Paesi il broker

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

I SISTEMI DI COMPENSATION:

I SISTEMI DI COMPENSATION: I SISTEMI DI COMPENSATION: STATO DELL ARTE E TENDENZE - 29 GENNAIO 2015 - www.odmconsulting.com REWARD & PERFORMANCE I SISTEMI DI COMPENSATION I TREND www.odmconsulting.com L approccio al Total Reward

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

L occasione welfare aziendale

L occasione welfare aziendale L occasione welfare aziendale Più Azienda meno Stato UNA POSSIBILE ALLEANZA TRA IMPRESE E OPERE SOCIALI Perché le aziende possono pensare e realizzare piani di welfare aziendale Per dare ai propri dipendenti

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. Project Work a cura di: Marcello Andriola Daniele Boscari Angela Fedele Marta Pedronetto Valentina Selmi

WELFARE AZIENDALE. Project Work a cura di: Marcello Andriola Daniele Boscari Angela Fedele Marta Pedronetto Valentina Selmi WELFARE AZIENDALE Project Work a cura di: Marcello Andriola Daniele Boscari Angela Fedele Marta Pedronetto Valentina Selmi Cos è il welfare aziendale? Benefit e servizi forniti dall azienda ai propri dipendenti

Dettagli

Odontoiatria e medicina estetica, nel tempo della crisi Nuovi significati per la cura del sorriso

Odontoiatria e medicina estetica, nel tempo della crisi Nuovi significati per la cura del sorriso Odontoiatria e medicina estetica, nel tempo della crisi Nuovi significati per la cura del sorriso Sintesi dei risultati Milano, Novembre 2014 PREMESSA 2 Premessa AIOP, Accademia Italiana di Odontoiatria

Dettagli

Gli italiani sono consapevoli e pronti per la Grey Zone?

Gli italiani sono consapevoli e pronti per la Grey Zone? Gli italiani sono consapevoli e pronti per la Grey Zone? UBI Pramerica ha intervistato un campione rappresentativo di italiani per scoprire le loro aspettative sul tenore di vita negli anni che precedono

Dettagli

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 SDA Bocconi School of Management Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 cristina.filannino@sdabocconi.it 1 Cosa motiva le

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Caratteristiche e potenzialità del secondo welfare

Caratteristiche e potenzialità del secondo welfare Caratteristiche e potenzialità del secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Seminario promosso

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech. Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata

Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech. Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata by Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata Copertura e gestione dell intera gamma dei servizi di supporto al

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Convegno Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Quale futuro per le persone nel nonprofit Milano Lunedì 23 maggio 2005 Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Carlo

Dettagli

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014

FORUM HR 2014. Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo. Roma, 19 maggio 2014 FORUM HR 2014 Laboratorio n. 2 Le persone nell mpresa: benessere organizzativo, performance e management positivo Roma, 19 maggio 2014 Tiziana Tafani Ufficio Relazioni Sindacali La produttività, la competitività

Dettagli

La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo.

La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo. Per chi vuole saperne di più. La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo. L Italia sta diventando un paese per vecchi. Dal 2001 al 2011 gli over 65 anni sono passati dal 18,7%

Dettagli

LA SFIDA DI FILO DIRETTO. G. Ventura

LA SFIDA DI FILO DIRETTO. G. Ventura LA SFIDA DI FILO DIRETTO Lo scenario attuale Assicurazioni Pubblico Contributo finanziario Erogazione Servizi Carenza/Assenza erogazione di Servizi Crescente carenza risorse finanziarie Il modello: as

Dettagli

Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli)

Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli) Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli) 1. Fenomeni demografici, economici e sociali che influenzano ed influenzeranno sempre più la DOMANDA SOCIALE: a) invecchiamento e crescita del numero

Dettagli

Il welfare aziendale in Italia

Il welfare aziendale in Italia Il welfare aziendale in Italia Alcuni spunti dal primo rapporto sul Secondo welfare in Italia In quale quadro si inseriscono le misure regionali lombarde in ordine allo sviluppo del welfare aziendale e

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena Provincia IL BILANCIO DI GENERE della 1 Lo sviluppo delle capacità umane nell attività di Gender Auditing Il ruolo della società e delle istituzioni dovrebbe essere quello di stimolare e promuovere la

Dettagli

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA Le Acli di Padova hanno una rete di 22 associazioni di famiglie che promuovono servizi per l infanzia e la famiglia.

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

La dimensione economica

La dimensione economica Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale La dimensione economica dei servizi territoriali Patrizio Armeni CERGAS e SDA Bocconi Agenda Premessa: la dimensione economica Il finanziamento

Dettagli

La salute si paga cara POVERTÀ E CURE MEDICHE

La salute si paga cara POVERTÀ E CURE MEDICHE POVERTÀ E CURE MEDICHE TROPPE SPESE Per molte famiglie le cure indispensabili rappresentano un peso economicamente insostenibile. PRESTITI Non molto diffuse le assicurazioni sanitarie, piuttosto nel bisogno

Dettagli

Mappa di lavoro. La giornata propone una opzione di metodo e una opzione valoriale: Ancorarsi ai dati più che alle suggestioni

Mappa di lavoro. La giornata propone una opzione di metodo e una opzione valoriale: Ancorarsi ai dati più che alle suggestioni Mappa di lavoro La giornata propone una opzione di metodo e una opzione valoriale: Ancorarsi ai dati più che alle suggestioni per fare diagnosi dei problemi fondate su ipotesi organizzative e istituzionali

Dettagli