Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato"

Transcript

1 1 Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

2 2

3 Metodologia e campione Lo studio è stato realizzato in due fasi. A. STUDIO QUALITATIVO condotto mediante: 10 colloqui individuali in profondità con manager operanti nel settore della sanità pubblica e privata; 10 colloqui individuali in profondità con direttori del personale operanti in aziende dotate di sistemi e welfare aziendale e di sanità integrativa aziendale. B. STUDIO QUANTITATIVO interviste effettuale con l ausilio di sistemi di rilevazione online e telefonica - così suddivise: Interviste a soggetti operanti in aziende dotate di sistemi di welfare aziendale: o 835 Dirigenti aziendali; o 815 Lavoratori e lavoratrici non dirigenti; Dirigenti in pensione interviste a Imprenditori/rappresentanti di imprese dotate di sistemi di welfare aziendale. Le interviste sono state realizzate tra il 5 e il 30 novembre 2012 da G&G Associated. 3

4 4 Scenario

5 Scenario Stato Enti locali Welfare State Welfare Mix Terzo settore Reti Imprese e lavoratori Famiglie 5 Timori Rischio per di un aggravamento della pressione fiscale su aziende e lavoratori Percezione di assenza di Assenza di strategie per il Welfare strategie di welfare State del futuro Debito dello stato e degli enti locali

6 Scenario Le priorità/paure degli italiani Campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne (2.500 casi) Disoccupazione 92 Criminalità/corruzione 61 Povertà 38 Inefficienza del sistema sanitario 31 Debito pubblico 26 Inefficienza del sistema scolastico 18 Immigrazione 18 Altro 28 6 Studio G&G sulla popolazione italiana Febbraio

7 Conciliazione lavoro famiglia Sostegno alla formazione dei dipendenti e dei loro familiari Welfare mix aziendale Sanità integrativa Welfare aziendale Sostegno economico alle famiglie dei lavoratori Previdenza 7

8 Evoluzione del Welfare aziendale 100% 90% Graf. 1 - Welfare aziendale Secondo Lei, nei prossimi 4/5 anni, nelle aziende italiane il welfare aziendale... Base (totale campione soggetti in attività professionale) Non sa 10,9% Non sa 6,0% Non sa 15,2% Non sa 12,0% 80% 70% Subirà un 34% 41% ridimensionamento 34% 24% 60% 67% 50% 40% Rimarrà sui livelli 33% attuali 30% 30% 40% 30% 20% 10% Si diffonderà 23% sempre di più 23% 21% 24% 0% TOTALE (2.250) Dirigente in attività (835) Lavoratore non dirigente (815) Imprenditore (600) 8 Professione

9 Evoluzione del Welfare aziendale Perché il welfare aziendale subirà un ridimensionamento o rimarrà sui livelli attuali? (67% del campione in attività professionale) 1. Congiuntura economica sfavorevole Politiche di cost saving 2. Resistenze Scarsa consapevolezza dei benefici 3. Insufficienza degli incentivi fiscali/politiche di incentivazione da parte dello stato (5 per mille delle spese per prestazione lavorative) 4. Difficoltà di misurazione dei risultati Perché il welfare aziendale si diffonderà sempre di più? (23% del campione in attività professionale) 1. Contrazione del welfare state Aumento della domanda di welfare da parte dei lavoratori 2. Evoluzione organizzativa e competitiva Consapevolezza del miglioramento delle performance lavorative e aziendali per effetto delle politiche di welfare aziendale 3. Valida alternativa agli incentivi monetari Persistenza nel tempo dei risultati 9 4. Incremento degli incentivi fiscali

10 Welfare Variabili aziendale che incidono sul welfare aziendale Variazioni sociali, etniche e demografiche Enfasi sulle componenti immateriali Capitale Umano Relazionale Organizzativo Intellettuale Dinamiche Socio Demografiche Nuove forme familiari Bassa natalità Immigrazione Invecchiamento della popolazione + Beni immateriali Globalizzazione + Conoscenza - Lavoro - Capitale Fattori competitivi Mercati Modificazioni della domanda Cost reduction Modificazioni dell offerta + Sviluppo delle risorse umane + Identificazione degli alti potenziali Mercato del lavoro Nuove forme contrattuali Gender gap Instabilità occupazionale Dinamiche retributive Regole di contrattazione HRM Incremento del peso degli stakeholder interni 10 Incremento del peso degli stakeholder esterni Stato e Welfare state Inefficienze Debito pubblico Decrescita

11 Welfare integrativo e prestazioni aziendali Graf. 2 - Welfare aziendale Il Welfare aziendale e le prestazioni aziendali Base: Totale campione imprenditori e dirigenti attività Imprenditori (600) Dirigenti (835) Contribuisce a migliorare la produttività. 70% 88% Contribuisce a migliorare la qualità del prodotto/servizio. 70% 83% Concorre a migliorare i risultati economici e finanziari dell'impresa. 59% 79% Contribuisce a incrementare la competitività aziendale. 56% 74% Favorisce l'ingresso in azienda di lavoratori e lavoratrici particolarmente capaci. 50% 70% Fonte: G&G Associated 11 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

12 Welfare integrativo e prestazioni aziendali Creatività Condivisione obiettivi aziendali Riduzione tempi maternità Ambiente lavorativo Innovazione KM HRM Clima aziendale Propensione al team working Produttività Engagement Riduzione turnover TQM Qualità del prodotto Riduzione costi formazione Immagine aziendale Risultati economico finanziari Competitività 12

13 Welfare aziendale e incentivi alla sua diffusione Grafico 03 - Welfare aziendale Lo stato dovrebbe favorire la diffusione del Welfare aziendale attraverso incentivi fiscali, o di altro genere, alle imprese che se ne dotano? Base: Totale campione Lavoratori in attività e imprenditori Imprenditore (600) 74% Lavoratore non dirigente (815) 79% Dirigente in attività (835) 94% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 13

14 Welfare mix aziendale Grafico 4 - Welfare aziendale Benefit Attesi vs. Benefit disponibili Base: Lavoratori non dirigenti Sanità integrativa (a) 61% 78% Atteso Disponibile Programmi di prevenzione sanitaria (a) 13% 39% Contributi all'struzione dei figli (c) Contributi per l'asilo nido/voucher baby sitter (d) Telelavoro (b) 7% 3% 9% 35% 28% 31% Previdenza integrativa (f) Orario flessibile (b) 23% 37% 42% 34% Assicurazione sulla vita (f) 11% 24% Asilo nido (g) 1% 14% Prestiti/mutui (e) 6% 17% Ammesse più risposte 14

15 Welfare aziendale, benefit attesi Welfare aziendale Benefit attesi dal lavoratore, suddivisione per macro aree Inquadramento aziendale Genere Età Ammesse più risposte Totale Dirigente Lavoratore non dirigente Donna Uomo Fino a 39 anni Da 40 a 49 Da 50 a 59 Da 60 a 69 anni anni anni Più di 70 anni Base: lavoratori dipendenti in attività (dirigenti e non dirigenti) 100,0% 50,6% 49,4% 21,0% 79,0% 14,5% 24,8% 34,1% 19,3% 7,3% Sanità integrativa e salute (a) 91% 95% 87% 88% 92% 79% 90% 93% 97% 91% Previdenza sociale e assicurazioni (f) 67% 82% 51% 47% 72% 32% 62% 75% 80% 80% Orari e modalità di lavoro (b) 49% 37% 61% 67% 44% 70% 51% 47% 37% 41% Sostegno all'istruzione e alla cultura (c) 44% 45% 44% 35% 47% 43% 50% 46% 36% 46% Sostegno alla maternità/ paternità (d) 37% 31% 43% 44% 35% 67% 40% 25% 31% 38% Sostegno alle spese familiari (e) 36% 31% 41% 45% 33% 41% 36% 38% 27% 36% Servizi interni all'azienda (g) 21% 20% 23% 25% 20% 37% 20% 19% 17% 21% Fonte: G&G Associated 15

16 Welfare mix aziendale e Soddisfazione lavorativa Uomini 98,4% Sanità integrativa + Assicurazione vita + Orario flessibile 78,6% 77,3% Donne 86,9% Sanità integrativa + Orario flessibile 16 Soddisfazione Percentuale Media Complessiva (Totale campione lavoratori attivi) (Lavoratori attivi con particolari profili di Welfare mix aziendale)

17 Welfare aziendale e ciclo di vita familiare del dipendente Sanità e salute Orario e modalità di lavoro Servizi per i figli Maternità e paternità Servizi interni Sostegno alle spese familiari Istruzione e cultura Fino a 49 anni Da 50 a 60 anni Sanità e salute Previdenza sociale Assicurazione Sostegno alle spese familiari Istruzione e cultura Sanità e salute Previdenza sociale Assicurazione Istruzione e cultura Più di 60 anni 17

18 Welfare mix aziendale «Sistemi articolati di welfare (flexible benefit) producono effetti moltiplicativi sul benessere e la soddisfazione dei lavoratori. Questo accade soprattutto quando ai dipendenti è data la possibilità di creare pacchetti personalizzati di benefit, oltre a quelli previsti dal CCNL e dalla contrattazione di secondo livello.» Direttore per personale «Consapevoli della sempre più remota possibilità di poter contare sia sulla stabilità occupazionale per l'intero ciclo di vita lavorativa, sia su avanzamenti di carriera e remunerativi lineari, i lavoratori, soprattutto quelli a più alto potenziale professionale, tendono a privilegiare aziende che appaiono disposte a: Garantire opportunità di sviluppo professionale, da poter accumulare ed eventualmente utilizzare come "assicurazione" per eventuali esigenze lavorative future; Assicurare buoni livelli di welfare aziendale e, più in generale, di reward.» Direttore per personale 18

19 Emerging Trends Welfare interaziendale Strumenti 2.0 Flexible benefit Misurazione dei risultati Learning Engagement Benefit integrativi aziendali Contrattazione di II livello Misurazione dei risultati 19 Benefit da CCNL Misurazione dei risultati

20 Servizio Sanitario Nazionale 20

21 Sostenibilità del SSN Evoluzione demografica SSN = f( ) Tecnologia (costi) PIL Previsioni di lungo periodo? 21

22 Percezione della sostenibilità del SSN «L'imponente riduzione dei fondi destinati alla sanità pubblica è tale da costringerci molto presto a valutare le priorità assistenziali verso le quali indirizzare le risorse disponibili. Saremo costretti a rivedere le classi di priorità e a dare la precedenza alle urgenze, alle cure oncologiche e alla non autosufficienza, a scapito delle attività programmate, soprattutto quelle di primo livello, quindi la visita specialistica, la prestazione strumentale, ecc.» Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Nord Italia «Un aspetto preoccupante del nostro sistema riguarda la tutela per la non autosufficienza nella quale l Italia è sostanzialmente priva di prestazioni pubbliche. A farsene carico sono soprattutto le famiglie, spesso mediante il supporto delle badanti.» Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Nord Italia 22

23 Percezione della sostenibilità del SSN 100% 90% 80% 70% 60% 50% Graf. 5 - Sistema sanitario nazionale Secondo Lei, nei prossimi 4/5 anni... Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione) Non sa 14% 13% 15% 5% Aumenteranno 7% 7% Rimarranno stabili 24% Non sa Migliorerà Rimarrà sui livelli attuali 9% 42% Non sa Sì Solo in parte 40% 30% 74% Diminuiranno 56% Peggiorerà 20% 10% 33% No 0%...le risorse destinate alla sanità pubblica...la qualità complessiva dei servizi il Sistema Sanitario Nazionale riuscirà a garantire gli stessi livelli di assistenza sanitaria che riesce a offrire oggi? 23

24 Percezione della sostenibilità del SSN Graf. 6 - Sistema sanitario nazionale Secondo Lei, nei prossimi 4/5 anni... Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione) 100% 90% 80% 13% 14% Non sa 3% Diminuirà 1% 6% 5% Rimarrà stabile 70% 60% 50% 40% 30% 78% 80% Aumenterà 20% 10% 0%... quale sarà l evoluzione della spesa che le famiglie italiane sosterranno di tasca propria per l acquisto di beni e servizi sanitari?...il numero di famiglie che incontreranno difficoltà a sostenere spese sanitarie non coperte integralmente dal SSN 24

25 Percezione della sostenibilità del SSN Graf. 7 - Sistema sanitario nazionale Quali prestazioni saranno limitate o rimandate? Base: Totale campione imprenditori e dirigenti attività e non 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Non aumenterà il numero di famiglie che incontreranno difficoltà 6% Non sa Aumenterà il numero di famiglie che limiteranno o rimanderanno - Cure odontoiatriche - Prevenzione sanitaria 14% 55% 59% 80% - Visite mediche specialistiche - Esami diagnostici 39% 38% - Acquisto di farmaci - Assistenza per cronici / non autosufficienti - Cure mediche 12% 26% 25% 25 Fonte: G&G Associated - Altro 1% Ammesse più risposte

26 Sanità Integrativa Aziendale 26

27 La sanità integrativa La sanità in azienda è presente in circa il 15% delle aziende manifatturiere italiane, con picchi che superano il 25% in alcune aree del Nord, ma tali dati sono in rapida ascesa grazie a numerosi rinnovi contrattuali - anche di secondo livello - che al loro interno contemplano la sanità integrativa. «La sanità integrativa aziendale è uno strumento che si diffonderà sempre di più nelle aziende italiane, sia a causa delle difficoltà che sta attraversando la sanità pubblica, sia perché il valore per il dipendente è molto superiore all'equivalente in denaro o al costo per l'azienda. Anche i piani sanitari di fascia bassa consentono di ottenere prestazioni che in valore possono essere molto elevate, soprattutto quando il dipendente aggiunge la copertura sanitaria alla moglie e ai figli. E poi, avere un piano sanitario aziendale è anche un opportunità per condividere qualcosa d'importante.» Direttore per personale 27

28 Sanità integrativa, il punto di vista degli imprenditori Per imprenditori e direttori delle risorse umane, la sanità integrativa aziendale è uno strumento a elevato valore aggiunto e valida alternativa agli incentivi monetari, per i seguenti motivi: 1. Effetti positivi sul clima, l'ambiente di lavoro e l'immagine aziendale; 2. Effetti positivi sulle performance aziendali (turnover, senso di appartenenza, stato generale di salute, produttività, assenteismo, qualità del prodotto; ecc ) 3. Equilibrio tra costi e benefici; 4. Persistenza nel tempo dei suoi effetti; 5. Benefici fiscali. 28

29 Sanità integrativa, il punto di vista dei fruitori Più della metà del campione ha esteso la copertura sanitaria anche ad altri membri della famiglia e ciò, tenendo conto del fatto che questa tipologia di copertura è generalmente a carico dall'assistito, costituisce un affidabile indicatore del suo elevato value for money. 29

30 Sanità integrativa, il punto di vista dei fruitori Graf. 7 - Sanità integrativa aziendale La copertura sanitaria integrativa copre anche i suoi familiari? Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione dotati di S.I. al netto dei non rispondenti) 100% 90% 80% 70% 60% 14% 19% No Si, ma solo una parte 8% 9% 26% 17% 27% 14% 50% 40% 30% Sì, tutti i membri 67% della famiglia 67% 74% 59% 20% 10% 0% Dirigente in attività (835) Dirigente in pensione (800) Lavoratore non dirigente (605) 30 TOTALE (2.240) Attività

31 Incentivi alla Sanità integrativa aziendale Graf. 8 - Sanità integrativa aziendale In assenza di una copertura sanitaria aziendale, si sarebbe dotato, pagandola di tasca propria, di un fondo o di una assicurazione sanitaria integrativa? Base (totale campione soggetti in attività professionale 100% 1% 90% 80% 21% Non sa 42% 35% 27% 70% 60% 50% 37% No 20% 48% 40% 30% 20% 42% Sì 56% 45% 10% 25% 0% Dirigente in attività (835) Dirigente in pensione (800) Lavoratore non dirigente (815) 31 TOTALE (2.250) Attività

32 Sanità integrativa e prevenzione «Oltre alle aree non garantite dai LEA, alle prestazioni odontoiatriche e quelle di long term care, la sanità integrativa aziendale dovrebbe essere più orientata verso la prevenzione sanitaria, un ambito di attività che non solo porterebbe beneficio alla salute dei lavoratori e alla competitività delle imprese, ma consentirebbe di abbattere considerevolmente i costi per la cura di moltissime patologie.» Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Nord Italia 32

33 Sanità integrativa e prevenzione Graf. 9 - Sanità integrativa Da quando ha una copertura sanitaria integrativa, i suoi comportamenti sono cambiati? Base (totale campione soggetti in attività professionale e in pensione dotati di S.I. al netto dei non rispondenti) 13% Migliori cure 11% 19% Più prevenzione sanitaria 11% 18% 22% Lavoratore non dirigente (815) Dirigente in pensione (800) Dirigente in attività (835) 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 33

34 Sanità integrativa aziendale e SSN Sanità integrativa aziendale come strumento da affiancare al Sistema Sanitario Nazionale? 1. gli intervistati sono generalmente favorevoli. 2. Emergono timori soprattutto tra i lavoratori non dirigenti e gli imprenditori: per un indebolimento dell'universalismo del Servizio Sanitario Nazionale per la possibilità che tali politiche pesino, dal punto di vista degli oneri, solo su imprese e lavoratori. 34

35 Sanità integrativa aziendale e SSN Graf Sanità integrativa Negli ultimi anni si guarda alla sanità integrativa aziendale come a uno strumento da affiancare sempre più al Sistema Sanitario Nazionale. Lei cosa pensa di questa tendenza? D'accordo 19% 14% Lavoratore non dirigente (815) Imprenditore (600) D'accordo a patto che non limiti equità e universalità 2% 30% D'accordo, ma non può pesare solo su imprese e i lavoratori 10% 32% E' un tema molto complesso, sarebbe necessario avere più informazioni 26% 22% E' inevitabile, per garantire la sostenibilità del SSN 7% 18% In Disaccordo 3% Altro 5% 12% 35

36 Sanità integrativa aziendale e SSN «"Abbiamo iniziato a lavorare con i Fondi diversi anni fa e ciò ci ha consentito di ottenere finanziamenti aggiuntivi, a quelli regionali, da reinvestire nei servizi previsti dal Sistema Sanitario Nazionale. Ad esempio, un paziente che vuole fare un intervento chirurgico programmato (sia ben chiaro, non parlo di cure oncologiche, urgenze ed emergenze che sono garantite a tutti nello stesso modo) genererà un costo. Se intervenisse un soggetto terzo a sostenere quel costo, che comunque la mia struttura avrebbe sostenuto, potrei effettuare l'intervento fuori orario - ottimizzando così l'uso delle strutture ospedaliere - e destinare quelle risorse alle prestazioni d'urgenza o a ridurre i tempi di attesa. Tuttavia, attivare questo tipo di sinergie è complesso, dal momento che necessitano di un cambiamento culturale e di un processo di riorganizzazione dell'intera struttura dei servizi a pagamento che nel pubblico sono sempre state viste come esclusivamente legate al diritto del medico di esercitarle. Inoltre, l inserimento di questo tipo di attività all interno di una struttura pubblica, se non gestita correttamente, rischia di creare discriminazioni. Ma se questa attività fosse concepita per migliorare il servizio nella sua globalità e per sfruttare pienamente tutte le risorse messe a disposizione dalle strutture pubbliche, allora potrebbe davvero costituire un "secondo pilastro" alla sanità. Se a ciò si aggiunge che a una buona sanità pubblica corrisponde sempre una buona sanità privata, ne ricaviamo che interventi di questo tipo potrebbero incidere positivamente sull'efficienza ed efficacia dell'intero sistema." Dirigente, azienda sanitaria pubblica, Centro Italia 36

37 37

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti.

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca Logo FASI Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato Sintesi dei risultati di ricerca Studio realizzato da G&G Associated in occasione dei 35 anni di attività

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

Flexible Reward e Piani di Welfare

Flexible Reward e Piani di Welfare BBF&Partners Servizi per la Gestione delle Risorse Umane Flexible Reward e Piani di Welfare Soluzioni web-based per sistemi flessibili di remunerazione non monetaria con benefici fiscali e contributivi

Dettagli

Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things. Paolo Gubitta Università di Padova

Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things. Paolo Gubitta Università di Padova Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things Paolo Gubitta Università di Padova Padova, 5 novembre 2015 Tutto oro quello che luccica? Mah Per quanto ancora ci servirà questo welfare aziendale?

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index Iniziative di Welfare per i dipendenti Index Storia Nel 1948, a Milano, Valerio Gilli fonda Inaz Un azienda familiare, oggi condotta da Linda Gilli Una storia di innovazione continua dedicata ai professionisti

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab Diversity management & Best practices aziendali Gini Dupasquier donnalab Il contesto di riferimento esterno Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio

Dettagli

L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire

L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire Carla Collicelli Fondazione CENSIS SOMMARIO 1. Un nuovo «amore» tra professione infermieristica

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI Giovanni Maria Mazzanti e Gianluca Fiorentini 1 INDICE DEI CONTENUTI Caratteristiche

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

Welfare Aziendale Nuove frontiere

Welfare Aziendale Nuove frontiere Welfare Aziendale Nuove frontiere Il contesto: nuovi bisogni e nuove soluzioni Ritiro del Welfare State a causa della spending review e della riduzione dei fondi di welfare pubblico. Nascita di nuovi servizi

Dettagli

RETI PER IL WELFARE. Barbara AMBROGIONI, Willis Italia Brescia, 5 novembre 2015

RETI PER IL WELFARE. Barbara AMBROGIONI, Willis Italia Brescia, 5 novembre 2015 RETI PER IL WELFARE Barbara AMBROGIONI, Willis Italia Brescia, 5 novembre 2015 Le esigenze del singolo variano in funzione dell età, dello status familiare, del livello di reddito e in base ad altri fattori

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE

SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE Porre al centro i bisogni della persona e della famiglia Disegnare e coordinare in una prospettiva sussidiaria Politiche integrate che promuovano opportunità, risposte e soluzioni

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 17.000 dipendenti nel mondo 400 uffici in 140 Paesi il broker

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi

Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Welfare aziendale: un opportunità per per uscire vincenti dalla crisi Sfide per le imprese in un contesto di crisi: valorizzare il capitale umano e intellettuale, fattore chiave di successo competitivo

Dettagli

MUOVERSI WELFARE. Servizi ai dipendenti in azienda. www.welfareinazienda.net

MUOVERSI WELFARE. Servizi ai dipendenti in azienda. www.welfareinazienda.net MUOVERSI WELFARE Servizi ai dipendenti in azienda www.welfareinazienda.net COS E UN SISTEMA DI WELFARE IN AZIENDA? I sistemi di welfare in azienda sono caratterizzati da due elementi: diverse tipologie

Dettagli

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014 Il welfare aziendale Roma 19 maggio 2014 Agenda Contenuti Cos è il welfare aziendale Le opportunità del welfare aziendale Implementazione di un piano di welfare aziendale Profili giuslavoristici Come finanziare

Dettagli

18.000 dipendenti nel mondo

18.000 dipendenti nel mondo dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 18.000 dipendenti nel mondo 1 il broker di assicurazioni più antico al mondo, fondato nel 1828 400 uffici in 140 Paesi 420 dipendenti in Italia

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 FRANCA MAINO Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 SDA Bocconi School of Management Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 Agenda Il disegno di ricerca Il campione di analisi Alcuni risultati della ricerca Le riflessioni 2 3 DISEGNO DI RICERCA:

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

La CSR in Italia: il punto di vista delle imprese

La CSR in Italia: il punto di vista delle imprese La CSR in Italia: il punto di vista delle imprese Paolo Anselmi Senior Vice President GfK Eurisko Milano, Assolombarda Premessa 1 Nel corso del 2008 Sodalitas ha affidato ad Eurisko il compito di realizzare

Dettagli

Il welfare aziendale in Italia

Il welfare aziendale in Italia Il welfare aziendale in Italia Alcuni spunti dal primo rapporto sul Secondo welfare in Italia In quale quadro si inseriscono le misure regionali lombarde in ordine allo sviluppo del welfare aziendale e

Dettagli

Fiera Milano SpA. www.fieramilano.it

Fiera Milano SpA. www.fieramilano.it Fiera Milano SpA www.fieramilano.it I numeri di Fiera Milano Il Gruppo Fiera Milano è leader in Italia e uno dei più grandi operatori al mondo all interno dell intera catena del valore del business fieristico

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E WELFARE AZIENDALE:

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E WELFARE AZIENDALE: LA RESPONSABILITÀ SOCIALE E WELFARE AZIENDALE: un modello di crescita sostenibile per mantenere competitività A cura di Nicoletta Saccon Brescia, 12 dicembre 2012 L attenzione per un nuovo modello di impresa:

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Lo stato sociale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Motivazioni Fallimenti informativi e ruolo dei due teoremi dell economia del benessere

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

Fare Welfare tra tecnologia e semplicità

Fare Welfare tra tecnologia e semplicità Fare Welfare tra tecnologia e semplicità EASY WELFARE: IERI E OGGI Easy Welfare nasce nel 2007 con il nome Muoversi e oggi è leader in Italia nell offerta di sistemi integrati di Welfare Aziendale. Servizi

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Associazione Italiana per l Previdenza e Assistenza Complementare Giornata Nazionale della Previdenza Milano, Palazzo Mezzanotte 15 maggio 2015 WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Indice Di cosa

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015

Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015 Circolare n. 07/15 Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015 Alla c.a. - Aziende - Centri Servizi - Consulenti - Dipendenti - Iscritti volontari E p.c. - Parti Sociali - Organi Statutari - Ebna 1.

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

2011 CARTELLA STAMPA Ufficio Stampa ASSIDAI

2011 CARTELLA STAMPA Ufficio Stampa ASSIDAI 2011 CARTELLA STAMPA Ufficio Stampa ASSIDAI D'Antona&Partners Via San Vito, 7-20123 Milano Marco Fusco m.fusco@dandp.it - tel. diretto +39 02 85457029 - cell. +39 345 6538145 Diletta Puglisi d.puglisi@dandp.it

Dettagli

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali La griglia si compone di due livelli: una parte "a testo libero", in cui si chiede di descrivere e rispondere in modo discorsivo; una parte codificata tramite una scala a punteggio (intervallo da 1 a 5)

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA DoubleYou è il partner per le aziende che vedono il Welfare come una leva strategica per lo sviluppo delle Risorse Umane, Soluzioni innovative per aumentare motivazione, produttività e senso di appartenenza

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

Gli accordi sindacali di 2 livello : strumenti per l organizzazione e la gestione delle risorse umane

Gli accordi sindacali di 2 livello : strumenti per l organizzazione e la gestione delle risorse umane Gli accordi sindacali di 2 livello : strumenti per l organizzazione e la gestione delle risorse umane 1 Perché parlare di accordi di 2 livello Perché parlare di ERGONOMIA vuol dire parlare di : Ergon (Lavoro)

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane Protezione per l azienda Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane LE MIGLIORI SOLUZIONI PER PROTEGGERE LE RISORSE UMANE Il successo di ogni organizzazione si basa sul benessere e l energia

Dettagli

Entusiasmo? «Soluzioni particolari per esigenze particolari.»

Entusiasmo? «Soluzioni particolari per esigenze particolari.» Entusiasmo? «Soluzioni particolari per esigenze particolari.» Helvetia Previdenza per i quadri. Un complemento brillante alla previdenza professionale. La Sua Assicurazione svizzera. 1/8 Helvetia Previdenza

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

IDENTIKIT AMBITI DI RICERCA E METODO COMPETENZE CONTRIBUTO DELLA FORMAZIONE RAPPRESENTAZIONI DEL RUOLO

IDENTIKIT AMBITI DI RICERCA E METODO COMPETENZE CONTRIBUTO DELLA FORMAZIONE RAPPRESENTAZIONI DEL RUOLO IDENTIKIT RAPPRESENTAZIONI DEL RUOLO AMBITI DI RICERCA E METODO COMPETENZE CONTRIBUTO DELLA FORMAZIONE AMBITI DI RICERCA E METODO Analisi di dati da altre fonti e dalla letteratura Dati anagrafica Iscritti

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni e le opportunità

1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni e le opportunità Consultazione tra esperti su: Migrazione e servizi alle persone: opzioni strategiche per una politica di co-sviluppo sociale 1 ROUND L impatto della migrazione sul sistema dei servizi alle persone: i bisogni

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE PARTE A: DATI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.1 Anno di costituzione dell attività: da 0 a 3 anni da 3 a 10 anni oltre

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI Una guida utile Giovanna Magistro (a cura di) POR PUGLIA 2000-2006 misura 3.14 azione e) N.E.T.T.IN.G. NUOVE ENERGIE SUL TERRITORIO

Dettagli

2013 - UNO SGUARDO AL. Veneto Banca, SAS e Juventus FUTURO DEI BENEFIT: Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012

2013 - UNO SGUARDO AL. Veneto Banca, SAS e Juventus FUTURO DEI BENEFIT: Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 2013 - UNO SGUARDO AL FUTURO DEI BENEFIT: Veneto Banca, SAS e Juventus Convegno Unindustria, 30 ottobre 2012 SCENARIO LE AZIENDE FATTORI ESTERNI FATTORI INTERNI Perdurare della crisi economica Crescente

Dettagli

Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello. Il diritto all'esistenza ( con tutte le tutele socio - economiche )

Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello. Il diritto all'esistenza ( con tutte le tutele socio - economiche ) Sessione pomeridiana tavolo n.1 Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello Discussant: Dott. Massimo Misiti Aspetto dicotomico che possiamo assumere a sintesi e obiettivo del tavolo e' la declinizione

Dettagli

COMUNE DI COSTACCIARO

COMUNE DI COSTACCIARO COMUNE DI COSTACCIARO (Provincia di Perugia) -=ooo=- R E G O L A M E N T O S U L C I C L O D I G E S T I O N E =================================================== D E L L A P E R F O R M A N C E E N U

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 1 Sostenibilità: centralità delle persone WA 2 Welfare aziendale: perché adesso? Valori

Dettagli

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012 WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE Mario Molteni 22 maggio 2012 1 Welfare aziendale, al cuore della CSR PROFIT Equitable Sustainable Bearable Viable PLANET PEOPLE CULTURA ed ENGAGEMENT

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE

OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE OSSERVATORIO ASSIDIM 2014 GLI ITALIANI E L ATTENZIONE ALLA SALUTE GfK Eurisko Milano, 16 Ottobre 2014 STUDIO SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LAVORATRICE Salute e prevenzione 2 Obiettivi delle studio Esplorare

Dettagli

P ER CRESCERE. Prima della riforma Età: 63 anni. Dopo la riforma Età: 69 anni. Il bisogno pensionistico in Italia. La necessità del fondo pensione

P ER CRESCERE. Prima della riforma Età: 63 anni. Dopo la riforma Età: 69 anni. Il bisogno pensionistico in Italia. La necessità del fondo pensione UN PROGETTO DI P ER CRESCERE il progetto di formazione 2016 di Fondo Telemaco Il bisogno pensionistico in Italia. La necessità del fondo pensione I dati diffusi in diversi contesti e settori parlano chiaro

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni UNIVERSO SALUTE ehealth focus Obiettivi e Metodologia

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI Sussidi Sanitari Integrativi Roma 1 Giugno 2015 "La salute è il primo Dovere della Vita" Oscar Wilde La Presidenza Nazionale dell ANAE, per tu3 i suoi iscri3 e familiari

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli