Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato"

Transcript

1 LogoFASI FONDO ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Losviluppodellasanitàintegrativa. Sinergietrawelfarepubblicoewelfareprivato Sintesideirisultatidiricerca StudiorealizzatodaG&GAssociatedinoccasionedei35annidiattivitàdelFASI Roma,18dicembre2012

2 SintesidellostudiocommissionatodalFASIinoccasionedel35 annodiattività. Realizzazionedellostudio Novembre2012 G&GAssociatedRoma Direzionediricerca Giuseppe Torre Coordinamento Dina Galano Analisistatistiche Gianfranco Cataldi Fieldworkmanagement Marina Deiana Luana Spilinga CoordinamentogeneraleFASI Valentina Morgia 4

3 Sommario PREFAZIONE ABSTRACT ILWELFAREAZIENDALENELLEIMPRESEITALIANE ILCASOVIMARENERGIAPOSITIVA SANITÀPUBBLICAESANITÀINTEGRATIVA ILSISTEMASANITARIONAZIONALE LASANITÀINTEGRATIVA METODOLOGIADIRICERCAECAMPIONE INUMERIDELFASI

4

5 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Prefazione Negli ultimi trentacinque anni il FASI ha assistito centinaia di migliaia di persone ed erogato prestazionisanitariepermiliardidieuro. Abbiamo investito ingenti risorse nella prevenzione sanitaria e coinvolto, su tutto il territorio nazionale, decine di migliaia di operatori sanitari e oltre duemila centri diagnostici e di cura convenzionati. Nel corso degli anni abbiamo realizzato un vero e proprio sistema operante a pieno titolo nel welfareaziendaleitaliano,all internodelqualeoperano,oltrealfasi,unfondoaperto(fasiopen) eunostrumentodisostegnoalreddito(gsr). IlSistemaFASIèinteramentefinanziatodalleaziendeedagliiscritti,assistelavoratoridipendenti (dirigenti, quadri, impiegati e operai) e dirigenti in pensione, estende la copertura sanitaria ai nucleifamiliari;operasecondoilprincipiodellanonselezionedelrischioedaldifuoridiognilogica commerciale. TuttoquestosideveaduegrandiorganizzazionidelnostroPaese,ConfindustriaeFedermanager, che nel 1977in concomitanza alla creazione del Sistema Sanitario Nazionalecompresero la rilevanzadellasanitàintegrativaaziendale.oggi,atrentacinqueannididistanza,idatiinnostro possessoconfermanol efficaciadiquellalungimiranteintuizione. Come scopriremo leggendo i risultati di questo studio, l innovativo modello di sanità integrativa aziendalepropostodalfasièdiventatounostrumentofondamentaleadisposizionedell impresae dei lavoratori per la costruzione di un moderno sistema di welfare aziendale che ha prodotto benefici non solo sul piano della tutela della sanità dei lavoratori, ma ha contribuito ad incrementarelacompetitivitàdelleaziende. FASI, inoltre, concorre alla diffusione della prevenzione sanitaria, stimola l innovazione tec nologica e l efficienza ed efficacia del settore sanitario cheè bene ricordarlocontribuisce in modoconsistentealprodottointernolordodelnostropaese. UnadellesfidedeinostritempiègarantirelasostenibilitàdelSistemaSanitarioNazionale. Talesfidapuòessereaffrontatasolosesaremoapertiadinnovazioniorganizzativeetecnologiche, siasulpianogestionalecheistituzionale. I cambiamenti demografici, sociali, tecnologici ed economici vanno affrontati rapidamente, con determinazione, e trasformati in occasioni per modernizzare il Paese, nel rispetto dei principi di solidarietà ed equità che contraddistinguono la tutela della salute previsti dalla nostra Costituzione. VicePresidente Presidente LucaDelVecchio StefanoCuzzilla 7

6

7 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Abstract Il FASI Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa, in occasione del 35 Anniversario dalla sua costituzione, ha commissionato alla società G&G Associated la ricerca: Lo sviluppo della sanitàintegrativa.sinergietrawelfarepubblicoewelfareprivato. Tale ricerca è stata realizzata mediante colloqui individuali e interviste quantitative a lavoratori,dirigentienondirigenti,rappresentantidiimpresanonchéfiguremanagerialidella sanitàpubblicaeprivata. InItalialaspesasanitariapubblicasicollocaintornoai110miliardidiEuroequellaprivata intornoai30miliardidieuro,cuivaragionevolmenteaggiuntaunaquotadispesaprivatanon contabilizzata.ditalespesaprivata,circal 87%èdirettamenteacaricodeicittadinieutenti, mentresoloil13%èassorbitadaifondi,casse,assicurazioni. Sulpianonormativo,ilsettorenonèstatoregolamentatoinmanieracompiuta.Permoltianni losviluppodiunsecondopilastroincamposanitarioèstatoconsideratocomeunpotenziale pericolo per la universalità dello stesso Servizio Sanitario Nazionale. Solo con i Decreti Ministerialidel2008edel2009èstatagarantitaunaprimabasenormativaefiscalestabileal settore. Sulpianooperativo,storicamentelasanitàintegrativaèstataconsideratacomeunbenefita vantaggiodipochecategoriedilavoratoriprivilegiati.solodopoicitatidecretièiniziatouno sviluppo diffuso delle iniziative in questo settore mediante il sostegno della contrattazione collettivasiaditipoaziendalechedicategoria.oggilasanitàinaziendaèpresenteincircail 15%delleaziendemanifatturiereitalianeconpicchichesuperanoil25%inalcuneareedel Nord. Da rilevare che più della metà del campione della ricerca ha esteso la copertura sanitariaancheadaltrimembridellafamiglia.finora alcuni vincoli legislativi e fiscali hanno inveceimpeditolosviluppodellasanitàintegrativaatuttiicittadini. 9

8 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Inquestiultimianni,ilwelfareaziendalestacrescendodiimportanzaedassumendounruolo sociale di grande rilievo. Molti intervistati hanno riconosciuto che la sanità integrativa, in particolare,sidiffonderàsemprepiùnelleaziendeitalianesiaacausadelledifficoltàchesta attraversando la sanità pubblica, sia perché il valore per il lavoratore è molto rilevante in relazione all equivalente in denaro o al costo dell azienda. In questi termini, il welfare aziendale diventa un elemento qualificante la gestione delle risorse umane e un fattore di competitivitàperleimpresestesse. Soprattutto le nuove generazioni percepiscono il rischio di una riduzione dei livelli di assistenza sanitaria pubblica e guardano alle opportunità di welfare aziendale con la consapevolezza delle trasformazioni economiche, demografiche e sociali che stanno investendoilnostropaese. L attenzioneallasanitàintegrativaèincrescitaanchedapartedellestrutturesanitarieprivate e pubbliche. Anche queste ultime vedono nei Fondi sanitari la possibilità di individuare un interlocutoreinnovativoerisorseeconomicheaggiuntive. IlsistemaFASIassistepiùdi personefradirigentiiscrittieilavoratori,nondirigenti, iscritti a FasiOpen. Nel corso del 2011 ha erogato più di 575 mila prestazioni, investendo risorseperoltre270milionidieuro.ilfasièbasatosuprincipidimutualitàesolidarietà:esso prevedel estensionedellaassistenzasanitariaalnucleofamiliareeaidirigentiinpensionein assenza di qualsiasi selezione del rischio. Il FASI interviene in forma indiretta oppure favorendo l accesso dei propri assistiti alla rete di strutture sanitarie e professionisti convenzionati(dall taleretehasuperatole2.300unità). 10

9 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Ilwelfareaziendalenelleimpreseitaliane Ilwelfareaziendalestaattraversandounafasediradicaleevoluzione,determinatasoprattutto da fenomeni di adattamento al nuovo contesto economico, sociale e competitivo del nostro Paese.Ifattoricheinfluiscono,piùdialtri,sutaletrasformazione,sonoiseguenti: Fattorieconomicoindustriali o crescitadell importanzadelcapitaleumanoeintellettualetraifattoricompetitivi aziendali; o crescenteenfasiallepoliticheaziendalidicostsaving. Fattorisociali,demograficiefiscali 1 o percezionediunprogressivoindebolimentodelwelfarepubblicoeconseguente incrementodelladomanda,dapartedeilavoratori,diwelfareaziendale; o progressivomutamentodellastrutturaanagrafica,dellacomposizionedelnucleo familiare,digenereedetnicadelleforzedilavoroediffusionedinuovibisognie aspettative; o inasprimentodellepolitichefiscali. A ciò devono aggiungersi, oltre alla crisi finanziaria e dei mercati, le numerose riforme che interessanoilmondodellavoro,dellaprevidenzaedellasanità,cherendonoilquadronormativo, fiscaleemacroeconomicofluidoeincerto. Stiamo attraversando uno dei più imponenti mutamenti economici e sociali della storia dell umanità. Questa sfida si vince solo con il concorso di tutti: imprese, lavoratorieistituzioni. Dirigenteaziendale 1 L Italiasidistinguedalcontestoeuropeoperunaseriedifattoricombinaticherendonoproblematicalagestionedel welfare: bassa natalità, invecchiamento della popolazione, permanenza dei figli adulti all interno della famiglia d origine,ecc.dalpuntodivistademografico,al1 gennaio2012lafasciadietàcompresatra014annieraparial 14%, quella fra i 1564 anni al 65,3%, mentre la fascia di età superiore a 65 anni risulta pari al 20,6%. Il reddito disponibiledellefamiglieinterminirealièdiminuitonel2011perilquartoannoconsecutivo,tornandosuilivellidi dieci anni fa. La solidarietà intergenerazionale riesce sempre meno a esercitare efficacemente il ruolo di ammortizzatoresociale.(fonteistat) 11

10 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato I mutamenti cui assistiamo incidono profondamente anche sui comportamenti e le attese dei lavoratori. Consapevoli, ormai, della sempre più remota possibilità di poter contare sia sulla stabilità occupazionale per l'intero ciclo di vita lavorativa, sia su avanzamenti di carriera e remunerativi lineari,ilavoratori,soprattuttoquelliapiùaltopotenzialeprofessionale,tendono aprivilegiareaziendecheappaionodispostea: garantire opportunità di sviluppo professionale, da poter accumulare ed eventualmente utilizzarecome"assicurazione"pereventualiesigenzelavorativefuture; buonilivellidiwelfareaziendalee,piùingenerale,direward. La crisi ha costretto a ridurre notevolmente i costi aziendali, determinando il licenziamento di alcune risorse, il taglio di alcune componenti della remunerazione variabileedialcunibenefit(es.autoaziendale,benefitassociatiaiviaggidilavoro ), ma ha anche incrementato l attenzione e l articolazione dei sistemi di welfare aziendale,soprattuttoperquantoriguardal enfasisullecomponentinonmonetariee sullatuteladelbenesserelavorativoedellasalute. Dirigenteaziendale Tra i benefit che, secondo i lavoratori intervistati, dovrebbero far parte del sistema di welfare "dell'azienda ideale", troviamo al primo posto la sanità integrativa cui segue l'area della previdenzaintegrativaedell'assicurazionesuirischiinfortunievita(tabella1e2). I lavoratori più giovani e le donne guardano con molto interesse anche a strumenti operanti nell'ambito della gestione dell'orario lavorativo (es. orario flessibile) e del sostegno alla maternità/paternità. 12

11 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Tab.1Welfareaziendale Benefitattesidallavoratore Ammessepiùrisposte Base:lavoratoridipendentiinattività (dirigentienondirigenti) Intervistati Totale Dirigente Lavoratorenon dirigente ,0% 50,6% 49,4% Sanitàintegrativa(a) 82% 87% 78% Previdenzaintegrativa(f) 52% 66% 37% Programmidiprevenzionesanitaria(a) 45% 50% 39% Contributiall'struzionedeifigli(c) 36% 37% 35% Assicurazionesullavita(f) 32% 41% 24% Orarioflessibile(b) 30% 19% 42% Assicurazionesugliinfortuni(f) 26% 32% 20% Telelavoro(b) 25% 20% 31% Contributiperl'asilonido/voucherbabysitter(d) 25% 21% 28% Prestiti/mutui(e) 17% 17% 17% Asilonido(g) 16% 17% 14% Congediparentaliesupportoallamaternità(d) 15% 12% 18% Buonipasto(e) 15% 9% 21% Parttime,Jobsharing(b) 15% 10% 19% Contributiperl'accessoallacultura(c) 8% 7% 9% Contributoallespeseditrasporto(e) 8% 7% 9% Corsidiformazionenonlegatiall'attività lavorativa(c) 6% 6% 6% Palestra(g) 5% 3% 7% Circoloricreativo/sportivo(g) 2% 3% 1% Biblioteca/salaletture/salarelax(g) 2% 2% 1% Altro 0,2% 0,2% 0,2% Fonte:G&GAssociated(traparentesil'appartenenzadell'itemallamacroareaindicata nellatabella2) 13

12 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Tab.2Welfareaziendale Benefitattesidallavoratore,suddivisionepermacroaree Intervistati Totale Dirigente Lavoratorenon dirigente ,0% 50,6% 49,4% Sanitàintegrativaesalute(a) 91% 95% 87% Previdenzasocialeeassicurazioni(f) 67% 82% 51% Orariemodalitàdilavoro(b) 49% 37% 61% Sostegnoall'istruzioneeallacultura(c) 44% 45% 44% Sostegnoallamaternità/paternità(d) 37% 31% 43% Sostegnoallespesefamiliari(e) 36% 31% 41% Servziinterniall'azienda(g) 21% 20% 23% Fonte:G&GAssociated Ammessepiùrisposte Base:lavoratoridipendentiinattività (dirigentienondirigenti) 14

13 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Per gli imprenditorie per chi ha il compito di gestire le risorse umanela sanità integrativa aziendaleèunostrumentodiwelfareaelevatovaloreaggiunto,periseguentimotivi: equilibriotracostiebenefici; entitàdeglieffettipositivisulclima,l'ambientedilavoroel'immagineaziendale; persistenzaneltempodeisuoieffetti; coerenza con le crescenti difficoltà incontrate dai lavoratori nell'utilizzare i servizi del sistemasanitarionazionale; beneficifiscali. "Lasanitàintegrativaaziendaleèunostrumentochesidiffonderàsempredipiùnelle aziendeitaliane,siaacausadelledifficoltàchestaattraversandolasanitàpubblica,sia perchéilvaloreperildipendenteèmoltosuperioreall'equivalenteindenarooalcosto perl'azienda.ancheipianisanitaridifasciabassaconsentonodiottenereprestazioni cheinvalorepossonoesseremoltoelevati,soprattuttoquandoildipendenteaggiunge lacoperturasanitariaallamoglieeaifigli. E poi, avere un piano sanitario aziendale è anche un opportunità per condividere qualcosad'importante." Direttoredelpersonale,Mediaazienda,CentroItalia L'analisi dei dati mostra anche che l articolazione di un buon sistema di welfare aziendale è un'operazionepiuttostocomplessa,poichélepreferenzedeilavoratorivarianoalvariaredell'età, delgenere,delruoloaziendaleedellapresenzadiunnucleofamiliare. Non a caso, si stanno diffondendo sempre più sistemi di welfare aziendale flessibili e, in certa misurapersonalizzati,realizzaticonl'ausiliodivereepropriecampagnedirilevazionedeibisogni delpersonaleeconcepitiinmododaelevareilroi. 15

14 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Quantoall'utilitàdelwelfareaziendale,èpressochéunanimel'opinione,traisoggettiintervistati, cheessoinfluiscainmodosignificativosulleprincipaliareedicompetitivitàaziendale(tabella4). piùwelfareinaziendasignificapiùproduttività,piùqualità,costantecondivisionedegli obiettiviaziendali,maggiorepropensioneallavorodigruppo. Dirigenteaziendale L'effettopiùimportantecheproducesull'aziendaèl'incrementodellaproduttivitàedellaqualità del prodotto/servizio che si traduce anche in miglioramento delle performance economico finanziarieedellacompetitivitàcomplessivadell'azienda.talepercezioneèpresentesoprattutto tracolorochesvolgonomansionidirigenziali. Tab.4Welfareaziendale IlWelfareaziendale Base:totalecampione Contribuisceamigliorarelaqualitàdel prodotto/servizio. Intervistati Lavoratori Imprenditori ,0% 100,0% 70% 75% Contribuisceamigliorarelaproduttività. 70% 79% Contribuisceaincrementarelacompetitività aziendale. Concorreamigliorareirisultatieconomicie finanziaridell'impresa. Favoriscel'ingressoinaziendadilavoratorie lavoratriciparticolarmentecapaci. Fonte:G&GAssociated 56% 60% 50% 69% 50% 57% 16

15 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato L'effettoprodottodalwelfareaziendalesullacompetitivitànonèdiretto,mafalevasull'immagine cheilavoratorihannodellapropriaaziendae,soprattutto,sullasuacapacitàdisapervalorizzareil capitale umano e intellettuale, con una conseguente progressiva modificazione dell atteggiamento, non solo nell'ambito della produttività, ma anche in termini di creatività e propensioneainnovare. " Lafabbricaèfattaedèanimatadapersone.Iprodottisonofattidapersone.Laqualitàe illorocontenutod'innovazioneèdeciso,inlargamisura,dallepersone.perquestomotivoil welfare aziendale non può essere scambiato con il paternalismo; è, a tutti gli effetti, uno strumentocompetitivo."direttoredelpersonale,grandeazienda,nordest A tal proposito, molti responsabili del personale consultati segnalano l efficacia soprattutto di azioni di tipo people care, ai quali si associa sia un elevato commitment, sia la persistenza nel tempodell'effettodiquesteazioni. "L incentivomonetariomifa,diciamocosì,"lavorareconilcoltellotraidenti",cioècercaredi produrre più possibile per compensare tale incentivo. Ma questi comportamenti, spesso, hannounadurataridotta,anchequandol incentivomonetarioèalto. A volte è molto più importante, soprattutto per i giovani, poter cambiare di posizione velocemente, avere sempre più responsabilità o una carriera internazionale. Per altri sono molto più importanti la stabilità ed il benessere lavorativo e in questi casi i benefici non monetarisonolostrumentomigliore. Ilwelfaremifasentireamioagio,mifasentirebeneepartedell'azienda,miglioralaqualità divitaecrealecondizioniperlavoraremeglio.adesempio,un oradiflessibilitàinentratao in uscita mi può far organizzare la vita in modo diverso, soprattutto se ho bambini da accompagnareascuola."direttoredelpersonale,mediaazienda,centroitalia 17

16 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Nonostanteleevidenzesupportinolaprevisionediunfortesviluppodelwelfareaziendale,anche inunalogicadicompetitività,vièiltimoredialcuniintervistatichelacrisifinanziariaedeimercati induca ad un rallentamento di tale sviluppo per i prossimi 4/5 anni o addirittura ad un ridimensionamento. Persupportarelosviluppodelwelfareaziendale,emergecondecisionel'auspiciodiunintervento dellostato,soprattuttoditipofiscale(tabella6).taleintervento,oltreaquelloattualeavalere sul lavoro dipendente, andrebbe esteso anche dal lato aziendale per incoraggiare un maggior flussodirisorsesoprattuttoversolasanitàintegrativa.inoltre,occorrerebberomisureperrendere possibile,pertuttiicittadini,l accessoaintegrazionidiquestotipo. Tab.6Welfareaziendale Dalsuopuntodivista,loStatodovrebbefavorireladiffusionedelwelfare aziendale,attraversoadesempioincentivifiscalialleimpresechesene dotano? Intervistati Lavoratori Imprenditori Base:totalecampione 100,0% 100,0% Si 87% 74% No 6% 2% Nonsa 8% 24% Fonte:G&GAssociated 18

17 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Nonmancano,inoltre,ideeesuggerimentiancheinaltriambiti,come,adesempio,quellodella creazione di network d imprese concepite per sfruttare economie di rete e di scala utili a contenereilcostodegliinvestimentiinwelfareaziendale. "Direcente,inprovinciadiVarese,siècostituitaunareted'impresefinalizzataaridurreil costo del welfare aziendale nel settore della mobilità, della sanità e dell assistenza agli anziani, del finanziamento alle famiglie. Questo esperimento, da seguire con molta attenzione,potrebbeessere uno dei modelli da emulare per favorire l'ingresso del welfare soprattuttonellepiccoleemedieimprese."quadro I risultati della ricerca mostrano con chiarezza che il fenomeno del welfare aziendale è estremamentecomplessoecheriferirsiadessosemplicementecomeaunodeipossibili pilastri asupportodelwelfarepubblicosarebberiduttivoefuorviante. Ilwelfareaziendaleèanzituttounostrumentocheleimpreseutilizzanoperconseguireobiettivi competitivieperrenderel organizzazionepiùefficaceedefficiente. Aciòdeveaggiungersichelasuadiffusionesidevesoprattuttoalpesosempremaggiorecheil capitale intellettuale e umano sta assumendo tra i fattori strategici di successo delle aziende italiane,soprattuttodiquellecheoperanoinambientiinnovativi,ipercompetitivienel Madein Italy. Ilwelfareaziendalehaconnotatidiversisoprattuttoinfunzionedelladimensioneaziendale.Nelle grandiaziendeèpiuttostoarticolatoecomplesso,edèutilizzatoinnanzituttocomestrumentodi contrattazione aziendale. All interno delle piccole e medie aziende, dato lo stretto contatto esistente tra management e lavoratori, assume spesso anche forme di una spiccata personalizzazione ediadattamentoalleesigenzedidiversecategorieanagrafiche,redditualie professionalipresentiinazienda. 19

18 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Quantoalrapportotracostiebeneficidelwelfareaziendale,èdiffusalaconvinzionecheanche permeritodelregimefiscaleriservatoagliincentividitipoprevidenziale,sanitariointegrativoe perildirittoallostudioaparitàdicostoaziendalequestielementidetermininovantaggiperil lavoratoresignificativamentesuperioriaquelliottenibilidagliincentivimonetari.ilche,tral altro, inunperiodonelqualelerisorsedaridistribuiresonoinfasediscendente,consentealleaziendedi continuareautilizzarestrumentidinegoziazione. Nel corso dello studio non sono mancati riferimenti agli odierni e futuri connotati della classe dirigenteelavorativadelpaese. Le nuove generazioni guardano al welfare pubblico con un atteggiamento profondamente diverso da quella dei padri ma ancora carico di contraddizioni, incertezze e asimmetrie informative.lenuoveforzedilavoro,infatti,purintuendolaportataepocaledelletrasformazioni economiche,demograficheesocialidelpaeseepuravvertendol emergeredeicosiddetti nuovi rischi sociali (precariato delle fasce giovanili a basso potenziale professionale, inclusione lavorativa delle donne, obsolescenza del capitale umano e intellettuale, ecc ) non appaiono ancora consapevoli delle sfide e degli strumenti che dovranno utilizzare per affrontarle e, soprattutto, non hanno ancora elaborato idee e strategie per rinnovarein modo efficiente e sostenibileil patto tragenerazioni. D'altraparte,ilnostroPaeseècaratterizzatodacrescenticriticitàdelwelfarepubblicoasostegno alle famiglie, dell'occupazione e dell'inclusione sociale che, nel corso degli ultimi anni, ci ha portatosuposizionidistantidallamediadeiprimiquindicipaesidell'unioneeuropea. 20

19 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Istat,RapportosullaCoesioneSociale,2012 Quadrosociodemografico L'indicedivecchiaia(rapportopercentualetralapopolazionedi65anniepiùelapopolazionefinoa14anni)èpassato da111,6nel1995a144,5nel2011.questatendenzaproseguiràancheneiprossimianni:secondolestime,l'indice saràparia205,3nel2030,a256,3nel2050.cresceanchel indicedidipendenza,misuratodalrapportopercentuale fralapopolazioneinetànonattiva(014annie65epiù)equellainetàattiva(1564anni),chepassadal45,5%del 1995al52,3del2011.Nel2050questorapportodovrebbesalirea84,7. Mercatodellavoro Nelsecondotrimestre2011ilnumerodeidisoccupatièparia1milione947milaunità.Iltassodidisoccupazioneèal 7,8%(+0,5puntipercentualirispettoalterzotrimestre2010),quellogiovanile(1524anni)siattestainveceal27,4%, raggiungendoil44%seriferitoalledonnedelmezzogiorno.continuaacrescerelapopolazionechenoncercalavoroné èdisponibilealavorare.iltassodiinattivitàsiportaal37,9%,quattrodecimidipuntoinpiùrispettoaunannoprima. Nelprimosemestre2011sonostatiattivatioltre5milioni325milarapportidilavorodipendenteoparasubordinato.Il 67,7%delleassunzionièstatoformalizzatoconcontrattiatempodeterminato,il19%concontrattiatempo indeterminatoel 8,6%concontrattidicollaborazione.Irapportidiapprendistatosonostatiappenail3%deltotale. Capitaleumano Nel2010,laquotadigiovani1824ennichehannoabbandonanoprematuramenteglistudioqualsiasialtrotipodi formazioneèparial18,8%.sitrattadiunvalorenettamentesuperioreaquellodell UnioneEuropeaa25paesi(13,9%) eancoralontanodall obiettivostabilitodallastrategiaeuropa2020dellacommissioneeuropea,cheintendeportare gliabbandonisottolasogliadel10%. Povertà,deprivazione,esclusionesociale Nel2010,inItalia,lefamiglieincondizionedipovertàrelativasono2milioni734mila(l 11%dellefamiglieresidenti), corrispondentia8milioni272milaindividuipoveri,il13,8%dell interapopolazione.guardandoall Europa,iquattro paesimeridionali(spagna,portogallo,grecia,italia),insiemealregnounito,sonoquellicaratterizzatidalmaggior gradodidisuguaglianzanelladistribuzionedeiredditinell Europaa15.Inbasealrapportofralaquotadiredditodel 20percentopiùriccoequelladel20percentopiùpoverodellapopolazione,nel2010ipaesiconlaminore diseguaglianzanell Europaa15sonoiPaesiBassi,l Austria,laFinlandiaelaSvezia. Nel2010,laquotadigiovani1824ennichehannoabbandonanoprematuramenteglistudioqualsiasialtrotipodi formazioneèparial18,8%.sitrattadiunvalorenettamentesuperioreaquellodell UnioneEuropeaa25paesi(13,9%) eancoralontanodall obiettivostabilitodallastrategiaeuropa2020dellacommissioneeuropea,cheintendeportare gliabbandonisottolasogliadel10%.nelmezzogiorno,deicirca400milagiovanifuoridaglistudi,appenail31,9%è occupato(controil43,8%dellamedianazionaleeil57,9%nelnordest),mentreil49,3%risultainattivo. 21

20 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Il progressivo ricambio generazionale sta portando nelle aziende persone per le quali il welfarecostituiràsemprepiùuntemadifondamentaleimportanzaperlacompetitivitàdel Paese,ilsuobenessereeperilrapportoconlegenerazionipiùanziane".Dirigenteaziendale Si rileva, inoltre, una crescente consapevolezza dell impatto prodotto dalle attività industriali in campoetico,socialeeambientalee,diconseguenza,l emergeredistrategieemodellimanageriali orientati alla gestione responsabile di tali esternalità non tanto in chiave filantropica, bensì secondolaprecisavolontàdioperareinmodoefficace,efficientee,alcontempo,compatibilecon gliinteressidisoggettiinterniedesterniall aziendaeconlafuturacapacitàdelsistemasocialeed ambientaledisostenereleattivitàproduttive. A un ampia maggioranza di partecipanti allo studio è chiaro che l impellente necessità di affrontare un radicale e complessivo ripensamento del welfare pubblico non può prescindere dallaripresadellacrescitaeconomicadelpaese. Senzacrescita,noncisaràfuturonéperil welfarepubbliconéperquelloaziendale Quadro 22

21 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato IlCasoVimarEnergiapositiva Il primo maggio del 1945, Walter Viaro e Francesco Gusi festeggianolafinedellasecondoconflittomondialeconungesto altamentesimbolico:lacreazionediunanuovaimpresa. Oggi Vimar è leader nella produzione di apparecchiature per la domotica, conta circa dipendenti e produce più di apparatichedistribuisceinoltre100paesi. Dallasuafondazione,Vimarhaelaboratounaveraepropriafilosofiaaziendalesintetizzatanel concetto di Energia Positiva basata su un principio fondamentale: il riconoscimento delle risorseumanecomeriferimentoprincipaleeprioritariodell agireaziendale. "EnergiaPositiva,pertanto,nonèsemplicementeunoslogan,mahatuttelecaratteristichediun vero e proprio asset intangibile risultante dalla combinazione di capitale umano, intellettuale, organizzativoerelazionaleaziendale,chesitraducenell'enfatizzazionedellecapacitàindividuali dei singoli lavoratori e nello sviluppo delle loro capacità manageriali, con l'intento di favorire il liberarsidi"energie"intellettuali,creativeeinnovative. Unadellelevefondamentaliditaleassetintangibileèilwelfareaziendale.Ancheinquestocaso, nonsitrattasemplicementediunostrumentoconcepitopermigliorareilclimalavorativo,maèun mezzoattraversoilqualevimarcondivideivalorielaculturaimprenditorialecontutteleareeele funzioniaziendali. IlwelfareVimar,oltrecheinteressaretutteleareetradizionalmentecopertedaquestostrumento, appareoriginalesoprattuttoperlagestionedellastabilitàoccupazionale.inoccasionedellacrisi deimercatidel2009,lacassaintegrazioneèstataevitatapropriograzieaunaccordotraaziendae lavoratoricheconsistevanelridurreleorelavorativeaparitàdiretribuzione.ilrecuperodelleore nonlavoratesisarebberealizzatoquandolecondizionidimercatol'avesseroconsentito. 2 Unparticolareesentitoringraziamento,perleinformazionifornite,vaalDott.RobertoSchiavon,Direttoredelle RisorseUmanedellaVimar. 23

22 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Il sistema di welfare prevede, inoltre: borse di studio e colonie estive gratuite per i figli dei dipendenti; contributi, calcolati in base al reddito familiare, per il pagamento della retta per la scuolamaterna;permessigratuitiperlevisitemediche;parttime;circoliperanziani,conoltre200 iscritti;attivitàsocialiericreativepertuttiidipendenti.aciòdeveaggiungersilacreazione,per volontàdiwalterviaro,diunafondazioneperilsostegnoaidipendentibisognosi. IlwelfareVimarsièrecentementearricchitoconlasanitàintegrativaaziendalecheassicuraatutti idipendentilostessopianosanitarioeilpagamentodellequotetotalmenteacaricodell'azienda. Taleazionerientrainunapiùampiastrategiamirataaenfatizzareleattivitàdipeoplecareper migliorare ulteriormente le componenti dell'immagine aziendale che attengono alla sua propensioneavalorizzareilcapitaleumano. L'enfasi data al welfare rispetto agli incentivi monetari è dovuta al fatto che, secondo Vimar, il costosostenutosiavvicinadimoltoaibeneficiperilavoratorieperl'aziendanelsuocomplesso.i riconoscimentieconomicinonsonoesclusi,maoltreadessereapprezzatisolodaunaquotadei lavoratori (es. i single)sono caratterizzati da una tassazione talmente elevata da attenuarne moltosiaibeneficiperillavoratore,siaglieffettiincentivanti.inognicaso,iltentativodivimarè quellodiricercareilgiustoequilibriotrawelfareeincentivimonetari. Secondo Vimar, tale complesso sistema di politiche di welfare ha prodotto effetti tangibili sul miglioramento del clima aziendale, sulle relazioni con i sindacati, sul tasso di turnover e di assenteismo.soprattutto,haincisosullaqualitàeinnovativitàdeiprodottie,piùingenerale,sulla competitivitàaziendale. In Vimar non si sottovalutano neppure gli effetti prodotti dal suo welfare sulle comunità che ospitano gli stabilimenti produttivi. In questo caso, l'obiettivo è quello di rendere sostenibile, anchedalpuntodivistasociale,l'agireaziendaleversol'esterno. " èl'attenzioneallerisorseumane,ailorobisogniealleloroesigenzechefasìchelepersone possanodareilmeglio,qualsiasisialalorofunzione.energiapositivachesitrasformainlavoro positivooffrendoalmercatononsolounprodottomaunpezzodisestessi,dellaloropassioneedel lorosapere.unprodottopositivo! "PubblicazioneinternaVimar 24

23 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Sanitàpubblicaesanitàintegrativa IlSistemaSanitarioNazionale Il tema della sanità è molto sentito dal campione intervistato, soprattutto perché fonte di preoccupazioneperladiffusapercezione: delleinefficienzeeledistorsionichecaratterizzanolasanitàinmolteregioniitaliane; deicosticrescenti,percepitisoprattuttoattraversol aumentodeiticketsanitari; dell allungamentodeitempidiattesanecessariafruiredelleprestazionisanitariepressole strutturepubbliche; dellamobilitàsanitaria,soprattuttodiquellasudnord; dellecriticitàconnesseall evoluzionedemograficadelpaese; del rischio di dover rinunciare a conquiste che sembravano ormai definitivamente acquisite. "La qualità complessiva della sanità italiana è molto elevata, ma è anche molto disomogenea sul territorio nazionale, per cui abbiamo regioni che sono ai vertici dell'eccellenza sanitaria europea e regioni che offrono servizi di livello modesto a costi enormementeelevati.noncredochemettereindiscussioneilruolodelleregioninellasanità sialasoluzione,maèindubbiocheattualmentevisiaunacarenzadipolitichecentralimirate aridurresprechieinefficienze".dirigente,aziendasanitariaprivata,norditalia Traisoggettiintervistati,èmoltoampialapercentualedicolorocheprevedonounariduzione dellerisorseadisposizionedellasanitàpubblica(tabella8)e,diconseguenza,unpeggioramento dellaqualitàdelservizio(tabella9)eunariduzionedeilivellidiassistenzasanitaria(tabella10). 25

Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato 1 Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato 2 Metodologia e campione Lo studio è stato realizzato in due fasi. A. STUDIO QUALITATIVO

Dettagli

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca Logo FASI Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato Sintesi dei risultati di ricerca Studio realizzato da G&G Associated in occasione dei 35 anni di attività

Dettagli

I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN

I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA (GNP) Milano - Borsa Italiana - Venerdì 16 Maggio 2014 Ore 14.00 I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN Traccia dell intervento di Valentina

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

Newsletter novità europee 4/2012

Newsletter novità europee 4/2012 (Documento1 / 10/07/12) Newsletter novità europee 4/2012 Indice Eurobarometro 2 Monitoraggio dell impatto sociale della crisi 2 Finanziamenti 2 Banca del Consiglio d'europa per abitazioni per persone a

Dettagli

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013 La Sanità Raffaele Lagravinese 18 Novembre 2013 Argomenti della lezione Aspetti demografici e Sanità Le Giustificazioni dell intervento pubblico in Sanità Sistemi Sanitari a confronto La Spesa sanitaria

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009)

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) di Roberto Fanfani e Francesco Pagliacci* La discussione se l Italia stia declinando o meno ha subito fasi alterne nell ultimo decennio. Nelle analisi degli

Dettagli

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009 OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON L EUROPA Piemonte in focus Indice GIUGNO 2009 La situazione della

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda

Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda QUALE MERCATO PER I PRODOTTI E SERVIZI PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange Piattaforma Italiana Power House Europe Incontro Seminariale GdL2 - Questioni tecniche Roma, 10 Novembre 2010 - Palazzo della Cooperazione Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Energia Elettrica per fonte 2011 Nord America Altre Rinnovabili 3% Idroelettrico 16% Nucleare 17%

Dettagli

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON

Dettagli

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Milano, 13 giugno 2013 Uso: Confidential Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Commissioni Affari sociali e Bilancio Camera dei Deputati Audizione del Direttore Generale di Confindustria Marcella Panucci

Commissioni Affari sociali e Bilancio Camera dei Deputati Audizione del Direttore Generale di Confindustria Marcella Panucci Commissioni Affari sociali e Bilancio Camera dei Deputati Audizione del Direttore Generale di Confindustria Marcella Panucci La sfida della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario ed obiettivi

Dettagli

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Leggi con attenzione il seguente brano composto da due parti, una tratta dal sito ufficiale dell Unione europea e l altra dal sito Eurostat, l

Dettagli

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014 Digital Payment Summit Roma, 12 Giugno 2014 Internet People & Internet Banking People - Worldwide Internet Banking (Percentage of individuals who used Internet in the last 3 months) Self-first I Finland

Dettagli

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Welfare: sfide e opportunità Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Lo scenario della previdenza complementare in Italia La spesa e i numeri del

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS+ KA1 - BORSE DI MOBILITÀ PER TRAINEESHIP. Bando per l assegnazione di borse di mobilità per studenti e neolaureati

PROGRAMMA ERASMUS+ KA1 - BORSE DI MOBILITÀ PER TRAINEESHIP. Bando per l assegnazione di borse di mobilità per studenti e neolaureati PROGRAMMA ERASMUS+ KA1 - BORSE DI MOBILITÀ PER TRAINEESHIP Bando per l assegnazione di borse di mobilità per studenti e neolaureati a.a. 2015/16 Pubblicato con Decreto del Rettore n. 117/2015 dd. 05.10.2015

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le Politiche del Lavoro Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le politiche del lavoro sono: insieme di interventi pubblici rivolti

Dettagli

Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA

Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA Workshop AIDP.PA Confronto su D.L. n. 101/2013 convertito con modificazioni dalla legge n. 125/2013 Bologna, 15 novembre 2013 Pierluigi Mastrogiuseppe

Dettagli

La gestione strategica degli asset immateriali: brevetti, marchi, design

La gestione strategica degli asset immateriali: brevetti, marchi, design Ufficio di Roma: Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 Tel 06 47825222 0647824170 Email: roma@bugnion.it www.bugnion.it Ing. Paolo Bellomia E-mail: bellomia@bugnion.it Avv. Angela Di Blasio E-mail: diblasio@bugnion.it

Dettagli

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona?

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona? Uno degli obiettivi del M5S è Nessuno deve rimanere indietro. E inaccettabile che un cittadino italiano venga abbandonato a sé stesso dallo Stato perché perde il lavoro, magari dopo aver pagato contributi

Dettagli

VERSO L IMPRESA 2.0 (?)

VERSO L IMPRESA 2.0 (?) VERSO L IMPRESA 2.0 (?) Strategie, strumenti e opportunità per affrontare il nuovo contesto competitivo Bologna 27 Maggio 2009 Roberto Triola Responsabile Ufficio Studi Confindustria Servizi Innovativi

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012 Roma, 12 Gennaio 2012 Il quadro mondiale Nel XX Secolo il mondo ha aumentato di 20 volte il consumo di combustibili fossili, e di 34 volte le attività estrattive. Con questo modello ed ai livelli di oggi,

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

LE FUTURE SFIDE DELL AGRICOLTURA: I GIOVANI, LE DONNE E LE TECNOLOGIE

LE FUTURE SFIDE DELL AGRICOLTURA: I GIOVANI, LE DONNE E LE TECNOLOGIE LE FUTURE SFIDE DELL AGRICOLTURA: I, LE DONNE E LE TECNOLOGIE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI LE FUTURE SFIDE DELL AGRICOLTURA: I, LE DONNE E LE TECNOLOGIE 8 novembre 2010 Documento prodotto nell ambito

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

Divisione Prodotti. Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE

Divisione Prodotti. Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE ERASMUS+ MOBILITA PER FORMAZIONE Bando per la mobilità del personale tecnico

Dettagli

Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali

Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali Ms. Idaira Robayna Alfonso 4 Febbraio 2013- Milano, Italia Nuova direttiva sui ritardi di pagamento Direttiva

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020. Massimo Gallanti

Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020. Massimo Gallanti Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici CERTIFICATI BIANCHI Titoli di effcienza energetica

Dettagli

2002-2012: dieci anni di networking nel digital cultural heritage. Rossella Caffo

2002-2012: dieci anni di networking nel digital cultural heritage. Rossella Caffo 2002-2012: dieci anni di networking nel digital cultural heritage Roma 12 marzo 2012 Rossella Caffo Ministero per i beni e le attività culturali Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche

Dettagli

UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa.

UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa. UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa..totale Alimentazioni Alternative (AVFs 1 ) L Italia è il paese dell Unione europea

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Dott. Simonpaolo Buongiardino

Dott. Simonpaolo Buongiardino Quali proposte per aumentare il «patrimonio previdenziale» dei Fondi Pensione, arricchendone le prestazioni finali? Spunti dal Master M.A.P.A. e dalla GNP2012 Dott. Simonpaolo Buongiardino Vice Presidente

Dettagli

Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri

Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE ERASMUS + MOBILITA PER TRAINEESHIP Bando per la mobilità degli studenti universitari

Dettagli

Organizzazione sanitaria e

Organizzazione sanitaria e Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Economia Organizzazione sanitaria e Sistemi sanitari comparati Prof. Gualtiero Ricciardi Direttore, Istituto di Igiene Professore Ordinario di Igiene presso

Dettagli

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%.

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA ad aprile 2015 registrano 1.209.551 nuove immatricolazioni di autovetture,

Dettagli

Ingresso nella fase europea. Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo

Ingresso nella fase europea. Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo Ingresso nella fase europea Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo 10 November 2015 Outline Ingresso nella fase europea Risposta obbligatoria

Dettagli

Bando di selezione ERASMUS +/ERASMUS AI FINI DI STUDIO a.a. 2015/2016

Bando di selezione ERASMUS +/ERASMUS AI FINI DI STUDIO a.a. 2015/2016 Bando di selezione ERASMUS +/ERASMUS AI FINI DI STUDIO a.a. 2015/2016 ARTICOLO 1 E indetta, per l anno accademico 2015/2016, una selezione per titoli e colloquio al fine dell assegnazione di borse di mobilità

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP 22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP Microsoft: l evoluzione dell ERP 22 Ottobre 2013 - UNA Golf Hotel Cavaglià (BI) In qualsiasi tipo di azienda,

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Dati e riflessioni tratte da. «Le pensioni negli anni 2000: segreti e bugie» PARTE 2

Dati e riflessioni tratte da. «Le pensioni negli anni 2000: segreti e bugie» PARTE 2 Stefano Patriarca Dati e riflessioni tratte da «Le pensioni negli anni 2000: segreti e bugie» di prossima pubblicazione Fabrizio Patriarca Stefano Patriarca PARTE 2 Lo squilibrio contributi prestazioni

Dettagli

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%.

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. A marzo 2014 si registra il 7 incremento consecutivo delle vendite di autovetture nel mercato UE28+EFTA: +10,4% con 1.489.796 unità. I cinque principali

Dettagli

Efficienza Energetica: il contesto e l offerta di Enel Energia

Efficienza Energetica: il contesto e l offerta di Enel Energia Efficienza Energetica: il contesto e l offerta di Enel Energia Convegno AEIT Bologna, 19 Giugno 2013 Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata 97.800 MW Produzione

Dettagli

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE Prof. Ivo Colozzi Università di Bologna IL VECCHIO WELFARE O WELFARE STATE Caratteristiche del modello tradizionale di welfare state - attori: Stato e mercato - il mercato

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

La centralità dei giovani

La centralità dei giovani La centralità dei giovani Per la crescita delle aziende e del Paese Alessandro Rosina Docente Demografia e statistica sociale U.C. Direttore Laboratorio statistica applicata alle decisioni economico-aziendali

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014 we are social EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE ANALISI DI WE ARE SOCIAL DEI PRINCIPALI DATI & STATISTICHE DELLO SCENARIO DIGITAL Wearesocial.it @wearesocialit 1 PAESI ANALIZZATI IN QUESTO REPORT 17 12 28 37

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

Un confronto internazionale sui dati dell imprenditoria femminile

Un confronto internazionale sui dati dell imprenditoria femminile L IMPRESA AL FEMMINILE IN ITALIA E IN EUROPA Un confronto internazionale sui dati dell imprenditoria femminile Settembre 2014 QUELLA VOGLIA TUTTA ITALIANA DI FARE IMPRESA AL FEMMINILE (NONOSTANTE IL CONTESTO)

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS)

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Milano, 01-06-06 Per approfondimenti: Sara Faglia, faglia@avanzi.org Tel. 02-36518110 Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518113 Cell

Dettagli

Lo Scenario Internazionale dei Mercati dei Servizi Postali. Enrico Barboglio Segretario Generale Xplor Italia

Lo Scenario Internazionale dei Mercati dei Servizi Postali. Enrico Barboglio Segretario Generale Xplor Italia Lo Scenario Internazionale dei Mercati dei Servizi Postali Enrico Barboglio Segretario Generale Xplor Italia Cosa è Xplor Xplor (The Electronic Document Association) è una associazione che raggruppa fornitori

Dettagli

TASSAZIONE SUI PRODOTTI ENERGETICI: IL FUTURO DI GPL E METANO

TASSAZIONE SUI PRODOTTI ENERGETICI: IL FUTURO DI GPL E METANO TASSAZIONE SUI PRODOTTI ENERGETICI: IL FUTURO DI GPL E METANO NAPOLI, 26 SETTEMBRE 2011 Alessandro Tramontano Presidente Consorzio Ecogas La bozza di proposta di modifica alla direttiva europea 2003/96/CE

Dettagli

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%.

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%. UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%. Il mercato automotive mostra importanti segnali di ripresa, sebbene il massimo storico del 2007, oltre 16 millioni di

Dettagli

UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera appena lo 0,9% a novembre 2013 e riduce la perdita da inizio anno al 2,8%.

UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera appena lo 0,9% a novembre 2013 e riduce la perdita da inizio anno al 2,8%. UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera appena lo 0,9% a novembre 2013 e riduce la perdita da inizio anno al 2,8%. Dopo sei trimestri consecutivi di flessione, il PIL nell'area dell'euro è cresciuto dello

Dettagli

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE Gli sforzi per la ricerca sono molto minori in Europa di quanto non siano negli Stati Uniti o in Giappone,

Dettagli

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Prof. Carlo ODOARDI Firenze, 16 aprile 2010 VALUTARE PER VALORIZZARE GLI INDIVIDUI E PROMUOVERE

Dettagli

WEB. e Social Network 2014

WEB. e Social Network 2014 WEB e Social Network 2014 Website www.admnetwork.it Uno sguardo a 360, unico per qualità e contenuti selezionati, diventato un punto di riferimento per tutti coloro che operano nel settore dell architettura,

Dettagli

Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita

Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita City Wire Events September 2015 Professor Paolo Surico London Business School 1 Disclaimer 2 Previsioni in macroeconomia: Scienza Source: FMI WEO 2014 Previsioni

Dettagli

LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE. Studio Karaghiosoff e Frizzi srl

LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE. Studio Karaghiosoff e Frizzi srl LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE Cos è un brevetto: È un testo legale che descrive un invenzione e che deve essere depositato e protocollato da un ufficio nazionale, per l

Dettagli

COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015

COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015 COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015 OLTRE L ATTUALE WELFARE INTEGRATIVO: RINNOVARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LA SANITÀ INTEGRATIVA Presentata durante la V edizione del Welfare Day l analisi delle prestazioni

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Rapporto 2013 sulla professione di Architetto

Rapporto 2013 sulla professione di Architetto Rapporto 2013 sulla professione di Architetto CSAPPC-CRESME Terza indagine congiunturale sullo stato della professione in Italia Aprile 2013 DIREZIONE E COORDINAMENTO Paolo Pisciotta, CSAPPC Simone Cola,

Dettagli

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Andrea Lesca 1 Milano, 10 maggio 2012 Lo sviluppo delle forme pensionistiche complementari passa all interno del progressivo mutamento delle forme di

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

BANDO ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO ANNO ACCADEMICO 2015/16

BANDO ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO ANNO ACCADEMICO 2015/16 BANDO ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO ANNO ACCADEMICO 2015/16 Informazioni Generali Il Servizio Relazioni Internazionali, Erasmus e mobilità informa STUDENTI e DOTTORANDI iscritti all Università per Stranieri

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Assicurazione e Management dei Rischi in Sanità Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Francesco Longo Carlo De Pietro francesco.longo@unibocconi.it carlo.depietro@unibocconi.it

Dettagli

MERCURI INTERNATIONAL

MERCURI INTERNATIONAL MERCURI INTERNATIONAL 1 Mercuri International Mercuri International parla solo ed esclusivamente di vendite Mercuri International è una società specializzata nella consulenza e nel training in area vendite.

Dettagli

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 2. I MODELLI DI SISTEMI SANITARI IN EUROPA 2.1 IL MODELLO BISMARCK 2.2 IL MODELLO BEVERIDGE 3. ANALISI DEI SISTEMI SANITARI EUROPEI 3.1 UNO SGUARDO

Dettagli

Efficienza energetica per le abitazioni a basso reddito

Efficienza energetica per le abitazioni a basso reddito Efficienza energetica per le abitazioni a basso reddito Marco Corradi Presidente ACER Reggio Emilia Presidente Gruppo di Lavoro Energia Cecodhas Housing Europe ENEA Roma, 17 maggio 2011 CECODHAS Housing

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999;

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999; SPAGNA: guida operativa di assistenza fiscale su strumenti finanziari obbligazionari corporate e semi-government (sub depositati presso il depositario del corrispondente estero) di diritto spagnolo non

Dettagli

La Misurazione e la Valutazione della Performance

La Misurazione e la Valutazione della Performance SSPAL Emilia Romagna,Toscana, Marche, Umbria Corso: La riforma del lavoro alle pubbliche dipendenze: la legge 15/09 ed il decreto legislativo di attuazione Legge Brunetta Fabio MONTEDURO La Misurazione

Dettagli

Ospedali al collasso L inchiesta/1. In dieci anni cancellati quasi 45 mila posti letto. E i pronto soccorso scoppiano

Ospedali al collasso L inchiesta/1. In dieci anni cancellati quasi 45 mila posti letto. E i pronto soccorso scoppiano Anteprima per la stampa Roma, 14 febbraio 2012 Ospedali al collasso L inchiesta/1. In dieci anni cancellati quasi 45 mila posti letto. E i pronto soccorso scoppiano Tra il 2000 e il 2009 tagliati il 15%

Dettagli

L identità del manager italiano, il best place to work e l assistenza sanitaria integrativa. Indagine realizzata da Ipsos per Assidai

L identità del manager italiano, il best place to work e l assistenza sanitaria integrativa. Indagine realizzata da Ipsos per Assidai L identità del manager italiano, il best place to work e l assistenza sanitaria integrativa Indagine realizzata da Ipsos per Assidai Maggio 2015 L identità del manager italiano, il best place to work e

Dettagli

BANCASSURANCE SALUTE: LA SANITA INTEGRATIVA ALLO SPORTELLO

BANCASSURANCE SALUTE: LA SANITA INTEGRATIVA ALLO SPORTELLO BANCASSURANCE SALUTE: LA SANITA INTEGRATIVA ALLO SPORTELLO Marco Vecchietti Consigliere Delegato RBM Salute S.p.A. Direttore Generale Previmedical S.p.A. ABI Eventi - Roma, 7 ottobre 2014 LEGAL DISCLAIMER:

Dettagli

Il progetto HEALTH 25 ed i NEET

Il progetto HEALTH 25 ed i NEET Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti Umberto I, G. M. Lancisi, G. Salesi, Ancona Ricerca Innovazione e Sviluppo Il progetto HEALTH 25 ed i NEET Dr. Roberto Penna : il progetto Dal 2009 ad

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Gli anziani in lista. i servizi?

Gli anziani in lista. i servizi? 44 4 2012 ESPERIENZE li a partire dagli strumenti e dalle modalità operative rispetto a cui la cooperazione sociale ha sviluppato maggiori eccellenze. Accanto alla sfida storica della cooperazione sociale,

Dettagli