Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato"

Transcript

1 LogoFASI FONDO ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Losviluppodellasanitàintegrativa. Sinergietrawelfarepubblicoewelfareprivato Sintesideirisultatidiricerca StudiorealizzatodaG&GAssociatedinoccasionedei35annidiattivitàdelFASI Roma,18dicembre2012

2 SintesidellostudiocommissionatodalFASIinoccasionedel35 annodiattività. Realizzazionedellostudio Novembre2012 G&GAssociatedRoma Direzionediricerca Giuseppe Torre Coordinamento Dina Galano Analisistatistiche Gianfranco Cataldi Fieldworkmanagement Marina Deiana Luana Spilinga CoordinamentogeneraleFASI Valentina Morgia 4

3 Sommario PREFAZIONE ABSTRACT ILWELFAREAZIENDALENELLEIMPRESEITALIANE ILCASOVIMARENERGIAPOSITIVA SANITÀPUBBLICAESANITÀINTEGRATIVA ILSISTEMASANITARIONAZIONALE LASANITÀINTEGRATIVA METODOLOGIADIRICERCAECAMPIONE INUMERIDELFASI

4

5 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Prefazione Negli ultimi trentacinque anni il FASI ha assistito centinaia di migliaia di persone ed erogato prestazionisanitariepermiliardidieuro. Abbiamo investito ingenti risorse nella prevenzione sanitaria e coinvolto, su tutto il territorio nazionale, decine di migliaia di operatori sanitari e oltre duemila centri diagnostici e di cura convenzionati. Nel corso degli anni abbiamo realizzato un vero e proprio sistema operante a pieno titolo nel welfareaziendaleitaliano,all internodelqualeoperano,oltrealfasi,unfondoaperto(fasiopen) eunostrumentodisostegnoalreddito(gsr). IlSistemaFASIèinteramentefinanziatodalleaziendeedagliiscritti,assistelavoratoridipendenti (dirigenti, quadri, impiegati e operai) e dirigenti in pensione, estende la copertura sanitaria ai nucleifamiliari;operasecondoilprincipiodellanonselezionedelrischioedaldifuoridiognilogica commerciale. TuttoquestosideveaduegrandiorganizzazionidelnostroPaese,ConfindustriaeFedermanager, che nel 1977in concomitanza alla creazione del Sistema Sanitario Nazionalecompresero la rilevanzadellasanitàintegrativaaziendale.oggi,atrentacinqueannididistanza,idatiinnostro possessoconfermanol efficaciadiquellalungimiranteintuizione. Come scopriremo leggendo i risultati di questo studio, l innovativo modello di sanità integrativa aziendalepropostodalfasièdiventatounostrumentofondamentaleadisposizionedell impresae dei lavoratori per la costruzione di un moderno sistema di welfare aziendale che ha prodotto benefici non solo sul piano della tutela della sanità dei lavoratori, ma ha contribuito ad incrementarelacompetitivitàdelleaziende. FASI, inoltre, concorre alla diffusione della prevenzione sanitaria, stimola l innovazione tec nologica e l efficienza ed efficacia del settore sanitario cheè bene ricordarlocontribuisce in modoconsistentealprodottointernolordodelnostropaese. UnadellesfidedeinostritempiègarantirelasostenibilitàdelSistemaSanitarioNazionale. Talesfidapuòessereaffrontatasolosesaremoapertiadinnovazioniorganizzativeetecnologiche, siasulpianogestionalecheistituzionale. I cambiamenti demografici, sociali, tecnologici ed economici vanno affrontati rapidamente, con determinazione, e trasformati in occasioni per modernizzare il Paese, nel rispetto dei principi di solidarietà ed equità che contraddistinguono la tutela della salute previsti dalla nostra Costituzione. VicePresidente Presidente LucaDelVecchio StefanoCuzzilla 7

6

7 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Abstract Il FASI Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa, in occasione del 35 Anniversario dalla sua costituzione, ha commissionato alla società G&G Associated la ricerca: Lo sviluppo della sanitàintegrativa.sinergietrawelfarepubblicoewelfareprivato. Tale ricerca è stata realizzata mediante colloqui individuali e interviste quantitative a lavoratori,dirigentienondirigenti,rappresentantidiimpresanonchéfiguremanagerialidella sanitàpubblicaeprivata. InItalialaspesasanitariapubblicasicollocaintornoai110miliardidiEuroequellaprivata intornoai30miliardidieuro,cuivaragionevolmenteaggiuntaunaquotadispesaprivatanon contabilizzata.ditalespesaprivata,circal 87%èdirettamenteacaricodeicittadinieutenti, mentresoloil13%èassorbitadaifondi,casse,assicurazioni. Sulpianonormativo,ilsettorenonèstatoregolamentatoinmanieracompiuta.Permoltianni losviluppodiunsecondopilastroincamposanitarioèstatoconsideratocomeunpotenziale pericolo per la universalità dello stesso Servizio Sanitario Nazionale. Solo con i Decreti Ministerialidel2008edel2009èstatagarantitaunaprimabasenormativaefiscalestabileal settore. Sulpianooperativo,storicamentelasanitàintegrativaèstataconsideratacomeunbenefita vantaggiodipochecategoriedilavoratoriprivilegiati.solodopoicitatidecretièiniziatouno sviluppo diffuso delle iniziative in questo settore mediante il sostegno della contrattazione collettivasiaditipoaziendalechedicategoria.oggilasanitàinaziendaèpresenteincircail 15%delleaziendemanifatturiereitalianeconpicchichesuperanoil25%inalcuneareedel Nord. Da rilevare che più della metà del campione della ricerca ha esteso la copertura sanitariaancheadaltrimembridellafamiglia.finora alcuni vincoli legislativi e fiscali hanno inveceimpeditolosviluppodellasanitàintegrativaatuttiicittadini. 9

8 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Inquestiultimianni,ilwelfareaziendalestacrescendodiimportanzaedassumendounruolo sociale di grande rilievo. Molti intervistati hanno riconosciuto che la sanità integrativa, in particolare,sidiffonderàsemprepiùnelleaziendeitalianesiaacausadelledifficoltàchesta attraversando la sanità pubblica, sia perché il valore per il lavoratore è molto rilevante in relazione all equivalente in denaro o al costo dell azienda. In questi termini, il welfare aziendale diventa un elemento qualificante la gestione delle risorse umane e un fattore di competitivitàperleimpresestesse. Soprattutto le nuove generazioni percepiscono il rischio di una riduzione dei livelli di assistenza sanitaria pubblica e guardano alle opportunità di welfare aziendale con la consapevolezza delle trasformazioni economiche, demografiche e sociali che stanno investendoilnostropaese. L attenzioneallasanitàintegrativaèincrescitaanchedapartedellestrutturesanitarieprivate e pubbliche. Anche queste ultime vedono nei Fondi sanitari la possibilità di individuare un interlocutoreinnovativoerisorseeconomicheaggiuntive. IlsistemaFASIassistepiùdi personefradirigentiiscrittieilavoratori,nondirigenti, iscritti a FasiOpen. Nel corso del 2011 ha erogato più di 575 mila prestazioni, investendo risorseperoltre270milionidieuro.ilfasièbasatosuprincipidimutualitàesolidarietà:esso prevedel estensionedellaassistenzasanitariaalnucleofamiliareeaidirigentiinpensionein assenza di qualsiasi selezione del rischio. Il FASI interviene in forma indiretta oppure favorendo l accesso dei propri assistiti alla rete di strutture sanitarie e professionisti convenzionati(dall taleretehasuperatole2.300unità). 10

9 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Ilwelfareaziendalenelleimpreseitaliane Ilwelfareaziendalestaattraversandounafasediradicaleevoluzione,determinatasoprattutto da fenomeni di adattamento al nuovo contesto economico, sociale e competitivo del nostro Paese.Ifattoricheinfluiscono,piùdialtri,sutaletrasformazione,sonoiseguenti: Fattorieconomicoindustriali o crescitadell importanzadelcapitaleumanoeintellettualetraifattoricompetitivi aziendali; o crescenteenfasiallepoliticheaziendalidicostsaving. Fattorisociali,demograficiefiscali 1 o percezionediunprogressivoindebolimentodelwelfarepubblicoeconseguente incrementodelladomanda,dapartedeilavoratori,diwelfareaziendale; o progressivomutamentodellastrutturaanagrafica,dellacomposizionedelnucleo familiare,digenereedetnicadelleforzedilavoroediffusionedinuovibisognie aspettative; o inasprimentodellepolitichefiscali. A ciò devono aggiungersi, oltre alla crisi finanziaria e dei mercati, le numerose riforme che interessanoilmondodellavoro,dellaprevidenzaedellasanità,cherendonoilquadronormativo, fiscaleemacroeconomicofluidoeincerto. Stiamo attraversando uno dei più imponenti mutamenti economici e sociali della storia dell umanità. Questa sfida si vince solo con il concorso di tutti: imprese, lavoratorieistituzioni. Dirigenteaziendale 1 L Italiasidistinguedalcontestoeuropeoperunaseriedifattoricombinaticherendonoproblematicalagestionedel welfare: bassa natalità, invecchiamento della popolazione, permanenza dei figli adulti all interno della famiglia d origine,ecc.dalpuntodivistademografico,al1 gennaio2012lafasciadietàcompresatra014annieraparial 14%, quella fra i 1564 anni al 65,3%, mentre la fascia di età superiore a 65 anni risulta pari al 20,6%. Il reddito disponibiledellefamiglieinterminirealièdiminuitonel2011perilquartoannoconsecutivo,tornandosuilivellidi dieci anni fa. La solidarietà intergenerazionale riesce sempre meno a esercitare efficacemente il ruolo di ammortizzatoresociale.(fonteistat) 11

10 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato I mutamenti cui assistiamo incidono profondamente anche sui comportamenti e le attese dei lavoratori. Consapevoli, ormai, della sempre più remota possibilità di poter contare sia sulla stabilità occupazionale per l'intero ciclo di vita lavorativa, sia su avanzamenti di carriera e remunerativi lineari,ilavoratori,soprattuttoquelliapiùaltopotenzialeprofessionale,tendono aprivilegiareaziendecheappaionodispostea: garantire opportunità di sviluppo professionale, da poter accumulare ed eventualmente utilizzarecome"assicurazione"pereventualiesigenzelavorativefuture; buonilivellidiwelfareaziendalee,piùingenerale,direward. La crisi ha costretto a ridurre notevolmente i costi aziendali, determinando il licenziamento di alcune risorse, il taglio di alcune componenti della remunerazione variabileedialcunibenefit(es.autoaziendale,benefitassociatiaiviaggidilavoro ), ma ha anche incrementato l attenzione e l articolazione dei sistemi di welfare aziendale,soprattuttoperquantoriguardal enfasisullecomponentinonmonetariee sullatuteladelbenesserelavorativoedellasalute. Dirigenteaziendale Tra i benefit che, secondo i lavoratori intervistati, dovrebbero far parte del sistema di welfare "dell'azienda ideale", troviamo al primo posto la sanità integrativa cui segue l'area della previdenzaintegrativaedell'assicurazionesuirischiinfortunievita(tabella1e2). I lavoratori più giovani e le donne guardano con molto interesse anche a strumenti operanti nell'ambito della gestione dell'orario lavorativo (es. orario flessibile) e del sostegno alla maternità/paternità. 12

11 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Tab.1Welfareaziendale Benefitattesidallavoratore Ammessepiùrisposte Base:lavoratoridipendentiinattività (dirigentienondirigenti) Intervistati Totale Dirigente Lavoratorenon dirigente ,0% 50,6% 49,4% Sanitàintegrativa(a) 82% 87% 78% Previdenzaintegrativa(f) 52% 66% 37% Programmidiprevenzionesanitaria(a) 45% 50% 39% Contributiall'struzionedeifigli(c) 36% 37% 35% Assicurazionesullavita(f) 32% 41% 24% Orarioflessibile(b) 30% 19% 42% Assicurazionesugliinfortuni(f) 26% 32% 20% Telelavoro(b) 25% 20% 31% Contributiperl'asilonido/voucherbabysitter(d) 25% 21% 28% Prestiti/mutui(e) 17% 17% 17% Asilonido(g) 16% 17% 14% Congediparentaliesupportoallamaternità(d) 15% 12% 18% Buonipasto(e) 15% 9% 21% Parttime,Jobsharing(b) 15% 10% 19% Contributiperl'accessoallacultura(c) 8% 7% 9% Contributoallespeseditrasporto(e) 8% 7% 9% Corsidiformazionenonlegatiall'attività lavorativa(c) 6% 6% 6% Palestra(g) 5% 3% 7% Circoloricreativo/sportivo(g) 2% 3% 1% Biblioteca/salaletture/salarelax(g) 2% 2% 1% Altro 0,2% 0,2% 0,2% Fonte:G&GAssociated(traparentesil'appartenenzadell'itemallamacroareaindicata nellatabella2) 13

12 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Tab.2Welfareaziendale Benefitattesidallavoratore,suddivisionepermacroaree Intervistati Totale Dirigente Lavoratorenon dirigente ,0% 50,6% 49,4% Sanitàintegrativaesalute(a) 91% 95% 87% Previdenzasocialeeassicurazioni(f) 67% 82% 51% Orariemodalitàdilavoro(b) 49% 37% 61% Sostegnoall'istruzioneeallacultura(c) 44% 45% 44% Sostegnoallamaternità/paternità(d) 37% 31% 43% Sostegnoallespesefamiliari(e) 36% 31% 41% Servziinterniall'azienda(g) 21% 20% 23% Fonte:G&GAssociated Ammessepiùrisposte Base:lavoratoridipendentiinattività (dirigentienondirigenti) 14

13 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Per gli imprenditorie per chi ha il compito di gestire le risorse umanela sanità integrativa aziendaleèunostrumentodiwelfareaelevatovaloreaggiunto,periseguentimotivi: equilibriotracostiebenefici; entitàdeglieffettipositivisulclima,l'ambientedilavoroel'immagineaziendale; persistenzaneltempodeisuoieffetti; coerenza con le crescenti difficoltà incontrate dai lavoratori nell'utilizzare i servizi del sistemasanitarionazionale; beneficifiscali. "Lasanitàintegrativaaziendaleèunostrumentochesidiffonderàsempredipiùnelle aziendeitaliane,siaacausadelledifficoltàchestaattraversandolasanitàpubblica,sia perchéilvaloreperildipendenteèmoltosuperioreall'equivalenteindenarooalcosto perl'azienda.ancheipianisanitaridifasciabassaconsentonodiottenereprestazioni cheinvalorepossonoesseremoltoelevati,soprattuttoquandoildipendenteaggiunge lacoperturasanitariaallamoglieeaifigli. E poi, avere un piano sanitario aziendale è anche un opportunità per condividere qualcosad'importante." Direttoredelpersonale,Mediaazienda,CentroItalia L'analisi dei dati mostra anche che l articolazione di un buon sistema di welfare aziendale è un'operazionepiuttostocomplessa,poichélepreferenzedeilavoratorivarianoalvariaredell'età, delgenere,delruoloaziendaleedellapresenzadiunnucleofamiliare. Non a caso, si stanno diffondendo sempre più sistemi di welfare aziendale flessibili e, in certa misurapersonalizzati,realizzaticonl'ausiliodivereepropriecampagnedirilevazionedeibisogni delpersonaleeconcepitiinmododaelevareilroi. 15

14 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Quantoall'utilitàdelwelfareaziendale,èpressochéunanimel'opinione,traisoggettiintervistati, cheessoinfluiscainmodosignificativosulleprincipaliareedicompetitivitàaziendale(tabella4). piùwelfareinaziendasignificapiùproduttività,piùqualità,costantecondivisionedegli obiettiviaziendali,maggiorepropensioneallavorodigruppo. Dirigenteaziendale L'effettopiùimportantecheproducesull'aziendaèl'incrementodellaproduttivitàedellaqualità del prodotto/servizio che si traduce anche in miglioramento delle performance economico finanziarieedellacompetitivitàcomplessivadell'azienda.talepercezioneèpresentesoprattutto tracolorochesvolgonomansionidirigenziali. Tab.4Welfareaziendale IlWelfareaziendale Base:totalecampione Contribuisceamigliorarelaqualitàdel prodotto/servizio. Intervistati Lavoratori Imprenditori ,0% 100,0% 70% 75% Contribuisceamigliorarelaproduttività. 70% 79% Contribuisceaincrementarelacompetitività aziendale. Concorreamigliorareirisultatieconomicie finanziaridell'impresa. Favoriscel'ingressoinaziendadilavoratorie lavoratriciparticolarmentecapaci. Fonte:G&GAssociated 56% 60% 50% 69% 50% 57% 16

15 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato L'effettoprodottodalwelfareaziendalesullacompetitivitànonèdiretto,mafalevasull'immagine cheilavoratorihannodellapropriaaziendae,soprattutto,sullasuacapacitàdisapervalorizzareil capitale umano e intellettuale, con una conseguente progressiva modificazione dell atteggiamento, non solo nell'ambito della produttività, ma anche in termini di creatività e propensioneainnovare. " Lafabbricaèfattaedèanimatadapersone.Iprodottisonofattidapersone.Laqualitàe illorocontenutod'innovazioneèdeciso,inlargamisura,dallepersone.perquestomotivoil welfare aziendale non può essere scambiato con il paternalismo; è, a tutti gli effetti, uno strumentocompetitivo."direttoredelpersonale,grandeazienda,nordest A tal proposito, molti responsabili del personale consultati segnalano l efficacia soprattutto di azioni di tipo people care, ai quali si associa sia un elevato commitment, sia la persistenza nel tempodell'effettodiquesteazioni. "L incentivomonetariomifa,diciamocosì,"lavorareconilcoltellotraidenti",cioècercaredi produrre più possibile per compensare tale incentivo. Ma questi comportamenti, spesso, hannounadurataridotta,anchequandol incentivomonetarioèalto. A volte è molto più importante, soprattutto per i giovani, poter cambiare di posizione velocemente, avere sempre più responsabilità o una carriera internazionale. Per altri sono molto più importanti la stabilità ed il benessere lavorativo e in questi casi i benefici non monetarisonolostrumentomigliore. Ilwelfaremifasentireamioagio,mifasentirebeneepartedell'azienda,miglioralaqualità divitaecrealecondizioniperlavoraremeglio.adesempio,un oradiflessibilitàinentratao in uscita mi può far organizzare la vita in modo diverso, soprattutto se ho bambini da accompagnareascuola."direttoredelpersonale,mediaazienda,centroitalia 17

16 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Nonostanteleevidenzesupportinolaprevisionediunfortesviluppodelwelfareaziendale,anche inunalogicadicompetitività,vièiltimoredialcuniintervistatichelacrisifinanziariaedeimercati induca ad un rallentamento di tale sviluppo per i prossimi 4/5 anni o addirittura ad un ridimensionamento. Persupportarelosviluppodelwelfareaziendale,emergecondecisionel'auspiciodiunintervento dellostato,soprattuttoditipofiscale(tabella6).taleintervento,oltreaquelloattualeavalere sul lavoro dipendente, andrebbe esteso anche dal lato aziendale per incoraggiare un maggior flussodirisorsesoprattuttoversolasanitàintegrativa.inoltre,occorrerebberomisureperrendere possibile,pertuttiicittadini,l accessoaintegrazionidiquestotipo. Tab.6Welfareaziendale Dalsuopuntodivista,loStatodovrebbefavorireladiffusionedelwelfare aziendale,attraversoadesempioincentivifiscalialleimpresechesene dotano? Intervistati Lavoratori Imprenditori Base:totalecampione 100,0% 100,0% Si 87% 74% No 6% 2% Nonsa 8% 24% Fonte:G&GAssociated 18

17 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Nonmancano,inoltre,ideeesuggerimentiancheinaltriambiti,come,adesempio,quellodella creazione di network d imprese concepite per sfruttare economie di rete e di scala utili a contenereilcostodegliinvestimentiinwelfareaziendale. "Direcente,inprovinciadiVarese,siècostituitaunareted'impresefinalizzataaridurreil costo del welfare aziendale nel settore della mobilità, della sanità e dell assistenza agli anziani, del finanziamento alle famiglie. Questo esperimento, da seguire con molta attenzione,potrebbeessere uno dei modelli da emulare per favorire l'ingresso del welfare soprattuttonellepiccoleemedieimprese."quadro I risultati della ricerca mostrano con chiarezza che il fenomeno del welfare aziendale è estremamentecomplessoecheriferirsiadessosemplicementecomeaunodeipossibili pilastri asupportodelwelfarepubblicosarebberiduttivoefuorviante. Ilwelfareaziendaleèanzituttounostrumentocheleimpreseutilizzanoperconseguireobiettivi competitivieperrenderel organizzazionepiùefficaceedefficiente. Aciòdeveaggiungersichelasuadiffusionesidevesoprattuttoalpesosempremaggiorecheil capitale intellettuale e umano sta assumendo tra i fattori strategici di successo delle aziende italiane,soprattuttodiquellecheoperanoinambientiinnovativi,ipercompetitivienel Madein Italy. Ilwelfareaziendalehaconnotatidiversisoprattuttoinfunzionedelladimensioneaziendale.Nelle grandiaziendeèpiuttostoarticolatoecomplesso,edèutilizzatoinnanzituttocomestrumentodi contrattazione aziendale. All interno delle piccole e medie aziende, dato lo stretto contatto esistente tra management e lavoratori, assume spesso anche forme di una spiccata personalizzazione ediadattamentoalleesigenzedidiversecategorieanagrafiche,redditualie professionalipresentiinazienda. 19

18 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Quantoalrapportotracostiebeneficidelwelfareaziendale,èdiffusalaconvinzionecheanche permeritodelregimefiscaleriservatoagliincentividitipoprevidenziale,sanitariointegrativoe perildirittoallostudioaparitàdicostoaziendalequestielementidetermininovantaggiperil lavoratoresignificativamentesuperioriaquelliottenibilidagliincentivimonetari.ilche,tral altro, inunperiodonelqualelerisorsedaridistribuiresonoinfasediscendente,consentealleaziendedi continuareautilizzarestrumentidinegoziazione. Nel corso dello studio non sono mancati riferimenti agli odierni e futuri connotati della classe dirigenteelavorativadelpaese. Le nuove generazioni guardano al welfare pubblico con un atteggiamento profondamente diverso da quella dei padri ma ancora carico di contraddizioni, incertezze e asimmetrie informative.lenuoveforzedilavoro,infatti,purintuendolaportataepocaledelletrasformazioni economiche,demograficheesocialidelpaeseepuravvertendol emergeredeicosiddetti nuovi rischi sociali (precariato delle fasce giovanili a basso potenziale professionale, inclusione lavorativa delle donne, obsolescenza del capitale umano e intellettuale, ecc ) non appaiono ancora consapevoli delle sfide e degli strumenti che dovranno utilizzare per affrontarle e, soprattutto, non hanno ancora elaborato idee e strategie per rinnovarein modo efficiente e sostenibileil patto tragenerazioni. D'altraparte,ilnostroPaeseècaratterizzatodacrescenticriticitàdelwelfarepubblicoasostegno alle famiglie, dell'occupazione e dell'inclusione sociale che, nel corso degli ultimi anni, ci ha portatosuposizionidistantidallamediadeiprimiquindicipaesidell'unioneeuropea. 20

19 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Istat,RapportosullaCoesioneSociale,2012 Quadrosociodemografico L'indicedivecchiaia(rapportopercentualetralapopolazionedi65anniepiùelapopolazionefinoa14anni)èpassato da111,6nel1995a144,5nel2011.questatendenzaproseguiràancheneiprossimianni:secondolestime,l'indice saràparia205,3nel2030,a256,3nel2050.cresceanchel indicedidipendenza,misuratodalrapportopercentuale fralapopolazioneinetànonattiva(014annie65epiù)equellainetàattiva(1564anni),chepassadal45,5%del 1995al52,3del2011.Nel2050questorapportodovrebbesalirea84,7. Mercatodellavoro Nelsecondotrimestre2011ilnumerodeidisoccupatièparia1milione947milaunità.Iltassodidisoccupazioneèal 7,8%(+0,5puntipercentualirispettoalterzotrimestre2010),quellogiovanile(1524anni)siattestainveceal27,4%, raggiungendoil44%seriferitoalledonnedelmezzogiorno.continuaacrescerelapopolazionechenoncercalavoroné èdisponibilealavorare.iltassodiinattivitàsiportaal37,9%,quattrodecimidipuntoinpiùrispettoaunannoprima. Nelprimosemestre2011sonostatiattivatioltre5milioni325milarapportidilavorodipendenteoparasubordinato.Il 67,7%delleassunzionièstatoformalizzatoconcontrattiatempodeterminato,il19%concontrattiatempo indeterminatoel 8,6%concontrattidicollaborazione.Irapportidiapprendistatosonostatiappenail3%deltotale. Capitaleumano Nel2010,laquotadigiovani1824ennichehannoabbandonanoprematuramenteglistudioqualsiasialtrotipodi formazioneèparial18,8%.sitrattadiunvalorenettamentesuperioreaquellodell UnioneEuropeaa25paesi(13,9%) eancoralontanodall obiettivostabilitodallastrategiaeuropa2020dellacommissioneeuropea,cheintendeportare gliabbandonisottolasogliadel10%. Povertà,deprivazione,esclusionesociale Nel2010,inItalia,lefamiglieincondizionedipovertàrelativasono2milioni734mila(l 11%dellefamiglieresidenti), corrispondentia8milioni272milaindividuipoveri,il13,8%dell interapopolazione.guardandoall Europa,iquattro paesimeridionali(spagna,portogallo,grecia,italia),insiemealregnounito,sonoquellicaratterizzatidalmaggior gradodidisuguaglianzanelladistribuzionedeiredditinell Europaa15.Inbasealrapportofralaquotadiredditodel 20percentopiùriccoequelladel20percentopiùpoverodellapopolazione,nel2010ipaesiconlaminore diseguaglianzanell Europaa15sonoiPaesiBassi,l Austria,laFinlandiaelaSvezia. Nel2010,laquotadigiovani1824ennichehannoabbandonanoprematuramenteglistudioqualsiasialtrotipodi formazioneèparial18,8%.sitrattadiunvalorenettamentesuperioreaquellodell UnioneEuropeaa25paesi(13,9%) eancoralontanodall obiettivostabilitodallastrategiaeuropa2020dellacommissioneeuropea,cheintendeportare gliabbandonisottolasogliadel10%.nelmezzogiorno,deicirca400milagiovanifuoridaglistudi,appenail31,9%è occupato(controil43,8%dellamedianazionaleeil57,9%nelnordest),mentreil49,3%risultainattivo. 21

20 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Il progressivo ricambio generazionale sta portando nelle aziende persone per le quali il welfarecostituiràsemprepiùuntemadifondamentaleimportanzaperlacompetitivitàdel Paese,ilsuobenessereeperilrapportoconlegenerazionipiùanziane".Dirigenteaziendale Si rileva, inoltre, una crescente consapevolezza dell impatto prodotto dalle attività industriali in campoetico,socialeeambientalee,diconseguenza,l emergeredistrategieemodellimanageriali orientati alla gestione responsabile di tali esternalità non tanto in chiave filantropica, bensì secondolaprecisavolontàdioperareinmodoefficace,efficientee,alcontempo,compatibilecon gliinteressidisoggettiinterniedesterniall aziendaeconlafuturacapacitàdelsistemasocialeed ambientaledisostenereleattivitàproduttive. A un ampia maggioranza di partecipanti allo studio è chiaro che l impellente necessità di affrontare un radicale e complessivo ripensamento del welfare pubblico non può prescindere dallaripresadellacrescitaeconomicadelpaese. Senzacrescita,noncisaràfuturonéperil welfarepubbliconéperquelloaziendale Quadro 22

21 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato IlCasoVimarEnergiapositiva Il primo maggio del 1945, Walter Viaro e Francesco Gusi festeggianolafinedellasecondoconflittomondialeconungesto altamentesimbolico:lacreazionediunanuovaimpresa. Oggi Vimar è leader nella produzione di apparecchiature per la domotica, conta circa dipendenti e produce più di apparatichedistribuisceinoltre100paesi. Dallasuafondazione,Vimarhaelaboratounaveraepropriafilosofiaaziendalesintetizzatanel concetto di Energia Positiva basata su un principio fondamentale: il riconoscimento delle risorseumanecomeriferimentoprincipaleeprioritariodell agireaziendale. "EnergiaPositiva,pertanto,nonèsemplicementeunoslogan,mahatuttelecaratteristichediun vero e proprio asset intangibile risultante dalla combinazione di capitale umano, intellettuale, organizzativoerelazionaleaziendale,chesitraducenell'enfatizzazionedellecapacitàindividuali dei singoli lavoratori e nello sviluppo delle loro capacità manageriali, con l'intento di favorire il liberarsidi"energie"intellettuali,creativeeinnovative. Unadellelevefondamentaliditaleassetintangibileèilwelfareaziendale.Ancheinquestocaso, nonsitrattasemplicementediunostrumentoconcepitopermigliorareilclimalavorativo,maèun mezzoattraversoilqualevimarcondivideivalorielaculturaimprenditorialecontutteleareeele funzioniaziendali. IlwelfareVimar,oltrecheinteressaretutteleareetradizionalmentecopertedaquestostrumento, appareoriginalesoprattuttoperlagestionedellastabilitàoccupazionale.inoccasionedellacrisi deimercatidel2009,lacassaintegrazioneèstataevitatapropriograzieaunaccordotraaziendae lavoratoricheconsistevanelridurreleorelavorativeaparitàdiretribuzione.ilrecuperodelleore nonlavoratesisarebberealizzatoquandolecondizionidimercatol'avesseroconsentito. 2 Unparticolareesentitoringraziamento,perleinformazionifornite,vaalDott.RobertoSchiavon,Direttoredelle RisorseUmanedellaVimar. 23

22 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Il sistema di welfare prevede, inoltre: borse di studio e colonie estive gratuite per i figli dei dipendenti; contributi, calcolati in base al reddito familiare, per il pagamento della retta per la scuolamaterna;permessigratuitiperlevisitemediche;parttime;circoliperanziani,conoltre200 iscritti;attivitàsocialiericreativepertuttiidipendenti.aciòdeveaggiungersilacreazione,per volontàdiwalterviaro,diunafondazioneperilsostegnoaidipendentibisognosi. IlwelfareVimarsièrecentementearricchitoconlasanitàintegrativaaziendalecheassicuraatutti idipendentilostessopianosanitarioeilpagamentodellequotetotalmenteacaricodell'azienda. Taleazionerientrainunapiùampiastrategiamirataaenfatizzareleattivitàdipeoplecareper migliorare ulteriormente le componenti dell'immagine aziendale che attengono alla sua propensioneavalorizzareilcapitaleumano. L'enfasi data al welfare rispetto agli incentivi monetari è dovuta al fatto che, secondo Vimar, il costosostenutosiavvicinadimoltoaibeneficiperilavoratorieperl'aziendanelsuocomplesso.i riconoscimentieconomicinonsonoesclusi,maoltreadessereapprezzatisolodaunaquotadei lavoratori (es. i single)sono caratterizzati da una tassazione talmente elevata da attenuarne moltosiaibeneficiperillavoratore,siaglieffettiincentivanti.inognicaso,iltentativodivimarè quellodiricercareilgiustoequilibriotrawelfareeincentivimonetari. Secondo Vimar, tale complesso sistema di politiche di welfare ha prodotto effetti tangibili sul miglioramento del clima aziendale, sulle relazioni con i sindacati, sul tasso di turnover e di assenteismo.soprattutto,haincisosullaqualitàeinnovativitàdeiprodottie,piùingenerale,sulla competitivitàaziendale. In Vimar non si sottovalutano neppure gli effetti prodotti dal suo welfare sulle comunità che ospitano gli stabilimenti produttivi. In questo caso, l'obiettivo è quello di rendere sostenibile, anchedalpuntodivistasociale,l'agireaziendaleversol'esterno. " èl'attenzioneallerisorseumane,ailorobisogniealleloroesigenzechefasìchelepersone possanodareilmeglio,qualsiasisialalorofunzione.energiapositivachesitrasformainlavoro positivooffrendoalmercatononsolounprodottomaunpezzodisestessi,dellaloropassioneedel lorosapere.unprodottopositivo! "PubblicazioneinternaVimar 24

23 G&GAssociatedLosviluppodellaSanitàintegrativa. SinergietraWelfare pubblicoewelfareprivato Sanitàpubblicaesanitàintegrativa IlSistemaSanitarioNazionale Il tema della sanità è molto sentito dal campione intervistato, soprattutto perché fonte di preoccupazioneperladiffusapercezione: delleinefficienzeeledistorsionichecaratterizzanolasanitàinmolteregioniitaliane; deicosticrescenti,percepitisoprattuttoattraversol aumentodeiticketsanitari; dell allungamentodeitempidiattesanecessariafruiredelleprestazionisanitariepressole strutturepubbliche; dellamobilitàsanitaria,soprattuttodiquellasudnord; dellecriticitàconnesseall evoluzionedemograficadelpaese; del rischio di dover rinunciare a conquiste che sembravano ormai definitivamente acquisite. "La qualità complessiva della sanità italiana è molto elevata, ma è anche molto disomogenea sul territorio nazionale, per cui abbiamo regioni che sono ai vertici dell'eccellenza sanitaria europea e regioni che offrono servizi di livello modesto a costi enormementeelevati.noncredochemettereindiscussioneilruolodelleregioninellasanità sialasoluzione,maèindubbiocheattualmentevisiaunacarenzadipolitichecentralimirate aridurresprechieinefficienze".dirigente,aziendasanitariaprivata,norditalia Traisoggettiintervistati,èmoltoampialapercentualedicolorocheprevedonounariduzione dellerisorseadisposizionedellasanitàpubblica(tabella8)e,diconseguenza,unpeggioramento dellaqualitàdelservizio(tabella9)eunariduzionedeilivellidiassistenzasanitaria(tabella10). 25

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca

Logo FASI. Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato. Sintesi dei risultati di ricerca Logo FASI Lo sviluppo della sanità integrativa. Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato Sintesi dei risultati di ricerca Studio realizzato da G&G Associated in occasione dei 35 anni di attività

Dettagli

Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato

Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato 1 Presentazione dello studio Lo sviluppo della sanità integrativa Sinergie tra welfare pubblico e welfare privato 2 Metodologia e campione Lo studio è stato realizzato in due fasi. A. STUDIO QUALITATIVO

Dettagli

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali GIUSEPPE GAROFALO Prof. di Economia Dipartimento di Economia e Impresa Università della Tuscia Occupati in Italia 9,2 milioni

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti.

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020)

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Pesaro, 11 febbraio 2014 Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA c.grano@indire.it L Architettura di E+ 7 esistenti programmi

Dettagli

Le principali evidenze dalla 5th EWCS e gli sviluppi futuri

Le principali evidenze dalla 5th EWCS e gli sviluppi futuri Le principali evidenze dalla 5th EWCS e gli sviluppi futuri Maurizio Curtarelli Research Officer Working Conditions and Industrial Relations Unit Eurofound Overview della presentazione Datipresentatirelativia

Dettagli

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange Piattaforma Italiana Power House Europe Incontro Seminariale GdL2 - Questioni tecniche Roma, 10 Novembre 2010 - Palazzo della Cooperazione Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Università Cattolica 2 ottobre 2014 Introduzione Giancarlo Rovati Direttore Dipartimento di Sociologia Studio

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Specialistica in Scienze per le Politiche Sociali e del Terzo Settore IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire

L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire L assistenza libero professionale in sanità e settore sociosanitario: per gli infermieri una opportunità da costruire Carla Collicelli Fondazione CENSIS SOMMARIO 1. Un nuovo «amore» tra professione infermieristica

Dettagli

La centralità dei giovani

La centralità dei giovani La centralità dei giovani Per la crescita delle aziende e del Paese Alessandro Rosina Docente Demografia e statistica sociale U.C. Direttore Laboratorio statistica applicata alle decisioni economico-aziendali

Dettagli

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE Francesca Colombo, Divisione Salute OCSE 2 Aprile 2013 Il lavoro sulla sanità all OCSE è cresciuto nel tempo, come il budget sanità % GDP 12 France Germany Italy United

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012 Roma, 12 Gennaio 2012 Il quadro mondiale Nel XX Secolo il mondo ha aumentato di 20 volte il consumo di combustibili fossili, e di 34 volte le attività estrattive. Con questo modello ed ai livelli di oggi,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Assicurazione e Management dei Rischi in Sanità Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Francesco Longo Carlo De Pietro francesco.longo@unibocconi.it carlo.depietro@unibocconi.it

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Scelte di istruzione e mercato del lavoro Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Perché istruirsi? 1. L istruzione come bene di consumo : mi piace studiare 2.L istruzione come bene di investimento

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Intervento di Stefano Cuzzilla

Intervento di Stefano Cuzzilla Desenzano sul Garda, 25 marzo 2013 Intervento di Stefano Cuzzilla PRESIDENTE FASI Sono molto fiero di partecipare oggi a questo incontro perché qui, a Desenzano, abbiamo realizzato uno degli obiettivi

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda

Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda QUALE MERCATO PER I PRODOTTI E SERVIZI PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

APPUNTI SUL MERCATO DELL ODONTOIATRIA Il mercato italiano, il servizio pubblico, i Fondi Sanitari, il mercato negli Stati Uniti

APPUNTI SUL MERCATO DELL ODONTOIATRIA Il mercato italiano, il servizio pubblico, i Fondi Sanitari, il mercato negli Stati Uniti Ade Italia all Italy Protection Forum 2015 APPUNTI SUL MERCATO DELL ODONTOIATRIA Il mercato italiano, il servizio pubblico, i Fondi Sanitari, il mercato negli Stati Uniti Documento non riproducibile Rel.

Dettagli

A proposito di questa indagine

A proposito di questa indagine A proposito di questa indagine In tutta l'unione Europea, diverse organizzazioni forniscono l'accesso e la formazione alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC), insieme ad altri servizi

Dettagli

Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE?

Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE? Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE? Alice Pittini Rome, February 12, 2015 Seminar L Italia incontra l Europa Estonia Romania Bulgaria Hungary Slovakia Lithuania

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN

I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA (GNP) Milano - Borsa Italiana - Venerdì 16 Maggio 2014 Ore 14.00 I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN Traccia dell intervento di Valentina

Dettagli

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009 OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON L EUROPA Piemonte in focus Indice GIUGNO 2009 La situazione della

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Andrea Lesca 1 Milano, 10 maggio 2012 Lo sviluppo delle forme pensionistiche complementari passa all interno del progressivo mutamento delle forme di

Dettagli

La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa

La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa www.euroguidance.net 20 anni con la Rete europea dei National Resource Centres for Vocational Guidance 1992: primi Centri NRCVG istituiti

Dettagli

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Lo stato sociale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Motivazioni Fallimenti informativi e ruolo dei due teoremi dell economia del benessere

Dettagli

Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020. Massimo Gallanti

Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020. Massimo Gallanti Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici CERTIFICATI BIANCHI Titoli di effcienza energetica

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Milano, 13 giugno 2013 Uso: Confidential Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata

Dettagli

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 FRANCA MAINO Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013

La Sanità. Raffaele Lagravinese. 18 Novembre 2013 La Sanità Raffaele Lagravinese 18 Novembre 2013 Argomenti della lezione Aspetti demografici e Sanità Le Giustificazioni dell intervento pubblico in Sanità Sistemi Sanitari a confronto La Spesa sanitaria

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC La recente pubblicazione del rapporto Censis/Unipol Welfare, Italia 214 propone alcuni spunti e temi di riflessione su

Dettagli

Fondi pensione ed economia Italiana

Fondi pensione ed economia Italiana Fondi pensione ed economia Italiana Mauro Marè Università della Tuscia e Mefop Previdenza privata e crescita economica: idee e prospettive LUISS, Roma 14 dicembre 2015 Outline 1. L industria dei fondi

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Dott. Timur Khoussainov Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale

Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Dott. Timur Khoussainov Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale Bologna, 30 ottobre 2015 CHE COS È (PER NOI) LA CONOSCENZA? Toffoletto De Luca Tamajo e Soci 2015 2

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Energia Elettrica per fonte 2011 Nord America Altre Rinnovabili 3% Idroelettrico 16% Nucleare 17%

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP 22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP Microsoft: l evoluzione dell ERP 22 Ottobre 2013 - UNA Golf Hotel Cavaglià (BI) In qualsiasi tipo di azienda,

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things. Paolo Gubitta Università di Padova

Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things. Paolo Gubitta Università di Padova Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things Paolo Gubitta Università di Padova Padova, 5 novembre 2015 Tutto oro quello che luccica? Mah Per quanto ancora ci servirà questo welfare aziendale?

Dettagli

Avv. Franco Toffoletto. La disciplina delle mansioni. Optime - Grand Hotel et de Milan. 1 luglio 2015

Avv. Franco Toffoletto. La disciplina delle mansioni. Optime - Grand Hotel et de Milan. 1 luglio 2015 La disciplina delle mansioni Optime - Grand Hotel et de Milan 1 luglio 2015 Jobs Act 1 (L. 16 maggio 2014, n. 78) Contratti a termine (superato dal D.lgs 15 giugno 2015, n. 81) Jobs Act 2 (L. 23 dicembre

Dettagli

Newsletter novità europee 4/2012

Newsletter novità europee 4/2012 (Documento1 / 10/07/12) Newsletter novità europee 4/2012 Indice Eurobarometro 2 Monitoraggio dell impatto sociale della crisi 2 Finanziamenti 2 Banca del Consiglio d'europa per abitazioni per persone a

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

II SUMMIT ITALIANO SUI TALENTI Come vincere la guerra dei talenti mediante adeguate strategie di attraction, recruiting and retention NEL QUOTIDIANO,

II SUMMIT ITALIANO SUI TALENTI Come vincere la guerra dei talenti mediante adeguate strategie di attraction, recruiting and retention NEL QUOTIDIANO, II SUMMIT ITALIANO SUI TALENTI Come vincere la guerra dei talenti mediante adeguate strategie di attraction, recruiting and retention COME PATRIMONIALIZZARE, NEL QUOTIDIANO, LA PRESENZA DEI TALENTI AGENDA

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014 Digital Payment Summit Roma, 12 Giugno 2014 Internet People & Internet Banking People - Worldwide Internet Banking (Percentage of individuals who used Internet in the last 3 months) Self-first I Finland

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le Politiche del Lavoro Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le politiche del lavoro sono: insieme di interventi pubblici rivolti

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

EXTERNAL HR MANAGEMENT

EXTERNAL HR MANAGEMENT EXTERNAL HR MANAGEMENT PER LO SVILUPPO CONTINUO DEI KEY PEOPLE AZIENDALI Dotarsi dei servizi di una moderna Direzione di Sviluppo delle Risorse Umane per la cura dei propri Key People abbattendo i costi

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI

VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI C E N S I S VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA La ricerca del Censis Sintesi Roma, 11 giugno 2014 Il Censis ha sviluppato un modello per stimare l impatto economico e sull occupazione

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli