The development of informatics and communication

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The development of informatics and communication"


1 EDITORIALE MINERVA ANESTESIOL 2005;71: E-learning as educational tool in emergency and disaster medicine teaching E-learning is a new project for education based on the adoption of new computerised, multimedia and telematic technologies. Its application has deeply changed the concept of a teacher-based teaching to a student-centred educational project. It offers a great flexibility in the educational methodology, in the administration of contents, in the synchronous and/or asynchronous interaction between teachers and students, in the organisation and in the structure of the course, in the educational plans, in the support, the tracking and the evaluation of the student. E-learning could represent a great resource and a possible revolution in the concept of education and in the field of medical education as well. In some specific fields of application, as Emergency and Disaster Medicine, where the interaction between the student, the teacher and the patient, even if of great importance, are difficult to obtain in a quiet setting and have a lot of organizing, technical and economic troubles, e- learning approach could find a fertile field of application. In this paper we present a new program of educational activities we started in MINERVA Part of this paper has been presented as an invited presentation at the 2 nd Qatar International Trauma Care, Disaster and Emergency Medicine Conference, Doha, April, 7-11, 2004 but not published. Address reprint requests to: Prof. F. Della Corte, S.C.D.U. Anestesia e Rianimazione, Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità, Università degli Studi del Piemonte Orientale, Corso Mazzini 18, Novara, Italy. Sito web della piattaforma di e-learning: applicazioni in didattica medica: applicazioni in medicina di emergenza: F. DELLA CORTE, 1 F. LA MURA 1, R. PETRINO 2 1Department of Anesthesia, Critical Care and Algology Ospedale Maggiore della Carità, A. Avogadro University of Eastern Piedmont, Novara, Italy 2Department of Emergency Ospedale Maggiore della Carità, A. Avogadro University of Eastern Piedmont, Novara, Italy the field of Emergency and Disaster Medicine together with a review of the history of the instructional design and related technologies, ranging from the development of computer aided instruction to modern e-learning applications as teaching methodologies, and their impact on pedagogic and operative aspects. Key words: elearning - CAI - Instructional design - Emergency Medicine - Disaster Medicine. The development of informatics and communication technologies has rapidly involved the whole academic teaching domain. This spreading was slowed by some resistances among teachers due to the difficulties encountered to acquire skill in the use of modern digital instructional technologies; nevertheless these latter will bring to a global revolution in the approach to learning, in the relationship between students and teachers, and among students themselves. Emergency and Disaster Medicine is particularly suitable for this kind of teaching because: MEDICA Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 181

2 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING virtual medical simulation is able to present to the students scenarios that are difficult to get in everyday practice (especially for Disaster Medicine), or that are not the best instructional settings for teaching because of the emotional and practical context; some contents are frequently represented by operative flow-charts that can easily be transferred in a computerized learning environment; real simulations, when possible to setup, are often unaffordable from both an economic and organisational basis. On this background we started a new program of educational activities in the field of Emergency and Disaster Medicine at our University using some of the new available technologies. In this paper we present them together with a review of history of e-learning applications as a teaching methodology and their impact on pedagogic and operative aspects. Brief history of e-learning The oldest experience of computer-based learning was reported in the early 50 s by Skinner who first used the term programmed instruction. 1 His attempt was to make the learning process more direct and better tailored on the student establishing a sort of dialogue between the computer (proposing the questions) and the student (answering them). Students solutions were then compared to the pre-programmed correct ones and rated. In such a case computers were reduced to a mere tool supplementing the conventional style of teaching but adding no innovation to the actual cognitive process. In the 60s-70s the collaboration between Stanford University Institute for Mathematical Studies in the Social Studies and IBM led to a next step in computer based instruction, the so-called computer aided instruction (CAI). 2 Even in this case, the learning process consisting of absorption of information and knowledge, was evaluated by computerreleased standard tests. Students played a passive and non-critical role, accepting the information shown on the computer screen without the possibility to choose the material they wanted to explore. At the same time the University of Illinois developed the Programmed Logic for Automated Teaching Operations (PLATO) System, where the students had the possibility to share notes (a sort of internal messaging system). 3 PLATO was able to support many students logged at the same time. Two other major events were the development of Time-shared, Interactive, Computer-Controlled Information Television (TIC- CIT) System, the first system designed to represent instruction in accordance with instructional theory 4 and the development of microcomputers. The development of CAI had also strong oppositions. Nelson, 5 who invented the term hypertext to underline the notion of linking pieces of text from different articles, warned that students using CAI were flooded with facts that fit the question-answer mould being thus prevented from exploring the wider context of the subject on their own. Anyway, he developed Xanadou, the name of the system, a hypertext based software allowing students to access on-line libraries, where they could create links and annotate others work. In this system, users were able to access the material (text and pictures about the chosen topic) in a non-linear fashion. Xanadou was actually the next step towards computer assisted learning (CAL), 6 where a sort of decisional process was submitted to users allowing them to follow several cognitive directions, searching information, solving problems as well as playing instructional games. Such implementation of technology gave a great impulse in the change of educational models and created new approaches to learning and teaching. Computers, instead of providing new didactic technologies and methodologies, just served as a technique for content delivery. In the past three decades, industry made available and eventually sold many videoconferencing systems to public administrations, Universities etc. 7 Again, this audio/video/ media interconnection did not refer to a new paradigm in instructional design, but was just 182 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

3 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE a mere technique for broadcasting contents, where the distance factor (physical distance) was the enemy to fight. Most of the newest videoconferencing systems are based upon the proprietary stacks of protocols for audio/video/media sharing, developed at a time when the internet based applications were not considered by the industry a reliable mean of telecommunications. One of the field of application of videoconferencing was the computer based distance learning, at times being a frustrating experience for both the teacher and the student; the most frequent complaint referred by the users was the sense of loneliness and isolation. Despite some authors tend to say that this kind of students perception is a common stereotype, 8 it seems that this phenomenon more often occurs when the learning process, being it distance based or not, does not rely upon a classroom environment model, even virtual, and its benefits. So, it has become clear that the computer technology, more than a means to mimic the teacher (as in CAI), must act as a flexible infrastructure for group socialization and environment sharing, leaving students and teachers expressing themselves in the most possible natural way. 9 Infrastructure flexibility also means that the digital contents (digital identities, didactic material etc.) can be preserved, reused, extended and improved when needed. The sharable content object reference model (SCORM) technology for digital contents, along with prior similar systems, was born to meet these expectations. 10 Pedagogic considerations Learning is a reflective, generative process best facilitated by active, collaborative forms of pedagogy In the classic teacher-centred class, the sources of authority are the instructors and the text; even if the growth of knowledge is rapid, the weaknesses of the traditional approach is due to the fact that it relies mostly on memorisation rather than thinking and problem solving and on the quality and ability of the teacher. A passive rather than an active role of the student is easily detectable. In a modern student-centered environment, the instructor s role is turned into a facilitator, guiding collaborative learning groups. The advantages of this approach is interactivity where active problems solving attitude takes the place of passivity, where the students have an immediate feed-back. Areas of weakness of the student s education can easily be detected and the tutoring can be easily focused on his/her needs. Moreover the evaluation could be performed via objective means and self evaluation could be allowed before standard evaluation. As regards the teacher s point of view, according to Bloom 14 Each teacher begins a new term or course with the expectation that about a third of his students will adequately learn what he has to teach. He expects about a third to fail or just get by. Finally, he expects another third to learn a good deal of what he has to teach, but not enough to regard them as a good student. Bloom considered these expectations, built upon the normal curve, as the most wasteful and destructive aspect of the educational system and he believed that most students, or about 90%, could master what is to be taught. The basic instructional task was to define the course into educational units and find methods and material to help the students to reach the set level. Then the student would be tested with a formative test that would either indicate mastery or emphasise on what was still needed to be learned, to reach the next level. To reach mastery the student needed to get 80-90% right. In opposition to this theory, Keller stated that rather than focusing on negative feedback, positive feedback was more efficient to fix concepts. 15 E-learning today The growing interest for E-learning was demonstrated at different levels: university level: for example European Universities developing internetworking as the Gruppo di Armonizzazione Reti per la Ricerca (GARR), 16 using technologies eventually based on TCP/IP. The main strength Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 183

4 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING of this network is its very high speed, the high degree of interconnection with all the networks all over the world; industrial level: instead of imposing new standards, the industry is trying to follow the social events and find its own market. Internet, as well as e-learning, are not currently considered as technological innovation, but as a complex social phenomenon. So, from proprietary standards and unaffordable high price systems, even IBM opened its doors to open source system such as Linux ( governmental level: By the end of 1999, the European Commission gave birth to the eeurope programme aiming at accelerating the uptake of digital technologies across Europe and ensuring that all Europeans have the necessary skills to use them. 17 It is a fact that governments are investing resources in the creation of a digital infrastructure for the European countries. Many guidelines have been issued by the European Commission, leaving room for a certain degree of freedom in its implementation, in order to make this infrastructure working and flexible. The Italian Decree issued on April 17 th 2003 by The Minister for Innovation and Technologies along with the Minister for Education, University and Research regulated the criteria and procedures for the delivery of Distance/digital education by public and private Universities, strongly suggesting the use of reusable technologies such as SCORM in order to develop and administer digital educational material. This decree represent a real keystone, in order to let Universities officially provide and certify under and post graduate courses outside the boundaries of university buildings. In summary, we should underline the current situation and definition of e-learning with these key points: current technology allows the implementation of Common Virtual Environments (CVE) and virtual classrooms, in opposition to the computer acting like a teacher towards single student/s; current European legislation officially allows public and private Universities to provide courses outside the boundaries of university buildings, as long as the given criteria are met (use of SCORM didactic material, use of virtual classrooms etc.); most of the European Universities are potentially able to implement CVE within their network infrastructure. Recent legislation at European level allows Universities to participate/create spin-off companies, in order to promote internal processes of production, even market oriented. The vast majority of European Universities still lack digital didactics to provide, along with proper platforms to host virtual classrooms, despite, as Universities, they are rich of history, didactics delivered in a classical fashion, slides, books, people, etc. Moreover, in a perspective of digitally delivering courses and contents the waste of time and resources needed to transform every teacher into a digital teacher seems not only economically unaffordable, but procedurally and philosophically wrong. Moreover, we would once again stress that physical distance, and need to broadcasting, has nothing to do with the production and delivery of digital didactics. The E-learning experience at the A. Avogadro University of Eastern Piedmont The A. Avogadro University of Eastern Piedmont is one of the founders of a newborn company - InfoLearning S.r.l. 18 devoted to promote, produce and maintain the digital infrastructure for digital courses delivery; course directors, teachers, even from other Universities, can contact the help desk in order to have full support in adapting their didactics according to the new European criteria. These synergies resulted in the fact that digital didactics can be extended outside the boundaries of the university buildings, it can be enhanced in favour of resident Students (digital seminars), it can be embedded in classical didactics (blended learning). 19 This extended, enhanced, embedded flexible didactics is currently called e-learning. To provide a web-based learning envi- 184 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

5 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE ronment is an enormous effort not only from the didactic and organisational perspective but also from an administrative and technical point of view. Our Department of Computer Sciences and eventually the University s spin-off company in charge for the development of e-learning courses relies on a well equipped server farm and very high speed backbone (GARR network). The core e-learning platform is based on an open source software called Moodle coproduced by our University. Internal staff of our Computer Science Department recently developed a SCORM player devoted to this platform, and this new feature has been integrated in the official Moodle distribution software (Moodle, SCORM player) 20 so that users from all over the world will benefit of it. Our platform currently hosts several thousands students, belonging to our university and other institutions and processes thousands files per day, including educational material, logs of students and teachers tracking, forum messages, videoconferencing, on-line test (both as learning and evaluation exercises), working groups and many more activities. Every user has its own system privileges, but the basic set of features generally includes a personal file folder with unlimited space for storing data, the possibility to apply to synchronous as well as asynchronous events, the possibility to experience on-line SCORM lessons with several levels of branching and feedbacks, the possibility to download lessons for off-line use and printing. Students and teachers can easily apply to one or more courses, when allowed. Moreover, the following features are fully functional: integration of What You See Is What You Get (WYSIWYG) HTML editor; addition of paging and searching to the user management screen; full randomisation of quizzes, including random questions and random answers; importing of quiz questions from external text files; consistent grading scheme throughout modules using teacher-defined grading scales; system to allow backup and restore of individual courses; system to automate backups on a custom schedule; full support for groups and cohorts within courses. The whole infrastructure, as said before, is open to the outside and, being web-based other Universities and institution can apply to run their own courses on our platform. The educational material is meant to be reusable, flexible, and standard. Specific application of blended/e-learning in the fields of Disaster Medicine and Emergency Medicine The European Master in Disaster Medicine The most developed e-learning based for postgraduates at the A. Avogadro University of Eastern Piedmont is the European Master in Disaster Medicine (EMDM) 21, 22 a unique experience implemented in this field of medicine. New information technologies, particularly related to distance e-learning and interactive multimedia and problem-based exercises are easily applicable to teaching Disaster Medicine and these educational methodologies are the backbone of the EMDM. The EMDM is organized by the 2 founding universities, the A. Avogadro University of Eastern Piedmont and the Free University of Brussels and its project was fed by a great interest for the international aspects of Disaster Medicine and the need to harmonize and standardize the education and training in Disaster Medicine in the European Union. The founding Universities have final responsibility for the scientific content and the format of the EMDM, the quality of the educational methodology, the evaluation procedures and the awarding of the master degree. The EMDM is supported by international and scientific organizations responsible for Disaster Medicine and disaster management and the faculty members of the EMDM are qualified professionals in Disaster Medicine and disaster management coming from several universities and international organizations. Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 185

6 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING The course is of interest to all those involved in the medical preparedness and response in disaster situations at local, national and international level. Applicants must hold an approved graduate level degree in a subject of health care or health management or offer proof of equivalent qualification based on professional experience. The EMDM consists of different parts that must be completed successfully by the students: a self-directed study under faculty guidance based on problem-based learning integrated in an e-learning curriculum and provided on the website. It allows programmed access to learning modules, exercises and tests and students, who are all professionals that keep on doing their own activities, are able to proceed at their own pace. The EMDM is composed of 7 modules, each of them having a coordinator: introduction, disaster management, specific multiple casualty treatment, disaster mental health, education and training in Disaster Medicine, complex humanitarian emergencies, and legal, ethical and moral aspects of Disaster Medicine; the website of the EMDM is used as a learning station, a tutoring system, an information provider, and as a communication centre. Several problem-based learning exercises are provided such as a rail disaster complicated by a chemical incident, a mass casualty incident in a tunnel, and a command and coordination exercise; a live-in course where the students meet the faculty and interact with them in debates and exercises assessing the student s ability to recall and apply an integrated knowledge base in solving a problem in disaster situations. Finally, the students will participate in a full-scale exercise organized by the Università del Piemonte Orientale together with the local Red Cross and Civil Protection. A thesis related to a topic of Disaster Medicine or disaster management under the supervision of a tutor. The dissertations are stored in the library of the EMDM website and can be consulted by future students; a final on-line examination provided on the internet composed of an electronic simulation exercise of a disaster where the students have to solve medico-organizational and medical care problems and a multiple choice questionnaire on the content of the electronic textbook. Until now (4 th academic year), 99 students from 36 nationalities and the 5 continents participated to the EMDM. A major part of the participants are emergency physicians working in hospitals, others have a position as senior officer in governmental and nongovernmental organizations or in emergency medical services and dispatch centres, as medical officers in armed forces or as educators in Disaster Medicine. Many students had previous experience of disaster relief. The format and content of the educational material has been evaluated before starting the EMDM and at the end of each academic year by an advisory board consisting of recognized professionals in the Disaster Medicine community. An evaluation using qualitative methods is performed from discussions with both the participants and faculty at the end of the residential course and from students evaluation forms at the end of the academic year. A quantitative evaluation can not yet be carried out, as it needs a larger student sample for relevant statistical analysis. The problem-based e-learning programme together with an interactive live-in course and submitting a thesis was considered as a unique combination to achieve the aims and objectives of the course. The great number and variety of practical exercises and interactive debates during the residential course, the problem-oriented simulation exercises, and the discussion forum on the website of the EMDM fostering interpersonal professional and social contacts, have been highly valued by the students. As future developments, we expect that the website of the EMDM will increase its CVE vocation. A library with literature and on-line references on all the aspects of Disaster Medicine and disaster management was developed. It is the intention of the 2 founding universities to extend the collaboration to other universities within and outside the European Union in order to further develop the EMDM. The EMDM starts with a network of alumni in order to create a world-wide platform for research on the 186 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

7 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE evaluation of medical disaster management and for establishing a databank containing comprehensive evaluation studies. Such database will enable medical disaster plans to be based on experience, medical disaster education to be based on a scientific evidence, comparative analyses of the medical aspects of disaster management, and refinement of the evaluation methodology by medical disaster researchers. Further information, with possibilities to experience the e-learning activities, the electronic exercises and other features, can be obtained visiting the web site: TABLE I. Content of the program of emergency medicine. General approach to EM: the clinical methodology Basic life support Advanced life support ECG-interpretation in emergencies General approach to acute cardiovascular pathologies Systematic approach to the trauma patient Acute respiratory failure Diagnostic and therapeutic approach to exogenous intoxications Acid-base acute disturbances and disorders of ions metabolism Neurological examination in emergencies Acute cerebrovascular accidents Abdominal emergencies TABLE II. List of skillness that students must perform during the course. Emergency Medicine for undergraduate students In the program of Italian Medical School the course in Emergency Medicine is usually the last one, and a whole semester is devoted to it. The reason stays on the fact that a good education program in Emergency Medicine must comprehend a wide body of knowledge, a good practical training in the skills the student is expected to be familiar with, and a method of education to take rapid decisions and to apply correctly and timely predetermined behaviour schemes and flow-charts. The following points were the major reasons that convinced us on the utility to propose the course partly as traditional lectures and practical rotation made in the Emergency Department, in the operating room and on simulated clinical cases on manikins, partly with the new e-learning technology and philosophy: flow charts are easily transferred to an interactive informatics system; the symptomatic approach allows to easily develop simulated and interactive clinical cases; there is the possibility to virtually represent clinical trends and clinical signs that can be modified by the student; real, high stressing settings are not best fitting to ordinary didactics; simulations are difficult and expensive because a high number of manikins, of trainers and time is requested. Skills To know conoscere To see on patient To do on manikin To do on pt BLS X X X Electric defibrillation X X X EKG interpretation in emergency X X X X in ED Airway management X X X Basic ventilatory support X X X X in OR Helmet removal in trauma X X X Cervical collar X X Safe prono supination in trauma X X X Backboard application X X X Fractures split positioning X X X Venous cannulation X X X X in OR Gastric tube positioning X X X in OR Drugs in emergencies X X X X in ED Bereaving X X Monitoring in emergency X X History taking in ED X X X X in OR Blood gases analysis X X X Bladder catheterisation X X in OR Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 187

8 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING Figure 1. Seminars digitally recorded. Anatomy of a digital seminar Teacher s lecture (voice, video) Slides (originals and those modified during the seminar Student s remark/questions Tests Theachers/students can extract single layers of the seminars... Figure 2. Anatomy of a digital seminar. Digital library The Course programme (Table I, II) is fully integrated in the e-learning platform in a kind of multiple approaches that we called blended learning. During the academic years and , 112 students attended the course. At that time, the e-learning platform already supported SCORM files. The students were more and more involved both in e-learning, in frontal lessons, and in practicing. Along with classroom lessons, our students attended live seminars that are digitally recorded (Figure 1). During these digital seminars, using the program Centra One Symposium (CentraSoftware, Lexington, MA, USA), a teacher runs the lesson by speaking, showing slides or pictures, enriches the didactic material in real time drawing on a digital blackboard, administers tests. During the session, all data (voices, video, tests etc.) are streamed to a dedicated network Server. At the end of the session, every student can view endless times the seminar, as it was a virtual DVD. Current seminars (AY ) also included: electrocardiografic interpretation; 188 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

9 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE drugs (clinical pharmacology); computed tomography scan interpretation; blood gases analysis interpretation. Teachers/students can (Figure 2): extract single layers of the seminars, obtaining a CD-ROM with specific lessons, according to specific search criteria; fetch the bibliography quoted in the lessons according to search criteria; rebuild a new lesson with available learning objects. So, not a simple electronic document repository was provided, but a common electronic environment where students and teachers may develop new, interesting, positive stimuli to improve the teaching/learning process. At the end of the course the students were asked to fill-in a feedback form. Among several questions, we extracted and analyzed the following: 1) How do you judge the whole organization of the course regarding the improvement of your knowledge? 2) How do you judge the digital seminars with the CentraOne system for the improvement of your knowledge? 3) How do you globally consider the e- learning approach? The following answers were obtained: 1) 47% very useful, 49% useful, 4% useless; 2) 48% very useful, 36% useful, 16% useless; 3) 48% very useful, 38% useful, 14% useless. Investigating the negative results, we were able to find out that they were due to personal difficulties in the use of the informatic devices and in the web navigation so that we will provide a preliminary course on their use in the next edition. In conclusion, the data obtained until now, along with the massive participation of the students to all the activities, represent a vigorous stimulus to improve and promote our educational paradigm. Acknowledgments. Our personal thanks to Prof. A. Giordana and Prof. G. Franceschinis (Department of Computer Science, University of Eastern Piedmont, Alessandria), to the InfoLearning group and to Prof. H. Delooz, EMDM Executive Committee and Prof. M. Debacker, Chairman of the EMDM Executive Committee. References 1. Skinner BF. Teaching machines. Science 1958;128: Stanford University (Institute for Mathematical Studies in the Social Studies). The uses of computers in education. Scientific American 1965;215: Woolley DR. PLATO: the emergence of on-line community. Computer-Mediated Communication Magazine 1994;1:5. 4. Saettler P. The Evolution of American Educational Technology. Englewood, CO: Libraries Unlimited; Nelson T. The Hypertext. Proceedings World Documentation Federation Conference Keep C, Nelson T and Xanadu, The electronic labyrinth, University of Virginia, elab/hfl0155.html 7. Levinson P. Basics of computer conferencing, and thoughts on its applicability to education. New York: The New School for Social Research; Ice J. Complete Book of Distance Learning School. Princetown Review Greenhalgh C, Bullock A, Frecon E, Lloyd D, Steed A. Making Networked Virtual Environments Work. Presence: Teleoperators and Virtual Environments 2001;10: ADL, SCORM History, 11. Gullo A. [Continuing medical education in anesthesiology...the search for methods] Minerva Anestesiol 1999;65: Italian. 12. Scherpereel P. Continuing medical education in anaesthesiology. Minerva Anestesiol 1999;65: Mondello E, Montanini S. New techniques in training and education: simulator-based approaches to anesthesia and intensive care. Minerva Anestesiol 2002;68: Bloom BS, Hastings JT, Madaus GF. Handbook on formative and summative evaluation of student learning. New York: McGraw-Hill; Keller JM. Kellers ARCS Model of Motivation GARR, Gruppo di Armonizzazione Reti per la Ricerca, Picture of actual network topology: 17. European Commission, eeurope: An Information Society For All, 18. InfoLearning S.r.l. spin-off Company of the University of Eastern Piedmont A. Avogadro, 19. Dean P, Stahl M, Sylwester D, Pear J. Effectiveness of Combined Delivery Modalities for Distance Learning and Resident Learning. Quarterly Review Of Distance Education 2001;2; Moodle SCORM player developed by the University of Eastern Piedmont A. Avogadro, download.php/modules/ 21. European Master in Disaster Medicine, 22. Debacker M, Delooz H, Della Corte F. The European Master Program in Disaster Medicine (EMDM): A Unique Education and Training Model. Int J Disaster Medicine 2003;1: Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 189

10 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING L e-learning nella formazione in medicina d emergenza e dei disastri Lo sviluppo e la conseguente diffusione della conoscenza e dell uso delle moderne tecnologie informatiche e telematiche hanno rapidamente coinvolto anche il mondo della formazione universitaria. Nonostante esistano resistenze dovute fondamentalmente alla difficoltà teorico-pratiche di alcuni docenti nell utilizzo delle nuove tecnologie, si stanno ponendo le basi per una rivoluzione copernicana dell approccio allo studio, del rapporto docente/discente, dell interazione tra gli stessi studenti nell ambito della classe. La Medicina d Emergenza e dei Disastri si presta particolarmente all applicazione di queste moderne tecnologie perché: la simulazione virtuale sostituisce con facilità o, perlomeno, anticipa con verosimiglianza, condizioni che sono difficili da riscontrare o sono eventi che lasciano poco spazio alla pratica di insegnamento professionalizzante; il corpus materiae è ricco di comportamenti codificati (flow charts operative) che ben si prestano alla rappresentazione computerizzata; la simulazione reale, qualora possa essere utilizzata come parte della formazione, è assai costosa e spesso non ripetibile. Sulla base di queste considerazioni, abbiamo dato vita nell ambito della nostra attività formativa, a una serie di modalità didattiche che fanno largo uso delle tecnologie informatiche. Intendiamo, qui, presentare una panoramica delle applicazioni delle stesse nell ambito internazionale e una revisione dell evoluzione che il concetto di formazione ha subito con l introduzione delle moderne tecnologie. Una breve storia dell e-learning La prima esperienza di apprendimento basata sul computer è stata descritta nei primi anni 50 da Skinner, che per primo ha utilizzato il termine istruzione programmata 1. L Autore ha tentato di rendere il processo di apprendimento più diretto e adattato allo studente, cercando di stabilire un dialogo tra il computer che proponeva le domande e lo studente che rispondeva. Le risposte date dallo studente venivano quindi confrontate con le risposte corrette programmate in precedenza sul computer, che ne dava automaticamente il punteggio. Il computer a tale punto rappresentava soltanto un mezzo supplementare alla didattica tradizionale che nulla aggiungeva al processo cognitivo dello studente. Negli anni 60 e 70 dalla collaborazione tra lo Stanford University Institute for Mathematical Studies in the Social Studies e la IBM è stata determinata un evoluzione dell insegnamento basato sul computer, la cosiddetta computer aided instruction (CAI) 2 che consisteva nella valutazione tramite test standardizzati sul computer dell apprendimento degli studenti. Anche in questo caso, lo studente giocava un ruolo passivo e acritico, accettando le informazioni che comparivano sul monitor senza alcuna possibilità di scegliere il materiale da studiare o interagire in alcun modo con la macchina. Nello stesso periodo l Università dell Illinois sviluppava il Sistema Programmed Logic for Automated Teaching Operations (PLATO), dove gli studenti potevano scambiare messaggi e annotazioni (una sorta di sistema di posta elettronica interna) 3. PLATO era in grado di supportare la presenza on-line di molti studenti contemporaneamente. Altri due notevoli eventi sono stati lo sviluppo del Sistema Time-shared, Interactive, Computer-Controlled Information Television (TICCIT), il primo sistema concepito per organizzare l istruzione secondo l instructional theory 4 e lo sviluppo dei microcomputers. Lo sviluppo del CAI ha incontrato anche una forte opposizione; Nelson 5, l inventore del concetto di ipertesto (per sottolineare il collegamento tra pezzi di testo appartenenti ad articoli diversi) denunciò il pericolo che gli studenti, utilizzando il CAI, fossero sommersi da nozioni adatte a risolvere i test a domanda-risposta e in questo modo non avessero più lo stimolo ad allargare il contesto dell argomento studiato in modo autonomo. Nonostante ciò, l Autore ha sviluppato il sistema Xanadou, un software in formato di ipertesto che permetteva agli studenti l accesso a biblioteche on-line dove essi potevano creare dei link e aggiungere annotazioni. Con questo sistema gli utenti potevano accedere al materiale (testo e immagini relative all argomento scelto) in modo non lineare. Xanadou ha, quindi, rappresentato effettivamente un ulteriore passo verso il computer assisted learning (CAL) 6, dove l utente si trova di fronte a un processo decisionale che gli permette la scelta tra diverse direzioni cognitive e gli dà la possibilità di ricercare informazioni, di risolvere problemi e di partecipare a giochi di addestramento. Questa implementazione tecnologica ha dato un grande impulso al cambiamento dei modelli educativi e ha creato nuovi approcci di insegnamento e di apprendimento. I computer, sino ad allora, anziché fornire nuove tecnologie e metodologie didattiche, sono serviti esclusivamente come metodo di somministrazione dei contenuti. L industria negli ultimi 30 anni ha prodotto e venduto alle amministrazioni pubbliche, alle università e a altre istituzioni molti sistemi di videoconferenza 7. Anche in questo caso questo sistema di interconnessione audio/video/media non ha rappresentato un nuovo sistema d istruzione ma solamente 190 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

11 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE una tecnica per trasmettere i contenuti quando la distanza fisica era il nemico da combattere. La maggior parte dei sistemi di videoconferenza è basata su un gruppo di protocolli proprietari per la condivisione audio/video/media che è stato sviluppato quando le applicazioni di telecomunicazione basate su Internet non erano considerate affidabili dall industria. Uno dei campi di applicazione delle videoconferenze è stato l insegnamento a distanza basato sul computer, un esperienza spesso frustrante sia per il docente sia per lo studente. In quest ambito, il problema più frequentemente lamentato dall utente era il senso di solitudine e isolamento. Sebbene alcuni Autori dicano che questa percezione riferita dallo studente sia uno stereotipo comune 8, sembra provato che il fenomeno si verifichi più frequentemente quando il processo di apprendimento, a distanza o in presenza, non sia supportato da un modello ambientale di classe, sia anche virtuale, e dei suoi effetti sociali. È diventato, quindi, chiaro che la tecnologia informatica, piuttosto che mimare o sostituire il docente come è nel CAI, debba rappresentare una infrastruttura flessibile per la socializzazione di gruppo e la condivisione di un ambiente che permetta a docenti e studenti di esprimersi liberamente e nel modo più naturale possibile 9. Flessibilità significa anche che il contenuto digitale (identità digitali, materiale didattico ecc.) possa essere conservato, riutilizzato, ampliato e implementato a piacimento. La tecnologia sharable content object reference model (SCORM) per i contenuti digitali, così come altri sistemi precedenti, è stata creata per rispondere a queste aspettative 10. Considerazioni pedagogiche L apprendimento è un processo di ricezione e produzione che viene facilitato al meglio tramite metodi pedagogici attivi e collaborativi Nella classica classe centrata sul docente, l autorità risiede nel docente e nel testo. Anche se il processo di conoscenza è rapido, questo approccio tradizionale presenta la debolezza di essere basato prevalentemente sulla memorizzazione piuttosto che sul pensiero e la soluzione dei problemi e, quindi, sull abilità del docente a portare lo studente alla soluzione degli stessi. In questo caso, lo studente avrà un ruolo prevalentemente passivo. In un ambiente di apprendimento moderno, centrato sullo studente, il ruolo del docente diventa sempre più quello di facilitatore, di guida di un gruppo di apprendimento collaborativo. I vantaggi di tale metodo sono l interattività, l attitudine a risolvere i problemi in modo attivo e l immediato feedback ottenuto dallo studente. Le zone di debolezza nella formazione dello studente possono facilmente essere identificate con un conseguente rinforzo da parte del docente su una specifica necessità. Inoltre la valutazione può essere effettuata in modo oggettivo e con metodi di autovalutazione, prima di una valutazione standard tradizionale. Dal punto di vista del docente, Bloom 14 constata che ogni docente inizia un nuovo corso sapendo che circa un terzo degli studenti imparerà quello che egli insegnerà in modo adeguato, un altro terzo non imparerà nulla, o il minimo indispensabile per passare l esame e un terzo apprenderà la materia in parte ma non in modo sufficiente da essere considerato un buon studente. Bloom considera tali aspettative, che si basano sulla curva di normalità, come l aspetto più dannoso e distruttivo del sistema educativo e crede che la maggior parte degli studenti possa apprendere in modo soddisfacente quanto gli viene insegnato. Il punto fondamentale su cui basare l insegnamento è dividere il corso in unità educative e trovare materiali e sistemi per aiutare lo studente a raggiungere il livello richiesto. Pertanto lo studente sarà valutato con test formativi che permetteranno di definirne l apprendimento o di enfatizzare le parti che devono ancora essere apprese per raggiungere il livello successivo. Per raggiungere l obiettivo, lo studente deve rispondere correttamente all 80-90% del test. Keller 15, in opposizione a questa teoria che si basa sul feedback negativo, asserisce che il feedback positivo risulta più efficace a fissare i concetti. L e-learning oggi Il crescente interesse verso l e-learning è schematicamente dimostrabile a questi diversi livelli: livello universitario: ad esempio, università europee hanno sviluppato network come, per quanto riguarda l Italia, il Gruppo di Armonizzazione Reti per la Ricerca (GARR) 16, che utilizzano tecnologie basate sul TCP/IP. La forza di questo network è data dall alta velocità, dall alto grado di interconnessione con tutti gli altri network del mondo; livello industriale: piuttosto che imporre nuovi standard, l industria cerca di seguire l evento sociale e di trovare il suo spazio sul mercato. Internet, così come l e-learning, non viene considerato come un innovazione tecnologica ma come un fenomeno sociologico complesso. Pertanto, persino l IBM ha aperto le porte a sistemi open source come Linux, mettendo da parte standard di sua proprietà o sistemi dai costi proibitivi (; livello governativo: alla fine del 1999 la Commissione Europea ha dato vita al Programma eeurope, con lo scopo di accelerare l acquisizione della tecnologia digitale in Europa e garantendo la necessaria abilità per poterla utilizzare a tutti gli Europei 17. La Commissione ha pubblicato molte linee guida dando comunque una certa libertà per la loro implementazione in modo da rendere tale infrastruttura flessibile ed efficiente. Inoltre, il Decreto Ministeriale Moratti-Stanca del 17 Aprile 2003, a proposito della regolamentazione dei corsi digitali ero- Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 191

12 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING gati a distanza (ad esempio dalle università), pone l accento sulla necessità di utilizzare standard di produzione che garantiscano la riutilizzabilità dei corsi o parte di essi anche nell ambito di altri corsi digitali, la flessibilità degli stessi nel poter essere aggiornati ecc. Nel Decreto Ministeriale viene esplicitamente consigliato lo SCORM come standard di produzione. Riassumendo, vorremmo sottolineare la situazione presente e la definizione di e-learning tramite i seguenti punti chiave: l attuale tecnologia permette l implementazione dei Common Virtual Environments (CVE) e classi virtuali, in opposizione al computer che agisce come un docente verso singoli studenti ; l attuale legislazione europea autorizza ufficialmente le università pubbliche e private a produrre corsi fuori dai confini degli edifici universitari, posto che vengano rispettati i criteri richiesti (uso di materiale didattico SCORM, uso di classi virtuali etc.); la maggior parte delle Università Europee tuttavia è potenzialmente in grado di implementare il CVE all interno dei loro network. La legislazione europea permette alle università di attivare o partecipare a compagnie spin-off allo scopo di promuovere processi interni di produzione di materiale digitale, anche orientati al mercato. Tuttavia la maggior parte delle università europee ancora non dispone di corsi digitali né di piattaforme adatte a ospitare classi virtuali, nonostante sia ricca di storia, di tradizione didattica, diapositive, libri, personale ecc. Come considerazioni conclusive vogliamo quindi sottolineare la convinzione che, in una prospettiva di corsi somministrati in formato digitale, il dispendio di tempo e risorse necessario a trasformare ogni docente in un docente digitale non sembra solo economicamente inaccettabile ma anche sbagliato dal punto di vista procedurale e teorico. Risulta, invece, assai più accettabile agire nella direzione di trovare dei sistemi di produzione riutilizzabili e condivisibili. Infine, vorremmo porre ancora una volta l accento sul fatto che la distanza fisica e la necessità di diffondere un messaggio a distanza non hanno nulla a che spartire con la produzione e l utilizzo della didattica digitale. L esperienza in e-learning dell Università del Piemonte Orientale A. Avogadro L Università del Piemonte Orientale A. Avogadro è uno dei fondatori della nuova Compagnia InfoLearning S.r.l. 18 dedicata a promuovere, produrre e gestire l infrastruttura digitale per la somministrazione di corsi in e-learning. I direttori di corso, i docenti e anche altre università possono contattare l help desk per avere un supporto completo per adattare la loro didattica in accordo con i nuovo criteri europei. Tali sinergie risultano dal fatto che la didattica digitale può essere incrementata e migliorata per un determinato gruppo di studenti (seminari digitali) e può essere associata alla didattica classica (blended learning) 19. Tale didattica estesa, integrata, flessibile viene a definire quello che è l e-learning. La preparazione di un ambiente di apprendimento basato sul web è uno sforzo enorme non solo da un punto di vista didattico e organizzativo ma anche amministrativo e tecnico. Il nostro Dipartimento di Informatica, e ora la Compagnia spin-off dell università incaricata di produrre i corsi in e-learning, può contare su un server efficiente e adeguato e su un struttura di rete ad alta velocità (GARR network). La piattaforma su cui vengono costruiti i corsi si basa su un software open source denominato Moodle coprodotto dalle nostra Università. Lo staff del Dipartimento di Informatica ha inoltre sviluppato uno SCORM player dedicato a questa piattaforma e tale nuova caratteristica sarà presto integrata al software Moodle in distribuzione (Moodle, SCORM player) 20, in modo che gli utenti di tutto il mondo ne possano beneficiare. La nostra piattaforma attualmente ospita migliaia di studenti, appartenenti alla nostra università o ad altre istituzioni, e analizza migliaia di documenti al giorno, comprendenti materiale educativo, tracciamento di studenti e di docenti, messaggerie e forum, videoconferenze, esami on-line (sia come esercizio di apprendimento che come valutazione) gruppi di lavoro e molte altre attività. Ogni utente ha il proprio livello di privilegio per accedere al sistema ma le caratteristiche di base generalmente includono una cartella personale di documenti con spazio illimitato per conservare i dati, la possibilità di accedere a eventi in didattica sincrona e asincrona, la possibilità di assistere a lezioni SCORM on-line con vari livelli di ramificazione e feedback, la possibilità di scaricare le lezioni e accedervi off-line e di stamparle. Quando sono ammessi, gli studenti e i docenti possono accedere facilmente a uno o più corsi. Infine, il sistema presenta le seguenti caratteristiche, pienamente funzionanti: integrazione di un editor What You See Is What You Get (WYSIWYG) HTML; aggiunta di un sistema di paging e ricerca allo schermo di gestione dell utente; completa randomizzazione di quiz e di risposte; importazione di domande e quiz da documenti esterni; schemi di votazione attraverso moduli basati su scale definite dal docente; un sistema per permette il back-up e il ripristino di singoli corsi; un sistema di back-up automatici secondo un programma predefinito; supporto completo di gruppi all interno di corsi. Tutta l infrastruttura, come già detto, è aperta all esterno, ed essendo basata su internet, altre università e istituti possono accedere alla nostra piattaforma per impostare i propri corsi. È previsto che il materiale didattico sia riutilizzabile, flessibile e omogeneo. 192 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

13 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE Applicazioni specifiche di blended/e-learning nel campo della Medicina delle Catastrofi e della Medicina d Emergenza Il Master Europeo in Medicina delle Catastrofi Il programma più evoluto basato sull e-learning dell Università del Piemonte Orientale A. Avogadro, è l European Master in Disaster Medicine (EMDM) 21, 22, un esperienza unica in questo campo della medicina, rivolta a laureati in medicina e chirurgia. Le nuove tecnologie informatiche, in particolare quelle relative all e-learning a distanza, all interattività multimediale e agli esercizi di risoluzione dei problemi, trovano un campo ideale di applicazione nell insegnamento della Medicina delle Catastrofi. L EMDM è strutturato prevalentemente su questo tipo di metodologie. L EMDM è organizzato dalle 2 università fondatrici, l Università del Piemonte Orientale A. Avogadro e la Free University of Brussels, e il progetto è nato dal grande interesse per gli aspetti internazionali della Medicina delle Catastrofi e dalla necessità di standardizzare e armonizzare la formazione in questo campo nell Unione Europea. Le università fondatrici sono responsabili del contenuto scientifico e della struttura didattica dell EMDM, della qualità del metodo educativo, delle procedure di valutazione e del diploma di master. Tuttavia l EMDM è supportato da organizzazioni scientifiche internazionali responsabili della gestione logistica e sanitaria delle catastrofi e i docenti dell EMDM sono professionisti qualificati nel campo, provenienti da svariate università e organizzazioni internazionali. Il corso è rivolto a tutte le persone coinvolte nell organizzazione medica in risposta a situazioni catastrofiche a livello locale, nazionale e internazionale. I candidati devono essere in possesso di un diploma di laurea riconosciuto nell ambito della medicina o della gestione sanitaria oppure dimostrare prova di una qualificazione equivalente basata sull esperienza professionale. L EMDM si compone di parti differenti che devono essere completate con successo dallo studente: un corso di auto-apprendimento guidato da un membro del corpo docente basato sull apprendimento per risoluzione di problemi. Il materiale di lavoro dello studente viene fornito tramite il sito web in formato e-learning, in cui sono programmati gli accessi ai moduli di apprendimento, agli esercizi e ai test. Gli studenti, che sono tutti professionisti, possono procedere alla velocità desiderata. Il master è composto da 7 moduli, ognuno dei quali coordinato da un docente: introduzione, gestione globale di una catastrofe, trattamento di specifiche catastrofi, aspetti psicologici nelle catastrofi, insegnamento e addestramento nella Medicina delle Catastrofi, emergenze umanitarie complesse, aspetti legali, morali ed etici della Medicina delle Catastrofi. Il sito web dell EMDM serve come stazione di apprendimento, sistema di tutoraggio, fornitore di informazione e centro di comunicazione. Sono stati approntati svariati esercizi basati sulla soluzione di problemi quali, ad esempio, un incidente ferroviario complicato da un incidente chimico, un incidente multiplo sotto un tunnel e un esercizio di comando e coordinamento. Un corso residenziale dove gli studenti per 2 settimane hanno modo di vivere con i docenti, di interagire con loro in dibattiti, di effettuare esercizi e sessioni che permettono di verificare la capacità dello studente di ricordare e applicare quanto appreso con il lavoro svolto sul web. Al termine delle 2 settimane gli studenti partecipano a un esercizio su una reale simulazione di una catastrofe e dimostreranno sul campo la loro abilità a gestire la situazione. L esercizio viene organizzato dall Università del Piemonte Orientale con la collaborazione della Croce Rossa e della Protezione Civile provinciali. La compilazione di una tesi, relativa a un argomento di Medicina delle Catastrofi o di gestione delle catastrofi, svolta sotto la supervisione di un tutor. Le tesi vengono conservate nella biblioteca dell EMDM sul sito web e potranno essere consultate dagli studenti dei corsi successivi. Un esame finale on-line costituito da un esercizio elettronico simulato di una catastrofe, dove lo studente deve risolvere problemi sanitari e organizzativi, e da un questionario a scelta multipla sul contenuto del testo elettronico. Ad oggi (4 anno accademico), hanno partecipato all EMDM 99 studenti provenienti da 36 nazioni dei 5 continenti. La maggior parte dei partecipanti sono medici d emergenza che lavorano in ospedale, altri hanno una posizione di rilievo in organizzazione governative e non governative o in servizi medici di emergenza o nelle forze armate come ufficiali medici o come docenti di Medicina delle Catastrofi. Molti studenti hanno avuto esperienze dirette di soccorso in corso di catastrofi. Il contenuto e la struttura del materiale educativo sono stati valutati prima dell inizio del master e al termine dell anno accademico da un Advisory Board costituito da professionisti riconosciuti nella comunità scientifica della Medicina delle Catastrofi. La valutazione del corso viene fatta secondo metodi qualitative, sia discutendo con studenti e docenti al termine del corso residenziale, sia tramite un questionario di valutazione proposto agli studenti al termine dell anno accademico. Il programma e-learning basato sui problemi insieme al corso residenziale e alla tesi finale è stato considerato una combinazione eccellente per raggiungere gli obiettivi del corso. Il grande numero e la varietà degli esercizi proposti e il dibattito interattivo durante il periodo residenziale, gli esercizi di simulazione orientati ai problemi e il forum di discussione sul sito web dell EMDM, che incoraggia i contatti sociali e professionali interpersonali, sono stati valutati molto positivamente dagli studenti. Nel futuro ci proponiamo che il sito web dell EMDM incrementi la sua vocazione di CVE. È Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 193

14 DELLA CORTE E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING stata sviluppata una biblioteca on-line con materiale inerente ogni aspetto della Medicina delle Catastrofi e della gestione delle catastrofi. È intenzione delle 2 università fondatrici di estendere la collaborazione ad altre università entro e fuori l Unione Europea, allo scopo di sviluppare ulteriormente l EMDM. È stato creato un network di alunni per formare una piattaforma per la ricerca sulla valutazione della gestione medica delle catastrofi e per creare una banca dati contenente un completo studio di valutazione. Un simile database permetterà di disegnare i piani di gestione delle catastrofi sull esperienza, di basare programmi di formazione sull evidenza scientifica, di effettuare analisi comparative sugli aspetti medici della gestione delle catastrofi e di rifinire la metodologia valutativa da parte dei ricercatori. Ulteriori informazioni, con la possibilità di provare le attività in e- learning, gli esercizi elettronici e altre funzionalità, si possono avere visitando il sito web: Il Corso di Emergenze Medico Chirurgiche per studenti di medicina Il corso di studi di Laurea in Medicina e Chirurgia in Italia prevede normalmente che l ultimo esame sia quello di Emergenze Medico-Chirurgiche. Nella nostra Università questo corso è programmato nell intero secondo semestre in quanto si ritiene che un buon programma formativo in Medicina d Emergenza debba comprendere un ampia conoscenza teorica, un buon tirocinio pratico sulle procedure che lo studente deve apprendere e una metodologia formativa che insegni a prendere decisioni rapide e ad applicare correttamente e tempestivamente dei comportamenti prestabiliti e delle flow-charts. Le principali ragioni che ci hanno convinto dell utilità di integrare il corso tradizionale e le rotazioni pratiche nel Dipartimento d Emergenza e in sala operatoria con le nuove tecnologie e-learning sono state le seguenti: le flow charts possono essere trasferite con facilità in un sistema interattivo informatico; l approccio per sintomi si presta allo sviluppo di casi clinici simulati e interattivi; è possibile rappresentare in modo virtuale grafici clinici e parametri vitali che possono essere modificati dalle scelte dello studente; gli scenari reali d emergenza sono altamente stressanti e non si adattano bene alla didattica sul paziente; le simulazioni sono difficili e costose per la necessità di un elevato numero di manichini, di istruttori e di tempo. Il programma del corso, integrato completamente con la piattaforma e-learning in un tipo di approccio multiplo che abbiamo chiamato blended learning, è riportato nella Tabella I e nella Tabella II. Durante gli anni accademici e , il corso è stato frequentato da 112 studenti. Gli studenti sono stati massicciamente coinvolti sia con l attività e-learning che con le lezioni frontali e la pratica sul paziente e sul manichino. Per quanto riguarda la parte del corso proposta in e-learning, i docenti e gli studenti ricevono uno username e una password personalizzati per accedere alla piattaforma elettronica con privilegi diversi. I docenti possono caricare lezioni, inserire messaggi nella bacheca elettronica, preparare test, tracciare gli studenti e i loro risultati. Gli studenti possono scaricare le lezioni, accedere ai test e alla bacheca elettronica e utilizzare il forum. Il programma e-learning consiste anche in una parte sincrona anche questa proposta attraverso il web come seminari digitali a distanza, utilizzando il prodotto Centra One Symposium (Centra Software, Lexington, MA, USA). I docenti preparano in anticipo il contenuto del seminario con diapositive, immagini e test e li caricano sulla piattaforma elettronica. Nello svolgimento vero e proprio del seminario, in collegamento audio-video, in andata e in ritorno, il docente, da una postazione computer remota, conduce a distanza il seminario mostrando immagini o diapositive, aggiungendo esempi e testi tramite la lavagna elettronica, proponendo domande e test a cui ogni studente è chiamato a rispondere sul proprio computer, gestisce le domande e risposte concedendo il microfono agli studenti a turno quando richiesto (Figura 1). Durante la sessione tutti i dati (voce, video e test) sono immagazzinati su un server dedicato, in modo che, una volta registrati, gli studenti possano rivedere il seminario ogni volta che lo desiderano direttamente sul proprio computer. I seminari proposti sono stati: interpretazione degli elettrocardiogrammi in urgenza; farmacologia clinica d urgenza; interpretazione delle immagini di tomografia computerizzata in urgenza; interpretazione dell emogasanalisi. I docenti e gli studenti possono quindi (Figura 2): estrarre sezioni specifiche del seminario, in modo da creare un CD con lezioni specifiche, secondo dei criteri di ricerca; organizzare la bibliografia citata nelle lezioni secondo criteri di ricerca; ricostruire una nuova lezione utilizzando il materiale disponibile (learning objects) tramite la costruzione di agende. Pertanto tale sistema non rappresenta solo un deposito elettronico di documenti ma un ambiente elettronico dove docenti e studenti possono trovare nuovi interessanti stimoli per sviluppare i processi di insegnamento/apprendimento. Al termine del corso è stato proposto agli studenti un questionario di valutazione composto di 24 domande tra cui abbiamo estratto e analizzato le seguenti: 1) Come giudichi l organizzazione globale del corso relativamente al tuo apprendimento della materia? 2) Come giudichi i seminari digitali effettuati con il sistema CentraOne relativamente al tuo apprendimento della materia? 194 MINERVA ANESTESIOLOGICA Maggio 2005

15 E-LEARNING AS EDUCATIONAL TOOL IN EMERGENCY AND DISASTER MEDICINE TEACHING DELLA CORTE 3) Come consideri in generale l approccio alla didattica e-learning? Sono state ottenute le seguenti risposte: 1) 47% molto buono, 49% buono, 4% insufficiente; 2) 48% molto utili, 36% utili, 16% inutili; 3) 48% molto utile, 38% utile, 14% inutile. Indagando i motivi dei risultati negativi, per tutti i casi abbiamo verificato che la causa risiedeva in difficoltà personali nella gestione sia culturale che tecnica del computer e della navigazione su internet, elemento rimediabile, a nostro pare, con un attività di formazione propedeutica. In conclusione, questi dati preliminari, insieme alla massiccia ed entusiastico partecipazione degli studenti a tutte le attività, rappresentano un potente stimolo a proseguire e migliorare il nostro programma educativo. Riassunto L e-learning è un nuovo modo di proporre contenuti formativi per l apprendimento che si avvale del contributo di nuove tecnologie informatiche, multimediali e telematiche. La sua applicazione stravolge la concezione della formazione centrata sul docente ponendo lo studente al centro del progetto formativo e propone elementi di flessibilità nella metodologia didattica, nel metodo di somministrazione dei contenuti, nell interazione sincrona e asincrona tra docenti e studenti, nell organizzazione e nella struttura del corso, nei ritmi di apprendimento, nelle forme di supporto e nei momenti della valutazione. Esso costituisce un importante sviluppo in tema di formazione in senso globale e nell insegnamento della medicina e della chirurgia in particolare. In alcuni insegnamenti, come nel Corso di Emergenze Medico- Chirurgiche e di Medicina dei Disastri, laddove l interazione tra docente e discente e discente e paziente/i sono elementi rilevanti ma difficilmente ottenibili se non superando notevoli difficoltà organizzative ed economiche, esso può trovare un fertile terreno di applicazione. In questo articolo viene presentata una panoramica storica degli sviluppi della didattica assistita dal computer e dell e-learning negli ultimi 50 anni e il suo impatto pedagogico e implementativo presentando l esperienza maturata nella formazione sia a livello del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia che nell insegnamento post-universitario. Parole chiave: elearning - CAI - Instructional design - Medicina d Emergenza - Medicina dei Disastri. Vol. 71, N. 5 MINERVA ANESTESIOLOGICA 195 big data il futuro è intelligente Newsletter del Anno 10 n 27 - dicembre 2014 big data il futuro è intelligente Newsletter del Anno 10 n 27 - dicembre 2014 Newsletter del Anno 10 n 27 - dicembre 2014 big data il futuro è intelligente sommario/summary 3 7 13 19 25 31 conoscenza 2.0, una straordinaria oppurtunità knowledge of 2.0, an extraordinary


Masters Lauree Magistrali

Masters Lauree Magistrali Università della Svizzera italiana USI Università della Svizzera italiana USI University of Lugano Masters Lauree Magistrali 2015-2017 INDICE / TABLE OF CONTENTS USI Università



RELAZIONE SUL CORSO DI FORMAZIONE Progetto EU.FOR.ME Formazione turistica per un utenza ampliata RELAZIONE SUL CORSO DI FORMAZIONE per Formatore specializzato nelle tematiche del turismo accessibile REPORT ON THE TRAINING COURSE for Trainer


Desidero iniziare questo

Desidero iniziare questo 4 La nuova era dellaglobal globalizzazione, ovvero l appiattimento e l allargamento dell arena mondiale: il terreno di gioco è stato pareggiato e il nuovo atout competitivo è rappresentato dal capitale



BILANCIO SOCIALE SOCIAL REPORT ASSOCIAZIONE POLITEA Via Villasevaglios, 16 Palermo Tel +39 91 540048 Fax +39 91 6314295 e-mail BILANCIO SOCIALE SOCIAL REPORT A Giovanni Albanese,


PowerGeneration news. n.1

PowerGeneration news. n.1 PowerGeneration news n.1 Aprile/April 2014 Fondo Strategico Italiano: crediamo in Ansaldo Energia e nella sua filiera industriale Fondo Strategico Italiano: we believe in Ansaldo Energia and its industrial



DIPARTIMENTO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE DIPARTIMENTO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE This volume was edited by Maria Fiore, Valeria Russo and Mauro Bucci Under the supervision of Giuseppe Pennella Director, C.A.I.MED. (Centre for Administrative



B R O C H U R E D E I C O R S I Dipartimento di Management B R O C H U R E D E I C O R S I Corso di studio in economia aziendale, percorso business e management Printed by Campusnet - 23/08/2015 05:35 Indice Indice 1 ADVANCED BUSINESS


Gli incubatori universitari University Incubators

Gli incubatori universitari University Incubators Giuseppe Serazzi Gli incubatori universitari University Incubators Storia Già nei primi anni 60 erano sorte strutture, dette incubatori, tese a facilitare la nascita e lo sviluppo di nuove imprese che


Employer Branding. Review. Placement. Campus Recruiting. Social Recruiting. Employer Branding Metrics. Anno 3 - Numero 06 Luglio 2012

Employer Branding. Review. Placement. Campus Recruiting. Social Recruiting. Employer Branding Metrics. Anno 3 - Numero 06 Luglio 2012 Employer Branding Anno 3 - Numero 06 Luglio 2012 Review Social Recruiting Placement Campus Recruiting Employer Branding Metrics Al via la Prima Edizione del Brand Storytelling Awards L osservatorio di


GESTIONE DEI MEDIA. Master of Science in Gestione dei media PIANO DEI CORSI

GESTIONE DEI MEDIA. Master of Science in Gestione dei media PIANO DEI CORSI 2 GESTIONE DEI MEDIA OBIETTIVI E CONTENUTI Il Master offre l opportunità di studiare gli aspetti fondamentali del funzionamento e della gestione delle imprese mediali: organizzazione interna, struttura



2007 / 12 # 02 NUMERO SPECIALE BY INNOVATION DAY SPECIAL ISSUE BY INNOVATION DAY Registrazione del Tribunale di Milano n 375 del 12/06/2007 2007 / 12 # 02 Enrico Rainero & Partners Editore NUMERO SPECIALE BY INNOVATION DAY SPECIAL ISSUE BY INNOVATION DAY PROFESSIONE PROFESSION La competitività


IPMA ITALY Journal of Applied Project Management

IPMA ITALY Journal of Applied Project Management IPMA ITALY Journal of Applied Project Management 1 SOMMARIO Direttore Scientifico Antonio Calabrese Direttore Editoriale Roberto Mori Comitato Editoriale Alfredo Biffi, Daslav Brkic, Enrico Cagno, Morten



LAVIOSA MINERALS _AR 2013 ANNUAL REPORT 2013 ANNUAL REPORT 2013 LAVIOSA MINERALS _AR 2013 ANNUAL REPORT 2013 LAVIOSA MINERALS _AR 2013 3 5 Intervista al Presidente - Interview with the Chairman 14 Visione, Missione e Valori - Vision, Mission and


Global. La New Economy. La guerra dei talenti The War for Talent Intervista a Roger Abravanel* Interview with Roger Abravanel*

Global. La New Economy. La guerra dei talenti The War for Talent Intervista a Roger Abravanel* Interview with Roger Abravanel* 4 Global La New Economy ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nelle strategie e nei valori delle imprese. Cambia il business, cambiano mercati e consumatori e cambiano i modelli di governo dell


Dicembre December 2013. Anno Year I. Blue. Welcome on board. Business Units 6 for one. Cavagna Group and Siraga. Reca Type 46

Dicembre December 2013. Anno Year I. Blue. Welcome on board. Business Units 6 for one. Cavagna Group and Siraga. Reca Type 46 01 Anno Year I Dicembre December 2013 C A V A G N A G R O U P M A G A Z I N E Welcome on board Business Units 6 for one Cavagna Group and Siraga Reca Type 46 4 In primo piano Front page 6 forone: Cavagna

Dettagli internet: relazioni (non) pericolose Newsletter del Anno 9 n 22 - Gennaio 2013 internet: relazioni (non) pericolose Newsletter del Anno 9 n 22 - Gennaio 2013 Newsletter del Anno 9 n 22 - Gennaio 2013 internet: relazioni (non) pericolose sommario/summary 3 8 14 20 24 28 33 36 41 siamo ancora apocalittici e integrati? are we still apocalyptic





Connessioni - Giugno/Luglio June/July 2014 / Anno Year 9th / n. 24 - Euro 7,00

Connessioni - Giugno/Luglio June/July 2014 / Anno Year 9th / n. 24 - Euro 7,00 Connessioni - Giugno/Luglio June/July 2014 / Anno Year 9th / n. 24 - Euro 7,00 LA RETE GARR La scuola in rete THE GARR NETWORK Connected schools j ade 125 Raffinata classe tecnologica Refined technological



THE ECU TUNING PLATFORM THE ECU TUNING PLATFORM CARS & OFFROAD TRUCkS TRACTORS MOTORBIkES MARINE Il gruppo Holdim nasce ufficialmente dalla passione per le competizioni motoristiche nel 1991 con Dimensione Sport, prima e storica


Tecnofobia o tecnofilia?

Tecnofobia o tecnofilia? la rivista multilingue di interculturalità N 2 Settembre 2009 anno I Tecnofobia o tecnofilia? Una delle sfide di questi ultimi anni è senza dubbio l integrazione dell uso delle nuove tecnologie nell insegnamento/apprendimento


Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism

Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism A CURA DI / EDITED BY CLAUDIO GERMAK SAGGI DI / ESSAYS BY LUIGI BISTAGNINO FLAVIANO


MASTER program, contents, materials

MASTER program, contents, materials MASTER program, contents, materials Project Title Project Acronym Grant Agreement Number Deliverable Type Multichannel Adaptive System Training for micro, small and medium Enterprises MASTER 2010-1-PL1-LEO05-11470


Global. Nel 2009, dopo oltre tre. Capitali coraggiosi Courageous Capitals

Global. Nel 2009, dopo oltre tre. Capitali coraggiosi Courageous Capitals 4 Global Grandi aziende familiari. Un antico modello di organizzazione per il nuovo capitalismo del futuro. Coincidenza di interessi di proprietari, dirigenti e dipendenti, maggiori opportunità di creatività



SOMMARIO TABLE OF CONTENTS SOMMARIO TABLE OF CONTENTS Prefazione... V Editorial Preface Marella Magris... VII Saggi Essays Il contributo della prospettiva sociologica sulla traduzione alla formazione e all ethos professionale del


news Power Generation Nr.

news Power Generation Nr. news Power Generation Nr. 01 Anno X, trimestrale 2007 - Tariffa Regime Libero: Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - DCB Genova. In caso di mancato recapito rinviare all ufficio


DAXXXVII. Focus Malattie neurodegenerative e malattie rare. Neurodegenerative illnesses and rare diseases

DAXXXVII. Focus Malattie neurodegenerative e malattie rare. Neurodegenerative illnesses and rare diseases C M Y CM MY CY CMY K LA RIVISTA PER SUPERARE LE BARRIERE CULTURALI THE MAGAZINE GOING BEYOND BARRIERS OF CULTURE DAXXXVII La rivista per la ricerca e l innovazione The Magazine for research and innovation


Oltre i confini nazionali

Oltre i confini nazionali Rivista di Pelliconi & C. SpA - Copia gratuita Magazine by Pelliconi & C. SpA - Complimentary copy FOCUS Oltre i confini nazionali Beyond Our National Borders 1 PERSONE Una partnership Made in Italy A


Sommario supplemento 2008

Sommario supplemento 2008 Sommario supplemento 2008 Supplemento Stati Uniti / Canada To All Educators of Italian Una lettera di sette colleghi americani pag 2 Cultura? Sì, grazie. Una riflessione europea sul programma AP


Main constraints in developing public organic procurement

Main constraints in developing public organic procurement ipopy CORE Organic Project Series Report Main constraints in developing public organic procurement Editor: Roberto Spigarolo DiProVe Milan, Italy CORE Organic project no. 1881 July, 2010 1 The author(s)/editor(s)