I NUOVI MERCATI DELLA SANITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I NUOVI MERCATI DELLA SANITA"

Transcript

1 I NUOVI MERCATI DELLA SANITA Oltre il SSN, la Sanità Integrativa, lo stato attuale e le prospettive per il futuro. Roberto Totò Dir. Area Conv. GVM Care & Research / Comm. Naz. Case di Cura Non Accreditate EXPANDERE Liguria Nuovi LEA e Sanità Integrativa: che cambiamento ci porteranno? Sestri Levante 08/07/2015 1

2 Perché oggi parliamo di nuovi mercati della sanità? Progressiva crisi di sostenibilità del SSN 2

3 Progressiva crisi di sostenibilità del SSN Aumento della età media La Salute è un Diritto La Sanità è pubblica (indirizzi, pianificazione, gestione, finanziamento, controllo-verifica) Settore socio-sanitari (> 50% spesa) indefinito su attività, costi e responsabilità Sviluppo inarrestabile della tecnologia e della ricerca medica per la cura Nuove dinamiche dell informazione Bisogni reali e percepiti «infiniti» Risorse finite I grandi incompiuti i LEA 3

4 I Sistemi sanitari europei In verde i paesi con sistemi TAX BASED In giallo i paesi con sistemi misti INSURANCE BASED Diffusione in entrambi di forme integrative private: - Assicurazioni (complementare/sostitutive) - Pagamenti out-of-pocket Fonte: WHO - BEI 4

5 Le Risorse del SSN Il finanziamento per l anno 2013 del SSN da parte dello Stato è stato di 107,04 mld. in diminuzione del - 0,89% rispetto al 2012; Le risorse destinate al finanziamento del SSN (inteso come ricavi) per l anno 2013, ammontano complessivamente a 113,425 mld di euro, -0,97% rispetto al 2012 il finanziamento medio pro-capite nazionale è di euro( 1,4% rispetto al 2012). 5

6 La Spesa del SSN la spesa sanitaria corrente a carico del SSN ha subito nel 2013 una diminuzione dell 1,2% rispetto al 2012, facendo registrare la prima variazione annuale negativa dal 1995, a conferma della tendenza di progressivo rallentamento seguita all espansione dei primi anni La diminuzione della spesa si associa anche alla diminuzione del PIL ( 0,4% rispetto al 2012) ma è più accentuata, sicché il peso della spesa sanitaria pubblica corrente sul PIL diminuisce nel 2013, passandodal7,3%del2012al7,2%del

7 Spesa SSN e relativo finanziamento; disavanzo; spesa sanitaria privata corrente; spesa totale corrente; PIL Spesa SSN (corrente) variazione % -0,6% 11,1% 6,1% 1,0% 1,3% 1,0% -1,2% % sulla spesa sanitaria corrente totale 82,6% 73,8% 75,6% 79,5% 80,5% 79,6% 80,0% 80,7% % sul PIL 5,9% 5,1% 5,9% 6,7% 7,2% 7,1% 7,3% 7,2% Ricavi netti variazione % 5,7% 12,7% 7,4% 2,1% 2,2% 2,7% -1,0% Avanzo/disavanzo variazione % -74,5% -13,9% -10,7% -34,7% -42,5% -146,0% 39,6% % sui ricavi netti -19,4% -2,0% -4,8% -6,3% -2,0% -1,1% 0,5% 0,7% Spesa sanitaria privata corrente variazione % 13,0% -4,6% 0,3% 1,0% 7,0% -1,5% -5,3% % sulla spesa sanitaria corrente totale 17,4% 26,2% 24,4% 20,5% 19,5% 20,4% 20,0% 19,3% Totale spesa sanitaria corrente variazione % 2,7% 6,8% 4,9% 1,0% 2,4% 0,5% -2,0% % sul PIL 7,1% 6,9% 7,7% 8,5% 8,9% 9,0% 9,1% 8,9% PIL variazione % 8,0% 5,7% 2,8% 2,1% 1,8% -0,8% -0,4% 7

8 I nuovi mercati della Sanità Le linee di attività delle strutture AIOP L attività delle strutture AIOP, oggi si svolge prevalentemente lungo una direttrice con due mercati di riferimento diversi: Accreditata: Regione Fuori Regione A seguito della continua riduzione di risorse, le strutture accreditate, vedono una costante contrazione dei propri budget in ambito regionale e una sempre maggiore presenza di vincoli per l attività extra regionale. Questo si contrappone ad una capacità produttiva molto maggiore che oggi si trova sempre di più inespressa con conseguente aggravio sui costi fissi di struttura. Da un recente studio è stato stimato che le strutture private accreditate oggi in Italia utilizzano circa soltanto il 70% della loro capacità produttiva. (Rapporto OASI 2014) 8

9 I nuovi mercati della Sanità Quali sono i nuovi mercati a cui le strutture debbono rapportarsi: Attività Non Accreditata Paganti o Solventi Assicurati o Fondi Sanitari Integrativi Turismo Sanitario dall Estero Nel primo caso, le strutture già oggi si approcciano a tale mercato, ma con una visione fortemente residuale. Si tratta ora di cambiare mentalità e metodologia di approccio e gestione dello stesso. 9

10 La Spesa Sanitaria Privata La spesa sanitaria Privata nel 2013 è stata di mln di (- 5,3% rispetto al 2012) La conferma del riduzione della spesa sanitaria privata è collegata all andamento del reddito delle famiglie. La Spesa Sanitaria Totale è così ripartita: Spesa sanitaria Pubblica 80% Spesa Sanitaria Privata 20% Tale ripartizione si conferma nel corso degli ultimi anni 10

11 La Spesa Sanitaria Privata 11

12 La Spesa Sanitaria nel 2013 in Italia La spesa Out of Pocket 12

13 Spesa Sanitaria Privata - La situazione attuale Out of pocket Italia visite specialistiche Comportamento degli italiani Medici di famiglia 13

14 Spesa Sanitaria Privata - La situazione attuale Voci della spesa privata per la salute aumentate «molto» e «abbastanza» nell ultimo anno Spese per ticket visite mediche specialistiche 64,4 % Spese per ticket analisi e radiografie 62,8 % Spese per visite mediche specialistiche 52,7 % Odontoiatria 48,1 % Spese per analisi e radiografie a pagamento 42,6 % Per gli italiani vi è la percezione che una quota maggiore del proprio reddito è assorbita sia dalla spesa privata che dalla compartecipazione alla sanità pubblica. Fonte: Indagine CENSIS

15 Spesa Sanitaria Privata - La situazione attuale 15

16 Spesa Sanitaria Privata - La situazione attuale Hanno fatto ricorso a Sanità Privata Intramoenia A causa delle liste d attesa Se paghi sei trattato meglio Mi è stato consigliato da persone di fiducia Ho potuto scegliere il medico

17 Visite Specialistiche (1) Divisione per modalità di pagamento 17

18 Accertamenti diagnostici o Analisi del sangue Divisione per modalità di pagamento Fonte: ISTAT

19 I RICOVERI PRIVATI IN ITALIA Ricerca OCPS SDA Bocconi(Dati anno 2012) Tipologie di istituti rilevati dal Ministero della Salute attraverso le SDO 2012: Istituti pubblici (presidi di ASL, AO, IRCCS pubblici, Policlinici pubblici), Istituti privati accreditati (ospedali privati acc., IRCCS privati, Policlinici privati, Osp. Classificati) - 39 Istituti privati non accreditati (di cui in realtà 66 sono censiti nell anagrafe SIS) Fonte di finanziamento - SSN - Privato - Altro Stranieri convenzionati a carico SSN; Stranieri indigenti a carico del SSN; Stranieri indigenti a carico del Ministero dell'interno; Altro Solventi / Assicurati o FSI + Diff. alberghiera + Libera professione e libera professione con differenza alberghiera 19

20 I Ricoveri a pagamento in Italia Anno 2012 dati SDO EROGATORE Pubblico Privato accreditato Privato Tot FINANZIAMENTO SSN Privato Altro Tot (99%,76%) (1%,24%) (0%,71%) (74.5%) (95%,24%) (5%,54%) (0%,17%) (24,9%) (90%,22%) (10%,12%) (0,6%) Privato 22% (97,2%) (2,3%) Privato (0,5%) accreditato 54% Pubblico 24% Elaborazione OCPS Bocconi su dati SDO Min. Salute 20

21 Le prime 10 linee produttive sui consumi privati in sanità (60%) 16% 14% 12% 10% 8% 6% 15% 4% 2% 7% 6% 6% 5% 5% 5% 4% 4% 3% 0% 21

22 Quota di mercato regionale sui ricoveri Privati anno % 24% 8% 8% 7% 6% 5% 5% 4% Regione SSN Privato Altro Totale ricoveri PIE VDA LOM BZ TN VEN FVG LIG EMR TOS UMB MAR LAZ ABR MOL CAM PUG BAS CAL SIC SAR % Totale % 1% 1% 1% 1% 1% 0% 0% 0% 0% 0% LAZ LOMCAM EMR PUG SIC PIE TOS VEN TN FVG BZ LIG CAL ABR SAR UMBMAR VDA MOL BAS 22

23 2,0% 1,8% 1,8% 1,7% 1,7% Propensione al ricoveri privato da parte degli utenti Divisione per regione 5,5% 3,1% 2,8% 2,4% 1,4% 1,2% 1,2% 1,0% 1,0% 1,0% 0,9% 0,8% 0,7% 0,6% 0,5% 0,5% LAZ LOM TN PUG TOS PIE EMR CAM SIC VDA BZ VEN FVG LIG CAL BAS ABR UMB MAR SAR MOL Propensione dei residenti al ricovero privato (ricoveri privati/ricoveri totali) 23

24 100% Modalità di offerta dei ricoveri a pagamento: distribuzione per tipologia di erogatore 90% 80% Libera prof. e Libera Prof. con diff. Alberghiera 70% 60% 50% 40% Differenza alberghiera Solventi 30% 20% 10% 0% Pubblico Privato accreditato Privato Pubblico Privato accreditato Privato Tot Solventi Diff. Alberghiera Libera prof. e libera prof. Con diff alberghiera Totale privato

25 Distribuzione dei ricoveri privati per tipologia di erogatore (le prime 10 Linee produttive) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Digerente chi. ginecologia miscellanea ch miscellanea med oculistica ch orl chi osteomuscolare ch. parto/aborto chi parto/aborto med urinario chi Privato accreditato Privato Pubblico 25

26 Quote di mercato sui CSPh e propensione all offerta «in solvenza» (pacchetto all inclusive) Incidenza regionale sui CSPh 30% 25% 20% 15% 10% 5% CAL BAS 0% PUG TN Aree? CAM VDA SIC VEN TOS EMR ABR BZ FVG MAR Aree da presidiare LAZ Aree su cui investire? PIE SAR LIG UMB 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% LOM MOL Ricoveri solventi su totale CSPh regionali (acquisto pacchetto "all inclusive ) 26

27 Propensione al ricovero degli utenti 220 Tasso di ospedalizzazione (intra ed extra regionale) MOL SAR LIG VDA BZ ABR UMB CAL BAS FVG MAR VEN CAM EMR SIC PIE TOS PUG ITA TN LOM LAZ 100 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% Propensione residenti al ricovero privato (ricoveri privati/ricoveri totali) 27

28 CPSh: assorbimento e generazione della mobilità per regione -8% -9% -6% -7% 6% -7% 6% -9% 4% -8% 4% -1% 3% -6% 3% -4% 2% -6% 2% -2% 1% -2% 1% -6% 1% -3% 1% -1% 0% -4% 0% -1% 0% -6% 0% -1% 0% -3% 0% 14% 21% ASSORBIMENTO GENERAZIONE MOBILITA 29% LOM LAZ EMR TOS VEN CAM PIE TN PUG ABR SIC SAR FVG LIG UMB BZ MAR MOL CAL VDA BAS -15% -10% -5% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 28

29 CPSh: assorbimento e generazione della mobilità per regione LOM LAZ EMR TOS VEN CAM PIE TN PUG ABR SIC SAR FVG LIG UMB BZ MAR MOL CAL VDA BAS -1% -1% -5% -4% -3% -2% -4% -1% -1% -6% -2% -1% -3% -1% -6% -1% -3% 2% 8% 12% 21% ASSORBIMENTO GENERAZIONE MOBILITA saldo 29

30 La Spesa Sanitaria Privata I criteri di scelta delle strutture 30

31 La Spesa Sanitaria Privata I criteri di scelta delle strutture 31

32 La Spesa Sanitaria Privata I criteri di scelta delle strutture 32

33 Trend della spesa sanitaria intermediata La spesa sanitaria intermediata, è quella avvenuta per il tramite di soggetti terzi (fondi, casse mutue assicurazioni). In questo caso l utilità della spesa per il paziente è maggiore, in quanto il valore del premio annuo si trasforma nella gamma di coperture del fondo, mentre nel caso della spesa out of pocket, l utilità del prezzo pagato per la prestazione, si conclude con l erogazione della stessa. Nei prossimi anni ci si attende uno spostamento della spesa privata da out of pocket ad intermediata a parità di importo totale. In questo modo aumenterà l utilità per i pazienti NB: Non è conteggiata la spesa delle Assicurazioni Sanitarie 33

34 Cosa significa spesa intermediata Spesa intermediata: è tutto ciò che passa (in modo diretto o indiretto) tramite il fondo o l assicurazione. Il controllo passa dalle cliniche alle assicurazioni: Le assicurazioni, in base ai contratti stipulati, convogliano i pazienti verso le strutture che hanno un migliore rapporto : costo - tecnologia servizio/qualità medica La scelta del medico o della clinica non è più a totale controllo del paziente/cliente: Il paziente chiede la clinica o il medico preferito, e in base alle classificazioni interne e il tipo di contratto che il paziente ha con il fondo/assicurazione, viene indicata la clinica Tariffe contrattualizzate a livello nazionale: Fondi e assicurazioni per migliorare le tariffe pagate alle cliniche massimizzano i contratti verso un numero minore di cliniche e medici che si adattano alle offerte di tariffe fatte. 34

35 SSN, Fondi e Assicurazioni, Low Cost 35

36 SSN, Fondi e Assicurazioni, Low Cost SSN Emergenze, sanità base, assistenza agli indigenti, etc I tagli sono destinati ad aumentare Sanità Integrativa accessi rapidi, servizi con maggiore confort, professionalità, meno burocrazia costo fondo la visita specialistica e diagnostica sono la porta di ingresso privilegiata ai ricoveri. fonte: Rapporto Oasi 2010 SDA Bocconi Elaborazione 2010 Unisalute Low Cost odontoiatria, diagnostica, medicina di base, oculistica. Plus desiderato : Servizio, Professionalità, Marchio, Rapidità di accesso Ma i medici adattano le loro tariffe. Il mercato è cambiato 36

37 SSN, Fondi e Assicurazioni, Low Cost Low Cost odontoiatria, diagnostica, medicina di base, oculistica. Plus desiderato : Servizio, Professionalità, Marchio, Rapidità di accesso La spesa odontoiatria in Italia è di Mld euro annui, al 95% privata out-of-pocket Adesso c è una sovra-offerta e non è industrializzata Assicurazioni e fondi vivono l odontoiatria come un rischio certo, considerandola un business in perdita (incluso solo per completezza portafoglio) (fonte: studio Unisalute 2010) Manca un modello Vitaldent più rassicurante 37

38 Trend della spesa sanitaria divisa per macro aree 38

39 Trend della spesa sanitaria intermediata dai Fondi Sanitari Integrativi per macro-area 39

40 Composizione % della spesa sanitaria per regione (2011) 40

41 Spesa Sanitaria Privata pro capite per regione Anno

42 Ripartizione Spesa sanitaria privata pro capite e per nucleo Anno

43 La Sanità Integrativa Casse, Fondi e Società di Mutuo Soccorso Organizzazioni prevalentemente private, variamente denominate, che raccolgono, su base volontaria, risparmio dei singoli cittadini o di gruppi di cittadini o risparmio di tipo contrattuale a livello nazionale, regionale o locale, per fornire prestazioni sanitarie e sociosanitarie che integrano quelle assicurate dal Servizio sanitario Nazionale e dal Sistema di protezione sociale, per finalità non orientate al profitto. Mastrobuono I, Guzzanti E., Cicchetti A., Mazzeo M.C. II finanziamento delle attività e delle prestazioni sanitarie. Il ruolo delle forme integrative di assistenza. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 1999 Modificata maggio

44 La Sanità Integrativa Fondi integrativi - Normativa di riferimento Art. 46 della legge 833/78 (la mutualità volontaria è libera); Art.9 del D.Lgs.502/92 (forme differenziate per particolari tipologie di prestazioni) Art. 9 del D.Lgs517/93 (fondi finalizzati a fornire prestazioni aggiuntive rispetto a quelle garantite dal SSN) Art.9 della legge 229/99 (fondi doc) Piano sanitario , dove, tra gli adempimenti prioritari, è prevista la Disciplina delle forme integrative di assistenza in rapporto ai livelli essenziali di assistenza ; D.Lgs41/2000 (aspetti fiscali) Legge 30 dicembre 2007 (finanziaria 2008) 3615,20 Euro Decreto 31 marzo 2008 Decreto 27 ottobre 2009 Anagrafe dei Fondi Sanitari presso il Ministero della Salute 44

45 Come si divide l assistenza sanitaria integrativa Fondi sanitari integrativi COLLETTIVI - quando previsti dai CCLN - Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro - o da Albi Professionali. In questo caso i beneficiari sono quasi esclusivamente i lavoratori e a volte i loro familiari AZIENDALI - quando assumono una valenza di benefit per il lavoratore. Spesso sono estesi anche al nucleo familiare Enti, Casse e Società di mutuo soccorso (es. ) Hanno esclusivamente fine assistenziale, in conformità a disposizioni di contratto o di regolamento aziendale che non rientrano nell'ambito di operatività dei fondi sanitari integrativi e che riconoscono prestazioni sanitarie e socio-sanitarie secondo i propri statuti e regolamenti. I costi di compartecipazione alla spesa sono sostenuti dai cittadini nella fruizione delle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale insieme agli oneri per l'accesso alle prestazioni erogate in regime di libera professione intramuraria. Assicurazioni (autoassicurati) Le polizze mediche assicurano dai problemi di salute, permettendo di usufruire di determinate prestazioni a fronte del pagamento di un premio annuale. Ogni assistito può usufruire di una copertura personalizzata, le polizze infatti sono modulari e componibili secondo necessità. Le prestazioni sanitarie più richieste sono generalmente visite specializzate, ricoveri, diagnostica, diaria e odontoiatria. 45

46 Come si divide l assistenza sanitaria integrativa - differenze Fondi sanitari integrativi Erogano prestazioni di natura assistenziale e socio-sanitaria rientranti tra quelle individuate daldlgsn. 502/1992: - prestazioni integrative e sostitutive a quelle del Sistema Sanitario Nazionale come ricoveri, visite specialistiche e diagnostiche, riabilitazione, odontoiatria, ecc.. - prestazioni socio-sanitarie erogate in strutture accreditate residenziali e semiresidenziali oppure in forma domiciliare - prestazioni socio-sanitarie non comprese nei livelli essenziali di assistenza - prestazioni finalizzate al recupero della salute di soggetti temporaneamente inabilitati da malattia o infortunio per la parte non garantita dalla normativa -prestazioni di assistenza odontoiatrica non comprese nei livelli essenziali di assistenza per prevenzione, cura e riabilitazione di patologie odontoiatriche. Enti, Casse e Società di mutuo soccorso Obiettivo della Mutua è quello di garantire protezione ed assistenza sanitaria ai propri Associati grazie alla partecipazione di tutti gli associati attraverso il meccanismo della reciprocità; Basata sull'autofinanziamento e sulla divisione del rischio tra tutti gli Associati, la Mutua è un sistema di assistenza integrativo che rimborsa le spese necessarie alla salute e tutela in caso di malattia integrando o sostituendo il servizio sanitario nazionale. L'assistenza viene erogata per tutta la durata del rapporto associativo. Non vengono eseguite visite preventive per essere ammessi. Differentemente dalle polizze rimborso spese di cura, la Mutua non esercita mai il diritto di recesso nei confronti dei propri Associati. Assicurazioni Le polizze assicurative si differenziano tra loro per: il massimale, cioè la somma più alta che l'assicurazione di impegna a risarcire; l'importo e correlato al costo del premio annuale, all'aumentare dell'uno aumenta anche l'altro la franchigia, ovvero la copertura di una percentuale del pagamento da parte dell'assicurato il premio, cioè la tariffa che l'assicurato paga ogni anno per polizza le prestazioni sanitarie garantite, che variano in base alle clausole scelte e al premio pagato 46

47 La Sanità Integrativa I soggetti iscritti - Assistiti Lavoratore dipendente: Dirigente, Quadro, Impiegato, Operario Libero professionistaiscritto ad un Albo. In alcuni casi vi è l estensione anche ai: Familiari Pensionati L iscrizione in alcuni casi è automatica o volontaria Profilo assistiti/beneficiari 46.3 % Maschi 53.7 % Femmine 47

48 La Sanità Integrativa STATO ATTUALE anni iscritti assistiti fonti indagine Università di Padova Labate - Tardiola Labate Mastrobuono L anagrafe dei fondi istituita presso il Ministero della salute nel 2013 ha rilevato 361 fondi. Nel 2014 sono entrati a regime nuovi fondi, SANILOG e SANARTI, SANIFONDS, SANINVENETO e METASALUTE. Si aggiungeranno anche delle Mutue territoriali: Mutua Ligure, SSMS Torino ed il fondo del Trentino Alto Adige. A questi sono da aggiungere gli assistiti delle polizze assicurative sanitarie sia individuali che collettive Si può stimare che nel 2015 si avranno circa di assistiti. 48

49 La Sanità Integrativa Su dati ANIA nel 2012 la percentuale di famiglie in possesso di polizza malattia era del 4,3% in diminuzione rispetto al 2010 (5,5%) Sono in crescita settori che pur non avendo Fondi o Casse mutue di categorie, i contratti integrativi aziendali prevedono forme di copertura sanitaria (Regioni ed Enti Locali, Università) In molti settori si è deciso per la costituzione del fondo sanitario di categoria: ortofrutticoli, lavoratori legno e arredamento, igiene ambientale, agricoltura, PMI, pesca Nei prossimi anni il numero di assistiti è destinato a crescere ulteriormente 49

50 Sanità Integrativa e territorio La spesa per i ricoveri rappresenta oltre il 30% della spesa totale dei FSI La spesa per prestazioni ambulatoriali supera mediamente il 35% del totale Al centro la spesa per i ricoveri supera il 40% per «l effetto Roma» 50

51 La Sanità Integrativa Necessità di informazione 33% 38% Non ha mai sentito parlare di sanità integrativa Ne ha sentito parlare ma non sa esattamente cosa sia 51

52 La Sanità Integrativa Qual è il ruolo rispetto alla copertura SSN? Sostitutivo Stesse prestazioni di quelle offerte dal SSN, ma fruite in regime privato (eventualmente per saltare le code del sistema pubblico) Supplementare Prestazioni extra-livelli Essenziali di Assistenza SSN (extra-lea) (es. odontoiatria) Complementare Ristoro dei costi sostenuti per le prestazioni LEA (es. rimborso totale o parziale dei ticket per la specialistica; diaria per i ricoveri; rendite per invalidità o malattie croniche) 52

53 La Sanità Integrativa Le prestazioni erogate rientrano tra quelle individuate dal Dlgs n. 502/1992: > prestazioni integrative e sostitutive a quelle offerte dal Sistema Sanitario Nazionale (ricoveri, visite specializzate, diagnostiche, riabilitazione, odontoiatria, ecc); > prestazioni sociosanitarie erogate in strutture residenziali e semiresidenziali oppure in forma domiciliare; > prestazioni socio-sanitarie non comprese nei livelli essenziali di assistenza; > prestazioni finalizzate al recupero della salute di soggetti temporaneamente inabilitati da malattia o infortunio per la parte non garantita dalla normativa vigente; > prestazioni di assistenza odontoiatrica non comprese nei livelli essenziali di assistenza per prevenzione, cura e riabilitazione di patologie odontoiatriche. > prestazioni di check-up > rimborsi dei ticket 53

54 La Sanità Integrativa Esempio di prestazioni erogate: 6. LE PRESTAZIONI DEL PIANO SANITARIO 6.1 Ricovero in Istituto di cura a seguito di malattia e infortunio per grande intervento chirurgico 6.2 Trasporto sanitario a seguito di grande intervento chirurgico 6.3 Trapianti a seguito di malattia e infortunio 6.4 Neonati figli di Iscritti 6.5 Indennità sostitutiva per grande intervento chirurgico 6.6 Limite di spesa annuo dell aera ricovero per grande intervento chirurgico 6.7 Prestazioni di alta specializzazione 6.8 Visite specialistiche 6.9 Ticket sanitari per accertamenti diagnostici e pronto soccorso 6.10 Pacchetto maternità 6.11 Prestazioni odontoiatriche particolari 6.12 Prestazioni di implantologia 6.13 Avulsione fino ad un massimo di quattro denti 6.14 Prestazioni diagnostiche particolari 6.15 Sindrome metabolica 6.16 Grave inabilità determinata da invalidità permanente 6.17 Piani assistenziali per non autosufficienze 6.18 Servizi di consulenza 54

55 55

56 La Sanità Integrativa Le Prestazioni Visite specialistiche e diagnostica ordinaria 33,1 Principali prestazioni erogate dai fondi. Numero di Prestazioni -Anno (valori in %) Fonte: Censis RBM Salute Ticket specialistica 20,7 Alta specializzazione (TC, RMN, ecc..) 12,6 Cure dentarie 8,8 CHECK UP o prevenzione 8,6 Ricovero 5,3 Lenti Occhiali 3,4 Parto 2,9 Fisioterapia 1,3 Medicinali 0,8 Ricovero SSN 0,8 Intervento chirurgico ambulatoriale 0,6 Grandi Interventi 0,4 Protesi ortopediche o acustiche 0,3 Day Hospital 0,3 Interventi chirurgici odontoiatrici 0,1 Grandi Interventi SSN 0,1 56

57 La Sanità Integrativa Le Prestazioni Ricovero 25,9 Principali prestazioni erogate dai principali fondi. Importo liquidato -Anno (valori in %) Fonte: Censis RBM Salute Cure dentarie 19,3 Visite specialistiche e diagnostica ordinaria 18,6 Alta Specializzazione 7,8 CHECK UP o prevenzione 4,8 Ticket specialistici 4,8 Grandi Interventi 3,9 Parto 3,5 Lenti/Occhiali 3,0 Fisioterapia 2,6 Day hospital 1,3 Ricovero SSN 1,3 Intervento chirurgico ambulatoriale 1,1 Protesi ortopediche o acustiche 1,0 57

58 Rimborso Diretto e Rimborso Indiretto L assistenza sanitaria integrativa permette di ottenere il rimborso delle prestazioni sanitarie eseguite presso la struttura sanitaria. Le modalità di rimborso tuttavia variano secondo il tipo di compagnia e di polizza e in base alla convenzione esistente tra Ente erogatore e struttura/professionisti prescelti. Se sono convenzionate > il rimborso è diretto Se non sono convenzionate > il rimborso è indiretto 58

59 RIMBORSO DIRETTO In questo caso l assistito non anticipa né le spese di ricovero né quelle ambulatoriali e all atto delle dimissioni salda solamente le spese extra e le eventuali franchigie previste dalla propria copertura. Con il rimborso in forma indiretta l assistito usufruisce di condizioni di pagamento privilegiate che variano secondo il tipo di prestazione e di compagnia. L assistito in seguito chiederà il rimborso delle spese - totale o parziale - all Ente di appartenenza, in relazione alla categoria o al contratto stipulato. 59

60 La Struttura Sanitaria: la situazione attuale e le prospettive per il futuro OGGI Strutture prevalentemente operano per conto del SSN: Riduzione di risorse e budget Ritardo nei pagamenti Allungamento liste di attesa Costi tecnologici e dei fattori produttivi (personale, ecc..) in crescita Grosse difficoltà a mantenere equilibrio economico-finanziario Grosse difficoltà fare investimenti in tecnologia Il paziente assicurato è visto come una maggiore complessità da gestire 60

61 La Struttura Sanitaria: la situazione attuale e le prospettive per il futuro DOMANI Le strutture debbono cambiare mentalità di lavoro. I committenti di riferimento diventano due: SSN e «secondo pilastro» Bisogna pensare a lavorare in «Accreditamento» con i Fondi Sanitari e Casse Mutue Maggior attenzione al servizio ed al comfort alberghiero Modifica dell organizzazione (apertura dei servizi anche il pomeriggio tardi e sera, festivi) Modifica dell organizzazione per offrire servizi con tempi di risposta ridotti 61

62 Il percorso del paziente assicurato SSN Impegnativa Medico di Base Accettazione In Struttura Ricovero Intervento Dimissione Calcolo DRG Fattura. ASL cumulativa Fine Attività TERMINI DI PAGAMENTO? FONDI INTEGRATIVI Attivazione Procedura Presa in Carico e Verifica Congruita Accettazione e Verifica Documenti Ricovero Intervento Dimissione OPTIONAL AGGIUNTIVI Fine Attività Spedizione Fascicolo Sanitario Amministrativo Verifica Conteggi e Fatturazione Raccolta Documenti sul Caso Stima Intervento Franchigia TERMINI DI PAGAMENTO GG 62

63 IL WELFARE AZIENDALE Welfare Aziendale: programmi predisposti dalle aziende a favore dei propri dipendenti, inseriti all interno dei contratti di lavoro aziendali, con ambiti: lavoro e vita personale, diversamente abili, anziani, occupazione, sanità, previdenza. I servizi di welfare aziendale godono di vantaggi di defiscalizzazione, in questo modo si trasferisce al dipendente/familiare l intero importo del servizio. 63

64 CCNL che hanno una copertura 1/2 Alcuni esempi: Commercio, Servizi e Turismo Metalmeccanici Lavoratori Artigianato Logistica, Trasporto Merci e Spedizione Settore del Credito Chimico-Farmaceutico Studi Professionali 64

65 CCNL che hanno una copertura 2/2 Alcuni esempi: Grande Distribuzione Cooperativa Alimentaristi Turismo Settore Energia Vigilanza Privata 65

66 Categorie Professionali con una copertura sanitaria integrativa Alcuni esempi: Dirigenti (sia industria che commercio) Giornalisti Medici, Biologi, Veterinari Architetti, Ingegneri Avvocati Notai Geometri Commercialisti Ragionieri Psicologi 66

67 Azienda con copertura sanitaria integrativa 67

68 Roberto Totò Commissione Nazionale Case di Cura non Accreditate Mail: Cell. 328/ Tel. 0545/

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE 1 Richiesta informazioni Contattare la Centrale Operativa di Unisalute dalle ore 8,30 alle 19,30 dal lunedì al venerdì 800.822.472 051.63.89.046 dall

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

GUIDA AL PIANO SANITARIO CASSA SANITARIA BNL

GUIDA AL PIANO SANITARIO CASSA SANITARIA BNL GUIDA AL PIANO SANITARIO CASSA SANITARIA BNL 2012 Dipendenti appartenenti alle Aree Professionali e ai Quadri Direttivi BNL Cassa Sanitaria BNL per il personale appartenente alle Aree Professionali ed

Dettagli

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE La storia del SSN Ante 883/78 Legge 833/78 (Compromesso storico) (Creazione del SSN) Decreti Legislativi 502/92 (De Lorenzo) e 517/93

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Guida al Piano sanitario Guida al Piano Sanitario Fondo FASDA

Guida al Piano sanitario Guida al Piano Sanitario Fondo FASDA Guida al Piano sanitario Guida al Piano Sanitario Fondo FASDA Fondo FASDA Fondo integrativo di Assistenza Sanitaria per i Dipendenti dei servizi Ambientali 1 Per tutte le prestazioni previste dal Piano

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Quadro A Denuncia di iscrizione ditta - Dati anagrafici

Quadro A Denuncia di iscrizione ditta - Dati anagrafici Quadro A Denuncia di iscrizione ditta - Dati anagrafici Dati Anagrafici Ditta Data inizio attività Indicare la data d'inizio attività effettiva della ditta. Indirizzo Sede INAIL Indicare l'indirizzo della

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Piano Completo Redazione Dicembre 2013

Piano Completo Redazione Dicembre 2013 Fascicolo Informativo Contratto di assicurazione sanitaria Redazione Dicembre 2013 Il presente Fascicolo Informativo contenente a) Nota Informativa comprensiva del Glossario; b) Condizioni di assicurazione;

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche Dalla spesa del turista all analisi della filiera, l individuazione delle aree

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

DOCTOR PIÙ EVOLUTION. Contratto di Assicurazione Malattia e Assistenza

DOCTOR PIÙ EVOLUTION. Contratto di Assicurazione Malattia e Assistenza DOCTOR PIÙ EVOLUTION Contratto di Assicurazione Malattia e Assistenza Il presente Fascicolo Informativo contenente: Nota Informativa e Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli