Gioco d azzardo come dipendenza: la normativa regionale e la risposta dei servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gioco d azzardo come dipendenza: la normativa regionale e la risposta dei servizi"

Transcript

1 Gioco d azzardo come dipendenza: la normativa regionale e la risposta dei servizi dott.ssa Nora Coppola Direttore Area Promozione salute e Prevenzione Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

2 L.R. n. 1 del 14 febbraio 2014 «Disposizioni per la prevenzione, il trattamento e il contrasto della dipendenza da gioco d azzardo, nonché delle problematiche e patologie correlate» Art.1 - Finalità Art.2 - Definizioni Art.3 - Destinatari Art.4 - Soggetti attuatori Art.5 - Competenze della Regione Art.6 - Competenze dei Comuni Art.7 - Competenze delle Aziende per i servizi sanitari Art.8 - Tavolo tecnico regionale GAP Art.9 - Sanzioni amministrative Art.10 - Clausola valutativa Art.11 - Disposizioni finanziarie

3 Art.5 - Competenze della Regione FVG Garantire l attività di progettazione territoriale sociosanitaria per la prevenzionee il contrastodella dipendenza da gioco d azzardo e da gioco praticato con apparecchi per il gioco lecito; Assicurare le conoscenze e il monitoraggiodei fenomeni di dipendenza da gioco d azzardo e da gioco praticato con apparecchi per il gioco lecito; Collaborare con i competenti organi dello Stato e con le Forze dell Ordine nel contrasto al gioco illegale; Promuovere la formazionee l aggiornamento degli esercenti e degli operatori dei servizi pubblici, della Polizia locale, delle Forze dell Ordine

4 Art.8 - Tavolo tecnico regionale GAP È composto da rappresentati di: - Comuni - Aziende sanitarie - Istituzioni scolastiche - Associazioni di rappresentanza delle imprese e degli operatori di settore - Associazioni di tutela dei diritti dei consumatori e utenti - Enti e associazioni non aventi scopo di lucro Studio e monitoraggio del GAP in ambito regionale per la raccolta di esperienze e buone prassi; Formulazione di proposte e pareri alla Direzione centrale competente in materia di salute e politiche sociali e agli altri organi interessati; Sièriunitoduevoltenel2014eunavoltanel2015.

5 D.G.R. n del 5 dicembre 2014 «Determinazione della distanza dai luoghi sensibili per la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d azzardo lecito» Definizione di«luoghi sensibili»: - istituti scolastici di ogni ordine e grado; - luoghi di culto, relativi alle confessioni religiose; - impianti sportivi; - strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario; - strutture ricettive per categorie protette; - luoghi di aggregazione(compresi ludoteche, ricreatori, oratori e biblioteche); Non è ammessa la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d azzardo lecito in locali che si trovino entro la distanza di cinquecento metri dai luoghi sensibili; Attivazione servizio di helpdesk in collaborazione con SUAP regionale

6 Atto deliberativo marchio «Slot Free-FVG» «Slot Free-FVG» La Regione ha momentaneamente sospeso l emanazione dell atto deliberativo che riconosce una riduzione dell aliquota dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) a favore delle attività che conseguono il marchio Slot-Free-FVG

7 Le attività della Regione FVG nel 2015 Coordinamento e supporto al Tavolo tecnico GAP; Servizio di helpdesk per l applicazione della L.R. 1/2014; Attivazione di una linea di contribuzione per il finanziamento di progettualità; Realizzazione percorso formativo per addetti ai lavori. Inserimento nelle Linee per la gestione del SSR 2015 e relativi Piani Aziendali

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 27/11/2013-0021253 Il I del 27111/2013 Prot: 0021253 Tìtolario 2.6 CRV CRV spc-upa CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

2 Bollettino Ufficiale. Supplemento n. 43 - Martedì 22 ottobre 2013

2 Bollettino Ufficiale. Supplemento n. 43 - Martedì 22 ottobre 2013 2 Bollettino Ufficiale Supplemento n. 43 - Martedì 22 ottobre 2013 Legge regionale 21 ottobre 2013 - n. 8 Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d azzardo patologico la seguente legge regionale:

Dettagli

Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico

Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico Legge Regionale 21 ottobre 2013, n. 8 Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (BURL n. 43, suppl. del 22 Ottobre 2013 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2013-10-21;8 Art.

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] AL COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di Lecce) Servizio SUAP INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI GIOCHI LECITI presso esercizi non in possesso di Autorizzazione ex artt.86 o 88 TULPS R.D. 18/6/1931 n.773 domanda

Dettagli

Disegno di legge "Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Relazione

Disegno di legge Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Relazione Disegno di legge "Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Relazione Per ludopatia (o gioco patologico) si intende l incapacità di resistere all impulso di giocare lecitamente

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE

DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE DISEGNO DI LEGGE REGIONALE PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO IN PIEMONTE RELAZIONE In Italia il fenomeno del gioco d azzardo ha dimensioni molto rilevanti 1, come si

Dettagli

2. La Regione, in relazione alle finalità della presente legge, valorizza e promuove la partecipazione e realizza iniziative in collaborazione con:

2. La Regione, in relazione alle finalità della presente legge, valorizza e promuove la partecipazione e realizza iniziative in collaborazione con: Legge Regionale 21 novembre 2014 n. 21 Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. (Umbria, BUR 26 novembre 2014, n. 54) L'ASSEMBLEA

Dettagli

N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014

N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014 OGGETTO ORDINE DEL GIORNO A SOSTEGNO DELLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N.397 AVENTE IN OGGETTO NORME PER CONTRASTARE E PREVENIRE LA

Dettagli

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP).

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). (Lazio, BUR 8 agosto 2013, n. 64) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia COMUNE DI BRESCIA Settore Statistica, audit, programmazione e controllo di gestione Servizio Statistica New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia Documentazione per la Commissione Consiliare Commercio,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 30

PROPOSTA DI LEGGE N. 30 presentata dai consiglieri Cremaschi, Agnola, Boem, Codega, Gabrovec, Moretti, Travanut, Zecchinon, Bagatin, Gregoris, Piccin 1 il 16 gennaio 2014

Dettagli

L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE. promulga. la seguente legge: TITOLO I.

L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE. promulga. la seguente legge: TITOLO I. Emilia-Romagna L.R. 4-7-2013 n. 5 Norme per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d'azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO Legge Regionale Toscana L.R. 18 ottobre 2013, n. 57 Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania della dipendenza dal gioco d azzardo patologico Reg.Gen.7 Permanente V, Il e VI Prot. n. 00 Consiglio Regionale della Campania Napoli, IL PRJSIDENTE Le stesse si esprimeranno nei modi e termini previsti

Dettagli

Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 N A P O L I

Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 N A P O L I Consiglio Regionale della Campania Prot. n.000348/a CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA VI COMMISSIONE CONSILIARE PERMArN n4al_. Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia,

Dettagli

QUESTO GIOCO E VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 PERMETTE VINCITE IN DENARO E PUO PORTARE ALLA DIPENDENZA E NUOCERE ALLA TUA SALUTE GIOCA CON MODERAZIONE

QUESTO GIOCO E VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 PERMETTE VINCITE IN DENARO E PUO PORTARE ALLA DIPENDENZA E NUOCERE ALLA TUA SALUTE GIOCA CON MODERAZIONE ATTENZIONE! IL GIOCO PUO PROVOCARE DIPENDENZA (G.A.P - Sindrome di Gioco d azzardo patologico) Dal 1 gennaio 2013 le vincite, computate dall apparecchio in modo non predeterminabile, risultano non inferiori

Dettagli

RELAZIONE URBANISTICA

RELAZIONE URBANISTICA COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO Unità Pianificazione Urbanistica ********* VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E EDILIZIO

Dettagli

ATTO N. 1496. di iniziativa dei Consiglieri ZAFFINI, DE SIO, LIGNANI MARCHESANI, MANTOVANI, MONNI e ROSI

ATTO N. 1496. di iniziativa dei Consiglieri ZAFFINI, DE SIO, LIGNANI MARCHESANI, MANTOVANI, MONNI e ROSI Assemblea legislativa PROPOSTA DI LEGGE ATTO N. 1496 Palazzo Cesaroni Piazza Italia, 2-06121 PERUGIA http://www.consiglio.regione.umbria.it e-mail: atti@crumbria.it di iniziativa dei Consiglieri ZAFFINI,

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale CONFINDUSTRIA SISTEMA GIOCO ITALIA FIEPeT Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici di Genova, aderente a Confesercenti Federazione Italiana Tabaccai della provincia di Genova CONFERENZA STAMPA

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SEZIONE DISTACCATA DI VIA OVIDIO,

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SEZIONE DISTACCATA DI VIA OVIDIO, COMUNE di PARABIAGO PROVINCIA DI MILANO Cap. 20015 - P.za della Vittoria, 7 - Tel. 0331/406011 Fax. 0331/552750 C.F. 01059460152 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SEZIONE DISTACCATA DI VIA OVIDIO,

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

SOGGETTO CHE ESERCITA L ATTIVITÀ. Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero Codice Fiscale

SOGGETTO CHE ESERCITA L ATTIVITÀ. Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero Codice Fiscale ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DEL COMUNE DI PROTOCOLLO TAURISANO SCIA immediatamente efficacie dal momento di ricezione da parte dell amministrazione competente secondo le modalità di legge

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 510 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Possamai, Cappon, Stoppato, Caner e Finco INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA LUDOPATIA

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

Regolamento sui criteri di insediamento di nuovi apparecchi da intrattenimento con vincite in denaro e di sistemi da gioco Video Lottery terminals

Regolamento sui criteri di insediamento di nuovi apparecchi da intrattenimento con vincite in denaro e di sistemi da gioco Video Lottery terminals Area dell ambiente e del territorio N. B 25 Regolamento sui criteri di insediamento di nuovi apparecchi da intrattenimento con vincite in denaro e di sistemi da gioco Video Lottery terminals 2012 Indice

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1314 Seduta del 30/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1314 Seduta del 30/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1314 Seduta del 30/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Pordenone 1 Cordenons 1 Porcia 1 Roveredo in Piano 1 S. Quirino 1

Pordenone 1 Cordenons 1 Porcia 1 Roveredo in Piano 1 S. Quirino 1 Servizio Sociale dei Comuni di PORDENONE CORDENONS PORCIA ROVEREDO IN PIANO S. QUIRINO DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO 6.5 N. 233/2014 DEL 21/10/2014 2 L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R.

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R. Bollettino Ufficiale 45 D.G. Territorio, urbanistica e difesa del suolo D.d.u.o. 13 marzo 2015 - n. 1934 Bando per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DI TITOLARI E PREPOSTI DELLE SALE DA GIOCO. L.R. 5/2013 E S.M..

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DI TITOLARI E PREPOSTI DELLE SALE DA GIOCO. L.R. 5/2013 E S.M.. Progr.Num. 1723/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 27 del mese di ottobre dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

AVVISO di MANIFESTAZIONE d INTERESSE

AVVISO di MANIFESTAZIONE d INTERESSE COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI Telefono 0481-477111 Provincia di Gorizia C.F. e P.IVA 00123470312 RESIDENZE PROTETTE e CENTRI DIURNI per ANZIANI a gestione associata Corradini Ronchi dei Legionari- Argo

Dettagli

ECM DOSSIER FORMATIVO

ECM DOSSIER FORMATIVO Al servizio di gente unica Convegno Triveneto ECM DOSSIER FORMATIVO Trieste 6 settembre 2014 Relazione L ECM in Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali

Dettagli

COMUNE DI CALUSCO D ADDA - provincia di Bergamo -

COMUNE DI CALUSCO D ADDA - provincia di Bergamo - COMUNE DI CALUSCO D ADDA - provincia di Bergamo - RICHIESTA DI PROGETTO TRAMITE SUAP ART. 22 DPR 160/2010 Trasferimento sala slot da sede distaccata ai locali annessi all attività principale Bingo in variante

Dettagli

Comune di Cinisello Balsamo Provincia di Milano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Cinisello Balsamo Provincia di Milano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Cinisello Balsamo Provincia di Milano COPIA Data: 14/07/2014 CC N. 42 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MESSA IN ATTO DI PROVVEDIMENTI EFFICACI PER IL CONTRASTO DEL CRESCENTE FENOMENO

Dettagli

Presidenza del Presidente Romoli

Presidenza del Presidente Romoli Riunione n. 1 del 28 gennaio 2014 Estratto del processo verbale n. 1/2014 OGGETTO: Parere in via d urgenza sulla proposta di legge n. 30 avente ad oggetto "Disposizioni per la prevenzione, il trattamento

Dettagli

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 Oggetto: DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI ESERCIZIO PER LE ATTIVITA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, COMMERCIO SU AREA PUBBLICA, SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

Indicazioni per il corretto utilizzo e rilascio del marchio NO SLOT

Indicazioni per il corretto utilizzo e rilascio del marchio NO SLOT ALLEGATO B Indicazioni per il corretto utilizzo e rilascio del marchio NO SLOT vinci solo quando smetti 1 Sommario A. Finalità 3 B. Il marchio no slot 3 C. Chi lo può usare.4 D. Chi può concedere l utilizzo?...4

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE GIOCO LECITO IN LOCALE APERTO AL PUBBLICO

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE GIOCO LECITO IN LOCALE APERTO AL PUBBLICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE GIOCO LECITO IN LOCALE APERTO AL PUBBLICO Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Genova Via di Francia 1 Genova IL MODELLO DEBITAMENTE COMPILATO E

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3398 Seduta del 10/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3398 Seduta del 10/04/2015 DLIBRAZION N X / 3398 Seduta del 10/04/2015 Presidente ROBRTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALNTINA APRA VIVIANA BCCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Comune di CALCO Provincia di Lecco

Comune di CALCO Provincia di Lecco Comune di CALCO Provincia di Lecco Regolamento Comunale per l apertura e la gestione Sale da Gioco (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 11 del 23 maggio 2012) 1 INDICE Titolo I Disposizioni

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Dott. Nicola Delli Quadri

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Dott. Nicola Delli Quadri AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 1 TRIESTINA TRIESTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Decreto n 10 del 16/01/2015 OGGETTO Presa d'atto dell'accordo per l'anno 2014 tra l'allora Azienda per i

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI COMMERCIO ED ATTIVITA PRODUTTIVE

CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI COMMERCIO ED ATTIVITA PRODUTTIVE Autunno 2014, Relatori: Renato Cavalli Amministratore Unico Prassicoop Thomas Mambrini Avvocato Fabio Chindamo Consulente per la P.A. Lavoriamo con un equipe interdisciplinare insieme al cliente, valorizzando

Dettagli

VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI

VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA DI SALA GIOCHI La normativa in materia di sale giochi e apparecchi da gioco è estremamente complessa in quanto le fonti normative sono variegate e in

Dettagli

All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI

All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI All'UNIONE DEI COMUNI FRIULI ISONTINA Piazza Vittoria,3 CAPRIVA DEL FRIULI Segnalazione certificata di inizio attività, ai sensi dell art. 109.1 della Legge regionale F.V.G. n. 29/2005, per: vendita per

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO Approvato con deliberazione Consiglio Comunale del 27.11.2014 n. 64 INDICE

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A P R O V I N C I A DI L A T I N A

C O M U N E D I F O R M I A P R O V I N C I A DI L A T I N A P R O V I N C I A DI L A T I N A REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO E DEI GIOCHI LECITI TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3

Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3 Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3 Oggetto:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza. Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza. Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 12/2015 DISCIPLINA EDILIZIA SPECIALE PER LA REALIZZAZIONE E TRASFORMAZIONE DELLE SALE DA GIOCO E RACCOLTA SCOMMESSE Disposizione

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

Comune di Oggiono Provincia di Lecco

Comune di Oggiono Provincia di Lecco Comune di Oggiono Provincia di Lecco Regolamento per la disciplina delle sale da gioco lecito. (Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 23 del 14.03.2011) INDICE Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PER LA STESURA DEL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE (PAA)

NOTE METODOLOGICHE PER LA STESURA DEL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE (PAA) NOTE METODOLOGICHE PER LA STESURA DEL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE (PAA) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI AREA DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CHIEDE. Il sottoscritto si impegna a consegnare presso gli uffici comunali preventivamente al ritiro dell autorizzazione i seguenti documenti:

CHIEDE. Il sottoscritto si impegna a consegnare presso gli uffici comunali preventivamente al ritiro dell autorizzazione i seguenti documenti: Salò, Al Comune di SALO Il sottoscritto nato a il residente a c. f., in qualità di _ della società con sede in, iscrizione al Registro Imprese della C.C.I.A.A. di con n. in data CHIEDE il rilascio dell

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

copia n 135 del 09.05.2013 OGGETTO : ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO.

copia n 135 del 09.05.2013 OGGETTO : ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 135 del 09.05.2013 OGGETTO : ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. L anno duemilatredici

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

Regione Umbria Si pubblica di regola SERIE GENERALE PERUGIA - 26 novembre 2014 il mercoledì con esclusione dei giorni festivi

Regione Umbria Si pubblica di regola SERIE GENERALE PERUGIA - 26 novembre 2014 il mercoledì con esclusione dei giorni festivi Serie Generale - Anno 45 - Numero 54 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE Regione Umbria Si pubblica di regola SERIE GENERALE PERUGIA - 26 novembre 2014 il mercoledì con esclusione dei giorni

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4. COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.2 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA Nr. 347 del 31.07.2015

Dettagli

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la relazione del Direttore del Settore dei Servizi Istituzionali e comunicazioni che è parte integrante del presente

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 68 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa del Consigliere Guadagnini NORME PER LA PREVENZIONE, IL CONTRASTO E LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DALLA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO

COMUNE DI PALERMO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO COMUNE DI PALERMO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 139 Prot MOZIONE PREMESSO CHE Il fenomeno del gioco d azzardo assume una dimensione sempre più vasta interessando anche le fasce economicamente più deboli

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 198 DEL 28/08/2015 O G G E T T O Comparto Sanità. Costituzione provvisoria

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N 145 DEL 03/12/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE MODALITA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONE TARI ART. 37 BIS

Dettagli

Procedure e requisiti per

Procedure e requisiti per Procedure e requisiti per aprire/gestire una comunità Dr. ssa Brunella Fiori Dipartimento i di Sanità Pubblica AUSL di Modena Servizio Igiene Pubblica Provincia di Modena Sala Conferenze, via delle Costellazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

VERBALE DELLA QUINTA SEDUTA DEL 4 MARZO 2015 PRESENTI. DC Programmazione Integrata e Finanza. DG Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

VERBALE DELLA QUINTA SEDUTA DEL 4 MARZO 2015 PRESENTI. DC Programmazione Integrata e Finanza. DG Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Gruppo di Lavoro Interdirezionale per l attuazione della disciplina regionale sulla prevenzione ed il trattamento del gioco d azzardo patologico (GAP) costituito, ai sensi dell art. 4, comma 1, lett. k)

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E Del 16/07/2015 n. 311 IV SETTORE FORMAZIONE RENDICONTAZIONE LAVORO Area Formazione professionale, Borse Lavoro, Sostegno Impresa OGGETTO: FORMAZIONE

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 12 DEL 09/01/2015 O G G E T T O ESERCIZIO 2015 - APPLICAZIONE ISTITUTO

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA, IL TRASFERIMENTO ED IL FUNZIONAMENTO DELLE SALE DA GIOCO Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE SULLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO REGOLAMENTO COMUNALE SULLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 25/11/2015 1 INDICE CAPO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 109/E

RISOLUZIONE N. 109/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 109/E Roma, 22 ottobre 2010 Prot. n. 2010/150058 OGGETTO: Istituzione dei codici tributo da utilizzare per il versamento, tramite modello F24-Accise,

Dettagli

1. La disciplina di cui al presente regolamento si informa ai seguenti principi generali: - 1 -

1. La disciplina di cui al presente regolamento si informa ai seguenti principi generali: - 1 - Regolamento di disciplina dei profili formativi dell apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, ai sensi degli articoli 4, comma 1, lettera c) e 53 della legge regionale 16 novembre

Dettagli

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA PER LE SEDI DI FOSSALTA DI PORTOGRUARO (VE) E BASALDELLA (UD): FormLab Sas di Marando Dott. Elvis & C.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA PER LE SEDI DI FOSSALTA DI PORTOGRUARO (VE) E BASALDELLA (UD): FormLab Sas di Marando Dott. Elvis & C. SEGRETERIA ORGANIZZATIVA PER LE SEDI DI FOSSALTA DI PORTOGRUARO (VE) E BASALDELLA (UD): FormLab Sas di Marando Dott. Elvis & C. Via del Commercio, 005 Fossalta di Portogruaro (Ve) Tel. 0.709 - Tel. 890

Dettagli

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina"

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Pagina n.1 Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 173 del 22/04/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO: ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA TURISTICA NEL

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 86 T.U.L.P.S. per installazione di APPARECCHI E CONGEGNI PER IL GIOCO LECITO Art. 110, comma 6, lett. a) e comma 7 del T.U.L.P.S. SOTTOSCRITT AL COMUNE

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 5 DEL 02/01/2015 OGGETTO Nomina Coordinatore Sociosanitario Dott. Paolo Bordon nominato con D.G.R. 2544 del

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 4.2 Tarcento MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita

Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita al fianco di Enti e Istituzioni Gruppo Televita_MISSION E OBIETTIVI Il Gruppo si compone di due società: Televita s.p.a. e Tesan-Televita

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE PUBBLICHE DA GIOCO E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DA INTRATTENIMENTO E SVAGO

COMUNE DI ITTIRI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE PUBBLICHE DA GIOCO E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DA INTRATTENIMENTO E SVAGO COMUNE DI ITTIRI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE PUBBLICHE DA GIOCO E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DA INTRATTENIMENTO E SVAGO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 DEL 27

Dettagli

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA !!""!""!#$" INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Installazione di New Slot e apparecchi da divertimento

Dettagli

Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione

Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione ARES Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile s.r.l. Regione Friuli Venezia Giulia Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione entrata in vigore 1 L art.6 del Decreto Legislativo 192/2005 stabilisce

Dettagli

Appiano Gentile Villa Rosnati 27 febbraio 2014. Relatori: Renato Cavalli Thomas Mambrini Fabio Chindamo

Appiano Gentile Villa Rosnati 27 febbraio 2014. Relatori: Renato Cavalli Thomas Mambrini Fabio Chindamo Appiano Gentile Villa Rosnati 27 febbraio 2014 Relatori: Renato Cavalli Thomas Mambrini Fabio Chindamo Presentazione attività di Prassicoop; Commercio in sede fissa Medie strutture di vendita; Commercio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 50 DEL 30/01/2015 OGGETTO Adozione del Codice di Comportamento dei dipendenti dell'azienda per l'assistenza

Dettagli

Comune di Cattolica. SETTORE ATTIVITA' ECONOMICHE Sportello Unico Attività Produttive

Comune di Cattolica. SETTORE ATTIVITA' ECONOMICHE Sportello Unico Attività Produttive Comune di Cattolica Provincia di Rimini http://www.cattolica.net P.IVA 00343840401 email:info@cattolica.net SETTORE ATTIVITA' ECONOMICHE Sportello Unico Attività Produttive Pos.doc.: Z:\Documenti\lavoro

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli