Introduzione all uso di Matlab

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione all uso di Matlab"

Transcript

1 Introduzone all uso d Matlab RIASSUNTO avvo del programma costant macro funzon cclo for struttura f else help / lookfor vettor e operazon statstca: meda, varanza grafca: plot matrc e operazon generator numer casual I eserczo (rsolto): ft lneare mn. chquadro II eserczo (da fare): calcolo errore sulla gttata Controllare: Clck sull cona d matlab col tasto-dx mouse propertes Nella fnestra Start n: nserre D:\TecDgIII\matlab\ N.B.: tutt vostr fle dovranno essere salvat nella dr: D:\TecDgIII\ 1

2 Un elenco d programm d calcolo nterattvo Programm ntes prmaramente per l calcolo smbolco Mathematca Wndows, Mac, Lnux Maple Wndows, Mac, Lnux Programm ntes prmaramente per l calcolo numerco: Matlab - commercale - Wndows, Mac, Lnux Octave - gratuto - Lnux, (wndows?) Sclab - gratuto - Lnux, Wndows root - gratuto - Lnux, Mac, Wndows (per ch conosce l C/C++) paw - gratuto Lnux (per ch conosce l fortran) Per Lnux s trovano molte altre possblta, come grace, R,...

3 Perché Matlab Un programma commercale... ma: - programma potente - semplce da mparare/usare - molto utlzzato sa nell ambto scentfco che ndustrale - fornto d molte lbrere agguntve (toolbox) contenent funzon specfche a dvers tp d anals de dat Esste un clone free, con la medesma sntass: Ch possede un computer domestco con s.o. Lnux può rpetere a casa buona parte delle eserctazon, e mpratchrs de comand fondamental. 3

4 Avvare Matlab Clccare sull cona Appare lo schermo: 4

5 Prm esemp:»» 10*1 10»» sn(.3) 0.955» log(.) »» ans » Qu Matlab vene utlzzato come una calcolatrce: lavora drettamente su numer» x=15 x = 15» y= y = » z=x^+y^ z = » x=15;» y= ;» z=x^+y^;» z z = Qu nvece vengono utlzzate le varabl smbolche x,y,z. Per evtare l effetto d eco, comand possono essere termnat con un punto e vrgola ;. 5

6 Costant Alcune costant varabl possedono un valore predefnto,ad esempo: p= realmn= e-308 è l pù pccolo numero reale realmax= e+308 è l pù grande numero reale eps= e-016 la mnma dfferenza percentuale tra due numer,i,j,j sono l untà mmagnara. 6

7 Macro Se s devono esegure pù comand n una volta sola, è possble creare una macro: una macro non è altro che un fle contenente tutte le struzon che s desdera esegure. Per creare una macro, bsogna clccare sul dsegno della pagna banca, l prmo a snstra nella sbarra degl strument. Una nuova macro vene aperta all nterno dell edtore: s possono scrvere comand, nell ordne n cu s desdera esegurl, e po salvare. Per esegure la macro, bsogna dgtare l nome del fle al prompt. Ad esempo, se s dà alla macro l nome mymacro, l fle salvato s chamerà mymacro.m, e per esegurlo bsognerà dgtare al prompt: mymacro. Tutte le varabl create o modfcate dalla macro saranno dsponbl alla fne dell esecuzone. 7

8 Funzon La dfferenza pù vstosa tra una macro ed una funzone è costtuta dalla sua sntass: per esegure una funzone bsogna dare un comando del tpo : y=func(x), oppure, n modo pù generale, [y1 y y3 ]=func(x1,x,x3,..) Le varabl x1, x, x3 sono dette varabl d ngresso: sono le unche varabl sulle qual lavora la funzone. Le varabl y1, y, y3. sono dette varabl n uscta: vengono create o modfcate dalla funzone, e contengono l rsultato delle operazon effettuate al suo nterno. Tutte le altre varabl create dalla funzone vengono dstrutte al termne dell esecuzone. Una funzone nza con una rga del tpo: functon [y1,y,y3 ]=func(x1,x,x3,.) e termna con l struzone: return. 8

9 Esempo functon [S, p, d]=rettangolo(a,b) % questa rga, preceduta dal smbolo del percento, % e un commento. S=a*b; p=*a+*b; d=sqrt(a^+b^); return Questa funzone, dat lat del trangolo a, b resttusce la superfce S, l permetro p e la dagonale d. Per usarla, dopo aver salvato n un fle rettangolo.m, devo dare un comando del tpo: [sup, per, dag]=rettangolo(a,b); S not come nom utlzzat per le varabl possono anche essere dvers da quell usat nternamente dalla funzone. Quello che mporta e solamente l ordne. 9

10 Cclo for Un cclo for è una sere d struzon del tpo: for k=1:100 operazon. end Il prncpo è semplce: alla varable k vene dato l valore nzale 1, po vengono esegute le struzon, qund a k vene dato l valore, e le operazon vengono d nuovo esegute, così va fno ad arrvare ad 100. Esempo: functon fatt=fattorale(n) fatt=1; for k=1:n fatt=fatt*k; end return Questa funzone calcola n! 10

11 f (condzone1) struzone 1 elsef (condzone) struzone else struzone 3 end Struttura f.else In questo schema dapprma vene verfcata la condzone 1: n caso affermatvo, l struzone 1 vene eseguta. Se la condzone 1 non e verfcata, s passa al controllo della condzone : se questa è verfcata s esegue l struzone. Se nessuna delle due condzon precedent e verfcata, e solo n questo caso, s esegue l struzone 3. Esempo: per evtare d calcolare logartm d zero, o d un numero negatvo f (x>0) lx=log(x); else lx=nan; %NaN= not a number. end 11

12 Condzon x>a x maggore d a x<a x mnore d a x>=a x maggore o uguale ad a x<=a x mnore o uguale ad a x==a x uguale ad a (attenzone a non scrvere =) x~=a x dverso da a L espressone f (x) controlla se x è dverso da zero. & and logco: (x>10)&(y>100) or logco : (x>10) (y>100) ~ negazone: ~(x==a) corrsponde a (x~=a) 1

13 Ottenere auto dal programma Se s conosce l nome della funzone, e s voglono conoscere dettagl sul suo funzonamento, esste l comando help:» help round ROUND Round towards nearest nteger. ROUND(X) rounds the elements of X to the nearest ntegers. See also FLOOR, CEIL, FIX. Un comando utle per trovare una funzone sconoscuta èlookfor Altrment, andando nel menù help help wndow compare una fnestra n cu tutt comand e le funzon sono raggruppat per categore, con una breve descrzone. Infne s può sceglere help desk: questo comando aprrà l browser con la documentazone completa d matlab (questa è la pù esaurente, ma anche la pù dspersva). 13

14 Vettor» x=[ ] x = » y=[1; 4; 8; 16] y = » x(3)» 8 Posso creare un vettore rga oppure un vettore colonna, separando gl ndc da un ; Le sngole component del vettore possono essere ottenute ponendo l ndce tra parentes tonde: x(3) è la terza componente del vettore x» z=3*x z = » z=x+5 z = Moltplcare un vettore per un numero equvale a moltplcare tutt gl element per lo stesso numero. Analogamente, aggungere un numero vuol dre aggungere lo stesso valore a tutte le component. Lo stesso s ottene moltplcando per o aggungendo una varable numerca. 14

15 Creazone ed ndczzazone» x=[1:10] x = » y=[0:.3:.] y = »» y(3:5) » x=lnspace(0,13,10) x = Columns 1 through Columns 8 through » pp=[1 4 5 ];» y(pp) » Crea un vettore con gl nter da 1 a dec Crea un vettore partendo dal prmo valore ed ncrementando del secondo fno a gungere al terzo. Crea un vettore d 10 element equspazat, con prmo elemento 0 e ultmo elemento 13. Indczzazone d vettor: posso selezonare solamente un sottonseme del vettore. 15

16 Operazon tra vettor Queste operazon sono una caratterstca del lnguaggo usato da matlab:» x=[ ];» y=[ ];» z=x+y z = » y=[ ];» z=x+y??? Error usng ==> + Matrx dmensons must agree. Posso sommare o sottrarre due vettor rga o colonna della stessa dmensone: matlab somma elemento per elemento. Posso calcolare espresson come sn(x), exp(x), etc: matlab applca l espressone artmetca ad ogn sngolo elemento»» z=sn(x) z =

17 Prodotto tra vettor Posso effettuare l prodotto d due vettor elemento per elemento se quest hanno la stessa dmensone: s ndca col smbolo.* Se x e y hanno la stessa lunghezza, ma sono un vettore rga ed uno colonna, posso effettuare una ordnara moltplcazone rga * colonna utlzzando l smbolo * Posso anche effettuare l prodotto esterno : n questo caso ottengo una matrce: nella pratca, basta porre prma l vettore colonna e po l vettore rga. M = j y x j» x=[ ];» y=[ ];»» x.*y » x=[ ];» y=[; 4; 6; 8; 10];» x*y 110» y*x

18 Altre operazon» x=[ ];» length(x) 7» [m ]=max(x) m = 13 = 6» [m ]=mn(x) m = -10 = 7» pt=fnd(x<0) pt = 3 7» La funzone length rtorna la lunghezza del vettore. Le funzon max e mn resttuscono l valore massmo e mnmo e l ndce a cu quest valor corrspondono. La funzone fnd(condzone) resttusce un vettore contenente gl ndc per cu la condzone è verfcata. 18

19 Statstca» x=[ ];» mean(x) » std(x) » sum(x) 11» prod(x) 0» medan(x) 1» Le funzon mean, std, cov, medan calcolano la meda, la devazone standard, la varanza e la medana de dat contenut n x. Le funzon sum(x) e prod(x) calcolano la somma e l prodotto degl element. Ad esempo: sqrt(sum(x.^)) calcola l modulo del vettore x prod([1:n]) calcola l fattorale d n. 19

20 Plot» t=[0:.001:1];»» x=sn(5*t**p);» plot(t,x)» Quest comand creano un vettore t tra 0 ed 1 secondo, a pass d 1 ms, po un vettore contenente una snusode d frequenza 5 Hz, ed nfne creano un grafco con t n ordnata e x n ascssa. 0

21 Altr esemp. Plot(t,x,. ) stampa una sere d punt plot(t,x, r ) stampa una lnea rossa (g, verde, m magenta, y yellow, k nero, etc ) plot(t,x,,t,y, r ) stampa due grafc nella stessa fgura, x e y n funzone d t. plot3(x,y,z) grafco trdmensonale d x,y,z semlogx(t,x) Usa una scala logartmca nelle ascsse semlogy(t,x) Usa una scala logartmca nelle ordnate loglog(t,x) Usa una scala b-logartmca 1

22 Matrc Un vettore con due ndc costtusce una matrce ad esempo:» m=[1 3 4; ; ] m = Crea una matrce 3 x 4»» m(,3) 9» m' L elemento, 3 della matrce (seconda rga, terza colonna) L operatore apce permette d trasporre una matrce. I vettor rga non sono altro che matrc con la prma dmensone uguale ad uno, e cos vettor colonna sono matrc con la seconda dmensone uguale ad 1. Le matrc d uguale dmensone s possono sommare, sottrarre, moltplcare per un numero o sommare ad un numero con le stesse regole de vettor.

23 Indczzazone» m=[1 3 4; ; ] m = » m(,:) » m(:,) 5 8» [ j]=fnd(m>10) = 3 3 j = 3 4 4» Il prmo ndce ndca la rga, l secondo la colonna. S può estrarre una sngola rga o una sngola colonna utlzzando due punt : La funzone fnd resttusce due vettor d ndc, uno per le rghe e l altro per le colonne. 3

24 Operazon con matrc» a=[1 3 ; 3 4] a = » b = [1 ; 3 4 ; 5 6 ] b = » a*b » b*a Posso moltplcare una matrce (m x n) con una (n x l) Il rsultato sarà una matrce (m x l) Posso moltplcare una matrce (m x n) per un vettore colonna d lunghezza n: l rsultato sara un vettore colonna d lunghezza m Posso moltplcare un vettore rga d lunghezza n per una matrce d dmenson (n X m): l rsultato sarà un vettore rga d lunghezza m. L operatore.* (punto seguto da astersco) permette d effettuare la moltplcazone elemento per elemento d matrc d ugual dmenson. Allo stesso modo funzonano./ e.^ M^ ndca nvece l quadrato d una matrce effettuato moltplcando rga per colonna. 4

25 Operazon su matrc» a=[1 3; 1 4 9; 1 8 7] a = » rank(a) 3» det(a) 1 Data una matrce a, rank(a) da l rango della matrce, ne lmt delle approssmazon numerche Per matrc quadrate: det(a) da l determnante. trace(a) da la tracca nv(a) da l nverso» nv(a)

26 Metod Montecarlo I metod Montecarlo permettono d rsolvere problem medante l uso d numer casual, o meglo pseudocasual. Una sequenza d numer pseudo casual è una sequenza generata da un processo del tpo: x n = f n ( x ) 1 Nonostante la sequenza sa determnstca e perodca, numer che compongono la sequenza appaono totalmente scorrelat tra d loro, e rsultano ndstngubl anche medante test raffnat da una autentca sequenza d numer casual. La funzone f è n realtà un algortmo complcato e fortemente non lneare. La maggor parte de generator d numer pseudocasual permette d estrarre numer compres tra 0 ed 1 con dstrbuzone unforme. Tramte semplc algortm è possble ottenere una sequenza d numer pseudocasual con dstrbuzone d probabltà qualsas. Eserczo: Dmostrare che se x è dstrbuta n modo unforme tra 0 e 1, y=x sarà dstrbuta secondo la funzone 1/y 1/ 6

27 Generator d Matlab» x=rand([1 7]) x = La funzone rand(v) genera una matrce d numer casual d dmenson v(1), v() dstrbut unformemente tra 0 e 1.» x=randn([1 7]) x = » y=3+.*x y = » La funzone randn genera numer dstrbut secondo una gaussana d meda zero e larghezza 1 (dstrbuzone normale). Per ottenere numer dstrbut n modo normale con meda e larghezza qualunque, basta moltplcare per la larghezza desderata ed aggungere la meda. Nell esempo, y è dstrbuta con larghezza e meda 3. 7

28 Prmo Eserczo L eserczo consste nella realzzazone e nel test d un programma per effettuare l ft del mnmo ch-quadro. La funzone crea_dat e un semplce programma d tpo Montecarlo, che crea una sere d dat legat da una relazone lneare cu vene aggunto un errore d msura smulato la cu enttà relatva può essere scelta a pacere. Il fle ft_retta contene un programma che permette l ft de dat con l metodo del mnmo chquadro. Il programma dsplay_results permette d vsualzzare l plot de dat ed l rsultato del ft. 8

29 Il programma Montecarlo Nel caso proposto l programma crea_dat crea un vettore x d N element equspazat tra xmn ed xmax, calcola la nuova quantta y come y=ax+b, e po aggunge alla quantta y un errore d msura casuale. L errore d msura vene supposto dstrbuto secondo una gaussana d larghezza relatva err del valore y calcolato n precedenza. In uscta s ottengono oltre a vettor x e y l vettore contenente la larghezza della gaussana: [x y s]= crea_dat(xmn,xmax,n,a,b,err); S puo verfcare mmedatamente l rsultato effettuando un plot. Ad esempo: [x y s]=crea_dat(0,1,1000,7,3,0.10); plot(x,y,. ); 9

30 Lstato della funzone crea_dat functon [x,y,dy] = crea_dat(xmn,xmax,ndat,a,b,relerror); % Questa functon crea 3 vettor: % le ascsse d Ndat dat, equdstrbut tra xmn e xmax % le ordnate dstrbute normal lungo la retta a*x+b, con un errore relatvo RelError % gl error d msura. % % creo le ascsse x = lnspace(xmn,xmax,ndat); % creo un vettore della stessa dm. d x dstrbut normal r = randn(sze(x)); % calcolo l vettore delle ordnate corrspondent alla retta y = a*x + b; % calcolo l'errore su ogn msura dy = RelError*y; % aggungo alla y nomnale l'errore d msura (nota che quest'ultmo ha meda zero e sgma = dy) y = y + r.*dy; return 30

31 Lstato del programma d ft functon [a, b, deltaa, deltab, ch, ndof, probch] = ft_retta_mn_ch(x, y, dy); % effettua l ft d una retta col metodo del mnmo ch. % se non vene fornto l vettore d error dy, vene creato con valor = 1(--> mn quadrat) % y = ax + b % Calcola: % 1) a e b con relatv error % ) l ch, grad d lberta' e la prob. del ch % % Inzalzzo a=0; b=0; deltaa=-1; deltab=-1; ch=-1; ndof=-1; probch=-1; % f ((nargn~=)&(nargn~=3)) contnua dsp('errore ne parametr d nput') return elsef nargn== dsp('impongo sgma y = 1'); dy = ones(sze(y)); end 31

32 % controllamo che x, y e sgmay abbano la stessa lunghezza f ((length(x)~=length(y)) (length(x)~=length(dy))) return end f (length(x)<=) dsp('errore servono almeno 3 punt') return end % % Calcolo var coeff. % c11 a + c1 b = c13 % c1 a + c b = c3 % s=dy.*dy; % c11 = sum(x.*x./s); c1 = sum(x./s); c1 = c1; c = sum(1./s); % Termne noto c13 = sum(x.*y./s); c3 = sum(y./s); % crea la matrce M=[c11 c1 ; c1 c]; % controlla l rango d M Delta=det(M); f (Delta==0) dsp('determnante nullo'); return end Ma = [c13 c1; c3 c]; Mb = [c11 c13; c1 c3]; % Rsolvo l sstema lneare a=det(ma)/delta; b=det(mb)/delta; % calcolo gl error deltaa=sqrt(c/delta); deltab=sqrt(c11/delta); % resduo =(y-a*x-b); pull = resduo./dy; ch = sum(pull.*pull); ndof = length(y)-; chnorm = pull/ndof; probch = 1-chcdf(ch,ndof); return 3

33 Lstato funzon dsplay_results (e plot_lne) functon dsplay_results(x,y,dy,a,b,da,db,probch); % questa functon plotta punt e sovrappone la retta fttata e scrve sul termnale parametr % del ft, compresa la prob del ch errorbar(x,y,dy, b. ); plot_lne(a,b,x,y); % dsp('pendenza retta:'); a da dsp('termne noto:'); b db dsp('prob. del ch:'); probch return functon plot_lne(a,b,x,y); % rporta nel grafco corrente la retta d pendenza a e coeff. noto b nponts = length(x); ylne=[a*x(1)+b a*x(nponts)+b]; xlne=[x(1) x(nponts)]; lne(xlne,ylne); return Prova ad esegure (eserczo_1) che contene: [x,y,dy] = crea_dat(1,10,50,1,1,0.1); [a, b, deltaa, deltab, ch, ndof, probch]=ft_retta_mn_ch(x,y,dy); dsplay_results(x,y,dy,a,b,deltaa,deltab,probch); (Il codce e dsponble nella drectory ) 33

34 34 Formule per l mnmo χ ( ) = = N b ax y 1 χ = = = = = = = + = + N N N N N N y b x a y x x b x a MA = V = = = 1 y y x V x x x M b a A La funzone da mnmzzare e Dervando s ottene: In forma matrcale: V M A 1 = Con soluzone formale:

35 35 Soluzon = 1 a y x y x M = b y x y x x M M M M a a a = = 1 M x M M b b b = =

36 Secondo eserczo (da fare) S consder un esempo semplce: un cannone con alzo θ che spara proettl con veloctà v 0 ha una gttata data dalla formula: v0 sn(θ ) d = Supponamo che la veloctà del proettle sa n realtà dstrbuta con larghezza nota ntorno al valore v0, e che anche l alzo sa ndetermnato d un certo valore: n questo caso l punto d mpatto rsulterà pure ndetermnato ntorno alla poszone teorca. Il calcolo dell ndetermnatezza è facle nel caso d angol dvers da 45 grad: per quel valore nfatt la gttata ha un massmo e bsogna rcorrere ad approssmazon al II ordne. Per calcolare la dstrbuzone del punto d mpatto s può allora provare ad utlzzare l metodo Montecarlo. C porremo l problema d ruscre a calcolare l punto d mpatto medo d un proettle sparato da un cannone con alzo par a 45 ± 5 grad con veloctà v=0 ±0. m/s, e la percentuale d colp che cadono entro un metro dal punto d mpatto medo. g 36

37 Procedura da mplementare 1) s genera un vettore contente un nseme pseudocasuale d angol dstrbut secondo una gaussana d meda 45 e larghezza 5, da convertre successvamente n radant ) S genera un vettore contenent veloctà casual con meda 0 e larghezza 0. 3) s calcola l vettore delle gttate corrspondent a cascun lanco 4) s calcola la meda e la devazone standard delle gttate e la s confronta col valore teorco 5) s esamna la dstrbuzone delle gttate tramte l comando hst(x,n) che genera a partre dal vettore x un stogramma con n canal 6) s determna, tramte l comando fnd, l numero d proettl che cadono entro un metro dal punto d mpatto teorco. 37

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A Documentazione Sito web di Mathworks: www.mathworks.com seguendo i link alla voce support e possibile trovare i manuali di Matlab in formato pdf. (http://www.mathworks.com/access/helpdesk/help/techd

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

fx-82es PLUS fx-85es PLUS fx-350es PLUS

fx-82es PLUS fx-85es PLUS fx-350es PLUS I fx-82es PLUS fx-85es PLUS fx-350es PLUS Guida dell utilizzatore Sito web CASIO Worldwide Education http://edu.casio.com FORUM DIDATTICO CASIO http://edu.casio.com/forum/ Indice Informazioni importanti...

Dettagli

Un introduzione a Octave. Octave: introduzione

Un introduzione a Octave. Octave: introduzione Un introduzione a Octave Di Sonia Gigli e Mariangela Marinelli Capitolo I Octave: introduzione Il programma GNU Octave è un programma di calcolo numerico. Inizialmente, GNU Octave nacque presso l'università

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni

1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni 1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni Ecco un primo esempio di programma in linguaggio C++: Esempio 1.1 /* QUESTO PROGRAMMA MOLTIPLICA 3 PER 5 E SOMMA 7 AL RISULTATO DEL

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

Grafica e analisi di dati utilizzando GNUPLOT Carlo Meneghini

Grafica e analisi di dati utilizzando GNUPLOT Carlo Meneghini 1 Grafica e analisi di dati utilizzando GNUPLOT Carlo Meneghini Vediamo come graficare dati e funzioni e come effettuare fit non lineari utilizzando il programma: Gnuplot. Gnuplot e un software free, ottenibile

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB Introduzione a MATLAB Enzo TONTI 19 aprile 2003 Questa dispensa si può scaricare dal sito http://www.dic.units.it/perspage/tonti oppure prelevare via FTP dal sito ftp.dic.units.it/pub/science ed ha il

Dettagli