Sé-stanti. Storie di viaggi, strade, sentieri, percorsi e traiettorie. «Vertigini» collana di narrativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sé-stanti. Storie di viaggi, strade, sentieri, percorsi e traiettorie. «Vertigini» collana di narrativa"

Transcript

1

2 Sé-stanti Storie di viaggi, strade, sentieri, percorsi e traiettorie «Vertigini» collana di narrativa

3 Sé-stanti. Storie di viaggi, strade, sentieri, percorsi e traiettorie 2013 Mariacristina Brettone, Roberto Gianolio, Emma Grillo, Damiana Guerra, Sara Maggi, Alberto Marcolli, Roberto Ragazzo, Francesco Romoli, Mauro Sighicelli 2013 Matisklo Edizioni ISBN: Prima edizione, dicembre 2013 Matisklo Edizioni S.N.C. di Oddera Cesare & Vico Francesco Via Eremita Mallare (SV)

4 Indice Nota introduttiva Sé-stanti La curva del puzzle La passeggiata Il cielo sopra Berlino Un altro piccolo signore Due righe E la chiamavano musica... Il casellante La macchina si ferma In viaggio

5 Nota introduttiva Il progetto Matisklo Edizioni è un progetto recente: abbiamo iniziato a parlarne "seriamente" nel febbraio 2013, affrontando i vari aspetti legali, amministrativi e fiscali relativi alla creazione di una casa editrice con un misto di entusiasmo, curiosità e timore reverenziale. Non siamo mai stati tipi da burocrazia, da modulistica, da leggi e codicilli vari. Pochi mesi più tardi, nel luglio 2013, sono usciti i primi quattro libri. La soddisfazione è stata tanta, per noi e per chi ha deciso di scommettere assieme a noi sul digitale (e soprattutto sulla poesia in digitale), nonostante buona parte di coloro ai quali parlavamo del progetto "storcessero il naso": bello sì il digitale, ma farete anche i libri cartacei? E poi 'sti ebook dove li leggo? Dove li compro? Ma siete davvero una casa editrice vera? In questi ultimi cinque mesi abbiamo ampliato il nostro catalogo, incontrato tanta gente sul nostro cammino (autori, editori, curatori di blog e siti internet, lettori e semplici appassionati), nel frattempo gli ebook sono passati da essere una realtà marginale e semi-sconosciuta ad un ruolo primario nel panorama editoriale italiano; anche molti tra coloro che nutrivano dubbi sulla tecnologia del libro

6 digitale si sono ricreduti ed hanno capito che di un libro quel che conta è il contenuto, non il contenitore che lo ospita. Ad un certo punto ci siamo detti: perché non organizzare un concorso per racconti? La scelta del tema è stata quasi obbligata: avevamo intrapreso questa avventura, questo viaggio, così di recente che non poteva cadere su altro che "il viaggio", inteso in ogni sua forma e declinazione. Nasce così l'idea di "Sé-stanti. Storie di viaggi, strade, sentieri, percorsi e traiettorie". Abbiamo fin da subito iniziato a ricevere racconti, persone differenti con stili e linguaggi differenti, questo libro è dedicato a tutti loro. Quelli che seguono sono i racconti vincitori, i più originali, quelli che meglio hanno saputo abbracciare lo spirito che sta alla base di Matisklo Edizioni: usare le parole per comunicare, per scambiarci esperienza e memoria, per sentirci umani, per sentirci vivi. La strada da percorrere è ancora lunga, ma il cammino sarà più lieve se decidiamo a turno di raccontarci una storia. Cesare Oddera e Francesco Vico

7 Sé-stanti Storie di viaggi, strade, sentieri, percorsi e traiettorie Mariacristina Brettone Roberto Gianolio Emma Grillo Damiana Guerra Sara Maggi Alberto Marcolli Roberto Ragazzo Francesco Romoli Mauro Sighicelli

8 La curva del puzzle Mariacristina Brettone C era vento quel giorno, come spesso accade nei cambi di stagione. Quella gonna non era certo adatta alle sferzate d aria di una giornata così. In certi momenti la governava a fatica, tenendola giù con entrambe le mani nel timore che si sollevasse troppo. Anche quegli stivali dai tacchi così alti e sottili certo non si confacevano al ciottolato grossolano e scomposto di quella spiaggia. Ma lei voleva andare lì, sentiva di doverci andare. Come se quel luogo la stesse richiamando, come se in quella spiaggia dovesse trovarvi qualcosa. Ma forse era solo se stessa che stava cercando, il suo significato dentro un esperienza che non capiva. Era fatta così lei, voleva sempre comprenderle le cose. Come pure non riusciva a lasciar correre via la vita con indifferenza: da sempre pensava ogni cosa, anche senza intenzione, sentendo mai semplice il vivere. Era una sua attitudine innata questa, già da bambina faceva così. Infatti, quel momento lì in spiaggia, le ricordava di quando da piccola nella campagna di sua nonna, dagli alberi si raccoglieva in un piccolo cesto un po di nespole e ciliegie, e andava poi a farne merenda ai piedi di una vecchia pianta d olivo. Le piaceva molto stare su quell erba bassa tappezzata di pratoline, e da lì, lasciar correre via i

9 suoi pensieri, che già da allora andavano anche verso il suo dentro. Era fatta così, difficoltosamente semplice, legata già allora alla poesia e all onestà delle cose che non significa essere romantici, ma semplicemente istintivi, disorientatamente veri. Ora se ne stava accovacciata davanti a quel mare, agitato anche lui dal cambiamento che lo scorrere delle stagioni impone. Ritmo e fragore di onde continue, che sembravano mettersi in coda, l una dietro l altra, pronte, in attesa d incontrare la riva. Il vento, in direzione contraria al loro moto, ne sollevava la bianca schiuma, pennellando così di schizzi quell orizzonte da sempre fisso e imperturbabile nella sua linearità. Si sfilò gli stivali non perché le fossero scomodi, anzi, ci si sentiva bene nell essere femminile, lo esigeva per se stessa, la faceva sentire più a suo agio nel significato che avvertiva di sé: una rispettosa responsabilità di essere donna. Le piaceva di più stare scalza però, e lo faceva sempre non appena ce n era la possibilità. Gradiva quella sensazione sottile che si crea dal contatto col suolo, forse un senso di radicamento, una consapevolezza del presente, soprattutto per lei, che con la sua mente era sempre altrove. Altrove, non tanto per sogno ma per scomodità nel suo presente che troppo spesso non le somigliava o non trovava sereno.

10 Quella particolare agitazione che stava animando il tempo, in quei giorni si rifletteva pure dentro di lei. Sentiva vicina a sé la natura; la viveva con spontanea complementarità, con una complicità istintiva. Fidandosi di essa, in quelle ore si lasciò così guidare tacitamente dalla voce del vento, che la riportò lì, su quella spiaggia, proprio in quel luogo dove già qualcosa aveva vissuto. Amava lei il vento, farsi attraversare da quell energia invisibile, a volte impetuosa in altre sottile. Toglie la polvere il vento, rinnova l aria, ti avverte che sta cambiando qualcosa, ti mostra che esiste anche ciò che non vedi, t insegna che non puoi trattenere le cose, che come il vento, ti attraversano e vanno. Anche lui aveva passione di questo muoversi d aria. Lui, ragazzo, vecchio e bimbo in alternanza continua, fatto di talento e riservatezza, e d ingenua nobiltà la sua presenza, in una figura così distinguibile tra le cose comuni. Piacente, quasi troppo - se troppo si può dire delle belle cose, o troppo diventa quando non sai distogliertene -, di un eleganza musicale nel muoversi, di un ritmo pacato e vitale nell espressione spontanea di sé. Scoprirono di condividere il piacere del vento, come pure altre e più cose nelle casualità di quei loro brevi incontri. Su quella spiaggia ci si erano trovati mesi prima a vivere momenti insieme. Vi andarono un giorno, su

11 idea di lei, per studiare un lavoro che li vedeva partecipi; vi ritornarono poi alcune notti per quel curioso desiderio di conoscersi. Ore sdraiate sui sassi, mentre tutto il resto stava fermo altrove, e parole tra loro scambiate, che si respiravano con semplicità. Erano momenti in cui tutto pareva muoversi con la facilità di un andare in discesa; tutto era sorprendentemente lieve. Un incontrarsi sempre più nitido, verosimilmente palese, giocato nell armonia di apparenti diversità: lei che adorava il sole, lui invece la notte; lei grovigliosamente emotiva, lui pacatamente altrettanto; lei sospesa nel tempo terreno, lui religiosamente proteso al cielo. Non erano tratti di separazione, non si manifestavano come tali, tutt altro. Erano segni di completamento, di quel potersi rendere interi a vicenda. Da quella spiaggia lei aveva visto il cielo di notte, sdraiata a faccia in su, lui poco più in là, e dietro il rumore del mare che pareva essersi appartato con discrezione, quasi a non voler togliere nulla all ascolto delle parole che si scambiavano. Sembrava che tutto fosse come doveva essere. Il mondo era lì, intorno, nulla che mancava e niente di troppo. Da quella spiaggia aveva visto il cielo di notte, una notte, era stata lei stessa quel cielo, quando, tra i sassi e le stelle, smuovendo il silenzio, la voce di lui esordì con: Posso chiederti una cosa?. Domandare è lecito, e rispondere è cortesia disse lei

12 appoggiandosi al proverbio per sostenersi in un certo imbarazzo. Mi abbracceresti?. Lei lo aveva di fronte a sé, così franco tra la terra ed il cielo, con quei suoi occhi intensi e nitidi sospesi nell attesa, nei quali lasciarsi cadere a precipizio e scivolar giù senza bisogno di coraggio. Con malcelato entusiasmo lei acconsentì, domandando: Con le scarpe o senza? Quel momento così semplice e vivido, quasi a restare sospeso a mezz aria per la sua intensità, prese subito il sapore dell infinito, l ebbrezza dell oltre che rompe ogni tempo, e si fissa tacitamente tra le cose impalpabili ed eterne, quelle che non perderai più:...il tuo petto sul mio, e viceversa. Vibrazione di cuore su vibrazione di cuore. In punta di piedi per colmare la distanza alla tua statura. Gli occhi che cercano dietro le palpebre chiuse... e nel petto un emozione che ti trova scoperta. In certi momenti respirare non serve... ti senti vivo a bastanza. A volte, alla luce del giorno ti domandi poi, se quanto vissuto durante la notte sia stato vero davvero. Sarà per quella gioiosa perplessità che ti ferma davanti, e dentro, ai momenti più intensi. Eppure in quel momento di ieri, erano solo loro e parole, e sassi e mare; e non c erano alibi di cuore o complici istinti a influenzare quella notte. Ciononostante, era stato vero, davvero. Quella vibrazione intensa li aveva

13 attraversati andarsene. in quell abbraccio senza poi più Si riempie di questi attimi la vita, e allo stesso modo si colma l animo e il pensiero di ogni momento che segue. Solo qualche giorno e le loro volontà fecero sì che trovarono modo di rivedersi ancora per qualche istante, altrove, dove nuovi attimi avvicinavano ancora a quel piacevole senso del sentirsi vivere... una casetta ordinata, un letto disfatto, una panchina sul mare e capelli e pelle da accarezzare. Sorrisi del cuore che si dilatano e si allargano ed allargano fino all anima mia erano gli attimi che l avrebbero trattenuta nello stupore di quei giorni...ed esplode tanta e tanta la meraviglia, come lo schermo di un film che si frantuma e cede, e resti lì a vivere quella storia da dentro, anche alla luce del giorno. E resta vera davvero. Si sta così bene nei sogni, quei sogni che con fili sottili ci legano ai desideri. Ci si sta tanto bene da non concedere possibilità alla delusione, perché l illusione non esiste, quando sei felice. Ti convinci, credi, che tutto sia vero così. E che bello che è starci dentro, almeno per un po. Almeno per un po... infatti, perché, come il vento fa, nulla sta fermo.

14 Senza averne inteso il motivo, lui si allontanò con la scusa di cento lavori, di un altra città, ed un quotidiano riempito di ogni cosa. Silenzi. Distanza. Qualcosa stava cambiando ma lui non le aveva concesso di partecipare al gioco. Nemmeno di capire. Soprattutto nei silenzi lei non riusciva a trovarsi. Silenzi pietrificanti che non sapeva tradurre, così come quelle parole non mantenute. Cos erano, timore, fastidio, muta indifferenza, fragilità? O c era qualcosa che lei non conosceva? Perché di lui le rimaneva solo la sua assenza? Chi sei, dietro quegli occhi neri? Un castello antico, spade al muro, pronte, un tenero fanciullo che sa di principe,un principe che profuma di eroe. E tra quei capelli scuri che c è? Non posso dirlo io, l anima non si tocca così. Potrei carezzarli quei capelli, ad averli qui,e quell anima mi sarebbe sorella se aprisse un ingresso. Quali cose ti muovono sotto la pelle? Certo lui vive di sé e cavalca lontano, ma chissà cosa sfama il suo cercare. Non le riusciva di trovare il modo di parlargli, di raggiungerlo in un dialogo. Solo un continuo eco di rimandi e brevi parole da poco, scambiate a lunghi intervalli, qualche sms che non sapeva mai come intonare, ma nulla, nulla che potesse aiutarla a farla

15 salire su quel treno con il quale lui si stava allontanando per chi sa quale estraneo orizzonte. Pensiero, respiro, tempo... tutto restava come sospeso, aggrappato al dondolio del silenzio. Non sapeva comprendere quello che stava accadendo e nemmeno perché qualcosa stava accadendo. Il dubbio felice del vero davvero stava ora cambiando d umore. Le sue paure si offrivano così con disinvoltura, e pervicaci e maldicenti, creavano solo ombre che, anche al di là di ogni alibi legato ai ricordi, diventavano vere. Ombre sempre più vivide, e spesse come le paure, come la polvere, che silenziosamente cresce col trascorrere del tempo....resto per un istante e per sempre, immobile, come un albero che cresce, eternamente, in attesa di un inizio. Lei, incredula e ostinata, cercò comunque di appendersi a mille infinite scuse per non scivolarci dentro, per non lasciarsi tingere dai colori dell amarezza. Arrivarono i giorni, e giorni tediosamente si susseguirono con la solita forza d inerzia. Anche le stagioni stavano cedendosi il passo. E ore su altre ore trascorse...chiudendo bauli di cose vissute, facendo valigia di sé, qualche volta, ogni giorno. Basta poco per essere felici, ancor meno per non esserlo. Brevi istanti sono serviti a farle trovare il cielo, altri ancora per perdersi nella terra delle

16 ombre, dove tutto si arresta o a fatica si muove. In questo tempo di mezzo, lei s infilò indosso gli abiti della disappartenenza, non trovando in sé altro da fare. Ma le cose forse non passano, restano semplicemente ferme in un punto del tempo, mentre tu ti muovi o ti metti via da parte nell assenza, evitando di lasciarti accorgere. La vita però, come al solito, inaspettatamente da sola compone le cose. Così da sulla panchina nella sala d attesa dei suoi pensieri, una frase dalle pagine di un libro che stava leggendo, sbatté con violenza sulla sua realtà:...quelli che non seguono i moti della propria anima, è inevitabile che siano infelici. Diceva Marco Aurelio. Ci stava pensando a quelle parole. Lo stava facendo lì ora, accovacciata su quei sassi scomodi, mentre il vento continuava a giocare a far schizzi di onde nel cielo e muovere i lembi della sua gonna come le braccia di un direttore d orchestra. Scostandosi con gesti lenti i capelli dal viso, come a liberare la mente, si ricordò di nuovo di un tratto della sua infanzia: ogni anno a tardo inverno lei vigilava su un piccolissimo prato in mezzo alle rocce arenarie, attendendo la fioritura dell unico tulipano che c era sulla collina. Un tulipano spontaneo che

17 non si capiva bene cosa ci stesse a fare in un luogo così diverso dalla sua natura, su un terreno sabbioso e asciutto. Però ogni anno rispettava la sua primavera quel tulipano, e temerario e solo, si offriva al mondo nel vivido colore rosso dei suoi petali. La vita vuole attenzione sulle possibilità, pensò, ora. E se lo disse fermamente convinta. I moti dell anima, sanno far fiorire i tulipani anche dove non potrebbero. Siamo molto bravi ad inventarci delle scuse per non essere felici, almeno fino a quando non decidiamo di alzare lo sguardo. Ora capiva meglio cos era quel disagio, si rese conto di essersi dimenticata di cosa sia, e di quanto possa, la speranza e la volontà. Cominciò così ad ascoltare la vita, cercando di capire cosa le stava chiedendo ora. Rinunciare a fiorire, sarebbe la resa al confine coi no. Si può non amare perché non si è amati? si domandò lei, mentre nella sua mente ciondolava la frase di una canzone: l amore che manca è l amore che fa male. Sì, è sempre così. Come è vero che casa tua è un cuore dove stare. Forse è questo quel senso d apolide che invade chi non trova o perde il suo posto in seno ad un altro. Il sogno dell anima è la pace nel cuore. Solo lì l anima si calma e non sente più bisogno. Cosa le era accaduto quindi in quei giorni con lui? E poi dopo. Quel male di dentro cos era?

18 Stava cercando di tradurre quelle emozioni intense che l avevano portata via dal terreno di pace. Forse adesso cominciava piano a capire cosa era successo. Su quella spiaggia e poi altrove, aveva tutto il senso del vero quel che accadde tra loro due. Le stava diventando nitido qualcosa che timidamente aveva abitato in lei fin dal primo incontro. Ora capiva quel che si muoveva al di là dei sassi, del mare e delle poche parole: tra loro, c era un inconsapevole gioco di anime. Non era lui la sua anima gemella. L anima gemella è quella che ti somiglia, quella che ti fa pace il quotidiano perché è uguale a te. In lui invece, lei sentiva la sua parte mancante, quella che ti lascia a metà. Era stato quello tra loro, l incontro di due viaggiatori nel tempo, di due che si ritrovano all appuntamento voluto da quel destino latente che traccia sentieri da lontano. Era la curva del puzzle che s incastra esattamente al suo posto. Proprio quella era la sensazione che taciturna e pavida attendeva d essere vista alla luce del senso. Lei ora comprese che l emozione vissuta con lui, era quel senso di pienezza degli incompleti che si uniscono, era la sua anima che trovava l altra parte di sé. Le parole di Nicholas Sparks le davano ragione:...forse abbiamo vissuto mille vite prima di questa e

19 in ciascuna ci siamo incontrati. E forse, ogni volta siamo stati costretti a separarci per le stesse ragioni... So anche che in ciascuna delle mie vite sono andato alla tua ricerca. E cercavo proprio te, non qualcuna che ti somigli, perché la tua anima e la mia devono sempre riunirsi. Capiva adesso cos era quella sofferenza che l inseguiva da mesi: la consapevolezza di non bastarsi da sola. Si era lasciata piegare da quei suoi silenzi, dalla sua impenetrabile resa, cadendo poi in quel male che ti chiude in un angolo, ti gira con la faccia al muro e ti lascia lì, dove trovi poco da dirti, se non che l angolo è chiuso. E ci resti fermo dentro fino a quando non decidi di girargli le spalle. La frase di Marco Aurelio fu il pungolo che la mosse, scoprire di poter amare anche senza essere amata, la spinse. Così come la natura ognuno muove alla ricerca di quella pace del sentirsi interi, di ritrovare quella costola primordiale che manca a ciascuno che vive, a tal modo lei pure decise di fare qualcosa. Ora che sapeva, non poteva starsene ancora lì in quegli inutili silenzi di faticose attese. A volte serve togliere la calma al destino, barare un po il gioco. Qualcosa doveva pur accadere. Sentiva di volere fare qualcosa, doveva. Tentare almeno, perché tutto non ritornasse ad essere solo quel vento, che porta via nel ricordo e non ritorna al presente. Il tulipano rosso poteva rifiorire anche in lei. E lei ritornare a casa,

20 dentro un cuore dove stare. Il cielo ti da le stelle. Tu gli devi i desideri, pensò tra sé. Ora lei voleva sentirsi di nuovo capace di riempirsi di cielo, di riprendere la sua forma di curva e stare nel puzzle. Quando senti che una persona risuona in te, con te, vale l impegno di farsi posto nell officina delle ali, e tentare di ritrovare il tuo volo. Erano giorni di autunno quelli che aveva intorno, la stagione malinconica che avvicina la natura al riposo invernale, quella natura a lei così affine. L autunno che accoglie la semina del grano, cullato poi adagio dalla terra mentre il freddo scorre fuori. Lei ora sorrise, in quel tempo che cambia, al pensiero di voler mettere pure lei un seme lì, tra le cose che verranno. Ci sarà pure un modo che li riporterà a dirsi qualcosa, a scoprire un altra spiaggia dove potranno incontrarsi ancora, dove capire non servirà, dove il tempo cambierà il suo ritmo, dove il puzzle rivelerà l immagine composta, dove forse due anime si ritroveranno in un una. Provo a mandargli un messaggio si disse. Pensò ad una frase che poteva ricondurli alle parole dei loro primi incontri. La compose: Ogni sorriso accende tre stelle... Nottete!..*,*..*. L inviò.

21 E attese, adagio. Questa è la storia. Tutta vera. Adagio, quella parola finale messa lì per mera ispirazione del momento, si fece presto riconoscere da sola: è il titolo del brano che lui mi fece conoscere (la versione di Lara Fabian) e che arrivò poeticamente e drammaticamente a chiusa di questo racconto. Mi capitò, per quella solida causalità, di ascoltarla rileggendo le pagine di questa vicenda, appena averla scritta. Capì che i due testi quello da me scritto e quello cantato nel brano- erano univoci, due storie sullo stesso cammino un suo presagio?- Non so come siano nate e vissute le vicende che hanno ispirato l autore del testo di quella canzone, so bene le mie però. L epilogo attuale (attuale, poiché le cose, più che finire, cambiano, e non so se altro accadrà) fu questo: i silenzi di lui, quelle sue maniere di fare che non trovavano mia comprensione e senso, erano null altro che modi inonesti di portare avanti delle omesse verità. Capii, dopo aver saputo da altri che si stava sposando. Per me una sorpresa a secco, senza prima un rumore di tuono ne alcuna goccia d acqua. Fu una colata di azoto liquido. La sola cosa, prima, un inatteso suo invito da lui, per un pranzo preparato per me, sottolineato dalla frase carina sai cosa significa quando qualcuno cucina per te? Che vuol prendersi cura di te. Tutto molto bello, peccato

22 però che la sua decisione matrimonio l aveva già presa da allora. E io li tra le sue posate e i tovaglioli, ignara di tutto. Un pranzo per me Ipocrita cosa. Da li, dal matrimonio scoperto, dai tovaglioli e dalle sue vettovaglie, con nitida coerenza, tutto trovava posto nel logico il puzzle aveva quindi più curve. Per una manciata di tempo, forse tre anni, non aveva fatto che dimenticare di dire, e nascondere. Si aprivano così risposte coerenti a tutti i miei incompresi di allora. Peccato averci messo il cuore, peccato aver creduto. Ma doveva andare così. E tolto il sangue di mezzo (*), asciugato l amaro, col tempo è arrivata la mia fetta di torta: E inutile cercare chi ti completi, nessuno completa nessuno, devi essere completo da solo per poter essere felice Erich Fromm. Avevo intuito, a quella che pareva la tragica intima fine di questa storia, che la vita voleva portami ad essere intera. Così è stato. Così ora è. E grazie. (*) morì la mia anima nella sua menzogna e ritrovarla non fu cosa da poco. Ma era mia quell anima, non sua né di alcun altro dolore.

23 Perché raccontare tutto questo? Perché la forza della realtà a volte supera la poesia dell immaginario. E forse è vantaggio che si sappia, per far del bene al vivere.

24 La passeggiata Roberto Gianolio Da molto tempo stavo pensando di fare una bella passeggiata. Purtroppo passarono gli anni mentre lavoravo e facevo molto altro. Adesso che sono in pensione, finalmente, potrò fare quello che voglio. Da giovane ero negli scout di Genova e feci scalate e camminate straordinarie che duravano anche otto ore di seguito, purtroppo il tempo è passato quasi in modo impalpabile. Troppe giornate sono trascorse da quei bei tempi giovanili. Adesso mi accontento. Ho gambe ancora forti e ben funzionanti, forse eredità dei miei bei tempi passati. Dovendo riempire le mie giornate adesso faccio i programmi come desidero. Sarò forse strano, poiché uno potrebbe pensare che lo faccio per mettermi in mostra, ma assicuro che non me ne importa nulla, la mia vita mi appartiene e ne voglio fare quel che desidero, finché il Signore mi permetterà di farlo. Prendo una cartina della mia regione, il Lazio, e procedo con la matita a segnare il percorso. Ricordo che mio cognato mi diceva che quando era giovane

25 andava a piedi a scuola, passando per la strada principale e poi tagliando attraverso un bosco imboccava la stradina che conduceva alla stazione ferroviaria di Frosinone. Adesso è stata costruita una bella strada asfaltata, chiamata nuova Casilina, girando a sinistra conduce a Ceccano e verso destra a Frosinone scalo. Dai tratti che sto segnando, saranno circa dieci chilometri, forse portandomi una bottiglietta di acqua e anche un bel panino penso che forse ce la potrei fare in una giornata di cammino sereno, almeno così spero. Avverto mia moglie che mi guarda storto, pensa che io sia impazzito improvvisamente, poi comprendendo che sto facendo sul serio, mi aiuta a preparare quello che mi serve, comprese le scarpe comode da passeggio. Sono le sette di mattina, è il giorno del 4 Novembre, forse in qualche paese si farà festa ed io sto uscendo da casa. Mi avvio con passo calmo, il cammino che mi attende è abbastanza semplice alla partenza, poi s inerpica sulla Casilina verso le colline di Torrice e ridiscende con varie curve. Affronto la prima curva, passa a fianco della nuova Casilina, che affronterò al ritorno. Salgo verso la prima collina mentre le macchine mi sfrecciano a fianco. Qualcuno mi riconosce e rimane stupito vedendomi con il bastone da passeggio e a piedi. Un amico si ferma

26 chiedendomi se voglio un passaggio. Immaginatevi se potevo accettare quest offerta dopo tutti i preparativi fatti. Lo ringrazio con un gesto della mano e continuo sulla mia strada asfaltata. È una bella giornata, il sole si sta alzando e, nonostante la stagione, promette caldo. Continuo sul mio percorso, avrò il tempo per togliere il maglioncino sulle spalle e legarmelo in vita. Affronto le curve dette della Forcella, poiché vi è una diramazione che conduce al paese passando tra i boschi accorciando la strada. Io seguo il mio percorso, in circa mezz ora ho oltrepassato la Forcella e sto entrando nel territorio del comune di Torrice. Il sole inizia a battere e qualche goccia di sudore scende dalla fronte. Sono costretto a tergermi, sarebbe complicato se mi bagnasse gli occhiali da vista che, purtroppo, porto da sempre. Sto scendendo verso la Prima, zona così chiamata per l azienda che vi opera da diverso tempo e affronto dopo breve la successiva collina che poi, dividendosi in trivio, a destra porterà all Arnara, dritto verso Ripi e a destra verso Torrice, la mia meta. Mentre cammino, penso. Vecchia abitudine mai

27 persa nella mia vita. Ho sempre letto molto e meditato su ogni cosa. Prima di agire ho sempre calcolato tutti gli aspetti, positivi o negativi, delle mie azioni. Adesso che il tempo mi permette con maggior serenità questo, rivedo il mio passato e tutto quello che avrei desiderato fare e non ho portato a termine. Avrei potuto fare lo scalatore, poiché avevo gambe forti e fisico robusto. Avrei potuto fare il medico, ma non ero portato a passare ore sui testi di scuola. Avrei potuto fare il marinaio, essendo nato in riva al mare, forse sarebbe stata la soluzione migliore. Ho fatto solo il musicista, umile e sconosciuto professore scolastico, dimenticando imprese eroiche e avventure splendide girando il mondo. Mentre un passo segue l altro, sono giunto sotto le mura della cittadina, sorridente e quasi disabitata. Conoscevo molte persone passate a miglior vita e i pochi giovani rimasti neppure li conosco, anche se sono sicuramente figli o nipoti dei congiunti scomparsi nel tempo. Mi siedo sulla panchina della piazzetta, davanti all ufficio postale, unico ambiente ancora frequentato da qualche persona. Le bollette vanno comunque pagate. Osservo alcune macchine che a passo d uomo scorrono per la via. Penso che sia giunto il momento di fare una bevuta, l acqua che porto nella saccoccia, è ancora fresca e porta sollievo al mio palato. Mi alzo, quasi stancamente, devo ancora affrontare l ultima salita, quella che conduce al Comune, la più ripida di tutto il paese.

28 A passo calmo salgo attraversando il cuore della città. Alte mura di pietra mi affiancano e il panorama si allarga su una splendida Ciociaria che mi lascio sulla sinistra. Vedo il campanile della chiesa, le campane stanno battendo le undici di mattina. Faccio un rapido calcolo di quanto tempo ho impiegato per compiere questo percorso: tre ore e mezzo, meglio di quanto preventivato. Sulla piazza mangio il mio panino imbottito, ho di fronte un panorama unico, costellato di paesi e contrade e, mentre l occhio si perde in questo infinito, osservo il sole che si sta spostando lentamente. Tra qualche momento non vi sarà più ombra della mia persona, tanto non importa a nessuno della mia presenza. Mi tolgo il cappello leggermente sudato e mi tergo il collo con un fazzoletto pulito, gentile pensiero della mia signora. Stiamo insieme da oltre quarant anni e mi sembra ieri d averla conosciuta. E quanto ci siamo amati. A volte penso che fosse stato meglio comportarsi diversamente, ma tutto quello che è successo, nel bene e nel male credo che lo rivivrei allo stesso modo. Forse correggendo qualche particolare avrei vissuto meglio questo rapporto, ma nell insieme sono soddisfatto. Alla fine di una vita felice le piccole macchie non lasciano segni. Sono le due del primo pomeriggio, devo riprendere la via del ritorno, prima che mi diano per disperso. È

29 quasi tutta discesa adesso e il passo si fa più sciolto. Solo le curve della Forcella sono leggermente in salita ma ormai vedo da lontano la mia casa. Sto percorrendo la variante Casilina, per completare il percorso segnato sulla cartina. Dovrò fare un lungo giro e risalire dietro la collina, saranno sei chilometri in tutto, di cui almeno due in salita. Il piacere è che, con questa strada, passo tra i boschi, qualche casa spersa tra gli alberi, un supermercato e un bar, poi solo ossigeno rigenerato. Respiro a pieni polmoni, ricorderò questa giornata a lungo. Sono ormai le cinque della sera, incomincia a scurire, lo scintillio della giornata lascia il posto a una luminosa serata autunnale, il cielo s illumina di stelle ancora pallide, che presto si accenderanno inviando segnali d amore per una gioventù che ancora sta cercando quello che io ho già vissuto. Quando suono al citofono, risponde mia moglie tutta preoccupata Sei tu? Finalmente caro, stavo in pensiero. Salgo lentamente le scale, ormai stanco della lunga passeggiata e rivedo nel suo sguardo preoccupato i segni di un amore ancora vivo, nonostante gli anni trascorsi insieme.

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

pomeriggio sms voglia cellulare giro acqua suoi foto a. dalla mattina alla sera. b. un caldo terribile. c. entrando in acqua.

pomeriggio sms voglia cellulare giro acqua suoi foto a. dalla mattina alla sera. b. un caldo terribile. c. entrando in acqua. sanze che trovi u Paese che vai, Q1. Completa le frasi con le parole della lista. pomeriggio sms voglia cellulare giro acqua suoi foto a. Mentre Manuele e Carlo sono seduti su una panchina, suona il di

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

La nostra distanza. www.michelefranceschini.net

La nostra distanza. www.michelefranceschini.net 1. LA vita 2. IL VIAGGIO 3. LA FORZA DELLA VITA 4. GIORGIA 5. DIARIO 6. GIOVANE AMORE 7. RESTO SOLO 8. UNA STORIA SENZA TE 9. LA NOSTRA DISTANZA 10. TE NE VAI La nostra distanza Scritto e ideato da Michele

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a L ultima fermata Personaggi: Mara e Camelia. Mara entra trascinando alcune valigie. In scena c è già Camelia, seduta sulla panca di una fermata d autobus. Non sperare di passarla liscia! Ti ho visto in

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi)

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi) Test di controllo (Unità 6-10) Hai fatto progressi? Controlla. Ogni esercizio ripete uno o più argomenti grammaticali, se raggiungi più della metà del totale: BRAVO! In caso contrario ripeti l'argomento

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet Melissa Hill Ti prego perdonami Traduzione di Roberta Zuppet Proprietà letteraria riservata 2009 Melissa Hill 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08132-0 Titolo originale dell opera PLEASE FORGIVE

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli