L elearning nelle università italiane. Una ricerca sulla qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L elearning nelle università italiane. Una ricerca sulla qualità"

Transcript

1 L elearning nelle università italiane. Una ricerca sulla qualità Lorenzo Cantoni, Chiara Succi e Luca Selvitella NewMinE Lab New Media in Education Laboratory Università della Svizzera Italiana, Lugano Antonella Esposito, Federica Bianchi e Simone Barni CTU - Centro di servizio per le tecnologie e la didattica universitaria multimediale e a distanza. Università degli Studi di Milano Sommario La ricerca sulla qualità dell elearning precedentemente realizzata in alcune regioni europee, è stata estesa a tutte le Università italiane. Il 58% delle 77 università presenti sul territorio ha partecipato compilando un questionario online. I risultati confermano il grande investimento sulle nuove tecnologie della formazione da parte degli atenei italiani e mostrano una maggiore attenzione ai bisogni degli studenti nonostante vi siano incertezze a livello strategico e gestionale. 1. Introduzione Da sempre le società e le civiltà umane adottano e usano le tecnologie della parola (Ong 1986) a loro disposizione per integrarle nell esperienza formativa, per promuovere la crescita nel sapere, nel saper fare e nell essere. L università luogo nato per conservare, approfondire, accrescere e trasmettere i saperi che una società ritiene necessari alla propria conservazione e promozione nel tempo non si è mai sottratta a questa dinamica. Le teorie della diffusione ci hanno insegnato a discernere le varie tappe dell adozione/rifiuto delle tecnologie, e a riconoscere che queste non sono guidate solo, né soprattutto, da condizioni intra-tecnologiche, ma anche da condizioni culturali, sociali, economiche e giuridiche (Rogers 1995, Fidler 1997, Cantoni & Di Blas 2002, Cantoni & Piccini 2004). La storia recente dell adozione delle tecnologie digitali dell informazione e della comunicazione in ambito formativo lo chiameremo d ora in poi elearning e in quello universitario in particolare, ha mostrato e mostra una grande creatività, e sembra indicare un percorso ancorché null affatto lineare verso un integrazione consapevole e ponderata. È anche quanto emerge, in modo assai confortante, dalla ricerca qui presentata 1. 1 Il presente articolo si basa sulla pubblicazione La qualità nella gestione dei progetti di elearning nelle università italiane curata da Lorenzo Cantoni e da Antonella Esposito (in pubblicazione); in cui si presenta la ricerca condotta congiuntamente dal CTU Centro di servizio per le tecnologie e la didattica universitaria multimediale e a distanza dell Università degli Studi di Milano e dal NewMinE Lab dell Università della Svizzera italiana (Lugano), cui hanno lavorato, oltre agli scriventi, A. Esposito, Federica Bianchi e Simone Barni. 1

2 La domanda sull effettivo valore aggiunto dell elearning non in generale ma a volta a volta, dall uso di Power Point a lezione (Tufte 2003) alla realizzazione di università virtuali è dunque la domanda chiave, che sembra farsi spazio sempre più nel dibattito e che consente un autentica integrazione e una reale sostenibilità ai vari livelli, da quello organizzativo a quello economico. L introduzione dell elearning sembra passare, nell esperienza di numerose università, attraverso l istituzione di centri di supporto ad hoc (Lepori & Succi 2003). A valutare l operato di tali centri, e a promuovere quindi la loro accettazione in seno all università, è intervenuta la domanda sulla qualità: non solo dei prodotti iper- e multi-mediali, ma anche e soprattutto del servizio offerto ad apprendenti e docenti. L emergere del tema della qualità è sintomatico di un autentica crescita: dalla questione amletica alle sperimentazioni, da queste all inizio di un processo integrativo nel tessuto delle singole università, fino a interrogarsi sul livello di qualità del servizio offerto (Phipps & Merisotis 2000). È la domanda che la nostra ricerca ha sollecitato, invitando a riflettere in particolare sul tema della qualità del servizio offerto. Le risposte raccolte in una percentuale inusualmente elevata, già questa assai significativa non offrono, né intendono offrire una valutazione obiettiva, di un osservatore esterno, del livello qualitativo dei servizi in elearning delle università italiane. Intendono, piuttosto, da un lato offrire un indicazione della sensibilità rispetto al tema, e dall altro indicare quali siano gli elementi ritenuti di maggior forza nell autovalutazione dei rispondenti, e quelli suscettibili di miglioramento. 2. Metodologia e storia della ricerca La presente ricerca nasce nel gennaio 2002 con il progetto EDUM (Educational Management in Swiss Virtual Campus) su mandato del Campus Virtuale Svizzero 2, il cui scopo era quello di misurare la qualità delle attività in elearning nelle Università della Confederazione Elvetica e delle regioni dei Quattro motori per l Europa : Baden-Württemberg, Catalunya, Lombardia e Rhône-Alpes. In seguito alla collaborazione creatasi tra il CTU Centro di servizio per le tecnologie e la didattica universitaria multimediale e a distanza dell Università degli Studi di Milano e il NewMinE Lab New Media in Education Laboratory dell Università della Svizzera italiana la ricerca viene ora estesa alle università di tutte le regioni d Italia per scoprire come queste percepiscono la qualità delle loro attività in elearning. La ricerca ha coinvolto tutte le 77 università presenti sul territorio italiano riconosciute dal MIUR. Il principale strumento utilizzato è stato un questionario online strutturato in due parti. La prima, a sua volta suddivisa in sei sezioni (università, attività in elearning, staff, fondi, didattica e compilatore), presenta domande atte a raccogliere informazioni generali sulle università (es.: A4 Avete un centro dedicato allo studio delle nuove tecnologie della formazione?; A5 Chi gestisce le attività di elearning nella vostra università?). La seconda vede elencati i 24 parametri della ricerca Quality on the line 3. Al compilatore, sulla base di una Likert Scale, veniva chiesto di esprimere un giudizio circa la presenza di tali parametri all interno della propria università (tabella 1). 2 ultima visita: settembre Per poter eseguire una valutazione comparativa tra le università italiane, sono stati adottati (previa autorizzazione) i 24 parametri divisi in 7 categorie, individuati dall Institute for Higher Education Policy nella ricerca Quality on the line. Benchmarks for Success in Internet-based Distance education (Phipps e Merisotis 2000) per garantire l assoluta qualità dei processi di elearning. 2

3 Tabella 1: Likert Scale utilizzata per misurare il grado di presenza dei parametri di qualità Non presente Poco presente Parzialmente presente Largamente presente Completamente presente Non so Per compiere l analisi dei dati, i risultati sono stati riuniti in tre categorie: poco presente (risposte 1 e 2), mediamente presente (risposta 3), molto presente (risposte 4 e 5). Il questionario online 4 è stato inviato a figure professionali con una certa competenza in materia di elearning e a conoscenza delle strategie in atto all interno del proprio ateneo in tale ambito. Laddove esiste un centro dedicato alle nuove tecnologie per la formazione, è stato dunque interpellato direttamente il direttore, mentre in altri casi si è deciso di coinvolgere i responsabili del progetto nazionale CampusOne. I referenti sono stati contattati utilizzando vari canali di comunicazione: una lettera di presentazione del questionario, alcune mail e diverse telefonate. Questa operazione è cominciata a settembre 2003, mentre la raccolta dei questionari è terminata il 31 dicembre Risultati Su 77 Università a cui era stato chiesto di partecipare alla ricerca, sono stati ricevuti 45 questionari, arrivando così a un tasso di risposta del 58% (Nord 53%, Centro 56%, Sud 68%) (tabella2). Tabella 2: Suddivisione regionale delle università che hanno compilato il questionario Regione Risposte Totale % Università Nord % Emilia Romagna % Friuli Venezia Giulia % Liguria 0 1 0% Lombardia % Piemonte % Trentino Alto Adige % Valle d Aosta % Veneto % Centro % Abruzzo % Lazio % Marche % Toscana % Umbria 0 2 0% Sud % Basilicata % Calabria % Campania % Molise % Puglia % Sardegna % 4 Il questionario è reperibile all indirizzo 3

4 Sicilia % TOTALE % 3.1 Dati sulle università Il nostro campione è formato in gran parte da università con un numero di iscritti che varia tra i e i studenti (48%). Con percentuale più bassa si trovano le università di dimensioni maggiori, con oltre iscritti (7%). In media poi, negli atenei è mantenuta la proporzione di un docente ogni trenta studenti. La maggioranza degli istituti (62%) ha dichiarato di possedere un centro per lo studio delle nuove tecnologie per la formazione. La gestione delle attività in elearning è affidata principalmente a singoli docenti o dipartimenti (39%), mentre solo nel 27% dei casi è un centro interfacoltà a prendere decisioni in merito. Il 44% degli atenei ha intessuto una rete di collaborazioni con enti o con altre università nella progettazione di attività in elearning (collaborazioni di consulenza, consorzi tra università, collaborazioni con pubbliche amministrazioni o aziende private). La maggior parte degli atenei (84%) mostra di avere grande interesse in questo campo, dichiarando di avere significative attività in elearning (A8). Oltre la metà (54%) possiede già attività integrate nei curricula di studio. L ambito di gran lunga prevalente in cui avviene l offerta didattica basata sulle tecnologie concerne i singoli insegnamenti (38%), seguiti dai corsi di laurea e dalla formazione post laurea. Le prime attività sono iniziate nel 1997, mentre l anno di maggior espansione lo si è registrato nel 2001, quando il 41% delle università ha cominciato a usare questa nuova modalità di insegnamento. Ciò è probabilmente in parte legato al progetto CampusOne che proprio nel 2001 ha avuto il suo avvio. L 88% delle università ha in progetto di intraprendere nuove iniziative nel campo dell elearning. Il 63% di queste iniziative concerne l attivazione di nuovi corsi, il 23% lo sviluppo tecnologico e il 14% il settore dell Educazione Continua in Medicina. Il 49% degli atenei ha creato nuove figure professionali per la creazione e gestione di iniziative di elearning. Esse vengono formate quasi esclusivamente all interno dell università stessa attraverso corsi oppure on the job, affiancate a personale già competente. I ruoli che queste figure ricoprono variano fortemente e fra gli interpellati una stessa figura professionale viene definita usando termini differenti. Tuttavia, è possibile riconoscerne quattro: tutor (la figura maggiormente presente - 48%), progettisti didattici, manager didattico e sistemisti. Un elemento tecnologico che può assumere particolare rilevanza per le attività in elearning è la piattaforma per l erogazione dei contenuti. A farne uso è il 79% degli atenei. Il 58% opta per un unica piattaforma, mentre il restante 42% si affida a una soluzione multi-piattaforma. Il 21% delle università utilizza una piattaforma autoprodotta; nel 62% dei casi è l unica utilizzata, negli altri si affianca a piattaforme acquistate. La maggioranza delle università (80%) ha dichiarato di volere intraprendere attività in elearning per migliorare la qualità dell insegnamento, mentre solo il 18% di esse vede nella riduzione dei costi un obiettivo delle attività. (tabella 3). Tabella 3: Obiettivi delle attività in elearning Migliorare la qualità dell'apprendimento/insegnamento 80% Aumentare l'accessibilità e la flessibilità dei curricula 49% Migliorare l'efficacia degli investimenti (aumentando il numero degli studenti attraverso l'uso 33% delle tecnologie a disposizione) Offrire agli studenti un'esperienza di tipo tecnologico 29% 4

5 Rispondere all'imperativo tecnologico crescente nel settore della formazione superiore 20% Ridurre i costi in una prospettiva di scalabilità dell'offerta formativa 18% Altro 7% Infine, oltre la metà degli istituti ha indicato negli alti costi di gestione (58%) i maggiori fattori di criticità per lo sviluppo delle attività in elearning (tabella 5). Tabella 4: Fattori di criticità per lo sviluppo delle attività di elearning Alti costi di attivazione/gestione 58% Carico di lavoro e mancanza di riconoscimento dell impegno a livello di carriera e 47% contrattuale Diffidenza dei docenti verso metodologie didattiche poco sperimentate 40% Mancanza di una struttura dedicata alla progettazione/gestione 38% Difficoltà di formare/reperire figure professionali specifiche 36% Manutenzione e aggiornamento del sistema e/o dei contenuti 27% Difficoltà coinvolgimento utente 24% Mancanza di requisiti minimi tecnologici da parte degli utenti 18% Inadeguatezza rispetto a certe discipline 16% Impossibilità di reperire contenuti e servizi di qualità 9% Minor efficacia rispetto alla formazione tradizionale (aula) 7% Drop-out 7% Difficoltà di individuazione di vantaggi a breve/medio termine 4% Scarsa motivazione dei docenti 2% 3.2 Il benchmarking La tabella 4 mostra i risultati relativi ai 24 parametri di qualità raggruppati in sette categorie. Ogni colonna corrisponde a una delle sette categorie di benchmark (v. tabella 1) ed è divisa in tre aree corrispondenti, proporzionalmente, alla percentuale delle tre classi di risposte (tabella 5). Tabella 5: Parametri di qualità divisi nelle sette categorie 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% C1 C2 C3 C4 C5 C6 C7 Non/Poco presente (1-2) Parzialmente presente (3) Largamente/Completamente presente (4-5) 5

6 Tendenzialmente si può osservare che i parametri ritenuti molto presenti riguardano la categoria supporto agli studenti (C5), a dimostrazione che le università stanno attuando approcci formativi che mettono al centro lo studente. Le categorie valutazione e verifica (C7) e supporto ai docenti (C6) sono invece quelle che risultano meno presenti. Considerando solo le risposte Largamente/Completamente presente, le sette categorie si presentano secondo il seguente ordine: Supporto agli studenti (C5), Insegnamento/Apprendimento (C3), Supporto istituzionale (C1), Struttura del corso (C4), Sviluppo del corso (C2), Supporto ai docenti (C6) e Valutazione (C7). Grazie alla costruzione di un indicatore di sintesi 5 è possibile sintetizzare in un unico numero il giudizio di ogni università sul grado di presenza dei parametri (tabella 6). Tabella 6: Università disposte secondo un indicatore di sintesi Nell intervallo tra 1 e 16 sono disposte le Università del Nord, dal numero 17 al 29 quelle del Centro e dal 30 al 39 quelle del Sud Incroci Mettendo in relazione i risultati emersi dalla descrizione delle attività in elearning delle università (parte A del questionario) e quelli concernenti la qualità percepita (parte di benchmarking) sono stati rilevati dati significativi. La presenza di un centro per lo studio delle nuove tecnologie in ambito formativo all interno degli istituti non sembra avere grande influenza sulla qualità dichiarata dagli atenei, così come l esistenza di un chiaro riferimento gestionale, sia esso un rettorato, una commissione d ateneo o un centro interfacoltà, non sia così decisiva ai fini della qualità dei processi. Anzi, il livello di presenza dei parametri più elevato lo si ottiene quando i corsi sono gestite dal singolo docente. Una correlazione tra la qualità dichiarata esiste invece quando le attività in elearning sono integrate nei curricula e nella formazione post laurea. Infine va considerato la stretta dipendenza tra l aspetto tecnologico e la qualità dichiarata. Nelle università in cui esiste un servizio di help desk o in quelle che 5 I compilatori potevano esprimere un giudizio sulla presenza dei parametri, assegnandovi un valore da 1 (non presente) a 5 (completamente presente). L indicatore è stato calcolato nel modo seguente: 1*0+2*1+3*2+4*3+5*4. 6 Le università sono state mescolate casualmente per evitare che venissero riconosciute le singole istituzioni. Nel grafico compaiono 39 istituzioni dal momento che non tutte 45 hanno compilato la parte di benchmarking del questionario. 6

7 usufruiscono di una piattaforma tecnologica per l erogazione dei contenuti infatti, si rilevano tassi di presenza dei parametri più alti rispetto agli atenei che ne sono sprovvisti. 3.4 Un confronto con l Europa La ricerca precedente (Cantoni e Succi, 2003), svolta nel 2002 nelle università svizzere e nelle regioni dei Quattro motori per l Europa, presenta risultati parzialmente diversi (tabella 8). Tabella 8: I parametri di qualità nelle università svizzere e nelle quattro regioni d Europa 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% C1 C2 C3 C4 C5 C6 C7 completely/largely absent (1-2) partially absent/present (3) completely/largely present (4-5) In questo caso infatti, i parametri maggiormente presenti appartengono alla categoria Supporto istituzionale (C1), mentre, dato significativo, a registrare i risultati più bassi è ancora una volta la categoria Valutazione e verifica (C7). Prendendo sempre in considerazione solo le risposte Largamente/Completamente presente si ottiene: Supporto istituzionale (C1), Insegnamento/Apprendimento (C3), Supporto ai docenti (C6) Struttura del corso (C4), Sviluppo del corso (C2) e Supporto agli studenti (C5), Valutazione (C7). Confrontando i risultati delle due ricerche si rileva uno spostamento delle categorie C6 (Supporto ai docenti) e C5 (Supporto agli studenti) indice del fatto che, a seconda del campione che si prende in considerazione, si presenta un contesto pi teacher-centred o maggiormente student-centred. È dunque possibile che a distanza di due anni (il tempo intercorso tra lo svolgimento delle due ricerche), sia stato attuato un cambiamento di strategia all interno delle università, che ultimamente hanno deciso di investire maggiormente nel supporto agli studenti. Al contrario, il dato rimasto invariato concerne la valutazione dei processi di elearning, un tema ancora da sviluppare. 4. Cenni conclusivi In conclusione, si può notare che dopo un primo periodo pionieristico, delle esperienze isolate, si sta passando a una riflessione pressoché generale intesa a 7

8 distillare da queste quanto sia effettivamente replicabile e sostenibile, almeno nel medio termine, e quanto no. L 84% delle università dichiara di avere significative attività in elearning e il 54% ha già provveduto a integrarle nella didattica curriculare. A conferma di questo interesse si scopre che ben il 62% degli atenei dichiara di aver istituito un centro dedicato allo studio delle nuove tecnologie per la formazione e di aver creato un reale centro di competenze, assumendo o formando nuove figure professionali. I tassi più alti di qualità percepita si hanno laddove i corsi sono già integrati nei curricula, dove la formazione è post laurea, ma non per forza dove esiste un chiaro riferimento gestionale, sia esso un rettorato, una commissione d ateneo o un centro interfacoltà. Il livello di presenza dei parametri più elevato lo si ottiene a sorpresa quando i corsi sono gestiti dal singolo docente. Osservando i risultati a livello territoriale si registrano, poi, risultati più bassi nelle regioni del Sud. Resta quindi la grossa domanda sulla sostenibilità economica di questi progetti soprattutto quando verranno meno i finanziamenti statali come per esempio quelli del progetto CampusOne, che nel 2001 ha dato grande impulso all elearning nelle università italiane. In particolare, è necessaria una strategia gestionale, almeno per il medio periodo, in cui gli atenei pianifichino che ruolo affidare all elearning e come sostenerlo. Bibliografia Cantoni L. & Di Blas N. (2002) Teoria e pratiche della comunicazione, Apogeo, Milano Cantoni L. & Esposito A. (a cura di) (2004) La qualità nella gestione dei progetti di elearning nelle università italiane, CTU (in pubblicazione), Milano Cantoni L. & McLoughlin C. (eds.), (2004a) Proceedings of ED-MEDIA 2004 World Conference On Educational Multimedia, Hypermedia & Telecommunications (June 21-26, 2004; Lugano, Switzerland), Association for the Advancement of Computing in Education (AACE), Norfolk (Va) Cantoni L. & Piccini C., (2004) Il sito del vicino è sempre più verde. La comunicazione fra committenti e progettisti di siti internet, FrancoAngeli, Milano 2004 Cantoni L. & Rega I., (2003) elearning studies looking for fixed stars: a study on referenced literature in SITE 2001, in Cantoni L. & Schulz P. (eds.), Studies in Communication Sciences. Special Issue New Media in Education, Lugano, March: Cantoni L. & Succi C., (2003) Gestione dei processi di elearning nelle Università svizzere ed europee, in Andronico A., Dettori G., Ferlino L., Olimpo G. (a cura di), Didamatica Informatica per la Didattica (Atti del Convegno, Genova, febbraio 2003) 8

9 Cuban L., (2001), Oversold and underused. Computers in the classroom, Harvard University Press, Cambridge (Massachusetts) - London (England) Curran Ch.A., (2003) Il Counseling-Learning nelle lingue seconde, con un saggio introduttivo di Lorenzo Cantoni, Guerra Edizioni, Perugia Fidler R., (2000) Mediamorfosi. Comprendere i nuovi media, Guerini e Associati, Milano Lepori B., Cantoni L., Succi C. (2003), The introduction of elearning in European universities: models and strategies, Kerres M., Voss B. (Hrgs.), Digitaler Campus. Vom Medienprojekt zum Nachhaltigen Medieneinsatz in der Hochschule, Waxmann, Münster Lepori B., Rezzonico S. (2003), La realisation de cours Learning. Le cas du Campus Virtuel Suisse, 1st EDUM report, Lugano Lepori B., Succi C. (2003), elearning in Higher Education. Perspectives for the Swiss universities, 2nd EDUM report, Lugano Lepori B., Succi C. (2004), Universities of Applied Sciences. A new Frontier for elearning, paper to be presented to the European Distance and elearning Network (EDEN), Budapest, June 2004 Ong W.J., (1986) Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola, tr. it., il Mulino, Bologna Phipps R. & Merisotis J., (2000) Quality On The Line. Benchmarks For Success In Internet-Based Distance Education, prepared by The Institute For Higher Education Policy (available online on the IHEP website) Rogers E.M., (1995) Diffusion of Innovations, The Free Press, New York, 4a ed. Tufte E. (2003) The Cognitive Style of Power Point, Graphics Press LLC, Connecticut 9

La qualità nella gestione dei progetti di elearning nelle università italiane

La qualità nella gestione dei progetti di elearning nelle università italiane La ualità nella gestione dei progetti di elearning nelle università italiane A cura di Lorenzo Cantoni e Antonella Esposito Hanno collaborato: per il Ctu Federica Bianchi e Simone Barni; per il New MinE

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Report di inizio anno A cura dello staff di HOC-LAB, DEI Novembre 2010 Iscrizioni a.a. 2010/2011 Nell anno accademico 2010/2011

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 MIUR DATI DI RIEPILOGO Docenti registrati Numero Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 N.B. Docenti in formazione associati dai tutor nelle classi virtuali n. 44734

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Programma Formativo HSH@Teacher

Programma Formativo HSH@Teacher Direzione Generale per i Sistemi Informativi Ufficio V Innovazione Tecnologica nella Scuola Allegato 1 Progetto HSH@Network Programma Formativo HSH@Teacher Il percorso formativo HSH@Teacher...2 Scopo del

Dettagli

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO 1. Il contesto del nuovo processo formativo Il nuovo processo formativo nell ambito della Campagna nazionale Io non rischio

Dettagli

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET di Luisa Donato EDUCAZIONE E INTERNET: IL PUNTO DI VISTA DEI 15-enni DELL INDAGINE PISA 2009 Quando si pensa a chi nei prossimi anni

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 4 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

L abbandono degli studi universitari.

L abbandono degli studi universitari. L abbandono degli studi universitari. Il caso Università degli Studi di Salerno XIV Indagine AlmaLaurea sul Profilo dei Laureati Laurearsi in tempo di crisi Come valorizzare gli studi universitari Dott.ssa

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel?

Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel? Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel? Valutazione di una innovazione didattica mediante esperimento controllato Ottobre 2009 UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 26 febbraio 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 Avviso progetto Smart Future : fornitura, a partire dall anno scolastico 2014/2015, di tecnologie digitali a 54 classi di scuola primaria e di

Dettagli

L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica

L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica Roma 20 novembre 2008 Conferenza Nazionale su OKkio alla SALUTE: risultati del primo anno di indagini L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica E. MASTANTUONO M.T. SILANI

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI Febbraio 2013 METODOLOGIA Il campione è di 653 studi dentistici, proporzionalmente suddivisi per aree Nielsen. North West Piemonte, Val d Aosta, Lombardia,

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova a cura della DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Outline I punti di forza I

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 1. Le caratteristiche degli studenti di Uninettuno... 3 2. Il questionario

Dettagli

Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute. Scuola. Introduzione

Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute. Scuola. Introduzione Strategia di formazione nell ambito dei Regolamenti REACH e CLP Luigia Scimonelli ISS-Ministero della salute Introduzione Le esigenze di competenza alla luce della nuova regolamentazione europea in materia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari La sperimentazione e lo sviluppo di percorsi di pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari che partecipano al Progetto interregionale transnazionale

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

TEST ECONOMIA 2013. Progetto TOLC Economia (seguito presentazione del 17 maggio 2013) Analisi dei risultati e confronto anni precedenti

TEST ECONOMIA 2013. Progetto TOLC Economia (seguito presentazione del 17 maggio 2013) Analisi dei risultati e confronto anni precedenti Prof. Armando Brandolese Presidente CISIA Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico TEST ECONOMIA 2013 Progetto TOLC Economia (seguito presentazione del 17 maggio 2013) Analisi dei risultati e confronto anni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio II MIURAOODGOS prot. n. 10140

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA Analisi dell offerta formativa di corsi di laurea universitari attivati in Italia sui temi di interesse della cooperazione internazionale allo sviluppo per l anno accademico 2007/2008 * Sommario 1 ANALISI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07).

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07). Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 17/12/2014 ADS/Prot.n. 09167 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca

L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL BANDO

ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL BANDO Bando di partecipazione al Programma Attività di formazione e sensibilizzazione del corpo docente delle scuole primarie e secondarie sui temi della lotta alla contraffazione e della valorizzazione e tutela

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

~~~/~ ~~~~~e~~ .0~#'~~~~ Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

~~~/~ ~~~~~e~~ .0~#'~~~~ Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0003801-17/04/2014 - USCITA ~~~~~e~~ ~~~/~.0~#'~~~~ ~~ Ai Direttori

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

ISVAP Cosa cambia per i prestiti personali Unicredit Consumer Financing. Milano, 01 02 2008

ISVAP Cosa cambia per i prestiti personali Unicredit Consumer Financing. Milano, 01 02 2008 Cosa cambia per i prestiti personali Unicredit Consumer Financing Milano, 01 02 2008 Cosa cambia per i prestiti personali UCFin ISVAP le novità I nuovi moduli di richiesta prestito UCFin Formazione online

Dettagli

CORSO ABILITANTE PER DOCENTI FEDERALI

CORSO ABILITANTE PER DOCENTI FEDERALI CORSO ABILITANTE PER DOCENTI FEDERALI Indizione, Programma ed Info utili 1. DESTINATARI Il Settore Tecnico FIPAV indice e organizza il Corso Nazionale di Abilitazione per Docenti Federali, rivolto ai docenti

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI I servizi educativi per l infanzia di San Miniato festeggiano e discutono 30 anni di esperienze e progetti San Miniato, 11 e 12 novembre 2011 Intervento di

Dettagli

Prot. n. 9501 /C35a Ancona, 17 giugno 2014. e.p.c. Allo. Ai Ai

Prot. n. 9501 /C35a Ancona, 17 giugno 2014. e.p.c. Allo. Ai Ai Prot. n. 9501 /C35a Ancona, 17 giugno 2014 e.p.c. Allo Ai Dirigenti scolastici degli istituti del primo ciclo d istruzione, statali e paritari delle Marche Ai Ai LORO SEDI Allo Staff regionale Marche Indicazioni

Dettagli

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Prot. n 3334 del 6 settembre 2010 Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Il Piano Nazionale Scuola Digitale, della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi

Dettagli

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia Risultati dei questionari elearning e Ariel A. Esposito, D. Scaccia Indagine elearning Obiettivi della rilevazione Raccogliere dati, informazioni e opinioni utili agli Organi di governo per elaborare strategie

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane NUVV Regione Lazio L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane Premessa Il presente rapporto fa parte di un filone di attività in seno al Nucleo di valutazione degli investimenti

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli