UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA MASTER DI II LIVELLO UNIVERSITARIO ARCHEOLOGIA TERRITORIALE E GESTIONE INFORMATICA DEI DATI ARCHEOLOGICI. ARCHEOLOGIA URBANA E MEDIEVALE IN VOLO NEL PRESENTE L'utilizzo della fotografia aerea nella documentazione dei siti archeoindustriali: il caso di Niccioleta (Massa Marittima, GR). Relatore: Prof. Stefano Campana Tesi di:caterina Vatteroni Anno Accademico

2 Indice Indice Introduzione p. 3 Capitolo 1 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage 1.a Esperienze a confronto p. 7 1.b L esempio dell English Heritage p c Il 'Monuments Protection Programme': un metodo di catalogazione p d Il 'National Mapping Programme':documentazione e monitoraggio p. 25 del patrimonio nella politica di ricognizione aerea del territorio inglese 1.e Il progetto Twentieth century military sites: l adozione di una metodologia di lavoro per la documentazione di siti ed aree industriali nel contesto italiano p. 29 Capitolo 2 L'attività mineraria nell'area massetana 2.a L'inquadramento geografico e geomorfologico p.33 2.b I giacimenti minerari nel massetano p.35 2.c L'attività mineraria nell'antichità in area massetana p.37 2.d L'attività mineraria nel medioevo in area massetana p.39 2.d L attività estrattiva in epoca moderna p.44 2.e L industria estrattiva massetana p.53 Capitolo 3 Un caso di studio: Niccioleta e il suo territorio nella fotografia area 3.a Inquadramento storico p.57 3.b Analisi e caratterizzazione della documentazione fotografica e cartografica tramite GIS p.60 3.c Niccioleta nelle mappe del catasto Leopoldino p.65 3.d L indagine fotointerpretativa p : la prima documentazione da foto aerea p.69 I voli regionali degli anni '80 p.71 La copertura AIMA 1996 p.73 3.e La documentazione dello stato attuale: l'utilità della fotografia obliqua p.74

3 Indice Capitolo 4 Conclusioni 4.a Analisi conclusive p.78 4.b I possibili sviluppi della ricerca p.89 Bibliografia p.97

4 Introduzione Introduzione La questione del patrimonio industriale ha coinvolto intensamente, fin dal primo manifestarsi in Italia del fenomeno, studiosi di diverse discipline (storici, architetti, archeologi). Questi contenitori e questi luoghi, insieme con i loro contenuti economici e sociali hanno mobilitato l interesse scientifico ma anche la partecipazione ideologica di coloro che, studiando la città ed il territorio, riconoscono in essi la memoria di attività che sono state il motore dell evoluzione vorticosa e rivoluzionaria dell ultimo secolo della nostra storia economica, sociale, territoriale. Essi costituiscono le risultanti materiali di un processo decisionale durato a volte un secolo e rappresentano la promessa di future nuove possibilità di intervento. Si tratta molto spesso di luoghi ormai privi delle funzioni per cui sono stati creati ma che in realtà sono quasi sempre pieni di manufatti di interesse per la storia dell industria e della tecnologia, di memorie individuali e collettive, di cultura del lavoro, di valori simbolici e di storia locale. Per certi versi il patrimonio industriale 3

5 Introduzione invita alla scoperta di una nuova frontiera collocandoci su una frattura spaziotemporale tra passato e futuro, fra trasformazioni nel modo di produrre e trasformazioni nel modo di abitare o consumare. Essi rappresentano insomma gli elementi di un paesaggio che, apparsi secondo logiche e strutture di una determinata organizzazione spaziale e sociale, sono destinati ad una quanto mai rapida emarginazione, o cancellazione, da parte dei processi di sviluppo urbano e industriale come di riuso del territorio. Tuttavia, il valore che le aree dismesse assumono si esplicita in molteplici direzioni: dalla capacità di documentare e chiarire, al di là delle singole strutture, le relazioni intercorse fra i diversi elementi caratterizzanti un dato paesaggio o contesto storico, agli sviluppi compiutisi nel corso del tempo in termini di innovazioni tecnologiche e modi di vita più o meno consapevolmente obliterati dalla memoria collettiva e allo stesso tempo simulacri di modelli di organizzazioni territoriali ormai obsolete. Contemporaneamente le aree industriali dismesse costituiscono potenziali luoghi fisici e sociali dell innovazione territoriale. In questo senso, lo studio delle trasformazioni nell uso dello spazio, seguendo le orme di fasi di territorializzazione diacronica, può rappresentare il divenire di un nuovo approccio al paesaggio ed al patrimonio storico archeologico guidato da altri valori ed obiettivi. Le esperienze inglesi, tedesche, statunitensi o canadesi di riqualificazione e valorizzazione di aree industriali dismesse, compiute attraverso un percorso a ritroso, rispetto all artificializzazione dello spazio che ha contraddistinto le diverse fasi dalla rivoluzione industriale ai nostri giorni, prende avvio dal riesame delle testimonianze attraverso l individuazione e l integrazione di strategie di analisi idonee allo studio di nuove tipologie di monumenti. Le esperienze ed i tentativi attualmente in corso di enti ed organizzazioni quali l English Heritage, l Historic American Engineering Record (HAER), l International Committee for the Conservation of the Industrial Heritage (TICCIH), dell International Council Monuments and Sites (ICOMOS), testimoniano della scommessa aperta sul valore e le potenzialità di ricapitalizzazione attribuite alle aree industriali dismesse. Diversamente, in Italia, non è stato ancora pienamente recepito il potenziale insito in 4

6 Introduzione una corretta valutazione del patrimonio industriale: la legislazione nazionale e le più recenti revisioni introdotte dal Codice con il D. Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42, sono prive di espliciti e puntuali riferimenti e programmi di tutela; a livello ministeriale si registra la mancanza, di modelli e metodologie di catalogazione; l attività didattica non è ancora formalmente istituzionalizzata e disciplinata. Lo studio intrapreso nasce con l obiettivo di verificare le potenzialità di documentazione dei siti archeoindustriali trasferendo, nel contesto italiano, metodologie di lavoro derivate dalla più recente esperienza inglese nello studio del patrimonio culturale di epoca recente e del paesaggio storico. Nel lavoro che segue cercheremo di combinare l analisi e l interpretazione di aerofoto e la gestione delle informazioni tramite piattaforma Gis, nel tentativo di compiere uno studio diacronico del territorio tra la fine del XIX secolo, e gli anni immediatamente successivi alla dismissione dell industria estrattiva, come esempio di evoluzione ed articolazione del paesaggio in area massetana. In particolare l analisi sarà rivolta all area estrattiva di Niccioleta, nel comune di Massa Marittima, della quale tenteremo di analizzare i principali aspetti dell organizzazione spaziale durante il periodo di industrializzazione delle attività minerarie. Il lavoro, nonostante le limitazioni relative al tempo ed alle fonti consultate che impediscono di approfondire l analisi dell'evoluzione storica territoriale e la documentazione delle testimonianze disponibili nell area, si pone l obiettivo di: - Tentare di definire l'evoluzione storica dell'articolazione spaziale del territorio di Niccioleta, durante il XX secolo, prestando particolare attenzione alla configurazione ed ai cambiamenti intervenuti con l industrializzazione dei processi estrattivi. - Tentare di osservare e confrontare, attraverso il caso di Niccioleta, le trasformazioni del paesaggio ed i modelli di organizzazione ed evoluzione dei nuovi villaggi operai sorti con l industria mineraria per l estrazione di 5

7 Introduzione pirite nelle aree di proprietà della Società Montecatini (Boccheggiano e Gavorrano) - Sperimentare il potenziale della fotografia aerea, zenitale ed obliqua, nella documentazione delle testimonianze di epoca recente in contesti ambientali caratterizzati da rilievi e vaste aree boschive. - Definire i passaggi seguiti nella costruzione della piattaforma di riferimento, per le analisi e le verifiche compiute tramite Gis. - Sottolineare il valore e le possibilità offerte dalla combinazione di fonti e sistemi di analisi eterogenei negli studi territoriali ed archeoindustriali. Il lavoro, strutturato in capitoli, inizia con un confronto fra i diversi paesi europei nell applicazione della fotografia aerea come metodo di ricerca e documentazione del patrimonio storico archeologico ed una descrizione delle attività intraprese in Inghilerra con il National Mapping Programme ed il Monuments Protection Programme; segue un inquadramento geografico e giacimentologico dell area massetana e delle evoluzioni verificatesi nello sfruttamento delle risorse minerarie. Successivamente descriveremo, seguendo l ordine cronologico e metodologico dell indagine compiuta, i passi intrapresi per la ricerca delle fonti, la costruzione della piattaforma Gis, fino a sviluppare e commentare le analisi compiute sui dati disponibili tentando, in ultimo, di interpretare i risultati ottenuti per il territorio in esame. 6

8 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage Capitolo Uno L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage Esperienze a confronto L Italia, come altri stati europei, ha dovuto pagare un considerevole ritardo, rispetto ai paesi di area anglosassone, nell utilizzo della ricognizione aerea come mezzo di indagine, studio e documentazione del patrimonio culturale. La principale causa di questo ritardo si riconosce nei divieti imposti dalla legislazione, solo recentemente rivista nelle sue disposizioni essenziali. La legge del 1939 attribuiva al Ministero dell Aeronautica il controllo completo delle attività di volo per le quali potevano essere autorizzati solo Enti o società di navigazione aerea nazionale. Ogni attività era comunque sottoposta al controllo diretto del Ministero. La situazione muta a partire dal 2000 con la pubblicazione del DPR n.367, 29/09/00 nel quale si mantiene 7

9 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage il controllo, da parte governativa, delle sole attività commerciali 1. Tale condizione, diversamente da quanto accaduto nel Regno Unito, ha inciso sullo sviluppo dell archeologia aerea, sulla verifica di metodologie ed ambiti in cui sperimentare la materia. Robert Bewley, responsabile dell Aerial Survey dell English Heritage, e Wlodzimierz Rączkowski, dell Università di Poznań Polonia-, nell introduzione agli atti del convegno di Lezno -novembre 2000-, citano le parole di O.G.S. Crawford, il quale definiva il secolo , come il secolo della fotografia aerea per le riconosciute potenzialità di applicazione in Europa. Bewley e Rączkowski sottolineano invece il ritardo con cui essa è stata recepita e che si tratta, come il tempo ha piuttosto dimostrato, di un fenomeno emerso solo durante il XX secolo, tuttora in via di definizione. Ancora oggi molti Paesi non utilizzano la fotografia aerea e spesso essa è sfruttata ben al di sotto delle sue potenzialità. Come evidenziato in questa introduzione la formulazione di problematiche legate alla ricerca e la definizione di metodologie riflettono la cultura, la società ed il contesto politico da cui provengono i singoli ricercatori (Bewley, Rączkowski p.4). Il panorama complessivo è cambiato solo in coincidenza dei mutamenti politico sociali seguiti alla fine della guerra fredda che hanno aperto a nuove opportunità per il confronto di idee ed esperienze. Tali mutamenti hanno di fatto permesso l accesso agli archivi di foto aeree, in particolare quelle realizzate durante la seconda guerra mondiale, e contemporaneamente, stimolato una revisione delle norme vigenti nei diversi paesi in materia di rilevamenti e riprese aeree. Solo la Gran Bretagna ha beneficiato, durante la seconda metà del XXI secolo, di norme che garantivano la possibilità di effettuare liberamente ricognizioni aeree e pertanto sviluppare metodologie ed individuare settori in cui questo tipo di ripresa poteva garantire il maggiore contributo. 1 Il DPR e approfondimenti in materia legislativa sono contenuti in: Musson 2004, Picarreta, Ceraudo,

10 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage Questa libertà si è tradotta fin dagli anni immediatamente successivi il secondo conflitto mondiale, nella opportunità di intraprendere progetti di esplorazione del territorio nazionale per iniziativa accademica e governativa. Dal 1949 il prof. J.K.S. St Joseph è incaricato dalla fondazione del Cambridge University Committee for Aerial Photography (CUCAP) di effettuare ricognizioni per la produzione di materiale aereofotografico per tutti i dipartimenti dell Università. La stessa, fino agli anni Ottanta, ha potenziato l attività di ricerca dotandosi di mezzi e strumenti idonei a documentare testimonianze visibili ed ipogee e incrementando successivamente l acquisizione di prese aeree verticali, questa volta commissionate da un ampio mercato. Il CUCAP è infine stato assorbito dalla Unit for Landscape Modelling (ULM) facente parte della stessa Università. Il risultato di questa grande attività ha contribuito a realizzare numerose scoperte oltre che ad ottenere una migliore comprensione delle trasformazioni del paesaggio e delle dinamiche di insediamento verificatesi in Gran Bretagna dal Neolitico fino al XX secolo. L English Heritage rappresenta l organizzazione governativa che, dal 1965, ha inaugurato un attività sistematica di ricognizione attraverso l istituzione di un unità di fotografia aerea. In esso confluiscono i diversi enti governativi che si occupano di archeologia aerea, mentre attività dello stesso tipo, sono intraprese e condotte in Scozia e Galles da analoghe Commissioni, rispettivamente dal 1976 e I risultati ottenuti in pochi decenni hanno portato nel 1992 alla creazione del National Mapping Programme for England (NMPE) il cui scopo è di creare mappe e documentazione scritta per tutti gli elementi del paesaggio in disuso che potevano essere osservati tramite le fotografie oblique e verticali sull intero territorio nazionale. Il criterio su cui procede la documentazione privilegia quei siti sottoposti a situazioni di pericolo o scarsamente indagati. I progetti avviati hanno fornito un significativo contributo alla conoscenza delle regioni e all interpretazione del paesaggio nelle diverse epoche incrementando il numero dei siti medievali, postmedievali e moderni non censiti in precedenza. (Musson, p.28 e seg.) 9

11 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage Si assiste inoltre in Inghilterra ad una importante e precoce partecipazione di aviatori privati che, sostenuti dallo stesso English Heritage e utilizzando mezzi di Aero Club, hanno contribuito, con la loro attività di esplorazione e messa a disposizione dei risultati ottenuti, alla conoscenza delle risorse archeologiche. In conclusione l esperienza inglese è maturata ed ha sviluppato propri standard metodologici grazie a fattori quali l assenza di limitazioni amministrative e militari nelle operazioni di volo e ricognizione, ad iniziative condivise da ambienti accademici, governativi e privati, allo sviluppo di progetti di censimento del patrimonio. Altrove, l applicazione della foto aerea ha dovuto attendere un più ampio riconoscimento del concetto di tutela del patrimonio culturale compiutosi attraverso la formulazione di documenti relativi alla gestione del patrimonio archeologico; in questo contesto è stata evidenziata l importanza dell uso della fotografia aerea legittimata a metodo di ricerca non distruttivo di siti archeologici e paesaggi del passato (Lausanne Charter 1989 Malta Convention 1992). Il clima di maggiore collaborazione ha inaugurato, nel 1994, la conferenza di Potsdam rivolta allo scambio internazionale di esperienze per l archeologia aerea nell Europa centro orientale. Ciò è servito di impulso per la creazione di scuole rivolte all apprendimento delle nozioni di base relative a fotografia e ricognizione, all utilizzo della fotografia aerea per l interpretazione e la mappatura (Ungheria 1995, Polonia 1998, Italia 2001 come partner del progetto Cultura 2000 European Landscapes past, present and future). Limitazioni amministrative e militari hanno condizionato lo sviluppo dell archeologia aerea tuttavia, l apertura dei cieli ha creato in molti paesi (Italia, Lituania, Repubblica Ceca, Ungheria) le condizioni per un rapido sviluppo della metodologia. Paesi quali 10

12 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage Francia, Belgio, Repubblica Ceca hanno dimostrato come l archeologia aerea, intrapresa per alcuni anni, può significativamente influenzare la nostra comprensione del paesaggio storico. In particolare in Belgio, dove l attività è iniziata negli anni 60, le Università di Ghent e Leuven, depositarie del patrimonio aereofotografico, sono impegnate nella digitalizzazione e catalogazione di anomalie individuate tramite foto storiche e nuove acquisizioni. In Francia, il Ministero della Cultura sostiene un progetto di ricognizione aerea nella regione di Poitou- Charentres con l obiettivo di individuare e registrare gli effetti prodotti dalle attività antropiche dal Neolitico fino all epoca contemporanea. Più di recente, interessanti risultati provengono da regioni fino ad oggi ritenute meno promettenti per la ricognizione aerea e per le caratteristiche geomorfologiche del territorio: in Slovenia, il Dipartimento di Archeologia dell Università di Lubiana, ha inaugurato a metà anni 90 il progetto Archaeological Aerial Photography Programme (AAP) per la documentazione delle trasformazioni subite dal paesaggio ed il monitoraggio dei siti archeologici tramite mappatura di foto storiche e recenti. Altri paesi come Armenia e Turchia, nonostante le limitazioni ancora presenti nelle legislazioni nazionali, sperimentano la foto aerea per indagini circoscritte: in Lettonia, il progetto per lo studio di luoghi e strutture di diciottesimo secolo legate alla cantieristica navale attraverso l integrazione di ricognizioni aeree e archeologia subacquea ha permesso l esatta ricostruzione del tessuto urbanistico della città di Ventspils; in Grecia l analisi ed il confronto di foto storiche multitemporali (1940/1970/1990) sono stati utilizzati per verificare le trasformazioni subite dal patrimonio boschivo negli ultimi anni sui monti Grammos. I rapidi progressi compiuti dai paesi late-comer confermano che il maggiore limite alla documentazione del territorio rimangono le limitazioni al volo come ancora accade in Romania, Bulgaria, Spagna, Portogallo (Bewley, Rączkowski p.84 e seg.). 11

13 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage L archeologia aerea si propone oggi attraverso la ricognizione, l interpretazione e l analisi delle foto, come un importante mezzo per approfondire la comprensione storico archeologica di siti e paesaggi. Le innovazioni tecnologiche, adottate in archeologia con lo sviluppo di metodi statistici e analisi quantitative, ed il conseguente processamento di immagini, cartografia e GIS, le nuove forme di remote sensing (lidar, immagini multispettrali, infrarossi) lasciano intravedere ulteriori possibilità di lettura del paesaggio nella sua complessità. Procedere seguendo un metodo di integrazione delle conoscenze, l applicazione di nuovi sistemi di documentazione e l interpretazione compiuta su singoli siti o scavi o, semplicemente, indagini sul campo, apre ad una più ampia comprensione della distribuzione spaziale e cronologica dei siti, delle dinamiche insediative. Ulteriori sviluppi possono essere conseguiti a partire dagli archivi di foto aeree storiche, molti dei quali ancora inaccessibili e dal monitoraggio dello stato di salvaguardia e tutela del patrimonio. Lo stesso English Heritage ne ha promossa l attività con l Aerial Reconnaissance a dimostrazione che non solo la scoperta di nuovi siti rende la ricognizione aerea uno strumento valido. Per garantire maggiore capacità ed efficacia nelle azioni di tutela sono stati sviluppati metodi complessi per l acquisizione di elementi da remote sensing gestiti dal GIS, un sistema utilizzato dal Monuments Protection Proramme e nei piani di gestione dei siti iscritti al World Heritage Site. L'esempio dell'english Heritage L attività dell English Heritage si caratterizza, dal 1984, per l incisiva collaborazione con il Dipartimento per la Cultura, i Media e lo Sport (DCMS), nella definizione di linee programmatiche di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale. Il sistema di tutela, attualmente adottato in Inghilterra, è stato concepito e sviluppato nell ultimo periodo in modo da creare una struttura legislativa flessibile in grado di comprendere le diverse tipologie di siti e monumenti presenti sul territorio. 12

14 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage In generale, la pianificazione della tutela negli Stati dell Unione, si struttura su tre differenti sistemi: - sistema centralizzato, in base al quale l organo di governo deputato assolve integralmente alle funzioni di programmazione e attuazione della tutela escludendo le amministrazioni locali (Finlandia, Portogallo, Slovenia, Italia); - sistema di compartecipazione fra politiche locali ed organo centrale al quale rimane il diritto di veto su indirizzi ed iniziative proposte (Repubblica Ceca, Svezia, Ungheria); - sistema che attribuisce pieni poteri decisionali alle amministrazioni locali (Norvegia, Polonia). Diversamente l English Heritage, pur collaborando con il Dipartimento centrale, assolve autonomamente alle funzioni di moderatore nelle relazioni pubblico-privato, designatore nelle scelte e nell attuazione di linee programmatiche, di management del patrimonio, di centro di ricerca. Ha inoltre pieno potere decisionale in merito all iscrizione del patrimonio nell elenco ufficiale per la catalogazione, Schedule of Ancient Monuments ( di seguito indicato con SAM ) nonché sui procedimenti di notifica, a prescindere dal parere dei proprietari ed escludendo possibilità di appello, assicurando così estrema rapidità al processo (Thurley, Coxen, in Consevation Bulletin n.50, p.16 e seg.). La politica di catalogazione, tutela e gestione dei beni culturali, adottata dall English Heritage, riflettendo i principi espressi dalla legislazione nazionale, si fonda attualmente su due linee di tendenza: - progressivo ampliamento delle categorie di beni tutelati e conseguentemente delle metodologie di studio adottate, - progressiva unificazione e normalizzazione delle procedure di lavoro ai diversi livelli di competenza. 13

15 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage MONUMENTS PROTECTION PROGRAMME: un metodo di catalogazione L attività di tutela e salvaguardia si concretizza nell adozione, a partire dal 1986, del Monuments Protection Proramme (MPP). Si tratta di un progetto di valutazione sistematica delle risorse storico-archeologiche presenti sul territorio nazionale, scaturito dalla constatazione che solo il 2% del patrimonio era stato oggetto, fino a quel momento, di schedatura da parte delle autorità preposte. Oltre a carenze in termini quantitativi, l elenco ufficiale mostrava un ampia sottovalutazione delle tipologie di beni presenti sul territorio nonché di appropriate politiche di tutela. L obiettivo da realizzare, nel decennio successivo, mirava ad una migliore e più esaustiva rivalutazione del patrimonio attraverso la creazione di un sistema di classificazione basato su nuovi criteri di conservazione, gestione e fruizione nonché sul riconoscimento dei monumenti suscettibili di schedatura in base al grado di importanza e necessità di tutela loro riconosciuto. La valutazione preliminare del patrimonio è stata effettuata tramite l analisi di: - risultati prodotti dall attività di documentazione e schedatura delle contee; - progetti nazionali, relativamente ai beni insufficientemente documentati e compresi; - schede di monumenti inseriti nel SAM e redatte da archeologi, consulenti legali, conservatori dell English Heritage. FIG.1 English Heritage, Swindon 14

16 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage A questa fase è seguita la definizione di un metodo sistematico di classificazione sviluppato in base a: - informazioni contenute nel Sites and Monuments Records (SMRs) -nuove indagini e ricerche, compiute su base nazionale da speciali commissioni, ad integrazione delle informazioni ritenute inadeguate. I record del database nazionale, prodotti dalle autorità locali ed ivi confluiti, sono stati esaminati in base a nuove linee guida istituite dall MPP, tese a garantire coerenza di procedura nell elaborazione come nell aggiornamento della documentazione esistente. Il procedimento si è realizzato attraverso una preliminare suddivisione dei monumenti in classi (250) ed una successiva verifica di rispondenza a parametri pre-determinati per definirne il valore culturale (grado di rappresentatività del bene per il periodo di appartenenza, interesse nazionale, qualità e potenziale delle testimonianze sopravvissute). Questo tipo di approccio al SMR si è rivelato efficace limitatamente alla valutazione di quelle classi per cui già in precedenza esisteva un background conoscitivo e metodologico (insediamenti fortificati, monumenti sepolcrali, edifici medievali). aree urbane sistemi agrari villaggi e comunità cropmarks paesaggi archeologia industriale siti militari XX sec. siti ecclesiastici FIG. 2 Catalogazione del patrimonio 15

17 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage Per alcune tipologie di monumenti ed evidenze archeologiche le informazioni esistenti si sono invece rivelate insufficienti, così come la capacità di analisi, limitando la possibilità di compiere una coerente ed esaustiva valutazione del patrimonio nazionale. L English Heritage ha pertanto operato nella creazione e nello sviluppo di nuovi settori di ricerca promuovendo, al loro interno, progetti tesi ad individuare criteri e metodi di studio per il patrimonio meno conosciuto (aree urbane, sistemi agrari, villaggi e comunità, cropmarks, paesaggi, archeologia industriale, siti militari XX sec., siti ecclesiastici) (fig.2). Per l ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE le maggiori problematiche sono derivate nella mancanza di informazioni relative alla tipologia dei siti. L obiettivo dell MPP è stato quello di adottare un sistema univoco di valutazione e classificazione dei siti archeoindustriali rispetto alle numerose e diversificate esperienze presenti sul territorio nazionale, messe in atto da pubbliche amministrazioni, associazioni per l archeologia industriale, iniziative private locali, la cui validità non era verificata ed uniformata ad alcun standard. Contemporaneamente si è posta la necessità di individuare norme in grado di salvaguardare e rispondere alle diverse esigenze di tutela e conservazione di una così ampia casistica di testimonianze. Il progetto si è sviluppato in tre fasi: -individuazione e localizzazione dei siti, -riconoscimento del valore di testimonianza, -determinazione delle forme di tutela. Nella prima fase è stata operata una classificazione tipologica del patrimonio sulla base dei materiali prodotti ed i processi utilizzati dalle industrie: - industrie estrattive - fabbriche di prodotti inorganici - fabbriche di prodotti organici - produzione di energia e servizi - trasporti e comunicazioni - infrastrutture 16

18 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage e successivamente definita la procedura per lo studio e l analisi di siti e/o monumenti: 1. Redazione di un documento che evidenzi, attraverso i principali stadi di sviluppo storico e tecnologico, le caratteristiche del tipo di industria in esame, ne definisca l appropriata terminologia, la cronologia, le diversità su base regionale, ne descriva le principali caratteristiche e componenti strutturali. Il documento deve inoltre segnalare schede e database esistenti, fornire informazioni di esperti a livello nazionale, regionale o locale. 2. Verifica e sintesi dei dati prodotti nella fase 1; creazione di una lista di siti di possibile interesse nazionale. 3. Valutazione di esperti dei siti inseriti nella lista; riconoscimento del valore e suddivisone in base a criteri di importanza. 4. Segnalazione agli organismi interessati (NMR, CBA, Leicester University, Institute for Industrial Archaeology at Ironbridge). La fase conclusiva del procedimento, per l inserimento dei beni nel SAM e l adozione di provvedimenti di tutela si compie tramite: 5. Relazione finale dell English Heritage in cui sono indicate modalità di conservazione e gestione del bene in oggetto, natura della proprietà, normativa di riferimento. 6. Il fascicolo assume carattere pubblico ed i pronunciamenti di notifica ratificati a seguito della conferma dell MPP e della Segreteria di Stato. I risultati prodotti nei primi sette anni di lavoro indicano che a 33 categorie di industrie e gruppi di industrie, indagate nella prima fase, corrisponde l analisi di 1500 siti ed edifici (equivalenti a 6000 unità). Dei 1481 report esaminati, 502 sono stati proposti per la schedatura, 231 per il SAM, 697 per altri tipi di destinazione e gestione. I provvedimenti confermati e notificati nella fase sei, sono 327 (English Heritage, in MPP200). 17

19 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage La scheda di seguito riportata, relativa all area mineraria di Killhope, situata nella contea di Durham, esemplifica il metodo adottato dall English Heritage, per la segnalazione, generalmente demandata alle contee, di siti archeoindustriali. Essa contiene i dati utili alla localizzazione del sito, una breve descrizione delle strutture documentabili, lo stato di conservazione ed il valore loro attribuito. Segue la nota relativa alle principali caratteristiche del contesto ambientale, la stima del potenziale archeologico, le fonti documentarie disponibili, la proprietà (fig.3); conclude la scheda una valutazione complessiva del sito. In allegato la cartografia utile all identificazione dell area e delle strutture presenti (fig.4-6). 18

20 L'elaborazione di una metodologia: l'esempio dell'english Heritage FIG. 3 19

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui esistenza si è tramandata sin dall antichità

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Esplorare, conoscere gli spazi scolastici e orientarsi al loro interno. Effettuare brevi percorsi.

SCUOLA DELL INFANZIA. Esplorare, conoscere gli spazi scolastici e orientarsi al loro interno. Effettuare brevi percorsi. Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA Riconoscere i segni predominanti della propria cultura di appartenenza e del territorio; conoscere

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA La geografia contribuisce a fornire gli strumenti per formare persone autonome e critiche, che siano in grado di assumere decisioni responsabili nella gestione del territorio

Dettagli

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA Nel corso dell istruzione obbligatoria gli alunni europei sono mediamente sottoposti ad almeno tre test esterni

Dettagli

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Assessorato Urbanistica Pianificazione Territoriale e dell area metropolitana, Edilizia Residenziale Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Progetto Cascine

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e coordinate

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

AMBITO STORICO GEOGRAFICO

AMBITO STORICO GEOGRAFICO AMBITO STORICO GEOGRAFICO USO DEI DOCUMENTI l'alunno è in grado di conoscere elementi significativi del passato del suo ambiente di vita acquisire il concetto di fonte storica; individuare i diversi tipi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele Per la Previsione e Prevenzione dei Grandi Rischi Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele PIANO STRAORDINARIO PER LA RIMOZIONE DELLE SITUAZIONI A RISCHIO PIÙ ALTO contenente L INDIVIDUAZIONE E LA PERIMETRAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DISCIPLINA AREA ANTROPOLOGICA CLASSI QUINTE LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF (1)..... PROGETTI.... PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE CLASSE V A-B-C-D DISCIPLINA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE SCUOLA DELL'INFANZIA ABILITA' CONOSCENZE COMPETENZE COMPITO AUTENTICO

Dettagli

recentemente, in particolare dopo l approvazione della Convenzione europea)

recentemente, in particolare dopo l approvazione della Convenzione europea) Il d. lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio prevede, all art. 156, comma 1, che le regioni che hanno redatto piani paesaggistici verificano la conformità tra le disposizioni

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) COMPETENZE 1.Comprendere il legame uomo/territorio, origine della cultura antropologica. 2. Riconoscere l importanza culturale e sociale delle

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria.

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim. FINALITA La geografia è la scienza che studia l'umanizzazione del nostro pianeta e, quindi, i processi attivati dalle collettività nelle loro relazioni con la natura. Tali processi nel corso del tempo

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

CURRICULO DI STORIA, GEOGRAFIA E STUDI SOCIALI - Scuola Primaria

CURRICULO DI STORIA, GEOGRAFIA E STUDI SOCIALI - Scuola Primaria CURRICULO DI, GEOGRAFIA E - Scuola Primaria CLASSE PRIMA Esame dei prerequisiti: i diversi concetti di tempo. Esperienze di vari concetti di tempo. Ricostruzione dei fatti del passato immediato. Suddivisioni

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 DI PALO IN PALAFITTA ALLA SCOPERTA DEL SITO ARCHEOLOGICO DEL LAVAGNONE DI DESENZANO E DELLA VITA IN UN VILLAGGIO PALAFITTICOLO DELL ETÀ DEL B RONZO. T IPOLOGIA Percorso

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE)

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI GEOGRAFIA secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Gli strumenti del geografo per la scoperta

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA La Geografia studia i rapporti delle società umane tra loro e con il pianeta che le ospita. È disciplina di cerniera per eccellenza, poiché consente di mettere in relazione temi economici, giuridici,

Dettagli

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento Geografia Scuola primaria classe 1^ Competenze chiave Traguardi per lo sviluppo della competenza Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Comunicazione nella madrelingua Competenze di base in campo

Dettagli

GEOGRAFIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA

GEOGRAFIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA GEOGRAFIA CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DEL- LE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICO

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICO 25-26 GIUGNO 2014 Dipartimento di Scienze della Terra - Università di Pisa Via S. Maria 53, Pisa CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA Università degli studi di Milano Università degli studi di Genova Politecnico di Torino Università degli studi di Torino Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI FONDAMENTI DI ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO A.A. 2009_2010

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Corso di Formazione 2010 per operatori regionali tutela ambiente montano Torino 19 giugno 2010 Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Argomenti della presentazione

Dettagli

"Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012

Città Visibili - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 "Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 Titolo: Restyling paesaggistico : esperienze di recupero di siti produttivi

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 6. Schema di riferimento per le attività di reporting

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 6. Schema di riferimento per le attività di reporting Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Schema di riferimento per le attività di reporting

Dettagli

CURRICOLO GEOGRAFIA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO GEOGRAFIA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO GEOGRAFIA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Osservare, descrivere e rappresentare la propria posizione nello spazio in relazione a punti di riferimento utilizzando gli

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo GRUPPO SPELEOLOGICO ARCHEOLOGICO LIVORNESE Socio della Federazione Speleologica Toscana Socio della Società Speleologica Italiana Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli