AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA"

Transcript

1 Mattia Furloni AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA Nacque dall incontro tra idealismi e pragmatismi diversi che confluiscono dalle due sponde dell Atlantico, dal progetto di realizzare un ospedale americano a Parigi, dallo slancio umanitario di alcune centinaia di giovani universitari americani, l idea di creare un servizio di ambulanze che potesse velocizzare il trasporto dei feriti dal campo di battaglia alle strutture ospedaliere dove i militari colpiti potessero essere curati. Fino alla prima guerra mondiale, infatti, la prima causa di morte in seguito al ferimento sul campo era l estrema lentezza del trasporto dei feriti dai campi di guerra al luogo dell assistenza medica. Nel liceo di Neuilly, alla periferia di Parigi, si installarono i primi autisti di ambulanza volontari. Si appoggiarono all American Hospital Association, nata nel 1907, e crearono il nucleo originario di quella che più di novant anni più tardi sarebbe, cambiando mezzi e scopi, diventata una organizzazione non governativa con uffici in più di sessanta Paesi, nonché il maggior organismo internazionale per gli scambi culturali dei giovani... Biblioteca della Fondazione

2

3

4

5 Mattia Furloni AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA

6 AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA Proprietà letteraria della Fondazione Intercultura I testi di questo volume possono essere riprodotti gratuitamente citandone la fonte e purché per scopi non commerciali. Non se ne possono trarre opere derivate. Visitate il sito La foto in copertina e quelle dell'inserto appartengono agli archivi AFS e Intercultura Pubblicato nel mese di marzo 2009

7 INDICE PREMESSA 3 I 1914: AMERICAN FIELD SERVICE 7 1 Il liceo di Neuilly. Nasce l American Ambulance Field Service. 7 2 AFS tra le due guerre. Fellowship for French Universities La seconda guerra mondiale La Campagna d Italia. 17 II IL NETWORK INTERNAZIONALE DI SCAMBI 21 SCOLASTICI 1 I primi passi 21 2 Nasce il network internazionale 26 3 Intercultura, il partner italiano 29 4 Una realtà solida 32 III STUDI E RICERCHE 37 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE 49 BIBLIOGRAFIA 51 APPENDICE 53

8

9 PREMESSA Ho avuto la possibilità, la fortuna, il privilegio di passare un anno di liceo negli Stati Uniti; un po spavaldamente, inconsapevole dei risvolti e delle modifiche sulla mia persona, all'età di sedici anni ho deciso, con l'aiuto e l'appoggio fondamentale della mia famiglia, che era giunto il momento di partire da casa, cambiare scuola, cambiare lingua, cibi, cultura e riferimenti socio-storici e di prendere parte ad un progetto di studio all'estero, quello che in inglese si chiama Exchange Student. Nell'autunno del 2000 trovai nella posta una lettera che proponeva soggiorni di studio all'estero di durata variabile, da compiersi in alternativa al quarto anno di scuole superiori. Intrigato dall'idea presi coraggio e iniziai ad interessarmi concretamente alla faccenda e fatti tutti i debiti colloqui per valutare l'idoneità della persona ad un progetto simile, fui giudicato abile e arruolabile ed entrai nel circolo formato dalle strutture che organizzano gli scambi studio e da quelle migliaia di giovani che ogni anno partono da ogni parte del mondo per recarsi a studiare in un paese straniero. Entro i primi mesi del 2001, la mia candidatura era stata inviata all'agenzia americana che si occupa di trovare la famiglia ospitante sul suolo americano, e a me non restava altro che aspettare e scoprire in quale angolo di USA avrei trascorso il successivo anno scolastico. Venni scelto da una famiglia di contadini del Wisconsin, stato del Mid-West, incastonato tra la frontiera con il Canada, il lago Superiore e una parte dello stato del Michigan a nord, il lago Michigan, a est, Minnesota a ovest, Illinois e Iowa a sud. Arrivai nella mia nuova casa, accolto dalla mia nuova famiglia, 3

10 un giorno della fine di agosto del 2001; ero solo, giovane e carico di incertezze quanto di curiosità. L'anno che trascorsi nel Winsconsin, costellato di emozioni, scoperte, delusioni, incomprensioni, divertimento, noia, nostalgia e amore mi ha cambiato radicalmente le prospettive future, mi ha fatto crescere diverso dai miei amici coetanei, mi ha stravolto l'esistenza, mi ha aperto al mondo, mi ha dato concezione diretta, esperienza in prima persona dell'esistenza del diverso, dell'esistenza di usi, rituali, di riferimenti storici e culturali differenti, mi ha messo di fronte al fatto che il modo e lo stile di vita della mia famiglia, della mia terra, della mia storia, della mia cultura non sono che uno dei modi e stili di vita possibili, di sicuro non quello più giusto, di sicuro non l'unico, come fino a quel momento mi era sembrato e che molte persone continuano a concepire come tale. Non è stato facile. Non è stato facile ambientarsi, non è stato facile sopportare il fatto di non capire la lingua, trovare insopportabilmente difficile esprimere un concetto necessario quanto semplice da pronunciare nella lingua italiana, non è stato semplice ritrovarsi uno studente straniero in una scuola organizzata in modo completamente diverso rispetto a quella italiana, non è stato facile nutrirsi di hamburger e Coca-Cola a colazione pranzo e cena, non è stato facile capire l'ondata di disprezzo per la cultura altrui e l'esaltazione della propria patria che si scatenò a seguito dell'attacco terroristico alle torri di New York proprio in quell'anno, a meno di un mese dal mio arrivo nella terra a stelle e strisce. No, sinceramente di facile c'è stato ben poco. Ciononostante, quell'annata così tormentata, così agognata, così sognata, così vissuta è rimasta impressa dentro di me, quell'esperienza fa parte di me, della mia persona e della mia personalità. Un'esperienza del genere non può essere dimenticata, non può essere sminuita a un'esperienza di studio, peraltro soddisfacente dato che mi sono diplomato alla Cumberland High School, ho dovuto metabolizzarla, riviverla nei miei ricordi, nelle mie sensazioni, nelle mie percezioni, una volta tornato a casa. Anzi sono dovuto ritornare in quel paesino, nella contea di 4

11 Barron, circondato di laghi e foreste (nel 2004 per il matrimonio di mio fratello ) per rendermi conto che quell'annata è esistita davvero, che gli amici che mi sono fatto là, allora, sono amici veri che mi porterò sempre con me. Che l'esperienza che ho avuto il coraggio di fare, a sedici anni, da solo è stata l'esperienza giusta per me. 5

12 6

13 I 1914: AMERICAN FIELD SERVICE I.1 Il liceo di Neuilly. Nasce l American Ambulance Field Service. All inizio del Novecento molti studenti universitari americani di discipline mediche e scientifiche erano attratti nella capitale transalpina dall alto livello degli studi e delle ricerche. Qui li sorprese la guerra mondiale, scoppiata nell autunno del 1914, che rivoluzionò la loro vita e quella del vecchio continente e che fece scattare in alcuni giovani, intraprendenti intellettuali una molla di solidarietà verso il popolo francese, che avevano appena imparato a conoscere e che si trovava d improvviso in una situazione estremamente critica. Nacque così dall incontro tra idealismi e pragmatismi diversi che confluiscono dalle due sponde dell Atlantico, dal progetto di realizzare un ospedale americano a Parigi, dallo slancio umanitario di alcune centinaia di giovani universitari americani, l idea di creare un servizio di ambulanze che potesse velocizzare il trasporto dei feriti dal campo di battaglia alle strutture ospedaliere dove i militari colpiti potessero essere curati. Fino alla prima Guerra mondiale, infatti, la prima causa di morte in seguito al ferimento sul campo era l estrema lentezza del trasporto dei feriti dai campi di guerra al luogo dell assistenza medica. Nel liceo di Neuilly, alla periferia di Parigi, si installarono i primi autisti di ambulanza volontari. Si appoggiarono all American Hospital Association, nata nel 1907, e crearono il nucleo originario di quella che più di novant anni più tardi sarebbe, cambiando mezzi e scopi, diventata un organizzazione non governativa con uffici in più di sessanta paesi, nonché il maggior organismo internazionale per gli scambi culturali dei giovani. 7

14 Duecento autovetture furono requisite ai privati e trasformate in ambulanze dal Ministero francese della Guerra, e negli Stati Uniti la signora Vanderbilt comprò e adattò ad ambulanze dieci automobili, Ford modello T, che furono imbarcate e donate alla nascente American Ambulance Field Service. Il battesimo di fuoco le ambulanze e gli autisti volontari lo ebbero il 6 settembre 1914 sui campi della Marna dove furono recuperati trecentocinquanta feriti di cui cinquanta furono portati al liceo di Neuilly. In seguito, con lo spostarsi del fronte verso est, fu creata una dipendenza dell American Ambulance a Juilly e i servizi si diversificarono: a Juilly venivano trasportati in ambulanza i feriti del fronte mentre a Neuilly arrivavano in ferrovia i feriti che necessitavano di strutture ospedaliere più specifiche. Nei primi mesi l AAFS contava sul grande entusiasmo e sullo spirito di iniziativa dei suoi membri, oltre che sull appoggio di personaggi illustri ed autorevoli (oltre la già citata signora Vanderbilt, la signora Whitney, fondatrice dell omonimo museo di New York, che sponsorizzò la nuova sede di Juilly, e numerosi alti esponenti del mondo accademico e diplomatico americano) i quali fondarono un comitato degli Amici dell AAFS che si occupò di reclutare volontari oltreoceano da impiegare direttamente sui campi di battaglia; mancava però una struttura definita e una gerarchia di potere che desse stabilità all organizzazione. All inizio del 1915 fu reclutato come guidatore volontario di un ambulanza un signore di nome Abram Piatt Andrew. Laureato a Princeton e Harvard, già sottosegretario al tesoro sotto la presidenza Taft, già direttore della Zecca americana, già professore di scienze economiche ad Harvard, già tesoriere della Croce Rossa americana, a 41 anni Piatt Andrew, rivelando una personalità decisa e volta alla solidarietà, chiuse la sua brillante carriera di accademico e dirigente e si imbarcò per l Europa devastata dalla guerra. Gli bastarono sei settimane per rendersi conto degli immensi problemi da risolvere e per proporre a Robert Bacon, già ambasciatore USA a Parigi e presidente del Comitato dell Ambulanza le sue soluzioni. Gli venne dato credito e venne nominato ispettore genera- 8

15 le dell AAFS. E l aprile del L AAFS ha assunto il suo assetto definitivo e Abram Piatt Andrew ne è il vero fondatore. La guida delle ambulanze viene riservata a giovani volontari americani, che sono arrivati in Europa per condividere la durezza della guerra, anche se il loro Paese ne è formalmente estraneo; nelle università americane viene avviato un programma per arruolare volontari e reperire mezzi finanziari. Più di tremila giovani si arruolano e giunti in Francia, divisi in sezioni da una ventina o una trentina di uomini si affiancano alle unità di combattimento francesi. Nel dicembre del 1915 Piatt Andrew trova in Stephen Galatti il suo braccio destro; anche lui ex harvardiano, poco più che trentenne, aveva abbandonato una brillante carriera di agente di borsa per venire in Europa e condividerne le atrocità della guerra. Lo contraddistinguono un calore umano fuori dal comune ed una eccezionale propensione al lavoro. La AAFS si rafforza. Nell estate del 1916 il Field Service si stacca dall'american Ambulance e si installa nella villa della contessa di Villestreux, al 21 di Rue Raynouard a Passy, sempre alla periferia di Parigi. L'acronimo perde perciò la A di Ambulance e resta semplicemente AFS, servizio da campo americano. Nel 1916 due sezioni equipaggiate con il doppio del materiale come scorta, vengono inviate sui campi di battaglia nei Balcani, dove lavorarono con le truppe francesi nelle zone montagnose tra la Grecia del nord, la Serbia e l Albania. L anno successivo, il 1917, vede gli USA entrare in guerra a fianco delle potenze dell Intesa; le truppe americane trovarono il servizio di ambulanze perfettamente funzionante e poterono contare sulla presenza di volontari, con quasi tre anni di esperienza, giovani, intelligenti e americani come i militari appena sbarcati. Alla fine dell'estate del 1917, i contingenti AFS passarono sotto il controllo dell amministrazione militare americana. L American Field Service può ragionevolmente vantarsi di aver raggiunto almeno quattro obiettivi nei suoi primi anni di vita. In primo luogo ha anticipato le truppe americane sui campi di battaglia francesi e dei Balcani di più di due anni e mezzo; in secondo luogo 9

16 ha contribuito notevolmente a far comprendere all opinione pubblica americana le ragioni della guerra e la necessità di schierarsi a fianco dell Intesa; in terzo luogo ha fornito, all arrivo dell esercito americano, un nucleo di ufficiali di qualità e devoti alla causa; infine i suoi membri hanno lavorato a fianco dell esercito francese, imparando a riconoscere nei coetanei stranieri una similarità con la propria vita che è stata la base per i futuri sviluppi dell organizzazione. Nel 1919 gli ultimi autisti di ambulanza lasciarono la casa della contessa Villestreux e tornarono in America. Per il loro fondamentale aiuto all esercito, il governo USA rivolse una menzione d onore agli autisti di ambulanza dell AFS: 159 erano venuti da Harvard, 53 da Princeton, 49 da Yale, 20 da Stanford, 17 da Wisconsin, 16 da Dartmouth, 15 da Columbia e moltissimi altri da altre 80 università. Molti di loro, quasi cento, avevano già ricevuto la croce di guerra. Erano giovani provenienti da famiglie benestanti, che si erano pagati da soli il biglietto del transatlantico, che attirati dal mito romantico del prode cavaliere che abbandona tutto per salvare la civiltà, avevano effettivamente lasciato il loro paese estraneo alla guerra per confrontarsi direttamente con essa, e per dare il loro contributo sul campo. Molti di loro influenzati dall esperienza di guerra diventarono scrittori, (come Malcom Cowley, Louis Bromfield, E.E. Cummings, Julien Green ed Ernest Hemingway) dando vita a quella corrente e quella generazione di letterati ribattezzata lost generation, i cui esponenti, bruciate dalla guerra le illusioni di una vita sana, felice e regolare affogarono il loro male di vivere nell'alcool e nella droga, uniche medicine in grado di far dimenticare gli orrori di cui erano stati testimoni. Se da un lato un'esperienza del genere poteva sconvolgere a tal punto la vita e le prospettive future di coloro che ne erano stati partecipi, dall'altro si rendeva necessario coglierne le potenzialità e cercare di sfruttarne il lato positivo. I.2 AFS tra le due guerre. Fellowship for French Universities. Dei autisti di ambulanza dell AFS, che erano accorsi 10

17 volontari durante la Prima guerra mondiale, 127 erano rimasti in Francia, caduti sui campi di battaglia. Nell ultimo bollettino dell AFS (aprile 1919) A. Piatt Andrew scrive: Per quattro anni abbiamo cercato di far capire l America ai francesi e la Francia agli americani; questo sforzo non deve finire con la guerra [...]. Non possiamo diventare un club di reduci [...]. Ci è stato suggerito di creare delle borse di studio per americani in Francia e francesi in America. Questo darebbe al Field Service un ruolo attivo, che potrà continuare nel mondo per molti anni dopo la nostra scomparsa [...] 1. Nasce così l idea di sponsorizzare 127 borse di studio da intitolare a ciascuno dei volontari autisti di ambulanza caduti durante il conflitto. Nasce dalla consapevolezza di dover continuare a mettere in contatto coetanei di Paesi diversi, giovani desiderosi di viaggiare con quella curiosità intrinseca che permette loro di superare le differenze culturali e puntualizzare l attenzione sulle similarità. Per chi aveva partecipato direttamente alle iniziative dell AFS risultava chiaro tanto che la guerra fosse un azione deprecabile, quanto che si dovesse fare di tutto per impedire che fatti tanto atroci si ripetessero; escono negli anni successivi numerosi libri di autori che sono stati coinvolti nel servizio di ambulanze e che dall esperienza della guerra avevano maturato un forte sentimento pacifista e internazionalista, volto a considerare tutti gli uomini come fratelli, superando le differenze culturali, avendo imparato a riconoscere ed apprezzare ciò che fa di un francese un francese e di un americano, un americano. Si vedano per esempio The Green Bay di Louis Bromfield, The Enormous Room di E.E. Cummings, The Best Times di John Dos Passos, The Sun Also Rises di Ernest Hemingway. Per chi aveva partecipato con ruoli dirigenziali alle attività dell AFS, la scommessa era ora quella di far cambiare faccia all or- 1 Andrews A.P., cit. da Incontri che cambiano il mondo. Intercultura: cinquant'anni di scambi studenteschi internazionali. A cura di Ruffino R., Bellini M., Mazzanti P., Milano, Sperling Paperback, 2004, p

18 ganizzazione, che fino dalla sua nascita aveva avuto finalità sanitarie, e convertirla in un organizzazione volta a promuovere iniziative interculturali per abbassare le tradizionali diffidenze tra i Paesi dovute alle differenze culturali. Si trattava, in sostanza, di trovare un nuovo corso sostenibile in tempo di pace per un organizzazione nata in tempo di guerra. Al ritorno negli Stati Uniti, nell estate del 1919, i membri AFS si resero conto che una organizzazione che promuoveva borse di studio per le rinomate università francesi esisteva già, e la sua fama era già così consolidata da consigliare di evitare una duplicazione. Presi contatti con i membri di questa organizzazione, la American Fellowship for French Universities, i quali erano già a conoscenza dell operato di AFS durante la guerra in Europa, si giunse ad una sorta di partnership tra i due organismi. In considerazione dei risultati raggiunti da AFS nei rapporti franco-americani, il board di American Fellowship for French Universities, rinunciò alla sua identità, e la nuova struttura nata prese il nome di American Field Service Fellowship for French Universities. AFS aveva la responsabilità di amministrare il lavoro e scegliere i candidati, aiutati ed influenzati dai membri del gruppo originale. Il progetto di borse di studio fu finanziato originariamente con i fondi rimasti dalla guerra; nell annata 1919/1920, la prima, vennero assegnate 8 borse di studio, tutte a studenti americani che si recavano in Francia. L anno seguente le borse furono 22, di cui 4 assegnate ad ex-autisti di ambulanza impegnati al fronte. Lo scopo del programma di borse di studio era quello di incoraggiare e sviluppare un numero di studenti universitari i quali potessero, attraverso la loro esperienza personale, ed attraverso gli obiettivi raggiunti, restaurare l immagine della Francia agli occhi degli americani. Si sperava inoltre che attraverso questo programma, le persone che in tutto il mondo credevano negli stessi valori di democrazia, giustizia e libertà avessero a disposizione un meccanismo per avvicinarsi, conoscersi ed eliminare, attraverso un esperienza forte, le barriere naturali create dalla lontananza e dalla non conoscenza di ciò che esiste in altri contesti. Attraverso il progetto si poteva rag- 12

19 giungere un più alto livello di interdipendenza tra le attività umane e ed un più alto livello di cooperazione nella realizzazione degli intenti comuni. La AFS Fellowship fu una iniziativa pionieristica esattamente come lo era stato il servizio di ambulanze durante la guerra. Nel 1920 le uniche borse di studio per l estero organizzate erano quelle sponsorizzate a partire dal 1903 dalla Rhodes Scholarships e, a partire dal 1911, dalla American-Scandinavian Foundation Fellowship; entrambe erano diverse per scopi, propositi e background. Prima della guerra la maggior parte degli studenti americani che studiavano all estero sceglievano le università tedesche, la cui tradizione scolastica aveva influenzato molto il sistema didattico americano e la creazione di borse di studio per la Francia fu un modo per portare lo spirito dei bei vecchi tempi nel futuro 2. Gli ingenti fondi necessari per finanziare le 127 borse di studio non arrivarono immediatamente; per l anno 1922, erano sponsorizzate 80 borse, di cui alcune erano rinnovi per un ulteriore anno di studio in Francia, ma per la maggior parte erano fondi donati da privati a singoli individui e l Organizzazione di per sé non era riuscita a racimolare i fondi sperati. Fu alla fine di quell anno, il 1922 che avvenne la svolta: Georges Clemenceau, ex presidente francese, fece una turnée negli Stati Uniti in qualità di rappresentante non ufficiale della Francia, per ristabilire canali commerciali e per rafforzare l immagine del suo Paese, uscito malconcio agli occhi dell opinione pubblica internazionale dalla guerra, come d altronde tutta l Europa. Egli annunciò che la totalità dei proventi delle sue conferenze doveva andare a beneficio di AFS Fellowship, in memoria del servizio offerto sui campi di battaglia francesi dagli autisti di ambulanza e in ricordo del suo anno di studio in America, prima della guerra. La speranza di Clemenceau era altresì quella di aprire le borse ad un nuovo corso bilaterale: sia per studenti americani in Francia, sia per 2 Galatti S., cit. in AFS story. Journeys of a lifetime. A cura di AFS Norge Internasjonal Utveksling, Losanna, JPM Publications S.A. 1997, p

20 studenti francesi in America. Negli anni trenta, AFS Fellowship fu in grado di portare i primi studenti francesi a studiare nelle università americane, segnando l inizio di quel programma di scambi di studio che, a parte l intervallo , ha continuato a crescere ininterrotto fino ai giorni nostri. Nel 1936 Piatt Andrew, il fondatore di AFS, colui che più di tutti aveva creduto nell utilità del servizio di soccorso e che più di tutti aveva contribuito allo sviluppo dell Organizzazione e a un cambiamento dei suoi obiettivi alla fine della guerra, muore. Gli succede, in qualità di direttore generale, il suo braccio destro Stephen Galatti. Un'altra iniziativa prese corpo a partire dal 1935: la creazione di una sala, all interno del Museo franco-americano di Blérancourt, dedicata alla memoria e all archivio del servizio di ambulanze di AFS della Prima Guerra Mondiale. I fondi furono donati ancora una volta dalla signora Vanderbilt (che già aveva sponsorizzato l'acquisto delle prime ambulanze nel 1914), coadiuvata dalla signorina Morgan, e i volontari AFS residenti in Francia lavorarono con lo staff del preesistente museo per i successivi due anni. L 11 settembre 1938 la sala fu inaugurata ufficialmente: vi erano esposti pezzi appartenenti agli autisti di ambulanza, modelli di ambulanze e l archivio completo di AFS risalente agli anni di guerra. I.3 La seconda guerra mondiale. Il 3 settembre 1939 la Francia e l Inghilterra dichiarano guerra alla Germania. Negli Stati Uniti gli atteggiamenti di isolazionismo e non-interventismo erano molto forti; dal suo quartier generale di New York (ospitato gratuitamente dallo studio legale Curtin, Miller, Mitchell e Taliaferro, tutti ex autisti di ambulanza durante la prima guerra mondiale) Stephen Galatti, e il suo staff non tardano a rendersi conto che il servizio da campo americano era chiamato ancora una volta a svolgere il suo compito di assistenza e soccorso ai feriti di guerra francesi. La difficoltà in questa nuova impresa, derivante dall altissimo isolazionismo degli americani, era quella di trovare fondi necessari a finanziare una nuova campagna in Europa. Perfino 14

21 persone che avevano contribuito largamente durante il primo conflitto mondiale non si sentirono in grado di mettere il loro nome oltre che il loro portafogli al servizio di AFS. Fu nuovamente la signora Vanderbilt, seguita dallo zoccolo duro degli amici dell Organizzazione a rendere possibile, per l ottobre 1939 l apertura di un ufficio AFS a Parigi e a mettere a disposizione venti ambulanze su vetture General Motors. Il 23 marzo 1940 i primi volontari si imbarcano da New York per la Francia. Il 18 aprile l Organizzazione AFS francese è legalmente costituita, cioè sono state risolte le questioni burocratiche e il servizio AFS è affiancato all esercito francese. Il 18 maggio le venti ambulanze lasciano Parigi per il fronte. Sino all armistizio del 22 giugno, trasportarono oltre mille feriti. Con la caduta della Francia, il proposito iniziale di AFS cadde; le ambulanze ed i beni dell Organizzazione furono lasciati a disposizione della Croce Rossa americana, con la clausola che AFS avrebbe potuto riappropriarsene e che fosse comunque tenuta al corrente dell utilizzo che si faceva dei mezzi. I fondi di AFS furono donati all American Hospital di Parigi, da utilizzare per i servizi sanitari ai militari francesi che vi giungevano. Ma gli sforzi fatti da Galatti in America, i fondi raccolti e le energie spese per avviare la campagna di Francia non potevano essere sprecati: Peter Muir, membro di AFS in Egitto, fu incaricato di trovare un esercito attivo a cui affiancare il servizio di ambulanze dell AFS; le Forces Françaises Libres, o in caso di fallimento, le Forze Armate britanniche. Muir parlò con il Generale de Gaulle, il quale era già entrato in contatto qualche mese prima con il quartier generale di New York e che si rese disponibile ad affiancare alle armate francesi impegnate in Medio Oriente le ambulanze dell'american Field Service. Ci furono lo stesso delle complicazioni sul luogo dove dovesse rendersi attivo il servizio. All'inizio fu indicato il nord Africa, poi l'africa orientale e, infine, fu designata l'africa sub sahariana francese. Rimaneva comunque non chiaro né ai francesi né agli americani quale fosse il compito dei volontari AFS una volta fossero giunti ovunque doves- 15

22 sero andare. Galatti continuò a cercare finanziamenti, a questo punto per questioni di principio, non fidandosi a inviare uomini in nome di accordi vaghi come lo erano stati quelli con l'esercito francese fino a quel momento. Non avrebbe d'altronde avuto il permesso del governo americano di inviare uomini nelle condizioni di insicurezza in cui si trovava la trattativa. Nonostante AFS avrebbe preferito lavorare esclusivamente per l'esercito francese, per continuare quella partnership avviata durante il primo conflitto mondiale, nessun accordo chiaro fu raggiunto. Muir fu istruito quindi di proporre il servizio di ambulanza all'esercito inglese, che si trovava a corto di mezzi e personale. Dopo un inchiesta per verificare le credibilità di Muir, e le credenziali di AFS, il 27 marzo 1941 gli inglesi accettarono di organizzare un incontro tra Muir e gli alti comandi dell'esercito in Medio Oriente. Il generale Wavell, comandante in capo dell'esercito inglese, letto il memorandum proposto dalla delegazione di AFS, accettò l'offerta di affiancare alle sue truppe un numero illimitato di ambulanze nel teatro di guerra del Medio Oriente, e di affidarle a guidatori americani volontari. Il 6 novembre 1941 la prima unità di volontari AFS lasciò New York, raggiunse Boston dove si riunì all'unità proveniente dal New England e a mezzanotte del 7 novembre 1941 si imbarcò sulla nave militare West Point. A causa dell'inizio della guerra con il Giappone, nel dicembre di quello stesso anno, l'unità di volontari, in viaggio per la Libia, dove avrebbe raggiunto le truppe britanniche impegnate contro tedeschi e italiani fu dirottata su Bombay. Con il passaggio al controllo inglese cominciava per AFS quella dimensione internazionale che la contraddistingue nella sua futura formazione di organizzazione per gli scambi di studio: oltre al nord Africa dove in seguito arrivarono unità di volontari, AFS ha portato le ambulanze del suo servizio da campo in Belgio, Olanda, Germania, Austria, India, e Birmania, aiutando militari francesi, inglesi, greci, sudafricani, australiani, neozelandesi, canadesi, polacchi, italiani, nepalesi, indiani e di molte altre nazioni ancora, senza fermarsi a giudicare le 16

23 ragioni di una guerra tanto devastante, ma per un semplice dovere di solidarietà proveniente dal profondo della coscienza di giovani uomini volontari americani. Durante la seconda guerra mondiale, i volontari AFS furono in totale 2196; tra loro 36 persero la vita, 68 furono feriti in azione, 13 furono fatti prigionieri di guerra. In tutto furono assegnate dai vari paesi 3792 onorificenze al valore di cui 237 erano medaglie al coraggio o al merito di guerra. I.4 La Campagna d Italia. Nel settembre 1943 iniziò la Campagna d'italia che vide gli alleati sbarcare a Taranto e Salerno. A poco più di un mese dai primi sbarchi di militari, negli stessi due porti, Taranto e Salerno, giunsero anche i primi contingenti di ambulanze dell'american Field Service. Il morale dei volontari autisti di ambulanza era alto, il governo fascista era appena caduto e le vittorie dei militari anglo-americani si succedevano. A Napoli venne fissato il quartier generale, mentre le ambulanze, ora tutelate dalla convenzione di Ginevra alla Croce rossa internazionale, che aveva riconosciuto l'operato dei volontari dell'afs, furono in prevalenza assegnate ai servizi ausiliari in favore della popolazione civile, nella zona delle operazioni della ottava Armata britannica, nel settore orientale dell'insuperabile linea Gustav. Una delle caratteristiche del nostro Paese, notate dagli autisti di ambulanza fu la bellezza dei paesaggi a ridosso della linea Gustav, tra le ultimi propaggini dell'appennino Abruzzese, il Sannio e il Matese; alcuni di loro, particolarmente dotati di sensibilità artistica si innamorarono, proprio in quelle giornate di stress, paura e fatica della penisola, decidendo, una volta conclusa la guerra, di rimanerci a vivere per poter godere di tali bellezze naturali. La parziale autonomia dei membri di AFS rispetto alle truppe degli eserciti regolari consentì ai volontari un ampia libertà di movimento, soprattutto nei periodi di assenza di combattimenti. Animati da un profondo senso di umanità e altruismo, in nome della pace e 17

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Oggetto: Programmi di studio all estero con Intercultura. Concorso e borse di studio 2015-2016 Roma, 15 settembre 2014

Oggetto: Programmi di studio all estero con Intercultura. Concorso e borse di studio 2015-2016 Roma, 15 settembre 2014 Alla Cortese Attenzione del Dirigente Scolastico del Presidente del Consiglio di Istituto del Docente Referente per i programmi di scambio. Oggetto: Programmi di studio all estero con Intercultura. Concorso

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE ANTONIO CANOVA LICEO CLASSICO - LICEO LINGUISTICO VIA MURA DI SAN TEONISTO, 16-31100 TREVISO

LICEO GINNASIO STATALE ANTONIO CANOVA LICEO CLASSICO - LICEO LINGUISTICO VIA MURA DI SAN TEONISTO, 16-31100 TREVISO LICEO GINNASIO STATALE ANTONIO CANOVA LICEO CLASSICO - LICEO LINGUISTICO VIA MURA DI SAN TEONISTO, 16-31100 TREVISO COMUNICATO N. 0177 Ai Docenti Ai Genitori Agli Studenti Oggetto: borse di studio Unindustria

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI Intercultura è una ONLUS, associazione di volontariato ed ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85. E presente in 147 città italiane ed in 65

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

La nostra missione... 1. Gap year, career break, periodo sabbatico. Che cosa si intende?... 2. I nostri progetti di volontariato e i nostri stage...

La nostra missione... 1. Gap year, career break, periodo sabbatico. Che cosa si intende?... 2. I nostri progetti di volontariato e i nostri stage... CARTELLA STAMPA/ PRESS KIT INDICE La nostra missione... 1 Gap year, career break, periodo sabbatico. Che cosa si intende?... 2 I nostri progetti di volontariato e i nostri stage... 5 Le novità dell approccio

Dettagli

Roma 2015. Rassegna Stampa. VII edizione

Roma 2015. Rassegna Stampa. VII edizione Roma 2015 Rassegna Stampa VII edizione Nel mondo che cambia sempre più velocemente cercando con fatica di riprendersi dalla crisi, aumentano le sfide, la paura, le incertezze. La domanda che da sempre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

'Ltltrfrt -t / X-A'j'\- (k/là-*\--\*l!* /r' L-k- v"? v

'Ltltrfrt -t / X-A'j'\- (k/là-*\--\*l!* /r' L-k- v? v Pagina 1 di I news Da: "francesca campolo" A: Data invio: mercoledì 26 novembre 2014 22.43 Allega: trasmissione bando diconcorso definitivo.docx;

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO

Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO Il muro di Berlino IL MURO DI BERLINO Il Muro di Berlino (in tedesco: Berliner Mauer) era una barriera separatoria fatta costruire dal governo della Germania Est (detta anche Repubblica democratica tedesca

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939 invasione della Polonia LA SECONDA GUERRA MONDIALE VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE CRISI DEGLI ANNI 30 ISOLAZIONISMO AMERICANO AFFERMAZIONE DEL NAZISMO IN GERMANIA POLITICA ESTERA AGGRESSIVA

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University CHI SIAMO Ognuno ha un progetto per il suo futuro... quello degli studenti italiani è al centro del nostro! USA Student Advisors realizza il sogno degli studenti Italiani che desiderano intraprendere una

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

BORSA DI STUDIO ANNUALE ALL'ESTERO PER GIOVANI RESIDENTI a GORIZIA e PROVINCIA Anno scolastico 2014/2015

BORSA DI STUDIO ANNUALE ALL'ESTERO PER GIOVANI RESIDENTI a GORIZIA e PROVINCIA Anno scolastico 2014/2015 BORSA DI STUDIO ANNUALE ALL'ESTERO PER GIOVANI RESIDENTI a GORIZIA e PROVINCIA Anno scolastico 2014/2015 Borsa di studio istituita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia in collaborazione con Intercultura

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University CHI SIAMO Ognuno ha un progetto per il suo futuro... quello degli studenti italiani è al centro del nostro! USA Student Advisors realizza il sogno degli studenti Italiani che desiderano intraprendere una

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University CHI SIAMO Ognuno ha un progetto per il suo futuro... quello degli studenti italiani è al centro del nostro! USA Student Advisors realizza il sogno degli studenti Italiani che desiderano intraprendere una

Dettagli

Lastampa.it 03.10.2013. SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero

Lastampa.it 03.10.2013. SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero Il 33% degli studenti che partono scelgono destinazioni in Europa, il 24% Usa e Canada e il 23% l America

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Il 28 giugno 1914, a Sarajevo, l arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d Austria, e sua moglie Sofia furono uccisi dal nazionalista serbo Gavrilo Princip. L'imperatore

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale 1939: l inizio del conflitto Il 1 settembre la Germania invade la Polonia che crolla dopo un mese. In base agli accordi, l URSS occupa la Polonia orientale, le repubbliche baltiche

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

BORSA DI STUDIO ANNUALE ALL'ESTERO PER GIOVANI RESIDENTI a GORIZIA e PROVINCIA Anno scolastico 2013/2014

BORSA DI STUDIO ANNUALE ALL'ESTERO PER GIOVANI RESIDENTI a GORIZIA e PROVINCIA Anno scolastico 2013/2014 BORSA DI STUDIO ANNUALE ALL'ESTERO PER GIOVANI RESIDENTI a GORIZIA e PROVINCIA Anno scolastico 2013/2014 Borsa di studio istituita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia in collaborazione con Intercultura

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

LaRepubblica.it 24/09/2010

LaRepubblica.it 24/09/2010 LaRepubblica.it 24/09/2010 La scuola che vorrei Vizi e virtù delle nostre classi L indagine di Milano- Bicocca con la fondazione Intercultura ha prodotto tre tabelle basate sui risultati della ricerca

Dettagli

Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim

Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim Good morning, welcome in this school. Do you speak English? Do you understand? I m Peggy Guggenheim! Forse è meglio parlare in italiano! Io,

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

Rispondi alla domanda. Quali sono le differenze fra i programmi di studio americani e quelli italiani?

Rispondi alla domanda. Quali sono le differenze fra i programmi di studio americani e quelli italiani? I. Prova di comprensione di testi scritti. a) eggi attentamente il testo che segue. a nuova moda è studiare in America I giovani italiani sbarcano negli USA. Molti adolescenti non esitano a lasciare amici

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra ISTITUTO REGIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Gaetano Dato Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993 Quaderni 31 Con il contributo di

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni, raggiungendo più di 4.000.000

Dettagli

L ETICA DELL ECCELLENZA

L ETICA DELL ECCELLENZA INTRODUZIONE Nel gestire le nostre organizzazioni e nel costruire le nostre carriere abbiamo bisogno di principi che trascendano il tempo. Abbiamo bisogno di standard elevati l'etica dell'eccellenza. Price

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2006 e il 2012 la quota dei laureati di cittadinanza estera è aumentata, passando dal 2,3 al 3,0 per cento. Quasi il 60 per cento dei laureati esteri provengono

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli