AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA"

Transcript

1 Mattia Furloni AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA Nacque dall incontro tra idealismi e pragmatismi diversi che confluiscono dalle due sponde dell Atlantico, dal progetto di realizzare un ospedale americano a Parigi, dallo slancio umanitario di alcune centinaia di giovani universitari americani, l idea di creare un servizio di ambulanze che potesse velocizzare il trasporto dei feriti dal campo di battaglia alle strutture ospedaliere dove i militari colpiti potessero essere curati. Fino alla prima guerra mondiale, infatti, la prima causa di morte in seguito al ferimento sul campo era l estrema lentezza del trasporto dei feriti dai campi di guerra al luogo dell assistenza medica. Nel liceo di Neuilly, alla periferia di Parigi, si installarono i primi autisti di ambulanza volontari. Si appoggiarono all American Hospital Association, nata nel 1907, e crearono il nucleo originario di quella che più di novant anni più tardi sarebbe, cambiando mezzi e scopi, diventata una organizzazione non governativa con uffici in più di sessanta Paesi, nonché il maggior organismo internazionale per gli scambi culturali dei giovani... Biblioteca della Fondazione

2

3

4

5 Mattia Furloni AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA

6 AFS E INTERCULTURA UN VIAGGIO PER IL MONDO UN VIAGGIO PER LA VITA Proprietà letteraria della Fondazione Intercultura I testi di questo volume possono essere riprodotti gratuitamente citandone la fonte e purché per scopi non commerciali. Non se ne possono trarre opere derivate. Visitate il sito La foto in copertina e quelle dell'inserto appartengono agli archivi AFS e Intercultura Pubblicato nel mese di marzo 2009

7 INDICE PREMESSA 3 I 1914: AMERICAN FIELD SERVICE 7 1 Il liceo di Neuilly. Nasce l American Ambulance Field Service. 7 2 AFS tra le due guerre. Fellowship for French Universities La seconda guerra mondiale La Campagna d Italia. 17 II IL NETWORK INTERNAZIONALE DI SCAMBI 21 SCOLASTICI 1 I primi passi 21 2 Nasce il network internazionale 26 3 Intercultura, il partner italiano 29 4 Una realtà solida 32 III STUDI E RICERCHE 37 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE 49 BIBLIOGRAFIA 51 APPENDICE 53

8

9 PREMESSA Ho avuto la possibilità, la fortuna, il privilegio di passare un anno di liceo negli Stati Uniti; un po spavaldamente, inconsapevole dei risvolti e delle modifiche sulla mia persona, all'età di sedici anni ho deciso, con l'aiuto e l'appoggio fondamentale della mia famiglia, che era giunto il momento di partire da casa, cambiare scuola, cambiare lingua, cibi, cultura e riferimenti socio-storici e di prendere parte ad un progetto di studio all'estero, quello che in inglese si chiama Exchange Student. Nell'autunno del 2000 trovai nella posta una lettera che proponeva soggiorni di studio all'estero di durata variabile, da compiersi in alternativa al quarto anno di scuole superiori. Intrigato dall'idea presi coraggio e iniziai ad interessarmi concretamente alla faccenda e fatti tutti i debiti colloqui per valutare l'idoneità della persona ad un progetto simile, fui giudicato abile e arruolabile ed entrai nel circolo formato dalle strutture che organizzano gli scambi studio e da quelle migliaia di giovani che ogni anno partono da ogni parte del mondo per recarsi a studiare in un paese straniero. Entro i primi mesi del 2001, la mia candidatura era stata inviata all'agenzia americana che si occupa di trovare la famiglia ospitante sul suolo americano, e a me non restava altro che aspettare e scoprire in quale angolo di USA avrei trascorso il successivo anno scolastico. Venni scelto da una famiglia di contadini del Wisconsin, stato del Mid-West, incastonato tra la frontiera con il Canada, il lago Superiore e una parte dello stato del Michigan a nord, il lago Michigan, a est, Minnesota a ovest, Illinois e Iowa a sud. Arrivai nella mia nuova casa, accolto dalla mia nuova famiglia, 3

10 un giorno della fine di agosto del 2001; ero solo, giovane e carico di incertezze quanto di curiosità. L'anno che trascorsi nel Winsconsin, costellato di emozioni, scoperte, delusioni, incomprensioni, divertimento, noia, nostalgia e amore mi ha cambiato radicalmente le prospettive future, mi ha fatto crescere diverso dai miei amici coetanei, mi ha stravolto l'esistenza, mi ha aperto al mondo, mi ha dato concezione diretta, esperienza in prima persona dell'esistenza del diverso, dell'esistenza di usi, rituali, di riferimenti storici e culturali differenti, mi ha messo di fronte al fatto che il modo e lo stile di vita della mia famiglia, della mia terra, della mia storia, della mia cultura non sono che uno dei modi e stili di vita possibili, di sicuro non quello più giusto, di sicuro non l'unico, come fino a quel momento mi era sembrato e che molte persone continuano a concepire come tale. Non è stato facile. Non è stato facile ambientarsi, non è stato facile sopportare il fatto di non capire la lingua, trovare insopportabilmente difficile esprimere un concetto necessario quanto semplice da pronunciare nella lingua italiana, non è stato semplice ritrovarsi uno studente straniero in una scuola organizzata in modo completamente diverso rispetto a quella italiana, non è stato facile nutrirsi di hamburger e Coca-Cola a colazione pranzo e cena, non è stato facile capire l'ondata di disprezzo per la cultura altrui e l'esaltazione della propria patria che si scatenò a seguito dell'attacco terroristico alle torri di New York proprio in quell'anno, a meno di un mese dal mio arrivo nella terra a stelle e strisce. No, sinceramente di facile c'è stato ben poco. Ciononostante, quell'annata così tormentata, così agognata, così sognata, così vissuta è rimasta impressa dentro di me, quell'esperienza fa parte di me, della mia persona e della mia personalità. Un'esperienza del genere non può essere dimenticata, non può essere sminuita a un'esperienza di studio, peraltro soddisfacente dato che mi sono diplomato alla Cumberland High School, ho dovuto metabolizzarla, riviverla nei miei ricordi, nelle mie sensazioni, nelle mie percezioni, una volta tornato a casa. Anzi sono dovuto ritornare in quel paesino, nella contea di 4

11 Barron, circondato di laghi e foreste (nel 2004 per il matrimonio di mio fratello ) per rendermi conto che quell'annata è esistita davvero, che gli amici che mi sono fatto là, allora, sono amici veri che mi porterò sempre con me. Che l'esperienza che ho avuto il coraggio di fare, a sedici anni, da solo è stata l'esperienza giusta per me. 5

12 6

13 I 1914: AMERICAN FIELD SERVICE I.1 Il liceo di Neuilly. Nasce l American Ambulance Field Service. All inizio del Novecento molti studenti universitari americani di discipline mediche e scientifiche erano attratti nella capitale transalpina dall alto livello degli studi e delle ricerche. Qui li sorprese la guerra mondiale, scoppiata nell autunno del 1914, che rivoluzionò la loro vita e quella del vecchio continente e che fece scattare in alcuni giovani, intraprendenti intellettuali una molla di solidarietà verso il popolo francese, che avevano appena imparato a conoscere e che si trovava d improvviso in una situazione estremamente critica. Nacque così dall incontro tra idealismi e pragmatismi diversi che confluiscono dalle due sponde dell Atlantico, dal progetto di realizzare un ospedale americano a Parigi, dallo slancio umanitario di alcune centinaia di giovani universitari americani, l idea di creare un servizio di ambulanze che potesse velocizzare il trasporto dei feriti dal campo di battaglia alle strutture ospedaliere dove i militari colpiti potessero essere curati. Fino alla prima Guerra mondiale, infatti, la prima causa di morte in seguito al ferimento sul campo era l estrema lentezza del trasporto dei feriti dai campi di guerra al luogo dell assistenza medica. Nel liceo di Neuilly, alla periferia di Parigi, si installarono i primi autisti di ambulanza volontari. Si appoggiarono all American Hospital Association, nata nel 1907, e crearono il nucleo originario di quella che più di novant anni più tardi sarebbe, cambiando mezzi e scopi, diventata un organizzazione non governativa con uffici in più di sessanta paesi, nonché il maggior organismo internazionale per gli scambi culturali dei giovani. 7

14 Duecento autovetture furono requisite ai privati e trasformate in ambulanze dal Ministero francese della Guerra, e negli Stati Uniti la signora Vanderbilt comprò e adattò ad ambulanze dieci automobili, Ford modello T, che furono imbarcate e donate alla nascente American Ambulance Field Service. Il battesimo di fuoco le ambulanze e gli autisti volontari lo ebbero il 6 settembre 1914 sui campi della Marna dove furono recuperati trecentocinquanta feriti di cui cinquanta furono portati al liceo di Neuilly. In seguito, con lo spostarsi del fronte verso est, fu creata una dipendenza dell American Ambulance a Juilly e i servizi si diversificarono: a Juilly venivano trasportati in ambulanza i feriti del fronte mentre a Neuilly arrivavano in ferrovia i feriti che necessitavano di strutture ospedaliere più specifiche. Nei primi mesi l AAFS contava sul grande entusiasmo e sullo spirito di iniziativa dei suoi membri, oltre che sull appoggio di personaggi illustri ed autorevoli (oltre la già citata signora Vanderbilt, la signora Whitney, fondatrice dell omonimo museo di New York, che sponsorizzò la nuova sede di Juilly, e numerosi alti esponenti del mondo accademico e diplomatico americano) i quali fondarono un comitato degli Amici dell AAFS che si occupò di reclutare volontari oltreoceano da impiegare direttamente sui campi di battaglia; mancava però una struttura definita e una gerarchia di potere che desse stabilità all organizzazione. All inizio del 1915 fu reclutato come guidatore volontario di un ambulanza un signore di nome Abram Piatt Andrew. Laureato a Princeton e Harvard, già sottosegretario al tesoro sotto la presidenza Taft, già direttore della Zecca americana, già professore di scienze economiche ad Harvard, già tesoriere della Croce Rossa americana, a 41 anni Piatt Andrew, rivelando una personalità decisa e volta alla solidarietà, chiuse la sua brillante carriera di accademico e dirigente e si imbarcò per l Europa devastata dalla guerra. Gli bastarono sei settimane per rendersi conto degli immensi problemi da risolvere e per proporre a Robert Bacon, già ambasciatore USA a Parigi e presidente del Comitato dell Ambulanza le sue soluzioni. Gli venne dato credito e venne nominato ispettore genera- 8

15 le dell AAFS. E l aprile del L AAFS ha assunto il suo assetto definitivo e Abram Piatt Andrew ne è il vero fondatore. La guida delle ambulanze viene riservata a giovani volontari americani, che sono arrivati in Europa per condividere la durezza della guerra, anche se il loro Paese ne è formalmente estraneo; nelle università americane viene avviato un programma per arruolare volontari e reperire mezzi finanziari. Più di tremila giovani si arruolano e giunti in Francia, divisi in sezioni da una ventina o una trentina di uomini si affiancano alle unità di combattimento francesi. Nel dicembre del 1915 Piatt Andrew trova in Stephen Galatti il suo braccio destro; anche lui ex harvardiano, poco più che trentenne, aveva abbandonato una brillante carriera di agente di borsa per venire in Europa e condividerne le atrocità della guerra. Lo contraddistinguono un calore umano fuori dal comune ed una eccezionale propensione al lavoro. La AAFS si rafforza. Nell estate del 1916 il Field Service si stacca dall'american Ambulance e si installa nella villa della contessa di Villestreux, al 21 di Rue Raynouard a Passy, sempre alla periferia di Parigi. L'acronimo perde perciò la A di Ambulance e resta semplicemente AFS, servizio da campo americano. Nel 1916 due sezioni equipaggiate con il doppio del materiale come scorta, vengono inviate sui campi di battaglia nei Balcani, dove lavorarono con le truppe francesi nelle zone montagnose tra la Grecia del nord, la Serbia e l Albania. L anno successivo, il 1917, vede gli USA entrare in guerra a fianco delle potenze dell Intesa; le truppe americane trovarono il servizio di ambulanze perfettamente funzionante e poterono contare sulla presenza di volontari, con quasi tre anni di esperienza, giovani, intelligenti e americani come i militari appena sbarcati. Alla fine dell'estate del 1917, i contingenti AFS passarono sotto il controllo dell amministrazione militare americana. L American Field Service può ragionevolmente vantarsi di aver raggiunto almeno quattro obiettivi nei suoi primi anni di vita. In primo luogo ha anticipato le truppe americane sui campi di battaglia francesi e dei Balcani di più di due anni e mezzo; in secondo luogo 9

16 ha contribuito notevolmente a far comprendere all opinione pubblica americana le ragioni della guerra e la necessità di schierarsi a fianco dell Intesa; in terzo luogo ha fornito, all arrivo dell esercito americano, un nucleo di ufficiali di qualità e devoti alla causa; infine i suoi membri hanno lavorato a fianco dell esercito francese, imparando a riconoscere nei coetanei stranieri una similarità con la propria vita che è stata la base per i futuri sviluppi dell organizzazione. Nel 1919 gli ultimi autisti di ambulanza lasciarono la casa della contessa Villestreux e tornarono in America. Per il loro fondamentale aiuto all esercito, il governo USA rivolse una menzione d onore agli autisti di ambulanza dell AFS: 159 erano venuti da Harvard, 53 da Princeton, 49 da Yale, 20 da Stanford, 17 da Wisconsin, 16 da Dartmouth, 15 da Columbia e moltissimi altri da altre 80 università. Molti di loro, quasi cento, avevano già ricevuto la croce di guerra. Erano giovani provenienti da famiglie benestanti, che si erano pagati da soli il biglietto del transatlantico, che attirati dal mito romantico del prode cavaliere che abbandona tutto per salvare la civiltà, avevano effettivamente lasciato il loro paese estraneo alla guerra per confrontarsi direttamente con essa, e per dare il loro contributo sul campo. Molti di loro influenzati dall esperienza di guerra diventarono scrittori, (come Malcom Cowley, Louis Bromfield, E.E. Cummings, Julien Green ed Ernest Hemingway) dando vita a quella corrente e quella generazione di letterati ribattezzata lost generation, i cui esponenti, bruciate dalla guerra le illusioni di una vita sana, felice e regolare affogarono il loro male di vivere nell'alcool e nella droga, uniche medicine in grado di far dimenticare gli orrori di cui erano stati testimoni. Se da un lato un'esperienza del genere poteva sconvolgere a tal punto la vita e le prospettive future di coloro che ne erano stati partecipi, dall'altro si rendeva necessario coglierne le potenzialità e cercare di sfruttarne il lato positivo. I.2 AFS tra le due guerre. Fellowship for French Universities. Dei autisti di ambulanza dell AFS, che erano accorsi 10

17 volontari durante la Prima guerra mondiale, 127 erano rimasti in Francia, caduti sui campi di battaglia. Nell ultimo bollettino dell AFS (aprile 1919) A. Piatt Andrew scrive: Per quattro anni abbiamo cercato di far capire l America ai francesi e la Francia agli americani; questo sforzo non deve finire con la guerra [...]. Non possiamo diventare un club di reduci [...]. Ci è stato suggerito di creare delle borse di studio per americani in Francia e francesi in America. Questo darebbe al Field Service un ruolo attivo, che potrà continuare nel mondo per molti anni dopo la nostra scomparsa [...] 1. Nasce così l idea di sponsorizzare 127 borse di studio da intitolare a ciascuno dei volontari autisti di ambulanza caduti durante il conflitto. Nasce dalla consapevolezza di dover continuare a mettere in contatto coetanei di Paesi diversi, giovani desiderosi di viaggiare con quella curiosità intrinseca che permette loro di superare le differenze culturali e puntualizzare l attenzione sulle similarità. Per chi aveva partecipato direttamente alle iniziative dell AFS risultava chiaro tanto che la guerra fosse un azione deprecabile, quanto che si dovesse fare di tutto per impedire che fatti tanto atroci si ripetessero; escono negli anni successivi numerosi libri di autori che sono stati coinvolti nel servizio di ambulanze e che dall esperienza della guerra avevano maturato un forte sentimento pacifista e internazionalista, volto a considerare tutti gli uomini come fratelli, superando le differenze culturali, avendo imparato a riconoscere ed apprezzare ciò che fa di un francese un francese e di un americano, un americano. Si vedano per esempio The Green Bay di Louis Bromfield, The Enormous Room di E.E. Cummings, The Best Times di John Dos Passos, The Sun Also Rises di Ernest Hemingway. Per chi aveva partecipato con ruoli dirigenziali alle attività dell AFS, la scommessa era ora quella di far cambiare faccia all or- 1 Andrews A.P., cit. da Incontri che cambiano il mondo. Intercultura: cinquant'anni di scambi studenteschi internazionali. A cura di Ruffino R., Bellini M., Mazzanti P., Milano, Sperling Paperback, 2004, p

18 ganizzazione, che fino dalla sua nascita aveva avuto finalità sanitarie, e convertirla in un organizzazione volta a promuovere iniziative interculturali per abbassare le tradizionali diffidenze tra i Paesi dovute alle differenze culturali. Si trattava, in sostanza, di trovare un nuovo corso sostenibile in tempo di pace per un organizzazione nata in tempo di guerra. Al ritorno negli Stati Uniti, nell estate del 1919, i membri AFS si resero conto che una organizzazione che promuoveva borse di studio per le rinomate università francesi esisteva già, e la sua fama era già così consolidata da consigliare di evitare una duplicazione. Presi contatti con i membri di questa organizzazione, la American Fellowship for French Universities, i quali erano già a conoscenza dell operato di AFS durante la guerra in Europa, si giunse ad una sorta di partnership tra i due organismi. In considerazione dei risultati raggiunti da AFS nei rapporti franco-americani, il board di American Fellowship for French Universities, rinunciò alla sua identità, e la nuova struttura nata prese il nome di American Field Service Fellowship for French Universities. AFS aveva la responsabilità di amministrare il lavoro e scegliere i candidati, aiutati ed influenzati dai membri del gruppo originale. Il progetto di borse di studio fu finanziato originariamente con i fondi rimasti dalla guerra; nell annata 1919/1920, la prima, vennero assegnate 8 borse di studio, tutte a studenti americani che si recavano in Francia. L anno seguente le borse furono 22, di cui 4 assegnate ad ex-autisti di ambulanza impegnati al fronte. Lo scopo del programma di borse di studio era quello di incoraggiare e sviluppare un numero di studenti universitari i quali potessero, attraverso la loro esperienza personale, ed attraverso gli obiettivi raggiunti, restaurare l immagine della Francia agli occhi degli americani. Si sperava inoltre che attraverso questo programma, le persone che in tutto il mondo credevano negli stessi valori di democrazia, giustizia e libertà avessero a disposizione un meccanismo per avvicinarsi, conoscersi ed eliminare, attraverso un esperienza forte, le barriere naturali create dalla lontananza e dalla non conoscenza di ciò che esiste in altri contesti. Attraverso il progetto si poteva rag- 12

19 giungere un più alto livello di interdipendenza tra le attività umane e ed un più alto livello di cooperazione nella realizzazione degli intenti comuni. La AFS Fellowship fu una iniziativa pionieristica esattamente come lo era stato il servizio di ambulanze durante la guerra. Nel 1920 le uniche borse di studio per l estero organizzate erano quelle sponsorizzate a partire dal 1903 dalla Rhodes Scholarships e, a partire dal 1911, dalla American-Scandinavian Foundation Fellowship; entrambe erano diverse per scopi, propositi e background. Prima della guerra la maggior parte degli studenti americani che studiavano all estero sceglievano le università tedesche, la cui tradizione scolastica aveva influenzato molto il sistema didattico americano e la creazione di borse di studio per la Francia fu un modo per portare lo spirito dei bei vecchi tempi nel futuro 2. Gli ingenti fondi necessari per finanziare le 127 borse di studio non arrivarono immediatamente; per l anno 1922, erano sponsorizzate 80 borse, di cui alcune erano rinnovi per un ulteriore anno di studio in Francia, ma per la maggior parte erano fondi donati da privati a singoli individui e l Organizzazione di per sé non era riuscita a racimolare i fondi sperati. Fu alla fine di quell anno, il 1922 che avvenne la svolta: Georges Clemenceau, ex presidente francese, fece una turnée negli Stati Uniti in qualità di rappresentante non ufficiale della Francia, per ristabilire canali commerciali e per rafforzare l immagine del suo Paese, uscito malconcio agli occhi dell opinione pubblica internazionale dalla guerra, come d altronde tutta l Europa. Egli annunciò che la totalità dei proventi delle sue conferenze doveva andare a beneficio di AFS Fellowship, in memoria del servizio offerto sui campi di battaglia francesi dagli autisti di ambulanza e in ricordo del suo anno di studio in America, prima della guerra. La speranza di Clemenceau era altresì quella di aprire le borse ad un nuovo corso bilaterale: sia per studenti americani in Francia, sia per 2 Galatti S., cit. in AFS story. Journeys of a lifetime. A cura di AFS Norge Internasjonal Utveksling, Losanna, JPM Publications S.A. 1997, p

20 studenti francesi in America. Negli anni trenta, AFS Fellowship fu in grado di portare i primi studenti francesi a studiare nelle università americane, segnando l inizio di quel programma di scambi di studio che, a parte l intervallo , ha continuato a crescere ininterrotto fino ai giorni nostri. Nel 1936 Piatt Andrew, il fondatore di AFS, colui che più di tutti aveva creduto nell utilità del servizio di soccorso e che più di tutti aveva contribuito allo sviluppo dell Organizzazione e a un cambiamento dei suoi obiettivi alla fine della guerra, muore. Gli succede, in qualità di direttore generale, il suo braccio destro Stephen Galatti. Un'altra iniziativa prese corpo a partire dal 1935: la creazione di una sala, all interno del Museo franco-americano di Blérancourt, dedicata alla memoria e all archivio del servizio di ambulanze di AFS della Prima Guerra Mondiale. I fondi furono donati ancora una volta dalla signora Vanderbilt (che già aveva sponsorizzato l'acquisto delle prime ambulanze nel 1914), coadiuvata dalla signorina Morgan, e i volontari AFS residenti in Francia lavorarono con lo staff del preesistente museo per i successivi due anni. L 11 settembre 1938 la sala fu inaugurata ufficialmente: vi erano esposti pezzi appartenenti agli autisti di ambulanza, modelli di ambulanze e l archivio completo di AFS risalente agli anni di guerra. I.3 La seconda guerra mondiale. Il 3 settembre 1939 la Francia e l Inghilterra dichiarano guerra alla Germania. Negli Stati Uniti gli atteggiamenti di isolazionismo e non-interventismo erano molto forti; dal suo quartier generale di New York (ospitato gratuitamente dallo studio legale Curtin, Miller, Mitchell e Taliaferro, tutti ex autisti di ambulanza durante la prima guerra mondiale) Stephen Galatti, e il suo staff non tardano a rendersi conto che il servizio da campo americano era chiamato ancora una volta a svolgere il suo compito di assistenza e soccorso ai feriti di guerra francesi. La difficoltà in questa nuova impresa, derivante dall altissimo isolazionismo degli americani, era quella di trovare fondi necessari a finanziare una nuova campagna in Europa. Perfino 14

21 persone che avevano contribuito largamente durante il primo conflitto mondiale non si sentirono in grado di mettere il loro nome oltre che il loro portafogli al servizio di AFS. Fu nuovamente la signora Vanderbilt, seguita dallo zoccolo duro degli amici dell Organizzazione a rendere possibile, per l ottobre 1939 l apertura di un ufficio AFS a Parigi e a mettere a disposizione venti ambulanze su vetture General Motors. Il 23 marzo 1940 i primi volontari si imbarcano da New York per la Francia. Il 18 aprile l Organizzazione AFS francese è legalmente costituita, cioè sono state risolte le questioni burocratiche e il servizio AFS è affiancato all esercito francese. Il 18 maggio le venti ambulanze lasciano Parigi per il fronte. Sino all armistizio del 22 giugno, trasportarono oltre mille feriti. Con la caduta della Francia, il proposito iniziale di AFS cadde; le ambulanze ed i beni dell Organizzazione furono lasciati a disposizione della Croce Rossa americana, con la clausola che AFS avrebbe potuto riappropriarsene e che fosse comunque tenuta al corrente dell utilizzo che si faceva dei mezzi. I fondi di AFS furono donati all American Hospital di Parigi, da utilizzare per i servizi sanitari ai militari francesi che vi giungevano. Ma gli sforzi fatti da Galatti in America, i fondi raccolti e le energie spese per avviare la campagna di Francia non potevano essere sprecati: Peter Muir, membro di AFS in Egitto, fu incaricato di trovare un esercito attivo a cui affiancare il servizio di ambulanze dell AFS; le Forces Françaises Libres, o in caso di fallimento, le Forze Armate britanniche. Muir parlò con il Generale de Gaulle, il quale era già entrato in contatto qualche mese prima con il quartier generale di New York e che si rese disponibile ad affiancare alle armate francesi impegnate in Medio Oriente le ambulanze dell'american Field Service. Ci furono lo stesso delle complicazioni sul luogo dove dovesse rendersi attivo il servizio. All'inizio fu indicato il nord Africa, poi l'africa orientale e, infine, fu designata l'africa sub sahariana francese. Rimaneva comunque non chiaro né ai francesi né agli americani quale fosse il compito dei volontari AFS una volta fossero giunti ovunque doves- 15

22 sero andare. Galatti continuò a cercare finanziamenti, a questo punto per questioni di principio, non fidandosi a inviare uomini in nome di accordi vaghi come lo erano stati quelli con l'esercito francese fino a quel momento. Non avrebbe d'altronde avuto il permesso del governo americano di inviare uomini nelle condizioni di insicurezza in cui si trovava la trattativa. Nonostante AFS avrebbe preferito lavorare esclusivamente per l'esercito francese, per continuare quella partnership avviata durante il primo conflitto mondiale, nessun accordo chiaro fu raggiunto. Muir fu istruito quindi di proporre il servizio di ambulanza all'esercito inglese, che si trovava a corto di mezzi e personale. Dopo un inchiesta per verificare le credibilità di Muir, e le credenziali di AFS, il 27 marzo 1941 gli inglesi accettarono di organizzare un incontro tra Muir e gli alti comandi dell'esercito in Medio Oriente. Il generale Wavell, comandante in capo dell'esercito inglese, letto il memorandum proposto dalla delegazione di AFS, accettò l'offerta di affiancare alle sue truppe un numero illimitato di ambulanze nel teatro di guerra del Medio Oriente, e di affidarle a guidatori americani volontari. Il 6 novembre 1941 la prima unità di volontari AFS lasciò New York, raggiunse Boston dove si riunì all'unità proveniente dal New England e a mezzanotte del 7 novembre 1941 si imbarcò sulla nave militare West Point. A causa dell'inizio della guerra con il Giappone, nel dicembre di quello stesso anno, l'unità di volontari, in viaggio per la Libia, dove avrebbe raggiunto le truppe britanniche impegnate contro tedeschi e italiani fu dirottata su Bombay. Con il passaggio al controllo inglese cominciava per AFS quella dimensione internazionale che la contraddistingue nella sua futura formazione di organizzazione per gli scambi di studio: oltre al nord Africa dove in seguito arrivarono unità di volontari, AFS ha portato le ambulanze del suo servizio da campo in Belgio, Olanda, Germania, Austria, India, e Birmania, aiutando militari francesi, inglesi, greci, sudafricani, australiani, neozelandesi, canadesi, polacchi, italiani, nepalesi, indiani e di molte altre nazioni ancora, senza fermarsi a giudicare le 16

23 ragioni di una guerra tanto devastante, ma per un semplice dovere di solidarietà proveniente dal profondo della coscienza di giovani uomini volontari americani. Durante la seconda guerra mondiale, i volontari AFS furono in totale 2196; tra loro 36 persero la vita, 68 furono feriti in azione, 13 furono fatti prigionieri di guerra. In tutto furono assegnate dai vari paesi 3792 onorificenze al valore di cui 237 erano medaglie al coraggio o al merito di guerra. I.4 La Campagna d Italia. Nel settembre 1943 iniziò la Campagna d'italia che vide gli alleati sbarcare a Taranto e Salerno. A poco più di un mese dai primi sbarchi di militari, negli stessi due porti, Taranto e Salerno, giunsero anche i primi contingenti di ambulanze dell'american Field Service. Il morale dei volontari autisti di ambulanza era alto, il governo fascista era appena caduto e le vittorie dei militari anglo-americani si succedevano. A Napoli venne fissato il quartier generale, mentre le ambulanze, ora tutelate dalla convenzione di Ginevra alla Croce rossa internazionale, che aveva riconosciuto l'operato dei volontari dell'afs, furono in prevalenza assegnate ai servizi ausiliari in favore della popolazione civile, nella zona delle operazioni della ottava Armata britannica, nel settore orientale dell'insuperabile linea Gustav. Una delle caratteristiche del nostro Paese, notate dagli autisti di ambulanza fu la bellezza dei paesaggi a ridosso della linea Gustav, tra le ultimi propaggini dell'appennino Abruzzese, il Sannio e il Matese; alcuni di loro, particolarmente dotati di sensibilità artistica si innamorarono, proprio in quelle giornate di stress, paura e fatica della penisola, decidendo, una volta conclusa la guerra, di rimanerci a vivere per poter godere di tali bellezze naturali. La parziale autonomia dei membri di AFS rispetto alle truppe degli eserciti regolari consentì ai volontari un ampia libertà di movimento, soprattutto nei periodi di assenza di combattimenti. Animati da un profondo senso di umanità e altruismo, in nome della pace e 17

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Diego Piacentini: "Io, vicepresidente di Amazon, e quella borsa che mi portò negli Usa"

Diego Piacentini: Io, vicepresidente di Amazon, e quella borsa che mi portò negli Usa Diego Piacentini: "Io, vicepresidente di Amazon, e quella borsa che mi portò negli Usa" Diego Piacentini da teenager e oggi In occasione dei 100 anni dell'afs, e dei quasi 60 anni della sua costola italiana

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

YET S O F A R F R O M SAF E T Y

YET S O F A R F R O M SAF E T Y UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y 70.000 59.000 60.000 26.300 9.700 22.500 165.000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli