Il piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle Istituzioni Scolastiche ed

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle Istituzioni Scolastiche ed"

Transcript

1

2 Il piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle Istituzioni Scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia. (art.3, D.P.R. n 275/1999 ) 2

3 INDICE Presentazione.pag. 2 Un po di storia. pag. 4 La scuola.pag. 5 La Mission pag. 9 La progettazione POF pag. 10 Profilo delle Competenze.pag.13 L Offerta formativa pag.18 I Progetti di integrazione del curricolo pag. 20 Orientamento e Continuità pag. 25 La Sicurezza..pag.27 Le Attività Extracurricolari e parascolastiche..pag. 29 Incontri scuola- famiglia.pag.30 Percorsi d integrazione e per l inclusività pag.31 Metodologia pag.35 Criteri di verifica e valutazione pag.37 Indicatori per la valutazione del comportamento pag.39 Formazione e aggiornamento.pag. 43 Funzioni Strumentali..pag. 43 Regolamento d istituto..pag.45 Patto di corresponsabilità..pag.52 3

4 Presentazione Il Piano dell Offerta Formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Carducci di Catania, è stato formulato col contributo delle apprezzabili professionalità che si sono alternate negli anni all interno dell istituzione scolastica e che hanno posto in essere variegate esperienze didattiche e buone pratiche nella cornice di norme, direttive, indicazioni e proposte ministeriali. Linee portanti sono: la tradizione intesa come attenzione alla persona e ai valori in relazione ad una società complessa costantemente in evoluzione demografica, scientifica, tecnologica; l innovazione come gestione di rinnovate metodologie didattiche e nuovi ambienti di apprendimento. Impegno primario è fare scuola : insegnare per imparare ad apprendere e relazionarsi in modo da saper stare al mondo. Il fare scuola è orientare, fornire all alunno gli strumenti perché acquisisca una profonda conoscenza del sé, in modo da realizzare scelte consapevoli nell immediato futuro e, successivamente, nel mondo lavorativo. Nell arco del triennio si snoda il filo rosso dell unitarietà del curricolo finalizzato al raggiungimento del traguardo delle competenze, individuate nelle Nuove Indicazioni Nazionali, nel rispetto delle potenzialità e dei ritmi di apprendimento di ciascuno, in una scuola dell inclusione: padroneggiare la lingua italiana; saper argomentare; risolvere problemi; comprendere e comunicare in situazione nelle lingue comunitarie; incontrare il patrimonio storico, artistico, ambientale; Acquisire competenze digitali. 4

5 L atmosfera che si percepisce all interno della comunità educativa è quella del prendersi cura : prendere per mano l alunno con discernimento ed empatia, organizzando una relazionalità tessuta di ascolto, rispetto, responsabilità, coerenza. La forte scommessa educativa che anima i docenti è pienamente condivisa coi genitori e le famiglie: insieme traghettiamo il figlio-alunno dall infanzia alla preadolescenza, sostenendo la sua emotività, le sue incertezze, il suo desiderio di conoscere, perché il futuro sognato diventi presente consapevole all interno di una società che si arricchisce del suo apporto come soggetto unico e irripetibile. Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Ausilia Mastrandrea 5

6 Un po di storia. Era l anno scolastico quando fu istituita a Catania la VII Istituzione scolastica della città, una scuola media unica, che ebbe come primo preside il prof. Giuseppe Musarra appassionato di studi umanistici ed estimatore della poesia di Giosuè Carducci che propose, come testimoniato dal verbale del collegio docenti del 12 gennaio 1962, di intitolare la scuola al vate della Terza Italia. E così avvenne. In quella occasione, Libertà Carducci figlia del grande poeta, per ringraziare la scuola dell omaggio tributato al padre, inviò una foto del poeta che è divenuto l emblema della scuola. Nell anno alla Carducci venne aggregata la succursale della Media di Belpasso, che divenne successivamente autonoma, con il nome di Nino Martoglio. Dai poco più di 300 alunni dell anno della fondazione, la scuola vide crescere sensibilmente il proprio numero di iscritti, tanto che le sedi fino ad allora assegnate di cui si ricorda il plesso di viale XX Settembre, al primo e secondo piano di un abitazione civile si rivelarono inadeguate ad accogliere una popolazione scolastica che nell anno scolastico si attestò sui 1050 alunni. Fu allora che divenne necessaria la scissione che portò alla nascita della scuola media Francesco Petrarca. Con un volo di oltre vent anni, è nel 1987 che la Carducci trovò la sua sede definitiva e attuale, in via Suor Maria Mazzarello. Si succedono come presidi Vito Marletta e Giuseppe Cutuli, padre della giornalista Maria Grazia, alla quale, sotto la dirigenza del preside Salvatore Caudullo, venne intitolata l aula di informatica. Il 31 Maggio 2012 la scuola ha festeggiato il cinquantesimo dalla fondazione. Un anniversario importante celebrato al Palazzo della Cultura, con il dono del tricolore, ricevuto da esponenti del Corpo delle Guardie d onore ai Sacrari di guerra. Alla presenza dell Arcivescovo Mons. Salvatore Gristina e del Sindaco avv. R. Stancanelli si proclamano gli alunni vincitori del concorso Com ero, come sono, come sarò: l importanza dell istruzione nella formazione dell uomo, articolato nelle sezioni: grafica, pittorica,fotografica e letteraria. Per ricordare il prestigioso anniversario l Ente Poste Italiane ha pensato un annullo filatelico che ha coinvolto numerosi collezionisti e non solo. L organico delle classi si è da anni stabilizzato e attestato a trenta classi. L Istituto dall anno scolastico è diretto dalla Dirigente scolastica Maria Ausilia Mastrandrea. 6

7 L edificio La struttura risale agli anni 60, è costituita da ambienti ampi e luminosi : 30 aule, i laboratori di informatica e di scienze, una fornita biblioteca multimediale, la palestra adeguatamente attrezzata, 2 locali per la segreteria, la presidenza e la vicepresidenza. L edificio è dotato di impianto di riscaldamento. Nel susseguirsi degli anni sono stati affrontati interventi di adeguamento alla normativa della sicurezza realizzando le norme antincendio; per cui l edificio oggi è sicuro nel pieno rispetto delle normative in vigore. ANALISI DEL CONTESTO SOCIALE, ECONOMICO E CULTURALE IN CUI OPERA LA SCUOLA La scuola secondaria di primo grado G. Carducci è frequentata da alunni che provengono da diverse parti della città e dall interland, poiché l istituto è ubicato in una zona ricca di uffici e di esercizi commerciali i genitori trovano conveniente iscrivere i figli presso una scuola vicina alla propria sede di lavoro. Nello stesso territorio sorgono asili nido, scuole primarie e secondarie pubbliche e private, palestre, piscine e centri di aggregazione. 7

8 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dirigente scolastic o Gestisce, coordina e promuove le risorse. VICARIO DOCENTI COLLABORATORI AREA DI SUPPORTO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA STAFF TECNICO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA COMITATO PER LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DEI DOCENTI. ORGANO DI GARANZIA - Docenti funzione strumentali - Referenti ambiti educativi - Referente per la sicurezza - Referente per la multimedialità - Referenti GLH INSEGNAMENTO Funzione insegnamento AREA apprendimento Attività di formazione e ricerca 8

9 Dati quantitativi riferiti alla scuola Alunni iscritti: Numero Classi: 30 e 10 sezioni dalla A alla L 10 classi prime 10classi seconde 10classi terze ORGANICO PERSONALE DOCENTE : 18 Docenti di Lettere 10 Docenti di Scienze Matematiche 5 Docenti di Lingua Inglese 3 Docenti di Lingua Francese 1 Docente di Lingua Spagnola 4 Docenti di Tecnologia 4 Docenti di Arte 4 Docenti di Musica 5 Docenti di Scienze motorie 3 Docenti di Religione 8 Docenti di Sostegno 1 Responsabile della Biblioteca Scolastica Multimediale ORGANICO PERSONALE A.T.A: 1 DSGA 4 Assistenti amministrativi 9 Collaboratori scolastici 9

10 MISSION Incrementare il livello delle conoscenze e delle competenze; potenziare il grado di socializzazione cooperativa. Imparare ad imparare Finalità Promuovere la formazione della personalità dell alunno, soggetto in grado di operare scelte, individuare ed interiorizzare valori. Favorire lo sviluppo delle capacità di comprendere, comunicare, fare, decidere, progettare, creare e scegliere anche il proprio futuro. Stimolare l interesse per la cultura come avventura esplorativa in cui il ragazzo si confronta con se stesso, esperimenta le sue capacità cognitive, creative e di interazione con il territorio, si appropria di contenuti significativi che appartengono al patrimonio del pensiero umano. Sviluppare comportamenti interpersonali produttivi basati sulla stima di sé nella diversità, superando pregiudizi e maturando solidarietà e capacità di collaborazione. Valorizzare la tradizione storica all interno dei principi della Costituzione Italiana e della tradizione culturale europea, in relazione anche ai mutamenti dei comportamenti, delle attività e dell organizzazione politico-sociale. 10

11 PROGETTAZIONE P.O.F. BISOGNI DEGLI STUDENTI CONSIGLIO D'ISTITUTO PROPOSTE DEI GENITORI Criteri generali Proposta COLLEGIO DEI DOCENTI Attuazione Progetti Ambiti disciplinari Comunicazione Lettura Creatività Multimedialità Ambiente - Salute Strada sicura Orientamento - Valori Attività parascolastiche Sicurezza Integrazione e Inclusività Sicurezza - Diversabilità FUNZIONI STRUMENTALI REFERENTI DISCIPLINA Giubileo Attività culturali Sussidi didattici Aggiornamento CONSIGLI DI CLASSE CONSIGLI DI CLASSE 11

12 GLI ALLIEVI ED I LORO BISOGNI FORMATIVI Gli alunni sono nella maggior parte adeguatamente seguiti dai genitori, con i quali compiono esperienze culturali di vario genere; molti si dedicano a diverse attività extrascolastiche che non sempre, però, riescono a conciliare con i ritmi di studio. Gli studenti, in genere, appaiono motivati alle attività culturali e formative, riescono a seguire un percorso di studio, ma vanno ancora indirizzati all acquisizione di un metodo di lavoro che consenta loro di essere autonomi nell organizzazione, di rendere organico il proprio sapere, di riutilizzare in altri contesti le competenze acquisite, di prefigurarsi gli esiti dello studio, di trovare soluzioni personali. La maggior parte dell utenza, quindi, non presenta particolari problematiche nel processo di apprendimento, anche se alcuni allievi evidenziano difficoltà nella sfera cognitiva ed emotivo- relazionale. Corretto il modo in cui i ragazzi si rapportano tra loro, ma talvolta la comunicazione che stabiliscono con i coetanei che ritengono diversi da loro è poco costruttiva e il ruolo che assumono nell ambito del lavoro di gruppo non è del tutto produttivo, poiché alcuni tendono a far prevalere la propria individualità. 12

13 OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO 1. Formazione integrale della persona. Promuovere processi formativi, come occasioni per sviluppare armonicamente la personalità, per consentire agli allievi di agire in maniera matura e responsabile. 2. Conoscenza della realtà sociale. Favorire lo sviluppo di competenze che diano gli strumenti per conoscere e interpretare la realtà sociale. 3. Orientamento. Favorire l iniziativa del soggetto per il suo sviluppo generale e la possibilità di operare scelte realistiche nell immediato e nel futuro, portando avanti lo sviluppo di un progetto di vita personale. 4. Sviluppo dell identità e della maturazione globale. Sollecitare l iniziativa del soggetto per sviluppare la capacità di orientarsi operando scelte realistiche nell immediato e nel futuro, portando avanti lo sviluppo di un progetto di vita personale. 5. Motivazione all apprendimento. Sviluppare conoscenze e abilità disciplinari ed interdisciplinari tenendo conto delle effettive capacità di ciascuno ed utilizzando le modalità più motivanti e ricche di senso. 6. Prevenzione dei disagi. Leggere i bisogni e i disagi dei preadolescenti ed intervenire prima che si trasformino in malesseri conclamati, disadattamenti e abbandoni. 7. Relazione educativa. Avere attenzione alla persona; valorizzare e rispettare gli stili individuali e di apprendimento; incoraggiare e orientare; ascoltare e dialogare; correggere con autorevolezza quando è necessario; sostenere; condividere. 13

14 . PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Area cognitiva riconoscere e ricordare un contenuto; trasporre in forma diversa il contenuto conosciuto; utilizzare le conoscenze acquisite anche in campi diversi; saper scomporre, smontare un contenuto complesso nelle sue parti costitutive e correlarle; ricostruire la struttura interna di un contenuto e di un procedimento in modo che divenga utilizzabile; stimare e valutare i risultati raggiunti in base a criteri stabiliti. Area della comunicazione essere disponibile ad un confronto aperto e critico delle idee; pervenire alla coscienza che la lettura è strumento insostituibile di informazione, confronto, arricchimento e che costituisce la possibilità di mettersi in discussione; essere in grado di leggere un testo espresso nei vari linguaggi, comprenderne il contenuto, individuarne il messaggio, inserirlo nella propria mappa di conoscenza; essere capace, attraverso la comunicazione verbale, di verificare quanto si apprende, di confrontarsi, di collaborare, di arricchire se stessi e gli altri; essere in grado di esprimersi verbalmente in modo adeguato rispetto alla situazione ed al destinatario; avere coscienza che scrivere è un modo di oggettivare il proprio pensiero per consentire a sé ed agli altri di: coglierlo con esattezza analizzarlo confrontarsi con esso saper esprimere quanto si vuole comunicare utilizzando diversi linguaggi rispetto all argomento, alla situazione, al destinatario. 14

15 Area relazionale contribuire alla definizione delle regole; accettare e rispettare le regole del gruppo; partecipare attivamente al lavoro di gruppo; operare insieme nel rispetto reciproco; aiutare i compagni nella consapevolezza delle capacità di ciascuno, senza distinzione di razza, provenienza e religione. Area dell autonomia personale essere in grado di portare a termine un incarico assunto; assumersi la responsabilità del proprio operato; organizzare il lavoro in modo sistematico e consapevole, utilizzando proficuamente tecniche, materiali, strumenti; essere capaci di selezionare materiali ed operare scelte funzionali alle consegne; proporre più soluzioni per un problema; trovare soluzioni nuove e funzionali al problema; essere consapevole della differenza di funzionamento delle soluzioni proposte. Area dell orientamento e delle scelte Essere in grado di conoscere sé stesso, le proprie capacità, limiti, tendenze e interessi. Operare consapevolmente un attenta autovalutazione del proprio percorso scolastico. Utilizzare strumenti culturali per orientarsi e compiere scelte adeguate alle proprie attitudini e potenzialità. 15

16 COMPETENZE DISCIPLINARI Lingua italiana: ascolta, comprende e comunica oralmente; legge e comprende testi di diverso genere; produce e rielabora testi scritti; riconosce le strutture della lingua; usa consapevolmente lo strumento linguistico, anche con ricchezza lessicale, in base allo scopo e al destinatario. Lingua inglese:comprende e utilizza espressioni di uso quotidiano.; produce testi corretti, coerenti e coesi; interagisce in una conversazione su argomenti noti.;comunica nella lingua scritta e parlata ad un livello base; utilizza funzioni e strutture linguistiche. Livello A2 Lingua Francese: comprende semplici testi; produce testi corretti, coerenti coesi; interagisce in una conversazione su argomenti noti.; confronta culture diverse. Livello A2 Matematica: utilizza le tecniche e le procedure di calcolo mentale e scritto; analizza figure geometriche e opera con grandezze e misure; individua strategie per risolvere problemi; raccoglie e analizza dati anche con l uso di applicazioni informatiche. Scienze :osserva, pone domande, fa ipotesi e le verifica; riconosce e descrive fenomeni fondamentali del mondo fisico, biologico e tecnologico; adotta atteggiamenti responsabili per lo sviluppo sostenibile della comunità umana.. Tecnologia: osserva ed analizza la realtà tecnologica; progetta, realizza e verifica esperienze operative, comprende ed usa linguaggi specifici tecnici e grafici.; utilizza semplici linguaggi informatici. Storia e geografia: conosce, ricostruisce e comprende eventi e trasformazioni storiche; si orienta e colloca nel tempo e nello spazio fatti ed eventi.; osserva, descrive e confronta paesaggi geografici con l uso di carte e rappresentazioni; colloca l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul riconoscimento dei diritti doveri garantiti dalla Costituzione. Arte: legge e comprende immagini di tipo diverso; produce messaggi con l uso di linguaggi, tecniche e materiali di tipo diverso; legge ed interpreta criticamente l opera d arte. Musica: utilizza la simbologia musicale per esprimersi con la voce e con strumentini melodici; ascolta e analizza le strutture del linguaggio musicale in relazione a contesti ed epoche diverse. Scienze motorie. impiega schemi motori, loro interazioni in situazione combinata e simultanea; utilizza le regole dei giochi sportivi praticati e abilità tecniche e tattiche. Il piano di studi si è caratterizzato in particolare per la partecipazione ad alcune attività significative : - Letterario: Latino - Redazione giornalino di istituto - Artistico - Sportivo - Musicale - Linguistico: Inglese francese spagnolo - Drammatizzazione - Laboratorio di scacchi 16

17 Descrizione dei livelli Livelli generali di competenza Livello di competenza Valutazione espressa in decimi Competenza utilizzata con sicura padronanza e autonomia, osservata in contesti numerosi e complessi operando 4 - eccellente dieci rielaborazioni personali. Competenza utilizzata con apprezzabile padronanza e autonomia, osservata in contesti ricorrenti e/o complessi 3 -avanzato nove Competenza utilizzata con buona padronanza e autonomia, osservata in contesti ricorrenti non complessi. Competenza utilizzata con sufficiente padronanza e autonomia, osservata in contesti ricorrenti e non complessi Competenza utilizzata parzialmente, spesso accompagnata da richieste di aiuto, in contesti semplici. otto 2 - intermedio sette 1 - base sei * Livelli di competenza e valutazione, espressa in decimi, devono essere scritti per esteso. 17

18 COMPETENZE TRASVERSALI METODOLOGIA DI STUDIO IMPARARE A IMPARARE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IMPARARE A IMPARARE _ Ripetizione orale con uso di termini sempre nuovi e diversi _ Rubrica dei termini nuovi _ Spiegazione scritta dell esercizio _ Riassunto di parti di lezioni _ Mappe concettuali _ Schemi _ Lettura di modelli e grafici CONOSCENZA DELLE PROPRIE MODALITA DI APPRENDIMENTO, DEI TIPI DI COMPITI DA SVOLGERE, DELLE STRATEGIE DA APPLICARE NELLE ATTIVITA DI STUDIO POTENZIAMENTO DELLE ABILITA COGNITIVE, ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE E RAFFORZAMENTO DELLA MOTIVAZIONE ALLO STUDIO PER UN ARMONICO SVILUPPO DELLA PERSONALITA CONTROLLO ESECUTIVO E VALUTAZIONE _ test a risposta singola _ trattazione sintetica _ Esposizione delle proprie riflessioni _ Individuazione dei concetti chiave _ Focalizzazione dell attenzione sulle definizioni presenti nel testo e sulle esemplificazioni _ Riproduzione di un testo mediante le immagini _ Drammatizzazione Curricolo verticale Carducci Turrisi Colonna 18

19 OFFERTA FORMATIVA ATTIVITÀ CURRICOLARI Tempo scuola 29h/settimanali +1 di approfondimento di materie letterarie. Le lezioni hanno inizio alle ore 8,15 e si concludono alle 13,15 Servizi per gli studenti Pre scuola dalle h.7,30 alle h. 8,15; post- scuola dalle h.13,15 alle h.14,30; sabato dalle h.13,15 alla h.13,45. Le attività di pre - scuola e post- scuola sono fornite dalla cooperativa Liolà QUADRO ORARIO Discipline Religione Italiano Storia Cittadinanza e Costituzione Geografia Inglese Lingua comunitaria Matematica e scienze Tecnologia Arte e immagine Musica Scienze motorie

20 Area linguistico artistico espressiva Italiano Lingue comunitarie Musica Arte e immagine Scienze motorie Area storico geografica sociale Storia Geografia Cittadinanza e costituzione Religione Area matematico scientifico tecnologico Matematica Scienze Tecnologia Il Curricolo Progetti di integrazione del curricolo Attività curricolari Attività extracurricolari e parascolastiche ( orario pomeridiano) Educazione alla lettura e creatività. Educazione alla legalità e ai valori. Educazione ambientale. Educazione alla salute e alla sicurezza Educazione stradale. Uscite didattiche Gite e viaggi d istruzione. Accoglienza, Orientamento e continuità. Sostegno, integrazione e inclusività. Attività di recupero, consolidamento e potenziamento. Latino. Corsi di latino Corsi di recupero di italiano e matematica Corsi di lingua inglese, francese, spagnolo con docenti madre lingua. Pratica strumentale: (pianoforte e chitarra) e corale Attività sportive Laboratorio teatrale. Giornalismo 20

21 Ampliamento dell offerta formativa Progetti di integrazione del curricolo ALUNNO TERRITORIO VALORI La scuola, sulla base delle finalità individuate in relazione ai bisogni dei propri studenti, ha elaborato un progetto trasversale di ampliamento e di integrazione delle esperienze curricolari di base che vedrà impegnati tutti gli alunni ed i docenti dei consigli di classe e che si articolerà in diverse attività formative concernenti: La comunicazione Le relazioni La progettualità Il rispetto delle regole 21

22 Finalità Educare l adolescente a conoscere se stesso ed a rapportarsi con la realtà esterna dal punto di vista sociale, economico, ambientale. Favorire nell alunno l interiorizzazione dei valori fondamentali per lo sviluppo armonico della sua personalità di uomo e cittadino. Promuovere la capacità di operare scelte responsabili. 22

23 Obiettivi Prendere coscienza della propria identità anche attraverso la comunicazione interpersonale. Riflettere sui valori di libertà, dignità dell uomo, solidarietà, pace, per interiorizzarli. Essere in grado di mettere in atto comportamenti corretti e responsabili anche in materia di sicurezza. Conoscere alcune rilevanti trasformazioni dell ambiente, per valutare cause, effetti ed individuare prospettive. Acquisire una cultura del territorio tenendo presente l area dei servizi amministrativi, le realtà produttive, i beni culturali, i mestieri, le professioni e le loro trasformazioni legate al progresso tecnologico. Adottare comportamenti finalizzati a favorire il miglioramento della qualità della vita. Potenziare la capacità di autovalutazione e orientamento. Il progetto, che potrebbe richiedere un contributo finanziario da parte delle famiglie, si concretizzerà nella quotidiana operatività all interno delle ore curricolari, attraverso piani interdisciplinari riguardanti: Accoglienza L educazione all ambiente L educazione alla salute L educazione stradale Lettura e creatività Orientamento e continuità L educazione alla legalità e ai valori L educazione alla comunicazione ed alla multimedialità L educazione alla sicurezza Progetto FAI articolati in diverse fasi: informativa, anche con la presenza di esperti; esperienziale; riflessiva; produttiva, mediante relazioni, cartelloni, opuscoli, prove di simulazione, c.d. rom. 23

24 Educazione Ambientale Obiettivi : Acquisizione di una coscienza civica per una corretta gestione delle risorse territoriali. Sviluppo dell interesse e della creatività per un approccio alla cultura non solo attraverso i testi, ma come avventura esplorativa. Conoscere gli ecosistemi del territorio. Imparare a difendere conservare e valorizzare l ambiente come bene di tutti. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà oltre che delle discipline curricolari anche della collaborazione con: Università- Ente locale- Enti esterni. Sono previste anche visite guidate a luoghi d interesse e gite d istruzione. Obiettivi : Educazione alla salute Favorire la crescita personale. Acquisire autonomia. Acquisire comportamenti corretti in relazione alla prevenzione e alla tutela del benessere fisico e psichico. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà oltre che delle discipline curricolari anche della collaborazione con: ASP- Ente locale- AVIS ed Enti esterni 24

25 . Educazione Stradale Obiettivi : Prendere coscienza dell importanza e della necessità delle norme volte a regolare la vita associativa. Acquisire autonomia e senso di responsabilità. Rispettare la vita. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà oltre che delle discipline curricolari anche della collaborazione con i Vigili Urbani che incontreranno gli alunni delle seconde e terze classi. Educazione alla lettura e creatività Obiettivi: Educare alla lettura espressiva e critica come ampliamento dei propri orizzonti culturali ed approfondimento della comprensione dell uomo e del mondo, dei sentimenti e dei valori. Sviluppare competenze ideative, testuali, comunicative, espressive. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà della Biblioteca multimediale e del progetto Giornalino d istituto 25

26 Progetto FAI (Fondo Ambiente Italia) Obiettivo : Educare al rispetto dell arte e della natura. Sensibilizzare alla tutela del nostro patrimonio artistico, apprezzandone l immenso valore culturale e storico. Il progetto interesserà tutte le classi e si svolgerà in orario antimeridiano. Educazione alla comunicazione e alla multimedialità Obiettivo : Apertura alle diverse forme di comunicazione artistica, giornalistica, e multimediale per una migliore comprensione ed una presenza attiva, consapevole e critica nel mondo attuale. Il progetto interesserà tutte le classi e tutti i docenti, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà dell uso del laboratorio di informatica Educazione alla legalità e ai valori Obiettivi : Riflettere sui valori di libertà, dignità dell uomo, solidarietà. Mettere in atto comportamenti corretti. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà della collaborazione di Enti e Istituzioni locali a nazionali 26

27 ORIENTAMENTO E CONTINUITA Obiettivi Creare rapporti interattivi tra gli attuali cicli dell obbligo. Promuovere la continuità dinamica del processo educativo e formativo. Avviare ciascun alunno all acquisizione, gradualmente più consapevole, della propria identità, alla conoscenza delle proprie capacità, limiti, tendenze, e potenzialità orientandolo verso scelte future motivate, consapevoli, ed attente al contesto e alle offerte del territorio. Attività di Orientamento Test psicodiagnostico P.M.A. in collaborazione con l Ufficio Orientamento scolastico del comune di Catania. Giornata dell orientamento con la partecipazione delle scuole secondarie di secondo grado. Progetto Un giorno al liceo che prevede la frequenza dei nostri alunni presso gli istituti superiori. Visita al salone Orientamedia. Incontro con le famiglie per illustrare il Consiglio Orientativo. Collaborazione con il liceo G. Galilei,scuola polo per l orientamento, per la condivisione di percorsi di didattica orientativa, di test d ingresso ed attività di monitoraggio dei nostri alunni. 27

28 Attività per promuovere la continuità Curricolo verticale: le linee guida del nostro progetto sono inserite nel documento Un modello di curricolo verticale- Competenze- Osa- Metodologie elaborato con il liceo Turrisi Colonna. Protocollo d intesa con il liceo classico M. Cutelli riguardante il Progetto Continuità. Curricolo verticale con le scuole primarie di riferimento e condivisione test d ingresso. Giornata OPEN DAY organizzata per genitori ed alunni delle classi quinte. 28

29 Educazione alla Sicurezza Il verificarsi con sempre maggiore frequenza di eventi calamitosi e di infortuni sul lavoro ha contribuito a sensibilizzare la coscienza individuale e ha modificato l atteggiamento fatalista che pregiudicava l affermazione del processo culturale della protezione civile e della sicurezza sui posti di lavoro. Obiettivi: - superare le condizioni di incertezza ed improvvisazione che, per lungo tempo, hanno rappresentato la precaria risposta alle varie situazioni di rischio, - dedicare la massima attenzione nei confronti di ciò che può essere fonte di pericolo - imparare a prevenire e a fronteggiare gli eventi con adeguate misure di sicurezza e corrette azioni comportamentali. Le azioni e i compiti di ciascuno devono coordinarsi in un programma che ha come scopo la sicurezza di tutti, devono pertanto mirare al senso di responsabilità e ad attiva collaborazione. L Educazione alla Sicurezza è riconosciuta dalla nostra Scuola come bisogno primario e, quindi, come obiettivo trasversale a tutte le discipline del curricolo formativo. Funzionale a questo scopo è: - la conoscenza dei rischi del territorio, - la collaborazione con Enti specifici, che già operano nel territorio, al fine di elaborare piani operativi finalizzati anche alla protezione civile e alla salvaguardia della vita propria e altrui. L esigenza primaria è la conoscenza del territorio, inteso come edificio scolastico e contesto nel quale esso è inserito, realizzata tramite l indagine ricerca. Il requisito principale, per attuare processi che garantiscono la sicurezza (limitando quindi il danno determinato da una situazione di pericolo), resta quello dell informazione, accanto ad una formazione mirata e calibrata alle varie esigenze e correlata alle mansioni dei vari operatori scolastici (docenti, discenti e non docenti). La Scuola vuole formare persone capaci di vivere consapevolmente nella società civile, capaci di gestire se stessi e di aiutare tutti coloro che dovessero trovarsi in difficoltà. In situazioni d'emergenza ogni cittadino deve essere in grado di: - dare risposte corrette, - deve saper reagire positivamente, per tutelare sia la propria persona, sia quella del prossimo. 29

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli