Il piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle Istituzioni Scolastiche ed

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle Istituzioni Scolastiche ed"

Transcript

1

2 Il piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle Istituzioni Scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia. (art.3, D.P.R. n 275/1999 ) 2

3 INDICE Presentazione.pag. 2 Un po di storia. pag. 4 La scuola.pag. 5 La Mission pag. 9 La progettazione POF pag. 10 Profilo delle Competenze.pag.13 L Offerta formativa pag.18 I Progetti di integrazione del curricolo pag. 20 Orientamento e Continuità pag. 25 La Sicurezza..pag.27 Le Attività Extracurricolari e parascolastiche..pag. 29 Incontri scuola- famiglia.pag.30 Percorsi d integrazione e per l inclusività pag.31 Metodologia pag.35 Criteri di verifica e valutazione pag.37 Indicatori per la valutazione del comportamento pag.39 Formazione e aggiornamento.pag. 43 Funzioni Strumentali..pag. 43 Regolamento d istituto..pag.45 Patto di corresponsabilità..pag.52 3

4 Presentazione Il Piano dell Offerta Formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Carducci di Catania, è stato formulato col contributo delle apprezzabili professionalità che si sono alternate negli anni all interno dell istituzione scolastica e che hanno posto in essere variegate esperienze didattiche e buone pratiche nella cornice di norme, direttive, indicazioni e proposte ministeriali. Linee portanti sono: la tradizione intesa come attenzione alla persona e ai valori in relazione ad una società complessa costantemente in evoluzione demografica, scientifica, tecnologica; l innovazione come gestione di rinnovate metodologie didattiche e nuovi ambienti di apprendimento. Impegno primario è fare scuola : insegnare per imparare ad apprendere e relazionarsi in modo da saper stare al mondo. Il fare scuola è orientare, fornire all alunno gli strumenti perché acquisisca una profonda conoscenza del sé, in modo da realizzare scelte consapevoli nell immediato futuro e, successivamente, nel mondo lavorativo. Nell arco del triennio si snoda il filo rosso dell unitarietà del curricolo finalizzato al raggiungimento del traguardo delle competenze, individuate nelle Nuove Indicazioni Nazionali, nel rispetto delle potenzialità e dei ritmi di apprendimento di ciascuno, in una scuola dell inclusione: padroneggiare la lingua italiana; saper argomentare; risolvere problemi; comprendere e comunicare in situazione nelle lingue comunitarie; incontrare il patrimonio storico, artistico, ambientale; Acquisire competenze digitali. 4

5 L atmosfera che si percepisce all interno della comunità educativa è quella del prendersi cura : prendere per mano l alunno con discernimento ed empatia, organizzando una relazionalità tessuta di ascolto, rispetto, responsabilità, coerenza. La forte scommessa educativa che anima i docenti è pienamente condivisa coi genitori e le famiglie: insieme traghettiamo il figlio-alunno dall infanzia alla preadolescenza, sostenendo la sua emotività, le sue incertezze, il suo desiderio di conoscere, perché il futuro sognato diventi presente consapevole all interno di una società che si arricchisce del suo apporto come soggetto unico e irripetibile. Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Ausilia Mastrandrea 5

6 Un po di storia. Era l anno scolastico quando fu istituita a Catania la VII Istituzione scolastica della città, una scuola media unica, che ebbe come primo preside il prof. Giuseppe Musarra appassionato di studi umanistici ed estimatore della poesia di Giosuè Carducci che propose, come testimoniato dal verbale del collegio docenti del 12 gennaio 1962, di intitolare la scuola al vate della Terza Italia. E così avvenne. In quella occasione, Libertà Carducci figlia del grande poeta, per ringraziare la scuola dell omaggio tributato al padre, inviò una foto del poeta che è divenuto l emblema della scuola. Nell anno alla Carducci venne aggregata la succursale della Media di Belpasso, che divenne successivamente autonoma, con il nome di Nino Martoglio. Dai poco più di 300 alunni dell anno della fondazione, la scuola vide crescere sensibilmente il proprio numero di iscritti, tanto che le sedi fino ad allora assegnate di cui si ricorda il plesso di viale XX Settembre, al primo e secondo piano di un abitazione civile si rivelarono inadeguate ad accogliere una popolazione scolastica che nell anno scolastico si attestò sui 1050 alunni. Fu allora che divenne necessaria la scissione che portò alla nascita della scuola media Francesco Petrarca. Con un volo di oltre vent anni, è nel 1987 che la Carducci trovò la sua sede definitiva e attuale, in via Suor Maria Mazzarello. Si succedono come presidi Vito Marletta e Giuseppe Cutuli, padre della giornalista Maria Grazia, alla quale, sotto la dirigenza del preside Salvatore Caudullo, venne intitolata l aula di informatica. Il 31 Maggio 2012 la scuola ha festeggiato il cinquantesimo dalla fondazione. Un anniversario importante celebrato al Palazzo della Cultura, con il dono del tricolore, ricevuto da esponenti del Corpo delle Guardie d onore ai Sacrari di guerra. Alla presenza dell Arcivescovo Mons. Salvatore Gristina e del Sindaco avv. R. Stancanelli si proclamano gli alunni vincitori del concorso Com ero, come sono, come sarò: l importanza dell istruzione nella formazione dell uomo, articolato nelle sezioni: grafica, pittorica,fotografica e letteraria. Per ricordare il prestigioso anniversario l Ente Poste Italiane ha pensato un annullo filatelico che ha coinvolto numerosi collezionisti e non solo. L organico delle classi si è da anni stabilizzato e attestato a trenta classi. L Istituto dall anno scolastico è diretto dalla Dirigente scolastica Maria Ausilia Mastrandrea. 6

7 L edificio La struttura risale agli anni 60, è costituita da ambienti ampi e luminosi : 30 aule, i laboratori di informatica e di scienze, una fornita biblioteca multimediale, la palestra adeguatamente attrezzata, 2 locali per la segreteria, la presidenza e la vicepresidenza. L edificio è dotato di impianto di riscaldamento. Nel susseguirsi degli anni sono stati affrontati interventi di adeguamento alla normativa della sicurezza realizzando le norme antincendio; per cui l edificio oggi è sicuro nel pieno rispetto delle normative in vigore. ANALISI DEL CONTESTO SOCIALE, ECONOMICO E CULTURALE IN CUI OPERA LA SCUOLA La scuola secondaria di primo grado G. Carducci è frequentata da alunni che provengono da diverse parti della città e dall interland, poiché l istituto è ubicato in una zona ricca di uffici e di esercizi commerciali i genitori trovano conveniente iscrivere i figli presso una scuola vicina alla propria sede di lavoro. Nello stesso territorio sorgono asili nido, scuole primarie e secondarie pubbliche e private, palestre, piscine e centri di aggregazione. 7

8 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dirigente scolastic o Gestisce, coordina e promuove le risorse. VICARIO DOCENTI COLLABORATORI AREA DI SUPPORTO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA STAFF TECNICO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA COMITATO PER LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DEI DOCENTI. ORGANO DI GARANZIA - Docenti funzione strumentali - Referenti ambiti educativi - Referente per la sicurezza - Referente per la multimedialità - Referenti GLH INSEGNAMENTO Funzione insegnamento AREA apprendimento Attività di formazione e ricerca 8

9 Dati quantitativi riferiti alla scuola Alunni iscritti: Numero Classi: 30 e 10 sezioni dalla A alla L 10 classi prime 10classi seconde 10classi terze ORGANICO PERSONALE DOCENTE : 18 Docenti di Lettere 10 Docenti di Scienze Matematiche 5 Docenti di Lingua Inglese 3 Docenti di Lingua Francese 1 Docente di Lingua Spagnola 4 Docenti di Tecnologia 4 Docenti di Arte 4 Docenti di Musica 5 Docenti di Scienze motorie 3 Docenti di Religione 8 Docenti di Sostegno 1 Responsabile della Biblioteca Scolastica Multimediale ORGANICO PERSONALE A.T.A: 1 DSGA 4 Assistenti amministrativi 9 Collaboratori scolastici 9

10 MISSION Incrementare il livello delle conoscenze e delle competenze; potenziare il grado di socializzazione cooperativa. Imparare ad imparare Finalità Promuovere la formazione della personalità dell alunno, soggetto in grado di operare scelte, individuare ed interiorizzare valori. Favorire lo sviluppo delle capacità di comprendere, comunicare, fare, decidere, progettare, creare e scegliere anche il proprio futuro. Stimolare l interesse per la cultura come avventura esplorativa in cui il ragazzo si confronta con se stesso, esperimenta le sue capacità cognitive, creative e di interazione con il territorio, si appropria di contenuti significativi che appartengono al patrimonio del pensiero umano. Sviluppare comportamenti interpersonali produttivi basati sulla stima di sé nella diversità, superando pregiudizi e maturando solidarietà e capacità di collaborazione. Valorizzare la tradizione storica all interno dei principi della Costituzione Italiana e della tradizione culturale europea, in relazione anche ai mutamenti dei comportamenti, delle attività e dell organizzazione politico-sociale. 10

11 PROGETTAZIONE P.O.F. BISOGNI DEGLI STUDENTI CONSIGLIO D'ISTITUTO PROPOSTE DEI GENITORI Criteri generali Proposta COLLEGIO DEI DOCENTI Attuazione Progetti Ambiti disciplinari Comunicazione Lettura Creatività Multimedialità Ambiente - Salute Strada sicura Orientamento - Valori Attività parascolastiche Sicurezza Integrazione e Inclusività Sicurezza - Diversabilità FUNZIONI STRUMENTALI REFERENTI DISCIPLINA Giubileo Attività culturali Sussidi didattici Aggiornamento CONSIGLI DI CLASSE CONSIGLI DI CLASSE 11

12 GLI ALLIEVI ED I LORO BISOGNI FORMATIVI Gli alunni sono nella maggior parte adeguatamente seguiti dai genitori, con i quali compiono esperienze culturali di vario genere; molti si dedicano a diverse attività extrascolastiche che non sempre, però, riescono a conciliare con i ritmi di studio. Gli studenti, in genere, appaiono motivati alle attività culturali e formative, riescono a seguire un percorso di studio, ma vanno ancora indirizzati all acquisizione di un metodo di lavoro che consenta loro di essere autonomi nell organizzazione, di rendere organico il proprio sapere, di riutilizzare in altri contesti le competenze acquisite, di prefigurarsi gli esiti dello studio, di trovare soluzioni personali. La maggior parte dell utenza, quindi, non presenta particolari problematiche nel processo di apprendimento, anche se alcuni allievi evidenziano difficoltà nella sfera cognitiva ed emotivo- relazionale. Corretto il modo in cui i ragazzi si rapportano tra loro, ma talvolta la comunicazione che stabiliscono con i coetanei che ritengono diversi da loro è poco costruttiva e il ruolo che assumono nell ambito del lavoro di gruppo non è del tutto produttivo, poiché alcuni tendono a far prevalere la propria individualità. 12

13 OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO 1. Formazione integrale della persona. Promuovere processi formativi, come occasioni per sviluppare armonicamente la personalità, per consentire agli allievi di agire in maniera matura e responsabile. 2. Conoscenza della realtà sociale. Favorire lo sviluppo di competenze che diano gli strumenti per conoscere e interpretare la realtà sociale. 3. Orientamento. Favorire l iniziativa del soggetto per il suo sviluppo generale e la possibilità di operare scelte realistiche nell immediato e nel futuro, portando avanti lo sviluppo di un progetto di vita personale. 4. Sviluppo dell identità e della maturazione globale. Sollecitare l iniziativa del soggetto per sviluppare la capacità di orientarsi operando scelte realistiche nell immediato e nel futuro, portando avanti lo sviluppo di un progetto di vita personale. 5. Motivazione all apprendimento. Sviluppare conoscenze e abilità disciplinari ed interdisciplinari tenendo conto delle effettive capacità di ciascuno ed utilizzando le modalità più motivanti e ricche di senso. 6. Prevenzione dei disagi. Leggere i bisogni e i disagi dei preadolescenti ed intervenire prima che si trasformino in malesseri conclamati, disadattamenti e abbandoni. 7. Relazione educativa. Avere attenzione alla persona; valorizzare e rispettare gli stili individuali e di apprendimento; incoraggiare e orientare; ascoltare e dialogare; correggere con autorevolezza quando è necessario; sostenere; condividere. 13

14 . PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Area cognitiva riconoscere e ricordare un contenuto; trasporre in forma diversa il contenuto conosciuto; utilizzare le conoscenze acquisite anche in campi diversi; saper scomporre, smontare un contenuto complesso nelle sue parti costitutive e correlarle; ricostruire la struttura interna di un contenuto e di un procedimento in modo che divenga utilizzabile; stimare e valutare i risultati raggiunti in base a criteri stabiliti. Area della comunicazione essere disponibile ad un confronto aperto e critico delle idee; pervenire alla coscienza che la lettura è strumento insostituibile di informazione, confronto, arricchimento e che costituisce la possibilità di mettersi in discussione; essere in grado di leggere un testo espresso nei vari linguaggi, comprenderne il contenuto, individuarne il messaggio, inserirlo nella propria mappa di conoscenza; essere capace, attraverso la comunicazione verbale, di verificare quanto si apprende, di confrontarsi, di collaborare, di arricchire se stessi e gli altri; essere in grado di esprimersi verbalmente in modo adeguato rispetto alla situazione ed al destinatario; avere coscienza che scrivere è un modo di oggettivare il proprio pensiero per consentire a sé ed agli altri di: coglierlo con esattezza analizzarlo confrontarsi con esso saper esprimere quanto si vuole comunicare utilizzando diversi linguaggi rispetto all argomento, alla situazione, al destinatario. 14

15 Area relazionale contribuire alla definizione delle regole; accettare e rispettare le regole del gruppo; partecipare attivamente al lavoro di gruppo; operare insieme nel rispetto reciproco; aiutare i compagni nella consapevolezza delle capacità di ciascuno, senza distinzione di razza, provenienza e religione. Area dell autonomia personale essere in grado di portare a termine un incarico assunto; assumersi la responsabilità del proprio operato; organizzare il lavoro in modo sistematico e consapevole, utilizzando proficuamente tecniche, materiali, strumenti; essere capaci di selezionare materiali ed operare scelte funzionali alle consegne; proporre più soluzioni per un problema; trovare soluzioni nuove e funzionali al problema; essere consapevole della differenza di funzionamento delle soluzioni proposte. Area dell orientamento e delle scelte Essere in grado di conoscere sé stesso, le proprie capacità, limiti, tendenze e interessi. Operare consapevolmente un attenta autovalutazione del proprio percorso scolastico. Utilizzare strumenti culturali per orientarsi e compiere scelte adeguate alle proprie attitudini e potenzialità. 15

16 COMPETENZE DISCIPLINARI Lingua italiana: ascolta, comprende e comunica oralmente; legge e comprende testi di diverso genere; produce e rielabora testi scritti; riconosce le strutture della lingua; usa consapevolmente lo strumento linguistico, anche con ricchezza lessicale, in base allo scopo e al destinatario. Lingua inglese:comprende e utilizza espressioni di uso quotidiano.; produce testi corretti, coerenti e coesi; interagisce in una conversazione su argomenti noti.;comunica nella lingua scritta e parlata ad un livello base; utilizza funzioni e strutture linguistiche. Livello A2 Lingua Francese: comprende semplici testi; produce testi corretti, coerenti coesi; interagisce in una conversazione su argomenti noti.; confronta culture diverse. Livello A2 Matematica: utilizza le tecniche e le procedure di calcolo mentale e scritto; analizza figure geometriche e opera con grandezze e misure; individua strategie per risolvere problemi; raccoglie e analizza dati anche con l uso di applicazioni informatiche. Scienze :osserva, pone domande, fa ipotesi e le verifica; riconosce e descrive fenomeni fondamentali del mondo fisico, biologico e tecnologico; adotta atteggiamenti responsabili per lo sviluppo sostenibile della comunità umana.. Tecnologia: osserva ed analizza la realtà tecnologica; progetta, realizza e verifica esperienze operative, comprende ed usa linguaggi specifici tecnici e grafici.; utilizza semplici linguaggi informatici. Storia e geografia: conosce, ricostruisce e comprende eventi e trasformazioni storiche; si orienta e colloca nel tempo e nello spazio fatti ed eventi.; osserva, descrive e confronta paesaggi geografici con l uso di carte e rappresentazioni; colloca l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul riconoscimento dei diritti doveri garantiti dalla Costituzione. Arte: legge e comprende immagini di tipo diverso; produce messaggi con l uso di linguaggi, tecniche e materiali di tipo diverso; legge ed interpreta criticamente l opera d arte. Musica: utilizza la simbologia musicale per esprimersi con la voce e con strumentini melodici; ascolta e analizza le strutture del linguaggio musicale in relazione a contesti ed epoche diverse. Scienze motorie. impiega schemi motori, loro interazioni in situazione combinata e simultanea; utilizza le regole dei giochi sportivi praticati e abilità tecniche e tattiche. Il piano di studi si è caratterizzato in particolare per la partecipazione ad alcune attività significative : - Letterario: Latino - Redazione giornalino di istituto - Artistico - Sportivo - Musicale - Linguistico: Inglese francese spagnolo - Drammatizzazione - Laboratorio di scacchi 16

17 Descrizione dei livelli Livelli generali di competenza Livello di competenza Valutazione espressa in decimi Competenza utilizzata con sicura padronanza e autonomia, osservata in contesti numerosi e complessi operando 4 - eccellente dieci rielaborazioni personali. Competenza utilizzata con apprezzabile padronanza e autonomia, osservata in contesti ricorrenti e/o complessi 3 -avanzato nove Competenza utilizzata con buona padronanza e autonomia, osservata in contesti ricorrenti non complessi. Competenza utilizzata con sufficiente padronanza e autonomia, osservata in contesti ricorrenti e non complessi Competenza utilizzata parzialmente, spesso accompagnata da richieste di aiuto, in contesti semplici. otto 2 - intermedio sette 1 - base sei * Livelli di competenza e valutazione, espressa in decimi, devono essere scritti per esteso. 17

18 COMPETENZE TRASVERSALI METODOLOGIA DI STUDIO IMPARARE A IMPARARE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IMPARARE A IMPARARE _ Ripetizione orale con uso di termini sempre nuovi e diversi _ Rubrica dei termini nuovi _ Spiegazione scritta dell esercizio _ Riassunto di parti di lezioni _ Mappe concettuali _ Schemi _ Lettura di modelli e grafici CONOSCENZA DELLE PROPRIE MODALITA DI APPRENDIMENTO, DEI TIPI DI COMPITI DA SVOLGERE, DELLE STRATEGIE DA APPLICARE NELLE ATTIVITA DI STUDIO POTENZIAMENTO DELLE ABILITA COGNITIVE, ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE E RAFFORZAMENTO DELLA MOTIVAZIONE ALLO STUDIO PER UN ARMONICO SVILUPPO DELLA PERSONALITA CONTROLLO ESECUTIVO E VALUTAZIONE _ test a risposta singola _ trattazione sintetica _ Esposizione delle proprie riflessioni _ Individuazione dei concetti chiave _ Focalizzazione dell attenzione sulle definizioni presenti nel testo e sulle esemplificazioni _ Riproduzione di un testo mediante le immagini _ Drammatizzazione Curricolo verticale Carducci Turrisi Colonna 18

19 OFFERTA FORMATIVA ATTIVITÀ CURRICOLARI Tempo scuola 29h/settimanali +1 di approfondimento di materie letterarie. Le lezioni hanno inizio alle ore 8,15 e si concludono alle 13,15 Servizi per gli studenti Pre scuola dalle h.7,30 alle h. 8,15; post- scuola dalle h.13,15 alle h.14,30; sabato dalle h.13,15 alla h.13,45. Le attività di pre - scuola e post- scuola sono fornite dalla cooperativa Liolà QUADRO ORARIO Discipline Religione Italiano Storia Cittadinanza e Costituzione Geografia Inglese Lingua comunitaria Matematica e scienze Tecnologia Arte e immagine Musica Scienze motorie

20 Area linguistico artistico espressiva Italiano Lingue comunitarie Musica Arte e immagine Scienze motorie Area storico geografica sociale Storia Geografia Cittadinanza e costituzione Religione Area matematico scientifico tecnologico Matematica Scienze Tecnologia Il Curricolo Progetti di integrazione del curricolo Attività curricolari Attività extracurricolari e parascolastiche ( orario pomeridiano) Educazione alla lettura e creatività. Educazione alla legalità e ai valori. Educazione ambientale. Educazione alla salute e alla sicurezza Educazione stradale. Uscite didattiche Gite e viaggi d istruzione. Accoglienza, Orientamento e continuità. Sostegno, integrazione e inclusività. Attività di recupero, consolidamento e potenziamento. Latino. Corsi di latino Corsi di recupero di italiano e matematica Corsi di lingua inglese, francese, spagnolo con docenti madre lingua. Pratica strumentale: (pianoforte e chitarra) e corale Attività sportive Laboratorio teatrale. Giornalismo 20

21 Ampliamento dell offerta formativa Progetti di integrazione del curricolo ALUNNO TERRITORIO VALORI La scuola, sulla base delle finalità individuate in relazione ai bisogni dei propri studenti, ha elaborato un progetto trasversale di ampliamento e di integrazione delle esperienze curricolari di base che vedrà impegnati tutti gli alunni ed i docenti dei consigli di classe e che si articolerà in diverse attività formative concernenti: La comunicazione Le relazioni La progettualità Il rispetto delle regole 21

22 Finalità Educare l adolescente a conoscere se stesso ed a rapportarsi con la realtà esterna dal punto di vista sociale, economico, ambientale. Favorire nell alunno l interiorizzazione dei valori fondamentali per lo sviluppo armonico della sua personalità di uomo e cittadino. Promuovere la capacità di operare scelte responsabili. 22

23 Obiettivi Prendere coscienza della propria identità anche attraverso la comunicazione interpersonale. Riflettere sui valori di libertà, dignità dell uomo, solidarietà, pace, per interiorizzarli. Essere in grado di mettere in atto comportamenti corretti e responsabili anche in materia di sicurezza. Conoscere alcune rilevanti trasformazioni dell ambiente, per valutare cause, effetti ed individuare prospettive. Acquisire una cultura del territorio tenendo presente l area dei servizi amministrativi, le realtà produttive, i beni culturali, i mestieri, le professioni e le loro trasformazioni legate al progresso tecnologico. Adottare comportamenti finalizzati a favorire il miglioramento della qualità della vita. Potenziare la capacità di autovalutazione e orientamento. Il progetto, che potrebbe richiedere un contributo finanziario da parte delle famiglie, si concretizzerà nella quotidiana operatività all interno delle ore curricolari, attraverso piani interdisciplinari riguardanti: Accoglienza L educazione all ambiente L educazione alla salute L educazione stradale Lettura e creatività Orientamento e continuità L educazione alla legalità e ai valori L educazione alla comunicazione ed alla multimedialità L educazione alla sicurezza Progetto FAI articolati in diverse fasi: informativa, anche con la presenza di esperti; esperienziale; riflessiva; produttiva, mediante relazioni, cartelloni, opuscoli, prove di simulazione, c.d. rom. 23

24 Educazione Ambientale Obiettivi : Acquisizione di una coscienza civica per una corretta gestione delle risorse territoriali. Sviluppo dell interesse e della creatività per un approccio alla cultura non solo attraverso i testi, ma come avventura esplorativa. Conoscere gli ecosistemi del territorio. Imparare a difendere conservare e valorizzare l ambiente come bene di tutti. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà oltre che delle discipline curricolari anche della collaborazione con: Università- Ente locale- Enti esterni. Sono previste anche visite guidate a luoghi d interesse e gite d istruzione. Obiettivi : Educazione alla salute Favorire la crescita personale. Acquisire autonomia. Acquisire comportamenti corretti in relazione alla prevenzione e alla tutela del benessere fisico e psichico. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà oltre che delle discipline curricolari anche della collaborazione con: ASP- Ente locale- AVIS ed Enti esterni 24

25 . Educazione Stradale Obiettivi : Prendere coscienza dell importanza e della necessità delle norme volte a regolare la vita associativa. Acquisire autonomia e senso di responsabilità. Rispettare la vita. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà oltre che delle discipline curricolari anche della collaborazione con i Vigili Urbani che incontreranno gli alunni delle seconde e terze classi. Educazione alla lettura e creatività Obiettivi: Educare alla lettura espressiva e critica come ampliamento dei propri orizzonti culturali ed approfondimento della comprensione dell uomo e del mondo, dei sentimenti e dei valori. Sviluppare competenze ideative, testuali, comunicative, espressive. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà della Biblioteca multimediale e del progetto Giornalino d istituto 25

26 Progetto FAI (Fondo Ambiente Italia) Obiettivo : Educare al rispetto dell arte e della natura. Sensibilizzare alla tutela del nostro patrimonio artistico, apprezzandone l immenso valore culturale e storico. Il progetto interesserà tutte le classi e si svolgerà in orario antimeridiano. Educazione alla comunicazione e alla multimedialità Obiettivo : Apertura alle diverse forme di comunicazione artistica, giornalistica, e multimediale per una migliore comprensione ed una presenza attiva, consapevole e critica nel mondo attuale. Il progetto interesserà tutte le classi e tutti i docenti, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà dell uso del laboratorio di informatica Educazione alla legalità e ai valori Obiettivi : Riflettere sui valori di libertà, dignità dell uomo, solidarietà. Mettere in atto comportamenti corretti. Il progetto interesserà tutte le classi, si svolgerà in orario antimeridiano e si avvarrà della collaborazione di Enti e Istituzioni locali a nazionali 26

27 ORIENTAMENTO E CONTINUITA Obiettivi Creare rapporti interattivi tra gli attuali cicli dell obbligo. Promuovere la continuità dinamica del processo educativo e formativo. Avviare ciascun alunno all acquisizione, gradualmente più consapevole, della propria identità, alla conoscenza delle proprie capacità, limiti, tendenze, e potenzialità orientandolo verso scelte future motivate, consapevoli, ed attente al contesto e alle offerte del territorio. Attività di Orientamento Test psicodiagnostico P.M.A. in collaborazione con l Ufficio Orientamento scolastico del comune di Catania. Giornata dell orientamento con la partecipazione delle scuole secondarie di secondo grado. Progetto Un giorno al liceo che prevede la frequenza dei nostri alunni presso gli istituti superiori. Visita al salone Orientamedia. Incontro con le famiglie per illustrare il Consiglio Orientativo. Collaborazione con il liceo G. Galilei,scuola polo per l orientamento, per la condivisione di percorsi di didattica orientativa, di test d ingresso ed attività di monitoraggio dei nostri alunni. 27

28 Attività per promuovere la continuità Curricolo verticale: le linee guida del nostro progetto sono inserite nel documento Un modello di curricolo verticale- Competenze- Osa- Metodologie elaborato con il liceo Turrisi Colonna. Protocollo d intesa con il liceo classico M. Cutelli riguardante il Progetto Continuità. Curricolo verticale con le scuole primarie di riferimento e condivisione test d ingresso. Giornata OPEN DAY organizzata per genitori ed alunni delle classi quinte. 28

29 Educazione alla Sicurezza Il verificarsi con sempre maggiore frequenza di eventi calamitosi e di infortuni sul lavoro ha contribuito a sensibilizzare la coscienza individuale e ha modificato l atteggiamento fatalista che pregiudicava l affermazione del processo culturale della protezione civile e della sicurezza sui posti di lavoro. Obiettivi: - superare le condizioni di incertezza ed improvvisazione che, per lungo tempo, hanno rappresentato la precaria risposta alle varie situazioni di rischio, - dedicare la massima attenzione nei confronti di ciò che può essere fonte di pericolo - imparare a prevenire e a fronteggiare gli eventi con adeguate misure di sicurezza e corrette azioni comportamentali. Le azioni e i compiti di ciascuno devono coordinarsi in un programma che ha come scopo la sicurezza di tutti, devono pertanto mirare al senso di responsabilità e ad attiva collaborazione. L Educazione alla Sicurezza è riconosciuta dalla nostra Scuola come bisogno primario e, quindi, come obiettivo trasversale a tutte le discipline del curricolo formativo. Funzionale a questo scopo è: - la conoscenza dei rischi del territorio, - la collaborazione con Enti specifici, che già operano nel territorio, al fine di elaborare piani operativi finalizzati anche alla protezione civile e alla salvaguardia della vita propria e altrui. L esigenza primaria è la conoscenza del territorio, inteso come edificio scolastico e contesto nel quale esso è inserito, realizzata tramite l indagine ricerca. Il requisito principale, per attuare processi che garantiscono la sicurezza (limitando quindi il danno determinato da una situazione di pericolo), resta quello dell informazione, accanto ad una formazione mirata e calibrata alle varie esigenze e correlata alle mansioni dei vari operatori scolastici (docenti, discenti e non docenti). La Scuola vuole formare persone capaci di vivere consapevolmente nella società civile, capaci di gestire se stessi e di aiutare tutti coloro che dovessero trovarsi in difficoltà. In situazioni d'emergenza ogni cittadino deve essere in grado di: - dare risposte corrette, - deve saper reagire positivamente, per tutelare sia la propria persona, sia quella del prossimo. 29

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO Sintesi del Piano dell offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDI ED INDIRIZZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L Istituto

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA I.C. MAHATMAGANDHI,VIA CORINALDO 41 ROMA 5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA - Continuità- Integrazione Orientamento Nido-Infanzia Infanzia- Primaria Primaria- Secondaria - Diversità, integrazione e inclusione

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche,

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Via Pascoli Via G. Pascoli, 256-47521 CESENA (FC) Tel. 0547/611134 - Fax. 0547/29163 E-mail: fomm03100p@istruzione.it - www.viapascolicesena.gov.it P.E.I. PIANO

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

pec: anic82900r@pec.istruzione.it 60035 JESI (AN) Scuola secondaria Scuola secondaria I grado B.Croce G.Leopardi Scuola primaria

pec: anic82900r@pec.istruzione.it 60035 JESI (AN) Scuola secondaria Scuola secondaria I grado B.Croce G.Leopardi Scuola primaria Scuola secondaria I grado G.Leopardi Via Gola della Rossa Jesi tel 0731 205048 Scuola primaria Monte Tabor Via XX Luglio Jesi tel 0731 648380 Istituto Comprensivo "Carlo Urbani www.ic-urbanijesi.it Jesi

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso (PV) Tel. 0382 969143 0382 960306-fax. 038 2972315 e-mail uffici : sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Prot. n.4127/a32 Genova, lì 12 ottobre 2015

Prot. n.4127/a32 Genova, lì 12 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALDO Via L. Montaldo, 8 16137 GENOVA Tel. 010/8392409 Fax 010/ 8393429 e.mail geic83000d@istruzione.it www.icmontaldo-genova.gov.it Prot. n.4127/a32 Genova, lì 12 ottobre 2015

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino LA SCUOLA PRIMARIA Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino 1 Istituto Comprensivo Savignano sul Panaro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014-2015

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DOSOLO-POMPONESCO-VIADANA Via Colombo 2, 46030 San Matteo delle Chiaviche (MN). Tel. 0375 800041 Fax: 0375 80216 Sito: : www.icdosolopomponescosanmatteo.gov.it

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Protocollo Accoglienza Scuola Primaria

Protocollo Accoglienza Scuola Primaria Istituto Comprensivo Enrico Fermi Macerata Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado C.T.P. E.d.A. C.R.T. Sede Centrale e Amministrativa: 62100 Macerata, Via Pace 2 Tel. 0733/ 237959

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. LA VALUTAZIONE

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. LA VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE 106 La valutazione è parte integrante della programmazione, non solo come momento di verifica degli apprendimenti, ma come spunto per migliorare progetto educativo- formativo. Il momento

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

CAP 7 : ACCOGLIENZA /CONTINUITA E ORIENTAMENTO 7.1 ACCOGLIENZA

CAP 7 : ACCOGLIENZA /CONTINUITA E ORIENTAMENTO 7.1 ACCOGLIENZA CAP 7 : ACCOGLIENZA /CONTINUITA E ORIENTAMENTO 7.1 ACCOGLIENZA Con il PROGETTO ACCOGLIENZA, la scuola si impegna, con opportune azioni, e atteggiamenti adeguati da parte di tutti gli operatori, a favorire

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingua straniera : Inglese, Francese

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingua straniera : Inglese, Francese PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE I SEZ. A ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Lingua straniera : Inglese, Francese Tempo prolungato Numero alunni 19, di cui 4 maschi e 15 femmine Composizione

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Funzione Strumentale Giovanna Perrella Un po di normativa I perché della Continuità L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando

Dettagli

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 FINALITA Questo documento denominato PROGETTAZIONE INCLUSIVA è una guida d informazione riguardante l accoglienza, l integrazione e l inclusione

Dettagli

Programmazione Didattica del Consiglio della Classe 2F Linguistico A.S. 2015/16

Programmazione Didattica del Consiglio della Classe 2F Linguistico A.S. 2015/16 LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico La seguente Scheda di Programmazione delle attività educative e didattiche del Consiglio di Classe della 2F

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo grado Viale Santuccio (Ex V.le Lido)

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni, la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione Scuola a.s. 2016/17_ Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 22

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Verdellino Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado Largo Cartesio, 1-24040 Verdellino (BG) Tel. 035 884516

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società e la scuola ha il compito di assicurare a tutti il diritto allo studio e al successo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Dati di carattere generale

Dati di carattere generale Dati di carattere generale La legge 104/92 Risponde ad un esigenza di condivisione fra tutte le componenti della società (scuola, famiglia, lavoro, ASL, Enti Locali.) per ricostruire l unità dell idea

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA U FFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA L'inserimento delle/degli studenti diversamente abili nelle classi è finalizzato alla piena integrazione di

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE "G.B.NICOLOSI" - PATERNO

SCUOLA MEDIA STATALE G.B.NICOLOSI - PATERNO SCUOLA MEDIA STATALE "G.B.NICOLOSI" - PATERNO ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA - LINEE ESSENZIALI PREMESSA Il POF della S.M.S. "G.B.Nicolosi" di Paternò riflette le esigenze del contesto

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016

Anno Scolastico 2015-2016 Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni Pascoli Via Tagliamonte, 21 80058 Torre Annunziata (Na) POF Anno Scolastico 2015-2016 PREMESSA L istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Montebelluna 2 LINEE DI INDIRIZZO GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Accertata IL CONSIGLIO DI ISTITUTO il DPR 275/99

Dettagli