STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km Bovalino (RC)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)"

Transcript

1

2 COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright, nonché dalle leggi e trattati sulle proprietà intellettuali. E' vietata la cessione o la sublicenziazione del software a terzi. E' altresì vietata la riproduzione del presente manuale in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo senza la preventiva autorizzazione scritta del produttore. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a: Stacec s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km Bovalino (RC) Tel. 0964/67211 Fax. 0964/

3 MANUALE D USO Local Seismic Response 2D 3

4 1. Introduzione La valutazione delle caratteristiche del moto del terreno in superficie a seguito di un terremoto è di fondamentale importanza per la progettazione di strutture in grado di resistere alle azioni sismiche. Come è noto, in assenza di manufatti, tali caratteristiche possono essere attribuite a tre meccanismi fondamentali: meccanismo di sorgente, propagazione delle onde dalla sorgente al sito e risposta sismica locale. In modo particolare, quest ultima è responsabile delle modifiche in ampiezza, durata e contenuto in frequenze, che un moto sismico relativo ad una formazione rocciosa di base (terremoto di riferimento), subisce attraversando gli strati dal bedrock fino alla superficie [Lanzo G. et al.,1999]. Il fenomeno della risposta sismica locale è stato oggetto di numerosi studi negli ultimi trent anni, basati sull analisi delle registrazioni di eventi sismici e su modellazioni di carattere numerico, a tal punto da essere introdotto nei moderni codici normativi. Lo stesso testo NTC2008 (Cap ) propone, come via ufficiale, un approccio numerico (monodimensionale o bidimensionale a seconda dei casi) per la valutazione della reale risposta sismica stratigrafica del deposito di terreno alla scala della singola opera o del singolo sistema geotecnico. L analisi numerica per la valutazione della risposta sismica locale, oltre ad essere più accurata rispetto all approccio semplificato descritto dall NTC2008 (categorie di sottosuolo), consente di identificare l amplificazione stratigrafica nel caso specifico individuando intervalli di periodo più limitati rispetto a quelli di normativa e di conseguenza ottenere dimensionamento strutturale più economico. Il software LSR 2D (Local Seismic Response 2d) consente di effettuare una modellazione bidimensionale di tale problematica mediante un approccio agli elementi finiti, nel dominio del tempo, in tensioni totali, utilizzando un modello di sottosuolo alla Kelvin-Voigt. 4

5 2.1 Interfaccia grafica Interfaccia grafica L interfaccia grafica di LSR2D è caratterizzata da una finestra principale e da altre finestre secondarie. La finestra principale è dotata di menù da cui attivare le varie funzioni. La parte a destra della finestra principale è chiamata Area Operativa. fig 2.1- Finestra principale 5

6 Componenti della finestra principale I pulsanti della finestra principale sono di seguito elencati. 6

7 Dati Apre l editor dei Dati Generali. Apre l editor degli Accelerogrammi. Apre l editor delle Curve di decadimento. Modello Attiva/disattiva la funzionalità che consente di selezionare gli elementi del modello. Attiva/disattiva la funzionalità che consente di inserire nuovi punti nel modello o di selezionare punti esistenti sul modello. Attiva/disattiva la funzionalità che consente di inserire nuovi segmenti nel modello o di selezionare segmenti esistenti sul modello. Attiva/disattiva la funzionalità che consente di spezzare un segmento aggiungendo un nuovo punto intermedio sul modello. Attiva/disattiva la funzionalità che consente di selezionare nuovi strati o di selezionare strati esistenti sul modello. 7

8 Attiva/disattiva la funzionalità che consente di selezionare nuove colonne o di selezionare colonne esistenti sul modello. Utilità Elimina l intero modello. Creazione guidata modello 1D. Calcolo Importazione modello da file dxf/dwg. Attiva/disattiva la generazione della mesh. Output Avvia il calcolo. Apre il plot per la visione dei risultati del calcolo. Apre l ambiente per la visione dei risultati sui punti di controllo. Avvia la generazione della relazione di calcolo. 8

9 Zoom e Viste Tasti per lo zoom. Consente l esportazione del modello in un file dxf. Finestre secondarie Finestra input accelerogrammi Fig. 2.2 Finestra input accelerogrammi. I pulsanti della finestra input accalerogrammi sono di seguito elencati. Inserisce un nuovo accelerogramma. Cancella l accelerogramma selezionato. Cancella tutti gli accelerogrammi inseriti. 9

10 Finestra input Modello 1D Consente di inputare le proprietà della colonna stratigrafica per analisi monodimensionale. Per richiamare la finestra cliccare sul pulsante. Fig. 2.3 Finestra creazione guidata modello 1D. Larghezza base - Lunghezza della base della stratigrafia Ro - Densità di massa del bedrock Vs - Velocità delle onde S del bedrock Vp - Velocità delle onde P del substrato Inserisce un nuovo strato Inserisce un nuovo strato prima dello strato selezionato Elimina lo strato selezionato Elimina tutti gli strati inseriti. 10

11 2.2 Interfaccia Plot risultati calcolo Per visualizzare il comportamento del terreno si acceda all ambiente PLOT cliccando sul pulsante. In tal caso LSR_2D consente di visualizzare i risultati nei vari punti del volume e lungo le colonne di controllo. Fig. 2.4 Finestra Plot Risultati calcolo Elementi finiti. Per visualizzare i risultati nel volume si clicchi sulla linguetta Elementi finiti. Per visualizzare i risultati lungo le colonne di controllo volume si clicchi sul la linguetta Colonne di controllo. 11

12 Consente di esportare in formato txt o in formato.jpeg il grafico visualizzato relativo alla colonna di controllo selezionata. 1) Consente di selezionare la colonna di controllo per il quale ottenere i risultati. 2) Consente di selezionare l analisi rispetto alla quale ottenere i risultati. 3) Consente di selezionare la condizione rispetto alla quale ottenere i risultati. Consente di visualizzare i risultati in termini di spostamenti nei vari punti del volume o lungo la colonna di controllo selezionata. 12

13 Consente di visualizzare i risultati in termini di velocità nei vari punti del volume o lungo la colonna di controllo selezionata. Consente di visualizzare i risultati in termini di accelerazioni nei vari punti del volume o lungo la colonna di controllo selezionata.. Consente di visualizzare i risultati in termini di deformazioni nei vari punti del volume o lungo la colonna di controllo selezionata. Consente di visualizzare i risultati in termini di deformazioni nei vari punti del volume o lungo la colonna di controllo selezionata. Consente di visualizzare le proprietà dei materiali i nei vari punti del volume o lungo la colonna di controllo selezionata. 13

14 Fig. 2.5 Finestra Plot Risultati calcolo colonne di controllo. 2.3 Interfaccia Output risultati punti di controllo 14

15 Fig. 2.6 Finestra output risultati punti di controllo. Componenti della finestra Output risultati punti di controllo I controlli ed i pulsanti della finestra Output risultati punti di controllo sono di seguito elencati. 1) Consente di selezionare il punto di controllo per il quale ottenere i risultati. 2) Consente di selezionare l analisi rispetto alla quale ottenere i risultati. 3) Consente di selezionare la condizione di carico. 4) Consente di selezionare il dominio rispetto al quale ottenere i risultati ( dominio del tempo o dominio delle frequenze). 5) Consente di scegliere il tipo di risultato cinematico in termini di spostamenti, accelerazioni o velocità. 6) Consente di selezionare la direzione rispetto alla quale restituire i risultati dell analisi (direzione orizzontale X o verticale Z). Visualizza lo spettro medio di input (opzione attiva per risultati nel dominio delle frequenze). 15

16 Visualizza lo spettro medio di output (opzione attiva per risultati nel dominio delle frequenze). Visualizza lo spettro lisciato di output (opzione attiva per risultati nel dominio delle frequenze). Visualizza lo spettro parametrizzato (opzione attiva per risultati nel dominio delle frequenze). Calcola intensità di Housner (opzione attiva per risultati nel dominio delle frequenze). Salva i punti dei grafici in formato.txt. Salva il grafico corrente come immagine. 16

17 3. Input 3.1 Fasi di Input In figura 3.1 è riportata la Finestra principale del software dalla quale è possibile accedere ai diversi ambienti che consentono di effettuare la modellazione. Tale modellazione può essere schematizzata nelle seguenti fasi: - Inserimento dati generali del progetto; - Caricamento accelerogrammi di input e scalatura rispetto alla PGA; - Inserimento modelli di decadimento del modulo di taglio e del rapporto di smorzamento viscoso del terreno; - Inserimento della stratigrafia; - Posizionamento di uno e più punti di controllo in superficie; - Inserimento delle colonne di controllo; - Generazione della mesh di calcolo; - Definizione delle analisi e condizioni di carico. Fig. 3.1 Interfaccia principale LSR2D. 17

18 3.2 Input Dati - Dati generali del progetto Cliccando sul pulsante dell interfaccia principale appare l interfaccia Dati generali rappresentata in figura 3.2. Da qui, accedendo dalla voce Dati generali calcolo è possibile editare: - Numero di threads ( pari al numero di processori logici); - Azzera caratteristiche materiali per ogni azione di carico; - Errore relativo sul decadimento del modulo di taglio; - Errore relativo sul decadimento del rapporto di smorzamento; - Modello piano in deformazione o in tensione; - Rapporto deformazione effettiva; - Numero massimo di iterazioni per ricerca degli autovalori del deposito; - Visualizza modello FEM; - Seleziona modi naturali; - Periodo minimo spettro in Output; - Periodo massimo spettro in Output; - Periodo passo (passo per il periodo in Output); - Smorzamento viscoso di riferimento (espresso in percentuale e generalmente posto pari al 5%) per il calcolo dello spettro di risposta. - Per gli utenti che siano in possesso della licenza del programma QUAD4-M ( da acquistarsi direttamente presso il concessionario del programma stesso e non presso Stacec) LSR_2D da la possibilità di effettuare il calcolo utilizzando QUAD4-M come solutore in alternativa all utilizzo del solutore interno di LSR_2D. In questo caso è necessario : - A) mettere la spunta sull opzione di input Attiva QUAD4-M; - B) Definire il valore del campo Vs bedrock; - C) Definire il valore del campo Vp bedrock; - D) Definire il valore del campo Densità del bedrock; - - Coefficiente per determinare la deformazione di taglio efficace a partire da quella massima; 18

19 Fig. 3.2 Interfaccia dati generali - Dati generali calcolo. Accedendo alla voce calcolo rappresentata in figura 3.3 è possibile editare i parametri: - Tolleranza calcolo autovalori; - Numero massimo iterazione autovalori; 19

20 Fig. 3.3 Interfaccia dati generali - Calcolo. 20

21 3.3 Input Dati - Accelerogrammi Cliccando sul pulsante appare l interfaccia Accelerogrammi rappresentata in figura 3.4. Fig. 3.4 Inserimento accelerogrammi. L interfaccia Accelerogrammi consente di caricare singoli accelerogrammi di input in formato *.txt. La formattazione del file è la seguente: E E E-03 La prima colonna contiene gli istanti di tempo e la seconda le accelerazioni. Cliccando sul pulsante Inserisci accelerogramma bisogna definire il percorso del file, quindi specificare le unità di misura utilizzate per tempi e per le accelerazioni all interno del file ed il valore di accelerazione di picco (PGA) che si vuole utilizzare per la scalatura dell accelerogramma (si veda finestra riportata in Fig. 3.5). 21

22 Fig. 3.5 Inserimento accelerogrammi. Una volta inserito l accelerogramma è possibile modificarne il nome. 22

23 Fig. 3.6 Visualizzazione accelerogrammi di input. N.B. Il fattore di scala (indicato in rosso in Fig. 3.6) può essere interpretato come il rapporto tra la PGA scelta dall utente in fase di inserimento dell accelerogramma ed il valore dell accelerazione di picco del record inserito. Tale valore può essere modificato in qualsiasi momento dall utente. Per comodità di inserimento, qualora fosse necessario, è anche possibile effettuare una selezione multipla (Fig. 3.7) degli accelerogrammi tenendo premuto il tasto Ctrl. In tal caso su tutti gli accelerogrammi selezionati viene effettuato lo stesso processo di scalatura. 23

24 Fig. 3.7 Selezione multipla degli accelerogrammi in fase di caricamento. 24

25 3.4 Input Dati- Curve di decadimento moduli G e D Il modello lineare equivalente, che sta alla base del calcolo, prende in considerazione le variazioni del modulo di taglio G e del rapporto di smorzamento viscoso D, con il livello deformativo γ del terreno. Tali caratteristiche devono essere attribuite ad ogni singolo strato in funzione della natura e di opportune prove effettuate su di esso. Cliccando sul pulsante rappresentata in figura 3.8. appare l interfaccia Editor Curve di Decadimento Il programma consente di assegnare ad ogni strato che compone il profilo stratigrafico una coppia di curve di decadimento fra quelle presenti nel database (Editor); la procedura verrà illustrata nel paragrafo in cui si illustrerà l input degli strati. Fig. 3.8 Finestra di editor curve di decadimento. Nell ambiente Editor sono presenti delle curve di decadimento predefinite che fanno riferimento a dei modelli di sottosuolo ben noti in letteratura. E possibile aggiungerne delle altre secondo la procedura di seguito illustrata. Cliccando sul pulsante inserisci dell interfaccia Editor Curve di Decadimento è possibile creare e quindi salvare nell Editor altre curve di decadimento. Tali curve possono essere definite manualmente per punti oppure essere importate come file.csv. 25

26 3.5 Input Modello - Profilo stratigrafico per analisi monodimensionale Nel caso di analisi monodimensionale cliccare sul pulsante dell interfaccia principale. Comparirà l interfaccia wizart Creazione guidata modello 1D rappresentata in figura 2.8. Da qui è possibile editare: Fig. 3.9 Finestra di Creazione guidata modello 1D. - Larghezza della base della colonna; - r - Densità del bedrock; - vs - Velocità delle onde di taglio all interno del bedrock; - vp - Velocità delle onde pressione all interno del bedrock. E inoltre possibile editare numero e caratteristiche di ogni singolo strato che compone la colonna stratigrafica. In particolare ad ogni strato è possibile editare - Nome; - Spessore; 26

27 - Densità; - Velocità di propagazione Vs delle onde di taglio; - Coefficiente di Poisson; - Modello di decadimento, ossia l assegnazione di una coppia di curve di decadimento fra quelle presenti nell editor Curve di Decadimento. - Un colore che lo contraddistingua. Per aggiungere uno o più strati cliccare sul pulsante inserimento strato successivamente editarne le caratteristiche. e 3.6 Input Modello - Profilo stratigrafico analisi bidimensionale Nel caso di analisi bidimensionale è necessario ricostruire il profilo stratigrafico definendone i punti, le linee che uniscono tali punti e che vanno a ricostruire i vari strati del profilo. Input di base Input punto - Cliccare sul pulsante quindi cliccare (tasto sinistro del mouse) nell area grafica: il punto verrà inserito. Cliccare su un punto inserito al fine di modificarne le proprietà: - Nome punto; - Punto di controllo; - Coordinate x e z; - Cinematismo x e z - Passo mesh - Carichi statici Fx e Fz. Input segmento - Cliccare sul pulsante quindi cliccare una sequenza di punti nell area grafica o su una sequenza di punti già esistenti per inserire uno o più segmenti. Input strato - Mediante l input di una sequenza di punti e segmenti è possibile definire una o più maglie chiuse. Cliccare sul pulsante quindi cliccare sui vertici di una maglia chiusa o all interno di una maglia chiusa o racchiudere in un box una o più maglie chiuse per inserire uno o più strato. Selezionare uno o più strati per modificarne le proprietà: 27

28 - Nome strato - Descrizione strato - Colore - Modello Modello da adottare per le curve di decadimento utilizzate per la descrizione dei parametri di rigidezza e smorzamento dello strato; - r Densità del materiale - Vs Velocità delle onde di taglio; - Ni Coefficiente di Poisson; - Ginis Modulo di taglio iniziale; - Diniz Rapporto di smormamento viscoso iniziale; Fig Personalizzazione dati input singolo strato. In alternativa alla procedura descritta nel caso di analisi bidimensionale è possibile importare un profilo stratigrafico precedentemente imputato mediante un file CAD e salvato in formato dxf o dwg. Per avviare la procedura cliccare sul pulsante per avviare la finestra importazione da file dxf/dwg, 28

29 Fig Importazione stratigrafia da file dxf/dwg. selezionare tra le opzioni l unità di misura del disegno, cliccare su Apri File dxf e cliccare sul file da importare. Dopo aver importato la stratigrafia da dxf\dwg e necessario definire ed assegnare le caratteristiche dei singoli strati secondo la procedura precedentemente descritta. 3.7 Definizione delle condizioni al contorno Input condizioni al contorno Selezionare i segmenti della frontiera ed assegnare la restrizione Vincolato Z (vedi figg e 3.13). 29

30 Fig Input condizioni al contorno. Fig Input condizioni al contorno. 30

31 Definizione del BedRock Selezionare i segmenti che delimitano inferiormente il profilo stratigrafico, mettere la spunta sul campo Bedrock e personalizzarne i parametri. Fig Personalizzazione dati Bedrock. 3.8 Definizione punti di controllo Prima di procedere con la generazione della mesh di calcolo è necessario effettuare una scelta sulla posizione del punto ( o dei punti) di controllo. A tale punto, infatti, vengono riferiti tutti i risultati dell analisi in termini di risposta sismica nel dominio delle frequenze. Cliccare sul tasto e cliccare su un punto già inputato. Nell editor proprietà punti mettere la spunta sul campo Punto di controllo (Fig.3.15) per definire come tale il punto selezionato. I punti definiti come punti di controllo verranno contrassegnati con colore rosso( ). In quest ambito è possibile assegnare un infittimento del passo mesh nell intorno di ciascun punto di controllo intervenendo sull editor Passo. 31

32 Fig Finestra Editor proprietà punto. 3.9 Definizione colonne di controllo Il programma consenti di definire una o più colonne di controllo. Con riferimento a ciascuna di esse, il programma restituirà i risultati in termini di spostamenti, velocità, accelerazioni, deformazioni e sforzi. Cliccare sul tasto e cliccare su un punto attivo della stratigrafia per inserire una nuova colonna. Cliccare sulla colonna inserita per modificare il nome e\o la posizione intervenendo sui parametri dell editor colonna. 32

33 Fig Finestra Editor proprietà Colonna di controllo. Fig Definizione colonna di controllo. 33

34 3.10 Definizione delle analisi e delle condizioni di carico Per un profilo stratigrafico è possibile condurre più analisi di risposta sismica locale e per ognuna di esse possono essere processati più accelerogrammi. Fig Definizione delle analisi e scelta degli accelerogrammi. L aggiunta di una nuova analisi viene effettuata cliccando sul pulsante Inserisci analisi. 34

35 Nel caso di analisi monodimensionale per ogni analisi aggiunta è possibile definire una serie di condizioni di carico per ciascuna delle quali è richiesta la definizione di 1 accelerogramma ( si ricorda che per ciascuna analisi è necessario definire almeno 7 accelerogrammi). Nel caso di analisi bidimensionale per ogni analisi aggiunta è possibile definire una serie di condizioni di carico per ciascuna delle quali è richiesta la definizione di 2 accelerogrammi, uno per la componente orizzontale del moto (direzione x) ed uno per la direzione verticale (direzione Z). 4. Elaborazione Mesh e Calcolo 4.1 Elaborazione Generazione mesh Per personalizzare i parametri della mesh dell editor Profilo stratigrafico (fig 4.1) intervenire sui campi mesh (a maglia quadrilatera o triangolare) e passo. Fig. 4.1 Scelta parametri mesh. Per poter cogliere in maniera più accurata la riposta in corrispondenza dei punti di controllo è infatti possibile ridurre la dimensione degli elementi della mesh in corrispondenza di esso. Per le impostazioni sul passo mesh nell intorno dei punti di controllo procedere come riportato al punto 3.8. Cliccare sul tasto o sul tasto 35

36 per generare e visualizzare la mesh (vedi figura 4.2). Fig. 4.2 Generazione mesh. 4.2 Elaborazione calcolazione Completata la fase di input è possibile procedere con l esecuzione del calcolo cliccando sul pulsante 4.3. ; apparirà la finestra di dialogo rappresentata in figura 36

37 Durante la calcolazione vengono visualizzati: - Il modello FEM (finestra in alto a sinistra); - Lo spettro di risposta riferito al bedrock della condizione che si sta processando (curva ); - Lo spettro di risposta riferito al punto di controllo della condizione che si sta processando (curva alla fine di ogni condizione); - Tempi di calcolo e informazioni sullo stato del modello ad ogni step; - Stato di avanzamento parziale e totale mediante barre d avanzamento. Fig. 4.3 Stato di avanzamento calcolo FEM. 5. OutPut 5.1 OutPut risultati nel dominio dello spazio Mediante il pulsante è possibile accedere alla finestra di figura

38 Da tale ambiente è possibile visualizzare per ogni analisi la risposta del terreno nei vari punti della mesh in termini di spostamenti, velocità accelerazioni, deformazioni e sforzi. Fig. 5.1 Finestra di visualizzazione dei risultati. Cliccando sulla linguetta Colonne di controllo è possibile visualizzare I risultati dell analisi lungo le colonne di controllo; tali diagrammi dei possono essere salvati in formato.txt o in formato.jpeg (fig 5.2). 38

39 Fig. 5.2 Finestra di visualizzazione dei risultati nelle colonne di controllo. 39

40 5.2 OutPut risultati nel dominio del tempo Interfaccia output risultati punti di controllo. Fig. 4.2 Finestra output risultati punti di controllo. Per ottenere i risultati nel dominio del tempo o delle frequenze cliccare sul pulsante al fine di attivare la scheda Risultati punto di controllo. 40

41 Fig. 4.3 Scheda risultati punti di controllo. (1) Scegliere il punto di controllo (2) Scegliere l analisi (3) La Combinazione di carico (4) Il dominio ( del tempo o delle frequanze) (5) Il Grafico ( Accelerazioni, velocità o spostamento) (6) La direzione ( X o Z) (6). sul punto di controllo (1), cliccare quindi su Risultati (2) per attivare la scheda Risultati punto di controllo ; scegliere dai corrispondenti filtri l analisi (3), la combinazione di carico (4), scegliere tempo per ottenere i risultati nel dominio del tempo (5), quindi scegliere il diagramma delle accelerazioni (6), la direzione orizzontale (7). Cliccare sul pulsante Esporta (8) al fine di ottenere i punti del diagramma selezionato. Dalla scheda Scelta unità di misura confermare l unità [sec.] per il tempo e l unità [m/s^2] per l accelerazione e quindi confermare cliccando sul pulsante ok (9). Dalla maschera di salvataggio selezionare il tipo di spettro da esportare, assegnargli un nome e cliccare sul tasto Salva (10) per salvarlo in formato txt. 41

42 Per i risultati nel dominio della frequenza (spettro) con riferimento alla figura 4.4, sulla scheda Risultati punto di controllo scegliere dai corrispondenti filtri l analisi (1), la combinazione di carico (2), scegliere frequenza per ottenere i risultati nel dominio della frequenza (3). Cliccare sul pulsante Esporta (4) al fine di ottenere i punti del diagramma selezionato. Dalla scheda Scelta unità di misura confermare l unità [sec.] per il tempo e l unità [m/s^2] per l accelerazione e quindi confermare cliccando sul pulsante ok (5). Dalla maschera di salvataggio selezionare il tipo di spettro da esportare, assegnargli un nome e cliccare sul tasto Salva (6) per salvarlo in formato txt. Fig. 4.4 Spettro di risposta elastico secondo NTC2008. Per poter visualizzare la scheda Risultati punti di controllo ( in alternativa alla procedura descritta), selezionare il punto, cliccare sul tasto destro del mouse e selezionare risultati. 5.3 Visualizzazione risultati lungo colonna di controllo L ambiente Plot consente la visualizzazione dei risultati dell analisi per la colonna di controllo. il programma restituirà i risultati in termini di spostamenti, velocità, accelerazioni, deformazioni e sforzi. 42

43 Per ottenere per esempio le accelerazioni lungo X dei punti della colonna di controllo con riferimento alla figura 3.5 cliccare sul filtro accelerazioni e selezionare Accelerazione X. Fig. 3.5 Finestra di visualizzazione dei risultati. Selezionare la linguetta Colonna di controllo della finestra di visualizzazione dei risultati per visionare il diagramma delle accelerazioni. Verrà visualizzata il diagramma come riportato in figura 3.6. I diagrammi ottenuti possono essere salvati. 43

44 Fig. 3.6 Diagramma spostamenti lungo X per colonna di controllo. 5.4 Generazione Relazione di calcolo Una volta terminate le analisi di risposta sismica locale è possibile, mediante il pulsante generare la relazione di calcolo. 6 Esempio 1. Input modello per Analisi monodimensionale - Generazione modello Passo 1. Creare nuovo archivio Dal menu file selezionare nuovo progetto 44

45 Selezionare salva progetto con nome per creare e salvare un nuovo archivio. Fig. 6.1 Salvataggio archivio. Passo 2. Definizione Dati Generali Aprire l editor dei dati generali mediante il pulsante. 45

46 Impostare i valori come riportato nelle due immagini di esempio quindi cliccare sul pulsante ok per confermare i dati inputati. Fig. 6.2 Dati generali. 46

47 Fig. 6.3 Dati generali. Impostare a 8 il numero di thread ( pari al numero di processori logici della macchina in utilizzo). Passo 3. Imput set di accelerogrammi di progetto. Dovendo effettuare un analisi di risposta relativa agli SLV e SLD inputo due tipi di analisi e definisco per ciascuna di esse due Set di accelerazioni. Supponiamo che per il sito ai sensi del DM 2008 sia prevista Ag_SLV= 0.264g e Ag_SLD= 0.091g. Cliccando su Inserisci accelerogramma definisco come unit per le accelerazioni il m/s^2, per il tempo i secondi e come PGA per SLV il valore 2.59 m/s^2. Confermare cliccando sul pulsante ok. 47

48 Fig. 6.4 Importazione accelerogrammi. Si scelga un set di accelerogrammi compatibili per l analisi relativa agli SLV utilizzando la selezione multipla e si confermi cliccando sul pulsante Apri (Fig. 5.5). 48

49 Fig. 6.5 Importazione accelerogrammi. Si modifichino i nomi per gli accelerogrammi come in fig 5.6 Fig. 6.6 Importazione accelerogrammi.. 49

50 Fig. 6.7 Importazione accelerogrammi. Si ripetano le operazioni di input imputando come PGA per SLD il valore m/s^2. Fig. 6.8 Parametri Importazione accelerogrammi. 50

51 . Fig. 6.9 Importazione accelerogrammi. Si clicchi sul pulsante ok per confermare. Passo 4. Imput stratigrafia Trattandosi di un analisi monodimensionale si clicchi sul pulsante Modello 1D. Si inseriscano i dati ( come riportato in fig. 5.10) e si confermi cliccando sul pulsante ok. 51

52 Fig Creazione guidata modello 1D. Passo 5. Imput analisi Dovendo effettuare un analisi di risposta relativa agli SLV e SLD input due tipi di analisi. Si clicchi sul pulsante Definisci una nuova analisi e si introduca l analisi per gli SLV nominata Analisi (1)_SLV; con riferimento ad essa si assegni il set di accelerogrammi precedentementi imputati per l analisi agli SLV. 52

53 Fig Input analisi. Si ripeta la procedura anche per l analisi SLD. 53

54 Fig Input analisi. Passo 6. Input Colonna di controllo e punto di controllo Nel caso di analisi monodimensionale con input da wizart Modello 1D colonna stratigrafica ed il punto di controllo vengono definiti direttamente dal programma. la 7. Esempio 2. Input modello per Analisi bidimensionale Passi 1 e 2 come in esempio Analisi monodimensionale del paragrafo 5. Passo 3. Imput set di accelerogrammi di progetto. Dovendo effettuare un analisi di risposta relativa agli SLV e SLD inputo due tipi di analisi e definisco per ciascuna di esse due Set di accelerazioni. Supponiamo che per il sito ai sensi del DM 2008 sia prevista Ag_SLV= 0.264g e Ag_SLD= 0.091g. 54

55 Cliccando su Inserisci accelerogramma si definiscano come unità per le accelerazioni il m/s^2, per il tempo i secondi e come PGA per SLV il valore 2.59 m/s^2. Si Confermi cliccando sul pulsante ok. Fig. 7.1 Input accelerogrammi. Si scelga un set di accelerogrammi compatibili utilizzando la selezione multipla e si confermi cliccando sul pulsante Apri (Fig. 5.5). 55

56 Fig Importazione accelerogrammi. Fig Importazione accelerogrammi. 56

57 Fig Importazione accelerogrammi Si ripetano le operazioni di input imputando come PGA per SLD il valore m/s^2. Fig. 7.5 Parametri importazione accelerogrammi. 57

58 Fig Importazione accelerogrammi 58

59 Fig Importazione accelerogrammi Si aggiunga infine una condizione AccZ_ZERO alla quale si associ un fattore di scala=0. Si clicchi sul pulsante ok per confermare. Passo 5. Imput analisi Dovendo effettuare un analisi di risposta relativa agli SLV e SLD si inputino due tipi di analisi e si assegnino i corrispondenti accelerogrammi. Volendo valutare la risposta in funzione della sola componente orizzontale dell azione sismica si associ la condizione AccZ_ZERO agli accelerogrammi Z. 59

60 Fig Input analisi 60

61 Si definiscano due analisi: una per gli SLV ed una per gli SLD. Si assegnino alla prima delle 2 i 7 accelerogrammi precedentemente definiti per gli SLV ed alla seconda gli altri sette accelerogrammi definiti per l analisi agli SLD. Passo 5. Imput stratigrafia Cliccare su ed inserire i punti; 1( -10,0); 2(50,0); 3(50,30); 4(30,30); 5(25,35); 6(15,30); 7(10,30);8(-10,30); 9(-10,15); 10(50,18); 11(24,28) e 12(20,35). Cliccare su ed inputare i segmenti 1-2, 2-10, 10-9, 9-1,9-8, 8-7, 7-6, 6-12, 12-5, 5-4, 4-3, 3-10, 4-11 e Cliccare su, posizionare il puntatore del mouse all interno del poligono e cliccare sul tasto sinistro. Verrà inputato il primo strato. Si assegnino allo strato 1 i parametri riportati in fig. 6.8 Fig. 7.9 Input strati 61

62 Fig Definizione parametri strato rilevato Per inputare lo strato 2 posizionare il puntatore del mouse all interno del poligono e cliccare sul tasto sinistro. i assegnino allo strato 2 i parametri riportati in fig

63 Fig Definizione parametri strato sottorilevato Per inputare lo strato 3 posizionare il puntatore del mouse all interno del poligono e cliccare sul tasto sinistro. Si assegnino allo strato 3 i parametri riportati in fig

64 Fig Definizione parametri strato base Nel modello il segmento 1-2 è a contatto con il bedrock. Selezionare il segmento 1-2, applicare l opzione bedrock ed inputarne le caratteristiche (Fig. 6.11).. 64

65 Fig Input restrizioni Selezionare i segmenti 1-2, 1-9, 9-8, 2-10 e 10-3 (Fig. 6.12) e applicare la restrizione Vincolato Z.. Fig Input restrizioni 65

66 Passo 6. Imput colonne stratigrafiche Cliccare su e inputare 3 colonne di controllo, una alla sinistra del rilevato, una sopra ed una alla destra. (precedente fig. 6.7). Passo 7. Imput punti di controllo Fig Input punti di controllo Si clicchi su, si selezionino i punti 6, 7 e 12 e si metta il check su punto di controllo. 8. Esempio 3: Esportazioni dati Output 8.1 Esportazione diagramma della variazione dell accelerazione orizzontale con la profondità lungo una colonna di controllo Cliccare sul pulsante per visualizzare la finestra risultati di calcolo. Si clicchi sulla linguetta Colonna di controllo. Si scelga la colonna (Col 1), l analisi (SLV), la condizione (Condizione 6 - RSL), il diagramma della variazione 66

67 dell accelerazione X lungo la direzione z (Accelerazione Z) e si clicchi sul pulsante esporta (Fig. 8.1). Il diagramma visualizzato verrà salvato in formato.txt Fig Salvataggio diagramma risultati per colonna di controllo 8.2 Esportazione spettro in accelerazione orizzontale dello spettro lisciato Cliccare sul pulsante per visualizzare la finestra risultati di calcolo sui punti di controllo. Si scelga il punto di controllo (P6), il tipo di analisi (SLV), la CdC (Tutte), il dominio (frequenze), il tipo di spettro (accelerazione), la direzione (X), Spettro output lisciato e numero di smoothing (10) quindi si clicchi su (Figg. 8.2 e 8.3). 67

68 Fig. 8.2 Output punti di controllo 68

69 Fig. 8.3 Salvataggio punti spettro 69

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Guida all uso di RSL III

Guida all uso di RSL III Guida all uso di RSL III Dati generali Passo 1 - In «Home» si inseriscono i Dati generali; Passo 2- In «Dati generali» i dati d identificazione dello studio (descrizione, committente, ecc.); Passo 3 -

Dettagli

STR (Spettri e Tempi di Ritorno)

STR (Spettri e Tempi di Ritorno) Software STR (Spettri e Tempi di Ritorno) (Manuale d uso - Versione 1.0.1) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente i file

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Introduzione. Alberto Fortunato alberto.fortunato@gmail.com. www.albertofortunato.com Pag. 1 di 137

Introduzione. Alberto Fortunato alberto.fortunato@gmail.com. www.albertofortunato.com Pag. 1 di 137 Introduzione Il software Gestione magazzino è stato realizzato con l intenzione di fornire uno strumento di apprendimento per chi intendesse cominciare ad utilizzare Access 2010 applicando le tecniche

Dettagli

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it Excel A cura di Luigi Labonia e-mail: luigi.lab@libero.it Introduzione Un foglio elettronico è un applicazione comunemente usata per bilanci, previsioni ed altri compiti tipici del campo amministrativo

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

UTILIZZO DEL MODULO DATA ENTRY PER L IMPORTAZIONE DEI DOCUMENTI (CICLO PASSIVO)

UTILIZZO DEL MODULO DATA ENTRY PER L IMPORTAZIONE DEI DOCUMENTI (CICLO PASSIVO) Codice documento 10091501 Data creazione 15/09/2010 Ultima revisione Software DOCUMATIC Versione 7 UTILIZZO DEL MODULO DATA ENTRY PER L IMPORTAZIONE DEI DOCUMENTI (CICLO PASSIVO) Convenzioni Software gestionale

Dettagli

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi In questo Tutorial si illustra la procedura per la modellazione 3D

Dettagli

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE...

SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... Sommario SOMMARIO... 3 INTRODUZIONE... 4 INTRODUZIONE ALLE FUNZIONALITÀ DEL PROGRAMMA INTRAWEB... 4 STRUTTURA DEL MANUALE... 4 INSTALLAZIONE INRAWEB VER. 11.0.0.0... 5 1 GESTIONE INTRAWEB VER 11.0.0.0...

Dettagli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli Prerequisiti Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli L opzione Varianti articolo è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro e include tre funzionalità distinte: 1. Gestione

Dettagli

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record 5.3 TABELLE In un sistema di database relazionali le tabelle rappresentano la struttura di partenza, che resta poi fondamentale per tutte le fasi del lavoro di creazione e di gestione del database. 5.3.1

Dettagli

Creazione di percorsi su Colline Veronesi

Creazione di percorsi su Colline Veronesi Creazione di percorsi su Colline Veronesi Per inserire i dati nel portale Colline Veronesi accedere all indirizzo: http://66.71.191.169/collineveronesi/index.php/admin/users/login Una volta inserito username

Dettagli

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE Indice 1. REQUISITI MINIMI DI SISTEMA E CONTATTI PROGETTO RIGENER@... 3 2. IL PORTALE RIGENER@... 4 2.1 ACCESSO ALLE AREE PRIVATE... 7 2.1.1 Accesso al sito con Windows

Dettagli

Capitolo 3. L applicazione Java Diagrammi ER. 3.1 La finestra iniziale, il menu e la barra pulsanti

Capitolo 3. L applicazione Java Diagrammi ER. 3.1 La finestra iniziale, il menu e la barra pulsanti Capitolo 3 L applicazione Java Diagrammi ER Dopo le fasi di analisi, progettazione ed implementazione il software è stato compilato ed ora è pronto all uso; in questo capitolo mostreremo passo passo tutta

Dettagli

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a:

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a: COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente i files dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0 Assessorato alla Sanità ARPA Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili Manuale Utente 1.0.0 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Profili utente... 2 3. Dispositivi medici... 2 3.1. ARPA-Ricerca Anagrafiche...

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Manuale per i redattori del sito web OttoInforma

Manuale per i redattori del sito web OttoInforma Manuale per i redattori del sito web OttoInforma Contenuti 1. Login 2. Creare un nuovo articolo 3. Pubblicare l articolo 4. Salvare l articolo in bozza 5. Le categorie 6. Modificare un articolo 7. Modificare

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali PowerPoint Come costruire una presentazione PowerPoint 1 Introduzione! PowerPoint è uno degli strumenti presenti nella suite Office di Microsoft! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

Catalogo Elettronico Lancia, Fiat e Alfa Romeo

Catalogo Elettronico Lancia, Fiat e Alfa Romeo Catalogo Elettronico Lancia, Fiat e Alfa Romeo Manuale sulla Navigazione Release 1.0 Indice Manuale Struttura pagine Caratteristiche prodotto Utilizzo carrello ( Carrello Prodotti ) Funzionalità di ricerca

Dettagli

Manuale Utente Albo Pretorio GA

Manuale Utente Albo Pretorio GA Manuale Utente Albo Pretorio GA IDENTIFICATIVO DOCUMENTO MU_ALBOPRETORIO-GA_1.4 Versione 1.4 Data edizione 04.04.2013 1 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate

Dettagli

Manuale di imos CAD. Modulo Document Manager

Manuale di imos CAD. Modulo Document Manager Manuale di imos CAD Modulo Document Manager Pubblicato in Nov-09 IMOS Italia Srl imos Aktiengesellschaft Planckstraße 24 D - 32052 Herford Tel.: +49 (0)5221/976-0 Fax: +49 (0)5221/976-123 E-mail: info@imos3d.com

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE

Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE Presentazione... 2 Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Registrazione del programma... 8 Inserimento Immobile... 9 Inserimento proprietario...

Dettagli

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire.

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire. Esercitazione n. 7 di progettazione con PRO_SAP: Analisi dell interazione terreno-struttura In questa esercitazione guidata sono illustrate alcune semplici procedure che permettono di sperimentare direttamente

Dettagli

Controllo di Gestione - Guida Operativa

Controllo di Gestione - Guida Operativa Controllo di Gestione - Guida Operativa Il modulo software di Controllo di Gestione, meglio denominato Monitoraggio e Controllo del piano degli obiettivi permette di monitorare, durante l esercizio, gli

Dettagli

Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti

Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti Guida alla procedura di inserimento materiale didattico sui minisiti degli insegnamenti Inserimento materiale Rendere il materiale accessibile tramite inserimento di user e password (autenticazione) Impostazioni

Dettagli

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE Cassa Edile Como e Lecco DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE COMPILAZIONE DA FILE PAGHE Guida per i consulenti e le imprese che compilano la denuncia utilizzando il file di esportazione dei software

Dettagli

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti MS Word per la TESI Barra degli strumenti Cos è? Barra degli strumenti Formattazione di un paragrafo Formattazione dei caratteri Gli stili Tabelle, figure, formule Intestazione e piè di pagina Indice e

Dettagli

Software Gestionale Politiche Giovanili

Software Gestionale Politiche Giovanili Software Gestionale Politiche Giovanili Guida all Uso Progettisti e Referenti tecnico-organizzativi Edizione 2012 1 INDICE DEI CONTENUTI: 1. NOZIONI GENERALI E ACCESSO AL SISTEMA 1.1 Requisiti di sistema...

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2) GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 7 Funzionalità... 8 Anagrafica... 9 Registrazione

Dettagli

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password Capitolo 7 83 C A P I T O L O 7 Avvio di Blue s Questo capitolo introduce l'utilizzatore all'ambiente di lavoro e alle funzioni di aggiornamento delle tabelle di Blue s. Blue s si presenta come un ambiente

Dettagli

MANUALE UTENTE Fiscali Free

MANUALE UTENTE Fiscali Free MANUALE UTENTE Fiscali Free Le informazioni contenute in questa pubblicazione sono soggette a modifiche da parte della ComputerNetRimini. Il software descritto in questa pubblicazione viene rilasciato

Dettagli

Manuale Amministratore Legalmail Enterprise. Manuale ad uso degli Amministratori del Servizio Legalmail Enterprise

Manuale Amministratore Legalmail Enterprise. Manuale ad uso degli Amministratori del Servizio Legalmail Enterprise Manuale Amministratore Legalmail Enterprise Manuale ad uso degli Amministratori del Servizio Legalmail Enterprise Pagina 2 di 16 Manuale Amministratore Legalmail Enterprise Introduzione a Legalmail Enterprise...3

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

Cap. 3. APERTURA NUOVO PROGETTO

Cap. 3. APERTURA NUOVO PROGETTO GUIDA ALL USO DI CSM.1 Cap. 3. APERTURA NUOVO PROGETTO 1 3.1 Inizio della procedura 3. PERCORSO: APERTURA NUOVO PROGETTO/CORSI Dopo essersi iscritti ed avere inserito i dati inerenti l Agenzia / Ente di

Dettagli

Progetti e diagrammi di Gantt con Access

Progetti e diagrammi di Gantt con Access Progetti e diagrammi di Gantt con Access In questo articolo esamineremo un applicazione Access per la pianificazione delle attività dei progetti. L applicazione può essere facilmente utilizzata per soddisfare

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa WWW.ICTIME.ORG NVU Manuale d uso Cimini Simonelli Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa NVU Manuale d uso EDIZIONE Gennaio 2008 Questo manuale utilizza la Creative Commons License www.ictime.org

Dettagli

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari

Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari RIFERIMENTI Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Agro-alimentari Esame di Laboratorio di informatica e statistica Parte 3 (versione 1.0) Il riferimento permette di identificare univocamente

Dettagli

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE TECNICO N.17.02 DEL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE Indice Impostazioni risoluzione scanner Canon (DR C125 e DR M140) Pag. 2 Premessa Pag. 5 Gestione Documentale in Suite Modello 730 Pag. 5 Gestione

Dettagli

Pagina 1 di 16. Manuale d uso 626 VISITE MEDICHE

Pagina 1 di 16. Manuale d uso 626 VISITE MEDICHE Pagina 1 di 16 Manuale d uso MANUALE D USO 626 Visite Mediche Copyright GRUPPO INFOTEL s.r.l.- Via Strauss 45 PBX 0828.302200 Battipaglia (SA) Windows e Ms-Word sono marchi registrati dalla Microsoft Corporation

Dettagli

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 Modellazione mediante importazione di file.dxf Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 - Modellazione mediante importazione di file.dxf In questo Tutorial viene illustrata la procedura

Dettagli

SW Legge 28/98 Sommario

SW Legge 28/98 Sommario SW Legge 28/98 Questo documento rappresenta una breve guida per la redazione di un progetto attraverso il software fornito dalla Regione Emilia Romagna. Sommario 1. Richiedenti...2 1.1. Inserimento di

Dettagli

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO F24 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Importazione dati da anno precedente 3 1.2 Inserimento di una nuova anagrafica

Dettagli

Stampa Unione per lettere tipo

Stampa Unione per lettere tipo per lettere tipo Con Stampa Unione è possibile creare lettere tipo, etichette per indirizzi, buste, elenchi indirizzi e liste per la distribuzione via posta elettronica e fax in grandi quantitativi. Lo

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni, come base di disegni In questa lezione vedremo come creare una mappa

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

Guida all uso di Java Diagrammi ER

Guida all uso di Java Diagrammi ER Guida all uso di Java Diagrammi ER Ver. 1.1 Alessandro Ballini 16/5/2004 Questa guida ha lo scopo di mostrare gli aspetti fondamentali dell utilizzo dell applicazione Java Diagrammi ER. Inizieremo con

Dettagli

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e

Piani di input e piani di calcolo reale in FaTA-e 0 1 Piani di input e piani di calcolo reali in FaTA-e Dalla versione XX di FaTA-e è presente una nuova implementazione per il calcolo dei baricentri di massa e rigidezza. La nuova procedura consente di

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

Studio Prof. Versione 2

Studio Prof. Versione 2 Studio Prof. Versione 2 Software di gestione degli Studi Professionali StudioProf, il software: Per la gestione informatizzata delle pratiche edilizie, nel rispetto della Privacy secondo quanto stabilito

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

MICROSOFT WORD LA STAMPA UNIONE

MICROSOFT WORD LA STAMPA UNIONE La stampa unione è una funzione di Microsoft Word che permette di unire un documento Word, che contiene le informazioni destinate a restare invariate in tutte le stampe (il documento principale) con un

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Introduzione... 2 Installare il programma... 2 Tasto licenza...

Dettagli

PROGRAMMA GESTIONE TURNI MANUALE UTENTE. Programma Gestione Turni Manuale Utente versione 1.1

PROGRAMMA GESTIONE TURNI MANUALE UTENTE. Programma Gestione Turni Manuale Utente versione 1.1 PROGRAMMA GESTIONE TURNI MANUALE UTENTE INDICE 1 PREMESSA 3 2 COMANDI COMUNI 3 3 SEDI 3 4 FESTIVITÀ 4 5 PERIODI TURNI 4 6 COD. TURNI 6 7 TURNI SPORTIVI 9 8 COD. EQUIPAGGI 9 9 DISPONIBILITÀ 10 10 INDISPONIBILITÀ

Dettagli

ABBINATORE Manuale Utente

ABBINATORE Manuale Utente ABBINATORE è un applicativo utile ad associare il codice articolo originale ad un articolo memorizzato nel sistema gestionale aziendale. In abbinamento alla banca dati IdroLAB ed in particolare con il

Dettagli

Linea guida di inserimento dati Antiriciclaggio-XP DM-141

Linea guida di inserimento dati Antiriciclaggio-XP DM-141 La linea guida consente tramite la procedura operativa per il primo inserimento dei dati di raggiungere una corretta creazione dei registri soggetti e prestazioni ai fini DM-141. Procedura operativa al

Dettagli

per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, - art. 2, comma 1, lettere b) e c) -

per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, - art. 2, comma 1, lettere b) e c) - INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DISCIPLINATI DAL PROGRAMMA O.P.C.M. n. 4007 del 29/03/2012 Manuale del software per la gestione delle richieste di contributo per interventi strutturali di rafforzamento

Dettagli

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e grafici, tutto nello stesso file di documento. Durante il lavoro testo e illustrazioni appaiono sullo schermo

Dettagli

L amministratore di dominio

L amministratore di dominio L amministratore di dominio Netbuilder consente ai suoi clienti di gestire autonomamente le caselle del proprio dominio nel rispetto dei vincoli contrattuali. Ciò è reso possibile dall esistenza di un

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1 Introduzione Strumenti di Presentazione Power Point Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Con il termine STRUMENTI DI PRESENTAZIONE, si indicano programmi in grado di preparare presentazioni

Dettagli

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti)

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) GUIDE Sa.Sol. Desk: Rete Telematica tra le Associazioni di Volontariato della Sardegna Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) Argomento Descrizione Gestione

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base INTRODUZIONE Nella versione 2.30.04 di Race Studio 2 è stata introdotta una nuova funzionalità relativa allo strumento di Analisi delle sospensioni presente all interno

Dettagli

Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA. Linee guida per gli Enti Aderenti. Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo. Versione 2.

Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA. Linee guida per gli Enti Aderenti. Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo. Versione 2. Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA Linee guida per gli Enti Aderenti Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo Versione 2.4 PROCEDURE NEGOZIATE - Richiesta di Preventivo E la funzione

Dettagli

GESGOLF SMS ONLINE. Manuale per l utente

GESGOLF SMS ONLINE. Manuale per l utente GESGOLF SMS ONLINE Manuale per l utente Procedura di registrazione 1 Accesso al servizio 3 Personalizzazione della propria base dati 4 Gestione dei contatti 6 Ricerca dei contatti 6 Modifica di un nominativo

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 1 di 38 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 2 di 38 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA...

Dettagli

Sistema Informativo Agricoltura

Sistema Informativo Agricoltura Sistema Informativo Agricoltura Manuale Utente CONAGRI - Controlli in Agricoltura Indice 1 Introduzione al servizio... 3 2 Tipologie di Utenza... 3 2.1 Accreditamento utenti... 3 3 Caratteristiche generali

Dettagli

Geoute. Versione 8.01 Gestione dati da Stazioni Totali PENTAX. GUIDO VERONESI S.r.l.

Geoute. Versione 8.01 Gestione dati da Stazioni Totali PENTAX. GUIDO VERONESI S.r.l. Geoute Versione 8.01 Gestione dati da Stazioni Totali PENTAX GUIDO VERONESI S.r.l. Via Caselle, 46 40068 San Lazzaro di S. (BOLOGNA) +39 (051) 454733-453229 Fax +39 (051) 453181 Web site: www.veronesi.org

Dettagli

Gestione dei messaggi 7.7.1 Organizzazione

Gestione dei messaggi 7.7.1 Organizzazione Navigazione Web e comunicazione Gestione dei messaggi 7.7.1 Organizzazione 7.7.1.1 Cercare un messaggio Ricerca rapida: usare la barra filtro rapido Scrivere nell'apposito campo la parola da ricercare

Dettagli

I TUTORI. I tutori vanno creati la prima volta seguendo esclusivamente le procedure sotto descritte.

I TUTORI. I tutori vanno creati la prima volta seguendo esclusivamente le procedure sotto descritte. I TUTORI Indice Del Manuale 1 - Introduzione al Manuale Operativo 2 - Area Tutore o Area Studente? 3 - Come creare tutti insieme i Tutori per ogni alunno? 3.1 - Come creare il secondo tutore per ogni alunno?

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 Modulo C. Manuale di utilizzo del Cc Trent2D C. MANUALE DI UTILIZZO DEL Cc Trent2D Il programma

Dettagli

MANUALE PER CONSULTARE LA RASSEGNA STAMPA VIA WEB ( ULTIMO AGGIORNAMENTO 26MARZO 2009)

MANUALE PER CONSULTARE LA RASSEGNA STAMPA VIA WEB ( ULTIMO AGGIORNAMENTO 26MARZO 2009) MANUALE PER CONSULTARE LA RASSEGNA STAMPA VIA WEB ( ULTIMO AGGIORNAMENTO 26MARZO 2009) I N D I C E VISUALIZZAZIONE PDF COLORE E RIDUZIONE.4 INVIO MAIL MULTIPLA IN PDF O SOMMARIO.5 GESTIONE 9 GESTIONE TESTATE..9

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando. Stampa dal menu File o si utilizza il pulsante omonimo sulla barra

Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando. Stampa dal menu File o si utilizza il pulsante omonimo sulla barra 4.5 Stampa 4.5.1 Stampare semplici fogli elettronici 4.5.1.1 Usare le opzioni di base della stampa Per effettuare la stampa di una cartella di lavoro si accede al comando Stampa dal menu File o si utilizza

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Guida Software GestioneSpiaggia.it

Guida Software GestioneSpiaggia.it Caratteristiche Guida Software GestioneSpiaggia.it 1. Gestione prenotazioni articoli (ombrellone, cabina, ecc ) ed attrezzature (sdraio, lettino ecc ) 2. Visualizzazione grafica degli affitti sia giornaliera

Dettagli

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI DOCUSOFT integra una procedura software per la creazione e l'archiviazione guidata di documenti in formato elettronico (documenti Microsoft Word,

Dettagli