YR Mensile online del Gran Capitolo dell Arco Reale Italiano Rito di York. Maggio 2015 n 0. Pag. 1/27

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "YR e.mag@zine. Mensile online del Gran Capitolo dell Arco Reale Italiano Rito di York. Maggio 2015 n 0. Pag. 1/27"

Transcript

1 YR Mensile online del Gran Capitolo dell Arco Reale Italiano Rito di York Maggio 2015 n 0 Pag. 1/27

2 Sommario Editoriale 3 La Praga Alchemica di Valentina Marelli 4 La Narrazione Fantastica:Utopia,Significati Simbolici.parte prima di Bianchini Luigi Maria Il Gioiello dell Arco Reale di Andrea Dall Osso e Gennaro Natale 6 8 Il Sommo Sacerdote Tiziano Busca ricorda Giordano Bruno 10 Il Maestro Super Eccellente di Luigi Marchese (G.M. Mass. Criptica) Lo Spessore di un uomo di Enzo Heffler Riflessioni sul rituale del grado di Eccellentissimo Maestro di Benedetto Schimmenti Il rituale dell Arco Reale e la storia Biblica di Eduard Stolper Una scommessa Editoriale 18 Gli Incontri del Sommo Sacerdote 19 Le Grandi Assemblee del Rito di York 26 Pag. 2/27

3 Editoriale YR Online Maggio 2015 n 0 - Mensile del Gran Capitolo dell Arco Reale Italiano. Tutti i..solo allora il mondo ti cadrà in grembo.. A volte ci si riesce da soli, altre volte e con una soddisfazione più grande con una squadra! La squadra ha vinto nonostante le difficoltà, mai avrei potuto immaginare di scrivere l articolo di presentazione del nostro Internet Magazine o, per essere ancora più moderni, e. magazine. Innanzi tutto i ringraziamenti al nostro Gran Segretario Almerindo Duranti che insieme ad altri compagni Mauro Cascio e Marco Rocchi e me, anche se non dichiaratamente ammesso da Almerindo, siamo anche le prime cavie di prova di questo lavoro. Un lavoro fondamentale, indispensabile per essere unico corpo rituale nel mondo della comunicazione ad avere chiuso il cerchio: SITO, BLOG, NEWSLETTER, MAGAZINE, FACEBOOK, Collana Editoriale DE LANTAARN con TIPHERET EDIZIONI. Un risultato che deve tutti riempirci di orgoglio perché è stata di tutti la spinta a continuare su questa strada che ormai è un motto ed uno stile di lavoro: consolidare riunire accrescere. A continuare su questo progetto lo chiedono i compagni che numerosi ed entusiasti partecipano alle nostre manifestazioni: da Torino a Genova a Roma a Milano a Lanciano a Pesaro a Vibo Valentia a Palermo a Catania a Taranto a Parma, solo per ricordare quelle più recenti. Ricordo anche il convegno alla università di Oxford appena dieci mesi fa!! Lo chiedono i fratelli della comunione che hanno strumenti di conoscenza del Rito di York sufficienti per indurli ad apprezzare una via di completamento della conoscenza straordinariamente unico e mai compiutamente svelato. Questo non è un punto di arrivo. Questo è il momento della partenza per un viaggio in cui tutti coloro che vivono lo spirito del Rito sanno di dover e poter essere protagonisti con il loro lavoro, il loro contributo, che attraverso la rete trova una diffusa e capillare relazione nei capitoli e tra i compagni. Ogni giorno il blog offre contributo di pregio sul simbolismo rituale insieme a pregevoli riflessioni iniziatiche che sono l humus per lo sviluppo di una politica culturale capace di rappresentare la forza e l intelligenza iniziatica che è dovere di ogni corpo rituale offrire ai fratelli della comunione. Ogni settimana migliaia di visitatori leggono i nostri lavori! Abbiamo trovato tanti compagni di strada che, portando ciascuno la propria pietra, hanno elevato il contributo spirituale a tutti coloro che colgono con la luce dell anima il valore e l orgoglio di appartenere alla Muratoria dell Arco Reale del Rito di York. I nostri libri sono nelle librerie. I nostri autori (compagni) sono i relatori di importanti convegni sulla muratoria e sulla via iniziatica. E l affermazione della trasparenza, è l affermazione del lavoro continuo di ricerca, è l affermazione che la radice della cultura rivivifica una quercia anche secolare e fa spuntare nuove gemme in una primavera che rigenera lo spirito iniziatico e testimonia la vitalità e la crescita di un tessuto- quello della conoscenza - che stimola armonia, attenzione e consenso. A noi tagliatori di pietre non sfugge che possono esservi punti nella cava dove il lavoro fa temere ai coltivatori di muschio, non sfugge nemmeno però l energia e lo stimolo che il nuovo produce perché vi è la consapevolezza che il candore della pietra e la sua luce bianca insieme alla bella fattura ha la qualità non solo di farsi riconoscere ma di capire la buona vena del materiale. La buona vena quella della purezza del materiale che come a Carrara era riservata ai grandi scultori trova negli strumenti della comunicazione la via del confronto la via del riconoscerci. Si assiste allora che il Sito, insieme al Blog, alla Newsletter e al Magazine divengono palestra di tanti per contributi, riflessioni, approfondimenti, rendendoci una redazione talmente ricca di Autori e Collaboratori da poterci permettere un fiorire di convegni ed iniziative a cui è certamente dovuto un plauso. E.Magazine è il vostro strumento! E strumento dei Compagni, degli Studiosi, dei Ricercatori, dei Capitoli, dei Gran Sacerdoti dei Deputy di tutti i fratelli della comunione che ricercano il senso della luce e l orgoglio della appartenenza. E strumento di diffusione della Cultura e del Pensiero. E lo strumento della bellezza e dell orgoglio di appartenenza ad una grande famiglia quella della Massoneria Universale del Rito di York, del Gran Capitolo dell Arco Reale Italiano, del Grande Oriente d Italia. Vorrei fissare questo momento entusiasmante per me come Compagno e come Sommo Sacerdote del Rito di York con una poesia che dedico a tutti: Finora hai tirato male le tue frecce./ Ti sei prodigato per lanciare lontano, trascurando ciò che ti era vicino./ Più lontano tiri, più il tesoro ti sfugge!/credimi, è lo sforzo che ti fa fallire./perciò, tira la freccia dolcemente e cerca il tesoro con umiltà./ Esso ti è vicino, e non può sfuggirti./ L'uomo evita di osservare le cose semplici, quelle di ogni giorno./ Così, però, perde di vista i suoi tesori spirituali, quelli più consistenti./il filosofo si suicida col pensiero, mentre, se lo abbandonasse almeno per un attimo, scoprirebbe ciò di cui va in cerca./ Qualcosa che gli è molto vicino./ Ritenta, dammi retta./ Ma con un altro spirito!/solo quando annullerai il tuo orgoglioso "io", potrai tirare senza sforzo e fare centro!/solo allora il mondo ti cadrà in grembo./ L'uomo ascoltò il consiglio e fu così che ritrovò il tesoro perduto, la sua essenza./ L'aveva persa di vista, ma, in fondo, non se ne era mai allontanato./comprese che era andato in giro per il mondo a cercare ciò che aveva in casa! (Gialad-ad-din Rumì) Queste parole segnano l avvio di una nuova ricerca, di un nuovo spirito: la consapevolezza che insieme e con il contributo di tutti possiamo scoprici nella natura della pietra!!! Tiziano Busca- Sommo Sacerdote del Rito di York Pag. 3/27

4 La Praga Alchemica Di Valentina Marelli maledetta, giudizio valoriale che per noi che osserviamo il mondo da una diversa prospettiva ci rende l idea di quanto forte e potente poteva essere questa città in passato, e di quanto fosse rappresentativa in ambienti in cui si nutriva lo sviluppo della Conoscenza e si perfezionava la via Iniziatica. SPECULUM ALCHEMIAE A chiunque quando si nomina la città di Praga viene in mente la parola Alchimia, spesso anche la parola Magia. Questo perché c è una leggenda che la vede collegata a Torino e Lione come il vertice di un triangolo magico appunto. In effetti la storia di Praga è piena di leggende su fantasmi senza testa che si aggirano di notte intorno alla Torre delle polveri a carri trainati da capre che invece percorrono la via che porta alla Piazza dell Orologio; in effetti la Torre delle Polveri è situata laddove sorgeva il quartiere del Tempio tanto che a pochi passi si trova Templova la strada in cui sorgeva il Quartier generale dell Ordine dei Cavalieri Templari; leggenda vuole che durante la persecuzione dei Templari, un luogotenente dell Ordine venne torturato e ucciso tramite decapitazione, e da allora il suo fantasma ripercorre la strada per tornare al Tempio tutte le sere, a monito della tremenda ingiustizia subita dall Ordine di cui faceva parte. Oggi di tutto questo son rimaste solo le leggende e che sono come le favole che si raccontano ai bambini, ed i simboli hanno ceduto il posto ai negozi dai marchi commerciali; ma fortunatamente non tutto è scomparso un angolo di questo mondo è scampato alla devastazione consumistica ed è stato riportato alla Luce: Lo Speculum Alchemiae ovvero il museo degli Alchimisti. Ma prima di addentrarci nel sottosuolo di Praga spendiamo due parole sull assonanza Praga- Alchimia, perché la città di Praga è sempre associata all Alchimia? Per il più scontato dei motivi: perché gli alchimisti a Praga ci sono stati per davvero! Sotto il regno di Rodolfo II Praga era al suo massimo splendore esoterico, ed era effettivamente la Caput Mundi di un sapere che spaziava tra le più svariate arti di natura eretica oseremo dire noi oggi, da qui la sua fama di città Le prime notizie documentate che si hanno su questo palazzo risalgono al 900 ma già nel 1412 sappiamo dai libri del catasto che qui sorgeva un abitazione di cui si pagavano le tasse con tanto di misura catastale da cui si evince che la struttura non ha subito sostanziali mutazioni architettoniche. Possiamo quindi affermare di trovarci nella più vecchia casa di Praga. La collocazione di questo edificio fu importante grazie alla sua posizione strategica sulla riva destra del fiume Vltava molto vicino al centro della Città. Sotto la casa si trova un incrocio di passaggi sotterranei segreti. Una via antica, GRAND VIA, si trovava vicino a questa casa ed era una delle vie commerciali più conosciute di tutta Europa. Partiva dal Regno di Leon al nord della Spagna e continuava attraverso l Europa per migliaia di chilometri, passando attraverso Kiev e Cracovia fino ad arrivare all Estremo Oriente. Alla fine del 900 ci fu una ristrutturazione del quartiere ebraico e molte case, anche di grande pregio architettonico, furono demolite. Resta tutt oggi un mistero il fatto che questa casa fu risparmiata. La recente scoperta del laboratorio alchemico nelle catacombe che si trovano sotto di essa pare sia la spiegazione più plausibile di questo mistero: l energia positiva che si concentrava nell elisir di lunga vita all interno del laboratorio alchemico, emetteva un influsso positivo che ha protetto la casa nel corso dei secoli. Il periodo più bello per la città di Praga fu quello del Rinascimento quando dalla città, come dicevamo passarono molti scienziati importanti dell epoca. Ribadiamo che sotto il regno di Rodolfo II Praga diventò il centro europeo di cultura e scienza con grandi menti che provenivano da diversi paesi. Un nome tra tutti è quello dell Alchimista Alexander Seton che deriva da quella nobile famiglia scozzese imparentata con Sir Robert The Bruce. Non è un caso in effetti che ci fosse una così fiorente attività di ricerca scientifica in una città in cui le cronache narrano una forte presenza Templare. Il Papa però all epoca espresse profondo disappunto per i comportamenti blasfemi e cercò di Pag. 4/27

5 fermare tutto infatti il Vaticano inviò a Praga il confessore Johann Pistorius per apportarvi la Vera Fede. La conseguenza fu che non solo fece piazza pulita di coloro che erano reputati eretici come nella migliore tradizione della Santa Inquisizione, ma costrinse gli sfuggiti alla persecuzione a nascondersi nel sottosuolo. La religione ebrea a differenza di quella cristiana era più aperta e tollerante verso le scienze che definiremmo occultistiche e per questo motivo molti scienziati, ricercatori, alchimisti ed astronomi decisero di vivere nel quartiere ebraico e di usare questa casa come quartier generale per potersi incontrare liberamente al di fuori della supremazia del Vaticano. Ci sono molte leggende legate a questo posto la più conosciuta è la storia di una carrozza condotta da capre che percorreva avanti e indietro la strada che dalla casa portava fino alla piazza dell orologio e che improvvisamente spariva tra il fumo e le fiamme provenienti dal sottosuolo. Tutto ciò pare fosse riconducibile a qualche esperimento nel laboratorio alchemico. La prima stanza e lo studio che non serviva solo per le ricerche ma anche per ricevere gli ospiti, i compratori e i bottegai che provenivano da ogni paese del mondo, qui si fermavano e conducevano i commerci concludendo affari. Guardano un iscrizione in latino che si trova tutt oggi vicino a quella che è l entrata allo studio troviamo scritto: il nostro oro non è l oro originale, dall altra parte ci sono invece due quadri: nel primo è raffigurato il famoso astronomo Tycho Brahe figlio ideologico del più famoso maestro Keplero, mentre nel secondo troviamo l erudito ebreo il Rabbì Low creatore del famoso Golem. La biblioteca è decorata con i simboli dell alchimia e serviva a custodire i libri e le pergamene ed insieme ad una scrivania con poltrona, sono i pochi arredi rimasti dello studio. Il pezzo in realtà più importante è una panchina sulla quale si facevano accomodare gli ospiti che pare fosse il pezzo più antico dell arredamento su cui compare un iscrizione, sempre il latino, che recita pressappoco così: Chi fa bene dei piccoli gesti è un iniziatore di grandi azioni. Dalla libreria tramite un passaggio segreto si accede al laboratorio alchemico. L entrata al laboratorio fu murata in passato e quindi dimentica per secoli; fu riportata alla luce dopo l alluvione del 2002, quando il passaggio che si trovava davanti alla casa si allagò; al di sotto della casa sono stati scoperti in quell occasione anche dei passaggi segreti che conducevano alla piazza dell orologio, al Castello di Praga e fuori dalla città. La meraviglia di coloro che per primi sono entrati dopo secoli in questo luogo fu quella di trovare quasi tutto intatto, per cui è stato facile ricostruire il laboratorio così come doveva essere stato secoli prima. Gli unici danni li aveva fatti l acqua rompendo delle ampolle. E facendo crollare in passaggi segreti che attualmente sono inagibili. Questo articolo sulla Praga Alchemica, come le foto che lo illustrano, fanno parte degli appunti tracciati da Valentina Marelli moglie del Comp. Bertola che assieme ai Fr.lli Vitali e al Comp. Luzi hanno accompagnato il Sommo Sacerdote in visita alla R.L. Santini che Lavora in lingua Italiana. In quella circostanza è stato espresso al Sommo Sacerdote un forte interesse verso l Arco Reale rito di York. Si svolgerà a Rimini sabato 16 maggio 2015 di pomeriggio, presso l Hotel Holleday Inn, la LI Assemblea del Gran Capitolo dell Arco Reale Rito di York in Italia. Nella mattina si terrà l Assemblea del Grande Concilio che effettueranno le elezioni dei nuovi dignitari per il triennio Venerdì 15 maggio di pomeriggio l Assemblea e le elezioni del Gran Conclave Templare. Pag. 5/27

6 La Narrazione Fantastica: Utopia, Significati e Simboli. di Luigi Maria Bianchini Parte Prima FAVOLE La favola è un racconto di fantasia, perlopiù breve, con protagonisti, spesso co-protagonisti, umani, animali, vegetali con finalità educative, morali, in versi o in prosa la fiaba è solamente in prosa-. Etimologicamente deriva dal latino fabula, che origina dal verbo difettivo fari, che ha il significato di dire, raccontare, ma col valore particolare di parlare con solennità: analizzandone il paradigma, infatti, il participio passato è fatus, fata, fatum, che significa detto, ma si tratta di termini che, nella trasformazione sostantivale, significano anche discorso, oracolo, per il maschile, ma vaticinio, fato, destino, per il neutro. La fiaba può essere considerata, oltre che una narrazione affascinante, un documento prezioso, attraverso il quale possiamo scoprire le caratteristiche (antropologiche, sociali, culturali) e le differenze che connotano un gruppo, un paese, un modo di vivere. La favola quindi è tutt altro che una narrazione fantastica, una fandonia, ma è una forma narrativa universale, nota ovunque nel mondo, sotto tutte le latitudini, presso ogni nazione, società, cultura, civiltà, ognuna delle quali ha le sue proprie creazioni fiabesche. Rispecchia l idea che l uomo ha della vita. La favola è oscura nelle origini, incerta nei significati, varia nei particolari, forse perché ci riporta alle prime impressioni della fanciullezza, alla meraviglia, allo stupore, al rapimento, al terrore, al mistero di quando la udimmo la prima volta. Ha la capacità di sviluppare la fantasia, il rapporto interpersonale e di gruppo, insegna le regole sociali alle quali il bambino dovrà via, via attenersi, superando le conflittualità delle varie fasi della crescita, placandone l angoscia. Il lieto fine è la gratificazione personale, ma ha anche lo scopo di far comprendere come il procedere delle avventure e le disavventure valgano la pena di essere vissute, affrontate, risolte, avendosi una conclusione favorevole e il che premio finale. Secondo Bettelheim la fiaba protegge i bambini da inutili ansie. Prospetta la certezza della rinascita a un mondo superiore, la possibilità, dopo aver assimilate e superate le successive fasi di sviluppo, di raggiungere una più alta forma di esistenza, se si è riusciti a padroneggiarle. L atteggiamento delle favole è ludico, almeno apparentemente, ma, piuttosto, le loro immagini si trasformano in simboli con contenuti, aspirazioni, atteggiamenti personali dell ascoltatore, avendo solitamente una genericità, astrattezza di fondo senza minuziose descrizioni qualificative né nomi propri comuni. Radici e meccanismi psicologici sono all origine della produzione fantastica dell uomo quali favole, miti, leggende: i rapporti tra i nostri sogni, le fiabe, altri materiali poetici, non sono né sporadici né casuali. UTOPIA Nulla è più utopico della favola, dei miti, delle leggende. L utopia è un progetto idealisticamente desiderabile, può indicare una meta puramente ideale e non effettivamente raggiungibile, è un punto di riferimento verso cui orientare azioni pragmaticamente realizzabili, ma anche di mera illusione e di falsi ideali. L utopista è sia chi segue una propria idea, rifiutando di comprendere la realtà e le sue dinamiche, sia chi indica una meta che ritiene auspicabile e pragmaticamente perseguibile. Può anche essere associata al velleitarismo da velleitas, atis, da velle, volere, aspirazioni a programmi vaghi o troppo superiori alle possibilità di realizzazione-. Queste mire diverse sono spiegate proprio dall etimologia della parola utopia: s, non luogo, coniato da Tommaso Moro, che forse sfruttava il gioco di parole, per la stessa pronuncia in inglese, con s, eutopia, luogo felice, da contrapporre alla distopia, anti- o pseudo-utopia. Nel suo L utopia, del 1516, Moro descrive una società organizzata razionalmente, raccontata dal viaggiatore Raphael Hythlodaeus, che descrive una repubblica in cui vige la totale comunione dei beni. Non ci sono avvocati, ma comunque i cattivi esistono, anche se fuori dai confini, infatti ci possono essere le aggressioni e, contro queste raramente manda i suoi cittadini, assoldando mercenari dalle nazioni vicine. Quindi, anche questa, non è un utopia assoluta, riguarda territori circoscritti, e categorie diverse di Pag. 6/27

7 cittadini, una da difendere, l altra, passatemi il termine, extracomunitaria, inferiore, da adoperare come manovalanza da contrapporre contro i nemici. L utopia è la perfezione idealistica, ottimistica e impossibile da realizzarsi. Ne sono stati fatti più tentativi nel corso della storia, che peraltro finirebbe in una utopia globale di pace. La leggendaria colonia di Libertalia, fondata da pirati nella regione meridionale del Madagascar verso la fine del 600. Divisi in gruppi di dieci, con uno eletto a rappresentarli, sceglievano le leggi, dividevano donne, proprietà e animali, la terra sarebbe stata di chi la lavorava, finché l avesse lavorata. Un tentativo fu il socialismo utopistico a cavallo di XVIII e XIX secolo, con riforma della società e dello Stato con scopo la giustizia sociale e come mezzo la statalizzazione delle risorse economiche, l abolizione della proprietà privata, il collettivismo, anche delle famiglie, senza differenze tra città e campagna. Ma c è anche un utopia individuale del libero mercato e competizione come fattori fondamentali per lo sviluppo dell essere umano. L utopia religiosa in cui si vivrebbe il Paradiso Terrestre da vivi, in un giardino di delizie, privo di preoccupazioni, con strade lastricate d oro, in uno stato d illuminazione beatificante. L utopia della scienza, che mediante miglioramenti della Natura e della condizione umana, porta al superamento della sofferenza e della morte. Ma un utilizzo intenzionalmente o maldestramente distruttivo porterebbe all estinzione dell uomo. Platone giunse alla conclusione che uno stato perfetto non c è mai stato né mai ci sarà e l unica cosa che si può fare è ipotizzarne uno assolutamente ideale, che serva da modello e da critica a quello reale. La sua Repubblica è uno stato perfetto, ma deve rimanere escluso dal confronto con altre società. L utopico utopista, infatti, è totalitario, ha presupposti gnosologici assoluti, conosce tutto, sa cosa è bene e cosa è male, com è fatto l Uomo perfetto. La società aperta, al contrario, ha coscienza della propria imperfezione ed è stimolata al confronto. Si deve tendere all utopia: non ci potrà mai essere lo Stato ideale di Platone, ma è bene che ci sia uno Stato che s ispiri al progetto platonico. Lo stesso Platone accantonò l idea e scrisse Le leggi, teorizzando uno Stato meno perfetto, ma non incompatibile con la realtà. In sintesi, la mia visione della realizzazione dell utopia comporta obbligatoriamente un atteggiamento protettivo e dominante, monopolistico in una comunità che può imporre costi e sacrifici per il bene pubblico. Lo Stato deve solo proteggere e tutelare i diritti fondamentali alla vita, alla proprietà, alla libertà di scelta e d autodeterminazione. La giustizia veramente imparziale è un utopia, amministrata com è da uomini imperfetti che trasferiscono le loro essenze caratteriali d indulgenza o di severità nell interpretazione della legge. Utopia è una terra di perfetta armonia dove vige la giustizia, le iniquità sono state bandite o non sono mai esistite, utopico è un progetto immaginario non realizzabile, ma cui tendere perché, se fosse, sarebbe un bene, un rifugio. Ritorniamo, allora, a Tommaso Moro, che immaginò un isola felice, caratterizzata da vita più umana e solidale e la chiamò Utopia, s,, non luogo, Luogo che non c è. Giocando sulla uguale pronuncia, in inglese, di s, luogo felice per questa utopica isola felice, che non c è. PETER PAN E L ISOLA CHE NON C E Dal filosofico Luogo che non c è di Thomas More, possiamo saltare a pie pari nella favola, ossia, nella Neverland l'isola che non c è di Peter Pan, il personaggio inventato da James Matthew Barrie, il bambino che vola felice tra le foglie, vestito di foglie, che non vuole crescere, nell'avventurosa infanzia senza fine sull'isola che non c'è. E' il capo della banda dei Bambini Sperduti, caduti dalle carrozzine o dispersi, ma che non sono stati cercati. Attorno all'isola, sirene, fate, indiani, pirati, compagnia variegata, che offre continue avventure fantastiche da vivere. Lui che non è mai nato e che conosciamo lattante d'una settimana, Il principe dei folletti comparve per la prima volta nel 1902 in alcuni capitoli del romanzo The Little White Bird (L'uccellino bianco), ispirato a Barrie da un gruppo di ragazzini conosciuti durante le passeggiate assieme al proprio cane nei i viali dei giardini londinesi di Kensington. Nella prima edizione è un lattante d'una settimana, che vive proprio nel Giardino di Kensington. Nel 1904, è sulle scene e, nel 1906, a seguito del successo della commedia, furono ristampati i capitoli del romanzo The Little White Bird in cui appariva la figura di Peter Pan, isolandoli dal contesto, col nuovo titolo Peter Pan in Kensington Gardens. Nel 1911, venne pubblicato il romanzo Peter e Wendy, basato sull'opera teatrale del 1904, da cui poi il Peter Pan da cui Walt Disney ha tratto uno dei suoi film più belli. Qui il ragazzino che non voleva crescere ha ancora tutti i denti da latte, ed è un irresponsabile che decide di non affrontare la vita, vola via dalla finestra della sua camera. Dopo tempo, la madre se ne fa una ragione e lo sostituisce con una altro figlio. Quando decide di tornare, trova chiusa la finestra. Comincia l ansia e la sensazione d abbandono che non lo lascerà mai. Dimentica tutto, le avventure, la fida, protettiva Wendy Darling, che ripercorre la storia della madre, Margaret Ogilvy che a otto anni, morta la madre, aveva assunta le responsabilità della conduzione dei fratelli e della famiglia. Pag. 7/27

8 La storia della virtuosa bambina che con i suoi fratelli segue Peter s embrica con l immagine dei cinque figli della vedova Llewellyn-Davies (uno dei quali si chiamava, appunto, Peter). Il legame che li unì fu forte -e spesso chiacchierato: anche voci di pederastia-, tanto che ne diventò tutore, alla di lei morte. Peraltro, lo scrittore era sposato e aveva figli. Alla vista della finestra chiusa, l etero bambio è confuso, amnesico, l unica cosa che Peter ricorda è aver tagliata la mano a Hook, simbolo di vittoria sugli adulti. Wendy, che lui vorrebbe come madre, non vuole solamente volare e vivere le avventure delle favole, ma, bambina vittoriana di dieci anni, assennata e senza fantasia, sa cucinare, stirare, cucire, ha come unico scopo sposare Peter e assecondare le sue idee, il suo destino come moglie e madre dei loro bambini. Lui è esclusivo, egoista e cattivo, come tutti i bambini. Non esita a fare diminuire i suoi compagni se contravvengono alle regole di Neverland. Sa che ogni suo respiro muore un adulto e, dato che la colpa è tutta degli adulti, respira più in fretta. I fratelli Darling, come gli altri ragazzi, vogliono tornare indietro per diventare grandi. Dopo una lite, vanno via. Lei si sposa, diventa madre, ma tornerà una volta l anno per le pulizie, e quel mondo le è rimasto dentro, tanto che manderà la figlia Jane a vivere l esperienza di Neverland, con avventure a tutti gli angoli, con pirati, che inseguono i bambini, inseguiti dai pellirosse, in un movimento circolare continuo dove poter conoscere realtà invivibili, fantastiche sotto la guida di Peter Pan. Il Gioiello dell Arco Reale di Andrea Dall Osso e Gennaro Natale La Massoneria Azzurra prevede un gioiello soltanto per gli Ufficiali e Dignitari di Loggia per il periodo del loro incarico. L Arco Reale invece prescrive che tutti i compagni che vi appartengono devono indossare un gioiello che indica l appartenenza a quest Ordine e che ne è rappresentativo nel suo complesso, distinguendo le cariche soltanto tramite i diversi colori dei nastri. Hook, Capitano Uncino, è scuro di carnagione, ha black anche la voice, anche lui violento, uccide i suoi marinai se lo infastidiscono. Il carattere di ferro cessa, però, quando sente il ticchettio dell orologio che annuncia l arrivo del coccodrillo che, oltre la mano superstite, vorrebbe mangiarlo tutto. Colto, elegante, cambia continuamente abito, tiene molto alle regole, è nemico di Peter Pan per la sua impertinenza e per vendicare la mano che gli ha tagliata. Si sente come un cane in gabbia, solo, circondato dalla ciurma che tiene distante e che lo teme. Adulto infantile ottiene l obbedienza col terrore, senza guadagnarne la stima e il rispetto. Rimpiange di non aver avuti figli, vorrebbe Wendy come madre. La morale è che è importante conservare una piccola parte infantile dentro di sé, seppure nell ineluttabilità della crescita. Questo concetto ci fa pensare al fanciullino pascoliano. E il bambino divino di Jung, che ha capacità di fantasticare, improvvisare, creare, trasformare e uscire dal mondo complesso come quello del signor Darling immerso in conti, titoli, azioni. La vecchiaia è mancanza di vitalità di voglia di programmare il futuro. Mantenere sempre viva quella parte del bambino che vuole curiosare, sperimentare, conoscere, non si fossilizza. Rigenerare e ricaricare: se riusciamo a fare quello che vogliamo, possiamo mantenere il controllo con la creatività che deve fluire spontaneamente per non perdere la sua magia, in contatto con la nostra vera identità. I gioielli della Libera Muratoria risalgono al 1727, quando ai Maestri e ai Custodi delle Logge veniva ordinato d indossare «i gioielli della Massoneria appesi a un nastro bianco». La prima autorizzazione a indossare un gioiello dell Arco Reale, il distintivo dell Ordine, una sua rappresentazione grafica e una sua spiegazione illustrativa, risalgono invece al 1764, alla Charter of Compact. Al margine di questo documento venne disegnata la forma e la figura che doveva avere il gioiello con le relative spiegazioni. Il gioiello che appare per la prima volta in questo documento è praticamente uguale a quello tutt oggi in uso. Altro fattore che sottolinea l importanza del gioiello è il fatto che viene menzionato prima ancora della sciarpa e del grembiule. Il gioiello del Sacro Arco Reale di Gerusalemme è formato da un cerchio entro il quale si intersecano due triangoli equilateri. Pag. 8/27

9 Uno ha un vertice rivolto verso l alto, l altro verso il basso. I triangoli così disposti originano un esalfa, o stella di David; ma il nome con il quale è più conosciuto è quello di «Sigillo di Salomone». In fondo al cerchio vi è un rotolo, sempre di metallo, al quale è attaccato un altro cerchio più piccolo che racchiude al suo interno una triplice «Tau». Nel mezzo del cosiddetto sigillo di Salomone vi è un altro triangolo equilatero più piccolo, con il simbolo del sole e del compasso che trattiene un globo. Completano il gioiello alcune iscrizioni. Il gioiello, nel corso degli anni, non fu raffigurato sempre nello stesso modo. Solamente dopo il 1815 in Inghilterra venne adottato definitivamente quello sopra descritto e che ancora oggi usano tutti i compagni dell Ordine, in qualunque paese del mondo operino. Il cerchio che circoscrive il cosiddetto sigillo di Salomone è nella Massoneria dell Arco Reale il primo simbolo: raffigura l eternità che non ha inizio né fine e indica anche un Dio senza tempo. Ma è originariamente pure immagine del sole, e diviene per questo simbolo dell oro puro. Anticamente si pensava vi fosse un rapporto mistico tra il simbolo dell oro puro e il Tetragrammaton, il Nome Ineffabile. A livello popolare al cerchio venivano attribuite proprietà magiche, cosicché bracciali, collane, anelli e cavigliere, ora indossati come ornamenti, erano in origine considerati quali simboli che proteggevano dal male. Il cerchio era spesso rappresentato nel passato come un serpente che si mangia la coda. Il serpente stesso è simbolo della vita e nell antichità doveva essere anche emblema della saggezza. Ancora oggi il ferma-cintura del grembiule massonico conserva la forma di un serpente. Il serpente che si mangia la coda e il cerchio sono simboli soprattutto della vita e della creazione, dell eternità e dell immortalità e quindi dell attività della saggezza divina. Il gioiello presenta due facce sulle quali sono riportate delle iscrizioni in latino, greco e inglese. Dai regolamenti dell Arco Reale non è possibile stabilire quale sia il diritto e quale il rovescio. Tuttavia quello che portano i compagni dell Arco Reale italiano, per come viene indossato e per il fatto che è fissato al nastro in un certo modo, indica di fatto un diritto e un rovescio. La faccia più importante, quella che chiameremo per brevità diritto, reca incise scritte che sono senza dubbio più significative anche rispetto alla filosofia dell Arco. Sul cerchio maggiore troviamo incisa la seguente frase: «Si talia jungere possis sit tibi scire satis», che tradotta liberamente significa: «Se puoi comprendere queste cose, conosci abbastanza». Sempre sul cerchio maggiore in fondo è inciso «A.L.» e «A.D.», abbreviazioni di Anno di Vera Luce e Anno Domini, con uno spazio riservato alla data massonica e a quella dell era volgare, evidentemente, dell esaltazione del compagno. Sul triangolo con un vertice verso l alto, inscritto dentro il cerchio maggiore, troviamo riportate tre parole che hanno lo stesso significato in greco, latino e inglese. In greco troviamo scritto «Eurekamen», in latino «Invenimus» e in inglese «We have found» che significano «abbiamo trovato»; sull altro triangolo, quello che ha un vertice rivolto verso il basso, troviamo un altra scritta in latino su due lati, mentre il terzo è libero. La scritta è: «Cultor Dei» sul secondo lato e «Civis Mundi» sul terzo. Sembra certo che su questo triangolo anticamente venisse riportato il nome del compagno e che quindi l iscrizione su tutto il triangolo venisse letta: «A.B. adoratore di Dio, cittadino del mondo», intendendo quindi che il compagno dell Arco Reale è un credente in Dio e cittadino del mondo, e sottolineando con questo l universalità della Massoneria e di quella dell Arco Reale in particolare. Sul rotolo che divide il cerchio più grande da quello più piccolo, e intorno al cerchio piccolo stesso, vi è un altra iscrizione molto importante. «Nil nisi clavis deest» che può essere tradotta abbastanza liberamente con: «Non manca nulla se non la chiave». E la chiave è evidentemente la triplice «Tau» che è iscritta nel cerchio piccolo. Nella parte posteriore, in quella che chiameremo per brevità rovescio, appaiono le seguenti iscrizioni: sul cerchio maggiore, entro il quale sono inseriti i due triangoli formanti il sigillo di Salomone, vi è la scritta in latino: «Deo Regi Fratribus honor fidelitas benevolentia». Una traduzione letterale è: «A Dio al Re ai Fratelli onore lealtà benevolenza». Una traduzione più libera, ma più aderente, a mio avviso, al significato vero della frase potrebbe essere questa: «Onore a Dio lealtà al Re benevolenza ai Fratelli», anche perché sappiamo che una frase simile: «Onore alla Fratellanza reverenza a Dio onore al Re» era spesso scritta sugli antichi certificati di Loggia intorno al All interno del cerchio, sul triangolo del quale uno dei vertici è rivolto verso l alto, troviamo scritto, sui lati: «pace concordia verità», mentre sul triangolo con un vertice rivolto verso il basso, troviamo scritto: «saggezza forza bellezza». Non solo nelle Logge inglesi, infatti, ma anche e soprattutto nelle nostre, la forza, la bellezza e la saggezza sono attributi conferiti alle tre colonne che sorreggono il Tempio e cioè il Secondo Sorvegliante, il Primo e il Maestro Venerabile e sono gli attributi di Ercole, Venere e Minerva che presiedono, nell ordine, alle azioni dei tre Ufficiali della Loggia. Per quanto riguarda il rituale dell Arco Reale, la forza e la saggezza hanno Pag. 9/27

10 riferimenti precisi, durante la cerimonia di esaltazione, nelle letture del Vecchio Testamento. Per l altra triade di parole, pace, concordia e verità, non c è un immediato riscontro nel rituale, anche se ogni tanto vengono menzionate sia la pace che la concordia tra gli uomini come fattori importanti per la crescita dell Umanità e della Massoneria in particolare. La verità, pur non essendo menzionata, è tuttavia uno dei tre grandi Principî sui quali si fonda l Ordine. Nel mezzo del sigillo di Salomone è visibile un triangolo, simbolo della divinità, sul quale poggia un sole che sovrasta un compasso le cui aste trattengono un globo... È sempre la divinità che attraverso i propri strumenti, rappresentati dal compasso, anch esso in definitiva un triangolo aperto all infinito, e il sole, simbolo della vita, mostra la sua volontà creatrice con il globo, simbolo della manifestazione. Vai sul Blog dell Arco Reale rdyork.blogspot.it e richiedi la NewsLetter settimanale che ti porterà ogni sabato mattino il meglio di quanto pubblicato durante la settimana.partecipa anche tu inviando i tuoi scritti alla redazione presso il seguente indirizzo di posta elettronica: Sommo Sacerdote Tiziano Busca ricorda Giordano Bruno È prova di una mente semplice e molto primitiva che uno desideri di pensare come le masse o la maggioranza, semplicemente perché la maggioranza è maggioranza La verità non cambia perché è, o non è, creduta dalla maggioranza delle persone» Giordano Bruno opera del G.M. Ferrari Giordano Bruno L amore della verità, il vivere nello spirito con la brezza della ribellione contro ogni forma di condizionamento, percorrere la strada della libertà e della conoscenza, non essere schiavo o dipendente degli integralismi e dei dogmi, accogliere il confronto con l animo aperto alla ragione ed al senso della tolleranza sono queste le cause che hanno portato al rogo il libero pensiero, sono queste le ragioni per cui ancora oggi la Libera Muratoria dei Maestri dell Arco Reale e della Comunione ricordano un martire dell anima e della libertà. Giordano Bruno ha raccolto sotto la bandiera del libero pensiero il sogno dell Uomo libero e non prigioniero del potere, i sogni dell Uomo che respira Amore. Ed è nella forza dell amore e della Libertà che ancora oggi dobbiamo trovare la via per infondere speranza a tutti coloro che non riescono a comprendere che la soluzione del dialogo è la più forte tra le armi di pace e di rispetto anche di fronte alle gravi situazioni che i dogmatismi e gli integralismi paventano all orizzonte della nostra quotidianità. È la via che gli iniziati percorrono con impegno e che testimoniandola confidano di trovare le migliori forze per scongiurare le grandi catastrofi. Lottare per cambiare lo spirito anche di coloro che vivono senza cogliere la bellezza della fraternità e della ricerca. Pietra su pietra la Massoneria continua a costruire il futuro contro lo spirito della paura attraverso l Amore per la libertà, attraverso l Amore per il fratello, per l Uomo. Pag. 10/27

11 Il Maestro Super Eccellente di Luigi Marchese Ancora non sono passati tre anni da quando alcuni Compagni sono stati iniziati a Charlotte (USA) nel 2012 al grado di Maestro Super Eccellente. Un grado questo ancora poco noto alla maggior parte dei Compagni. Il Gran Maestro della Massoneria Criptica Comp. Luigi Marchese ci ha inviato questa nota che ripercorre la breve e recente storia dell introduzione in Italia di questo grado criptico. Questo il percorso che ha portato in Italia il grado di Maestro Super Eccellente. Tutto nasce dall amore dell attuale Gran Commendatore Giovanni Pascale nei confronti del Gran Concilio. Nel corso di sue ricerche che partivano da documenti della sua notevole collezione privata di antichi testi massonici e dalla lettura di pubblicazioni internazionali riguardanti il Concilio si rese conto che in Italia non c era il grado di Maestro Super Eccellente che completava il percorso conciliare, ma che la Bolla ricevuta nel Marzo 1977 riguardava i gradi di Maestro Reale e di Maestro Eletto. In occasione di un incontro internazionale al quale partecipavano compagni degli Stati Uniti d America, i compagni Giovanni Pascale e Luigi Marchese li avvicinarono e chiesero informazioni sulla ritualità e sulle possibilità di avere in Italia il grado come completamento del percorso conciliare. Giovanni Pascale pubblicò sul n 2 di York Magazine del 2009 la prima parte delle sue ricerche sul grado, la seconda parte fu pubblicata sul n 6 di York Magazine del 2010, la ricerca si completò con la pubblicazione sempre si York Magazine n 12 del 2012 delle musiche che rispondevano meglio alle esigenze ritualistiche del grado e furono individuate in alcune parti di tre composizioni di autori italiani, la prima è Sedecia re di Gerusalemme di Alessandro Scarlatti, la seconda è Il Sedecia di Giovanni Legrenzi e la terza è Il Nabucco di Giuseppe Verdi. I compagni Pascale e Marchese per formalizzare la richiesta in America chiesero l aiuto dei compagni Valgattarri e Rossi che avevano contatti frequenti negli Stati Uniti, e tramite loro si stabilì un rapporto epistolare che portò all accordo che sarebbero stati insigniti del terzo grado presso il Concilio di Monroe nel North Carolina i compagni italiani che avrebbero partecipato all assemblea annuale della Croce Rossa di Costantino della quale in quel momento era Gran Sovrano David Hurgett jr e che era il nostro contatto, e che si sarebbe tenuta dal 3 al 6 Giugno 2012 a Charlotte. In quell occasione furono presenti i compagni Valgattarri, Rossi, Marchese e Trovalusci che furono insigniti del terzo grado ed autorizzati come da Costituzione del Gran Concilio Internazionale ad insignire del grado in Italia i compagni Maestri Reali ed Eletti che ne avessero fatto richiesta. Nel successivo 18 di Novembre 2012 fu organizzata a Massa Marittima una tornata nella quale vennero insigniti del terzo grado n 36 compagni di vari Concili italiani, successivamente si organizzò il 17 marzo 2013 un altra tornata a Reggio di Calabria nella quale fu conferito il grado ad altri 30 compagni. Attualmente ci sono 12 petizioni in attesa di una nuova tornata. Pag. 11/27

12 Riflessioni sul Rituale del Grado di Eccellentissimo Maestro La Bibbia - Cronache 2 capitolo 6, 1-3 di Benedetto Schimmenti Il Signore ha detto di abitare nella nube. Ora io ti ho costruito una casa sublime, un luogo ove tu possa porre per sempre la dimora La costruzione del Tempio Com è noto, la leggenda di Hiram si collega strettamente alla costruzione del Tempio di Salomone. Il Compagno della Loggia azzurra sente parlare di Hiram allorché è elevato al grado di maestro. Egli apprende dal Venerabile Maestro della sua Loggia che Hiram è il grande architetto prescelto dal re Salomone per la costruzione del Tempio. Hiram aveva diviso gli operai in tre categorie: apprendisti, compagni e maestri dando a ciascuna categoria precise parole di passo per farsi riconoscere e riscuotere il salario dovuto. Un giorno, tre compagni invidiosi, ritenendo di meritare il salario di maestro, chiedono minacciosi a Hiram la parola segreta. Il grande architetto, naturalmente, si oppone gridando ai tre compagni parole che dovremmo meditare a lungo e in ogni circostanza: Non così io l ho ricevuta! Non così si deve chiederla!. E sul punto di morire, per le violenze inferte, egli così ammonisce i compagni: Lavora, persevera, impara. Solo così avrai diritto alla maggior ricompensa!. Il massone che è sul punto di ricevere la maestria è condotto alla scoperta della tomba di Hiram presso un albero di acacia e attraverso una drammatizzazione, che è il cuore stesso della cerimonia iniziatica, prende coscienza dell eterno ciclo della morte e della rinascita. Innanzi tutto, che significa Hiram? Hiram - si è sempre detto - rappresenta lo spirito dell uomo. E, in effetti, il nome è composto dalla radice ebraica Chi, che significa vita, vitale ecc e da una seconda radice: Ram, e che indica particolari stati di elevazione. Vita elevata, dunque è il significato letterale di Hiram, e noi sappiamo che ciò che è elevato appartiene di necessità allo spirito. Quanto alla leggenda, diversi autori hanno tentato di ricostruirne la sua prima apparizione nella tradizione massonica. In proposito, c è chi ricorda la citazione che del nome di Hiram fa Il Manoscritto di Cooke, circa alla metà del Quattrocento e nell ambito della Massoneria operativa del XV secolo, senza peraltro alludere alla sua uccisione ma solo per ricordare che Hiram, il figlio di Tiro era il capo degli muratori al servizio di Salomone per la Costruzione del Tempio, iniziato da re David. E, nella tradizione orale, vi sarebbero testimonianze dell introduzione, nel rituale del terzo grado della Gran Loggia di Londra, della figura di un maestro costruttore e della sua morte e rinascita iniziatica. Siamo nel 1725 e bisogna attendere sino al 1733 perché la leggenda di Hiram compaia nel rituale del terzo grado delle Logge londinesi e altri cinque anni perché venga inserita nella ristampa delle Costituzioni inglesi del Tuttavia, la leggenda di Hiram, nelle sue diverse versioni, sarebbe di fatto già presente nella Massoneria operativa dell Europa medievale e in particolare negli archivi dei vari Compagnonnages francesi. Tutti i testi, nel collegarsi al racconto biblico della costruzione del Tempio di Salomone, fanno poi riferimento a vicende che si differenziano poco le une dalle altre, concordi tutte, comunque, nel sottolineare che la morte di Hiram, frutto dell invidia, dell avidità e della violenza di alcuni operai, ebbe come effetto di ritardare i lavori di costruzione del Tempio. Fatta chiarezza sui tempi della comparsa dei testi della leggenda di Hiram nell ambito, prima della Massoneria operativa poi di quella speculativa, resta, ancora irrisolto e forse non del tutto solubile, per via di prove documentarie, il problema della genesi della leggenda, il rinvenimento delle sue fonti originarie. La questione è tanto più complessa perché, se per un verso tutti sono concordi nel rintracciare nel racconto biblico il motivo ispiratore, le divergenze cominciano quando si cerca di spiegare ciò che la vicenda biblica non dice e soprattutto allorché si Pag. 12/27

13 tenta di chiarire il significato ultimo e per così dire più autentico del mito di Hiram. Così, c è chi sostiene che la leggenda massonica che si ispira ad Hiram, a partire dai pochi spunti del racconto biblico, fu opera di fantasia di massoni illuminati; chi ne rintraccia l origine addirittura in una versione popolare arabo-turca; chi ne avverte la presenza nel Talmud degli ebrei, senza peraltro indicare in quale dei numerosi trattati della Mishnah o in quale suo commento o Ghemarah si troverebbe; chi ancora la riconduce ai miti di morte e resurrezione presenti in tutte le tradizioni e in particolare nella tradizione egizia della morte di Osiride, o in quella occidentale della morte di Cristo; chi, infine, la riconduce genericamente ai miti solari del ciclo zodiacale e vegetativo. Io ho preferito limitare la mia indagine alla Bibbia, lì dove il nome di Hiram è citato e poi allargare la ricerca in ambito biblico ogni qualvolta ci si riferisce alla edificazione di una casa del Signore. Nella Bibbia, Hiram è citato nel I Libro delle Cronache (14:1) e nel II libro di Samuele (5:11) solo per dire che era re di Tiro. Se ne parla poi soprattutto nel I Libro dei Re, allorché Salomone informa Hiram re di Tiro di voler costruire un tempio secondo gli accordi che suo padre David aveva preso direttamente con Dio - e perciò gli chiede operai fenici per tagliare gli alberi e legname di cedro necessario alla costruzione del tempio. Hiram acconsente di buon grado allo scambio commerciale e concede, oltre ai cedri e agli operai, oro in abbondanza e pietre preziose in cambio di 6000 tonnellate di grano, 8000 litri di olio purissimo ogni anno e 20 villaggi della Galilea. D ora in poi Fenici ed Ebrei lavoreranno insieme, cominciando con lo squadrare le pietre necessarie alla fondazione del Tempio. Nella sua sapienza, infatti, Salomone percepì l idea di costruire il Tempio e Hiram gli dette la forza per costruirlo, inviando strumenti, oro, pietre preziose ed operai rigorosamente disciplinati e solidali tra loro. Questa, però, è anche l alleanza che nella Qabbalah si esprime tra la sephirah sapienza e la sephirah Forza e rigore. In un successivo versetto della Bibbia (I Libro dei Re, 6:1) si precisa che i lavori di costruzione del Tempio ebbero inizio allorché erano trascorsi 400 anni dall uscita degli Ebrei dall Egitto. Per chi conosca appena la tradizione cabbalistica uscire dall Egitto e 400 hanno un preciso significato. Uscire dall Egitto significa abbandonare la via consueta e profana per intraprendere un cammino iniziatico. Quanto al 400, lo sappiamo corrispondere al valore numerico dell ultima lettera dell alfabeto ebraico: la t (Taw) simboleggia tutto ciò che di bene e di male c'è nel quaternario. Il simbolo si spiega con l essere questa l ultima delle lettere con cui Dio creò il mondo. Per lasciare l'egitto occorrono agli Ebrei 400 anni e soprattutto occorre la Techinnah che si scrive con la Taw iniziale che significa amicizia e clemenza e Desiderio di ogni bene terreno ma anche desiderio dello spirito di risalire in alto. Per citare un passaggio di Max Guillnot, con riferimento alla morte massonica riferisce Queste devono procedere a successive morti rituali, seguite da rinascite, per scuotere il mentale nel profondo e suscitare, infine, delle emozioni che non soltanto saranno analoghe a quelle precedenti il vero trapasso, ma faranno anche prevedere il destino ulteriore della coscienza in una sorta di visione premonitrice. Le diverse cerimonie iniziatiche sono, perciò, i momenti più alti di una lunga alchimia mentale ( ) Questa sorta di stato di grazia perdura, tutt al più, qualche giorno. La vita profana, come una marea montante, ben presto ricopre le tracce del cammino spirituale. Si dovranno, perciò, moltiplicare i rituali, ripetendo i gesti creatori dello stato iniziatico fino a rendere quest ultimo permanente. Non sarà inutile soffermarci su qualcuno dei versetti più significativi del racconto biblico. A cominciare da quando Salomone si rivolge ad Hiram re di Tiro: Ora ho intenzione di costruire un tempio consacrato al Signore, mio Dio (I Re, 5:19) e Hiram osserva: Sia lodato il Signore che ha dato a David un figlio tanto saggio per governare il numeroso popolo di Israele (5:21). Poco dopo è detto dell alleanza che da allora intercorse tra Hiram e Salomone: Come aveva promesso, il Signore diede grande saggezza a Salomone. Così Salomone mantenne sempre buoni rapporti con Hiram: i due fecero anche un alleanza (5:26). Orbene secondo la religione cristiana non c è un luogo che possa contenere Dio. Si può tuttavia costruirgli una casa per esercitare in essa il culto che deve essere grande e meravigliosa, perché Dio è più grande di tutti gli dei. E, a mio avviso, singolare il fatto che a quest opera eccezionale prenda parte tanta gente che non appartiene in modo diretto al popolo d Israele. Pag. 13/27

14 Ci sono gli stranieri! I discendenti dei Cananei lavorano la pietra e il legname; Hiram, un abitante di Tiro, di sangue ebreo ma di padre pagano, è ricco di sapienza per ogni lavoro inerente al tempio. Un unica sapienza guida tutto e tutti: Salomone perché possa governare, Hiram perché possa lavorare attorno al tempio. Dunque alla costruzione del tempio partecipano Israeliti e pagani: essi lavorano insieme. Il tempio dunque riconcilia e porta all unità perfetta attraverso un opera di costruzione prima individuale e poi collettiva, in quanto frutto delle sinergie di ogni singolo massone, volte in un unica costruttiva direzione che tende alla chiave di volta inteso come Lo spessore di un Uomo di Enzo Heffler ultimo elemento mancante per la costruzione del tempio. L unità perfetta, dunque, altro non è - a mio avviso - che l estrinsecazione dei principi fondamentali della massoneria o dei principi, meglio ancora, ai quali la massoneria dovrebbe tendere: l unità, per l appunto, la coesione, la condivisione di un progetto comune che si sposa con il percorso comune di noi massoni, ispirato ai principi di tolleranza, di fratellanza, di libertà, di giustizia, di uguaglianza ma soprattutto di solidarietà (anche sociale), di umiltà (se sol si consideri che per primo il re Salamone si unì con gli altri alla processione), ruolo che in Massoneria viene ben rappresentato dal M.V. quale primus inter pares, ma di riconosciuta saggezza. Gli eventi storici acquistano una loro prospettiva solo a distanza nel tempo (Rabbino Elio Toaff prefazione a Willy Lindwer, Gli ultimi 7 mesi di Anna Frank,p. 7) In queste poche parole si racchiude la spiritualità di un grande uomo che ha attraversato da protagonista gli ultimi 100anni della storia dell Europa; una figura mite, ironica, colta, sorridente, dotato di una grande sensibilità e intelligenza che abbiamo salutato alcuni giorni fa. Elio Toaff ha mantenuto la sua cerca della divinità anche dopo aver incrociato la profondità dell odio che solo l uomo è in grado di manifestare nei confronti dei suoi simili. Nel Libro di Alain Elkann alla domanda Come lo vede il mondo di oggi? Rav Elio Toaff rispondeva Ha molti lati positivi. Direi che c è uno sviluppo tecnologico molto avanzato, ma questo non corrisponde a un pari sviluppo della spiritualità, della ricerca religiosa. La capacità di vedere oltre; di ricordare come l uomo debba coltivare, con eguale intensità, sia il lato materiale che quello spirituale per non perdersi; questo è uno dei lasciti del Rabb. Toaff che si sposa con il pensiero di ogni Iniziato alla Libera Muratoria in quanto pone al centro della sua cerca l uomo. Mi auguro che molti Fratelli si appassionino a questa figura che con la durezza della concretezza e lo slancio altruista ci ha lasciato un immenso mondo da scoprire l animo umano. La morte è un fatto naturale che porta tristezza perché una persona cara ci ha lasciato, ma è un dolore rassegnato essendo un evento naturale a cui nessun sfugge; ma se il ricordo chi era rimane vivo nei nostri cuori e nelle nostre mente quella sofferenza si lenisce riducendo il senso di abbandono.; Elio Toaf diceva Bisogna avere fiducia nell uomo e nell umanità. Grazie Maestro buon cammino nel Vostro nuovo Viaggio. Pag. 14/27

15 Il rituale dell Arco Reale e la Storia Biblica di Eduard Stolper Il Gran Maestro Aggiunto del GOI Ed Stopler (foto a sinistra) è universalmente noto ai Fr.lli Italiani per i suoi studi sulla Massoneria. Si può dire che non vi sia Fr.llo che almeno una volta non si sia imbattuto su uno di essi, apprezzandone il rigore e la chiarezza. Fra tanti suoi lavori alcuni hanno riguardato la Massoneria dell Arco Reale. Fu membro effettivo (uno dei due del continente europeo) della Loggia di ricerca Quatuor Coronati di Londra, della quale è stato Maestro Venerabile. Fu segretario per l Italia del Correspondence Circle della Quatuor Coronati. Nel 1979 è stato insignito del Norman B.Spencer Award per il miglior contributo di un membro del Corrispondence Circle alle attività della Loggia Quatuor Coronati di Londra. Fra i suoi scritti si annoverano anche quelli riguardanti l Arco Reale e che a suo tempo contribuirono non poco alla sua maggiore conoscenza fra i Fr.lli della Comunione Italiana. Il Rituale dell Arco Reale e la Storia Biblica è uno di questi che trovò una sua riproposizione nella rivista dell Arco Reale Orientamenti nell anno Il Rituale dell Arco Reale e la Storia Biblica. A causa di una serie di differenze interne, nel 932 a.c. la nazione ebraica si spaccò in due (cartina a sinistra). La parte settentrionale, più estesa e più popolosa, assunse il nome di Regno d Israele, ebbe per Re Geroboamo e per capitale, prima Sichem e poi Samaria. La parte meridionale, molto più ricca ed importante, consistente nelle tribù di Giuda e di Benjamino, rimase fedele al re Roboamo e scelse il nome di Regno di Giudea, con capitale Gerusalemme. La divisione non fu soltanto politica, ma anche religiosa. Nel Regno d Israele furono ammesse anche le divinità fenicie (Baal) ed il risultato finale fu una lunga serie di lotte intestine. Infine, indebolitosi, nel 722 A.C. il Regno d Israele fu conquistato dal Re Sargon II di Assiria, il quale distrusse Samaria, deportandone la popolazione. Il regno di Giudea ebbe una vita più lunga, ma non meno travagliata. Anche essa si indebolì ed infine, dopo una successione di interventi Assiri ed Egizi, nell ano 605 A.C., Gerusalemme fu occupata dal Principe ereditario del Regno dei Caldei (Babilonia), il futuro Re Nabucodonosor II (il Grande). Il brillante conquistatore era pronto ad assalire anche l Egitto, quando la morte del padre gli fece interrompere il proseguimento della campagna militare. Una parte del territorio occupato fu persa ma, nel 598 A.C. il nuovo Re di Babilonia, cioè lo stesso Nabucodonosor II (604 A.C. 562 a.c.) riprese l attacco del Paese dell Occidente (come fu chiamata la Palestina), riconquistando Gerusalemme. Re Joakim, insieme con degli Ebrei più ricchi ed importanti furono portati in Babilonia. Fu nominato du Re vassallo, Zedechia, ma quando anche egli si ribellò, nel 586 a.c., Gerusalemme, e con essa il Tempio di Salomone fu completamente distrutta. In quella occasione ancora Ebrei furono esiliati in Babilonia. Soltanto quelli che avevano collaborato coll invasore ( e non erano pochi) potevano restare, mentre tutti i contadini erano costretti a rimanere, per lavorare i campi. Durante l esilio gli Ebrei fecero una importante scoperta religiosa e precisamente il fatto che il Dio d Israele non era legato alla loro terra di nascita, ma che potevano averlo con loro in qualsiasi posto, purché essi obbedissero alle Leggi Mosaiche. Pag. 15/27

16 Anche nella futura diaspora millenaria, quella consapevolezza ha sempre aiutato il popolo ebraico a non perdere la propria identità. Naturalmente essi rimpiansero profondamente la patria (Salmo 137) ma, per la verità, non sempre l esilio era insopportabile. Molti Ebrei diventarono uomini benestanti e persone di riguardo (ved. Esdra, Daniele, Neemia, Ester ecc.). Zorobabele (nella Bibbia anche chiamato Zorobabel o Zerobabele o Zerobabel) era figlio di Shealtiel (Ezdra 3:2, Aggeo, 1:1) oppure di suo fratello Pedaia (I Re 3:9), ma certo è che era nipote di Joakim, ultimo Re di Giudea. Egli era nativo di Babilonia ed il suo nome viene talvolta tradotto come nativo di Babilonia. Secondo Luca (3:27), Gesù sarebbe stato discendente di Zorobabele. Ciro lo nominò Governatore della Giudea, ma dal Libro Aggeo si potrebbe dedurre ce quella nomina ebbe luogo circa 17 anni dopo, durante i Regno di dario I. Ezdra dice, però, chiaramente che egli guidò i rimpatrianti. Giosuè, il Sommo Sacerdote ( da non confondere con il suo omonimo del sesto libro della Bibbia, che visse molto prima) era figlio del Sommo Sacerdote Josedak e fu da Ciro incaricato di guidare il popolo ebreo dal punto di vista spirituale e religioso, compito considerato altrettanto importante di quello di Zorobabele. Arrivati finalmente a Gerusalemme, gli immigrati trovarono una città desolata e distrutta; fu perciò necessario vivere in tende, come durante il viaggio. Il primo dovere compiuto fu l erezione dell Altare al Dio d Israele, per offrirvi olocausti secondo le leggi di Mosè. Naturalmente, la seconda preoccupazione, fu quella di costruire abitazioni e di lavorare la terra ma, finalmente, nel secondo anno dopo l arrivo, cioè nel 536 a.c., cominciò la ricostruzione delle fondamenta del Tempio e, come avvenne per il primo Tempio, i Fenici di Tiro fornirono legno dal Libano (Ezdra 3.7). Ci furono opinioni diverse per quanto concerne l architettura. Il primo Tempio, costruito quando gli Ebrei erano ricchi, era stato un edificio magnifico, ma, nelle circostanze del momento, non si poteva pensare ad un piano del genere. Glia anziani, che si ricordavano i tempi gloriosi, si lamentavano che questo nuovo Tempio non era degno di un Dio, mentre i giovani erano dell opinione che un Tempio semplice fosse sempre meglio che nessun Tempio. Presto però la costruzione rallentò e, durante quasi 17 anni, fu praticamente interrotta. La causa principale di ciò erano i Samaritani dell ex Regno d Israele, dai costruttori considerati traditori della causa. Essi si presentarono in Gerusalemme per partecipare alla costruzione, quando questo a loro fu negato, cominciarono ad ostacolare il lavoro con tutti i mezzi a loro disposizione. I costruttori furono perciò costretti a lavorare con la cazzuola in mano e la spada al fianco. Con orazioni flagellanti, Giosuè cercò di indure il popolo sfiduciato a costruire un recinto di legno ed infine ci riuscì. Il muro fu completato in 52 giorni (Neemia 4:17-18). Altre difficoltà si verificarono dopo la morte di Re Ciro (egli morì in battaglia nell anno 529 a.c.), quando il figlio Cambise II non fu a favore dell impresa ebraica. Di conseguenza, egli favorì piuttosto i Samaritani. Inoltre, durante il suo regno, nel 527 a.c., Gerusalemme fu di nuovo saccheggiata dalle truppe persiane, in occasione di una campagna militare contro l Egitto. Cambise regnò, però, solo 7 anni e, nel secondo anno del regno del suo successore, Dario I, cioè nell anno 520 entrò in scena un nuovo personaggio, il profeta Aggeo, un uomo saggio che assistette gli Ebrei con consigli ed aiuto nelle loro difficoltà. Probabilmente egli era nato in esilio, ma alcuni indizi fanno pensare che si ricordava del primo Tempio (Aggeo 2:4). Aggeo collaborò attivamente col profeta Zaccaria (il quale stranamente non viene menzionato nel rituale) ed in 4 orazioni egli accusò il popolo di Dkio di dare la precedenza alle proprie case ed alla terra, invece di procedere colla costruzione del Tempio. Fu profetizzata una carestia, che infatti si verificò (forse proprio perché il popolo aveva cominciato a fare meno attenzione alla terra!). Giosuè ed Aggeo riuscirono ad ottenere una tregua fra costruttori e Samaritani e, da quel momento, il lavoro potè proseguire senza ostacoli. Infatti, nell anno 516 A.C. il Tempio fu completato. Vediamo dunque che la costruzione del tempio fu guidata, inizialmente da Giosuè (Gran Sacerdote o Sommo Sacerdote) e Zorobabele (Reggente o Governatore), mentre dall anno 520 in poi, fece parte della triade anche Aggeo (nel rituale italiano: Dottore della Legge). Nel rituale inglese la figura principale è Zorobabele, mentre nel rituale americano quel posto è coperto da Giosuè, il quale, del resto, era di importanza uguale. Da notare che, secondo il nostro rituale, l esilio durò 70 anni, mentre generalmente quel periodo viene contato fra 586 a.c. e 536 a.c., cioè 50 anni. Ricordo, però, che vi sono differenze fra i resoconti di Esdra e di Aggeo. Se vogliamo accettare, come fanno alcuni studiosi, che Zorobabele partì, insieme con Giosuè, Aggeo ed il grosso dei rimpatriati, nell anno 520 A.C., l esilio sarebbe durato 66 anni. Questa deduzione sarebbe, però, in contrasto con gli scritti, chiari e dettagliati, di Esdra. Faccio soltanto menzione del fatto che nel rituale inglese figurano ancora altri due personaggi storici importanti, e precisamente: Esdra e Neemia, due Scribi. Pag. 16/27

17 Sembra però, molto anacronistico vedere la triade principale, insieme con questi due personaggi, i quali, in realtà, vissero quasi 95 anni dopo, sotto il Regno di Artaserse I. Infine è interessante notare che la storia del rituale irlandese si svolge in un epoca diversa. Nell anno 722 A.C., quando il Regno d Israele fu eliminato, anche il Tempio di Gerusalemme fu seriamente danneggiato. Ottant anni dopo, cioè nell anno 642 a.c., ol Tempio fu riparato dal Re Giosia (II Re 22). Egli mandò lo Scriba principale Safan all edifizio danneggiato coll ordine di cooperare con Hilkia, il Sommo Sacerdote. Quest ultimo, tra le macerie, scoprì un rotolo di pergamena, che era il Libro Sacro perso. Di conseguenza, nel rituale irlandese, i personaggi della triade principale rappresentano in ordine, il Re (Giosia), il Sommo Sacerdote (Hilkia) e lo Scriba Principale (Safan). Gli alberghi che ci ospiteranno il 15 e 16 maggio 2015 a Rimini durante la Grande Assemblea dei Corpi Rituali il Rito di York Clicca qui per leggere le favorevoli condizioni economiche Pag. 17/27

18 Una scommessa editoriale diventata realtà Una grande scommessa editoriale. Quella di studiare il Rito di York, con la sua storia, con il suo simbolismo, arricchendo l esile riferimento bibliografico esistente in italiano. Detto fatto. Il capitolo De Lantaarn, tra i tanti momenti di approfondimento e di confronto, ha provveduto anche a questa collana, curata dal Compagno Mauro Cascio, filosofo, e pubblicata dalla casa editrice Tipheret. «La Massoneria. Una simbologia in movimento» è un viaggio originale e documentato attorno alla simbologia dei tre gradi che viene completata nella simbologia del Maestro dell Arco Reale. Il primo titolo della collana è anche una sorta di manifesto del Capitolo, con importanti considerazioni sulla natura esoterica della Massoneria e sul ruolo dell intellettuale come lievito della società. «Un Dio che riposa tra i fenomeni del mondo» è un libro di Mauro Cascio, una importante congiunzione tra il precedente «Al divino dall umano, all eterno dal tempo» e l ultimo, «Il Vacillare del senso». Tra i contenuti da segnalare pagine molto dense che propongono la riforma del marchio e del nome nuovo, recentemente occasione di dibattito in molte conferenze. La postfazione del libro è a cura del Premio Strega Antonio Pennacchi Il terzo titolo della collana è «Massoneria e Orgonomia» di Cristiano Turriziani. Ovvero: i centri di consapevolezza nell ordine e nel segno dei gradi simbolici e nell Arco Reale, con delle belle tavole dei primi tre gradi e del Maestro dell Arco Reale a cura di Luca Cavallin. «Rinato nella Pietra» è un saggio di Marco Rocchi che indaga la psicologia e l antropologia dell iniziazione muratoria. Con importanti scritti in appendice, da quello di Luigi Maria Bianchini a Davide Riboli. Pag. 18/27

19 Torino Maggio Inaspettato, ma non per questo meno meritato, l invito al Capitolo De Lantaarn e al Clan Sinclair a partecipare al salone Internazionale del Libro a Torino. Il Capitolo De Lantaarn e il Clan Sinclair al Salone Internazionale del Libro di Torino che si svolgerà al Lingotto Fiere dal 14 al 18 maggio, con l inaugurazione del Presidente Sergio Mattarella. Tra gli appuntamenti in calendario vanno infatti segnalati al Padiglione 2 - stand K25 J 26 la presentazione (il 14 alle 13.00) del nuovo libro di Mauro Cascio (cofondatore ed ex Gran Sacerdote del Capitolo de Lantaarn del Rito di York) «Il secreto degli dei. Spagiria e chiarificazione esistenziale» (Tipheret). Sarà anche l occasione per parlare delle tantissime iniziative editoriali pubblicate sempre da Tipheret sotto il marchio di De Lantaarn. Il giorno dopo alle 14 «Viaggio nel mondo Sinclair» con il Sommo Sacerdote del Rito di York Tiziano Busca, Massimo Agostini, Marco Rocchi e Lord Carl Sinclair. Da segnalare domenica 17 maggio alle 19 la Conferenza «Stato, Laicità, Massoneria» con Antonio Binni e Stefano Bisi. Pag. 19/27

20 Parma 24 Aprile Il Capitolo dell Arco Reale Pitagora apre ai Maestri della Comunione Massonica. E toccato al Capitolo dell Arco Reale «Pitagora» all Oriente di Parma aprire ai Maestri della Comunione per far conoscere la simbologia del Capitolo e, più in generale, il Rito di York. Una iniziativa che da tempo sta portando avanti il Sommo Sacerdote Tiziano Busca, per stimolare momenti culturali di incontro e di confronto e per far sì che i Riti, tutti i Riti, possano essere opportunità di crescita esoterica e iniziatica in un momento storico di grossa secolarizzazione della Massoneria. «Dobbiamo sapere di cosa siamo fatti», ha recentemente detto Busca, «Abbiamo simboli e segni, che non interroghiamo più. E smetteranno di parlarci se non riprendiamo l antica via della Tradizione». Nella felice occasione il Sommo Sacerdote ha premiato la lunga militanza nel Rito di York del Comp. Nicola Rossini che ha conosciuto il Rito fin dalle origini e ne ha incontrato i suoi principali protagonisti, sempre con la grandezza dell'umiltà. Il Sommo Sacerdote del Gran Capitolo dell'arco Reale consegnando al Compagno Rossini una onorificenza del Gran Capitolo per la sua anzianità di appartenenza ha così detto: «Non è mia consuetudine dare medaglie. Lo faccio sempre con grande attenzione. A fratelli che davvero meritano per dedizione e impegno. Perché la Storia dell'istituzione è fatta da piccole e grandi testimonianze individuali». Nella foto il Sommo Sacerdote comp. Tiziano Busca aiutato dal Gran Sacerdote del capitolo Pitagora Comp. Davide Bertola appunta l onoreficenza al Comp. Nicola Rossini. Pag. 20/27

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Mappa Concettuale CREOLIZZAZIONE = RELAZIONE di ELEMENTI ETEROGENEI provenienti da DIVERSITÀ CULTURALE

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA. La Casina Incantata. VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26

LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA. La Casina Incantata. VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26 LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA La Casina Incantata VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26 una volta un piccolo regno C era situato tra due fiumi ed era un posto incantato di nome Avonalliv. Il Re era un uomo

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa.

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa. IOEGLIALTRI Capacità di rapportarsi agli altri attraverso il gioco in atteggiamento positivo di accoglienza Il bambino si apre alla capacità di interazione con i coetanei, con le insegnanti e identifica

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli