CITTA di CAMPI SALENTINA. Relazione Specialistica Protezione e Riparazione del calcestruzzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA di CAMPI SALENTINA. Relazione Specialistica Protezione e Riparazione del calcestruzzo"

Transcript

1 CITTA di CAMPI SALENTINA INTERVENTI URGENTI SUL PATRIMONIO SCOLASTICO SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA KENNEDY PROGETTO ESECUTIVO Relazione Specialistica Protezione e Riparazione del calcestruzzo 1.0 Premessa La protezione e la riparazione delle strutture di calcestruzzo richiedono un lavoro di analisi e di progettazione già codificato nella Norma UNI EN 1504, la quale sarà utile e necessario riferimento per la definizione dei principi per la protezione e la riparazione delle strutture di calcestruzzo che hanno subito danni o deterioramenti e per la scelta dei prodotti e sistemi appropriati per l uso previsto. Gli stadi chiave del processo di riparazione saranno: - valutazione delle condizioni della struttura; - identificazione delle cause di deterioramento; - decisione degli obbiettivi della protezione e della riparazione; - scelta dei principi di protezione e riparazione appropriato; - scelta dei metodi; - definizione delle proprietà dei prodotti e dei sistemi. 2.0 Requisiti minimi per la protezione e riparazione La valutazione della condizione attuale della struttura di calcestruzzo e della capacità futura che essa mantenga la sua funzionalità in ordine alle disposizioni normative e alle esigenze della committenza verrà eseguita nella sussistenza di determinati requisiti. 2.1 Sicurezza Il fabbricato in oggetto si presenta in buono stato di conservazione, non vi sono apparenti sintomi di rischi per la salute e la sicurezza da caduta di macerie o cedimenti locali dovuti a materiale che si sgretola; non sono presenti segni che indichino deterioramento dovuto ad instabilità meccanica. Le operazioni di ispezione potranno essere condotte senza la necessità di interventi relativi alla sicurezza, mentre saranno specificati gli interventi appropriati per rendere sicura la zona di intervento prima di intraprendere qualsiasi altro lavoro di protezione o riparazione in maniera da eliminare ogni rischio originato dal lavoro stesso.

2 2.2 Valutazione dei difetti e delle loro cause La necessaria valutazione sui difetti della struttura di calcestruzzo, sulle loro cause e sulla capacità della struttura di svolgere la propria funzione è stata effettuata in relazione alle aree di intervento oggetto della presente relazione Condizione attuale della struttura di calcestruzzo La struttura nella parte esterna è stata protetta fin dalla sua costruzione da intonaco civile e rivestimento plastico tipo Graffiato. La struttura nella sua generalità si presenta senza particolari stati fessurativi sulle murature di tamponamento mentre sulle parti in aggetto in c.a. sono presenti espulsione di copriferro e ossidazione dei ferri di armatura. Le dimensioni nominali degli aggetti sono riportati nell allegato elaborato grafico. Gli aggetti sono realizzati in c.a. e presentano la stessa finitura dell intero edificio in materiale plastico tipo Graffiato Approccio della progettazione originale Il fabbricato ha una vita di ca. 40 anni quindi progettato secondo normative tecniche che non avevano ancora intrapreso la strada della prescrizione della durabilità delle opere in c.a. e perciò con obiettivi di calcolo basati essenzialmente sulla sicurezza della struttura rispetto alla resistenza dei materiali e, come prescrizione costruttiva, rispetto alla deformabilità della struttura stessa. In fase operativa bisognerà sempre verificare che lo spessore del copriferro sia adeguato. Non è da escludere che la messa in opera iniziale delle armature sia carente da questo punto di vista. Un copri ferro sottile è un difetto potenziale che in questa occasione di intervento può essere riparato. L attuale intervento rientra nelle fattispecie indicate nelle Norme Tecniche per le Costruzioni Capitolo 8 Costruzioni esistenti, alla voce Riparazione o intervento locale per la quale non è previsto il deposito della valutazione della sicurezza delle strutture Contaminazioni ambientali Il fabbricato è ubicato in un contesto urbano non particolarmente aggressivo. Sono da escludere attacchi chimici di tipo specifico. Sono invece possibili gli attacchi dovuti alla umidità e alla CO 2 presenti nell aria. Nella attuale disamina i difetti riscontrati sulle strutture in c.a. vanno imputati al fenomeno della carbonatazione, principale imputato della corrosione delle armature. L aggressione da anidride carbonica è la responsabile della carbonatazione del calcestruzzo esposto all aria. La carbonatazione è dovuta alla penetrazione della CO 2 nel calcestruzzo. Il fenomeno consiste nella trasformazione della calce, che si genera a seguito dell idratazione del cemento, in carbonato di calcio a causa della presenza di anidride carbonica. Un calcestruzzo sano ha un ph maggiore di 13 e in questa condizione sui ferri di armatura si crea un film di ossido ferrico passivo che li impermeabilizza al passaggio di ossigeno e umidità. Se la struttura è carbonatata il ph del calcestruzzo si abbassa passando a valori che possono essere anche inferiori a 9, creando così un ambiente poco alcalino per le armature. In presenza di ph inferiori a 11 il film passivante

3 viene neutralizzato lasciando così i ferri esposti all aggressione dell ossigeno e dell umidità presenti nell aria. In queste condizioni si innesca il processo di corrosione delle armature che aumentano il loro volume di circa 6 volte. Il copriferro in questo modo si distacca dall armatura fino ad arrivare alla completa espulsione. Una volta che il calcestruzzo è degradato il deterioramento dei ferri sarà sempre più veloce in quanto si creeranno vie di accesso più facili per ossigeno e umidità Storia della struttura e Condizioni d uso Il fabbricato progettato con destinazione di edificio scolastico, ha mantenuto la sua funzione senza subire variazioni nelle condizioni d uso particolarmente riguardo ai carichi previsti in fase progettuale. Non si prevedono cambi di destinazione d uso nella attuale analisi Obiettivi della protezione e della riparazione Verranno specificati i fattori di base da prendere in considerazione nella scelta delle opzioni di protezione e riparazione in riferimento agli obiettivi riportati nella UNI EN Per l intero edificio si sceglie l opzione miglioramento, rafforzamento o rimessa a nuovo, per intero o in parte, della struttura di calcestruzzo. La opzione precedente è stata scelta considerando: - l uso previsto nella vita di servizio dell edificio; - le proprietà ed i possibili metodi di preparazione del substrato esistente; - l aspetto finale della struttura riparata. Inoltre sono stati considerati: - i requisiti sanitari e di sicurezza; - l impatto delle operazioni di riparazione sugli occupanti della struttura. La scelta dell intervento appropriato è stata effettuata in relazione a: - il tipo, la causa e l entità dei difetti; - le future condizioni di servizio; - l opzione di protezione e riparazione scelta; - la conformità ai principi della Norma UNI EN l impiego di prodotti conformi alle norme della serie EN 1504 o ad ogni altra norma europea o Benestare Tecnico Europeo pertinente Scelta dei prodotti e dei sistemi Vengono ora specificati i principi di base che verranno utilizzati per le opere di riparazione e protezione del calcestruzzo. I prodotti ed i sistemi verranno selezionati in conformità ai requisiti delle parti da 2 a 7 della EN I principi riportati nella UNI EN1504 sono basati su leggi della chimica o della fisica che consentono la prevenzione o la stabilizzazione dei processi di deterioramento chimico e fisico del calcestruzzo o dei processi di corrosione elettrochimica sulla superficie dell acciaio.

4 A seguito delle analisi fin qui svolte, si scelgono i seguenti principi: - Difetti del calcestruzzo Principio 1 (PI) Protezione contro l ingresso: riduzione o prevenzione dell ingresso di agenti aggressivi, per esempio acqua, altri liquidi, vapore, gas, agenti chimici e biologici. Metodo basato sul principio 1.3 Rivestimento - Corrosione dell armatura Principio 7 (RP) - Conservazione e ripristino della passività: Creazione delle condizioni chimiche in cui la superficie dell armatura viene mantenuta o riportata ad una condizione di passività. Metodo basato sul principio 7.2 Sostituzione del calcestruzzo contaminato o carbonatato. Principio 11 (CA) Controllo delle aree anodiche: Creazione delle condizioni in cui le aree potenzialmente anodiche dell armatura sono impossibilitate a prendere parte alla reazione di corrosione. Metodo basato sul principio Rivestimenti attivi delle armature Definizione delle proprietà dei prodotti e dei sistemi Le caratteristiche prestazionali dei prodotti e dei sistemi per la protezione della superficie di calcestruzzo vengono presi in considerazione nella UNI EN Nel nostro caso si prenderanno in conto le caratteristiche relative a: Metodo 1.3 Rivestimento: trattamento finalizzato ad ottenere uno strato protettivo continuo sulla superficie di calcestruzzo. Si riportano le caratteristiche prestazionali indicate nella norma come generali: - Permeabilità alla CO2 EN Sd>50 m - Permeabilità al vapore acqueo EN ISO Classe I: Sd<5 m EN ISO Classe II: 5m Sd 50 m Classe III: Sd>50 m - Assorbimento capillare e permeabilità all acqua EN W<0,1kg/m 2 x h 0,5 - Resistenza di adesione attraverso test di pull-out EN 1542 Crack bridging Sistemi flessibili No traffico 0,8N/mm 2 1,0N/mm 2 Metodo 7.2 Sostituzione del calcestruzzo contaminato o carbonatato. Si riportano le caratteristiche prestazionali indicate nella norma come generali: Requisito strutturale Classe R3 Resistenza a compressione EN MPa Contenuto di ioni cloruro EN ,05% Legame di aderenza EN ,5 MPa Espansione/ritiro contrastato EN Forza di legame

5 dopo la prova 1,5 MPa Durabilità-resistenza alla carbonatazione EN d k cls di controllo Metodo Rivestimenti attivi delle armature La parte 7 della UNI EN 1504 prende in considerazione esclusivamente il principio 11 della UNI EN nella quale sono previste le seguenti caratteristiche prestazionali generali: -Protezione dalla corrosione EN Il test si può considerare superato se le zone verniciate dell acciaio sono libere da corrosione e se le fessure da corrosione intorno alla base della piastra sono inferiori a 1 mm Prodotti utilizzati: - malta cementizia anticorrosiva monocomponente per la protezione dei ferri d armatura; - malta cementizia tissotropica fibrorinforzata, a presa rapida, a ritiro compensato, per il ripristino e la rasatura del calcestruzzo, applicabile in uno spessore variabile da 3 a 40 mm in una sola mano, ultimando la finitura della superficie mediante frattazzo di spugna; - intonaco di fondo a base di calce aerea e leganti idraulici per esterni per ricostruire l intonaco rimosso; - malta cementizia monocomponente a grana grossa, armata con rete in fibra di vetro alcali resistente per rasare tutte le superfici; - fondo acrilico pigmentato, per esterni ed interni, uniformante, riempitivo e promotore di adesione; - rivestimento acril-silossanico a spessore per esterni ed interni, idrorepellente ad elevato riempimento Preparazione del supporto I requisiti per le condizioni del substrato prima e durante l applicazione, compresi la stabilità strutturale, lo stoccaggio, la preparazione e l applicazione dei prodotti vengono forniti dalla parte 10 della UNI EN In essa si trovano anche le prescrizioni per il controllo di qualità, la manutenzione, la salute e la sicurezza ambientale. Preparazione del calcestruzzo Il calcestruzzo deve essere preparato in modo da rimuovere tutto il materiale deteriorato ed in fase di distacco, fino ad arrivare al sottofondo solido restante a ruvido. Eventuali altri interventi di ripristino che non risultino perfettamente aderenti devono essere rimossi. La preparazione può essere eseguita tramite pulitura, irruvidimento o rimozione del calcestruzzo. La superficie finita dovrà essere ispezionata visivamente e sottoposta a martellamento per rilevare la presenza di calcestruzzo incoerente. Si riportano i requisiti richiesti dalla norma UNI EN riguardanti la rimozione del calcestruzzo: - la rimozione deve essere ridotta al minimo; - la rimozione non ridurrà l integrità strutturale oltre la capacità della struttura di svolgere la propria funzione; se necessario si provvederà ad un supporto temporaneo;

6 - verrà stabilita la profondità di carbonatazione; - l entità della rimozione dovrà tenere in conto della necessità di compattazione del materiale di riparazione, di aderenza al supporto e di trattamento dell armatura. Preparazione dell armatura Per la pulitura dei ferri di armatura saranno rispettati i seguenti requisiti: - verrà rimossa la ruggine, le scaglie, la malta, il calcestruzzo, la polvere e gli altri materiali incoerenti e deleteri in grado di ridurre l aderenza o contribuire alla corrosione; - sarà uniformemente pulita l intera circonferenza esposta dell armatura, eccetto dove considerazioni strutturali lo impediscono; - se la pulitura non è eseguita immediatamente prima dell applicazione dei prodotti di protezione, il supporto pulito sarà protetto da ulteriori contaminazioni; - l armatura dovrà essere pulita senza essere danneggiata e senza danneggiare e/o contaminare il calcestruzzo o l ambiente adiacente; Tutti i prodotti utilizzati oltre che rispettare le caratteristiche del materiale dovranno essere compatibili con le condizioni ambientali del cantiere, in particolare saranno curati i seguenti aspetti: - immagazzinaggio delle merci; - protezione prima, durante e dopo l applicazione; - temperatura, umidità e punti di rugiada; - tempi e metodi di stagionatura; - le lavorazioni dovranno essere eseguite da operatori qualificati. 3.0 Conclusioni Le opere individuate nella presente relazione consentiranno di: - prolungare la vita utile dell edificio scolastico, - di riparare i difetti di costruzione e di usura delle parti esposte agli agenti atmosferici, - di prevenire il formarsi di ulteriori danni. Questi obbiettivi sono stati considerati all interno del quadro economico assegnato dall Ente Proprietario dell edificio. Campi Salentina, Dicembre 2014 I Progettisti Ing. Angelo RUCCO Geom. Ferdinando ISCERI

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 200 RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 201 I MECCANISMI DEL DEGRADO Il degrado dei manufatti in calcestruzzo, si manifesta essenzialmente mediante distacchi localizzati di porzioni di copriferro,

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

intonaclima 0,5 mm rivestimento rustico acrilsilossanico antialga

intonaclima 0,5 mm rivestimento rustico acrilsilossanico antialga SERIE. 1.623 ard f.lli raccanello s.p.a. industria vernici e smalti intonaclima 0,5 mm rivestimento rustico acrilsilossanico antialga SCHEDA TECNICA N 90 CARATTERISTICHE INTONACLIMA 0,5 mm è un rivestimento

Dettagli

Very High Durability Repair & Prevention Systems

Very High Durability Repair & Prevention Systems 18 FASCIATURE CON MATERIALI COMPOSITI: STRUTTURE VOLTATE IN MATTONI O PIETRA INDICE ANALITICO DELLE OPERE a) Preparazione del supporto b) Preparazione delle piste che ospiteranno il tessuto in materiale

Dettagli

MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA

MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA FIBROFIN BIO NO POLVERE MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA PRODOTTO COMPOSTO DA GRASSELLO DI CALCE, AGGREGATI SILICEI

Dettagli

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo Ruredil Ripristino e protezione calcestruzzo calcestruzzo Ripristino e Protezione CARATTERISTICHE Il calcestruzzo è il materiale da costruzione di gran lunga più impiegato nell ultimo secolo, anche se

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione.

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. EDILIZIA LEGGERA Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. La tecnologia Sigma per riparare, restaurare, impermeabilizzare. Si stima che circa la metà della spesa europea

Dettagli

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2... 2... 2... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Strutture in fondazione... 3... 3... 4... 4 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 6 Strutture in fondazione...

Dettagli

Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA

Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA II calcestruzzo è senza dubbio il materiale più usato in edilizia, grazie alla sua economicità, alla facilità e velocità della messa in opera,

Dettagli

VICRete Plus EN 1504-3

VICRete Plus EN 1504-3 VICRete Plus Prodotto di riparazione strutturale del calcestruzzo per mezzo di malte CC di riparazione (a base di cemento idraulico) Bettoncino per applicazione meccanizzata. Appositamente studiato per

Dettagli

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione.

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. EDILIZIA PROFESSIONALE La tecnologia Sigma per riparare, restaurare, impermeabilizzare. Si stima che circa la metà della spesa

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità...

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità... PIANO DI MANUTENZIONE PAG 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 1 MANUALE D USO... 3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 2.1 Risorse

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI COMUNEDILANCI ANO CH- PI ANODIMANUTENZI ONEDELL OPERAE DELLESUEP ARTI PROGRAMMADIMANUTENZI ONE SOTTOPROGRAMMACONTROLLI SOTTOPROGRAMMA I NTERVENTI SOTTOPROGRAMMA PRESTAZI ONI ALLEGATO 1 4 TAVOLA 0 0 LANCI

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Rasato Fino. Scheda Tecnica. Rivestimento Plastico Spatolato. Caratteristiche. Impiego. Norme d uso. Voce di Capitolato CODICE ARTICOLO 81RA25

Rasato Fino. Scheda Tecnica. Rivestimento Plastico Spatolato. Caratteristiche. Impiego. Norme d uso. Voce di Capitolato CODICE ARTICOLO 81RA25 Rasato Fino CODICE ARTICOLO 81RA25 Rivestimento Plastico Spatolato Scheda Tecnica Caratteristiche Impiego Rivestimento plastico continuo a spessore per finiture rasate ideale per muri esterni. E traspirante,

Dettagli

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SCHEMA APPLICATIVO 1) Chiusura con malta bicomponente tipo BS 38/39 2,5 MuCis 2) realizzazione del foro e inserimento del

Dettagli

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E 1 Pagina 209 C RIPRISTINI STRUTTURALI C01 Preparazioni delle superfici C02 Inghisaggi, ancoraggi ed iniezioni nel cemento armato C03 Ripristino del cemento armato C04 Rinforzo strutturale del cemento armato

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese SOMMARIO MANUALE D'USO... 1 Strutture in fondazione... 1 Travi di fondazione in c.a... 1 Strutture di elevazione... 1 Travi in c.a.... 1 Pilastri in c.a.... 1 Strutture secondarie... 1 Solai in latero-cemento...

Dettagli

COMUNE DI RIMINI E.01 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

COMUNE DI RIMINI E.01 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DIMIGLIORAMENTO SISMICO DELL EDIFICIOSCOLASTICO DENOMINATO SCUOLA ELEMENTARE GIANNI RODARI (VIA QUAGLIATI N.9

Dettagli

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio INTRODUZIONE Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com LE PRINCIPALI CAUSE DI DEGRADO DEI MATERIALI DI COSTRUZIONE La penetrazione dell acqua all interno delle opere murarie rappresenta per l edilizia una

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

CP2 - Cutis Protector

CP2 - Cutis Protector - Cutis Protector Il prodotto * è un rasante organico minerale impermeabile elastico, traspirante, bicomponente, a base cementizia, di colore grigio. 1305-CPR-0933 * A base di copolimero Plastivo RASANTI

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega Plastivo 250 Il prodotto è un rivestimento impermeabile ad elevata elasticità composto da inerti, leganti cementizi e polimeri acrilici che, dopo la miscelazione, consente la realizzazione di una guaina

Dettagli

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto;

- Manuale d uso, contenente le indicazioni per il corretto uso e la conservazione del bene in oggetto; piano di manutenzione Committente: COMUNE DI CASALE MONFERRATO (AL) Oggetto: LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL PALAZZETTO DELLO SPORT (adeguamento alle norme vigenti in materia di sicurezza ed igiene ai fini dell

Dettagli

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Le fessurazioni vengono spesso considerate un problema estetico, poco ricorrente e di facile risoluzione, in realtà ne sono colpite

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE

RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE 192 RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE 193 IL DEGRADO DELLA MURATURA Si manifesta con esfoliazione superficiale delle pitture, distacchi e disgregazioni dell intonaco soprastante e/o formazione di muschi,

Dettagli

Piano di Manutenzione NOVEDRATE. CIMITERO COMUNALE SECONDO LOTTO e OPERE di MANUTENZIONE all interno del Cimitero esistente.

Piano di Manutenzione NOVEDRATE. CIMITERO COMUNALE SECONDO LOTTO e OPERE di MANUTENZIONE all interno del Cimitero esistente. 11 COMUNE di NOVEDRATE (CO) CIMITERO COMUNALE SECONDO LOTTO e OPERE di MANUTENZIONE all interno del Cimitero esistente Piano di Manutenzione I TECNICI L AMMINISTRAZIONE Dott. Ing. CARLO CERATI 22066 MARIANO

Dettagli

CAMPI Dì APPLICAZIONE

CAMPI Dì APPLICAZIONE KEDILASTIC Malta cementizia bi componente impermeabilizzante anticarbonatazione ad elevata elasticità per calcestruzzo, intonaci e massetti cementizi. Indicata per l applicazione in piscine, vasche, cisterne,

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA BIENN ANNU PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA Il seguente PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA contiene l elenco delle operazioni di manutenzione ordinaria da effettuare

Dettagli

SOMMARIO. Pag. 1 a 17

SOMMARIO. Pag. 1 a 17 SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2 Cordoli barriere antirumore... 2 Plinto torre faro... 2 Strutture di elevazione... 2 Profilati HEA 160 ed elementi di collegamento in acciaio per

Dettagli

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Tecnologie Top Level Advanced Technologies for Protection and Insulation- 1 INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Il ruolo degli agenti

Dettagli

Scegli di essere il più veloce. www.roefix.com

Scegli di essere il più veloce. www.roefix.com Scegli di essere il più veloce. www.roefix.com Sistemi di risanamento Per il recupero di murature umide Il degrado di intonaci e murature Le principali cause di degrado di intonaci e murature sono riassumibili

Dettagli

RUBBER ONE Fondo riempitivo elastomerico

RUBBER ONE Fondo riempitivo elastomerico SCHEDA TECNICA TECHNICAL SHEET 1/9 RUBBER ONE Fondo riempitivo elastomerico RUBBER ONE è una pittura murale a base di resine elastomeriche, che costituisce la preparazione ideale del supporto prima dell

Dettagli

lo stoccaggio deve essere effettuato nelle confezioni originali integre, in locali asciutti. temperatura di stoccaggio da +5 C a +30 C Confezione

lo stoccaggio deve essere effettuato nelle confezioni originali integre, in locali asciutti. temperatura di stoccaggio da +5 C a +30 C Confezione IPA DS ELASTIK Rivestimento impermeabilizzante, bicomponente, a base di leganti cementizi, inerti selezionati a grana fine, additivi speciali e polimeri sintetici in dispersione acquosa. Miscelando i due

Dettagli

Ampliamento e potenziamento dell Impianto di depurazione acque reflue di Ponte Sasso Fano (PU) Piano di manutenzione nuovo edificio uffici e servizi

Ampliamento e potenziamento dell Impianto di depurazione acque reflue di Ponte Sasso Fano (PU) Piano di manutenzione nuovo edificio uffici e servizi SOMMARIO MANUALE D'USO... 3 Strutture in fondazione... 3 Platee... 3 Strutture di elevazione... 3 Travi in c.a.... 3 Pilastri in c.a.... 3 Pareti in muratura... 5 Strutture secondarie... 5 Solai in latero-cemento...

Dettagli

PIANO CONTROLLO QUALITÀ

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 2170-6501 BELLINZONA PIANO CONTROLLO QUALITÀ dei prodotti Pagina 2 Edizione 01.09.2015 STRUTTURA

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

Calibro Plus Evaporation

Calibro Plus Evaporation Calibro Plus Evaporation Il prodotto CALIBRO P. E., è un sistema specificatamente formulato per realizzare intonaci antiumidità, antisale ed anticondensa su murature umide. È costituito dalla combinazione

Dettagli

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al Corriere della Sera ridà lustro a via Solferino Notizie ed articoli tecnici del gruppo 4 Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino Opera: edificio residenziale storico

Dettagli

lastre armate; ringrosso di volte, anche armate con barre in fibra di carbonio o aramide della linea MBar; ALBARIA STRUTTURA 1

lastre armate; ringrosso di volte, anche armate con barre in fibra di carbonio o aramide della linea MBar; ALBARIA STRUTTURA 1 ALBARIA STRUTTURA Malta da muratura, di calce pozzolanica priva di cemento, ad alta resistenza, di colore bianco, premiscelata, applicabile a cazzuola, spruzzo o per colaggio. Non rilascia sali idrosolubili

Dettagli

FIDGLASS GRID 120 AR73

FIDGLASS GRID 120 AR73 Proprietà geometriche e meccaniche* -Giugno 2012- Fibra secca (singolo filamento) Tensione caratteristica a trazione, σ fibra 2000 MPa Modulo elastico, E fibra 75 GPa Deformazione a rottura, ε fibra 2,80

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

Malte calibrate per interventi di ripristino e recupero nel modello di business Personal Factory. Relatore: Ing. Francesco Crea

Malte calibrate per interventi di ripristino e recupero nel modello di business Personal Factory. Relatore: Ing. Francesco Crea Malte calibrate per interventi di ripristino e recupero nel modello di business Personal Factory Relatore: Ing. Francesco Crea Sistemi tecnologici innovativi nella progettazione e nell adeguamento sismico

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALE... 2 2. STATO DI CONSERVAZIONE DELLE STRUTTURE ESISTENTI... 4 3. INTERVENTI DI RIPRISTINO... 15

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALE... 2 2. STATO DI CONSERVAZIONE DELLE STRUTTURE ESISTENTI... 4 3. INTERVENTI DI RIPRISTINO... 15 R4M engineering INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALE... 2 1.1. DESCRIZIONE STRUTTURE ESISTENTI... 2 2. STATO DI CONSERVAZIONE DELLE STRUTTURE ESISTENTI... 4 2.1. INDAGINI SULLE STRUTTURE ESISTENTI... 4 2.2.

Dettagli

CP1 - Cutis Protector

CP1 - Cutis Protector - Cutis Protector Il prodotto * è un rasante organico minerale impermeabile, elastico, ad altissima traspirabilità, bicomponente a base cementizia di colore bianco. Dove si impiega 1305-CPR-0933 *A base

Dettagli

Fase: PROGETTO ESECUTIVO

Fase: PROGETTO ESECUTIVO Codice Fiscale: 84006890481 Progetto: Palestra del Complesso Scolastico "I Ciliani" in Via Taro Progetto strutturale di adeguamento alla normativa antisismica Titolo: Elaborato B4 - Piano di Manutenzione

Dettagli

Ruredil. per metro quadro e ogni centimetro in più di spessore pag. 36

Ruredil. per metro quadro e ogni centimetro in più di spessore pag. 36 3 Ruredil Indice capitolo RIPRISTINO DEL CALCESTRUZZO np 03 Ripristino del calcestruzzo: con malta tixotropica fibrorinforzata con fibre di PVA per decimetro cubo pag. 32 np 03a Ripristino del calcestruzzo:

Dettagli

Analisi dei nuovi prezzi

Analisi dei nuovi prezzi Analisi dei nuovi prezzi Per le lavorazioni per le quali non è stato possibile individuare sul prezziario della Regione Umbria 2013 (Deliberazione della Giunta Regionale del 29 Ottobre 2012 n.1325) una

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA OGGETTO: REALIZZAZIONE NUOVA PISTA DA SKATE PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Committente: Amministrazione Comunale di Creazzo R.U.P.: arch. Daniela

Dettagli

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE.

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Comune di Lizzano - Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. - Rifacimento della facciata esterna e sostituzione dei pluviali, sistemazione

Dettagli

Consumo teorico e confezione

Consumo teorico e confezione THOROSEAL FX122 Malta cementizia di granulometria fine, polimero-modificata, bicomponente, per la realizzazione di rivestimenti impermeabilizzanti flessibili e continui su strutture e manufatti in calcestruzzo

Dettagli

Il valore della qualità

Il valore della qualità Forza. Azione.Passione. Il valore della qualità Listino calcestruzzo PER UNA SCELTA DI QUALITÀ La scelta dei materiali da costruzione deve essere effettuata in base alla qualità e alle caratteristiche

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC

THORO ACTIVE INTONACO BC THORO ACTIVE INTONACO BC Intonaco da risanamento per applicazioni a cazzuola, di colore BIANCO, per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali.

Dettagli

FASCICOLO TECNICO DI PRODOTTO

FASCICOLO TECNICO DI PRODOTTO pagina 1 di 6 FASCICOLO TECNICO DI PRODOTTO ESAPOL 0109-35, 0109-45 e 0109-60 e ESTAN 37 Sistemi formulati pronti all uso per la realizzazione in situ di manti termoisolanti in poliuretano rigido espanso

Dettagli

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN FIBRE DI LEGNO (WF) CAPITOLATO GENERALE SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN FIBRE

Dettagli

TECNICHE E SOLUZIONI

TECNICHE E SOLUZIONI TECNICHE E SOLUZIONI Il problema dell umidità La presenza di umidità e il suo smaltimento da parte della muratura sono problematiche molto diffuse, riscontrabili sia sugli edifici storici che nelle nuove

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Soluzioni Sika per gli edifici in muratura Soluzioni per gli edifici in muratura

Dettagli

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN POLISTIRENE ESPANSO (EPS) CAPITOLATO GENERALE SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN

Dettagli

MasterEmaco S 285 TIX

MasterEmaco S 285 TIX Malta da muratura, di calce pozzolanica priva di cemento, ad alta resistenza, premiscelata, applicabile a cazzuola, spruzzo o per colaggio. Non rilascia sali idrosolubili e non induce formazione di efflorescenze.

Dettagli

tecnologia viadotti 0 120022012 A N N I

tecnologia viadotti 0 120022012 A N N I tecnologia viadotti 0 12002 201 2 A N N I te.via. te.via. nasce nel 2002, ha sede a Vermezzo (MI) in via Ravello 12, su un area complessiva di 3.000 mq. te.via. è un azienda specializzata nel ripristino,

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA.

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. 00304260409 PROGETTO ESECUTIVO Relativo a: Intervento finalizzato al Miglioramento

Dettagli

IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE R La necessità di proteggere l ambiente È generalmente accertato che le acque di scarico che contengono: acque contaminate, acqua piovana o

Dettagli

Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq

Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq Vetrofluid è uno speciale impermeabilizzante antidegrado per il calcestruzzo, la cui formulazione a base di vetro liquido e uno specifico catalizzatore,

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE

PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE COMUNE DI AMEGLIA OGGETTO: REALIZZAZIONE DI NUOVI LOCULI NEL CIMITERO DI AMEGLIA E MONTEMARCELLO-RISTRUTTURAZIONE DI CAPPELLA MORTUARIA PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE (ART. 40 D.P.R.: N 554/99) AMEGLIA,

Dettagli

LEZIONE 1 14 ottobre 2009

LEZIONE 1 14 ottobre 2009 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria DASTEC Dipartimento Arte Scienza e Tecnica del Costruire Facoltà di Architettura CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA QUINQUENNALE LM-4 Laboratorio di

Dettagli

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE COLORDOC Rev.01 del 21-04-13 COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE FINITURA AGGREGANTE MONOCOMPONENTE IN EMULSIONE ACQUOSA ANTIGRAFFIO, ANTIMACCHIA, BATTERIOSTATICO, IDRO-OLEOREPELLENTE- DOCCHEM S.r.l. Strada Della

Dettagli

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE i quaderni l impermeabilizzazione Pag.1/13 UMIDITA DI INFILTRAZIONE - ACQUA IN PRESSIONE (Degrado di strutture in cls, interrate e/o seminterrate a contatto con acqua) ORIGINE DEL FENOMENO : Nell edilizia

Dettagli

EMACO S55 Malta cementizia premiscelata espansiva per ancoraggi di precisione di spessori centimetrici mediante colaggio

EMACO S55 Malta cementizia premiscelata espansiva per ancoraggi di precisione di spessori centimetrici mediante colaggio EMACO S55 Malta cementizia premiscelata espansiva per ancoraggi di precisione di spessori centimetrici mediante colaggio Definizione del materiale EMACO S55 è una malta cementizia espansiva, applicabile

Dettagli

Direttiva di posa Wecryl 124

Direttiva di posa Wecryl 124 WestWood Qualität + Erfahrung Direttiva di posa Wecryl 124 Sottofondi umidi e bagnati Wecryl 124 Primer per sottofondi umidi Wecryl 124 è una novità assoluta all interno dell offerta di primer per sottofondi

Dettagli

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale La calce è uno dei materiali da costruzione più antichi e più sani. Il crescente inquinamento dei centri abitati va di pari passo con la tendenza

Dettagli

1) perdita del potere isolante delle murature con relativo aumento dei costi del riscaldamento.

1) perdita del potere isolante delle murature con relativo aumento dei costi del riscaldamento. NOTA SULLE PITTURE SILOSSANICHE. dr. M.T. Rampini Premessa. Da sempre si è cercata una soluzione ottimale alla verniciatura di supporti minerali di facciate esterne, che permettesse sia di arrestare il

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

Mapefloor Parking System. Rivestimenti impermeabili per pavimentazioni carrabili

Mapefloor Parking System. Rivestimenti impermeabili per pavimentazioni carrabili Mapefloor Parking System Rivestimenti impermeabili per pavimentazioni carrabili Mapefloor Parking System La protezione della superficie delle pavimentazioni in calcestruzzo in strutture adibite a parcheggio

Dettagli

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA 1 Progetto CARFIB integrato ai sistemi VHDRS MuCis 4. I SISTEMI RAZIONALI DI RINFORZO CON COMPOSITI NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE MISCELAZIONE E POSA IN OPERA CARNIVAL è un massetto minerale

Dettagli

Piano di manutenzione

Piano di manutenzione Piano di manutenzione Descrizione dell intervento L intervento in oggetto prevede la realizzazione dei seguenti corpi di fabbrica: - Ampliamento dei loculi per le inumazioni. La nuova stecca di loculi

Dettagli

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2 Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo PIANO DI MANUTENZIONE PREMESSA: Il piano di manutenzione

Dettagli

calcestruzzo al mare 1/2 : ambiente aggressivo

calcestruzzo al mare 1/2 : ambiente aggressivo calcestruzzo al mare 1/2 : ambiente aggressivo 1.A: premessa L esposizione in ambiente marino risulta particolarmente critica per le opere in conglomerato cementizio armato per un complesso di meccanismi

Dettagli

Piano di manutenzione delle strutture

Piano di manutenzione delle strutture PREMESSA Secondo la definizione data dalla Circolare esplicativa delle Norme Tecniche per le Costruzioni (cap. 10 par. 4.1), [Il piano di manutenzione delle strutture è il documento complementare al progetto

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni.

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni. ALBARIA INIEZIONE Boiacca di calce pozzolanica, priva di cemento, di colore bianco, per le iniezioni di consolidamento delle murature. Non rilascia sali idrosolubili e non induce formazione di efflorescenze

Dettagli

CITTÀ DI PALERMO AREA GESTIONE DEL TERRITORIO

CITTÀ DI PALERMO AREA GESTIONE DEL TERRITORIO CITTÀ DI PALERMO AREA GESTIONE DEL TERRITORIO INCREMENTO DELLA QUALITÀ DELLE INFRASTRUTTURE SCOLASTICHE SCUOLA ELEMENTARE I.C. ARENELLA - PLESSO DI BARTOLO PROGETTO ESECUTIVO TAV. S.C PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

Blanke Profilo di chiusura

Blanke Profilo di chiusura Dati tecnici Blanke Profilo di chiusura per la chiusura decorativa e sicura dei bordi nei rivestimenti di piastrelle Utilizzo e funzioni: Blanke Profilo di chiusura è un profilo speciale per la protezione

Dettagli

FAQ sui rivestimenti di facciata ventilata GFassaden

FAQ sui rivestimenti di facciata ventilata GFassaden FAQ sui rivestimenti di facciata ventilata GFassaden 1) Dove si impiega il rivestimento per facciate GFassaden? Il sistema è stato ingegnerizzato per portare le facciate in legno a competere sia nei prezzi

Dettagli

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE CARATTERISTICHE Le lacche Molykote sono dispersioni di sostanze lubrificanti solide, come ad esempio il bisolfuro di molibdeno, e di resine leganti organiche o inorganiche finemente

Dettagli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli GALVANICA CEDRATESE Fondata nel 1952 con un organizzazione a carattere artigianale, la Galvanica Cedratese opera nel settore meccanico dei trattamenti superficiali dei metalli da oltre 60 anni. Oggi un

Dettagli

Blanke Profilo di chiusura

Blanke Profilo di chiusura Dati tecnici Blanke Profilo di chiusura Per la protezione dei bordi in caso di chiusure di rivestimenti al pavimento ed alle pareti Uso e funzioni: Blanke Profilo di chiusura è un profilo speciale per

Dettagli