Supporto allo sviluppo della sicurezza e legalità informatica nell ambito delle iniziative rivolte ai giovani Michele Crudele

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supporto allo sviluppo della sicurezza e legalità informatica nell ambito delle iniziative rivolte ai giovani Michele Crudele - 2011-10-10"

Transcript

1 Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù - CUP J71I Supporto allo sviluppo della sicurezza e legalità informatica nell ambito delle iniziative rivolte ai giovani Michele Crudele B.3.a) Linee guida sulla sensibilizzazione degli utenti giovani ai problemi di legalità informatica - Guida operativa Premessa La trattazione giuridica di questo tema è stata sviluppata nel documento A.1.a) Relazione sulla situazione legislativa riguardante i delitti che coinvolgono i giovani su Internet e nel documento A.2.a) Relazione sulla situazione legislativa riguardante il diritto d autore e Internet. Il tema del rispetto della privacy è declinato in diversi argomenti connessi e in particolare nel documento B.1.a) Linee guida sulla tutela dell identità digitale. Introduzione L obiettivo di questa guida è fornire agli utenti dei portali destinati ai giovani un informativa semplice e sintetica dei diversi ambiti connessi alla legalità informatica. I rischi della navigazione su Internet si sommano alla facilità di commettere azioni illegali. Le sanzioni non sono sempre facili da comminare e spesso non sono conosciute. Non è formativo partire dal regime sanzionatorio per insegnare a rispettare le norme vigenti. È necessario far comprendere la ratio legislativa ed educare a una cultura del rispetto dei beni digitali, divenuti ormai tanto importanti quanto quelli materiali. I capitoli seguenti affrontano gli argomenti principali di legalità informatica, in ordine di frequenza e gravità in relazione alla capacità di azione dei giovani. In alcuni casi i giovani sono contemporaneamente attori e vittime. La redazione della guida risponde a necessità di rapidità di consultazione, considerata la scarsa propensione dei giovani a leggere le istruzioni per l uso. Ogni portale valuterà quali capitoli sono necessari o in che modo evidenziarne uno piuttosto che un altro, anche in relazione ai servizi prestati agli utenti. Poiché, soprattutto nelle regioni meridionali, il tema dell educazione alla legalità è particolarmente sentito e oggetto di numerose iniziative formative, conviene inserire in quegli ambiti un riferimento alla legalità informatica, intesa come rispetto dei diritti altrui in ambito digitale e di telecomunicazioni, parte ormai importante dell educazione civica.

2 Tutela del diritto d autore È un dato di fatto che la maggior parte dei giovani scarica liberamente da Internet musica e film senza pagare, anche quando questi contenuti sono protetti da diritto d autore. L esperienza insegna che spesso la qualità del materiale scaricato non è quella attesa. A volte il contenuto previsto dal titolo è molto diverso e si può arrivare a scoprire che, dopo pochi minuti di un film commerciale, ci sono immagini pedopornografiche. Ma la frustrazione non è un ostacolo per i giovani, che continuano a provare a scaricare da fonti diverse fino a che ottengono quanto cercano. Oppure utilizzano programmi speciali per rimuovere le protezioni contro la duplicazione o il riutilizzo di materiale protetto da diritto d autore. Ci sono casi compulsivi, più frequenti di quanto sembri, di giovani e adulti che scaricano per il gusto di farlo, riempiendo i propri dischi di materiale audiovisivo in quantità tali che non basterebbe tutta la vita per ascoltarlo o vederlo. Non si accorgono dei costi nascosti di questa attività, apparentemente gratuita: il proprio tempo, l energia elettrica del computer acceso, i dispositivi di memorizzazione. Certamente si tratta di cifre più basse rispetto a quelle dell acquisto legale degli stessi contenuti, ma è opportuno chiedersi quanto sarebbe l investimento se si comprasse solamente quello che si vuole utilizzare al momento, senza accaparrare. Per contrastare questo modello di comportamento, stanno nascendo servizi legali di fruizione di film e musica senza scaricamento, in streaming, con sistemi di pagamento forfettari oppure a durata. Si nota che alcuni ragazzi smettono di scaricare illegalmente musica quando iniziano a suonare o cantare in forma professionale. Capiscono che devono guadagnarci e che il sistema di diffusione totalmente gratuita delle canzoni non può funzionare. Solamente i cantanti che possono permettersi di guadagnare molto dai concerti dal vivo hanno la possibilità di sottovalutare l impatto della mancata vendita di CD o di musica on line. Il modello itunes Store con facilità di acquisto a basso costo di musica di alta qualità con un offerta amplissima ha dimostrato negli USA che è possibile un alternativa allo scaricamento illegale. In Italia itunes Store è meno utilizzato, ma ha un suo pubblico che preferisce non perdere tempo e, per pochi euro, avere subito quello che cerca, con certezza di qualità. Non sembra che le minacce della SIAE, che negli ultimi tempi cerca però un approccio con i giovani più basato sull educazione, siano un deterrente. I ragazzi e le ragazze non conoscono con precisione la legislazione sul diritto d autore e non sanno che, scaricando dal P2P, mettono involontariamente contenuti protetti a disposizione di altri (ogni pezzo scaricato è immediatamente rimesso in gioco nei grandi sistemi di condivisione tipo emule): possono quindi incorrere nelle sanzioni penali previste dall art. 171 e successivi della legge 633 del 1941 che è stata modificata più volte negli ultimi anni proprio in relazione a questa fattispecie anche per renderla più ragionevole (la sostituzione nell art 171ter di a fini di lucro al posto di per trarne profitto è un esempio). La realtà dimostra che di fatto non corrono praticamente alcun rischio, neppure pecuniario, se scaricano qualche canzone o film e non ne organizzano una rivendita o ridistribuzione organizzata. Quindi la difesa del diritto d autore è lasciata all intelligenza dei giovani. Se tutti scaricano illegalmente, chi ci guadagna? Chi continuerà a produrre film e musica se non riesce a trarne profitto economico? La risposta abituale è: Non è un problema mio. Lo risolvano gli altri. Intanto io prendo ciò che trovo. Ma forse fra un po non troverà più nulla. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

3 Pornografia e pedofilia on line In Italia la pedopornografia è punita gravemente. Consiste nella detenzione, diffusione o produzione di immagini di minori di 18 anni in pose erotiche, anche se si tratta di costruzioni artificiali ( bambini virtuali ). È quindi un reato scambiarsi foto e video pornografici di compagni minorenni, anche se questi sono consenzienti. Mentre, di fatto, la Polizia di Stato non agisce nei confronti della diffusione generica di pornografia (che pure, per l art. 21 della Costituzione e a norma dell art. 528 del Codice Penale, dovrebbe essere perseguita quando si tratta di diffusione pubblica), nel caso di quella minorile è particolarmente attiva e severa. I pedofili iniziano la fase principale del loro adescamento inviando immagini erotiche di altri bambini, chiedendo alla loro vittima di fotografarsi in situazioni simili. La ridotta sensibilità dei bambini attuali, ormai abituati a vedere scene di sesso dappertutto, fa sì che non si meraviglino della richiesta e non vadano a chiedere spiegazioni ai genitori. Invece acconsentono al gioco con il pedofilo, che è sempre molto affettuoso, magari in cambio di ricariche di cellulare o altri regali. Da quel momento nasce un rapporto di complicità che il pedofilo sfrutta chiedendo sempre di più, con la minaccia di rivelare tutto ai genitori in caso di rifiuto. Poiché nel bambino c è la consapevolezza di star facendo qualcosa di proibito, il timore dei genitori lo spinge ad aderire alle richieste che arrivano, alla fine, a un rapporto personale, con violenze sessuali. Quello che comincia come un gioco diventa un dramma, del quale ci si porta il peso per tutta la vita. Non è meno grave il danno personale dell adolescente che distribuisce, in cambio di soldi, proprie immagini erotiche ad amici o sconosciuti. Non ne può controllare la diffusione e può scoprire che sono pubblicate su Internet, anche a distanza di tempo, con una chiara identificazione. Non basta fotografarsi avendo la mascherina o usare altri trucchi per celare la propria identità. L esperienza insegna che c è gente in grado di scoprirla e farne un uso criminale. Come reagirebbe una giovane che si sta sposando se qualcuno la minacciasse di far vedere al futuro marito le sue immagini porno di ragazzina? E cosa direbbe un datore di lavoro scoprendole in rete prima di assumere una neo laureata? Non ci sono quindi solamente considerazioni morali, che pure sono importanti, in questo campo della pornografia. Perdere il controllo (e il rispetto) del proprio corpo, sia pure virtualmente o digitalmente, può avere conseguenze molto negative. Allo stesso modo, rispettare gli altri, non guardandoli esclusivamente dal lato sessuale, porta benefici nella relazione interpersonale, utile per la propria crescita professionale. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

4 Scommesse e giochi on line In Italia i giochi con premi su Internet sono regolamentati in modo piuttosto accurato con una legislazione continuamente aggiornata. In particolare quelli con vincite monetarie sono tutti controllati dall AAMS Amministrazione Autonoma Monopoli dello Stato che registra ogni singola giocata e ne verifica i meccanismi a tutela del giocatore. Per giocare bisogna essere maggiorenni e fornire il codice fiscale e gli estremi di un documento. L AAMS effettua controlli sulla validità dei codici fiscali e quindi non è possibile inventarne uno per spacciarsi come maggiorenne. L AAMS ha lanciato la campagna Gioco legale e responsabile in modo che i gestori dei siti possano manifestare la propria adesione ai regolamenti nazionali, tutelando in questo modo gli utenti dalle truffe. I siti esteri di scommesse sono normalmente bloccati a livello nazionale in forza di una regolamentazione che vuole tutelare gli italiani da truffe straniere ma anche garantire che chi scommette dall Italia paghi le tasse previste (le paga il gestore, non il giocatore). Tuttavia la loro proliferazione è tale che è sempre possibile trovarne uno accessibile, oppure aggirare il blocco con metodi non molto complessi. È una pratica pericolosa, perché eccetto il caso di famose agenzie di scommesse come quelle storiche inglesi, non c è nessuna garanzia di equità nella gestione delle probabilità di vincita. Si può quindi in teoria giocare anche essendo minorenni, dichiarando il falso su un sito estero, ma si rischia di perdere molti soldi: dopo una fase iniziale di vincite facili, ben congegnate per attirare l attenzione, si inizia a scommettere senza speranza. La Polizia Postale e delle Comunicazioni segnala che il fenomeno dell eccesso di gioco d azzardo on line da parte dei minorenni è in crescita, anche con situazioni di Internet & gambling addiction, cioè dipendenza morbosa. Un problema connesso sono i reati per procurarsi i soldi per giocare: è una spirale negativa, analoga a quella della dipendenza dalla droga. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

5 Cyberbullismo Tutti i giovani sanno cosa è il bullismo. Negli ultimi anni se ne parla più spesso, a volte esagerando e spacciando come bullismo un evento singolo di prevaricazione di uno studente su un altro. I bulli sono quelli che continuamente vessano ragazzi più piccoli o deboli, mostrando un atteggiamento di superiorità fisica che denuncia una loro debolezza mentale. Il cyberbullo è colui che usa il cellulare, Internet e altri mezzi di comunicazione per molestare un altro, insultandolo, calunniandolo, infastidendolo. Mentre negli atti di bullismo si sa subito chi è il colpevole, il cyberbullo può essere sconosciuto alla vittima. Normalmente però si vanta delle sue azioni con gli amici per dimostrare la sua forza e quindi la sua identità è presto svelata. Le azioni di cyberbullismo possono degenerare in reati, anche se non c è nessuna violenza fisica. Per esempio, se si divulgano in rete informazioni false denigratorie della vittima oppure se ne sottrae l identità digitale e si commettono illeciti al posto del malcapitato. Ma anche la diffusione non autorizzata di dati personali riservati o di fotografie private ha un risvolto legale. La reazione migliore dal cyberbullismo, sia quando si è coinvolti, sia quando si vedono altre vittime, è parlarne immediatamente con le persone intorno, sin dalle prime avvisaglie: compagni, professori, genitori, amici, per stabilire una rete di difesa. I docenti e i dirigenti scolastici conoscono le procedure per queste situazioni e possono agire di conseguenza. In particolare la direttiva 104 del Ministero della Pubblica Istruzione del 30 novembre 2007 affronta diverse situazioni connesse all uso improprio di videotelefoni nelle scuole. Non conviene rispondere all aggressore ed è utile impostare un blocco delle chiamate o dei messaggi da quella provenienza. Conviene conservarsi tutti i messaggi offensivi perché, in caso di degenerazione della situazione, diventano importanti a fini legali. Le misure estreme di cambiare numero di telefono o indirizzo di posta elettronica sono riservate a casi gravi. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

6 Frode informatica La frode informatica è l alterazione del funzionamento normale di un computer per trarne profitto a danno di altri ignari. È un reato punito dall art. 640 ter del Codice Penale. Un esempio tipico è l alterazione delle macchinette mangiasoldi o di videopoker, in modo che le vincite siano estremamente rare e non basate sul caso. Fino a quando si utilizzavano i modem, una frode frequente era il dialer, cioè un programma che, senza avvisare l utente, cambiava il numero telefonico del fornitore di connettività Internet, sostituendolo con un numero a pagamento (i famigerati 899 e simili). In questo modo il malcapitato trovava in bolletta telefonica cifre altissime per aver usato Internet con tariffazione esosa al minuto. L installazione inconsapevole del dialer avveniva spesso in concomitanza alla fruizione di materiale pornografico e di scaricamento di visualizzatori di film pirata. Può essere considerata frode anche l installazione di un keylogger, dispositivo hardware o software che permette di registrare tutte ciò che l utente digita sulla tastiera, compresi codici di accesso privati o altri dati personali. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

7 Accesso abusivo a sistema informatico, diffusione abusiva dei codici, danneggiamento La nozione di accesso abusivo a sistema informatico non si applica solamente ai casi clamorosi di violazione di siti istituzionali per danneggiarli o all intromissione nella rete di un azienda per carpirne segreti industriali. È abusivo anche l accesso di uno studente negli archivi digitali della segreteria della scuola, per gioco o, peggio ancora, per alterare i dati (per esempio, cambiare i propri voti). L accesso abusivo è un reato punito dall art. 615 ter del Codice Penale che prevede alcune aggravanti, per esempio quando si tratta di sistemi informatici sanitari. È quindi particolarmente grave un intromissione di uno studente di una Facoltà di Medicina nei sistemi universitari quando questi sono connessi anche alla gestione del Policlinico. Il danneggiamento è proibito dai diversi articoli 635 del Codice Penale. Non è una scusante il fatto che alcuni sistemi informatici siano poco protetti, magari con password banali. Basta che ci sia un accorgimento, per quanto debole, di sicurezza, a far scattare il reato di accesso abusivo in caso di violazione. La detenzione e diffusione abusiva dei codici è reato per l art. 615 quater. Comunemente si realizza attraverso le pratiche di phishing, cioè l inganno dell utente che crede di introdurre i suoi codici nel sistema della banca o del fornitore di servizi, mentre li sta invece passando al criminale che ha costruito una copia apparentemente identica all originale della pagina di accesso. Gli inganni in questo modo sono a volte molto sofisticati e contano sulla superficialità o fretta dell utente che si trova ad esempio un messaggio di posta elettronica con un collegamento alla propria banca per controllare l estratto conto. Invece di aprire il sito della banca con la solita procedura, magari dai propri segnalibri, l utente malcapitato fa clic sul link ed entra in un sito clone dal quale, subito dopo aver immesso le credenziali, viene rimandato a quello legittimo con un avviso del tipo errore di password, ritentare. Nel frattempo il criminale utilizza i dati di accesso che ha catturato nella prima immissione. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

8 Diffusione di virus informatici e apparecchiature per danneggiare Accanto alla diffusione deliberata di virus, l art 615 quinquies del Codice Penale considera reato anche la produzione o l acquisto di strumenti che siano usati per danneggiare sistemi informatici o telematici. Non è quindi necessario che questi strumenti vengano effettivamente usati o causino danni: è sufficiente che siano predisposti a farlo e che ci sia l intenzione di usarli a questo scopo. Anche per questo motivo è illegale usare un jammer (proibito soprattutto dagli articoli 617 e seguenti), un dispositivo che impedisce le telefonate cellulari nel suo raggio di azione, che è consentito solamente ai militari e in situazioni particolari. Non è colpevole chi involontariamente infetta altri computer con il proprio che è stato compromesso da un virus o altro programma maligno (si chiama malware tutto ciò che può creare danni), ma certamente è buona norma difendersi da queste infezioni con opportuni programmi di protezione, cosiddetti antivirus. È importante aggiornarli spesso, meglio se automaticamente, perché a volte le nuove minacce arrivano quotidianamente. Il rischio attuale maggiore per un utente in rete è essere vittima di una botnet. Esistono criminali che infettano migliaia di computer con programmi che rispondono al loro controllo: possono comandarli da lontano per eseguire determinate azioni, come attaccare un sito istituzionale, lanciare spam, cercare di violare un portale, diffondere materiale pedopornografico, ecc. L infezione è silente e l utente non si accorge di nulla, tranne qualche rallentamento e un traffico insolito anche quando non sta lavorando. Non è particolarmente esaltante sapere a posteriori di essere stato protagonista inconsapevole di un azione criminale. Per difendersi, vale il criterio di aggiornare continuamente il sistema operativo e l antivirus. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

9 Truffa nel commercio elettronico Vendere su un sito di commercio elettronico o di aste qualcosa che non corrisponde alle caratteristiche descritte è una truffa. È abbastanza frequente ed è un reato nel quale il raggiro è lo strumento per indurre il compratore a pagare per ciò che crede di poter ottenere. Nel caso peggiore, l oggetto non viene neppure consegnato. Si verifica anche la situazione opposta in cui il compratore non paga. Sempre più frequentemente compriamo e vendiamo in rete, per cui è necessario mantenere un livello di affidabilità del sistema, rispettando le regole contrattuali. La fiducia è una leva molto forte per lo sviluppo di un economia e la somma dei piccoli ruoli di giovani che fanno transazioni elettroniche in modo legale può causare un effetto benefico per il Paese. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

10 Abuso di carte di credito e debito Apparentemente l illecito utilizzo di carte di debito e credito su Internet sembra un esempio di frode informatica. Per il legislatore ci sono delle differenze, è questo reato è stato definito specificamente dalla legge 197/1991. È condannato chi usa indebitamente carte non proprie oppure le falsifica o duplica. Usare quindi la carta di credito dei genitori a loro insaputa è un reato. Siccome molti siti consentono l acquisto di beni digitali con la semplice comunicazione del numero di carta di credito, se il gestore del portale di vendita ne memorizza i dati, può illecitamente farne uso per proprio tornaconto. Per questo motivo è importante rivolgersi a siti di vendita con buona reputazione e preferire quelli che fanno realizzare la transazione della carta di credito direttamente sul sito protetto della banca o del circuito di emissione della carta stessa. Coloro che non usano mai su Internet carte di credito non sono immuni dall abuso perché quando la consegnano al ristorante o al negozio stanno comunicando a un altro tutti i dati sufficienti per fare transazioni elettroniche. In caso di utilizzo indebito della mia carta di credito, ho lo svantaggio del rischio di sottrazione di una cifra elevata, pari al plafond massimo concordato con la mia banca, ma ho il vantaggio del rimborso per questo tipo di furti, se contestati opportunamente. Se uso invece una carta prepagata, rischio meno perché normalmente la carico con cifre ridotte, ma non ho sempre la garanzia di un assicurazione. Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

11 Spamming Spam è quell insieme di messaggi non richiesti con finalità promozionale o pubblicitaria, normalmente inviati per posta elettronica o SMS. Non è consentito dalla legge che esige il consenso del destinatario. La facilità di invio di milioni di messaggi in poco tempo a indirizzi di posta elettronica raccolti a caso sul web fa sì che il fenomeno sia dilagante, soprattutto da Paesi esteri dove la legislazione è meno protettiva dell utente oppure da sistemi nascosti e distribuiti tra ignari possessori di computer infetti. Per difendersi esistono antispam che hanno un efficacia parziale anche perché gli autori dello spamming aggiornano le loro tecniche di invio per aggirare le protezioni. Una forma di spam diffusa tra i giovani è l invio a gruppi di conoscenti (o semplicemente di contatti) di messaggi di qualsiasi natura a scopo ludico o informativo. Oltre a non aver ottenuto il consenso, neppure implicito, dei destinatari, spesso l errore grave è di mettere in copia tutti gli indirizzi dei destinatari stessi, divulgandoli quindi a tutto il gruppo. Nel caso di invio a più persone che tra loro non si conoscono, è necessario usare la copia carbone nascosta (ccn o bcc) nel programma di posta elettronica, in modo che nessuno riceva l elenco degli indirizzi dei destinatari. Michele Crudele Dipartimento della Gioventù POAT Per la Gioventù

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

2 Dipendenza da Internet 6 2.1 Tipi di dipendenza... 6 2.2 Fasi di approccio al Web... 6 2.3 Fine del corso... 7

2 Dipendenza da Internet 6 2.1 Tipi di dipendenza... 6 2.2 Fasi di approccio al Web... 6 2.3 Fine del corso... 7 Sommario Indice 1 Sicurezza informatica 1 1.1 Cause di perdite di dati....................... 1 1.2 Protezione dei dati.......................... 2 1.3 Tipi di sicurezza........................... 3 1.4

Dettagli

Proteggi gli account personali

Proteggi gli account personali con la collaborazione di Proteggi gli account personali Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi gli

Dettagli

Sicurezza. informatica. Peschiera Digitale 2102-2013 Sicurezza

Sicurezza. informatica. Peschiera Digitale 2102-2013 Sicurezza Sicurezza informatica Peschiera Digitale 2102-2013 Sicurezza Overview 1. Nozioni generali 2. Virus e anti-virus 3. Spam e anti-spam 4. Phishing 5. Social engineering 6. Consigli Peschiera Digitale 2102-2013

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET Una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete Cos è il P2P? Come genitore hai probabilmente già sentito tuo figlio parlare di file sharing, P2P (peer

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE LA TECNOLOGIA WI-FI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIRATE D ADDA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE LA TECNOLOGIA WI-FI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIRATE D ADDA COMUNE DI CASIRATE D ADDA Provincia di BERGAMO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE LA TECNOLOGIA WI-FI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIRATE D ADDA Approvato con delibera C.C. n. 34

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti Oggi purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché

Dettagli

SCHEMA DI MODULO DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO INTERNET. Io sottoscritto/a. nato/a. il.. residente a... in via... telefono... cellulare.. email..

SCHEMA DI MODULO DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO INTERNET. Io sottoscritto/a. nato/a. il.. residente a... in via... telefono... cellulare.. email.. Allegato 1 SCHEMA DI MODULO DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO INTERNET Io sottoscritto/a. nato/a. il.. residente a... in via... telefono........ cellulare.. email.. CHIEDO di essere iscritto al servizio Internet

Dettagli

e quindi di navigare in rete. line può essere limitato a due persone o coinvolgere un ampio numero

e quindi di navigare in rete. line può essere limitato a due persone o coinvolgere un ampio numero Glossario Account (profilo o identità) insieme dei dati personali e dei contenuti caricati su un sito Internet o su un social network. Anti-spyware programma realizzato per prevenire e rilevare i programmi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI MAPELLO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI MAPELLO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI MAPELLO 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO La Biblioteca di MAPELLO riconoscendo l utilità dell informazione elettronica per il soddisfacimento delle esigenze

Dettagli

COMUNE DI MARONE SERVIZIO BIBLIOTECA

COMUNE DI MARONE SERVIZIO BIBLIOTECA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DI INTERNET IN BIBLIOTECA 1. Obiettivi del servizio 1.1 La Rete Bibliotecaria Bresciana (RBB) riconosce l importanza di Internet per il raggiungimento delle finalità della biblioteca

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI

EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI : EVOLUZIONE DELLE COMUNICAZIONI Messaggero Telegrafo Telefono Televisione Internet Comunicazioni satellitari 1 VANTAGGI DELL'EVOLUZIONE Velocità delle comunicazioni Accesso a varie informazioni Scambio

Dettagli

Modulo 12 Sicurezza informatica

Modulo 12 Sicurezza informatica Modulo 12 Sicurezza informatica Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per comprendere l uso sicuro dell ICT nelle attività quotidiane e per utilizzare tecniche e applicazioni

Dettagli

Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO

Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO Internet un nuovo MONDO. COSTRUIAMOLO Conoscere E importante conoscere internet tanto quanto l evoluzione avvenuta nel mondo della comunicazione lungo la storia dell essere umano. Con la nascita della

Dettagli

REGOLAMENTO PER UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE TECNOLOGIA WI-FI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE ERCOLE CARCANO

REGOLAMENTO PER UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE TECNOLOGIA WI-FI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE ERCOLE CARCANO REGOLAMENTO PER UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE TECNOLOGIA WI-FI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE ERCOLE CARCANO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 14.04.2011 Art.1 Finalità del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI

REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI Approvato con deliberazione consigliare n. 58 del 25.11.2004 Esecutivo dal 25.11.2004 Art. 1 OBIETTIVI DEL SERVIZIO La biblioteca

Dettagli

Identità e autenticazione

Identità e autenticazione Identità e autenticazione Autenticazione con nome utente e password Nel campo della sicurezza informatica, si definisce autenticazione il processo tramite il quale un computer, un software o un utente,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali CORSO EDA Informatica di base Sicurezza, protezione, aspetti legali Rischi informatici Le principali fonti di rischio di perdita/danneggiamento dati informatici sono: - rischi legati all ambiente: rappresentano

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori Le presenti Raccomandazioni sono destinate ai genitori, allo scopo di informarli sugli eventuali rischi nei quali i figli in età

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

Allegato 1. Le tecniche di frode on-line

Allegato 1. Le tecniche di frode on-line Allegato 1 Le tecniche di frode on-line Versione : 1.0 13 aprile 2011 Per una migliore comprensione delle tematiche affrontate nella circolare, riportiamo in questo allegato un compendio dei termini essenziali

Dettagli

Comune di Monticello Brianza

Comune di Monticello Brianza REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET TRAMITE TECNOLOGIA WIRELESS FIDELITY (WI-FI) Art. 1. Finalità del servizio Il servizio di connessione alla rete Internet mediante l utilizzo

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

SICUREZZA INFORMATICA SICUREZZA DEI DISPOSITIVI MOBILI

SICUREZZA INFORMATICA SICUREZZA DEI DISPOSITIVI MOBILI SICUREZZA INFORMATICA SICUREZZA DEI DISPOSITIVI MOBILI Consigli per la protezione dei dati personali Ver.1.0, 21 aprile 2015 2 Pagina lasciata intenzionalmente bianca I rischi per la sicurezza e la privacy

Dettagli

Colloquio di informatica (5 crediti)

Colloquio di informatica (5 crediti) Università degli studi della Tuscia Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche Corso di laurea in Scienze Ambientali A.A. 2013-2014 - II semestre Colloquio di informatica (5 crediti) Prof. Pier Giorgio

Dettagli

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

Via S. Gregorio, 35 Tel 035\981104 e-mailbibliotecasovere@libero.it. Norme di utilizzo

Via S. Gregorio, 35 Tel 035\981104 e-mailbibliotecasovere@libero.it. Norme di utilizzo Via S. Gregorio, 35 Tel 035\981104 e-mailbibliotecasovere@libero.it Norme di utilizzo Del servizio di accesso a Internet della Biblioteca civica di Sovere 1. OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio Internet

Dettagli

La sicurezza: le minacce ai dati

La sicurezza: le minacce ai dati I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione La sicurezza: le minacce ai dati Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 Le minacce ai dati (1) Una minaccia

Dettagli

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet Dott. Marco Valerio Cervellini Sost. Commissario della Polizia di Stato Responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Scuola Media Alighieri Sanremo Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Mauro Ozenda Consulente IT (www.tecnoager.eu) 1 SCENARIO ATTUALE MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Per la prima volta nella

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

Regolamento di connessione pubblica alla rete Internet tramite postazioni fisse e con tecnologia wireless fidelity (WiFi) della

Regolamento di connessione pubblica alla rete Internet tramite postazioni fisse e con tecnologia wireless fidelity (WiFi) della Regolamento di connessione pubblica alla rete Internet tramite postazioni fisse e con tecnologia wireless fidelity (WiFi) della BIBLIOTECA COMUNALE CARLO MARIOTTI Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI

DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI Art. 1. FINALITA L accesso alla conoscenza, all informazione e alle varie opportunità offerte da Internet non è garantita nel mercato privato

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

AI DOCENTI CIRCOLARE N. 26 AL PERSONALE ATA CIRCOLARE N. 79 AI CO.CO.CO. AGLI ALUNNI CIRCOLARE N. 6

AI DOCENTI CIRCOLARE N. 26 AL PERSONALE ATA CIRCOLARE N. 79 AI CO.CO.CO. AGLI ALUNNI CIRCOLARE N. 6 Roma, 30/09/2013 AI DOCENTI CIRCOLARE N. 26 AL PERSONALE ATA CIRCOLARE N. 79 AI CO.CO.CO. AGLI ALUNNI CIRCOLARE N. 6 Oggetto : Utilizzo delle strumentazioni informatiche, della rete internet e della posta

Dettagli

Lezione 7. Posta elettronica e Newsgroups

Lezione 7. Posta elettronica e Newsgroups Lezione 7 Posta elettronica e Newsgroups Posta elettronica La posta elettronica è un servizio fruibile attraverso rete internet che consente ad un utente della rete di inviare un messaggio riservato ad

Dettagli

Regolamento per l'utilizzo della rete informatica

Regolamento per l'utilizzo della rete informatica Regolamento per l'utilizzo della rete informatica Articolo 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina le modalità di accesso e di uso della rete informatica dell Istituto, del

Dettagli

DISCIPLINANTE IL FUNZIONAMENTO

DISCIPLINANTE IL FUNZIONAMENTO COMUNE DI UGENTO PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO INTERNET approvato con delibera di CC n. 43 del 14.10.2004 Art. 1 OBIETTIVI DEL SERVIZIO 1.1 La biblioteca di

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI I PROSSIMI INCONTRI 28 APRILE Bullismo: azioni efficaci per contrastarlo 19 MAGGIO Rapporto famiglia-scuola:

Dettagli

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web CONVEGNO ABUSO e MALTRATTAMENTO nell ETA EVOLUTIVA: IERI E OGGI EQUIPE ATTENTI AL LUPO 21 OTTOBRE 2014 INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, per genitori e docenti Oggi Purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché spesso

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

Raccomandazioni per la sicurezza dei minori in rete ad uso dei genitori

Raccomandazioni per la sicurezza dei minori in rete ad uso dei genitori COMUNE DI SALUGGIA Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport Raccomandazioni per la sicurezza dei minori in rete ad uso dei genitori Le presenti Raccomandazioni per la sicurezza dei minori sono destinate

Dettagli

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 20 del 30/04/2013 INDICE Premessa Art. 1 - Finalità

Dettagli

un problema di tutti: cosa ne pensano gli italiani

un problema di tutti: cosa ne pensano gli italiani La difesa dei bambini su Internet, un problema di tutti: cosa ne pensano gli italiani Presentazione dei dati dell indagine nazionale ELIS 2011 Realizzata da Format nel giugno 2011 Biblioteca Centro ELIS,

Dettagli

COME PROTEGGO LE INFORMAZIONI PERSONALI?

COME PROTEGGO LE INFORMAZIONI PERSONALI? COME MI DIFENDO? Usa gli aggiornamenti automatici per avere sempre l'ultima versione del software. aggiorna l antivirus aggiorna il sistema operativo (Pannello di controllo, Aggiornamenti automatici, oppure

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

Pirateria audiovisiva su Internet: miniguida di comportamento

Pirateria audiovisiva su Internet: miniguida di comportamento 1 Pirateria audiovisiva su Internet: miniguida di comportamento A cura di Paolo Attivissimo Nota: il testo che segue è fornito a titolo puramente informativo, senza assunzione di responsabilità per eventuali

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Modalità di utilizzo delle postazioni Internet presso la Biblioteca Comunale

Modalità di utilizzo delle postazioni Internet presso la Biblioteca Comunale Città di Adria Modalità di utilizzo delle postazioni Internet presso la Biblioteca Comunale Art. 1 La Biblioteca pubblica e il Servizio Internet La Biblioteca comunale di Adria favorisce l accesso ad ogni

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

L art. 14 del REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE sancisce:

L art. 14 del REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE sancisce: UTILIZZO INTERNET L art. 14 del REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE sancisce: 1. La Biblioteca può offrire ai propri utenti l accesso a Internet, come ulteriore strumento di informazione

Dettagli

Web. Meglio chiedere

Web. Meglio chiedere Di cosa si tratta Sono molti coloro che si divertono a creare software particolari al solo scopo di causare danni più o meno gravi ai computer. Li spediscono per posta elettronica con messaggi allettanti

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 05 Il computer nella vita di ogni giorno In questa lezione impareremo: come viene usato il computer negli ambiti lavorativi a conoscere il significato

Dettagli

LA PRIVACY TRA I BANCHI DI SCUOLA

LA PRIVACY TRA I BANCHI DI SCUOLA LA PRIVACY TRA I BANCHI DI SCUOLA Manlio Morini System Architect / Senior Software Developer Rev. Modello 1.0 (26/04/10) Aggiornamento: 22/04/2011 Diapositive: 17 EOS Development http://www.eosdev.it LA

Dettagli

Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto

Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto CYBER RISK: RISCHI E TUTELA PER LE IMPRESE Confindustria Vicenza 26/02/2015 Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto Suddivisione territoriale Compartimenti e Sezioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA Art. 1 Obiettivi del servizio Art. 2 Modalità di accesso al servizio Art. 3 Servizi disponibili Parte prima REGOLAMENTO DI ACCESSO

Dettagli

10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI

10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI 10 CONSIGLI PER NON RIMANERE INTRAPPOLATI 1 PENSARCI BENE, PENSARCI PRIMA Pensa bene prima di pubblicare i tuoi dati personali (soprattutto nome, indirizzo, numero di telefono) in un profiloutente, o

Dettagli

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati raccolti in provincia

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Regolamento INTERNET POINT pag.1

Regolamento INTERNET POINT pag.1 Regolamento INTERNET POINT pag.1 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO La biblioteca riconosce l utilità dell informazione elettronica per il soddisfacimento delle esigenze informative della propria utenza. L

Dettagli

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST

VITA DIGITALE VITA REALE IL RICORDO DEL FAR WEST AVVISI AI NAVIGANTI VITA DIGITALE VITA REALE Non esiste più una separazione tra la vita on-line e quella off-line. Quello che scrivi e le immagini che pubblichi sui social network hanno quasi sempre un

Dettagli

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Università degli Studi di Udine Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Gruppo di lavoro istituito il 16 aprile 2004 con decreto rettorale n. 281 Pier Luca Montessoro,

Dettagli

Sicurezza in rete. Virus-antivirus Attacchi dalla rete-firewall spyware-antispy spam-antispam

Sicurezza in rete. Virus-antivirus Attacchi dalla rete-firewall spyware-antispy spam-antispam Sicurezza in rete Virus-antivirus Attacchi dalla rete-firewall spyware-antispy spam-antispam Virus Informatici Un virus informatico è simile ad un virus biologico: si tratta di un piccolo programma, che

Dettagli

M ODULO 7 - SYLLABUS 1.0. IT Security. Corso NUOVA ECDL 2015 prof. A. Costa

M ODULO 7 - SYLLABUS 1.0. IT Security. Corso NUOVA ECDL 2015 prof. A. Costa M ODULO 7 - SYLLABUS 1.0 IT Security Corso NUOVA ECDL 2015 prof. A. Costa Minacce ai dati 1 Concetti di sicurezza Differenze fra dati e informazioni Il termine crimine informatico: intercettazione, interferenza,

Dettagli

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA

POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA POLIZIA DI STATO COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI BOLOGNA POLIZIA DI STATO La rete siamo noi Seminario organizzato dal CORECOM e Difensore Civico 19 maggio 2011 Ispettore Capo Luca Villani

Dettagli

COMUNE DI CAIVANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI CAIVANO PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI CAIVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO INTERNET (allegato Sub. A) delibera di C.C. n103 del 28.11.2011 INTRODUZIONE Gli utenti di Internet sono obbligati ad usare questa risorsa in modo

Dettagli

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright LEGAL NOTICE LA NAVIGAZIONE NEL SITO E IL SUO USO SONO REGOLATI DALLA PRESENTE LEGAL NOTICE. LA NAVIGAZIONE NEL SITO COSTITUISCE ACCETTAZIONE ESPRESSA DELLE CONDIZIONI STABILITE NELLA PRESENTE LEGAL NOTICE

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI La Polizia Postale e delle Comunicazioni si occupa della prevenzione e repressione di tutti i reati commessi per il

Dettagli

I dati : patrimonio aziendale da proteggere

I dati : patrimonio aziendale da proteggere Premessa Per chi lavora nell informatica da circa 30 anni, il tema della sicurezza è sempre stato un punto fondamentale nella progettazione dei sistemi informativi. Negli ultimi anni il tema della sicurezza

Dettagli

COMUNE di ARTEGNA Provincia di Udine R E G O L A M E N T O DEL SERVIZIO INTERNET NELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI ARTEGNA

COMUNE di ARTEGNA Provincia di Udine R E G O L A M E N T O DEL SERVIZIO INTERNET NELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI ARTEGNA COMUNE di ARTEGNA Provincia di Udine R E G O L A M E N T O DEL SERVIZIO INTERNET NELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI ARTEGNA approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 63 del 12.12.2001 1 ART. 1 OBBIETTIVI

Dettagli

Registrarsi sui siti Internet

Registrarsi sui siti Internet Sindacato Pensionati Corsi di Informatica per Anziane e Anziani Registrarsi sui siti Internet V1.0, 09/11/2012 Bruno Boni Castagnetti, Nicoletta Giorda, Franco Marra Obiettivi della lezione Di norma i

Dettagli

POLIZIA DI STATO SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI FRODI ATTRAVERSO DIALER

POLIZIA DI STATO SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI FRODI ATTRAVERSO DIALER FRODI ATTRAVERSO DIALER 1 DIALER programmi che, una volta installati sul computer, fanno comporre al modem un numero telefonico generando una connessione remota. 2 DIALER E SERVIZI A SOVRAPREZZO 3 2003

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

CARTA DELLE GARANZIE

CARTA DELLE GARANZIE CARTA DELLE GARANZIE SOMMARIO 1. FINALITA E INTERPRETAZIONI 2. GENERALITA 3. APPLICAZIONI DEL SERVIZIO 4. TERMINI DI EROGAZIONE 5. PROMOZIONE E PUBBLICITA 6. MESSAGGI STANDARDS Messaggio standard generale

Dettagli

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright LEGAL NOTICE LA NAVIGAZIONE NEL SITO E IL SUO USO SONO REGOLATI DALLA PRESENTE LEGAL NOTICE. LA NAVIGAZIONE NEL SITO COSTITUISCE ACCETTAZIONE ESPRESSA DELLE CONDIZIONI STABILITE NELLA PRESENTE LEGAL NOTICE

Dettagli

Poche semplici regole da seguire. per navigare in sicurezza e. sfruttare al meglio le. opportunità offerte dalla Rete

Poche semplici regole da seguire. per navigare in sicurezza e. sfruttare al meglio le. opportunità offerte dalla Rete Poche semplici regole seguire per navigare in sicurezza e sfruttare al meglio le opportunità offerte lla Rete 1 2 1. Proteggi il dispositivo che utilizzi per accedere ad Internet 2. Proteggi la tua password

Dettagli

CNIPA. "Codice privacy" Il Documento Programmatico di Sicurezza. 26 novembre 2007. Sicurezza dei dati

CNIPA. Codice privacy Il Documento Programmatico di Sicurezza. 26 novembre 2007. Sicurezza dei dati CNIPA "Codice privacy" 26 novembre 2007 Sicurezza dei dati Quando si parla di sicurezza delle informazioni, i parametri di riferimento da considerare sono: Integrità Riservatezza Disponibilità 1 I parametri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI. COMUNE di CAVALLASCA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI. ^^^^^^^^^^^^ Approvato con delibera/disciplinare di C.C. n. 27 del 27/07/2015 INDICE Art. 1.

Dettagli

La sicurezza informatica. Luca Filippi Luca.Filippi@seclab.it

La sicurezza informatica. Luca Filippi Luca.Filippi@seclab.it La sicurezza informatica Luca Filippi Luca.Filippi@seclab.it Che cos è SecLab 04/04/2015 http://www.seclab.it 2 Che cos è la sicurezza informatica Le informazioni vanno protette contro chi vuole appropriarsene

Dettagli

COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo

COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo MODALITA DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CONSULTAZIONE INTERNET PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE Pagina 1 di 9 1. Obiettivi del servizio 1.1 La biblioteca comunale di Morengo

Dettagli

CONDIZIONI D USO DEL SITO INTERNET

CONDIZIONI D USO DEL SITO INTERNET CONDIZIONI D USO DEL SITO INTERNET Condizioni d uso del sito internet La presente pagina (insieme ai documenti a cui essa fa riferimento) descrive le condizioni d uso in base alle quali è possibile utilizzare

Dettagli

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager

Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Reati informatici, frodi e frodi interne - quali sono e come assicurarsi - Andrea Marega Financial Lines Manager Sommario I reati informatici: frode e responsabilità civile professionale I principali reati

Dettagli

Allegato delibera G.C. n. 52 del 29.5.2014

Allegato delibera G.C. n. 52 del 29.5.2014 BIBLIOTECA COMUNALE DI BUDONI Allegato delibera G.C. n. 52 del 29.5.2014 Informazioni e regole per l'utilizzo dei servizi multimediali e di Internet Art.1 Principi generali a) Il presente disciplinare

Dettagli

Sicurezza e Rischi. Mi è arrivata una mail con oggetto: ATTENZIONE!!! chiusura sistematica del tuo conto VIRGILIO. Come proteggersi dallo Spam

Sicurezza e Rischi. Mi è arrivata una mail con oggetto: ATTENZIONE!!! chiusura sistematica del tuo conto VIRGILIO. Come proteggersi dallo Spam Sicurezza e Rischi Mi è arrivata una mail con oggetto: ATTENZIONE!!! chiusura sistematica del tuo conto VIRGILIO Come proteggersi dallo Spam Come proteggersi da virus, trojan e malware Ci sono limitazioni

Dettagli

LEGAL NOTICE. 1. Gestore del Sito. 2. Oggetto

LEGAL NOTICE. 1. Gestore del Sito. 2. Oggetto LEGAL NOTICE LA NAVIGAZIONE NEL SITO E IL SUO USO SONO REGOLATI DALLA PRESENTE LEGAL NOTICE. LA NAVIGAZIONE NEL SITO COSTITUISCE ACCETTAZIONE ESPRESSA DELLE CONDIZIONI STABILITE NELLA PRESENTE LEGAL NOTICE

Dettagli

Pagamenti elettronici

Pagamenti elettronici Pagamenti elettronici Guida alla sicurezza Obiettivo di questa guida è informarti sugli strumenti che la Cassa Rurale BCC di Treviglio ti mette a disposizione per gestire con ancor più sicurezza le operazioni

Dettagli

Introduzione a Internet e cenni di sicurezza. Dott. Paolo Righetto 1

Introduzione a Internet e cenni di sicurezza. Dott. Paolo Righetto 1 Introduzione a Internet e cenni di sicurezza Dott. Paolo Righetto 1 Introduzione a Internet e cenni di sicurezza Quadro generale: Internet Services Provider (ISP) Server WEB World Wide Web Rete ad alta

Dettagli

INTERNET SICURO. Avvisi ai naviganti

INTERNET SICURO. Avvisi ai naviganti INTERNET SICURO Avvisi ai naviganti PRIMO PILASTRO DELLA PREVENZIONE E INDISPENSABILE CREARSI UNA CULTURA INFORMATICA COME FUNZIONA INTERNET? Internet è una rete di che consente il trasporto di dati in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO A INTERNET

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO A INTERNET CITTA' DI GOITO Provincia di Mantova BIBLIOTECA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'ACCESSO A INTERNET ART. 1 OBIETTIVI DEL SERVIZIO La biblioteca comunale di Goito offre ai propri utenti l'accesso a Internet come

Dettagli

Architectura.Place. Se non diversamente indicato, tutti i testi, immagini e video inseriti da membri registrati nel sito web www.architectura.

Architectura.Place. Se non diversamente indicato, tutti i testi, immagini e video inseriti da membri registrati nel sito web www.architectura. Termini e condizioni d uso Condizioni generali d uso Il Titolare del presente sito web è l Associazione Architectura.Place Via del Romito, 32B 50143 Firenze - Italy info@architectura.place Utilizzando

Dettagli