REGIONE LIGURIA Protezione Civile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LIGURIA Protezione Civile"

Transcript

1 ALLEGATO 2

2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio

3 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli incendi di interfaccia è prioritariamente necessario definire la pericolosità nella porzione di territorio ritenuta potenzialmente interessata dai possibili eventi calamitosi ed esterna al perimetro della fascia di contiguità tra le strutture antropiche e la vegetazione ad essa adiacente esposte al contatto con i sopravvenienti fronti di fuoco. Nel seguito tale fascia sarà denominata di interfaccia. Sulla base della carta tecnica regionale (almeno 1:10.000), ed ove accessibile, sulla carta forestale e sulle ortofoto disponibili nel Sistema Informativo della Montagna, dovranno essere individuate le aree antropizzate considerate interne al perimetro dell interfaccia. Per la perimetrazione delle predette aree, rappresentate da insediamenti ed infrastrutture, si dovranno creare delle aggregazioni degli esposti finalizzate alla riduzione della discontinuità fra gli elementi presenti, raggruppando tutte le strutture la cui distanza relativa non sia superiore a 50 metri. Successivamente si traccerà intorno a tali aree perimetrate una fascia di contorno (fascia perimetrale) di larghezza pari a circa 200 m. Tale fascia sarà utilizzata per la valutazione sia della pericolosità che delle fasi di allerta da porre in essere. Figura 1 : Definizione delle zone di interesse: in nero il perimetro degli insediamenti, in rosso la fascia perimetrale 3

4 Valutazione della pericolosità La metodologia che si propone è basata sulla valutazione anche speditiva delle diverse caratteristiche vegetazionali predominanti presenti nella fascia perimetrale, individuando così delle sotto-aree della fascia perimetrale il più possibile omogenee sia con presenza e diverso tipo di vegetazione, nonché sull analisi comparata nell ambito di tali sotto-aree di quattro fattori, cui è stato attribuito un peso diverso a seconda dell incidenza che ognuno di questi ha sulla dinamica dell incendio. Tale analisi speditiva e relativa a ciascuna delle sotto-aree identificate potrà essere predisposta quantomeno sulla base della carta tecnica regionale (almeno 1:10.000), e di rilevamenti in situ, ma ove possibile potrà essere sostenuta da carte quali quelle forestali e dell uso del suolo, da immagini aeree ortorettificate e satellitari ad alta risoluzione rese disponibili su base GIS. Figura 2 : Livello delle zone di contatto tra strutture antropiche ed aree boscate o incolte o altro; gli edifici compresi all interno delle zone fanno parte dell area insediata. In figura 2 è rappresentato il livello di base costituito dalla zona di interfaccia unicamente creata a partire dall estensione delle aree insediate. Tale zona viene quindi caratterizzata tramite l applicazione di parametri che consentono la compilazione delle informazioni associate ai singoli tratti geometrici. 4

5 I fattori da prendere in considerazione sono i seguenti. Tipo di vegetazione: le formazioni vegetali hanno comportamenti diversi nei confronti dell evoluzione degli incendi a seconda del tipo di specie presenti, della loro mescolanza, della stratificazione verticale dei popolamenti e delle condizioni fitosanitarie. In particolare dovrà essere esaminato il tipo di copertura del suolo sia al contatto che in prossimità del contatto (distanza di 15 m) tra le strutture antropiche e le aree boscate; in tale modo potranno essere evidenziate anche quelle zone che pur non a contatto hanno una distanza di non sicurezza dalle aree boscate. Il tipo di vegetazione può essere dedotto utilizzando, laddove possibile, carte che riportino informazioni sull utilizzo del suolo e sul tipo di copertura vegetale o analizzando eventuali immagini ortorettificate o tramite osservazioni in situ (figura 3). Figura 3 : Zone di interfaccia frammentate dalla carta della tipologia del suolo L intersezione tra il livello delle zone di interfaccia e della carta forestale (o dell uso del suolo) provoca una prima frammentazione del livello di base in modo da rappresentare condizioni di copertura omogenee; alle singole sotto aree vengono assegnati i valori in funzione della tabella riportata di seguito. 5

6 Tipo Formazione Peso Valore Acque 0 0 Altri coltivi Altri coltivi - Serre Ambito di formazione fluviale 0 0 Aree insediate autostradale 0 0 Aree nude 0 0 Aree stradali 0 0 Ceduo composto misto di latifoglie 1 2 Ceduo composto puro di Altre latifoglie 1 2 Ceduo composto puro di Castagno 1 2 Ceduo composto puro di Faggio 1 2 Ceduo composto puro di Leccio 1 2 Ceduo composto puro di Querce caducifoglie 1 2 Ceduo semplice Misto 1 2 Ceduo semplice puro di Altre latifoglie 1 2 Ceduo semplice puro di Castagno 1 2 Ceduo semplice puro di Faggio 1 2 Ceduo semplice puro di Leccio 1 2 Ceduo semplice puro di Querce caducifoglie 1 2 Ceduo sotto fustaia di resinose 1 4 Fustaia di Abete bianco 1 4 Fustaia di Altre latifoglie 1 2 Fustaia di Altre resinose 1 4 Fustaia di Altri pini 1 4 Fustaia di Castagno 1 2 Fustaia di Cerro 1 2 Fustaia di Faggio 1 2 Fustaia di Leccio 1 2 Fustaia di Pino 1 4 Fustaia di Pino di Aleppo 1 4 Fustaia di Pino Domestico 1 4 Fustaia di Pino Marittimo 1 4 Fustaia di Pino Silvestre 1 4 Fustaia di Pioppo 1 2 Fustaia di Roverella 1 2 Fustaia Mista di latifoglie 1 2 Fustaia Mista di resinose 1 4 Fustaia Mista di resinose e latifoglie 1 4 Oliveto abbandonato 1 2 Oliveto coltivato Parco Pubblico 1 1 Prateria 1 1 Vegetazione arbustiva 1 2 6

7 Figura 4 : Grado di Rischio risultante dall analisi del tipo di copertura al contatto ed in prossimità In secondo luogo viene esaminato il tipo di suolo presente in prossimità al contatto in modo da evidenziare anche quelle zone che pur non trovandosi a contatto con le aree boscate sono in prossimità di esse; nel nostro caso abbiamo considerato una distanza media di sicurezza posta a 15 metri dall'abitato, eventualmente tale distanza può essere calcolata in funzione di parametri caratteristici dei diversi tipi di formazione. 7

8 Densità della vegetazione: rappresenta il carico di combustibile presente che contribuisce a determinare l intensità e la velocità dei fronti di fiamma. Tale parametro viene calcolato in base all analisi delle immagini ortorettificate, delle immagini da satellite (anche nel campo dell infrarosso) ad alta risoluzione o tramite osservazioni in situ. Figura 5 : Esempio di immagine ad alta risoluzione da satellite Quickbird. In rosso le aree boscate I valori propri di tale parametro sono : Densità della Vegetazione Valore Rada 2 Fitta 4 8

9 Pendenza: la pendenza del terreno ha effetti sulla velocità di propagazione dell incendio: il calore salendo preriscalda la vegetazione sovrastante, favorisce la perdita di umidità dei tessuti, facilita in pratica l avanzamento dell incendio verso le zone più alte.. Per la valutazione di questo parametro, qualora la zona presentasse una complessa orografia, si dovrà considerare all interno della sotto-area la parte più vicina agli insediamenti perimetrati. Il valore della pendenza media del versante che insiste sulla zona di interfaccia è stato ricavato utilizzato la carta delle acclività realizzata tramite vettorializzazione del modello digitale del terreno; tale carta riporta delle aree classificate in base all intervallo di pendenza registrato, a ciascun intervallo viene assegnato un valore. Figura 6 : I valori desunti dalla carta dell acclività, in scuro le zone a maggiore pendenza, vengono verificati tramite l ausilio delle curve di livello In questo caso sono stati inoltre verificati i valori di pendenza assegnati alle zone tramite l esame delle curve di livello. Livello di Pendenza Valore Minore del 25 % 1 Tra il 25% ed il 50% 2 Maggiore del 50 % 3 9

10 Tipo di contatto: contatti delle sotto-aree con aree boscate o incolti senza soluzione di continuità influiscono in maniera determinante sulla pericolosità dell evento, lo stesso dicasi per la localizzazione della linea di contatto (a monte, laterale o a valle) che comporta velocità di propagazione ben diverse. Lo stesso criterio dovrà essere usato per valutare la pericolosità di interfaccia occlusa attorno ad insediamenti isolati. Figura 7 : L analisi delle curve di livello consente di stabilire il rapporto tra area insediata e boscata Il valore da assegnare al parametro è stato dedotto tramite l analisi delle curve di livello e dei punti quotati. Tipo di Contatto Valore Contatto a monte 2 Contatto laterale 3 Contatto a valle 4 10

11 Esposizione del versante: appare ovvio come l esposizione sia un fattore importante in quanto favorisce o meno le condizioni di accensione e propagazione dell incendio. I valori sono stati ricavati utilizzando le immagini Ortofoto, le Immagini da satellite ad alta risoluzione, la carta delle curve di livello e la carta dell esposizione dei versanti opportunamente tematizzata per settore di esposizione. Figura 8 : La carta dell esposizione dei versanti fornisce indicazioni sull esposizione della zona di interfaccia Sono stati assegnati i valori come riportato nella tabella seguente. Esposizione Intervallo Grado di Rischio Versante N 292,5-67,5 1 E 67,5-112,5 2 S 112,5-247,5 4 O 247,5-292,5 3 Z

12 Tabella riepilogativa La seguente tabella riepilogativa dovrà essere compilata per ogni singola area individuata all interno della fascia perimetrale in modo da ottenere un grado di rischio globale come risultante dei valori di rischio parziale derivati dall analisi dei parametri Parametro Analizzato Tipo di Copertura del suolo al contato Tipo di Copertura del suolo in prossimità del contatto Densità vegetazione Pendenza Tipo di Contatto con aree boscate Esposizione del Versante TOTALE Valore Numerico Assegnazione classi di pericolosità Il grado di pericolosità scaturisce dalla somma dei valori numerici attribuiti a ciascuna area individuata all interno della fascia perimetrale. Il valore ottenuto può variare da un minimo di 0 ad un massimo di 24 che rappresentano rispettivamente la situazione a minore pericolosità e quella più esposta. Saranno quindi individuate quattro classi principali nelle quali suddividere, secondo il grado di pericolosità attribuito dalla metodologia sopra descritta, le sotto-aree individuate all interno della fascia perimetrale. Grado di Rischio Valore Trascurabile X <= 8 Bassa Media 8 < X X 17 Elevata X => 18 La mappatura della pericolosità così ottenuta rappresenta un ulteriore strumento utilizzabile per indirizzare la pianificazione dell emergenza. I comuni, infatti, potranno indirizzare la propria attenzione e gli obiettivi del modello di intervento in funzione sia dei livelli di pericolosità presenti nella fascia perimetrale sia di quelli che da questa insistono sui perimetri delle interfacce individuate: la mappatura del rischio su tali perimetri, individuando la vulnerabilità presente lungo e nella fascia di interfaccia, potrà fornire informazioni ancora più precise ed efficaci. 12

13 Figura 9 : Rappresentazione cartografica delle classi di pericolosità per gli incendi di interfaccia all interno della fascia perimetrale: ogni colore determina un diverso grado di pericolosità: rosso-alta; arancione-media; giallo-bassa, biancatrascurabile. Figura 10 : Ingrandimento dell area in esame; in questa immagine compaiono anche la fascia perimetrale a distanza costante (200 m) in rosso, i nomi delle frazioni corrispondenti alle aree insediate e la viabilità principale in verde. 13

La Protezione Civile e la gestione degli incendi di interfaccia. La cartografia storica rivive grazie al digitale

La Protezione Civile e la gestione degli incendi di interfaccia. La cartografia storica rivive grazie al digitale La Protezione Civile e la gestione degli incendi di interfaccia Realtà Aumentata e GIS in difesa dell'ambiente L'analisi spaziale a supporto della filiera agroenergetica La cartografia storica rivive grazie

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO*

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* 82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* Università degli Studi di Firenze Quadro 1 - F. 276 Sez. I - Passo della Consuma - Serie 25 La superficie coperta da boschi, secondo l Inventario Forestale Nazionale

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

Piano di Emergenza Comunale

Piano di Emergenza Comunale Sezione 2 Luglio 2013 SCENARI DI RISCHIO Protezione Civile Ing. Fabio De Pascalis INDICE 1 PREMESSA... 3 2 EVENTI ATTESI: VARIABILI DEL RISCHIO... 4 3 DESCRIZIONE SINTETICA DELLA DINAMICA DELL EVENTO...

Dettagli

Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A.

Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. 2006/2007 Applicazione del sistema ArcGIS 9.2 e rilevamento con

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO

MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO M. Gioia Piazza MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO CRA Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria, Sezione di Apicoltura, Roma La caratterizzazione geografica può rappresentare un valido strumento

Dettagli

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012 Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 212 Matteo Masini, Silvia Montagnana, Mauro Fiorini Agosto 214 Osservatorio permanente della programmazione territoriale Direzione Generale Territorio, urbanistica

Dettagli

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale Anna Cutrone anna.cutrone cutrone@provincia. @provincia.bologna.it Modalità di realizzazione della Carta Forestale

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

ALLEGATO 1. Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale

ALLEGATO 1. Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale ALLEGATO 1 Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale Nell ambito del Sistema Integrato di Gestione e Controllo viene svolta l attività di rilevazione dell occupazione del suolo mediante telerilevamento

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI Simulare conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione SESSIONE RUMORE D.ssa Barbieri Cinzia,

Dettagli

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione Protocollo ARTEA Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (Mod. A2) Settore forestale Dichiarazione di taglio ed opere connesse L.R. 39/00 e Regolamento Forestale Dichiarazione per interventi

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO INDICE CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 1 1. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 3 1.1 METODOLOGIA DI ANALISI... 3 1.2 LE COMPONENTI DELLA GRIGLIA

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE RISCHIO INCENDI BOSCHIVI DOCUMENTO Relazione Stralcio Rischio Incendi Boschivi FILE

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO TECNICHE DI SPEGNIMENTO

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO TECNICHE DI SPEGNIMENTO ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO TECNICHE DI SPEGNIMENTO TECNICHE DI ESTINZIONE ATTACCO DIRETTO ATTACCO INDIRETTO Soffocare la fiamma intervenendo direttamente sul fuoco Isolare

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI In questo articolo vengono descritte alcune applicazioni operative basate sull elaborazione di

Dettagli

Provincia di Modena Il Presidente

Provincia di Modena Il Presidente Provincia di Modena Il Presidente Classifica 09-07-01 fasc. 9/2015 Modena, 22/07/2015 Alla cortese attenzione di SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MODENA PRESIDENTI DI: - UNIONE DEI COMUNI DEL DISTRETTO

Dettagli

La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936

La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936 La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936 Sboarina C. - Ciolli M. - Ferretti F. Pompei E. - Vitti A. - Zatelli P. marco.ciolli@ing.unitn.it Università di Trento Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza

Protezione Civile Municipaale - Piano di emergenza Alla popolazione del Comune di Imola: informazione preventiva della Protezione Civile e norme da attuarsi in occasione di eventi calamitosi sul territorio. Generalità La Protezione Civile Col termine Protezione

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

6. RISCHIO INCENDI BOSCHIVI E DI INTERFACCIA. 6.1. Riferimenti normativi, piani e programmi

6. RISCHIO INCENDI BOSCHIVI E DI INTERFACCIA. 6.1. Riferimenti normativi, piani e programmi 6. RISCHIO INCENDI BOSCHIVI E DI INTERFACCIA Il rischio incendi boschivi e d interfaccia si può definire come il valore atteso del danno dovuto al verificarsi di un incendio, in una particolare area e

Dettagli

Provincia di Alessandria

Provincia di Alessandria Provincia di Alessandria DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE DIREZIONE AMBIENTE E PIANIFICAZIONE Servizio Protezione Civile e Coordinamento Formazione Volontariato Percorso didattico attrezzato

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano

Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano llustrazione della legenda Lo scopo della legenda è quello di differenziare in modo esauriente il territorio della provincia di Bolzano considerando

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Ministero dell'interno

Ministero dell'interno Ministero dell'interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco Sicilia Dott. Ing. Emilio OCCHIUZZI Dirigente Generale Direttore

Dettagli

Assessorato all Agricoltura IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO

Assessorato all Agricoltura IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO Assessorato all Agricoltura IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO Assessorato all Agricoltura La Liguria, con i suoi 375. 134 ettari di territorio boscato, pari a oltre il 70% della sua estensione

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

REGIONE SICILIA. Template INSPIRE - services. ID Servizio Ente responsabile Tipo di servizio Metadati (N/Y) Open (N/Y) Free (N/Y)

REGIONE SICILIA. Template INSPIRE - services. ID Servizio Ente responsabile Tipo di servizio Metadati (N/Y) Open (N/Y) Free (N/Y) REGIONE SICILIA Template INSPIRE - services ID Servizio Ente responsabile Tipo di servizio Metadati (N/) (N/) Free (N/) 53 Servizio di ricerca CSW - Regione Siciliana S.I.T.R. Regione Siciliana Discover

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI AREA: 4 DENOMINAZIONE: AMAZAS 2 (CARTA 6) DESCRIZIONE: La S.S. 24 separa una pineta di pino silvestre a monte da una fascia di arbusteto montano a valle entro cui scorre la Dora Riparia. Sopra la pineta,

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI

RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI COME STRUMENTO DI MONITORAGGIO DEL TERRITORIO PER LA PREVENZIONE DELLA PROPAGAZIONE DI INCENDI Ogni anno il tributo pagato

Dettagli

Argomenti. Inquadramento

Argomenti. Inquadramento 1 2 Il 30 ottobre 1995, sul Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 254, è stata pubblicata la: Legge quadro sull inquinamento acustico Legge 26 ottobre 1995, n. 447 che stabilisce i principi

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE Interforze 2015

PROTEZIONE CIVILE Interforze 2015 PROTEZIONE CIVILE Interforze 2015 EsercitazionI PROTEZIONE CIVILE Interforze 2015 Dronica, in quanto start up innovativa inserita nel panorama professionale dei droni ha lo scopo di fornire prodotti,

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DELLA CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA LOTTO 21

SPECIFICHE TECNICHE DELLA CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA LOTTO 21 SPECIFICHE TECNICHE DELLA CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA LOTTO 21 Codice Descrizione entità grafica 100L LI07LI07 Simbologie varie 101A LI01LI01 Strada asfaltata 101I LI04LI01 Strada asfaltata inv. 101L

Dettagli

Sistema di Controllo Incendi Boschivi

Sistema di Controllo Incendi Boschivi Sistema di Controllo Incendi Boschivi INTRODUZIONE: Negli ultimi vent anni in Europa gli incendi boschivi hanno colpito circa 29 milioni di persone, causando 90 mila vittime e danni economici per 211 miliardi

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

Piano Intercomunale ANTINCENDIO BOSCHIVO

Piano Intercomunale ANTINCENDIO BOSCHIVO Piano Intercomunale di ANTINCENDIO BOSCHIVO Versione stralcio 2010 Ufficio Associato di Protezione Civile Bagno a Ripoli, Figline Valdarno, Incisa in Val d'arno, Rignano sull'arno arnosudest@gmail.com

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

Il rischio vulcanico

Il rischio vulcanico Il rischio vulcanico Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Sesta parte Prof. Rolando Neri 2 Alcuni eventi pericolosi nell attività di un vulcano. (Rielaborato da Press e Siever). Il loro verificarsi può provocare

Dettagli

Progetto Strategico RISKNAT

Progetto Strategico RISKNAT Progetto Strategico RISKNAT Attività B 7.1 C 7.1 Analisi multirischio sul territorio piemontese. Ricadute operative di Protezione Civile. Postfazione Postfazione Le evoluzioni metodologiche e di gestione

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio 2 METODOLOGIA DI INDAGINE La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio Foreste e Tutela del Territorio, del Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità.

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

R.D.M. Progetti S.r.l.

R.D.M. Progetti S.r.l. SCHEDA PROGETTO: Servizio META Monitoraggio Estensivo dei boschi della ToscanA a fini fitosanitari ha partecipato fin dalle fasi sperimentali iniziali al progetto META (anno 2000), un sistema informativo

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Il caso del rischio di incendio Cod.731 - Vers.CC9 1 Introduzione 2 Definizione del problema 3 Omogeneizzazione dei dati 4 Calcolo

Dettagli

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Prot. n. 5991 del 29 Novembre 2001 Oggetto : Servizio autorizzativo al cittadino: Linee guida per progetti riguardanti la viabilità montana e rurale Al Presidente della COMUNITA' DEL PARCO VALLO DELLA

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Emergenza alluvione Liguria Genova, 7 dicembre 2011

Emergenza alluvione Liguria Genova, 7 dicembre 2011 Emergenza alluvione Liguria Genova, 7 dicembre 2011 L intervento della Protezione civile della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia a sostegno della Regione Liguria a seguito dell evento alluvionale

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P.

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. G. Caricato 1 & V. Telesca 2 1 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente di Basilicata 2 Università degli Studi della Basilicata,

Dettagli

CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA

CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA INDICE CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA... 1 1. ANALISI DELLA RESILIENZA... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 COMANDI/DISTACCAMENTI DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL

Dettagli