NEWSLETTER DELLA CATTEDRA DI DIDATTICA GENERALE MENSILE A CIRCOLAZIONE INTERNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunic@zione/i NEWSLETTER DELLA CATTEDRA DI DIDATTICA GENERALE MENSILE A CIRCOLAZIONE INTERNA"

Transcript

1 febbraio anno II - numero doppio NEWSLETTER DELLA CATTEDRA DI DIDATTICA GENERALE MENSILE A CIRCOLAZIONE INTERNA Direzione e coordinamento Prof.ssa A. Porcheddu Redazione A. Baldi L. Bernardini B. De Angelis C. De Angelis R. Di Glionda M. Muzi A. Porcheddu M. Tiriticco Segreteria M. Muzi L. Bernardini Educare al senso della vita A tre mesi dalla scomparsa di Raffaele Laporta vogliamo ricordarlo come un amico generoso, come un infaticabile studioso di problematiche pedagogiche, come un esempio di coerenza e di impegno intellettuale in tante battaglie, da quelle sulla condizione della scuola e degli insegnanti a quelle sul laicismo. Ma vogliamo anche ricordarlo come un lettore curioso e instancabile dei cambiamenti in atto nella società e nelle scienze dell educazione e come un protagonista assiduo dei dibattiti generati da tali cambiamenti. L impegno è arduo e lo spazio disponibile è insufficiente. Tuttavia ci sembra doveroso almeno sollecitare una riflessione e un dibattito sulle idee e sull opera rilevante di questo collega e amico. Per cominciare riportiamo alcune parti di una lettera che Raffaele Laporta, invitato a svolgere due seminari nell ambito del corso di Didattica generale, ci ha scritto nel Ad Alba, Marielisa e C. Cari Amici, ecco la scaletta del mio programmato intervento al corso di Alba. Il suo scopo è un esame della condizione della scuola e in essa degli insegnanti. La questione si inquadra sia nella situazione di prima formazione, sia nella politica attuale del governo nei confronti della scuola. Sulla condizione della scuola vi mando ( e tratterò) una breve panoramica.il secondo scritto è quello relativo agli IRRSAE: sviluppa analiticamente il rap- Editing C. De Angelis Cattedra di Didattica Generale (P-Z) Prof.ssa A. Porcheddu Via dei Mille, 23, Roma Telefono Fax Educare al senso della vita All interno: Raffaele Laporta e la Treccani Ricordando Raffaele Laporta Scuole : idee e progetti Sulla libertà Navigare informati: Laportalinks In biblioteca

2 porto fra Istituti regionali, MPI e scuola; è una proposta di ristrutturazione.il terzo scritto è una lettera inviata al Comitato promotore del Movimento «Una scuola per la Repubblica», nel giugno 1986: il documento sul quale si raccoglievano le adesioni al movimento era molto più ampio: potete trovarlo presso il CIDI e in particolare presso Ermanno Testa. Nel quadro ampio tracciato da esso, io trattavo la questione della parità tra scuola pubblica e privata. Non la esaminavo nei termini della Costituzione, ma nei modi in cui mi sembra si ponga attualmente: non siamo più 50 anni fa, e allo scontro di allora fra cattolici e laici: Il fronte che si diceva «laico» si è squagliato in seno all Ulivo e fuori di esso. Oggi non c è più un fronte compatto. D altra parte i cattolici hanno fatto passi enormi in senso liberale. Il quarto documento presenta ancora la tesi cattolica ufficiale e integralista e vuole dimostrare ( ai cattolici a cui si dirige) che anche da quelle posizioni è possibile una collaborazione con i laici ( questo è stato il risultato del convegno di Siena organizzato da Alba, di cui il documento è il corollario). In realtà le tesi cattoliche avanzate ( che guadagnano sempre più terreno) sono oggi estremamente liberali, fino a rinunciare a una supremazia non solo del cattolicesimo fra le religioni occidentali, ma del monoteismo nei confronti di quelle orientali, e perfino della religione nei confronti degli atei. La questione sta perciò nel trovare un nuovo modo di considerare le scuole di origine religiosa ( tutte) nei confronti della scuola di Stato; ma anche nel giudicare se la scuola di Stato non debba assumere in proprio la gestione di una educazione «al senso della vita», valida per tutti, religiosi e no. R.L. Raffaele Laporta aveva prontamente risposto all appello offrendo la sua disponibilità per i seminari, ma lo studioso si interrogava, ci interrogava, interpretava la materia del contendere, ne intuiva e delineava il fulcro: la necessità di educare al senso della vita. Nel rifuggire da facili e banali riferimenti di cronaca nera, che attualizzano e rendono sempre più urgente l attuazione di quanto Laporta proponeva come riflessione, vogliamo sottolineare ancora un appello del nostro maestro. Egli infatti in un intervento recente ha disegnato uno scenario che non possiamo non condividere: Per molto tempo i cattolici, credendo di poter sottomettere lo Stato al magistero della Chiesa, sono stati accusati di non avere il senso dello Stato. Per fortuna questo non e' sempre vero: sono ormai molti i cattolici osservanti che, messi dalla fiducia popolare a maneggiare i meccanismi della Costi-tuzione, ne hanno assimilato la logica e i principi: ne sono stati e ne sono gli interpreti e i difensori, talvolta a prezzo della vita, come Moro e Bachelet. A costoro, sereni custodi della pace fra Stato e Chiesa, vanno rivolte gratitudine e speranza. Quando saranno divenuti maggioranza fra i cittadini cattolici e ad essi saranno affidate le loro scuole, forse un nostro storico problema sarà risolto. Alba Porcheddu Da Laporta-La comunità scolastica, Firenze-1963 Prato-Scuola elementare-via del Purgatorio- Arch. F. Brunelli, Ing. L Lugli, Ing. G. Veronesi

3 Raffaele Laporta e la Treccani. Un esperienza formativa significativa per l educazione e per la cultura italiane Per un ventennio, dal 1975 al 1995, Raffaele Laporta fu animatore, in qualità di referente pedagogico, di programmi di ricerca e di realizzazione tecnologica a sfondo educazionale presso l Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani. In particolare, diresse la sezione formazione della redazione Programmi multimediali ed educativi della Treccani, diretta dal prof. F. Schino. Insieme a Lui collaborarono, al di là del sottoscritto, in tempi e modi diversi uomini e donne di indubbio valore culturale e scientifico, come per es. Vincenzo Cappelletti, Raffaele Simone, Lucio D Amelia, Franco Russo, Alba Porcheddu e Paola Menghini. Il contributo ideativo che Laporta seppe dare a questa esperienza unica nel suo generedi coevoluzione tra pedagogia critica e alta cultura si può sintetizzare nelle parole stesse del Nostro, pronunciate in occasione di un incontro internazionale per gli insegnanti italiani all estero (Buenos Aires 1987): sia la scuola sia la Treccani devono avere un unico obiettivo di fondo e cioè quello di diffondere la cultura di qualità, depositata nei libri della memoria culturale mondiale e sperimentata nella vita, nei più remoti recessi della società civile con il contributo critico di insegnanti, studenti e cittadini allo scopo di rendere il tessuto democratico della società sempre più vivo e coeso. (Materiali redazionali, Rm, 1988). L azione (meta)formativa del Laporta si misurò con una sfida culturale di ampio respiro e di non facile approccio: quella inerente alla nascita e allo sviluppo (a metà degli anni 70) di sistemi tecnologici avanzati, i cosiddetti strumenti multimediali, e un loro possibile e auspicabile uso in funzione formativa, sia nel senso di riqualificazione di soggetti impegnati nel mondo del lavoro (importante fu il programma Le ferrovie ), sia nel senso di qualificazione iniziale e in itinere di nuove figure professionali da attivare nella scuola italiana (significativi furono i programmi IEI-MPI-CONI per i maestri e le maestre interessati a svolgere la funzione di docenti di attività motorie nella scuola primaria o come si dovrà dire in futuro nei primi anni del primo ciclo) sia nel senso di migliorare la qualità dell apprendimento dei giovani in formazione (rilevante fu il programma Tra Noi per l insegnamento della lingua e cultura italiane per i figli di immigrati italiani all estero, che è considerato, a ragione, il prototipo italiano per un corretto approccio interculturale al problema dell immigrazione). Laporta accettò con entusiasmo questa sfida tanto da lasciarsi coinvolgere da tutti i programmi sopracitati ed elaborò, in stretta sinergia con il linguista Raffaele Simone, altro grande innovatore della comunicazione e sulla scia di studi ed esperienze internazionali, interessanti (e, consentitemi, affascinanti) moduli di intervento educazionale con la ferma convinzione che l uso di strumenti audiovisivi poteva realizzarsi senza paura a condizione però di non impoverire (come sfortunatamente sta accadendo oggi) la cultura alfabetica: cioè il libro e la sua insostituibile forza concettualizzante. L approccio, per cosi dire, laportiano al problema si ancorò rigorosamente a questo assunto prima ancora che pedagogico, culturale e filosofico. Nacque così l esperienza di quel dialogo creativo e innovativo tra materiali audio-video e materiali scrittori (i programmi multimediali della Treccani), che costituì il quid unico, di una nuova concezione pedagogica della formazione avanzata, che non disdegnava le forme del moderno (cinema e radio insieme) ma le vivificava con la tradizione più forte della nostra cultura (parola scritta e disegni). Come dire un felice colloquio interattivo tra culture, quella dell Orbis sensalium pictus di comeniana memoria e quella dell uomo nuovo di Turing. Da un punto di vista puramente pedagogico e metodologico l azione di Raffaele Laporta su questo terreno della formazione mediante l uso creativo di strumenti fini come quelli tecnologico-audiovisivi si sviluppò in due diverse direzioni e si concretizzò in una vera e propria concezione (attualissima!) di educazione permanente. La prima fu quella dell introduzione in ambito formativo dei protocolli : cioè della ricerca e costruzione attraverso successive e ben misurate esperienze sul campo di moduli (i

4 protocolli appunto) di lavoro multimediale che fossero in grado di sorreggere e orientare le sceneggiature e gli story board. In parole semplici occorreva costruire vere e proprie inchieste sui fruitori dei programmi per ricavare dati attendibili da cui muovere per costruire apparati di contenuti utili alla stesura delle sceneggiature per la realizzazione dell Av e del testo a stampa. Famose sono rimaste le inchieste alla Sandro Portelli, come quella realizzata per il programma Corpo, movimento e prestazione, quando con registratore acceso in spalla i redattori andavano a intervistare i personaggi del mondo del calcio a Coverciano. L idea dei protocolli, scontata per quanto concerne qualsiasi discorso di tipo epistemologico e scientifico, era una vera e propria novità se riferita alla formazione, in specie quella di tipo tecnologico. Se poi si pensa che in quegli anni la maggior parte dei programmi formativi multimediali realizzati da enti pubblici e privati erano costruiti sulla base di semplici ipotesi educazionali date per corroborate e su pochi elementi ricavati dalla cultura di massa ben si capisce la portata innovativa della costruzione (lenta e faticosa) dei protocolli voluti a tutti i costi dall azione del Nostro, che non a caso è oggi ricordato per aver dedicato la vita alla costruzione della teoria empirica dell educazione. La seconda direzione del suo intervento ruotò intorno al concetto di validazione dei prototipi realizzati prima della loro ratifica definitiva e dell immissione nei processi formativi veri e propri. Ciò significava ancora una volta mettere l accento sulla costruzione di materiali di spessore autenticamente democratico, anche a costo di incidere sulle spese di produzione e a costo di rimarcare la fallibilità e/o l incertezza dei risultati di qualsiasi progetto educativo, anche il più rigoroso e controllato. Rilevante ed esempio per tutti coloro che si occupano di formazione oggi fu l organizzazione di seminari e conferenze allo scopo di mettere alla prova i programmi elaborati dando la parola e l autorità d intervento a tutti i convenuti (per la maggior parte insegnanti), i quali vissero l esperienza fondamentale di essere per davvero attori protagonisti dell elaborazione di idee e di suggerimenti atti a migliorare la qualità dei materiali e della stessa futura azione formativa. L introduzione metodologica della procedura di validazione dei progetti e dei programmi formativi di segno tecnologico, portò ad affinare e migliorare, oltretutto, la stessa concezione di tecnologia, che divenne sempre più non solo l ingenua diade macchina-scienza, ma quello che è oggi comunemente riconosciuto dai più: cioè un complesso logaritmo di sequenze logicamente coerenti e empiricamente controllate e riaggiustate attraverso il feedback, che paradossalmente può verificarsi anche in assenza di complessi strumenti e di sofisticate macchine, e che, nel caso del Laporta, elude il ghetto ossessivo della misurazione e valutazione quantitative e si sostanzia, invece di qualità delle relazioni umane, come le procedure di democrazia cognitiva ( pensiamo quindi siamo )e di laicità autentica ( senza riscontro sociale non c è scienza ). Un ultima nota riguarda il contributo (a mio avviso ancora poco esplorato) a una più vitale concezione dell educazione permanente che nel Nostro fu sempre al centro della sua riflessione e non solo in ambito Treccani. Per Laporta sia le tecnologie sia gli alfabeti non possono mai costituire di per sé la sostanza dei processi formativi, che invece risiede nel concetto di liberta (libertà di scelta e di giudizio degli esseri umani), da realizzarsi all interno di un riattivato rapporto comunità-società, in cui sia gli alfabeti, sia le tecnologie avanzate devono avere legittima cittadinanza. Per fare questo però occorre tenere costantemente connessa la diade mezzi-fini, che nell educazione non ha mai valore opzionale e che nell esperienza dei programmi multimediali della Treccani significò per il Nostro mettere al centro la persona considerata sempre, kantianamente parlando, fine e non mai mezzo. ALESSANDRO BALDI

5 Ricordando Raffaele Laporta Conobbi Raffaele Laporta nel 1971 quando all ISPE, Istituto Studi per la Programmazione Economica (Ministero del Bilancio), lavoravo in una commissione incaricata di tracciare le linee del secondo piano quinquennale della scuola. Ero giunto in quella commissione dopo il riflusso delle emergenze del Sessantotto. Molti di noi, attivamente impegnati nel movimento insegnanti, considerarono che fosse opportuno rientrare nello specifico del ruolo così si diceva al fine di comprendere meccanismi e processi della organizzazione borghese della società e di adoperarsi per il suo cambiamento dall interno. Si trattò di una scelta non da tutti condivisa e il dibattito fu veramente sofferto. Altri, com è noto, in nome del principio che lo Stato borghese si abbatte e non si cambia, scelsero la lotta armata con gli esiti che noi tutti abbiamo poi conosciuto! Mi occupavo in particolare della istruzione professionale statale e di quali linee fosse opportuno intraprendere per farla crescere sotto il profilo culturale e formativo, anche perché erano gli anni in cui le trasformazioni nelle conoscenze e nei profili professionali cominciavano a cambiare con forza i quadri concettuali ed operativi di sempre. Invitammo più volte nella commissione, per ascoltare il loro parere, i più autorevoli pedagogisti di allora, tra cui appunto Raffaele Laporta. Erano gli anni della riscoperta di Dewey e delle sue illuminate intuizioni sui rapporti che corrono tra democrazia, educazione, lavoro,. Erano gli anni di quella Difficile scommessa, quello scritto con cui Laporta sottolineava l esigenza che la scuola si facesse carico dei milioni di esclusi dal circuito delle conoscenze di base e della cultura. La Lettera a una professoressa era uscito nel 67! Tullio De Mauro conduceva le sue prime ricerche sul rapporto che corre tra linguaggio, conoscenze, sviluppo civile della persona. A ricordarle oggi, si tratta di istanze ormai largamente note e condivise, ma allora non era così e, se tanta acqua è passata sotto ai ponti, lo si deve anche alla ricerca e all insegnamento di Raffaele Laporta. A seguito di quei primi incontri all ISPE, gli chiesi di lavorare con lui all Università e mi accolse. Eravamo una ventina di giovani dalle provenienze politiche e culturali più diverse! C erano gli ex del movimento studentesco, vecchio e nuovo PCI, Potere operaio, Lotta continua, Avanguardia operaia, socialisti, cattolici. Solo qualche anno prima avremmo dibattuto vivacemente! Con Laporta non fu così! Ci legavano essenzialmente due cose: una solida base democratica ed antifascista, una ipotesi nuova in un Magistero da sempre idealista e conservatore; la volontà di raccogliere e portare avanti, nella ricerca e nell insegnamento, la sfida della Difficile scommessa. Laporta, diversamente da altri cattedratici, non ha mai dato vita ad una scuola. Potrei definirlo come un attento e vigile consulente del nostro lavoro. Il legame tra noi tutti, il nostro impegno politico e culturale erano forti, perché sottinteso, non dichiarato. Gli a monte se si può dir così erano tutti scontati. Quello che non era scontato era il da farsi quotidiano, nelle lezioni, negli affollatissimi seminari, nella produzione scientifica. Eravamo una ipotesi nuova di lavoro universitario; e questo lo avvertivano i nostri studenti e i colleghi delle altre cattedre. Non ha dato vita a una scuola, ma nessuno di noi si è perduto! Ciascuno di noi, per la sua parte, ha continuato a condurre, giorno dopo giorno, anche dopo il trasferimento di Laporta a Chieti, il suo personale discorso, ma sempre segnato dagli stigmi che aveva ricevuti e finalizzati all impegno nella ricerca, al rinnovamento della scuola. Ed oggi, con l innalzamento e l ampliamento dell obbligo, con il riordino dei cicli, con l autonomia, possiamo dire che quella scommessa è stata vinta. Non mancano le difficoltà, e questo è sotto gli occhi di tutti. Ma è l unica strada possibile! Ed è la strada che anche Laporta ha sapientemente e pazientemente tracciata! Maurizio Tiriticco

6 Scuole : idee e progetti Raffaele Laporta durante la festa della donna, l 8 marzo del 97, lavorava alla bozza di una pubblicazione periodica; porta questa data, infatti, la lettera nella quale propone alle Care Amiche di sempre, di collaborare alla redazione di una rivista dal titolo emblematico «Scuole». Le idee e i progetti, inediti di Laporta risultano ancor oggi di grande attualità e per di più le sue riflessioni forniscono la spinta ideale necessaria per proseguire, nella sua linea di ricerca, indagini fondamentali sia per la ricerca storica, sia per la sopravvivenza stessa delle scuole di domani. Le nostre scuole - scriveva Laporta nella lettera - sono realtà da guardare ciascuna per sé. Non tanto per le diverse origini e caratterizzazioni sociali e pedagogiche, né solo per le differenti tradizioni socioculturali del Paese che esse interpretano; ma in quanto entità umane, universi di problemi, di impegni, di capacità che determinano giorno per giorno la vicenda educativa di ciascuna. Parlare delle nostre scuole come di un mondo unitario la scuola- è possibile e giusto tanto quanto lo è coltivare l ideale di una cultura condivisa nei suoi valori morali e civili, affidata all unità della sua lingua, agli elementi unificanti della sua storia. A questo ideale è ordinata l azione generalizzante dello Stato e della sua normativa uniformatrice che fanno parte della storia del Paese. E anche necessario trattare tutte le scuole come un unica scuola quando occorre provvedere a esigenze comuni a tutte, come quella di avere insegnanti competenti, o di poter svolgere il loro lavoro senza inutili interferenze amministrative, al riparo di attestati di sfiducia da parte della pubblica opinione; o quella di disporre dei mezzi per formare le coscienze morali e civili dei loro alunni senza interferenze ideologiche, politiche, religiose. Al di là di queste esigenze comuni ogni scuola è una realtà a sé, sente e interpreta il proprio lavoro così come le riesce di farlo, secondo le capacità dei suoi insegnanti e dirigenti, le circostanze e le condizioni del suo lavoro, i tipi di alunni che la società le manda. Quando si tratta della sostanza di questo lavoro ognuna ha il diritto di essere trattata per quello che è nei suoi pregi e difetti, di affrontare con tutti i propri mezzi il giudizio dell Amministrazione e della comunità civica sulla propria autonoma maturità educativa. Ma ognuna ha il diritto di sottrarsi in materia educativa ad adempimenti amministrativi formali, uniformi, a scadenza fissa, che la distraggano togliendo tempo ed energie al rapporto con gli allievi e con le loro famiglie; così come ognuna- nella misura in cui lavora con successo e ottiene la stima della comunità che la circonda- ha il diritto di rifiutare immagini generalizzate di una scuola allo sfascio, in crisi irreversibile, coniate su episodi isolati, o ricalcate su luoghi comuni tradizionali. Ogni scuola a seconda delle sue capacità di svolgere compiti culturali e sociali per i quali la Società e lo Stato la istituiscono, può incorrere in sanzioni formali, o meritare pubblici riconoscimenti ed encomi; ogni scuola può destare sospetti e diffidenze negli alunni e nelle famiglie oppure può stringere con le une e con gli altri legami morali, culturali, affettivi, diffondere fiducia, meritare consenso. Questa è la filosofia che ispira «Scuole». «Scuole» nel progetto di Laporta avrebbe dovuto nascere dall attenzione alle singole scuole o almeno con l intento di trovare interpreti della loro vita capaci di rappresentare le singole realtà scolastiche e non una loro immagine astratta. «Scuole» non voleva essere una rivista bensì una collana di contributi alla pubblica istruzione del Paese sui temi più importanti della vita scolastica come essi sono visti dalle scuole stesse e da chi ne segue da vicino la vita. «Scuole» avrebbe voluto documentare l esistenza ( ) di scuole per le quali non esistono né crisi né sfasci e che possono spiegare facilmente quanto costi e quanto renda in termini di serenità e gioia essere come esse sono. Questa aspettativa di Laporta, che sembra discendere da una visione eccessivamente ottimistica della scuola, è, invece, alimentata dalla sua consapevolezza costante che le esperienze educative e didattiche non possono non correlarsi all impegno di maestri e docenti di eccezionale valore morale, che hanno qualificato la storia e la ricerca educativa. Marielisa Muzi

7 Sulla libertà Qualche giorno fa mi trovavo con alcuni dei miei ex allievi del Liceo Coreutico Sperimentale dell Accademia Nazionale di Danza, ad assistere ad uno spettacolo al Teatro Olimpico di Roma. Chiasso, confusione iniziale, eccitazione di molti, lo spettacolo inizia quasi puntuale. Sulla scena gli attori-ballerini si cimentano inizialmente con gesti, mimando emozioni e situazioni. A questo punto incomincia un chiacchiericcio alto, spavaldo, irrispettoso di chi vuole ascoltare, capire, apprezzare il lavoro. Non si lesinano battutacce nei confronti degli attori. Non ho tollerato e, pur consapevole di fare la parte del docente che non lascia correre, ho invitato gli studenti a tacere o ad andarsene. In questa circostanza, con amarezza, non ho potuto fare a meno di richiamare alla mente l articolo di Raffaele Laporta, ( Insegnare n. 1, Paravia e B.Mondadori Editori, Milano, 2001 ) nel quale pochi giorni prima delle sua scomparsa, il pedagogista, in una ampia e complessa disamina, affrontava il problema della Libertà. Lo scritto prende spunto dalla domanda solo apparentemente semplice Che cos è la libertà? La risposta più becera, afferma l autore, consiste nel dire che la libertà sta nel fare quello che ci piace. Una risposta colta e condivisibile, invece, è -si prosegue nell articolo - quella del più accreditato tra i filosofi inglesi, J.S. Mill, per il quale la libertà sta nel far tutto ciò che si vuole, purché non arrechi danno ad altri. Anzi dice Mill il solo aspetto della propria condotta di cui ciascuno deve rendere conto alla società è quello riguardante gli altri: per l aspetto che riguarda il soggetto, la sua indipendenza è, di diritto, assoluta. Su se stesso, sulla sua mente, e sul suo corpo l individuo è sovrano.(j.s. Mill, Saggio sulla libertà, trad. it, il Saggiatore, Milano 1984,pag. 33 ). In realtà, continua Laporta, la forma più elementare di libertà deriva dall esperienza quotidiana: si è liberi di andare dove si vuole, a teatro, allo stadio, a ballare, a far l amore. A questo punto l autore introduce efficacemente una metafora tratta dallo scrittore Stanislaw J.Lee: un passero in una gabbia per aquile è libero. La libertà è come l aria - afferma Laporta - che non ti accorgi di respirarla fino a quando non te la levano. Quelli che hanno interessi a impedire la libertà non incominciano certo dall impedirci di andare allo stadio o di fare l amore. Incominciano da quelle libertà che chi non è abbastanza esperto non si accorge di perderle; non fanno parte del suo respiro quotidiano: roba da passeri.quanti si sono accorti di perderla la libertà vera fra il 1922 e il 1925?.E potremmo aggiungere credo senza fraintendere il pensiero del pedagogista: quanti si accorgono che dietro gli slogan populisti di alcuni partiti che inneggiano alla libertà si nascondono solo programmi di totale arbitrio e, a dir poco, di sfrontato libertinaggio? L analisi laportiana si conclude con una definizione delle nozioni di libertà intesa come condizione costitutiva della vita e di educazione interpretata come elemento necessario alla sopravvivenza e come complemento della libertà. Vi è insomma una libertà avvertita come condizione originaria del vivente che apprende e una libertà morale, capace di dare senso alla vita, una libertà di sopravvivere e una di vivere moralmente. In altri termini può essere cercata una libertà del passero che si muove in una gabbia per aquile e una libertà delle aquile che con la loro apertura di ali possono solcare spazi smisurati per lo stesso occhio umano. In merito alla riflessione sul concetto di Libertà, che Laporta ha svolto con tenacia e accuratezza per oltre un quarantennio, mi piace ricordare un affollato seminario organizzato, nel 1996, a Roma dalla cattedra di Didattica Generale della prof. Alba Porcheddu, nel quale il pedagogista prese la parola per affrontare il tema della scuola pubblica e privata. In quella occasione dichiarò che la libertà di scelta della scuola per studenti e famiglie è sacrosanta e quindi ognuno è libero di privilegiare la scuola laica statale o privata confessionale che vuole, ma non può in nome di tale libertà pretendere il finanziamento pubblico se la sua scelta ricade sulla scuola privata, poiché una accezione alta dell Istruzione si basa sui valori della laicità che solo una Istituzione pubblica statale può garantire, sulla base del rispetto della Costituzione. Laporta in quella occasione fece riferimento ad un paradosso, che si sarebbe potuto verificare nel caso che una comunità di cittadini di religione islamica, ispirati a principi fondamentalisti, avesse ottenuto il finanziamento pubblico per una propria scuola e lo avesse utilizzato per educare alla jhad (guerra santa) e perciò in totale antitesi con i principi fondamentali della Costituzione del nostro Paese. Rosa Di Glionda

8 NAVIGARE INFORMATI: Laportalinks I motori di ricerca forniscono numerosi indirizzi di siti riferibili a Raffaele Laporta, tuttavia, nella maggioranza dei casi, la navigazione al loro interno è deludente. In molti dei Laportalinks, il nome del pedagogista si trova inserito, insieme ad altri, in un elenco dei relatori di un convegno o in quello dei partecipanti ad una manifestazione di grande prestigio svolta tempo fa, oppure risulta tra gli autori di alcuni dei volumi conservati in una biblioteca, o ancora tra quelli citati da altri autori. Solo in alcuni casi vengono proposti integralmente gli articoli di Raffaele Laporta e navigando nel sito emerge con chiarezza il pensiero e il ruolo di questo studioso di pedagogia nel panorama contemporaneo. Un sito che, a nostro parere, merita di essere visitato con attenzione è quello dell Università di Chieti dove la ricerca svolta da Raffaele Laporta è delineata con competenza ma anche con una affettuosa nostalgia per il maestro scomparso. La sitografia che si riferisce all Università di Chieti è: 116.htm; ai.htm; htm. Alla pagina si trovano numerosi contributi di R. Laporta pubblicati da un periodico telematico di informazione e proposte politiche e culturali. Cliccando su ro/mce.htm o su pm/grpind/education/histtmce.htm si trovano interessanti notizie storico pedagogiche sul Movimento di Cooperazione Educativa di cui R. Laporta e B. Ciari sono stati esponenti di rilievo. Qualche ulteriore approfondimento del percorso culturale intrapreso nel secondo dopoguerra da R.Laporta si può ricavare anche da: C.DeAngelis IN BIBLIOTECA Nella Biblioteca di Scienze dell Educazione, in via del Castro Pretorio, si trovano la maggioranza delle opere di Raffaele Laporta presenti nel catalogo di Ateneo. Si tratta dei titoli (ben 18 dei 26 disponibili nel catalogo) elencati di seguito. Dei tre volumi di altri autori presenti nell elenco, R. Laporta ha scritto la prefazione. 1957; R. Laporta, Il senso del comico nel fanciullo ed il suo valore nella educazione 1960; R. Laporta, Educazione e libertà in una società in progresso 1964; R. Laporta, Il tempo libero giovanile e la sua organizzazione educativa 1964; R. Laporta ( a cura di) Vincenzo Cuoco; Politica e educazione 1970; R. Laporta, La comunità scolastica 1972; R. Laporta, Educazione e libertà in una società in progresso 1972; R. Laporta, Il tempo libero dai sei agli undici anni 1974; P. Baldelli, Educazione e cinema 1975; R. Laporta, La difficile scommessa 1977; R. Laporta, Raffaele; Educazione e libertà in una società in progresso 1978; R. Laporta, Curricolo e scuola 1979; R. Laporta, Cinema ed età evolutiva 1981;T.Russo-Agrusti, La programmazione educativa nel sistema del decentramento 1983; R. Laporta, Diritto allo studio e politica regionale 1984; R. Laporta, Insegnanti come e perchè 1986; R. Laporta, L'autoeducazione delle comunità 1995; G. Bacceli, Insegnare economia politica 1996; R. Laporta, L'assoluto pedagogico. Nella biblioteca è disponibile anche F. Frabboni ( a cura di ), Frontiere dell educazione: scritti in onore di Raffaele Laporta. B. De Angelis

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

P o r f o. f s. sa Lic i i c a i Za Z zz z a z ri r n i i I se s gnare Re R ligione Catt t o t lica nel Primo Cicl c o

P o r f o. f s. sa Lic i i c a i Za Z zz z a z ri r n i i I se s gnare Re R ligione Catt t o t lica nel Primo Cicl c o UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CORSO BIENNALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE CON INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICODIDATTICO CORSO DIDATTICA DELLA RELIGIONE IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE Prof.ssa

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... Cari genitori, è con piacere che vi diamo il benvenuto alle Scuole Bilingue di Massa, questa breve presentazione vuole essere un assaggio del nostro modo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S.

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014/2015 Finalità e obiettivi generali del dipartimento per classi: L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 43 Roma, 15 aprile 2009. Prot.n. 0002156 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI p.c. Al Capo Giuseppe Cosentino SEDE Al Coordinatore Nazionale Assessori Regionali all

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

A proposito di qualità del software didattico

A proposito di qualità del software didattico A proposito di qualità del software didattico Il software va visto nel contesto d uso e va valutato sulla base dell efficacia didattica e dell integrabilità del diversi percorsi educativi Michela Ott ITD-CNR,

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione/apprendimento

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

Ciro Attaianese. Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino

Ciro Attaianese. Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino INDIRIZZI DI SALUTO Ciro Attaianese Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino Ringrazio la Professoressa Luisa Avitabile per l introduzione. Desidero innanzitutto porgere a tutti i presenti

Dettagli

test di autorientamento

test di autorientamento università degli studî suor orsola benincasa facoltà di scienze della formazione CORSO DI LAUREA IN Scienze dell Educazione test di autorientamento Prova a rispondere alle seguenti domande e confronta

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

E-TUTOR Claudia Dorigoni (a.s. 2010/2011) Cognome e Nome: Ambrosanio Raffaella, Brigatti Erika, D Alessandro Maria Concetta

E-TUTOR Claudia Dorigoni (a.s. 2010/2011) Cognome e Nome: Ambrosanio Raffaella, Brigatti Erika, D Alessandro Maria Concetta E-TUTOR Claudia Dorigoni (a.s. 2010/2011) Cognome e Nome: Ambrosanio Raffaella, Brigatti Erika, D Alessandro Maria Concetta Area di studio: Contesti di vita e relazioni Titolo dell argomento: Stabilire

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1 DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1 Nei giorni nove, dieci e undici settembre 2013 alle ore 9,00, nei locali dell IIS Telesi@ in Viale Minieri, si è riunito il Dipartimento del Liceo Economico

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE

SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE (art. 37 CCNI 31/08/1999) DOCENTE: GAIMARRI Elisabetta Funzione Strumentale AREA 5 Profilo Docente incaricata per la Funzione Strumentale Area Intercultura Coordinamento

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 LEZIONE MEDIAZIONE CULTURALE ED EDUCAZIONE SOCIALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 2 di 8 1 Profilo professionale

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA TELECOM ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA TELECOM ITALIA PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E TELECOM ITALIA per la realizzazione di agevolazioni per gli studenti nell ambito dell iniziativa IoStudio - La Carta

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre Pag. 1 di 5 Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all emergenza educativa, diventa urgente la necessità che tutti gli educatori si confrontino ed elaborino serie proposte educative

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli