CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'ANTIMAFIA. Seduta del 2 ottobre 2013 Processo verbale n. 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'ANTIMAFIA. Seduta del 2 ottobre 2013 Processo verbale n. 8"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'ANTIMAFIA Seduta del 2 ottobre 2013 Processo verbale n. 8 Il giorno 2 ottobre, alle ore 17.30, è convocata, presso la sede del Consiglio regionale, ai sensi dell art. 31 del Regolamento generale del Consiglio regionale, la Commissione Speciale Antimafia per la trattazione degli argomenti di cui all ordine del giorno allegato. Presiede la seduta il Presidente della Commissione Speciale Antimafia Gian Antonio GIRELLI. Assistono alla seduta la dirigente del Servizio Commissioni, Emilia PALTRNIERI ed il funzionario verbalizzante, Antonio MASCHIO. Alle ore il Presidente GIRELLI apre la seduta. 1

2 Argomento n. 1 dell o.d.g: Comunicazioni del Presidente. Il Presidente GIRELLI riferisce che è stato distribuito il programma dei lavori della Commissione e dà lettura della nota contenente gli oggetti della corrispondenza pervenuta. Argomento 3 dell o.d.g: PDL n.58 Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico. Il Presidente cede la parola al relatore per l illustrazione di provvedimenti. PDL n. 45 Disposizioni in materia di contrasto alla ludopatia. PDL n. 46 Norme per la prevenzione e contrasto alla ludopatia. Il Consigliere ROLFI riferisce che è stato distribuita la proposta del Gruppo di lavoro della IV Commissione elaborata nella riunione dell'1 ottobre 2013 sui progetti di legge sulle ludopatie. Illustra le ultime modifiche apportate e relaziona in merito alle competenze della Regione, dei comuni e della ASL. Rammenta che la Regione premia con la concessione di finanziamenti, vantaggi economici e fiscali le imprese che non hanno o disinstallano apparecchi da gioco presso i propri locali. Inoltre la Regione prevede di istituire un contributo etico obbligatorio annuale a carico di ogni esercizio abilitato a commercializzare prodotti di gioco lecito pubblico. Conclude illustrando la riformulazione delle sanzioni amministrative Il Consigliere BORGHETTI rammenta che bisogna integrare il testo con la clausola valutativa. Il Presidente pone in votazione i provvedimenti: la Commissione esprime parere favorevole all unanimità. Argomento n. 2 dell o.d.g.: REL n. 2 Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e sulla sicurezza dei cantieri - Relazione delle attività svolte nei mesi di gennaio-maggio Il Presidente cede la parola alla relatrice per l illustrazione del provvedimento. La Consigliera CARCANO illustra nello specifico la relazione semestrale del Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e sulla sicurezza dei cantieri. Il Piano di attività 2013 ha avuto una proiezione temporale semestrale, in ragione della conclusione anticipata delle IX Legislatura. Il piano 2013 prevedeva le seguenti linee di azione: 1) esame delle procedura di gara gestite da ARCA; 2 ) aggiornamento dei follow up degli audit in materia di acquisizione i lavori, forniture e serviai condotti nel 2012 dallo UO sistemi e controlli. Con riferimento alle procedure di gara gestite dall agenzia, il Comitato ha esaminato la documentazione e ha approfondito alcuni temi con il 2

3 Direttore generale di ARCA, in due specifiche audizioni. Per quanto concerne l aggiornamento dei follow up degli audit trattandosi di attività in corso di svolgimento non sono stati condotti approfondimenti specifici. L agenzia regionale centrale acquisti è stata istituita con LR 12/2012 con funzioni di committenza a favore degli enti di PA aventi sedi nel terriotrio della Regione e di Unioncamere Lombardia. La finalità è quella di individuare un operatore unico avente le funzioni di centrale committenza definita dal codice dei contratti, anche al fine di favorire il contenimento e la razionalizzazione della spesa. Segnala poi che con LR 21/2012 Infrastrutture lombarde Spa viene individuata quale centrale di committenza in materia di appalti di lavori. Riferisce poi in merito alle audizioni con il direttore generale di ARCA ed in merito alle procedure di gare esaminate (il Comitato ha richiesto l elenco delle ultime 10 gare gestite da ARCA e ha individuato quattro procedure di gara per le quali è stata acquistita la relativa documentazione di dettaglio). Conclude rilevando, a nome del Movimento 5 Stelle, che emerge in maniera evidente che il Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e sulla sicurezza dei cantieri non ha poteri per contrastare la lotta alla criminalità organizzata ma fa solo riferimento alla trasparenza degli appalti. Propone di contattare l attuale Comitato e ritiene necessario dare allo stesso maggiori strumenti e poteri per disporre di una maggiore incisività nello svolgimento delle proprie funzioni al fine di un efficace contrasto alla criminalità, anche e soprattutto per evitare infiltrazioni mafiose in Expo Il Presidente rammenta che è prevista una audizione con il Comitato regionale e chiede di far pervenire osservazioni nelle quali si evidenzino le criticità rilevate e le riflessioni sul ruolo del Comitato regionale. La seduta termina alle ore Hanno partecipato ai lavori della seduta i seguenti Consiglieri: Voti rappresentati Presidente Gian Antonio GIRELLI (Partito democratico della Lombardia) (5) Vice Presidente Pietro FORONI (Lega Lombarda Lega Nord Padania) (8) Mario BARBONI (Partito democratico della Lombardia) (4) Carlo BORGHETTI (Partito democratico della Lombardia) (4) Michele BUSI (Con Ambrosoli Presidente - Patto civico (5) Silvana CARCANO (Movimento 5 stelle) (3) Gianmarco CORBETTA (Movimento 5 stelle) (3) Massimo D AVOLIO (Partito democratico della Lombardia) (4) Gianpietro MACCABIANI (Movimento 5 Stelle) (3) Fabio ROLFI (Lega Lombarda Lega Nord Padania) (7) Antonio SAGGESE (Maroni Presidente) (6) Marco TIZZONI (Maroni Presidente) (6) 3

4 Risultano assenti alla seduta i seguenti Consiglieri componenti la Commissione: Anna Lisa BARONI ( Il Popolo delle Libertà) Riccardo DE CORATO (Fratelli d Italia Centrodestra nazionale) IL PRESIDENTE (GIRELLI Gian Antonio) IL CONSIGLIERE SEGRETARIO (Fabio ROLFI) LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO COMMISSIONI (Emilia PALTRINIERI) 4

5 Commissione speciale antimafia Mercoledì 2 ottobre 2013 Ore Audizione con Dott. Piero Magri Direttore esecutivo Terre di Mezzo e Angela Fioroni Segretaria della Lega delle Autonomie locali della Lombardia Ore Seduta di Commissione O.D.G. DELLA SEDUTA DI MERCOLEDÌ 2 OTTOBRE 2013 TRATTAZIONE RELATORE 1 Comunicazioni del Presidente 2 REL N. 2 COMITATO REGIONALE PER LA TRASPARENZA DEGLI APPALTI E SULLA SICUREZZA DEI CANTIERI - RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE NEI MESI DI GENNAIO-MAGGIO 2013'". Atto di iniziativa di giunta Assegnazione: 01/07/ PDL N. 45 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRASTO ALLA LUDOPATIA Atto di iniziativa consiliare Assegnazione: 08/07/2013 PDL N.46 NORME PER PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA LUDOPATIA Atto di iniziativa consiliare Assegnazione: 08/07/2013 PDL N.58 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO Atto di iniziativa presidente giunta Assegnazione: 02/08/2013 CONSULTIVA Silvana CARCANO CONSULTIVA Fabio ROLFI CONSULTIVA Fabio ROLFI CONSULTIVA Fabio ROLFI 5

6 CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA COMMISSIONE SPECIALE ANTIMAFIA Incontro dell 2 ottobre 2013, n. 5 (dalle ore 17,10 alle 18,05) Incontro con il Dott. Piero Magri, Direttore esecutivo Terre di Mezzo, e Angela Fioroni, Vice Segretaria della Lega delle Autonomie locali della Lombardia. Presiede il Presidente Gian Antonio GIRELLI. Partecipano i seguenti Consiglieri componenti della Commissione: BARBONI Mario BUSI Michele BORGHETTI Carlo CARCANO Silvana CORBETTA Gianmarco D AVOLIO Massimo FORONI Pietro GIRELLI Gian Antonio MACCABIANI Gianpietro SAGGESE Antonio ROLFI Fabio TIZZONI Marco Partito Democratico della Lombardia Con Ambrosoli Presidente Patto Civico Partito Democratico della Lombardia Movimento 5 Stelle Movimento 5 Stelle Partito Democratico della Lombardia Lega Lombarda Lega Nord Padania Partito Democratico della Lombardia Movimento 5 Stelle Maroni Presidente Lega Lombarda Lega Nord Padania Maroni Presidente Assistono la dirigente del Servizio Commissioni Emilia PALTRINIERI, ed il funzionario Antonio MASCHIO. Segue trascrizione integrale degli interventi. PRESIDENTE GIRELLI Cominciamo i nostri lavori, anche perché abbiamo un ordine del giorno abbastanza fitto. 6

7 Abbiamo il dottor Piero Magri, Direttore esecutivo di Terre di Mezzo e Angela Fioroni, che è il Vicesegretario della Lega delle autonomie locali. Li abbiamo invitati per presentarci la proposta di legge di iniziativa popolare che riguarda il tema delle ludopatie. Essendo proprio noi, in questo periodo, impegnati come Consiglio ad elaborare una proposta di legge che riguarda questa tematica, avendo anche rilevato, proprio se vogliamo, la poca forza che abbiamo come Regione nell affrontare in maniera sistemica la questione, ho ravvisato la necessità di un iniziativa legislativa nazionale. Essendo la vostra un iniziativa che nasce come proposta di iniziativa popolare ma che trova il confronto ed il confronto con gli Enti locali, con i Comuni, quindi è particolarmente sentita da chi più di altri, oserei dire, vive il dramma della ludopatia, ci è sembrato particolarmente interessante avere questo momento di confronto con voi, proprio per cogliere le indicazioni che sono all interno della vostra proposta di legge. Ben sapendo che come Commissione non possiamo fare molto, perché non possiamo farla nostra, quello che possiamo fare è sposare l iniziativa per quel che conta. E qualcosa conta, magari diventare anche sponsor della raccolta di firme su un tema che ci vede particolarmente sensibili e particolarmente attenti. Anche e soprattutto vi pregherei nella vostra relazione di tenere conto che siamo nella Commissione Antimafia; e, se potete, al di là dell inquadramento generale della legge, che è una cosa interessante, poi non so se anche la Commissione IV riterrà di fare questa audizione, noi lo consegniamo all Ufficio di Presidenza di quella Commissione, diciamo mettere in risalto l aspetto che so che all interno della vostra legge c è, che riguarda appunto il tema del contrasto all infiltrazione mafiosa. Qua siamo abituati ad essere anche molto concreti, per cui darei subito la parola a voi. Vi invito a presentarvi prima di iniziare, per questioni di registrazione, così che rimanga tutto agli atti. Voi fate l esposizione, poi i commissari, se hanno qualche aspetto da chiarire, da approfondire o quant altro, vi porranno delle domande alle quali voi potrete rispondere. Prego. DOTT. PIERO MAGRI Grazie per l invito, io sono Piero Magri, sono il Direttore esecutivo Terre di Mezze. Tra l altro noi siamo una casa editrice nata diciannove anni fa con l intento di andare a narrare, a raccontare le realtà che in situazioni di difficoltà segnano in qualche modo i semi del futuro e dicono già quali possono essere i segni di futuro. In tutta questa cosa organizziamo una fiera che si chiama Fa la cosa giusta, fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili qui a Milano da oltre dieci anni. E con un certo successo, perché comunque coinvolge visitatori. All interno di questa fiera Fa la cosa giusta una cosa che ci ha colpito era anche incontrare una serie di Amministratori, Sindaci e Assessori che realizzano delle pratiche virtuose, e dall altra parte altri che cercano come realizzare queste. E quindi è nata da lì l idea di mettere in piedi quella che abbiamo chiamato una scuola delle buone pratiche. Allora appunto Amministratori, Sindaci od altri funzionari che possano in qualche modo andare ad insegnare ad altri che cosa hanno realizzato e come, appunto nell ambito delle buone pratiche. Se è vero che i primi due anni, tre anni questa scuola delle buone pratiche ha trattato soprattutto l ambito ambientale, quindi rifiuti, la gestione del territorio eccetera, l anno 7

8 scorso abbiamo fatto un percorso su legalità in Pubblica Amministrazione, insieme al Comune di Corsico, perché loro hanno messo in atto tutta una serie di procedure che ci sembravano interessanti andare a valorizzare, a promuovere, far conoscere. In questo percorso di legalità della Pubblica Amministrazione uno dei primi temi è stato lega lità e contrasto al gioco d azzardo. Confesso che fino all anno scorso personalmente conoscevo praticamente niente o molto poco del gioco d azzardo. Anzi, come dico sempre la pubblicità ti piace vincere facile la trovo anche carina, in realtà poi andando a scoprire un po di più quest ambito, questo argomento, ho scoperto che c è davvero tutto un mondo e che non è un mondo così bello, tutto sommato. La cosa che ci ha colpito nella parte sempre vista da parte dei Sindaci era l impossibilità che hanno i Sindaci ad agire in questo ambito, il fatto che si trovano solamente a raccogliere i cocci di un percorso di famiglie rovinate, famiglie che hanno bisogno di continui aiuti perché uno dei membri si gioca tutto quanto lo stipendio a quelle macchinette. E quindi ci siamo detti: che cos è che possiamo fare? Siamo partiti, anche lì sempre concordando questo con i Sindaci che hanno partecipato a quel convegno, che erano più di centoventi. Qualcuno ha osato dire: mettiamoci la faccia, diciamo qualcosa, diciamo che è ora di smetterla in qualche modo, perché non abbiamo i mezzi per farlo però vogliamo dirlo. E da lì è nata l idea di scrivere un manifesto, appunto il Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d azzardo, che abbiamo promosso e reso pubblico il 14 gennaio scorso. Da allora fino ad adesso sono più di trecento i Comuni che hanno aderito a questo Manifesto, molti della Lombardia (Comune di Milano, Lecco, etc.), però anche altri da altre parti d Italia. Il Manifesto, che però sono sostanzialmente degli intenti, essenzialmente appunto il fatto che i Sindaci dicono che vogliono avere più poteri decisionali. Fino a questo momento qua, di fatto, qualsiasi persona può aprire una sala da gioco o può mettere in qualsiasi locale pubblico, in qualsiasi esercizio di commercio una slot-machine, chiedendo solamente l autorizzazione alla Questura. Se la persona richiedente ha la fedina penale pulita, può aprire la sua sala da gioco e lì finisce. Che la sala da gioco sia di fronte ad una scuola, che sia accanto al parco giochi, che sia di fronte all oratorio, alla parrocchia, non importa. E quindi il fatto che i Sindaci debbano avere un potere vincolante anche su dove aprire queste sale, soprattutto come andare a regolamentare la sala da gioco, il gioco d azzardo. Se all inizio, come dicevo, il Manifesto ha essenzialmente degli intenti, quindi dire vogliamo avere più potere, vogliamo poter creare rete sul territorio, rete con tutte quelle realtà che lavorano in quest ambito, quindi la Questura, l A.S.L., assistenti sociali e vari comuni vicini, d altra parte abbiamo detto che bisogna poter far qualcosa. E per poter fare qualcosa, certo una cosa che possiamo fare noi innanzitutto è andare ad informare i Sindaci, ma anche la cittadinanza, su che cos è il gioco d azzar do. Ricordo che il gioco d azzardo è come la terza industria italiana per fatturato. Fino all ottobre 2012 erano 80 i miliardi di fatturato del gioco d azzardo, il 3% del PIL nazionale, il 12% della spesa delle famiglie italiane, eccetera, eccetera. Le slot-machine disseminato sul territorio italiano sono più di , i giocatori abituali 15 milioni di cui quelli a rischio patologico 2 milioni. Il ricavo che ne fa lo Stato, di tutto ciò, sono 8 miliardi, 6 dei quali sono spesi nella cura dei dipendenti del gioco patologico, solo per la cura delle persone che hanno questa malattia. I costi sociali sono ben superiori e si 8

9 possono calcolare perché di fatto i debiti che le famiglie contraggono sono distribuiti tra di noi. Allora forse è importante andare anche a sottolineare questa cosa e soprattutto sottolineare quello che i Sindaci stanno facendo per cercare di andare a recuperare il senso dello stare insieme. Se qualcuno si mette a giocare d azzardo e passa tutto il suo tempo con la macchinetta, di fatto c è qualche problema di relazione, c è forse anche un problema di ritrovare cos è che fonda la nostra socialità, il nostro stare insieme. E allora Angela Fioroni, che è qui presente accanto a me, alla quale adesso do la parola, con molta umiltà si è messa lì, ha studiato tutta una serie di documenti, ha fatto un librettino che si chiama Le regole del gioco, che poi possiamo consegnare, dove ha cercato di mettere in fila dei dati, ha cercato di mettere in fila le buone pratiche che le diverse Amministrazioni stanno facendo, cercando di mettere in fila soprattutto i principi che possono aiutare ad uscire da questo inferno che sono le sale da gioco, il gioco d azzardo. Bene le informazioni, bene la denuncia, probabilmente bisogna fare anche qualcos altro. E lì qualche Sindaco ha detto che dobbiamo fare una legge, una legge che davvero dia potere alle Amministrazioni locali non solamente di raccogliere i cocci, come dicevo prima, ma proprio intervenire prima. È per questo che ad aprile-maggio Angela, alla quale do la parola subito, si è messa con molto animo ad andare a scrivere questa legge di iniziativa popolare della quale adesso ci racconterà, vi spiegherà un po meglio. DOTT.SSA ANGELA FIORONI Grazie per l introduzione. In realtà poi la legge non l ho scritta io, ho fatto un opera di redazione. Noi avevamo una mailing list di cinquecento persone tra Sindaci, Assessori, associazioni eccetera. A queste persone abbiamo chiesto che cosa, secondo loro, era necessario che ci fosse in una legge. E loro ci hanno fatto le loro richieste. Abbiamo accolto le richieste, abbiamo incominciato a vedere come si potevano scrivere gli articoli di legge, abbiamo confrontato altre leggi depositate già in Parlamento, abbiamo individuato alcune assonanze tra le richieste che venivano fatte e le leggi depositate. Nel frattempo noi facciamo parte di una campagna più generale che si chiama Mettiamoci in gioco, campagna fatta da molte associazioni italiane, in genere dalle associazioni che si occupano del recupero dei tossicodipendenti, Cgil Cisl Uil, Arci, Acli, Auser, Anci, Autonomie Terre di Mezzo. E ci siamo trovati in sintonia perché anche questo raggruppamento di tante associazioni chiedeva una legge, una legge nazionale che regolamentasse davvero il gioco d azzardo. E quindi anche con loro ci siamo confrontati sui punti della legge. Li abbiamo presentati ai parlamentari il 9 luglio scorso ed abbiamo visto che molti di questi punti sono ripresi nell articolo 14 della legge delega, che è stata approvata il 25 settembre se sono precisa, quindi una legge delega fiscale dove c è l articolo 14 che si occupa dei giochi pubblici, non si chiama gioco d azzardo, neanche giochi con vincite in denaro ma giochi pubblici. E questo riprende molto dei punti che stanno dentro la nostra legge d iniziativa popolare. Alla fine io ho fatto un opera di scrittura e di redazione, ma in realtà la scrittura è una scrittura corale, alla quale hanno contribuito in tanti. Perché una legge? Perché il gioco d azzardo, che nelle nostre leggi si chiama gioco con vincite di denaro, è di competenza esclusiva dello Stato. Ed essendo di competenza 9

10 esclusiva dello Stato, non c è nessun altro che possa intervenire in merito. Di conseguenza tutti i regolamenti dei Comuni, tutte le ordinanze che hanno fatto i Sindaci per potere intervenire nei loro territori per regolare questa presenza diffusa e per certi versi di degrado anche delle città, una presenza che produce degrado, lo riscontrano i Sindaci ma lo dice anche la relazione della Commissione Nazionale Antimafia che n el 2012 parla, parlando dei giochi, sia dell intervento delle mafie, della presenza delle mafie, parla in modo particolare del degrado che si produce nelle città e nei quartieri dove si insediano le sale gioco o attività di gioco. Dopo un primo momento in cui sembra che ci sia un espansione di occupazione e un espansione di servizi, in realtà poi il gioco mangia, cannibalizza tutte le altre attività. Di conseguenza il territorio si depaupera. E i Sindaci trovano sul loro territorio gli effetti. A dieci anni dalla liberalizzazione sul gioco che è stata prodotta, trovano effetti sulle persone, sui malati di gioco, giocatori problematici e patologici, ma trovano effetti anche sui propri territori. Fanno regolamenti e fanno ordinanze che vengono tutti respinti dai Tar. C è stato un regolamento che il Tar di Brescia, nei confronti di (Bandolomella), non ha respinto del tutto, ma ci sono stati ricorsi e quindi si era in attesa del ricorso. C è un ultima sentenza del Consiglio di Stato molto interessante, del 26 settembre 2013, quindi di pochi giorni fa. Al Consiglio di Stato si è rivolto il Ministro dell Interno contro il Tar di Brescia che aveva deliberato nei confronti di un Comune che aveva deciso gli orari di apertura. E il Consiglio di Stato dice: Spetta unicamente allo Stato intervenire e quindi per mezzo dei Questori. E siccome i Questori devono autorizzare il gioco, quindi le sale, le installazioni, gli apparecchi di gioco, spetta a loro stabilire anche gli orari. E questo perché i Questori sono il presidio in grado di garantire gli stessi interessi su tutto il territorio nazionale. Se ne deduce che invece i Sindaci controllano gli interessi solo delle proprie comunità e quindi non sono in grado di tutelare gli interessi più generali. Quest ultima sentenza dice addirittura che l unico Tar autorizzato ad intervenire per dirimere i contenziosi che si possono aprire è il Tar del Lazio, perché anche qui c è un unico presidio nazionale. Questa è la legislazione attuale. Di conseguenza ci sono anche le leggi regionali. Ad esempio c è la legge regionale della Liguria, che esiste già da qualche tempo, che autorizza, come la legge regionale di questa Regione, legge regionale Lombardia, i Comuni ad autorizzare l apertura di sale gioco ed installazione di videogiochi. Bene, nonostante ci sia questa legge, quando i concessionari del gioco, i gestori del gioco si rivolgono ai Tar, in genere vincono i concessionari e non i Comuni. Allora, l avere una legge nazionale diventa importante per tutti, è importante per i Comuni ma è importante anche per le Regioni, perché le Regioni vengono... anche se non dovrebbe essere così, stanti i poteri attuali tra i diversi organismi dello Stato, se lo Stato fa una legge in cui dice che ad altri spetta, altri sono autorizzati. Finché lo Stat o non autorizza, gli altri non sono autorizzati. Da queste premesse è partita l idea necessaria di una legge ed è l idea che unifica tutte le associazioni che chiedono una legge che regolamenta il gioco d azzardo. Che lo regolamenti davvero, perché dagli anni 90 in avanti il gioco d azzardo viene contemplato in tutte le leggi finanziarie e se ne consente l espansione nell idea che espandendo il gioco si possano anche ricavare incassi. In realtà si evidenzia che questo non accade, tant è che su 80 miliardi circa incassi nel 2012 poi le tasse sono state gli 8 miliardi, quindi è anche un impresa pressoché detassata, 10

11 molto incentivata dallo Stato. In più si verifica che se dovessero essere curate tutte le persone che sono ormai malate, dipendenti dal gioco, si dovrebbero spendere intorno ai 5-6 miliardi l anno. Di conseguenza quasi tutti i soldi delle tasse poi se ne vanno per la cura dei malati. Allora entriamo nel secondo argomento: chi ci guadagna davvero su questa questione qua? Perché i Consigli di Stato si rivolgono con questa tempestività e con questa precisa posizione nei confronti degli Enti territoriali? Ed io mi chiedo anche perché, stante il contenzioso tra le tasse non pagate, la parte delle concessionarie del gioco, poi sapete la polemica che c è stata sui 600 milioni chiesti, la Guardia di Finanza ha individuato in 89 miliardi le tasse evase e tutti i danni correlati; la Corte dei Conti del Lazio ha chiesto il pagamento di 2,5 miliardi; le società si sono rifiutate di pagare i 2,5 miliardi; l attuale Governo ha chiesto 600 milioni. Le società si sono opposte anche al pagamento di questi 600 milioni. Allora, che cosa c è dietro? Se si parla e si entra in ragionamento con le imprese del gioco, le imprese del gioco dichiarano grandi difficoltà, si dichiarano indebitate, si dichiarano che non ci guadagnano più. E allora chi ci guadagna! Non possono neanche chiuderle, perché le realtà che ci stanno dietro sono i fondi di investimento, sono prassi internazionali, sono società note. Questo è il dato vero. Il motivo per cui dal 33 in avanti si decide che il gioco è di competenza esclusiva dello Stato, perché si dice che intorno al gioco arrivano tanti soldi ed i cittadini devono essere tutelati, che non ci devono essere infiltrazioni mafiose, in realtà noi assistiamo, se guardiamo i dati della relazione antimafia, se guardiamo i dati delle Direzioni Distrettuali Antimafia, se guardiamo i dati delle Procure della Repubblica, ci dicono che nel gioco legale esistono le mafie, su due livelli. Sul livello terminale, quello che noi vediamo, le macchinette, le slot, eccetera, perché stanno nella manomissione delle slot, nella imposizione delle slot, nell imposizione dei noleggi, nella manomissione per scollegarle dal Fisco, per non pagare direttamente il Fisco, la presenza di usurai. Perché la macchinetta funziona così: il giocatore sa che prima o poi da quella macchinetta vedrà un po di luce, quindi non si stacca dalla macchinetta. Ci sono testimonianze scritte sui giornali di alcuni operatori di bar di Brescia che hanno detto: basta, noi abbiamo chiuso, non vogliamo più macchinette al nostro interno. E questo perché si erano accorti che i giocatori perdevano euro, rimanevano attaccati lì e gli chiedevano di chiudere la macchinetta per farli tornare per il tempo che loro andavano a farsi prestare i soldi per giocare a quella macchinetta, sapendo che prima o poi vincevano. Litigano tra di loro i giocatori, perché non vogliono che altri si avvicinino alla macchinetta. C è la testimonianza del gestore di un bar che dice: ho chiuso, ho buttato fuori tutte le macchinette, ci perdo intorno agli 800 euro al mese ma almeno sto in pace, non vivo più le tensioni che si vivono all interno. Qui a Milano, vicino ai luoghi del gioco, ci sono gli usurai che prestano i soldi. Allora, abbiamo la criminalità organizzata, le mafie che intervengono. Sul versante fisico, quello che noi vediamo, quello che i Sindaci riscontrano, ma poi intervengono a monte sul versante finanziario, perché dietro le società anonime, dietro le società che hanno sempre dei paradisi fiscali, dietro i trust non sappiamo chi c è e quando non sappiamo chi c è è molto probabile che ci siano situazioni illegali. Nella proposta di legge ho finito la presentazione allora noi chiediamo che vengano curate davvero le persone, non che vengano inserite la ludopatia o il gioco 11

12 d azzardo patologico, poi in realtà lo si dice senza spese per lo Stato. Le Regioni che cosa fanno? Le Regioni hanno il loro budget per la cura delle dipendenze ed inserendo una nuova dipendenza devono riguardare il proprio budget. E così si introduce una nuova dipendenza senza finanziamenti. Noi chiediamo che invece le persone vengano curate davvero. E chiediamo noi, ma come lo chiede la campagna Mettiamoci in gioco, che l 1% dell ammontare dei soldi che vengono versati in parte alle concessionarie, in parte ai giocatori, in parte allo Stato, venga destinato ad un fondo per la cura delle persone malate, per la prevenzione, eccetera. Chiediamo anche che si costituisca un altro fondo, lo 0,50%, per trasferirlo sulle politiche sociali dei Comuni, per consentire attività di prevenzione a livello locale. La attività di prevenzione è tanto più significativa perché se si riesce a fare prevenzione in un settore poi in realtà si fa prevenzione in tanti settori, perché per fortuna i giocatori patologici non sono tutti giocatori. Diventano patologici quei giocatori, quelle persone che hanno già delle problematicità nella loro personalità. E allora se noi riusciamo già con i bambini, già da piccoli, nelle nostre città, a creare un clima, un sistema di relazioni che protegga i bambini e gli adolescenti dal gioco... Perché la ricerca di UISP Telefono Azzurro ci dice che giocano l 8% dei bambini tra i 6 e gli 11 anni. E non giocano solo a casa con i soldi che gli danno i genitori per metterli nel computer, nel pc, giocano anche nei luoghi fisici, nelle sale scommesse, nei bar, nelle tabaccherie. L 8% dei bambini di quelle età lì. L altro dato più grave, riscontrato da più ricerche, è che giocano il 47% dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni. Quindi i minorenni, che non dovrebbero giocare per legge, gioca il 50%. E il 50% dei minorenni, ci dicono i sociologi, gli psicologi che si occupano della crescita dei bambini e dei ragazzi, ci dicono che quando il gioco viene praticato a questa età, diventa un elemento strutturale della personalità. Se poi io gli tolgo il gioco, gli scombino la personalità ed apro la loro personalità ad altre problematiche. Nella legge noi chiediamo che ci sia la possibilità e quindi i finanziame nti anche per l attività di prevenzione, per l attività di ricerca; che ci sia un divieto vero per i minorenni, come si fa in altri paesi, che per giocare devi inserire una tessera di riconoscimento. Se la macchina accetta la tessera di riconoscimento okay, se non la accetta fuori. Si prevedono nella legge sei mesi di tempo per adeguarsi, nel frattempo i gestori dovrebbero controllare, se hanno il sospetto che ci siano dei minorenni. L altra cosa che viene chiesta nella legge sono i poteri per i Comuni. Chiedendo i finanziamenti nazionali si mettono a disposizione delle Regioni e quindi delle A.S.L., dei finanziamenti veri per poter intervenire in questo campo. Coloro che si occupano di tossicodipendenti ci danno questi numeri, ci dicono che tutti i tossicodipendenti, di tutte le dipendenze, ad oggi sono in Italia. I giocatori patologici oggi sono contati in Questi sono i dati, tutti gli altri e solo i giocatori patologici. Il sistema innovativo nella qualità del gioco consente di diventare dipendente in un periodo molto breve e le persone più sono fragili e ovviamente diventano dipendenti. Occuparsi di gioco d azzardo significa occuparsi del benessere delle nostre comunità, significa occuparsi dei soggetti più fragili, a partire dai minorenni, a partire dalle persone con il minor livello di istruzione, a partire dalle persone con il lavoro meno garantito, a partire dalle persone sole, le donne sole di una certa età, gli emigrati soli, uomini e donne, eccetera. Quindi occuparsi di gioco vuol dire occuparsi del benessere delle nostre 12

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI Seduta del 23 marzo 2016 processo verbale n. 6/2016 Il giorno 23 marzo 2016, alle ore 11,00, è convocata

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI Seduta del 6 aprile 2016 processo verbale n. 7/2016 Il giorno 6 aprile 2016, alle ore 15,30, è convocata

Dettagli

Delibera Numero 36 del 31/03/2016

Delibera Numero 36 del 31/03/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 36 del 31/03/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE DI AZIONI PER

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA I COMMISSIONE CONSILIARE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO. Seduta del 20 maggio 2015 Processo verbale n.

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA I COMMISSIONE CONSILIARE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO. Seduta del 20 maggio 2015 Processo verbale n. CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA I COMMISSIONE CONSILIARE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO Seduta del 20 maggio 2015 Processo verbale n. 15 Il giorno 20 maggio 2015, alle ore 10.00 è convocata

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA III COMMISSIONE CONSILIARE SANITA E POLITICHE SOCIALI Seduta del 26 giugno 2013 processo verbale n. 7/2013 Il giorno 26 giugno 2013 alle ore 11,30 è convocata

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso APPUNTI RELAZIONE METTIAMO IN GIOCO LA LEGALITA NEL TERRITORIO Segretario Gervasio Capogrossi Roma 17 febbraio 2015 Ringraziamento agli invitati Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009 PROVINCIA DI PISTOIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Atto N. 28 Seduta del 27 GENNAIO 2009 OGGETTO: INTERROGAZIONE ORALE DEL CONSIGLIERE CARDELLI SU SPAZI PUBBLICITARI SULLE

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO.

ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 18 del 22/01/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI A CONTRASTO DEL GIOCO D AZZARDO. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A FIRENZE 7 FEBBRAIO 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIOVANNI FAVA

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A FIRENZE 7 FEBBRAIO 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIOVANNI FAVA 1/7 MISSIONE A FIRENZE 7 FEBBRAIO 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIOVANNI FAVA La seduta inizia alle 15.50. Audizione della dottoressa Patrizia Rabatti, rappresentante della Camera di commercio di Firenze.

Dettagli

N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014

N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39/2014 Seduta del 08.04.2014 OGGETTO ORDINE DEL GIORNO A SOSTEGNO DELLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N.397 AVENTE IN OGGETTO NORME PER CONTRASTARE E PREVENIRE LA

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06. 1/5 MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA La seduta inizia alle 18.06. PRESIDENTE. Buonasera. Ringrazio il presidente di Confindustria della provincia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA VII COMMISSIONE CONSILIARE CULTURA, ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, SPORT E INFORMAZIONE

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA VII COMMISSIONE CONSILIARE CULTURA, ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, SPORT E INFORMAZIONE CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA IX LEGISLATURA VII COMMISSIONE CONSILIARE CULTURA, ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, SPORT E INFORMAZIONE Seduta del 12 luglio 2012 Processo verbale n. 18 Il giorno

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI Articolo pubblicato su La Voce del Foro. Rivista dell Ordine degli Avvocati di Benevento, numero 3/2006, pagine 184-187 (www.ordineavvocati.bn.it) ed in Spigolature della stampa forense. A cura di Guido

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 Quarto punto all O.d.G. Proposta del Consigliere Cieri di modifiche al Regolamento IUC (regolamento TARI) Illustra il Consigliere Cieri. Grazie

Dettagli

GAMBA: Noi abbiamo ritenuto opportuno e doveroso depositare questa. interrogazione alla luce del fatto che il giorno stesso del

GAMBA: Noi abbiamo ritenuto opportuno e doveroso depositare questa. interrogazione alla luce del fatto che il giorno stesso del GAMBA: Noi abbiamo ritenuto opportuno e doveroso depositare questa interrogazione alla luce del fatto che il giorno stesso del deposito dell interrogazione è apparsa sui giornali locali la notizia che

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME Seduta del 20 febbraio 2014 Processo verbale n. 4

Dettagli

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 di Sabrina Giannini MILENA GABANELLI IN STUDIO Un mese e mezzo fa ci eravamo occupati della concorrenza sleale che sta mettendo in ginocchio molte imprese

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini.

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini. C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 068 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: MOZIONE SU GIOCO D AZZARDO L anno duemilaquindici il giorno ventuno del mese di luglio alle ore

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 13.05.2014 OGGETTO: Mozione del 02/04/2014 ai sensi dell art.58 del vigente Regolamento per il funzionamento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA REGIONALE

RASSEGNA STAMPA REGIONALE Il volto economico delle mafie. Focus sul nord est 15 aprile 2015, ore 9.00-16.00, Vicenza RASSEGNA STAMPA REGIONALE La Prima Pagina 13 aprile 2015 Vicenza, il volto economico delle mafie Focus sul Nord

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 6 DEL 12/03/2015

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 6 DEL 12/03/2015 COPIA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 6 DEL 12/03/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte.

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte. Mino Costabile un semplice appassionato con un ruolo istituzionale di Grandi Responsabilità. Amici del motocross Puglia, doverosamente penso di dover fornire delle spiegazioni in merito alle posizioni

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli