CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'ANTIMAFIA. Seduta del 2 ottobre 2013 Processo verbale n. 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'ANTIMAFIA. Seduta del 2 ottobre 2013 Processo verbale n. 8"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'ANTIMAFIA Seduta del 2 ottobre 2013 Processo verbale n. 8 Il giorno 2 ottobre, alle ore 17.30, è convocata, presso la sede del Consiglio regionale, ai sensi dell art. 31 del Regolamento generale del Consiglio regionale, la Commissione Speciale Antimafia per la trattazione degli argomenti di cui all ordine del giorno allegato. Presiede la seduta il Presidente della Commissione Speciale Antimafia Gian Antonio GIRELLI. Assistono alla seduta la dirigente del Servizio Commissioni, Emilia PALTRNIERI ed il funzionario verbalizzante, Antonio MASCHIO. Alle ore il Presidente GIRELLI apre la seduta. 1

2 Argomento n. 1 dell o.d.g: Comunicazioni del Presidente. Il Presidente GIRELLI riferisce che è stato distribuito il programma dei lavori della Commissione e dà lettura della nota contenente gli oggetti della corrispondenza pervenuta. Argomento 3 dell o.d.g: PDL n.58 Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico. Il Presidente cede la parola al relatore per l illustrazione di provvedimenti. PDL n. 45 Disposizioni in materia di contrasto alla ludopatia. PDL n. 46 Norme per la prevenzione e contrasto alla ludopatia. Il Consigliere ROLFI riferisce che è stato distribuita la proposta del Gruppo di lavoro della IV Commissione elaborata nella riunione dell'1 ottobre 2013 sui progetti di legge sulle ludopatie. Illustra le ultime modifiche apportate e relaziona in merito alle competenze della Regione, dei comuni e della ASL. Rammenta che la Regione premia con la concessione di finanziamenti, vantaggi economici e fiscali le imprese che non hanno o disinstallano apparecchi da gioco presso i propri locali. Inoltre la Regione prevede di istituire un contributo etico obbligatorio annuale a carico di ogni esercizio abilitato a commercializzare prodotti di gioco lecito pubblico. Conclude illustrando la riformulazione delle sanzioni amministrative Il Consigliere BORGHETTI rammenta che bisogna integrare il testo con la clausola valutativa. Il Presidente pone in votazione i provvedimenti: la Commissione esprime parere favorevole all unanimità. Argomento n. 2 dell o.d.g.: REL n. 2 Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e sulla sicurezza dei cantieri - Relazione delle attività svolte nei mesi di gennaio-maggio Il Presidente cede la parola alla relatrice per l illustrazione del provvedimento. La Consigliera CARCANO illustra nello specifico la relazione semestrale del Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e sulla sicurezza dei cantieri. Il Piano di attività 2013 ha avuto una proiezione temporale semestrale, in ragione della conclusione anticipata delle IX Legislatura. Il piano 2013 prevedeva le seguenti linee di azione: 1) esame delle procedura di gara gestite da ARCA; 2 ) aggiornamento dei follow up degli audit in materia di acquisizione i lavori, forniture e serviai condotti nel 2012 dallo UO sistemi e controlli. Con riferimento alle procedure di gara gestite dall agenzia, il Comitato ha esaminato la documentazione e ha approfondito alcuni temi con il 2

3 Direttore generale di ARCA, in due specifiche audizioni. Per quanto concerne l aggiornamento dei follow up degli audit trattandosi di attività in corso di svolgimento non sono stati condotti approfondimenti specifici. L agenzia regionale centrale acquisti è stata istituita con LR 12/2012 con funzioni di committenza a favore degli enti di PA aventi sedi nel terriotrio della Regione e di Unioncamere Lombardia. La finalità è quella di individuare un operatore unico avente le funzioni di centrale committenza definita dal codice dei contratti, anche al fine di favorire il contenimento e la razionalizzazione della spesa. Segnala poi che con LR 21/2012 Infrastrutture lombarde Spa viene individuata quale centrale di committenza in materia di appalti di lavori. Riferisce poi in merito alle audizioni con il direttore generale di ARCA ed in merito alle procedure di gare esaminate (il Comitato ha richiesto l elenco delle ultime 10 gare gestite da ARCA e ha individuato quattro procedure di gara per le quali è stata acquistita la relativa documentazione di dettaglio). Conclude rilevando, a nome del Movimento 5 Stelle, che emerge in maniera evidente che il Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e sulla sicurezza dei cantieri non ha poteri per contrastare la lotta alla criminalità organizzata ma fa solo riferimento alla trasparenza degli appalti. Propone di contattare l attuale Comitato e ritiene necessario dare allo stesso maggiori strumenti e poteri per disporre di una maggiore incisività nello svolgimento delle proprie funzioni al fine di un efficace contrasto alla criminalità, anche e soprattutto per evitare infiltrazioni mafiose in Expo Il Presidente rammenta che è prevista una audizione con il Comitato regionale e chiede di far pervenire osservazioni nelle quali si evidenzino le criticità rilevate e le riflessioni sul ruolo del Comitato regionale. La seduta termina alle ore Hanno partecipato ai lavori della seduta i seguenti Consiglieri: Voti rappresentati Presidente Gian Antonio GIRELLI (Partito democratico della Lombardia) (5) Vice Presidente Pietro FORONI (Lega Lombarda Lega Nord Padania) (8) Mario BARBONI (Partito democratico della Lombardia) (4) Carlo BORGHETTI (Partito democratico della Lombardia) (4) Michele BUSI (Con Ambrosoli Presidente - Patto civico (5) Silvana CARCANO (Movimento 5 stelle) (3) Gianmarco CORBETTA (Movimento 5 stelle) (3) Massimo D AVOLIO (Partito democratico della Lombardia) (4) Gianpietro MACCABIANI (Movimento 5 Stelle) (3) Fabio ROLFI (Lega Lombarda Lega Nord Padania) (7) Antonio SAGGESE (Maroni Presidente) (6) Marco TIZZONI (Maroni Presidente) (6) 3

4 Risultano assenti alla seduta i seguenti Consiglieri componenti la Commissione: Anna Lisa BARONI ( Il Popolo delle Libertà) Riccardo DE CORATO (Fratelli d Italia Centrodestra nazionale) IL PRESIDENTE (GIRELLI Gian Antonio) IL CONSIGLIERE SEGRETARIO (Fabio ROLFI) LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO COMMISSIONI (Emilia PALTRINIERI) 4

5 Commissione speciale antimafia Mercoledì 2 ottobre 2013 Ore Audizione con Dott. Piero Magri Direttore esecutivo Terre di Mezzo e Angela Fioroni Segretaria della Lega delle Autonomie locali della Lombardia Ore Seduta di Commissione O.D.G. DELLA SEDUTA DI MERCOLEDÌ 2 OTTOBRE 2013 TRATTAZIONE RELATORE 1 Comunicazioni del Presidente 2 REL N. 2 COMITATO REGIONALE PER LA TRASPARENZA DEGLI APPALTI E SULLA SICUREZZA DEI CANTIERI - RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE NEI MESI DI GENNAIO-MAGGIO 2013'". Atto di iniziativa di giunta Assegnazione: 01/07/ PDL N. 45 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRASTO ALLA LUDOPATIA Atto di iniziativa consiliare Assegnazione: 08/07/2013 PDL N.46 NORME PER PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA LUDOPATIA Atto di iniziativa consiliare Assegnazione: 08/07/2013 PDL N.58 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO Atto di iniziativa presidente giunta Assegnazione: 02/08/2013 CONSULTIVA Silvana CARCANO CONSULTIVA Fabio ROLFI CONSULTIVA Fabio ROLFI CONSULTIVA Fabio ROLFI 5

6 CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA COMMISSIONE SPECIALE ANTIMAFIA Incontro dell 2 ottobre 2013, n. 5 (dalle ore 17,10 alle 18,05) Incontro con il Dott. Piero Magri, Direttore esecutivo Terre di Mezzo, e Angela Fioroni, Vice Segretaria della Lega delle Autonomie locali della Lombardia. Presiede il Presidente Gian Antonio GIRELLI. Partecipano i seguenti Consiglieri componenti della Commissione: BARBONI Mario BUSI Michele BORGHETTI Carlo CARCANO Silvana CORBETTA Gianmarco D AVOLIO Massimo FORONI Pietro GIRELLI Gian Antonio MACCABIANI Gianpietro SAGGESE Antonio ROLFI Fabio TIZZONI Marco Partito Democratico della Lombardia Con Ambrosoli Presidente Patto Civico Partito Democratico della Lombardia Movimento 5 Stelle Movimento 5 Stelle Partito Democratico della Lombardia Lega Lombarda Lega Nord Padania Partito Democratico della Lombardia Movimento 5 Stelle Maroni Presidente Lega Lombarda Lega Nord Padania Maroni Presidente Assistono la dirigente del Servizio Commissioni Emilia PALTRINIERI, ed il funzionario Antonio MASCHIO. Segue trascrizione integrale degli interventi. PRESIDENTE GIRELLI Cominciamo i nostri lavori, anche perché abbiamo un ordine del giorno abbastanza fitto. 6

7 Abbiamo il dottor Piero Magri, Direttore esecutivo di Terre di Mezzo e Angela Fioroni, che è il Vicesegretario della Lega delle autonomie locali. Li abbiamo invitati per presentarci la proposta di legge di iniziativa popolare che riguarda il tema delle ludopatie. Essendo proprio noi, in questo periodo, impegnati come Consiglio ad elaborare una proposta di legge che riguarda questa tematica, avendo anche rilevato, proprio se vogliamo, la poca forza che abbiamo come Regione nell affrontare in maniera sistemica la questione, ho ravvisato la necessità di un iniziativa legislativa nazionale. Essendo la vostra un iniziativa che nasce come proposta di iniziativa popolare ma che trova il confronto ed il confronto con gli Enti locali, con i Comuni, quindi è particolarmente sentita da chi più di altri, oserei dire, vive il dramma della ludopatia, ci è sembrato particolarmente interessante avere questo momento di confronto con voi, proprio per cogliere le indicazioni che sono all interno della vostra proposta di legge. Ben sapendo che come Commissione non possiamo fare molto, perché non possiamo farla nostra, quello che possiamo fare è sposare l iniziativa per quel che conta. E qualcosa conta, magari diventare anche sponsor della raccolta di firme su un tema che ci vede particolarmente sensibili e particolarmente attenti. Anche e soprattutto vi pregherei nella vostra relazione di tenere conto che siamo nella Commissione Antimafia; e, se potete, al di là dell inquadramento generale della legge, che è una cosa interessante, poi non so se anche la Commissione IV riterrà di fare questa audizione, noi lo consegniamo all Ufficio di Presidenza di quella Commissione, diciamo mettere in risalto l aspetto che so che all interno della vostra legge c è, che riguarda appunto il tema del contrasto all infiltrazione mafiosa. Qua siamo abituati ad essere anche molto concreti, per cui darei subito la parola a voi. Vi invito a presentarvi prima di iniziare, per questioni di registrazione, così che rimanga tutto agli atti. Voi fate l esposizione, poi i commissari, se hanno qualche aspetto da chiarire, da approfondire o quant altro, vi porranno delle domande alle quali voi potrete rispondere. Prego. DOTT. PIERO MAGRI Grazie per l invito, io sono Piero Magri, sono il Direttore esecutivo Terre di Mezze. Tra l altro noi siamo una casa editrice nata diciannove anni fa con l intento di andare a narrare, a raccontare le realtà che in situazioni di difficoltà segnano in qualche modo i semi del futuro e dicono già quali possono essere i segni di futuro. In tutta questa cosa organizziamo una fiera che si chiama Fa la cosa giusta, fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili qui a Milano da oltre dieci anni. E con un certo successo, perché comunque coinvolge visitatori. All interno di questa fiera Fa la cosa giusta una cosa che ci ha colpito era anche incontrare una serie di Amministratori, Sindaci e Assessori che realizzano delle pratiche virtuose, e dall altra parte altri che cercano come realizzare queste. E quindi è nata da lì l idea di mettere in piedi quella che abbiamo chiamato una scuola delle buone pratiche. Allora appunto Amministratori, Sindaci od altri funzionari che possano in qualche modo andare ad insegnare ad altri che cosa hanno realizzato e come, appunto nell ambito delle buone pratiche. Se è vero che i primi due anni, tre anni questa scuola delle buone pratiche ha trattato soprattutto l ambito ambientale, quindi rifiuti, la gestione del territorio eccetera, l anno 7

8 scorso abbiamo fatto un percorso su legalità in Pubblica Amministrazione, insieme al Comune di Corsico, perché loro hanno messo in atto tutta una serie di procedure che ci sembravano interessanti andare a valorizzare, a promuovere, far conoscere. In questo percorso di legalità della Pubblica Amministrazione uno dei primi temi è stato lega lità e contrasto al gioco d azzardo. Confesso che fino all anno scorso personalmente conoscevo praticamente niente o molto poco del gioco d azzardo. Anzi, come dico sempre la pubblicità ti piace vincere facile la trovo anche carina, in realtà poi andando a scoprire un po di più quest ambito, questo argomento, ho scoperto che c è davvero tutto un mondo e che non è un mondo così bello, tutto sommato. La cosa che ci ha colpito nella parte sempre vista da parte dei Sindaci era l impossibilità che hanno i Sindaci ad agire in questo ambito, il fatto che si trovano solamente a raccogliere i cocci di un percorso di famiglie rovinate, famiglie che hanno bisogno di continui aiuti perché uno dei membri si gioca tutto quanto lo stipendio a quelle macchinette. E quindi ci siamo detti: che cos è che possiamo fare? Siamo partiti, anche lì sempre concordando questo con i Sindaci che hanno partecipato a quel convegno, che erano più di centoventi. Qualcuno ha osato dire: mettiamoci la faccia, diciamo qualcosa, diciamo che è ora di smetterla in qualche modo, perché non abbiamo i mezzi per farlo però vogliamo dirlo. E da lì è nata l idea di scrivere un manifesto, appunto il Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d azzardo, che abbiamo promosso e reso pubblico il 14 gennaio scorso. Da allora fino ad adesso sono più di trecento i Comuni che hanno aderito a questo Manifesto, molti della Lombardia (Comune di Milano, Lecco, etc.), però anche altri da altre parti d Italia. Il Manifesto, che però sono sostanzialmente degli intenti, essenzialmente appunto il fatto che i Sindaci dicono che vogliono avere più poteri decisionali. Fino a questo momento qua, di fatto, qualsiasi persona può aprire una sala da gioco o può mettere in qualsiasi locale pubblico, in qualsiasi esercizio di commercio una slot-machine, chiedendo solamente l autorizzazione alla Questura. Se la persona richiedente ha la fedina penale pulita, può aprire la sua sala da gioco e lì finisce. Che la sala da gioco sia di fronte ad una scuola, che sia accanto al parco giochi, che sia di fronte all oratorio, alla parrocchia, non importa. E quindi il fatto che i Sindaci debbano avere un potere vincolante anche su dove aprire queste sale, soprattutto come andare a regolamentare la sala da gioco, il gioco d azzardo. Se all inizio, come dicevo, il Manifesto ha essenzialmente degli intenti, quindi dire vogliamo avere più potere, vogliamo poter creare rete sul territorio, rete con tutte quelle realtà che lavorano in quest ambito, quindi la Questura, l A.S.L., assistenti sociali e vari comuni vicini, d altra parte abbiamo detto che bisogna poter far qualcosa. E per poter fare qualcosa, certo una cosa che possiamo fare noi innanzitutto è andare ad informare i Sindaci, ma anche la cittadinanza, su che cos è il gioco d azzar do. Ricordo che il gioco d azzardo è come la terza industria italiana per fatturato. Fino all ottobre 2012 erano 80 i miliardi di fatturato del gioco d azzardo, il 3% del PIL nazionale, il 12% della spesa delle famiglie italiane, eccetera, eccetera. Le slot-machine disseminato sul territorio italiano sono più di , i giocatori abituali 15 milioni di cui quelli a rischio patologico 2 milioni. Il ricavo che ne fa lo Stato, di tutto ciò, sono 8 miliardi, 6 dei quali sono spesi nella cura dei dipendenti del gioco patologico, solo per la cura delle persone che hanno questa malattia. I costi sociali sono ben superiori e si 8

9 possono calcolare perché di fatto i debiti che le famiglie contraggono sono distribuiti tra di noi. Allora forse è importante andare anche a sottolineare questa cosa e soprattutto sottolineare quello che i Sindaci stanno facendo per cercare di andare a recuperare il senso dello stare insieme. Se qualcuno si mette a giocare d azzardo e passa tutto il suo tempo con la macchinetta, di fatto c è qualche problema di relazione, c è forse anche un problema di ritrovare cos è che fonda la nostra socialità, il nostro stare insieme. E allora Angela Fioroni, che è qui presente accanto a me, alla quale adesso do la parola, con molta umiltà si è messa lì, ha studiato tutta una serie di documenti, ha fatto un librettino che si chiama Le regole del gioco, che poi possiamo consegnare, dove ha cercato di mettere in fila dei dati, ha cercato di mettere in fila le buone pratiche che le diverse Amministrazioni stanno facendo, cercando di mettere in fila soprattutto i principi che possono aiutare ad uscire da questo inferno che sono le sale da gioco, il gioco d azzardo. Bene le informazioni, bene la denuncia, probabilmente bisogna fare anche qualcos altro. E lì qualche Sindaco ha detto che dobbiamo fare una legge, una legge che davvero dia potere alle Amministrazioni locali non solamente di raccogliere i cocci, come dicevo prima, ma proprio intervenire prima. È per questo che ad aprile-maggio Angela, alla quale do la parola subito, si è messa con molto animo ad andare a scrivere questa legge di iniziativa popolare della quale adesso ci racconterà, vi spiegherà un po meglio. DOTT.SSA ANGELA FIORONI Grazie per l introduzione. In realtà poi la legge non l ho scritta io, ho fatto un opera di redazione. Noi avevamo una mailing list di cinquecento persone tra Sindaci, Assessori, associazioni eccetera. A queste persone abbiamo chiesto che cosa, secondo loro, era necessario che ci fosse in una legge. E loro ci hanno fatto le loro richieste. Abbiamo accolto le richieste, abbiamo incominciato a vedere come si potevano scrivere gli articoli di legge, abbiamo confrontato altre leggi depositate già in Parlamento, abbiamo individuato alcune assonanze tra le richieste che venivano fatte e le leggi depositate. Nel frattempo noi facciamo parte di una campagna più generale che si chiama Mettiamoci in gioco, campagna fatta da molte associazioni italiane, in genere dalle associazioni che si occupano del recupero dei tossicodipendenti, Cgil Cisl Uil, Arci, Acli, Auser, Anci, Autonomie Terre di Mezzo. E ci siamo trovati in sintonia perché anche questo raggruppamento di tante associazioni chiedeva una legge, una legge nazionale che regolamentasse davvero il gioco d azzardo. E quindi anche con loro ci siamo confrontati sui punti della legge. Li abbiamo presentati ai parlamentari il 9 luglio scorso ed abbiamo visto che molti di questi punti sono ripresi nell articolo 14 della legge delega, che è stata approvata il 25 settembre se sono precisa, quindi una legge delega fiscale dove c è l articolo 14 che si occupa dei giochi pubblici, non si chiama gioco d azzardo, neanche giochi con vincite in denaro ma giochi pubblici. E questo riprende molto dei punti che stanno dentro la nostra legge d iniziativa popolare. Alla fine io ho fatto un opera di scrittura e di redazione, ma in realtà la scrittura è una scrittura corale, alla quale hanno contribuito in tanti. Perché una legge? Perché il gioco d azzardo, che nelle nostre leggi si chiama gioco con vincite di denaro, è di competenza esclusiva dello Stato. Ed essendo di competenza 9

10 esclusiva dello Stato, non c è nessun altro che possa intervenire in merito. Di conseguenza tutti i regolamenti dei Comuni, tutte le ordinanze che hanno fatto i Sindaci per potere intervenire nei loro territori per regolare questa presenza diffusa e per certi versi di degrado anche delle città, una presenza che produce degrado, lo riscontrano i Sindaci ma lo dice anche la relazione della Commissione Nazionale Antimafia che n el 2012 parla, parlando dei giochi, sia dell intervento delle mafie, della presenza delle mafie, parla in modo particolare del degrado che si produce nelle città e nei quartieri dove si insediano le sale gioco o attività di gioco. Dopo un primo momento in cui sembra che ci sia un espansione di occupazione e un espansione di servizi, in realtà poi il gioco mangia, cannibalizza tutte le altre attività. Di conseguenza il territorio si depaupera. E i Sindaci trovano sul loro territorio gli effetti. A dieci anni dalla liberalizzazione sul gioco che è stata prodotta, trovano effetti sulle persone, sui malati di gioco, giocatori problematici e patologici, ma trovano effetti anche sui propri territori. Fanno regolamenti e fanno ordinanze che vengono tutti respinti dai Tar. C è stato un regolamento che il Tar di Brescia, nei confronti di (Bandolomella), non ha respinto del tutto, ma ci sono stati ricorsi e quindi si era in attesa del ricorso. C è un ultima sentenza del Consiglio di Stato molto interessante, del 26 settembre 2013, quindi di pochi giorni fa. Al Consiglio di Stato si è rivolto il Ministro dell Interno contro il Tar di Brescia che aveva deliberato nei confronti di un Comune che aveva deciso gli orari di apertura. E il Consiglio di Stato dice: Spetta unicamente allo Stato intervenire e quindi per mezzo dei Questori. E siccome i Questori devono autorizzare il gioco, quindi le sale, le installazioni, gli apparecchi di gioco, spetta a loro stabilire anche gli orari. E questo perché i Questori sono il presidio in grado di garantire gli stessi interessi su tutto il territorio nazionale. Se ne deduce che invece i Sindaci controllano gli interessi solo delle proprie comunità e quindi non sono in grado di tutelare gli interessi più generali. Quest ultima sentenza dice addirittura che l unico Tar autorizzato ad intervenire per dirimere i contenziosi che si possono aprire è il Tar del Lazio, perché anche qui c è un unico presidio nazionale. Questa è la legislazione attuale. Di conseguenza ci sono anche le leggi regionali. Ad esempio c è la legge regionale della Liguria, che esiste già da qualche tempo, che autorizza, come la legge regionale di questa Regione, legge regionale Lombardia, i Comuni ad autorizzare l apertura di sale gioco ed installazione di videogiochi. Bene, nonostante ci sia questa legge, quando i concessionari del gioco, i gestori del gioco si rivolgono ai Tar, in genere vincono i concessionari e non i Comuni. Allora, l avere una legge nazionale diventa importante per tutti, è importante per i Comuni ma è importante anche per le Regioni, perché le Regioni vengono... anche se non dovrebbe essere così, stanti i poteri attuali tra i diversi organismi dello Stato, se lo Stato fa una legge in cui dice che ad altri spetta, altri sono autorizzati. Finché lo Stat o non autorizza, gli altri non sono autorizzati. Da queste premesse è partita l idea necessaria di una legge ed è l idea che unifica tutte le associazioni che chiedono una legge che regolamenta il gioco d azzardo. Che lo regolamenti davvero, perché dagli anni 90 in avanti il gioco d azzardo viene contemplato in tutte le leggi finanziarie e se ne consente l espansione nell idea che espandendo il gioco si possano anche ricavare incassi. In realtà si evidenzia che questo non accade, tant è che su 80 miliardi circa incassi nel 2012 poi le tasse sono state gli 8 miliardi, quindi è anche un impresa pressoché detassata, 10

11 molto incentivata dallo Stato. In più si verifica che se dovessero essere curate tutte le persone che sono ormai malate, dipendenti dal gioco, si dovrebbero spendere intorno ai 5-6 miliardi l anno. Di conseguenza quasi tutti i soldi delle tasse poi se ne vanno per la cura dei malati. Allora entriamo nel secondo argomento: chi ci guadagna davvero su questa questione qua? Perché i Consigli di Stato si rivolgono con questa tempestività e con questa precisa posizione nei confronti degli Enti territoriali? Ed io mi chiedo anche perché, stante il contenzioso tra le tasse non pagate, la parte delle concessionarie del gioco, poi sapete la polemica che c è stata sui 600 milioni chiesti, la Guardia di Finanza ha individuato in 89 miliardi le tasse evase e tutti i danni correlati; la Corte dei Conti del Lazio ha chiesto il pagamento di 2,5 miliardi; le società si sono rifiutate di pagare i 2,5 miliardi; l attuale Governo ha chiesto 600 milioni. Le società si sono opposte anche al pagamento di questi 600 milioni. Allora, che cosa c è dietro? Se si parla e si entra in ragionamento con le imprese del gioco, le imprese del gioco dichiarano grandi difficoltà, si dichiarano indebitate, si dichiarano che non ci guadagnano più. E allora chi ci guadagna! Non possono neanche chiuderle, perché le realtà che ci stanno dietro sono i fondi di investimento, sono prassi internazionali, sono società note. Questo è il dato vero. Il motivo per cui dal 33 in avanti si decide che il gioco è di competenza esclusiva dello Stato, perché si dice che intorno al gioco arrivano tanti soldi ed i cittadini devono essere tutelati, che non ci devono essere infiltrazioni mafiose, in realtà noi assistiamo, se guardiamo i dati della relazione antimafia, se guardiamo i dati delle Direzioni Distrettuali Antimafia, se guardiamo i dati delle Procure della Repubblica, ci dicono che nel gioco legale esistono le mafie, su due livelli. Sul livello terminale, quello che noi vediamo, le macchinette, le slot, eccetera, perché stanno nella manomissione delle slot, nella imposizione delle slot, nell imposizione dei noleggi, nella manomissione per scollegarle dal Fisco, per non pagare direttamente il Fisco, la presenza di usurai. Perché la macchinetta funziona così: il giocatore sa che prima o poi da quella macchinetta vedrà un po di luce, quindi non si stacca dalla macchinetta. Ci sono testimonianze scritte sui giornali di alcuni operatori di bar di Brescia che hanno detto: basta, noi abbiamo chiuso, non vogliamo più macchinette al nostro interno. E questo perché si erano accorti che i giocatori perdevano euro, rimanevano attaccati lì e gli chiedevano di chiudere la macchinetta per farli tornare per il tempo che loro andavano a farsi prestare i soldi per giocare a quella macchinetta, sapendo che prima o poi vincevano. Litigano tra di loro i giocatori, perché non vogliono che altri si avvicinino alla macchinetta. C è la testimonianza del gestore di un bar che dice: ho chiuso, ho buttato fuori tutte le macchinette, ci perdo intorno agli 800 euro al mese ma almeno sto in pace, non vivo più le tensioni che si vivono all interno. Qui a Milano, vicino ai luoghi del gioco, ci sono gli usurai che prestano i soldi. Allora, abbiamo la criminalità organizzata, le mafie che intervengono. Sul versante fisico, quello che noi vediamo, quello che i Sindaci riscontrano, ma poi intervengono a monte sul versante finanziario, perché dietro le società anonime, dietro le società che hanno sempre dei paradisi fiscali, dietro i trust non sappiamo chi c è e quando non sappiamo chi c è è molto probabile che ci siano situazioni illegali. Nella proposta di legge ho finito la presentazione allora noi chiediamo che vengano curate davvero le persone, non che vengano inserite la ludopatia o il gioco 11

12 d azzardo patologico, poi in realtà lo si dice senza spese per lo Stato. Le Regioni che cosa fanno? Le Regioni hanno il loro budget per la cura delle dipendenze ed inserendo una nuova dipendenza devono riguardare il proprio budget. E così si introduce una nuova dipendenza senza finanziamenti. Noi chiediamo che invece le persone vengano curate davvero. E chiediamo noi, ma come lo chiede la campagna Mettiamoci in gioco, che l 1% dell ammontare dei soldi che vengono versati in parte alle concessionarie, in parte ai giocatori, in parte allo Stato, venga destinato ad un fondo per la cura delle persone malate, per la prevenzione, eccetera. Chiediamo anche che si costituisca un altro fondo, lo 0,50%, per trasferirlo sulle politiche sociali dei Comuni, per consentire attività di prevenzione a livello locale. La attività di prevenzione è tanto più significativa perché se si riesce a fare prevenzione in un settore poi in realtà si fa prevenzione in tanti settori, perché per fortuna i giocatori patologici non sono tutti giocatori. Diventano patologici quei giocatori, quelle persone che hanno già delle problematicità nella loro personalità. E allora se noi riusciamo già con i bambini, già da piccoli, nelle nostre città, a creare un clima, un sistema di relazioni che protegga i bambini e gli adolescenti dal gioco... Perché la ricerca di UISP Telefono Azzurro ci dice che giocano l 8% dei bambini tra i 6 e gli 11 anni. E non giocano solo a casa con i soldi che gli danno i genitori per metterli nel computer, nel pc, giocano anche nei luoghi fisici, nelle sale scommesse, nei bar, nelle tabaccherie. L 8% dei bambini di quelle età lì. L altro dato più grave, riscontrato da più ricerche, è che giocano il 47% dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni. Quindi i minorenni, che non dovrebbero giocare per legge, gioca il 50%. E il 50% dei minorenni, ci dicono i sociologi, gli psicologi che si occupano della crescita dei bambini e dei ragazzi, ci dicono che quando il gioco viene praticato a questa età, diventa un elemento strutturale della personalità. Se poi io gli tolgo il gioco, gli scombino la personalità ed apro la loro personalità ad altre problematiche. Nella legge noi chiediamo che ci sia la possibilità e quindi i finanziame nti anche per l attività di prevenzione, per l attività di ricerca; che ci sia un divieto vero per i minorenni, come si fa in altri paesi, che per giocare devi inserire una tessera di riconoscimento. Se la macchina accetta la tessera di riconoscimento okay, se non la accetta fuori. Si prevedono nella legge sei mesi di tempo per adeguarsi, nel frattempo i gestori dovrebbero controllare, se hanno il sospetto che ci siano dei minorenni. L altra cosa che viene chiesta nella legge sono i poteri per i Comuni. Chiedendo i finanziamenti nazionali si mettono a disposizione delle Regioni e quindi delle A.S.L., dei finanziamenti veri per poter intervenire in questo campo. Coloro che si occupano di tossicodipendenti ci danno questi numeri, ci dicono che tutti i tossicodipendenti, di tutte le dipendenze, ad oggi sono in Italia. I giocatori patologici oggi sono contati in Questi sono i dati, tutti gli altri e solo i giocatori patologici. Il sistema innovativo nella qualità del gioco consente di diventare dipendente in un periodo molto breve e le persone più sono fragili e ovviamente diventano dipendenti. Occuparsi di gioco d azzardo significa occuparsi del benessere delle nostre comunità, significa occuparsi dei soggetti più fragili, a partire dai minorenni, a partire dalle persone con il minor livello di istruzione, a partire dalle persone con il lavoro meno garantito, a partire dalle persone sole, le donne sole di una certa età, gli emigrati soli, uomini e donne, eccetera. Quindi occuparsi di gioco vuol dire occuparsi del benessere delle nostre 12

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli