INDICE SOMMARIO. Parte prima TEORIE, METODI E STATISTICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. Parte prima TEORIE, METODI E STATISTICHE"

Transcript

1 Prefazione di LUISELLA DE CATALDO NEUBURGER.... Introduzione... V XI Parte prima TEORIE, METODI E STATISTICHE CAPITOLO 1 BREVE STORIA DELLA CRIMINOLOGIA: TEORIE CLASSICHE E SVILUPPI MODERNI di CONCETTA MACRÌ e BARBARA ZOLI 1.1. Nascita della criminologia: strumenti e oggetti di studio Scuola Classica Positivismo, predisposizione biologica e comportamento criminale Studi sulla psicologia e la personalità criminale Il contributo della psicoanalisi Il contributo della psicologia Il contributo della psichiatria e della medicina legale Il contributo della psicometria Il contributo della sociologia «Interazionismo simbolico» e «costruzionismo» nella lettura del crimine Dall azione deviante alle proposte della criminologia contemporanea Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 2 LA CRIMINOLOGIA CLINICA E I SUOI AMBITI DI APPLICAZIONE di CONCETTA MACRÌ 2.1. La criminologia clinica Il metodo clinico Il criminologo clinico e i suoi contesti Il ruolo del criminologo Esperto ex art Esperto Tribunale di Sorveglianza Perito e Consulente Tecnico Psicologia investigativa

2 XVI INDICE SOMMARIO 2.3. Quale posto al criminologo nelle stanze di giustizia? Il criminologo all estero La perizia Perizia e processo penale Elaborato peritale e ricostruzione criminodinamica Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 3 STRUMENTI DI VALUTAZIONE IN CRIMINOLOGIA di BARBARA ZOLI, CONCETTA MACRÌ e ALESSANDRO MIRABILIO 3.1. Premessa: una metodologia professionale Criteri di valutazione criminologica e psichiatrico forense Il colloquio clinico L Osservazione Uso dei test psicometrici. Vantaggi nella loro corretta utilizzazione La psicometria per la criminologia Tipologie di test Test cognitivi e neuropsicologici Test proiettivi (test dell area emotivo-relazionale) Test oggettivi Come si scelgono gli strumenti e perché tanto scrupolo Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 4 SETTORI DI APPLICAZIONE DELLA CRIMINOLOGIA di BARBARA ZOLI, CONCETTA MACRÌ e ALESSANDRO MIRABILIO 4.1. Imputabilità e capacità di intendere e di volere Oggetto della perizia Imputabilità e maturità psicosociale La pericolosità sociale Valutazione della recidiva in reati a sfondo sessuale contro minori Valutazione del detenuto Compatibilità con lo stato di detenzione Somministrazione dei test in caso di abuso La valutazione della testimonianza nei casi di abuso sui minori Analisi del processo testimoniale Rapporti di reciprocità Variabili implicate nella determinazione della replicabilità del narrato Statement Validity Assessment (SVA) L audizione protetta Conclusioni Riferimenti bibliografici

3 XVII CAPITOLO 5 CRIMINE E INVESTIGAZIONE SCIENTIFICA 5.1. Che cos è la psicopatia Definizioni e cenni storici Lo psicopatico come persona senza coscienza : l approccio di Robert D. Hare La «Psychopathy Check List» (PCL), lo strumento di valutazione della psicopatia Gli studi di un criminologo indipendente: Lonnie Athens e il processo di «violentizzazione» Prima fase: la «brutalizzazione» Seconda fase: la «belligeranza» Terza fase: le «prestazioni violente» Quarta fase: la «virulenza» Il «criminal profiling»: profilo psicologico e profilo geografico I precursori del profilo psicologico: Lombroso, Kretschmer e Langer Il primo esempio di profiler moderno: James Brussel Caratteristiche principali del profiler contemporaneo Elementi caratterizzanti il profilo criminale: il modello classico dell FBI Altri modelli di profilo psicologico Il modello della psicologia investigativa di David Canter Applicazione operativa del modello della «psicologia investigativa» La tecnica del «profilo geografico» Percezione della distanza Mappe mentali Modello di Brantingham e Brantingham Limiti del criminal profiling tradizionale e prospettive future Applicazione delle ricerche sull Intelligenza Artificiale (IA) e sulle reti neurali al settore del profiling nell omicidio seriale Il profilo criminale in Italia Il lavoro dell Unità Analisi Crimini Violenti (UACV) Parlare con un criminale: tecniche avanzate di intervista e interrogatorio Come condurre efficacemente un interrogatorio La «tecnica dei nove passi» di Reid Cosa succede durante l applicazione della tecnica di Reid: come cambia la psiche del sospettato Criminalistica e sopralluogo giudiziario Il sopralluogo giudiziario L importanza dell analisi del DNA nell investigazione criminale Applicazione pratica dell analisi del DNA per identificare un assassino Eurogendfor: la polizia europea per le crisi extra-ue Le neuroscienze nell investigazione criminale: tre studi scientifici del Conclusioni Riferimenti bibliografici

4 XVIII INDICE SOMMARIO CAPITOLO 6 NEUROIMAGING E CRIMINOLOGIA di MARCO CANNAVICCI 6.1. Neurobiologia e crimine Neuroscienze e libero arbitrio Il cervello colpevole e le neuroscienze Il caso e la sentenza di Trieste Gli accertamenti peritali alla base della sentenza di Trieste Il diritto e la neuroetica Neuroscienze e memoria: gli studi sulla lie detection Determinismo comportamentale e genetica Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 7 INFORMATICA FORENSE e FABRIZIO CAPONERA 7.1. La nostra idendità digitale è al sicuro su Internet? Il phishing: dinamiche di uno dei crimini informatici più diffusi I cyber-crimini di nuova generazione: la situazione in Italia Il «malware» legale utilizzato dai Governi per spiare i dissidenti Dalla prateria elettronica allo stato di diritto Il mito di Internet e la globalizzazione Stalking e Facebook La «Computer Forensics» Le cyber-estorsioni tramite Facebook Il nuovo «113 virtuale» in Italia: prevenzione e contrasto dei cyber-crimini I dati del primo semestre 2013 sulla sicurezza informatica aziendale. 363 Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 8 GRAFOLOGIA FORENSE di ELENA MANETTI 8.1. Nascita della grafologia moderna La grafologia italiana Il contributo della grafologia nella perizia giudiziaria Fondamenti psicologici della perizia grafologica Grafologia e devianza: la relazione fra scrittura e personalità criminale La scuola morettiana e l analisi della devianza Gli studi di Roda Wieser Casi clinici: le scritture di tre serial killer italiani Donato Bilancia Michele Profeta Luigi Chiatti

5 XIX 8.8. Altri casi clinici: la scrittura di alcuni criminali italiani Pietro De Negri, il Canaro della Magliana Gianfranco Stevanin, il serial killer delle prostitute Maria Luigia Redoli, la Circe della Versilia Olindo e Rosa: la strage di Erba Angelo Izzo, il «mostro del Circeo» Riferimenti bibliografici CAPITOLO 9 STATISTICHE DEI REATI IN ITALIA 9.1. I dati sulla criminalità in Italia Il Rapporto EUROSTAT : la criminalità in Italia rispetto al resto d Europa I dati sull infanticidio La percezione della sicurezza e della criminalità nei cittadini italiani I dati sulla criminalità minorile I dati ISTAT sui minori a rischio criminalità I dati sul numero dei detenuti Il nuovo decreto legge per limitare il sovraffollamento delle carceri in Italia Gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG) L omicidio stradale: un nuovo reato nel codice penale italiano? Riferimenti bibliografici CAPITOLO 10 PUBBLICO, MASS MEDIA E PERCEZIONE DEL CRIMINE e BIANCAMARIA MASSARO Mass media e opinione pubblica Gli eroi maledetti bucano il video: il fascino del male e della malattia mentale Sbatti il mostro in prima pagina : perché alcuni crimini sono più pubblicizzati di altri La presenza di uno o più cadaveri: il crimine deve essere un omicidio La presenza di un colpevole (vero o presunto) interessante e vivo: l assassino deve (possibilmente) essere giovane, bello e intelligente Il sospettato principale dell omicidio non deve assolutamente confessare, così lo show può durare a lungo alternando quotidianamente rivelazioni e colpi di scena La presenza di una vittima innocente, interessante e rispettabile : gli omicidi delle prostitute non interessano proprio a nessuno Jack lo Squartatore vs. H.H. Holmes: come si crea la «notorietà morbosa» Il caso di Marco Ahmetovic, un tentativo italiano di imitare il modello americano di «notorietà morbosa» Sei un girolimoni : cronaca di un errore giudiziario reso incancellabile dai mass media La costruzione perfetta di un icona mediatica: la storia di Charles Manson. 459

6 XX INDICE SOMMARIO Charlie, il Figlio dell Uomo (Man-son) Charles Manson diventa il personaggio più famoso della controcultura americana: l uomo lascia il posto alla leggenda I tormentoni criminali del 2011: gli omicidi di Sarah, Yara, Melania Sarah Scazzi Yara Gambirasio Melania Rea La nascita di una nuova figura di professionista televisivo: il criminologo da salotto Il convegno del 2012 sulla figura del criminologo mediatico Il «Gruppo di Studio su Criminologia e Media» Una forma di perversione nascosta: il «turismo dell orrore» Cos è il dark tourism e il profilo del «turista dark» Il dark tourism ad Avetrana: tutti in fila per vedere la villetta di zio Michele Conclusioni Riferimenti bibliografici Parte Seconda I CRIMINI: MORFOLOGIA, DINAMICHE E STUDIO DEI CASI CAPITOLO 11 MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA di CONCETTA MACRÌ e SARA MASCOLO Lo stato delle politiche e dei servizi contro la violenza sui bambini in Italia Operatori e professionisti per la formazione continua e la ricerca La violenza sui minori Rischi o fattori di violenza Le forme di violenza Effettuare la diagnosi Maltrattamento fisico Abuso psicologico Violenza assistita Patologia della fornitura di cure Una patologia poco nota: la «Sindrome di Münchausen per Procura» L Attaccamento nella «Sindrome di Münchausen per Procura» Abuso sessuale Definizione clinica di abuso sessuale Esiti fisici, psicologici e comportamentali Le conseguenze dell abuso sessuale Fattori di rischio e fattori protettivi nell abuso e nel maltrattamento Fattori di rischio Fattori protettivi Le «Mutilazioni Genitali Femminili»: un fenomeno di maltrattamento/ violenza culturale su bambine e giovani donne Origine e storia delle MGF La cultura alla base delle MGF Definizione delle MGF

7 XXI Conseguenze delle MGF sulla salute psico-fisica della vittima Dalla notizia di reato alla presa in carico Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 12 PEDOFILIA E PROFILO PSICOLOGICO DEL PEDOFILO Definizione e criteri diagnostici della pedofilia nel DSM IV-TR Identikit del pedofilo Pedofilia femminile: un universo poco conosciuto La pedofilia nel contesto religioso La riforma del sistema penale del Vaticano Pedofilia e Internet Identikit del pedofilo on-line e tipologia dei siti Come proteggere i minori dai pericoli della cyber-pedofilia Il «turismo sessuale» e la prostituzione nel mondo Un caso europeo: la prostituzione legalizzata in Germania Riferimenti bibliografici CAPITOLO 13 CRIMINI E MINORI di CONCETTA MACRÌ e BARBARA ZOLI Identikit della criminalità minorile: quanti sono e chi sono i minori che delinquono Aspetti psicologici e fattori di rischio della devianza minorile Il sistema di giustizia minorile Dall arresto al dibattimento Valutazione della personalità e perizia psicologica Principi di prevenzione della criminalità minorile Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 14 BULLISMO E CYBER-BULLISMO di LUCA PISANO Le diverse forme dell aggressività off-line nell adolescenza Le prepotenze on-line: il cyber-bullismo Flaming Harassment Cyber-stalking Denigration Impersonation Outing and Trickery

8 XXII INDICE SOMMARIO Exclusion Cyber-bashing (o Happy Slapping) La competenza del tribunale per i minorenni nei casi di bullismo (di MARI- NELLA POLO) Internet: vantaggi e rischi per i minori (di GRAZIA CORRADINI) Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 15 LE BANDE GIOVANILI Definizioni e caratteristiche delle bande giovanili Le bande giovanili nel mondo Un caso europeo: le baby gang a Londra Le bande giovanili in Italia Le baby gang al femminile Le gang etniche Un caso di baby gang a Roma Un inchiesta italiana: cosa pensano i genitori se scoprono che il loro figlio è un violento? Il mondo dei «biker», le bande dei motociclisti La struttura paramilitare e la simbologia Le attività criminali dei «biker» Riferimenti bibliografici CAPITOLO 16 LA CRIMINALITÀ ECONOMICA di MAURO MARZO Crimini dei «colletti bianchi» Le caratteristiche dei crimini dei «colletti bianchi» I singoli caratteri del crimine dei «colletti bianchi» Economia e criminalità I reati economici in Italia La corruzione L evasione fiscale Il riciclaggio Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 17 IMMIGRAZIONE CLANDESTINA E CRIMINALITÀ di MAURO MARZO Premessa giuridica

9 XXIII Le migrazioni nel mondo globale Le migrazioni irregolari Le «nuove schiavitù» L immigrazione clandestina in Italia Le rotte criminali La delittuosità connessa all immigrazione clandestina Immigrazione clandestina e criminalità L immigrazione clandestina percepita Immigrazione irregolare e integrazione Riferimenti bibliografici CAPITOLO 18 LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Definizioni La «Convenzione di Palermo» (2000) Sicilia: «Cosa Nostra» Struttura e attività criminali Campania: la «camorra» Struttura e attività criminali Calabria: «ndrangheta» Struttura e attività criminali La situazione della donna all interno della ndrangheta Puglia: la «Sacra Corona Unita» Struttura e attività criminali Basilicata: i «basilischi» (la «quinta mafia») Struttura e attività criminali Mafie in movimento: diffusione delle mafie italiane e straniere in Italia La mafia cinese La mafia albanese Il crimine organizzato a Roma Un argomento poco studiato: i mafiosi e la malattia mentale Nuovi business del XXI secolo per la criminalità organizzata Le scommesse nel mondo del calcio Il traffico dei farmaci Videopoker e gioco d azzardo Riferimenti bibliografici CAPITOLO 19 SETTE E «CULTI DISTRUTTIVI»: PROBLEMATICHE CRIMINALI Definizioni e caratteristiche fondamentali Elementi fondamentali della setta: un leader e dei seguaci Il concetto di «idee eteree» alla base della fede Strategie di reclutamento e vittimologia delle sette Maghi, santoni e guru: come agiscono e chi sono le loro vittime Psicologia della leadership: come pensano e agiscono i leader di una setta.. 828

10 XXIV INDICE SOMMARIO Tecniche di comunicazione, manipolazione mentale e «lavaggio del cervello» La «riforma del pensiero»: gli studi di Robert Lifton e Margareth Singer Manipolazione mentale mediante destrutturazione/ristrutturazione cognitiva Come uscire da una setta? Riferimenti bibliografici Parte Terza CRIMINI SPECIALI E PREVENZIONE CAPITOLO 20 I SERIAL KILLER Definizioni classiche di omicidio seriale Nuova definizione operativa di serial killer e classificazione dell omicidio seriale (De Luca, 1998, 2001, 2006) Il motivo universale che spinge tutti i serial killer a uccidere Identikit del serial killer: chi è, come uccide, perché lo fa Il rapporto con la famiglia Il rapporto con il gruppo dei pari I Fattori che generano il comportamento omicidiario seriale: il Modello SIR (De Luca, 2001, 2006) Il Fattore Socio-ambientale, F(S) Il Fattore Individuale, F(I) Il Fattore Relazionale, F(R) Perversioni sessuali e omicidio seriale Il serial killer sadico Il serial killer necrofilo Il serial killer pedofilo Il serial killer vampiro e cannibale L importanza del feticismo nel serial killer Il serial killer e la mutilazione delle vittime Il ruolo della pornografia nella formazione del serial killer Perché gli uomini usano la pornografia La rappresentazione della donna nella pornografia: la vittima predestinata e l equivalenza donna/prostituta Gli effetti del materiale pornografico violento sugli uomini La donna serial killer: caratteristiche specifiche dell omicidio seriale femminile Differenze fra omicidio seriale maschile e femminile L altra metà della violenza: l aggressività femminile Caratteristiche dell omicidio seriale femminile Profilo psicologico della donna serial killer Il processo di formazione della donna serial killer Problemi investigativi collegati all omicidio seriale Accecamento per mancanza di comunicazione (assenza di linkage) Addestramento e preparazione specifica degli investigatori

11 XXV Diagnosi e trattamento: è possibile curare un serial killer? Cause di insuccesso nel trattamento dei serial killer La diagnosi clinica del serial killer Test utilizzabili nella diagnostica del serial killer Il Disturbo di Personalità Multipla (DPM) è sempre una simulazione del serial killer Il problema dell imputabilità del serial killer I nuovi paradigmi di trattamento biologico Ipotesi di prevenzione e trattamento del serial killer tramite l elaborazione artistica (De Luca, 2006) Le fasi dell attività predatoria del serial killer in rapporto alle fasi della creazione artistica Proposta di trattamento terapeutico multilivello e integrato di De Luca (2001, 2006) e applicazione del metodo dell immaginazione attiva (C.G. Jung) Riferimenti bibliografici CAPITOLO 21 IL MASS MURDER E LE STRAGI NELLE SCUOLE Definizione e caratteristiche del mass murder Il «Disturbo Relazionale» Profilo psicologico del mass murderer L omicidio di massa in Italia Profilo psicologico dello school shooter Adam Lanza e la strage di bambini di Newton Cronologia di un massacro La personalità di Adam Lanza e le motivazioni della strage Il problema della diffusione delle armi negli Stati Uniti Le nuove armi in plastica che si possono stampare in 3D Riferimenti bibliografici CAPITOLO 22 TERRORISMO TRADIZIONALE E FANATISMO RELIGIOSO-SUICIDA Struttura e caratteristiche del terrorismo classico Il fanatismo: alle origini del fondamentalismo Caratteristiche del fondamentalismo Fanatismo essenziale: la spinta primaria all estremismo Fanatismo indotto: l effetto di trascinamento del gruppo e della massa Tipologia e dinamiche psichiche del fanatismo Caratteristiche fondamentali delle personalità fanatiche La «guerra cosmica» e il concetto di «nemico asimmetrico» Un estensione del fanatismo: la disponibilità al «martirio» Le fasi del processo di «satanizzazione» I meccanismi di disimpegno morale dei terroristi suicidi Profilo psico-sociologico del kamikaze contemporaneo

12 XXVI INDICE SOMMARIO Preparazione spirituale e psicologica del martire Il terrorista fai-da-te e l indottrinamento in Rete Conclusioni Riferimenti bibliografici CAPITOLO 23 TERRORISMO E INTELLIGENCE di MARCO CANNAVICCI Psicologia del terrorismo Terrorismo e mass media Terrorismo e intelligence L intelligence investigativa Le tipologie di analisi L intelligence investigativa nel terrorismo L analista di intelligence Il ruolo dell intelligence nell analisi dei fenomeni terroristici Il «pensiero laterale» Risolvere un problema («problem solving» e«brainstorming») L analisi Applicazione pratica: esercizi del «pensiero laterale» Sequestri di persona e cattura di ostaggi Gestione di crisi e negoziazione con i terroristi Il profilo degli autori di cattura di ostaggi e/o barricamento Riferimenti bibliografici CAPITOLO 24 STALKING E «FEMMINICIDIO» Stalking: definizioni e tipologie La classificazione degli stalker di Mullen, Pathè, Purcell e Stuart (1999) Le donne autrici di stalking: caratteristiche e tipologie Profilo psico-patologico degli stalker Le vittime dello stalking Come distinguere un caso reale di stalking da semplici comportamenti fastidiosi? Il «femminicidio»: uomini che odiano le donne Dalla violenza domestica al «femminicidio» Nessuna donna è al sicuro: le vittime che hanno più di 60 anni Lo strano caso di don Piero Corsi e il suo manifesto sul femminicidio I dati sullo stalking e sui maltrattamenti del 2012 e del primo semestre Il primo Rapporto mondiale sulla violenza contro le donne Nuove norme del 2013 per difendere le donne dalle violenze domestiche Conclusioni Riferimenti bibliografici

13 XXVII CAPITOLO 25 VITTIMOLOGIA E PREVENZIONE. LA PERCEZIONE FEMMINILE DI ESSERE VITTIME La percezione delle donne italiane su violenze e maltrattamenti L alterazione del vissuto quotidiano in rapporto alla percezione della violenza La violenza psicologica all interno del rapporto di coppia Lo stalking messo in atto dal partner nel momento in cui viene lasciato Perché la donna non interrompe il ciclo di vittimizzazione? La ricerca costante del lato buono del partner I meccanismi di difesa femminili Depressione e scarsa autostima della donna che si cristallizza nel ruolo di vittima È possibile prevenire la mattanza delle donne? Tecniche di intervento preventivo sugli stalker e nella gestione delle crisi di coppia Le donne inglesi possono uccidere il marito per «legittima difesa»: un esempio da seguire anche in Italia? Introdurre un nuovo tipo di reato: l «omicidio dell anima» Due nuovi strumenti per combattere il femminicidio: la «Convenzione di Istanbul» e la convenzione «No More!» Come riconoscere di avere a che fare con un manipolatore? I segnali di pericolo di Gavin de Becker (1997) Le 30 caratteristiche della personalità manipolatoria secondo Isabelle Nazare-Aga (2004) Riferimenti bibliografici Indice delle schede APPENDICI a cura Appendice A Il«Codice di autoregolamentazione criminologi e media» Appendice B Testro integrale della legge C.D. «Anti-Stalking». Approvata il 18 febbraio Autori e Collaboratori

www.ifct.ch CRIMINALITÀ MINORILE: ASPETTI INTRODUTTIVI

www.ifct.ch CRIMINALITÀ MINORILE: ASPETTI INTRODUTTIVI 1 www.ifct.ch CRIMINALITÀ MINORILE: ASPETTI INTRODUTTIVI 2 ADOLESCENZA 3 L adolescenza L adolescenza è ritenuta dagli psicologi una fase di grande impegno nella costruzione di un identità Si manifestano

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Vademecum per le forze di polizia a cura del Gruppo Tecnico previsto dal Protocollo d'intesa tra Ministero dell'interno

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Quando il mondo giuridico-forense deve

Quando il mondo giuridico-forense deve Quell antica complicità tra male e follia Beatrice Ugolini Abstract Di fronte, in particolare, ai crimini dei serial killer, ma anche dei pedofili, irrompe la contraddizione che, in qualche modo, mina

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

CHE COS E LO STALKING?

CHE COS E LO STALKING? CHE COS E LO STALKING? Con il termine stalking si intende un insieme di comportamenti tramite i quali una persona affligge un altra con intrusioni e comunicazioni ripetute e indesiderate, a tal punto da

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Co-finanziato dalla Commissione Europea. Abuso sessuale DEI minori e nuovi media: spunti teorico-pratici per gli operatori

Co-finanziato dalla Commissione Europea. Abuso sessuale DEI minori e nuovi media: spunti teorico-pratici per gli operatori Co-finanziato dalla Commissione Europea Abuso sessuale DEI minori e nuovi media: spunti teorico-pratici per gli operatori Con contributi di: Save the Children Italia: Silvia Allegro, Cristiana De Paoli,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE Uno studio di Fiammetta Guerra 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte La questione riguardante il possibile effetto deterrente della pena di

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE

10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE 10 RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA SINTESI PER LA STAMPA [PRESENTAZIONE] GENERAZIONE PROVVISORIA: IL DIRITTO DI IMMAGINARE IL FUTURO SUPERANDO LE INCERTEZZE DEL PRESENTE

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

«OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO» Commenti e Atti di processi celebri raccolti da Alfredo Gaito, Giorgio Spangher e Paolo Tonini

«OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO» Commenti e Atti di processi celebri raccolti da Alfredo Gaito, Giorgio Spangher e Paolo Tonini «OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO» Commenti e Atti di processi celebri raccolti da Alfredo Gaito, Giorgio Spangher e Paolo Tonini 1 Direzione Alfredo GAITO Sapienza Università di Roma Giorgio SPANGHER Sapienza

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Robert Agnew e la General Strain Theory (GST)

Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) 1 Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) INTRODUZIONE Le origini della GST. Le teorie dello Strain La GST General Strain Theory (Teoria Generale della tensione), le sue origine attinge dalle altre

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Indice RINGRAZIAMENTI... 1

Indice RINGRAZIAMENTI... 1 Indice RINGRAZIAMENTI... 1 INTRODUZIONE... 2 Nuove prospettive nella tutela del minore: Il progetto CURE e gli altri strumenti internazionali (a cura di Emilia De Bellis e Piero Forno)... 2 IL QUADRO INTERNAZIONALE...

Dettagli

Rosa shocking Violenza, stereotipi e altre questioni del genere

Rosa shocking Violenza, stereotipi e altre questioni del genere Rosa shocking Violenza, stereotipi e altre questioni del genere Rosa shocking Violenza, stereotipi e altre questioni del genere A cura di Coordinamento WeWorld Intervita Stefano Piziali (responsabile Dip.to

Dettagli

Il profilo giuridico del trattamento psichiatrico in carcere. di Antonio Salvati

Il profilo giuridico del trattamento psichiatrico in carcere. di Antonio Salvati Il profilo giuridico del trattamento psichiatrico in carcere di Antonio Salvati Sommario: 1. Premessa. 2. La tutela della salute fisica e mentale dei detenuti. 3. L assistenza ai malati psichiatrici nelle

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia)

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Il recente volume Carcere: uno spazio per la persona (Roma, Las), a cura

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli