MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI"

Transcript

1 MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI ATTRAVERSO ANALISI TERMICHE DA IMMAGINI TELERILEVATE

2 INDICE 1. INTRODUZIONE pag METODOLOGIA pag AREA IN ESAME pag RISULTATI pag CONCLUSIONI pag BIBLIOGRAFIA pag. 53

3 1. INTRODUZIONE Le Regioni, le Province ed i Comuni sono costantemente impegnati in una intensa attività di monitoraggio delle principali matrici ambientali quali suolo, aria e acqua, alla ricerca di possibili fonti di inquinamento. Il monitoraggio ambientale rende possibile non soltanto rilevare l inquinamento già presente, ma anche di prevenirne le origini, opponendo un forte deterrente al compimento di tutti quei reati ambientali che minano la salute delle risorse ecologiche. Il telerilevamento studia i fenomeni ambientali su scala globale ma anche su scala media sino a quella locale grazie all alta risoluzione spaziale e spettrale di alcuni sensori. Il telerilevamento satellitare infatti, si presenta come uno strumento d integrazione al monitoraggio dei parametri di qualità delle acque. Gli studi effettuati su questo argomento sono molteplici, essi sono in grado di illustrare come l energia retro-diffusa da un bacino idrico nelle diverse lunghezze d onda dello spettro elettromagnetico porti con sé informazioni relative alle sostanze organiche disciolte, concentrazioni di fitoplancton, e sedimento solido sospeso, ossia dei parametri otticamente attivi responsabili della colorazione delle acque. A tale scopo per coloro che operano nel campo della gestione e salvaguardia delle aree naturali, le tecniche del telerilevamento multi- ed iper- spettrale rappresentano uno strumento d integrazione valido per il controllo dei parametri di qualità del suolo e dell acqua. Quest ultimi otticamente attivi nelle regioni del Visibile e dell Infrarosso Vicino.

4 2. METODOLOGIA In questo lavoro, per le analisi dei fenomeni di inquinamento delle acque e per l individuazione e identificazione di siti critici lungo il corso d acqua dei Regi Lagni, sono state utilizzate immagini aeree iperspettrali MIVIS (Multispectral Infrared and Visible Imaging Spectrometer) ed Ortofoto della Regione Campania. Le immagini MIVIS si caratterizzano per l elevata risoluzione spettrale e risultano adatte per lo studio su scala locale delle relazioni tra i diversi parametri chimici e fisici che permettono l individuazione delle anomalie termiche. In questo lavoro è stata utilizzata una metodologia che ha permesso di ottenere risultati significativi per l individuazione, l identificazione, lo studio e la mappatura delle diverse tipologie di anomalie presenti nell area di studio rappresentata dal corso d acqua dei Regi Lagni, che scorre lungo il territorio della Provincia di Caserta e di Napoli. Per l individuazione delle anomalie in acqua è stata utilizzata la tecnica density slicing, la quale permette di visualizzare le informazioni contenute nell immagine associando alle classi di oggetti una scala di colori mantenendo la loro disposizione spaziale. In questo lavoro, la tecnica del Density Slicing è stata principalmente utilizzata nell elaborazione delle bande MIVIS corrispondenti all infrarosso termico. Il dataset utilizzato per lo studio del corpo idrico è costituito da: - immagini iperspettrali MIVIS di proprietà dell ARPAC (Agenzia Regionale Protezione Ambiente Campania), riprese aeree registrate in luglio 2008 ad una quota di volo relativa di 1500 metri; - Ortofoto del 2006 della Regione Campania di proprietà dell ARPAC (Agenzia Regionale Protezione Ambiente Campania); - Ortofoto del 2000 della Regione Campania di proprietà dell ARPAC (Agenzia Regionale Protezione Ambiente Campania).

5 Lo studio è stato caratterizzato da: - analisi ad alta risoluzione spettrale delle immagini iperspettrali MIVIS; - analisi cromatica dell acqua applicata alle immagini aeree MIVIS; - analisi multitemporale, interpretazione e confronto del dataset. Il data-processing effettuato sulle immagini MIVIS ha interessato le analisi relative alle: - bande del Visibile (#3, #7 e #13); - bande dell Infrarosso Termico (#93 e #94). Le bande del Visibile e la loro visualizzazione in immagini True Color Composite permettono di effettuare una prima fotointerpretazione dell area di studio. Per studiare fenomeni più particolari che a volte non risultano ben visibili nelle lunghezze d onda del visibile, ci si avvale delle lunghezze d onda dell infrarosso. Nel lavoro svolto, in alcuni punti non è stato possibile distinguere il tracciato dei Regi Lagni a causa della vegetazione troppo fitta. La risoluzione spaziale delle immagini MIVIS, 3x3 metri, risulta essere alta rispetto all ampiezza dell alveo del corpo idrico e ciò determina la presenza di pixel misti, ovvero pixel il cui valore di Brightness Value (BV) è relativo non solo alla radianza dell acqua, ma a tutto ciò che è presente all interno del pixel.

6 3. AREA IN ESAME Nel presente lavoro è stata analizzata l area dei Regi Lagni, lunghi circa 65 km raccolgono le acque di diversi affluenti che nell insieme formano l intero bacino dei Regi Lagni. Essi hanno origine nel comune di Visciano in provincia di Napoli e terminano il loro percorso nel comune di Castel Volturno in provincia di Caserta (Fig. 1). La ramificazione della sua rete idrografica attraversa molti Comuni della Provincia di Caserta tra cui : Villa Literno, Casal di Principe, Marcianise e Casaluce, caratterizzati da una forte attività agricola; mentre della provincia di Napoli: Acerra, Nola, Marigliano e Visciano, caratterizzati dalla presenza di impianti di depurazione delle acque e di grossi centri commerciali. Fig.1 Inquadramento territoriale dei Regi Lagni lungo i comuni della provincia di Caserta e di Napoli

7 4. RISULTATI 4.1 Primo caso studio - RUN 01 A. 1 A. 2 TEMPERATURA AL SENSORE ( C) 20,0 20,7 20,7-21,5 21,5-22,2 22,2-23,0 23,0 23,7 23,7 24,5 24,5 25,2 25,2-27,0 Fig. 2: Carta tematica risultante dalla sovrapposizione del immagine MIVIS Visibile con il risultato dell analisi termica. Nel primo caso studio relativo alla RUN 01 sono state identificate due anomalie A.1 e A.2 caratterizzate da temperature al sensore che variano dai 20 C ai 27 C, in prossimità della foce. L analisi termica è stata effettuata sulla banda dell Infrarosso Termico (#94) dopo aver separato l acqua dalla terra mediante maschera.

8 Anomalia 1 Coordinata punto: 40 58'58.11"N '10.99"E A. 1 Fig. 3: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 1 Fig. 4: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS.

9 L analisi termica effettuata sulla RUN 01 ha rilevato non solo l anomalia A.1, ma mette in evidenza il getto (ploom) di acqua fredda proveniente dai regi lagni che si immette nell acque marine relativamente più calde. Le cause di questa anomalia è possibile individuarle mediante un analisi più approfondita della zona in esame, grazie a rilievi effettuati in situ. A. 1 Fig. 5: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 1 Fig. 6: Ortofoto 2006

10 Fig. 7: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 1 Fig. 8: Ortofoto 2000

11 Dall analisi multi temporale, relativa al periodo ( ), osservando l immagine satellitare del 2008 e le ortofoto del 2006 e del 2000, si può osservare come la foce dei Regi Lagni abbia subito in pochissimi anni dei forti cambiamenti morfologici. La trasformazione risulta ancora più evidente in figura 7, dove la sovrapposizione tra il layer dell analisi termica e l ortofoto 2006 mette in risalto a le modifiche.

12 Anomalia 2 Coordinata punto: 40 59'27.79"N '43.51"E A. 2 Fig. 9: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 2 Fig. 10: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

13 L analisi termica effettuata sull immagine MIVIS RUN 01 ha rilevato un altra anomalia (A.2) in prossimità di un ponte poco lontano dalla foce; questa raggiunge temperature al sensore di 27 C. A. 2 Fig. 11: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 2 Fig. 12: Ortofoto 2006

14 A. 2 Fig.13: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 2 Fig. 14: Ortofoto 2000

15 Osservando le ortofoto ( ), l immagine satellitare (2008) e l immagine MIVIS (2008), è possibile osservare come l area dell anomalia si sia ingrandita nel corso del tempo. Anche in questo caso, le cause di questa anomalia è possibile individuarle solo mediante analisi in situ.

16 4.2 Secondo caso studio - RUN 02 A. 3 A. 4 Fig. 15: Carta tematica risultante dalla sovrapposizione del immagine MIVIS Visibile con il risultato dell analisi termica. Nel secondo caso studio, la RUN 02, sono state individuate due anomalie TEMPERATURA AL SENSORE ( C) 20,0-20,7 20,7 21,5 21,5 22,2 22,2 23,0 23,0 23,7 23,7 24,5 24,5 25,2 25,2-26,0 (A.3 e A.4) che presentano temperature al sensore che variano dai 20 C ai 26 C. L immagine è stata analizzata in modalità density slice utilizzando la banda dell Infrarosso termico. Questa modalità permette di associare ad ogni intervallo di temperatura un determinato colore, ciò permette di identificare con maggiore facilità gli andamenti delle temperature superficiali. I pixel che si osservano all interno delle figure, sono dovuti a pixel misti presenti lungo il letto del fiume. Nella maggior parte dei casi sono dovuti alla vegetazione.

17 Anomalia 3 Coordinata punto: 41 2'18.80"N '56.50"E A. 3 Fig. 16: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 3 Fig. 17: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

18 A. 3 Fig. 18: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 3 Fig. 19: Ortofoto 2006

19 A. 3 Fig.20: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 3 Fig. 21: Ortofoto 2000

20 L analisi multi-temporale delle: - ortofoto ( ), - immagine satellitare (2008), - immagine MIVIS (2008), ha messo in evidenza come la zona in esame, caratterizzata da un attività prevalentemente agricola, non abbia subito modifiche importanti.

21 Anomalia 4 Coordinata punto: 41 2'20.91"N '3.89"E A. 4 Fig. 22: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 4 Fig. 23: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

22 L anomalia A.4 è caratterizzata da una temperatura massima al sensore di 26 C; i pixel che si osservano lungo i bordi sono dovuti alla presenza di pixel misti che molto probabilmente sono dovuti alla presenza di vegetazione.

23 A. 4 Fig. 24: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 4 Fig. 25: Ortofoto 2006

24 A. 4 Fig.26: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 4 Fig. 27: Ortofoto 2000 Osservando le: - ortofoto ( ), - immagine satellitare (2008), - immagine MIVIS (2008), non si evince nessuna trasformazione importante dal punto di vista morfologico.

25 4.3 Terzo caso studio RUN 03 A. 5 A. 6 TEMPERATURA AL SENSORE ( C) 20,0 20,7 20,7-21,5 21,5-22,2 22,2-23,0 23,0 23,7 23,7 24,5 24,5 25,2 25,2-27,0 A. 7 Fig.28: Carta tematica risultante dalla sovrapposizione del immagine MIVIS Visibile con il risultato dell analisi termica. Nel terzo caso studio, la RUN 03, sono state ritrovate due anomalie A.5 e A.6; l anomalia A.7 è determinata da pixel misti che rendono difficile l individuazione di eventuali irregolarità.

26 Anomalia 5 Coordinata punto 41 2'21.12"N, 14 13'8.19"E A. 5 Fig. 29: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 5 Fig. 30: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

27 A. 5 Fig.31: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 5 Fig. 32: Ortofoto 2006

28 A. 5 Fig.33: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 5 Fig. 34: Ortofoto 2000 Dall analisi multitemporale sulle ortofoto ( ), sull immagine satellitare (2008) e sull immagine MIVIS (2008), si osserva come la zona in esame, prevalentemente adibita ad uso agricolo, non abbia subito mutamenti rilevanti.

29 L analisi termica effettuata sull immagine MIVIS ha rilevato un anomalia nell area in esame con temperature al sensore che variano dai 20 C ai 27 C. Data la bassa risoluzione del pixel e l estensione limitata dell anomalia, per individuarne le cause è necessaria un analisi più approfondita della zona oggetto d esame, anche utilizzando immagini a più alta risoluzione spaziale.

30 Anomalia 5 Coordinata punto 41 0'10.53"N '38.93"E A. 6 Fig. 35: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 6 Fig. 36: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

31 Dall indagine termica eseguita si evince come la zona oggetto di studio sia caratterizza da un evidente anomalia termica di forma lineare con temperature al sensore piuttosto basse (circa 20 C) rispetto alla circostante. A. 6 Fig. 37: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth

32 A. 6 Fig. 38: Ortofoto 2006 A. 6 Fig.39: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006

33 A. 6 Fig. 40: Ortofoto 2000 Dall analisi multitemporale sulle ortofoto ( ), sull immagine satellitare (2008) e sull immagine MIVIS (2008), si osserva come la zona in esame non abbia subito trasformazioni importanti dal punto di vista morfologico.

34 Anomalia 6 Coordinata punto 40 59'50.54"N, 14 18'30.35"E A. 7 Fig. 41: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 7 Fig. 42: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

35 L immagine riportata di seguito rappresenta un chiaro esempio della difficoltà riscontrata nel tracciare il percorso del fiume, a causa dell elevata presenza di pixel misti prodotti dall opera in cemento che raccoglie il corso d'acqua. La temperatura elevata è quindi determinata dalla bassa risoluzione dell immagine che rende difficoltoso separare il pixel relativi all acqua da quelli misti. A. 7 Fig. 43: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 7 Fig. 44: Ortofoto 2006

36 4.4 Quarto caso studio RUN 04 A. 8 TEMPERATURA AL SENSORE ( C) 20,0 20,7 20,7-21,5 21,5-22,2 22,2-23,0 23,0 23,7 23,7 24,5 24,5 25,2 25,2-27,0 Fig.45 Carta tematica risultante dalla sovrapposizione del immagine MIVIS Visibile con il risultato dell analisi termica L analisi della RUN 04 è stata caratterizzata dall elevata presenza di pixel misti dovuti alla bassa risoluzione. L anomalia A.8 ritrovata è caratterizzata da temperature al sensore basse.

37 Anomalia 7 Coordinata punto 40 55'57.09"N '43.35"E A. 8 Fig.46: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 8 Fig. 47: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

38 Dall indagine termica eseguita si evince come la zona oggetto di studio sia caratterizza da un evidente anomalia termica di forma lineare con temperature al sensore che varia dai 20 C ai 22 C. A. 8 Fig. 48: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 8 Fig. 49: Ortofoto 2006

39 A. 8 Fig.50: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 Fig. 51: Ortofoto 2000

40 Dall analisi multitemporale sulle ortofoto ( ), sull immagine satellitare (2008) e sull immagine MIVIS (2008), non si osserva nessuna trasformazione rilevante del territorio.

41 4.5 Quinto caso studio RUN 05 A. 10 A. 9 TEMPERATURA AL SENSORE ( C) 20,0 20,7 20,7-21,5 21,5-22,2 22,2-23,0 23,0 23,7 23,7 24,5 24,5 25,2 25,2-27,0 Fig.52: Carta tematica risultante dalla sovrapposizione del immagine MIVIS Visibile con il risultato dell analisi termica La RUN 05 è caratterizzata da due anomalie. L anomalia A.9 è descritta da una temperatura di circa 20 C, mentre l anomalia A.10 è contraddistinta da pixel misti responsabili della temperatura alta lungo il letto del fiume.

42 Anomalia 7 Coordinata punto 40 56'8.08"N, 14 23'37.66"E A. 9 Fig. 53: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 9 Fig. 54: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

43 L anomalia A.9 è caratterizzata da una temperatura fredda proveniente da uno scarico. Osservando l immagine è possibile notare che l acqua cambia la sua temperatura nei pressi di uno scarico di acqua. A. 9 Fig. 55: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 9

44 Fig. 56: Ortofoto 2006 A. 9 Fig.57: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 9 Fig. 58: Ortofoto 2000

45 Dall analisi multitemporale sulle ortofoto ( ) e sull immagine satellitare (2008), si osserva come la zona in esame abbia subito delle trasformazioni. Nei pressi dello scarico, è stato costruito un impianto di depurazione delle acque. Per l individuazione delle cause di questa anomalia è necessaria un analisi più approfondita della zona oggetto d esame, anche con rilievi effettuati in situ.

46 Anomalia 8 Coordinata punto 40 58'10.95"N, 14 27'9.61"E A. 10 Fig. 59: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) A. 10 Fig. 60: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

47 L anomalia A.10 è caratterizzata da pixel misti dovuti alla presenza di una fitta vegetazione. La bassa risoluzione anche in questo caso ha reso difficile separare i pixel d acqua da quelli della vegetazione. A. 10 Fig. 61: Immagine Satellitare del 2008 di Google Earth A. 10 Fig. 62: Ortofoto 2006

48 A. 10 Fig.63: Carta tematica ottenuta dalla sovrapposizione del prodotto dell analisi termica con l ortofoto 2006 A. 10 Fig. 64: Ortofoto 2000

49 Dall analisi multitemporale sulle ortofoto ( ) e sull immagine satellitare (2008), si osserva come la zona in esame non abbia subito trasformazioni importanti.

50 4.6 Sesto caso studio RUN 06 TEMPERATURA AL SENSORE ( C) 20,0 21,1 21,1-22,2 22,2-23,3 23,3-24,5 24,5 25,6 25,6 26,7 26,7 27,8 27,8-29,0 Fig.65: Carta tematica risultante dalla sovrapposizione del immagine MIVIS Visibile con il risultato dell analisi termica Come è possibile osservare nella figura successiva, l assenza di tematismi per i dati MIVIS è dovuta alla impossibilità di distinguere il tracciato del fiume. La presenza di pixel misti, nasconde il percorso dell acqua e ha reso difficile l analisi termica.

51 Fig. 66: Composizione RGB delle immagini MIVIS(2008) Fig. 67: Carta tematica dell anomalia termica relativa al dato MIVIS

52 Conclusioni I risultati ottenuti sull area di studio attestano quanto innovativa sia l applicazione dei dati multispettrali a supporto dei tradizionali metodi di indagine. La mancanza di misure acquisite in campo però, non consente di stabilire un livello di accuratezza per il metodo utilizzato. E doveroso ribadire che solo un controllo diretto sul terreno può accertare l attendibilità di quanto riconosciuto ed ipotizzato con il lavoro di lettura ed interpretazione delle immagini analizzate. I risultati ottenuti rappresentano però una valida base per elaborare una strategia di indagine e di tutela dell ambiente.

53 Bibliografia - Bannari A., Morin D., Bonin F A review of vegetation Indices - Remote Sensing, 13, pp ; - Brivio P. A., Zilioli E Assesment of spatio-temporal variability of lake water colour from satellite data SPIE, 2585, pp ; - Bianchi R., Marino C.M. and Pignatti S Airborne Hyperspectral remote sensing in Italy Europto, Rome September 1994, SPIE V 2318, pp , 1994; - Cracknell A. and Xue Y Thermal Inertia determination from space - a tutorial view - International Journal of Remote Sensing, 17, vol. 3, pp ; - Dessena M.A., Melis M.T Telerilevamento applicato.- Mako edizioni; - Gianinetto M., Lechi G Utilizzo dei dati multispettrali ad alta risoluzione per il monitoraggio della laguna di Venezia COFIN 2001; - Galati G., Gilardini A Tecniche e strumenti per il telerilevamento ambientale in Monografie scientifiche Serie Scienze della Terra CNR; - Gomarasca M.A Elementi di Geomatica.- Associazione Italiana di Telerilevamento; - Guyot G Signatures spectrales des superface naturelles - Teledetection satellitaire, tome 5, Paradigme, Caen, France; - Tonelli A Metodi di telerilevamento da postazione fissa nella caratterizzazione di superfici e del primo spessore di massa - Rivista Italiana di Telerilevamento, 1-2, pp ; - Wang S., Yan F., Zhou Y., Zhu L., Wang L., Jiao Y Water quality monitoring using hyperspectral remote sensing data in Taihu lake China. IEEE Transaction on Geoscience and Remote Sensing.

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Bollettino Istruzioni 5.31 Aprile 2003 Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Informazioni generali I films 3M a tecnologia Comply rendono le applicazioni più facili per raggiungere un

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Europass. Esperienza. Nome / Cognome. Cellulare. Cittadinanza. Date. 07 Sett 03. Funzionario Architetto. Nome e indirizzo. di attività o settore

Europass. Esperienza. Nome / Cognome. Cellulare. Cittadinanza. Date. 07 Sett 03. Funzionario Architetto. Nome e indirizzo. di attività o settore Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Via S. Domenico 93, 80127 Napoli (Italia) Telefono 081 7962009 E-mail dinetti.antonio@tiscali.it Cittadinanza italianaa Data di

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione 1 Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione Per automatizzare Ia raccolta dati di produzione e monitorare in tempo reale il funzionamento delle macchine, Meta

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRET0 novembre 2011 Regole tecniche per la definizione del contenuto del Repertorio nazionale dei dati territoriali, nonché delle modalità di prima costituzione e di aggiornamento dello stesso. (Gazzetta

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006)

Dichiarazione di Sintesi (Art. 17 D.Lgs. n. 152/2006) Amministrazione Provinciale di Venezia Valutazione Ambientale Strategica della Carta Ittica della provincia di Venezia 204-209 Dichiarazione di Sintesi (Art. 7 D.Lgs. n. 52/2006) Esecutore: Aquaprogram

Dettagli

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività 02. Alta Riflettività Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività Alta riflettanza ed emissività si traducono in un maggior risparmio energetico e di denaro, oltre che in un applicazione sicura

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli