Èormai diffusa la consapevolezza che

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Èormai diffusa la consapevolezza che"

Transcript

1 L OSSERVAZIONE DELLA TERRA PER LA METEOROLOGIA Stato attuale e prospettive in Europa e in Italia BRIG. GEN. CARLO FINIZIO Premessa Èormai diffusa la consapevolezza che l Era dell Informazione è iniziata e che essa caratterizzerà la prima parte del 21 secolo. Questa nuova era lascia intravedere, fra le altre cose, la trasformazione della natura delle operazioni militari, sì che negli Stati Uniti si parla apertamente di una Rivoluzione negli Affari Militari (RMA), governata dal ruolo dell informazione e delle sue tecnologie. In particolare, attraverso lo sviluppo tecnologico che caratterizzerà questa nuova Era, si dovrà perseguire la Superiorità informativa, e cioè la capacità di collezionare, processare e disseminare un flusso ininterrotto di informazioni, impedendone nel contempo la disponibilità alla parte avversa ; fattore che può far sì che il risultato di una operazione non sia più governato soltanto dalla entità e dalla qualità delle Forze in gioco (modello di Lanchester), ma anche - e forse soprattutto - dalla disponibilità di informazioni che possono costituire il valore aggiunto determinante per l impiego vincente delle Forze di una delle due parti. In tale contesto, come d altronde avviene ormai nella gran parte dei settori di Intelligence, assume valenza primaria il telerilevamento dallo spazio, anche quello meteoambientale. Non è un caso che la NATO ha riaffermato che l osservazione meteo da satelliti polari e geostazionari è essenziale per fornire il supporto di alta qualità richiesto dalle sue Forze, in qualsiasi parte del mondo esse si trovino ad operare, nonché la necessità che tale informazione sia opportunamente codificata, onde consentire la disponibilità selettiva dei dati nei casi e nelle aree di crisi. Come noto, in Italia il coordinamento delle attività di EUMETSAT, l Agenzia europea responsabile della gestione dei satelliti meteo operativi, è affidato alla Difesa, per il tramite del Servizio Meteorologico dell A.M., che opera a supporto di Esercito, Marina e Aeronautica nel fornire l informazione meteoambientale atta ad ottimizzare la programmazione e la gestione delle attività addestrative e operative nelle quali oggi le FF.AA. sono impiegate. Un compito impegnativo per la Difesa e di grande responsabilità verso il Paese, anche alla luce della importanza del telerilevamento meteo per moltissimi altri settori nazionali di elevata valenza socio-economica. Un impegno vieppiù accresciuto ora che il 21 marzo u.s. la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva il Disegno di legge 6406 Ratifica ed esecuzione degli emendamenti alla Convenzione istitutiva dell Organizzazione europea per l esercizio dei satelliti meteorologici - EUMET- SAT - adottati a Berna dall Assemblea delle Parti nel corso della XV riunione, il 4-5 giugno 1991, che recepisce anche in Italia il nuovo Protocollo emendativo della Convenzione di 30

2 EUMETSAT, con il quale l Agenzia europea si proietta negli anni 2000 in un quadro giuridico che le consente di competere/cooperare a pieno titolo con le corrispondenti Agenzie americane (NOAA e NASA) e, tramite di esse, con il DoD degli Stati Uniti. Le origini delle osservazioni meteo da satellite Il 4 ottobre 1957, quando fu lanciato il primo satellite artificiale terrestre (SPUTNIK- 1), l impressione fu enorme non solo nella pubblica opinione ma anche in tutti gli ambienti scientifici. In quei giorni era in corso a Ginevra la IX Sessione del Consiglio Esecutivo dell Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) e furono percepite immediatamente le potenzialità di questa nuova tecnologia per soddisfare l esigenza di un sistema osservativo meteo in grado di coprire tutto il globo. Nell aprile/maggio 1958, dopo gli ulteriori lanci di SPUTNIK-2 (3 novembre 1957) da parte dell Unione Sovietica e di EXPLORER-1 (2 gennaio 1958) da parte degli Stati Uniti, l OMM creò un Panel di Esperti sui Satelliti Artificiali per definire le proposte per l uso dei satelliti nella meteorologia operativa e nella ricerca fondamentale nelle scienze dell atmosfera. Fu così che si arrivò, appena tre anni dopo (1 aprile 1960), al lancio del primo satellite meteorologico (TIROS-1) da parte degli Stati Uniti e che il 20 dicembre 1961 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò all unanimità la Risoluzione 1721 (XVI); in essa si riconosceva che l avvento dei satelliti meteorologici offriva sostanziali opportunità per miglioramenti nei servizi meteorologici e per progressi nelle scienze atmosferiche e si raccomandava pertanto a tutti gli Stati Membri dell ONU e a tutte le Agenzie internazionali specializzate, in particolare all OMM, di sviluppare sistemi integrati di previsioni del tempo e di monitoraggio del clima, facendo un uso efficace anche delle nuove potenzialità tecnologiche del telerilevamento dallo spazio. Di conseguenza, nella IV Sessione del Congresso dell OMM (primavera del 1963) fu introdotto il concetto di Veglia Meteorologica Mondiale (World Weather Watch - WWW), il più importante Programma dell OMM basato su tre componenti, rispettivamente per le osservazioni (Global Observing System - GOS), lo scambio dei dati in tempo reale (Global Telecommunication System - GTS) e l elaborazione dei dati (Global Data Processing System - GDPS). In tale contesto la tecnologia dei satelliti meteo doveva dare un contributo fondamentale al Sistema Osservativo Globale e al Sistema di Telecomunicazioni Globali. Da quel lontano 1 aprile 1960, quando fu lanciato il primo satellite meteorologico, sono ormai passati quaranta anni e i satelliti meteorologici geostazionari e polari rappresentano la componente più importante ed onerosa del Sistema Osservativo Globale per il monitoraggio sia del tempo che del clima. La nascita di EUMETSAT L importanza del telerilevamento dallo spazio per la meteorologia fu immediatamente percepita anche in Europa, così come fu riconosciuta in tempi brevi l esigenza che il vecchio continente contribuisse, accanto a USA e URSS, alla rete di satelliti meteorologici necessaria a coprire l intero globo. Fu così che nel 1972 fu avviato un Programma ad hoc nell ESRO (European Space Research Organization), oggi ESA (European Space Agency), e che il 23 novembre 1977 fu lanciato il satellite geostazionario METEOSAT-1. I Paesi membri di EUMETSAT 31

3 Nel 1981, dopo il lancio di METEOSAT-2, la Conferenza Intergovernativa di 17 Paesi convenne sulla necessità di assicurare continuità operativa al satellite geostazionario europeo e nel 1983 decise che, a questo scopo, era necessaria l istituzione di un nuovo Ente europeo, concordando sulla Convenzione istitutiva della futura Agenzia EUMET- SAT. Nel 1986 la ratifica della Convenzione fu ottenuta da 16 Paesi membri (Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Turchia) e quindi, proprio dopo pochi giorni la ratifica italiana (legge 14 giugno 1986, n. 265), il 19 giugno 1986 ha iniziato ad operare ufficialmente EUMETSAT, contribuendo con i suoi Programmi al telerilevamento meteorologico da satellite. Oggi i Paesi membri sono 17, in quanto nel dicembre 1993 anche l Austria ha aderito ad EUMET- SAT. La nuova convenzione Nel 1991 giunse a maturazione il negoziato volto a definire numerosi emendamenti alla Convenzione istitutiva di EUMETSAT, in quanto nel corso del primo periodo della sua applicazione, erano emerse alcune esigenze per adattare il mandato e il funzionamento dell Organizzazione alle mutate circostanze dovute agli sviluppi tecnico-scientifici ed ai nuovi orientamenti operativi dell Agenzia Spaziale Europea. In effetti le modifiche alla Convenzione partono dal presupposto di attribuire all Ente una competenza più ampia per l osservazione della terra e del suo clima, anche in considerazione del successo del programma MOP (METEOSAT Operation Programme) che, inizialmente concepito dall ESA, è poi stato attribuito ad EUMETSAT, di cui ha costituito a tutt oggi la realizzazione di maggior rilievo. Il satellite Meteosat Inoltre ESA sta ormai abbandonando il ruolo di sviluppo dei programmi in campo meteorologico, per trasferirlo ad EUMETSAT che ne ha sempre svolto compiti di controllo e di gestione. Si sono infine delineate, in seno alla Commissione dell Unione Europea, tendenze ad attribuire, in prospettiva, competenze operative in materia di monitoraggio ambientale ad EUMETSAT. Il Protocollo emendativo approvato si ispira pertanto a questa esigenza di aggiornamento e configura un nuovo rafforzato profilo per EUMETSAT, il cui mandato, accanto all obbiettivo primario incentrato su realizzazione, mantenimento e gestione di sistemi europei di satelliti meteorologici operativi viene esteso per contribuire al monitoraggio del clima e dei cambiamenti climatici a scala planetaria. L altro importante elemento di novità nel Protocollo emendativo è il concetto di Programma opzionale in essa contemplato. Ciò a differenza dell attuale situazione secondo la quale tutti i Programmi dell EUMETSAT hanno carattere obbligatorio e tutti i Paesi Membri contribuiscono al loro finanziamento in proporzione al loro Prodotto Nazionale Lordo. Il varo di Programmi opzionali può avvenire invece attraverso la adozione di una dichiarazione programmatica dei Paesi membri interessati alla partecipazione, che costituisce la base di partenza per tutti gli aspetti tecnici, finanziari, contrattuali, legali e per tutti 32

4 gli altri elementi relativi al programma. In definitiva un Protocollo emendativo che dà più forza ad EUMETSAT, rappresenta un importante passo per dare maggiore flessibilità ai suoi Programmi, estendendoli anche all area climatico-ambientale, porta il telerilevamento meteoambientale europeo allo stesso livello degli Stati Uniti e, in definitiva, costituisce una occasione importante per tutta l industria europea del settore per svilupparsi ed accrescere la sua competitività rispetto ai partners americani. Con la ratifica dell Italia del 21 marzo u.s., a tutt oggi 16 dei 17 Stati membri hanno approvato la nuova Convenzione. Quando, con l approvazione formale della Grecia, sarà stata sottoscritta da tutti gli Stati membri, essa entrerà in vigore e verrà registrata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, come previsto dall art. 102 della Carta delle Nazioni Unite. I programmi di EUMETSAT I Programmi attuali sono tre, rispettivamente METEOSAT Transition Programme (MTP), METEOSAT Second Generation (MSG) ed European Polar System (EPS). Il Programma MTP MTP assicura la continuità del telerilevamento meteo fra il METEOSAT Operation Programme (MOP), il primo programma di EUMETSAT, ormai concluso, e il METEO- SAT Second Generation (MSG), il Programma dei satelliti meteo geostazionari degli anni È iniziato nel 1991 e comporta la gestione delle operazioni dei satelliti METEOSAT-5, 6 e 7. Allo stato attuale è previsto che il Programma finisca nel Il contributo di MTP al sistema osservativo e lo stato dell arte della sua tecnologia è dello stesso livello del MOP. Le caratteristiche sono infatti: dati digitali e analogici su tre canali spettrali, rispettivamente visibile (VIS), infrarosso termico (IR) e banda di assorbimento del vapor d acqua in infrarosso (WV); ciclo temporale: 30 minuti; risoluzione spaziale: 5 km in IR e WV, 2.5 km nel VIS; precisione in IR: 0.5 C. Con i satelliti MTP è possibile: osservare ed elaborare con alta risoluzione temporale l evoluzione dei sistemi nuvolosi e dei fenomeni associati ai fini delle previsioni meteo a brevissimo-breve termine (di elevata rilevanza, in particolare per Difesa, assistenza al volo, protezione civile, agricoltura, etc.); produrre dati elaborati utili per le previsioni a breve-medio termine, in particolare per Difesa, trasporti, energia, ambiente, agricoltura, tempo libero, etc.; derivare osservazioni utili per la sorveglianza del clima e delle sue possibili variazioni. I satelliti MTP sono anche utilizzati come mezzo di telecomunicazioni per: diffondere le immagini da essi stessi riprese, dopo pre-elaborazione al suolo; raccogliere dati da stazioni automatiche al suolo e diffonderli nei canali TLC meteo; distribuire dati e prodotti della World Weathewr Watch dell OMM e di rilevanza ICAO verso centri non o mal connessi con il Global Telecommunication System dell OMM (Meteorological Data Distribution - MDD) e/o verso stazioni isolate. La PGS (Primary Ground Station) del Programma MTP è al Fucino e costituisce la prima struttura di EUMETSAT ubicata fuori la Germania, remota cioè rispetto alla sede di EUMETSAT, localizzata a Darmstadt. Il Programma MSG MSG rappresenta il Programma di satelliti geostazionari europei degli anni E iniziato nel 1994, è svolto in collaborazione con l ESA ed include lo sviluppo, la preparazione, il lancio e la gestione di tre satelliti (MSG-1, MSG-2 e MSG-3), il primo dei quali dovrebbe essere lanciato verso la fine del 2000 per essere operativo all inizio del Allo stato attuale è previsto che il Programma finisca nel Lo stato dell arte della tecnologia di MSG è molto più avanzato di quello di MOP e MTP. Le caratteristiche sono infatti: dati digitali e analogici su dodici canali spettrali; ciclo temporale: 15 minuti; 33

5 risoluzione spaziale: 3 km nei canali dell IR e 1 km nel VIS ad ampio spettro; precisione in IR: 0.5 C. Con i satelliti MSG sarà possibile: migliorare sensibilmente il monitoraggio dell evoluzione dei sistemi nuvolosi e dei fenomeni associati ai fini delle previsioni meteo a brevissimo-breve termine, con la possibilità di effettuare analisi con metodi oggettivi; produrre dati elaborati molto più dettagliati (in particolare indici di instabilità atmosferica per la previsione precoce di fenomeni di particolare rilevanza per Difesa, protezione civile ed agricoltura) e utili come input di modelli ad alta risoluzione; osservare l evoluzione dello strato di confine fra l atmosfera turbolenta (i primi km) e l atmosfera superiore per fini aeronautici ed ambientali; migliorare la qualità e la quantità di osservazioni utili per la sorveglianza e lo studio del clima e dell ambiente e delle relative variazioni. I satelliti MSG continueranno ad essere anche utilizzati come mezzo di telecomunicazioni per diffondere le immagini da essi stessi riprese, raccogliere dati da stazioni automatiche al suolo e distribuire dati e prodotti meteo (MDD). Il Programma EPS Nel corso del vertice G7 tenutosi a Versailles nel 1984, l Europa riconobbe che avrebbe dovuto farsi carico di maggiori investimenti nella meteorologia spaziale, dal momento che il costo pro-capite dei satelliti meteorologici operativi per un cittadino americano era nettamente superiore a quello sostenuto da un cittadino europeo. Europa e Stati Uniti durante quel vertice crearono pertanto un Gruppo di lavoro denominato IPOMS (International Polar Orbiting Meteorological Satellite) che arrivò alla conclusione che i Paesi del vecchio continente avrebbero dovuto sviluppare e portare a livello operativo per gli anni 2000 un satellite polare meteorologico di nuova generazione destinato a contribuire, unitamente a quelli americani, a una adeguata copertura dell intero globo. A tale scopo in Europa venne avviata una collaborazione fra l ESA e l EU- METSAT rispettivamente per i Programmi METOP e EPS. All inizio degli anni 90 si è determinato un altro evento importante. Gli Stati Uniti hanno varato la cosiddetta convergenza nel settore spaziale fra militare e civile. In particolare questa nuova direttiva governativa comporta, per la meteorologia, sinergie fra il Dipartimento della Difesa (DoD), la NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) e la NASA (National Aeronautical and Space Administration). In tale quadro di riferimento, si è giunti a formalizzare la cooperazione EUROPA-USA, che è regolata da un Agreement fra EUMET- SAT e NOAA, che opera anche per conto del DoD e della NASA. Tale Agreement definisce la rete globale di satelliti meteorologici polari del primo ventennio degli anni 2000, gli strumenti imbarcati e la data policy. L evoluzione del sistema satellitare globale polare (IJPS - Initial Joint Polar System) fino presumibilmente al 2017 è quindi il seguente: allo stato attuale operano quattro satelliti polari, tutti americani: - due TIROS della NOAA; - due DMSP (Defense Meteorological Satellite Programme) del DoD; dall inizio degli anni 2000 al opereranno ancora quattro satelliti, tre americani e uno europeo: - un TIROS della NOAA; - due DMSP del DoD; - un METOP/EPS (il primo dei tre previsti, da lanciare nel 2003); dal , quando si completerà la convergenza fra militare e civile, opererà il definitivo Initial Joint Polar System USA- Europa, con soltanto tre satelliti, due americani e uno europeo: - due POESS (Polar Environmental Satellite System) di NOAA/DoD; - un METOP/EPS di EUMETSAT. Gli strumenti imbarcati sui satelliti METOP/EPS saranno i seguenti: Infrared Atmospheric Sounding Interferometer (IASI) per profili di temperatura; MicroWave Humidity Sounder (MHS) per misure di umidità; Advanced Scatterometer Measures near sur- 34

6 Il quartier generale EUMETSAT - Darmstadt (Germania) face /ASCAT) per misure di vento sugli oceani; High Resolution Infrared Sounder (HIRS) per misure di temperatura senza nubi; Advanced Very High Resolution Radiometer (AVHRR) per immagini ad alta risoluzione; Advanced Microwave Sounding Unit-A (AMSU-A) per misure di temperatura ognitempo; Global Ozone Monitoring Instrument (GOME) per misure di ozono; GNSS Receiver for Atmospheric Sounding (GRAS) per misure di temperatura nell alta atmosfera; Data Collection System Argos (DCS-Argos) per localizzazione stazioni e rilancio dati; Search and Rescue (S&R) per servizi di allerta ed emergenza e localizzazione sorgenti. Con i satelliti METOP/EPS dell Initial Joint Polar System sarà possibile monitorare operativamente la struttura tridimensionale dell atmosfera con altissimo dettaglio. La citata strumentazione imbarcata può essere raggruppata secondo le seguenti missioni. Telerilevamento di immagini Sarà possibile ottenere immagini (in 5 canali, 2 nel visibile e 3 nell infrarosso) di 4000x2000 km con risoluzione di circa 1 km. Dette immagini, nel canale del visibile, discriminano le nubi di ghiaccio da quelle di acqua liquida, informazione di particolare interesse per le attività di volo, per la protezione civile e l agricoltura. Nel canale dell infrarosso sarà possibile ottenere misure di temperatura (del mare e del top delle nubi) con una sensibilità di 0.1 C, informazione di particolare interesse per l attività di volo e per la navigazione marittima (sia di superficie che sommersa). Questi dati sono altresì di particolare rilevanza, fra l altro, per la protezione civile e l agricoltura. Profili di temperatura e umidità Con gli strumenti a microonde, in infrarosso ed onde radio, si ricostruiscono i profili verticali di temperatura e umidità con una accuratezza comparabile a quella dei radiosondaggi, sia nei bassi strati atmosferici che nell alta atmosfera. Con questi sondaggi tridimensionali dell atmosfera ad alta risoluzione ed ognitempo, non forniti da METEOSAT Transition Programme (MTP) e METEOSAT Second Generation (MSG), sarà possibile migliorare notevolmente la conoscenza di quelle grandezze che negli strati superficiali influenzano in maniera determinante le caratteristiche della propagazione elettromagnetica e, quindi, le capacità di avvistamento a distanza. Migliorerà altresì l input dei modelli fisico-matematici di atmosfera, che quindi potranno meglio rispondere alle esigenze di previsioni a breve e medio termine sia delle condizioni atmosferiche che dello stato del mare (si valuta che il range di prevedibilità nell emisfero nord cresca di circa due giorni). Venti sul mare e stato del mare Con i dati del radar ad apertura sintetica, è possibile ricostruire i venti alla superficie del mare e lo stato del mare con una risoluzione orizzontale di 25 km. Questi dati, poi, unitamente a quelli dei sondaggi, inseriti nei modelli fisico-matematici di aria/mare, consentono di migliorare in maniera sensibile la previsione del 35

7 vento nei bassi strati su terra e sul mare e dello stato del mare stesso. Più in generale, quindi, con EPS si avrà la possibilità di monitorare con continuità, su base planetaria e ad alta risoluzione, parametri atmosferici e superficiali di particolare interesse operativo. Si incrementerà pertanto la disponibilità di informazioni superficiali (immagini) ad alta risoluzione e di profili verticali dell atmosfera necessari per poter migliorare il nowcasting e la prevedibilità dei modelli atmosferici (circa due giorni) nell emisfero nord con ricadute di particolare rilevanza non solo per la programmazione e la gestione di operazioni militari di terra, di mare e di aria, ma anche, ad esempio, per protezione civile, agricoltura, ambiente e gestione del territorio, energia, trasporti, costruzioni, turismo e gestione del tempo libero, terziario avanzato, mass media. La disponibilità di questa eccellente base di dati finalizzati alla meteorologia operativa avrà ricadute collaterali anche per una rilevante e significativa sorveglianza sistematica di tipo climatico-ambientale, attesa la particolare valenza che gli strumenti imbarcati hanno per l osservazione della superficie dell oceano, per la chimica dell atmosfera e per i bilanci radioattivi. Infine, last but not the least, EPS rappresenta il primo esempio operativo globale di predisposizione del telerilevamento meteo al data denying, alla possibilità cioè di introdurre meccanismi di non disponibilità dell informazione su determinate aree e a determinate stazioni riceventi. Ciò comporta, durante periodi di crisi e a seguito di coordinamento fra USA ed Europa, sarà possibile rendere impossibile la ricezione in maniera selezionata, sia per area vista dal satellite, sia per sensore di rilevamento, sia infine per stazione ricevente. Quali prospettive per EUMETSAT? Considerazioni generali Finora tutti i Programmi di EUMETSAT sono stati sviluppati in stretta collaborazione con l ESA. I rapporti fra le due Agenzie sono stati finora soggetti a pressioni di tipo diverso, dal momento che in ESA la policy dei ritorni geografici, pur ammorbidita dal rapporto Delors dell inizio degli anni 90, condiziona la partecipazione nei progetti alla salvaguardia degli interessi nazionali, mentre in EUMETSAT ha finora prevalso l interesse tecnico-operativo, dal momento che i Programmi potevano essere soltanto quelli obbligatori, con una contribuzione in base al PNL. Ora la nuova Convenzione consente ad EUMETSAT di avviare progetti opzionali non più soggetti di principio a contribuzioni proporzionali al PNL, ma sui quali si può trattare di volta in volta. C è quindi uno spazio, pur limitato, anche per gli interessi nazionali. Ciò favorirà un esame di nuovi possibili Programmi in collaborazione fra ESA ed EUMETSAT portati avanti su basi paritetiche ed eventualmente condizionati da fattori meno diversi che in precedenza. Riguardo alla collaborazione transatlantica, va sottolineato che gli Stati Uniti, in linea con la Joint Vision del DoD oltre il 2010, hanno confermato nei primi incontri con EUMETSAT la dualità della tecnologia del telerilevamento ambientale. L esigenza del DoD continuerà pertanto a convergere nella NOAA/NASA, con gli ovvi vincoli di disponibilità dei dati nei casi di crisi (data denying). Nel contempo si sta avviando in Europa la European Security and Defense Identity. Ciò potrebbe portare anche nel vecchio continente alla definizione di un requisito militare unico per il telerilevamento meteo-ambientale e quindi a una convergenza di questo requisito in quello più generale a livello continentale, dove potrà operare con maggior forza rispetto alla situazione attuale, nella quale il coordinamento fra il civile e il militare deve avvenire invece a livello di singolo Paese membro. Riguardo poi agli aspetti tecnologici, merita di essere sottolineato l indirizzo che vede la sostituzione delle grandi piattaforme satellitari con sistemi di piccoli satelliti dedicati a singole specifiche funzioni, contribuendo così a far crescere l affidabilità e l efficacia del sistema complessivo. L affidabilità infatti non viene a dipendere più da poche grandi piattaforme che ospitano un payload complesso che svolge parecchie funzioni; inoltre l efficacia aumenta in quanto queste funzioni saranno svolte al meglio, senza essere soggette a vincoli derivanti dal fatto che oggi i sensori devono essere coospitati su piattaforme ed orbite non ottimali per tutti. Nei colloqui avviati fra Europa e USA per l analisi e la definizione di una strategia comune nel settore delle osservazioni della Terra per il dopo 2015 è stato, fra l altro, recepito l indirizzo verso l impiego di sistemi 36

8 di minisatelliti dedicati a specifiche osservazioni. Infine la ristrutturazione in corso dell industria europea porterà ad una aggregazione dell offerta nel settore del telerilevamento. Nell ipotesi più probabile che si venga a creare uno scenario con due o più grandi Consorzi nei vari settori e che quindi permanga una concorrenzialità in grado di generare competitività sia qualitativa che finanziaria, EUMETSAT potrà limitare la ricerca del soddisfacimento ottimale della sua esigenza ancora in Europa. Se invece la ristrutturazione in corso determinerà una mancanza di concorrenzialità a livello europeo, allora EUMETSAT si troverà costretto a ricercare il soddisfacimento della sua esigenza anche al di fuori dell Europa, mettendo quindi in concorrenza l industria europea con quella americana. E l Italia? In relazione alle citate prospettive generali, quali le considerazioni specifiche per l Italia e, in maniera più diretta, per la Difesa? I nuovi rapporti ESA-EUMETSAT che potranno essere instaurati in futuri possibili Programmi opzionali dovrebbero incidere sui comportamenti e sulle posizioni delle delegazioni nazionali nelle due Agenzie, dove il Paese è rappresentato rispettivamente dalla Difesa in EUMETSAT e dall Agenzia Spaziale Italiana in ESA. Dovrebbero pertanto essere favoriti coordinamenti basati su principi almeno simili o comparabili se non identici ed è da augurarsi quindi che vadano diminuendo nel futuro casi di posizioni fortemente differenziate nelle due Agenzie, come verificatosi per il Programma METOP/EPS. Per quanto riguarda poi la convergenza fra civile e militare e l iniziativa europea in termini di sicurezza e difesa, va considerato che, fra i Paesi dell Unione Europea, solo Grecia, Italia e Regno Unito hanno Servizi Meteorologici inseriti nella Difesa (nel Regno Unito si tratta in realtà ormai di una sorta di Agenzia Autonoma sotto la sorveglianza della Difesa) e che solo in Italia il Servizio è interamente militare. Si comprende quindi come nell ambito delle azioni volte a sviluppare l ESDI l Italia possa svolgere un ruolo di primo piano nel coordinamento e nella definizione del requisito tecnico-operativo nel settore della meteorologia e nella presentazione di questa esigenza in ambito EUMETSAT. Infine, in relazione alle nuove tecnologie dei minisatelliti e alla ristrutturazione dell industria europea, si può rilevare che, con questi nuovi indirizzi, possono aumentare le possibilità da parte di varie Agenzie nazionali di concorrere, ognuna per la sua piccola parte, ai grandi Programmi congiunti internazionali. L esperienza che l Italia sta maturando nei sistemi di piccoli satelliti (Progetto Cosmo-Skymed) può essere fatta opportunamente valere nei Programmi successivi a MSG ed EPS. Inoltre il fatto che le imprese nazionali di maggiore rilevanza alla fin fine si apprestano tutte ad essere presenti nei pochi grandi Consorzi che si stanno formando, unitamente alla citata strategia verso costellazioni di piccoli satelliti, potrebbe favorire la delegazione italiana in una morbida difesa degli interessi nazionali, che verrebbero appunto soddisfatti all interno di questi Consorzi e con il contributo a specifici sensori imbarcati su singole componenti del sistema globale (un approccio in qualche maniera simile a quello seguito nello sviluppo di EPS). Le Antenne Meteosat del Fucino 37

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio RUSSIA E OLTRE - RELAZIONI ECONOMICHE ED EQUILIBRI POLITICI RUSSIA: HIGH TECH ED ENERGIA, LE STRATEGIE E LE REGOLE Pavia 9 Ottobre 2009 Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio L. Zucconi Amministratore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

LEGGE RECANTE RATIFICA

LEGGE RECANTE RATIFICA DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL'ACCORDO DI COOPERAZIONE FRA L'UNIONE EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI, DA UNA PARTE, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL'ALTRA, SUI PROGRAMMI EUROPEI DI

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

0.423.13. Memorandum d intesa

0.423.13. Memorandum d intesa Traduzione 1 Memorandum d intesa sulla partecipazione alla fase di aggiornamento dei piani e sull intenzione di partecipare alla costruzione e alla gestione della fonte di spallazione europea di neutroni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Prospettive dei servizi di posizionamento

Prospettive dei servizi di posizionamento Politecnico di Milano Polo Regionale di Como Prospettive dei servizi di posizionamento Ludovico Biagi, Stefano Caldera, Fernando Sansò Presentazione della Rete di Stazioni Permanenti GNSS dell Emilia Romagna

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

RELAZIONE DELLA 3ª COMMISSIONE PERMANENTE DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1407-A. (Relatore BETTAMIO)

RELAZIONE DELLA 3ª COMMISSIONE PERMANENTE DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1407-A. (Relatore BETTAMIO) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1407-A RELAZIONE DELLA 3ª COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE) (Relatore BETTAMIO) Comunicata alla Presidenza il 23 marzo 2009 SUL DISEGNO DI LEGGE

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

allegato al Decreto n. 15/2006 N. assegni

allegato al Decreto n. 15/2006 N. assegni 2 3 Tematica Partecipazione al Programma Nazionale di Sviluppo, Integrazione e Circolarità del Patrimonio Informativo della Pubblica Amministrazione per assicurare l'interoperabilità e la cooperazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

di Franco Bassanini (Presidente della Cassa Depositi e Prestiti)

di Franco Bassanini (Presidente della Cassa Depositi e Prestiti) La nuova missione della Cassa Depositi e Prestiti (D.L. 31 marzo 2011, n. 34) e la definizione delle sue regole di ingaggio : primi elementi di valutazione di Franco Bassanini (Presidente della Cassa Depositi

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

I satelliti meteorologici

I satelliti meteorologici I satelliti meteorologici Nella meteorologia moderna i satelliti svolgono ormai un ruolo fondamentale: grazie a questi occhi in orbita attorno al nostro pianeta possiamo monitorare in tempo reale l evoluzione

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544 AUDIZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELL AEROSPAZIO, DIFESA E SICUREZZA () E DELL ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI, LE APPLICAZIONI E LE TECNOLOGIE ICT PER LO SPAZIO () AUDIZIONE INFORMALE NELL

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 59 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore BUTTI) approvata nella seduta pomeridiana del 20 ottobre

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte (segue dal precedente) Nei paragrafi successivi del Piano sono esposti gli obiettivi principali da conseguire

Dettagli

STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia. Roma, 26/03/2013

STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia. Roma, 26/03/2013 STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia Overview of meteo data policy in the international organization and the role of ITAF Meteorological Service WORKSHOP DATA POLICY

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 La relazione tra le varie fasi di lotta agli incendi e le competenze di Fires. La linea tratteggiata che lega il programma fires con il monitoraggio, sta a ricordare che il monitoraggio

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. (Applausi)

BOZZA NON CORRETTA. (Applausi) MAURO FACCHINI, Vice Capo Ufficio GMES della Direzione generale Imprese della Commissione europea. Signor Presidente, onorevoli deputati, direttore Liebig, signore e signori, innanzitutto vorrei esprimere

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

METEOROLOGA METEOROLOGO

METEOROLOGA METEOROLOGO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 METEOROLOGA METEOROLOGO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI)

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI) DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ PRESSO L UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA (QA USI) Entrata in vigore: 1 maggio 2007 Servizio Qualità USI - Servizio Ricerca USI-SUPSI Page 1 Accertamento

Dettagli

JOINT VENTURE USA - ITALIA

JOINT VENTURE USA - ITALIA JOINT VENTURE USA - ITALIA AZIENDA ITALIANA Sul mercato da 50 anni Progetta e produce prodotti metalmeccanici Leader in Europa nel suo settore AZIENDA AMERICANA Distribuisce merci e fornisce servizi Progetta,

Dettagli

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo La previsione meteo 1 I dati della rete di monitoraggio 2 Le immagini satellitari 3 Le immagini radar 4 I radiosondaggi 5 Le carte di analisi al suolo Nuovi metodi di osservazione e calcolo (1960-1980

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

XIII Conferenza EISC. Berlino 17-18 Ottobre 2011. Intervento dell on. Andrea Lulli

XIII Conferenza EISC. Berlino 17-18 Ottobre 2011. Intervento dell on. Andrea Lulli XIII Conferenza EISC Berlino 17-18 Ottobre 2011 Intervento dell on. Andrea Lulli In vista dei prossimi appuntamenti di fine anno europei, con lo Space Council del prossimo dicembre, è importante definire

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

Accordo multilaterale concernente i diritti commerciali per i trasporti aerei non regolari in Europa

Accordo multilaterale concernente i diritti commerciali per i trasporti aerei non regolari in Europa Traduzione 1 Accordo multilaterale concernente i diritti commerciali per i trasporti aerei non regolari in Europa 0.748.127.2 Conchiuso a Parigi il 30 aprile 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4

Dettagli

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione Attività e ricerche ISAC è il maggior istituto che opera sulle tematiche di scienze dell atmosfera e del clima nel CNR e in Italia. Le competenze dell Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima (ISAC)

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 95 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore SUSTA) approvata nella seduta del 2 luglio 2015 SULLA PROPOSTA

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Il primo MODIS (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer), integrato sul satellite. GIS Day 2006 Dal GIS al Geo-Web POLARIS, 22 Novembre 2006

Il primo MODIS (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer), integrato sul satellite. GIS Day 2006 Dal GIS al Geo-Web POLARIS, 22 Novembre 2006 Il primo MODIS (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer), integrato sul satellite TERRA, fu mandato in orbita il 18 dicembre 1999. Il 4 maggio 2002 fu lanciato il satellite AQUA con il secondo MODIS.

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI DINO BOGAZZI Direttore Qualità e Organizzazione Consorzio Cooperative Costruzioni e Vicepresidente Settore Costruzioni AICQ 1. Premessa Il

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli