Èormai diffusa la consapevolezza che

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Èormai diffusa la consapevolezza che"

Transcript

1 L OSSERVAZIONE DELLA TERRA PER LA METEOROLOGIA Stato attuale e prospettive in Europa e in Italia BRIG. GEN. CARLO FINIZIO Premessa Èormai diffusa la consapevolezza che l Era dell Informazione è iniziata e che essa caratterizzerà la prima parte del 21 secolo. Questa nuova era lascia intravedere, fra le altre cose, la trasformazione della natura delle operazioni militari, sì che negli Stati Uniti si parla apertamente di una Rivoluzione negli Affari Militari (RMA), governata dal ruolo dell informazione e delle sue tecnologie. In particolare, attraverso lo sviluppo tecnologico che caratterizzerà questa nuova Era, si dovrà perseguire la Superiorità informativa, e cioè la capacità di collezionare, processare e disseminare un flusso ininterrotto di informazioni, impedendone nel contempo la disponibilità alla parte avversa ; fattore che può far sì che il risultato di una operazione non sia più governato soltanto dalla entità e dalla qualità delle Forze in gioco (modello di Lanchester), ma anche - e forse soprattutto - dalla disponibilità di informazioni che possono costituire il valore aggiunto determinante per l impiego vincente delle Forze di una delle due parti. In tale contesto, come d altronde avviene ormai nella gran parte dei settori di Intelligence, assume valenza primaria il telerilevamento dallo spazio, anche quello meteoambientale. Non è un caso che la NATO ha riaffermato che l osservazione meteo da satelliti polari e geostazionari è essenziale per fornire il supporto di alta qualità richiesto dalle sue Forze, in qualsiasi parte del mondo esse si trovino ad operare, nonché la necessità che tale informazione sia opportunamente codificata, onde consentire la disponibilità selettiva dei dati nei casi e nelle aree di crisi. Come noto, in Italia il coordinamento delle attività di EUMETSAT, l Agenzia europea responsabile della gestione dei satelliti meteo operativi, è affidato alla Difesa, per il tramite del Servizio Meteorologico dell A.M., che opera a supporto di Esercito, Marina e Aeronautica nel fornire l informazione meteoambientale atta ad ottimizzare la programmazione e la gestione delle attività addestrative e operative nelle quali oggi le FF.AA. sono impiegate. Un compito impegnativo per la Difesa e di grande responsabilità verso il Paese, anche alla luce della importanza del telerilevamento meteo per moltissimi altri settori nazionali di elevata valenza socio-economica. Un impegno vieppiù accresciuto ora che il 21 marzo u.s. la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva il Disegno di legge 6406 Ratifica ed esecuzione degli emendamenti alla Convenzione istitutiva dell Organizzazione europea per l esercizio dei satelliti meteorologici - EUMET- SAT - adottati a Berna dall Assemblea delle Parti nel corso della XV riunione, il 4-5 giugno 1991, che recepisce anche in Italia il nuovo Protocollo emendativo della Convenzione di 30

2 EUMETSAT, con il quale l Agenzia europea si proietta negli anni 2000 in un quadro giuridico che le consente di competere/cooperare a pieno titolo con le corrispondenti Agenzie americane (NOAA e NASA) e, tramite di esse, con il DoD degli Stati Uniti. Le origini delle osservazioni meteo da satellite Il 4 ottobre 1957, quando fu lanciato il primo satellite artificiale terrestre (SPUTNIK- 1), l impressione fu enorme non solo nella pubblica opinione ma anche in tutti gli ambienti scientifici. In quei giorni era in corso a Ginevra la IX Sessione del Consiglio Esecutivo dell Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) e furono percepite immediatamente le potenzialità di questa nuova tecnologia per soddisfare l esigenza di un sistema osservativo meteo in grado di coprire tutto il globo. Nell aprile/maggio 1958, dopo gli ulteriori lanci di SPUTNIK-2 (3 novembre 1957) da parte dell Unione Sovietica e di EXPLORER-1 (2 gennaio 1958) da parte degli Stati Uniti, l OMM creò un Panel di Esperti sui Satelliti Artificiali per definire le proposte per l uso dei satelliti nella meteorologia operativa e nella ricerca fondamentale nelle scienze dell atmosfera. Fu così che si arrivò, appena tre anni dopo (1 aprile 1960), al lancio del primo satellite meteorologico (TIROS-1) da parte degli Stati Uniti e che il 20 dicembre 1961 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò all unanimità la Risoluzione 1721 (XVI); in essa si riconosceva che l avvento dei satelliti meteorologici offriva sostanziali opportunità per miglioramenti nei servizi meteorologici e per progressi nelle scienze atmosferiche e si raccomandava pertanto a tutti gli Stati Membri dell ONU e a tutte le Agenzie internazionali specializzate, in particolare all OMM, di sviluppare sistemi integrati di previsioni del tempo e di monitoraggio del clima, facendo un uso efficace anche delle nuove potenzialità tecnologiche del telerilevamento dallo spazio. Di conseguenza, nella IV Sessione del Congresso dell OMM (primavera del 1963) fu introdotto il concetto di Veglia Meteorologica Mondiale (World Weather Watch - WWW), il più importante Programma dell OMM basato su tre componenti, rispettivamente per le osservazioni (Global Observing System - GOS), lo scambio dei dati in tempo reale (Global Telecommunication System - GTS) e l elaborazione dei dati (Global Data Processing System - GDPS). In tale contesto la tecnologia dei satelliti meteo doveva dare un contributo fondamentale al Sistema Osservativo Globale e al Sistema di Telecomunicazioni Globali. Da quel lontano 1 aprile 1960, quando fu lanciato il primo satellite meteorologico, sono ormai passati quaranta anni e i satelliti meteorologici geostazionari e polari rappresentano la componente più importante ed onerosa del Sistema Osservativo Globale per il monitoraggio sia del tempo che del clima. La nascita di EUMETSAT L importanza del telerilevamento dallo spazio per la meteorologia fu immediatamente percepita anche in Europa, così come fu riconosciuta in tempi brevi l esigenza che il vecchio continente contribuisse, accanto a USA e URSS, alla rete di satelliti meteorologici necessaria a coprire l intero globo. Fu così che nel 1972 fu avviato un Programma ad hoc nell ESRO (European Space Research Organization), oggi ESA (European Space Agency), e che il 23 novembre 1977 fu lanciato il satellite geostazionario METEOSAT-1. I Paesi membri di EUMETSAT 31

3 Nel 1981, dopo il lancio di METEOSAT-2, la Conferenza Intergovernativa di 17 Paesi convenne sulla necessità di assicurare continuità operativa al satellite geostazionario europeo e nel 1983 decise che, a questo scopo, era necessaria l istituzione di un nuovo Ente europeo, concordando sulla Convenzione istitutiva della futura Agenzia EUMET- SAT. Nel 1986 la ratifica della Convenzione fu ottenuta da 16 Paesi membri (Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Turchia) e quindi, proprio dopo pochi giorni la ratifica italiana (legge 14 giugno 1986, n. 265), il 19 giugno 1986 ha iniziato ad operare ufficialmente EUMETSAT, contribuendo con i suoi Programmi al telerilevamento meteorologico da satellite. Oggi i Paesi membri sono 17, in quanto nel dicembre 1993 anche l Austria ha aderito ad EUMET- SAT. La nuova convenzione Nel 1991 giunse a maturazione il negoziato volto a definire numerosi emendamenti alla Convenzione istitutiva di EUMETSAT, in quanto nel corso del primo periodo della sua applicazione, erano emerse alcune esigenze per adattare il mandato e il funzionamento dell Organizzazione alle mutate circostanze dovute agli sviluppi tecnico-scientifici ed ai nuovi orientamenti operativi dell Agenzia Spaziale Europea. In effetti le modifiche alla Convenzione partono dal presupposto di attribuire all Ente una competenza più ampia per l osservazione della terra e del suo clima, anche in considerazione del successo del programma MOP (METEOSAT Operation Programme) che, inizialmente concepito dall ESA, è poi stato attribuito ad EUMETSAT, di cui ha costituito a tutt oggi la realizzazione di maggior rilievo. Il satellite Meteosat Inoltre ESA sta ormai abbandonando il ruolo di sviluppo dei programmi in campo meteorologico, per trasferirlo ad EUMETSAT che ne ha sempre svolto compiti di controllo e di gestione. Si sono infine delineate, in seno alla Commissione dell Unione Europea, tendenze ad attribuire, in prospettiva, competenze operative in materia di monitoraggio ambientale ad EUMETSAT. Il Protocollo emendativo approvato si ispira pertanto a questa esigenza di aggiornamento e configura un nuovo rafforzato profilo per EUMETSAT, il cui mandato, accanto all obbiettivo primario incentrato su realizzazione, mantenimento e gestione di sistemi europei di satelliti meteorologici operativi viene esteso per contribuire al monitoraggio del clima e dei cambiamenti climatici a scala planetaria. L altro importante elemento di novità nel Protocollo emendativo è il concetto di Programma opzionale in essa contemplato. Ciò a differenza dell attuale situazione secondo la quale tutti i Programmi dell EUMETSAT hanno carattere obbligatorio e tutti i Paesi Membri contribuiscono al loro finanziamento in proporzione al loro Prodotto Nazionale Lordo. Il varo di Programmi opzionali può avvenire invece attraverso la adozione di una dichiarazione programmatica dei Paesi membri interessati alla partecipazione, che costituisce la base di partenza per tutti gli aspetti tecnici, finanziari, contrattuali, legali e per tutti 32

4 gli altri elementi relativi al programma. In definitiva un Protocollo emendativo che dà più forza ad EUMETSAT, rappresenta un importante passo per dare maggiore flessibilità ai suoi Programmi, estendendoli anche all area climatico-ambientale, porta il telerilevamento meteoambientale europeo allo stesso livello degli Stati Uniti e, in definitiva, costituisce una occasione importante per tutta l industria europea del settore per svilupparsi ed accrescere la sua competitività rispetto ai partners americani. Con la ratifica dell Italia del 21 marzo u.s., a tutt oggi 16 dei 17 Stati membri hanno approvato la nuova Convenzione. Quando, con l approvazione formale della Grecia, sarà stata sottoscritta da tutti gli Stati membri, essa entrerà in vigore e verrà registrata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, come previsto dall art. 102 della Carta delle Nazioni Unite. I programmi di EUMETSAT I Programmi attuali sono tre, rispettivamente METEOSAT Transition Programme (MTP), METEOSAT Second Generation (MSG) ed European Polar System (EPS). Il Programma MTP MTP assicura la continuità del telerilevamento meteo fra il METEOSAT Operation Programme (MOP), il primo programma di EUMETSAT, ormai concluso, e il METEO- SAT Second Generation (MSG), il Programma dei satelliti meteo geostazionari degli anni È iniziato nel 1991 e comporta la gestione delle operazioni dei satelliti METEOSAT-5, 6 e 7. Allo stato attuale è previsto che il Programma finisca nel Il contributo di MTP al sistema osservativo e lo stato dell arte della sua tecnologia è dello stesso livello del MOP. Le caratteristiche sono infatti: dati digitali e analogici su tre canali spettrali, rispettivamente visibile (VIS), infrarosso termico (IR) e banda di assorbimento del vapor d acqua in infrarosso (WV); ciclo temporale: 30 minuti; risoluzione spaziale: 5 km in IR e WV, 2.5 km nel VIS; precisione in IR: 0.5 C. Con i satelliti MTP è possibile: osservare ed elaborare con alta risoluzione temporale l evoluzione dei sistemi nuvolosi e dei fenomeni associati ai fini delle previsioni meteo a brevissimo-breve termine (di elevata rilevanza, in particolare per Difesa, assistenza al volo, protezione civile, agricoltura, etc.); produrre dati elaborati utili per le previsioni a breve-medio termine, in particolare per Difesa, trasporti, energia, ambiente, agricoltura, tempo libero, etc.; derivare osservazioni utili per la sorveglianza del clima e delle sue possibili variazioni. I satelliti MTP sono anche utilizzati come mezzo di telecomunicazioni per: diffondere le immagini da essi stessi riprese, dopo pre-elaborazione al suolo; raccogliere dati da stazioni automatiche al suolo e diffonderli nei canali TLC meteo; distribuire dati e prodotti della World Weathewr Watch dell OMM e di rilevanza ICAO verso centri non o mal connessi con il Global Telecommunication System dell OMM (Meteorological Data Distribution - MDD) e/o verso stazioni isolate. La PGS (Primary Ground Station) del Programma MTP è al Fucino e costituisce la prima struttura di EUMETSAT ubicata fuori la Germania, remota cioè rispetto alla sede di EUMETSAT, localizzata a Darmstadt. Il Programma MSG MSG rappresenta il Programma di satelliti geostazionari europei degli anni E iniziato nel 1994, è svolto in collaborazione con l ESA ed include lo sviluppo, la preparazione, il lancio e la gestione di tre satelliti (MSG-1, MSG-2 e MSG-3), il primo dei quali dovrebbe essere lanciato verso la fine del 2000 per essere operativo all inizio del Allo stato attuale è previsto che il Programma finisca nel Lo stato dell arte della tecnologia di MSG è molto più avanzato di quello di MOP e MTP. Le caratteristiche sono infatti: dati digitali e analogici su dodici canali spettrali; ciclo temporale: 15 minuti; 33

5 risoluzione spaziale: 3 km nei canali dell IR e 1 km nel VIS ad ampio spettro; precisione in IR: 0.5 C. Con i satelliti MSG sarà possibile: migliorare sensibilmente il monitoraggio dell evoluzione dei sistemi nuvolosi e dei fenomeni associati ai fini delle previsioni meteo a brevissimo-breve termine, con la possibilità di effettuare analisi con metodi oggettivi; produrre dati elaborati molto più dettagliati (in particolare indici di instabilità atmosferica per la previsione precoce di fenomeni di particolare rilevanza per Difesa, protezione civile ed agricoltura) e utili come input di modelli ad alta risoluzione; osservare l evoluzione dello strato di confine fra l atmosfera turbolenta (i primi km) e l atmosfera superiore per fini aeronautici ed ambientali; migliorare la qualità e la quantità di osservazioni utili per la sorveglianza e lo studio del clima e dell ambiente e delle relative variazioni. I satelliti MSG continueranno ad essere anche utilizzati come mezzo di telecomunicazioni per diffondere le immagini da essi stessi riprese, raccogliere dati da stazioni automatiche al suolo e distribuire dati e prodotti meteo (MDD). Il Programma EPS Nel corso del vertice G7 tenutosi a Versailles nel 1984, l Europa riconobbe che avrebbe dovuto farsi carico di maggiori investimenti nella meteorologia spaziale, dal momento che il costo pro-capite dei satelliti meteorologici operativi per un cittadino americano era nettamente superiore a quello sostenuto da un cittadino europeo. Europa e Stati Uniti durante quel vertice crearono pertanto un Gruppo di lavoro denominato IPOMS (International Polar Orbiting Meteorological Satellite) che arrivò alla conclusione che i Paesi del vecchio continente avrebbero dovuto sviluppare e portare a livello operativo per gli anni 2000 un satellite polare meteorologico di nuova generazione destinato a contribuire, unitamente a quelli americani, a una adeguata copertura dell intero globo. A tale scopo in Europa venne avviata una collaborazione fra l ESA e l EU- METSAT rispettivamente per i Programmi METOP e EPS. All inizio degli anni 90 si è determinato un altro evento importante. Gli Stati Uniti hanno varato la cosiddetta convergenza nel settore spaziale fra militare e civile. In particolare questa nuova direttiva governativa comporta, per la meteorologia, sinergie fra il Dipartimento della Difesa (DoD), la NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) e la NASA (National Aeronautical and Space Administration). In tale quadro di riferimento, si è giunti a formalizzare la cooperazione EUROPA-USA, che è regolata da un Agreement fra EUMET- SAT e NOAA, che opera anche per conto del DoD e della NASA. Tale Agreement definisce la rete globale di satelliti meteorologici polari del primo ventennio degli anni 2000, gli strumenti imbarcati e la data policy. L evoluzione del sistema satellitare globale polare (IJPS - Initial Joint Polar System) fino presumibilmente al 2017 è quindi il seguente: allo stato attuale operano quattro satelliti polari, tutti americani: - due TIROS della NOAA; - due DMSP (Defense Meteorological Satellite Programme) del DoD; dall inizio degli anni 2000 al opereranno ancora quattro satelliti, tre americani e uno europeo: - un TIROS della NOAA; - due DMSP del DoD; - un METOP/EPS (il primo dei tre previsti, da lanciare nel 2003); dal , quando si completerà la convergenza fra militare e civile, opererà il definitivo Initial Joint Polar System USA- Europa, con soltanto tre satelliti, due americani e uno europeo: - due POESS (Polar Environmental Satellite System) di NOAA/DoD; - un METOP/EPS di EUMETSAT. Gli strumenti imbarcati sui satelliti METOP/EPS saranno i seguenti: Infrared Atmospheric Sounding Interferometer (IASI) per profili di temperatura; MicroWave Humidity Sounder (MHS) per misure di umidità; Advanced Scatterometer Measures near sur- 34

6 Il quartier generale EUMETSAT - Darmstadt (Germania) face /ASCAT) per misure di vento sugli oceani; High Resolution Infrared Sounder (HIRS) per misure di temperatura senza nubi; Advanced Very High Resolution Radiometer (AVHRR) per immagini ad alta risoluzione; Advanced Microwave Sounding Unit-A (AMSU-A) per misure di temperatura ognitempo; Global Ozone Monitoring Instrument (GOME) per misure di ozono; GNSS Receiver for Atmospheric Sounding (GRAS) per misure di temperatura nell alta atmosfera; Data Collection System Argos (DCS-Argos) per localizzazione stazioni e rilancio dati; Search and Rescue (S&R) per servizi di allerta ed emergenza e localizzazione sorgenti. Con i satelliti METOP/EPS dell Initial Joint Polar System sarà possibile monitorare operativamente la struttura tridimensionale dell atmosfera con altissimo dettaglio. La citata strumentazione imbarcata può essere raggruppata secondo le seguenti missioni. Telerilevamento di immagini Sarà possibile ottenere immagini (in 5 canali, 2 nel visibile e 3 nell infrarosso) di 4000x2000 km con risoluzione di circa 1 km. Dette immagini, nel canale del visibile, discriminano le nubi di ghiaccio da quelle di acqua liquida, informazione di particolare interesse per le attività di volo, per la protezione civile e l agricoltura. Nel canale dell infrarosso sarà possibile ottenere misure di temperatura (del mare e del top delle nubi) con una sensibilità di 0.1 C, informazione di particolare interesse per l attività di volo e per la navigazione marittima (sia di superficie che sommersa). Questi dati sono altresì di particolare rilevanza, fra l altro, per la protezione civile e l agricoltura. Profili di temperatura e umidità Con gli strumenti a microonde, in infrarosso ed onde radio, si ricostruiscono i profili verticali di temperatura e umidità con una accuratezza comparabile a quella dei radiosondaggi, sia nei bassi strati atmosferici che nell alta atmosfera. Con questi sondaggi tridimensionali dell atmosfera ad alta risoluzione ed ognitempo, non forniti da METEOSAT Transition Programme (MTP) e METEOSAT Second Generation (MSG), sarà possibile migliorare notevolmente la conoscenza di quelle grandezze che negli strati superficiali influenzano in maniera determinante le caratteristiche della propagazione elettromagnetica e, quindi, le capacità di avvistamento a distanza. Migliorerà altresì l input dei modelli fisico-matematici di atmosfera, che quindi potranno meglio rispondere alle esigenze di previsioni a breve e medio termine sia delle condizioni atmosferiche che dello stato del mare (si valuta che il range di prevedibilità nell emisfero nord cresca di circa due giorni). Venti sul mare e stato del mare Con i dati del radar ad apertura sintetica, è possibile ricostruire i venti alla superficie del mare e lo stato del mare con una risoluzione orizzontale di 25 km. Questi dati, poi, unitamente a quelli dei sondaggi, inseriti nei modelli fisico-matematici di aria/mare, consentono di migliorare in maniera sensibile la previsione del 35

7 vento nei bassi strati su terra e sul mare e dello stato del mare stesso. Più in generale, quindi, con EPS si avrà la possibilità di monitorare con continuità, su base planetaria e ad alta risoluzione, parametri atmosferici e superficiali di particolare interesse operativo. Si incrementerà pertanto la disponibilità di informazioni superficiali (immagini) ad alta risoluzione e di profili verticali dell atmosfera necessari per poter migliorare il nowcasting e la prevedibilità dei modelli atmosferici (circa due giorni) nell emisfero nord con ricadute di particolare rilevanza non solo per la programmazione e la gestione di operazioni militari di terra, di mare e di aria, ma anche, ad esempio, per protezione civile, agricoltura, ambiente e gestione del territorio, energia, trasporti, costruzioni, turismo e gestione del tempo libero, terziario avanzato, mass media. La disponibilità di questa eccellente base di dati finalizzati alla meteorologia operativa avrà ricadute collaterali anche per una rilevante e significativa sorveglianza sistematica di tipo climatico-ambientale, attesa la particolare valenza che gli strumenti imbarcati hanno per l osservazione della superficie dell oceano, per la chimica dell atmosfera e per i bilanci radioattivi. Infine, last but not the least, EPS rappresenta il primo esempio operativo globale di predisposizione del telerilevamento meteo al data denying, alla possibilità cioè di introdurre meccanismi di non disponibilità dell informazione su determinate aree e a determinate stazioni riceventi. Ciò comporta, durante periodi di crisi e a seguito di coordinamento fra USA ed Europa, sarà possibile rendere impossibile la ricezione in maniera selezionata, sia per area vista dal satellite, sia per sensore di rilevamento, sia infine per stazione ricevente. Quali prospettive per EUMETSAT? Considerazioni generali Finora tutti i Programmi di EUMETSAT sono stati sviluppati in stretta collaborazione con l ESA. I rapporti fra le due Agenzie sono stati finora soggetti a pressioni di tipo diverso, dal momento che in ESA la policy dei ritorni geografici, pur ammorbidita dal rapporto Delors dell inizio degli anni 90, condiziona la partecipazione nei progetti alla salvaguardia degli interessi nazionali, mentre in EUMETSAT ha finora prevalso l interesse tecnico-operativo, dal momento che i Programmi potevano essere soltanto quelli obbligatori, con una contribuzione in base al PNL. Ora la nuova Convenzione consente ad EUMETSAT di avviare progetti opzionali non più soggetti di principio a contribuzioni proporzionali al PNL, ma sui quali si può trattare di volta in volta. C è quindi uno spazio, pur limitato, anche per gli interessi nazionali. Ciò favorirà un esame di nuovi possibili Programmi in collaborazione fra ESA ed EUMETSAT portati avanti su basi paritetiche ed eventualmente condizionati da fattori meno diversi che in precedenza. Riguardo alla collaborazione transatlantica, va sottolineato che gli Stati Uniti, in linea con la Joint Vision del DoD oltre il 2010, hanno confermato nei primi incontri con EUMETSAT la dualità della tecnologia del telerilevamento ambientale. L esigenza del DoD continuerà pertanto a convergere nella NOAA/NASA, con gli ovvi vincoli di disponibilità dei dati nei casi di crisi (data denying). Nel contempo si sta avviando in Europa la European Security and Defense Identity. Ciò potrebbe portare anche nel vecchio continente alla definizione di un requisito militare unico per il telerilevamento meteo-ambientale e quindi a una convergenza di questo requisito in quello più generale a livello continentale, dove potrà operare con maggior forza rispetto alla situazione attuale, nella quale il coordinamento fra il civile e il militare deve avvenire invece a livello di singolo Paese membro. Riguardo poi agli aspetti tecnologici, merita di essere sottolineato l indirizzo che vede la sostituzione delle grandi piattaforme satellitari con sistemi di piccoli satelliti dedicati a singole specifiche funzioni, contribuendo così a far crescere l affidabilità e l efficacia del sistema complessivo. L affidabilità infatti non viene a dipendere più da poche grandi piattaforme che ospitano un payload complesso che svolge parecchie funzioni; inoltre l efficacia aumenta in quanto queste funzioni saranno svolte al meglio, senza essere soggette a vincoli derivanti dal fatto che oggi i sensori devono essere coospitati su piattaforme ed orbite non ottimali per tutti. Nei colloqui avviati fra Europa e USA per l analisi e la definizione di una strategia comune nel settore delle osservazioni della Terra per il dopo 2015 è stato, fra l altro, recepito l indirizzo verso l impiego di sistemi 36

8 di minisatelliti dedicati a specifiche osservazioni. Infine la ristrutturazione in corso dell industria europea porterà ad una aggregazione dell offerta nel settore del telerilevamento. Nell ipotesi più probabile che si venga a creare uno scenario con due o più grandi Consorzi nei vari settori e che quindi permanga una concorrenzialità in grado di generare competitività sia qualitativa che finanziaria, EUMETSAT potrà limitare la ricerca del soddisfacimento ottimale della sua esigenza ancora in Europa. Se invece la ristrutturazione in corso determinerà una mancanza di concorrenzialità a livello europeo, allora EUMETSAT si troverà costretto a ricercare il soddisfacimento della sua esigenza anche al di fuori dell Europa, mettendo quindi in concorrenza l industria europea con quella americana. E l Italia? In relazione alle citate prospettive generali, quali le considerazioni specifiche per l Italia e, in maniera più diretta, per la Difesa? I nuovi rapporti ESA-EUMETSAT che potranno essere instaurati in futuri possibili Programmi opzionali dovrebbero incidere sui comportamenti e sulle posizioni delle delegazioni nazionali nelle due Agenzie, dove il Paese è rappresentato rispettivamente dalla Difesa in EUMETSAT e dall Agenzia Spaziale Italiana in ESA. Dovrebbero pertanto essere favoriti coordinamenti basati su principi almeno simili o comparabili se non identici ed è da augurarsi quindi che vadano diminuendo nel futuro casi di posizioni fortemente differenziate nelle due Agenzie, come verificatosi per il Programma METOP/EPS. Per quanto riguarda poi la convergenza fra civile e militare e l iniziativa europea in termini di sicurezza e difesa, va considerato che, fra i Paesi dell Unione Europea, solo Grecia, Italia e Regno Unito hanno Servizi Meteorologici inseriti nella Difesa (nel Regno Unito si tratta in realtà ormai di una sorta di Agenzia Autonoma sotto la sorveglianza della Difesa) e che solo in Italia il Servizio è interamente militare. Si comprende quindi come nell ambito delle azioni volte a sviluppare l ESDI l Italia possa svolgere un ruolo di primo piano nel coordinamento e nella definizione del requisito tecnico-operativo nel settore della meteorologia e nella presentazione di questa esigenza in ambito EUMETSAT. Infine, in relazione alle nuove tecnologie dei minisatelliti e alla ristrutturazione dell industria europea, si può rilevare che, con questi nuovi indirizzi, possono aumentare le possibilità da parte di varie Agenzie nazionali di concorrere, ognuna per la sua piccola parte, ai grandi Programmi congiunti internazionali. L esperienza che l Italia sta maturando nei sistemi di piccoli satelliti (Progetto Cosmo-Skymed) può essere fatta opportunamente valere nei Programmi successivi a MSG ed EPS. Inoltre il fatto che le imprese nazionali di maggiore rilevanza alla fin fine si apprestano tutte ad essere presenti nei pochi grandi Consorzi che si stanno formando, unitamente alla citata strategia verso costellazioni di piccoli satelliti, potrebbe favorire la delegazione italiana in una morbida difesa degli interessi nazionali, che verrebbero appunto soddisfatti all interno di questi Consorzi e con il contributo a specifici sensori imbarcati su singole componenti del sistema globale (un approccio in qualche maniera simile a quello seguito nello sviluppo di EPS). Le Antenne Meteosat del Fucino 37

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri.

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri. Propagazione sui 20 metri Dopo la serie di articoli precedentemente pubblicati, inizia qui una nuova collana dedicata allo studio della propagazione sulle gamme amatoriali più alte delle onde corte, questa

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Propagazione sui 10 metri

Propagazione sui 10 metri Propagazione sui 10 metri Caratteristiche generali Sono possibili collegamenti a brevi distanza sfruttando una moderata curvatura delle onde dovuta alla troposfera, che permette collegamenti oltre la portata

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli