Analisi da telerilevamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi da telerilevamento"

Transcript

1 Analisi da telerilevamento Analisi da telerilevamento

2

3 Introduzione Il progetto ha previsto la sperimentazione e lo sviluppo di tecniche innovative di telerilevamento applicate all'individuazione, al monitoraggio e alla gestione dei vigneti in aree viticole ubicate nelle tre Regioni interessate dal Contratto di Filiera Territori DiVini (Piemonte, Toscana e Veneto), in funzione dell'elevazione e della stabilizzazione degli standard qualitativi. Le informazioni ottenute da piattaforma satellitare, oggi relativamente economiche e disponibili, sono state integrate da voli su aree specifiche con aeromobili attrezzati con radiometri iperspettrali e con rilievi iperspettrali di proximal sensing. È stata esplorata la possibilità di determinare le firme spettrali caratteristiche delle varietà e verificata la relazione tra indici di vegetazione telerilevati, parametri della vegetazione e risultati qualitativi. Vini di elevata qualità segnalati nelle aree di indagine sono stati interpretati alla luce dei parametri telerilevati. L'obiettivo generale della ricerca Analisi da telerilevamento è stato la messa a punto di tecnologie efficaci ai fini del miglioramento qualitativo dei vini e dell'aumento del loro valore. Gli obiettivi specifici della linea di ricerca sono relativi al segmento "vigneto" della filiera e più precisamente alla razionalizzazione della gestione del vigneto per ottenere le uve più adatte come stato di maturazione e di composizione alla produzione di vini tipici delle zone interessate dal progetto tenendo conto dell'esistente variabilità spaziale tra vigneti e nell'ambito del vigneto. 97

4 1. TECNICHE DI TELERILEVAMENTO IMPIEGATE Nell'ambito della linea di ricerca Analisi da Telerilevamento sono stati utilizzati tre diversi approcci metodologici allo studio del territorio vitato. Le metodologie e le tecniche di telerilevamento differiscono per la scala spaziale e temporale a cui vengono applicate, per la risoluzione spettrale e pertanto vanno scelte in relazione all'obiettivo di studio prefissato. Le tecniche di telerilevamento utilizzate ai fini del progetto di ricerca possono essere quindi così distinte in tre categorie applicative e vengono di seguito brevemente introdotte: 1.1 TELERILEVAMENTO SATELLITARE La disponibilità di satelliti ottici commerciali con a bordo sensori ad alta risoluzione fornisce una importante opportunità di acquisizione di immagini pancromatiche e di immagini multi-spettrali; le elevate risoluzioni spaziali raggiungibili hanno aperto interessanti prospettive nel campo dell'analisi multi-spettrale dell'ambiente. I sistemi di osservazione ottica dallo spazio sono oggi configurati su modalità operative in grado di fornire informazioni di elevata qualità anche a media e grande scala. Le principali applicazioni operative nel settore agricolo si basano appunto su immagini satellitari con risoluzione geometrica media e alta (es.: 15 m per Landsat 7; 6 m per IRS-1C e Spot4; 2,5 m per Spot5; 1-4 m per Quickbird e Ikonos2). Non mancano comunque applicazioni anche a piccola scala (continentale, globale), con immagini acquisite da sensori a bassa o bassissima risoluzione geometrica (es.: 180 m per IRS- WiFS, 250 m per Modis Terra e Aqua, 1 km per NOAA AVHRR e Spot Vegetation), soprattutto quando sono richieste riprese multi-temporali in tempi molto ravvicinati, per studi di monitoraggio ambientale. 1.2 TELERILEVAMENTO AEREO MULTI- E IPER-SPETTRALE I sensori per il telerilevamento avio-trasportati sono montati su un aereo per ottenere immagini della superficie terrestre. Un vantaggio del telerilevamento aereo rispetto a quello satellitare, è la capacità di raggiungere una risoluzione spaziale delle immagini molto elevata (20 cm o meno). Gli svantaggi, invece, sono una bassa area di copertura e l'alto costo per unità di superficie di copertura del suolo e a differenza dei satelliti che spesso offrono la possibilità di un monitoraggio temporale, i sensori aero-portati sono spesso realizzati una volta sola durante la stagione vegetativa. I sensori iper-spettrali sono in grado di raggiungere una elevata risoluzione spettrale generalmente di circa bande spettrali di larghezze relativamente strette (5-10 nm), mentre, i sensori multispettrali raggiungono risoluzioni spettrali più ridotte, solitamente di circa 5-10 bande relativamente grandi ( nm). La ripresa simultanea di un alto numero di canali con un'alta risoluzione spettrale e spaziale, richiede l'utilizzo di una tecnologia molto avanzata per le ottiche e per i sensori, e necessita ovviamente competenze specifiche per il trattamento e la registrazione della grande quantità di dati prodotta. 1.3 TELERILEVAMENTO E CLIMATOLOGIA Nella moderna agrometeorologia le informazioni comunemente fornite dalle stazioni meteorologiche, sia locali che sinottiche, quali precipitazioni, temperatura e umidità relativa, sono sempre più spesso integrate non solo dalle immagini telerilevate, ma anche da indici e variabili climatiche a larga scala allo scopo di spiegare e prevedere il comportamento fenologico e produttivo delle colture (Atkinson et al., 2005). L'aspetto previsionale legato all'uso di alcuni indici climatici quali il North Atlantic Oscillation (NAO), la Sea Surface Temperature (SST) ed il Geopotential Height (GPH) ben si integra e completa l'analisi di tipo spaziale che si può ottenere dalle immagini telerilevate. Tali indici sono legati alla circolazione delle masse d'aria e sono in grado di influenzare il clima in Europa, incidendo soprattutto sulla traiettoria delle perturbazioni atlantiche, sull'origine delle precipitazioni e sulla determinazione dei flussi di calore fra mare e atmosfera, responsabili dei principali fenomeni meteorologici e climatici a varie scale (Hurrell, 1995; Jones et al., 1997). Gli studi sulle relazioni fra parametri qualitativi delle produzioni e indici climatici comunemente impiegati per le previsioni meteorologiche sono molti recente e attualmente, nelle nostre zone, le principali ricerche sono state effettuate su grano e vite (Grifoni et al., 2006; Dalla Marta et al., 2010; Dalla Marta et al., 2011). 98

5 2. REGIONE VENETO F. Meggio, G. Fila, L. M. Veilleux, C. Giulivo e A. Pitacco Università degli Studi di Padova, Dip. di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali 2.1 CLIMATOLOGIA - GENERAZIONE DI MAPPE CLIMATICHE GIORNALIERE AD ALTA RISOLUZIONE SPAZIALE PER LA STIMA DI VARIABILI DI INTERESSE GESTIONALE L'agroclimatologia può dare un rilevante contributo conoscitivo importante per individuare le aree del territorio regionale più adatte per una moderna viticoltura di qualità. Una completa conoscenza delle relazioni esistenti tra parametri analitici dell'uva, dei vini e dei parametri meteorologici, è infatti di sicuro interesse soprattutto ai fini di effettuare delle corrette previsioni vendemmiali. La temperatura e l'acqua rappresentano le variabili ambientali maggiormente influenti sull'insieme dei processi di maturazione, in virtù del fatto che anche piccole variazioni nei loro livelli hanno degli effetti evidenti sui processi fisiologici che portano alla maturazione delle uve. Per quanto riguarda le precipitazioni e l'umidità dei suoli è noto che eccessi di vigoria, maturazioni complete delle bacche, elevati livelli di acido malico sono spesso associati ad un'eccessiva e prolungata disponibilità idrica. Va infine ricordato che per una corretta interpretazione dell'effetto che il clima può esercitare sulla viticoltura in un determinato sito, i vari elementi che lo caratterizzano vanno visti congiuntamente ed in interazione tra loro: così la temperatura viene associata alle ore di luce e all'insolazione. La combinazione di questi due fattori ha effetti diretti su gran parte dell'attività vegetativa, di accumulo, riproduttiva e di mantenimento della vite. Le ore di sole sono a loro volta positivamente correlate con la quantità prodotta e con la sua qualità solo se temperatura ed umidità relativa dell'aria ricadono in un intervallo favorevole e viceversa. La raccolta delle serie storiche di dati meteorologici ha interessato tutte le stazioni presenti nelle aree di studio (DOCG Prosecco, DOC Soave). All'interno del territorio regionale sono state individuate circa 50 stazioni automatiche di misura delle variabili meteorologiche di proprietà dell'arpav e del CO.DI.TV.. L'attività svolta è stata quella di omogeneizzazione dei dati al fine di ottenere una serie ordinata ed omogenea che in alcuni siti parte dal Questa lunga serie ha permesso il calcolo della climatologia delle aree di studio su base giornaliera mettendo in luce criticità e anomalie presenti all'interno delle aree di studio. Una volta raccolti i dati e opportunamente georiferiti sono state messe a punto delle procedure di interpolazione spaziale, basate sull'associazione di metodi geostatistici (kriging, Inverse Distance Weighting) con la regressione lineare multipla. In tal modo la stima delle variabili climatiche viene messa in relazione con le caratteristiche orografiche del territorio, anche per mettere in luce possibili criticità e zone di interesse. Come variabili predittive sono state adottate l'elevazione, la giacitura (pendenza e orientamento), la distanza dallo spartiacque prealpino, e le coordinate cartografiche. Le elaborazioni condotte hanno consentito la creazione di mappe climatologiche su base giornaliera. In Figura 1 è rappresentato il Digital Elevation Model a 25 m per l'area di studio DOCG Prosecco (in alto) e le relative mappe climatologiche ottenute su base giornaliera per le più importanti variabili meteorologiche: (da sx) piovosità,temperatura dell'aria e radiazione globale. 2.2 UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA SATELLI- TARE MODIS A SCALA REGIONALE PER LA STIMA DELL'EVAPOTRASPIRAZIONE E DELLA PRODUZIONE PRIMARIA DEL VIGNETO Nel Veneto, come in altre regioni italiane, l'agricoltura è generalmente condotta su piccoli appezzamenti che rendono molto eterogeneo il paesaggio agrario, dove le basse risoluzioni del sensore MODIS (250 m) riescono difficilmente a discriminare dettagli a livello di singolo appezzamento. Un uso alternativo potrebbe tuttavia basarsi sull'osservazione di alcuni appezzamenti di grande estensione o di zone molto omogenee caratterizzate da elevate concentrazioni spaziali di una stessa coltura, che potrebbero essere più facilmente mappati sulle immagini MODIS. Una cartografia di queste zone, opportunamente campionate sul territorio allo studio, potrebbe costituire una rete di rilevamento regionale o nazionale per il monitoraggio dello stato vegetativo e fisiologico di colture specifiche. 99

6 Figura 1. Localizzazione delle stazioni meteo dell'arpav e del CODITV utilizzate per lo studio climatologico dell'area della DOCG Prosecco. Esempi di mappe climatiche giornaliere della piovosità, temperatura dell'aria e della radiazione globale. In un vigneto del Veneto orientale (Negrisia di Ponte di Piave, TV), caratterizzato da una notevole estensione e omogeneità spaziale è operativa dall'estate del 2005 una stazione eddy-covariance, che fornisce dati continui sui flussi di energia, acqua e carbonio in condizioni quasi ideali. Sullo stesso sito sono inoltre in corso dal 2006 campagne annuali di misura della crescita, basate su rilievi convenzionali di fenologia, biomassa, area fogliare, crescita dei frutti e resa finale. La stazione di misura, essendo inserita nella rete globale di monitoraggio degli scambi di carbonio tra biosfera e geosfera FLUXNET (http://www.fluxnet.ornl.gov/fluxnet), beneficia di specifiche elaborazioni da parte della NASA sui dati rilevati dai satelliti Aqua e Terra del Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS). Le caratteristiche di questo vigneto, osservabile anche a basse risoluzioni, e l'insieme dei dati a disposizione hanno consentito una prima valutazione dell'applicabilità dei dati MODIS per il monitoraggio dello stato vegetativo e fisiologico del vigneto. È stata aggiornata la serie storica dei prodotti MODIS finora raccolta sul sito di Negrisia. I dati forniti da MODIS sono stati messi in relazione con la serie di dati raccolti dal 2005 mediante misure biometriche e micrometeorologiche misurate a terra. In particolare, è stata valutata la possibilità di utilizzare alcuni prodotti MODIS per monitorare il Leaf Area Index (LAI), la Gross Primary Production (GPP) e l'evapotraspirazione (ET). Mentre per il LAI e la GPP esistono pubblicamente dei prodotti MODIS dedicati e disponibili liberamente (MOD/MYD15-17), per l'et è stata valutata la relazione empirica tra l'et misurata mediante la tecnica micrometeorologica e la relazione MODIS-(LST x EVI). Questa costituisce un indicatore integrato che tiene conto della temperatura e dello stato della vegetazione e dell'intercettazione della radiazione solare, indice calcolato utilizzando due ulteriori prodotti: la Land Surface Temperature (LST) e l'enhanced Vegetation Index (EVI) (Sims et al. 2008). Soddisfacenti correlazioni sono state ottenute tra i dati di terra e quelli telerilevati. L'evapotraspirazione reale misurata nel vigneto è apparsa strettamente correlata (r2 ~ 0.9) con l'indicatore derivato da MODIS [LST x EVI] (Figura 2). In linea generale, i prodotti più elaborati come il LAI e GPP, hanno mostrato una minore aderenza al dato di campo rispetto a parametri più diretti come gli indici di vegetazione e la temperatura di superficie (Figure 3 e 4). Il MODIS-LAI e il MODIS-GPP sono in effetti il risultato di modelli di calcolo basati su assunzioni e parametrizzazioni effettuate a livello globale e per un numero limitato e rappresentativo di biomi, che risultano quindi insufficienti a discriminare le specificità dei vari sistemi colturali. Inoltre, il calcolo di questi dati si basa su dati meteorologici del Data Assimilation Office (NASA), un dataset climatico globale a bassissima risoluzione spaziale, che a livello locale possono facilmente presentare significativi scostamenti dai valo- 100

7 Figura 2. Correlazione fra l'evapotraspirazione misurata a terra via Eddy Covariance e l'indicatore derivato da MODIS [LST x EVI]. Figura 3. Grafici A, B: Correlazione fra la GPP misurata via Eddy Covariance e il MODIS-GPP. Grafici C, D: Correlazione tra la GPP Eddy Covariance e l'indicatore MODIS [LST x EVI]. Figura 4. Grafici A, B: Correlazione fra il lai misurato in campo e il MODIS-LAI. Grafici C, D: Correlazione tra il LAI misurato in campo e il MODIS-NDVI. 101

8 ri reali. I risultati ottenuti, da considerare come preliminari, dimostrano tuttavia la possibilità di monitorare e mappare l'andamento dello stato vegetativo e di un vigneto attraverso il sensore MODIS. 2.3 STUDIO DELLE CARATTERISTICHE SPET- TRALI DELLA VEGETAZIONE MEDIANTE TECNICHE DI AIRBORNE REMOTE SEN- SING L'utilizzo di moderne tecniche di remote sensing ha permesso di studiare l'effetto della struttura della chioma e della sua variabilità spaziale sulle sue proprietà spettrali. Nell'ambito del progetto sono state condotte delle campagne di misura con l'obiettivo di studiare la risposta spettrale della vegetazione vitata in funzione di diversi parametri come: forma di allevamento (spalliera e pergola), varietà, esposizione e orografia (pianura e collina). La campagna di acquisizione iperspettrale è stata condotta nell'estate del 2010 in due importanti realtà viticole venete. La zona del Soave, caratterizzata da due diverse realtà: la viticoltura classica di collina impostata su forme di allevamento a pergola con varietà Garganega e la viticoltura più moderna in pianura con forme di allevamento a spalliera; la seconda area all'interno DOC Piave (Negrisia di Ponte di Piave) caratterizzata da una viticoltura moderna interamente meccanizzata, in pianura, con forme di allevamento a spalliera e vitigni nazionali ed internazionali. L'acquisizione è stata effettuata con il sensore iperspettrale aeroportato AISA Eagle (VIS/NIR nm), caratterizzato da una risoluzione radiometrica di nm in 122 bande contigue con una ampiezza (FWHM) di 4.6 nm. La quota di volo variabile tra m ha consentito una risoluzione spaziale a terra di 0.5 m, valore minimo necessario per la discriminazione vite/suolo. All'interno delle due aree di studio sono stati identificati e opportunamente georiferiti 39 siti di studio all'interno di 11 vigneti produttivi caratterizzati da differenti varietà, forma di allevamento, pendenza, esposizione e quota. Per l'area del Soave, la scelta dei siti di studio è stata fatta in collaborazione con Il personale del Consorzio di Tutela Vini Soave e Recioto di Soave, con l'obiettivo di studiare una già nota variabilità inter-sito e approfondire le conoscenze su determinati vigneti già oggetto di studio da parte del Consorzio. In concomitanza con i rilievi aerei sono stati condotti una serie di rilievi a terra per ottenere i Ground Control Points (GCP). Nei GCP opportunamente georiferiti mediante un GPS sono state condotte misure di LAI, contenuto di clorofilla fogliare, struttura e dimensione della chioma, parametri analitici di qualità dell'uva. La misura della riflettanza della vegetazione (a scala di parcella) e della firma spettrale (a scala fogliare e di canopy) è stata effettuata mediante uno spettroradiometro (ASD FieldSpec VIS/NIR nm). Per la discriminazione spettrale (vite/suolo) sono state condotte due misure: il primo mediante l'imposizione di una threshold basata sull'indice NDVI, la seconda mediante l'associazione al rilievo iperspettrale di una acquisizione laser-scan con l'obiettivo di associare ad ogni pixel iperspettrale una precisa quota e identificar così la natura (vite/suolo) di ogni pixel. L'utilizzo integrato dell'impostazione di una NDVI-threshold e le informazioni ottenute dall'elaborazione dei prodotti del rilievo Laser-scan hanno permesso una buona discriminazione dei pixel di pura vite dal suolo inerbito (Figura 5). Sono stati così rielaborati per le immagini AISA solo i pixel di pura vite (Figura 6). La rimozione dell'effetto del background ha inoltre reso possibile l'individuazione di eventuali fallanze e una possibile discriminazione varietale basata sulla firma spettrale delle singole varietà. Le variabili biofisiche e strutturali della vegetazione misurate nei GCP (dimensione della chioma, LAI, contenuto di clorofilla fogliare) hanno permesso la ricerca di eventuali correlazioni con i più diffusi indici di vegetazione presenti in letteratura (Zarco- Tejada et al., 2005; Hatfield et al., 2008; Meggio et al., 2010). In particolare l'analisi dei dati ha prodotto buone correlazioni tra il LAI misurato in campo e l'ndvi ottenuto dalle immagini AISA per entrambe le aree di studio (Figure 7 e 8). Le relazioni prodotte sono state utilizzate per creare delle mappe di vigore utili alla individuazione di eventuali zone disomogenee, fallanze o eccessi vegetativi all'interno dei vigneti campione (Figura 9). Per la stima del contenuto di clorofilla fogliare, parametro utile all'individuazione di possibili carenze nutrizionali, è stato utilizzato un modello di transfer radiativo (rowmcrm 102

9 Figura 5. Discriminazione tra firma spettrale tra vite (diverse varietà) e suolo inerbito. Figura 6. Discriminazione tra pixels di pura vite dal background (suolo inerbito). Figura 7. Relazione lineare tra l'indice di vegetazione NDVI ottenuto dalle immagini telerilevate e il LAI misurato nei GCP. Figura 8. Relazioni lineare tra l'indice di vegetazione NDVI ottenuto dalle immagini telerilevate e il LAI misurato nei GCP. Differenza tra le relazioni trovati nelle due aree di studio VR e TV. Figura 9. Mappa tematica (a sx) e dettaglio (a dx) del LAI elaborata su una strisciata telerilevata dell'area di studio di VR. 103

10 model). Il modello è stato parametrizzato con variabili reali misurate in campo (dimensione canopy, geometria solare, firma spettrale del suolo inerbito). È stato così elaborata una relazione di scaling-up dedicata ai suoli inerbiti mediante l'indice TCARI/OSAVI calcolato dalle immagini AISA. In Figura 10 è rappresentato l'errore quadratico medio (RMSE) ottenuto dal confronto tra il contenuto di clorofilla misurato in campo e quello stimato mediante lo scaling-up del TCARI/OSAVI. I risultati ottenuti hanno così permesso la creazione di mappe accurate del contenuto di clorofilla fogliare per le aree di studio (Figura 11). Le analisi sui mosti delle varietà Carmenére e Prosecco (Area TV) e Garganega (Area VR) effettuate alla vendemmia su campioni di grappoli prelevati in 38 GCP, sono state condotte in collaborazione con Il Consorzio di Tutela Vini Soave e Recioto di Soave e l'az. agricola F.lli Mercante. In ogni sito di studio alla vendemmia, in collaborazione con il personale del Consorzio, è stato prelevato per ogni GCP un campione di 4-5 grappoli rappresentativi. I campioni così raccolti sono stati conferiti ad un centro di analisi per la determinazione dei principali parametri eno-chimici. I parametri qualitativi ottenuti hanno mostrato alcune correlazioni significative con gli indici spettrali trovati in letteratura (Tabella 1, 2, 3). Figura 10. Accuratezza nella stima del contenuto di clorofilla fogliare nei GCP tra dati telerilevati e misure in campo. Figura 11. Dettaglio di mappa tyematica del contentuo di clorofilla fogliare elaborata su una strisciata telerilevata dell'area di studio di TV. 2.4 CONCLUSIONI I risultati ottenuti nell'ambito del progetto di ricerca confermano l'utiizzo delle tecniche di telerilevamento come uno strumento valido ed applicabile anche ad una realtà complessa come è la viticoltura italiana. In particolare, l'elevata aderenza delle relazioni con i parametri di campo ottenute dagli indicatori diretti (es. NDVI), o di loro semplici derivati (LST x EVI) costituisce una dimostrazione dell'applicabilità della piattaforma satellita- Tabella 1. Coefficienti di determinazione (r2) trovati mediante regressione lineare tra i parametri qualitativi dei mosti misurati alla raccolta nei GCP e indici di vegetazione telerilevati. Varietà Carmenére (Area TV). 104

11 Tabella 2. Coefficienti di determinazione (r2) trovati mediante regressione lineare tra i parametri qualitativi dei mosti misurati alla raccolta nei GCP e indici di vegetazione telerilevati. Varietà Prosecco (Area TV). Tabella 3. Coefficienti di determinazione (r2) trovati mediante regressione lineare tra i parametri qualitativi dei mosti misurati alla raccolta nei GCP e indici di vegetazione telerilevati. Varietà Garganega (Area VR). re MODIS all'osservazione di appezzamenti specifici nelle realtà territoriali italiane, purché sufficientemente estesi e omogenei. Le relazioni empiriche con indicatori diretti, a parte la semplicità di applicazione, hanno il notevole vantaggio infatti di essere basati interamente sui dati satellitari, senza la necessità di integrarli con dati di terra. Il limite fondamentale di questo approccio è dato tuttavia dal fatto che le regressioni ottenute sono valide esclusivamente per il sito su cui sono state ottenute. L'applicazione del MODIS per estendere le osservazioni su più siti dipenderà dunque dalla possibilità di modellizzare i coefficienti delle regressioni empiriche con dati facilmente rilevabili in campo. I risultati ottenuti dall'analisi delle immagini iperspettrali ha permesso di ottenere delle stime accurate di parametri biofisici del vigneto, quali il LAI e il contenuto di clorofilla fogliare. La creazione di mappe di vigore e del contenuto di clorofilla permette conoscere la variabilità all'interno del vigneto e tra vigneti diversi, la presenza di eventuali fallanze, la presenza di zone disomogenee in termini di vigoria e di stato nutrizionale, tutte informazioni utili a fini produttivi e gestionali per un consorzio. Le relazioni trovate con i parametri qualitativi sono da considerarsi come preliminari in quanto per la loro validazione è necessario l'accertamento della loro stabilità spaziale e temporale. La discriminazione varietale da remoto, sebbene necessiti ancora lavoro per potersi svincolare dal singolo caso di studio, potrà offrire ai consorzi e agli Enti di controllo e pianificazione del territorio uno strumento dalle enormi potenzialità applicative. 105

12 3. REGIONE TOSCANA A. Dalla Marta*, M. Mancini*, S. Orlandini*, F. Maselli**, M. Chiesi**, L. Angeli***, M. Moriondo** e M. Bindi* * Università degli Studi di Firenze, Dip. di Scienze delle Produzioni Vegetali, del Suolo e dell'ambiente Agroforestale ** Istituto di Biometeorologia - IBIMET - CNR di Firenze *** LaMMA CRES - Grosseto Lo scopo principale della ricerca condotta è stato quello di stimare e monitorare, attraverso l'integrazione di informazioni meteoclimatiche, modellistica di simulazione e telerilevamento da satellite, le dinamiche spazio-temporali delle principali risposte vegeto-produttive dei vigneti e le caratteristiche qualitative del vino nell'area del Consorzio del Chianti Classico. Per fare questo, la ricerca ha visto l'integrazione di tre diversi ambiti: telerilevamento, modellistica e indici climatici, che ha fornito un'analisi completa sia di tipo spaziale che temporale. La ricerca ha interessato l'area geografica di produzione del Chianti Classico ed è stata effettuata a scala di comprensorio. Per lo studio il Consorzio del Chianti Classico ha messo a disposizione il proprio data base di analisi quanti/qualitative delle produzioni vinicole (alcol, acidità totale, glicerolo, etc.) per il periodo I dati forniti dal Consorzio, i data base meteo-climatici e le immagini satellitari rappresentano quindi la base su cui è stata impostata l'attività di ricerca (Tabella 4). Come più volte sottolineato, l'indice NDVI telerilevato da piattaforma aerea o satellitare è direttamente proporzionale alla attività fotosintetica della vegetazione. Nel caso specifico dei vigneti, i valori di NDVI sono correlati allo stato vegetativo delle piante (vigore) durante la stagione di crescita e alla qualità dei vini prodotti (Bramley et al., 2004; Fiorillo et al., 2009). Le immagini riprese dal sensore MODIS montato sui satelliti TERRA e AQUA possono fornire valori di NDVI ogni 16 giorni con una risoluzione spaziale di circa 250 metri (Figura 12). Questa risoluzione, se pur abbastanza elevata, non consente di identificare esattamente la maggior parte dei vigneti presenti nelle nostre zone. Le immagini MODIS devono quindi essere trattate tramite opportune tecniche di elaborazione per ottenere informazioni sullo stato dei vigneti. Per questo motivo è stata applicata una procedura di "pixel unmixing locale" sviluppata dal nostro gruppo di ricerca (Maselli, 2001). Tale procedura consente di estrarre da immagini a medio-bassa risoluzione i valori di NDVI relativi ad una data classe di copertura individuata sulla base di una mappa a più alta risoluzione. Nel nostro caso questa mappa è stata fornita dal progetto CORINE 2000, che riporta la distribuzione delle superfici a vigneto nella regione Toscana con una risoluzione di m. L'applicazione della procedura ha consentito di estrarre i dati NDVI dei vigneti di 9 comuni del Chianti Classico per gli anni I profili di NDVI dei 9 comuni sono poi stati mediati per poterli confrontare con gli indici di qualità dei vini ottenuti da misure "in situ" prese nello stes- Tabella 4. Periodo e tipo di dati utilizzati per lo svolgimento delle attività di ricerca. 106

13 Figura 12. Esempio di immagine MODIS NDVI del Centro Italia relativa all'inizio di agosto 2009, con indicazione dei comuni del Chianti Classico considerati. so comprensorio. Analisi di correlazione sono state effettuate fra tutti gli indici di qualità disponibili e i valori di NDVI relativi ai periodi da fine marzo a inizio novembre. La seconda parte della ricerca ha avuto come scopo principale l'assimilazione dei dati satellitari di NDVI nel modello agrometeorologico di crescita della vite ViteModel (Bindi et al., 1996) e la valutazione delle sue potenzialità per la stima degli aspetti qualitativi della produzione. Per la stima dei parametri produttivi-qualitativi, il modello ViteModel, già calibrato per la varietà Sangiovese, è stato forzato con osservazioni telerilevate da MODIS al fine di ottenere una stima complessiva dell'intercettazione della radiazione solare, sfruttando la relazione lineare che sussiste tre l'indice NDVI ed il grado di copertura vegetale di una superficie. I dati meteorologici per l'area in oggetto, necessari per la simulazione, sono stati ottenuti dal database DAYMET, che contiene i dati meteorologici per la Toscana interpolati alla scala 1 x 1 km. Il modello è stato quindi utilizzato per la stima del grado zuccherino del vino prodotto nell'areale del Chianti Classico per il periodo Parallelamente alle altre fasi della ricerca, è stata verificata la presenza di relazioni tra le caratteristiche qualitative del vino e alcuni indici climatici impiegati in meteorologia per le previsioni a lungo termine. In particolare, sono stati utilizzati l'indice NAO (North Atlantic Oscillation Index), la GPH (altezza del geopotenziale) a 500 hpa e la SST (temperatura superficiale del mare). In Europa, l'indice NAO sembra essere responsabile di una grande componente della variabilità climatica, influenzando in particolare il clima invernale. Nei mesi invernali, infatti, mostra una significativa relazione con la traiettoria delle perturbazioni, la temperatura e le precipitazioni sulle zone del Nord Europa e del Mediterraneo ed è quindi in grado di influenzare, attraverso le interazioni clima-pianta, le caratteristiche della produzione delle colture (Atkinson et al. 2005; Grifoni et al., 2006; Ribeiro et al. 2009; Dalla Marta et al., 2010). L'utilizzo dell'indice NAO, come evidenziato da diversi lavori che lo hanno messo in relazione alla produzione e alla fenologia di diverse colture (grano, segale, vite, olivo, limone, etc.) (Gimeno et al., 2002; Avolio et al. 2008; Dalla Marta et al., 2011), ha mostrato un grande potenziale per lo sviluppo di sistemi di previsione della produzione. Il GPH a 500 hpa rappresenta l'altitudine in metri del livello in atmosfera dove la pressione dell'aria è pari a 500 hpa ed è ben correlato con le caratteristiche meteorologiche al suolo. La SST, la temperatura dello strato superficiale del mare, risulta fortemente collegata all'origine delle precipitazioni, alla formazione ed evoluzione dei cicloni, ai fenomeni di convezione e alle brezze marine. Poiché i cambiamenti di SST sono relativamente lenti rispetto ai cambiamenti in atmosfera, a causa dell'inerzia dell'oceano, questi hanno delle ripercussioni sulle condizioni climatiche in periodi successivi e proprio per questo la SST rappresenta un'ottima base per le previsioni a lungo termine. Le informazioni meteorologiche utilizzate provengono dal sito della NOAA-CIRES Climate Diagnostics Center, Boulder, Colorado, USA, (http://www.cdc.noaa.gov/). Le variabili ed i campi meteorologici sono stati ottenuti mediante il progetto "NCEP/NCAR Reanalysis Project" (Kalnay 1996), che mette a disposizione dati di variabili meteorologiche a partire dal 1948 con una risoluzione spaziale di 2,5 (Lat.-Long.). Questo progetto, utilizzando tutte le osser- 107

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

TELERILEVAMENTO E FENOLOGIA

TELERILEVAMENTO E FENOLOGIA TELERILEVAMENTO E FENOLOGIA Fabio Maselli 1, Marta Chiesi 1, Marco Moriondo 2 1 - CNR- IBIMET Firenze 2 - Università di Firenze - Dipartimento di Scienze Agronomiche e Gestione del Territorio Agro-Forestale

Dettagli

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Martina Corti martina.corti@unimi.it Sensore Impiegato Tecnica di acquisizione Elaborazione Dato Camera Digitale Camera Termica Satellite

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI In questo articolo vengono descritte alcune applicazioni operative basate sull elaborazione di

Dettagli

Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR

Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR Nuove frontiere Le indicazioni fornite dal mondo accademico e della ricerca hanno spinto FlyTop a dotare i suoi sistemi APR di sensori allo stato

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE Fabio MASELLI IBIMET-CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino, FI ARGOMENTI TRATTATI La presentazione intende dare

Dettagli

ICT p er per la gestione della filiera produttiv produttiv d al dal vigneto alla cantina S l va ore Fili Filippo Di G ennaro

ICT p er per la gestione della filiera produttiv produttiv d al dal vigneto alla cantina S l va ore Fili Filippo Di G ennaro ICT per la gestione della filiera produttiva dal vigneto alla cantina Salvatore Filippo Di Gennaro Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IBIMET-CNR) GRUPPO DI VITICOLTURA

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

Viticoltura assistita da satellite

Viticoltura assistita da satellite POSSIBILITÀ APPLICATIVE Viticoltura assistita da satellite Questa metodologia operativa rende possibile pianificare le strategie di vendemmia e ottimizzare le pratiche colturali nelle singole porzioni

Dettagli

Il telerilevamento in agricoltura: nuove prospettive dai sistemi UAV (Unmanned Aerial Vehicle)

Il telerilevamento in agricoltura: nuove prospettive dai sistemi UAV (Unmanned Aerial Vehicle) Il telerilevamento in agricoltura: nuove prospettive dai sistemi UAV (Unmanned Aerial Vehicle) Alessandro Matese, Jacopo Primicerio WORKSHOP SISTEMI INNOVATIVI PER IL FLOROVIVAISMO E UN AGRICOLTURA DI

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Upgrade del DSS AQUATER Descrizione estesa del risultato Il Sistema di Supporto alle Decisioni DSS AQUATER è stato sviluppato a livello di prototipo durante l'omonimo progetto

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

REPORT NDVI SURVEY Azienda Agricola RUGGIERO Lat 41.098206 Lon 16.579969

REPORT NDVI SURVEY Azienda Agricola RUGGIERO Lat 41.098206 Lon 16.579969 REPORT NDVI SURVEY Azienda Agricola RUGGIERO Lat 41.098206 Lon 16.579969 09/04/2016 RAZIONALE - Principio fisico Le piante assorbono la radiazione solare mediante la radiazione fotosinteticamente attiva

Dettagli

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione I U A V UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SCUOLA DI DOTTORATO DOTTORATO DI RICERCA IN NUOVE TECNOLOGIE E INFORMAZIONE TERRITORIO - AMBIENTE CICLO XXIII Smart Vineyard Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale

Dettagli

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici...

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici... INDICE INTRODUZIONE...1 1. MORFOLOGIA LAGUNARE...5 1.1 La laguna di Venezia...5 1.2 Area di studio...7 1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8 1.4 La zonazione delle alofite...13 1.5 Le barene

Dettagli

Progettazione del lavoro: gennaio 2010 settembre 2010 Inizio del lavoro: maggio 2011

Progettazione del lavoro: gennaio 2010 settembre 2010 Inizio del lavoro: maggio 2011 REALIZZAZIONE DELLA PIATTAFORMA INTEGRATA CARTOGRAFICA AGRIVITICOLA (P.I.C.A.) E STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL TERRITORIO E DELLE POTENZIALITA VITICOLE DELL AREA DI PRODUZIONE DELLE CANTINE SOCIALI AFFERENTI

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI ATTRAVERSO ANALISI TERMICHE DA IMMAGINI TELERILEVATE INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 3 2. METODOLOGIA pag. 4 3. AREA IN ESAME pag. 6 4. RISULTATI pag. 7 6. CONCLUSIONI

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo)

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 02/02/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

MODELLI FENOLOGICI SVILUPPATI DAL MIPAF

MODELLI FENOLOGICI SVILUPPATI DAL MIPAF MODELLI FENOLOGICI SVILUPPATI DAL MIPAF Antonio Brunetti, MiPAF Ufficio Centrale di Ecologia Agraria Introduzione I modelli fenologici applicati in agrometeorologia permettono di stimare l evoluzione del

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Caratterizzazione dei Pascoli con tecniche di Telerilevamento

Caratterizzazione dei Pascoli con tecniche di Telerilevamento Caratterizzazione dei Pascoli con tecniche di Telerilevamento 1 Roberto Colombo, 2 Stefano Bocchi, 1,2 Francesco Fava, 1 -DISAT Università degli Studi di Milano-Bicocca 2 DIPROVE Università degli Studi

Dettagli

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri CAPITOLO 6 Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri A. Calì, G. Dal Monte 6.1 - Introduzione Le informazioni provenienti

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA

DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA Workshop CITIMAP: il Telerilevamento per un agricoltura sostenibile DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA Franco COREN(*), Alessandro PAVAN(*), Carla

Dettagli

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra Progetto WHERE World HEritage monitoring by Remote sensing Realizzazione di un sistema per il monitoraggio Sistema

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Nuovi sistemi di telerilevamento aereo multispettrale ad alta risoluzione: esempi di applicazione nell agricoltura di precisione

Nuovi sistemi di telerilevamento aereo multispettrale ad alta risoluzione: esempi di applicazione nell agricoltura di precisione Workshop Citimap Telerilevamento per un agricoltura sostenibile Piacenza, 20 Aprile 2006 Nuovi sistemi di telerilevamento aereo multispettrale ad alta risoluzione: esempi di applicazione nell agricoltura

Dettagli

NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO

NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO DI BLASI ET AL., NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO, PAG.1 NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO DI BLASI S. a,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti

Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti Ottieni di più dalle immagini Case study - Introduzione di dati telerilevati per ridurre i costi e e aumentare l efficienza nella

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

Evapotraspirazione potenziale ETP

Evapotraspirazione potenziale ETP Evapotraspirazione potenziale ETP Modello - calcolo dell evapotraspirazione Pagina 1 Calcolo dell'evapotraspirazione potenziale Il concetto di evapotraspirazione potenziale (ETP) espresso intorno al 1950

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Vantaggi delle foto verticali La scala è uniforme in tutta la foto Si possono determinare angoli

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Applicazione di sensori spettrali e termici per la diagnostica colturale

Applicazione di sensori spettrali e termici per la diagnostica colturale Applicazione di sensori spettrali e termici per la diagnostica colturale Martina Corti, Giovanni Cabassi (CREA-FLC), Daniele Cavalli, Antonio Vigoni (Sport Turf Consulting), Luca Bechini, Pietro Marino

Dettagli

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed AGENZIA SPAZIALE ITALIANA BANDO PERIODICO RISERVATO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Carlo Cacciamani Workshop Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione

Dettagli

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR I cambiamenti climatici Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR Bilancio Radiativo Bilancio Radiativo su scala globale alla superficie e al top dell atmosfera della radiazione

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Il telerilevamento aereo multispettrale

Il telerilevamento aereo multispettrale Il telerilevamento aereo multispettrale per la mappatura degli incendi boschivi NELL AMBITO DEL PROGETTO SIMIB (SISTEMA INFORMATIVO DI MONITORAGGIO DEGLI INCENDI BOSCHIVI), È STATA MESSA A PUNTO E VALIDATA

Dettagli

CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System

CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System NOWCASTING & FORECASTING MANAGEMENT SYSTEM Progetto I3P EVOLVEA E GRUPPO FILIPPETTI EVOLVEA fornisce servizi di controllo, verifica per la Qualità, Salute,

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

La carta delle tipologie forestali della Regione Molise

La carta delle tipologie forestali della Regione Molise La carta delle tipologie forestali della Regione Molise Chirici G. 1, Santopuoli G. 1, Tonti D. 1, Ottaviano M. 1, Tognetti R. 1, Garfì V. 1, Di Martino P. 1, Morgante L. 2, Pavone N. 3, Marchetti M. 1

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of land hydrological parameters

Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of land hydrological parameters Progetto ASI 1720 - HYDRO-COSMO The retrieval and monitoring of Land Hydrological parameters for Risk and Water Resources Management Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring)

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) 2 Bando Tematico riservato alle P.M.I. Osservazione della Terra SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) INNOVA Consorzio per l Informatica e la Telematica srl Dott. Antonio Valentino 13 luglio

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.***

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** * Dipartimento di Architettura, Laboratorio di Cartografia, Università di Firenze ** LaMMA, Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica

Dettagli

Approccio down-sensing per l osservazione del territorio: dal satellite al drone Dott. Stefano Picchio

Approccio down-sensing per l osservazione del territorio: dal satellite al drone Dott. Stefano Picchio Approccio down-sensing per l osservazione del territorio: dal satellite al drone Dott. Stefano Picchio Piattaforme EO down-sensing Lo sviluppo dei moderni sistemi di Osservazione della Terra consente di

Dettagli

Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA

Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA Flavio Falcinelli RadioAstroLab s.r.l. 60019 Senigallia (AN) - Italy - Via Corvi, 96 Tel: +39 071 6608166 - Fax: +39 071 6612768 info@radioastrolab.it www.radioastrolab.it

Dettagli

Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale. Lunedì 16 marzo 2015, Firenze

Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale. Lunedì 16 marzo 2015, Firenze Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale Lunedì 16 marzo 2015, Firenze IL DIPARTIMENTO DIpartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'ambiente (DISPAA) Dipartimento

Dettagli

Tecniche di monitoraggio di prossimità da UAV: esempi applicativi

Tecniche di monitoraggio di prossimità da UAV: esempi applicativi Tecniche di monitoraggio di prossimità da UAV: esempi applicativi Alessandro Scordo, Vito Di Giuseppe, Salvatore Nizza, Vincenzo Pampalone E. Lab S.r.l. SpinOff Accademico della Università degli Studi

Dettagli

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate Studio Tecnico Survey Project La Ricerca applicata al Territorio Applicazioni Sviluppate Tecnici Dott. For. Johnny Moretto, Ph.D. Dott. Nicola Trolese Applicazioni Sviluppate Batimetria canali bagnati

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS

Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Lorenzo Busetto (1,2), Martino Michieletti (1,3) (1) DISAT Università Statale di Milano Bicocca - Laboratorio di Telerilevamento;

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «STREVI» Approvato con DM 06.07.2005 GU 163-15.07.2005 Modificato con DM 30.11.2011 GU 295-20.12.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

AVIGERE. Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende siciliane per il risparmio energetico e l ecocompatibilità

AVIGERE. Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende siciliane per il risparmio energetico e l ecocompatibilità Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende siciliane per il risparmio energetico e l ecocompatibilità F. Capraro (1), A. Scienza (2), G. La Loggia (3), R. Di Lorenzo (3), A. Maltese

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

2 IL TELERILEVAMENTO

2 IL TELERILEVAMENTO 2 IL TELERILEVAMENTO Il termine telerilevamento (remote sensing) si riferisce a misure effettuate mediante sistemi non in contatto con l'oggetto o il fenomeno da rilevare. Gli strumenti di misura possono

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Enrico Zini ARPA Lombardia Workshop informativo: "Amianto: cosa fare?" 30 Marzo 2012, Lecco Sommario 1) Mappatura delle coperture

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

delle politiche agricole nazionali Direttore Generale AGenzia per le Erogazioni in Agricoltura

delle politiche agricole nazionali Direttore Generale AGenzia per le Erogazioni in Agricoltura Il telerilevamento a supporto delle politiche agricole nazionali Francesco Martinelli Direttore Generale AGenzia per le Erogazioni in Agricoltura AGEA Sistema Informativo Agricolo Nazionale gestito da

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

Viticulture Managing System. L alba di una nuova viticoltura.

Viticulture Managing System. L alba di una nuova viticoltura. Viticulture Managing System. L alba di una nuova viticoltura. www.same-tractors.com Puoi fidarti. SAME VMS: tecnologia avanzata applicata alla viticoltura. Il Viticulture Managing System è il nuovo sistema

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Presentazione Il rame, utilizzato come fungicida e battericida, svolge un ruolo

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO... Regione Basilicata Provincia di Potenza Comune di Melfi PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCO EOLICO NEL COMUNE DI MELFI PROGETTO DEFINITIVO 4 3 2 1 0 Settembre 2011 Em./Rev. Data Red./Dis. Verificato

Dettagli

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità:

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità: La rete agrofenologica nelle Marche: esperienze e applicazioni Angela Sanchioni ** - Daniele Sparvoli* IPHEN 2011 Roma, 3 Marzo 2011 *Centro Operativo Agrometrologico **Centro Agrometeo Locale per la Provincia

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli