Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania"

Transcript

1 OSSERVATORIO VESUVIANO - INGV Regione Campania Assessorato alla Ricerca Scientifica Programma di promozione della ricerca scientifica in Campania LR n 5 del 28 marzo 2002 Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania RELAZIONE FINALE Novembre 2005 Relazione finale delle attività di ricerca scientifica previste A cura di: Guido Ventura, Giuseppe Vilardo, Carlo Terranova Dicembre

2 1 Soggetto Proponente Personale impiegato nella ricerca Scopo del documento Descrizione del programma di ricerca Tempi e fasi di svolgimento Monitoraggio termico da piattaforma satellitare Landsat 7 ETM+ dell attività fumarolica della Solfatara (Campi Flegrei) Introduzione Dati Satellitari, Descrizione e Metodologia Stato dell arte Determinazione della temperatura Determinazione della flusso relativo Dati e metodologia Dati satellitari Metodologia Risultati Analisi multitemporale di Immagini Landsat 7 ETM+ notturne Conclusioni ASTER Dati satellitari Monitoraggio TIR prossimale Introduzione Sviluppo ed ingegnerizzazione del sistema Conclusioni Rilievo Laser Scanner Il sistema a scansione laser Generazione di DTM Il rilievo del Vesuvio Risultati Conclusioni Campagne di Misura e rilevamento dell attivita termica delle aree vulcaniche Stato termico dei bacini lacustri Bibliografia

3 1 SOGGETTO PROPONENTE Dati identificativi Osservatorio Vesuviano (INGV) Sezione di Napoli dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Indirizzo Sede Legale Via di Vigna Murata Roma Indirizzo Sede Operativa Via Diocleziano , Napoli Tel Fax Rappresentante legale Prof. Enzo Boschi (Presidente INGV) Persona delegata dal Rappresentante legale Dott Giovanni Macedonio (Direttore OV) Responsabile Scientifico/Tecnico progetto Dott Guido Ventura Tel Fax Responsabile amministrativo progetto Dott Giuseppe Patrizi (Direttore Amministrativo OV) Tel Fax

4 2 PERSONALE IMPIEGATO NELLA RICERCA Personale Strutturato dell Ente Nome Cognome Qualifica Mesi Uomo Dott. Guido Ventura Primo Ricercatore 4 Dott. Giovanni Chiodini Dirigente di Ricerca 1 Dott. Giuseppe Vilardo Primo Ricercatore 3 Dott. ssa Rosa Nappi Tecnologo 4 Sig. Vincenzo Augusti Tecnico 4 Personale a contratto destinato a questo specifico progetto Nome Cognome Qualifica Mesi Uomo Prof. Carlo Terranova Laureato senior geologo con esperienza nel settore delle applicazioni di Telerilevamento e GIS 6 Dott. ssa Barbara Hirn Laureato junior geofisico con esperienza nel settore delle applicazioni IR 11 Sig. Giovanni Bronzino Tecnico esperto di trattamento dati cartografici digitali 6 4

5 3 SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento rappresenta la relazione finale delle attività di potenziamento tecnologico e di ricerca scientifica previste nel Progetto Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania, finanziato dall Assessorato alla Ricerca Scientifica della Regione Campania nell ambito del Programma di promozione della ricerca scientifica in Campania (LR n 5 del 28 marzo 2002). La descrizione delle fasi di lavoro è riferita alle complessive attività di progetto ed include la presentazione dei risultati tecnici e scientifici raggiunti con l elaborazione dei dati da telerilevamento satellitare ed aereo, con l integrazione dei sistemi tecnologici esistenti e con le sperimentazioni condotte durante il periodo di sperimentazione applicativa sulle aree geografiche di interesse. Sono pertanto descritte le attività riferite ai vari aspetti operativi previsti dal Progetto, indicando le principali problematiche affrontate e le criticità emerse nello svolgimento delle azioni così come previste dal cronoprogramma iniziale. La stesura della presente Relazione Tecnico-Scientifica corrisponde alla scadenza temporale conclusiva fissata dal cronoprogramma di Progetto. 5

6 4 DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA DI RICERCA L'area geografica interessata dal presente Progetto è rappresentata dall'intera Regione Campania, con particolare riferimento a: (a) sistemi vulcanici attivi dei Campi Flegrei, del Somma Vesuvio e di Ischia. Questi sistemi sono caratterizzati da attività idrotermale e dalla presenza di aree di emissione di flussi termici attualmente non rilevati e monitorati in modo continuo e complessivo; (b) faglie sismogenetiche che delimitano ad est la Piana Campana e quelle intraappenniniche responsabili dei forti terremoti localizzati nel settore campano dell'appennino meridionale. Per il raggiungimento degli obiettivi descritti, il presente Progetto ha previsto lo svolgimento di un articolato programma di adeguamento e sviluppo delle attività di ricerca e sorveglianza vulcanologica sui temi descritti attraverso il potenziamento dell'attuale database di immagini termiche telerilevate per il monitoraggio, la sorveglianza, l'analisi e lo studio dei fenomeni. Le attività di Progetto sono state rappresentate dall'acquisizione dei dati telerilevati in configurazione multitemporale (per la durata del Progetto), dall'integrazione dei dati esistenti e di quelli acquisibili nel corso delle attività e dall'esecuzione di campagne di misura per la taratura sul terreno. Il Progetto prevedeva l acquisizione di circa 20 immagini notturne all'infrarosso termico da piattaforma Landsat 7 ETM+ (Pixel banda TIR 60*60m) corrispondenti a tutti i passaggi del satellite sull'area di studio in 12 mesi e N 6 immagini diurne termico Landsat 7 ETM+ (multispettrale e pancromatico). Tale dataset di immagini termiche è stato obbligatoriamente ridimensionato per avvenuto guasto alla sensoristica del satellite Landsat 7 che non ha consentito l acquisizione di dati di immagine nel periodo di svolgimento del progetto. Nonostante tale difficoltà, sono state utilizzate le immagini di archivio disponibili con l obiettivo di testare le potenzialità dell osservazione termica dallo Spazio per il monitoraggio diretto delle aree vulcaniche e geotermiche. Le immagini termiche, dopo opportuna geocodifica con ricampionamento nearest-neighbor in proiezione UTM ED 50, sono state processate per la correzione atmosferica ed altitudine usando il Modello Digitale del Terreno (Pixel 20m, IGMI) dell'area campana, già disponibile presso l'o.v.. La temperatura al suolo è stata ottenuta dai valori di emissività della superficie radiante utilizzando le procedure numeriche descritte in Harris e Stevenson (1997), Svanberg (2002) e Wooster e Kaneko (2002). Per una efficiente taratura del sistema, l'acquisizione delle immagini termiche dallo Spazio, di tipo notturno e diurno è stata accompagnata da dettagliate campagne di misura del flusso termico e gassoso nelle aree sorvegliate Inoltre, sempre al fine di tarare il sistema di acquisizione sono state effettuate misurazioni di temperatura dell'acqua marina e di bacini lacustri posti a differente quota. Per le aree caratterizzate da evidenti anomalie termiche sono stati effettuati voli con aeromobile equipaggiato con sensoristica di tipo laser scanner con l'obiettivo di dettagliare la morfologia del territorio di indagine. Particolare attenzione è stata infine rivolta al monitoraggio termico dei bacini lacustri presenti nelle aree vulcaniche della regione al fine di valutare la presenza di anomalie termiche dovute a degassamento in ambiente subacqueo. L'osservazione costante dello stato termico dei bacini lacustri consente di valutare la pericolosità connessa all'accumulo e possibile rilascio improvviso di gas (es. anidride carbonica). I risultati acquisiti sono stati riversati in ambiente GIS ed integrati con i database di dati territoriali in formato raster e vettoriale (Urbanizzato, Ortofoto colore pixel 1m, DTM a differente scala, carta delle pendenze, carta delle esposizione dei versanti, carte tematiche derivate da foto 6

7 aeree già acquisite nelle quali saranno distinte le aree vegetate da quelle urbanizzate e con roccia affiorante) e geologico-geofisico (sismicità, faglie, etc). Tale attività di analisi GIS è stata condotta al fine di (a) individuare ed evidenziare le strutture geologiche che controllano il degassamento e/o la risalita di fluidi in superficie; (b) studiare l'evoluzione spazio-temporale delle anomalie termiche per la valutazione del livello di pericolosità indotto dai processi di degassamento quale precursore di eruzioni idrotermali, magmatiche e/o freatomagmatiche e di terremoti e (c) produrre mappe tematiche rappresentative dell'escursione termica a lungo periodo (6-12 mesi) della regione Campania per ottenere una prima valutazione degli effetti termici di origine artificiale sul territorio. Le attività di progetto hanno quindi previsto: (i) l'integrazione dei dati termici con i dati geofisici e geochimici attualmente acquisiti nell'ambito delle attività di monitoraggio svolte dall'ov (attività sismica, deformazioni del suolo, flussi di gas, composizione delle fumarole, ecc.); (ii) la diffusione telematica (WEB GIS) delle osservazioni all'infrarosso termico e delle misure multiparametriche associate. Sono state pertanto sviluppate, in senso operativo, le attività di diffusione dei dati di base e delle informazioni a valore aggiunto prodotte attraverso l'immissione in rete dei dati, delle informazioni acquisite e prodotte, nonché dei complessivi risultati della ricerca, a cui i potenziali utenti potranno accedere tramite connessione con la rete INTERNET. In conclusione, attraverso tali acquisizioni ed elaborazioni si è inteso rendere più efficace il livello di studio, ricerca e sorveglianza delle aree vulcaniche attive e dei distretti sismogenetici della Regione Campania fornendo a tutta la comunità scientifica, nazionale ed internazionale, dati originali a valore aggiunto sui fenomeni di rilascio di energia termica. 5 TEMPI E FASI DI SVOLGIMENTO Il progetto della durata di 12 mesi ha previsto lo svolgimento delle seguenti attività: Acquisizione ed elaborazione dati telerilevati di tipo satellitare ed aereo; Acquisizione ed elaborazione di dati termici tramite campagne di misura a terra; Creazione database dati ancillari di supporto; Omogeneizzazione dei formati ed integrazione dei dati acquisiti ed elaborati in ambiente GIS; Diffusione delle informazioni e dei servizi (networking) I tempi di svolgimento previsti per ciascuna attività sono stati i seguenti: Attività # 1: mesi 01-12; Attività # 2: mesi 01, 04,08, 12; Attività # 3: mesi 06-09; Attività # 4: mesi 08-11; Attività # 5: mesi 10-12; 7

8 6 MONITORAGGIO TERMICO DA PIATTAFORMA SATELLITARE LANDSAT 7 ETM+ DELL ATTIVITÀ FUMAROLICA DELLA SOLFATARA (CAMPI FLEGREI) 6.1 Introduzione I campi fumarolici della Solfatara sono la manifestazione esterna della presenza di un acquifero idrotermale, localizzato a profondità non superiori a 2 km, riscaldato da una camera magmatica in raffreddamento, il cui tetto è stato posto tra 4 e 5 km di profondità dai dati petrologici (Armienti et al, 1983) e dall esplorazione geofisica (Ferrucci et al., 1989; Ferrucci et al., 1992). Il cratere della Solfatara ospita un area di degassamento diffuso (DDS) di 0.5 km 2 (Chiodini et al., 2001) e contiene diversi punti principali di degassamento quali (Figura 6.1 e Figura 6.2): La Bocca Grande (BG) e la Bocca Nuova (BN), situate nella parte Sud Est del cratere, la fumarola SOL1 collocata nella parte Nord in vicinanza delle Stufe e la Fangaia, localizzata nella parte centro- Sud. Figura 6.1 Localizzazione della Solfatara e delle due zone di riferimento Z1 (suolo eroso) e Z2 (edificato). 8

9 Figura 6.2 Localizzazione dei punti principali di degassamento, Bocca Grande (BG), Bocca Nuova (BN), SOL1 e Fangaia all interno dell area di degassamento diffuso (DDS). La BG è la fumarola a più alta temperatura. Tra il 1982 e il 1989 la sua temperatura è leggermente aumentata, passando da 153 a 162 C, mentre dal 1989 al 1999 è rimasta stabile su C (Martini, 1986; Chiodini et al, 1992; Chiodini et Marini, 1998, Chiodini et al, 2000; Capaccioni et Mangani, 2001; Cardellini et al., 2003). La BN è caratterizzata da una temperatura leggermente inferiore alla BG, con valori di C nel periodo (Chiodini et Marini, 1998, Chiodini et al, 2000, Cardellini et al, 2003). Infine la fumarola SOL1 presentava una temperatura di 97 C nel Luglio 1999 (Cardellini et al, 2003). 6.2 Dati Satellitari, Descrizione e Metodologia Stato dell arte Le fenomenologie vulcaniche a temperatura relativamente bassa, quali le fumarole del tipo di quelle della Solfatara, sono generalmente osservati in telerilevamento multispettrale tramite analisi della radianza emessa nella finestra spettrale dell Infrarosso termico (TIR). In letteratura sono riportati alcuni esempi di utilizzo di dati satellitari TIR di lunghezza d onda µm acquisiti dal radiometro a bassa risoluzione spaziale AVHRR (Bonneville et al. 1985) e della banda termica di lunghezza d onda µm del Thematic Mapper (TM) imbarcato su Landsat-5. 9

10 La distribuzione areale delle temperature delle fumarole presenti a Vulcano (Isole Eolie) nel 1986, venne determinata da Gaonac'h et al. (1994) tramite analisi TIR di un immagine Landsat-5 ripresa di notte, e confermata da analisi TIR di una seconda immagine Landsat-5 ripresa di giorno (Oppenheimer et al., 1993). Lo stesso risultato venne quindi ottenuto da Harris & Stevenson (1997) su una terza immagine del Determinazione della temperatura La determinazione della temperatura delle caratteristiche vulcaniche è basata sul fatto che un corpo nero, se riscaldato, irradia energia in un certo intervallo di lunghezze d'onda. Tale intervallo di lunghezze d'onda è strettamente legato alla temperatura del corpo: più caldo é il corpo, più corta è la lunghezza d'onda della radiazione. Poiché vi è un rapporto semplice fra la temperatura e l'energia radiante ad una lunghezza d'onda assegnata, è possibile misurare la temperatura di un corpo nero. Tuttavia, i radiatori naturali non si comportano come perfetti corpi neri, anche se molte rocce vulcaniche scure possono avere un comportamento che approssima quello dei corpo nero. Infatti, posta pari all unità l emissività spettrale del perfetto corpo nero, l'emissività delle rocce vulcaniche è normalmente compresa fra 0,99 e 0,80 in funzione della composizione della lava e della lunghezza d'onda considerata. Secondo la legge di distribuzione di Planck, la radianza spettrale L(λ,T) di una superficie omogenea è funzione della sua temperatura termodinamica T. La sua radianza spettrale è definita come segue: L(λ,T) = ε c 1 λ 5 / π [e (c2/λt) - 1] dove c 1 = 2 π h c 2 = Wm 2 (h è la costante di Planck, c la velocità della luce nel vuoto) c 2 = h c / k = m K (k é la costante di Boltzman), λ = lunghezza d onda (μm) ε = emissività della superficie e T = temperatura ( K) La radianza spettrale misurata al satellite è composta da tre termini: radianza riflessa dalla superficie (R λ,d ), radianza diretta verso l alto (R λ,up ) e radianza termica di superficie L(λ,T), la qual ultima è quella di nostro interesse. Più precisamente R λ = τ λ ρ λ R λ,d + R λ,up + τ λ L(λ,T) = R λ, non-termica + R λ,termica ove τ λ é il coefficiente di trasmissione atmosferico, o trasmissività, e ρ λ superficie-bersaglio. é la riflettività della Nel caso di immagini riprese di giorno, il contributo a R λ,t del riscaldamento dovuto al sole è ovviamente significativo nella finestra TIR e comporta il peggioramento del rapporto Segnale/Rumore. Ciò contribuisce tra l altro alla diminuzione della capacità di discriminazione tra i pixels termicamente anomali ed il fondo termico normale. Usando dati ripresi di notte, invece, la radianza riflessa diventa nulla e il contributo dovuto al riscaldamento del sole comunque minore di quello diurno può diventare trascurabile se la scena è ripresa molte ore dopo il tramonto. Dato il migliorato rapporto S/R, le immagini riprese di notte permettono una determinazione più precisa della radianza termica: intuitivamente, tuttavia, la geolocalizzazione dei pixels di interesse è meno precisa. Per quanto riguarda questa sperimentazione si preciserà infine che (a) la trasmissività τ λ è stata determinata dal modello di correzione atmosferico LOWTRAN Mid-latitude Summer per una quota di 100m s.l.m. (nella finestra dell infrarosso termico R λ, non-t contribuisce fra il 6% ed il 16% al valore totale R λ ) e che (b) l emissività ε é stata ottenuta da analisi FTIR effettuata nell intervallo cm -1 su tre campioni prelevati in prossimità delle tre fumarole principali Determinazione della flusso relativo Il flusso radiante relativo Ws misurato, secondo Gaonac'h et al. (1994), può essere stimato solo attraverso la banda termica. Usando la formula di Sekioka e Yuhara,1974, e assumendo θ piccolo rispetto a θ può essere calcolato come segue: 10

11 Ws =4.614 ε ( )(e) 0.5 ) θ Dove: ε = remissività della banda 6; e = pressione di vapore; θ = differenza tra massimo θ all'interno dell'anomalia e minimo θ di ogni pixel adiacente all'anomalia. 6.3 Dati e metodologia Dati satellitari In questo studio è stato utilizzato un totale di 5 immagini satellitari Landsat 7 ETM+ notturne, di cui n.2 riprese in Agosto 2001 e n.3 nel periodo Marzo-Aprile 2003, (Tabella 1). Data di acquisizione Track/Row Radiometro /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM+ Tabella 1 Immagini satellitari analizzate Landsat-7 opera su orbite eliosincrone circolari, quasi polari, poste ad un altezza di circa 705 Km con una frequenza di rivisitazione di 16 giorni. Il sensore ETM + imbarcato su Landsat 7 (Tabella 2), lanciato in Aprile 1999, offriva due apprezzabili perfezionamenti per l identificazione dei rischi vulcanici rispetto al suo precedessore TM: la banda pancromatica, con risoluzione spaziale di 15 metri, originariamente programmata per essere introdotta su Landsat 6 Enhanced Thematic Mapper (ETM), può essere impiegata per mappare con più precisione che nel NIR canali di lava ad alta temperatura; una risoluzione spaziale di 60 metri nell IR termico. Finestra dello spettro elettromagnetico Visibile VIS Bande Lunghezza d onda centrale (µm) Intervallo di lunghezza d onda (µm) Dimensione pixel (m) VIS-NIR Pancro *15 blu * 30 verde * 30 rosso * 30 Infra-rosso vicino (NIR) * 30 Infra-rosso medio (SWIR) * 30 Infra-rosso termico (TIR) *60 Infra-rosso (SWIR) * 30 Tabella 2 Parametri del sensore Landsat 7 ETM + 11

12 6.3.2 Metodologia Tutte le immagini sono state georeferenziate tramite l algoritmo di ricampionamento Nearest Neighbor al fine di conservare i valori iniziali di DN dei pixels. Data la relazione lineare tra la radianza al satellite e il valore di DN per ogni pixels, i valori dei DN sono stati convertiti in Radianza (espressa in Wm -2 µm -1 sr -1 ) utilizzando i parametri di calibrazione. La radianza TIR, cioè nella banda 6 di Landsat-7(ETM+) è stata trasformata in temperatura integrata Ti. Le temperature ottenute sono state corrette dall effetto di raffreddamento adiabatico con gradiente termico verticale di 6 C/1000m (Bonneville et al., 1985, Gaonac h et al, 1994), tramite l utilizzo di un DEM. Dal momento che il riscaldamento del suolo legato alla radiazione solare varia in funzione della data di ripresa dell immagine e dell ora del giorno, è necessario eliminare questo contributo dal valore della temperatura integrata misurata anche al fine della coerenza dell analisi multitemporale. Per questa ragione, sono state identificate da DSM e da caratteristiche riflettive spettrali due zone (denominate zone di riferimento Z1 e Z2, v. Figura 6.1) con le seguenti caratteristiche: assenza di vegetazione; quota confrontabile con quella della Solfatara ( m); stessa esposizione della Solfatara alla radiazione solare. Le temperature integrate Ti Z1 e Ti Z2 misurate in queste due zone sono considerate rappresentative del riscaldamento superficiale dovuto alla radiazione solare. I valori Ti Z1 e di Ti Z2 sono stato sottratti alla temperatura integrata dell immagine satellitare. Ogni pixel di coordinate (x,y) è caratterizzato da due temperature relative θ 1, θ 2 e dalla temperatura relativa media θ m dove: θ 1 (x,y)= Ti (x,y) - Ti Z1 ; θ 2 (x,y )= Ti (x,y) - Ti Z2 e θ m (x,y) = (θ 1 + θ 2 ) / 2 Il flusso radiante relativo Ws definito da Gaonac'h et al. (1994), in corrispondenza dalle DDS è stato calcolato (Chiodini et al., 2001) per ogni data di ripresa. Ws = ε ( )(e) 0.5 ) è max Il calore radiante totale Q è stato determinato considerando i pixel della DDS caratterizzati da θ m >2K. Q =Σ i A* ε ( )(e) 0.5 ) θ m,i 6.4 Risultati L analisi della banda termica (banda 6) delle immagini ETM+ riprese di notte ha permesso di rilevare, localizzare e misurare le temperature integrate Ti delle fumarole SOL1, Bocca Nuova, Bocca Grande e Fangaia. Nella Figura 6.2 le diverse fumarole presenti alla Solfatara sono localizzate su ortofoto (pixel di 1m 2 ). Sulla Figura 6.3 che rappresenta la banda termica dell immagine ETM+ si possono notare tre zone termicamente anomale. 12

13 Figura 6.3 Temperatura integrata alla Solfatara dell immagine Landsat 7 ETM+ ripresa di notte il Lo spostamento delle zone calde rilevate sull immagine Landsat rispetto alla localizzazione delle fumarole è dovuto a due fattori principali: (i) il georiferimento dell immagine Landsat che difficilmente può essere effettuato con una precisione orizzontale migliore della diagonale del pixel (104m), e (ii) l impossibilità di localizzare la fumarole all interno del pixel stesso. La temperatura integrata di ogni pixel è la somma del contributo della frazione di superficie f del pixel occupato dall anomalia termica di origine vulcanica caratterizzata da una temperatura T H (nel caso specifico T H è uguale alla temperatura reale della fumarola misurata a terra) e del contributo della frazione di superficie (1-f ) del pixel a temperatura T B, ove T B è la temperatura del suolo. La frazione superficiale f dipende ovviamente dalla dimensione del pixel dell immagine considerata. 13

14 6.4.1 Analisi multitemporale di Immagini Landsat 7 ETM+ notturne I valori delle temperature integrate in corrispondenza delle diverse fumarole presenti alla Solfatara sono riportati in Figura 6.4, insieme ai valori delle temperature integrate delle due zone di riferimento Z1 e Z2. Figura 6.4 Temperatura integrata calcolata per i pixels in corrispondenza delle fumarole SOL1, Bocca Nuova, Bocca Grande e Fangaia. I valori delle temperature medie in corrispondenza delle diverse fumarole sono invece riportati in Figura 6.5, insieme ai valori delle temperature medie delle due zone di riferimento Z1 e Z2. 14

15 Figura 6.5 Temperatura media calcolata per i pixels in corrispondenza delle fumarole SOL1, Bocca Nuova, Bocca Grande e Fangaia. Si possono notare valori più alti in coincidenza dei mesi estivi sia per le fumarole che per le zone di riferimento. Il contributo del riscaldamento dovuto al sole, che rappresenta la componente principale della temperatura integrata, non permette di identificare le variazioni termiche e dimensionali assolute delle fumarole nel tempo. Il monitoraggio dell attività fumarolica tramite analisi multitemporale di immagini satellitari ripresa di giorno può dunque essere effettuato unicamente considerando le variazioni delle temperature relative di pixel. La temperatura relativa è funzione di due fattori indipendenti: 1) la frazione superficiale f del pixel occupata dalla sorgente di calore 2) la temperatura TH della sorgente. Per questa ragione, l aumento della temperatura relativa può essere associato sia ad un aumento delle frazione f, sia ad un incremento della temperatura T H. Nel nostro caso, se la temperatura relativa media θ m calcolata per ogni cella o pixel ha valore positivo, cioè temperatura superiore alla media di background (in riferimento alle due zone Z1 e Z2), si presuppone la presenza di bocche di degassamento all interno del pixel. 15

16 La distribuzione delle temperature relative medie θ m, per ogni immagine Landsat 7 ETM+ analizzata è riportata in Figura 6.6. Figura L7 ETM+ del Figura L7 ETM+ del Figura L7 ETM+ del Figura Landsat 7 ETM+ del

17 Figura 6 Distribuzione delle temperature relative medie θ m sulle 5 immagini satellitari Landsat 7 ETM+ riprese di note in corrispondenza della DDS. Figura L7 ETM+ del In Figura 6.7, i punti di θ m piu alti, rilevati sull immagine Landsat 7 ETM+ del sono sovrapposti sull ortofoto a colori della Solfatara. Figura 6.7 Temperature relative medie rilevate sull immagine Landast 7 ETM+ ripresa di notte il , sovrapposte all ortofoto digitale della Solfatara. 17

18 Sull insieme delle immagini satellitari studiate, le temperature relative rilevate in corrispondenza della Bocca Nuova e della Bocca Grande sono generalmente superiori a quelle osservate in corrispondenza della SOL 1 e della Fangaia (Figura 6.5). Tra le osservazioni di possibile rilievo ai fini del mutuo supporto e/o convalida di dati geochimici, si citeranno i seguenti punti: In Agosto 2001 (Figura 6.5) si osserva una diminuzione generale della temperatura relativa su tutti i pixels corrispondenti alle fumarole. Tra inizio Marzo e inizio Aprile 2003 si osserva un leggero aumento della temperatura relativa alla Fangaia e alla Bocca Grande e valori stabili indi temperatura relativa in corrispondenza della SOL1 e della Bocca Nuova. Il flusso relativo Ws misurato in corrispondenza della DDS è compreso tra Wm -2 in Agosto 2001 e tra Wm -2 nel periodo Marzo-Aprile 2003 (Tabella 3). Tali valori appaiono in buon accordo con l ordine di grandezza dei valori (15-20 Wm -2 a metà Novembre 2001 e Wm -2 nel Febbraio 2003) misurati al suolo dalla stazione per la misura del flusso termico posta in prossimità della stazione FLOXV1 (rapporto OV Geochimica. Avino et al, 2002). Si noterà infine che il calore radiante relativo totale Q diminuisce tra il 5 Agosto e il 21 Agosto 2001 e rimane stabile durante il periodo Marzo-Aprile 2003 con un valore medio di 1,7*10 6 Watts. (Tabella 3). data θ max Ws Q 05/08/2001 9, , , /08/2001 6,915 24,2647 1, /03/2003 9, ,9376 1, /03/2003 9, , , /04/ ,949 41, , Tabella 3 θ max, Ws e Q determinati dalle analisi delle immagini satellitari notturne L7 ETM+ 6.5 Conclusioni Le eccellenti caratteristiche di sensibilità e risoluzione spaziale TIR di Landsat 7 ETM+, sfruttate in modalità differenziale multi-temporale, hanno consentito di rilevare, localizzare, misurare e monitorare le temperature individuali delle fumarole interne al cratere della Solfatara dei Campi Flegrei tra Agosto 2001 e Marzo-Aprile 2003 e di determinare il flusso termico relativo. L utilizzo di aree di riferimento, situate al difuori della zona di degassamento diffuso, si è rivelato essenziale ai fini della rimozione del contributo radiativo dovuto al riscaldamento solare, dunque indispensabile nel caso di monitoraggio dell attività fumarolica tramite analisi multitemporale di immagini multispettrali acquisite da diverse piattaforme e diversi radiometri. Si noterà infatti che sin da fine-maggio 2003 Landsat 7 ETM+ acquisisce le immagini solo in modalità Scan Line Corrector-OFF, il che lo rende definitivamente inidoneo a misure spettrali. Orbene, dato che il successore Landsat-8 è atteso in operazione non prima della primavera 2006, e dato che Landsat-5/TM è giunto ormai al termine della propria - straordinariamente longeva - vita operativa, le attività di monitoraggio quantitativo e sinottico che implichino un massiccio utilizzo dell informazione SWIR-TIR dovranno necessariamente migrare su altre piattaforme ad alta risoluzione. 18

19 In merito, nel breve e medio termine si suggerisce di ricorrere al radiometro ASTER sviluppato da NASDA, imbarcato sulla piattaforma TERRA della NASA ed operativo sin dal ASTER 7.1 Dati satellitari In questo studio è stato utilizzato un totale di 3 immagini satellitari ASTER notturne (Tabella 7.1). Data di acquisizione Track/Row Radiometro /212 ASTER /212 ASTER Tabella 7.1 Immagini satellitari analizzate The Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER) is one of several instruments on the EOS AM1 platform (which has since been renamed "Terra") The ASTER instrument has 3 downlooking radiometers, one for the visual and near infrared range (VNIR), which covers the wavelength range microns; the short wave infrared (SWIR) telescope, microns, and the thermal infrared radiometer (TIR), microns. Characteristic VNIR SWIR TIR Spectral Range Band 1: µm Nadir looking Band 2: µm Nadir looking Band 3: µm Nadir looking Band 3: µm Backward looking Band 4: µm Band 10: µm Band 5: µm Band 11: µm Band 6: µm Band 12: µm Band 7: µm Band 13: µm Band 8: µm Band 14: µm Band 9: µm Ground Resolution 15 m 30m 90m 19

20 Figura Full Frame: Aster del Figura Zoom Campi Flegrei: Aster del Figura Distribuzione delle temperature relative medie θm sull immagine satellitare Aster del riprese di notte in corrispondenza della DDS. Figura 7.1 Aster del

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 30 convegno Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 F. Sansivero, G. Vilardo, P. De Martino, G. Chiodini

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Vantaggi delle foto verticali La scala è uniforme in tutta la foto Si possono determinare angoli

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha usato il sistema a scansione laser (LiDAR Laser Imaging

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso:

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso: MONITORAGGIO GEOCHIMICO DELL AREA VESUVIANA 4 La sorveglianza geochimica dell area Vesuviana, effettuata dall Unità Funzionale di Geochimica dei Fluidi dell Osservatorio Vesuviano, nel corso del 2004 ha

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate Studio Tecnico Survey Project La Ricerca applicata al Territorio Applicazioni Sviluppate Tecnici Dott. For. Johnny Moretto, Ph.D. Dott. Nicola Trolese Applicazioni Sviluppate Batimetria canali bagnati

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte La termografia infrarossa Ing. Antonio del Conte Ancona, 22 gennaio 2004 Termografia e termocamere a sensori CCD Introduzione La termografia è una tecnica di misura di tipo non invasivo, applicabile alla

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte 1 Definizione di Termografia Con il termine termografia si intende l uso di telecamere

Dettagli

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è un mezzo di trasmissione dell energia sotto forma di onde aventi entrambe le componenti elettriche e magnetiche. La sequenza ordinata delle

Dettagli

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA Progetto LITTORISK Termoli, 20/10/2006 IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia, e per l Ambiente Italia S. Cardinali, E. Valpreda,

Dettagli

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 V2.1 - Dinamica dei magmi, dei fluidi e delle rocce Studi sperimentali sulla reologia dei fusi silicatici. Studi sperimentali sui processi interazione tra rocce

Dettagli

Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO

Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO Che tipo di ENERGIA TERMICA? LUCE LA CUI LUNGHEZZA D ONDA RISULTA TROPPO GRANDE PER ESSERE INDIVIDUATA

Dettagli

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS Il software MIDAS produce i dati MIVIS corretti operando in sequenza in modo da acquisire prima tutti i dati grezzi del sensore MIVIS da cui estrarre tutte le

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA)

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA) Via G. De Marinis, 13 70131 (ITALY) e mail: info@geotek rilievi.com web: www.geotek rilievi.com COMUNE DI ADELFIA (BA) LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA DELLO STABILIMENTO EX SAPA FASE: SMASSAMENTO

Dettagli

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Naples Vesuvius Campi Flegrei Ischia Le Eruzioni Vulcaniche Effusive Esplosive Flussi Piroclastici

Dettagli

Il rischio vulcanico

Il rischio vulcanico Il rischio vulcanico Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Sesta parte Prof. Rolando Neri 2 Alcuni eventi pericolosi nell attività di un vulcano. (Rielaborato da Press e Siever). Il loro verificarsi può provocare

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle coperture in cemento/amianto.

Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle coperture in cemento/amianto. Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA CENTRO GEOLOGIA E AMIANTO Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA

ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA LA TERMOGRAFIA AL VOSTRO SERVIZIO U n a r e t e d i t e c n i c i c e r t i f i c a t i d i s p o n i b i l i n e l l e d i v e r s e r e g i o n i. ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA Cliente: WATERGY S.R.L.

Dettagli

2 IL TELERILEVAMENTO

2 IL TELERILEVAMENTO 2 IL TELERILEVAMENTO Il termine telerilevamento (remote sensing) si riferisce a misure effettuate mediante sistemi non in contatto con l'oggetto o il fenomeno da rilevare. Gli strumenti di misura possono

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene I vulcani si manifestano con diversi tipi di struttura a seconda delle loro caratteristiche magmatiche e della loro eruzione. Queste diverse strutture vulcaniche vengono anche definite con il termine di

Dettagli

Fondamenti Cartografia Automatica. Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia

Fondamenti Cartografia Automatica. Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia Fondamenti Cartografia Automatica Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia Cos'è il telerilevamento: L'acquisizione e la misura di dati/informazioni

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

PREMESSA...2 1 INQUADRAMENTO DELL'AREA...3 2 METODOLOGIA E STRUMENTAZIONE IMPIEGATA...4 3 RISULTATI...9 3.1 Rilievo termografico...

PREMESSA...2 1 INQUADRAMENTO DELL'AREA...3 2 METODOLOGIA E STRUMENTAZIONE IMPIEGATA...4 3 RISULTATI...9 3.1 Rilievo termografico... Indice PREMESSA...2 1 INQUADRAMENTO DELL'AREA...3 2 METODOLOGIA E STRUMENTAZIONE IMPIEGATA...4 3 RISULTATI...9 3.1 Rilievo termografico... 9 4 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA...16 4.1 SOPRALLUOGO 26/07/2012...

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Telerilevamento. da immagini satellitari

Telerilevamento. da immagini satellitari Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Master di I livello in SIT&TLR Telerilevamento da immagini satellitari Relazione sulle attività effettuate durante il corso a.a. 2007/2008

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto Udine, 27 Giugno 2014 Dott. Alessia

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2 ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. 2 Università degli Studi di Bologna, DAPT.

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

INtegrated Energy walls Test facility

INtegrated Energy walls Test facility INTENT INtegrated Energy walls Test facility Descrizione laboratorio INTENT INTENT è un laboratorio che consente di valutare, sia in regime statico che dinamico, le prestazioni termiche ed energetiche

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

- Telecamera all infrarosso termico (IR) fissa per il monitoraggio in continuo delle temperature superficiali dei suoli.

- Telecamera all infrarosso termico (IR) fissa per il monitoraggio in continuo delle temperature superficiali dei suoli. - Telecamera all infrarosso termico (IR) fissa per il monitoraggio in continuo delle temperature superficiali dei suoli. Per il monitoraggio del Vesuvio la Sezione di Napoli ha installato, o utilizzato

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Enrico Zini ARPA Lombardia Workshop informativo: "Amianto: cosa fare?" 30 Marzo 2012, Lecco Sommario 1) Mappatura delle coperture

Dettagli

CONVEGNO LE LANE AUTOCTONE PIEMONTESI: UNA RISORSA PER IL TERRITORIO E L ECONOMIA Biella 7 Giugno 2010

CONVEGNO LE LANE AUTOCTONE PIEMONTESI: UNA RISORSA PER IL TERRITORIO E L ECONOMIA Biella 7 Giugno 2010 CONVEGNO LE LANE AUTOCTONE PIEMONTESI: UNA RISORSA PER IL TERRITORIO E L ECONOMIA Biella 7 Giugno 00 Sperimentazione in campo sui pannelli isolanti di lana: determinazione del risparmio energetico nella

Dettagli

DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA

DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA Workshop CITIMAP: il Telerilevamento per un agricoltura sostenibile DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA Franco COREN(*), Alessandro PAVAN(*), Carla

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO

NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO Lucio Amato Tecno In Servizi di Ingegneria AMRA - Analysis and monitoring of environmental risck PREMESSA

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

Nuovi sistemi di telerilevamento aereo multispettrale ad alta risoluzione: esempi di applicazione nell agricoltura di precisione

Nuovi sistemi di telerilevamento aereo multispettrale ad alta risoluzione: esempi di applicazione nell agricoltura di precisione Workshop Citimap Telerilevamento per un agricoltura sostenibile Piacenza, 20 Aprile 2006 Nuovi sistemi di telerilevamento aereo multispettrale ad alta risoluzione: esempi di applicazione nell agricoltura

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Introduzione alla termografia

Introduzione alla termografia Introduzione alla termografia La TERMOGRAFIA IR è una tecnica diagnostica assolutamente non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2015

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2015 Via Diocleziano, 328 80124 NAPOLI - Italia Tel.: (39) 081.6108111 Telefax: (39) 081.6100811 email: aoo.napoli@pec.ingv.it website: www.ov.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione

Dettagli

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici...

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici... INDICE INTRODUZIONE...1 1. MORFOLOGIA LAGUNARE...5 1.1 La laguna di Venezia...5 1.2 Area di studio...7 1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8 1.4 La zonazione delle alofite...13 1.5 Le barene

Dettagli

RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI

RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI COME STRUMENTO DI MONITORAGGIO DEL TERRITORIO PER LA PREVENZIONE DELLA PROPAGAZIONE DI INCENDI Ogni anno il tributo pagato

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE E PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO ESAME DI TOPOGRAFIA E GEOMATICA mod. II Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto Relazione

Dettagli

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 Esercizio 11 Una pentola contiene 2 kg di acqua ad una temperatura iniziale di 17 C. Si vuole portare l'acqua

Dettagli

LE APPLICAZIONI DEL TELERILEVAMENTO IN CAMPO AMBIENTALE. A cura del Dott. Armando Franza

LE APPLICAZIONI DEL TELERILEVAMENTO IN CAMPO AMBIENTALE. A cura del Dott. Armando Franza LE APPLICAZIONI DEL TELERILEVAMENTO IN CAMPO AMBIENTALE A cura del Dott. Armando Franza GENERALITA Il Telerilevamento (TLR) è un moderno e tecnologico metodo di indagine che permette di osservare un oggetto

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

M. SILVESTRI, M. F. BUONGIORNO,M. MUSACCHIO ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, ROMA

M. SILVESTRI, M. F. BUONGIORNO,M. MUSACCHIO ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, ROMA M. SILVESTRI, M. F. BUONGIORNO,M. MUSACCHIO ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, ROMA Le infrastrutture del laboratorio di Telerilevamento dell INGV e relative applicazioni Il processamento

Dettagli

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001 Progettazione ed installazione di tre telecamere di sorveglianza per il monitoraggio dell attività dell Etna nel periodo Luglio-Agosto 2001 E. Pecora, G. Laudani, B. Saraceno Riassunto La sorveglianza

Dettagli

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita 1 IL SISTEMA CTP DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO Premessa

Dettagli

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI In questo articolo vengono descritte alcune applicazioni operative basate sull elaborazione di

Dettagli

Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR

Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR Nuove frontiere Le indicazioni fornite dal mondo accademico e della ricerca hanno spinto FlyTop a dotare i suoi sistemi APR di sensori allo stato

Dettagli

Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007

Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 IL veicolo vincitore nel 2005 del Stanford Racing Team era dotato di: - 5 laser scanners

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence 4 WORKSHOP TEMATICO

Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence 4 WORKSHOP TEMATICO 16-17 settembre 2010 - TARANTO Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence 4 WORKSHOP TEMATICO GESTIONE ED ANALISI DI DATI LIDAR WAVEFORM DA PIATTAFORMA WEBGIS: Francesco Pirotti, Alberto Guarnieri,

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Analisi morfologiche con QGIS

Analisi morfologiche con QGIS Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 27 marzo 2013 Interpolazioni Il plugin Interpolazioni implementa all interno di QGIS alcuni dei più comuni

Dettagli

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI Il vulcano Stromboli è considerato uno dei vulcani più attivi del mondo ed è caratterizzato da persistente attività esplosiva, chiamata appunto stromboliana, interrotta

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Valerio Baiocchi, Donatella Dominici, Francesca Giannone LE ORBITE Orbita polare eliosincrona Il satellite ritorna

Dettagli