Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania"

Transcript

1 OSSERVATORIO VESUVIANO - INGV Regione Campania Assessorato alla Ricerca Scientifica Programma di promozione della ricerca scientifica in Campania LR n 5 del 28 marzo 2002 Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania RELAZIONE FINALE Novembre 2005 Relazione finale delle attività di ricerca scientifica previste A cura di: Guido Ventura, Giuseppe Vilardo, Carlo Terranova Dicembre

2 1 Soggetto Proponente Personale impiegato nella ricerca Scopo del documento Descrizione del programma di ricerca Tempi e fasi di svolgimento Monitoraggio termico da piattaforma satellitare Landsat 7 ETM+ dell attività fumarolica della Solfatara (Campi Flegrei) Introduzione Dati Satellitari, Descrizione e Metodologia Stato dell arte Determinazione della temperatura Determinazione della flusso relativo Dati e metodologia Dati satellitari Metodologia Risultati Analisi multitemporale di Immagini Landsat 7 ETM+ notturne Conclusioni ASTER Dati satellitari Monitoraggio TIR prossimale Introduzione Sviluppo ed ingegnerizzazione del sistema Conclusioni Rilievo Laser Scanner Il sistema a scansione laser Generazione di DTM Il rilievo del Vesuvio Risultati Conclusioni Campagne di Misura e rilevamento dell attivita termica delle aree vulcaniche Stato termico dei bacini lacustri Bibliografia

3 1 SOGGETTO PROPONENTE Dati identificativi Osservatorio Vesuviano (INGV) Sezione di Napoli dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Indirizzo Sede Legale Via di Vigna Murata Roma Indirizzo Sede Operativa Via Diocleziano , Napoli Tel Fax Rappresentante legale Prof. Enzo Boschi (Presidente INGV) Persona delegata dal Rappresentante legale Dott Giovanni Macedonio (Direttore OV) Responsabile Scientifico/Tecnico progetto Dott Guido Ventura Tel Fax Responsabile amministrativo progetto Dott Giuseppe Patrizi (Direttore Amministrativo OV) Tel Fax

4 2 PERSONALE IMPIEGATO NELLA RICERCA Personale Strutturato dell Ente Nome Cognome Qualifica Mesi Uomo Dott. Guido Ventura Primo Ricercatore 4 Dott. Giovanni Chiodini Dirigente di Ricerca 1 Dott. Giuseppe Vilardo Primo Ricercatore 3 Dott. ssa Rosa Nappi Tecnologo 4 Sig. Vincenzo Augusti Tecnico 4 Personale a contratto destinato a questo specifico progetto Nome Cognome Qualifica Mesi Uomo Prof. Carlo Terranova Laureato senior geologo con esperienza nel settore delle applicazioni di Telerilevamento e GIS 6 Dott. ssa Barbara Hirn Laureato junior geofisico con esperienza nel settore delle applicazioni IR 11 Sig. Giovanni Bronzino Tecnico esperto di trattamento dati cartografici digitali 6 4

5 3 SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento rappresenta la relazione finale delle attività di potenziamento tecnologico e di ricerca scientifica previste nel Progetto Sistema di Monitoraggio Termico da Telerilevamento Remoto e Prossimale della Regione Campania, finanziato dall Assessorato alla Ricerca Scientifica della Regione Campania nell ambito del Programma di promozione della ricerca scientifica in Campania (LR n 5 del 28 marzo 2002). La descrizione delle fasi di lavoro è riferita alle complessive attività di progetto ed include la presentazione dei risultati tecnici e scientifici raggiunti con l elaborazione dei dati da telerilevamento satellitare ed aereo, con l integrazione dei sistemi tecnologici esistenti e con le sperimentazioni condotte durante il periodo di sperimentazione applicativa sulle aree geografiche di interesse. Sono pertanto descritte le attività riferite ai vari aspetti operativi previsti dal Progetto, indicando le principali problematiche affrontate e le criticità emerse nello svolgimento delle azioni così come previste dal cronoprogramma iniziale. La stesura della presente Relazione Tecnico-Scientifica corrisponde alla scadenza temporale conclusiva fissata dal cronoprogramma di Progetto. 5

6 4 DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA DI RICERCA L'area geografica interessata dal presente Progetto è rappresentata dall'intera Regione Campania, con particolare riferimento a: (a) sistemi vulcanici attivi dei Campi Flegrei, del Somma Vesuvio e di Ischia. Questi sistemi sono caratterizzati da attività idrotermale e dalla presenza di aree di emissione di flussi termici attualmente non rilevati e monitorati in modo continuo e complessivo; (b) faglie sismogenetiche che delimitano ad est la Piana Campana e quelle intraappenniniche responsabili dei forti terremoti localizzati nel settore campano dell'appennino meridionale. Per il raggiungimento degli obiettivi descritti, il presente Progetto ha previsto lo svolgimento di un articolato programma di adeguamento e sviluppo delle attività di ricerca e sorveglianza vulcanologica sui temi descritti attraverso il potenziamento dell'attuale database di immagini termiche telerilevate per il monitoraggio, la sorveglianza, l'analisi e lo studio dei fenomeni. Le attività di Progetto sono state rappresentate dall'acquisizione dei dati telerilevati in configurazione multitemporale (per la durata del Progetto), dall'integrazione dei dati esistenti e di quelli acquisibili nel corso delle attività e dall'esecuzione di campagne di misura per la taratura sul terreno. Il Progetto prevedeva l acquisizione di circa 20 immagini notturne all'infrarosso termico da piattaforma Landsat 7 ETM+ (Pixel banda TIR 60*60m) corrispondenti a tutti i passaggi del satellite sull'area di studio in 12 mesi e N 6 immagini diurne termico Landsat 7 ETM+ (multispettrale e pancromatico). Tale dataset di immagini termiche è stato obbligatoriamente ridimensionato per avvenuto guasto alla sensoristica del satellite Landsat 7 che non ha consentito l acquisizione di dati di immagine nel periodo di svolgimento del progetto. Nonostante tale difficoltà, sono state utilizzate le immagini di archivio disponibili con l obiettivo di testare le potenzialità dell osservazione termica dallo Spazio per il monitoraggio diretto delle aree vulcaniche e geotermiche. Le immagini termiche, dopo opportuna geocodifica con ricampionamento nearest-neighbor in proiezione UTM ED 50, sono state processate per la correzione atmosferica ed altitudine usando il Modello Digitale del Terreno (Pixel 20m, IGMI) dell'area campana, già disponibile presso l'o.v.. La temperatura al suolo è stata ottenuta dai valori di emissività della superficie radiante utilizzando le procedure numeriche descritte in Harris e Stevenson (1997), Svanberg (2002) e Wooster e Kaneko (2002). Per una efficiente taratura del sistema, l'acquisizione delle immagini termiche dallo Spazio, di tipo notturno e diurno è stata accompagnata da dettagliate campagne di misura del flusso termico e gassoso nelle aree sorvegliate Inoltre, sempre al fine di tarare il sistema di acquisizione sono state effettuate misurazioni di temperatura dell'acqua marina e di bacini lacustri posti a differente quota. Per le aree caratterizzate da evidenti anomalie termiche sono stati effettuati voli con aeromobile equipaggiato con sensoristica di tipo laser scanner con l'obiettivo di dettagliare la morfologia del territorio di indagine. Particolare attenzione è stata infine rivolta al monitoraggio termico dei bacini lacustri presenti nelle aree vulcaniche della regione al fine di valutare la presenza di anomalie termiche dovute a degassamento in ambiente subacqueo. L'osservazione costante dello stato termico dei bacini lacustri consente di valutare la pericolosità connessa all'accumulo e possibile rilascio improvviso di gas (es. anidride carbonica). I risultati acquisiti sono stati riversati in ambiente GIS ed integrati con i database di dati territoriali in formato raster e vettoriale (Urbanizzato, Ortofoto colore pixel 1m, DTM a differente scala, carta delle pendenze, carta delle esposizione dei versanti, carte tematiche derivate da foto 6

7 aeree già acquisite nelle quali saranno distinte le aree vegetate da quelle urbanizzate e con roccia affiorante) e geologico-geofisico (sismicità, faglie, etc). Tale attività di analisi GIS è stata condotta al fine di (a) individuare ed evidenziare le strutture geologiche che controllano il degassamento e/o la risalita di fluidi in superficie; (b) studiare l'evoluzione spazio-temporale delle anomalie termiche per la valutazione del livello di pericolosità indotto dai processi di degassamento quale precursore di eruzioni idrotermali, magmatiche e/o freatomagmatiche e di terremoti e (c) produrre mappe tematiche rappresentative dell'escursione termica a lungo periodo (6-12 mesi) della regione Campania per ottenere una prima valutazione degli effetti termici di origine artificiale sul territorio. Le attività di progetto hanno quindi previsto: (i) l'integrazione dei dati termici con i dati geofisici e geochimici attualmente acquisiti nell'ambito delle attività di monitoraggio svolte dall'ov (attività sismica, deformazioni del suolo, flussi di gas, composizione delle fumarole, ecc.); (ii) la diffusione telematica (WEB GIS) delle osservazioni all'infrarosso termico e delle misure multiparametriche associate. Sono state pertanto sviluppate, in senso operativo, le attività di diffusione dei dati di base e delle informazioni a valore aggiunto prodotte attraverso l'immissione in rete dei dati, delle informazioni acquisite e prodotte, nonché dei complessivi risultati della ricerca, a cui i potenziali utenti potranno accedere tramite connessione con la rete INTERNET. In conclusione, attraverso tali acquisizioni ed elaborazioni si è inteso rendere più efficace il livello di studio, ricerca e sorveglianza delle aree vulcaniche attive e dei distretti sismogenetici della Regione Campania fornendo a tutta la comunità scientifica, nazionale ed internazionale, dati originali a valore aggiunto sui fenomeni di rilascio di energia termica. 5 TEMPI E FASI DI SVOLGIMENTO Il progetto della durata di 12 mesi ha previsto lo svolgimento delle seguenti attività: Acquisizione ed elaborazione dati telerilevati di tipo satellitare ed aereo; Acquisizione ed elaborazione di dati termici tramite campagne di misura a terra; Creazione database dati ancillari di supporto; Omogeneizzazione dei formati ed integrazione dei dati acquisiti ed elaborati in ambiente GIS; Diffusione delle informazioni e dei servizi (networking) I tempi di svolgimento previsti per ciascuna attività sono stati i seguenti: Attività # 1: mesi 01-12; Attività # 2: mesi 01, 04,08, 12; Attività # 3: mesi 06-09; Attività # 4: mesi 08-11; Attività # 5: mesi 10-12; 7

8 6 MONITORAGGIO TERMICO DA PIATTAFORMA SATELLITARE LANDSAT 7 ETM+ DELL ATTIVITÀ FUMAROLICA DELLA SOLFATARA (CAMPI FLEGREI) 6.1 Introduzione I campi fumarolici della Solfatara sono la manifestazione esterna della presenza di un acquifero idrotermale, localizzato a profondità non superiori a 2 km, riscaldato da una camera magmatica in raffreddamento, il cui tetto è stato posto tra 4 e 5 km di profondità dai dati petrologici (Armienti et al, 1983) e dall esplorazione geofisica (Ferrucci et al., 1989; Ferrucci et al., 1992). Il cratere della Solfatara ospita un area di degassamento diffuso (DDS) di 0.5 km 2 (Chiodini et al., 2001) e contiene diversi punti principali di degassamento quali (Figura 6.1 e Figura 6.2): La Bocca Grande (BG) e la Bocca Nuova (BN), situate nella parte Sud Est del cratere, la fumarola SOL1 collocata nella parte Nord in vicinanza delle Stufe e la Fangaia, localizzata nella parte centro- Sud. Figura 6.1 Localizzazione della Solfatara e delle due zone di riferimento Z1 (suolo eroso) e Z2 (edificato). 8

9 Figura 6.2 Localizzazione dei punti principali di degassamento, Bocca Grande (BG), Bocca Nuova (BN), SOL1 e Fangaia all interno dell area di degassamento diffuso (DDS). La BG è la fumarola a più alta temperatura. Tra il 1982 e il 1989 la sua temperatura è leggermente aumentata, passando da 153 a 162 C, mentre dal 1989 al 1999 è rimasta stabile su C (Martini, 1986; Chiodini et al, 1992; Chiodini et Marini, 1998, Chiodini et al, 2000; Capaccioni et Mangani, 2001; Cardellini et al., 2003). La BN è caratterizzata da una temperatura leggermente inferiore alla BG, con valori di C nel periodo (Chiodini et Marini, 1998, Chiodini et al, 2000, Cardellini et al, 2003). Infine la fumarola SOL1 presentava una temperatura di 97 C nel Luglio 1999 (Cardellini et al, 2003). 6.2 Dati Satellitari, Descrizione e Metodologia Stato dell arte Le fenomenologie vulcaniche a temperatura relativamente bassa, quali le fumarole del tipo di quelle della Solfatara, sono generalmente osservati in telerilevamento multispettrale tramite analisi della radianza emessa nella finestra spettrale dell Infrarosso termico (TIR). In letteratura sono riportati alcuni esempi di utilizzo di dati satellitari TIR di lunghezza d onda µm acquisiti dal radiometro a bassa risoluzione spaziale AVHRR (Bonneville et al. 1985) e della banda termica di lunghezza d onda µm del Thematic Mapper (TM) imbarcato su Landsat-5. 9

10 La distribuzione areale delle temperature delle fumarole presenti a Vulcano (Isole Eolie) nel 1986, venne determinata da Gaonac'h et al. (1994) tramite analisi TIR di un immagine Landsat-5 ripresa di notte, e confermata da analisi TIR di una seconda immagine Landsat-5 ripresa di giorno (Oppenheimer et al., 1993). Lo stesso risultato venne quindi ottenuto da Harris & Stevenson (1997) su una terza immagine del Determinazione della temperatura La determinazione della temperatura delle caratteristiche vulcaniche è basata sul fatto che un corpo nero, se riscaldato, irradia energia in un certo intervallo di lunghezze d'onda. Tale intervallo di lunghezze d'onda è strettamente legato alla temperatura del corpo: più caldo é il corpo, più corta è la lunghezza d'onda della radiazione. Poiché vi è un rapporto semplice fra la temperatura e l'energia radiante ad una lunghezza d'onda assegnata, è possibile misurare la temperatura di un corpo nero. Tuttavia, i radiatori naturali non si comportano come perfetti corpi neri, anche se molte rocce vulcaniche scure possono avere un comportamento che approssima quello dei corpo nero. Infatti, posta pari all unità l emissività spettrale del perfetto corpo nero, l'emissività delle rocce vulcaniche è normalmente compresa fra 0,99 e 0,80 in funzione della composizione della lava e della lunghezza d'onda considerata. Secondo la legge di distribuzione di Planck, la radianza spettrale L(λ,T) di una superficie omogenea è funzione della sua temperatura termodinamica T. La sua radianza spettrale è definita come segue: L(λ,T) = ε c 1 λ 5 / π [e (c2/λt) - 1] dove c 1 = 2 π h c 2 = Wm 2 (h è la costante di Planck, c la velocità della luce nel vuoto) c 2 = h c / k = m K (k é la costante di Boltzman), λ = lunghezza d onda (μm) ε = emissività della superficie e T = temperatura ( K) La radianza spettrale misurata al satellite è composta da tre termini: radianza riflessa dalla superficie (R λ,d ), radianza diretta verso l alto (R λ,up ) e radianza termica di superficie L(λ,T), la qual ultima è quella di nostro interesse. Più precisamente R λ = τ λ ρ λ R λ,d + R λ,up + τ λ L(λ,T) = R λ, non-termica + R λ,termica ove τ λ é il coefficiente di trasmissione atmosferico, o trasmissività, e ρ λ superficie-bersaglio. é la riflettività della Nel caso di immagini riprese di giorno, il contributo a R λ,t del riscaldamento dovuto al sole è ovviamente significativo nella finestra TIR e comporta il peggioramento del rapporto Segnale/Rumore. Ciò contribuisce tra l altro alla diminuzione della capacità di discriminazione tra i pixels termicamente anomali ed il fondo termico normale. Usando dati ripresi di notte, invece, la radianza riflessa diventa nulla e il contributo dovuto al riscaldamento del sole comunque minore di quello diurno può diventare trascurabile se la scena è ripresa molte ore dopo il tramonto. Dato il migliorato rapporto S/R, le immagini riprese di notte permettono una determinazione più precisa della radianza termica: intuitivamente, tuttavia, la geolocalizzazione dei pixels di interesse è meno precisa. Per quanto riguarda questa sperimentazione si preciserà infine che (a) la trasmissività τ λ è stata determinata dal modello di correzione atmosferico LOWTRAN Mid-latitude Summer per una quota di 100m s.l.m. (nella finestra dell infrarosso termico R λ, non-t contribuisce fra il 6% ed il 16% al valore totale R λ ) e che (b) l emissività ε é stata ottenuta da analisi FTIR effettuata nell intervallo cm -1 su tre campioni prelevati in prossimità delle tre fumarole principali Determinazione della flusso relativo Il flusso radiante relativo Ws misurato, secondo Gaonac'h et al. (1994), può essere stimato solo attraverso la banda termica. Usando la formula di Sekioka e Yuhara,1974, e assumendo θ piccolo rispetto a θ può essere calcolato come segue: 10

11 Ws =4.614 ε ( )(e) 0.5 ) θ Dove: ε = remissività della banda 6; e = pressione di vapore; θ = differenza tra massimo θ all'interno dell'anomalia e minimo θ di ogni pixel adiacente all'anomalia. 6.3 Dati e metodologia Dati satellitari In questo studio è stato utilizzato un totale di 5 immagini satellitari Landsat 7 ETM+ notturne, di cui n.2 riprese in Agosto 2001 e n.3 nel periodo Marzo-Aprile 2003, (Tabella 1). Data di acquisizione Track/Row Radiometro /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM /212 Landsat 7 ETM+ Tabella 1 Immagini satellitari analizzate Landsat-7 opera su orbite eliosincrone circolari, quasi polari, poste ad un altezza di circa 705 Km con una frequenza di rivisitazione di 16 giorni. Il sensore ETM + imbarcato su Landsat 7 (Tabella 2), lanciato in Aprile 1999, offriva due apprezzabili perfezionamenti per l identificazione dei rischi vulcanici rispetto al suo precedessore TM: la banda pancromatica, con risoluzione spaziale di 15 metri, originariamente programmata per essere introdotta su Landsat 6 Enhanced Thematic Mapper (ETM), può essere impiegata per mappare con più precisione che nel NIR canali di lava ad alta temperatura; una risoluzione spaziale di 60 metri nell IR termico. Finestra dello spettro elettromagnetico Visibile VIS Bande Lunghezza d onda centrale (µm) Intervallo di lunghezza d onda (µm) Dimensione pixel (m) VIS-NIR Pancro *15 blu * 30 verde * 30 rosso * 30 Infra-rosso vicino (NIR) * 30 Infra-rosso medio (SWIR) * 30 Infra-rosso termico (TIR) *60 Infra-rosso (SWIR) * 30 Tabella 2 Parametri del sensore Landsat 7 ETM + 11

12 6.3.2 Metodologia Tutte le immagini sono state georeferenziate tramite l algoritmo di ricampionamento Nearest Neighbor al fine di conservare i valori iniziali di DN dei pixels. Data la relazione lineare tra la radianza al satellite e il valore di DN per ogni pixels, i valori dei DN sono stati convertiti in Radianza (espressa in Wm -2 µm -1 sr -1 ) utilizzando i parametri di calibrazione. La radianza TIR, cioè nella banda 6 di Landsat-7(ETM+) è stata trasformata in temperatura integrata Ti. Le temperature ottenute sono state corrette dall effetto di raffreddamento adiabatico con gradiente termico verticale di 6 C/1000m (Bonneville et al., 1985, Gaonac h et al, 1994), tramite l utilizzo di un DEM. Dal momento che il riscaldamento del suolo legato alla radiazione solare varia in funzione della data di ripresa dell immagine e dell ora del giorno, è necessario eliminare questo contributo dal valore della temperatura integrata misurata anche al fine della coerenza dell analisi multitemporale. Per questa ragione, sono state identificate da DSM e da caratteristiche riflettive spettrali due zone (denominate zone di riferimento Z1 e Z2, v. Figura 6.1) con le seguenti caratteristiche: assenza di vegetazione; quota confrontabile con quella della Solfatara ( m); stessa esposizione della Solfatara alla radiazione solare. Le temperature integrate Ti Z1 e Ti Z2 misurate in queste due zone sono considerate rappresentative del riscaldamento superficiale dovuto alla radiazione solare. I valori Ti Z1 e di Ti Z2 sono stato sottratti alla temperatura integrata dell immagine satellitare. Ogni pixel di coordinate (x,y) è caratterizzato da due temperature relative θ 1, θ 2 e dalla temperatura relativa media θ m dove: θ 1 (x,y)= Ti (x,y) - Ti Z1 ; θ 2 (x,y )= Ti (x,y) - Ti Z2 e θ m (x,y) = (θ 1 + θ 2 ) / 2 Il flusso radiante relativo Ws definito da Gaonac'h et al. (1994), in corrispondenza dalle DDS è stato calcolato (Chiodini et al., 2001) per ogni data di ripresa. Ws = ε ( )(e) 0.5 ) è max Il calore radiante totale Q è stato determinato considerando i pixel della DDS caratterizzati da θ m >2K. Q =Σ i A* ε ( )(e) 0.5 ) θ m,i 6.4 Risultati L analisi della banda termica (banda 6) delle immagini ETM+ riprese di notte ha permesso di rilevare, localizzare e misurare le temperature integrate Ti delle fumarole SOL1, Bocca Nuova, Bocca Grande e Fangaia. Nella Figura 6.2 le diverse fumarole presenti alla Solfatara sono localizzate su ortofoto (pixel di 1m 2 ). Sulla Figura 6.3 che rappresenta la banda termica dell immagine ETM+ si possono notare tre zone termicamente anomale. 12

13 Figura 6.3 Temperatura integrata alla Solfatara dell immagine Landsat 7 ETM+ ripresa di notte il Lo spostamento delle zone calde rilevate sull immagine Landsat rispetto alla localizzazione delle fumarole è dovuto a due fattori principali: (i) il georiferimento dell immagine Landsat che difficilmente può essere effettuato con una precisione orizzontale migliore della diagonale del pixel (104m), e (ii) l impossibilità di localizzare la fumarole all interno del pixel stesso. La temperatura integrata di ogni pixel è la somma del contributo della frazione di superficie f del pixel occupato dall anomalia termica di origine vulcanica caratterizzata da una temperatura T H (nel caso specifico T H è uguale alla temperatura reale della fumarola misurata a terra) e del contributo della frazione di superficie (1-f ) del pixel a temperatura T B, ove T B è la temperatura del suolo. La frazione superficiale f dipende ovviamente dalla dimensione del pixel dell immagine considerata. 13

14 6.4.1 Analisi multitemporale di Immagini Landsat 7 ETM+ notturne I valori delle temperature integrate in corrispondenza delle diverse fumarole presenti alla Solfatara sono riportati in Figura 6.4, insieme ai valori delle temperature integrate delle due zone di riferimento Z1 e Z2. Figura 6.4 Temperatura integrata calcolata per i pixels in corrispondenza delle fumarole SOL1, Bocca Nuova, Bocca Grande e Fangaia. I valori delle temperature medie in corrispondenza delle diverse fumarole sono invece riportati in Figura 6.5, insieme ai valori delle temperature medie delle due zone di riferimento Z1 e Z2. 14

15 Figura 6.5 Temperatura media calcolata per i pixels in corrispondenza delle fumarole SOL1, Bocca Nuova, Bocca Grande e Fangaia. Si possono notare valori più alti in coincidenza dei mesi estivi sia per le fumarole che per le zone di riferimento. Il contributo del riscaldamento dovuto al sole, che rappresenta la componente principale della temperatura integrata, non permette di identificare le variazioni termiche e dimensionali assolute delle fumarole nel tempo. Il monitoraggio dell attività fumarolica tramite analisi multitemporale di immagini satellitari ripresa di giorno può dunque essere effettuato unicamente considerando le variazioni delle temperature relative di pixel. La temperatura relativa è funzione di due fattori indipendenti: 1) la frazione superficiale f del pixel occupata dalla sorgente di calore 2) la temperatura TH della sorgente. Per questa ragione, l aumento della temperatura relativa può essere associato sia ad un aumento delle frazione f, sia ad un incremento della temperatura T H. Nel nostro caso, se la temperatura relativa media θ m calcolata per ogni cella o pixel ha valore positivo, cioè temperatura superiore alla media di background (in riferimento alle due zone Z1 e Z2), si presuppone la presenza di bocche di degassamento all interno del pixel. 15

16 La distribuzione delle temperature relative medie θ m, per ogni immagine Landsat 7 ETM+ analizzata è riportata in Figura 6.6. Figura L7 ETM+ del Figura L7 ETM+ del Figura L7 ETM+ del Figura Landsat 7 ETM+ del

17 Figura 6 Distribuzione delle temperature relative medie θ m sulle 5 immagini satellitari Landsat 7 ETM+ riprese di note in corrispondenza della DDS. Figura L7 ETM+ del In Figura 6.7, i punti di θ m piu alti, rilevati sull immagine Landsat 7 ETM+ del sono sovrapposti sull ortofoto a colori della Solfatara. Figura 6.7 Temperature relative medie rilevate sull immagine Landast 7 ETM+ ripresa di notte il , sovrapposte all ortofoto digitale della Solfatara. 17

18 Sull insieme delle immagini satellitari studiate, le temperature relative rilevate in corrispondenza della Bocca Nuova e della Bocca Grande sono generalmente superiori a quelle osservate in corrispondenza della SOL 1 e della Fangaia (Figura 6.5). Tra le osservazioni di possibile rilievo ai fini del mutuo supporto e/o convalida di dati geochimici, si citeranno i seguenti punti: In Agosto 2001 (Figura 6.5) si osserva una diminuzione generale della temperatura relativa su tutti i pixels corrispondenti alle fumarole. Tra inizio Marzo e inizio Aprile 2003 si osserva un leggero aumento della temperatura relativa alla Fangaia e alla Bocca Grande e valori stabili indi temperatura relativa in corrispondenza della SOL1 e della Bocca Nuova. Il flusso relativo Ws misurato in corrispondenza della DDS è compreso tra Wm -2 in Agosto 2001 e tra Wm -2 nel periodo Marzo-Aprile 2003 (Tabella 3). Tali valori appaiono in buon accordo con l ordine di grandezza dei valori (15-20 Wm -2 a metà Novembre 2001 e Wm -2 nel Febbraio 2003) misurati al suolo dalla stazione per la misura del flusso termico posta in prossimità della stazione FLOXV1 (rapporto OV Geochimica. Avino et al, 2002). Si noterà infine che il calore radiante relativo totale Q diminuisce tra il 5 Agosto e il 21 Agosto 2001 e rimane stabile durante il periodo Marzo-Aprile 2003 con un valore medio di 1,7*10 6 Watts. (Tabella 3). data θ max Ws Q 05/08/2001 9, , , /08/2001 6,915 24,2647 1, /03/2003 9, ,9376 1, /03/2003 9, , , /04/ ,949 41, , Tabella 3 θ max, Ws e Q determinati dalle analisi delle immagini satellitari notturne L7 ETM+ 6.5 Conclusioni Le eccellenti caratteristiche di sensibilità e risoluzione spaziale TIR di Landsat 7 ETM+, sfruttate in modalità differenziale multi-temporale, hanno consentito di rilevare, localizzare, misurare e monitorare le temperature individuali delle fumarole interne al cratere della Solfatara dei Campi Flegrei tra Agosto 2001 e Marzo-Aprile 2003 e di determinare il flusso termico relativo. L utilizzo di aree di riferimento, situate al difuori della zona di degassamento diffuso, si è rivelato essenziale ai fini della rimozione del contributo radiativo dovuto al riscaldamento solare, dunque indispensabile nel caso di monitoraggio dell attività fumarolica tramite analisi multitemporale di immagini multispettrali acquisite da diverse piattaforme e diversi radiometri. Si noterà infatti che sin da fine-maggio 2003 Landsat 7 ETM+ acquisisce le immagini solo in modalità Scan Line Corrector-OFF, il che lo rende definitivamente inidoneo a misure spettrali. Orbene, dato che il successore Landsat-8 è atteso in operazione non prima della primavera 2006, e dato che Landsat-5/TM è giunto ormai al termine della propria - straordinariamente longeva - vita operativa, le attività di monitoraggio quantitativo e sinottico che implichino un massiccio utilizzo dell informazione SWIR-TIR dovranno necessariamente migrare su altre piattaforme ad alta risoluzione. 18

19 In merito, nel breve e medio termine si suggerisce di ricorrere al radiometro ASTER sviluppato da NASDA, imbarcato sulla piattaforma TERRA della NASA ed operativo sin dal ASTER 7.1 Dati satellitari In questo studio è stato utilizzato un totale di 3 immagini satellitari ASTER notturne (Tabella 7.1). Data di acquisizione Track/Row Radiometro /212 ASTER /212 ASTER Tabella 7.1 Immagini satellitari analizzate The Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER) is one of several instruments on the EOS AM1 platform (which has since been renamed "Terra") The ASTER instrument has 3 downlooking radiometers, one for the visual and near infrared range (VNIR), which covers the wavelength range microns; the short wave infrared (SWIR) telescope, microns, and the thermal infrared radiometer (TIR), microns. Characteristic VNIR SWIR TIR Spectral Range Band 1: µm Nadir looking Band 2: µm Nadir looking Band 3: µm Nadir looking Band 3: µm Backward looking Band 4: µm Band 10: µm Band 5: µm Band 11: µm Band 6: µm Band 12: µm Band 7: µm Band 13: µm Band 8: µm Band 14: µm Band 9: µm Ground Resolution 15 m 30m 90m 19

20 Figura Full Frame: Aster del Figura Zoom Campi Flegrei: Aster del Figura Distribuzione delle temperature relative medie θm sull immagine satellitare Aster del riprese di notte in corrispondenza della DDS. Figura 7.1 Aster del

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli