PROGETTO RILEVAMENTO AMIANTO Attività di completamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO RILEVAMENTO AMIANTO Attività di completamento"

Transcript

1 Regione Calabria Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio PROGETTO RILEVAMENTO AMIANTO Attività di completamento REDAZIONE: dott. Tonino Caracciolo dott. Vincenzo Marra ing. Gaetano Scarnati Luglio 2013

2 INDICE 1 PREMESSA SISTEMA DI RIFERIMENTO IL PROGETTO AMIANTO AREE SU CUI ESEGUIRE LA RILEVAZIONE IPERSPETTRALE OPERAZIONI PRELIMINARI ALLE RIPRESE IPERSPETTRALI Caratteristiche generali delle riprese iperspettrali Velivoli Sensori iperspettrali Piani di volo e esecuzione delle riprese CALIBRAZIONE GEOMETRICA TRAINING I CONTROLLI DI QUALITÀ DELLE RIPRESE AEREE Documentazione da produrre al termine delle riprese aeree PROCESSAMENTO DEI DATI Preprocessing dei dati e georeferenziazione Correzione radiometrica Correzione geometrica ELABORAZIONE, CLASSIFICAZIONE E INTERPRETAZIONE DEI DATI Documentazione da produrre al termine del processamento dei dati VERIFICHE DI CONFORMITA Relazioni di verifica di conformità in corso d opera e finale Verifica di conformità dei voli Verifica di conformità del processamento dei dati GLOSSARIO E ACRONIMI Glossario Acronimi QUADRO ECONOMICO Pagina 1

3 1 PREMESSA La Regione Calabria e per suo tramite il Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio, alla luce dell intercorsa normativa regionale sull amianto (L.R. n. 14 del 27/04/2011), ha inteso ampliare il quadro conoscitivo del territorio regionale per sostenere le attività del governo regionale relativamente alle problematiche volte alla ricognizione della presenza di amianto. Infatti nell ambito del Progetto Formazione della Carta dei Luoghi della Regione Calabria Lotto n.1 è stata avviata una prima fase di conoscenza della presenza di amianto o suoi derivati sul territorio regionale. Da questa prima iniziativa e dalla crescente esigenza di affrontare in maniera impattante detta problematica si è ravvisata la necessità di avviare una fase di completamento delle aree che non era stato possibile rilevare con la perizia di variante al Formazione della Carta dei Luoghi della Regione Calabria Lotto n.1. Il completamento della rilevazione della presenza di amianto sul territorio regionale è possibile grazie alla sinergia tra il Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio e il Dipartimento Politiche dell Ambiente che hanno messo a disposizioni le risorse finanziarie necessarie affinchè ciò si possa realizzare. Il progetto in corso di realizzazione prevedeva le seguenti attività: 1. Individuazione delle aree su cui eseguire la rilevazione iperspettrale; 2. Operazioni preliminari alle riprese iperspettrali; 3. Calibrazione geometrica; 4. Training; 5. Preprocessing dei dati (correzione geometrica, radiomentrica e atmosferica) e georeferenziazione; 6. Elaborazione, classificazione e interpretazione dei dati. Il presente capitolato tecnico non comprende l attività di Realizzazione delle mappe georiferite con l individuazione della presenza di amianto naturale e/o industriale. Le aree già rilevate sono le seguenti: Aree amianto naturale: ha 11'300 Assi viarii (700 m): ha 20'000 Centri urbani ed industriali: ha 90'000 Sommano: ha 121'300 Per il conseguimento dell obiettivo dell intero progetto, nel presente appalto è stata stimata la superficie complessiva ancora da rilevare che ammonta ad ettari Con il presente appalto si ritiene utile, oltre che realizzare il completamento di cui sopra, migliorare il flusso di lavorazioni e delle tecnologie adottate al fine di garantire un risultato completamente in linea con le aspettative e le esigenze dell ente. Tutte le forniture previste dovranno essere consegnate in duplice copia, su supporto hard disk esterno USB (versione 2.0 o superiore) che rimarranno di proprietà della Regione Calabria. Pagina 2

4 2 SISTEMA DI RIFERIMENTO La Regione Calabria attualmente adotta il sistema di riferimento geodetico (Datum) ETRF89 (Ellissoide WGS84) e la rappresentazione conforme UTM (coordinate cartografiche UTM-WGS84), per i nuovi prodotti bisogna adottare il sistema seguente: il sistema geodetico ( il sistema geodetico (il (datum) ETRS89 nella sua realizzazione ETRF2000 (epoca ) materializzato dalla Rete Dinamica Nazionale (RDN), con coordinate geodetiche Latitudine, Longitudine, Altezza ellissoidica riferite all'ellissoide WGS84; la rappresentazione cartografica conforme UTM (coordinate cartografiche Est, Nord UTM WGS84 ETRF2000). 3 IL PROGETTO AMIANTO Le mappe da realizzare dovranno essere ottenute attraverso l'uso di dati da sensore aviotrasportato con acquisizione già georiferita e ortorettificata, che permetterà successivamente di individuare quelle situazioni di compresenza di materiali contenenti amianto non soltanto nelle coperture ma anche in depositi, discariche, rocce affioranti ed altre situazioni "naturali" che presentano caratteristiche di rischio per la salute. Le tecniche di telerilevamento iperspettrale rappresentano una valida alternativa, soprattutto perché estendibile a grandi superfici, ai metodi di censimento tradizionali delle coperture in cemento-amianto, effettuati mediante sopralluoghi, ispezioni visiva delle superfici e prelievo di campioni da analizzare in laboratorio. I sensori che vengono normalmente utilizzati per il rilievo iperspettrale, sono in grado di misurare la radiazione elettromagnetica proveniente dagli oggetti, sia essa riflessa, diffusa o emessa. Dall'analisi e dalla successiva interpretazione delle risposte di ogni singolo oggetto alle varie lunghezze d'onda, rappresentative del comportamento specifico di quell'oggetto, è possibile risalire alle proprietà di specifico interesse. Nello studio dell'ambiente mediante l'analisi di dati iperspettrali, i fattori decisivi sono: la risoluzione spettrale (o radiometrica), in quanto la risposta spettrale rilevata dal sensore sarà tanto più precisa e dettagliata quante più bande si hanno a disposizione per la sua determinazione e quanto maggiore la risoluzione spettrale (la minore ampiezza per ciascuna banda); la risoluzione geometrica (o spaziale), che determina la dimensione minima degli oggetti che possono essere rilevati e identificati. Nel corso dell attività già svolta è stata esclusa la possibilità di acquisizione dati mediante sensori iperspettrali montati a bordo di piattaforme satellitari, in quanto normalmente caratterizzati da basse risoluzioni sia spettrali che spaziali, utili solo per l'analisi di ambienti molto omogenei, caratterizzati dalla presenza di pochi manufatti e pochissimi materiali e invece scarsamente utili al fine di studiare ambienti eterogenei e densi di strutture di differente tipologia, come gli ambiti urbani nei quali con maggiore probabilità si collocano strutture di cemento-amianto. Di contro, l'utilizzo integrato di sensori aerei, iperspettrali e termici. aventi un grande numero di bande, oltre a mettere a disposizione una elevata risoluzione radiometrica e geometrica, migliora fortemente le capacità di discriminare i materiali cercati. Considerato quindi che la rilevazione delle coperture in amianto interessa aree urbane o periurbane e industriali, laddove la presenza di amianto può facilmente presentarsi accoppiata alla presenza di discariche abusive, contenenti o meno amianto, è stata considerata la convenienza di avere: Pagina 3

5 una rilevazione più accurata delle coperture in amianto dovuta alla maggior selettività del sensore (grazie alla maggiore risoluzione spettrale); l individuazione degli elementi anche di minori dimensioni (grazie alla maggiore risoluzione geometrica); la eventuale possibilità aggiuntiva di individuazione di discariche (spesso abusive). 4 AREE SU CUI ESEGUIRE LA RILEVAZIONE IPERSPETTRALE La rilevazione iperspettrale costituisce una importante alternativa ai tradizionali metodi di censimento delle coperture in cemento-amianto, effettuati mediante sopralluoghi, ispezioni visiva delle superfici e prelievo di campioni da analizzare successivamente in laboratorio. L'individuazione mirata di dettaglio delle aree da sottoporre a indagine iperspettrale verrà realizzata, utilizzando e integrando i dati e le informazioni ricavabili dalle ortofotocarte ad alta risoluzione, dalle aree già precedentemente acquisite e da tutta la documentazione disponibile. In particolare si procederà alla determinazione delle zone a maggiore densità di superficie antropizzata, allo scopo di focalizzare i rilievi iperspettrali nelle zone dove si concentrano con più elevata probabilità le maggiori quantità di Materiali Contenenti Amianto (MCA). La distribuzione delle aree da rilevare fino al raggiungimento del valore globale stimato è riferita al completamento di: centri urbani, aree industriali e zone costiere non incluse nella precedente rilevazione. Nei files in formato kmz che formano parte integrante del presente progetto sono riportate le aree già rilevate. La perimetrazione di dettaglio definitiva delle aree da rilevare fino al raggiungimento della superficie prevista nel presente appalto, pari a ettari proposta dall'esecutore dovrà essere approvata dalla Regione Calabria. 5 OPERAZIONI PRELIMINARI ALLE RIPRESE IPERSPETTRALI 5.1 Caratteristiche generali delle riprese iperspettrali. Le riprese previste devono essere eseguite nel rispetto di tutti i requisiti richiesti dalla tecnica più aggiornata per l esecuzione dei rilevamenti aerei. La mappatura prevede una complessità intrinseca, indotta dal fatto che l'analisi di un'ampia gamma di firme spettrali, soprattutto in contesti complessi come gli ambiti urbani o industriali, è estremamente intricata in quanto dipendente, oltre che dalla specificità dell'elemento, anche da fattori legati al contesto territoriale nonché alle condizioni meteo-climatiche al momento dell'acquisizione. Le riprese devono essere effettuate con una risoluzione geometrica del pixel di circa cm 50 e con l'utilizzo di circa 32 (o più) canali di ripresa (bande) da collocare radiometricamente nelle regioni spettrali del visibile, dell'infrarosso vicino e dell'infrarosso termico, in fasce da concordare con la Direzione della Regione Calabria in base a suoi specifici obiettivi o ambiti di interesse. 5.2 Velivoli Gli aeromobili devono essere in grado di operare a quote operative idonee a garantire l esecuzione di riprese aeree compatibili con la risoluzione del prodotto da ottenere, in funzione del dispositivo di acquisizione adottato. All atto dell esecuzione del volo, la Ditta verificherà la taratura e il funzionamento degli strumenti di volo e in particolare dell altimetro di bordo. Il velivolo dovrà essere obbligatoriamente dotato di sistema di navigazione GNSS/IMU per poter eseguire correttamente il piano di volo progettato. Pagina 4

6 I velivoli devono essere regolarmente abilitati alla specifica attività ed essere in possesso delle Autorizzazioni all effettuazione di sorvolo delle zone oggetto dell appalto, rilasciate dall Ente Nazionale per l Aviazione Civile Servizio Licenze ai sensi degli ART. 788 e 793 del Codice di Navigazione, così come modificato dai par. 3 e 4 del D.P.R. 29 settembre 2000, n. 367 e successive modifiche ed integrazioni. 5.3 Sensori iperspettrali I sensori iperspettrali dovranno consentire il rilievo con una risoluzione geometrica molto elevata in modo da garantire il pixel al terreno di 50 cm a una quota di volo accettata dagli enti di controllo; inoltre deve consentire una configurazione delle bande (numerose e selettive) che permetta una esplorazione molto mirata delle aree di interesse dello spettro elettromagnetico al fine di individuare anche coperture piccole riducendo l'ambiguità di interpretazione. Dovranno essere utilizzati, a seconda delle necessità, sensori di tipo VNIR (Visible Near InfraRead) o TIR (Thermal InfraRed) che dovranno consentire l'utilizzo di circa 32 (o più) canali di ripresa (bande) da collocare radiometricamente nelle regioni spettrali del visibile, dell'infrarosso vicino e dell'infrarosso termico. Nel primo rilievo è stato utilizzato il sensore iperspettrale VNIR della ITRES (CASI 1500), che opera in ristrette fasce dello spettro elettromagnetico, ed ha una risoluzione geometrica molto elevata (da cm 25 a cm 150 a seconda della quota di volo). 5.4 Piani di volo e esecuzione delle riprese Prima di procedere all esecuzione dei rilievi aerei la Ditta aggiudicataria dovrà predisporre i piani di volo progettati su base cartografica di adeguata scala e in formato vettoriale (dwg/dxf e shape file) oltre che in formato pdf idoneo alla stampa diretta. I piani di volo dovranno essere corredati da una relazione, nella quale saranno riportate le scelte operative effettuate, con particolare riferimento alla strumentazione ausiliaria di navigazione, alla sua calibrazione, posizionamento e assetto, all interfacciamento con i sensori, alla disposizione dei ricevitori GNSS a terra, alla procedura di trattamento dei dati ausiliari. Date le difficoltà pratiche e tecniche accennate in precedenza sono fondamentali la configurazione operativa della strumentazione (scelta della combinazione di diversi sensori, quota di volo, condizioni di ripresa quali temperatura. umidità. pressione, velocità di volo, scelta della posizione e della ampiezza delle bande spettrali, etc.) e la pianificazione del volo iperspettrale con la determinazione dell'orientamento delle strisciate e della direzione di volo. Nell'attuazione delle specifiche indagini oggetto del presente lavoro. risulta fondamentale stabilire a priori tali parametri allo scopo di considerare e attenuare il problema legato al comportamento non lambertiano delle superfici e delle coperture, il quale fa sì che la risposta spettrale di uno stesso materiale contenente amianto sia diversa a seconda della diversa geometria sole-sensoresuperficie. I voli saranno perciò progettati in modo che l'aereo acquisisca sempre il possibile vicino al solar principal plane ossia secondo l'orientamento Est-Ovest per fare in modo che l'irraggiamento sia sempre coerente con la direzione del volo e influenzi la qualità del dato in maniera quanto più omogenea possibile su tutte le aree della strisciata. Essi vanno pianificati per essere svolti sempre attorno al mezzogiorno solare, allo scopo di ottenere il massimo irraggiamento, minimizzando i disturbi causati dalle ombre. La fase di pianificazione del rilievo aereo iperspettrale sarà contemporanea alla pianificazione delle eventuali attività di rilievo in campo mediante spettroradiometro. Integrando le diverse tipologie di dati raccolti (ortofotocarte, etc.), verranno individuati specifici areali nei principali agglomerati industriali in cui potrà essere condotta l acquisizione delle firme spettrali dei campioni a terra, anche tenendo in considerazione piano del volo e i criteri che si prevede di utilizzare per la classificazione delle immagini iperspettrali. Pagina 5

7 6 CALIBRAZIONE GEOMETRICA Preventivamente alle operazioni di acquisizione dei dati iperspettrali sarà eseguita la calibrazione di ciascuno dei sensori che si vanno a utilizzare, mediante il sorvolo, ripetuto con specifiche modalità, di aree di idonee caratteristiche morfologiche e orografiche e opportunamente predisposte con GPS a terra. Tale attività risulta essere particolarmente importante perché tale operazione fornirà i parametri di correzione da apportare ai dati acquisiti per l'esatta ricostruzione delle traiettorie di volo e quindi per la corretta georeferenziazione dei dati. 7 TRAINING L'attività di esecuzione dei rilevi aerei prevedrà una fase preliminare in cui si sceglieranno delle zone "di training" all'interno di agglomerati urbani e industriali tra le aree che si presentano come esposte a un più elevato rischio di crisi ambientale, e si effettuerà una campagna di acquisizione a terra delle risposte spettrali dei materiali contenenti amianto o derivati da esso mediante l'utilizzo di uno spettroradiometro portatile. L'attività di campionamento a terra sarà svolta al fine di collezionare una serie di elementi di verità a terra, e verrà differenziata in momenti diversi in modo tale da poter, in prima fase (prima dell'effettuazione delle riprese) "calibrare" e ottimizzare il rilievo aereo conducendo le acquisizioni di pari passo alla elaborazione delle immagini, in seconda fase (acquisizioni aeree) guidare i successivi algoritmi di classificazione supervisionata e poter, infine, verificare i siti individuati utilizzando i campioni precedentemente raccolti. La calibrazione del rilievo aereo è attività utile e necessaria per la taratura della strumentazione aviotrasportata, l'ottimale settaggio del numero di bande spettrali e della loro ampiezza, la migliore definizione della quota e della velocità di volo in funzione degli specifici parametri ambientali locali. I settaggi potranno essere replicati di ciascuno dei voli successivi, tenendo conto, però, di volta in volta, dei particolari cambiamenti nelle condizioni territoriali locali. 8 I CONTROLLI DI QUALITÀ DELLE RIPRESE AEREE Immediatamente dopo il volo di ripresa la Ditta controllerà la qualità dei dati rilevati e invierà una relazione al DEC. Il verbale di controllo di qualità interna del volo dovrà fornire informazioni, fra l altro, sui seguenti punti: foschia e altri fattori che influenzano la qualità dell immagine; controllo di nitidezza delle immagini, assenza di fenomeni di hot-spot; relazione tecnica generale, comprendente le specifiche fornite per l esecuzione del volo di ripresa; rispetto del piano di volo, in particolare degli assi delle strisciate e del GSD; sovrapposizione trasversale minima ed eventuali lacune nella copertura; data e ora del volo; lacune dovute a copertura nuvolosa. In caso di inosservanza delle prescrizioni tecniche, il volo di ripresa deve essere ripetuto, parzialmente o interamente, in relazione ai difetti riscontrati. Le verifiche devono essere effettuate attraverso l esame dei report relativi al materiale, alla strumentazione e alle elaborazioni. Pagina 6

8 8.1 Documentazione da produrre al termine delle riprese aeree ID Descrizione dell elaborato 1 Relazione descrittiva delle procedure seguite e sull esito delle operazioni di volo 2 Verbale di controllo di qualità interna del volo 3 Immagini in formato nativo digitale 4 Autocertificazione della data di volo 5 Piano di volo Grafico delle strisciate, in formato DXF o SHP, con indicazione della copertura effettiva 6 (tenuto conto della morfologia del terreno) in scala, nonché l indicazione del limite dell area da rilevare 9 PROCESSAMENTO DEI DATI 9.1 Preprocessing dei dati e georeferenziazione Successivamente all'acquisizione, le immagini iperspettrali grezze dovranno essere sottoposte a specifiche procedure di correzione radiometrica e geometrica allo scopo di creare prodotti funzionali per le successive analisi Correzione radiometrica La correzione radiometrica è il primo step da implementare e permette di convertire i valori di Digital Number (DN) di ogni pixel in Radianza Spettrale. Tali operazioni dovranno essere eseguite utilizzando software specializzati che consentiranno anche la correzione atmosferica, la quale prenderà in considerazione le condizioni di illuminazione solare, la geometria del sensore, l'attenuazione atmosferica e l'irradianza del cielo. Gli algoritmi che vanno utilizzati nel pre-trattamento dei dati sono: - I.A.R.R. (Internal Avarage Relative Reflectance) allo scopo di normalizzare i valori di radianza misurati nei diversi canali; - una trasformazione M.N.F. (Maximum Noise Fraction), che permette di ridurre il rumore presente nei dati iperspettrali e di condensare l'informazione contenuta nell immagine in un numero ridotto di bande sintetiche, permettendo così di aumentare la separabilità spettrale dei diversi tipi di superficie e consentendo di eseguire le successive elaborazioni su un numero ridotto di bande, riducendo quindi considerevolmente i tempi di elaborazione Correzione geometrica La correzione geometrica rettifica l'immagine dalle distorsioni dovute principalmente alla geometria dello scanner (scostamenti lineari e angolari tra il sensore, la piattaforma inerziale e l'antenna GNSS) e dagli effetti introdotti da perturbazioni sull'altezza e sull'assetto della piattaforma aerea su cui e montato il sensore (rollio, beccheggio, variazione dell'asse di imbardata). 10 ELABORAZIONE, CLASSIFICAZIONE E INTERPRETAZIONE DEI DATI Questa attività è finalizzata all'individuazione e caratterizzazione degli elementi di interesse e dei relativi buffer di influenza. Consiste nell'elaborazione delle immagini acquisite e sottoposte a pre-processing. La metodologia di classificazione delle immagini prevede l'applicazione di specifici algoritmi standardizzati per la definizione e il riconoscimento delle coperture e dei manufatti costruiti mediante l'utilizzo di MCA. Pagina 7

9 Si procede preliminarmente all'esecuzione del contrast stretching, preceduto dal taglio delle code (cioè eliminazione delle frequenze al di sotto di un certo valore di taglio e che costituiscono il rumore di fondo). L'espansione del contrasto suddivide le risposte spettrali con tonalità di grigio su un intervallo più ampio di colorazioni, con la finalità di ottimizzare il range di riflettanza contenuto su un immagine o su una parte di questa. L'algoritmo del level slicing (equidensometria) permette di dividere l'immagine in un numero predefinito di livelli di colore, e di definire in maniera più chiara aree differenti. Può eventualmente venire applicata un operazione di derivazione che consente di mettere in rilievo le variazioni morfologiche e le discontinuità geometriche delle superfici rilevate. Successivamente, al fine di evidenziare gli allineamenti ed i contorni delle forme, viene utilizzato, sulle differenti superfici, l edge enhancement mediante l'applicazione del filtro sharpen2. I differenti metodi sopra esposti ed i metodi di "enfatizzazione" delle strutture, sono racchiusi in un unico algoritmo gestito mediante pacchetti software avanzati per l'elaborazione di immagini digitali. Allo scopo di ridurre i dati acquisiti a valori di riflettanza relativa, in quelle zone in cui non ci sono misurazioni a terra, si può applicare una normalizzazione dei valori di radianza misurati nei diversi canali, ad uno spettro medio della scena osservata. È fondamentale inoltre tener conto delle problematiche relative alla riduzione del rumore, tipico dei dati telerilevati, che, se non opportunamente trattato può influire in modo decisivo sulla utilizzabilità, significatività e attendibilità del dato. Per affrontare questo problema, si devono applicare idonee tecniche di riduzione del rumore che prevedono il modellamento della funzione di trasferimento del sensore al fine di poter implementare filtri specifici. Laddove si riveli necessario, i dati vanno sottoposti a trasformazioni per la compressione dell'informazione contenuta nell immagine applicando specifici algoritmi per convertire l'intero set di informazioni acquisite in una serie di variabili tra loro incorrelate, riducendone altresì la quantità. L'utilizzo di tali trasformazioni permette di aumentare la separabilità spettrale dei diversi tipi di superficie e consente di eseguire le successive elaborazioni su un set di variabili ridotto ma che contiene la maggiore percentuale di informazione. Le immagini, così trattate, sono sottoposte a specifici algoritmi di classificazione supervised allo scopo di analizzare statisticamente la firma spettrale dei singoli pixel per ricercare il livello di similitudine più elevato rispetto ai pixel che, con assoluta certezza, corrispondono a MCA, perché coincidenti con le superfici oggetto delle indagini in situ. In particolare, le superfici campione analizzate mediante l'utilizzo dello spettroradiometro, verranno identificate geograficamente nell'ambito delle immagini acquisite dal sensore iperspettrale e le loro risposte acquisite in situ verranno fornite come informazioni di input alla procedura di classificazione dell immagine intera. Si perviene in questo modo alla identificazione di siti a diversa probabilità di presenza di amianto: - Certezza: campioni oggetto di verifica sul posto della presenza di cemento-amianto (utilizzati per la taratura del sistema); - Alta-probabilità: campioni discriminati "con sufficiente ragionevolezza"; - Media-probabilità: campioni discriminati "con prudenza". Nell'ambito della specifica procedura di classificazione dovranno essere definiti particolari livelli di soglia di riconoscimento per mezzo del calcolo di un valore di accuratezza. È possibile, nonché utile e necessaria, l'analisi delle discordanze, tramite l'osservazione di una serie di casi particolari. Per questa operazione vanno utilizzate come base di riferimento geometricamente corretta, le ortofoto regionali prodotte, allo scopo di garantire la migliore accuratezza possibile nella perimetrazione dei target. Il prodotto finale della mappatura consiste in files di tipo vettoriale in formato shapefile. Pagina 8

10 10.1 Documentazione da produrre al termine del processamento dei dati ID Descrizione dell elaborato 1 Relazione descrittiva delle procedure eseguite per le correzioni geometriche e radiometriche 2 Immagini in formato.tif non compresso processate 3 Relazione delle procedure eseguite per l elaborazione e classificazione delle immagini 4 Files in formato shape della mappatura finale 11 VERIFICHE DI CONFORMITA 11.1 Relazioni di verifica di conformità in corso d opera e finale Al termine di ciascuna operazione di verifica l incaricato della Verifica di Conformità (nel seguito VdC) trasmetterà alla Ditta appaltatrice una relazione dettagliata delle risultanze positive o negative eseguite. Eventuali risultanze negative delle verifiche effettuate in corso d opera saranno comunicate contestualmente all operazione di verifica al fine di permettere per tempo e senza ulteriori oneri l adeguamento della fase in corso d opera. Successivamente alla consegna definitiva e alla verifica di conformità positiva di tutti gli elaborati relativi alle singole fasi operative, verrà redatto il verbale di verifica di conformità finale. Il VdC provvederà anche a misurare, in contradditorio con la Ditta esecutrice, la superficie totale effettivamente rilevata. Le operazioni di verifica di conformità devono essere eseguite anche per fasi intermedie o porzioni intermedie (verifica di conformità in corso d opera del volo) e di quelli stabiliti per il prodotto finale (verifica di conformità finale del volo). Devono inoltre comprendere il controllo della strumentazione utilizzate e delle modalità operative Verifica di conformità dei voli La validazione dovrà essere effettuata, pertanto, attraverso: o o un controllo di qualità sulle fasi intermedie o porzioni intermedie (verifica di conformità in corso d opera del volo); un controllo di qualità sul prodotto finale e sugli elaborati finali (verifica di conformità finale del volo). Saranno oggetto delle operazioni di verifica: risultanze del controllo di qualità interna del volo; verifica in corso d opera (qualità delle fasi e delle porzioni intermedie); il rispetto del piano di volo in fase esecutiva; i periodi nei quali è stato effettuato il volo; la verifica della continuità nella copertura del territorio e della corrispondenza tra strisciate eseguite e progettate; la completa assenza di nubi e ombre; per tutte le immagini la presenza della data e ora della presa; analisi dell accuratezza dei dati di output GNSS/IMU Verifica di conformità del processamento dei dati La validazione dovrà essere effettuata, attraverso: Pagina 9

11 o o un controllo di qualità sulle fasi intermedie o porzioni intermedie (verifica di conformità in corso d opera del preprocessamento e processamento); un controllo di qualità sul prodotto finale e sugli elaborati finali (verifica di conformità finale del preprocessamento e processamento). Saranno oggetto delle operazioni di verifica: i processi geometrici di preprocessamento; i processi radiometrici di preprocessamento; il controllo della qualità geometrica e radiometrica delle singole immagini; calcolo di compensazione dei dati GNSS/INS; il formato del dato di output; la codifica dei dati; l elaborazione per il processamento delle immagini; le procedure e le risulanze della classificazione dei dati. 12 GLOSSARIO E ACRONIMI 12.1 Glossario IMU (Inertial Measurement Unit) L IMU in italiano sistema di navigazione inerziale è un ausilio alla navigazione che utilizza un computer e dei sensori di moto per tracciare la posizione, l'orientamento e la velocità (direzione,verso e modulo) senza la necessità di riferimenti esterni. Un sistema di navigazione inerziale contiene degli accelerometri, dei giroscopi, od altri dispositivi sensibili al moto. Il sistema è inizialmente fornito della sua velocità e posizione da un'altra sorgente (un operatore, un ricevitore satellitare GPS, etc.), e dopo di ciò calcola la sua posizione aggiornata e velocità integrando le informazioni che ha ricevuto dai sensori di moto. GNSS (Global Navigation Satellite System) Il GNSS in italiano Sistema satellitare globale di navigazione è l'espressione usata correntemente per descrivere i sistemi di navigazione che utilizzano satelliti artificiali che forniscono un servizio di posizionamento geo-spaziale a copertura globale. Il GNSS permette a ricevitori elettronici di determinare la loro posizione (longitudine, latitudine e altitudine) Acronimi dpi GNSS GSD IMU MCA dot per inch, unità di misura della risoluzione Global Navigation Satellite System, sistema di misurazione satellitare Ground Sample Distance Inertial Measurement Unit, sistema di misurazione inerziale Materiali Contenenti Amianto Pagina 10

12 13 QUADRO ECONOMICO QUADRO ECONOMICO DI PROGETTO A) Servizi ITEM DESCRIZIONE Ha /Ha COSTO A1 A2 A3 A4 A5 Individuazione aree per rilevazione iperspettrale Operazioni preliminari alle riprese iperspettrali Calibrazione geometrica Training Preprocessing dei dati e georeferenziazione , ,00 A6 Elaborazione, classificazione e interpretazione dei dati A Totale Servizi ,00 B) Somme a disposizione dell'amministrazione B1 Collaudo (2,00% su A) 7.797,80 B2 CPA (4% su B1) 311,91 B3 IVA (21% su A+B1+B2) ,94 B4 Spese generali 7.839,15 B Totale Somme a disposizione dell'amministrazione ,80 TOTALE GENERALE ,80 Pagina 11

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche Università degli Studi di Perugia DICA Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Via G. Duranti 93 06125 Perugia Centro Interregionale di Coordinamento e Documentazione per le Informazioni Territoriali

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli