- 1 - ge=en. Superato l impasse sul futuro dell Unione: raggiunto un compromesso sul nuovo Trattato istituzionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 1 - ge=en. Superato l impasse sul futuro dell Unione: raggiunto un compromesso sul nuovo Trattato istituzionale"

Transcript

1 EuroDejalex - Newsletter comunitaria - Gi iiuuggnnoo OSSERVATORIO PAG. 2 FINESTRA FISCALITÀ PAG. 4 CASELAW PAG. 5 GAZZETTA E CALENDARIO PAG. 7 Superato l impasse sul futuro dell Unione: raggiunto un compromesso sul nuovo Trattato istituzionale Dopo due anni di incertezza sul processo di riforma dei trattati, i capi di Stato e di governo dell Unione, riunitisi nel summit europeo del 22 e 23 giugno scorsi, hanno finalmente raggiunto un accordo sui punti essenziali del nuovo Trattato (denominato trattato di riforma ), che dovrebbe essere elaborato entro la fine dell anno dalla Conferenza intergovernativa (CIG) all uopo convocata dal Consiglio Europeo. Tale testo, che sostituisce il progetto di Costituzione europea (approvata e firmata dai 27 Stati Membri nel 2004, ma bocciata dai referendum svoltisi in Francia ed Olanda) introdurrà modifiche, rispettivamente, al Trattato sull Unione Europea (TUE) e al Trattato che istituisce la Comunità europea (TCE), che sarà ora denominato Trattato sul funzionamento dell Unione. L intesa è stata raggiunta al termine di estenuanti trattative nelle quali si è dovuto far fronte all ostilità della Polonia, per quanto concerne il sistema di voto a doppia maggioranza e alla richiesta di innumerevoli concessioni da parte della Gran Bretagna, in particolare in materia di politica estera, cooperazione giudiziaria e diritti fondamentali. I punti principali del complesso mandato conferito alla CIG concernono: - Il sistema di voto in seno al Consiglio dei ministri: il voto a maggioranza qualificata diventerà la regola per oltre 50 settori fra cui la cooperazione giudiziaria e di polizia, l immigrazione (con una deroga in entrambi i casi per la Gran Bretagna), l educazione e la politica economica. L unanimità resterà invece la norma per politica estera, sicurezza sociale e fisco. Il Trattato adotterà il sistema di voto a doppia maggioranza, per formare la quale occorrerà il 55% degli Stati Membri, rappresentanti almeno il 65% della popolazione. Tale sistema di voto entrerà in vigore a partire dal 2014, con la possibilità di richiedere il voto con il sistema ora vigente fino al 2017 (tale periodo transitorio é stato introdotto a seguito delle forti pressioni della Polonia). Inoltre, sarà applicabile il c.d. Compromesso di Ioannina, che prevede che, nel caso di voto a maggioranza qualificata, se un piccolo gruppo di Paesi forma una minoranza di blocco pari ad almeno il 75% degli Stati membri o della popolazione, esso può chiedere il riesame della decisione (dopo il 2017 tale percentuale scenderà al 55%). - La presidenza dell UE: il mandato a rotazione semestrale della presidenza del Consiglio europeo verrà sostituito da un mandato di due anni e mezzo, rinnovabile una sola volta. La funzione di presidente stabile dell UE sarà inoltre incompatibile con incarichi a livello nazionale. - La politica estera: il compromesso raggiunto ha cambiato la denominazione della carica del Ministro degli Esteri in quella di Alto rappresentante per gli affari esteri e la sicurezza dell Unione, che sarà anche vicepresidente della Commissione. Sempre con riferimento all azione esterna dell Unione, a seguito delle pressioni inglesi, il nuovo Trattato specificherà che le disposizioni riguardanti la PESC ed in particolare il fatto che l Unione sia dotata di personalità giuridica, non pregiudicano le competenze degli Stati membri per la conduzione della loro politica estera e la loro rappresentanza nazionale nei paesi terzi e nelle organizzazioni internazionali. - Il ruolo del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali: sarà rafforzato il ruolo del Parlamento europeo il quale, nell ambito della procedura di codecisione, avrà diritto di veto su nuove materie (quali Giustizia ed Affari interni). Anche il ruolo dei parlamenti nazionali diventerà più significativo: la Commissione dovrà infatti riesaminare qualsiasi progetto di atto legislativo che sia stato oggetto di contestazione da parte della maggioranza semplice dei voti attribuiti ai parlamenti nazionali, che disporranno inoltre di tempi più lunghi per esaminare le proposte di. - La carta dei diritti fondamentali: la Carta, pur non venendo inserita nel Trattato, acquisirà un valore giuridicamente vincolante in quanto richiamata dal TUE nel capo relativo ai diritti fondamentali e da un protocollo aggiunto: essa sarà quindi vincolante per tutti gli Stati membri, salvo la Gran Bretagna, che ha chiesto ed ottenuto un opting out. Al Trattato saranno poi allegati altri tre nuovi protocolli (il cui valore giuridico é equivalente al testo legislativo) che riguarderanno i servizi di interesse generale, la divisione delle competenze tra Stati ed Unione ed il mercato interno e la concorrenza. Relativamente a quest ultimo protocollo, esso é reso necessario dal fatto che, a seguito delle pressioni francesi, la dicitura concorrenza libera e non falsata non comparirà più tra gli obiettivi del Trattato. A tal proposito, il commissario per la Concorrenza Neelie Kroes ha precisato che, comunque, la riforma non modificherà la sostanza dell ordinamento comunitario. La concorrenza verrà, infatti, definita dal protocollo allegato al Trattato come un elemento costituivo del mercato interno e i poteri della Commissione in materia risulteranno inalterati. La CIG dovrà concludere i lavori entro il 2007, affinché il nuovo Trattato possa essere ratificato prima delle elezioni del Parlamento europeo del giugno Il testo del mandato conferito alla Conferenza intergovernativa è visionabile al sito: ge=en

2 TUTELA DEI CONSUMATORI Osservatorio Multiproprietà e club vacanze: l UE intende intensificare la tutela dei consumatori e creare condizioni di concorrenza più eque per i venditori di tali prodotti ( ) La Commissione europea ha deciso di presentare una nuova proposta di direttiva sulla tutela dei consumatori per quanto riguarda alcuni aspetti della multiproprietà, dei prodotti per le vacanze di lungo termine, della rivendita e dello scambio, volta a sostituire la precedente direttiva 1994/47/CE, disegnando un quadro più moderno, semplificato e consono alle nuove esigenze dei consumatori. Lo scopo è quello di accrescere ulteriormente la loro fiducia nel mercato del time-sharing, diminuendo le possibilità di truffa in un settore molto attivo e in continua crescita, che registra, ad oggi, un giro d affari di oltre 10,5 miliardi di euro e occupa oltre cittadini in tutta l Unione. Regno Unito, Svezia, Germania, Italia e Spagna sono tra i paesi con il più alto numero di consumatori che scelgono questa tipologia di vacanza. La normativa attuale prevede già importanti strumenti di tutela, quali il diritto ad un informazione chiara e preventiva alla stipulazione del contratto, il diritto di recesso per gli acquirenti di almeno 10 giorni per impedire "vendite aggressive", ed il divieto per gli operatori di chiedere acconti durante il c.d. periodo di ripensamento. La Commissione ha tuttavia concluso che gli sviluppi verificatisi dal 94 ad oggi, quali la nascita di nuovi prodotti e forme contrattuali non contemplate dalla direttiva (come ad esempio le vacanze in multiproprietà su navi da crociera, roulotte o le iscrizioni ai c.d. club vacanze ), lasciano molti consumatori privi di una tutela effettiva. La nuova proposta amplierà pertanto il campo applicativo della direttiva attualmente vigente, includendovi anche: - i contratti di durata inferiore a tre anni; - beni mobili quali chiatte, roulotte o navi da crociera; - prodotti a lungo termine per le vacanze, quali i club vacanze scontati; - la rivendita e lo scambio di multiproprietà. La proposta di direttiva è reperibile al link: GIUSTIZIA E AFFARI INTERNI Raggiunta una posizione comune sul regolamento che istituisce un procedimento europeo per le controversie di modesta entità ( ) Il Consiglio dell UE ha adottato una posizione comune sulla proposta di regolamento che istituisce un procedimento europeo per le controversie di modesta entità, volto a semplificare i procedimenti relativi a controversie in materia civile e commerciale (aventi o meno ad oggetto il pagamento di una somma di denaro), il cui valore non ecceda i 2000 euro, offrendo ai cittadini una valida alternativa ai procedimenti previsti dalla normativa nazionale, che restano tuttavia inalterati. La posizione comune mantiene gli elementi essenziali della proposta della Commissione del marzo 2005 (Cfr. Eurodejalex n. 3/2005). Nell'intento di ridurre costi e ritardi, il nuovo procedimento europeo prevede varie semplificazioni procedurali quali l'uso di moduli standard, la forma sostanzialmente scritta del procedimento (salvo il giudice ritenga necessaria un'udienza) e l uso di mezzi tecnologici di comunicazione. Le parti possono stare in giudizio personalmente, senza la difesa tecnica di un legale ed è il giudice a determinare i mezzi d assunzione delle prove e le prove indispensabili ai fini della sentenza. La parte soccombente sopporta le spese processuali ma l organo giurisdizionale non dovrebbe riconoscere alla parte vincitrice spese superflue o sproporzionate. La sentenza è immediatamente esecutiva anche se impugnata e senza necessità di prestare cauzione ed è riconosciuta e potrà essere eseguita in un altro Stato membro automaticamente, senza necessità di misure di riconoscimento e senza possibilità di opposizione. La proposta di regolamento è consultabile al link: GIUSTIZIA, LIBERTÀ E SICUREZZA Nuovo pacchetto di misure in materia di asilo, immigrazione e lotta contro il terrorismo ( ) In data 6 giugno l esecutivo europeo ha adottato una serie di misure in materia di asilo, segnatamente: 1) un Libro Verde inteso a stimolare un dibattito sul futuro del regime comune europeo istituito a Tampere, per valutare l eventualità di ravvicinare ulteriormente le procedure in materia di asilo, nonché le norme giuridiche e le condizioni di accoglienza nazionali, al fine di ridurre il c.d. asylum shopping, cioè gli spostamenti dei richiedenti asilo attraverso l UE, dovuti alla diversità delle norme applicabili negli Stati membri; 2) una proposta di direttiva volta ad estendere ai beneficiari di protezione internazionale (quali i rifugiati) e non solo ai cittadini di paesi terzi stabilitisi in uno Stato membro, la possibilità di ottenere lo status di soggiornante di lungo periodo, come previsto dalla direttiva 2003/109/CE; 3) una relazione che valuta il funzionamento del sistema di Dublino, che disciplina le competenze ad esaminare le richieste di asilo. Sempre in materia di immigrazione si segnala l accordo politico raggiunto in seno al Consiglio GAI sul pacchetto legislativo, costituito da un Regolamento ed una decisione, riguardante il sistema per trattare le domande di visto e controllare dati (c.d. VIS), il quale garantirà un rapido e sicuro accesso ai dati rilevanti per i consolati degli Stati Schengen, le autorità di frontiera e per le autorità di polizia. In materia di lotta contro il terrorismo e la criminalità transfrontaliera, il Consiglio ha inoltre adottato una decisione con cui integra nella legislazione UE una serie di importanti disposizioni dell accordo internazionale di Prüm, in materia di cooperazione di polizia, firmato nel 2005 da Belgio, Germania, Spagna, Francia, Lussemburgo, Austria e Olanda, rendendole applicabili in tutti gli Stati membri. Infine, nel quadro dell azione contro il riciclaggio di denaro sporco e il finanziamento di operazioni terroristiche si colloca il Regolamento 1889/2005/CE, in vigore dal 15 giugno, che introduce l obbligo per le persone fisiche in entrata o in uscita dal territorio dell Unione e in possesso di una somma di denaro liquido o strumenti negoziabili al portatore pari o superiori a , di farne dichiarazione presso le autorità doganali competenti. Maggiori informazioni sulla disciplina comunitaria in materia di asilo, visti ed immigrazione sono reperibili al sito: ; il testo del Regolamento 1889/2005/CE è visionabile al sito:

3 MERCATO INTERNO DIRITTO SOCIETARIO Maggiori poteri per gli azionisti delle società quotate: approvata la nuova disciplina sui diritti di voto ( ) Il Consiglio dell UE ha adottato formalmente la direttiva sui diritti degli azionisti, che introduce una serie di correttivi volti a consentire agli azionisti di una società quotata nell UE (anche nel caso non risiedano nello Stato membro nel quale la società ha la propria sede legale) un esercizio consapevole ed effettivo del diritto di voto nelle assemblee generali, nonché un tempestivo accesso alle informazioni necessarie. Le principali modifiche introdotte alla previgente normativa sono le seguenti: l assemblea generale degli azionisti sarà ora convocata con un preavviso di almeno 21 giorni, riducibili a 14 nel caso in cui gli azionisti siano messi nelle condizioni di votare attraverso sistemi elettronici e previo parere favorevole dell assemblea generale; entro gli stessi termini saranno pubblicati su internet l atto di convocazione dell assemblea e i documenti oggetto di discussione; il sistema del blocco delle azioni sarà abolito e sostituito da un sistema basato sulla data di registrazione, che non deve precedere di più di 30 giorni di calendario l assemblea generale; ciascun azionista potrà porre domande in relazione ai punti all'ordine del giorno dell'assemblea, ricevendo le risposte in tempo utile, mentre le partecipazioni minime per beneficiare del diritto di presentare risoluzioni non dovranno superare il 5%, al fine di estendere tale diritto ad un maggior numero di azionisti possibile; il voto per delega non sarà più soggetto a requisiti amministrativi eccessivi o a limitazioni indebite e gli azionisti avranno dunque la possibilità di scegliere tra diversi metodi per il voto a distanza; gli esiti delle votazioni dell assemblea generale dovranno essere pubblicati sul sito internet della società emittente. Il testo provvisorio della direttiva, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro due anni, è reperibile al link: TRASPORTI FERROVIARI - LIBERALIZZAZIONE Al via la liberalizzazione per il trasporto passeggeri dal 2010: raggiunto un compromesso sul terzo pacchetto ferroviario dopo tre anni dalla proposta originaria ( ) Il Parlamento europeo ed il Consiglio, in sede di comitato di conciliazione, hanno finalmente trovato un accordo sul terzo pacchetto ferroviario, che consta di una direttiva sullo sviluppo del sistema ferroviario comunitario, di un regolamento relativo ai diritti ed obblighi dei passeggeri e di una direttiva sulla certificazione del personale viaggiante addetto alla guida di locomotori e treni. Il compromesso è stato raggiunto grazie ad una serie di concessioni reciproche, come l accettazione dei ministri UE della richiesta dei deputati sull inserimento di clausola di revisione quinquennale per tutte le esenzioni alle norme sui diritti dei passeggeri concesse per il traffico interno. Nel dettaglio, la direttiva sullo sviluppo del sistema ferroviario comunitario prevede l apertura alla concorrenza dei servizi ferroviari di trasporto passeggeri entro il 1 gennaio 2010; essa non riguarda tuttavia i servizi ferroviari nazionali, pur contemplando la possibilità di praticare il cabotaggio (ossia il trasporto tra stazioni situate nel medesimo Stato membro, nell ambito di una rotta internazionale). Il regolamento sui diritti ed obblighi dei passeggeri, che doveva inizialmente applicarsi soltanto al traffico internazionale, si applicherà anche al traffico interno: pertanto, tutti i passeggeri nel trasporto ferroviario godranno degli stessi diritti minimi (i.e. responsabilità del trasportatore nei confronti dei passeggeri e loro bagagli, rimborsi, diritto al trasporto delle persone a ridotta mobilità) al momento dell entrata in vigore del regolamento, prevista per il In contropartita, gli Stati membri potranno esentare i servizi di lunga distanza dalle altre disposizioni del regolamento durante un periodo iniziale di 5 anni, rinnovabile per altri 10. I servizi urbani, inter-urbani e regionali potranno beneficiare di un esenzione senza limiti di tempo, salvo per diritti minimi che dovranno essere garantiti a tutti. Infine, per quanto concerne la direttiva relativa alla certificazione del personale viaggiante addetto alla guida di locomotori e treni, essa prescrive il rilascio al personale in questione di una duplice certificazione: una certificazione sulla generale idoneità, riconosciuta a livello europeo, ed una certificazione, rilasciata direttamente dalle compagnie ferroviarie, riguardante la conoscenza delle rotte coperte e delle attrezzature da utilizzare. Inoltre, dopo 18 mesi dall entrata in vigore di tale direttiva, l agenzia ferroviaria europea predisporrà una relazione che identifichi altri membri dello staff ferroviario addetti a posti critici di sicurezza, per valutare se debbano anch essi essere assoggettati ad un analogo sistema di certificazione. Come previsto dalla procedura di codecisione (art. 251 CE), prima dell adozione definitiva da parte del Consiglio dell accordo, esso deve essere ratificato dal Parlamento: ciò dovrebbe avvenire nella sessione plenaria prevista per settembre. Per consultare le proposte del terzo pacchetto ferroviario si rimanda alla pagina web: PROCEDURE D INFRAZIONE - GIOCHI E SCOMMESSE La Commissione continua il suo pressing contro il protezionismo degli Stati membri in materia di giochi e scommesse: procedure avviate contro Francia e Svezia e Grecia ( ) La Commissione europea ha inviato un parere motivato a Francia e Svezia invitandole a modificare le rispettive normative in materia di prestazione di servizi di scommesse sportive, in quanto contenenti una serie di restrizioni alla fornitura di tali servizi, alla promozione o alla pubblicità degli stessi, alla partecipazione al gioco dei consumatori nonché l imposizione del requisito del possesso di una concessione o licenza dello Stato (anche per fornitori legittimamente titolari di una licenza in un altro Stato membro). L iniziativa fa seguito alle richieste ufficiali di informazioni inviate a tali Stati, rispettivamente, nell aprile e nell ottobre 2006, le cui risposte non sono state considerate soddisfacenti dall esecutivo europeo, che considera le normative nazionali contestate non in linea con i requisiti di necessità, proporzionalità e non discriminazione fissati dalla giurisprudenza comunitaria in materia di libera prestazione di servizi e libertà di stabilimento (cfr., da ultimo, causa Placanica, C-360/04, del ). L esecutivo ha inoltre inviato una richiesta formale di informazioni alla Grecia (lettera di messa in mora), sempre concernente la normativa nazionale sul betting, che riserva la prestazione di tali servizi, in esclusiva, all impresa pubblica OPAP, rendendo praticamente impossibile ad altri operatori europei, seppur titolari di licenze nel loro Stato membro, l accesso a tale mercato. Il Governo ellenico è destinatario anche di un parere motivato con cui viene invitato ad ottemperare alla pronuncia emessa nell ottobre 2006 dalla Corte di Giustizia nella causa C-65/05 che condannava il divieto assoluto, previsto dalle leggi greche, di installazione sia in locali pubblici che privati di macchinette da gioco e giochi per computer

4 Finestra europea sulla fiscalità IVA La Corte d Giustizia si pronuncia sulla nozione di attività economica ai sensi della sesta direttiva IVA nel caso di assegnazione di licenze di telecomunicazione mobile ad operatori di telefonia tramite asta pubblica Corte di Giustizia CE, 26 giugno 2007, causa C-284/04, T-Mobile Austria GmbH e a Repubblica austriaca. Con decisione del 7 giugno 2004, il Landesgericht für Zivilrechtssachen Wien (Tribunale civile di Vienna - Austria) ha adito in via pregiudiziale la Corte di Giustizia delle Comunità europee ai fini dell interpretazione dell art. 4 della sesta direttiva IVA, (direttiva 77/388/CEE) in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alle imposte sulla cifra di affari. La questione pregiudiziale è stata presentata nell ambito di vari procedimenti pendenti riuniti alla causa principale tra, da un lato, la T-Mobile Austria GmbH, ed altre imprese austriache di telecomunicazione, e, dall altro, la Repubblica austriaca, diretti ad ottenere da quest ultima, ai fini della detrazione dell IVA a monte, l emissione di fatture per i canoni versati in occasione della concessione alle suddette ricorrenti di diritti d uso di frequenze dello spettro elettromagnetico al fine di fornire al pubblico servizi di telecomunicazione mobile. Nella fattispecie, la Telekom-Control-Kommission (autorità austriaca di regolamentazione) concedeva nel 2000, mediante asta pubblica, alcune licenze per l'uso di determinati blocchi di frequenze relative all'offerta di servizi di telecomunicazione mobile secondo lo standard UMTS/IMT-2000 (detti anche servizi di telecomunicazione mobile di terza generazione - 3G), senza emettere la fatture richieste dalle imprese aggiudicatarie. Il Tribunale civile di Vienna si è quindi rivolto alla Corte di Giustizia chiedendo di chiarire se la sesta direttiva IVA imponga di assoggettare a tale imposta indiretta l assegnazione delle dette licenze mediante asta da parte dell autorità pubblica, come sostenuto dalle imprese ricorrenti. Nel risolvere la questione, la Corte ricorda in via preliminare che solo le attività economiche sono soggette all'iva. La nozione di «attività economica», ai sensi dell art. 4 della direttiva, comprende tutte le attività di produttore, di commerciante o di prestatore di servizi e, in particolare, le operazioni che comportino lo sfruttamento di un bene per ricavarne introiti aventi un certo carattere di stabilità. La Corte sottolinea che la funzione esercitata dalla Telekom-Control-Kommission in Austria consiste nell assegnare ad operatori economici, mediante asta, diritti d uso riguardanti talune frequenze dello spettro elettromagnetico. Tali autorizzazioni consentono agli operatori economici di offrire al pubblico i loro servizi sul mercato delle telecomunicazioni mobili contro retribuzione. Questa funzione rientra nella competenza esclusiva dello Stato membro interessato e non potrebbe per sua natura essere esercitata dagli operatori economici. Tale prerogativa, inoltre, costituisce lo strumento per dare attuazione alle condizioni previste dal diritto comunitario e dirette, tra l altro, a garantire l uso effettivo dello spettro di frequenze e ad evitare interferenze dannose tra sistemi di telecomunicazione radio e altri sistemi. La Corte afferma quindi che un'attività di questo tipo è una condizione necessaria e preliminare per l accesso di operatori economici al mercato delle telecomunicazioni mobili. Di conseguenza, la competente autorità nazionale, nell esercizio di tale attività, non partecipa al detto mercato, ma svolge una funzione di controllo e di regolamentazione dell utilizzo dello spettro elettromagnetico ad essa espressamente affidata. Sono poi gli operatori economici, titolari dei diritti accordati, che operano sul mercato, sfruttando il bene in questione per ricavarne introiti con un certo carattere di stabilità. Il fatto che la concessione dei diritti d uso in esame abbia dato luogo al pagamento di un canone non è tale da modificare la qualificazione giuridica di quest attività. Pertanto, la Corte dichiara che l attribuzione di diritti d uso di frequenze dello spettro elettromagnetico mediante asta da parte dell'autorità nazionale di regolamentazione, responsabile per l'assegnazione delle frequenze, non costituisce un «attività economica» ai sensi della sesta direttiva IVA e, di conseguenza, non rientra nell'ambito di applicazione della direttiva stessa. Il testo completo della sentenza è visionabile al sito:

5 CASELAW: Corte di Giustizia e Tribunale di Prima Istanza LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI La Corte condanna il divieto di importazione di bevande alcoliche da parte di privati previsto dalla legge svedese Corte di Giustizia, sentenza del 5 giugno 2007, causa C-170/04, Klas Rosengren e a. /Riksåklagaren Una disposizione nazionale che vieti ai privati di importare bevande alcoliche, deve essere valutata alla luce dell art. 28 CE 2) Una misura che vieti ai privati di importare bevande alcoliche costituisce una restrizione quantitativa alle importazioni ai sensi dell art. 28 CE anche se la detta legge incarica il titolare del monopolio di vendita al dettaglio di fornire le bevande di cui trattasi e dunque, se necessario, di importarle su richiesta 3) Una misura che vieti ai privati di importare bevande alcoliche, in quanto inadatta a conseguire l obiettivo di limitare in via generale il consumo di alcol e sproporzionata ai fini del conseguimento dell obiettivo di proteggere i più giovani contro le conseguenze nocive del detto consumo, non può essere considerata giustificata, in forza dell art. 30 CE, da motivi di tutela della salute e della vita delle persone. N.B.: Nel caso a quo la Corte ha esaminato la compatibilità con le norme comunitarie della legge svedese sull alcol, secondo la quale la vendita al dettaglio di bevande alcoliche in Svezia é effettuata da un monopolio detenuto dalla Systembolaget (catena di negozi detenuta dallo Stato). L importazione di bevande alcoliche è riservata alla Systembolaget e ai grossisti autorizzati dallo Stato, mentre i privati che vogliano importare alcolici da altri Stati membri possono farlo esclusivamente tramite la Systembolaget, che è tenuta ad acquistare qualsiasi bevanda alcolica su richiesta e a spese del consumatore purché non vi veda obiezioni. La Systembolaget ha dunque la facoltà di opporsi ad un ordinativo di privati, ma i motivi sui quali tale opposizione può fondarsi non sono precisati né fondati su limiti quantitativi. Inoltre, la Corte osserva come i privati si trovano ad affrontare spese ed oneri amministrativi supplementari dovendo rivolgersi a tale catena per potere importare bevande alcoliche. Di conseguenza, il giudice europeo conclude come il divieto di importazione sembri diretto non tanto a limitare in maniera generale il consumo di alcol, ma a privilegiare la Systembolaget come canale distributivo e pertanto, non sia giustificato ex art. 30 Tr. CE. * * * FISCALITÀ - AUTOVEICOLI La legge greca sulle franchigie fiscali applicate alle importazioni temporanee di autoveicoli è, per taluni aspetti, contraria ai principi di tutela giurisdizionale effettiva e di proporzionalità Corte di Giustizia, sentenza del 7 giugno 2007, causa C-156/04, Commissione/Repubblica Ellenica Prevedendo: all art. 18, A, n. 1, della legge 2682/1999 che, in caso di detenzione o di utilizzazione sul territorio ellenico di un veicolo immatricolato in un altro Stato membro da un privato avente la sua residenza normale in Grecia, il procedimento penale normalmente previsto non è avviato qualora la persona interessata versi l imposta d immatricolazione addebitata e rinunci nel contempo ai mezzi di ricorso previsti dal diritto nazionale avverso l atto di addebito dell imposta suddetta, e all art. 18, C, n. 1, della medesima legge che, in caso di irrogazione di ammende, i veicoli sono altresì sottoposti ad immobilizzazione conservativa temporanea, e il loro rilascio avviene dopo il pagamento delle ammende e degli altri eventuali oneri previsti,la Repubblica ellenica è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti ai sensi della direttiva del Consiglio 28 marzo 1983, 83/182/CEE, relativa alle franchigie fiscali applicabili all interno della Comunità in materia d importazione temporanea di taluni mezzi di trasporto. N.B.: L antefatto del ricorso dell esecutivo comunitario è rappresentato da una serie di denunce di privati, ricevute dalla Commissione e dal Parlamento europeo, aventi ad oggetto le modalità con cui le autorità greche accertano violazioni e impongono sanzioni quando non sono rispettate le disposizioni per l importazione temporanea di autoveicoli a motore. * * * PROPRIETÀ INTELLETTUALE SETTORE BRASSICOLO Il Tribunale respinge il riscorso della Budějovický nei procedimenti che la oppongono alla Anheuser-Busch riguardanti la registrazione di marchi denominativi comunitari BUDWEISER e BUD per prodotti diversi dalla birra Tribunale di Primo Grado, sentenza del 12 giugno 2007, cause riunite T-57/04 e T-71/04, Budějovický Budvar, národní podnik/ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (UAMI), Anheuser-Busch/UAMI Nella causa T-57/04 il ricorso è respinto. N.B.: La causa a qua prende le mosse dall opposizione della società ceca Budĕjovický alle domande di registrazione di alcuni marchi comunitari presentate dalla società americana Anheuser-Busch all UAMI. In particolare, la Anheuser-Busch chiedeva la registrazione dei segni denominativi «BUDWEISER» e «BUD» e di un segno figurativo comprensivo del termine «BUDWEISER», per vari prodotti come la cartoleria, il materiale per pulizia, l abbigliamento, la pasticceria, nonché per i prodotti quali la birra et similia. A sostegno della sua opposizione, la Budĕjovický ha richiamato l esistenza di denominazioni d origine precedenti, registrate per la birra ai sensi dell Accordo di Lisbona e un marchio internazionale denominativo BUDWEISER, registrato per birra di ogni tipo. Il Tribunale, confermando le decisioni già prese dall UAMI, dichiara che le denominazioni d origine controverse sono tutelate solo per quanto riguarda la birra e prodotti simili. Per quanto concerne gli altri prodotti, la Budĕjovický non è riuscita a dimostrare che l uso da parte della Anheuser-Busch di tali segni è in grado di deviare o indebolire la notorietà delle denominazioni d origine di cui trattasi. * * * FISCALITÀ PRINCIPI DEL DIRITTO COMUNITARIO La Corte ritiene legittimi gli obblighi informativi imposti agli avvocati nell ambito della lotta contro il riciclaggio dei capitali Corte di Giustizia, sentenza del 26 giugno 2007, causa C-305/05, Ordre des barreaux francophones e germanophone e.a./consiglio Gli obblighi di informazione e di collaborazione con le autorità responsabili per la lotta contro il riciclaggio previsti all art. 6, n. 1, della direttiva 91/308/CEE, relativa alla prevenzione dell uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività illecite e imposti agli avvocati dall art. 2 bis, punto 5, di tale direttiva, tenuto conto dell art. 6, n. 3, secondo comma, di questa, non violano il diritto ad un equo processo, come garantito dagli artt. 6 della CEDU e 6, n. 2, UE. N.B.: Nel dettaglio, il giudice europeo rileva come le esigenze connesse al diritto ad un equo processo e alla tutela del segreto professionale non si oppongono al fatto che gli avvocati, quando assistono i loro clienti nell ambito di operazioni di ordine finanziario e immobiliare non aventi collegamento con un procedimento giudiziario, siano sottoposti agli obblighi di informazione e di collaborazione con le autorità responsabili della lotta al riciclaggio, obblighi necessari per combattere in modo efficace tale crimine. Peraltro, sin dal momento in cui l assistenza dell avvocato è richiesta per l esercizio di un incarico di difesa o rappresentanza in giudizio, il professionista è esonerato dagli obblighi di informazione e collaborazione, proprio per garantire la sua indipendenza e tutelare il diritto del cliente ad un equo processo

6 MERGER & ACQUISITION Approvata con correttivi l acquisizione della britannica First Choice da parte della tedesca TUI ( ) La Commissione ha approvato, ai sensi del regolamento 139/2004, il progetto d acquisizione della compagnia di viaggi britannica First Choice, da parte della tedesca TUI, società madre della TUI Group. Le imprese parti dell operazione operano entrambe nel settore della prestazione di servizi turistici e sono attive sul mercato britannico e irlandese (insieme a Thomas Cook/MyTravel ed una serie di tour operator minori). L'indagine della Commissione ha rinvenuto che la transazione, come inizialmente notificata, avrebbe trasformato TUI nell'operatore dominante, per i pacchetti vacanza a breve distanza in Irlanda, dove attualmente i due operatori controllano più del 50% del mercato, ed in cui la distribuzione dei pacchetti di viaggio tramite agenzie rimane l opzione preferita (non così in Inghilterra, ove predomina l ebooking). Per ovviare a tale inconveniente, TUI ha proposto come correttivo di cedere la sua controllata irlandese Budget Travel, impegno che è stato considerato dall esecutivo idoneo a sciogliere le riserve sul progetto. AIUTI DI STATO Nel mirino della Commissione le tariffe regolamentate del mercato energetico in Francia ( ) L esecutivo europeo, a seguito delle risultanze dell indagine sulla concorrenza nel settore energetico, ha deciso di aprire un indagine approfondita su presunti aiuti di Stato concessi a imprese francesi di dimensioni medio grandi attraverso la fissazione ad un livello artificialmente basso delle tariffe regolamentate per l elettricità. Ad oggi, in Francia, i consumatori possono decidere di stipulare contratti di fornitura d energia sul mercato regolamentato, attraverso tariffe fissate dallo Stato, o su quello liberalizzato. Le tariffe sono tuttora molto più convenienti sul mercato regolamentato, verosimilmente grazie ai finanziamenti erogati dalla società pubblica EDF (Electricité de France) e alle tasse parafiscali riscosse sui consumi di elettricità gestiti dallo Stato. La Commissione verificherà dunque se possano generarsi distorsioni della concorrenza nell UE, in particolare per le fasce delle tariffe energetiche denominate verde e gialla, ovvero le tariffe più basse applicabili a favore delle imprese medio grandi e che concernono essenzialmente i mercati in cui sono attive le società con grande fabbisogno energetico. L indagine non concerne invece la fascia delle tariffe blu (applicabile principalmente alle piccole imprese ed ai consumatori domestici), dal momento che tali tariffe non sembrano conferire alcun vantaggio economico alle imprese che rilevano ai fini dell indagine. MERGER & ACQUISITION - AUTOVEICOLI Mercato dei manichini da crush test: Hg Capital rinuncia all acquisizione di Denton ( ) Il gruppo finanziario britannico HgCapital, proprietario di FTSS, ha deciso di abbandonare il progetto d acquisizione della società americana Denton a seguito dell apertura da parte dell esecutivo UE di un indagine approfondita lo scorso maggio (cfr. Eurodejalex 5/2007). Secondo le allegazioni della Commissione, l operazione avrebbe generato una situazione di quasi monopolio sul mercato, già altamente concentrato, della fornitura di manichini per crush test, in cui le parti operano attivamente. La Commissione ha chiuso l indagine a seguito dell abbandono del progetto, evento alquanto singolare dal momento che rappresenta uno dei rari CASELAW: Commissione Europea casi in cui un progetto di concentrazione notificato alla Commissione viene ritirato dalla società proponente. MERGER & ACQUISITION Veto dell esecutivo UE al progetto di concentrazione tra le compagnie low-cost Ryanair e Aer Lingus ( ) La Commissione ha deciso di non autorizzare, ai sensi del regolamento concentrazioni, il progetto di acquisizione della compagnia aerea irlandese Aer Lingus da parte della connazionale Ryanair. La concentrazione avrebbe, infatti, riunito le compagnie aeree leader nel settore dei voli a breve distanza in partenza e in direzione dell Irlanda, tenuto conto del fatto che le due società concorrono su ben 35 rotte aeree (si tratta del primo caso in cui si registra un tale overlap tra vettori aerei in procinto di effettuare un merger). L eventuale concentrazione avrebbe determinato una situazione di monopolio su 22 di queste linee, mentre sulle rimanenti rotte Ryanair, a seguito dell acquisizione, avrebbe detenuto una quota di mercato superiore al 60%. La Commissione ha dunque concluso che la concentrazione avrebbe gravemente danneggiato la concorrenza, determinando una riduzione di scelta per i consumatori con conseguente aumento delle tariffe dei voli da/per l Irlanda. L indagine espletata dall esecutivo ha inoltre evidenziato come il merger avrebbe reso ancora più ostico l ingresso di potenziali concorrenti sul mercato, accesso già difficile a causa della nota politica aggressiva posta in essere da Ryanair contro i propri competitors. I possibili rimedi prospettati da Ryanair sono stati valutati come inadeguati a rimuovere gli effetti distorsivi della concorrenza sopra descritti. In particolare, il limitato numero di slot messi a disposizione da Ryanair non sarebbe stato assolutamente in grado di garantire una concorrenza fra compagnie pari a quella attualmente esistente tra Ryanair e Aer Lingus. AIUTI DI STATO Approvati i contributi per le apparecchiature digitali in Italia ( ) La Commissione ha stabilito che i contributi concessi dall'italia nel 2007 per le apparecchiature per la ricezione della televisione digitale sono conformi alle norme UE in materia di aiuti di Stato. L'Italia ha notificato la legge 27 dicembre 2006, n. 296 (commi 357 e 361 della legge finanziaria 2007), la quale dispone una detrazione dall'imposta sul reddito a favore dei consumatori che acquistano nel corso del 2007 apparecchi televisivi dotati di sintonizzatore integrato o decoder digitali. Tale detrazione è pari al 20% delle spese sostenute per l acquisto dell apparecchiatura, fino ad un massimo di 200 euro per decoder. Dopo aver esaminato la misura, la Commissione ha concluso che il contributo conferisce un vantaggio indiretto alle emittenti che utilizzano tecnologie digitali, poiché consente loro di costituire e incrementare il loro pubblico digitale più rapidamente e a minor costo. Tuttavia, la Commissione riconosce che il passaggio alla TV digitale e all interoperabilità (che rientra tra gli obiettivi UE in materia, come evidenziato in due Comunicazioni del 2003 e 2005) può subire ritardi se demandato esclusivamente alle forze di mercato e che l'intervento pubblico può essere utile, attraverso, ad esempio, l erogazione di contributi finanziari ai consumatori. L esecutivo ha dunque concluso che la misura rispetta i principi di trasparenza, necessità, proporzionalità e neutralità tecnologica (il contributo è infatti accordato a prescindere dal fatto che il decoder venga utilizzato per ricevere canali televisivi terrestri, via cavo o satellitari) ed è pertanto compatibile con il mercato unico.

7 GAZZETTA UFFICIALE E CALENDARIO Tra i provvedimenti pubblicati nel mese di giugno sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione europea, si segnalano in particolare: Aiuti di stato Decisione della Commissione, del 24 gennaio 2007, relativa all aiuto di Stato C 52/2005 (ex NN 88/2005, ex CP 101/2004) al quale la Repubblica italiana ha dato esecuzione con il contributo all acquisto di decoder digitali [notificata con il numero C(2006) 6634] (Testo rilevante ai fini del SEE) (Decisione 2007/374/CE della Commissione, del 24 gennaio 2007, GUUE L 147 del ) Trasporti Regolamento (CE) n. 680/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2007, che stabilisce i principi generali per la concessione di un contributo finanziario della Comunità nel settore delle reti transeuropee dei trasporti e dell'energia (Regolamento (CE) n. 680/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2007, GUUE L 162 del ) Fiscalità Decisione del Consiglio, del 18 giugno 2007, che autorizza la Repubblica italiana ad applicare misure di deroga all articolo 26, paragrafo 1, lettera a), e all articolo 168 della direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto (Decisione 2007/441/CE del Consiglio, del 18 giugno 2007, GUUE L 165 del ) Trasporti Regolamento (CE) n. 715/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2007, relativo all omologazione dei veicoli a motore riguardo alle emissioni dai veicoli passeggeri e commerciali leggeri (Euro 5 ed Euro 6) e all ottenimento di informazioni sulla riparazione e la manutenzione del veicolo Testo rilevante ai fini del SEE (Regolamento (CE) n. 715/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2007, GUUE L 171 del ) Mercato interno Regolamento (CE) n. 717/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2007, relativo al roaming sulle reti pubbliche di telefonia mobile all'interno della Comunità e che modifica la direttiva 2002/21/CE Testo rilevante ai fini del SEE (Regolamento (CE) n. 717/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2007, GUUE L 171 del ) Tra gli eventi comunitari del mese di luglio 2007, si segnalano in particolare: LUNEDÌ 9 GIOVEDÌ 12 STRASBURGO Sessione plenaria del Parlamento europeo MARTEDÌ 10 BRUXELLES CONSIGLIO ECOFIN MARTEDÌ 17 - MERCOLEDÌ 18 BRUXELLES CONSIGLIO AGRICOLTURA E PESCA MERCOLEDÌ 18 LUSSEMBURGO CORTE DI GIUSTIZIA: Sentenza C-134/05 Commissione/Italia Libertà di stabilimento LUNEDÌ 23 BRUXELLES CONSIGLIO AFFARI GENERALI E RELAZIONI ESTERNE NOTA IMPORTANTE: Questa Newsletter è destinata esclusivamente ad uso personale. Né lo Studio Legale né le persone che agiscono in suo nome sono responsabili per l utilizzo che può essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione e per gli eventuali errori che sussistessero nonostante l impegno dedicato alla stesura e alla verifica della stessa. Per ricevere copia delle informazioni pubblicate o per comunicare note, commenti e suggerimenti, contattare: Telefono: +32 (0) Fax: +32 (0)

L immigrazione nell Unione Europea: un cammino difficile

L immigrazione nell Unione Europea: un cammino difficile L immigrazione nell Unione Europea: un cammino difficile di Giuseppe Licastro 1. La cooperazione intergovernativa: gli accordi di Schengen La cooperazione europea in materia di immigrazione si è sviluppata,

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014

OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 3. LA CORTE DI GIUSTIZIA UE SI PRONUNCIA SULLA PROPORZIONALITÀ DELLE MISURE IN MATERIA DI CONSERVAZIONE DI DATI GENERATI O TRATTATI NELL

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO In seguito all'adozione di numerosi atti legislativi europei sono stati progressivamente liberalizzati i trasporti su strada internazionali

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUDRISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO Al 31 GENNAIO 2014 A cura di MARIA NOVELLA MASSETANI

OSSERVATORIO SULLA GIUDRISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO Al 31 GENNAIO 2014 A cura di MARIA NOVELLA MASSETANI OSSERVATORIO SULLA GIUDRISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO Al 31 GENNAIO 2014 A cura di MARIA NOVELLA MASSETANI nella causa C 176 / 12 association de médiation sociale / Union locale des syndicats

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.8.2009 COM(2009) 412 definitivo 2009/0115 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la conclusione dell'accordo tra la Comunità europea

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice. 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari ------------------------------------------------- 3

Diritto dell Unione Europea. Indice. 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari ------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE V I PROCEDIMENTI PREVISTI DAI TRATTATI PER L ADOZIONE DEGLI ATTI NORMATIVI PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari

Dettagli

Mai più contratti stipulati telefonicamente, arrivano le tutele per i consumatori

Mai più contratti stipulati telefonicamente, arrivano le tutele per i consumatori SENATO DELLA REPUBBLICA COMUNICATO STAMPA Mai più contratti stipulati telefonicamente, arrivano le tutele per i consumatori La Commissione Industria del Senato approva la proposta del Senatore Elena Fissore:

Dettagli

DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 14.7.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 184/17 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 luglio 2007 relativa all esercizio di alcuni diritti degli azionisti

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA Anno 2012, Numero 634 FRANCIA C C M P (Commissione Consultativa appalti pubblici) Rapporto annuale 2011 Il Rapporto annuale 2011 evidenzia vari temi rilevanti e in particolare: 1) contratti globali : la

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

CT 49012/11 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato

CT 49012/11 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato CT 49012/11 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato per il presente giudizio, domiciliato presso l Ambasciata

Dettagli

II Modulo LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI. Avv. Maria Bruccoleri. www.avvocatobruccoleri.it 1

II Modulo LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI. Avv. Maria Bruccoleri. www.avvocatobruccoleri.it 1 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI II Modulo 1 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GIUDIZIARIA QUESTIONI PRELIMINARI L ampliamento, a livello internazionale, delle frontiere economiche

Dettagli

Il trattato di Lisbona parte IV La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona

Il trattato di Lisbona parte IV La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Il trattato di Lisbona parte IV La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Le nuove istituzioni europee Con l introduzione del trattato di Lisbona e la conseguente soppressione

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 8.10.2010 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 192/2010, presentata da Klaus P. Schacht, cittadino tedesco, a nome di 50 imprese di gioco

Dettagli

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE TESTO INTEGRALE DELLA DIRETTIVA ARGOMENTI PER LA FORMAZIONE SINDACALE DIRETTIVA 94/45/CE DEL CONSIGLIO del 22 settembre 1994 riguardante l istituzione di

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

nella seduta di mercoledì

nella seduta di mercoledì 2003-2004 TESTI APPROVATI nella seduta di mercoledì 24 settembre 2003 P5_TA-PROV(2003)09-24 EDIZIONE PROVVISORIA PE 336.399 INDICE TESTI APPROVATI DAL PARLAMENTO P5_TA-PROV(2003)0402 Brevettabilità delle

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio. (presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio. (presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.3.2005 COM(2005) 82 definitivo LIBRO VERDE sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio (presentato dalla Commissione) {SEC(2005)

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 Fiscalità Direttiva 2003/49/CE Regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni effettuati tra società consociate

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11 Questa Sezione contiene le conclusioni degli Avvocati Generali unitamente alle relative sentenze in materia di cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale nonché di diritti fondamentali dell

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 83/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 659/1999 DEL CONSIGLIO del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell articolo 93 del trattato

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.3.2004 COM(2004) 140 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro dell integrazione del sistema ferroviario europeo: il terzo pacchetto ferroviario

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera Adozione: 20 giugno 2014 Pubblico Pubblicazione: 4 luglio 2014 Greco RC-III (2014) 14 Terzo ciclo di valutazione Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera «Incriminazioni (STE n. 173 e 191, PDC

Dettagli

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Isolde Quadranti Università degli Studi di Verona Centro di documentazione europea Diritto all informazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento. 3. La società europea e la delega nazionale. 4. Le procedure

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni.

Accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni. Accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni. Come modificato da: - Protocollo di adesione dell Italia all Accordo di Schengen - Protocollo

Dettagli

Articolo 12 - Fissazione dei prezzi Le Parti consentono ai vettori aerei di fissare liberamente i prezzi sulla base di una libera e equa concorrenza.

Articolo 12 - Fissazione dei prezzi Le Parti consentono ai vettori aerei di fissare liberamente i prezzi sulla base di una libera e equa concorrenza. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO SULLO SPAZIO AEREO COMUNE TRA L UNIONE EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI, DA UN LATO, E LA GEORGIA, DALL ALTRO LATO, CON ALLEGATI, FATTO A BRUXELLES

Dettagli

DIRETTIVA 2009/110/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/110/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 10.10.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 267/7 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/110/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea,

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea, Questo Protocollo III è stato tradotto in lingua italiana ai fini di informazione e non ha validità formale giuridica. Determinante e la versione siglato del Protocollo III in versione francese e inglese.

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea 11-06-2005, n. 149 L 14

Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea 11-06-2005, n. 149 L 14 DIRETTIVA 2005/14/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 maggio 2005 che modifica le direttive del Consiglio 72/166/CEE, 84/5/CEE, 88/357/CEE e 90/232/CEE e la direttiva 2000/26/CE del Parlamento

Dettagli

STUDIO LEGALE BEMBO. Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici

STUDIO LEGALE BEMBO. Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici STUDIO LEGALE BEMBO Aspetti di diritto internazionale privato nelle vendite online e nella vendita di pacchetti turistici L'implementazione di incentivi alle attività imprenditoriali, tra le quali quelle

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011, CHE MODIFICA IL REGOLAMENTO (CE) N. 2006/2004, RELATIVO AI DIRITTI DEI PASSEGGERI

Dettagli

TRATTATO DI LISBONA (ESTRATTI) Articolo 4

TRATTATO DI LISBONA (ESTRATTI) Articolo 4 TRATTATO DI LISBONA (ESTRATTI) Articolo 4 1. L'Unione ha competenza concorrente con quella degli Stati membri quando i trattati le attribuiscono una competenza che non rientra nei settori di cui agli articoli

Dettagli

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare Testo originale Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare 0.732.021 Conchiusa a Parigi il 20 dicembre 1957 Approvata dall Assemblea federale il 3 ottobre

Dettagli

Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie ai sensi dell art.

Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie ai sensi dell art. Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie ai sensi dell art. 238, comma 7 Dlgs 163/06 e s.m.i. indice premessa p. 2 art. 1

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate.

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate. LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, (2) Gli enti e le persone soggetti alla direttiva 2005/60/CE possono non riuscire a identificare un cliente quale appartenente a una delle categorie di persone politicamente

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

LE NUOVE NORME DEL COMMERCIO ON LINE

LE NUOVE NORME DEL COMMERCIO ON LINE LE NUOVE NORME DEL COMMERCIO ON LINE www.aicel.org www.adiconsum.it Associazione Italiana Commercio Elettronico ADICONSUM Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL Con la pubblicazione

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze Statistiche Bologna, 23 settembre 2002 REGOLAMENTO DI ESENZIONE Come dichiarato dalla

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 186/44 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.7.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 luglio 2010 che esonera la produzione e la vendita all ingrosso di energia elettrica nella «Zona Nord» dell

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 20.10.2004 COM(2004) 682 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO recante modifica dell articolo 3 della decisione 98/198/CE che autorizza il Regno Unito

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

Mauro Tescaro. (articolo pubbl. anche nella rivista Studium Iuris)

Mauro Tescaro. (articolo pubbl. anche nella rivista Studium Iuris) Mauro Tescaro Applicazione ai servizi finanziari dell art. 3, parr. 3-6, della «Direttiva sul commercio elettronico»: la comunicazione della Commissione del 14 maggio 2003 (articolo pubbl. anche nella

Dettagli

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013 NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE No. 3 Marzo, 2013 Siamo lieti di trasmettervi l ultima edizione della nostra newsletter di informativa legale. La newsletter fornisce un primo esame del nuovo Regolamento

Dettagli

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Torino, 1 luglio 2011 Matteo Carlo Borsani STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Stato ed attuazione della Direttiva servizi (Direttiva 2006/123/CE)

Dettagli

PARERE PER L ASSOCIAZIONE TUTTI NESSUNO ESCLUSO ATTUALE NORMATIVA IN MATERIA DI ACCESSO AL LAVORO PER PERSONE CON DISABILITA

PARERE PER L ASSOCIAZIONE TUTTI NESSUNO ESCLUSO ATTUALE NORMATIVA IN MATERIA DI ACCESSO AL LAVORO PER PERSONE CON DISABILITA AVV. GIULIANA ALIBERTI Patrocinante in Cassazione Via degli Avignonesi, 5 00187 ROMA Tel. 0642016528 r.a. - Fax 0648916676 e-mail: avvgiulianaaliberti@libero.it pec: giulianaaliberti@ordineavvocatiroma.org

Dettagli

consumatori; in prosieguo: il «BVV»), in merito alla legalità delle modalità di commercializzazione di tali voli. Contesto normativo 3 A termini del

consumatori; in prosieguo: il «BVV»), in merito alla legalità delle modalità di commercializzazione di tali voli. Contesto normativo 3 A termini del Biglietti aerei online: è il cliente a scegliere se assicurarsi contro l annullamento del volo Corte di Giustizia UE, nella causa C 112/11. commento e testo Avvocati.it Chi vende biglietti aerei su internet

Dettagli

che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada. (rifusione)

che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada. (rifusione) REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 21 ottobre 2009, n. 1072/2009/CE (G.U.C.E. n. L 300 del 14.11.2009) che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci

Dettagli

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea Istituzioni, norme, politiche Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI Sentenza della Corte di Giustizia dell Unione Europea nella causa C-204/09 Flachglas

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

bilaterali Svizzera-UE

bilaterali Svizzera-UE Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE Sezione informazione I principali accordi bilaterali Svizzera-UE Marzo 2013 Accordi bilaterali Svizzera-UE 2 I primi Accordi

Dettagli

A441 - APPLICAZIONE DELL IVA SUI SERVIZI POSTALI Provvedimento n. 23365

A441 - APPLICAZIONE DELL IVA SUI SERVIZI POSTALI Provvedimento n. 23365 A441 - APPLICAZIONE DELL IVA SUI SERVIZI POSTALI Provvedimento n. 23365 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 6 marzo 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci;

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Premessa... Pag. 1 Nota informativa...» 5 Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Preambolo...» 13 Parte I...» 15 Titolo I - Definizione e obiettivi dell Unione...» 15 Titolo II - Diritti

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

DIRETTIVA 2007/66/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2007/66/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 20.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/31 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/66/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 dicembre 2007 che modifica le direttive 89/665/CEE e 92/13/CEE del

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Licenziamenti collettivi Nozione di lavoratori Esclusione dei dirigenti Direttiva 98/59/CE Articolo 1, paragrafi

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE -

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE - UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE - L EUROPOL ED I SUOI REGOLAMENTI: LA GESTIONE INTERNA E QUELLA FINANZIARIA Candidato Costantino

Dettagli

Breve excursus sulla legislazione europea dei Marchi

Breve excursus sulla legislazione europea dei Marchi Breve excursus sulla legislazione europea dei Marchi I marchi per essere utilizzati ed essere tutelati nel territorio della Comunità Europea devono essere necessariamente registrati presso l'ufficio dei

Dettagli

Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche

Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche Rapporto del gruppo di esperti «Ulteriore sviluppo della strategia in materia di mercati finanziari» Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche 6

Dettagli

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA f) Il Comitato economico e sociale ha sede a Bruxelles. g) Il Comitato delle regioni ha sede a Bruxelles. h) La Banca europea per gli investimenti ha sede a Lussemburgo. i) la Banca centrale europea ha

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A. REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A. del 27/06/02) TITOLO I - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 Finalità dell Università

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Accordo fra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea 1 sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia

Accordo fra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea 1 sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia Testo originale Accordo fra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea 1 sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia 0.740.72 Concluso il 21 giugno 1999 Approvato dall Assemblea

Dettagli

Gare d appalto e legittimità della c.d. clausola sociale.

Gare d appalto e legittimità della c.d. clausola sociale. ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 02/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36815-gare-d-appalto-e-legittimit-della-c-d-clausolasociale Autori: Daniela Castronovo, Giacomo Cascio Gare d appalto e

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . REPUBBLICA CECA TUTELA DEL CONSUMATORE IN REPUBBLICA CECA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa La Repubblica Ceca adotta ogni 5 anni una Consumer Policy (l ultima è quella decorrente

Dettagli

MISURE DI PROTEZIONE DEI CONSUMATORI

MISURE DI PROTEZIONE DEI CONSUMATORI MISURE DI PROTEZIONE DEI CONSUMATORI Le misure europee di protezione dei consumatori mirano a tutelare la salute, la sicurezza e gli interessi economici e giuridici dei consumatori europei, ovunque essi

Dettagli

CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA

CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA La Repubblica italiana

Dettagli