Glonass si Glonass no: proviamo a rispondere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Glonass si Glonass no: proviamo a rispondere"

Transcript

1 Glonass si Glonass no: proviamo a rispondere di Pasquale Armenise, con la preziosa collaborazione di Fulvio Pellini. Con la serie etrex più recente, i GPS Garmin possono ora acquisire i segnali anche dai satelliti Glonass, il sistema di posizionamento globale russo. Ma quali sono i vantaggi concreti per l utenza? Abbiamo condotto un esperimento per voi e, come sempre, quando si parla di GPS, le sorprese non mancano GPSolutions 2012, tutti i diritti riservati. Introduzione L obiettivo del nostro esperimento piuttosto complesso dal punto di vista tecnicoorganizzativo - era quello di verificare se e quali tipi di vantaggi si possono ottenere dallo sfruttamento del sistema Glonass in aggiunta al sistema GPS, con particolare riferimento alla velocità di acquisizione del segnale e alla accuratezza della posizione calcolata. A tal scopo, abbiamo messo a confronto la nuova serie etrex di Garmin, l unica ad oggi a supportare tale funzionalità, e, più specificatamente, un etrex 30, con altri due modelli GPS-only, vale a dire un Dakota 20 e un GPS MAP 62sc. Abbiamo percorso un breve tragitto in montagna per una lunghezza di circa 4 chilometri (inclusivi di andata e ritorno per la stessa via), con un passaggio caratterizzato da visibilità del cielo limitata, lo stesso percorso che abbiamo già utilizzato a suo tempo per raffrontare il vecchio GPS MAP60CSx con la nuova serie 62. Infatti, esperimenti di questo genere hanno senso soltanto sottoponendo i ricevitori a condizioni di funzionamento particolarmente difficili, essendo assodato che, con buone condizioni di visibilità del cielo, la gran parte dei dispositivi se la cava più che egregiamente 1

2 Quando si vogliono mettere a confronto ricevitori satellitari differenti, rispetto a caratteristiche come la velocità di acquisizione del segnale o l accuratezza della posizione calcolata, la precondizione necessaria per qualsiasi raffronto è che gli strumenti operino esattamente nelle stesse condizioni, con le stesse impostazioni e la medesima visibilità del cielo. Pertanto, abbiamo effettuato un reset degli strumenti per riportarli alle condizioni di uscita dalla fabbrica. Abbiamo poi acceso gli strumenti al chiuso, in modalità demo (acquisizione satellitare disabilitata) per il solo tempo necessario a impostare la modalità di registrazione della traccia (1 punto ogni 5 secondi) e le unità di misura metriche. L esperimento è stato condotto nel corso di una sola uscita, tenendo i tre dispositivi accessi contemporaneamente uno accanto all altro, in modo da essere certi che tutti e tre gli strumenti avessero la stessa visibilità del cielo. Tempo di acquisizione del segnale Come abbiamo detto, è stato effettuato un reset degli strumenti, in modo che i dispositivi partissero da una condizione di prima acquisizione (TTFF, Time To First Fix). Abbiamo accesso i tre dispositivi contemporaneamente. Immediatamente dopo l accensione, abbiamo impostato sull etrex 30 la ricezione dei satelliti GPS+Glonass, cercando di fare il più in fretta possibile. Come noto, gli strumenti Garmin escono dalla fabbrica con la registrazione della traccia attivata. Pertanto, non appena il ricevitore acquisisce il segnale comincia a registrare il percorso. L orario di registrazione del primo punto traccia coincide, quindi, con l ora in cui il ricevitore ha fatto il fix. 2

3 Di seguito i risultati ottenuti: Ricevitore MAP 62sc Dakota 20 etrex 30 Ora di acquisizione del segnale 9:53:24 9:54:22 9:53:36 Ritardo in secondi Come si può vedere, il GPS MAP 62sc è stato il più veloce, seguito dall etrex 30, con un distacco di 12 secondi e, in coda, il Dakota 20, con un ritardo di quasi un minuto dal primo. Ci saremmo aspettati da parte dell etrex 30 una prestazione ancora più elevata, in virtù del maggior numero di satelliti disponibili. Tuttavia, c è da mettere in conto qualche secondo di ritardo accumulato per l impostazione su quest ultimo della ricezione GPS+Glonass. In definitiva, si può affermare che l antenna esterna della serie 62 consente di acquisire il segnale più in fretta rispetto ai GPS con antenna integrata e che, con riferimento al tempo di acquisizione del segnale, la sensibilità del ricevitore, può rappresentare un fattore importante così come lo è certamente il numero di satelliti a vista. Infatti, in condizioni di visibilità del cielo non ottimale, la quantità di satelliti disponibili al ricevitore rappresenta un importante valore aggiunto rispetto alla sensibilità del ricevitore stesso. Ciò detto, va ricordato che i tempi di acquisizione del segnale satellitare nelle accensioni successive dei ricevitori, tendono a omologarsi (a meno che non ci si metta in condizioni similari a quelle di un TTFF) e che, in ogni caso, non riteniamo che qualche decina di secondi in più o in meno possa costituire un fattore importante per la scelta di un modello di ricevitore rispetto a un altro, essendoci molti altri fattori ben più importanti da tenere in conto in rapporto all uso che si intende farne. Tempo di stabilizzazione del segnale Il tempo necessario alla stabilizzazione del segnale è il tempo necessario al ricevitore per il calcolo di una posizione accurata, dopo l acquisizione iniziale del segnale. E noto, infatti, che le posizioni iniziali calcolate dai ricevitori immediatamente dopo l accensione non sono accurate ma vanno affinandosi col passare dei secondi. Di conseguenza, questo valore è ancora più importante del precedente, non potendo il ricevitore essere utilizzato in maniera affidabile prima che il segnale si stabilizzi. 3

4 Quando si è sul campo, possiamo considerare il segnale stabilizzato quando, stando fermi, il valore stimato di accuratezza della posizione, riportato normalmente nella pagina dei satelliti, non migliora più e diventa pressoché costante (si passa, per esempio, da +/- 16 metri al momento dell accensione a +/- 3 metri dopo qualche decina di secondi per poi non diminuire oltre). Se, come nel nostro esperimento, la registrazione della traccia è iniziata contestualmente all accensione del dispositivo, con segnale quindi non ancora stabilizzato, allora è possibile risalire dall analisi della traccia al momento in cui il segnale si è stabilizzato. La stabilizzazione avviene quando, scansionando i punti traccia registrati, partendo dall inizio della traccia (ricordando che eravamo fermi), si cominciano a trovare i primi punti con valori di coordinate molto vicini tra loro e la distanza percorsa da un punto al successivo prossima allo zero. Quando il segnale è stabilizzato, infatti, i punti traccia registrati dal ricevitore in condizioni di non movimento - sono vicinissimi uno all altro (spesso a una distanza inferiore al metro, di norma entro 1-2 metri), senza scarti rilevanti. Un'altra tecnica per verificare a posteriori al computer il punto e l istante in cui il segnale si è stabilizzato si basa sulla conoscenza dell esatta posizione in cui si era al momento dell accensione del ricevitore. In tal modo è possibile verificare, per esempio con l ausilio di immagini satellitari ad alta risoluzione, con una certa approssimazione, il momento in cui i punti registrati dal ricevitore smettono di essere palesemente errati e diventano più accurati. 4

5 Segnale stabilizzato: eravamo qui Segnale all accensione non stabilizzato: non eravamo qui Riportiamo nella tabella seguente i valori dei tempi di stabilizzazione del segnale rilevati nel nostro esperimento. Essi sono necessariamente approssimativi, essendo il frutto di un lavoro di interpretazione dei dati, suscettibile di errore: Ricevitore MAP 62sc Dakota 20 etrex 30 Ora di stabilizzazione del segnale Ritardo in secondi rispetto all acquisizione del segnale Ritardo in secondi rispetto al ricevitore più veloce 9:54:29 9:56:07 9:55: In sostanza, il GPS MAP 62sc ha impiegato poco più di 1 minuto prima di calcolare posizioni accurate, il Dakota 20, 1 minuto e 45 secondi, l etrex 30, 1 minuto e 40 secondi. Il primo GPS ad essere pronto per l utilizzo è stato quindi il GPS MAP 62sc 5

6 dopo 65 secondi dall acquisizione del segnale, seguito dall etrex 30 dopo 47 secondi rispetto al 62sc e, infine, dal Dakota 20, dopo 98 secondi. A questo punto vanno fatte un paio di considerazioni: 1. l etrex 30, nel calcolare la posizione, deve tener conto di un numero di satelliti molto più elevato rispetto agli altri ricevitori. Evidentemente, se questo maggior numero di satelliti apporta dei vantaggi allora ciò è giustificato, altrimenti non lo è. Fino a questo momento, abbiamo visto come la maggiore disponibilità di satelliti consente all etrex 30 prestazioni migliori rispetto al Dakota 20 e paragonabili a quelle di un GPS MAP 62sc, almeno per quanto riguarda i tempi di acquisizione e stabilizzazione del segnale, che comunque, ribadiamo, almeno per chi fa outdoor, non rappresentano certo un parametro di scelta significativo di un modello rispetto ad un altro, in confronto ad altri parametri ben più importanti. Qualche decina di secondi in più o in meno, di norma non cambiano la vita né l escursione 2. La seconda considerazione attiene invece alla qualità della stabilizzazione del segnale raggiunta dal ricevitore. E possibile osservare nell etrex 30 un fenomeno che non ci è capitato di osservare spesso prima d ora ovvero: quando il segnale si stabilizza, nell etrex 30 lo fa sul serio Nelle immagini seguenti vediamo alcuni frammenti delle proprietà della traccia registrata dall etrex 30 in orari differenti, in corrispondenza di punti in cui eravamo fermi (abbiamo dovuto fermarci spesso per annotare ciò che accadeva nei vari ricevitori ). La posizione calcolata è quasi sempre la stessa e di conseguenza la distanza percorsa calcolata tra un punto e il successivo è quasi sempre esattamente pari a 0: 6

7 7

8 Questo dato ci induce a pensare che il calcolo della posizione nell etrex 30, con la ricezione GPS+Glonass abilitata, sia particolarmente accurato e affidabile. Ma non vogliamo anticipare conclusioni affrettate, pertanto continuiamo nella illustrazione del nostro esperimento 8

9 Numero di satelliti a vista, accuratezza della posizione e calcolo della quota Nel corso dell escursione, abbiamo annotato per ciascun dispositivo i seguenti valori, con un intervallo temporale di circa 5 minuti o comunque quando la posizione era di particolare interesse per via della scarsa visibilità del cielo: il numero di satelliti a vista in quell istante, l accuratezza stimata della posizione calcolata (valore Precisione nei ricevitori), la quota. In tal modo, abbiamo potuto ottenere un quadro di riferimento generale delle condizioni di operatività degli strumenti nel corso dell esperimento. Per quanto riguarda la quota, precisiamo che non è stata effettuata la calibrazione dell altimetro in nessuno dei dispositivi, che sono tutti dotati di altimetro barometrico. Nella tabella seguente, i valori che abbiamo registrato nel tragitto di andata: Ricevitore / Punti camp. MAP 62sc / Dakota 20 / etrex 30 Satelliti (GPS+GLONASS) Accuratezza Quota Alla partenza /-3 +/-3 +/ punto /-3 +/-3 +/ punto /-3 +/-3 +/ punto /-5 +/-6 +/ punto /-9 +/-7 +/ punto /-4 +/-9 +/ punto /-3 +/-5 +/ punto /-3 +/-3 +/ punto /-3 +/-3 +/ Prima di commentare i risultati, forniamo alcune indicazioni per la lettura corretta della tabella. Nelle colonne Satelliti, Accuratezza e Quota, ciascuna rilevazione riporta in colore rosso tre valori: il primo si riferisce al GPS MAP 62sc, il secondo al Dakota 20 e il terzo all etrex 30. Nella colonna della quota, viene riportato in blu un quarto valore, che è il valore di quota approssimativo atteso per quella posizione, mutuato da altre 9

10 fonti cartografiche di dettaglio. Nella colonna dei Satelliti, il terzo valore di ogni campo, quello che si riferisce all etrek 30, non riporta un singolo valore bensì l addizione di due valori, di cui il primo si riferisce al sistema GPS ed il secondo al sistema Glonass. Ad esempio, l addizione 8+7 nel primo campo, significa che in quell istante l etrex 30 riceveva 8 satelliti GPS + 7 satelliti Glonass, per un totale di 15 satelliti. Un ultima considerazione preliminare importante è la seguente: quando si analizzano i dati calcolati da ricevitori satellitari con esperimenti di questo tipo, non è opportuno trarre conclusioni su valori spot relativi a singole rilevazioni (che possono essere influenzate da svariati fattori, a volte di difficile interpretazione) ma occorre cercare di individuare i trend di comportamento, le situazioni ripetitive, i valori medi. Tutto ciò premesso, proviamo a trarre qualche conclusione dall analisi del prospetto su riportato. Per quanto riguarda la quota, se sommiamo per ciascun ricevitore lo scarto fra il valore calcolato dallo stesso e quello atteso (in blu) e dividiamo per il numero di rilevazioni effettuate (nove), otteniamo l errore medio di quota del ricevitore. Ricevitore MAP 62sc Dakota 20 etrex 30 Scarto medio nella quota in metri 10,44 10,55 8,88 Come si può vedere, l etrex 30 si è comportato mediamente meglio degli altri ricevitori benché, anche in questo caso, le differenze siano modeste e di scarso interesse dal punto di vista pratico. Esaminando i valori relativi all accuratezza, si evince chiaramente la presenza di quello che presumiamo essere un errore di calcolo nel firmware dell etrex 30, almeno fino alla data dell esperimento, vale a dire i valori di stima dell errore di posizionamento con la ricezione GPS+GLONASS attivata variano in un intervallo dai +/-9 ai +/-25 metri. Poiché il ricevitore ha calcolato posizioni accurate almeno quanto quelle del GPS MAP 62sc e del Dakota 20, come vedremo più in là dall analisi dei tracciati, e questi ultimi hanno correttamente stimato l errore minimo in +/3 metri, in corrispondenza di tratti con una buona visibilità del cielo, se ne ricava che i valori calcolati dall etrex sono palesemente errati. Si può anche aggiungere che il valore di stima dell accuratezza di +/- 9 metri nell etrex 30 equivale ai +/- 3 metri degli altri ricevitori. Ci aspettiamo che tale anomalia venga rimossa con i successivi aggiornamenti del firmware. Passando, in ultimo, all analisi del numero di satelliti ricevuti nel corso dell esperimento, vediamo chiaramente come GPS MAP 62sc ed etrex 30, con la 10

11 sola ricezione GPS, abbiano acquisito quasi sempre un numero di satelliti maggiore rispetto al Dakota 20, con la sola eccezione delle ultime due misurazioni, con visibilità del cielo molto buona, dove tutti è tre i ricevitori hanno acquisito 9 satelliti GPS. Se ne deduce che l etrex 30 è dotato comunque di un ricevitore molto sensibile. Inoltre, l etrex 30, grazie alla costellazione GLONASS, ha acquisito mediamente 6 satelliti in più rispetto al GPS MAP 62sc. E, finalmente, passiamo a vedere se tale abbondanza di segnali disponibili all etrex 30 abbia apportato dei vantaggi in termini di accuratezza della posizione calcolata e, se si, quali. Come? Attraverso l analisi delle tracce registrate dai ricevitori, naturalmente Analisi dei tracciati GPS MAP 62sc: andata (colore rosso) e ritorno (colore giallo) Nel rettangolo riportato sull immagine, abbiamo evidenziato l area critica, quella con scarsa visibilità del cielo, dove, per intenderci, abbiamo effettuato le rilevazioni dei punti 3,4 e 5 in tabella. 11

12 Come si può notare, nell area critica il ricevitore ha registrato tracciati differenti nei due tragitti di andata e ritorno. Con tutta evidenza, se assumiamo che uno dei due sia quello più vicino alla realtà (ma, fino a questo momento, non siamo in grado di dire quale) l altro è di conseguenza errato. In teoria, potrebbero essere entrambi imprecisi più o meno nella stessa misura e la verità potrebbe anche stare nel mezzo ma appare chiaro che, nel punto indicato dalla freccia che, di qui in poi, chiameremo per semplicità punto critico, è successo qualcosa di importante 12

13 Dakota 20: andata (colore arancione) e ritorno (colore celeste) Anche nel Dakota 20 si ripropone esattamente lo stesso comportamento, tracciati divergenti tra andata e ritorno nell area critica, pertanto uno dei due tracciati è meno preciso dell altro. Quello che appare sorprendente, è che i tracciati sembrano molto simili a quelli del GPS MAP62sc, inclusa la particolarità del punto critico già evidenziata con la freccia nell immagine precedente. 13

14 Cerchiamo quindi conferma sovrapponendo all immagine i quattro tracciati: In effetti, è difficile non restare basiti: i tracciati di andata e quelli di ritorno registrati dai due dispositivi sono molto simili fra loro, manifestando una strabiliante coerenza, anche nell errore A questo punto possiamo cominciare a trarre delle conclusioni. Nello specifico, abbiamo la conferma di un fatto, per la verità noto, ovvero che, più importante del numero dei satelliti acquisiti dal ricevitore, è la loro geometria, vale a dire la disposizione degli stessi rispetto al punto in cui siamo. Almeno in questo esperimento, il fatto che il GPS MAP62sc sia dotato di un ricevitore più sensibile del Dakota 20 e che abbia spesso acquisito un maggior numero di satelliti rispetto a quest ultimo, non gli è bastato a comportarsi meglio del Dakota quando ci siamo trovati ad attraversare l area critica. D altronde, al di fuori dell area critica, entrambi i ricevitori hanno registrato buoni tracciati molto simili tra loro. Se ne ricava che i satelliti ricevuti dal solo GPS MAP62sc (e non visibili al Dakota 20) erano in realtà superflui e non sono stati decisivi per la registrazione di un buon tracciato in entrambe le direzioni (andata e ritorno), considerato che il Dakota 20 ha prodotto gli stessi risultati anche senza il loro ausilio. Ciò è altresì confermato dal fatto che, al di fuori dell area critica, il Dakota 20 ha lavorato con una precisione di +/3 metri alla pari del GPS MAP62sc ma con un minor numero di satelliti a vista. 14

15 etrex 30: andata (colore magenta) e ritorno (colore blu) L etrex 30 ci riserva un altra sorpresa: i tracciati di andata e ritorno divergono tra loro in misura più contenuta rispetto agli altri ricevitori e, in aggiunta, per un tratto di percorso più breve. Inoltre, l etrex 30 si è comportato molto bene nel punto critico. 15

16 Proviamo allora a sovrapporre all immagine i tracciati di andata e ritorno di tutti gli strumenti: Come si può vedere, i tracciati di andata dei tre ricevitori, considerata la difficoltà di ricezione, sono tutti abbastanza vicini, pertanto possiamo concludere che nel tragitto di andata tutti e tre i ricevitori si sono comportati egregiamente, producendo tracciati simili. In aggiunta, abbiamo visto come l etrek 30 abbia generato anche al ritorno un tracciato simile a quello dell andata, diversamente da quanto fatto da GPS MAP 62sc e Dakota 20. Siamo quindi in grado di affermare che i tracciati più fedeli sono quelli relativi al tragitto di andata registrati da tutti gli strumenti nonché quello di ritorno dell etrex 30, mentre, al ritorno, l area critica ha messo in difficoltà sia il GPS MAP62sc che il Dakota 20. Cerchiamo allora di capire cos è successo nel tragitto di ritorno, analizzando i tracciati nel punto critico, indicato nelle immagini precedenti dalla freccia. 16

17 Iniziamo dal tracciato di ritorno del GPS MAP62sc. Possiamo vedere come, in corrispondenza del punto critico evidenziato in blu nell elenco dei punti traccia, esattamente alle , risulta essere stata percorsa una distanza di 23.5 metri rispetto al punto precedente, il tutto in un intervallo temporale di 5 secondi Ovviamente ciò non è possibile. 17

18 Il Dakota 20 ci racconta una storia analoga: Alle , in corrispondenza del punto critico, risulta essere stata percorsa una distanza di 21 metri rispetto al punto precedente, sempre nello stesso intervallo temporale di 5 secondi... 18

19 E l etrex 30? Vediamo un po Alle , nel ricevitore non accadeva nulla di particolare ma registrava semplicemente un punto a 4.7 metri di distanza dal precedente 19

20 Conclusioni A questo punto siamo in possesso di tutti i dati necessari a spiegare quello che si è verificato nel corso dell esperimento, nel tragitto di ritorno. Quando, percorrendo la strada all incontrario (con riferimento all immagine, da destra verso sinistra), siamo entrati nell area critica, sia il GPS MAP62sc che il Dakota 20, con tutta evidenza, hanno perso la ricezione di uno o più satelliti GPS, fondamentali per il calcolo di una posizione accurata. La conseguenza è stata che le due tracce in registrazione hanno cominciato a divergere rispetto a quelle più accurate registrate all andata. Quando, alle , siamo giunti a quello che abbiamo denominato punto critico, i due ricevitori hanno in realtà riacquisito contemporaneamente nuovi segnali GPS, non sappiamo (ma è ininfluente) se dagli stessi satelliti GPS persi poco prima o da altri. Quello che è certo, è che sia il GPS MAP62sc che il Dakota 20 hanno ripreso a calcolare posizioni più accurate, riportandosi sullo stesso percorso registrato all andata, con un balzo improvviso di circa 20 metri. Con ogni probabilità, anche l etrex 30 ha perso la ricezione degli stessi satelliti GPS persi dagli altri due dispositivi ma non ne ha risentito, in quanto ha potuto contare sui segnali ricevuti da uno o più satelliti GLONASS, i quali, evidentemente, gli hanno consentito una buona triangolazione anche nell area critica, permettendogli di continuare a calcolare posizioni accurate. Possiamo quindi concludere che, per quanto riguarda l accuratezza della posizione calcolata dai tre ricevitori (che si riflette anche nella precisione dei tracciati registrati dagli stessi), la disponibilità o meno del sistema GLONASS in presenza di una buona visibilità del cielo, è praticamente ininfluente. Viceversa, qualora ci si trovi in un contesto ambientale caratterizzato da visibilità del cielo limitata, la possibilità di usufruire del sistema GLONASS può costituire un importante valore aggiunto. 20

etrex 10 manuale di avvio rapido

etrex 10 manuale di avvio rapido etrex 10 manuale di avvio rapido Operazioni preliminari Panoramica del dispositivo attenzione Per avvisi sul prodotto e altre informazioni importanti, consultare la guida Informazioni importanti sulla

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Guida Rapida caratteristiche 1. Introduzione InReach SE è il comunicatore satellitare che consente di digitare, inviare/ricevere

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

100% TECNOLOGIA SATELLITARE SPOT TRACE MANUALE UTENTE DISPOSITIVO DI RINTRACCIAMENTO CON ANTIFURTO

100% TECNOLOGIA SATELLITARE SPOT TRACE MANUALE UTENTE DISPOSITIVO DI RINTRACCIAMENTO CON ANTIFURTO 100% TECNOLOGIA SATELLITARE SPOT TRACE MANUALE UTENTE DISPOSITIVO DI RINTRACCIAMENTO CON ANTIFURTO 1 SEZIONE 2: PER COMINCIARE Per comunicare il tuo SPOT Trace richiede la sottoscrizione di un abbonamento

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Sottocaso b) la data di nascita cade a distanza di 1 anno da un anno bisestile :

Sottocaso b) la data di nascita cade a distanza di 1 anno da un anno bisestile : SOLUZIONE DEL PROBLEMA DI FEBBRAIO 2003 Se gli anni avessero tutti una durata di 35 giorni, essendo 35 1 (mod 7) ogni anno che passa sposterebbe il giorno della settimana del nostro compleanno di un posto;

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO 9 PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO Il capitolo che sta per iniziare presenta alcuni argomenti dall aspetto un po arido. Tuttavia, nelle facoltà

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

etrex manuale utente Modelli: 10, 20, 30

etrex manuale utente Modelli: 10, 20, 30 etrex manuale utente Modelli: 10, 20, 30 2011 Garmin Ltd. o società affiliate Tutti i diritti riservati. Conformemente alle leggi sul copyright, il presente manuale non può essere copiato, interamente

Dettagli

Phonak ComPilot. Manuale d uso

Phonak ComPilot. Manuale d uso Phonak ComPilot Manuale d uso Indice 1. Benvenuto 5 2. Per conoscere il dispositivo ComPilot in uso 6 2.1 Legenda 7 2.2 Accessori 8 3. Come cominciare 9 3.1 Impostazione dell alimentatore 9 3.2 Come caricare

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Guida di riferimento di TomTom Start 20 serie

Guida di riferimento di TomTom Start 20 serie Guida di riferimento di TomTom Start 20 serie Contenuto Contenuto della confezione 6 Contenuto della confezione... 6 Leggimi! 7 Montaggio nell'auto... 7 Accensione e spegnimento... 7 Impostazione... 7

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Geodati per tutti. sapere dove. swisstopo. Geodati Info 2015

Geodati per tutti. sapere dove. swisstopo. Geodati Info 2015 Geodati Info 2015 Geodati per tutti sapere dove swisstopo Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Ufficio federale di topografia swisstopo www.swisstopo.ch

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite

Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite della curva di sicurezza. Nel numero scorso abbiamo

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli