Il federalizing process europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il federalizing process europeo"

Transcript

1 E D I T O R I A L E 17 S E T T E M B R E Il federalizing process europeo di Beniamino Caravita Professore ordinario di Istituzioni di diritto pubblico Sapienza Università di Roma

2 Il federalizing process europeo * di Beniamino Caravita Professore ordinario di Istituzioni di diritto pubblico Sapienza Università di Roma Sommario: 1. Ripensare i processi europei. 2. La storia europea come storia comune. 3. I valori comuni dell'europa. 4. Le garanzie costituzionali dei valori comuni. 5. La dimensione europea e comune delle discipline sostanziali. 6. Il processo europeo non si può interrompere. 7. Ripensare le categorie del federalismo. 8. I primi modelli di federalismo moderno: l'uscita dai domini coloniali. 9. I modelli federali nel secondo dopoguerra e la fine del colonialismo. 10. Il federalizing process europeo. 11. Federalismo europeo, federalismi nazionali? 12. Come ripensare l'assetto istituzionale europeo. 13. In mezzo al guado. 1. Ripensare i processi europei. È evidente che oggi non sembra il migliore momento per parlare di un federalizing process europeo: a torto o a ragione, i morsi della crisi economica che attanaglia gli Stati del vecchio continente vengono ricondotti fondamentalmente alla costruzione europea, ai vincoli economici e finanziari che ne derivano, alla impossibilità di manovre economiche e sociali nazionali, alla cecità dei burocrati di Bruxelles, alla non democraticità della costruzione europea. Quest'ultima è poi l'affermazione più tranchant e negativa, giacché in essa è implicito un giudizio di valore: la costruzione europea non è e non potrà mai essere democratica, giacché la democrazia presuppone un demos, un popolo, e un popolo europeo non esiste. Ne abbiamo discusso tanto e ne continueremo a discutere. Ma, a mio modesto giudizio, la discussione non è ancora pienamente centrata. Ho l'impressione - e non me ne vogliano i miei amici e colleghi costituzionalisti e comunitaristi - che la discussione sull'europa non sia mai riuscita ad uscire da logiche settoriali, di materia, e non sia ancora approdata ad un approccio * Relazione introduttiva al Convegno sul tema La Sovranità finanziaria condizionata", Università di Siena, Dipartimento di Giurisprudenza, il 9 Maggio federalismi.it n. 17/2014

3 pienamente di diritto costituzionale. Ne abbiamo parlato sotto un profilo di teoria generale (c'è un popolo europeo? C'è uno stato europeo? C'è una costituzione europea?), sotto un profilo economico e finanziario, ovvero esaminando le politiche europee settore per settore; abbiamo seguito e inseguito minuziosamente i complicati processi decisionali europei, verificando se questa o quella procedura rispettasse precisamente questo o quel comma del Trattato 1 : non abbiamo mai provato a mettere insieme tutte queste analisi settoriali, affrontandole con un occhio e un profilo globale. Occorre in realtà mettere insieme un'analisi diacronica, che ci dica quanta unità e quanta divisione c'è stata e c'è nella storia dell'europa; un'analisi valoriale, chiedendoci se esistano valori comuni ai popoli europei; un'analisi di stretto diritto costituzionale, ponendoci la domanda se esistano strumenti giuridici per garantire a livello europeo il rispetto dei valori comuni, se si possano utilizzare le tradizionali categorie del diritto costituzionale nazionale a livello europeo, e se si possa parlare di una forma di Stato europea, di una forma di governo europea, di un sistema delle fonti europeo. Un'analisi approfondita va dedicata al profilo materiale, per vedere cioè quante e quali regole abbiamo in comune in Europa, spesso senza accorgercene o comunque senza dare a questo fatto il giusto peso; e non si può sfuggire infine ad un esame comparato con lo svolgimento del federalizing process negli altri modelli federali. Solo l'approfondimento di questi temi ci può dare la possibilità di evitare o comunque circoscrivere e storicizzare quella sensazione dell'essere "tutti senza bussola", così efficacemente descritta da Ulrich Beck nel suo ultimo libro 2. E a ognuna di queste domande è possibile dare risposte, che sono in realtà più condivise di quanto si possa immaginare. 1 E questo il rischio che corre la discussione pur autorevolmente introdotta circa la legittimità comunitaria dell introduzione dell euro. La tesi di fondo di Giuseppe Guarino, da ultimo riportata in Saggio di verità sull'europa e sull'euro, versione , in è quella della illegittimità del Regolamento n. 1466/1997 del Consiglio del 7 luglio 1997 per il rafforzamento della sorveglianza delle posizioni di bilancio nonché della sorveglianza e del coordinamento delle politiche economiche, per violazione degli articoli 102, 103, 189, c, del TUE. Lo spazio di questa nota e i tempi di pubblicazione del presente articolo non mi permettono di scendere in una interlocuzione serrata con il Maestro (il che, in una discussione orale, gli avevo promesso). Vorrei però sottolineare che, al punto 23 del suo saggio, Guarino riconosce che "forse per l'unione europea è venuto il momento di fare un salto e di puntare all'unione politica". Mi piace poi ricordare una intuizione di Guarino, che potrebbe e dovrebbe essere approfondita; afferma infatti l'a. che il vero tema oggi - per l'italia almeno - è quello del rapporto tra il costo del debito pubblico, cioè gli interessi che si pagano di volta in volta sullo stock del debito, e il tasso di crescita del Pil: uno spread troppo alto tra i due tassi impedisce definitivamente il recupero del debito. 2 U. BECK, Europa tedesca. La nuova geografia del potere, Laterza, federalismi.it n. 17/2014

4 2. La storia europea come storia comune. Così non c'è dubbio che la storia europea è una storia comune, in cui momenti e istituzioni di unità si intrecciano con momenti e istituzioni di divisione, fino ai drammi provocati dalla cecità dei nazionalismi europei: i colonialismi e le due grandi guerre mondiali. L'Europa che conosciamo oggi, che amiamo per il suo essere senza confini e odiamo per il suo essere senza confini, è figlia della cultura e della civilizzazione greca, dell'impero romano, delle invasioni barbariche, e dell'impero romano di oriente; è figlia del risorgere degli studi all'inizio del primo millennio, del diritto romano comune e dell'uso del latino 3 ; è figlia delle crociate e del rapporto con la cultura araba e islamica, della scissione luterana; è figlia delle grandi scoperte e dell'espansione coloniale; è figlia di Westfalia e della formazione degli stati nazionali. È figlia legittima delle grandi rivoluzioni, quella industriale, quella americana, quella francese, quella socialista 4. Ma soprattutto è figlia del plus jamais ça, dell'angoscia dal risveglio dagli incubi della seconda guerra mondiale, della distruzione della dignità umana, delle decine di milioni di morti. È da qui che riparte il progetto europeo che oggi conosciamo: certo, la ciclicità della storia europea, il suo alternarsi tra unità e divisione ci dimostrano che nulla è irreversibile, che l'europa non può non essere caratterizzata dalla Vielfalt, dalla molteplicità, e che ogni progetto di annichilire questa Vielfalt è intimamente autoritario e per ciò solo destinato a fallire, assuma esso vesti latine, arabe, francesi, inglesi, spagnole, tedesche o russe; ma, nello stesso tempo, che la Vielfalt europea ha spesso prodotto frammentazione. Basti pensare, per rimanere vicini nel tempo, al crollo repentino dell'impero Austro-Ungarico, che ha sperduto la sua molteplicità in frammentazione drammatica: l'originale e originario melting pot, l'incredibile miscuglio di razze, religioni, etnie tenuto insieme nell'impero si dissolse all inizio del secolo scorso tra ben nove nuovi stati europei. 3 Qui di solito mi piace ricordare il De usu et auctoritate iuris civilis Romanorum per dominia Principum Christianorum, testo seicentesco dell'inglese Arthurus Duck. 4 Per approfondimenti si veda G. MAMMARELLA, P. CACACE, Storia e politica dell Unione europea, Roma- Bari, federalismi.it n. 17/2014

5 Oggi, come ieri, la scommessa europea è come mantenere la Vielfalt, evitando la frammentazione e producendo un unità che non si trasformi in assimilazione ovvero in egemonia dell'una cultura sull'altra 5. Tant'è che tra i principi costituzionali europei si afferma che l'europa rispetta la ricchezza della sua diversità culturale e linguistica e vigila sulla salvaguardia e sullo sviluppo del patrimonio culturale europeo 6. Ed è per questo che - nonostante la ricchezza economica e politica attuale - l'europa non può essere tedesca, secondo il provocatorio titolo del lavoro di Ulrich Beck (il cui contenuto analitico, peraltro, è molto più condivisibile della provocazione lanciata nel titolo). 3. I valori comuni dell'europa. Sul fronte valoriale, l'europa oggi è ampiamente unificata. L'art. 2 del trattato sull'unione europea icasticamente prevede che L'Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà umana, della democrazia, dell'uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Questi valori, definiti comuni agli Stati membri in una società caratterizzata dal pluralismo, dalla non discriminazione, dalla tolleranza, dalla giustizia, dalla solidarietà e dalla parità tra donne e uomini, non sono mero flatus vocis, non sono retoriche e vuote affermazioni di principio che cadono in deserti valoriali o, addirittura, in campi diversamente orientati, ma corrispondono in larghissima misura alle proclamazioni di principio di tutte le costituzioni europee moderne. Certo, vi saranno sfumature diverse tra paese e paese, nella storia e nella tradizione dell'uno la libertà avrà un colore più accentuato di eguaglianza, oppure il rispetto dei diritti delle minoranze potrà, nel rispetto della dignità umana, essere diversamente modulato, ma non vi è dubbio che questi valori, nel loro nucleo essenziale, rappresentano una base comune a tutti i paesi europei e si ricollegano indissolubilmente alle originarie costituzioni nazionali, permettendo così di parlare di una tradizione costituzionale comune (questa è a mio giudizio la critica di fondo al Bundesverfassungsgericht che continua a contrapporre i valori costituzionali tedeschi a quelli europei 7 : a meno di non voler semplicemente dire che - nell'ambito della vigente Costituzione tedesca - la sovranità nazionale non si tocca!). D altro lato, mettere in dubbio 5 Cfr. P. GROSSI, L Europa del diritto, Roma-Bari, Laterza, Art. I-3, terzo comma, del Trattato di Lisbona del 1 gennaio Cfr. Sentenza BVerfGE 89, 155 vom 12 Oktober 1993, Az: 2 BvR 2134, 2159/92, del 12 ottobre 1993, meglio nota come Maastricht-Urteil. Cfr. Art. 23 della Legge Fondamentale Tedesca, denominato L Unione europea. 5 federalismi.it n. 17/2014

6 l'efficacia delle dichiarazioni di principio significa - paradossalmente e contraddittoriamente - mettere in discussione anche il ruolo e l'efficacia delle dichiarazioni di principi delle costituzioni nazionali: le une e le altre hanno basi comuni nella storia, nella cultura, nell'esperienza europea; le une e le altre sono fatte dei medesimi ingredienti giuridici; le une e le altre hanno una prima conseguenza costituzionale, costituendo un fattore di integrazione delle comunità intorno a valori e simboli comuni 8, e poi un primo effetto giuridicamente positivo, quello cioè di orientare l'attività del decisore, dell'amministratore, del giudice, dell'interprete e un secondo, consistente nel costituire parametro di legittimità delle decisioni giurisdizionali 9 Né la mancata menzione delle radici cristiane e giudaiche ha dimidiato la ricchezza e il significato dell'esperienza comune: senza voler sminuire l'enorme significato dell'impatto politico, culturale, valoriale del cristianesimo nella costruzione dell'europa, è difficile ritenere che gli ideali di tolleranza, la difesa del pluralismo culturale, l'avvento del liberalismo politico, l'eguaglianza delle condizioni fra i sessi siano solo il prolungamento culturale del dogma cristiano 10. L'Europa, in verità, è plurale anche sotto questo punto di vista, giacché laicamente permette una proficua convivenza tra cattolici, protestanti, ebrei, mussulmani, atei. L'esistenza di un profilo valoriale comune si è naturalmente vieppiù accentuata con la Carta europea dei diritti fondamentali 11. Sotto il profilo della struttura economica, l'europa si è raccolta intorno alla formula dell economia sociale di mercato, esplicitata adesso nell'art. 3 del Trattato 12, peraltro insieme ad altri valori di non meno peso e significato di quelli generalissimi elencati nell'art. 2. Nonostante tutte le critiche, le scelte sottese alla formula dell'economia sociale di mercato sembrano più significative delle ambiguità. L'Europa rigetta, infatti, scelte di collettivizzazione e di dirigismo 8 Secondo il magistrale insegnamento di R. SMEND, Verfassung und Verfassungsrecht, Duncker & Humblot, München, Nella dottrina costituzionale italiana, questa posizione fu magistralmente illustrata da V. CRISAFULLI, La costituzione e le sue disposizioni di principio, Giuffrè, Milano, J. F. SCHAUB, L'Europe a-t-elle une histoire?, Albin Michel, Parigi, 2008, p P. RIDOLA, La Carta dei diritti fondamentali dell Unione Europea e le tradizioni costituzionali comuni degli stati membri, in Le riforme istituzionali e la partecipazione dell Italia all Unione Europea, S.P. Panunzio e E. Sciso (a cura di), Giuffrè, Milano, 2002; e Le tradizioni costituzionali comuni e l identità culturale europea in una prospettiva storica, in Diritto romano attuale, n.9/2003, 109 ss.. 12 Art. 3 comma 1 del Trattato sul Funzionamento dell Unione Europea: 1. L'Unione ha competenza esclusiva nei seguenti settori: a) unione doganale; b) definizione delle regole di concorrenza necessarie al funzionamento del mercato interno; c) politica monetaria per gli Stati membri la cui moneta è l'euro; d) conservazione delle risorse biologiche del mare nel quadro della politica comune della pesca; e) politica commerciale comune. 6 federalismi.it n. 17/2014

7 autoritario, optando per un modello in cui l'economia di mercato sappia (perché ciò deve fare) bilanciare la massimizzazione del profitto, che pure potrebbe derivare da una economia fortemente competitiva, con i valori sociali chiaramente espressi nello stesso art. 3, comma 3, tra cui in primo luogo la piena occupazione; e poi progresso sociale, elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell'ambiente, rifiuto del l'esclusione sociale e delle discriminazioni, promozione della giustizia e della protezione sociali, parità fra uomo e donna, solidarietà fra le generazioni, tutela dei diritti del minore, coesione economica, sociale e territoriale, solidarietà tra gli Stati membri. Ed è per questo che non può non stupire l'incapacità di costruire proposte per lo sviluppo e l'occupazione: a meno di non pensare che il richiamo costituzionale alla stabilità dei prezzi - in nome del timore tutto tedesco dell'inflazione - non possa di per sé giustificare politiche recessive, contrarie ai richiamati principi. 4. Le garanzie costituzionali dei valori comuni. Questi valori comuni non sono indifesi. E, ricalcando la discussione tedesca del primo dopoguerra, non sono indifesi né da un punto di vista della garanzia politica, né da un punto di vista della garanzia giurisdizionale. L'art. 7 del Trattato prevede una specifica procedura - chiaramente politica, certo! - a tutela dei valori richiamati dall'art. 2. Infatti, su proposta motivata di un terzo degli Stati membri, del Parlamento europeo o della Commissione europea, il Consiglio, deliberando alla maggioranza dei quattro quinti dei suoi membri previa approvazione del Parlamento europeo, può constatare che esiste un evidente rischio di violazione grave da parte di uno stato membro di tali valori. Con un interessante meccanismo istruttorio, il Consiglio, prima di procedere alla constatazione, ascolta lo Stato membro in questione e può rivolgergli delle raccomandazioni, per poi verificare se i motivi che hanno condotto a tale constatazione permangono validi. Constatata all'unanimità l'esistenza di una violazione grave e persistente, il Consiglio a maggioranza qualificata può sospendere alcuni dei diritti derivanti allo Stato membro in questione dall'applicazione dei trattati. Si tratta di una procedura complicata e macchinosa, certo, ma non meno delle procedure sanzionatorie verso le entità federate tipiche degli stati federali. Ma soprattutto costituisce un importante arma di dissuasione di cui la Ue dispone nei confronti degli stati membri. Sul versante giurisdizionale, è indubbia ormai la funzione di custodia dei valori costituzionali comuni da parte della Corte di giustizia. La primazia del diritto comunitario sui diritti nazionali si è negli anni imposta anche negli ordinamenti più refrattari, e, insieme alla disapplicazione della normativa nazionale contrastante, all'effetto diretto e al monopolio dell'interpretazione vincolante 7 federalismi.it n. 17/2014

8 dei Trattati da parte della Corte di giustizia, costituisce lo strumento giuridico che ha dato le gambe al processo di omogeneizzazione del diritto europeo 13. In Italia, ma probabilmente anche negli altri stati membri, è sempre più frequente la chiamata in causa della Corte di giustizia, attraverso la questione di interpretazione pregiudiziale, in luogo della sollevazione della questione di legittimità costituzionale: quando c è di mezzo normativa comunitaria (ed è sempre più frequente!), sulle questioni che toccano principi costituzionali (che sono in larga misura comuni!), i giudizi nazionali preferiscono chiamare in causa il giudice europeo, affianco e in luogo - di quello costituzionale nazionale 14. In Germania è frequente l'uso della Verfassungsbeschwerde per sollecitare (o solleticare?) il giudizio sulle scelte comunitarie del Bundesverfassungsgericht: ma, al di là dell'auspicio che il Bundesverfassungsgericht possa autolimitarsi, chiamando in causa la Corte di giustizia 15, è possibile che non ci siano strumenti che permettano di portare di fronte alla Corte di Giustizia l'errato bilanciamento dei valori costituzionali europei, provocato da una o più omissioni delle istituzioni comunitarie? Non si potrebbe utilizzare a tal fine quella specie di Verfassungsbeschwerde o recurso de amparo comunitario che è il ricorso in carenza previsto dall'art. 235 del Trattato sul funzionamento, azionabile sia da Stati che da privati? Senza mettere in discussione le esigenze di risanamento dei conti di questo (il nostro) o di altri paesi comunitari e consapevoli che nel 13 La Corte costituzionale italiana ha sancito la diretta efficacia delle pronunce pregiudiziali della Corte di Giustizia nel nostro ordinamento con la sent. n. 113 del 1985 (in Giur. Cost, 1985, I, 694 e ss., orientamento confermato in anche in C. cost. n. 168 del 1991, ivi, 1991, 1409 e ss.), e delle pronunce espresse in sede contenziosa con la sent. n. 389 del 1989 (in Giur. Cost 1989, I, 1757 e ss.). 14 Vd., tra le tante che si possono citare, le ordinanze nn e 3132/2012 con cui il TAR Lazio ha sollevato questione pregiudiziale in tema di contributi in favore dell AGCOM (art. 12, direttiva 2002/20/CE) concluso con sentenza CGE del 18/07/2013; l ord. n. 4183/2013 in cui è stata sollevata, sempre dal Giudice Amministrativo del Lazio, la questione relativa ai costi minimi per il trasporto su strada, decisa con sentenza del 4/9/2014; nonché l ordinanza della Corte di Cassazione n. 4801/2014, in tema di credito per il mandato ex lege fra Stato e consorzi agrari. Sul tema si veda inoltre A. VUOLO, La tutela multilivello dei diritti in una controversa pregiudiziale di interpretazione, in federalismi.it, n. 16 del Il BVerfG ha riconosciuto in modo espresso di ritenersi astrattamente vincolato all'applicazione dell'art. 267 TFUE con la sentenza Solange I e con l'ordinanza Vielleicht (rispettivamente BVerfGE 317, 271 e BVerfGE 52, 187), ma non ha mai utilizzato lo strumento del rinvio pregiudiziale. Cfr. M.T. RÖRIG, Germania, in P. PASSAGLIA (a cura di), Corti costituzionali e rinvio pregiudiziale, disponibile sul sito della Corte costituzionale (www.cortecostituzionale.it), p. 59 ss. Per approfondimenti sui rapporti tra il Tribunale federale e le corti europee cfr. C. VIDAL, Germania, in A. CELOTTO J. TAJADURA J. DE M. BÀRCENA (a cura di), Giustizia costituzionale e Unione europea, Editoriale scientifica, Napoli, 2011, p. 47 ss.; W. HASSEMER, La giurisprudenza della Corte costituzionale tedesca e le corti europee, in Nuove Autonomie, n. 1, 2006, p. 11 ss.; G. CERRINA FERONI, Karlsruhe, Lussemburgo, Strasburgo: la Interpretationsverbund dei diritti fondamentali ancora lontana, in G. F. FERRARI (a cura di), Corti nazionali e Corti europee, Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 2006, p. 191 ss. 8 federalismi.it n. 17/2014

9 bilanciamento dei valori costituzionali la discrezionalità del decisore politico è amplissima, forse è anche vero che l'uso di questa discrezionalità che palesemente mette a repentaglio o addirittura a rischio di annichilimento uno o più valori costituzionali può essere portato di fronte al giudice costituzionale comune per verificare, sfuggendo alla logica politica e intergovernativa, quali siano i nuclei da salvaguardare e in che modo. 5. La dimensione europea e comune delle discipline sostanziali. In realtà, nella maggior parte della disciplina dei settori della vita associata è ormai predominante la dimensione europea: e ciò perché tali settori sono stati oggetto di un importante processo di omogeneizzazione in forza del quale oggi il contenuto sostanziale delle legislazioni dei singoli Stati europei è in larga misura identico, differenziandosi eventualmente solo il grado e la qualità dell'attuazione. I dati, nella loro banale crudezza, sono impressionanti. Nelle 20 macro aree individuate nella normativa comunitaria erano vigenti, al 31 luglio 2013, atti legislativi. Di questi, una larga maggioranza sono regolamenti, cioè atti che si applicano direttamente negli ordinamenti nazionali. In ogni caso, il tasso di attuazione delle direttive è ormai vicino al 100%, pur se è ancora molto alto il numero dei procedimenti di infrazione, strumento cruciale per verificare ex post l'omogeneità del l'attuazione normativa negli ordinamenti statali. È rispetto a questa enorme massa di normazione comunitaria, che i giudici e le autorità nazionali devono operare con i tre citati strumenti della primazia del diritto comunitario, dell'effetto diretto e della disapplicazione della normativa contrastante, mentre sull uniforme interpretazione del diritto comunitario vigila, poi, in modo attento la Corte di giustizia. Difficile penetrare nelle discipline materia per materia, per verificare quale sia il grado di omogeneità delle discipline normative statali fra di loro. Si può solo procedere per campione, operando dei carotaggi materia per materia. Con questo spirito, mi è capitato di chiedere ad illustri colleghi di dedicare gli editoriali di federalismi del all'approfondimento della dimensione europea della disciplina di diversi settori sostanziali (i diritti di libertà, le politiche di sicurezza, le politiche della concorrenza, le politiche dell'energia, la disciplina bancaria, le politiche agricole, le politiche dell'istruzione, i servizi di interesse economico generale, i mercati finanziari, le politiche ambientali); e in questo spirito ho assegnato e seguito una tesi di dottorato e una di 16 Cfr. i contributi di L. Violini, U. Triulzi, G.M. Roberti, G. Napolitano, T. E. Frosini, M. De Poli, A. Sciaudone, A. Poggi, B. Caravita, S. Staiano, F. Cintioli, R. Rordorf, A. Celotto, M. Cecchetti, P. Ridola. 9 federalismi.it n. 17/2014

10 laurea 17 che hanno esaminato i settori dei mercati finanziari, delle imposte indirette, delle comunicazioni elettroniche, della tutela ambientale, della politica delle migrazioni. Un fenomeno recente ancora da indagare con attenzione è quello delle modifiche costituzionali interne resesi necessarie a seguito di normativa comunitaria Questa serie di modifiche costituzionali, da leggere assieme alle pronunce di alcune Corti costituzionali, non sono interessanti solo per darci l idea di chissà quale evoluzione politica stia prendendo questa o quell area dell Unione. Questi cambiamenti sono di un importanza capitale perché rappresentano un precedente difficilmente ravvisabile nelle esperienze statuali passate: alcuni Stati sovrani operano delle modifiche alle proprie Costituzioni (simbolo per eccellenza del loro essere superiorem non recognoscentes) a causa del fatto che un altro ordinamento, a loro esterno, ha loro imposto di farlo 18! Il quadro, com è facilmente immaginabile, contiene ombre e luci: ma, a fronte di una significativa omogeneità complessiva, le ombre riguardano la insoddisfazione che deriva da una parziale attuazione di una direttiva o da un non totale omogeneizzazione: non vorrei essere ottimista, ma sono nei, più che ombre. 6. Il processo europeo non si può interrompere. Lo scenario, allora, è molto chiaro: o si porta a termine questo processo attraverso il raggiungimento della stabilità economico-finanziaria e la risistemazione dell assetto istituzionale dell Unione; oppure il fallimento dell Unione Europea difficilmente ne permetterà una riedizione limitata e avrà conseguenze devastanti non solo sull'equilibrio mondiale, ma potrebbe giungere anche sino al travolgimento degli stessi Stati nazionali come li abbiamo conosciuti dalla metà del XVII secolo. Le singole identità nazionali sono infatti destinate a reggere solo nel quadro della stabile creazione di unità europea, ma sono profondamente a rischio se il processo europeo dovesse interrompersi (cosa terrebbe ancora insieme catalani e castigliani, scozzesi e inglesi 19, valloni e fiamminghi, romeni di cultura tedesca e romeni di cultura slava, addirittura Baviera e resto della Germania, e via continuando, fino alle situazioni in Italia evocate da taluno e temute 17 Su questi temi ho seguito la tesi di dottorato di Andrea Vannucci e la tesi di laurea magistrale di Federico Savastano, entrambi membri della redazione di federalismi.it. 18 Cfr. R. DICKMANN, Governance economica europea e misure nazionali per l equilibrio dei bilanci pubblici, Jovene, Napoli, 2013, p. 2 ss. 19 Cfr. E. MAINARDI, Il referendum in Scozia: tra devolution e indipendenza, in federalismi.it, n. 17 del federalismi.it n. 17/2014

11 da tutti?) 20. Dal crollo dell'impero Romano emersero frammentatissime istituzioni territoriali barbariche, dal crollo dell'impero Ottomano è nata la diaspora araba, dal crollo dell'impero Austro-Ungarico sorsero sette stati e staterelli e pezzi di territori confluirono in altri Stati ancora, dal crollo dell'unione sovietica è nata una quantità innumerevole di Stati sovrani e altrettanto è successo con il crollo della Jugoslavia. Cosa succederebbe in Europa? Soprattutto cosa potrebbe succedere in un Europa, a cui la globalizzazione volge ormai le spalle: non è più l'europa a giocare a suo vantaggio le chances della globalizzazione, ma sono i paesi extra-europei a sfruttare i nuovi meccanismi: merci prodotte a basso e bassissimo costo invadono i mercati europei, mentre i mercati finanziari scelgono inevitabilmente i paesi che presentano i tassi di crescita più interessanti e certo non paesi in decrescita più o meno marcata. E non bastano a invertire la tendenza i pur esistenti specie negli Stati Uniti - meccanismi di reshoring (rilocalizzazione) su cui si è soffermata recentemente l attenzione degli economisti 21. È qui, nel controverso, ma cruciale, rapporto con la globalizzazione, il nuovo fattore unificante di una comune dimensione europea? 7. Ripensare le categorie del federalismo. Tuttavia, per dare un giudizio complessivo e conclusivo sulle vicende europee, occorre comparare le trasformazioni del processo politico europeo con i processi delle altre grandi esperienze federali. Per argomentare la mia risposta sul processo federale europeo, devo fare un breve scenario, che vada al di là anche della tradizionale - ma egualmente insoddisfacente - tesi secondo cui esisterebbero innumerevoli definizioni di federalismo, tutte dotate di pari dignità: e, invero, una nozione bonne à tout faire è totalmente inutile sotto il profilo scientifico e della capacità di offrire strumenti di comprensione della realtà. Una nozione di federalismo 22, quale quella che ci è tramandata dai principali studi americani della seconda metà del XX secolo, non ha alcuna capacità euristica e limitatissime capacità descrittive. Si è infatti perso di vista il legame profondo e implicito tra crisi del modello europeo dello Stato nazionale, democrazia e federalismo, e si è costruito e poi inseguito un concetto formale di federalismo, quale mera tecnica di governo e di distribuzione decentrata del potere pubblico. Certo, nozione fattualmente comoda, giacché 20 Cfr. B. CARAVITA, La grande sfida dell Unione europea tra prospettive di rilancio e ombre di declino, in Trasformazioni costituzionali nel federalizing process europeo, Napoli, Jovene, 2012, 159 ss. 21 V. A. GIDDENS, Potente e turbolenta. Quale futuro per l Europa?, Il Saggiatore, Milano, 2014, 78 ss. 22 Per una nozione generale di federalismo si veda M. BOGNETTI, Federalismo, Torino, Utet, 2001, federalismi.it n. 17/2014

12 adattabile per dare una risposta a tutti i grandi fenomeni degli ultimi settanta anni, alla formazione di nuovi stati non caratterizzati dall omogeneità tradizionale dello stato nazionale, alla crescente devoluzione di poteri all'interno degli stati unitari, alla prepotente crescita di organizzazioni continentali e regionali. Ma proprio perché adattabile, alla fine insoddisfacente anche solo a fini descrittivi. Se si astrae dal formalismo (evidentemente, accusa che può essere rivolta non solo agli studiosi europei, ma anche a quelli di matrice americana), cosa tiene insieme i modelli statuali esaminati nell'handbook of Federal Countries, pubblicato nel 2002 e nel 2005 dal Forum of Federations 23? Tra le 25 esperienze lì citate, ci sono dentro gli Stati Uniti e le due piccole isole federate di Saint Kitts and Nevis, il Canada e le Comore, la Svizzera e la Russia, l'australia e la Malesia, il Brasile e gli Emirati Arabi Uniti, l'argentina o il Messico e il Pakistan, l'india e la Spagna. Legati da cosa? Il nome? La suddivisione del potere pubblico tra più livelli costituzionalmente previsti? Sono sufficienti queste caratteristiche? E, di fronte all evidente crisi di questa ricostruzione, la risposta americana (ma già prima quella europea) è stata quella del teorizzare la diffusione dello hybrid state 24, di un modello di stato ibrido e intermedio tra quello federale e quello unitario: e così rientrano a pieno titolo anche l'italia e, perché no, la Francia, la Gran Bretagna, il Perù o la Bolivia. Insoddisfacente. Forse anche fuorviante. E allora, anche per comprendere cosa sta succedendo oggi in Europa, dobbiamo tornare a cosa ha significato nell'esperienza mondiale lo Stato nazionale e paragonarlo ai primi originari modelli di moderna organizzazione federale. 25 Non c'è bisogno di ricordare come in Europa il modello dello Stato nazionale fu, dal XVII secolo in poi, la risposta principale e comunque vincente alla domanda dello state building, cioè del come costruire una efficiente struttura autoritativa. Nella tradizione europea, gli stati nazionali dovevano essere caratterizzati da omogeneità etnica, linguistica, culturale, religiosa e sono stati per tale ragione la base per la costruzione di apparati amministrativi funzionanti, poi per l'espansione della democrazia, infine per garantire a tutti i cittadini un adeguato livello di prestazioni sociali. Così, in Europa lo stato nazionale non può essere di per sé condannato: nei 23 A.L. GRIFFITH, K. NERENBERG (a cura di), Handbook of Federal Countries, McGill University Press, Montreal&Kingston-London-Ithaca, London, V. J. LOUGHLIN, Reconfiguring the Nation-State. Hybridity vs Uniformity, in J. LOUGHLIN J. KINCAID W. SWENDEN, Routledge Handbook of Regionalism and Federalism, Routledge, Abingdon-New York, Posizione che ho avuto modo di esprimere nel saggio B.CARAVITA, Italy: Between the hybrid state and Europe s federalizing process, in J. LOUGHLIN J. KINCAID W. SWENDEN, Routledge Handbook of Regionalism and Federalism, Routledge, Abingdon-New York, 2013, pp federalismi.it n. 17/2014

13 fatti, ha rappresentato un esperienza di modernizzazione istituzionale e di democratizzazione ed è tuttora, in Europa, la base per la redistribuzione delle risorse e per la costruzione del welfare state. Ma lo stato nazionale è stata una esperienza unicamente europea. Fuori dall'europa, lo state building ha seguito sempre strade diverse: e il federalismo è stata proprio una di queste strade, connessa specificamente, da un lato, alla impossibilità di riprodurre il modello dello Stato nazionale (e poi alla sua crisi), dall'altra, alla organizzazione di strutture democratiche, tra le quali quella federale appariva la più efficiente e la meno autoritaria. 8. I primi modelli di federalismo moderno: l'uscita dai domini coloniali. Così, se facciamo riferimento alle vicende moderne 26, il primo, grande modello di federalismo, con molte caratteristiche comuni, è quello che nasce dall'originario superamento della occupazione coloniale da parte degli stati nazionali europei: nell'arco del XIX secolo, cioè dalla fine del XVIII al primo anno del XX secolo, si assiste al fenomeno della creazione di modelli statuali in situazioni in cui, essendo impossibile la riproposizione dello stato nazionale di matrice europea, le elités bianche locali si orientano progressivamente, con un processo che sarà pluridecennale, verso la formazione sui grandi territori sottratti alla madrepatria (inglese, spagnola, portoghese, francese) di modelli federali di governo. Il federalismo rappresentò la strada migliore per costruire apparati pubblici efficienti in situazioni in cui, da un lato, non vi sarebbe stata la possibilità di riorganizzare uno stato intorno a comuni identità sociali, etniche, linguistiche, religiose, modellandolo sull esperienza dello Stato nazionale europeo, dall'altro, bisognava rispettare e preservare l'organizzazione territoriale delle élite bianche post-coloniali. Così Stati Uniti d'america, Canada, Messico, Brasile, Argentina e Australia hanno una radice comune e hanno sviluppato molte caratteristiche comuni: 1. indipendenza e superamento degli originari regimi coloniali (inglese, francese, spagnolo e portoghese) in un periodo di tempo che dalla fine del XVIII secolo all'inizio del XX (Stati Uniti: 1776; Messico: 1810; Argentina: 1816; Brasile: 1822; Canada: 1867; Australia: 1901); 2. Esistenza di una popolazione prevalentemente bianca e di origine europea; 26 Nel dibattito politologico la ricerca dei modelli federali prende le mosse dal termine romano foedus e introduce nell analisi anche l esperienza delle dodici tribù di Israele: vd. D. J. ELAZAR, Exploring Federalism, University of Alabama Press, Tuscaloosa, 1987, p. 2 ss. 13 federalismi.it n. 17/2014

14 3. Violenta emarginazione delle popolazioni autoctone; 4. Grande estensione territoriale (Canada: kmq; Stati Uniti: ; Brasile: ; Australia: ; Argentina: ; Messico: ); 5. Processi di federalizzazione durati periodi più o meno lunghi 27 ; 6. Democrazie maggioritarie secondo il modello presidenziale americano (Stati Uniti, Messico, Brasile, Argentina) o secondo il parlamentarismo Westminster (Canada, Australia). Tutti questi modelli di struttura federale hanno avuto, nel passare dei decenni, importanti problemi di organizzazione interna e i processi di federalizzazione e di democratizzazione sono in realtà durati decenni. Negli Stati Uniti, il processo federale è ripartito solo dopo la fine della Guerra civile, nel 1865, e i poteri centrali si sono definitivamente rafforzati solo dopo la crisi del 1929; in Brasile, il processo federale è durato più di settanta anni, dall indipendenza alla costituzione federale del In generale, nei tre Paesi dell'america Latina, vi sono stati lunghi periodi di sospensione democratica, in cui il federalismo è stato mera facciata 28. Comunque, senza entrare nel dettaglio delle singole vicende, oggi questi sei paesi sono considerati il paradigma di una moderna e funzionante organizzazione federale. 9. I modelli federali nel secondo dopoguerra e la fine del colonialismo. Una seconda esperienza di federalismo è relativo ai quei casi contemporanei nei quali il modello federale è stato usato come strumento per risolvere in società complesse drammatici conflitti etnici, linguistici, sociali e religiosi nella seconda fase del post-colonialismo 29. Rientrano in questo schema: sicuramente l'india (1947) e la Nigeria (1961); ad essi, si possono assimilare, pur con qualche differenza, Etiopia (1995) e Sudafrica (1996). Questi casi condividono molte caratteristiche con il primo modello: all'origine vi è stata l'indipendenza e la rottura del dominio coloniale (e ciò vale in particolare per l'india e la Nigeria, essendo i fenomeni del colonialismo e dell'indipendenza solo parzialmente rilevanti per l'organizzazione federale del Sudafrica e delll'etiopia); anche in questi casi conta la grande dimensione territoriale (India: kmq; 27 B. CARAVITA, Lineamenti di diritto costituzionale federale e regionale, Giappichelli, Torino, Sui federalismi sudamericani, v. L. CASSETTI C.LANDA (a cura di). Governo dell economia e federalismi. L esperienza sudamericana, Giappichelli, Torino, 2005; nonché L. CASSETTI, Revisioni costituzionali e appello al popolo. Appunti per una riflessione sul valore della Costituzione nell esperienza sudamericana, in federalismi.it, n. 10 del Sul federalismo come modello di risoluzione di conflitti etnici vd. F. FOSSATI, In Africa il federalismo può essere la premessa della democrazia, disponibile in loccidentale.it del 5 aprile federalismi.it n. 17/2014

15 Sud Africa: ; Etiopia: ; Nigeria: ). Vi è però una grande differenza rispetto ai primi federalismi postcoloniali: in questi casi non sono più le elités bianche locali a prendere il potere, bensì le elités autoctone, che devono affrontare - e sperano di risolverlo con il modello federale - il gravissimo problema dell insorgenza di grandi conflitti interni su territori mai omogeneizzati in un modello nazionale, inteso tradizionalmente come identità etnica, culturale, linguistica, religiosa della popolazione allocata su di un territorio. Sull'onda delle esperienze indiana e nigeriana, il federalismo è sempre più apparso come uno strumento utile per superare le conflittualità interne - sociali, religiose, etniche - dei nuovi stati, figli della rottura del modello coloniale ovvero (ri)sorti nel XX secolo; è il modello, tanto per fare esempi di attualità, che gli americani hanno tentato di adottare per l'iraq post-saddam, che l'unione africana ha proposto per il Sudan, che l'onu ha proposto per Sri Lanka, per Cipro, per la Palestina, per la Somalia. Il passaggio dal modello teorico alle esperienze pratiche non è stato positivo: il Sudan, dopo 50 anni di conflitto, si è recentemente diviso in due Stati; l'organizzazione federale irachena non riesce a decollare (e anzi le ultimissime vicende sembrano spingere proprio verso la dissoluzione dell apparato statale centrale); Cipro e Palestina rimangono wishful thinking; in Somalia non esiste più una organizzazione statale. 10. Il federalizing process europeo. Infine, per una di quelle vendette che la storia spesso riserva, il federalismo, nato per costruire apparati autoritativi pubblici diversi dallo stato nazionale, si va imponendo anche nella culla di questa esperienza, anche in Europa. Possiamo stupisci, indignarci, preoccuparci, essere scettici o increduli, ma oramai il terzo grande modello federale è proprio quello europeo. I 28 Stati membri stanno costruendo oggi - in tempi più brevi (il processo federale dura da poco più di sessant'anni) e in maniera incruenta (non ci sono guerre sul territorio dell'europa comunitaria!) - un nuovo grande modello federale (si pensi, per fare un paragone, alle vicende pluridecennali che hanno condotto all'attuale assetto degli Stati Uniti d'america, passando anche per una drammatica guerra civile). Con la seconda guerra mondiale, infatti, la vicenda degli stati nazionali europei ha raggiunto la sua conclusione, non solo per i paesi sconfitti (Germania, Italia), ma - paradossalmente - anche per i vincitori (Francia, Gran Bretagna), che hanno dovuto accettare, chi prima (Francia, 1957), chi dopo (Gran Bretagna, 1973) un sempre più penetrante coordinamento continentale. Nei sessanta anni successivi alla fine della seconda guerra mondiale, l'europa ha conosciuto nuovi importanti fenomeni. I Paesi europei hanno potuto conoscere un definitivo allargamento della 15 federalismi.it n. 17/2014

16 democrazia: sono entrati nell'unione prima i paesi sottoposti ad un regime totalitario (Spagna, Portogallo, Grecia, nel periodo fra il 1981 e il 1986); poi, dopo la caduta del Muro di Berlino, prima otto, poi altri tre, paesi sottoposti al controllo del comunismo russo, fratelli europei che erano stati egoisticamente abbandonati dopo la seconda guerra, permettendo che si alzasse un muro insensato, privo di radici storiche, tra Europa occidentale e Europa centro-orientale. Si dice che le istituzioni rappresentative comuni sono in Europa ancora imperfette, non pienamente soddisfacenti sotto il profilo democratico: sarà anche vero, ma prima di giungere a conclusioni definitive analizziamo quale realtà opera, nascosta o misconosciuta, al di sotto di queste imperfette istituzioni europee. Ormai più di 500 milioni di persone condividono discipline comuni in tutte le aree più importanti della vita associata, dalle telecomunicazioni alla tutela dell'ambiente, dalla disciplina delle assicurazioni a quella dei servizi economici di interesse generale, dall'agricoltura alla istruzione universitaria, dalle regole per il funzionamento delle banche alla disciplina dell'energia. I ventiquattro titoli della parte III del Trattato sul funzionamento dell'unione Europea non sono più meri orpelli, privi di contenuto, ma implicano che in tutte le aree o le materie da essi riguardate esistono discipline più o meno comuni e più o meno simili fra i ventotto Stati europei. Un sistema giudiziario comune, che coinvolge al suo interno le istituzioni giudiziarie nazionali e con esse si raccorda, assicura l uniformità dell interpretazione di questo diritto comune, grazie al principio consolidato e ormai indiscusso della supremazia del diritto comunitario. L'assetto istituzionale assicura anche un continuo meccanismo di adeguamento, uniformazione e tutela dei principi costituzionali e ordinamentali europei. Infine, ultimo nel tempo ma non ultimo per importanza, oramai è comune la politica monetaria di bilancio, tanto che le discipline nazionali di bilancio di fronte alle accelerazioni delle decisioni comunitarie diventano immediatamente, e drammaticamente, vecchie. È vero, infine, che non c'è - per fortuna! - una spesa pubblica centralizzata, ma le caratteristiche e le dimensioni della spesa pubblica nazionale sono fortemente orientate da decisioni comunitarie. Sicuramente ancora insufficiente è il livello di unitarietà delle politiche economiche e bancarie, e proprio dalla contraddizione che deriva da una moneta comune senza politiche economiche comuni derivano molte delle difficoltà attuali: ma è difficile pensare che su questo fronte non si riesca a costruire maggiori momenti di condivisione, a partire da un rafforzamento delle possibilità di intervento della BCE.. Solo la guerra, gli europei ancora non fanno insieme, come dimostrano tutte le più recenti vicende belliche, a partire da quella libica; ma, in realtà, non riescono nemmeno a farla separati. 16 federalismi.it n. 17/2014

17 In maniera più tecnica, solo un'area delle relazioni internazionali è ancora sotto un preminente controllo statale, e non riesce a trovare una soluzione comunitaria. E rimane sempre sulla costruzione europea il peso dello status differenziato, all'onu e per quanto attiene al ruolo di potenza nucleare, di Francia e Gran Bretagna, anche se nella caotica globalizzazione attuale queste due questioni non hanno forse più lo stesso rilievo di quaranta-cinquanta anni fa. 11. Federalismo europeo, federalismi nazionali? Se l evoluzione europea è quella di un modello federale, ci si potrebbe chiedere: come la mettiamo con la Germania, con la Spagna o con il Belgio? Se Germania, Belgio, Spagna sono autenticamente federali, può esistere un duplice livello di federalismo? In verità, già mettendo insieme l esperienza tedesca, quella spagnola e quella belga, ci si dà implicitamente la risposta. All'interno della nuova Europa federale, ormai tutti i vecchi stati nazionali si sono articolati al loro interno secondo un modello sussidiario, in cui lo Stato si organizza, cedendo poteri verso l'alto e verso il basso: e questo vale per la Germania, tradizionalmente federale, così come per la Francia, tradizionale campione dell'accentramento statalistico. Il vero federalismo, allora, oggi, quello con cui fare i conti, in Italia, come in Germania o in Spagna, non è quello interno a questo o a quel paese europeo, bensì proprio quello europeo. Ciò che stiamo praticando in Italia (così come negli altri Paesi europei) è piuttosto un processo di (ri)articolazione sussidiaria delle competenze 30. In questo quadro fermo rimanendo che ogni giudizio sul federalismo russo va sospeso in attesa di una verifica sulla natura democratica del sistema istituzionale rimane il problema di come inquadrare il federalismo svizzero, che può essere letto come l'ultimo tradizionale modello di una organizzazione romantica della società che riesce a resistere all'interno agli assalti massicci della globalizzazione, governandola però nei suoi rapporti verso l'esterno, oppure come una peculiare vicenda endoeuropea, particolarmente significativa sotto il profilo dell'esperienza storica, ma ormai - tranne per alcuni settori gelosamente conservati sotto il controllo interno - equiparabile ad un ventinovesimo membro dell'unione, in ragione del grande rilievo degli accordi di cooperazione. 30 Cfr. A. D ATENA, Costituzionalismo multilivello e dinamiche istituzionali, Giappichelli, Torino, 2007, e Modelli federali e sussidiarietà nel riparto delle competenze normative tra l Unione europea e gli Stati membri, in Il diritto dell UE, n. 1 del 2005, p. 59 ss. 17 federalismi.it n. 17/2014

18 12. Come ripensare l'assetto istituzionale europeo. Resta poi da capire quale possa essere la chiave per ripensare l assetto istituzionale europeo dandogli, nello stesso tempo, una più intensa legittimazione democratica e maggior dinamismo 31. Su questo tema ci si limita tralaticiamente ad evidenziare la necessità di aumentare i poteri di Parlamento e Commissione a discapito di quelli del Consiglio, che rappresenterebbe un fossile intergovernativo nemico del metodo comunitario. Questa impostazione trascura un elemento di capitale importanza: non si può cercare di federare, fino ai profili più intimi delle scelte economico-finanziarie, Stati nazionali che hanno alle spalle una storia plurisecolare, senza lasciar loro un luogo nel quale possano esercitare istituzionalmente, se non la sovranità, almeno la compensazione dei propri interessi. In tutti gli Stati federali tradizionali, del resto, esiste - o è esistito - un luogo in cui le entità federate possono confrontarsi, attraverso propri rappresentanti; ed in tutti gli Stati federali questo luogo, che di solito è la Camera alta, detiene un ruolo cruciale nella determinazione delle politiche federali 32. Se ciò avviene nella gran parte delle esperienze federali che conosciamo, perché non dovrebbe poter avvenire nell Unione Europea nel suo avviarsi a concludere il proprio autonomo, originale federalizing process? Il metodo intergovernativo va dunque rivalutato non come luogo di esercizio del potere degli Stati più forti, bensì come strumento di confronto e di dialogo che consenta a tutti i singoli Stati membri dell Unione di mantenere la possibilità di parlare con la propria voce e di presentare e rappresentare le proprie istanze. In questo senso, il Consiglio giocherebbe il ruolo che le Camere alte svolgono negli Stati federali tradizionali. Andrebbero poi sicuramente rafforzati i poteri del Parlamento europeo, il che dovrebbe avvenire sia sul versante della produzione normativa, sia sul versante del rapporto con la Commissione, il cui problema oggi non è solo quello di essere un organo dotato di una scarsa legittimazione democratica, quanto ormai di essere poco al passo con i tempi e le sfide che l Europa deve affrontare. Ciò non vuol dire che la Commissione non abbia più ragione di esistere o che in Europa non debba esserci un organo esecutivo comune. La Commissione può 31 P. RIDOLA, Principio parlamentare e principio democratico nell Unione europea: il difficile cammino della democrazia federalistica, in G. BRONZINI F. GUARRIELLO V. PICCONE (a cura di), Le scommesse dell Europa. Diritti, istituzioni e politiche, Ediesse, Roma, 2009, p. 261 ss. 32 Sull argomento si veda S. VASSALLO, Come le seconde Camere rappresentano i territori. Le lezioni dell analisi comparata, in S. CECCANTI S. VASSALLO, Come chiudere la transizione, Il Mulino, Bologna, 2004, p. 339 ss.; B. CARAVITA, Il bicameralismo nelle più significative esperienze federali. Composizione e attività legislativa delle Camere alte, in P. CALDERISI F. CINTIOLI, G. PITRUZZELLA (a cura di), La costituzione promessa, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2004, p. 85 ss. 18 federalismi.it n. 17/2014

19 continuare a rappresentare il vertice esecutivo dell Unione, ma deve svuotarsi del suo carattere tecnocratico per trasformarsi in un organo politico, una sorta di Direttorio alla svizzera, i membri del quale potrebbero essere eletti dal Parlamento Europeo, tenendo presente la necessità di bilanciare tanto le nuances politiche quanto gli Stati o almeno le grandi aree territoriali e iniziando a superare la logica comunitaria per cui ad ogni Stato spetta un posto in tutte le istituzioni. Un Direttorio destinato a restare in carica per l intera legislatura, fatta salva la possibilità di revoca di singoli membri con maggioranze altamente qualificate e per gravi violazioni. In questo modo si otterrebbe il duplice scopo di garantire alla Commissione una legittimazione popolare sostanzialmente diretta, ma allo stesso tempo se ne tutelerebbe l autonomia decisionale, sottraendola al rapporto fiduciario. In questo quadro, se dovesse essere tenuta ferma l'esigenza di un Presidente dell'unione, tale ruolo potrebbe essere svolto, secondo uno schema di rotazione annuale, da uno dei membri della Commissione-Direttorio, evitando così un elezione a suffragio universale e diretto di un Presidente della Commissione, che potrebbe essere o lacerante o inutile: infatti, nell'attuale contesto, o vengono candidati divisivi personaggi forti (un socialista contro un popolare, un esponente del sud contro un esponente del centro-nord) ovvero si presentano personaggi più o meno incolori, con l'ulteriore rischio che poi nessuno dei candidati presentati possa essere proposto come Presidente della Commissione, con un grave effetto di tradimento dell'espressione del voto popolare 33. La situazione che verrebbe a delinearsi in questo senso sarebbe così quella di un architettura istituzionale tipica di uno Stato federale, con una Camera bassa eletta direttamente dal popolo il Parlamento, una Camera alta di rappresentanza dei governi degli Stati membri il Consiglio europeo ed un governo la Commissione eletto dalla Camera bassa subito dopo l elezione della stessa, rispecchiandone la composizione politica e territoriale, e quindi non necessariamente secondo il modello maggioranza-opposizione In mezzo al guado. In verità, siamo in mezzo al guado: il metodo funzionalista ha dato il massimo che poteva, spingendo a mettere in comune un grandissimo numero di politiche settoriali, talmente grande da aver creato una situazione sostanzialmente irreversibile. La messa in comune della moneta è stato 33 La recente vicenda Junker non è lontana da questo schema 34 Cfr. B. CARAVITA, La grande sfida dell Unione europea tra prospettive di rilancio e ombre di declino, in Trasformazioni costituzionali nel federalizing process europeo, op. cit.; e T. E. FROSINI, La dimensione europea della forma di stato e di governo, in federalismi.it, n. 5 del federalismi.it n. 17/2014

20 l'ultimo passo funzionalista. E in realtà è ancora largamente possibile agire all interno del quadro istituzionale esistente, utilizzando le opportunità che offre la cooperazione rafforzata per realizzare una politica economica e di bilancio uniche. Il paragone con la tragica sorte dell'impero austro-ungarico dovrebbe farci operare tutti per evitare di precipitare nella gigantesca, ma inconcludente azione parallela del protagonista del musiliano Uomo senza qualità. Anche se tutti noi siamo uomini senza qualità - non ci sono oggi a livello europeo i grandi federatori che abbiamo avuto a livello nazionale - forse c'è ancora spazio per fare in modo che le azioni parallele che dobbiamo necessariamente intraprendere riescano ad evitare il ripetersi del disastro della frammentazione dell'europa. Anche perché questa volta, a differenza di cento anni fa, sarà difficile recuperare in un mondo che cresce e corre molto più di noi. 20 federalismi.it n. 17/2014

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea ISSN 1725-2466 C 83 Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 53 o anno 30 marzo 2010 Numero d'informazione Sommario Pagina 2010/C 83/01 Versione consolidata

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione (Giuseppe Duso) Dal momento che l incontro di oggi vuol essere innanzitutto un omaggio alla costituzione e al ruolo che essa ha avuto nell uscire

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRTI FONDAMENTALI MARZO 2010 30.3.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 83/1 T U E VERSIONE CONSOLIDATA T F U E DEL TRATTATO SULL'UNIONE EUROPEA E

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni di Filippo Lacava 1.Premessa; 2. Definizioni; 2.1 Il potere di indirizzo 2.2 Il coordinamento;

Dettagli

Libro bianco sul dialogo interculturale «Vivere insieme in pari dignità»

Libro bianco sul dialogo interculturale «Vivere insieme in pari dignità» COUNCIL OF EUROPE CONSEIL DE L'EUROPE Committee of Ministers Comité des Ministres Libro bianco sul dialogo interculturale «Vivere insieme in pari dignità» Anno europeo del dialogo interculturale Libro

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli