Santa Maria de la Antigua del Darién

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Santa Maria de la Antigua del Darién"

Transcript

1 Santa Maria de la Antigua del Darién Sintesi Campagne precedenti Progetto di ricerca archeologica e cooperazione sociale Programma Campagna 2015 Ministerio de Cultura de Colombia Instituto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH) Con il riconoscimento del Ministero degli Affari Esteri (Italia)

2 Presentazione Il progetto, promosso e finanziato dal Ministerio de Cultura de Colombia con il sostegno economico e strutturale dell Instituto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH), nasce nel 2013 su per iniziativa dell ICANH, come continuazione di un progetto del 2006 dell Universidad Nacional de Bogotà. Giunto alla sua terza campagna, il progetto ha molto presto affiancato al primo obiettivo (la creazione di un Parco Archeologico) nuovi scopi di ambito sociale e cooperativo, mediante il progressivo coinvolgimento della comunità locale. Nel 2014 la cooperativa Matrix 96, che fin dall inizio collabora con la Direzione Lavori alla definizione della metodologia di indagine e alla rielaborazione dati e cura i rapporti con gli specialisti italiani che si intende coinvolgere per le prossime fasi di lavoro, ha ottenuto per il progetto il riconoscimento istituzionale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nelle pagine seguenti si illustrano in estrema sintesi, a firma del Direttore lavori della missione Alberto Sarcina, le prime due stagioni di interventi sul campo e si presenta il programma della campagna Dott. Andrea Schiappelli Amministratore Unico Matrix 96 Società Cooperativa

3 Localizzazione dell area di indagine * Golfo di Urabá

4 1) Introduzione Nel 1510 gli Spagnoli sbarcano sulle coste sud-occidentali del golfo di Urabá e nel 1514 fondano, nel primo entroterra, Santa Maria de la Antigua del Darién, a tutti gli effetti la prima città sulla Tierra Firme. Nonostante l evidente importanza storica del sito, non si conoscevano fino a oggi né la sua precisa ubicazione né tantomeno i suoi limiti, non essendo riuscite in questo scopo le poche ricerche archeologiche sul territorio di cui si ha notizia. Tra queste si possono annoverare: - la spedizione di re Leopoldo del Belgio nel 1956, da cui non ci sono pervenute informazioni scientifiche; - la missione della Universidad Santa Maria de la Antigua di Panama condotta nel 1966; - le indagini di Graciliano Arcila Velez, durate anni, culminate con la pubblicazione del libro Santa Maria de la Antigua del Darién, pubblicato nel 1986, senza dubbio lo studio più rilevante sul sito; - il progetto della Università Nazionale di Colombia del , condotto dai dipartimenti di Antropologia e Storia, della Facoltà di Lettere e Filosofia, di cui questo progetto è, in un certo senso, una continuazione. L archeologo italiano Alberto Sarcina è impegnato da anni nello studio del sito di Santa Maria de la Antigua del Darién. Il suo impegno si è realizzato, fin dal 2006, sia attraverso un meticoloso lavoro d archivio, svolto nell Archivo de Indias di Sevilla, sia attraverso ricognizioni sul terreno in collaborazione con la Universidad Nacional di Bogotà. Nel 2013 l ICANH, Istituto Colombiano di Antropologia e Storia, lo ha chiamato a dirigere la parte archeologica del progetto, volto alla creazione di un Plan de Manejo Arqueológico (PMA) del sito di Santa Maria de la Antigua del Darién. A lato: stralcio di carta geografica del 1785.

5 2) La campagna 2013 I due obiettivi principali del primo anno del progetto (2013), da un punto di vista archeologico, sono stati quelli di identificare e delimitare l area della città spagnola e di verificare la consistenza dell ipotesi secondo la quale Bahia la Gloria e la sua isola fossero il porto della città sull oceano Atlantico. Era inoltre importante, data anche la natura socio-politica dell area oggetto d indagine, afflitta da decenni di conflitti sanguinosi e con un economia locale estremamente precaria, un approccio non svincolato dalla realtà sociale della zona. Il lavoro effettuato è stato anche il risultato della confluenza di sforzi mirati a due obiettivi distinti: un prodotto scientifico di alto livello e la creazione di condizioni sociali tali da permettere la messa a valore diretta del patrimonio storicoarcheologico da parte delle popolazioni locali (coloni, indigeni Embera e Kuna, comunità afro-discendenti), con la convinzione che il territorio, la storia e la gente siano tutti parte dello stesso patrimonio. La metodologia di ricerca ha dovuto tenere conto di questo aspetto fondamentale, e di conseguenza è stata adottata una strategia di continua relazione con la comunità locale, in cui sia l esecuzione delle diverse attività sia il processo di riconoscimento e di interpretazione dei dati archeologici via via raccolti sono avvenuti con la partecipata collaborazione degli abitanti del luogo. Ed è soprattutto grazie a questa impostazione delle ricerche, fondate sul coinvolgimento diretto della comunità locale, che è stato possibile ottenere risultati decisamente confortanti sia sul piano archeologico sia su quello ambientale, tanto da convincere l ente promotore ad organizzare una seconda campagna di indagini sul campo.

6 Nel corso di questa prima campagna sono state impiegate diverse metodologie di indagine, secondo tecniche differenti e complementari: A) Studi preliminari: - ambientale (sociale): innanzitutto, come operazione preliminare indispensabile, nel corso del 2013 è stata condotta un indagine sociologica sul campo, al fine di prendere coscienza delle dinamiche sociali da considerare attentamente nella pianificazione delle missioni archeologiche previste. - archeologico: prima delle ricerche sul campo, sono state acquisite immagini satellitari ad alta definizione pancromatiche (0,5 m. World View 1 e 2; 0,6 m. Quickbird) e multispettrali (1,8 m. World View 1 e 2; 2,4 m. Quickbird), studiate e interpretate da un équipe italiana specializzata in foto-riconoscimento delle evidenze archeologiche. B) Le ricerche sul campo: 1. un equipe di archeologi subacquei si è occupata di rilevare la presenza di oggetti di origine spagnola nella Bahia la Gloria. Questa indagine si è attuata attraverso una prospezione diretta (autoptica, ovvero con immersioni subacquee) sia indiretta, mediante l uso del magnetometro. 2. L indagine su terraferma è stata condotta, vista la natura non arativa del territorio, attraverso pozzi di sondaggio (cd. phone boxes) di ridotte dimensioni, scavati a mano, a copertura di un area di circa 6 Km². La zona principale di indagine ha compreso il territorio intorno alla frazione di Santuario e la zona costiera di Tarena e Bahia la Gloria. Sono stati realizzati in totale 873 pozzi di sondaggio della profondità di un metro e del diametro di circa 80 cm. Tutto il materiale antropico è stato raccolto indicandone la provenienza, per pozzo di sondaggio e per livello (quota) di rinvenimento, in una scheda con voci standard appositamente elaborata dalla direzione lavori. Successivamente è stato anche studiato e catalogato sistematicamente. 3. Analisi di laboratorio: è stato effettuato lo studio di campioni di stratigrafia sottile prelevati dai livelli più interessanti dei pozzi di sondaggio, e l analisi granulometrica e chimica dei suoli. 4. Ricerca antropologica: in occasione di questa prima campagna, si è dato avvio a una ricerca etno-archeologica raccogliendo informazioni orali dagli abitanti del luogo, i toponimi, le descrizioni di ritrovamenti. C) Processazione dei dati raccolti: le informazioni archeologiche nel loro complesso, ottenute dallo studio integrato degli interventi appena illustrati, sono state tradotte in una articolata mappatura digitale tematica in ambiente GIS, facilmente comprensibile e molto efficace in ambito di comunicazione dei risultati

7 I risultati di questa prima campagna sono stati notevoli, e le evidenze raccolte con la prospezione sul campo per pozzi di sondaggio sono state incrociate e suffragate dallo studio delle immagini satellitari ad alta risoluzione e dalle analisi dei suoli. Il risultato più importante è stato senza dubbio il riconoscimento effettivo, il posizionamento e la definizione dei confini della città spagnola di Santa Maria de la Antigua del Darién, confermato anche dalla cronologia della ceramica spagnola rinvenuta. Il dato totalmente nuovo è che la città è risultata formata da due centri abitati adiacenti, corrispondenti al villaggio Cueva di Darién, dove nel 1510 si sono insediati gli spagnoli guidati da Vasco Nuñez de Balboa e Martín Fernández de Enciso, e la città spagnola di Santa Maria de la Antigua, fondata nel 1514 da Pedro Arias de Avila. Ora sappiamo che la parte «spagnola» della città fu fondata accanto al preesistente villaggio indigeno. Fig. 1 Densità dei ritrovamena nell area principale della ricerca, nei pressi della frazione di Santuario. In grigio scuro i pozzi di sondaggio. Le aree archeologiche individuate sono delimitate da linee di colore diverso. (A. Sarcina)

8 Il secondo risultato importante è stato il significativo ridimensionamento dell ipotesi secondo la quale il sistema formato dalla costa di Bahia la Gloria, il camminamento sommerso e l Isola La Gloria, costituisse l'antico porto marittimo di Santa Maria de la Antigua. Di fatti, la mancanza di evidenze di origine spagnola, sia nelle prospezioni subacquee che in quelle terrestri con pozzi di sondaggio, ha ridotto in modo significativo questa possibilità. Fig. 2 Bahía la Gloria. Si può notare il camminamento sommerso (2) che unisce l isola La Gloria (1) alla costa (3). In arancione le evidenze di un insediamento pre- ispanico (immagine da satellite, elab. A. Sarcina). Tra i dati ausiliari apportati dalle prospezioni terrestri della missione 2013 vi è l individuazione di altri nove possibili centri abitati pre-ispanici nell area, dei quali due nella zona di costa. Questo ci fornisce l importante informazione che la città spagnola di Santa Maria de la Antigua del Darién era inserita all interno di una regione densamente popolata e con una grande presenza di insediamenti indigeni.

9 Lo studio delle immagini satellitari ad alta definizione ci ha fornito alcuni risultati preliminari molto importanti, con interessanti ipotesi investigative. Principalmente, lo studio delle linee di paleo idrografia ha effettivamente portato al riconoscimento di quello che sembrerebbe essere il paleo alveo principale dell antico fiume Darién (oggi Tanela), con sbocco nell Atlantico, così come descritto nelle fonti. Questo studio, inoltre, ci mostra una distribuzione geografica degli insediamenti pre-ispanici vicino o immediatamente adiacente ai principali corsi d'acqua ormai scomparsi, confermando le parole di Oviedo: Estos indios tienen sus asientos, algunos cerca de la mar, y otros cerca del río o quebrada de agua, donde haya arroyos y pesquerías, porque comúnmente su principal mantenimiento y más ordinario es el pescado, así porque son muy inclinados a ello, como porque más facilmente lo pueden haber en abundancia (...). La forma de cómo pescan es con redes, porque las tienen y saben hacer muy buenas de algodón (...) (Gonzalo Fernandez de Oviedo, Sumario de la natural Historia de las Indias, Cap. X, Toledo 1526, Barcelona 2011). In alto: ipotesi ricostrusva del paleo- alveo del fiume Darién e dei suoi bracci secondari nei pressi della ciuà di Santa Maria. Un altro importante risultato dello studio delle immagini satellitari, ancora da confermare con la ricerca sul campo, è il riconoscimento di alcune anomalie rettangolari, probabilmente appartenenti alle strutture dell'antico porto marittimo della città, situate a poche centinaia di metri dall antica foce del Darién.

10 2) La campagna 2014 Nel 2014, i principali obiettivi della nostra campagna si sono concentrati sulla delimitazione accurata delle aree archeologiche individuate e sulla conferma dei dati raccolti con le prospezioni e con lo studio delle immagini satellitari, attraverso indagini stratigrafiche. A tale scopo si sono utilizzate le seguenti metodologie: Scavi stratigrafici: tre sondaggi stratigrafici principali e altri due più piccoli sono stati realizzati in alcune aree di Darién e di Santa Maria de la Antigua, con il fine di confermare i risultati delle indagini con pozzi di sondaggio del 2013 e iniziare a delineare una prima caratterizzazione del sito archeologico. Prospezioni con pozzi di sondaggio: sono stati scavati 85 pozzi di sondaggio allo scopo di precisare l estensione delle aree occupate dai siti di Santa Maria de la Antigua e Darién, soprattutto verso nord-ovest e sud-ovest, e di verificare le principali anomalie individuate nell'analisi delle immagini satellitari (eventualmente da mettere in relazione ad antichi edifici) a nord di Darién e sul lato ovest del fiume Tanela. Sono stati realizzati pozzi di sondaggio anche presso l odierno villaggio Embera di Citará, per verificare l'esistenza di un insediamento pre-ispanico. Riconoscimenti archeologici di informazioni orali: indagini dirette sono state condotte utilizzando diverse tecniche archeologiche, per verificare alcune informazioni orali sulla presenza di manufatti nell area della città e di possibili altri insediamenti pre-ispanici nella regione intorno ad essa. Prospezioni con trivella a mano: per verificare le informazioni ricavate dallo studio delle immagini satellitari circa il paleo alveo del Rio Darién in prossimità del sito di Santa Maria de la Antigua/Darién, sono state eseguite prospezioni con trivella a mano e si è realizzata un'indagine diretta.

11 Analisi di macroresti vegetali: alcuni semi provenienti da contesti stratigrafici sono stati raccolti e sono in fase di analisi per ricostruire il quadro della flora di Santa Maria al momento della conquista. Studio e sistematizzazione del materiale: si è continuato e approfondito lo studio dei materiali rinvenuti negli scavi per verificare la loro appartenenza all arco temporale di Santa Maria de la Antigua del Darién. Si è anche avviata una prima classificazione del materiale ceramico indigeno. In alto: ceramica indígena, scodelle. 1-5 Santa María de la AnAgua; 6 y 11 Muribá; 7-10 Darién (Disegno: G. Peña; A. Sarcina)

12 È importante tenere sempre presente la duplice natura della città di Santa Maria, indigena e spagnola. Per questo i sondaggi stratigrafici sono stati aperti in entrambi i settori che conformano l area della città. In tal modo abbiamo potuto cominciare a tratteggiare una cronologia relativa dei due insediamenti, confrontando materiali e stratigrafie. - Il Sondaggio A, che misura circa 36 x16 metri, è stato aperto in una zona della città spagnola corrispondente al suo limite SO. Questo scavo ha portato alla luce due livelli pavimentali spagnoli in ciottoli di fiume (uno dei quali già riconosciuto nel corso della missione dell Universidad Nacional del 2008), al momento interpretati come due pavimentazioni da cortile interno (patio) di edificio spagnolo. I due cortili, che mostrano ancora tracce dei disegni geometrici originari, potrebbero formar parte di un unico edificio in legno o di due edifici adiacenti. È da segnalare come particolarmente importante il ritrovamento, nel settore settentrionale di questo sondaggio, di una sepoltura rituale indigena relativa ad una fase immediatamente successiva all'abbandono della città. Questa sepoltura, che conteneva un'offerta di piccoli vasi e di oggetti in pietra, testimonia di una fase di riappropriazione rituale del sito da parte dei Cueva, dopo l abbandono degli spagnoli. In alto e a destra: Saggio A, pavimena in ciouoli (foto: A. Sarcina)

13 - Il sondaggio B, delle dimensioni di circa 9 x 8 metri, è stato aperto in un area corrispondente ad un settore centrale del villaggio Cueva di Darién, nell attuale frazione di Santuario. Si è messo in evidenza un livello di frequentazione indigeno appartenente alla fase del contatto (attestata dal ritrovamento di frammenti di ceramica spagnola tra l abbondantissimo materiale indigeno), probabilmente un cortile tra due abitazioni, di una delle quali si è iniziato a riconoscere la pianta nel lato est dell area indagata. A lato: Saggio B, villaggio Cueva di Darién (Santuario) (foto: A. Sarcina). - Il sondaggio C, circa 5 x 5 metri, è stato realizzato in una zona centrale della parte spagnola di Santa Maria e ha portato alla luce strutture spagnole in pietra ancora di difficile interpretazione (anche se sicuramente appartenenti all'arco temporale della città), forse da mettere in relazione a un bacino per la raccolta dell acqua. A lato: Saggio C, Santa Maria de AnAgua (foto: A. Sarcina).

14 - I sondaggi D ed E, più piccoli, sono stati condotti nell area di Darién e hanno evidenziato rispettivamente un livello di frequentazione spagnola con tracce di bruciato, forse una testimonianza degli incendi che seguirono l abbandono della città da parte degli Spagnoli (vd. Oviedo, Historia natural..., V.3, lib XXIX, Cap XXII) e un sentiero in ciottoli di fiume. A lato: Sondaggio D, Darién (foto: A. Sarcina). Santa Maria Antigua del Darién A lato: Sondaggio E, Darién (foto: A. Sarcina).

15 In generale, i risultati dei sondaggi stratigrafici hanno confermato perfettamente le conclusioni derivanti dalla prospezione del 2013, che indicavano una divisione in due parti della città di Santa Maria de la Antigua del Darién. Inoltre si è iniziata a delineare la cronologia del sito, cominciando a documentare la fase di "contatto" tra Spagnoli e Cueva. Le prospezioni con pozzi di sondaggio hanno chiarito i limiti nord e sud della città. Hanno inoltre confermato l'importanza del vicino sito di Cementerio, probabilmente collegato al villaggio di Darién, e sono stati utili per escludere una presenza spagnola sul lato ovest del fiume Tanela. Inoltre, attraverso un'indagine diretta sul territorio e tramite carotaggi a mano, il percorso dei paleo-alvei dell antico Darién è ora molto più chiaro e ci aiuta a definire gli esatti confini della città, fornendo informazioni indirette sulla posizione del suo porto fluviale. In alto: piastrelle spagnole di Apo mozarabe rinvenute nell area di Santa Maria de la AnAgua (foto A. Sarcina)

16 3) Conclusioni Con le campagne di ricerca è stato possibile non solo individuare e delimitare, per la prima volta con buona certezza, la ciuà spagnola di Santa Maria de la AnAgua del Darién, nelle sue due componena principali, ma anche scoprire l esistenza di un significaavo numero di insediamena pre- ispanici all'interno di un area di circa 10 km quadraa. Ciò dimostra chiaramente che la ciuà non era isolata in una sorta di deserto cosatuito da foreste impenetrabili, ma venne fondata al centro di una vasta area densamente popolata, almeno nel periodo precedente l'arrivo degli Spagnoli, sia nelle alture, soprauuuo in prossimità dei corsi d'acqua, sia sulla costa. Di quest area abbiamo solo ora cominciato a riconoscere i primi insediamena. Si delinea quindi una prospesva di indagine archeologica "regionale" direua non solo allo studio di Santa Maria de la AnAgua del Darién, bensì potenzialmente estendibile a un gran numero di insediamena indigeni all interno di in un area molto più ampia. Alcuni di quesa villaggi erano sicuramente legaa al sistema economico di scambio e sfruuamento instaurato dalla ciuà spagnola, altri sembrano invece risalire a un epoca più anaca. In alto: le concentrazioni di insediamena riconosciua nel corso delle missioni all interno dell area vasta che circonda Santa Maria de la AnAgua del Darién (elab. A. Sarcina). Roma, 20 Gennaio 2015 Alberto Sarcina

17 Il programma per la campagna 2015 # Premessa Grazie ai risultati molto positivi delle campagne archeologiche (si veda la relazione allegata), il Ministero di Cultura Colombiano ha approvato anche per l anno 2015 il Plan de Manejo Arqueológico proposto dall équipe del progetto Santa Maria de la Antigua del Darién, che prevede, tra le altre cose, la costruzione di una Casa Patrimoniale nella frazione di Santuario (Dipartimento di Chocó, Colombia). # L area del Darién, una convergenza di progetti L area in esame è al centro non solo di progetti di ricerca e valorizzazione archeologica, ma anche di genere ambientale e socio-antropologico: Investigazioni archeologiche nell area di Santa Maria de la Antigua del Darién e nella regione circostante Restauro e musealizzazione dei beni archeologici Studio e salvaguardia della flora e della fauna locali Studio e valorizzazione delle culture locali (indigene, afro - discendenti, colone) Investigazioni storiche e della storia orale # Il progetto S. Maria de la Antigua del Darién : ricadute socioeconomiche Oltre alle indagini archeo-antropologiche, il progetto ha da sempre tenuto in grande considerazione la realtà sociale che caratterizza l area oggetto di studio. Come già evidenziato altrove, si tratta di un area interessata da fenomeni di forte contrapposizione, anche violenta, tra opposti schieramenti politici, che ha prodotto negli ultimi decenni il sorgere di veri e propri nuovi latifondi, per lo più controllati da gruppi paramilitari posti al limite della legalità. Alla luce di questo stato di cose, uno degli obiettivi principali della missione riguarda la creazione di presupposti tali da avviare una micro-economia locale, che rappresenti per la popolazione del posto una alternativa, seppur minima per entità per lo meno in questo stato iniziale del programma, alla difficile e limitata realtà economica attuale. Di fatti, oltre al nostro, già attivo, anche tutti gli altri citati progetti in progress prevedono la formazione e il perfezionamento non solo di professionisti o studenti colombiani, ma anche e soprattutto la creazione di mano d opera locale specializzata, mettendo così in grado un certo numero di membri della comunità della regione di rappresentare un bacino di personale a cui potranno attingere le varie missioni intenzionate a operare nella zona. Inoltre, con la costruzione di una Casa Patrimoniale, pensata come casa della e delle culture, si intende stabilire una sorta di avamposto culturale, in senso lato, utile sperabilmente anche come riferimento per la legalità, in una regione dove non esistono ad oggi né posti di polizia, né strutture per l assistenza sanitaria, né servizi importanti come i sistemi fognari, gli acquedotti e la rete elettrica. Di fatti, è proprio a questo scopo, nel corso degli ultimi due anni, che sono stati coinvolti nei lavori di indagine archeologica, in qualità di operai, un consistente numero di lavoratori locali (32 nel 2013, 28 nel 2014) che sono stati istruiti alle tecniche dello scavo archeologico e stratigrafico.

18 E nei prossimi anni s intende adottare la stessa logica di sviluppo del potenziale locale, ampliando l offerta formativa ai settori del restauro (dei resti archeologici, intesi sia come suppellettili sia come resti di strutture) e della botanica, orientando tra l altro la didattica alla formazione di guide locali, rese così competenti tanto per gli aspetti storicoarcheologici quanto per quelli ambientali e naturalistici. # Il programma per la missione 2015 Nel corso del 2015, il Ministerio de Cultura colombiano finanzierà la missione archeologica, condotta da Alberto Sarcina, finalizzata allo scavo preventivo nel sito di Darién scelto come sede per la costruzione della citata Casa Patrimoniale, nuovo punto di partenza del progetto. Più in particolare, l area è contigua a quella indagata nel corso del sondaggio B del 2014, che ha portato alla luce un livello di frequentazione indigeno del periodo del contatto con gli Spagnoli ( ). La missione 2015 permetterà, quindi, un ampliamento significativo di quest indagine e un approfondimento dello scavo fino al raggiungimento dei livelli archeologici formatisi prima del contatto, consentendo quindi uno studio delle stratigrafie più antiche e ancora meno conosciute di quelle di epoca spagnola. # Obiettivi Per quanto riguarda la componente archeologica, topografica e di restauro, gli obiettivi primari del progetto 2015 saranno: Approfondire la conoscenza delle stratigrafie relative all abitato Cueva di Darién, nelle sue fasi di pre-contatto, contatto, abbandono e post-abbandono. In particolare si opererà in un area centrale del sito (rispetto all esito delle prospezioni 2013), nel luogo dove nei mesi successivi all intervento verrà costruita la nuova Casa Patrimoniale: o apertura di un vasto sondaggio stratigrafico nell area interessata dalla futura costruzione della Casa Patrimoniale; o riapertura del sondaggio B, confinante con l area del nuovo sondaggio, ampliamento ed approfondimento (in zone selezionate) agli strati inferiori di occupazione; o riapertura del sondaggio C, nell area di Santa Maria de la Antigua, e approfondimento di alcune stratigrafie spagnole; o Verifica dell ampiezza dell importante sito pre-ispanico di Muribá, non lontano dall area della città, attraverso indagini per pozzi di sondaggio; o riapertura del sondaggio A, nell area di Santa Maria de la Antigua, e restauro delle pavimentazioni in ciottoli di fiume relative a patios di edifici spagnoli incontrate nel corso della missione 2014; o restauro di manufatti ceramici e metallici selezionati, rinvenuti nel corso delle missioni ; o battuta topografica dell area della città e di una parte del territorio circostante.

19 # Composizione dell èquipe 2015 DireUore generale del progeuo: Ernesto Montenegro (ICANH) DireUore lavori: Alberto Sarcina Archeologi responsabili del sondaggio: 2 Archeologi di assistenza: 2 AssistenA di scavo: 2 Operai specializzaa in archeologia: 8 (sond F) + 6 (sond B) + 6 (sond C e prospezioni Muribá): TOT 20 Responsabile laboratorio: 1 Operai per il lavaggio e sistemazione dei repera: 3 Restauratore pavimentazioni archeologiche: 1 Restauratore manufas ceramici e metallici: 1 Restauratori di assistenza: 4 (colombiani) Operai in formazione per il restauro: 4 (pavimentazioni) + 2 (manufas ceramici): TOT 6 Topografo dall Italia: 1 Topografo di assistenza: 1 (colombiano) Operai in formazione per la topografia: 1 # Il sostegno da parte dell Italia: un contributo auspicabile (per il quadro completo delle partecipazioni, si veda lo schema in allegato) Sulla scorta delle nostre personali esperienze sul campo e stimolati dai contatti diretti con l ambasciatore italiano in Colombia Gianni Bardini, con il console Marco Menchinucci e con il funzionario Anita Gentile, siamo sempre più convinti dell importanza di aprire un canale ufficiale di comunicazione tra l Italia e la Colombia finalizzato allo scambio di conoscenze relativo alle attività inerenti i Beni Culturali, nelle quali l Italia ha da tempo raggiunto un livello d eccellenza, soprattutto nell ambito del restauro e della ricerca archeologica sul campo. In questo senso, un contributo economico da parte del Ministero Affari Esteri garantirebbe la presenza sul campo degli specialisti italiani del settore, indispensabili per una riuscita davvero efficace del progetto, volto, come già accennato, anche alla qualificata formazione di operatori in ambito di restauro, archeologia e topografia. Roma, 20 Gennaio 2015 Alberto Sarcina e Andrea Schiappelli

20 ProgeUo: Santa Maria de la An-gua del Darién (Colombia) Organigramma Titolare proge;o Principale finanziatore Concessione ricerche InsAtuto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH) Direzione generale Ernesto Montenegro (ICANH) DireUore generale del progeuo Alberto Sarcina DireUore ricerche Altre collaborazioni in essere: ContribuA per il tramite di: Ha concesso per il 2014 il riconoscimento isatuzionale a: Santa Maria Antigua del Darién ContaD in corso:

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento Geografia Scuola primaria classe 1^ Competenze chiave Traguardi per lo sviluppo della competenza Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Comunicazione nella madrelingua Competenze di base in campo

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e coordinate

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

GEOGRAFIA : quadro sinottico delle COMPETENZE PER CIASCUN GRADO SCOLASTICO. Scuola primaria

GEOGRAFIA : quadro sinottico delle COMPETENZE PER CIASCUN GRADO SCOLASTICO. Scuola primaria GEOGRAFIA : quadro sinottico delle COMPETENZE PER CIASCUN GRADO SCOLASTICO Scuola dell infanzia Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio. Segue un percorso correttamente sulla base di indicazioni

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/16

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/16 INSEGNANTE REFERENTE: Ferrari Elisa SASSUOLO E LA CARTOGRAFIA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Scuola

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

GEOGRAFIA: PRIMO BIENNIO CLASSI 1 E 2 DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA: PRIMO BIENNIO CLASSI 1 E 2 DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA: PRIMO BIENNIO CLASSI 1 E 2 DELLA SCUOLA PRIMARIA LEGGERE L ORGANIZZAZIONE DI UN TERRITORIO, UTILIZZANDO IL Utilizzare i principali concetti topologici per orientarsi nello spazio; Utilizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA Pag.1 GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave Europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno Individua le posizioni

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento)

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) ANNI TRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. (alla fine del triennio)

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO Anno scolastico 2010/2011 CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Collocare nello spazio

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 BRESCIA Viale C. Colombo, 30 25127 Brescia C.F.: 80050570177 Cod. Mecc.: BSIC885009 Tel. 030 310897 Fax 030 3730018

ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 BRESCIA Viale C. Colombo, 30 25127 Brescia C.F.: 80050570177 Cod. Mecc.: BSIC885009 Tel. 030 310897 Fax 030 3730018 ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 BRESCIA Viale C. Colombo, 30 25127 Brescia C.F.: 80050570177 Cod. Mecc.: BSIC885009 Tel. 030 310897 Fax 030 3730018 e-mail: ddbrescia5@provincia.brescia.it; bsic885009@istruzione.it

Dettagli

ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM)

ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM) ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM) Relazione indagini elettromagnetiche con GPR (Ground

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Curricolo di Geografia Scuola Primaria

Curricolo di Geografia Scuola Primaria Curricolo di Geografia Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Geografia Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE QUINTA L alunno si orienta nello

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

GEOGRAFIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA

GEOGRAFIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA GEOGRAFIA CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DEL- LE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) COMPETENZE 1.Comprendere il legame uomo/territorio, origine della cultura antropologica. 2. Riconoscere l importanza culturale e sociale delle

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

1. Introduzione e struttura della ricerca

1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca ABSTRACT Il capitolo introduttivo fornisce l inquadramento generale della ricerca e ne definisce gli obiettivi primari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SAN CARLO C.SE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Insegnante: Alonzi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. L alunno

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO Concetti topologici (dentro, fuori, avanti, dietro, sinistra, destra...), concetto di confine GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO Sapersi muovere nello spazio conosciuto (casa, scuola) usando concetti topologici.

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia ULTERIORI RILIEVI PERSONALI SULLA FEDERA DEL CUSCINO RITROVATO SOTTO IL CADAVERE Prof. Francesco Vinci docente di Medicina Legale, Patologia Forense, Indagini

Dettagli

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE)

secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI GEOGRAFIA secondo le Indicazioni del 2012(CLASSI QUARTE) NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Gli strumenti del geografo per la scoperta

Dettagli

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA. GEOGRAFIA - CLASSI PRIME Scuola Primaria. GEOGRAFIA CLASSI SECONDE Scuola Primaria

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA. GEOGRAFIA - CLASSI PRIME Scuola Primaria. GEOGRAFIA CLASSI SECONDE Scuola Primaria GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2013 - Articolo

Dettagli

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro,

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA ANNO SCOLASTICO INSEGNANTI TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I Riconoscere uno spazio vissuto i suoi elementi e

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni (G.U. n.

Dettagli

Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma

Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma Carlo Rosa* *Fondazione Ing. C. M. Lerici Politecnico di Milano Istituto Italiano di Paleontologia Umana Il Piano Parcheggi di Roma: problematiche geologiche,

Dettagli

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L alunno/a si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali. ORIENTAMENTO Collocare se stesso e gli oggetti in uno spazio

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA. Scuola dell Infanzia Campo di esperienza: La conoscenza del mondo SPAZIO-NATURA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA. Scuola dell Infanzia Campo di esperienza: La conoscenza del mondo SPAZIO-NATURA CURRICOLO DI GEOGRAFIA Scuola dell Infanzia Campo di esperienza: La conoscenza del mondo SPAZIO-NATURA - Indicatori topologici - Relazioni topologiche - Posizioni e direzioni - Punti di vista e posizioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istiituto Comprensiivo Don Lorenzo Miillanii Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado anche

Dettagli

GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Corridoio Esino Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Sistema Prima riunione del Tavolo tecnico, Jesi 14 dicembre 2005 Che cosa è il Progetto

Dettagli

le ragioni del progetto

le ragioni del progetto 1 2 le ragioni del progetto Il progetto mira a mettere in luce la complessità del mondo della cooperazione allo sviluppo, spesso confusa dall opinione pubblica con più superficiali atteggiamenti solidaristici

Dettagli

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2014/15

PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO DI CARTOGRAFIA PER LA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014/15 INSEGNANTE REFERENTE: Ferrari Elisa SASSUOLO E LA CARTOGRAFIA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DISCIPLINA AREA ANTROPOLOGICA CLASSI QUINTE LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF (1)..... PROGETTI.... PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE CLASSE V A-B-C-D DISCIPLINA

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2014 - Articolo

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE

LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE LA PARTECIPANZA AGRARIA DI NONANTOLA: MILLE ANNI DI STORIA TRA ARCHEOLOGIA E AMBIENTE Scuola: Istituto comprensivo Fratelli Cervi - Scuola secondaria di I grado Dante Alighieri di Nonantola (Modena) MUSEO:

Dettagli

GEOGRAFIA INDICATORE (CATEGORIA) AMBIENTE

GEOGRAFIA INDICATORE (CATEGORIA) AMBIENTE GEOGRAFIA INDICATORE (CATEGORIA) AMBIENTE INFANZIA Rielabora le esperienze vissute. Riconosce e riferire gli elementi dei diversi ambienti. PRIMARIA Ricava informazioni da varie fonti: carte, foto Individua

Dettagli

Semplificati la vita. manuale d uso

Semplificati la vita. manuale d uso Semplificati la vita manuale d uso Introduzione. Nel mondo del lavoro rendere le cose semplici è uno degli obiettivi più complicati da perseguire. La complessità dei problemi è una costante che scoraggia

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA Competenza 1 Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio,

Dettagli

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO Rimini Fiera 7-10 novembre 07 Presentazione La presenza dell U.O.S. Tutela dell Ambiente Naturale fra le iniziative previste nella manifestazione fieristica 2007 nasce dal desiderio di approfittare di

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui esistenza si è tramandata sin dall antichità

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze ORIENTAMENTO 1. Si muove consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi

Dettagli

Orientamento Indicatori topologici. Paesaggio Elementi naturali e antropici

Orientamento Indicatori topologici. Paesaggio Elementi naturali e antropici ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE 1 a SCUOLA PRIMARIA L alunno si orienta nello spazio

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli