Santa Maria de la Antigua del Darién

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Santa Maria de la Antigua del Darién"

Transcript

1 Santa Maria de la Antigua del Darién Sintesi Campagne precedenti Progetto di ricerca archeologica e cooperazione sociale Programma Campagna 2015 Ministerio de Cultura de Colombia Instituto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH) Con il riconoscimento del Ministero degli Affari Esteri (Italia)

2 Presentazione Il progetto, promosso e finanziato dal Ministerio de Cultura de Colombia con il sostegno economico e strutturale dell Instituto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH), nasce nel 2013 su per iniziativa dell ICANH, come continuazione di un progetto del 2006 dell Universidad Nacional de Bogotà. Giunto alla sua terza campagna, il progetto ha molto presto affiancato al primo obiettivo (la creazione di un Parco Archeologico) nuovi scopi di ambito sociale e cooperativo, mediante il progressivo coinvolgimento della comunità locale. Nel 2014 la cooperativa Matrix 96, che fin dall inizio collabora con la Direzione Lavori alla definizione della metodologia di indagine e alla rielaborazione dati e cura i rapporti con gli specialisti italiani che si intende coinvolgere per le prossime fasi di lavoro, ha ottenuto per il progetto il riconoscimento istituzionale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nelle pagine seguenti si illustrano in estrema sintesi, a firma del Direttore lavori della missione Alberto Sarcina, le prime due stagioni di interventi sul campo e si presenta il programma della campagna Dott. Andrea Schiappelli Amministratore Unico Matrix 96 Società Cooperativa

3 Localizzazione dell area di indagine * Golfo di Urabá

4 1) Introduzione Nel 1510 gli Spagnoli sbarcano sulle coste sud-occidentali del golfo di Urabá e nel 1514 fondano, nel primo entroterra, Santa Maria de la Antigua del Darién, a tutti gli effetti la prima città sulla Tierra Firme. Nonostante l evidente importanza storica del sito, non si conoscevano fino a oggi né la sua precisa ubicazione né tantomeno i suoi limiti, non essendo riuscite in questo scopo le poche ricerche archeologiche sul territorio di cui si ha notizia. Tra queste si possono annoverare: - la spedizione di re Leopoldo del Belgio nel 1956, da cui non ci sono pervenute informazioni scientifiche; - la missione della Universidad Santa Maria de la Antigua di Panama condotta nel 1966; - le indagini di Graciliano Arcila Velez, durate anni, culminate con la pubblicazione del libro Santa Maria de la Antigua del Darién, pubblicato nel 1986, senza dubbio lo studio più rilevante sul sito; - il progetto della Università Nazionale di Colombia del , condotto dai dipartimenti di Antropologia e Storia, della Facoltà di Lettere e Filosofia, di cui questo progetto è, in un certo senso, una continuazione. L archeologo italiano Alberto Sarcina è impegnato da anni nello studio del sito di Santa Maria de la Antigua del Darién. Il suo impegno si è realizzato, fin dal 2006, sia attraverso un meticoloso lavoro d archivio, svolto nell Archivo de Indias di Sevilla, sia attraverso ricognizioni sul terreno in collaborazione con la Universidad Nacional di Bogotà. Nel 2013 l ICANH, Istituto Colombiano di Antropologia e Storia, lo ha chiamato a dirigere la parte archeologica del progetto, volto alla creazione di un Plan de Manejo Arqueológico (PMA) del sito di Santa Maria de la Antigua del Darién. A lato: stralcio di carta geografica del 1785.

5 2) La campagna 2013 I due obiettivi principali del primo anno del progetto (2013), da un punto di vista archeologico, sono stati quelli di identificare e delimitare l area della città spagnola e di verificare la consistenza dell ipotesi secondo la quale Bahia la Gloria e la sua isola fossero il porto della città sull oceano Atlantico. Era inoltre importante, data anche la natura socio-politica dell area oggetto d indagine, afflitta da decenni di conflitti sanguinosi e con un economia locale estremamente precaria, un approccio non svincolato dalla realtà sociale della zona. Il lavoro effettuato è stato anche il risultato della confluenza di sforzi mirati a due obiettivi distinti: un prodotto scientifico di alto livello e la creazione di condizioni sociali tali da permettere la messa a valore diretta del patrimonio storicoarcheologico da parte delle popolazioni locali (coloni, indigeni Embera e Kuna, comunità afro-discendenti), con la convinzione che il territorio, la storia e la gente siano tutti parte dello stesso patrimonio. La metodologia di ricerca ha dovuto tenere conto di questo aspetto fondamentale, e di conseguenza è stata adottata una strategia di continua relazione con la comunità locale, in cui sia l esecuzione delle diverse attività sia il processo di riconoscimento e di interpretazione dei dati archeologici via via raccolti sono avvenuti con la partecipata collaborazione degli abitanti del luogo. Ed è soprattutto grazie a questa impostazione delle ricerche, fondate sul coinvolgimento diretto della comunità locale, che è stato possibile ottenere risultati decisamente confortanti sia sul piano archeologico sia su quello ambientale, tanto da convincere l ente promotore ad organizzare una seconda campagna di indagini sul campo.

6 Nel corso di questa prima campagna sono state impiegate diverse metodologie di indagine, secondo tecniche differenti e complementari: A) Studi preliminari: - ambientale (sociale): innanzitutto, come operazione preliminare indispensabile, nel corso del 2013 è stata condotta un indagine sociologica sul campo, al fine di prendere coscienza delle dinamiche sociali da considerare attentamente nella pianificazione delle missioni archeologiche previste. - archeologico: prima delle ricerche sul campo, sono state acquisite immagini satellitari ad alta definizione pancromatiche (0,5 m. World View 1 e 2; 0,6 m. Quickbird) e multispettrali (1,8 m. World View 1 e 2; 2,4 m. Quickbird), studiate e interpretate da un équipe italiana specializzata in foto-riconoscimento delle evidenze archeologiche. B) Le ricerche sul campo: 1. un equipe di archeologi subacquei si è occupata di rilevare la presenza di oggetti di origine spagnola nella Bahia la Gloria. Questa indagine si è attuata attraverso una prospezione diretta (autoptica, ovvero con immersioni subacquee) sia indiretta, mediante l uso del magnetometro. 2. L indagine su terraferma è stata condotta, vista la natura non arativa del territorio, attraverso pozzi di sondaggio (cd. phone boxes) di ridotte dimensioni, scavati a mano, a copertura di un area di circa 6 Km². La zona principale di indagine ha compreso il territorio intorno alla frazione di Santuario e la zona costiera di Tarena e Bahia la Gloria. Sono stati realizzati in totale 873 pozzi di sondaggio della profondità di un metro e del diametro di circa 80 cm. Tutto il materiale antropico è stato raccolto indicandone la provenienza, per pozzo di sondaggio e per livello (quota) di rinvenimento, in una scheda con voci standard appositamente elaborata dalla direzione lavori. Successivamente è stato anche studiato e catalogato sistematicamente. 3. Analisi di laboratorio: è stato effettuato lo studio di campioni di stratigrafia sottile prelevati dai livelli più interessanti dei pozzi di sondaggio, e l analisi granulometrica e chimica dei suoli. 4. Ricerca antropologica: in occasione di questa prima campagna, si è dato avvio a una ricerca etno-archeologica raccogliendo informazioni orali dagli abitanti del luogo, i toponimi, le descrizioni di ritrovamenti. C) Processazione dei dati raccolti: le informazioni archeologiche nel loro complesso, ottenute dallo studio integrato degli interventi appena illustrati, sono state tradotte in una articolata mappatura digitale tematica in ambiente GIS, facilmente comprensibile e molto efficace in ambito di comunicazione dei risultati

7 I risultati di questa prima campagna sono stati notevoli, e le evidenze raccolte con la prospezione sul campo per pozzi di sondaggio sono state incrociate e suffragate dallo studio delle immagini satellitari ad alta risoluzione e dalle analisi dei suoli. Il risultato più importante è stato senza dubbio il riconoscimento effettivo, il posizionamento e la definizione dei confini della città spagnola di Santa Maria de la Antigua del Darién, confermato anche dalla cronologia della ceramica spagnola rinvenuta. Il dato totalmente nuovo è che la città è risultata formata da due centri abitati adiacenti, corrispondenti al villaggio Cueva di Darién, dove nel 1510 si sono insediati gli spagnoli guidati da Vasco Nuñez de Balboa e Martín Fernández de Enciso, e la città spagnola di Santa Maria de la Antigua, fondata nel 1514 da Pedro Arias de Avila. Ora sappiamo che la parte «spagnola» della città fu fondata accanto al preesistente villaggio indigeno. Fig. 1 Densità dei ritrovamena nell area principale della ricerca, nei pressi della frazione di Santuario. In grigio scuro i pozzi di sondaggio. Le aree archeologiche individuate sono delimitate da linee di colore diverso. (A. Sarcina)

8 Il secondo risultato importante è stato il significativo ridimensionamento dell ipotesi secondo la quale il sistema formato dalla costa di Bahia la Gloria, il camminamento sommerso e l Isola La Gloria, costituisse l'antico porto marittimo di Santa Maria de la Antigua. Di fatti, la mancanza di evidenze di origine spagnola, sia nelle prospezioni subacquee che in quelle terrestri con pozzi di sondaggio, ha ridotto in modo significativo questa possibilità. Fig. 2 Bahía la Gloria. Si può notare il camminamento sommerso (2) che unisce l isola La Gloria (1) alla costa (3). In arancione le evidenze di un insediamento pre- ispanico (immagine da satellite, elab. A. Sarcina). Tra i dati ausiliari apportati dalle prospezioni terrestri della missione 2013 vi è l individuazione di altri nove possibili centri abitati pre-ispanici nell area, dei quali due nella zona di costa. Questo ci fornisce l importante informazione che la città spagnola di Santa Maria de la Antigua del Darién era inserita all interno di una regione densamente popolata e con una grande presenza di insediamenti indigeni.

9 Lo studio delle immagini satellitari ad alta definizione ci ha fornito alcuni risultati preliminari molto importanti, con interessanti ipotesi investigative. Principalmente, lo studio delle linee di paleo idrografia ha effettivamente portato al riconoscimento di quello che sembrerebbe essere il paleo alveo principale dell antico fiume Darién (oggi Tanela), con sbocco nell Atlantico, così come descritto nelle fonti. Questo studio, inoltre, ci mostra una distribuzione geografica degli insediamenti pre-ispanici vicino o immediatamente adiacente ai principali corsi d'acqua ormai scomparsi, confermando le parole di Oviedo: Estos indios tienen sus asientos, algunos cerca de la mar, y otros cerca del río o quebrada de agua, donde haya arroyos y pesquerías, porque comúnmente su principal mantenimiento y más ordinario es el pescado, así porque son muy inclinados a ello, como porque más facilmente lo pueden haber en abundancia (...). La forma de cómo pescan es con redes, porque las tienen y saben hacer muy buenas de algodón (...) (Gonzalo Fernandez de Oviedo, Sumario de la natural Historia de las Indias, Cap. X, Toledo 1526, Barcelona 2011). In alto: ipotesi ricostrusva del paleo- alveo del fiume Darién e dei suoi bracci secondari nei pressi della ciuà di Santa Maria. Un altro importante risultato dello studio delle immagini satellitari, ancora da confermare con la ricerca sul campo, è il riconoscimento di alcune anomalie rettangolari, probabilmente appartenenti alle strutture dell'antico porto marittimo della città, situate a poche centinaia di metri dall antica foce del Darién.

10 2) La campagna 2014 Nel 2014, i principali obiettivi della nostra campagna si sono concentrati sulla delimitazione accurata delle aree archeologiche individuate e sulla conferma dei dati raccolti con le prospezioni e con lo studio delle immagini satellitari, attraverso indagini stratigrafiche. A tale scopo si sono utilizzate le seguenti metodologie: Scavi stratigrafici: tre sondaggi stratigrafici principali e altri due più piccoli sono stati realizzati in alcune aree di Darién e di Santa Maria de la Antigua, con il fine di confermare i risultati delle indagini con pozzi di sondaggio del 2013 e iniziare a delineare una prima caratterizzazione del sito archeologico. Prospezioni con pozzi di sondaggio: sono stati scavati 85 pozzi di sondaggio allo scopo di precisare l estensione delle aree occupate dai siti di Santa Maria de la Antigua e Darién, soprattutto verso nord-ovest e sud-ovest, e di verificare le principali anomalie individuate nell'analisi delle immagini satellitari (eventualmente da mettere in relazione ad antichi edifici) a nord di Darién e sul lato ovest del fiume Tanela. Sono stati realizzati pozzi di sondaggio anche presso l odierno villaggio Embera di Citará, per verificare l'esistenza di un insediamento pre-ispanico. Riconoscimenti archeologici di informazioni orali: indagini dirette sono state condotte utilizzando diverse tecniche archeologiche, per verificare alcune informazioni orali sulla presenza di manufatti nell area della città e di possibili altri insediamenti pre-ispanici nella regione intorno ad essa. Prospezioni con trivella a mano: per verificare le informazioni ricavate dallo studio delle immagini satellitari circa il paleo alveo del Rio Darién in prossimità del sito di Santa Maria de la Antigua/Darién, sono state eseguite prospezioni con trivella a mano e si è realizzata un'indagine diretta.

11 Analisi di macroresti vegetali: alcuni semi provenienti da contesti stratigrafici sono stati raccolti e sono in fase di analisi per ricostruire il quadro della flora di Santa Maria al momento della conquista. Studio e sistematizzazione del materiale: si è continuato e approfondito lo studio dei materiali rinvenuti negli scavi per verificare la loro appartenenza all arco temporale di Santa Maria de la Antigua del Darién. Si è anche avviata una prima classificazione del materiale ceramico indigeno. In alto: ceramica indígena, scodelle. 1-5 Santa María de la AnAgua; 6 y 11 Muribá; 7-10 Darién (Disegno: G. Peña; A. Sarcina)

12 È importante tenere sempre presente la duplice natura della città di Santa Maria, indigena e spagnola. Per questo i sondaggi stratigrafici sono stati aperti in entrambi i settori che conformano l area della città. In tal modo abbiamo potuto cominciare a tratteggiare una cronologia relativa dei due insediamenti, confrontando materiali e stratigrafie. - Il Sondaggio A, che misura circa 36 x16 metri, è stato aperto in una zona della città spagnola corrispondente al suo limite SO. Questo scavo ha portato alla luce due livelli pavimentali spagnoli in ciottoli di fiume (uno dei quali già riconosciuto nel corso della missione dell Universidad Nacional del 2008), al momento interpretati come due pavimentazioni da cortile interno (patio) di edificio spagnolo. I due cortili, che mostrano ancora tracce dei disegni geometrici originari, potrebbero formar parte di un unico edificio in legno o di due edifici adiacenti. È da segnalare come particolarmente importante il ritrovamento, nel settore settentrionale di questo sondaggio, di una sepoltura rituale indigena relativa ad una fase immediatamente successiva all'abbandono della città. Questa sepoltura, che conteneva un'offerta di piccoli vasi e di oggetti in pietra, testimonia di una fase di riappropriazione rituale del sito da parte dei Cueva, dopo l abbandono degli spagnoli. In alto e a destra: Saggio A, pavimena in ciouoli (foto: A. Sarcina)

13 - Il sondaggio B, delle dimensioni di circa 9 x 8 metri, è stato aperto in un area corrispondente ad un settore centrale del villaggio Cueva di Darién, nell attuale frazione di Santuario. Si è messo in evidenza un livello di frequentazione indigeno appartenente alla fase del contatto (attestata dal ritrovamento di frammenti di ceramica spagnola tra l abbondantissimo materiale indigeno), probabilmente un cortile tra due abitazioni, di una delle quali si è iniziato a riconoscere la pianta nel lato est dell area indagata. A lato: Saggio B, villaggio Cueva di Darién (Santuario) (foto: A. Sarcina). - Il sondaggio C, circa 5 x 5 metri, è stato realizzato in una zona centrale della parte spagnola di Santa Maria e ha portato alla luce strutture spagnole in pietra ancora di difficile interpretazione (anche se sicuramente appartenenti all'arco temporale della città), forse da mettere in relazione a un bacino per la raccolta dell acqua. A lato: Saggio C, Santa Maria de AnAgua (foto: A. Sarcina).

14 - I sondaggi D ed E, più piccoli, sono stati condotti nell area di Darién e hanno evidenziato rispettivamente un livello di frequentazione spagnola con tracce di bruciato, forse una testimonianza degli incendi che seguirono l abbandono della città da parte degli Spagnoli (vd. Oviedo, Historia natural..., V.3, lib XXIX, Cap XXII) e un sentiero in ciottoli di fiume. A lato: Sondaggio D, Darién (foto: A. Sarcina). Santa Maria Antigua del Darién A lato: Sondaggio E, Darién (foto: A. Sarcina).

15 In generale, i risultati dei sondaggi stratigrafici hanno confermato perfettamente le conclusioni derivanti dalla prospezione del 2013, che indicavano una divisione in due parti della città di Santa Maria de la Antigua del Darién. Inoltre si è iniziata a delineare la cronologia del sito, cominciando a documentare la fase di "contatto" tra Spagnoli e Cueva. Le prospezioni con pozzi di sondaggio hanno chiarito i limiti nord e sud della città. Hanno inoltre confermato l'importanza del vicino sito di Cementerio, probabilmente collegato al villaggio di Darién, e sono stati utili per escludere una presenza spagnola sul lato ovest del fiume Tanela. Inoltre, attraverso un'indagine diretta sul territorio e tramite carotaggi a mano, il percorso dei paleo-alvei dell antico Darién è ora molto più chiaro e ci aiuta a definire gli esatti confini della città, fornendo informazioni indirette sulla posizione del suo porto fluviale. In alto: piastrelle spagnole di Apo mozarabe rinvenute nell area di Santa Maria de la AnAgua (foto A. Sarcina)

16 3) Conclusioni Con le campagne di ricerca è stato possibile non solo individuare e delimitare, per la prima volta con buona certezza, la ciuà spagnola di Santa Maria de la AnAgua del Darién, nelle sue due componena principali, ma anche scoprire l esistenza di un significaavo numero di insediamena pre- ispanici all'interno di un area di circa 10 km quadraa. Ciò dimostra chiaramente che la ciuà non era isolata in una sorta di deserto cosatuito da foreste impenetrabili, ma venne fondata al centro di una vasta area densamente popolata, almeno nel periodo precedente l'arrivo degli Spagnoli, sia nelle alture, soprauuuo in prossimità dei corsi d'acqua, sia sulla costa. Di quest area abbiamo solo ora cominciato a riconoscere i primi insediamena. Si delinea quindi una prospesva di indagine archeologica "regionale" direua non solo allo studio di Santa Maria de la AnAgua del Darién, bensì potenzialmente estendibile a un gran numero di insediamena indigeni all interno di in un area molto più ampia. Alcuni di quesa villaggi erano sicuramente legaa al sistema economico di scambio e sfruuamento instaurato dalla ciuà spagnola, altri sembrano invece risalire a un epoca più anaca. In alto: le concentrazioni di insediamena riconosciua nel corso delle missioni all interno dell area vasta che circonda Santa Maria de la AnAgua del Darién (elab. A. Sarcina). Roma, 20 Gennaio 2015 Alberto Sarcina

17 Il programma per la campagna 2015 # Premessa Grazie ai risultati molto positivi delle campagne archeologiche (si veda la relazione allegata), il Ministero di Cultura Colombiano ha approvato anche per l anno 2015 il Plan de Manejo Arqueológico proposto dall équipe del progetto Santa Maria de la Antigua del Darién, che prevede, tra le altre cose, la costruzione di una Casa Patrimoniale nella frazione di Santuario (Dipartimento di Chocó, Colombia). # L area del Darién, una convergenza di progetti L area in esame è al centro non solo di progetti di ricerca e valorizzazione archeologica, ma anche di genere ambientale e socio-antropologico: Investigazioni archeologiche nell area di Santa Maria de la Antigua del Darién e nella regione circostante Restauro e musealizzazione dei beni archeologici Studio e salvaguardia della flora e della fauna locali Studio e valorizzazione delle culture locali (indigene, afro - discendenti, colone) Investigazioni storiche e della storia orale # Il progetto S. Maria de la Antigua del Darién : ricadute socioeconomiche Oltre alle indagini archeo-antropologiche, il progetto ha da sempre tenuto in grande considerazione la realtà sociale che caratterizza l area oggetto di studio. Come già evidenziato altrove, si tratta di un area interessata da fenomeni di forte contrapposizione, anche violenta, tra opposti schieramenti politici, che ha prodotto negli ultimi decenni il sorgere di veri e propri nuovi latifondi, per lo più controllati da gruppi paramilitari posti al limite della legalità. Alla luce di questo stato di cose, uno degli obiettivi principali della missione riguarda la creazione di presupposti tali da avviare una micro-economia locale, che rappresenti per la popolazione del posto una alternativa, seppur minima per entità per lo meno in questo stato iniziale del programma, alla difficile e limitata realtà economica attuale. Di fatti, oltre al nostro, già attivo, anche tutti gli altri citati progetti in progress prevedono la formazione e il perfezionamento non solo di professionisti o studenti colombiani, ma anche e soprattutto la creazione di mano d opera locale specializzata, mettendo così in grado un certo numero di membri della comunità della regione di rappresentare un bacino di personale a cui potranno attingere le varie missioni intenzionate a operare nella zona. Inoltre, con la costruzione di una Casa Patrimoniale, pensata come casa della e delle culture, si intende stabilire una sorta di avamposto culturale, in senso lato, utile sperabilmente anche come riferimento per la legalità, in una regione dove non esistono ad oggi né posti di polizia, né strutture per l assistenza sanitaria, né servizi importanti come i sistemi fognari, gli acquedotti e la rete elettrica. Di fatti, è proprio a questo scopo, nel corso degli ultimi due anni, che sono stati coinvolti nei lavori di indagine archeologica, in qualità di operai, un consistente numero di lavoratori locali (32 nel 2013, 28 nel 2014) che sono stati istruiti alle tecniche dello scavo archeologico e stratigrafico.

18 E nei prossimi anni s intende adottare la stessa logica di sviluppo del potenziale locale, ampliando l offerta formativa ai settori del restauro (dei resti archeologici, intesi sia come suppellettili sia come resti di strutture) e della botanica, orientando tra l altro la didattica alla formazione di guide locali, rese così competenti tanto per gli aspetti storicoarcheologici quanto per quelli ambientali e naturalistici. # Il programma per la missione 2015 Nel corso del 2015, il Ministerio de Cultura colombiano finanzierà la missione archeologica, condotta da Alberto Sarcina, finalizzata allo scavo preventivo nel sito di Darién scelto come sede per la costruzione della citata Casa Patrimoniale, nuovo punto di partenza del progetto. Più in particolare, l area è contigua a quella indagata nel corso del sondaggio B del 2014, che ha portato alla luce un livello di frequentazione indigeno del periodo del contatto con gli Spagnoli ( ). La missione 2015 permetterà, quindi, un ampliamento significativo di quest indagine e un approfondimento dello scavo fino al raggiungimento dei livelli archeologici formatisi prima del contatto, consentendo quindi uno studio delle stratigrafie più antiche e ancora meno conosciute di quelle di epoca spagnola. # Obiettivi Per quanto riguarda la componente archeologica, topografica e di restauro, gli obiettivi primari del progetto 2015 saranno: Approfondire la conoscenza delle stratigrafie relative all abitato Cueva di Darién, nelle sue fasi di pre-contatto, contatto, abbandono e post-abbandono. In particolare si opererà in un area centrale del sito (rispetto all esito delle prospezioni 2013), nel luogo dove nei mesi successivi all intervento verrà costruita la nuova Casa Patrimoniale: o apertura di un vasto sondaggio stratigrafico nell area interessata dalla futura costruzione della Casa Patrimoniale; o riapertura del sondaggio B, confinante con l area del nuovo sondaggio, ampliamento ed approfondimento (in zone selezionate) agli strati inferiori di occupazione; o riapertura del sondaggio C, nell area di Santa Maria de la Antigua, e approfondimento di alcune stratigrafie spagnole; o Verifica dell ampiezza dell importante sito pre-ispanico di Muribá, non lontano dall area della città, attraverso indagini per pozzi di sondaggio; o riapertura del sondaggio A, nell area di Santa Maria de la Antigua, e restauro delle pavimentazioni in ciottoli di fiume relative a patios di edifici spagnoli incontrate nel corso della missione 2014; o restauro di manufatti ceramici e metallici selezionati, rinvenuti nel corso delle missioni ; o battuta topografica dell area della città e di una parte del territorio circostante.

19 # Composizione dell èquipe 2015 DireUore generale del progeuo: Ernesto Montenegro (ICANH) DireUore lavori: Alberto Sarcina Archeologi responsabili del sondaggio: 2 Archeologi di assistenza: 2 AssistenA di scavo: 2 Operai specializzaa in archeologia: 8 (sond F) + 6 (sond B) + 6 (sond C e prospezioni Muribá): TOT 20 Responsabile laboratorio: 1 Operai per il lavaggio e sistemazione dei repera: 3 Restauratore pavimentazioni archeologiche: 1 Restauratore manufas ceramici e metallici: 1 Restauratori di assistenza: 4 (colombiani) Operai in formazione per il restauro: 4 (pavimentazioni) + 2 (manufas ceramici): TOT 6 Topografo dall Italia: 1 Topografo di assistenza: 1 (colombiano) Operai in formazione per la topografia: 1 # Il sostegno da parte dell Italia: un contributo auspicabile (per il quadro completo delle partecipazioni, si veda lo schema in allegato) Sulla scorta delle nostre personali esperienze sul campo e stimolati dai contatti diretti con l ambasciatore italiano in Colombia Gianni Bardini, con il console Marco Menchinucci e con il funzionario Anita Gentile, siamo sempre più convinti dell importanza di aprire un canale ufficiale di comunicazione tra l Italia e la Colombia finalizzato allo scambio di conoscenze relativo alle attività inerenti i Beni Culturali, nelle quali l Italia ha da tempo raggiunto un livello d eccellenza, soprattutto nell ambito del restauro e della ricerca archeologica sul campo. In questo senso, un contributo economico da parte del Ministero Affari Esteri garantirebbe la presenza sul campo degli specialisti italiani del settore, indispensabili per una riuscita davvero efficace del progetto, volto, come già accennato, anche alla qualificata formazione di operatori in ambito di restauro, archeologia e topografia. Roma, 20 Gennaio 2015 Alberto Sarcina e Andrea Schiappelli

20 ProgeUo: Santa Maria de la An-gua del Darién (Colombia) Organigramma Titolare proge;o Principale finanziatore Concessione ricerche InsAtuto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH) Direzione generale Ernesto Montenegro (ICANH) DireUore generale del progeuo Alberto Sarcina DireUore ricerche Altre collaborazioni in essere: ContribuA per il tramite di: Ha concesso per il 2014 il riconoscimento isatuzionale a: Santa Maria Antigua del Darién ContaD in corso:

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli