Santa Maria de la Antigua del Darién

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Santa Maria de la Antigua del Darién"

Transcript

1 Santa Maria de la Antigua del Darién Sintesi Campagne precedenti Progetto di ricerca archeologica e cooperazione sociale Programma Campagna 2015 Ministerio de Cultura de Colombia Instituto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH) Con il riconoscimento del Ministero degli Affari Esteri (Italia)

2 Presentazione Il progetto, promosso e finanziato dal Ministerio de Cultura de Colombia con il sostegno economico e strutturale dell Instituto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH), nasce nel 2013 su per iniziativa dell ICANH, come continuazione di un progetto del 2006 dell Universidad Nacional de Bogotà. Giunto alla sua terza campagna, il progetto ha molto presto affiancato al primo obiettivo (la creazione di un Parco Archeologico) nuovi scopi di ambito sociale e cooperativo, mediante il progressivo coinvolgimento della comunità locale. Nel 2014 la cooperativa Matrix 96, che fin dall inizio collabora con la Direzione Lavori alla definizione della metodologia di indagine e alla rielaborazione dati e cura i rapporti con gli specialisti italiani che si intende coinvolgere per le prossime fasi di lavoro, ha ottenuto per il progetto il riconoscimento istituzionale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nelle pagine seguenti si illustrano in estrema sintesi, a firma del Direttore lavori della missione Alberto Sarcina, le prime due stagioni di interventi sul campo e si presenta il programma della campagna Dott. Andrea Schiappelli Amministratore Unico Matrix 96 Società Cooperativa

3 Localizzazione dell area di indagine * Golfo di Urabá

4 1) Introduzione Nel 1510 gli Spagnoli sbarcano sulle coste sud-occidentali del golfo di Urabá e nel 1514 fondano, nel primo entroterra, Santa Maria de la Antigua del Darién, a tutti gli effetti la prima città sulla Tierra Firme. Nonostante l evidente importanza storica del sito, non si conoscevano fino a oggi né la sua precisa ubicazione né tantomeno i suoi limiti, non essendo riuscite in questo scopo le poche ricerche archeologiche sul territorio di cui si ha notizia. Tra queste si possono annoverare: - la spedizione di re Leopoldo del Belgio nel 1956, da cui non ci sono pervenute informazioni scientifiche; - la missione della Universidad Santa Maria de la Antigua di Panama condotta nel 1966; - le indagini di Graciliano Arcila Velez, durate anni, culminate con la pubblicazione del libro Santa Maria de la Antigua del Darién, pubblicato nel 1986, senza dubbio lo studio più rilevante sul sito; - il progetto della Università Nazionale di Colombia del , condotto dai dipartimenti di Antropologia e Storia, della Facoltà di Lettere e Filosofia, di cui questo progetto è, in un certo senso, una continuazione. L archeologo italiano Alberto Sarcina è impegnato da anni nello studio del sito di Santa Maria de la Antigua del Darién. Il suo impegno si è realizzato, fin dal 2006, sia attraverso un meticoloso lavoro d archivio, svolto nell Archivo de Indias di Sevilla, sia attraverso ricognizioni sul terreno in collaborazione con la Universidad Nacional di Bogotà. Nel 2013 l ICANH, Istituto Colombiano di Antropologia e Storia, lo ha chiamato a dirigere la parte archeologica del progetto, volto alla creazione di un Plan de Manejo Arqueológico (PMA) del sito di Santa Maria de la Antigua del Darién. A lato: stralcio di carta geografica del 1785.

5 2) La campagna 2013 I due obiettivi principali del primo anno del progetto (2013), da un punto di vista archeologico, sono stati quelli di identificare e delimitare l area della città spagnola e di verificare la consistenza dell ipotesi secondo la quale Bahia la Gloria e la sua isola fossero il porto della città sull oceano Atlantico. Era inoltre importante, data anche la natura socio-politica dell area oggetto d indagine, afflitta da decenni di conflitti sanguinosi e con un economia locale estremamente precaria, un approccio non svincolato dalla realtà sociale della zona. Il lavoro effettuato è stato anche il risultato della confluenza di sforzi mirati a due obiettivi distinti: un prodotto scientifico di alto livello e la creazione di condizioni sociali tali da permettere la messa a valore diretta del patrimonio storicoarcheologico da parte delle popolazioni locali (coloni, indigeni Embera e Kuna, comunità afro-discendenti), con la convinzione che il territorio, la storia e la gente siano tutti parte dello stesso patrimonio. La metodologia di ricerca ha dovuto tenere conto di questo aspetto fondamentale, e di conseguenza è stata adottata una strategia di continua relazione con la comunità locale, in cui sia l esecuzione delle diverse attività sia il processo di riconoscimento e di interpretazione dei dati archeologici via via raccolti sono avvenuti con la partecipata collaborazione degli abitanti del luogo. Ed è soprattutto grazie a questa impostazione delle ricerche, fondate sul coinvolgimento diretto della comunità locale, che è stato possibile ottenere risultati decisamente confortanti sia sul piano archeologico sia su quello ambientale, tanto da convincere l ente promotore ad organizzare una seconda campagna di indagini sul campo.

6 Nel corso di questa prima campagna sono state impiegate diverse metodologie di indagine, secondo tecniche differenti e complementari: A) Studi preliminari: - ambientale (sociale): innanzitutto, come operazione preliminare indispensabile, nel corso del 2013 è stata condotta un indagine sociologica sul campo, al fine di prendere coscienza delle dinamiche sociali da considerare attentamente nella pianificazione delle missioni archeologiche previste. - archeologico: prima delle ricerche sul campo, sono state acquisite immagini satellitari ad alta definizione pancromatiche (0,5 m. World View 1 e 2; 0,6 m. Quickbird) e multispettrali (1,8 m. World View 1 e 2; 2,4 m. Quickbird), studiate e interpretate da un équipe italiana specializzata in foto-riconoscimento delle evidenze archeologiche. B) Le ricerche sul campo: 1. un equipe di archeologi subacquei si è occupata di rilevare la presenza di oggetti di origine spagnola nella Bahia la Gloria. Questa indagine si è attuata attraverso una prospezione diretta (autoptica, ovvero con immersioni subacquee) sia indiretta, mediante l uso del magnetometro. 2. L indagine su terraferma è stata condotta, vista la natura non arativa del territorio, attraverso pozzi di sondaggio (cd. phone boxes) di ridotte dimensioni, scavati a mano, a copertura di un area di circa 6 Km². La zona principale di indagine ha compreso il territorio intorno alla frazione di Santuario e la zona costiera di Tarena e Bahia la Gloria. Sono stati realizzati in totale 873 pozzi di sondaggio della profondità di un metro e del diametro di circa 80 cm. Tutto il materiale antropico è stato raccolto indicandone la provenienza, per pozzo di sondaggio e per livello (quota) di rinvenimento, in una scheda con voci standard appositamente elaborata dalla direzione lavori. Successivamente è stato anche studiato e catalogato sistematicamente. 3. Analisi di laboratorio: è stato effettuato lo studio di campioni di stratigrafia sottile prelevati dai livelli più interessanti dei pozzi di sondaggio, e l analisi granulometrica e chimica dei suoli. 4. Ricerca antropologica: in occasione di questa prima campagna, si è dato avvio a una ricerca etno-archeologica raccogliendo informazioni orali dagli abitanti del luogo, i toponimi, le descrizioni di ritrovamenti. C) Processazione dei dati raccolti: le informazioni archeologiche nel loro complesso, ottenute dallo studio integrato degli interventi appena illustrati, sono state tradotte in una articolata mappatura digitale tematica in ambiente GIS, facilmente comprensibile e molto efficace in ambito di comunicazione dei risultati

7 I risultati di questa prima campagna sono stati notevoli, e le evidenze raccolte con la prospezione sul campo per pozzi di sondaggio sono state incrociate e suffragate dallo studio delle immagini satellitari ad alta risoluzione e dalle analisi dei suoli. Il risultato più importante è stato senza dubbio il riconoscimento effettivo, il posizionamento e la definizione dei confini della città spagnola di Santa Maria de la Antigua del Darién, confermato anche dalla cronologia della ceramica spagnola rinvenuta. Il dato totalmente nuovo è che la città è risultata formata da due centri abitati adiacenti, corrispondenti al villaggio Cueva di Darién, dove nel 1510 si sono insediati gli spagnoli guidati da Vasco Nuñez de Balboa e Martín Fernández de Enciso, e la città spagnola di Santa Maria de la Antigua, fondata nel 1514 da Pedro Arias de Avila. Ora sappiamo che la parte «spagnola» della città fu fondata accanto al preesistente villaggio indigeno. Fig. 1 Densità dei ritrovamena nell area principale della ricerca, nei pressi della frazione di Santuario. In grigio scuro i pozzi di sondaggio. Le aree archeologiche individuate sono delimitate da linee di colore diverso. (A. Sarcina)

8 Il secondo risultato importante è stato il significativo ridimensionamento dell ipotesi secondo la quale il sistema formato dalla costa di Bahia la Gloria, il camminamento sommerso e l Isola La Gloria, costituisse l'antico porto marittimo di Santa Maria de la Antigua. Di fatti, la mancanza di evidenze di origine spagnola, sia nelle prospezioni subacquee che in quelle terrestri con pozzi di sondaggio, ha ridotto in modo significativo questa possibilità. Fig. 2 Bahía la Gloria. Si può notare il camminamento sommerso (2) che unisce l isola La Gloria (1) alla costa (3). In arancione le evidenze di un insediamento pre- ispanico (immagine da satellite, elab. A. Sarcina). Tra i dati ausiliari apportati dalle prospezioni terrestri della missione 2013 vi è l individuazione di altri nove possibili centri abitati pre-ispanici nell area, dei quali due nella zona di costa. Questo ci fornisce l importante informazione che la città spagnola di Santa Maria de la Antigua del Darién era inserita all interno di una regione densamente popolata e con una grande presenza di insediamenti indigeni.

9 Lo studio delle immagini satellitari ad alta definizione ci ha fornito alcuni risultati preliminari molto importanti, con interessanti ipotesi investigative. Principalmente, lo studio delle linee di paleo idrografia ha effettivamente portato al riconoscimento di quello che sembrerebbe essere il paleo alveo principale dell antico fiume Darién (oggi Tanela), con sbocco nell Atlantico, così come descritto nelle fonti. Questo studio, inoltre, ci mostra una distribuzione geografica degli insediamenti pre-ispanici vicino o immediatamente adiacente ai principali corsi d'acqua ormai scomparsi, confermando le parole di Oviedo: Estos indios tienen sus asientos, algunos cerca de la mar, y otros cerca del río o quebrada de agua, donde haya arroyos y pesquerías, porque comúnmente su principal mantenimiento y más ordinario es el pescado, así porque son muy inclinados a ello, como porque más facilmente lo pueden haber en abundancia (...). La forma de cómo pescan es con redes, porque las tienen y saben hacer muy buenas de algodón (...) (Gonzalo Fernandez de Oviedo, Sumario de la natural Historia de las Indias, Cap. X, Toledo 1526, Barcelona 2011). In alto: ipotesi ricostrusva del paleo- alveo del fiume Darién e dei suoi bracci secondari nei pressi della ciuà di Santa Maria. Un altro importante risultato dello studio delle immagini satellitari, ancora da confermare con la ricerca sul campo, è il riconoscimento di alcune anomalie rettangolari, probabilmente appartenenti alle strutture dell'antico porto marittimo della città, situate a poche centinaia di metri dall antica foce del Darién.

10 2) La campagna 2014 Nel 2014, i principali obiettivi della nostra campagna si sono concentrati sulla delimitazione accurata delle aree archeologiche individuate e sulla conferma dei dati raccolti con le prospezioni e con lo studio delle immagini satellitari, attraverso indagini stratigrafiche. A tale scopo si sono utilizzate le seguenti metodologie: Scavi stratigrafici: tre sondaggi stratigrafici principali e altri due più piccoli sono stati realizzati in alcune aree di Darién e di Santa Maria de la Antigua, con il fine di confermare i risultati delle indagini con pozzi di sondaggio del 2013 e iniziare a delineare una prima caratterizzazione del sito archeologico. Prospezioni con pozzi di sondaggio: sono stati scavati 85 pozzi di sondaggio allo scopo di precisare l estensione delle aree occupate dai siti di Santa Maria de la Antigua e Darién, soprattutto verso nord-ovest e sud-ovest, e di verificare le principali anomalie individuate nell'analisi delle immagini satellitari (eventualmente da mettere in relazione ad antichi edifici) a nord di Darién e sul lato ovest del fiume Tanela. Sono stati realizzati pozzi di sondaggio anche presso l odierno villaggio Embera di Citará, per verificare l'esistenza di un insediamento pre-ispanico. Riconoscimenti archeologici di informazioni orali: indagini dirette sono state condotte utilizzando diverse tecniche archeologiche, per verificare alcune informazioni orali sulla presenza di manufatti nell area della città e di possibili altri insediamenti pre-ispanici nella regione intorno ad essa. Prospezioni con trivella a mano: per verificare le informazioni ricavate dallo studio delle immagini satellitari circa il paleo alveo del Rio Darién in prossimità del sito di Santa Maria de la Antigua/Darién, sono state eseguite prospezioni con trivella a mano e si è realizzata un'indagine diretta.

11 Analisi di macroresti vegetali: alcuni semi provenienti da contesti stratigrafici sono stati raccolti e sono in fase di analisi per ricostruire il quadro della flora di Santa Maria al momento della conquista. Studio e sistematizzazione del materiale: si è continuato e approfondito lo studio dei materiali rinvenuti negli scavi per verificare la loro appartenenza all arco temporale di Santa Maria de la Antigua del Darién. Si è anche avviata una prima classificazione del materiale ceramico indigeno. In alto: ceramica indígena, scodelle. 1-5 Santa María de la AnAgua; 6 y 11 Muribá; 7-10 Darién (Disegno: G. Peña; A. Sarcina)

12 È importante tenere sempre presente la duplice natura della città di Santa Maria, indigena e spagnola. Per questo i sondaggi stratigrafici sono stati aperti in entrambi i settori che conformano l area della città. In tal modo abbiamo potuto cominciare a tratteggiare una cronologia relativa dei due insediamenti, confrontando materiali e stratigrafie. - Il Sondaggio A, che misura circa 36 x16 metri, è stato aperto in una zona della città spagnola corrispondente al suo limite SO. Questo scavo ha portato alla luce due livelli pavimentali spagnoli in ciottoli di fiume (uno dei quali già riconosciuto nel corso della missione dell Universidad Nacional del 2008), al momento interpretati come due pavimentazioni da cortile interno (patio) di edificio spagnolo. I due cortili, che mostrano ancora tracce dei disegni geometrici originari, potrebbero formar parte di un unico edificio in legno o di due edifici adiacenti. È da segnalare come particolarmente importante il ritrovamento, nel settore settentrionale di questo sondaggio, di una sepoltura rituale indigena relativa ad una fase immediatamente successiva all'abbandono della città. Questa sepoltura, che conteneva un'offerta di piccoli vasi e di oggetti in pietra, testimonia di una fase di riappropriazione rituale del sito da parte dei Cueva, dopo l abbandono degli spagnoli. In alto e a destra: Saggio A, pavimena in ciouoli (foto: A. Sarcina)

13 - Il sondaggio B, delle dimensioni di circa 9 x 8 metri, è stato aperto in un area corrispondente ad un settore centrale del villaggio Cueva di Darién, nell attuale frazione di Santuario. Si è messo in evidenza un livello di frequentazione indigeno appartenente alla fase del contatto (attestata dal ritrovamento di frammenti di ceramica spagnola tra l abbondantissimo materiale indigeno), probabilmente un cortile tra due abitazioni, di una delle quali si è iniziato a riconoscere la pianta nel lato est dell area indagata. A lato: Saggio B, villaggio Cueva di Darién (Santuario) (foto: A. Sarcina). - Il sondaggio C, circa 5 x 5 metri, è stato realizzato in una zona centrale della parte spagnola di Santa Maria e ha portato alla luce strutture spagnole in pietra ancora di difficile interpretazione (anche se sicuramente appartenenti all'arco temporale della città), forse da mettere in relazione a un bacino per la raccolta dell acqua. A lato: Saggio C, Santa Maria de AnAgua (foto: A. Sarcina).

14 - I sondaggi D ed E, più piccoli, sono stati condotti nell area di Darién e hanno evidenziato rispettivamente un livello di frequentazione spagnola con tracce di bruciato, forse una testimonianza degli incendi che seguirono l abbandono della città da parte degli Spagnoli (vd. Oviedo, Historia natural..., V.3, lib XXIX, Cap XXII) e un sentiero in ciottoli di fiume. A lato: Sondaggio D, Darién (foto: A. Sarcina). Santa Maria Antigua del Darién A lato: Sondaggio E, Darién (foto: A. Sarcina).

15 In generale, i risultati dei sondaggi stratigrafici hanno confermato perfettamente le conclusioni derivanti dalla prospezione del 2013, che indicavano una divisione in due parti della città di Santa Maria de la Antigua del Darién. Inoltre si è iniziata a delineare la cronologia del sito, cominciando a documentare la fase di "contatto" tra Spagnoli e Cueva. Le prospezioni con pozzi di sondaggio hanno chiarito i limiti nord e sud della città. Hanno inoltre confermato l'importanza del vicino sito di Cementerio, probabilmente collegato al villaggio di Darién, e sono stati utili per escludere una presenza spagnola sul lato ovest del fiume Tanela. Inoltre, attraverso un'indagine diretta sul territorio e tramite carotaggi a mano, il percorso dei paleo-alvei dell antico Darién è ora molto più chiaro e ci aiuta a definire gli esatti confini della città, fornendo informazioni indirette sulla posizione del suo porto fluviale. In alto: piastrelle spagnole di Apo mozarabe rinvenute nell area di Santa Maria de la AnAgua (foto A. Sarcina)

16 3) Conclusioni Con le campagne di ricerca è stato possibile non solo individuare e delimitare, per la prima volta con buona certezza, la ciuà spagnola di Santa Maria de la AnAgua del Darién, nelle sue due componena principali, ma anche scoprire l esistenza di un significaavo numero di insediamena pre- ispanici all'interno di un area di circa 10 km quadraa. Ciò dimostra chiaramente che la ciuà non era isolata in una sorta di deserto cosatuito da foreste impenetrabili, ma venne fondata al centro di una vasta area densamente popolata, almeno nel periodo precedente l'arrivo degli Spagnoli, sia nelle alture, soprauuuo in prossimità dei corsi d'acqua, sia sulla costa. Di quest area abbiamo solo ora cominciato a riconoscere i primi insediamena. Si delinea quindi una prospesva di indagine archeologica "regionale" direua non solo allo studio di Santa Maria de la AnAgua del Darién, bensì potenzialmente estendibile a un gran numero di insediamena indigeni all interno di in un area molto più ampia. Alcuni di quesa villaggi erano sicuramente legaa al sistema economico di scambio e sfruuamento instaurato dalla ciuà spagnola, altri sembrano invece risalire a un epoca più anaca. In alto: le concentrazioni di insediamena riconosciua nel corso delle missioni all interno dell area vasta che circonda Santa Maria de la AnAgua del Darién (elab. A. Sarcina). Roma, 20 Gennaio 2015 Alberto Sarcina

17 Il programma per la campagna 2015 # Premessa Grazie ai risultati molto positivi delle campagne archeologiche (si veda la relazione allegata), il Ministero di Cultura Colombiano ha approvato anche per l anno 2015 il Plan de Manejo Arqueológico proposto dall équipe del progetto Santa Maria de la Antigua del Darién, che prevede, tra le altre cose, la costruzione di una Casa Patrimoniale nella frazione di Santuario (Dipartimento di Chocó, Colombia). # L area del Darién, una convergenza di progetti L area in esame è al centro non solo di progetti di ricerca e valorizzazione archeologica, ma anche di genere ambientale e socio-antropologico: Investigazioni archeologiche nell area di Santa Maria de la Antigua del Darién e nella regione circostante Restauro e musealizzazione dei beni archeologici Studio e salvaguardia della flora e della fauna locali Studio e valorizzazione delle culture locali (indigene, afro - discendenti, colone) Investigazioni storiche e della storia orale # Il progetto S. Maria de la Antigua del Darién : ricadute socioeconomiche Oltre alle indagini archeo-antropologiche, il progetto ha da sempre tenuto in grande considerazione la realtà sociale che caratterizza l area oggetto di studio. Come già evidenziato altrove, si tratta di un area interessata da fenomeni di forte contrapposizione, anche violenta, tra opposti schieramenti politici, che ha prodotto negli ultimi decenni il sorgere di veri e propri nuovi latifondi, per lo più controllati da gruppi paramilitari posti al limite della legalità. Alla luce di questo stato di cose, uno degli obiettivi principali della missione riguarda la creazione di presupposti tali da avviare una micro-economia locale, che rappresenti per la popolazione del posto una alternativa, seppur minima per entità per lo meno in questo stato iniziale del programma, alla difficile e limitata realtà economica attuale. Di fatti, oltre al nostro, già attivo, anche tutti gli altri citati progetti in progress prevedono la formazione e il perfezionamento non solo di professionisti o studenti colombiani, ma anche e soprattutto la creazione di mano d opera locale specializzata, mettendo così in grado un certo numero di membri della comunità della regione di rappresentare un bacino di personale a cui potranno attingere le varie missioni intenzionate a operare nella zona. Inoltre, con la costruzione di una Casa Patrimoniale, pensata come casa della e delle culture, si intende stabilire una sorta di avamposto culturale, in senso lato, utile sperabilmente anche come riferimento per la legalità, in una regione dove non esistono ad oggi né posti di polizia, né strutture per l assistenza sanitaria, né servizi importanti come i sistemi fognari, gli acquedotti e la rete elettrica. Di fatti, è proprio a questo scopo, nel corso degli ultimi due anni, che sono stati coinvolti nei lavori di indagine archeologica, in qualità di operai, un consistente numero di lavoratori locali (32 nel 2013, 28 nel 2014) che sono stati istruiti alle tecniche dello scavo archeologico e stratigrafico.

18 E nei prossimi anni s intende adottare la stessa logica di sviluppo del potenziale locale, ampliando l offerta formativa ai settori del restauro (dei resti archeologici, intesi sia come suppellettili sia come resti di strutture) e della botanica, orientando tra l altro la didattica alla formazione di guide locali, rese così competenti tanto per gli aspetti storicoarcheologici quanto per quelli ambientali e naturalistici. # Il programma per la missione 2015 Nel corso del 2015, il Ministerio de Cultura colombiano finanzierà la missione archeologica, condotta da Alberto Sarcina, finalizzata allo scavo preventivo nel sito di Darién scelto come sede per la costruzione della citata Casa Patrimoniale, nuovo punto di partenza del progetto. Più in particolare, l area è contigua a quella indagata nel corso del sondaggio B del 2014, che ha portato alla luce un livello di frequentazione indigeno del periodo del contatto con gli Spagnoli ( ). La missione 2015 permetterà, quindi, un ampliamento significativo di quest indagine e un approfondimento dello scavo fino al raggiungimento dei livelli archeologici formatisi prima del contatto, consentendo quindi uno studio delle stratigrafie più antiche e ancora meno conosciute di quelle di epoca spagnola. # Obiettivi Per quanto riguarda la componente archeologica, topografica e di restauro, gli obiettivi primari del progetto 2015 saranno: Approfondire la conoscenza delle stratigrafie relative all abitato Cueva di Darién, nelle sue fasi di pre-contatto, contatto, abbandono e post-abbandono. In particolare si opererà in un area centrale del sito (rispetto all esito delle prospezioni 2013), nel luogo dove nei mesi successivi all intervento verrà costruita la nuova Casa Patrimoniale: o apertura di un vasto sondaggio stratigrafico nell area interessata dalla futura costruzione della Casa Patrimoniale; o riapertura del sondaggio B, confinante con l area del nuovo sondaggio, ampliamento ed approfondimento (in zone selezionate) agli strati inferiori di occupazione; o riapertura del sondaggio C, nell area di Santa Maria de la Antigua, e approfondimento di alcune stratigrafie spagnole; o Verifica dell ampiezza dell importante sito pre-ispanico di Muribá, non lontano dall area della città, attraverso indagini per pozzi di sondaggio; o riapertura del sondaggio A, nell area di Santa Maria de la Antigua, e restauro delle pavimentazioni in ciottoli di fiume relative a patios di edifici spagnoli incontrate nel corso della missione 2014; o restauro di manufatti ceramici e metallici selezionati, rinvenuti nel corso delle missioni ; o battuta topografica dell area della città e di una parte del territorio circostante.

19 # Composizione dell èquipe 2015 DireUore generale del progeuo: Ernesto Montenegro (ICANH) DireUore lavori: Alberto Sarcina Archeologi responsabili del sondaggio: 2 Archeologi di assistenza: 2 AssistenA di scavo: 2 Operai specializzaa in archeologia: 8 (sond F) + 6 (sond B) + 6 (sond C e prospezioni Muribá): TOT 20 Responsabile laboratorio: 1 Operai per il lavaggio e sistemazione dei repera: 3 Restauratore pavimentazioni archeologiche: 1 Restauratore manufas ceramici e metallici: 1 Restauratori di assistenza: 4 (colombiani) Operai in formazione per il restauro: 4 (pavimentazioni) + 2 (manufas ceramici): TOT 6 Topografo dall Italia: 1 Topografo di assistenza: 1 (colombiano) Operai in formazione per la topografia: 1 # Il sostegno da parte dell Italia: un contributo auspicabile (per il quadro completo delle partecipazioni, si veda lo schema in allegato) Sulla scorta delle nostre personali esperienze sul campo e stimolati dai contatti diretti con l ambasciatore italiano in Colombia Gianni Bardini, con il console Marco Menchinucci e con il funzionario Anita Gentile, siamo sempre più convinti dell importanza di aprire un canale ufficiale di comunicazione tra l Italia e la Colombia finalizzato allo scambio di conoscenze relativo alle attività inerenti i Beni Culturali, nelle quali l Italia ha da tempo raggiunto un livello d eccellenza, soprattutto nell ambito del restauro e della ricerca archeologica sul campo. In questo senso, un contributo economico da parte del Ministero Affari Esteri garantirebbe la presenza sul campo degli specialisti italiani del settore, indispensabili per una riuscita davvero efficace del progetto, volto, come già accennato, anche alla qualificata formazione di operatori in ambito di restauro, archeologia e topografia. Roma, 20 Gennaio 2015 Alberto Sarcina e Andrea Schiappelli

20 ProgeUo: Santa Maria de la An-gua del Darién (Colombia) Organigramma Titolare proge;o Principale finanziatore Concessione ricerche InsAtuto Colombiano de Antropología e Historia (ICANH) Direzione generale Ernesto Montenegro (ICANH) DireUore generale del progeuo Alberto Sarcina DireUore ricerche Altre collaborazioni in essere: ContribuA per il tramite di: Ha concesso per il 2014 il riconoscimento isatuzionale a: Santa Maria Antigua del Darién ContaD in corso:

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra Progetto WHERE World HEritage monitoring by Remote sensing Realizzazione di un sistema per il monitoraggio Sistema

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI Servizio progettazione realizzazione e manutenzione fognature e impianti idrici PROBLEMATICHE CONNESSE AI SISTEMI DI DRENAGGIO URBANO

COMUNE DI NAPOLI Servizio progettazione realizzazione e manutenzione fognature e impianti idrici PROBLEMATICHE CONNESSE AI SISTEMI DI DRENAGGIO URBANO COMUNE DI NAPOLI Servizio progettazione realizzazione e manutenzione fognature e impianti idrici PROBLEMATICHE CONNESSE AI SISTEMI DI DRENAGGIO URBANO Responsabile del Servizio del Comune di Napoli: Ing.

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Venerdì 25 GIUGNO 2010

Venerdì 25 GIUGNO 2010 di Antonello Cedrone Consulente in Risorse Energetiche e Ambientali Venerdì 25 GIUGNO 2010 Conferenze dedicate alla biodivertità al fine di individuare misure di tutela e conservazione INDICE Il presente

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile Obiettivi Introdurre il concetto di carta come rappresentazione dello spazio che ci circonda; Familiarizzare con le caratteristiche costitutive

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO Anno scolastico 2010/2011 CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Collocare nello spazio

Dettagli

A Cura di Dott. Claudio Furloni Settore Verde e Agricoltura Servizio Agricoltura: www.agricity.it P.zza Duomo 14-20122 Milano.

A Cura di Dott. Claudio Furloni Settore Verde e Agricoltura Servizio Agricoltura: www.agricity.it P.zza Duomo 14-20122 Milano. Linee guida per la concessione e l uso, a tempo determinato, di ambiti territoriali urbani da destinare alla realizzazione di orti urbani in attuazione del progetto denominato COLTIVAMI e GIARDINI CONDIVISI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 1 CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Il tempo della propria esistenza Formula riflessioni e considerazioni relative a se stesso. Sviluppa il

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e coordinate

Dettagli

C1 2 C2 C3 S2 1 5 CPT1 9 S1 3 C4 8 CPT2 6 4 7 PIANTA DI RIFERIMENTO INDAGINI 1) Basilica 2) Edificio del Palladio 3) Edificio di A. Selva 4) Edificio di epoche diverse 5) Edificio di epoche diverse 6)

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della I Commissione permanente AFFARI ISTITUZIONALI; AFFARI GENERALI; CIRCOSCRIZIONI COMUNALI; POLIZIA LOCALE, URBANA E RURALE; ENTI LOCALI; ORDINAMENTO

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

GLOBCOVER: LA MAPPA PIU ESATTA DEL MONDO

GLOBCOVER: LA MAPPA PIU ESATTA DEL MONDO L USO DEL TERRITORIO Il mondo a 22 colori L uomo plasma la Terra questo fatto è ora dimostrato, con una precisione mai vista, dall atlante Globcover dell. La sua risoluzione è dieci volte maggiore rispetto

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

GEOGRAFIA della PALESTINA

GEOGRAFIA della PALESTINA UITÀ 3 Capitolo 2 GEOGRAFIA della PALESTIA I. I confini Il paese dove il popolo d Israele visse gran parte della sua storia è una fascia di territorio compresa fra (cartina a pag. 86): - il mar Mediterraneo

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 6. Produzione cartografica in Italia Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Produttori

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma

Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma Carlo Rosa* *Fondazione Ing. C. M. Lerici Politecnico di Milano Istituto Italiano di Paleontologia Umana Il Piano Parcheggi di Roma: problematiche geologiche,

Dettagli

GEOGRAFIA: PRIMO BIENNIO CLASSI 1 E 2 DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA: PRIMO BIENNIO CLASSI 1 E 2 DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA: PRIMO BIENNIO CLASSI 1 E 2 DELLA SCUOLA PRIMARIA LEGGERE L ORGANIZZAZIONE DI UN TERRITORIO, UTILIZZANDO IL Utilizzare i principali concetti topologici per orientarsi nello spazio; Utilizzare

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Assessorato Urbanistica Pianificazione Territoriale e dell area metropolitana, Edilizia Residenziale Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Progetto Cascine

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento Geografia Scuola primaria classe 1^ Competenze chiave Traguardi per lo sviluppo della competenza Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Comunicazione nella madrelingua Competenze di base in campo

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Committente: Università degli Studi di Ferrara Cantiere: Cona (FE), nuovo Arcispedale S.Anna INDAGINE AMBIENTALE Revisione n 0 Dicembre 2011 Tavole 3 Allegati 4 Sede

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati di Alessandra Loiacono Il governo italiano ha da tempo introdotto una serie

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR I.G.R. SRL Via Adriatica n. 111/g 06135 Perugia (Italy) Ph: +39 075 7910039 Fx: +39 075 5977527 n.berardi@igrsrl.com www.igrsrl.com MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR Dott. Geol. Nicola Berardi

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI. Laurea in Scienze Geologiche PRESTAZIONI PROFESSIONALI SVOLTE NEL TERRITORIO COMUNALE DI MORROVALLE:

INFORMAZIONI GENERALI. Laurea in Scienze Geologiche PRESTAZIONI PROFESSIONALI SVOLTE NEL TERRITORIO COMUNALE DI MORROVALLE: CURRICULUM PROFESSIONALE Procedura di cottimo fiduciario per l affidamento di incarico finalizzato alla effettuazione delle indagini di microzonazione sismica (MZS) del (MC) INFORMAZIONI GENERALI PROFESSIONISTA

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICHE DELLO STUDIO NATURALISTICO DIATOMEA 2012-2013

ATTIVITA DIDATTICHE DELLO STUDIO NATURALISTICO DIATOMEA 2012-2013 PRESENTAZIONE Lo Studio Naturalistico Diatomea propone alle scuole del territorio numerose attività didattiche con tematiche naturalistiche al fine di portare anche i più piccoli a contatto con l ambiente

Dettagli

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873]

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873] PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PREMESSA Il Piano Regolatore Cimiteriale è lo strumento che definisce la programmazione degli spazi

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113 BRIANZACQUE S.r.l. Sede Legale Viale Enrico Fermi 105-20900 MONZA (MB) Telefono 039262301 - Fax 0392130074 www.brianzacque.it - brianzacque@legalmail.it COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113 REALIZZAZIONE

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Relazione sulla tipologia dello spazio a corte rurale e sulle quote di progetto

Relazione sulla tipologia dello spazio a corte rurale e sulle quote di progetto Relazione sulla tipologia dello spazio a corte rurale e sulle quote di progetto oggetto: VARIANTE AL PIANO DI RECUPERO ai sensi dell'art 73 della L.R. 1/2005 per la riqualificazione architettonica e paesaggistica

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in: REGIONE SICILIANA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE PALERMO DISCIPLINARE TECNICO Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE DI ELABORAZIONE A.S. 2010/2011 INDICE GENERALE CLASSE PRIMA... 3 CLASSE SECONDA... 7 CLASSE TERZA... 11 CLASSE QUARTA... 14 CLASSE QUINTA... 19 CLASSE I SSPG... 24 II e III SSPG...

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

m a r c i @ g e o. u n i b a. i t - d. g a l l o @ g e o. u n i b a. i t - m a r c i @

m a r c i @ g e o. u n i b a. i t - d. g a l l o @ g e o. u n i b a. i t - m a r c i @ Indagini non invasive ad alta risoluzione (Geofisica e Remote Sensing) finalizzate alla Ricerca Archeologica e alla Tutela del Territorio Marcello Ciminale, marci@geo.uniba.it Danilo Gallo, d.gallo@geo.uniba.it

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli