Telerilevamento. da immagini satellitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telerilevamento. da immagini satellitari"

Transcript

1 Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Master di I livello in SIT&TLR Telerilevamento da immagini satellitari Relazione sulle attività effettuate durante il corso a.a. 2007/2008 docente prof. Maurizio Fea Studente Luca Pantano matricola

2 Indice GPS per immagine Ikonos... 1 Metodologia di rilievo GPS... 2 Metodologia di georeferenziazione dell immagine... 2 Dettaglio dei punti di rilievo GPS... 2 Panoramica dei Ground Control Point... 4 Immagine georeferenziata... 5 Sensore multispettrale ETM+ Landsat... 6 Analisi immagine ETM_18931_3Ott99_GB... 6 Composizione in colori naturali... 6 Composizione in falsi colori... 7 Analisi zona Analisi zona Classificazione Unsupervised Classificazione Supervised Analisi immagine ETM2002_multibanda Composizione in colori naturali Composizione composta pancromatico e colori naturali Classificazione Unsupervised Classificazione Supervisionata Coregistrazione ETM2002 su ETM Change detection Foce del fiume Foresta umbra Aeroporto della base pugliese di Amendola Saline Nubi e laghetto L immagine SAR Composizione RGB - NIR / PAN / SAR Immagine NIR - red Immagine PAN - green Immagine SAR e lettura composta delle differenti componenti... 36

3 GPS per immagine Ikonos L immagine considerata riprende una zona del centro storico di Venezia, in particolare il sestiere Santa Croce. Il sensore di ripresa è pancromatico e l immagine presenta una risoluzione al suolo di 1m, con l intensità del segnale espressa su 16bit. L attività consiste nella georeferenziazione di tale immagine, senza utilizzare altri layer già georiferiti, ma con l ausilio di ricevitori GPS, effettuando opportuni rilievi sul campo. I rilievi sono stati effettuati la mattina del 12 dicembre 2008, giorno in cui la zona considerata era soggetta al fenomeno dell acqua alta. Qui si vede il gruppo all opera, nel rilievo del punto 8. 1

4 Metodologia di rilievo GPS Lo strumento ricevitore GPS, una volta acceso, richiede un certo tempo per il fix iniziale, fase in cui viene ricevuto l almanacco contenente i dati delle orbite dei satelliti e quindi vengono visti i satelliti che in quel momento stanno transitando sopra la zona interessata. Il numero minimo teorico di satelliti necessari per calcolare la posizione è di 4 (uno per ogni incognita spaziale più uno per l incognita tempo dovuta allo sfasamento dell orologio del ricevitore). Per ottenere risultati di qualità accettabile, occorre lavorare con più satelliti, posti in posizione utile, cioè che siano sufficientemente alti rispetto all orizzonte e che siano distribuiti su varie direzioni. In ambito urbano è più complicato ottenere una situazione accettabile. La precisione del rilievo GPS è di circa 10m sul piano. Per migliorare tale dato occorre utilizzare il rilievo differenziale, relativo ad un vertice della rete GPS-IGM. Prima di iniziare con i rilievi, occorre anche selezionare il datum di riferimento. Nel nostro caso utilizziamo il sistema ED50, UTM fuso 33 Nord, con coordinate metriche. Metodologia di georeferenziazione dell immagine Trattandosi di una immagine geometricamente coerente (senza grandi distorsioni) e relativa ad un area limitata, scegliamo di effettuare una georeferenziazione con adattamento polinomiale di 1 ordine (lineare), basato su un insieme di almeno 5 6 punti (ground control point). Abbiamo rilevato 8 punti, per poter poi scartare in fase di elaborazione quelli aventi un errore associato più alto. L individuazione dei punti viene effettuata considerando che questi devono essere chiaramente e precisamente identificabili sull immagine. Solitamente gli spigoli dei palazzi rappresentano una buona soluzione, sempre che i satelliti visibili (non coperti dal palazzo stesso) permettano una buona triangolazione. Considerando il tessuto edificato fitto, ci siamo orientati su zone aperte (campi, fondamenta, ponti). Il primo punto considerato è uno spigolo di edificio (in campo S.Giacomo) e come si vedrà dopo ha avuto una precisione di rilievo piuttosto bassa. Per questo abbiamo poi preferito punti con maggior visibilità verso i satelliti, quali le sommità di ponti oppure alcuni elementi distinguibili all interno di un campo. Dettaglio dei punti di rilievo GPS Punto 1 : spigolo di edificio, preso a 1m dallo spigolo (punto soggetto a copertura verso nord-est e a fenomeni di riflessione dovute alle pareti) Punto 2 : centro della sommità di un ponte 2

5 Punto 3 : centro della sommità di un ponte Punto 4 : spigolo di una fondamenta Punto 5 : centro di un pozzo in un campetto Punto 6 : centro della sommità di un ponte Punto 7 : spigolo di edificio, esposto sul canal Grande Punto 8 : centro della sommità di un ponte 3

6 Panoramica dei Ground Control Point Il processo di georeferenziazione elabora l adattamento polinomiale da applicare all immagine, individuando la soluzione che risulta avere il minor errore (scarto quadratico medio calcolato tra la posizione stimata e quella dichiarata) sui vari punti. Consultando quindi l errore associato ad ogni punto (colonna RMS), possiamo selezionare quelli che danno un contributo positivo al calcolo e trascurare quelli aventi un errore troppo alto. Il punto 1 viene escluso. Per il resto, non è semplice definire quali altri punti siano abbastanza errati da peggiorare il risultato globale. Provando a verificare il contributo di ogni punto, abbiamo alla fine deciso di escludere anche i punti 4 e 8. In tal modo vediamo che l errore sui rimanenti punti rimane inferiore a 2. 4

7 Immagine georeferenziata Il risultato dell elaborazione viene salvato come nuova immagine. Vediamo che la georeferenziazione ha orientato l immagine, che appare ora inclinata. 5

8 Sensore multispettrale ETM+ Landsat Analisi immagine ETM_18931_3Ott99_GB Data di rilievo: 31 ottobre 1999 Zona: Puglia, Gargano ed entroterra Datum: Ellissoide internazionale 1924, punto di appoggio Roma Monte Mario Proiezione: Italiana Gauss-Boaga fuso Est Composizione in colori naturali La composizione in colori naturali è quella che restituisce l immagine finale maggiormente simile ad una visione naturale umana. Vengono utilizzate le immagini delle tre bande nel visibile e l immagine viene composta associandole ai tre canali nel sistema RGB: banda 3 sul canale rosso banda 2 sul canale verde banda 1 sul canale blu colori naturali - RGB 321 6

9 Composizione in falsi colori Le composizioni in falsi colori sono quelle che si ottengono associando le immagini dalle differenti bande in modi differenti da quello a colori naturali. Si ottengono quindi delle visualizzazioni che non ci permettono una naturale interpretazione del contenuto. La loro utilità consiste nella possibilità di evidenziare particolari aspetti, esaltando alcune bande e mettendole in contrasto ad altre. Ad esempio una tipica combinazione è la RGB 432, che si ottiene associando ai tre canali le bande 4 (IR vicino), 3 e 2. Come vediamo, l IR vicino permette di evidenziare (in rosso) le zone con presenza di vegetazione (alberi, foreste), distinguendole dalle zone urbane e agricole (in bianco / ciano). Il mare e l acqua limpida assumono tonalità scure di blu, mentre l acqua con particelle in sospensione assume un colore più verso il ciano per via della debole risposta nelle bande 2 e 3. Le nubi risultano bianche in quanto si ha risposta in tutte le bande considerate. In generale, quanto si vuole indagare lo stato della vegetazione si usa la banda IR vicino che evidenzia anche la struttura cellulare, mettendola a confronto con altre bande nell IR medio che evidenziano il contenuto d acqua, oltre a quelle nel visibile che hanno variazioni a seconda dei pigmenti fogliari. Ciò permette di verificare lo stato della vegetazione evidenziando eventuali problemi (siccità, incendi). falsi colori - RGB 432 7

10 Analisi zona 1 Dettaglio con il parco naturale del Gargano (con la foresta umbra), l area urbana di San Giovanni Rotondo (a sinistra verso il basso), il lago di Varano e il porto di Vieste. RGB 321 Vediamo qui sotto due zone di foresta al centro del Gargano e vicino a San Giovanni Rotondo. RGB 432 8

11 RGB 453 Tale composizione mette a confronto l IR vicino e medio, serve a distinguere diverse tipologie vegetazionali (colori arancio, giallo, marrone). L acqua è nera perche in queste bande assorbe tutto.. RGB 741 Tale composizione comprende anche la banda dell'infrarosso medio e serve a distinguere l'umidità del suolo. 9

12 Analisi zona 2 Dettaglio con il golfo e l area urbana di Manfredonia, l area agricola, l aeroporto della base pugliese di Amendola e le saline. RGB 321 RGB

13 RGB 453 RGB 741 Dalla lettura di queste composizioni, si notano le zone che hanno maggior umidità, con alberi o foresta (in verde nel RGB 741, arancio nel RGB 453 e rosso nel RGB 432). Nelle saline si parlerà piu avanti. 11

14 Classificazione Unsupervised La classificazione permette di raccogliere i pixel dell immagine in determinate classi, in base alla loro similitudine di firma spettrale, data dalla combinazione delle risposte nelle bande utilizzate. bande: , escluso pancromatico 8 e IR termico 6-1 e 6-2 classi: 10 autogenerate Il processo di calcolo va avanti iterativamente, fino al raggiungimento di una soluzione in cui ogni pixel dell immagine sia stato attribuito ad una delle 10 classi, in modo che la distribuzione in queste risponda ai parametri statistici richiesti. Per visualizzare il risultato occorre attribuire uno specifico colore per ogni classe. Chiaramente, essendo una elaborazione statistica automatica, alcuni elementi diversi ma troppo simili nelle varie bande risultano nella stessa classe: vediamo ad esempio la nuvola sulla destra che è nella stessa classe dell abitato di Manfredonia. Un buon risultato si ha con le aree umide (mare, laghi e laghetto) a meno della zona con l ombra della nuvola, che è stata interpretata come appartenente alla stessa classe. 12

15 13

16 Classificazione Supervised Il processo di classificazione supervisionata si basa su considerazioni statistiche come quella non supervisionata. In questo caso però la firma spettrale di riferimento per ogni classe viene definita rispetto a un certo numero di aree di riferimento da noi impostate (Training Areas). Il metodo di attribuzione dei pixel alle classi è quello di distanza minima (minimum distance) cioè la maggior vicinanza ai valori nelle bande della firma di riferimento delle classi. bande: , escluso pan 8 e IR termico classi: 9, a cui sono state associate le aree di riferimento: 14

17 Avendo definito a mano le training area da cui sono stati create le classi, vediamo che alcuni elementi sono stati interpretati meglio. Ad esempio, c è una distinzione tra l area di mare e gli altri corpi acquatici, anche se in realtà il laghetto viene classificato in un modo mentre il lago di Varano rientra nella classe del mare; anche le saline vengono assegnate alla classe del mare per la parte con maggiore profondità d acqua. 15

18 Analisi immagine ETM2002_multibanda Data di rilievo: 28 novembre 2002 Zona: Puglia, Gargano ed entroterra Datum: ED50 Proiezione: UTM, fuso 33 Composizione in colori naturali RGB

19 Composizione composta pancromatico e colori naturali Il sensore multispettrale ETM consente rilievi con differenti precisioni a terra per le varie bande: di 30m per le bande visibili e IR vicino e medio (bande 1, 2, 3, 4, 5 e 7) di 15m per il pancromatico (banda 8) di 60m sulla banda IR termico (bande 6-1 e 6-2) La maggior precisione del pancromatico è dovuta alla maggior capacità di raccogliere energia riflessa per via della sua ampiezza di banda (visibile e IR vicino). Chiaramente il segnale generato ci da sono l informazione di intensità luminosa, senza distinzione di colore. Vieste - RGB : 321 Vieste - RGB + I :

20 E possibile però integrare tale dato con l informazione proveniente dalle tre bande nel visibile (bande 3, 2 e 1) in modo da ottenere una rappresentazione avente la precisione geometrica dal pancromatico (a 15m) e il colore (tono e saturazione) dal multispettrale. In pratica la procedura da seguire è la seguente: si crea una composizione a colori naturali RGB 321; si effettua un cambio di sistema di riferimento dello spazio colore da RGB a HSI (Tono, Saturazione, Intensità); si sostituisce l informazione relativa all intensità con i dati dal pancromatico. Vediamo come il risultato contiene una maggior informazione geometrica e leggibilità del territorio. Manfredonia - RGB : 321 Manfredonia - RGB + I :

21 Classificazione Unsupervised bande: , escluso pancromatico 8 e IR termico 6-1 e 6-2 classi: 10 auto-generate Per il processo di classificazione automatica senza supervisione valgono le stesse considerazioni fatte per l immagine precedente. Al termine, occorre impostare per ogni classe un colore di visualizzazione. Per rendere confrontabili i due risultati, è stata utilizzata la stessa attribuzione classe/colore. Anche in questo caso le nubi creano qualche problema alla classificazione, rientrando in più classi. Le ombre dei rilievi (in basso a sinistra) sono stati assegnati alla classe (in blu) utilizzata per il mare. 19

22 20

23 Classificazione Supervisionata bande: , escluso pan 8 e IR termico classi: 9, a cui sono state associate le aree di riferimento metodo di classificazione: distanza minima Per problemi di velocità di esecuzione dei calcoli, ho preferito creare una copia del file.ers, contenente solo le bande utilizzate ( ). Su tale file sono state quindi definite le classi e le corrispondenti aree di riferimento: 21

24 Alla fine del processo, il risultato viene visualizzato come class layer (in RGB pseudocolor). Interessante è la zona di mare, in cui si ha una ripartizione in base alla profondità e limpidezza dell acqua. Il lago di Varano è invece rientrato in una differente classe (per via di una specifica training area). Vediamo il dettaglio nella zone delle saline, con la parte secca e la parte umida che rientrano prevalentemente nelle loro rispettive classi. 22

25 Coregistrazione ETM2002 su ETM99 L immagine del 2002 ha un sistema di riferimento differente da quella del Per procedere con un analisi di change detection, occorre che queste abbiamo lo stesso sistema di riferimento. Per questo motivo occorre effettuare una coregistrazione dell immagine del 2002 su quella del 1999, definendo opportuni punti di appoggio (ground control point) identificabili precisamente su entrambe le immagini. Il risultato del processo è l immagine del 2002 riferita al sistema Gauss-Boaga fuso est, che viene salvata sul nuovo file ETM2002_multibanda_GB 23

26 Change detection L analisi di change detection permette di evidenziare i cambiamenti avvenuti su un territorio mettendo a confronto due o più immagini prese in momenti differenti. Infatti nell uso del microonde (SAR) le analisi multi temporali servono proprio a questo (attività svolta ma non ipertata in questa relazione). Nel presente caso le immagini utilizzate sono: immagine ETM2002 del 28 novembre 2002 immagine ETM99 del 3 ottobre 1999 Le due immagini vengono confrontate banda per banda, visualizzandole contemporaneamente sul: canale R (rosso) per una banda dell immagine del 2002 canale B (blu) per la stessa banda dell immagine del 1999 Si definisce quindi un algoritmo di visualizzazione tipo il seguente che mette a confronto le bande 4 (IR vicino) delle due immagini: La lettura del change detection avviene valutando le combinazioni dei colori rosso e blu : se le intensità nelle 2 immagini sono vicine, si hanno varie intensità di magenta se l intensità di una immagine è maggiore dell altra, il magenta che tende al rosso o al blu se la risposta è solo su una delle due immagini, risultano varie intensità di rosso o di blu Ad esempio, considerando che l IR vicino ha una bassa risposta (quasi nulla) su acqua e zone umide, vediamo che le zone delle saline che erano secche nel 2002 e umide nel 1999 appaiono in rosso. Viceversa per quelle in blu, che erano umide nel 2002 e secche nel Di seguito viene analizzato il change detection su alcune zone: saline, foresta umbra al centro del Gargano, foce del fiume a nord, nube su terreno, area di Manfredonia e aeroporto di Amendola. 24

27 Foce del fiume La prima osservazione riguarda il mare, che appare nero in IR vicino e medio. Ha invece una certa risposta alle bande nel visibile. Il fiume nel 1999 trasportava molto materiale in sospensione, che arrivato al mare lasciava una evidente scia (in blu). Ciò è osservabile nelle bande del visibile, in particolare sulla banda 3, ma anche in modo minore sulla banda 4. Su quest ultima banda inoltre vediamo la differente umidità dei suoli nei due momenti (zone rosse e blu). 25

28 Foresta umbra La foresta ha un forte segnale di ritorno sulla banda 4 (IR vicino), in cui vediamo una zona (tendente al blu) in cui le piante erano più rigogliose nel 1999 e meno nel 2002 (consideriamo che l immagine del 2002 è ad autunno inoltrato quindi è possibile che le piante abbiano perso le foglie). La banda 3 (in cui la foresta non da risposta) sembra confermare tale ipotesi, avendo però i colori scambiati (la zona più rigogliosa nel 1999 appare qui più rossa). 26

29 Aeroporto della base pugliese di Amendola Notiamo subito che una nube ha parzialmente coperto l immagine del Inoltre anche qui le bande 4 che evidenziano i terreni maggiormente umidi: nel 1999 in rosso e in blu nel La parte urbana di Manfredonia è più evidente nelle bande 2 e 3, come anche la struttura dell aeroporto. I terreni intorno a questo erano invece più umidi nel

30 Saline L IR medio (bande 5 e 7) è più sensibile alla presenza di umidità contenuta nei cristalli di sali, per cui sulle saline appaiono solo i bordi delle vasche. Invece nell IR vicino (banda 4) si distinguono le saline coperte d acqua: in rosso quelle coperte nel 1999; in blu quelle coperte nel 2002; in nero quelle coperte in entrambi i momenti. La banda 3 da invece informazioni sulla profondità della copertura: la vasca grande era tutta coperta d acqua nel 1999, ma con un basso livello; nel 2002 il livello era leggermente più alto, tranne che nel segmento alto-destro in cui vi era ancora meno acqua. Nella successiva pagina, la nube del 2002 appare in rosso, mentre quella del 1999 appare in blu con l ombra in rosso. Il laghetto era coperto dalla nube nel 2002, per cui è in blu, anche se poco visibile. 28

31 Nubi e laghetto 2002 RGB RGB

32 L immagine SAR Si ottiene da un rilievo fatto con un sensore attivo, misurando l intensità di ritorno di un raggio emesso e inviato nella stessa direzione del rilievo. In questo caso analizziamo una immagine SAR ottenuta da piattaforma satellitare (a destra), confrontandola con una corrispondente immagine pancromatica LandSat (a sinistra). Lo strumento SAR permette di raccogliere il massimo segnale di ritorno in presenza di superfici ortogonali al raggio incidente. Con superfici lisce aventi differente orientamento, nessuna parte del segnale viene riflesso verso il sensore. Considerando quindi che è abbastanza improbabile che si abbia una superficie liscia perfettamente ortogonale al raggio, possiamo dire che in realtà la risposta è maggiore in presenza di superfici rugose, mentre è minore per le superfici lisce (o che appaiono tali rispetto alla frequenza del segnale SAR). Inoltre vi è il caso di forte segnale per doppia riflessione, dovuto alla presenza di superfici lisce poste tra loro ortogonalmente (ad esempio, muro di edificio e strada antistante). Come si vede dal confronto, l immagine pancromatica contiene una maggiore informazione geometrica (15m), grazie alla maggiore risoluzione. L immagine SAR ha invece una minor risoluzione (30m), ma ha anche problemi di rumore in quanto il segnale rilevato dipende in parte dalle aree immediatamente adiacenti a quella indagata. A fronte di un pixel immagine di 12,5m, nell analisi occorre spesso utilizzare un filtro mediano per avere un risultato più omogeneo e leggibile. Le informazioni che però il SAR è in grado di riportare sono preziose, in quanto sono relative alla tipologia di superficie e alla sua forma. Si possono quindi dedurre precise informazioni, una volta che si è identificata la natura stessa dell oggetto rilevato, appunto tramite una lettura incrociata con altri rilievi pancromatici e multispettrali. 30

33 Nell immagine vediamo una buona risposta sulle zone urbane, in presenza di edifici aventi il classico tetto a tegole, e anche una media risposta nelle zone agricole, dovuta alla forma della vegetazione o del terreno. Non si ha invece segnale di ritorno sulle superfici lisce (ad esempio la pista dell aeroporto) e sulle zone con acqua calma (che appare liscia). Interessante è la parte di mare in cui il vento provoca una certa increspatura, che causa una buona risposta al SAR (le onde marine hanno una lunghezza maggiore dell onda radar utilizzata). 31

34 Notare la zona di acqua calma presente a Chioggia, in cui probabilmente il vento che infrange il mare non agisce in quanto gli edifici proteggono parte dello specchio d acqua. Le spiagge sono scure in quanto appaiono lisce a sufficienza per riflettere il segnale SAR in altra direzione. I manufatti sono invece ben distinguibili in quanto spesso la loro forma riflette il segnale direttamente ma anche per doppia riflessione. Osservando solo l immagine SAR si può anche distinguere chiaramente la zona di mare dalle zone di terra. La risposta sul mare, dovuta all azione del vento, è spazialmente costante, simile ad un rumore di fondo ugualmente distribuito. La risposta sulla terra varia notevolmente da zona a zona, in base alle caratteristiche morfologiche delle corrispondenti superfici. Chiaramente i canali appaiono neri per via della superficie liscia dell acqua. 32

35 Composizione RGB - NIR / PAN / SAR Il layer LandSat Near IR e il layer SAR vengono visualizzati in combinazione con l immagine LandSat PAN, a cui entrambi vengono coregistrati. Per la coregistrazione, occorre individuare un congruo numero di punti corrispondenti sulle due immagini. Ad esempio, l immagine SAR viene riferita all immagine PAN. Analoga procedura viene eseguita per l immagine NIR, rispetto alla PAN. Viene quindi creato un algoritmo di composizione, attribuendo ai tre canali RGB le tre immagini NIR, PAN e SAR. 33

36 All immagine SAR è stato applicato un filtro mediano 5x5, per ridurre il disturbo dovuto al rumore presente nei dati rilevati da questo strumento. Composizione RGB NIR / PAN / SAR 34

37 Immagine NIR - red In questa composizione si nota subito il contributo dell immagine in infrarosso vicino (in rosso). Le zone agricole e verdi rispondono con varie intensità secondo lo stato della vegetazione presente. Nelle zone urbane o con presenza di manufatti industriali, come anche nelle zone con acqua (mare e anche fiumi), non si ha risposta sulla banda NIR. Immagine PAN - green L immagine pancromatica presenta zone a maggiore intensità in presenza di superfici chiare o comunque in grado di riflettere la luce solare, come manufatti e tetti piatti, quali ad esempio la superfice aeroportuale, il porto Marghera, il Tronchetto. Si ha anche una buona risposta sulle spiagge e sulle aree industriali e una risposta minore sulle aree urbane con tetti a tegola. 35

38 Da notare è la parte centrale della laguna, dove vi è una zona più chiara dovuta alla torbidità dell acqua; il sensore pancromatico riesce a cogliere il debole segnale di ritorno che le particelle in sospensione danno sulle frequenze del visibile. Analoga considerazione vale per il materiale che si nota nel mare in corrispondenza delle bocche. Immagine SAR e lettura composta delle differenti componenti Nella parte agricola sulla sinistra si distinguono in rosso i campi con vegetazione attiva e quelli tendenti al giallo in cui si ha una simile risposta sia al NIR che al PAN; alcuni tendono al ciano per via della discreta risposta SAR dovuta alla granulosità della superficie. Potrebbero per esempio essere campi arati. La spiaggia invece appare giallo-verde in quanto ha una forte risposta al PAN, una debole risposta al NIR, mentre al SAR appare nera in quanto ha una superficie sufficientemente liscia. 36

39 La componente pancromatica contribuisce con una buona informazione geometrica, permettendo di riconoscere il tessuto e le strutture. La componente NIR permette di individuare le zone con vegetazione, ma si ha un buon segnale solo in presenza di un certo numero di elementi. Ad esempio, nella parte storica di Venezia, si notano i giardini vicino piazzale Roma e i Giardini della Biennale ad est. La componente SAR evidenzia i tetti degli edifici nella parte storica, ma non ha risposta per esempio sul cimitero, in cui probabilmente molte strutture hanno un tetto piatto.. Sul lido si integrano le varie informazioni, permettendo di distinguere la parte con edifici (tendente al blu), la parte con piante a nord (tendente al rosso), ma anche la parte del campo di volo avente superficie liscia e senza grande vegetazione (verso il marrone). 37

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu IL NUOVO VOLTO DELL EURO Scopri la nuova banconota da 10 www.euro.ecb.europa.eu LA SERIE EUROPA : CARATTERISTICHE DI SICUREZZA Facili da controllare e difficili da falsificare Le nuove banconote da 5 e

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

www.claypaky.it ALPHA 300 BEAM SPOT HPE SPOT WASH PICCHIA DURO. OLTRE LA SUA CATEGORIA.

www.claypaky.it ALPHA 300 BEAM SPOT HPE SPOT WASH PICCHIA DURO. OLTRE LA SUA CATEGORIA. www.claypaky.it ALPHA BEAM SPOT HPE SPOT WASH PICCHIA DURO. OLTRE LA SUA CATEGORIA. Quattro piccoli proiettori a corpo mobile per uso professionale disegnati con le grandi caratteristiche dell intera Gamma

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

NUOVA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI QUESTIONARI A.A. 2007/08

NUOVA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI QUESTIONARI A.A. 2007/08 NUOVA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI QUESTIONARI A.A. 2007/08 Importante: sono cambiati i moduli di rilevazione! Anche quest anno verrà distribuita dalla segreteria di Facoltà, dalla terzultima settimana

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli