Telerilevamento. da immagini satellitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telerilevamento. da immagini satellitari"

Transcript

1 Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Master di I livello in SIT&TLR Telerilevamento da immagini satellitari Relazione sulle attività effettuate durante il corso a.a. 2007/2008 docente prof. Maurizio Fea Studente Luca Pantano matricola

2 Indice GPS per immagine Ikonos... 1 Metodologia di rilievo GPS... 2 Metodologia di georeferenziazione dell immagine... 2 Dettaglio dei punti di rilievo GPS... 2 Panoramica dei Ground Control Point... 4 Immagine georeferenziata... 5 Sensore multispettrale ETM+ Landsat... 6 Analisi immagine ETM_18931_3Ott99_GB... 6 Composizione in colori naturali... 6 Composizione in falsi colori... 7 Analisi zona Analisi zona Classificazione Unsupervised Classificazione Supervised Analisi immagine ETM2002_multibanda Composizione in colori naturali Composizione composta pancromatico e colori naturali Classificazione Unsupervised Classificazione Supervisionata Coregistrazione ETM2002 su ETM Change detection Foce del fiume Foresta umbra Aeroporto della base pugliese di Amendola Saline Nubi e laghetto L immagine SAR Composizione RGB - NIR / PAN / SAR Immagine NIR - red Immagine PAN - green Immagine SAR e lettura composta delle differenti componenti... 36

3 GPS per immagine Ikonos L immagine considerata riprende una zona del centro storico di Venezia, in particolare il sestiere Santa Croce. Il sensore di ripresa è pancromatico e l immagine presenta una risoluzione al suolo di 1m, con l intensità del segnale espressa su 16bit. L attività consiste nella georeferenziazione di tale immagine, senza utilizzare altri layer già georiferiti, ma con l ausilio di ricevitori GPS, effettuando opportuni rilievi sul campo. I rilievi sono stati effettuati la mattina del 12 dicembre 2008, giorno in cui la zona considerata era soggetta al fenomeno dell acqua alta. Qui si vede il gruppo all opera, nel rilievo del punto 8. 1

4 Metodologia di rilievo GPS Lo strumento ricevitore GPS, una volta acceso, richiede un certo tempo per il fix iniziale, fase in cui viene ricevuto l almanacco contenente i dati delle orbite dei satelliti e quindi vengono visti i satelliti che in quel momento stanno transitando sopra la zona interessata. Il numero minimo teorico di satelliti necessari per calcolare la posizione è di 4 (uno per ogni incognita spaziale più uno per l incognita tempo dovuta allo sfasamento dell orologio del ricevitore). Per ottenere risultati di qualità accettabile, occorre lavorare con più satelliti, posti in posizione utile, cioè che siano sufficientemente alti rispetto all orizzonte e che siano distribuiti su varie direzioni. In ambito urbano è più complicato ottenere una situazione accettabile. La precisione del rilievo GPS è di circa 10m sul piano. Per migliorare tale dato occorre utilizzare il rilievo differenziale, relativo ad un vertice della rete GPS-IGM. Prima di iniziare con i rilievi, occorre anche selezionare il datum di riferimento. Nel nostro caso utilizziamo il sistema ED50, UTM fuso 33 Nord, con coordinate metriche. Metodologia di georeferenziazione dell immagine Trattandosi di una immagine geometricamente coerente (senza grandi distorsioni) e relativa ad un area limitata, scegliamo di effettuare una georeferenziazione con adattamento polinomiale di 1 ordine (lineare), basato su un insieme di almeno 5 6 punti (ground control point). Abbiamo rilevato 8 punti, per poter poi scartare in fase di elaborazione quelli aventi un errore associato più alto. L individuazione dei punti viene effettuata considerando che questi devono essere chiaramente e precisamente identificabili sull immagine. Solitamente gli spigoli dei palazzi rappresentano una buona soluzione, sempre che i satelliti visibili (non coperti dal palazzo stesso) permettano una buona triangolazione. Considerando il tessuto edificato fitto, ci siamo orientati su zone aperte (campi, fondamenta, ponti). Il primo punto considerato è uno spigolo di edificio (in campo S.Giacomo) e come si vedrà dopo ha avuto una precisione di rilievo piuttosto bassa. Per questo abbiamo poi preferito punti con maggior visibilità verso i satelliti, quali le sommità di ponti oppure alcuni elementi distinguibili all interno di un campo. Dettaglio dei punti di rilievo GPS Punto 1 : spigolo di edificio, preso a 1m dallo spigolo (punto soggetto a copertura verso nord-est e a fenomeni di riflessione dovute alle pareti) Punto 2 : centro della sommità di un ponte 2

5 Punto 3 : centro della sommità di un ponte Punto 4 : spigolo di una fondamenta Punto 5 : centro di un pozzo in un campetto Punto 6 : centro della sommità di un ponte Punto 7 : spigolo di edificio, esposto sul canal Grande Punto 8 : centro della sommità di un ponte 3

6 Panoramica dei Ground Control Point Il processo di georeferenziazione elabora l adattamento polinomiale da applicare all immagine, individuando la soluzione che risulta avere il minor errore (scarto quadratico medio calcolato tra la posizione stimata e quella dichiarata) sui vari punti. Consultando quindi l errore associato ad ogni punto (colonna RMS), possiamo selezionare quelli che danno un contributo positivo al calcolo e trascurare quelli aventi un errore troppo alto. Il punto 1 viene escluso. Per il resto, non è semplice definire quali altri punti siano abbastanza errati da peggiorare il risultato globale. Provando a verificare il contributo di ogni punto, abbiamo alla fine deciso di escludere anche i punti 4 e 8. In tal modo vediamo che l errore sui rimanenti punti rimane inferiore a 2. 4

7 Immagine georeferenziata Il risultato dell elaborazione viene salvato come nuova immagine. Vediamo che la georeferenziazione ha orientato l immagine, che appare ora inclinata. 5

8 Sensore multispettrale ETM+ Landsat Analisi immagine ETM_18931_3Ott99_GB Data di rilievo: 31 ottobre 1999 Zona: Puglia, Gargano ed entroterra Datum: Ellissoide internazionale 1924, punto di appoggio Roma Monte Mario Proiezione: Italiana Gauss-Boaga fuso Est Composizione in colori naturali La composizione in colori naturali è quella che restituisce l immagine finale maggiormente simile ad una visione naturale umana. Vengono utilizzate le immagini delle tre bande nel visibile e l immagine viene composta associandole ai tre canali nel sistema RGB: banda 3 sul canale rosso banda 2 sul canale verde banda 1 sul canale blu colori naturali - RGB 321 6

9 Composizione in falsi colori Le composizioni in falsi colori sono quelle che si ottengono associando le immagini dalle differenti bande in modi differenti da quello a colori naturali. Si ottengono quindi delle visualizzazioni che non ci permettono una naturale interpretazione del contenuto. La loro utilità consiste nella possibilità di evidenziare particolari aspetti, esaltando alcune bande e mettendole in contrasto ad altre. Ad esempio una tipica combinazione è la RGB 432, che si ottiene associando ai tre canali le bande 4 (IR vicino), 3 e 2. Come vediamo, l IR vicino permette di evidenziare (in rosso) le zone con presenza di vegetazione (alberi, foreste), distinguendole dalle zone urbane e agricole (in bianco / ciano). Il mare e l acqua limpida assumono tonalità scure di blu, mentre l acqua con particelle in sospensione assume un colore più verso il ciano per via della debole risposta nelle bande 2 e 3. Le nubi risultano bianche in quanto si ha risposta in tutte le bande considerate. In generale, quanto si vuole indagare lo stato della vegetazione si usa la banda IR vicino che evidenzia anche la struttura cellulare, mettendola a confronto con altre bande nell IR medio che evidenziano il contenuto d acqua, oltre a quelle nel visibile che hanno variazioni a seconda dei pigmenti fogliari. Ciò permette di verificare lo stato della vegetazione evidenziando eventuali problemi (siccità, incendi). falsi colori - RGB 432 7

10 Analisi zona 1 Dettaglio con il parco naturale del Gargano (con la foresta umbra), l area urbana di San Giovanni Rotondo (a sinistra verso il basso), il lago di Varano e il porto di Vieste. RGB 321 Vediamo qui sotto due zone di foresta al centro del Gargano e vicino a San Giovanni Rotondo. RGB 432 8

11 RGB 453 Tale composizione mette a confronto l IR vicino e medio, serve a distinguere diverse tipologie vegetazionali (colori arancio, giallo, marrone). L acqua è nera perche in queste bande assorbe tutto.. RGB 741 Tale composizione comprende anche la banda dell'infrarosso medio e serve a distinguere l'umidità del suolo. 9

12 Analisi zona 2 Dettaglio con il golfo e l area urbana di Manfredonia, l area agricola, l aeroporto della base pugliese di Amendola e le saline. RGB 321 RGB

13 RGB 453 RGB 741 Dalla lettura di queste composizioni, si notano le zone che hanno maggior umidità, con alberi o foresta (in verde nel RGB 741, arancio nel RGB 453 e rosso nel RGB 432). Nelle saline si parlerà piu avanti. 11

14 Classificazione Unsupervised La classificazione permette di raccogliere i pixel dell immagine in determinate classi, in base alla loro similitudine di firma spettrale, data dalla combinazione delle risposte nelle bande utilizzate. bande: , escluso pancromatico 8 e IR termico 6-1 e 6-2 classi: 10 autogenerate Il processo di calcolo va avanti iterativamente, fino al raggiungimento di una soluzione in cui ogni pixel dell immagine sia stato attribuito ad una delle 10 classi, in modo che la distribuzione in queste risponda ai parametri statistici richiesti. Per visualizzare il risultato occorre attribuire uno specifico colore per ogni classe. Chiaramente, essendo una elaborazione statistica automatica, alcuni elementi diversi ma troppo simili nelle varie bande risultano nella stessa classe: vediamo ad esempio la nuvola sulla destra che è nella stessa classe dell abitato di Manfredonia. Un buon risultato si ha con le aree umide (mare, laghi e laghetto) a meno della zona con l ombra della nuvola, che è stata interpretata come appartenente alla stessa classe. 12

15 13

16 Classificazione Supervised Il processo di classificazione supervisionata si basa su considerazioni statistiche come quella non supervisionata. In questo caso però la firma spettrale di riferimento per ogni classe viene definita rispetto a un certo numero di aree di riferimento da noi impostate (Training Areas). Il metodo di attribuzione dei pixel alle classi è quello di distanza minima (minimum distance) cioè la maggior vicinanza ai valori nelle bande della firma di riferimento delle classi. bande: , escluso pan 8 e IR termico classi: 9, a cui sono state associate le aree di riferimento: 14

17 Avendo definito a mano le training area da cui sono stati create le classi, vediamo che alcuni elementi sono stati interpretati meglio. Ad esempio, c è una distinzione tra l area di mare e gli altri corpi acquatici, anche se in realtà il laghetto viene classificato in un modo mentre il lago di Varano rientra nella classe del mare; anche le saline vengono assegnate alla classe del mare per la parte con maggiore profondità d acqua. 15

18 Analisi immagine ETM2002_multibanda Data di rilievo: 28 novembre 2002 Zona: Puglia, Gargano ed entroterra Datum: ED50 Proiezione: UTM, fuso 33 Composizione in colori naturali RGB

19 Composizione composta pancromatico e colori naturali Il sensore multispettrale ETM consente rilievi con differenti precisioni a terra per le varie bande: di 30m per le bande visibili e IR vicino e medio (bande 1, 2, 3, 4, 5 e 7) di 15m per il pancromatico (banda 8) di 60m sulla banda IR termico (bande 6-1 e 6-2) La maggior precisione del pancromatico è dovuta alla maggior capacità di raccogliere energia riflessa per via della sua ampiezza di banda (visibile e IR vicino). Chiaramente il segnale generato ci da sono l informazione di intensità luminosa, senza distinzione di colore. Vieste - RGB : 321 Vieste - RGB + I :

20 E possibile però integrare tale dato con l informazione proveniente dalle tre bande nel visibile (bande 3, 2 e 1) in modo da ottenere una rappresentazione avente la precisione geometrica dal pancromatico (a 15m) e il colore (tono e saturazione) dal multispettrale. In pratica la procedura da seguire è la seguente: si crea una composizione a colori naturali RGB 321; si effettua un cambio di sistema di riferimento dello spazio colore da RGB a HSI (Tono, Saturazione, Intensità); si sostituisce l informazione relativa all intensità con i dati dal pancromatico. Vediamo come il risultato contiene una maggior informazione geometrica e leggibilità del territorio. Manfredonia - RGB : 321 Manfredonia - RGB + I :

21 Classificazione Unsupervised bande: , escluso pancromatico 8 e IR termico 6-1 e 6-2 classi: 10 auto-generate Per il processo di classificazione automatica senza supervisione valgono le stesse considerazioni fatte per l immagine precedente. Al termine, occorre impostare per ogni classe un colore di visualizzazione. Per rendere confrontabili i due risultati, è stata utilizzata la stessa attribuzione classe/colore. Anche in questo caso le nubi creano qualche problema alla classificazione, rientrando in più classi. Le ombre dei rilievi (in basso a sinistra) sono stati assegnati alla classe (in blu) utilizzata per il mare. 19

22 20

23 Classificazione Supervisionata bande: , escluso pan 8 e IR termico classi: 9, a cui sono state associate le aree di riferimento metodo di classificazione: distanza minima Per problemi di velocità di esecuzione dei calcoli, ho preferito creare una copia del file.ers, contenente solo le bande utilizzate ( ). Su tale file sono state quindi definite le classi e le corrispondenti aree di riferimento: 21

24 Alla fine del processo, il risultato viene visualizzato come class layer (in RGB pseudocolor). Interessante è la zona di mare, in cui si ha una ripartizione in base alla profondità e limpidezza dell acqua. Il lago di Varano è invece rientrato in una differente classe (per via di una specifica training area). Vediamo il dettaglio nella zone delle saline, con la parte secca e la parte umida che rientrano prevalentemente nelle loro rispettive classi. 22

25 Coregistrazione ETM2002 su ETM99 L immagine del 2002 ha un sistema di riferimento differente da quella del Per procedere con un analisi di change detection, occorre che queste abbiamo lo stesso sistema di riferimento. Per questo motivo occorre effettuare una coregistrazione dell immagine del 2002 su quella del 1999, definendo opportuni punti di appoggio (ground control point) identificabili precisamente su entrambe le immagini. Il risultato del processo è l immagine del 2002 riferita al sistema Gauss-Boaga fuso est, che viene salvata sul nuovo file ETM2002_multibanda_GB 23

26 Change detection L analisi di change detection permette di evidenziare i cambiamenti avvenuti su un territorio mettendo a confronto due o più immagini prese in momenti differenti. Infatti nell uso del microonde (SAR) le analisi multi temporali servono proprio a questo (attività svolta ma non ipertata in questa relazione). Nel presente caso le immagini utilizzate sono: immagine ETM2002 del 28 novembre 2002 immagine ETM99 del 3 ottobre 1999 Le due immagini vengono confrontate banda per banda, visualizzandole contemporaneamente sul: canale R (rosso) per una banda dell immagine del 2002 canale B (blu) per la stessa banda dell immagine del 1999 Si definisce quindi un algoritmo di visualizzazione tipo il seguente che mette a confronto le bande 4 (IR vicino) delle due immagini: La lettura del change detection avviene valutando le combinazioni dei colori rosso e blu : se le intensità nelle 2 immagini sono vicine, si hanno varie intensità di magenta se l intensità di una immagine è maggiore dell altra, il magenta che tende al rosso o al blu se la risposta è solo su una delle due immagini, risultano varie intensità di rosso o di blu Ad esempio, considerando che l IR vicino ha una bassa risposta (quasi nulla) su acqua e zone umide, vediamo che le zone delle saline che erano secche nel 2002 e umide nel 1999 appaiono in rosso. Viceversa per quelle in blu, che erano umide nel 2002 e secche nel Di seguito viene analizzato il change detection su alcune zone: saline, foresta umbra al centro del Gargano, foce del fiume a nord, nube su terreno, area di Manfredonia e aeroporto di Amendola. 24

27 Foce del fiume La prima osservazione riguarda il mare, che appare nero in IR vicino e medio. Ha invece una certa risposta alle bande nel visibile. Il fiume nel 1999 trasportava molto materiale in sospensione, che arrivato al mare lasciava una evidente scia (in blu). Ciò è osservabile nelle bande del visibile, in particolare sulla banda 3, ma anche in modo minore sulla banda 4. Su quest ultima banda inoltre vediamo la differente umidità dei suoli nei due momenti (zone rosse e blu). 25

28 Foresta umbra La foresta ha un forte segnale di ritorno sulla banda 4 (IR vicino), in cui vediamo una zona (tendente al blu) in cui le piante erano più rigogliose nel 1999 e meno nel 2002 (consideriamo che l immagine del 2002 è ad autunno inoltrato quindi è possibile che le piante abbiano perso le foglie). La banda 3 (in cui la foresta non da risposta) sembra confermare tale ipotesi, avendo però i colori scambiati (la zona più rigogliosa nel 1999 appare qui più rossa). 26

29 Aeroporto della base pugliese di Amendola Notiamo subito che una nube ha parzialmente coperto l immagine del Inoltre anche qui le bande 4 che evidenziano i terreni maggiormente umidi: nel 1999 in rosso e in blu nel La parte urbana di Manfredonia è più evidente nelle bande 2 e 3, come anche la struttura dell aeroporto. I terreni intorno a questo erano invece più umidi nel

30 Saline L IR medio (bande 5 e 7) è più sensibile alla presenza di umidità contenuta nei cristalli di sali, per cui sulle saline appaiono solo i bordi delle vasche. Invece nell IR vicino (banda 4) si distinguono le saline coperte d acqua: in rosso quelle coperte nel 1999; in blu quelle coperte nel 2002; in nero quelle coperte in entrambi i momenti. La banda 3 da invece informazioni sulla profondità della copertura: la vasca grande era tutta coperta d acqua nel 1999, ma con un basso livello; nel 2002 il livello era leggermente più alto, tranne che nel segmento alto-destro in cui vi era ancora meno acqua. Nella successiva pagina, la nube del 2002 appare in rosso, mentre quella del 1999 appare in blu con l ombra in rosso. Il laghetto era coperto dalla nube nel 2002, per cui è in blu, anche se poco visibile. 28

31 Nubi e laghetto 2002 RGB RGB

32 L immagine SAR Si ottiene da un rilievo fatto con un sensore attivo, misurando l intensità di ritorno di un raggio emesso e inviato nella stessa direzione del rilievo. In questo caso analizziamo una immagine SAR ottenuta da piattaforma satellitare (a destra), confrontandola con una corrispondente immagine pancromatica LandSat (a sinistra). Lo strumento SAR permette di raccogliere il massimo segnale di ritorno in presenza di superfici ortogonali al raggio incidente. Con superfici lisce aventi differente orientamento, nessuna parte del segnale viene riflesso verso il sensore. Considerando quindi che è abbastanza improbabile che si abbia una superficie liscia perfettamente ortogonale al raggio, possiamo dire che in realtà la risposta è maggiore in presenza di superfici rugose, mentre è minore per le superfici lisce (o che appaiono tali rispetto alla frequenza del segnale SAR). Inoltre vi è il caso di forte segnale per doppia riflessione, dovuto alla presenza di superfici lisce poste tra loro ortogonalmente (ad esempio, muro di edificio e strada antistante). Come si vede dal confronto, l immagine pancromatica contiene una maggiore informazione geometrica (15m), grazie alla maggiore risoluzione. L immagine SAR ha invece una minor risoluzione (30m), ma ha anche problemi di rumore in quanto il segnale rilevato dipende in parte dalle aree immediatamente adiacenti a quella indagata. A fronte di un pixel immagine di 12,5m, nell analisi occorre spesso utilizzare un filtro mediano per avere un risultato più omogeneo e leggibile. Le informazioni che però il SAR è in grado di riportare sono preziose, in quanto sono relative alla tipologia di superficie e alla sua forma. Si possono quindi dedurre precise informazioni, una volta che si è identificata la natura stessa dell oggetto rilevato, appunto tramite una lettura incrociata con altri rilievi pancromatici e multispettrali. 30

33 Nell immagine vediamo una buona risposta sulle zone urbane, in presenza di edifici aventi il classico tetto a tegole, e anche una media risposta nelle zone agricole, dovuta alla forma della vegetazione o del terreno. Non si ha invece segnale di ritorno sulle superfici lisce (ad esempio la pista dell aeroporto) e sulle zone con acqua calma (che appare liscia). Interessante è la parte di mare in cui il vento provoca una certa increspatura, che causa una buona risposta al SAR (le onde marine hanno una lunghezza maggiore dell onda radar utilizzata). 31

34 Notare la zona di acqua calma presente a Chioggia, in cui probabilmente il vento che infrange il mare non agisce in quanto gli edifici proteggono parte dello specchio d acqua. Le spiagge sono scure in quanto appaiono lisce a sufficienza per riflettere il segnale SAR in altra direzione. I manufatti sono invece ben distinguibili in quanto spesso la loro forma riflette il segnale direttamente ma anche per doppia riflessione. Osservando solo l immagine SAR si può anche distinguere chiaramente la zona di mare dalle zone di terra. La risposta sul mare, dovuta all azione del vento, è spazialmente costante, simile ad un rumore di fondo ugualmente distribuito. La risposta sulla terra varia notevolmente da zona a zona, in base alle caratteristiche morfologiche delle corrispondenti superfici. Chiaramente i canali appaiono neri per via della superficie liscia dell acqua. 32

35 Composizione RGB - NIR / PAN / SAR Il layer LandSat Near IR e il layer SAR vengono visualizzati in combinazione con l immagine LandSat PAN, a cui entrambi vengono coregistrati. Per la coregistrazione, occorre individuare un congruo numero di punti corrispondenti sulle due immagini. Ad esempio, l immagine SAR viene riferita all immagine PAN. Analoga procedura viene eseguita per l immagine NIR, rispetto alla PAN. Viene quindi creato un algoritmo di composizione, attribuendo ai tre canali RGB le tre immagini NIR, PAN e SAR. 33

36 All immagine SAR è stato applicato un filtro mediano 5x5, per ridurre il disturbo dovuto al rumore presente nei dati rilevati da questo strumento. Composizione RGB NIR / PAN / SAR 34

37 Immagine NIR - red In questa composizione si nota subito il contributo dell immagine in infrarosso vicino (in rosso). Le zone agricole e verdi rispondono con varie intensità secondo lo stato della vegetazione presente. Nelle zone urbane o con presenza di manufatti industriali, come anche nelle zone con acqua (mare e anche fiumi), non si ha risposta sulla banda NIR. Immagine PAN - green L immagine pancromatica presenta zone a maggiore intensità in presenza di superfici chiare o comunque in grado di riflettere la luce solare, come manufatti e tetti piatti, quali ad esempio la superfice aeroportuale, il porto Marghera, il Tronchetto. Si ha anche una buona risposta sulle spiagge e sulle aree industriali e una risposta minore sulle aree urbane con tetti a tegola. 35

38 Da notare è la parte centrale della laguna, dove vi è una zona più chiara dovuta alla torbidità dell acqua; il sensore pancromatico riesce a cogliere il debole segnale di ritorno che le particelle in sospensione danno sulle frequenze del visibile. Analoga considerazione vale per il materiale che si nota nel mare in corrispondenza delle bocche. Immagine SAR e lettura composta delle differenti componenti Nella parte agricola sulla sinistra si distinguono in rosso i campi con vegetazione attiva e quelli tendenti al giallo in cui si ha una simile risposta sia al NIR che al PAN; alcuni tendono al ciano per via della discreta risposta SAR dovuta alla granulosità della superficie. Potrebbero per esempio essere campi arati. La spiaggia invece appare giallo-verde in quanto ha una forte risposta al PAN, una debole risposta al NIR, mentre al SAR appare nera in quanto ha una superficie sufficientemente liscia. 36

39 La componente pancromatica contribuisce con una buona informazione geometrica, permettendo di riconoscere il tessuto e le strutture. La componente NIR permette di individuare le zone con vegetazione, ma si ha un buon segnale solo in presenza di un certo numero di elementi. Ad esempio, nella parte storica di Venezia, si notano i giardini vicino piazzale Roma e i Giardini della Biennale ad est. La componente SAR evidenzia i tetti degli edifici nella parte storica, ma non ha risposta per esempio sul cimitero, in cui probabilmente molte strutture hanno un tetto piatto.. Sul lido si integrano le varie informazioni, permettendo di distinguere la parte con edifici (tendente al blu), la parte con piante a nord (tendente al rosso), ma anche la parte del campo di volo avente superficie liscia e senza grande vegetazione (verso il marrone). 37

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Vantaggi delle foto verticali La scala è uniforme in tutta la foto Si possono determinare angoli

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Telerilevamento: elaborazioni ELABORAZIONE E ANALISI DELLE IMMAGINI

Dettagli

3.3 TECNICHE E METODI DEL TELERILEVAMENTO

3.3 TECNICHE E METODI DEL TELERILEVAMENTO Aerofotogrammetria 3.3 TECNICHE E METODI DEL TELERILEVAMENTO Per sfruttare tutti i vantaggi che il telerilevamento ci offre, dobbiamo essere in grado di estrarre le informazioni significative contenute

Dettagli

Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle coperture in cemento/amianto.

Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle coperture in cemento/amianto. Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA CENTRO GEOLOGIA E AMIANTO Le tecniche del telerilevamento applicate alla mappatura delle

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI In questo articolo vengono descritte alcune applicazioni operative basate sull elaborazione di

Dettagli

La percezione del colore

La percezione del colore 30 Gennaio 2007 Corso di Laurea in Informatica Multimediale Facoltà di Scienze MMFFNN Università di Verona La percezione del colore Chiara Della Libera DSNV Università di Verona Sezione di Fisiologia Umana

Dettagli

REPORT NDVI SURVEY Azienda Agricola RUGGIERO Lat 41.098206 Lon 16.579969

REPORT NDVI SURVEY Azienda Agricola RUGGIERO Lat 41.098206 Lon 16.579969 REPORT NDVI SURVEY Azienda Agricola RUGGIERO Lat 41.098206 Lon 16.579969 09/04/2016 RAZIONALE - Principio fisico Le piante assorbono la radiazione solare mediante la radiazione fotosinteticamente attiva

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Fondamenti Cartografia Automatica. Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia

Fondamenti Cartografia Automatica. Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia Fondamenti Cartografia Automatica Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia Cos'è il telerilevamento: L'acquisizione e la misura di dati/informazioni

Dettagli

2 IL TELERILEVAMENTO

2 IL TELERILEVAMENTO 2 IL TELERILEVAMENTO Il termine telerilevamento (remote sensing) si riferisce a misure effettuate mediante sistemi non in contatto con l'oggetto o il fenomeno da rilevare. Gli strumenti di misura possono

Dettagli

RELAZIONE TOPOGRAFICA

RELAZIONE TOPOGRAFICA RELAZIONE TOPOGRAFICA La presente relazione riguarda il rilievo topografico eseguito con tecnica laser scanner della zona di Cava Rave della Foce situata nel Comune di Frontone (PU) svoltosi nei mesi di

Dettagli

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici...

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici... INDICE INTRODUZIONE...1 1. MORFOLOGIA LAGUNARE...5 1.1 La laguna di Venezia...5 1.2 Area di studio...7 1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8 1.4 La zonazione delle alofite...13 1.5 Le barene

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE E PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO ESAME DI TOPOGRAFIA E GEOMATICA mod. II Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto Relazione

Dettagli

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Martina Corti martina.corti@unimi.it Sensore Impiegato Tecnica di acquisizione Elaborazione Dato Camera Digitale Camera Termica Satellite

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One

PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One ACCENTUAZIONE DEL CONTRASTO CON IL FILTRO MASCHERA DI CONTRASTO Il filtro Maschera di contrasto misura, in ciascun canale, la differenza

Dettagli

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA Progetto LITTORISK Termoli, 20/10/2006 IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia, e per l Ambiente Italia S. Cardinali, E. Valpreda,

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE Fabio MASELLI IBIMET-CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino, FI ARGOMENTI TRATTATI La presentazione intende dare

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Valerio Baiocchi, Donatella Dominici, Francesca Giannone LE ORBITE Orbita polare eliosincrona Il satellite ritorna

Dettagli

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi 2008 Esperimento Esperimento Albedo Albedo Massimo Massimo Bosetti Bosetti Referente Museo scientifico Tridentino di Scienze Museo Tridentino di Scienze Naturali, Naturali Laboratorio di Laboratorio di

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Cosa serve per vedere Didattica della Fisica A.A. 2009/10 Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Per poter vedere un oggetto è necessario che un fascio di luce emesso da una sorgente

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

GLOBCOVER: LA MAPPA PIU ESATTA DEL MONDO

GLOBCOVER: LA MAPPA PIU ESATTA DEL MONDO L USO DEL TERRITORIO Il mondo a 22 colori L uomo plasma la Terra questo fatto è ora dimostrato, con una precisione mai vista, dall atlante Globcover dell. La sua risoluzione è dieci volte maggiore rispetto

Dettagli

Approccio down-sensing per l osservazione del territorio: dal satellite al drone Dott. Stefano Picchio

Approccio down-sensing per l osservazione del territorio: dal satellite al drone Dott. Stefano Picchio Approccio down-sensing per l osservazione del territorio: dal satellite al drone Dott. Stefano Picchio Piattaforme EO down-sensing Lo sviluppo dei moderni sistemi di Osservazione della Terra consente di

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Rilievi con UAS per generazione di modelli 3D del territorio: il progetto ITACA

Rilievi con UAS per generazione di modelli 3D del territorio: il progetto ITACA DICA - Sez. Geodesia e Geomatica Rilievi con UAS per generazione di modelli 3D del territorio: il progetto ITACA L. Pinto, G. Sona, D. Passoni IL GRUPPO DI LAVORO 2 Ing. Diana Pagliari Ing. Rossana Gini

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale INFORMATICA Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale A.A. 2014/2015 II ANNO II SEMESTRE 2 CFU CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

I satelliti meteorologici

I satelliti meteorologici I satelliti meteorologici Nella meteorologia moderna i satelliti svolgono ormai un ruolo fondamentale: grazie a questi occhi in orbita attorno al nostro pianeta possiamo monitorare in tempo reale l evoluzione

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2015/2016 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti LEZIONE 02 INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2015/2016 docente:

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia Roberto Ricca L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo termografico? Utilizzo della Blower

Dettagli

Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO

Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO Che tipo di ENERGIA TERMICA? LUCE LA CUI LUNGHEZZA D ONDA RISULTA TROPPO GRANDE PER ESSERE INDIVIDUATA

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One

PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One USO ELEMENTARE DEL LIVELLO DI REGOLAZIONE CURVE BASATO SU VALORI NUMERICI STANDARD Se un immagine presenta dominanti o appiattimento dei

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale

Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale Ing. Nicomino Fiscante Pisa, 13 febbraio 2015 SIGIEC Sistema di Gestione

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 La relazione tra le varie fasi di lotta agli incendi e le competenze di Fires. La linea tratteggiata che lega il programma fires con il monitoraggio, sta a ricordare che il monitoraggio

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR

Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR Passato, presente e futuro: Integrazione sensori negli APR Nuove frontiere Le indicazioni fornite dal mondo accademico e della ricerca hanno spinto FlyTop a dotare i suoi sistemi APR di sensori allo stato

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate Studio Tecnico Survey Project La Ricerca applicata al Territorio Applicazioni Sviluppate Tecnici Dott. For. Johnny Moretto, Ph.D. Dott. Nicola Trolese Applicazioni Sviluppate Batimetria canali bagnati

Dettagli

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 Il colore IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 La luce Radiazione elettromagnetica 380 740 nanometri (790 480 THz) Percezione della luce /1 Organi sensoriali: Bastoncelli Molto sensibili (anche a un solo fotone:

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM Un flusso di lavoro essenziale dall acquisizione dell immagine alla stampa 1 Importare le foto Nel Modulo Libreria, premere il tasto Importa,

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE?

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? A.R.I. Sezione di Parma Conversazioni del 1 Venerdì del Mese POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? Venerdi, 7 dicembre, ore 21:15 - Carlo, I4VIL Oscillatore e risuonatore di Hertz ( http://www.sparkmuseum.com

Dettagli

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE

LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Dipartimento di scienze umane per la Formazione Corso di Laurea in Scienze dell educazione LUCE, VISIONE, OMBRA, COLORE Aspetti scientifici e attività laboratoriali Per il corso di Osservazioni Scientifiche

Dettagli

IL COLORE Principi tecnici

IL COLORE Principi tecnici IL COLORE Principi tecnici ECSA Emanuele Centonze SA - Via Luigi Favre 16-6828 Balerna T. 091.695 88 00 - F. 091.695 88 02 - www.ecsa.ch - shop.ecsa.ch Cos'è il colore? Il colore nasce dalla luce: la luce

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Immagini chiare. Come in una foto. Tecnologia Sonar Side Imaging. (A) (H) (E) (C) (G) (D) (F) (D) (H) (E) (C) (C) (A) POSIZIONE IMBARCAZIONE

Immagini chiare. Come in una foto. Tecnologia Sonar Side Imaging. (A) (H) (E) (C) (G) (D) (F) (D) (H) (E) (C) (C) (A) POSIZIONE IMBARCAZIONE Tecnologia Sonar Side Imaging. (G) (C) (A) (H) (E) (B) (B) (D) (D) (F) (E) (C) (C) (H) Immagini chiare. Come in una foto. (A) POSIZIONE IMBARCAZIONE (B) COLONNA D ACQUA (C) PROFILO DEL FONDALE (D) FONDALE

Dettagli

Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Immagini satellitari ad alta risoluzione per l aggiornamento cartografico e per il controllo della linea di costa. Applicazione alla costa del Molise e della Puglia Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra

Dettagli

Aggiornamento speditivo della cartografia tecnica a media scala con l impiego di aereofoto e di immagini satellitari ad alta risoluzione.

Aggiornamento speditivo della cartografia tecnica a media scala con l impiego di aereofoto e di immagini satellitari ad alta risoluzione. Amministrazione Provinciale di Piacenza Dipartimento Politiche di Gestione del territorio e Tutela dell ambiente. UOA Monitoraggio delle risorse territoriali e ambientali. Loc. Gariga, 29027 Podenzano

Dettagli

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino - Theremino Spectrometer Technology - 15 agosto 2014 - Pagina 1 Principio di funzionamento Ponendo una telecamera digitale con un reticolo

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione Territoriale Infrastrutture-Ambiente Servizio Programmazione Territoriale Urbanistica Miglioramento Carta Geografica Unica Report tecnico-informativo

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Mappe catastali originali di Impianto Raster Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Hotel Express by HOLIDAY INN Via Savigliano, 116 - Località Casello di Marene Cherasco, 09/06/2010 Geom.

Dettagli

I metodi colore in Photoshop e il significato dei canali

I metodi colore in Photoshop e il significato dei canali I metodi colore in Photoshop e il significato dei canali IL COLORE Iniziamo a pensare alla luce come definita da due caratteristiche indipendenti: 1. LUMINOSITÀ 2. COLORE Luminosità quanto è forte questa

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente Facoltà di Pianificazione del Territorio Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente 07 ottobre 2008 LABORATORIO ELABORAZIONE DI IMMAGINI della Facoltà di Pianificazione

Dettagli

CAPITOLO 2. Il Catasto delle aree percorse dal fuoco 4-13

CAPITOLO 2. Il Catasto delle aree percorse dal fuoco 4-13 4-13 CAPITOLO 2 Il Catasto delle aree percorse dal fuoco Carlo Ricotta - Università di Roma La Sapienza documento redatto per il piano AIB 2006 del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano" Considerazioni

Dettagli

Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali

Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali Marcello Melis e Matteo Miccoli Marcello.melis@profilocolore.it Matteo.miccoli@profilocolore.it 1/20 Il colore nell'arte

Dettagli

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine di Philip Cheng Per molti anni la camera a pellicola aerotrasportata è stata la miglior scelta per l acquisizione di foto

Dettagli

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto Udine, 27 Giugno 2014 Dott. Alessia

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

PER DEI SISTEMI A MAREA

PER DEI SISTEMI A MAREA CAPITOLO TERZO IL TELERILEVAMENTO PER LO STUDIO DEI SISTEMI A MAREA ISTEMI A M 3.1 Principi generali del telerilevamento Il controllo periodico della vegetazione di barena attraverso analisi in campo delle

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali G. Chiani, L. Mercatelli, P. Sansoni, D. Fontani, D. Jafrancesco, M. De Lucia

Dettagli

Misurare le deformazioni del suolo con i radar (SAR) satellitari

Misurare le deformazioni del suolo con i radar (SAR) satellitari Arpa Emilia-Romagna Bologna 3 Dicembre 2007 Misurare le deformazioni del suolo con i radar (SAR) satellitari Claudio Prati - Politecnico di Milano e.mail prati@elet.polimi.it 1 C. Prati Misurare le deformazioni

Dettagli