Introduzione CAPITOLO 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione CAPITOLO 1"

Transcript

1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni: quindi in senso esteso tale termine può essere utilizzato per qualunque metodo di osservazione effettuata a distanza dall oggetto di indagine. La definizione risulta evidentemente così generale da poter essere applicata alla maggior parte dei metodi di indagine scientifica. In un senso più ristretto, e nella sua accezione usuale, il termine telerilevamento viene utilizzato per indicare tutti i metodi di osservazione della Terra nei quali la radianza elettromagnetica costituisce il veicolo di trasporto dell informazione dall oggetto di indagine al sensore. In altre lingue per indicare tale insieme di metodologie di osservazione si adottano termini analoghi: in inglese Remote Sensing (percezione da lontano); in francese Teledetection (rilevazione da lontano); in tedesco Fernkundung (conoscenza da lontano). Cosa si intende per osservazione della Terra? In questo contesto si intende l osservazione dei diversi tipi di copertura della superficie terrestre. Tale osservazione contiene intrinsecamente due tipi di informazioni; vi è un contenuto qualitativo sulla tipologia di copertura: acque, boschi, minerali, terreno coltivato, terreno edificato ecc.; vi è anche un informazione geometrica, ovvero quella relativa alla posizione e ai contorni delle diverse qualità identificate. Le discipline collegate al telerilevamento vertono principalmente sull analisi qualitativa delle osservazioni, mentre l analisi delle loro caratteristiche geometriche è propria della disciplina della Fotogrammetria. Esiste un eccezione a tale affermazione, ed è quella del Synthetic Aperture Radar (SAR): tale metodologia viene infatti inserita nell ambito della disciplina del telerilevamento ma si pone come scopo uno specifico tipo di analisi geometrica. Per chiarire compiutamente il senso di tali definizioni è opportuno un breve excursus storico sull evoluzione delle diverse discipline concernenti l osservazione della Terra mediante sensori. Storicamente il primo sensore capace di utilizzare la radianza elettromagnetica (nella parte visibile dello spettro elettromagnetico) per raccogliere informazioni sulle caratteristiche del terreno è stata la camera fotografica; la sua prima applicazione da lontano avvenne a bordo di aerei per la produzione di carte topografiche. In tale applicazione, qualora si voglia ottenere la ricostruzione tridimensionale della forma del territorio, è necessario fotografare la medesima porzione del Cap1.p65 3

2 4 CAPITOLO 1 ISBN territorio da almeno due punti di presa diversi; sono inoltre necessari particolari metodi di analisi dei fotogrammi. Tali aspetti e studi sono propri della disciplina della Fotogrammetria. Oltre alle informazioni geometriche, i fotogrammi contengono informazioni qualitative, utili per la produzione di carte tematiche; si noti che, storicamente, tale produzione non poteva basarsi unicamente sull interpretazione dei fotogrammi ma richiedeva la disponibilità di informazioni ottenute da vicino, ovvero rilevate sul campo; si può peraltro affermare che la Fotointerpretazione, ovvero la disciplina riguardante l analisi e l interpretazione delle informazioni qualitative contenute nei fotogrammi, è a tutti gli effetti una fra le discipline che hanno posto le basi per il telerilevamento. Allo scopo di facilitare la produzione di carte tematiche si iniziò a effettuare riprese fotografiche aeree con film sensibili all infrarosso oppure applicando filtri sulle camere di ripresa in modo da osservare singole bande dello spettro visibile. Lo studio delle applicazioni delle fotografie da aereo allo spionaggio militare diede un ulteriore impulso al filone di ricerca che pose le basi per il telerilevamento. A ogni modo si può affermare che la nascita del telerilevamento moderno avvenne con il lancio del satellite Landsat 1, ovvero il 23 luglio 1972; dopo di questo vennero lanciati altri sei satelliti della stessa famiglia, fino al Landsat 7, messo in orbita il 15 aprile Oltre ai satelliti Landsat, di proprietà della NASA, il 22 febbraio 1986 iniziò la serie dei satelliti francesi SPOT; il prossimo di questa famiglia, lo SPOT 5, verrà lanciato nel Le caratteristiche peculiari dei dati telerilevati sono tre. 1. La disponibilità di immagini del territorio in formato digitale anziché, come è il caso dei fotogrammi, in formato analogico. Ogni immagine si compone di pixel, ciascuno dei quali corrisponde a un quadrato della superficie terrestre; in particolare per il sensore MSS (Landsat 1-5) le dimensioni del pixel sono circa di m, per il Thematic Mapper (Landsat 4, 5) e per il sensore ETM+ (Landsat 7) le dimensioni del pixel sono di m; per i sensori sui satelliti SPOT, HRV (Spot 1, 2 e 3) e HRVIR (SPOT 4), le dimensioni del pixel sono di m; in futuro sono previsti sensori a maggior risoluzione, ovvero capaci di produrre immagini i cui pixel abbiano dimensioni di 1 1 m. 2. La regolarità dei dati, nel tempo e nello spazio. Infatti ogni satellite per telerilevamento passa sul medesimo punto del pianeta con un periodo as- Cap1.p65 4

3 ISBN INTRODUZIONE 5 segnato e noto: in particolare il periodo è di 16 giorni per i satelliti Landsat 4, 5 e 7, di 18 giorni per Landsat 1, 2 e 3 e di 26 giorni per i satelliti SPOT (1, 2, 3 e 4). Dopo tale periodo caratteristico la traccia dell orbita del satellite sulla superficie terrestre ripercorre il cammino già effettuato. 3. L uso di immagini multispettrali. Ciò significa che, per ogni ripresa, sono disponibili più immagini contemporanee e relative alla stessa scena; però ciascuna immagine contiene osservazioni su una diversa banda dello spettro. Nel caso del MSS le bande disponibili sono 4; per ETM e ETM+ sono 7; nel caso dei sensori HRV sono 3 e per HIRVIR sono 4. Esistono inoltre, già allo stato attuale, sensori iperspettrali, ovvero in grado di lavorare su centinaia di bande: questi, sinora, sono stati applicati solo in riprese aeree ma, per il futuro, è previsto di farne utilizzo anche a bordo di satelliti. Sono infine allo studio sensori ultraspettrali, con ancora più bande rispetto a quelli iperspettrali. Si distingue fra telerilevamento passivo e telerilevamento attivo. Nel primo caso l energia elettromagnetica misurata dal sensore è quella originata dal Sole e quindi riflessa o emessa dalla Terra; nel secondo caso l energia elettromagnetica misurata è quella prodotta da un apparato a bordo del satellite o dell aereo e poi riflessa dalla Terra. Il caso del telerilevamento attivo è quello del radar, come per esempio il SAR o altri sistemi radar alloggiati a bordo di aerei. Nel caso dello SPOT i dati forniti da satelliti per telerilevamento vengono anche utilizzati per scopi fotogrammetrici: due immagini della medesima porzione del territorio registrate da punti diversi vengono analizzate congiuntamente per ricostruire le caratteristiche geometriche del territorio stesso. Si prevede che in futuro, con l avvento dei sensori ad alta risoluzione (ovvero con pixel di 1 1 m), la fotogrammetria mediante riprese da satellite soppianterà le metodologie basate su riprese da aereo. L obiettivo del presente libro è quello di far comprendere al lettore come sia possibile ricavare informazioni qualitative sulle regioni del pianeta a partire da dati telerilevati mediante sensori alloggiati su satellite. Si discuterà il caso dei dati forniti da satelliti perché questi sono facilmente disponibili a un costo ragionevolmente basso; si discuteranno inoltre solo i contenuti qualitativi delle immagini poiché, come già scritto all inizio del capitolo, riteniamo che l analisi delle informazioni geometriche sia argomento specifico della fotogrammetria, che si tratti di immagini da aereo o da satellite, analogiche o digitali. Si consideri inoltre che esistono differenti metodologie di telerilevamento (per esempio quello attivo e quello passivo), le quali forniscono prodotti fra loro differenti. Un singolo libro non sarebbe sufficiente per una trattazione completa e consistente di tutte le metodologie di analisi e di tutti i prodotti forniti dal telerilevamento: si è perciò optato di esporre i metodi del telerilevamento per analisi qualitative, maggiormente diffusi e più agevolmente fruibili sia dalla collettività scientifica sia dagli enti interessati al controllo del territorio. Tratteremo l applicazione dei dati telerilevati per l analisi sui tipi di copertura del suolo e per il monitoraggio del territorio nel tempo; riteniamo infatti che tali applicazioni abbiano importanza fondamentale poiché forniscono a basso costo un importante strumento di supporto per tutte le politiche di pianificazione ambientale. A tale riguardo si ricorda che, tradizionalmente, i dati telerilevati venivano utilizzati per la produzione di carte tematiche, che già fornivano un efficace strumento di analisi ambientale. L evoluzione e Cap1.p65 5

4 6 CAPITOLO 1 ISBN Figura 1-1 Il telerilevamento: illustrazione del processo di identificazione del tipo di copertura del suolo mediante la classificazione dei pixel in un immagine multispettrale. I diversi tipi di copertura del suolo, come per esempio l acqua (A), la vegetazione (V) o il suolo spoglio (S), riflettono percentuali differenti della radiazione incidente, a seconda della sua lunghezza d onda. La funzione di riflettività ρ(λ) fornisce la firma spettrale che caratterizza ogni particolare tipo di copertura del suolo (classe). Un sensore multispettrale a bordo di un satellite per telerilevamento registra un immagine multispettrale; questa si compone di differenti immagini riferite esattamente alla stessa scena della superficie terrestre: ciascuna di esse è relativa a una banda specifica dello spettro della radiazione e centrata su un valore medio di lunghezza d onda λ 1, λ 2, λ 3,..., λ B. I pixel di ciascuna classe hanno valori x 1 = ρ(λ 1 ), x 2 = ρ(λ 2 ), x 3 = ρ(λ 3 ),..., x B = ρ(λ B ): questi vengono considerati come coordinate della posizione del pixel in uno spazio astratto B-dimensionale, detto spazio multispettrale; i tipi di copertura del terreno vengono separati e identificati in funzione della regione dello spazio multispettrale occupata dai loro pixel. Nell esempio illustrato, riferito a tre bande (B = 3), le coordinate multispettrali per un pixel di acqua sono a 1, a 2, a 3, per uno di vegetazione v 1, v 2, v 3 e per uno di suolo s 1, s 2, s 3. Gli altri pixel della stessa classe hanno posizione prossima nello spazio multispettrale. Cap1.p65 6

5 ISBN INTRODUZIONE 7 soprattutto la diffusione dei Geographical Information System (GIS) permette oggi di inserire i dati telerilevati in sistemi complessi, ove essi si integrano con altre informazioni, provenienti da altre fonti, riguardanti il territorio: i dati telerilevati si sono dunque evoluti dalla funzione di semplice produzione cartografica al ruolo di informazioni numeriche e qualitative, concorrenti nei processi di monitoraggio e pianificazione ambientali. Il processo di deduzione di informazioni qualitative sul territorio a partire da immagini telerilevate richiede di applicare opportune metodologie di classificazione ai dati stessi. Cosa si intende per classificazione? Il principio di analisi è, a una prima lettura, molto semplice; ogni areola del territorio di dimensioni corrispondenti alla risoluzione del sensore è identificata nell immagine telerilevata da un pixel; per ciascun pixel sono registrati i valori numerici di riflettività del terreno, misurati per le diverse bande di acquisizione del sensore. I singoli pixel dell immagine vengono raggruppati in classi, in base a opportuni principi di similarità; alle diverse classi vengono infine attribuite le relative etichette ; ciò avviene mediante il confronto fra i valori di riflettività misurati per la classe e quelli noti a priori per diverse tipologie di copertura del suolo. In realtà però, nel processamento dei dati, si devono affrontare diverse problematiche, la più significativa delle quali è dovuta agli effetti atmosferici sulle osservazioni. Si ricorda infatti che l energia elettromagnetica riflessa ed emessa dal suolo attraversa l atmosfera terrestre; subisce quindi fenomeni di assorbimento e diffusione la cui entità varia nel tempo e nello spazio. Perciò l energia misurata dal sensore non coincide esattamente con la riflettività del terreno ma contiene termini non trascurabili di disturbo; si noti che tali disturbi assumono un comportamento quasi sistematico sulla singola immagine e quindi modificano in modo omogeneo i valori di tutti i suoi pixel rispetto a quelli di riferimento. Vi è inoltre da considerare l eterogeneità presente anche in zone omogenee del territorio, che comporta sulle immagini un effetto simile a un rumore di osservazione: per fare un esempio direttamente legato alla nostra percezione, ovvero nello spettro del visibile, si pensi alla variabilità del colore di un bosco. Quindi, per sintetizzare, i valori presenti nelle immagini si discostano sempre da quelli di riferimento e, anche all interno di zone omogenee, possono variare significativamente. I metodi di classificazione non possono quindi basarsi su criteri di confronto esatto fra i valori osservati e una libreria di valori di riferimento. Per la classificazione vengono invece analizzate le relazioni di prossimità fra i pixel dell immagine nello spazio multispettrale: il principio comune a tutti i metodi di classificazione è quello di unire in classi i pixel fra loro vicini e disgiungere quelli fra loro lontani. Non vi è comunque un metodo univoco per la classificazione poiché sono state proposte diverse nozioni di distanza nello spazio multispettrale: in tali nozioni assume ruolo fondamentale la statistica, che rappresenta lo strumento necessario per l analisi delle incertezze nei valori osservati. Si ricorda ancora che, nel nostro caso, tali incertezze sono associate alle variazioni effettive della riflettività dei pixel appartenenti alla medesima classe più che agli errori di misura. Nell esposizione degli argomenti gli autori hanno sempre cercato di fornire in modo sufficientemente completo le nozioni di base necessarie per la loro comprensione; quando tali nozioni rappresentano parte integrante del discorso sono state inserite nel relativo capitolo; in caso diverso sono state Cap1.p65 7

6 8 CAPITOLO 1 ISBN accorpate nelle appendici. Per la natura stessa del problema esposto è comunque opportuno che il lettore abbia già nozioni di base di statistica; è inoltre necessaria una ragionevole consuetudine con i metodi di calcolo per quantità scalari, vettoriali e matriciali. La disciplina del telerilevamento trae fonti e interagisce strettamente con diverse altre discipline; fra queste hanno ruolo fondamentale l Analisi di immagine e il Riconoscimento di forme. La prima fornisce al telerilevamento gli strumenti teorici e numerici per l elaborazione delle immagini telerilevate e per il loro miglioramento ai fini dell interpretazione visiva e della classificazione. Il riconoscimento di forme è viceversa la disciplina matematica e statistica che studia la classificazione di oggetti in base alle corrispondenze esistenti fra gli oggetti stessi e insiemi di valori numerici: la classificazione delle immagini telerilevate costituisce dunque un applicazione della teoria generale del riconoscimento di forme. L osservabile di base del telerilevamento è l energia elettromagnetica riflessa dal suolo e incidente sul sensore. Il libro inizia quindi con un capitolo nel quale vengono esposte le definizioni fondamentali di radiazione elettromagnetica e le leggi che ne governano l emissione e la riflessione da parte di corpi, necessarie per la comprensione dei dati telerilevati. Viene quindi introdotto il concetto di spettro della radiazione e di firma spettrale dei corpi riflettenti. Lo studio dello spettro della radiazione elettromagnetica richiede inoltre l utilizzo dei metodi di analisi mediante sviluppo di Fourier e alcune nozioni relative alla teoria dei segnali: tali nozioni vengono sinteticamente esposte nell Appendice A. I sensori alloggiati a bordo di satelliti artificiali costituiscono gli strumenti principali per l osservazione di dati telerilevati. Il Capitolo 3 riporta quindi un elenco dei sensori utilizzati nelle diverse missioni per telerilevamento e, ovviamente, una descrizione delle loro caratteristiche principali. Vengono inoltre illustrati i formati dei dati e i metodi di visualizzazione delle immagini digitali. Abbiamo infine ritenuto opportuno fornire al lettore una spiegazione sintetica ma completa sulle caratteristiche orbitali delle missioni di telerilevamento e sui criteri adottati per la loro progettazione; tali informazioni sono contenute nell Appendice D. La forma geometrica di un immagine, analogica o digitale, relativa a una porzione del territorio dipende sempre dal punto di presa e dal metodo di acquisizione dell immagine stessa. Un passo necessario nell analisi di im- Cap1.p65 8

7 ISBN INTRODUZIONE 9 magini telerilevate consiste nel passaggio di ciascuna immagine a un sistema di proiezione cartografica assunto come riferimento: tale processo prende il nome di registrazione dell immagine su una carta. Si noti che, in alternativa, per alcune applicazioni, può essere necessario effettuare una registrazione su un altra immagine. Tutte le problematiche relative alla registrazione di immagini, nota anche come correzione geometrica, vengono descritte nel Capitolo 4. I valori osservati per i pixel di un immagine telerilevata dipendono significativamente dagli effetti dell atmosfera; inoltre sono funzione di alcuni parametri di calibrazione del sensore utilizzato per l acquisizione. I nostri scopi sono l interpretazione e la classificazione delle caratteristiche del suolo a partire dalle immagini; per eliminare o quantomeno minimizzare gli altri fattori è perciò necessario, prima di qualunque analisi, effettuare opportune correzioni sui dati. Nel Capitolo 5 vengono descritti gli effetti atmosferici e quelli dovuti alla calibrazione dei sensori; vengono quindi spiegate le diverse metodologie per la loro correzione, con particolare riguardo ai numerosi problemi ancora irrisolti. I tre capitoli seguenti espongono alcuni metodi tipici dell analisi di immagine, come vengono applicati separatamente a ogni banda delle immagini multispettrali telerilevate. In particolare il Capitolo 6 tratta i metodi di trasformazione di immagini basati sull analisi statistica dei valori dei pixel, senza relazione alla loro posizione nell immagine. A tale capitolo è collegata l Appendice B, che contiene nozioni di base sulla statistica delle immagini; si ricorda comunque che tale appendice è di utilità generale anche per i capitoli successivi. I Capitoli 7 e 8 spiegano viceversa i metodi di trasformazione delle immagini basati sulla posizione geometrica dei pixel nell immagine stessa. In particolare il Capitolo 7 illustra i metodi di filtraggio mediante finestre mobili: questi sono basati su principi di interpolazione locale, che vengono descritti nell Appendice C. Nel Capitolo 8 vengono invece definiti i metodi di filtraggio basati sulla trasformata di Fourier, che servono per trasformare l immagine in modo da enfatizzare o ridurre componenti assegnate del suo spettro. I Capitoli 9, 10 e 11 trattano i metodi di trasformazione multispettrale delle immagini telerilevate. Il primo insieme di metodi, presentato nel Capitolo 9, si basa sull applicazione di operatori algebrici ai valori registrati per ciascun pixel nelle diverse bande dell immagine originale; tali trasformazioni algebriche trovano applicazione soprattutto nell analisi delle caratteristiche di vegetazione del territorio. Nei due capitoli successivi vengono illustrati i metodi di trasformazione dei valori dei pixel che sono basati su rotazioni nello spazio multispettrale: le bande originarie vengono cioè trasformate in altrettante pseudobande. In particolare il metodo per Componenti principali (Capitolo 10) adotta per la trasformazione il principio di decorrelazione delle bande; inoltre è strutturato in modo tale che le nuove bande siano ordinate con varianza decrescente. Il metodo del Tasseled Cap (Capitolo 11) si basa su una rotazione al termine della quale i nuovi assi (bande) e i nuovi piani (coppie di bande) dello spazio multispettrale sono posti lungo direzioni legate a specifiche caratteristiche fisiche del suolo e della vegetazione. Gli ultimi quattro capitoli trattano infine il problema della classificazione delle immagini telerilevate. Il Capitolo 12 costituisce un introduzione generale alla classificazione che, nel caso del telerilevamento, è principalmente di Cap1.p65 9

8 10 CAPITOLO 1 ISBN tipo relativo; nel capitolo tale metodo viene confrontato con il metodo di classificazione assoluta, per il quale si illustrano le principali problematiche che ne impediscono l applicazione ai dati telerilevati. Nel Capitolo 13 vengono introdotti e discussi i concetti fondamentali (funzioni di decisione e loro applicazione alla classificazione) del riconoscimento di forme; viene inoltre discusso il concetto di funzione di distanza nella classificazione. Ricordiamo che esistono due approcci generali alla classificazione: i metodi di tipo supervisionato e quelli di tipo non supervisionato. I primi si basano sulla conoscenza a priori delle classi di appartenenza per alcuni pixel dell immagine da classificare, mentre gli altri non richiedono tale tipo di informazione. Il Capitolo 14 tratta i metodi di classificazione non supervisionata e il corrispondente concetto di clusterizzazione; sono inoltre illustrati i due algoritmi di classificazione non supervisionata maggiormente utilizzati nell analisi di immagini telerilevate: l algoritmo K-means e l algoritmo ISODATA. Il Capitolo 15 illustra innanzitutto le caratteristiche dei diversi metodi di classificazione supervisionata. Quindi, a partire dal concetto generale di classificazione bayesiana, si dimostra come i metodi di classificazione supervisionata rappresentino casi particolari del metodo bayesiano, dal quale sono derivati mediante semplificazioni successive. Nel Capitolo 16 vengono presentati i nuovi sviluppi legati all applicazione dei metodi di intelligenza artificiale per la classificazione automatica delle immagini telerilevate. Il processo centrale di tali metodi è l addestramento ovvero la capacità dell algoritmo di addestrarsi (ovvero modificarsi autonomamente) in base alla conoscenza dei valori di un certo numero di pixel di classe nota. In particolare vengono descritti sinteticamente i metodi legati all utilizzo di reti neurali artificiali. Gli scopi primari del testo sono quelli di fornire una descrizione e una discussione dei principi del telerilevamento, delle fonti dei dati, dei metodi di analisi delle immagini telerilevate e delle relative problematiche: a tale compito vuole assolvere la parte cartacea del presente volume. Si voleva però fornire anche un compendio applicativo ed esemplificativo alla discussione formale delle problematiche del telerilevamento. A tale compito è dedicato il CD ROM allegato al libro. Si è adottato come esempio di applicativo per la lettura, la visualizzazione e l analisi di dati telerilevati il programma ENVI 3.2. Il CD si compone di due parti. Nella prima vengono illustrati il significato e l utilizzo dei diversi tool presenti in ENVI. Per i comandi più semplici, o per quelli di uso meno frequente, è fornita la pura descrizione; viceversa i più complessi e quelli maggiormente utilizzati sono descritti passo a passo. La seconda parte del CD è suddivisa come i capitoli del libro: per ogni argomento trattato vengono forniti numerosi esempi, ovvero i risultati ottenuti dall applicazione dei relativi comandi di ENVI. Evidentemente, in tale contesto, si pone particolare attenzione ai metodi di maggior interesse per l utente finale, ovvero ai metodi di visualizzazione, analisi e classificazione delle immagini telerilevate. Mancano esempi di applicazione delle reti neurali: questi non erano infatti implementati in ENVI 3.2; sono però presenti nelle nuove versioni del programma e saranno quindi presentati nella prossima edizione del libro. Cap1.p65 10

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli