Introduzione CAPITOLO 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione CAPITOLO 1"

Transcript

1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni: quindi in senso esteso tale termine può essere utilizzato per qualunque metodo di osservazione effettuata a distanza dall oggetto di indagine. La definizione risulta evidentemente così generale da poter essere applicata alla maggior parte dei metodi di indagine scientifica. In un senso più ristretto, e nella sua accezione usuale, il termine telerilevamento viene utilizzato per indicare tutti i metodi di osservazione della Terra nei quali la radianza elettromagnetica costituisce il veicolo di trasporto dell informazione dall oggetto di indagine al sensore. In altre lingue per indicare tale insieme di metodologie di osservazione si adottano termini analoghi: in inglese Remote Sensing (percezione da lontano); in francese Teledetection (rilevazione da lontano); in tedesco Fernkundung (conoscenza da lontano). Cosa si intende per osservazione della Terra? In questo contesto si intende l osservazione dei diversi tipi di copertura della superficie terrestre. Tale osservazione contiene intrinsecamente due tipi di informazioni; vi è un contenuto qualitativo sulla tipologia di copertura: acque, boschi, minerali, terreno coltivato, terreno edificato ecc.; vi è anche un informazione geometrica, ovvero quella relativa alla posizione e ai contorni delle diverse qualità identificate. Le discipline collegate al telerilevamento vertono principalmente sull analisi qualitativa delle osservazioni, mentre l analisi delle loro caratteristiche geometriche è propria della disciplina della Fotogrammetria. Esiste un eccezione a tale affermazione, ed è quella del Synthetic Aperture Radar (SAR): tale metodologia viene infatti inserita nell ambito della disciplina del telerilevamento ma si pone come scopo uno specifico tipo di analisi geometrica. Per chiarire compiutamente il senso di tali definizioni è opportuno un breve excursus storico sull evoluzione delle diverse discipline concernenti l osservazione della Terra mediante sensori. Storicamente il primo sensore capace di utilizzare la radianza elettromagnetica (nella parte visibile dello spettro elettromagnetico) per raccogliere informazioni sulle caratteristiche del terreno è stata la camera fotografica; la sua prima applicazione da lontano avvenne a bordo di aerei per la produzione di carte topografiche. In tale applicazione, qualora si voglia ottenere la ricostruzione tridimensionale della forma del territorio, è necessario fotografare la medesima porzione del Cap1.p65 3

2 4 CAPITOLO 1 ISBN territorio da almeno due punti di presa diversi; sono inoltre necessari particolari metodi di analisi dei fotogrammi. Tali aspetti e studi sono propri della disciplina della Fotogrammetria. Oltre alle informazioni geometriche, i fotogrammi contengono informazioni qualitative, utili per la produzione di carte tematiche; si noti che, storicamente, tale produzione non poteva basarsi unicamente sull interpretazione dei fotogrammi ma richiedeva la disponibilità di informazioni ottenute da vicino, ovvero rilevate sul campo; si può peraltro affermare che la Fotointerpretazione, ovvero la disciplina riguardante l analisi e l interpretazione delle informazioni qualitative contenute nei fotogrammi, è a tutti gli effetti una fra le discipline che hanno posto le basi per il telerilevamento. Allo scopo di facilitare la produzione di carte tematiche si iniziò a effettuare riprese fotografiche aeree con film sensibili all infrarosso oppure applicando filtri sulle camere di ripresa in modo da osservare singole bande dello spettro visibile. Lo studio delle applicazioni delle fotografie da aereo allo spionaggio militare diede un ulteriore impulso al filone di ricerca che pose le basi per il telerilevamento. A ogni modo si può affermare che la nascita del telerilevamento moderno avvenne con il lancio del satellite Landsat 1, ovvero il 23 luglio 1972; dopo di questo vennero lanciati altri sei satelliti della stessa famiglia, fino al Landsat 7, messo in orbita il 15 aprile Oltre ai satelliti Landsat, di proprietà della NASA, il 22 febbraio 1986 iniziò la serie dei satelliti francesi SPOT; il prossimo di questa famiglia, lo SPOT 5, verrà lanciato nel Le caratteristiche peculiari dei dati telerilevati sono tre. 1. La disponibilità di immagini del territorio in formato digitale anziché, come è il caso dei fotogrammi, in formato analogico. Ogni immagine si compone di pixel, ciascuno dei quali corrisponde a un quadrato della superficie terrestre; in particolare per il sensore MSS (Landsat 1-5) le dimensioni del pixel sono circa di m, per il Thematic Mapper (Landsat 4, 5) e per il sensore ETM+ (Landsat 7) le dimensioni del pixel sono di m; per i sensori sui satelliti SPOT, HRV (Spot 1, 2 e 3) e HRVIR (SPOT 4), le dimensioni del pixel sono di m; in futuro sono previsti sensori a maggior risoluzione, ovvero capaci di produrre immagini i cui pixel abbiano dimensioni di 1 1 m. 2. La regolarità dei dati, nel tempo e nello spazio. Infatti ogni satellite per telerilevamento passa sul medesimo punto del pianeta con un periodo as- Cap1.p65 4

3 ISBN INTRODUZIONE 5 segnato e noto: in particolare il periodo è di 16 giorni per i satelliti Landsat 4, 5 e 7, di 18 giorni per Landsat 1, 2 e 3 e di 26 giorni per i satelliti SPOT (1, 2, 3 e 4). Dopo tale periodo caratteristico la traccia dell orbita del satellite sulla superficie terrestre ripercorre il cammino già effettuato. 3. L uso di immagini multispettrali. Ciò significa che, per ogni ripresa, sono disponibili più immagini contemporanee e relative alla stessa scena; però ciascuna immagine contiene osservazioni su una diversa banda dello spettro. Nel caso del MSS le bande disponibili sono 4; per ETM e ETM+ sono 7; nel caso dei sensori HRV sono 3 e per HIRVIR sono 4. Esistono inoltre, già allo stato attuale, sensori iperspettrali, ovvero in grado di lavorare su centinaia di bande: questi, sinora, sono stati applicati solo in riprese aeree ma, per il futuro, è previsto di farne utilizzo anche a bordo di satelliti. Sono infine allo studio sensori ultraspettrali, con ancora più bande rispetto a quelli iperspettrali. Si distingue fra telerilevamento passivo e telerilevamento attivo. Nel primo caso l energia elettromagnetica misurata dal sensore è quella originata dal Sole e quindi riflessa o emessa dalla Terra; nel secondo caso l energia elettromagnetica misurata è quella prodotta da un apparato a bordo del satellite o dell aereo e poi riflessa dalla Terra. Il caso del telerilevamento attivo è quello del radar, come per esempio il SAR o altri sistemi radar alloggiati a bordo di aerei. Nel caso dello SPOT i dati forniti da satelliti per telerilevamento vengono anche utilizzati per scopi fotogrammetrici: due immagini della medesima porzione del territorio registrate da punti diversi vengono analizzate congiuntamente per ricostruire le caratteristiche geometriche del territorio stesso. Si prevede che in futuro, con l avvento dei sensori ad alta risoluzione (ovvero con pixel di 1 1 m), la fotogrammetria mediante riprese da satellite soppianterà le metodologie basate su riprese da aereo. L obiettivo del presente libro è quello di far comprendere al lettore come sia possibile ricavare informazioni qualitative sulle regioni del pianeta a partire da dati telerilevati mediante sensori alloggiati su satellite. Si discuterà il caso dei dati forniti da satelliti perché questi sono facilmente disponibili a un costo ragionevolmente basso; si discuteranno inoltre solo i contenuti qualitativi delle immagini poiché, come già scritto all inizio del capitolo, riteniamo che l analisi delle informazioni geometriche sia argomento specifico della fotogrammetria, che si tratti di immagini da aereo o da satellite, analogiche o digitali. Si consideri inoltre che esistono differenti metodologie di telerilevamento (per esempio quello attivo e quello passivo), le quali forniscono prodotti fra loro differenti. Un singolo libro non sarebbe sufficiente per una trattazione completa e consistente di tutte le metodologie di analisi e di tutti i prodotti forniti dal telerilevamento: si è perciò optato di esporre i metodi del telerilevamento per analisi qualitative, maggiormente diffusi e più agevolmente fruibili sia dalla collettività scientifica sia dagli enti interessati al controllo del territorio. Tratteremo l applicazione dei dati telerilevati per l analisi sui tipi di copertura del suolo e per il monitoraggio del territorio nel tempo; riteniamo infatti che tali applicazioni abbiano importanza fondamentale poiché forniscono a basso costo un importante strumento di supporto per tutte le politiche di pianificazione ambientale. A tale riguardo si ricorda che, tradizionalmente, i dati telerilevati venivano utilizzati per la produzione di carte tematiche, che già fornivano un efficace strumento di analisi ambientale. L evoluzione e Cap1.p65 5

4 6 CAPITOLO 1 ISBN Figura 1-1 Il telerilevamento: illustrazione del processo di identificazione del tipo di copertura del suolo mediante la classificazione dei pixel in un immagine multispettrale. I diversi tipi di copertura del suolo, come per esempio l acqua (A), la vegetazione (V) o il suolo spoglio (S), riflettono percentuali differenti della radiazione incidente, a seconda della sua lunghezza d onda. La funzione di riflettività ρ(λ) fornisce la firma spettrale che caratterizza ogni particolare tipo di copertura del suolo (classe). Un sensore multispettrale a bordo di un satellite per telerilevamento registra un immagine multispettrale; questa si compone di differenti immagini riferite esattamente alla stessa scena della superficie terrestre: ciascuna di esse è relativa a una banda specifica dello spettro della radiazione e centrata su un valore medio di lunghezza d onda λ 1, λ 2, λ 3,..., λ B. I pixel di ciascuna classe hanno valori x 1 = ρ(λ 1 ), x 2 = ρ(λ 2 ), x 3 = ρ(λ 3 ),..., x B = ρ(λ B ): questi vengono considerati come coordinate della posizione del pixel in uno spazio astratto B-dimensionale, detto spazio multispettrale; i tipi di copertura del terreno vengono separati e identificati in funzione della regione dello spazio multispettrale occupata dai loro pixel. Nell esempio illustrato, riferito a tre bande (B = 3), le coordinate multispettrali per un pixel di acqua sono a 1, a 2, a 3, per uno di vegetazione v 1, v 2, v 3 e per uno di suolo s 1, s 2, s 3. Gli altri pixel della stessa classe hanno posizione prossima nello spazio multispettrale. Cap1.p65 6

5 ISBN INTRODUZIONE 7 soprattutto la diffusione dei Geographical Information System (GIS) permette oggi di inserire i dati telerilevati in sistemi complessi, ove essi si integrano con altre informazioni, provenienti da altre fonti, riguardanti il territorio: i dati telerilevati si sono dunque evoluti dalla funzione di semplice produzione cartografica al ruolo di informazioni numeriche e qualitative, concorrenti nei processi di monitoraggio e pianificazione ambientali. Il processo di deduzione di informazioni qualitative sul territorio a partire da immagini telerilevate richiede di applicare opportune metodologie di classificazione ai dati stessi. Cosa si intende per classificazione? Il principio di analisi è, a una prima lettura, molto semplice; ogni areola del territorio di dimensioni corrispondenti alla risoluzione del sensore è identificata nell immagine telerilevata da un pixel; per ciascun pixel sono registrati i valori numerici di riflettività del terreno, misurati per le diverse bande di acquisizione del sensore. I singoli pixel dell immagine vengono raggruppati in classi, in base a opportuni principi di similarità; alle diverse classi vengono infine attribuite le relative etichette ; ciò avviene mediante il confronto fra i valori di riflettività misurati per la classe e quelli noti a priori per diverse tipologie di copertura del suolo. In realtà però, nel processamento dei dati, si devono affrontare diverse problematiche, la più significativa delle quali è dovuta agli effetti atmosferici sulle osservazioni. Si ricorda infatti che l energia elettromagnetica riflessa ed emessa dal suolo attraversa l atmosfera terrestre; subisce quindi fenomeni di assorbimento e diffusione la cui entità varia nel tempo e nello spazio. Perciò l energia misurata dal sensore non coincide esattamente con la riflettività del terreno ma contiene termini non trascurabili di disturbo; si noti che tali disturbi assumono un comportamento quasi sistematico sulla singola immagine e quindi modificano in modo omogeneo i valori di tutti i suoi pixel rispetto a quelli di riferimento. Vi è inoltre da considerare l eterogeneità presente anche in zone omogenee del territorio, che comporta sulle immagini un effetto simile a un rumore di osservazione: per fare un esempio direttamente legato alla nostra percezione, ovvero nello spettro del visibile, si pensi alla variabilità del colore di un bosco. Quindi, per sintetizzare, i valori presenti nelle immagini si discostano sempre da quelli di riferimento e, anche all interno di zone omogenee, possono variare significativamente. I metodi di classificazione non possono quindi basarsi su criteri di confronto esatto fra i valori osservati e una libreria di valori di riferimento. Per la classificazione vengono invece analizzate le relazioni di prossimità fra i pixel dell immagine nello spazio multispettrale: il principio comune a tutti i metodi di classificazione è quello di unire in classi i pixel fra loro vicini e disgiungere quelli fra loro lontani. Non vi è comunque un metodo univoco per la classificazione poiché sono state proposte diverse nozioni di distanza nello spazio multispettrale: in tali nozioni assume ruolo fondamentale la statistica, che rappresenta lo strumento necessario per l analisi delle incertezze nei valori osservati. Si ricorda ancora che, nel nostro caso, tali incertezze sono associate alle variazioni effettive della riflettività dei pixel appartenenti alla medesima classe più che agli errori di misura. Nell esposizione degli argomenti gli autori hanno sempre cercato di fornire in modo sufficientemente completo le nozioni di base necessarie per la loro comprensione; quando tali nozioni rappresentano parte integrante del discorso sono state inserite nel relativo capitolo; in caso diverso sono state Cap1.p65 7

6 8 CAPITOLO 1 ISBN accorpate nelle appendici. Per la natura stessa del problema esposto è comunque opportuno che il lettore abbia già nozioni di base di statistica; è inoltre necessaria una ragionevole consuetudine con i metodi di calcolo per quantità scalari, vettoriali e matriciali. La disciplina del telerilevamento trae fonti e interagisce strettamente con diverse altre discipline; fra queste hanno ruolo fondamentale l Analisi di immagine e il Riconoscimento di forme. La prima fornisce al telerilevamento gli strumenti teorici e numerici per l elaborazione delle immagini telerilevate e per il loro miglioramento ai fini dell interpretazione visiva e della classificazione. Il riconoscimento di forme è viceversa la disciplina matematica e statistica che studia la classificazione di oggetti in base alle corrispondenze esistenti fra gli oggetti stessi e insiemi di valori numerici: la classificazione delle immagini telerilevate costituisce dunque un applicazione della teoria generale del riconoscimento di forme. L osservabile di base del telerilevamento è l energia elettromagnetica riflessa dal suolo e incidente sul sensore. Il libro inizia quindi con un capitolo nel quale vengono esposte le definizioni fondamentali di radiazione elettromagnetica e le leggi che ne governano l emissione e la riflessione da parte di corpi, necessarie per la comprensione dei dati telerilevati. Viene quindi introdotto il concetto di spettro della radiazione e di firma spettrale dei corpi riflettenti. Lo studio dello spettro della radiazione elettromagnetica richiede inoltre l utilizzo dei metodi di analisi mediante sviluppo di Fourier e alcune nozioni relative alla teoria dei segnali: tali nozioni vengono sinteticamente esposte nell Appendice A. I sensori alloggiati a bordo di satelliti artificiali costituiscono gli strumenti principali per l osservazione di dati telerilevati. Il Capitolo 3 riporta quindi un elenco dei sensori utilizzati nelle diverse missioni per telerilevamento e, ovviamente, una descrizione delle loro caratteristiche principali. Vengono inoltre illustrati i formati dei dati e i metodi di visualizzazione delle immagini digitali. Abbiamo infine ritenuto opportuno fornire al lettore una spiegazione sintetica ma completa sulle caratteristiche orbitali delle missioni di telerilevamento e sui criteri adottati per la loro progettazione; tali informazioni sono contenute nell Appendice D. La forma geometrica di un immagine, analogica o digitale, relativa a una porzione del territorio dipende sempre dal punto di presa e dal metodo di acquisizione dell immagine stessa. Un passo necessario nell analisi di im- Cap1.p65 8

7 ISBN INTRODUZIONE 9 magini telerilevate consiste nel passaggio di ciascuna immagine a un sistema di proiezione cartografica assunto come riferimento: tale processo prende il nome di registrazione dell immagine su una carta. Si noti che, in alternativa, per alcune applicazioni, può essere necessario effettuare una registrazione su un altra immagine. Tutte le problematiche relative alla registrazione di immagini, nota anche come correzione geometrica, vengono descritte nel Capitolo 4. I valori osservati per i pixel di un immagine telerilevata dipendono significativamente dagli effetti dell atmosfera; inoltre sono funzione di alcuni parametri di calibrazione del sensore utilizzato per l acquisizione. I nostri scopi sono l interpretazione e la classificazione delle caratteristiche del suolo a partire dalle immagini; per eliminare o quantomeno minimizzare gli altri fattori è perciò necessario, prima di qualunque analisi, effettuare opportune correzioni sui dati. Nel Capitolo 5 vengono descritti gli effetti atmosferici e quelli dovuti alla calibrazione dei sensori; vengono quindi spiegate le diverse metodologie per la loro correzione, con particolare riguardo ai numerosi problemi ancora irrisolti. I tre capitoli seguenti espongono alcuni metodi tipici dell analisi di immagine, come vengono applicati separatamente a ogni banda delle immagini multispettrali telerilevate. In particolare il Capitolo 6 tratta i metodi di trasformazione di immagini basati sull analisi statistica dei valori dei pixel, senza relazione alla loro posizione nell immagine. A tale capitolo è collegata l Appendice B, che contiene nozioni di base sulla statistica delle immagini; si ricorda comunque che tale appendice è di utilità generale anche per i capitoli successivi. I Capitoli 7 e 8 spiegano viceversa i metodi di trasformazione delle immagini basati sulla posizione geometrica dei pixel nell immagine stessa. In particolare il Capitolo 7 illustra i metodi di filtraggio mediante finestre mobili: questi sono basati su principi di interpolazione locale, che vengono descritti nell Appendice C. Nel Capitolo 8 vengono invece definiti i metodi di filtraggio basati sulla trasformata di Fourier, che servono per trasformare l immagine in modo da enfatizzare o ridurre componenti assegnate del suo spettro. I Capitoli 9, 10 e 11 trattano i metodi di trasformazione multispettrale delle immagini telerilevate. Il primo insieme di metodi, presentato nel Capitolo 9, si basa sull applicazione di operatori algebrici ai valori registrati per ciascun pixel nelle diverse bande dell immagine originale; tali trasformazioni algebriche trovano applicazione soprattutto nell analisi delle caratteristiche di vegetazione del territorio. Nei due capitoli successivi vengono illustrati i metodi di trasformazione dei valori dei pixel che sono basati su rotazioni nello spazio multispettrale: le bande originarie vengono cioè trasformate in altrettante pseudobande. In particolare il metodo per Componenti principali (Capitolo 10) adotta per la trasformazione il principio di decorrelazione delle bande; inoltre è strutturato in modo tale che le nuove bande siano ordinate con varianza decrescente. Il metodo del Tasseled Cap (Capitolo 11) si basa su una rotazione al termine della quale i nuovi assi (bande) e i nuovi piani (coppie di bande) dello spazio multispettrale sono posti lungo direzioni legate a specifiche caratteristiche fisiche del suolo e della vegetazione. Gli ultimi quattro capitoli trattano infine il problema della classificazione delle immagini telerilevate. Il Capitolo 12 costituisce un introduzione generale alla classificazione che, nel caso del telerilevamento, è principalmente di Cap1.p65 9

8 10 CAPITOLO 1 ISBN tipo relativo; nel capitolo tale metodo viene confrontato con il metodo di classificazione assoluta, per il quale si illustrano le principali problematiche che ne impediscono l applicazione ai dati telerilevati. Nel Capitolo 13 vengono introdotti e discussi i concetti fondamentali (funzioni di decisione e loro applicazione alla classificazione) del riconoscimento di forme; viene inoltre discusso il concetto di funzione di distanza nella classificazione. Ricordiamo che esistono due approcci generali alla classificazione: i metodi di tipo supervisionato e quelli di tipo non supervisionato. I primi si basano sulla conoscenza a priori delle classi di appartenenza per alcuni pixel dell immagine da classificare, mentre gli altri non richiedono tale tipo di informazione. Il Capitolo 14 tratta i metodi di classificazione non supervisionata e il corrispondente concetto di clusterizzazione; sono inoltre illustrati i due algoritmi di classificazione non supervisionata maggiormente utilizzati nell analisi di immagini telerilevate: l algoritmo K-means e l algoritmo ISODATA. Il Capitolo 15 illustra innanzitutto le caratteristiche dei diversi metodi di classificazione supervisionata. Quindi, a partire dal concetto generale di classificazione bayesiana, si dimostra come i metodi di classificazione supervisionata rappresentino casi particolari del metodo bayesiano, dal quale sono derivati mediante semplificazioni successive. Nel Capitolo 16 vengono presentati i nuovi sviluppi legati all applicazione dei metodi di intelligenza artificiale per la classificazione automatica delle immagini telerilevate. Il processo centrale di tali metodi è l addestramento ovvero la capacità dell algoritmo di addestrarsi (ovvero modificarsi autonomamente) in base alla conoscenza dei valori di un certo numero di pixel di classe nota. In particolare vengono descritti sinteticamente i metodi legati all utilizzo di reti neurali artificiali. Gli scopi primari del testo sono quelli di fornire una descrizione e una discussione dei principi del telerilevamento, delle fonti dei dati, dei metodi di analisi delle immagini telerilevate e delle relative problematiche: a tale compito vuole assolvere la parte cartacea del presente volume. Si voleva però fornire anche un compendio applicativo ed esemplificativo alla discussione formale delle problematiche del telerilevamento. A tale compito è dedicato il CD ROM allegato al libro. Si è adottato come esempio di applicativo per la lettura, la visualizzazione e l analisi di dati telerilevati il programma ENVI 3.2. Il CD si compone di due parti. Nella prima vengono illustrati il significato e l utilizzo dei diversi tool presenti in ENVI. Per i comandi più semplici, o per quelli di uso meno frequente, è fornita la pura descrizione; viceversa i più complessi e quelli maggiormente utilizzati sono descritti passo a passo. La seconda parte del CD è suddivisa come i capitoli del libro: per ogni argomento trattato vengono forniti numerosi esempi, ovvero i risultati ottenuti dall applicazione dei relativi comandi di ENVI. Evidentemente, in tale contesto, si pone particolare attenzione ai metodi di maggior interesse per l utente finale, ovvero ai metodi di visualizzazione, analisi e classificazione delle immagini telerilevate. Mancano esempi di applicazione delle reti neurali: questi non erano infatti implementati in ENVI 3.2; sono però presenti nelle nuove versioni del programma e saranno quindi presentati nella prossima edizione del libro. Cap1.p65 10

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente Orientamento Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente N. Pierdicca - pierdicca@die.uniroma1.it V. Ferrara - ferrara@die.uniroma1.it Sistemi complessi per l ambiente Monitoraggio ambientale /

Dettagli

2 IL TELERILEVAMENTO

2 IL TELERILEVAMENTO 2 IL TELERILEVAMENTO Il termine telerilevamento (remote sensing) si riferisce a misure effettuate mediante sistemi non in contatto con l'oggetto o il fenomeno da rilevare. Gli strumenti di misura possono

Dettagli

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE E PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO ESAME DI TOPOGRAFIA E GEOMATICA mod. II Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto Relazione

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

3.3 TECNICHE E METODI DEL TELERILEVAMENTO

3.3 TECNICHE E METODI DEL TELERILEVAMENTO Aerofotogrammetria 3.3 TECNICHE E METODI DEL TELERILEVAMENTO Per sfruttare tutti i vantaggi che il telerilevamento ci offre, dobbiamo essere in grado di estrarre le informazioni significative contenute

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Il telerilevamento in agricoltura: nuove prospettive dai sistemi UAV (Unmanned Aerial Vehicle)

Il telerilevamento in agricoltura: nuove prospettive dai sistemi UAV (Unmanned Aerial Vehicle) Il telerilevamento in agricoltura: nuove prospettive dai sistemi UAV (Unmanned Aerial Vehicle) Alessandro Matese, Jacopo Primicerio WORKSHOP SISTEMI INNOVATIVI PER IL FLOROVIVAISMO E UN AGRICOLTURA DI

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti

Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti Ottieni di più dalle immagini Case study - Introduzione di dati telerilevati per ridurre i costi e e aumentare l efficienza nella

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto Udine, 27 Giugno 2014 Dott. Alessia

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE Fabio MASELLI IBIMET-CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino, FI ARGOMENTI TRATTATI La presentazione intende dare

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Aggiornamento speditivo della cartografia tecnica a media scala con l impiego di aereofoto e di immagini satellitari ad alta risoluzione.

Aggiornamento speditivo della cartografia tecnica a media scala con l impiego di aereofoto e di immagini satellitari ad alta risoluzione. Amministrazione Provinciale di Piacenza Dipartimento Politiche di Gestione del territorio e Tutela dell ambiente. UOA Monitoraggio delle risorse territoriali e ambientali. Loc. Gariga, 29027 Podenzano

Dettagli

I satelliti meteorologici

I satelliti meteorologici I satelliti meteorologici Nella meteorologia moderna i satelliti svolgono ormai un ruolo fondamentale: grazie a questi occhi in orbita attorno al nostro pianeta possiamo monitorare in tempo reale l evoluzione

Dettagli

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1 DEFINIZIONE di CARTA Carta di Mercatore Schermata ArcView Una carta geografica non è altro che una figura piana, che rappresenta la superficie della Terra o una sua porzione (Lagrange 1736-1813) Generalità

Dettagli

Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento

Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento DALL EMERGENZA DELLE BONIFICHE AD UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEL TERRITORIO Trento 3 4 luglio 2008 a cura di: Carlo Bellini Maresciallo

Dettagli

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS Il software MIDAS produce i dati MIVIS corretti operando in sequenza in modo da acquisire prima tutti i dati grezzi del sensore MIVIS da cui estrarre tutte le

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS

Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Lorenzo Busetto (1,2), Martino Michieletti (1,3) (1) DISAT Università Statale di Milano Bicocca - Laboratorio di Telerilevamento;

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

Fondamenti Cartografia Automatica. Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia

Fondamenti Cartografia Automatica. Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia Fondamenti Cartografia Automatica Satellite: Aqua Date Acquired: 11/22/2006 Bands Used: 1,4,3 Golfo Persico durante una tempesta di sabbia Cos'è il telerilevamento: L'acquisizione e la misura di dati/informazioni

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Manuale di Fotointerpretazione. per le aree protette del Piemonte

Manuale di Fotointerpretazione. per le aree protette del Piemonte Manuale di Fotointerpretazione per le aree protette del Piemonte Manuale di Fotointerpretazione per le aree protette del Piemonte Il presente manuale, realizzato nel 2007 nell ambito del progetto pilota

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO IN ARCHEOLOGIA. Premessa

IL TELERILEVAMENTO IN ARCHEOLOGIA. Premessa IL TELERILEVAMENTO IN ARCHEOLOGIA Premessa Il Telerilevamento, inteso come l insieme delle metodologie di acquisizione, elaborazione ed interpretazione di immagini digitali rilevate da aereo, satellite

Dettagli

Individuazione delle coperture in cemento-amianto mediante tecniche di telerilevamento

Individuazione delle coperture in cemento-amianto mediante tecniche di telerilevamento Individuazione delle coperture in cemento-amianto mediante tecniche di telerilevamento Roberto Colombo, Cinzia Panigada, Chiara Cilia, Micol Rossini TELERILEVAMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO Un

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI ATTRAVERSO ANALISI TERMICHE DA IMMAGINI TELERILEVATE INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 3 2. METODOLOGIA pag. 4 3. AREA IN ESAME pag. 6 4. RISULTATI pag. 7 6. CONCLUSIONI

Dettagli

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento Paolo PLINI, Rosamaria SALVATORI, Sabina DI FRANCO, Valentina DE SANTIS Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Enrico ZINI (*), Dario BELLINGERI (*), Michele BOCCI(**), Alessandro MENIN(*)

Enrico ZINI (*), Dario BELLINGERI (*), Michele BOCCI(**), Alessandro MENIN(*) Il Progetto SINA Sentinel-1: uso del telerilevamento per il monitoraggio della copertura del suolo, dello stato della vegetazione e per la mappatura del manto nevoso Enrico ZINI (*), Dario BELLINGERI (*),

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

Perché la carta geografica è importante?

Perché la carta geografica è importante? Perché la carta geografica è importante? perché ci danno informazioni visuali sul TERRITORIO ATTENZIONE, però La carta rappresenta la realtà in 2 modi RIDOTTO SIMBOLICO Per la rappresentazione in modo

Dettagli

APPLICAZIONE DEL TELERILEVAMENTO NEL CENSIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO

APPLICAZIONE DEL TELERILEVAMENTO NEL CENSIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO APPLICAZIONE DEL TELERILEVAMENTO NEL CENSIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO di Daniele Grandesso, Tecnico della Prevenzione Arpa Veneto Una problematica ambientale e sanitaria tristemente nota e

Dettagli

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Appendice A Rappresentazione dei segnali A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Scomporre una generica forma d onda s(t) in somma di opportune funzioni base è operazione assai comune, particolarmente

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

Ottimizzazione dei fattori produttivi in risicoltura tramite l analisi aerea. Gian Luca Rognoni

Ottimizzazione dei fattori produttivi in risicoltura tramite l analisi aerea. Gian Luca Rognoni Ottimizzazione dei fattori produttivi in risicoltura tramite l analisi aerea Gian Luca Rognoni IL MERCATO (1) 10 BREAKTHROUGH TECHNOLOGIES del 2014 secondo Chris Anderson (*) : N 1: Droni per l Agricoltura

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

Soluzioni software geospaziali per la difesa e la sicurezza

Soluzioni software geospaziali per la difesa e la sicurezza Soluzioni software geospaziali per la difesa e la sicurezza Soluzioni Exelis Visual Information Solutions per le immagini geospaziali TUTTA LA POTENZA DELLE IMMAGINI E DEI DATI GEOSPAZIALI Il mondo in

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

La carta delle tipologie forestali della Regione Molise

La carta delle tipologie forestali della Regione Molise La carta delle tipologie forestali della Regione Molise Chirici G. 1, Santopuoli G. 1, Tonti D. 1, Ottaviano M. 1, Tognetti R. 1, Garfì V. 1, Di Martino P. 1, Morgante L. 2, Pavone N. 3, Marchetti M. 1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Telerilevamento. da immagini satellitari

Telerilevamento. da immagini satellitari Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Master di I livello in SIT&TLR Telerilevamento da immagini satellitari Relazione sulle attività effettuate durante il corso a.a. 2007/2008

Dettagli

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico G.ANTONIOLI, F.FERMI, C.OLEARI, R.REVERBERI Università di Parma e INFM-Unità di Ricerca di Parma, Dipartimento di Fisica, Parco Area delle Scienze

Dettagli

Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali

Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali Marcello Melis e Matteo Miccoli Marcello.melis@profilocolore.it Matteo.miccoli@profilocolore.it 1/20 Il colore nell'arte

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI Simulare conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione SESSIONE RUMORE D.ssa Barbieri Cinzia,

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE

METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE R. Brigante Università di Perugia Dipartimento di Ingegneria Civile

Dettagli

Capitolo II. La Luce

Capitolo II. La Luce Capitolo II La Luce Che cos è la luce. Dato che la parole fotografia deriva dal greco photo grafia che significa disegnare con la luce, analizziamo innanzi tutto che cos è la luce. La luce è una forma

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

4. TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE CON IL SENSORE MIVIS

4. TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE CON IL SENSORE MIVIS 4. TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE CON IL SENSORE MIVIS La vegetazione, può essere studiata con tecniche di rilevamento a terra e con sensori remoti. Nel passato, i dati raccolti a terra mediante misure

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

PER DEI SISTEMI A MAREA

PER DEI SISTEMI A MAREA CAPITOLO TERZO IL TELERILEVAMENTO PER LO STUDIO DEI SISTEMI A MAREA ISTEMI A M 3.1 Principi generali del telerilevamento Il controllo periodico della vegetazione di barena attraverso analisi in campo delle

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente Facoltà di Pianificazione del Territorio Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente 07 ottobre 2008 LABORATORIO ELABORAZIONE DI IMMAGINI della Facoltà di Pianificazione

Dettagli

Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM

Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM Alessio Colombo, Carlo Troisi La presente nota riassume brevemente i principi del metodo PSInSAR tm, i limiti dello stesso e la

Dettagli

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione Territoriale Infrastrutture-Ambiente Servizio Programmazione Territoriale Urbanistica Miglioramento Carta Geografica Unica Report tecnico-informativo

Dettagli

delle politiche agricole nazionali Direttore Generale AGenzia per le Erogazioni in Agricoltura

delle politiche agricole nazionali Direttore Generale AGenzia per le Erogazioni in Agricoltura Il telerilevamento a supporto delle politiche agricole nazionali Francesco Martinelli Direttore Generale AGenzia per le Erogazioni in Agricoltura AGEA Sistema Informativo Agricolo Nazionale gestito da

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEI MOVIMENTI FRANOSI CON TECNICHE MULTIDISCIPLINARI NELL AREA DELL OLTREPO PAVESE

INDIVIDUAZIONE DEI MOVIMENTI FRANOSI CON TECNICHE MULTIDISCIPLINARI NELL AREA DELL OLTREPO PAVESE INDIVIDUAZIONE DEI MOVIMENTI FRANOSI CON TECNICHE MULTIDISCIPLINARI NELL AREA DELL OLTREPO PAVESE Mauro CARDINALI (*), Daniela CARRION (**), Giovanmaria LECHI (**), Paola REICHENBACH (*) (*) CNR IRPI di

Dettagli

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica A. 1 La radiazione solare La radiazione solare è definita come l energia elettromagnetica emessa dal sole. All'interno del sole, a temperature di alcuni milioni

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Come si pianifica un rilievo fotogrammetrico da drone Dronitaly, 25-26 settembre 2015 ATA Hotel EXPO

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI PERCHE' 3D? Documentazione e analisi di contesti archeologici Conservazione digitale e tutela Divulgazione (filmati / realtà virtuale) GIS RILIEVO 3D Misura

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO DA SATELLITE NEL SIT PER GLI STRUMENTI URBANISTICI

IL TELERILEVAMENTO DA SATELLITE NEL SIT PER GLI STRUMENTI URBANISTICI 1 di 11 IL TELERILEVAMENTO DA SATELLITE NEL SIT PER GLI STRUMENTI URBANISTICI Prof. Mauro Salvemini Dott. Leonardo Donnaloia Lo stato attuale della pianificazione urbanistica in Italia e delle nuove tecniche

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina.

Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina. Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina. Gaetano La Bella, Sonia Corso, Giacomo Lo Piccolo, Rosario Terraforte, Giulia Varrica, Gaetano Pisciotta, Caterina Randazzo,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTÀ DIINGEGNERIA DAEIMI - DIPARTIMENTO DI AUTOMAZIONE, ELETTROMAGNETISMO, INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E MATEMATICA INDUSTRIALE TESI DI DOTTORATO IN INGEGNERIA ELETTRICA

Dettagli

3DE Modeling Professional

3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional è la parte di 3DE Modeling Suite che si occupa della modellazione 3D automatica di oggetti ed edifici a partire da nuvole di punti ottenute con scanner

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

RAPPORTO FINALE TRIENNALE DI SOTTOPROGETTO: SORVEGLIANZA DELLA INTEGRITÀ E FUNZIONALITÀ DELLE LINEE DI TRASMISSIONE

RAPPORTO FINALE TRIENNALE DI SOTTOPROGETTO: SORVEGLIANZA DELLA INTEGRITÀ E FUNZIONALITÀ DELLE LINEE DI TRASMISSIONE A3/022701.1/40 Cliente: RDS Oggetto: RAPPORTO FINALE TRIENNALE DI SOTTOPROGETTO: SORVEGLIANZA DELLA INTEGRITÀ E FUNZIONALITÀ DELLE LINEE DI TRASMISSIONE Ordine: Contratto CESI n. 71/00300 Note: SISIGEN/COREINA/2000-2002

Dettagli

Interpretazione di immagini satellitari della Pianura di Pisa

Interpretazione di immagini satellitari della Pianura di Pisa Interpretazione di immagini satellitari della Pianura di Pisa Bini M., Kukavicic M., Pappalardo M. MapPapers 5-II, 2012, pp.212-222 doi:10.4456/mappa.2012.35 Sono state acquisite immagini multispettrali

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli