Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci"

Transcript

1 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Telerilevamento: missioni

2 Campi di applicazione del telerilevamento Legenda: P = Pancromatico; M = Multispettrale; T = Termico; R = Radar (SAR) m=monoscopica; s = stereoscopica.

3 Scanner multispettrali Gli scanner sono progettati per ricevere la radiazione in canali specifici. Il numero di canali, la loro ampiezza e il posizionamento nello spettro elettromagnetico variano per ogni sensore, il che determina caratteristiche differenti in termini di risoluzione spettrale e spaziale. Queste combinazioni di fattori caratterizzano i sensori e determinano l uso più idoneo delle immagini da essi prodotte.

4 schema di funzionamento di uno scanner Il satellite ruota e contemporaneamente si muove avanzando nella sua orbita. Per ogni rotazione viene effettuata la scansione di una nuova linea sulla Terra. Dato che il satellite si sposta lungo la sua traiettoria, un meccanismo di apertura assicura che la luce sia ammessa ed esclusa in base a un modello prefissato, in modo che le linee di scansione siano divise in aree di esplorazione. La radiazione proveniente dall area sottoposta a scansione sulla Terra colpisce uno specchio e da qui attraversa un filtro ottico che separa le varie lunghezze d onda. La radiazione filtrata colpisce rivelatori di diversa sensibilità, ognuno dei quali misura la quantità di radiazione nel particolare canale. Per ogni area sottoposta a scansione viene fornito un numero per ogni canale, dando vita a una matrice corologica. I dati digitali vengono trasmessi alle stazioni di Terra mediante comunicazione radio standard. Sia le dimensioni dell area sottoposta a scansione, sia la risoluzione spaziale dipendono dalle ottiche del satellite. Nel loro insieme, i numeri rilevati sui vari canali costituiscono la firma spettrale dell area sottoposta a scansione.

5 Scansione a barretta di rivelatori Una serie lineare di rivelatori viene orientata perpendicolarmente alla direzione di movimento. I satelliti non sono in rotazione e quindi la serie di rivelatori compone la matrice corologica mentre il satellite si sposta lungo la sua traiettoria. Il satellite meteorologico Meteosat ha una risoluzione di 5 x 5 km2. I dettagli visibili sono pochi ma sufficienti per ottenere una scansione completa di un emisfero in una singola immagine. I satelliti militari più avanzati sono in grado di esplorare aree di 10x10cm2. L effettiva risoluzione spaziale è segreta, ma è sufficiente ad individuare dettagli piccolissimi, per esempio persone, veicoli e piccole installazioni.

6 Sensori radar (RADAR è acronimo di RAdio Detection And Ranging) Un sensore radar emette impulsi di energia elettromagnetica, nel campo delle microonde (*), verso la superficie della Terra. Una porzione dell energia viene riflessa ed acquisita dal sensore come segnale eco. L'intensità dell eco di ritorno dipenderà dalla natura e caratteristiche della superficie illuminata (scabrosità, umidità, orientamento e inclinazione rispetto al raggio incidente). Il ritardo dell'eco rivela la distanza dalla superficie riflettente. Le microonde sono in grado di penetrare nubi e foschia con efficacia e di acquisire immagini di notte. Le immagini radar possono anche rivelare dettagli topografici e, se la stessa area è ripresa da due diversi punti di vista, è possibile costruire modelli tridimensionali della superficie (interferometria). L emissione di impulsi radar richiede notevoli sforzi in termini di alimentazione del satellite; il che, di conseguenza, genera difficoltà progettuali/costruttive e determina costi molto elevati. In ogni caso, il potenziale che porta con sé la tecnologia radar è molto grande e vengono investite notevoli risorse nel suo continuo sviluppo. (*) Le microonde hanno lunghezze d'onda comprese tra 1mm (frequenza di circa 300 Ghz) e 1m (frequenza di circa 300 MHz).

7 Identificazione delle bande di frequenza nel campo delle microonde

8 Geometria di Acquisizione Radar (RAR-Real Aperture Radar) La direzione di puntamento del fascio forma l'angolo di incidenza θi con il piano tangente all'area illuminata. L'impronta del fascio a terra è rappresentata da un'ellisse i cui assi principali sono: S = hθ / cosθi v X = hθh / cosθi LH dove: θv = λ /LV e θh = λ /LH LV h LH lunghezza dell'antenna (dimensione in azimut) θi θh θv Ds X LV larghezza dell'antenna (dimensione in elevazione) Vs velocità del satellite λ lunghezza d'onda del segnale S θh apertura angolare del fascio in azimut θv apertura angolare del fascio in elevazione θi angolo di incidenza h quota di volo X = risoluzione geometrica (aumenta, quindi peggiora, al crescere di h)

9 LH X = RθH = θh h θi R X hθh cosθi = hλ LHcosθI Si consideri, ad esempio: λ = 3 cm LH = 10 m h = 700 km θi = 25 La risoluzione X sarà circa 2,3 km lungo la direzione di orbita del satellite.

10 Il principio del SAR - Synthetic Aperture Radar. Il radar ad apertura sintetica (SAR) consente di migliorare sensibilmente la risoluzione geometrica in azimut, cioè in direzione parallela alla traccia. Il principio su cui si basa il SAR può essere spiegato attraverso lo schema dell'allineamento di antenne elementari. Si consideri che il sistema radar, muovendosi lungo la traiettoria rettilinea, trasmette il segnale e riesce ad illuminare lo stesso punto, ricevendone l'eco, da N posizioni distanti d l'una dall'altra Ipotizzando di memorizzare e sommare i segnali ricevuti da una stessa unità di superficie illuminata, l'allineamento virtuale delle antenne alle N posizioni considerate è caratterizzato da una lunghezza pari a: LSAR = Nd d d

11 La lunghezza Nd dell'allineamento virtuale (sintetico) è data dall'intervallo spaziale in cui è possibile ricevere eco provenienti da uno stesso diffusore elementare puntiforme appartenente alla superficie illuminata. Tali eco sono presenti se il diffusore è all'interno del fascio dell'antenna reale del sistema. La lunghezza dell'allineamento sintetico è pari a: LSAR = Nd Si dimostra che l'apertura del fascio dell'antenna sintetica è inversamente proporzionale alla lunghezza dell'allineamento Nd ed è pari a: φsar = λ 2Nd L'impronta a terra dell'allineamento sintetico determina la risoluzione sistema SAR nella direzione parallela alla traccia: X = LH 2 X del La risoluzione NON dipende dall'altezza h del sensore Sembra un paradosso: se la lunghezza dell'antenna diminuisce migliora la risoluzione malgrado il fascio si allarghi! In realtà se l'antenna si accorcia aumenta l'ampiezza dell'intervallo di traiettoria in cui si riesce ad osservare lo stesso diffusore si allunga l'allineamento che può essere sintetizzato memorizzando e sommando l'eco.

12 Il principio del SAR - Synthetic Aperture Radar. =N ur a t r e Ap Si a ti c e t n d L SAR LH φsar = θh λ 2Nd φsar X X = RθH = hθh cosθi = hλ LHcosθI X = LH 2

13 Interferometria SAR Due SAR riprendono la scena da traiettorie leggermente diverse (due antenne sullo stesso satellite o due passaggi successivi dello stesso SAR) La differenza di fase fra le due riprese è proporzionale alla differenza di cammino radiativo. Una triangolazione permette di ricostruire la posizione dei punti osservati rispetto alla posizione nota dei SAR, ovvero di costruire un modello digitale del terreno (DTM).

14 Orbite satellitari Un satellite può restare nella stessa orbita per un lungo periodo di tempo grazie all equilibrio tra attrazione gravitazionale terrestre e forza centrifuga. Al di fuori dell atmosfera la resistenza opposta dall aria è assente, quindi la velocità del satellite si mantiene costante e il risultato è un orbita stabile attorno alla Terra per molti anni. La spinta gravitazionale diminuisce allontanandosi dalla Terra, mentre la forza centrifuga aumenta con l aumento della velocità orbitale. C è quindi una connessione diretta tra la distanza dalla Terra e la velocità orbitale del satellite Un satellite collocato in un orbita bassa, cioè a una distanza di circa 800km dalla Terra, è esposto ad una forte attrazione gravitazionale e si deve spostare ad una velocità considerevole per generare una forza centrifuga di pari entità. A una distanza di km, l orbita intorno alla terra richiede 24 ore, pari al tempo di rotazione della Terra. A questa distanza un satellite in orbita sopra l Equatore sarà stazionario in rapporto con la Terra.

15 L orbita geostazionaria Le orbite geostazionarie si configurano ad una distanza di km dall Equatore. Vantaggio dell orbita geostazionaria: stessa prospettiva di visione della Terra la stessa immagine può essere registrata a brevi intervalli di tempo. Sono utilizzate principalmente per telecomunicazione e meteorologia (non possono rilevare le condizioni ai poli) Svantaggio: grande distanza dalla Terra bassa risoluzione spaziale.

16

17

18

19 Satellite geostazionario GOES (USA) (Geostationary Operational Environment Satellites) Immagine del satellite GOES, ripresa con tecnologia infrarosso: Tropici, America centro nord, oceano Atlantico. La ripresa nell'infrarosso permette di controllare zone della terra oscurate dalla notte e controlla continuamente la temperatura al suolo, la temperatura della superficie del mare ma anche la temperatura alla sommità delle nubi permettendo anche la classificazione del tipo di nubi. Questo sistema permette di valutare l'assorbimento effettuato dal vapore atmosferico all'irradiazione infrarossa emessa dalla terra con conseguente conoscenza del grado di umidità dell'alta troposfera.

20 METEOSAT + GOES Le immagini dei due satelliti geostazionari Meteosat di costruzione europea e GOES (Geostationary Operational Environment Satellites) di costruzione statunitense, possono essere combinate per una visione complessiva dello stato delle nubi dagli Stati Uniti all Europa. I satelliti geostazionari (altezza circa km) hanno una capacità di osservazione di circa Km di diametro. Sono sufficienti tre satelliti per avere sotto controllo in tempo reale l'intera superfice del pianeta.

21 Orbite eliosincrone Molti satelliti sono dotati di sistemi a sensore passivo atti a misurare la riflessione della luce solare dalla Terra e le cui condizioni operative dipendono dall illuminazione solare; quindi le loro orbite devono essere regolate al ritmo del giorno e della notte. Per poter confrontare immagini registrate nel corso di un lungo intervallo di tempo, le condizioni della luce devono essere identiche. Le registrazioni devono quindi avvenire alla stessa ora locale del giorno, affinché l altezza del sole sull orizzonte sia la stessa e il piano dell orbita satellitare abbia un angolo costante rispetto alla luce proveniente dal sole. Questi prerequisiti si possono ottenere posizionando il satellite in orbita polare.

22 Mentre il satellite esegue rivoluzioni intorno alla propria orbita, la Terra ruota sul proprio asse. Ogni volta che il satellite effettua una rotazione completa, viene effettuata una scansione di una nuova striscia della superficie terrestre. Dopo un certo numero di rotazioni si otterrà una scansione dell intera superficie della Terra. Alcuni satelliti effettuano una scansione ampia e possono, di conseguenza, ricoprire l intera superficie della Terra in poche rotazioni; i satelliti con elevata risoluzione che effettuano scansioni di porzioni piccole di superficie impiegano vari giorni per coprire l intera superficie terrestre.

23

24 A Landsat Timeline LANDSAT A closer look at Landsat through time Landsat 1: Landsat 2: Landsat 3: Landsat 4: * data downlink capability failed in 1993 Landsat 5: 1984 Landsat 6: failed launch, 1993 Landsat 7: 1999 LDCM: Scheduled to launch in 2013

25

26 Wavelength Visible : 3bands Near-infrared and Middle-infrared : 3bands Thermal-infrared : 1band Spatial Resolution Visible,Near-infrared and Middle-infrared : 30m Thermal-infrared : 120m Swath Width About 180km

27 Wavelength Visible : 2bands Near-infrared : 2bands Spatial Resolution 83m Swath Width 185km

28 LANDSAT 7 Orbit Sun-Synchronous Period: 98.9 minutes Repeat Cycle: 16 days/233 orbits Band wavelength band Resolution m 30m m 30m m 30m m 30m m 30m m 60m m 30m m 15m The ETM+ is a fixed position, nadir viewing, "whisk-broom", multispectral scanning radiometer and is capable of providing highresolution imaging information of the earth's surface. Radiation in both the visible and infrared regions of the spectrum are detected by the instrument in eight distinct bands. The ETM+ is an improved version of the Landsat 4/5 Thematic Mapper (TM) payloads, but still provides data continuity with all prior Landsat missions. Improvements in the instrument include increased spatial resolution of the thermal IR band (Band 6), improvement of the radiometric calibration equipment, and the addition of a panchromatic band (Band 8).

29 LANDSAT Rome, 3-Aug-01

30 LANDSAT, New York City, New York, USA Acquisition Date: 14-Apr-01

31 Banda Aceh, Sumatra Tsunami Before and After Acquisition Date: Dec 29, 2004 and May 14, 2004 The upper image was taken three days after the massive wave struck the coastline while the lower image was taken months before.

32 Landsat 7 images of southwestern Greece before (left, 7/18/07) and after (right, 9/4/07) summer's severe fires. The Landsat 7 images above are a composites of ETM+ bands 7, 4, and 2. (http://landsat.gsfc.nasa.gov)

33 A Landsat 7 image of Baghdad acquired on Apr. 25, This natural color image uses ETM+ Bands 3,2,1.

34 Landsat 7 Southern Dubai in 2006 Palm Islands

35 LANDSAT 8 35 Landsat 8 è stato lanciato in data 11 febbraio È l'ottavo satellite del programma Landsat; il settimo a raggiungere l'orbita con successo. Originariamente chiamato Landsat Data Continuity Mission (LDCM), nasce dalla collaborazione tra la NASA e l'united States Geological Survey (USGS). Landsat 8 opera nel campo del visibile, dell'infrarosso vicino, delle onde corte a raggi infrarossi, e nel campo dell'infrarosso termico. Fornisce immagini a moderata risoluzione, da 15 metri a 100 metri, della superficie terrestre e delle regioni polari. Landsat 8 cattura circa 400 scene al giorno, con un incremento di 250 scene al giorno rispetto a Landsat 7. Monta a bordo i due sensori OLI (Operational Land Imagery) e TIRS (Thermal InfraRed Sensor). Band 10 10,6 11,2 µm Band 11 11,5 12,5 µm 100 m TIRS Bands 100 m

36 36

37 SPOT (Systeme Probatoire d'observation de la Terre) La missione SPOT è stata avviata in Francia il 21 febbraio 1986 con il lancio del primo satellite. SPOT non attivo SPOT SPOT non attivo SPOT SPOT Lo SPOT 5 effettua rilevamenti in tre bande spettrali (verde, rosso e infrarosso vicino) con una risoluzione di 10 metri e in una banda nell infrarosso medio (risoluzione 20 m) È dotato inoltre di uno scanner pancromatico (risoluzione 5 m).

38 SPOT satellite spectral bands and resolutions sensor electromagnetic spectrum pixel size spectral bands SPOT 5 Panchromatic B1 : green B2 : red B3 : near infrared B4 : mid infrared (MIR) 2.5 m or 5 m 10 m 10 m 10 m 20 m µm µm µm µm µm SPOT 4 Monospectral B1 : green B2 : red B3 : near infrared B4 : mid infrared (MIR) 10 m 20 m 20 m 20 m 20 m µm µm µm µm µm SPOT 1 SPOT 2 SPOT 3 Panchromatic B1 : green B2 : red B3 : near infrared 10 m 20 m 20 m 20 m µm µm µm µm

39 Il satellite SPOT ha una funzione speciale di programmazione che consente di "acquisire immagini su due lati" effettuando la scansione della stessa striscia per due volte in due passaggi consecutivi da diversa angolazione. Le due diverse angolazioni sulla stessa area creano un effetto stereoscopico che consente di effettuare anche la restituzione altimetrica dell area.

40

41 Caratteristiche tecniche del satellite SPOT 5 SPOT 5 Data di Lancio Maggio 2002 Veicolo utilizzato Ariane 4 Vita prevista 5 anni Orbita Eliosincrona Orario di passaggio sull'equatore (descending) Caratteristiche del sensore Instruments Bande e risoluzione 10:30 a.m. Altezza all'equatore 822 km Inclinazione Orbita 98.7 Velocità 7.4 kps Periodo orbitale minuti Ampiezza della ripresa 60 km x 60 km to 80 km Risoluzione radiometrica Programmabile Peso 3,000 kg Angolo di incidenza 90-Gbit di memoria (~ 210 immagini ) Capacità Onboard image processing Fino a 5 immagini acquisite simultaneamente, 2 inviate in real-time e 3 immagazzinate a bordo 2 pancromatiche (5 m) 3 multispettrali (10 m) 1 infrarosso medio (20 m) Range spettrale 26 giorni 3.1 x 3.1 x 5.7 m 2 HRGs P: µm B1: µm B2: µm B3: µm B4: µm Ciclo orbitale Dimensioni SPOT 5 Intervallo di rivisita 8 bits si ±31.06 Da 1 a 4 giorni

42

43 SPOT 6 Il satellite SPOT 6 è stato lanciato il 9 settembre 2012, mentre per il 2014 è previsto il lancio di SPOT 7. Image product resolution: Panchromatic: 1.5 m Colour merge: 1.5 m Multispectral: 8 m Spectral bands, with simultaneous panchromatic and multispectral acquisitions: Panchromatic ( nm) Blue ( nm) Green ( nm) Red ( nm) Near-infrared ( nm) Footprint: 60 km 60 km Responsive satellite tasking, with 6 tasking plans per day, per satellite Capacity to acquire up to 3 million km2. daily

44

45 ENVISAT Il primo marzo 2002, l Agenzia spaziale europea ha lanciato ENVISAT, un satellite in orbita polare per l osservazione della Terra, per indagare sui parametri dell atmosfera, degli oceani, del terreno e dei ghiacciai monitorare i cambiamenti ambientali e climatici. La missione è terminata, per improvvisa perdita di contatto con il satellite, in data 8 aprile (Tutti i dati acquisiti sono archiviati e disponibili). SENSORI a bordo Radiometro avanzato AATSR (Advanced Along Track Scanning Radiometer): segue le serie di sensori ATSR-1 e ATSR-2 dei satelliti ERS, per misurazioni accurate della temperatura degli oceani (0,3 K). Radar avanzato ad apertura sintetica (ASAR), si distingue per potenzialità avanzate in termini di copertura, gamma di angoli incidenti, polarizzazione e modalità di funzionamento. I miglioramenti consentono di guidare l elevazione del raggio radar e la selezione di diverse passate, con ampiezza di 100 o 400km.

46 Spettrometro MERIS per la misura della radiazione solare riflessa dalla Terra ad una risoluzione spaziale di 300m, con 15 bande spettrali nel visibile e nell infrarosso vicino programmabili in ampiezza e posizione, con copertura globale della Terra ogni 3 giorni. La missione primaria del MERIS è stata la misurazione del colore del mare negli oceani e nelle aree costiere. La conoscenza del colore del mare si può convertire nella misurazione della concentrazione del pigmento di clorofilla, della concentrazione di sedimento in sospensione e dei carichi di aerosol sulle aree marine, tutti fattori importanti per lo studio del ciclo del carbonio nell oceano e del regime termico dell oceano. Utilità delle informazioni acquisite per la gestione delle zone di pesca e delle zone costiere. DATI MERIS DISPONIBILI ON LINE da novembre 2013 (VD. SITO ESA) Altri sensori a bordo dell ENVISAT, finalizzati a comprendere i processi che determinano il comportamento fisico e fotochimico dell atmosfera, attraverso misurazioni globali della distribuzione orizzontale e verticale dell ozono, oltre che di molti altri gas: - GOMOS (Global Ozone Monitoring by Occultation of Stars); - interferometro MIPAS (Michelson Interferometer for Passive Atmospheric Sounding); - spettrometro SCIAMACHY (Scanning Imaging Absorption SpectroMeter for Atmospheric Chartography).

47 RESURS I satelliti della serie RESURS, che sono in orbita dal 1985, furono sviluppati dall Unione Sovietica e in seguito dalla Russia. Sono equipaggiati con scanner a quattro canali negli intervalli di spettro del visibile e dell infrarosso vicino e uno nel canale dell infrarosso termico. Dato che il satellite RESURS ha un area di copertura ampia,essendo in grado di acquisire una striscia della larghezza di 600km, le stesse aree vengono acquisite a intervalli brevi, 4 giorni all Equatore e 2 o 3 giorni in Europa.

48 IKONOS (Lockheed Martin Corporation, USA) Il satellite IKONOS è in grado di differenziare oggetti sul terreno con dimensioni inferiori a un metro quadro, sufficiente per distinguere tra una macchina e un camion. Questa capacità, ottenuta da un altezza orbitale di 680 km, rappresenta un aumento significativo nella risoluzione di immagine rispetto a tutti gli altri sistemi satellitari commerciali di telerilevamento realizzati prima. Un meccanismo basato su un telescopio ottico cattura immagini (in più passate) della superficie terrestre con ampiezza da 11 a 13km e le riflette ai sensori per la produzione di immagini digitali. Il satellite è dotato di un sensore multispettrale con risoluzione di 4 metri e con 3 canali nel visibile e uno nell infrarosso vicino. Come per il satellite Landsat 4 e 5, esso rende possibile il rilievo cartografico dettagliato dell uso del terreno. Le immagini da IKONOS sono alcune tra le più dettagliate producibili da un satellite per scopi non militari.

49 QUICKBIRD (Digital Globe, USA) Il satellite QuickBird è stato lanciato il 18 ottobre 2001 dalla base aerea di Vandenberg in California. QuickBird è stato a lungo il satellite commerciale dotato della maggiore risoluzione (oggi superato da Geo Eye, 41cm e WorldView, 50 cm). QuickBird orbita attorno al globo terrestre ad un altezza di 600km (circa 372 miglia) ed il suo sensore (una telecamera a risoluzione elevata) registra immagini della superficie della Terra durante le ore del giorno. Il sistema raccoglie dati pancromatici di 61 centimetri e dati stereoscopici multispettrali di 2,5 metri. I dati sono utili per il rilievo cartografico, la pianificazione agricola e urbana, per la ricerca meteorologica e la sorveglianza militare.

50

51 QuickBird - Umbrella Cay, Bahamas

52 GeoEye -1 (Digital Globe Corporation, USA) September 6, 2008 Resolution: 0.41 m panchromatic (at Nadir) 1.65 m multispectral (at Nadir) GeoEye-1 Orbital Altitude: 681 kilometers Orbital Velocity: About 7.5 km/sec Inclination/Equator Crossing Time: 98 degrees / 10:30a Orbit type/period: Sun-synchronous / 98 minutes

53 GeoEye-2 (early 2013 and operational in the first half of ?) Swath Width 14.5 km Off-Nadir Imaging Up to 60 degrees Dynamic Range 11 bits per pixel Resolution: 0.34 m panchromatic (at Nadir) 1.36 m multispectral (at Nadir) Orbital Altitude: 681 kilometers Orbital Velocity: About 7.5 km/sec Inclination/Equator Crossing Time: 98 degrees / 10:30a Orbit type/period: Sun-synchronous / 98 minutes Mission Life Expected > 10 years Revisit Time Approximately 3 days Orbital Altitude 681 km Nodal Crossing 10:30 am

54 WorldView - 1 (Digital Globe, USA) WorldView -1 (USA)

55 WorldView-2 (lanciato in orbita nell'ottobre 2009) Primo satellite ad altissima risoluzione con otto bande multispettrali. Grazie al suo sistema di scanning bidirezionale, WorldView-2 è in grado di acquisire quasi 1 Mkmq al giorno, anche in modalità stereoscopica, con un tempo medio di rivisitazione di 1.1 giorni. Elenco dei prodotti commercializzati: Risoluzione: - 50 cm nel pancromatico; - 2 metri nel multispettrale. Pancromatico (Pan): B&W Multispettrale 4 bande (MS): Red, Green, Blue, Near Infrared Multispettrale 8 bande (MS): Red, Green, Blue, Near Infrared, Coastal, Yellow, Red Edge, Near Infrared 2 Bundle 4 bande (Pan+MS): B&W, Red, Green, Blue, Near Infrared Bundle 8 bande (Pan+MS): B&W, Red, Green, Blue, Near Infrared, Coastal, Yellow, Red Edge, Near Infrared 2 Natural Color 3 bande (MS): Red, Green, Blue Color Infrared 3 bande (MS): Red, Green, Near Infrared Pan-sharpened 4 bande (MS): Red, Green, Blue, Near Infrared

56 ASTER, Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer ASTER data is used to create detailed maps of land surface temperature, reflectance, and elevation The goal of NASA Earth Science is to develop a scientific understanding of the Earth as an integrated system, its response to change, and to better predict variability and trends in climate, weather, and natural hazards.

57 IRS (Indian Remote Sensing Satellite) IRS - 1A ( ) IRS - 1B ( ) IRS 1C e IRS 1D ( )

58 RESOURCESAT-1 is the tenth satellite of ISRO in IRS series, intended to not only continue the remote sensing data services provided by IRS-1C and IRS-1D, both of which have far outlived their designed mission lives, but also to vastly enhance the data quality. RESOURCESAT-1 is the most advanced Remote Sensing Satellite built by ISRO as of Launch date October 17, 2003 Orbit Polar Sun Synchronous Orbit height 817 km Orbit inclination 98.7o Orbit period min Number of Orbits Per day 14 Local time of equator crossing 10:30 am Revisit 5 days Mission Life 5 years Payload: - LISS-III, multi-spectral camera operating in four spectral bands, three in the visible and near infrared and one in the SWIR region, as in the case of IRS-1C/1D; - LISS-IV, high resolution multi-spectral camera operating in three spectral bands (B2, B3, B4); - AwiFS camera, an improved version compared to the WiFS camera flown in IRS-1C/1D; AWiFS operates in four spectral bands identical to LISS-III, providing a spatial resolution of 56 m and covering a swath of 740 Km.

59

60

61 EROS, Earth Resources Observation and Science (USA)

62

63

64 KOMPSAT-2 (KOrean MultiPurpose SATellite) KOMPSAT-2 acquires imagery in black and white (Pan) at a resolution of 1 m and in colour (MS) across 4 bands in the visible (red, green, blue) and near-infrared at a resolution of 4 m. Simultaneous acquisition of Pan and MS images means that merged 1-m images are available as a standard product. KOMPSAT-2 images cover a footprint of 15 km x 15 km.

65 KOMPSAT-2 imagery features Products B&W : 1 m Colour (4 bands) : 1 m Multispectral (R, V, B, PIR) : 4 m Bundle ( Pan and MS separated images) Pan : 0,50-0,90 µm MS1 (blue) : 0,45-0,52 µm MS2 (green) : 0,52-0,60 µm Spectral Bands MS3 (red) : 0,63-0,69 µm Locate, identify and measure surface features and objects primarily by their physical appearance Mapping shallow water, differentiating soil from vegetation Differentiating vegetation by health Differentiating vegetation by species Mapping vegetation, mapping vegetation vigor/health, Differentiating vegetation by species MS4 (near-infrared) : 0,76-0,90 µm Footprint 15 x 15 km Revisit rate / Viewing angle Orbital period of 28 days Revisit rate of 3 days with roll angle of 30 Satellite tasking yes Panchromatic and multispectral images can be acquired at the same time Dynamic range acquisition 10 bits/pixel, delivery 16 bits/pixel Preprocessing 1A, 2A and ortho

66 KOMPSAT-2

67 AQUA carries six state-of-the-art instruments in a near-polar low-earth orbit. The six instruments are: Atmospheric Infrared Sounder (AIRS), Advanced Microwave Sounding Unit (AMSU-A), Humidity Sounder for Brazil (HSB), Advanced Microwave Scanning Radiometer for EOS (AMSR-E), Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS), Clouds and the Earth's Radiant Energy System (CERES). Each has unique characteristics and capabilities, and all six serve together to form a powerful package for Earth observations.

68 (http://www.eorc.jaxa.jp/hatoyama/satellite/sat_menu_e.html)

69 RapidEye (Germania) 69 RapidEye è una costellazione di 5 satelliti per il telerilevamento della superficie terrestre. Furono lanciati in orbita il 29 agosto 2008 nel cosmodromo di Bajkonur in Kazakistan grazie al vettore russo Dnepr-1. I 5 satelliti hanno lo stesso tipo di equipaggiamento di sensori e quindi anche la stessa risoluzione spaziale di 5 metri. Viaggiano uno dietro l'altro nella stessa orbita, permettendo quindi un tempo di rivisitazione molto breve.

70 ERS Sotto la gestione dell Agenzia spaziale europea ESA sono stati costruiti, grazie ad un consorzio europeo, i satelliti ERS-1 ed ERS-2, lanciati rispettivamente nel 1991 e nel Sono equipaggiati con un sistema attivo a microonde in grado di acquisire dati attraverso la coltre spessa di nubi e durante la notte. Uno degli strumenti, lo scatterometro, misura la direzione e la velocità del vento sugli oceani; un altro sensore, l altimetro, è in grado di misurare l altezza delle onde. Il sensore più noto in dotazione è il radar ad apertura sintetica (SAR), in grado di produrre immagini della superficie terrestre utilizzabili per applicazioni cartografiche. L interpretazione di un immagine SAR fornisce informazioni collegate alle irregolarità delle superfici. Il rilievo cartografico e il monitoraggio dell avanzamento/ritiro dei ghiacci nelle acque artiche sono stati resi possibili grazie al sensore radar in grado di funzionare con tutte le condizioni meteorologiche. Si tratta di un supporto importante per lo studio della climatologia del pianeta, poiché i cambiamenti nell area coperta dai ghiacci riflettono i cambiamenti della temperatura e delle correnti marine.

71 Sul satellite ERS2 è stato installato uno scanner ATSR (Along-Track Scanning Radiometer). Si tratta di uno scanner passivo tradizionale con 7 canali negli intervalli del visibile, dell infrarosso vicino e dell infrarosso termico. Il canale dell infrarosso termico è utile soprattutto per il rilievo della temperatura superficiale del mare. I canali nel visibile e nell infrarosso vicino si possono usare per rilievi cartografici globali della vegetazione, con una risoluzione spaziale di 1km. Il satellite ERS2 è equipaggiato inoltre con sensori in grado di rilevare lo strato di ozono. ERS-2.

72 MISSIONI SAR

73 MISSIONI SAR

74 RADARSAT 1 (Canadian Space Agency NASA) RADARSAT 2 Lanciato nel 2007 ha caratteristiche simili (risoluzione spaziale m)

75

76 76 SMOS (ESA) SMOS è il nome di un satellite per l'analisi della salinità degli oceani e dell'umidità del suolo sviluppato dall'agenzia Spaziale Europea (ESA). Il principale strumento del satellite è il MIRAS (Microwave Imaging Radiometer with Aperture Synthesis), un innovativo radiometro passivo che acquisisce l'emissione della superficie terrestre nella banda L (19,30 76,90 cm). Il lancio del satellite, effettuato con un vettore russo dal Cosmodromo di Pleseck, è avvenuto con successo il 2 novembre 2009.

77 GOCE (ESA) 77 Il satellite GOCE (Gravity Field and Steady State Ocean Circulation Explorer) è stato lanciato il 17 Marzo del 2009 per produrre una mappa del geoide basata su misure accurate della forza di gravità. La missione si è conclusa l'11 novembre 2013 (il satellite si è disintegrato al rientro in atmosfera).

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Propagazione sui 10 metri

Propagazione sui 10 metri Propagazione sui 10 metri Caratteristiche generali Sono possibili collegamenti a brevi distanza sfruttando una moderata curvatura delle onde dovuta alla troposfera, che permette collegamenti oltre la portata

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Guida ai Test di Prova I vostri prodotti resisteranno all esterno? Guida alle Prove Accelerate di Solidità alla Luce ed alle Intemperie I vostri prodotti

Dettagli

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso T-TOUCH II Istruzioni per l'uso Ringraziamenti Ci congratuliamo con Lei per aver scelto un orologio TISSOT, una delle marche svizzere più prestigiose al mondo. Il Suo orologio T-TOUCH beneficia di tutte

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri.

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri. Propagazione sui 20 metri Dopo la serie di articoli precedentemente pubblicati, inizia qui una nuova collana dedicata allo studio della propagazione sulle gamme amatoriali più alte delle onde corte, questa

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Stud-EVO Designer Pino Montalti

Stud-EVO Designer Pino Montalti Designer Pino Montalti È l evoluzione di un prodotto che era già presente a catalogo. Un diffusore per arredo urbano realizzato in materiali pregiati e caratterizzato dal grado di protezione elevato e

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli