ATTIVITA' DI RICERCA SVOLTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITA' DI RICERCA SVOLTA"

Transcript

1 ATTIVITA' DI RICERCA SVOLTA Raimondo De Laurentiis Dottorato in Scienza ed Ingegneria dello Spazio Introduzione Il primo anno di attività nell ambito del dottorato di ricerca in Scienza ed Ingegneria dello Spazio ha avuto come argomento l individuazione delle potenzialità delle tecniche di telerilevamento nell ambito del monitoraggio della zona costiera. In tale contesto è stato inoltre applicato a particolari immagini telerilevate, un algoritmo basato sul concetto di connettività fuzzy, per la determinazione della linea di costa. Inoltre, le attività condotte nel corso del primo anno hanno riguardato lo studio relativo al trasferimento delle tecnologie sviluppate in ambito spaziale ad altri settori dell industria. Il monitoraggio della zona costiera utilizzando le tecniche del telerilevamento La zona costiera: definizione e problematiche: L'ambiente marino rappresenta circa i due-terzi della superficie terrestre, la rimanente parte è rappresentata dall'ambiente terrestre e la zona di transizione viene definita ambiente costiero. Nonostante esso rappresenti solamente il 15% dell'intera superficie terrestre, è qui che la maggioranza della popolazione terrestre vive e lavora: il 60% dell'intera popolazione mondiale risiede infatti entro i primi 60 Km dalla linea di costa (Conferenza di Rio de Janeiro 1992; Agenda 21, Cap.17) e questa percentuale è destinata a raggiungere, nel 2020, il 75%. Nella zona di costa l'ambiente marino e quello terrestre interagiscono e risulta quindi difficile delinearne l'area dal momento che questa varia a seconda della zona in esame. Da uno studio effettuato dall'esa nel 1995 (Coastal Zone Earth Watch Study) le principali caratteristiche e le principali minacce per le zone costiere europee possono essere descritte come segue: le condizioni climatiche delle zone costiere europee variano enormemente a seconda della posizione geografica; da Nord a Sud infatti troviamo climi freddi, umidi e ventosi e climi caldi e secchi; ciò comporta una consistente e varia richiesta di sistemi di monitoraggio; la copertura delle nuvole è molto più frequente nel Nord rispetto al Mediterraneo e questo crea delle complicazioni nella scelta e utilizzo di dati satellitari; il fenomeno della marea risulta poco significativo nel Mediterraneo e nel Mar Baltico, ma è di grande rilevanza in molte regioni del Nord-Ovest europeo; le zone costiere sono in genere densamente abitate (circa 70% della popolazione europea), considerando anche i picchi che si raggiungono durante la stagione estiva nelle zone turistiche; molte zone di costa sono altamente industrializzate (industrie off-shore, traffico marittimo, pesca, maricoltura ecc.) e ciò aumenta il rischio di inquinamento; in molte aree l'erosione costiera ed il trasporto di sedimenti hanno grande impatto sulla batimetria e sulla linea di costa; la protezione contro l'innalzamento del livello del mare e contro le esondazioni fluviali è questione di vitale importanza in paesi, come l'olanda, nei quali si sono resi necessari sistemi di monitoraggio continui. La conferenza di Rio de Janeiro segna un passo importante per la gestione integrata e la protezione della zona costiera. In particolare in base all'agenda 21, Capitolo 17 dal titolo "Protection of the oceans, all kinds of seas, including enclosed and semi-enclosed seas, and coastal areas and the protection, rational use and development of their living resources" gli stati costieri partecipanti si impegnano a: Integrare, a livello di giurisdizione nazionale, lo sviluppo sostenibile delle zone costiere e la protezione dell'ambiente marino; Sponsorizzare lo sviluppo e l'applicazione di metodologie per il monitoraggio delle zone costiere ed in particolare dell'inquinamento e dell'erosione della costa; Creare appositi organismi di coordinamento per la gestione integrata delle zone costiere sia a livello locale che nazionale, e per l'identificazione delle aree critiche in erosione; - 1 -

2 Implementare la capacità di gestione di tutti i dati riguardanti la zona costiera ed in particolare le informazioni relative all'impatto ambientale delle attività umane, dirette ed indirette, che influiscono sull'ambiente costiero. All'interno di questo grande quadro di Gestione Integrata delle Coste, viene quindi espressa a livello internazionale la necessità di ricercare nuove tecnologie per un monitoraggio ad ampio raggio della zona costiera. In ragione di questo il telerilevamento gioca il suo ruolo avendo tutte le potenzialità per essere la tecnica efficace e veloce che si ricerca. Un recente studio promosso dall'unione Europea (EU Geospatial and Environment Information Needs, in collaborazione con JRS-SAI e DGXII, 1998), evidenzia il ruolo potenziale dei dati satellitari nel fornire le informazioni necessarie alla politica dell'unione nel settore ambientale. Risulta evidente il tentativo di far conoscere ai possibili utenti le potenzialità del telerilevamento. Individuazione delle risoluzioni necessarie: L'attività di ricerca svolta ha avuto l'obiettivo di identificare le potenzialità delle tecniche di telerilevamento a seconda dell'applicazione considerata. Le principali caratteristiche che determinano l'applicabilità di un tipo di dati rispetto ad un altro sono: la risoluzione spaziale; la risoluzione temporale. E' necessario quindi, per ciascuno dei possibili settori di applicazione in considerazione, definire quali siano i sensori più idonei in base alle loro caratteristiche di acquisizione. E' stata identificata come applicazione base da cui partire il monitoraggio della linea di costa in quanto, in base allo stato dell'arte, esso risulta essere tra le principali problematiche relativa alla zona costiera. L'erosione della costa comporta infatti la perdita di vaste porzioni di arenile. La spiaggia costituisce una risorsa naturale difficilmente rinnovabile, un vero e proprio capitale per le località turistiche balneari. Si ricorda inoltre che la costa è un sistema in continua evoluzione: oltre a quelle stagionali, possono infatti verificarsi variazioni del profilo di costa, dovute a forti mareggiate oppure dovute alla ricerca nel tempo, da parte del litorale, di un profilo di equilibrio. Da qui la necessità di scegliere tre differenti livelli a cui riferirci: Natural hazards: se ci riferiamo a questo livello, lo studio della costa va inteso come il poter determinare i rapidi cambiamenti dovuti ad eventi estremi; ricordiamo infatti come la linea di costa possa subire repentine variazioni dovute all effetto combinato di forti correnti litoranee e forte vento. Questa è probabilmente il livello in cui il monitoraggio del litorale risulta più complesso per due fattori principali: l elevata risoluzione temporale richiesta per la campagna dati (le variazioni sono infatti dell ordine delle poche ore) e la copertura nuvolosa che tipicamente accompagna i cosiddetti eventi estremi; Ecological assessment: va inteso come il livello a cui ci si riferisce se si esegue il monitoraggio della costa per conoscerne lo stato di avanzamento o di arretramento. Questo è il livello in cui il monitoraggio della linea di costa ha un importanza maggiore: dalle variazioni annuali infatti si può prevedere la dinamica evolutiva, la cui conoscenza è indispensabile per un organica programmazione degli interventi sui litorali e, più in generale, per una corretta gestione del territorio. Environmental management: è il livello in cui il monitoraggio viene eseguito in maniera quasi continua nel tempo; esso è utile non solo per conoscere lo stato della costa ma anche per studiare i processi (erosione, sedimentazione, trasporto di sedimenti) che ne determinano i cambiamenti

3 Naturalmente le risoluzioni spaziali e temporali richieste variano a seconda del livello di analisi a cui ci si riferisce. L'attività svolta ha messo in evidenza che tramite le tecniche del telerilevamento satellitare: non si è in grado di rilevare i cambiamenti dovuti a eventi estremi perché la risoluzione temporale richiesta, dell'ordine di un'ora, risulta troppo elevata (Natural hazards); è possibile monitorare, in determinate condizioni gli effettivi cambiamenti della linea di costa su una scala temporale annuale (Ecological assessment); risulta difficile studiare i processi che influenzano l'evoluzione del litorale per il fatto che la precisione richiesta, dell'ordine di 0.5 metri, risulta troppo elevata (Environmental monitoring). A prescindere da ciò, i dati telerilevati da satellite risultano non sufficienti al monitoraggio della costa a questo livello: troppi sono infatti i fattori che influenzano i cambiamenti della geomorfologia litoranea da poter presupporre l utilizzo del dato telerilevato come unico strumento di informazione e calcolo. L ingegneria costiera, ed in particolare lo studio riguardante i modelli di simulazione del trasporto solido litoraneo, prende in considerazione le cosiddette unità fisiografiche in quanto sistemi aperti: i flussi di materiale sabbioso in entrata ed in uscita dipendono da innumerevoli fattori che non è possibile quantificare unicamente con il dato telerilevato. In base alle osservazioni precedenti, i satelliti che possono venire utilizzati per un monitoraggio della costa sono: Landsat [figura 1-2] IRS [figura 3] I satelliti che forniscono dati SAR (ERS-1, JERS, ecc.) [figura 4] I satelliti SPOT [figura 5] COSMOS [figura 6] Per ciascuno dei satelliti citati si riporta una breve tabella contenente i sensori installati con le relative risoluzioni. Sensore Risoluzione Temporale [giorni] LANDSAT TM IRS LISS ERS-1 ERS-2 SAR SPOT HRV COSMOS KVR Risoluzione Spaziale [m] - 3 -

4 Raimondo De Laurentiis Dottorato in Scienza ed Ingegneria dello Spazio Figura 1: Immagine acquisita dal LANDSAT riguardante una porzione di costa canadese Figura 2: Immagine acquisita da LANDSAT raffigurante il porto di Seoul Figura 3: Immagine LISS acquisita dal satellite IRS-1 raffigurante il porto di Toronto, Canada -4-

5 Figura 4: Immagine SAR acquisita da ERS-1 il 7 Gennaio 1992 raffigurante lo stretto di Gibilterra Figura 5: Immagine acquisita da satellite SPOT, raffigurante l'isola di Hilton (USA) Figura 6 Immagine KVR-1000 acquisita dal satellite Cosmos raffigurante la città di Dublino

6 E necessario inoltre prendere in considerazione il fatto che ultimamente sono state commercializzate nuove tipologie di dati, detti ad alta risoluzione spaziale, che, per le loro caratteristiche intrinseche, risulterebbero in prima analisi ideali per l applicazione di cui sopra. Tali dati, caratterizzati da una risoluzione dell ordine di un metro, aprono un importante scenario, caratterizzato però da alcune problematiche. Tale elevata risoluzione spaziale infatti comporta una sovrabbondanza di dettaglio che, al fine dell individuazione della linea di costa, potrebbe determinare una complicazione di calcolo. Dai dettagli relativi ad un ponte, un molo o addirittura un palazzo proiettato in altezza sullo specchio dell acqua potrebbero derivare risultati di estrapolazione della linea di costa imprecisi [figura 7]. Figura 7: Immagine di Londra acquisita da satellite Ikonos. Si noti come la sovrabbondanza di dettaglio complichi la determinazione della linea separatrice acqua-terra. Nell ambito del monitoraggio della zona costiera, l'attività di ricerca ha inoltre riguardato l'applicazione di un algoritmo basato sui concetti fuzzy e di estrazione delle caratteristiche di tessitura per l'elaborazione di immagini telerilevate al fine di individuare la linea di costa. Si sono presi in esame dati di tipo radar ad apertura sintetica (SAR). Il buon risultato ottenuto, porta considerevoli vantaggi nel problema della generazione della mappa di elevazione; infatti, la linea di costa estratta può essere imposta come condizione al contorno del dominio spaziale per la risoluzione dello srotolamento della fase (phase unwrapping) mediante l'approccio ai minimi quadrati, eliminando informazioni inutili e producendo una mappa di elevazione più precisa. Ricerca delle ricadute applicative delle tecnologie spaziali in settori industriali non spaziali L'attività di ricerca svolta rientra nelle azioni dell'agenzia Spaziale Europea che, dal 1990, supporta il Programma di Trasferimento Tecnologico, rivolto alla ricerca di applicazioni non convenzionali delle tecnologie spaziali in settori industriali non spaziali. Avendo a disposizione un portafoglio di tecnologie sviluppate in programmi di ricerca ESA, e tramite l'identificazione delle necessità tecnologiche delle società contattate, l'attività di ricerca ha permesso di identificare la tecnologia spaziale che meglio si adattasse, in prima battuta, alla necessità tecnologica. Grazie alle diverse visite a società attive nei diversi settori industriali, quali ad esempio il settore lapideo, il tessile e quello automobilistico è stato possibile identificare situazioni nelle quali effettivamente la soluzione "spaziale" poteva essere presa in considerazione

7 ATTIVITÀ DI RICERCA PREVISTA Raimondo De Laurentiis Dottorato in Scienza ed Ingegneria dello Spazio Il monitoraggio della zona costiera utilizzando le tecniche del telerilevamento In tale ambito l'attività di ricerca sarà concentrata sulle possibili applicazioni delle nuove tipologie di dati telerilevate ad alta risoluzione nell'ambito del monitoraggio della zona costiera. In particolare verrà condotto uno studio approntato sull'utilizzo di dati telerilevati applicato alle strutture di ingegneria marittima e civile. Le tecniche tradizionali risultano infatti dispendiose in termini di campagne di acquisizione dati: per questo motivo ultimamente tali tecniche, che comprendono ad esempio la rilevazione del terreno tramite topografia tradizionali, vengono affiancati a ben più evolute metodologie di acquisizione quali utilizzo di ricevitori GPS. L'utilizzo delle tecniche di telerilevamento per il monitoraggio delle strutture marittime (dighe, moli ecc) potrebbe portare un notevole miglioramento in termini di ottimizzazione delle risorse economiche necessarie. Una possibile problematica relativa all'utilizzo di tali tecniche potrebbe essere tuttavia l'aumento, ancora da verificare, dei costi per il processing dei dati. Nell ambito delle attività di ricerca previste, verrà quindi condotto uno studio riguardante un analisi di applicabilità economica dei dati telerilevati. Confrontando i costi relativi alle tradizionali operazioni di acquisizione dati con i costi relativi all acquisto delle immagini telerilevate ed al processing delle stesse, necessario per l estrapolazione delle informazioni di interesse, sarà infatti stimare l impatto sul mercato che il telerilevamento applicato potrà avere nel prossimo futuro. Da una prima analisi lo scenario presente è in continua evoluzione ed il lancio in orbita di nuovi satelliti e sensori, contribuiscono a questo. Lo studio sarà condotto sia prendendo in esame la sensoristica odierna sia, considerando i satelliti che verranno lanciati nel prossimo futuro come ad esempio COSMO-SKYMED, nuova collaborazione tra le Agenzie italiana e francese sullo sviluppo di una costellazione di satelliti dedicati all area geografica del mediterraneo. Ricerca delle ricadute applicative delle tecnologie spaziali in settori industriali non spaziali L'attività di ricerca avrà come scopo l'individuazione di ulteriori applicazioni non convenzionali per le tecnologie ed il know-how sviluppato nel settore non spaziale. Saranno inoltre messo a punto, in collaborazione con ESA nuove metodologie per la divulgazione delle tecnologie spaziali, in pieno accordo con le finalità dell'agenzia stessa ed in sinergia con le azioni dedicate alle piccole e medie imprese della Commissione Europea

8 ATTIVITA' DIDATTICA SVOLTA "Strutture intelligenti: Monitoraggio e controllo attivo" - Lezioni tenute dal Prof. Andrea Del Grosso (DISEG). ATTIVITA' DIDATTICA PREVISTA "Teoria e Tecniche di riconoscimento 1 e 2" - Lezioni tenute dal Prof. Serpico e dalla Prof.ssa Dellepiane (DIBE). PARTECIPAZIONI A CONVEGNI 4 a Conferenza Nazionale ASITA, Genova - Magazzini del Cotone, 3-6-Ottobre th International Conference "High-Tech Cars and Engines Modena Maggio 2000 (relatore) Convegno Nazionale "Nuove opportunità per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico nelle PMI: servizi e finanziamenti", Modena, 31 Marzo 2000 (relatore) PUBBLICAZIONI G. Bo, S. Dellepiane, R. De Laurentiis, "Semiautomatic coastline detection in remotely sensed images", Proc. The International Geoscience and Remote Sensing Symposium - IGARSS 2000, July 2000, Honolulu, USA, pp A.Barbagelata, R. De Laurentiis, S.Carosio The automotive high-tech sector: improvements related to the use of technologies developed in space research projects ; 6th International Conference "High-Tech Cars and Engines", Modena, Maggio

Dott. Raimondo De Laurentiis

Dott. Raimondo De Laurentiis Dott. Raimondo De Laurentiis RELAZIONE SULL'ATTIVITA' E LE RICERCHE SVOLTE ALLA CONCLUSIONE DEL II ANNO DEL XV CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE E INGEGNERIA DELLO SPAZIO 1. TEMATICHE

Dettagli

Dipartimento Interateneo di Fisica Michelangelo Merlin, Università degli Studi e Politecnico di Bari 2

Dipartimento Interateneo di Fisica Michelangelo Merlin, Università degli Studi e Politecnico di Bari 2 267 ESTRAZIONE SEMI-AUTOMATICA DELLA LINEA DI COSTA DA IMMAGINI SATELLITARI AD ALTA RISOLUZIONE: VALUTAZIONE ED APPLICABILITÀ Maria Teresa Chiaradia 1, Roberto Francioso 2, Raffaella Matarrese 1 ; Antonio

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate Studio Tecnico Survey Project La Ricerca applicata al Territorio Applicazioni Sviluppate Tecnici Dott. For. Johnny Moretto, Ph.D. Dott. Nicola Trolese Applicazioni Sviluppate Batimetria canali bagnati

Dettagli

Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale

Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale Ing. Nicomino Fiscante Pisa, 13 febbraio 2015 SIGIEC Sistema di Gestione

Dettagli

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Vantaggi delle foto verticali La scala è uniforme in tutta la foto Si possono determinare angoli

Dettagli

Il progetto LIFE+ del mese

Il progetto LIFE+ del mese Il progetto LIFE+ del mese LIFE12 ENV/IT/000289 Beneficiario coordinatore: Regione Liguria Dipartimento Ambiente - Settore Ecosistema Costiero e Ciclo delle Acque Coordinatore del progetto: Ilaria Fasce

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Le evoluzioni della politica spaziale italiana: le applicazioni spaziali per i cittadini e le imprese

Le evoluzioni della politica spaziale italiana: le applicazioni spaziali per i cittadini e le imprese DANIELE CAPEZZONE, Presidente della X Commissione, Attività produttive, commercio e turismo, delegato al coordinamento delle attività del Comitato VAST. Invito a prendere la parola il direttore del coordinamento

Dettagli

Intraprendenza, la dote di chi non teme il rischio.

Intraprendenza, la dote di chi non teme il rischio. La CRB Software Division sostiene e traduce in realtà idee innovative con: Intelligenza, la capacità di comprendere, ideare e fare; Intuito, l'abilità di interpretare le varie opportunità tecnologiche

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

IL PROGETTO DREPANCOAST

IL PROGETTO DREPANCOAST IL PROGETTO DREPANCOAST La Provincia Regionale di Trapani, nell ambito di un progetto POR, ha affidato al Gruppo Gifaco dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale

Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale Business white paper Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale Il valore del testing continuativo delle prestazioni applicative Le problematiche più comuni nei test prestazionali Nel corso

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring)

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) 2 Bando Tematico riservato alle P.M.I. Osservazione della Terra SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) INNOVA Consorzio per l Informatica e la Telematica srl Dott. Antonio Valentino 13 luglio

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Misurare le deformazioni del suolo con i radar (SAR) satellitari

Misurare le deformazioni del suolo con i radar (SAR) satellitari Arpa Emilia-Romagna Bologna 3 Dicembre 2007 Misurare le deformazioni del suolo con i radar (SAR) satellitari Claudio Prati - Politecnico di Milano e.mail prati@elet.polimi.it 1 C. Prati Misurare le deformazioni

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio RUSSIA E OLTRE - RELAZIONI ECONOMICHE ED EQUILIBRI POLITICI RUSSIA: HIGH TECH ED ENERGIA, LE STRATEGIE E LE REGOLE Pavia 9 Ottobre 2009 Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio L. Zucconi Amministratore

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed AGENZIA SPAZIALE ITALIANA BANDO PERIODICO RISERVATO

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI RIDUZIONE IMPATTO AMBIENTALE CERTIFICATI DI VALIDAZIONE DIFFUSIONE DELLE EMISSIONI ODORIGENE DAL CANALE DI INGRESSO DELL IMPIANTO DI NOSEDO: STUDIO DIFFUSIONALE DI CONFRONTO TRA RISULTATI DEL SISTEMA ODOWATCH

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione A seguito del violento terremoto che ha colpito l isola di Haiti il 12 Gennaio

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO Alessandra Marchese (GISIG) La ricerca che crea innovazione per un futuro sostenibile Genova, 20 febbraio 2015 Con il patrocinio di Con il contributo

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale

Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Stato dell arte nell uso dei sensori per la diagnostica colturale Martina Corti martina.corti@unimi.it Sensore Impiegato Tecnica di acquisizione Elaborazione Dato Camera Digitale Camera Termica Satellite

Dettagli

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione

CICLO XXIII. Smart Vineyard. Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale dell agricoltura: un applicazione in viticoltura di precisione I U A V UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SCUOLA DI DOTTORATO DOTTORATO DI RICERCA IN NUOVE TECNOLOGIE E INFORMAZIONE TERRITORIO - AMBIENTE CICLO XXIII Smart Vineyard Nuove tecnologie per la sostenibilità ambientale

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra Progetto WHERE World HEritage monitoring by Remote sensing Realizzazione di un sistema per il monitoraggio Sistema

Dettagli

ll satellite WorldView-2: Pan-sharpening e Correzione Geometrica

ll satellite WorldView-2: Pan-sharpening e Correzione Geometrica ll satellite WorldView-2: Pan-sharpening e Correzione Geometrica Philip Cheng e Chuck Chaapel Il successo dell operazione WorldView-2 della DigitalGlobe ha creato un altra pietra miliare per i satelliti

Dettagli

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Andrea Balzano, Andrea Sulis, Claudia Pedone, Massimiliano Ventroni Università di Cagliari - DICAAR Torino, 9-1 Ottobre 213 Torino,

Dettagli

Il Corso è articolato in una parte teorica ed una parte applicativa

Il Corso è articolato in una parte teorica ed una parte applicativa Lezioni di Tecnica Urbanistica a.a.2011-2012 Maria Ioannilli Presentazione del corso 1 Il Corso è articolato in una parte teorica ed una parte applicativa La componente teorica è divisa in tre parti. Nella

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO - IPOTESI ALTERNATIVE ing. Daniele Rinaldo n. 1886 Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

- La PRIMA di queste è stata fatta all inizio della ricerca. Gli obiettivi del programma del dottorato risultavano diversi ed in sintesi:

- La PRIMA di queste è stata fatta all inizio della ricerca. Gli obiettivi del programma del dottorato risultavano diversi ed in sintesi: AL MAGNIFICO RETTORE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA Area ricerca scientifica e rapporti comunitari Via Pietro Bucci 87036 RENDE Contributo dei dati Telerilevati e dell analisi GIS con software Open

Dettagli

PARTECIPANTI AL PROGETTO Lead partner - LP Provincia di Belluno - Servizio Economia e Programmi Comunitari

PARTECIPANTI AL PROGETTO Lead partner - LP Provincia di Belluno - Servizio Economia e Programmi Comunitari PARTECIPANTI AL PROGETTO Lead partner - LP Provincia di Belluno - Servizio Economia e Programmi Comunitari Partner del progetto - P1 Dolomiti Turismo s.r.l. Partner del progetto - P2 Tourismusverband Hochpustertal

Dettagli

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi territoriali Cosa sono i SIT? I SIT, ovvero Sistemi Informativi Territoriali, acronimo italiano di GIS (Geographic Information Systems), sono degli

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale pkm027-534-1.0 Presentazione aziendale Domenico Laforenza, Daniela Drimaco Roma, 14 Aprile 2011 Introduzione Planetek Italia S.r.l. è una società leader nella consulenza multi-disciplinare per lo sviluppo

Dettagli

LANDSCAPES IN TRANSITION

LANDSCAPES IN TRANSITION LANDSCAPES IN TRANSITION Un promemoria fotografico del futuro che verrà, ogni mese una riflessione sul pianeta che cambia. Vista dai satelliti è travolgente la bellezza della Terra. Ma i messaggi che ci

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente Orientamento Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente N. Pierdicca - pierdicca@die.uniroma1.it V. Ferrara - ferrara@die.uniroma1.it Sistemi complessi per l ambiente Monitoraggio ambientale /

Dettagli

Potenzialità e applicazioni innovative del Servizio

Potenzialità e applicazioni innovative del Servizio Potenzialità e applicazioni innovative del Servizio Bianca Federici bianca.federici@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova SERVIZIO REGIONALE DI POSIZIONAMENTO

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE Fabio MASELLI IBIMET-CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino, FI ARGOMENTI TRATTATI La presentazione intende dare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze ORIENTAMENTO 1. Si muove consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi

Dettagli

Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti

Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti Utilizzare i Dati Telerilevati per un Monitoraggio efficiente dei Raccolti Ottieni di più dalle immagini Case study - Introduzione di dati telerilevati per ridurre i costi e e aumentare l efficienza nella

Dettagli

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione Attività e ricerche ISAC è il maggior istituto che opera sulle tematiche di scienze dell atmosfera e del clima nel CNR e in Italia. Le competenze dell Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima (ISAC)

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

allegato al Decreto n. 15/2006 N. assegni

allegato al Decreto n. 15/2006 N. assegni 2 3 Tematica Partecipazione al Programma Nazionale di Sviluppo, Integrazione e Circolarità del Patrimonio Informativo della Pubblica Amministrazione per assicurare l'interoperabilità e la cooperazione

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

L INTEGRAZIONE DEI SENSORI PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO AMBIENTALE E STRUTTURALE

L INTEGRAZIONE DEI SENSORI PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO AMBIENTALE E STRUTTURALE xxxxxxxxx 16 Maggio 2008 L INTEGRAZIONE DEI SENSORI PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO AMBIENTALE E STRUTTURALE Relatore : Marco Meroni Indice Chi siamo Panoramica sulla sensoristica Sistemi Periodici

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR)

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR) Geodesia Dal greco Γεωδαισια: divisione della Terra Discipline collegate alla geodesia: 1. studio della forma del pianeta; 2. studio del campo di gravità del pianeta. Misure geodetiche: misure legate e

Dettagli

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la Per quanto concerne l'industria automobilistica, l'approccio è orientato all'ottenimento di prestazioni di prim'ordine con la fornitura di una tecnologia in grado di ridurre al minimo i margini di errore

Dettagli

Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of land hydrological parameters

Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of land hydrological parameters Progetto ASI 1720 - HYDRO-COSMO The retrieval and monitoring of Land Hydrological parameters for Risk and Water Resources Management Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Piattaforme UAV/RPAS per il monitoraggio di infrastrutture energetiche. Antonio D Argenio Panoptes srl Palermo

Piattaforme UAV/RPAS per il monitoraggio di infrastrutture energetiche. Antonio D Argenio Panoptes srl Palermo Piattaforme UAV/RPAS per il monitoraggio di infrastrutture energetiche Antonio D Argenio Panoptes srl Palermo the spatial way to small drones inspections Antonio D Argenio CEO Geologo, PhD UAV, GIS, management

Dettagli

Premio Best Practice Patrimoni Pubblici 2010

Premio Best Practice Patrimoni Pubblici 2010 Progetto sperimentale per un servizio di monitoraggio integrato e e continuo della consistenza qualitativa della rete viaria della Benevento" Contesto patrimoniale quo ante Premio Best Practice Patrimoni

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

VENTILAZIONE NATURALE CONTROLLATA

VENTILAZIONE NATURALE CONTROLLATA LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI VENTILAZIONE NATURALE CONTROLLATA Principi fluidodinamici che regolano i movimenti d aria e fondamenti della progettazione di sito Logiche progettuali per uno sfruttamento

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana

Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Linee progettuali preliminari 4 luglio 2008

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

Piano Straordinario di Telerilevamento (PST-A) Lotto 2

Piano Straordinario di Telerilevamento (PST-A) Lotto 2 Piano Straordinario di Telerilevamento (PST-A) Lotto 2 MAPPE DI MISURE DI ACCELERAZIONI DERIVATE 1 INTRODUZIONE 1.1 Scopo del documento Lo scopo del documento è quello di descrivere il prodotto mappe di

Dettagli

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo.

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Estratto dal libro: Involucro trasparente ed efficienza energetica Tecnologie, prestazioni e controllo ambientale

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

Workshop ASI 3 Bando PMI Progetto NAUS - New AIS Utilities for Ships. Roma, 25 Luglio 2013

Workshop ASI 3 Bando PMI Progetto NAUS - New AIS Utilities for Ships. Roma, 25 Luglio 2013 Workshop ASI 3 Bando PMI Progetto NAUS - New AIS Utilities for Ships Roma, 25 Luglio 2013 OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Il progetto ha l obiettivo di realizzare un sistema integrato per il supporto alla

Dettagli

Quanto Udiamo In Esterni Silenziosi

Quanto Udiamo In Esterni Silenziosi 3 giugno 2015 L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte CONVEGNO ARPA PIEMONTE/CITTA DI TORINO Relatori: Dott. Alessandro Falcone (WPWEB SRL) Ing. Franco Bertellino (MICROBEL

Dettagli

Eco-Concorso Einstein

Eco-Concorso Einstein IPSSAR DI TORCARBONE VIA DI TORCARBONE 53 ROMA Eco-Concorso Einstein scuole superiori Roma dal 20-12 2008 al 10-01-2009 Lungotevere Dante, zona Marconi, Roma gennaio 2009 FAR FINTA DI NON SAPERE/VEDERE

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

Profilo aziendale. Giugno 2008 - Pubblica

Profilo aziendale. Giugno 2008 - Pubblica Profilo aziendale Chi siamo Siamo un gruppo di professionisti esperti di gestione aziendale, che si propone come valido supporto ad imprenditori, dirigenti e manager nel ricercare, sviluppare ed applicare

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI In questo articolo vengono descritte alcune applicazioni operative basate sull elaborazione di

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Sviluppo di soluzioni avanzate di restituzione dati per il monitoraggio di versanti con tecniche interferometriche terrestri e satellitari

Sviluppo di soluzioni avanzate di restituzione dati per il monitoraggio di versanti con tecniche interferometriche terrestri e satellitari Centro di Ricerca CERI Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico (Direttore Prof. Alberto Prestininzi) Relazione finale attività di Tirocinio Sviluppo di soluzioni avanzate

Dettagli

Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po

Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po SERVIZIO GEOLOGIA Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po Prime considerazioni Riccardo Campana, Savino Cimarosto, Anna Galuppo, Enrico Schiavon,

Dettagli

Studio dei cambiamenti dell'uso del suolo a Muhura tramite analisi di immagini telerilevate multitemporali

Studio dei cambiamenti dell'uso del suolo a Muhura tramite analisi di immagini telerilevate multitemporali Studio dei cambiamenti dell'uso del suolo a Muhura tramite analisi di immagini telerilevate multitemporali Marco Bezzi, Marco Ciolli, Anna Rossi, Alfonso Vitti Approvvigionamento idrico nei paesi in via

Dettagli

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators Autori: Laura Molloy (HATII) Leo Konstantelos (HATII) Ann Gow (HATII) David Wilson (HATII) Seamus Ross (ischool, utoronto) Nathan Moles (ischool, utoronto)

Dettagli