Centro Studi C.N.I dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Studi C.N.I. - 14 dicembre 2012"

Transcript

1 Centro Studi C.N.I dicembre 2012

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Centro Studi C.N.I dicembre 2012 ASSOCIAZIONI NON REGOLAMENTATE Sole 24 Ore 14/12/12 P. 26 La legge al voto il 19 dicembre 1 PROFESSIONI NON REGOLAMENTATE Italia Oggi 14/12/12 P. 35 Persiste la crisi, ma il Parlamento si occupa dei senza albo 2 PREVIDENZA PROFESSIONISTI Italia Oggi 14/12/12 P. 35 Over 65, l'inps torna alla carica 3 Italia Oggi 14/12/12 P. 35 Istruzioni per l'uso 4 FISCO E PROFESSIONISTI Italia Oggi 14/12/12 P II bancomat über alles 5 BANDI PUBBLICI Sole 24 Ore 14/12/12 P. 29 Banca dati sugli appalti, partenza dal 1 aprile Mauro Salerno 7 AFFIDAMENTI IN HOUSE Sole 24 Ore 14/12/12 P. 26 Per gli affidamenti in house salta il limite di 200 mila euro Gianni Trovati 8 INFRASTRUTTURE Sole 24 Ore 14/12/12 P. 13 Infrastrutture: il bilancio magro dell'ultimo miglio Giorgio Santilli 9 ENERGIA Corriere Della Sera 14/12/12 P. 13 Gli incentivi elettrici e la bolletta bancomat Stefano Agnoli 10 UNIVERSITÀ Corriere Della Sera 14/12/12 P. 55 Per ritrovare fiducia nel futuro bisogna cominciare dalle università Ivan Lo Bello 11 TOBIN TAX Corriere Della Sera 14/12/12 P. 13 Una tassa che salva la speculazione Massimo Mucchetti 12 RIFORMA FORENSE Corriere Della Sera 14/12/12 P La riforma che penalizza i giovani avvocati Gian Antonio Stella 13 COMMERCIALISTI Sole 24 Ore 14/12/12 P. 29 Elezioni commercialisti fra dialogo e schermaglie Giorgio Tosta 16 Corriere Della Sera 14/12/12 P. 39 Commercialisti, il voto della discordia Il ministro ora manda il commissario Isidoro Trovato 17 Italia Oggi 14/12/12 P. 31 La base chiede un Cndcec unito Benedetta Pacelli 18 CONFPROFESSIONI Italia Oggi 14/12/12 P. 31 Confprofessioni, Stella presidente 19 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 ASSOCIAZIONI La legge al voto il 19 dicembre Mercoledì i9 alle 14la Commissione Attività produttive della Camera esaminerà in sede legislativa la proposta di legge sulle professioni non organizzate. Si riapre la possibilità di una legge per i «Senz'Albo». Associazioni non regolamentate Pagina 1

4 Persiste la crisi, a il Parlamento si occupa dei senza albo Che fa il parlamento mentre lo spread risale, l'emergenza dei conti pubblici si aggrava e il governo è in difficoltà? Trova il tempo di occuparsi di un fondamentale disegno di legge (ddl 3270 testo unificato Froner Pd, Buttiglione Formisano Udc, Della Vedova Fli) in materia di professioni non organizzate che punta a mettere sotto lo stesso ombrello e con un solo colpo regolatore tutti i mestieri che fino ad ora erano sfuggiti a una regolamentazione. In sostanza, si sta avviando a disciplinare con legge, che ha avuto il via libera alla legislativa anche dall'aula di Montecitorio, tante cosiddette «nuove professioni», che magari interessano pure diversi campi dei servizi utili a cittadini e imprese, ma che non dovrebbero essere confuse con professioni ordinistiche come quelle, per esempio, dei notai o degli ingegneri. Il ddl consente a chi svolge una professione non ordinistica di decidere come svolgere la propria attività: iscrivendosi all'associazione di riferimento, applicando le norme Uni chiedendo una certificazione «a vantaggio del consumatore». La legge prevede che le associazioni di questi operatori siano iscritte a domanda in un elenco tenuto dal ministero delle attività produttive, che non esercita alcun vaglio sul profilo della tutela legislativa. La normativa mira chiaramente a dotare questi soggetti di un riconoscimento pubblico spendibile sul mercato senza alcun significativo contro bilanciamento in termini di vigilanza pubblica sul loro comportamento, i doveri deontologici, i procedimenti disciplinari, l'obbligo di esame di stato di formazione continua e perfino di nessun titolo di studio qualificato. Insomma, essi finiranno con il godere di tutti i vantaggi senza aver alcun onere. Il tutto falsando il mercato dei servizi professionali e aumentando la confusione. Solo a danno dei cittadini. Strano che nessuno si sia accorto dell'inganno. L'inganno più pericoloso sta nell'impostazione della legge che consentirebbe l'esercizio di qualsiasi attività non «riservata per legge», a chiunque in possesso di un attestato di competenza rilasciato dalle associazioni. Antec, il sindacato che raggruppa periti industriali, geometri, periti agrari e agrotecnici, aveva denunciato fin dall'inizio dell'iter legislativo questi rischi, proponendo degli emendamenti. Emendamenti raccolti e depositati alla camera dei deputati dall'onorevole Maria Grazia Siliquini già nella prima lettura in aula del 17 aprile scorso, certamente l'unica a essersi battuta per evitare questo pasticcio legislativo. Chi ha promosso la legge sa bene che non tutte le attività di interesse pubblico sono soggette a riserva per legge e tuttavia sono di rilevanza straordinaria. È importante capire che la regolamentazione delle attività professionali non è finalizzata alla tutela dei singoli professionisti, ma solo alla tutela degli interessi generali e della collettività. Principi che questa legge vanificherebbe attraverso il riconoscimento da parte dello stato di una «patente» di professionista che trarrebbe in inganno qualsiasi cittadino. Manca del tutto una linea di demarcazione tra professioni regolamentate e non, con la conseguenza che il mercato delle prestazioni professionali rischia di risultare opaco e non trasparente. Il cittadino, infatti, non sarà in grado di distinguere un professionista iscritto a un ordine, con tutto quello che questo comporta in termini di doveri e un iscritto a una libera associazione privata, che non ha alcun dovere. La legge consentirebbe a coloro che con la sola iscrizione a un'associazione potranno esibire un attestato di competenza (seppure senza alcun valore legale) rilasciato da privati, senza alcun controllo né da parte dello stato né da parte delle regioni. Per garantire il cittadino nel rispetto dei principi costituzionali, devono essere escluse, ai soggetti non abilitati e iscritti negli albi professionali, non solo le attività «riservate per legge», ma anche le attività regolamentate e tipiche dei professionisti iscritti a ordini e collegi professionali e la definizione ingannevole di «professionista». E comunque per concludere fa specie che tutto questo accada nel silenzio assordante dell'autorità garante per la concorrenza e il mercato, che invece è sempre vigile e tempestiva nelle tematiche che riguardano le professioni ordinistiche. Professioni non regolamentate Pagina 2

5 /\, (01, uml.(.cnl.e nrirx, rzorrna r11 le ; e di dáverso rxvvcso, 1,'I.slr,/ulo cotzl,crtrar.r, (1, chiedere conlribnlc Over 65, l'inps torna alla carica Una nuova raffica di avvisibonari ai periti industriali Inps cambia strategia di attacco verso i liberi professionisti periti industriali, finiti ingiustamente nelle maglie dell'indagine definita Poseidone, e in questi giorni sta spedendo una pioggia di avvisi di addebito rispetto a presunti versamenti previdenziali non effettuati. La questione, che con il tempo è diventata sempre più spinosa ma anche sorprendente, deve far veramente riflettere: tutto è cominciato nel momento in cui l'istituto nazionale, nell'ambito di un'indagine incrociata, ha individuato un drappello di liberi professionisti pensionati che continuavano la loro attività dopo aver interrotto il loro versamento previdenziale. In alcuni casi questa interruzione si configurava come un comportamento scorretto, ma in altri casi, invece, i liberi professionisti stavano puramente esercitando una loro facoltà concessa dalla loro Cassa di previdenza di categoria, come appunto nella circostanza dei periti industriali. C'è voluta la caparbietà di molti enti di previdenza privati per sollecitare l'intervento del legislatore e far approvare una legge (la 111/2011) che identifica in modo chiaro una soluzione ragionevole del caso, ritenendo che un libero professionista iscritto a un albo non può mai ritenersi obbligato verso l'inps e che dunque nessun perito industriale pensionato avrebbe dovuto sborsare un solo euro di contributo previdenziale fino al Questo principio è stato rafforzato e confermato dall'inps stesso sia da una circolare interna (la 99 del 2011 ) sia da un messaggio operativo (il 709 del 2012), anche se bisogna osservare che le agenzie sul territorio si sono comportate in modo spesso non omogeneo rispetto alle indicazioni che venivano dalla sede centrale, alcune annullando i procedimenti in corso sulla base della nuova normativa, altre andando inspiegabilmente fino in fondo in giudizio. In ogni caso, ogni volta il giudice ha dato ragione all'eppi: le tre sentenze pilota dei tribunali di Aosta, Padova e Trieste sono state accolte anche da tutti gli altri tribunali cui i periti industriali hanno fatto ricorso, tra cui Bologna, Cosenza, Bari, Roma e da ultimo è arrivata la conferma della Corte di Torino. La notifica degli avvisi di addebito di questi giorni ha fatto però compiere un brusco passo indietro alla vicenda. In sostanza oggi l'inps chiede ai professionisti interessati di saldare lo stesso conto di qualche tempo prima, non rivolgendosi più a Equitalia per la fase di riscossione, ma intervenendo direttamente in prima persona, intimando nuovamente di versare presunti contributi previdenziali mancanti e concedendo appena 40 giorni per opporsi. Dato il periodo, le festività imminenti, è possibile che non sia semplice organizzare un'azione a contrasto del provvedimento. L'Eppi in ogni caso conferma che le legge 111 esclude categoricamente dalla competenza della Gestione separata Inps, i liberi professionisti già pensionati iscritti agli albi professionali e iscritti anche alle relative casse ed enti di previdenza categoriali : in sostanza, i soggetti pensionati che svolgono e percepiscono redditi derivanti dallo svolgimento di attività libero -professionale devono vedersela esclusivamente con la loro previdenza di categoria. Dunque, niente cartelle esattoriali o avvisi di addebito per quanto avvenuto fino al 31 dicembre «Voglio però ripetere», conclude con forza Florio Bendinelli, presidente della Cassa periti industriali, «che il comportamento dell'inps desta qualche perplessità, anche perché significa istruire procedimenti giudiziari che ad oggi, almeno nel caso dell'eppi, hanno sempre ricevuto parere negativo. Mi continuo a chiedere quando le gestioni provinciali dell'inps si adegueranno alla norma ed eviteranno così di sprecare denaro pubblico in questo modo».,u,u/% ffiyc, Previdenza professionisti Pagina 3

6 Istruzioni per l'uso Cosa fare per opporsi agli avvisi Inps? L'avviso di addebito che l'inps invia deve essere subito contestato dai periti industriali iscritti e pensionati: occorre proporre il ricorso giudiziario, entro 40 giorni, che ne richieda la sospensione, passo fondamentale perché l'avviso non diventi definitivo e subito esecutivo. Allo stesso tempo, è possibile anche proporre un ricorso amministrativo in autotutela all'inps. Se l'istituto riconoscesse di aver sbagliato, ovviamente si annullerebbe il contenuto dell'avviso di addebito ma non si annullerebbero gli effetti. Dunque, per evitare che l'avviso Inps diventi efficace bisogna, in ogni caso, passare per il ricorso giudiziario. Previdenza professionisti Pagina 4

7 II bancomat über alles (ehi vende prodotti e offre servizi anche profpssion ali dovrà obbligatoriamente dotarsi dï strumenti elettronici di pagamento Chiunque venda prodotti e presti servizi, anche professionali, dovrà obbligatoriamente dotarsi di strumenti elettronici di pagamento. Di più: i pagamenti elettronici, ad esempio per l'acquisto di ticket per i mezzi pubblici, potranno essere effettuati anche tramite tablet e smartphone. Le pubbliche amministrazioni dovranno pubblicare sui loro siti internet i rispettivi codici Iban. Sono solo alcune delle innovazioni contenute nel decreto crescita 2.0 (n. 179/2012), ieri definitivamente convertito in legge dalla camera dei deputati. Chiarello e Bombi a pagina 23 Fisco e professionisti Pagina 5

8 DECRETO CRESCITA/La carnera converte in legge il (Il Tutte lc' nurità imprese professionisti. a a e ti elettronici in ogni. resa e attivita di se iza DI LUIGI CHIARELLO E MARILIsA BOMBI - hiunque venda prodotti e presti servizi, anche professionali, dovrà obbligatoriamente dotarsi di strumenti elettronici di pagamento. Di più: i pagamenti elettronici, per esempio per l'acquisto di ticket per i mezzi pubblici, potranno essere effettuati tramite tablet e smartphone. E anche le pubbliche amministrazioni saranno obbligate ad accettare pagamenti in formato elettronico e dovranno pubblicare sui loro siti internet i r ispettivi codici Iban. Sono solo alcune delle innovazioni contenute nel decreto crescita 2.() (n. 179/2012), ieri definitivamente convertito in legge dalla camera dei deputati. Il provvedimento, tra le altre cose, liberalizza l'accesso universale a internet, mette in rete gli edifici scolastici, prevede uno sgravio di imposta per gli editori di opere digitali, introduce il fascicolo sanitario elettronico e servizi sanitari online per il cittadino. Internet scuole. Con la legge in questione è stato disposto che per garantire il regolare svolgimento del servizio scolastico in ambienti adeguati e sicuri, il ministro dell'istruzione, d'intesa con la Conferenza unificata, definirà appositi piani triennali e i relativi finanziamenti. Ma un dato è già certo: per i nuovi edifici scolastici gli enti locali responsabili dovranno includere l'infrastruttura di rete internet tra le opere edilizie necessarie. Credito di imposta per il digitale. Sarà riconosciuto un credito d'imposta del 25% dei costi sostenuti, nel rispetto dei limiti della regola de minimis, alle imprese che sviluppano piattaforme telematiche per la distribuzione, la vendita e il noleggio di opere dell'ingegno digitali. L'agevolazione si applicherà per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015, nel limite di spesa di 5 milioni di euro annui e fino a esaurimento delle risorse disponibili. Carta dei diritti. E riconosciuta l'importanza del superamento del divario digitale, in particolare nelle aree depresse del paese, perla libera diffusione della conoscenza fra la cittadinanza. Per superare il deficit deve essere assicurato l'accesso pieno e aperto alle fonti di informazione e agli strumenti di produzione del sapere. A tal fine, lo stato ha deciso di promuovere una «Carta dei diritti», nella quale sono definiti i princìpi e i criteri volti a garantire l'accesso universale della cittadinanza alla rete internet senza alcuna discriminazione o forma di cencura. Domicilio digitale. A decorrere dal 1 gennaio 2013, le amministrazioni pubbliche e i gestori o esercenti di pubblici servizi comunicano con il cittadino esclusivamente tramite il domicilio digitale dallo stesso dichiarato e senza oneri di spedizione a suo carico. Ogni altra forma di comunicazione non può produrre effetti pregiudizievoli per il destinatario. L'utilizzo di differenti modalità di comunicazione rientra tra i parametri di valutazione della performance dei dirigenti. Pec delle imprese. Nuovo rinvio per le imprese individuali attive e non soggette a procedura concorsuale. Le stesse, infatti, sono tenute a depositare, presso l'ufficio del registro delle imprese, il proprio indirizzo di posta elettronica certificata entro il 30 giugno L'ufficio del registro delle imprese che riceve una domanda di iscrizione che non ha iscritto il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, anziché sanzionare l'impresa, com'è previsto attualmente, sospende la domanda fino a integrazione della stessa con l'indirizzo di posta elettronica certificata e comunque per 45 giorni; trascorso tale periodo, la domanda si intende non presentata. La rubrica delle Pec. L'accesso all'ini-pec (Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (Ini-Pec) delle imprese e dei professionisti, tenuto dal ministero per lo sviluppo economico e consentito non solo a p.a., professionisti e imprese, ma anche ai gestori o esercenti di pubblici servizi ed a tutti i cittadini tramite sito web e senza necessità di autenticazione. Biglietto con il cellulare. Tenuto conto del carattere di pubblica utilità del servizio e al fine di assicurarne la massima diffusione, le aziende di trasporto dovranno consentire l'utilizzo della bigliettazione elettronica attraverso strumenti di pagamento in mobilità, anche attraverso l'addebito diretto su credito tramite qualsiasi dispositivo di telecomunicazione. Il titolo digitale del biglietto è consegnato sul dispositivo di comunicazione. Fisco e professionisti Pagina 6

9 Jea Sperimentazione da gennaio Banca dati sugli alti, partenza dal a rile Mauro Salerno n Parte il conto alla rovescia per l'avvio dellab anca dati appalti gestita dell'autorità di vigilanza sui contratti pubblici. L'obbligo p er le stazioni appaltanti di servirsi del portale battezzato «Avcpass» per la verifica dei requisiti di costruttori, progettisti e fornitori di beni-e servizi scatterà il primo aprile 2013 e sarà limitato are di importo superiore a un milione di euro. Dal primo gennaio il sistema partirà in forma sperimentale. Lo slittamento di tre mesi rispetto al termine previsto dal Dlgs,163/2006 (articolo 6-bis) servirà per permettere a enti e imprese di prendere confidenza con la nuovaprocedura di gestione delle gare, evitando di mandare in tilt il mercato. Una volta diventato operativo il servizio costituiràunavera e propria rivoluzione per il settore degli appalti, in cui operano circa 4omila amministrazioni, con oltre 1,2 milioni di gare bandite ogni anno. Lo scopo di Avcpass è di dare alle amministrazioni lapossibilità di verificare in via telematica e in un colpo solo tutti i requisiti di chi parteciperà alle gare: dalla regolarità contributiva (Inarcassa, Inail) alla documentazione antimafia (ministero dell'interno), dalla certificazione di qualità (Accredia) a quella di regolartà fiscale rilasciata dall'agenzia delle Entrate. Perché tutto ciò si tramuti in realtà bisognerà però attendere ancora. Per ora la possibilità di accesso diretto ai dati telematici da parte dell'autorità funziona solo con Inarcassa, in tuttigli altri casi sarà comunque l'autorità a "mediare" tre le Pa, verificando la sussistenza dei requisiti e dandone comunicazione, ancora in forma cartacea, agli enti interessati. Lo schema di delibera con le indicazioni operative per stazioni appaltanti e imprese è stato posta ieri in consultazione. Associazioni e amministrazioni coinvolti nell'operazione avranno a disposizione pochissimo tempo per far pervenire le proprie valutazioni utilizzando il modulo scaricabile dal sito dell'autorità. Il termine ultimo scade lunedì 17 dicembre. Poi, dopo aver incassato il parere del Garante dellaprivacy sulla gestione dei dati sensibili forniti dalle imprese Via Ripetta darà l'ok definitivo.aldocumento. Confermate le anticipazioni pubblicate sull'ultimo numero del settimanale Edilizia e Territorio. Dopo lafase sperimentale il sistema diventerà obbligatorio per i bandi al di sopra di un milione dalprimo aprile Nelterzo trimestre il sistema diventeràvincolante ibandi oltre 15omila euro.infine da ottobre non ci saranno sconti: il servizio sarà obbligatorio per tutti ibandi da 4omila euro in su, pena la nullità della gara. 0 RIPRODUZIONE RISERVATA Bandi pubblici Pagina 7

10 SeMzì icm Agli «Ato» la gestione rifiuti Per gli affidamenti in house salta il limite di 200mila euro Gianni Trovati MILANO Anche la gestione dei rifiuti rientra tra i «servizi a rete», per i quali tutte le attività di organizzazione e gestione devono essere trasferiti agli ambiti territoriali ottimali previsti dalla manovra-bis del Ferragosto 2011 (articolo 3-bis del Dl 138/2on). Scompare del tutto il limite dei 20omila euro annui per gli affidamenti in house, che sarebbe dovuto entrare in vigore a inizio 2014 e avrebbe lasciato sopravvivere gli affidamenti di valore superiore fino alla fine dello stesso anno secondo le previsioni del decreto legge sulla revisione di spesa. La versione definitiva del decreto «Sviluppo-bis», che ha ottenuto ieri l'ultimo disco verde dalla Camera, porta molte novità al mondo dei servizi pubblici locali e delle società partecipate. Oltre alla scomparsa del limite dei 20omila euro all'in house (si veda anche Il Sole 24 Ore del 7 dicembre), che riporta integralmente la disciplina degli affidamenti nel'ambito delle regole Ue sull'in house, il ritocco di maggior peso è quello sugli ambiti territoriali previsti dalla manovra-bis dello scorso anno, ma accolti con più di un'incertezza da parte delle Regioni che in qualche caso non ne hanno completato il disegno o l'attuazione. Ora i ritardatari devono affrettarsi perché agli ambiti, secondo la legge di conversione approvata ieri, vanno trasferiti subito tutti i compiti relativi a «scelta della forma di gestione, di determinazione delle tariffe all'utenza per quanto di competenza, di affidamento della gestione e relativo controllo». Insomma, esce dai singoli enti locali l'intera organizzazione dei servizi pubblici arete, famiglia nella quale il decreto Sviluppo-bis fa rientrare anche la raccolta e smaltimento di rifiuti urbani superando così i dubbi interpretativi sollevati da molti operatori. In nome della concorrenza, o di quel che ne rimane dopo la sentenza 199/2o12 della Corte costituzionale che ha cancellato le "liberalizzazioni" dell'anno scorso, si prevede poi che la disciplina del Codice appalti si applichi anche ai servizi di illuminazione votiva. In ogni caso, chi sceglie la strada dell'in house dovrà motivare in una relazione, da pubblicare sul sito Internet, le ragioni della scelta. Una semplificazione interviene poi sul fronte dei micro-pagamenti pubblici alle imprese, che devono essere effettuati in forma elettronica se il creditore lo richiede. RIPRODUZIONE RISERVATA Affidamenti in house Pagina 8

11 L'ANALISI Giorgio Santilli Infrastrutture: íl bilancio magro dell'ultimo miglio 1 bilancio dell'ultimo miglio parlamentare è molto magro perle infrastrutture e l'edilizia, settori che avrebbero dovuto essere trainanti perla crescita, almeno stando alle dichiarazioni di governo e partiti negli ultimi mesi. Così non è stato: ristretto a pochissime grandissime opere e sottoposto al rigido filtro del Cipe il credito di impostaperiproject financing contenuto nel decreto sviluppo, spedite sul binario morto le semplificazioni edilizie, mai partito il disegno di legge su nuovo codice appalti e débat public. Qualche aggiustamento qua e là, compreso quello perle tariffe_ professionali: novità episodiche e frammentarie, che danno più il senso del persistere dell'assenza di una politica per lo sviluppo delle infrastrutture che non il segno dell'avvio faticoso di una nuova epoca. Se non ci sarà un improbabile colpo di coda con la legge di stabilità, la prossima legislatura si aprirà con gli stessi problemi irrisolti di un anno fa. Intendiamoci, un paio di cose sono state avviate e promettono anche bene. Basti pensare al project bond e al "piano città", che portano la firma delviceministro alle Infrastrutture, Mario Ciaccia: importanti perché colmano altrettanti vuoti. Ma a fine legislatura non c'è più spazio per romantiche aspettative e sotto gli occhi di tutti finisce unbilancio crudo, fatto di cose e non di parole. Non ci sarà in Italia nessuna infrastruttura importante che sarà "salvata" o messa in moto dal project bond: viceversa, se troverà un mercato anche dal lato della domanda, l'obbligazione di progetto potrà essere un importante strumento di accompagno complementare a quei piani economico-finanziari di nuove concessioni che tanta fatica fanno in Italia a rispettare regole di trasparenza. Non si fanno opere inproject financing senza equity, senza sufficiente remuneratività degli investimenti, senza tempi e costi certi, senza allocazione ottimale dei rischi fra i vari soggetti, senza l'accettazione anche da parte dell'operatore-stato delle regole che valgono per tutti. E la forte limitazione degli incentivi fiscali riduce ulteriormente lo spazio per l'intervento di capitali privati. Va solo un po' meglio per il piano città. Uno spezzone di politica urbana che nelle intenzioni iniziali avrebbe dovuto colmare il vuoto di urban regeneration che da quindici anni (dal Guggenheim di Bilbao in qua) vince in Europa e attanagliale città italiane. Non saranno i 224 milioni stanziati dal ministero delle Infrastrutture - né il centinaio di milioni aggiuntivi in arrivo - a mettere in moto un fenomeno capace di cambiare volto alle nostre città e a dare unpo' di ossigeno al settore in crisi. Ciaccia è rimasto solo senza che questo piano fosse capace di diventare una politica dell'intero governo. La settorialità condanna ancora una volta questo comparto a un ruolo marginale nella crisi, senza che il Governo sia stato capace, dopo il fallimento della legge obiettivo, di farne una priorità e una leva potente contro la recessione. RIPRODUZIONE RISERVATA Infrastrutture Pagina 9

12 Gli incentivi elettrici e la bollettabancomat di STEFANO AGNOLI L espressione «assalto alla diligenza», quando si parla di conti pubblici, è sicuramente abusata. Ma come definire diversamente il reiterato tentativo di introdurre in una legge dello Stato la proroga di (costosi) incentivi per l'installazione di pannelli solari su edifici pubblici? Oppure l'esenzione, a favore di raffinerie e grandi impianti che producono energia da cogenerazione, dall'obbligo di acquistare certificati verdi come vorrebbe invece la normativa in vigore? Eppure un emendamento di questo tipo negli ultimi giorni è comparso due volte. La prima tra fine novembre e inizio dicembre, presentato dai relatori del decreto sviluppo, Filippo Bubbico del Pd e Simona Vicari per il Pdl. E una seconda volta proprio ieri, in questa occasione però nel «pacchetto» legge di Stabilità da discutere in Commissione bilancio del Senato. A presentarlo l'onnipresente Bubbico, in compagnia del collega senatore pd Vidmer Mercatali, mentre la parte relativa alla cogenerazione porta la firma del senatore pdl Gilberto Pichetto Fratin. Secondo qualche calcolo circolato nelle settimane scorse il primo provvedimento, spostando la scadenza di un anno a fine 2013, avrebbe un peso di qualche centinaio di milioni (si è detto addirittura 1,2 miliardi di euro). Il secondo di 12o milioni. Da finanziare come? Indovinello dalla risposta facile: con il solito consueto bancomat della bolletta del RIPRODUZIONE RISERVATA Energia Pagina 10

13 Per ritrovare fiducia nel uluro bisogna cominciare dalle università di IVAN LO BELLO aro direttore, in Italia spendiamo ogni anno 9,4 miliardi di euro per le baby pensioni, mentre per il finanziamento delle università solo 7 miliardi. t evidente che l'italia non investe sul futuro. I giovani oggi non hanno più fiducia nelle università, nonostante nel nostro Paese vi siano numerosi atenei eccellenti e in grado di competere con le migliori università europee. Secondo l'ultima indagine Ocse, condotta sugli studenti di scuola secondaria, solo 1141%o dei quindicenni italiani ha intenzione di proseguire gli studi accademici mentre in Corea del Sud sono oltre l'8o%. Siamo di fronte a una crisi di fiducia soprattutto inter-generazionale. Gli «adulti» non riescono a staccarsi da posizioni difensiviste e corporative. I giovani non riescono a trovare gli stimoli per essere artefici del proprio destino. L'università fin dalle sue origini, uno strumento di innalzamento della condizione personale e di sviluppo integrale della società, oggi non riesce a svolgere il compito essenziale di essere motore di giustizia sociale e di meritocrazia. Ma l'opinione pubblica rimane indifferente. Fino a quando non diventerà la questione prioritaria del Paese, di cui si parlerà, nelle officine, nelle aziende, nelle famiglie, l'università italiana, nella media, sarà destinata a peggiorare. Abbiamo fatto proliferare «università condominiali» in tutto il Paese e abbiamo progressivamente disinvestito sulla qualità dell'università, rendendo sempre più difficile al nostri migliori atenei competere ad armi pari nello scenario internazionale. Mentre negli Usa quando nasce un figlio si accende un mutuo per finanziare il college, da noi l'università è nell'immaginario collettivo una spesa pubblica improduttiva, per non dire assistenzialismo a basso costo. Ci siamo ritrovati con una università finanziata da una sorta di Robin Ilood alla rovescia, che toglie ai poveri per dare ai ricchi. Infatti, come hanno ricordato Andrea Ichino e Daniele Terlizzese sul Corriere della Sera del 1o dicembre, la differenza tra il costo per lo Stato di uno studente universitario (da 7 a 15 mila euro) e le basse rette italiane (che non superano di norma i euro) è paradossalmente a carico delle famiglie a basso reddito. Per cui ogni anno in Italia avviene un trasferimento ingente, di circa 2,5 miliardi di euro, dalle famiglie con reddito inferiore ai euro lordi annui, a quelle con reddito superiore. t indispensabile aumentare le tasse universitarie per le famiglie più ricche, destinando una parte delle maggiori entrate ad un fondo per finanziare la mobilità degli studenti, sia in altre università italiane, sia all'estero. Ma non basta. Noi spendiamo per il diritto allo studio uno scandaloso 0,12% del PII, mentre la media Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) è dello 0,25%, il doppio. Come è noto, da alcuni anni, decine di migliaia di studenti italiani che ne hanno diritto non possono usufruire delle borse di studio per mancanza di finanziamenti. Va poi, come suggerisce giustamente Ichino, eliminato il tetto alle tasse universitarie consentendo alle università di determinarle liberamente destinando una quota significativa degli introiti alle borse di studio. Oggi le università non possono esigere tasse per un importo che superi il 20% del Fondo di finanziamento ordinario (Ffo). Dunque se lo Stato riduce il finanziamento, le università sono costrette paradossalmente ad avere meno introiti dalle rette. L'idea di un'università come «tu-ris eburnea», chiusa alla contaminazione con la società e il sistema economico è definitivamente crollata. Oggi l'università funziona se crea competenze. Serve dunque professionalizzare le lauree triennali, prevedendo in determinati settori tecnico-scientifici di svolgere il terzo anno in apprendistato in impresa, attivare i nuovi dottorati industriali, diffondere i percorsi di alternanza. La poca fiducia e il disorientamento verso l'università sarà la poca fiducia e il disorientamento verso la società che vogliamo costruire. t una questione cruciale, che va risolta. L'università può svolgere un ruolo prezioso per la rinascita italiana, ma bisogna dare a rettori intraprendenti e docenti aperti le regole giuste per giocare ad armi pari in uno scenario che si è fatto globale. Vicepresidente per l'education di Confindustria U RIPRODUZIONE RISERVATA Università Pagina 11

14 "w '" La Banca d'italia: a metà 2012 erano in circolazione contratti derivati per miliardi Una tassa che salva a specuiazïone Rorna si allinea a Par gi in attesa delle decisioni della Germania di MASSIMO MI CCIIETTI Che cos'è l'emendamento del governo al disegno di legge di Stabilità, che introduce un'italica versione della Tobin tax sulle transazioni finanziarie: la solita libbra di carne lanciata ai lupi per salvare la slitta o è l'inizio di un ordinato raffreddamento delle attività speculative? Nel 2011, dice la Consob, in Borsa e in altri mercati regolamentati sono state effettuate transazioni azionarie per un controvalore di 830 miliardi. Al 30 giugno 2012, avverte la Banca d'italia, erano in circolazione contratti derivati per un valore nozionale di miliardi e un valore di mercato di 272 miliardi in positivo e di 270 in negativo. Ebbene, da questa enorme base imponibile, pari a 7 volte il Prodotto interno lordo, il governo si propone di estrarre un miliardo. Non è dunque alle porte la rivoluzione. Non si vedranno i cosacchi abbeverare i loro cavalli alle fontanelle delle banche italiane. L'azione del governo Monti risponde ai richiami dell'unione europea. La tassazione sulle transazioni finanziarie, in origine, aveva tre obiettivi: a) armonizzare le normative fiscali dei diversi Paesi in materia; b) rafforzare le entrate del bilancio europeo; c) penalizzare la finanza speculativa, che fa perno sui derivati, armi di distruzione di massa secondo Warren Buffett. La Commissione europea ha cercato di varare una direttiva. Ma il Regno Unito ha posto il veto, dicendo che alla City le compravendite di azioni sono già da anni sottoposte alla Stamp duty reserve tax. Questa vecchia imposta non toccala tecnofinanza, derivati in primis. Ma il veto inglese, affondando l'idea della direttiva Ue, ha declassato l'iniziativa della Commissione alla più blanda cooperazione rafforzata. Poi è stata la Francia a dare una picconata al proposito di versare la Tobin tax nel bilancio comunitario approvando una versione dell'imposta che lascia i proventi a Parigi. Quanto al contrasto della speculazione non si nota granché. Sebbene sia guidata da un presidente socialista, che eleva al 75% l'aliquota fiscale sulla quota dei redditi personali superiore al milione, la Francia non ha previsto nulla sui derivati se non quando si pervenga alla consegna dell'azione sottostante. Ma i derivati su azioni sono poca cosa rispetto a quelli sui tassi e sui cambi. É probabile che il governo abbia subìto le pressioni di grandi banche come Bnp Paribas o Société Générale, ma è anche possibile che sia risultato più arduo del prevedibile distinguere tra i derivati di copertura, legati alla produzione, al finanziamento e al commer- I derivati su azioni sono poca cosa rispetto a quelli su tassi e cambi. Ma in quest'ultimo caso l'imposta va da 20 a 100 euro cio di beni e servizi, e quelli speculativi, scommesse fini a sé stesse, allo scopo di non tassare i primi e bersagliare i secondi. L'emendamento del governo italiano è chiaro sulle transazioni azionarie di Borsa: si pagherà un'imposta dello I derivati Ammontari nominali o nozionali in essere 0,1%. L'emendamento colpisce meritoriamente con un'imposta dello 0,02% l'high frequency trading, ovvero le compravendite che scattano in continuità secondo algoritmi per migliaia di volte al giorno e drogano il corso ordinario dei titoli. Nulla si prevede, invece, per le operazioni giornaliere sullo stesso titolo da parte dello stesso soggetto: si tasserà solo il saldo finale della giornata. Se Borsa Italia ringrazia, il Paese non dovrebbe. Quanto ai derivati, il governo ha deciso di graduare il prelievo a seconda del valore nozionale dei contratti: l'imposta massima è di 20 euro o di 100 euro a seconda delle tipologie dei derivati oltre il milione di euro. Non volendo o non sapendo distinguere tra finanza buona e finanza cattiva, si è usata la mano leggera. A voler vedere il bicchiere mezzo pieno, si può pensare che, in questo modo, l'italia si affianca alla Francia in attesa delle decisioni tedesche. Ma poi, se i numeri resteranno questi, sarà d'obbligo concludere che la montagna ha partorito il topolino. 0 RIRRODU IONE RISERVA ra Valore di mercato lordo a fine giugno 2012 Finanziari Cambi -5,0 9,2 16,5 18,2 Tassi d interesse 8.660,6 88, ,7 227,3 10`5... Azinni e merci 263,4 27,2 2,7 6,4 i i,1 Creditizi CDS comprati 356,5 35,2 49,2 CüSvencluti 36T,9 3k,0 50,8 Fónte_8anad7aila U AeCO Tobin tax Pagina 12

15 Regole capestro peri praticanti La riforma che penalizza i giovani avvocati di GIAN ANTONIO STELLA unica legge messa in L calendario dal Senato ormai agli sgoccioli è la riforma della disciplina forense cara a un sesto dei senatori (presidente compreso) di mestiere avvocati. Riforma che consente di imporre ai praticanti di lavorare gratis come i «ragazzi spazzola» dei barbieri di una volta. A PAGINA 33 Riforma forense Pagina 13

16 Le novità della riforma della professione forense, l 'unico testo che i senatori vogliono approvare a tutti i costi fr:«ripra, caff, 0. avvocati _-12 o -la mavoireranno gi 'hahs per Nessun obb di GIAN ANTONIO STELLA aggiomarsi per.., s.. g 9 imperativo categorico è dare // un futuro ai giovani», ha tuo- \\ L nato paterno Renato Schifani. Detto fatto, l'unica legge messa in calendario dal Senato ormai agli sgoccioli è la riforma della disciplina forense cara a un sesto dei senatori (presidente compreso) di mestiere avvocati. Riforma che consente di imporre ai praticanti (laureati) di lavorare gratis come i «ragazzi -spazzola» dei barbieri di una volta. Spiegano a palazzo Madama che per carità, alla larga dalle malizie, è tutto normale. Certo, il tempo è tiranno e, visto che dopo il varo della legge di stabilità Mario Monti darà le dimissioni e le Camere saranno sciolte, non ci sono proprio i giorni necessari (ahinoi!) per fare tante cose. Troppo tardi per approvare la soppressione delle province. Troppo tardi per varare le misure alternative al carcere care alla Guardasigilli Paola Severino. Troppo tardi per legge sul pareggio di bilancio che secondo Vittorio Grilli sarebbe stata «essenziale» e «parte integrante del processo di riforma e messa in sicurezza dei conti del Paese». Troppo tardi per mandare in porto perfino certe leggine piccole piccole sulle quali si dicono tutti d'accordo come il raddoppio delle pene per i trafficanti di opere d'arte che finalmente consentirebbe di mettere le manette (oggi escluse) a chi rubasse la Pietà di Michelangelo o la Venere del Botticelli. Troppo tardi. Restava giusto il tempo, prima dello scioglimento del Senato, per far passare una sola legge. E dovendo scegliere che cosa ha scelto la conferenza dei Capigruppo, tra i quali non mancano gli avvocati? La «Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense», scritta dalla vecchia maggioranza PdL-Lega su ispirazione del Consiglio Nazionale Forense. Che arriva in aula con grande soddisfazione del presidente della conimissione Giustizia Filippo Berselli (mestiere? Avvocato) dopo la bocciatura di tutti i 16o emendamenti presentati dalla (vecchia) opposizione. Di fatto, ha scritto Il Soie 24 Ore, la riforma «riporta per molti versi le lancette della professione legale a prima degli interventi "liberalizzatori" dì riordino». Un esempio? «I parametri, che nel linguaggio liberalizzatore hanno sostituito le vecchie tariffe, in realtà tornano a somigliare molto al progenitore, considerato che vengono "indicati " a cadenza biennale dal decreto ministeriale "su proposta del Consiglio nazionale forense"». Gli aspetti più contrastati sono diversi. C'è chi contesta il divieto aï non iscritti all'albo degli avvocati di fornire consulenza extragiudiziale nelle materie giuridiche, anche se sono laureati in legge, come fossero condannati a non usare le conoscenze giuridiche acquisite all'università. Chi contesta la delega al Governo perché conservi il divieto a costituire studi legali in forma di società di capitali (su modello di quelli americani o inglesi) salvo che tutti i soci siano iscritti all'albo degli avvocati. Chi ancora contesta il divie - to di pubblicità. I punti più ammiccanti nei confronti dei «vecchi» e più ostili ai giovani, però, sono tre. Il primo obbliga gli avvocati a un continuo aggiornamento professionale ad eccezione di quelli che hanno più di 25 anni di iscrizione all'albo. Come se chi ha smesso da più tempo di studiare avesse meno bisogno di star al passo co! nuovi testi e le nuove sentenze di chi è di E studi più recenti. Peggio : sono esentati gli avvocati politici con la motivazione che si aggiornerebbero automaticamente grazie a quanto fanno. Una tesi assurda, contro la quale inutilmente si è battuto Pietro Ichino: «Quello che si chiede all'avvocato è conoscere tutte le novità giurisprudenziali, come l'ultima sentenza di Cassazione, magari non ancora pubblicata su una rivista e che, però, può servire per vincere la causa. La novità legislativa incide su questo onere di aggiornamento in misura minima. Non riesco a capire come si possa sostenere decentemente che un parlamentare si aggiorni sulla giurisprudenza e sulla dottrina per il solo fatto di sedere in un'aula delle camere». Più ancora, però, Ichino e altri sono indignati per il comma ii dell'articolo 41. Il quale dice che «ad eccezione che negli enti pubblici e presso l'avvocatura dello Stato» (come a dire : facciano pure, loro, tanto sono soldi pubblici) «decorso il primo semestre, possono essere riconosciuti con apposito contratto al praticante avvocato un'indennità o un compenso per l'attività svolta per conto dello studio, commisurati all'effettivo apporto professionale dato nell'esercizio delle prestazioni e tenuto altresì conto dell'utilizzo dei servizi e delle strutture dello studio da parte del praticante avvocato». Traduzione: il titolare di uno studio può pagare un obolo al giovane praticante avvocato che sgobba per lui solo dopo il primo semestre. Non è obbligatorio : primi sei mesì gratis, poi è un rimborso facoltativo. Quanto all'accenno all'«utilizzo dei servizi e delle strutture dello studio» che vuol dire : che se il praticante fa una telefonata gli va detratta? La sedia su cui siede va detratta? Peggio ancora, denuncia Dario Greco, il presidente dell'aiga, l'associazione dei giovani avvocati : il riconoscimento di quel rimborso facoltativo dopo i primi sei mesi «cessa al termine del periodo di pratica lasciando completamente scoper - ti quei giovani che attendono di fare l'esame d'avvocato oppure che l'hanno superato, ma che continuano a frequentare lo studio ed a lavorare a tempo pieno per il loro dominus. Si tratta di rapporti di collaborazione che di autonomo non hanno nulla e che coinvolgono un elevatissimo numero di giovani di ogni regione italiana, i quali, si trovano costretti a rimanere in tali studi alle sostanziali "dipendenze" dei loro domini, senza forma di tutela alcuna, e senza il riconoscimento di un compenso che sia effettivamente commisurato all'apporto che il giovane riesce a dare allo studio». Un meccanismo, accusano i giovani legali, che «impedisce ogni prospettiva di crescita, di progressione di carriera del giovane, oltre a costituire una vera e propria emergenza sociale nei confronti di quei giovani che non riescono a raggiungere la soglia dei mille euro al mese». Domanda: che sia una coincidenza che una legge così venga salvata in «zona Cesari ni», a discapito di ogni altro provvedimento destinato a spirare insieme con la legislatura, da un Palazzo Madama presieduto da un avvocato nel quale gli avvocati sono addirittura 5o su poco più di trecento senatori?.j RIPRODUZIONE RISERVA r Riforma forense Pagina 14

17 L r Inspiegabilmente l'obbligo di studiare le nuove sentenze viene meno per chi ha più di 25 anni di iscrizione all'albo 1 senatori che siedono ora a Palazzo Madama e che di mestiere fanno anche gli avvocati 25 Gli anni di iscrizione all'albo necessari per non fare l'aggiornamento professionale Riforma forense Pagina 15

18 ti Siciliotti e Longobardi studiano le strategie per il futuro Elezioni commercialisti fra dialogo e schermaglie Per il voto del 20 febbraio non esclusi «passi indietro» Giorgio tosta Il decreto di commissariamento del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, reso noto ieri l'altro dal ministero della Giustizia ma ancora materialmente non consegnato, non mette pace nella contesa tra i due fronti - la lista di Claudio Siciliotti e quella, soccombente nelle urne, di Gerardo Longobardi - chiamati nuovamente al voto il prossimo zo febbraio. Un decreto aspramente contestato dal presidente "commissariato" Claudio Siciliotti che ieri ha visto i suoi sostenitori e annuncia un nuovo incontro, decisivo per la strategia da adottare, il 21 dicembre. «Abbiamo vinto le elezioni con i numeri - spiega Siciliotti - contro una lista ilegittimamente presentata e i cui voti, scrive il ministero, non possono essere validamente conteggiati. Poi però, con salto logico incolmabile, la Giustizia aggiunge che siccome l'invalidità è emersa solo dopo il voto e poi è stata votata da quasi la metà dei professionisti, allora si deve rivotare. Il ministero poteva far vincere Longobardi per decreto e facevamo prima evitando nuovamente le urne il ao febbraio. A questopunto mi domando come faccia Longobardi aripresentarsi. Eraa conoscenza delle irregolarità? Sapeva del fatto che il trasferimento di Giorgio Sganga era fittizio?». «Ancora non ho letto il decreto e le sue motivazioni - risponde Gerardo Longobardi -. Ad ogni modo esiste libertà distabilimento e Giorgio Sganga, che peraltro ha già personalmente spiegato la sua posizione, può esercitare dove crede. Io non ho ancora detto che mi ricandiderò avendo sottolineato, invece, che decideremo insieme al mio gruppo nell'incontro del 27 dicembre. Quindi, io non entro in casa Siciliotti, credo che neppure lui debba intromettersi in casa mia. Del resto, prima della decisione del ministero, avevó chiesto esattamente la stessa cosa: svelenire il clima con una nuovavotazione e dando la mia disponibilità a un passo indietro». Passi indietro per ora Siciliotti non ne fa. Però, spiega, «non voglio chiudere la porta al dialogo con lalista avversaria e lascio aperta ogni possibilità di dialogo, così come deve essere tra colleghi. Certo, però, reagiremo contro un decreto inspiegabile in termini giuridici e valuteremo anche la possibilità di tutela giudiziaria». Sulla personale ricandidatura, né conferme né smentite da parte di Siciliotti: «Voglio essere un valore aggiunto alla lista. Se questo valore consistesse in un passo indietro lo farei senza indugio». Per ora una guerra di posizione in cui entrambi i contendenti dicono che nessun consigliere sta passando con il "nemico"; e questo proprio allavigilia delvoto per la presidenza dell'ordine di Roma, anch'essa con corollario di ricorsi, che si svolgerà il zo e 21 dicembre, oltre un mese dopo la tornata nazionale del novembre scorso e che vede contrappostimario Civetta e Riccardo Losi. 0 RIPRODUZIONE RISERVATA Commercialisti Pagina 16

19 La vittoria di Siciliotti al primo round, le contestazioni, nuove elezioni in febbraio.. ' il dïscordïa stro ora manda il commissario MILANO - Nel calcio si chiama fallo di confusione. È quello che l'arbitro fischia quando in area ci sono troppi giocatori e non si capisce bene che cosa stia succedendo. La decisione del ministero della Giustizia di commissariare il consiglio nazionale dei commercialisti e indire nuove elezioni per il 20 febbraio 2013, è sembrata a molti una «non scelta» destinata ad acuire e radicalizzare lo scontro tra i due contendenti: Claudio Siciliotti, presidente uscente del Consiglio nazionale, e Gerardo Longobardi, presidente dell'ordine dei commercialisti di Roma. Lo scontro tra le due fazioni si basa su due episodi contrapposti. Il primo, Siciliotti denuncia un'irregolarità nella presentazione della lista Longobardi che comprende un candidato, Giorgio Sganga, che risulterebbe fittiziamente residente ad Aosta. Se ciò fosse provato, la lista sarebbe stata presentata irregolarmente. Il secondo episodio riguarda l'elezione vera e propria: Longobardi impugna l'esito della votazione (che lo aveva visto sconfitto per appena sei voti) perché a dare il loro voto (risultato poi determinante) erano andati anche gli Ordini di Enna e Bari che però aveva- Ricorsi II rischio di una lunga serie di ricorsi e controricorsi no entrambi i presidenti dimissionari e quindi non avrebbero potuto partecipare alla consultazione. Per entrambe le questioni la competenza spettava al ministero della Giustizia che avrebbe dovuto prendere decisioni dirimenti. Invece non si decide sulla regolarità delle liste, né tantomeno su quella del voto ma si rimanda tutto alle urne. Il punto è che adesso il rischio Claudio Siciliotti Paola Severino è che la categoria si avviti in un infinita catena di ricorsi e contro ricorsi. Compreso quello contro la decisione ministeriale. «Mi sento beffato e deluso - si sfoga Siciliotti - io, innocente, vengo commissariato ancor prima del 31 dicembre, data di scadenza del mio mandato. E invece ai falsari viene offerta l'opportunità di una nuova competizione elettorale che avevano perso. Se questa è il modello di giustizia proposto, ho dei seri dubbi sull'opportunità di ripresentarmi. Ho bisogno di confrontarmi con i miei per capire se vale davvero la pena tornare a impegnarsi». La scelta del ministro Severino, invece, è piaciuta molto a Longobardi che ne ha apprezzato soprattutto lo spirito. «Ho gradito il riferimento all'affidabilità della nostra categoria che per rimanere tale deve avere una rappresentanza eletta senza ombre. Capisco anche il commissariamento: perché la delibera del Consiglio nazionale di dichiarare illegittima la mia lista, rappresenta una delle pagine peggiori della storia della categoria». Però la decisione era stata sollecitata dallo stesso ministro della Giustizia. «Aveva sollecitato una decisione, ma non una delibera illegittima - obietta Longobardi - e in palese conflitto d'interessi. Il 27 mi confronterò con il mio schieramento e deciderò se ricandidarmi. Se non sarà così, tornerò a fare il mio mestiere, consapevole che la rappresentanza è una parentesi e non un'occupazione». Il rischio vero è che alle urne, tra un ricorso e l'altro, non ci si arrivi neanche. E questa si, sarebbe la sconfitta di tutti. Ministri e candidati. Isidoro Trovato 0 RIPRODUZIONE RISERVATA Commercialisti Pagina 17

20 Sondaggio dell'associazione nazionale dei cornrnercialisti sulle elezioni a hase diiede Cndeec unito L'aspra contesa elettorale sta danneggiando la categoria DI BENEDETTA PACELLI na lista unica per stemperare le tensioni e ritrovare quella perduta unità. Mentre i rappresentanti dei due schieramenti, fino a ieri candidati alla guida del prossimo Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e esperti contabili, studiano le strategie per le prossime elezioni del 20 febbraio (dopo la decisione del ministro della giustizia di commissariare il Cndcec, si veda IO di ieri), dalla base arrivano indicazioni precise per il futuro. A dettare la linea, per così dire, è il risultato di un'indagine che l'associazione nazionale commercialisti ha commissionato nei giorni scorsi alla Società Ipr Feedback srl per capire gli umori e soprattutto le aspettative della categoria all'indomani delle elezioni dello scorso 15 ottobre su cui si sono addensate nubi di contestazioni contrapposte. Il risultato che più salta agli occhi dal sondaggio, avviato lo scorso 10 dicembre e concluso il 12, nel momento stesso in cui il ministero della giustizia decretava il commissariamento del Consiglio nazionale e la ripetizione delle elezioni, è che quasi il 54% dei commercialisti considera opportuno presentare una lista unitaria per dare un segnale di compattezza, piuttosto che ripresentare le stesse liste, scelta gradita a meno del 24% degli intervistati. Ma non solo, perché ancor prima della decisione ministeriale, circa il 57% dei commercialisti pensava che a questo punto della vicenda, fosse opportuno che il ministero di giustizia per dirimere la questione decidesse di indire nuove elezioni, come appunto è stato. Solo il 18% degli intervistati riteneva che andasse proclamata la vittoria dei uno dei contendenti e, all'interno di questo gruppo minoritario, la metà era convinta che si sarebbe arrivati a ricorsi incrociati. In sostanza per meno di 5 colleghi su 100 la proclamazione di un presidente avrebbe risolto i problemi. Inoltre, secondo il sondaggio, tra coloro che hanno dichiarato di aver seguito la vicenda delle elezioni, il giudizio complessivo è pressoché plebiscitario: più dell'81% ritiene che la categoria abbia subito un danno d'immag - ne conseguente alla disputa tra le due componenti. «Insomma», secondo Marco Cuchel presidente dell'anc, l'occasione del sondaggio si è rivelata utile non solo per capire qual è lo stato d'animo dei commercialisti in merito a questa vicenda, ma anche per comprendere le aspettative rispetto ad aspetti maggiormente legati all'esercizio della professione, ma pur sempre riconducibili alla percezione del ruolo e del funzionamento degli ordini». Ritiene che il potenziale danno di immagine derivante da una lotta così aspra per una istituzione che dovrebbe essere di garanzia, danneggi solo i contendenti o l'intera categoria? Nel caso di ripetizione di nuove elezioni secondo lei bisogna usare le stesse liste o presentare una lista unitaria per dare un segnale di compattezza? Commercialisti Pagina 18

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli