DIO È MORTO IL PROSSIMO NUMERO DE LA FIERA DELL EST SARÀ IN DISTRIBUZIONE A PARTIRE DAL 4 MAGGIO CRONACA AMMINISTRATIVA PRIMO PIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIO È MORTO IL PROSSIMO NUMERO DE LA FIERA DELL EST SARÀ IN DISTRIBUZIONE A PARTIRE DAL 4 MAGGIO CRONACA AMMINISTRATIVA PRIMO PIANO"

Transcript

1 IL PERIODICO DELL EST ROMANO Quindicinale d informazione, attualità e cultura registrato presso il Tribunale di Roma num. 30/2008 del 25/01/ ANNO II NUM 7-18 APRILE ,00 DIO È MORTO PRIMO PIANO Il viaggio della nostra redazione nei paesi colpiti dal terremoto. Testimonianze dirette delle vittime e dei cittadini del municipio, protagonisti di una gara di solidarietà. CRONACA Ennesima aggressione nel quartiere di Tor Bella Monaca ai danni di un cittadino straniero. Intervista alla vittima ricoverata presso il Policlino Tor Vergata. AMMINISTRATIVA Il sindaco Alemanno con la giunta capitolina in trasferta nei quartieri del municipio. Tante le promesse. Grande partecipazione dei cittadini. PER LA TUA PUBBLICITÀ DA PAGINA 2 A PAGINA 8 A PAGINA 10 A PAGINA 11 IL PROSSIMO NUMERO DE LA FIERA DELL EST SARÀ IN DISTRIBUZIONE A PARTIRE DAL 4 MAGGIO

2 primo PIANO Cronaca di una IL VIAGGIO è vuota. I camion li fanno uscire prima di Tivoli perché alcuni punti sono pericolosi. Per strada vedi tan- L autostrada te macchine cariche di vestiti e cibo. Stanno portando delle cose in Abruzzo ai parenti, agli amici, a chiunque ne abbia bisogno. Sono in viaggio con Anna. Lei vive a Castelverde ma ha una casa in un paese di quelli colpiti dal terremoto. Abbiamo con noi della frutta e una tenda, la stiamo portando a una sua amica che non ha dove andare questa notte. La sua casa non è crollata, ma non è più sicura. Come tanti ha paura ad andarsene, ma soprattutto non vuole andarsene. Non vuole abbandonare le cose che ha. Ma soprattutto la sua vita. All' Aquila ovest ci fanno uscire dall' autostrada, iniziamo ad avvicinarci. In giro non c'è nessuno. Stiamo a valle qui le case non sono danneggiate, ma sembra di stare in un paese fantasma. I negozi sono tutti chiusi, per strada solo i mezzi di soccorso. Molti vivono accampati davanti alla propria casa. Ci fermiamo di fronte ad un centro commerciale. Nell' area di sosta ci sono i cittadini di Pettino. Il loro paese è venuto giù. Stanno qui da lunedì, vivono nelle macchine aspettando che qualcuno porti loro delle tende. Ci sono le bottiglie dell'acqua minerale accatastate sotto la copertura dei carrelli, in questi giorni come ci raccontano "siamo accampati qui, stiamo vivendo grazie agli aiuti dei nostri amici che vengono da Roma e da Teramo". Dice che è preoccupata per il figlio che sta lavorando sotto le macerie, poi scoppia in un pianto disperato "siamo vivi". Molti di loro non hanno più una casa ma non se ne vogliono andare. Preferiscono rimanere qui. Arriviamo a Colli, il paese di Anna è deserto. Le abitazioni sono tutte intatte ma tutti hanno abbandonato il paese. Anna ha paura di entrare in casa sua, nonostante dall' esterno sembri integra. Ce ne andiamo subito, non è rimasto più nessuno qui, solo i gatti del paese che da giorni non mangiano. Come si va verso il versante est la situazione peggiora. Le crepe sulle case si fanno sempre più grandi. Ovunque si intravedono macerie, muri sfondati, gente accampata in giardino. Ci sono delle case costruite da poco. Hanno ancora il bandone vendesi. Sono tutte distrutte. Arriviamo a Paganica. Ci sono solo i vigili del fuoco. La chiesa nel centro della piazza è parzialmente crollata, il centro storico è venuto giù tutto. La polizia non ci fa entrare, ma quello che si vede dai vicoli è inquietante. Una distesa di calcinacci e polvere. La gente se ne è andata tutta, stanno tutti poco più in là, al "campeggio", come lo chiama Berlusconi. Mentre arriviamo c'è un elicottero che sta portando via un ferito, per fortuna non è grave. Dentro al campo c'è chi ha perso tutto. Casa, famiglia e lavoro. Incontriamo Omar, la sua casa è andata distrutta " ma noi non ce ne andiamo da qui perché è qui che siamo cresciuti e qui abbiamo le nostre radici. Dobbiamo restare qui perché qui siamo nati e qui vogliamo vivere". Chiunque incontri ripete la stessa cosa. Anche se non ha più niente o nessuno. Forse perché una casa non sono solo le sue mura. Sono la emozioni, i ricordi e gli affetti di una vita. Che rimangono. Sepolti sotto le macerie, ma rimangono. Omar sta raccogliendo l' acqua dalla fontanella insieme ad altri amici, tutti di Paganica."Io sono un agente di commercio, ma ora che tutti i negozi sono chiusi non posso lavorare. A chi le vendo le cose? Per ora qui si tira a campare, l' importante è essere vivi". Dicono che la vita nel campo è uno strazio. Certo ci sono i soccorsi, i volontari che ti aiutano, ci sono mille cose da fare. Ma in generale c'è sempre un senso di attesa: del terremoto, di una casa, di una buona notizia. Tutti qui hanno ancora paura "il terremoto deve ancora arrivare" ripetono. Abbandonata Paganica andiamo a L'Aquila. La zona a ridosso del centro storico è completamente devastata. Ci sono gli operai che lavorano nell' ospedale, costruito da poco e già crollato. I primi piani dei palazzi, non esistono più, dalla strada si scorgono i letti, le camerette e le fotografie di chi in piena notte è stato svegliato da quel boato distruttivo. In giro, oltre ai soccorsi, ci sono solo fotografi e giornalisti. Le città senza persone è come se non esistessero più, diventano morte. Anche qui il centro storico è chiuso per motivi di sicurezza. Mentre ce ne andiamo Anna continua a guardare i resti con gli occhi gonfi. Sembra che ci sia stata una guerra. "vedere questa città ridotta così mi fa male, mi vengono in mente le facce della gente, i ricordi di una vita. E' terribile". Mi dice. MARCO CARTA Ho visto gli occhi di quella gente. Impauriti, persi, ma forti. Arrivare in Abruzzo, dopo la catastrofe, è un'esperienza tutta da provare. Quel luogo che ha spesso ospitato molti di noi come turisti, quelle cime imbiancate, i sorrisi e l'ospitalità della gente, gli splendidi scenari sono un ricordo. Le montagne ci sono ancora e dalle cime imbiancate il sole troneggia fiero. Le strade però sono vuote e tutto intorno è grigio. Un colore primeggia sugli altri. Quello delle camionette rosse dei vigili del fuoco, che con il loro coraggio hanno salvato centinaia di vite. Le hanno estratte dalle macerie, hanno donato loro un sorriso o hanno dato una mano per problemi pratici. A loro le persone si appoggiano, sono la loro speranza. Eroi dei nostri tempi, troppo spesso dimenticati. E poi il blu e il giallo dei volontari della Protezione civile, la Polizia, la Croce Rossa e splendide penne che spuntano dai cappelli degli alpini. Il terremoto ci ha tolto molto, ma ci ha anche regalato la speranza di un'italia migliore. Un Paese fatto di solidarietà, di tradizioni e di coraggio. Questa è l'italia che ci piace. Le scosse si sentivano da settembre. Forti. Nessuno degli abitanti però avrebbe mai pensato che la natura si scatenasse con tutta la sua foga, portando via quasi 300 vite. Forse qualcun' altro si sarebbe dovuto preoccupare di costruire case più solide e ospedali più sicuri. Già l'ospedale San Salvatore. Ci arriviamo davanti. Un piazzale deserto. Il caldo si fa soffocante. Ci avviciniamo e ammutoliamo di fronte all'immagine che ci si palesa davanti. Non esiste più l'entrata. L'insegna dell'ospedale è a terra. Camminando noti una E, una S, una T. I pezzi di un nome che è diventato simbolo dello scandalo di questa tragedia. Quella notte è crollato il luogo dove le persone si curano, dove dovresti sentirti sicuro. Una struttura progettata negli anni '60 e terminata solo una decina di anni da. E quindi cosa è successo? Si risparmia su tutto. Ma il terremoto non ha risparmiato nessuno la notte del 5 aprile. E con la sua forza ci ha messo davanti a tutte le nefandezze dell'uomo. I paesi rasi al suolo ti fanno capire che la vita di un uomo forse per i 'potenti' non deve valere poi molto. Lo Stato vuole un popolo ignorante. E poi continui il viaggio. Che fine hanno fatto i superstiti? Sono alloggiati in accampamenti di fortuna. Perché nessuno aveva previsto un piano di evacuazione, nessuno aveva pensato a progettare delle aree di soccorso. Mi vergogno di far parte di questa Italia, ma sorrido invece pensando all'altra. Quella della gente che si unisce, quella fatta delle persone che non mollano, quella che con forza oggi dice 'vergogna'. La terra ha tremato il 5 aprile alle del mattino. E con lei tremano le certezze. FEDERICA GRAZIANI DORMIRE IN AUTO PER PAURA Elvio ha 65 anni. Lui e la sua famiglia, sua moglie sua madre e sua suocera, vivono a L'Aquila. Stanno trascorrendo questi giorni drammatici in un parcheggio davanti casa" Abbiamo preferito restare in macchina perché vogliamo rientrare a casa nostra. Abbiamo fatto domanda al Comune per avere l' ispezione sull' agibilità della nostra abitazione e stiamo aspettando". La loro casa, raccontano, non è andata distrutta. "La palazzina è completamente devastata nei piani inferiori. Mentre da noi sono solo caduti i mobili". La sera della prima grande scossa erano in casa. "Alla prima scossa delle 11 ci siamo messi paura. In questo periodo ne abbiamo avute molte, per cui ci siamo allarmati ma siamo rimasti lo stesso in casa. Ci siamo messi a letto e alle tre c'è stato un boato. Ci siamo svegliati. E'stata una cosa veramente brutta dal punto di vista psicologico. Non si può descrivere la sensazione, il rumore e l' aria di certi momenti. Fortunatamente abbiamo avuto il tempo di alzarci, scendere in strada e salvarci". Elvio, come tutti gli abitanti dell'appennino, è abituato a sentire le scosse, così in questi mesi, nonostante il movimento sismico fosse divenuto più insistente, non si è preoccupato più di tanto. "Ci sono cresciuto qui e mai è accaduta una cosa del genere. Anche da bambino spesso c'erano delle scosse e allora uscivamo di casa e per qualche notte dormivamo per i campi. Ma poi rientravamo sempre perché le case rimanevano intatte. Quello che è successo in questi giorni è un incubo". MA. CA.

3 primo PIANO numero 7 anno II 3 tragedia annunciata 9 LE TESTIMONIANZE Silvia, 23 anni. "Era da settembre che si sentivano le scosse. La sera del terremoto abbiamo sentito una scossa forte verso le Ero in piedi e stavo prendendo un caffè. Ci siamo guardati con mio padre, ma abbiamo pensato che non ci fosse nulla di strano. Le solite scosse. Poi alle 3 di notte il disastro. Noi ci siamo salvati e la nostra casa ha retto. Invece le case dei miei vicini sono andate in pezzi. E' morta molta gente che conoscevo. La voglia di ricominciare però non ci manca e Paganica siamo pronti a ricostruircela da soli". Alina, polacca. "La mia casa si è salvata. Ho dormito per strada, la mia casa era vecchia e quindi era fatta bene e non si è distrutta. Era la prima volta che assistevo ad un terremoto. Io sto per tornare a Roma, qui non si può più stare". Una mamma e una figlia. "La notte è stata una tragedia. Era da tanti mesi che sentivamo le scosse. La settimana prima del terremoto abbiamo sentito forti scosse. La notte del terremoto è stata una tragedia. Abitiamo al piano terra e siamo riusciti subito ad uscire. La nostra casa è lesionata. Abbiamo scelto di stare in tenda perché vogliamo restare vicino alle nostre case". Un alpino. "La situazione si sta stabilizzando. Le scosse però continuano. E' devastante vivere tra questa gente e guardarla negli occhi. Il terremoto è un fatto che non si dimentica mai. La gente è terrorizzata, noi cerchiamo di fare il possibile". Olga, 55 anni, ucraina."vengo dall'ucraina, non ho mai visto una cosa del genere. La casa andava di qua e di là. Siamo corsi fuori. Il primo giorno ho avuto molta paura. Non è facile capire cosa sia giusto fare. Era più di un mese che le scosse si sentivano forti. Ci dicevano che era tutto normale. La prima notte ho dormito nella macchina, oggi sono in tenda. Ho 55 anni e ora non so dove andare. In Ucraina la situazione è drammatica e ora anche qui non si può più stare". LA TENDOPOLI DI PAGANICA aprile Tendopoli di Paganica. Sono passati solo 4 giorni dal terribile terremoto che ha colpito l'abruzzo. Paganica, uno dei paesi devastati, è un deserto. Ogni tanto si vedono passare persone con lo sguardo disperato, che si aggirano per le strade come fantasmi. In mano qualche busta di plastica con all'interno i pochi beni che restano. Nel centro non si può passare. Tutto è fatiscente. Tutto è distrutto. I vigili del fuoco stanno aiutando le persone come possono. Passando sentiamo una ragazza di nome Silvia che chiede loro di arrampicarsi per prendere almeno dei vestiti dalla sua camera. Poi proseguiamo e passiamo davanti alla chiesa, simbolo di Paganica. La chiesa non esiste più. O meglio c'è, ma le manca la parte destra. Uno spettacolo devastante. Più in là si scorge il 'villaggio', la nuova Paganica: una tendopoli, tutta blu, dove gli abitanti sono stati costretti a rifugiarsi. Entriamo, con discrezione e con grande rispetto. Il villaggio sembra già organizzato. Si è già creata una forma di comunità. Stanno celebrando la messa Gianna."Siamo distrutti. La notte è andata malissimo. Sono rimasta bloccata nel letto. Sono rimasta immobile. La mia casa all'interno è disastrata. Ho voglia di ricominciare da qui, è qui che voglio vivere. Da settembre le scosse erano forti. In tendopoli si vive male, mi manca la mia casa". FEDERICA GRAZIANI dentro ad un tendone. C'è chi piange per le persone che non vedrà più, chi stende i panni, chi cucina e chi si preoccupa di trovare un posto. E poi i bambini rallegrano l'atmosfera. Neanche il terremoto ha scalfito la loro allegria. Hanno organizzato dei giochi. La creatività dei bambini è una cosa che sorprende sempre. Camminiamo e cominciamo a parlare con qualcuno. Una mamma e una figlia che piangono, una donna che non ha più una casa dove andare e un alpino che, con enormi occhi, ci guarda attonito e piange. Usciamo. Tristi, ma forse migliori. Nessuno di noi parla mentre facciamo la salita. Il cuore batte e lo sguardo si volta per l'ultima volta verso quelle tende. Allora capiamo che il mondo è davvero un posto nel quale vale la pena vivere. Nonostante tutto. "L'Aquila bella me, te vojo revedè" "L'Aquila bella me ju cursu co' ju the se vo' venì co' me te porto a fa' vede' "L'Aquila bella me, te vojo revedè" Cantava mio nonno quando da piccola mi dondolava sulle ginocchia. Quel corso oggi non c'è più, la bellezza violata ha trascinato via per sempre centinaia di vite. Difficile da cancellare dalla mente quello che gli occhi hanno visto. "Amo il mare oltremodo", ho sempre risposto a chi mi chiedeva dove preferissi passare le vacanze. Oggi ho compreso che quello che mi unisce all'aquila è un legame ben più forte, un sentimento di appartenenza fortissimo e cresce, di giorno in giorno, il desiderio di voler rivedere questa città, bella come è stata fino a quella maledetta notte. Ringrazio la redazione de La Fiera dell'est per avermi sostenuta in questo viaggio, ammiro il rispetto che hanno mostrato verso la gente, il non voler spettacolarizzare il dolore, la disperazione. Ho portato via con me i volti della gente, il pianto con la signora al parcheggio della coop di Coppito che ha perso tutto ma che alla fine abbracciandomi mi ha detto, "siamo vivi, questo è tanto". Ho ripensato alla vecchina di 90 anni che da quattro giorni vive nella macchina di fronte alla sua casa, ho compreso la sua disperazione la voglia di restare malgrado non possieda più niente, perché l'unica cosa che le resta, sono le radici verso quel piazzale di fronte alla sua abitazione. Ho negli occhi la stanchezza della gente di Paganica, il loro campo nel quale non sono voluta entrare, perché non ero in grado di sostenere i loro sguardi senza cedere all'emozione, non avevano certo bisogno delle mie lacrime, loro che non posseggono più nulla. Custodisco dentro la rabbia verso chi ha speculato costruendo edifici nuovi che sono venuti giù come un castello di sabbia. Provo schifo per le parole del nostro primo ministro che in conferenza stampa al termine dei rilevamenti aerei ha concluso ricordando alla popolazione che il termovalorizzatore di Acerra funziona a pieno regime, non comprendo il nesso se non la ragione meramente elettorale, una vetrina mediatica gratis prima delle elezioni, in cui beare la sua onnipotenza sulle spalle di chi non ha neppure la forza di rispondere che la spazzatura napoletana è cosa ben distante dai respiri che si cercano tra le macerie. Ho vergogna per aver dovuto ascoltare che i campi per i terremotati bisogna considerarli un camping da fine settimana, che l'alternativa è un soggiorno al mare a sue spese, per non dimenticare il consiglio di dotarsi di crema solare per evitare le scottature. Vergogna!! Amo l'abruzzo e so che gli abruzzesi sapranno trovare la forza di rialzarsi con dignità, questa è l'unica certezza che ho. Tornerò per amore in questa terra. "L'Aquila bella me, te vojo revedè", cantava mio nonno ed io con lui. Grazie Marco Grazie Federica Grazie Emanuele Grazie Alessio ANNA DAZED

4 primo PIANO Uno stretto legame QUELLA NOTTE DIO NON C'ERA Il Dio che vigila. IL Dio che tutto può. Il Dio che ci ama, che ci protegge ma che forse la notte del 5 Aprile si è distratto. Quella notte silenziosa si è trasformata in un buio perenne ma rumoroso, come rumorose sono state le grida di tutta quella povera gente che ha visto sbriciolare ogni sogno, ogni desiderio, ogni sacrificio fatto, tutto il proprio futuro. La furia della natura non ha risparmiato niente e nessuno. E niente e nessuno può fermarla quando decide di dare sfogo alla propria rabbia. Le immagini che ora ci arrivano sono desolanti, come lo sono i volti della gente che vediamo dai nostri televisori. Occhi intensamente dignitosi, forti nonostante tutto e a tutti i costi. Ricominciare a vivere è la parola d'ordine che serpeggia fra tutti loro, diventando la costante delle loro giornate trascorse tra tende e ricordi, tra volontari e macerie, tra oggetti ritrovati ma ormai velati da una polvere crudele che ne cancella anche il ricordo. Insieme ai muri sono crollati anche i progetti e ogni decisione, grazie a chi delle loro case pensava di farne castelli di sabbia. Ma fortunatamente non è crollata la voglia di continuare a vivere. Siamo andati anche noi, della redazione, a trovare questa povera gente. Non per stupida curiosità, per dovere di cronaca o per commiserare chi non ha nessuna voglia di essere commiserato. Semmai per renderci conto di quanto accaduto. Ci è sembrato doveroso portare anche la nostra presenza, per dare un minimo di aiuto, fosse anche solo morale, a quella folta schiera di gente senza più sogni. Stupore, incredulità e la sensazione triste di poter fare ben poco per tutti loro, ci ha fatto compagnia per tutto il percorso fatto tra questi paesi martoriati. I bambini i loro grandi occhi derubati di quella luce che solitamente li accomuna, ci resteranno nell'anima. In tanti si stanno operando per ridare sollievo e speranza a questo Abruzzo distrutto più nel cuore che nella quotidianità perduta. E a tutte queste persone va la riconoscenza di tutti e un grazie grande quanto grande è il cuore di tutti gli abruzzesi. Se Dio, che tutto veglia e tutto può, è tornato presente riporti un raggio di sole. Solo così potremo dire che da lassù qualcuno ci ama davvero e ritrovare la forza per ricostruire. CARLA DI PIETRO LA FIERA DELL EST FOTO DI LUIGI CIRULLI GRAZIANI EDITORE DIRETTORE RESPONSABILE FEDERICA GRAZIANI STAMPA GRUPPO COLACRESI & C. S.R.L. VIA TAZIO NUVOLARI, 3, TIVOLI TERME (RM) REDAZIONE VIA MONTEPAGANO, CASTELVERDE (RM) tel Grafica PIXEL scarl - Impaginazione Alessio Carta TUTTE LE COLLABORAZIONI SONO GRATUITE SALVO DIVERSI ACCORDI SCRITTI Tante le persone del nostro territorio legate in qualche modo all Abruzzo. C è chi è cresciuto in piccoli paesi come Onna. Chi ricorda i momenti felici trascorsi nella casa dello studente. E chi invece si è recato sul posto come volontario per dare una mano. Semplicemente per esserci. Dopo il disastro del terremoto de L Aquila le istituzioni capitoline, i partiti politici, le università, gli enti benefici e le associazioni, si sono mobilitate in soccorso dei terremotati. Un filo diretto che lega l Abruzzo e l VIII municipio di Roma. VOLONTARIO TRA LE MACERIE Luigi Cirulli, residente Castelverde, è uno dei tanti eroi volontari che in questi giorni sono stati in Abruzzo ad aiutare la popolazione colpita dal terremoto. Luigi è un volontario della Croce rossa di Finocchio da oltre 10 anni, e già nel '97, quando andò a soccorrere i terremotati delle Marche, aveva affrontato una situazione del genere. Dopo aver prestato i primi soccorsi per 5 giorni a San Gregorio, un paese a pochi chilometri da L' Aquila, Luigi è tornato a Roma in attesa di nuovi ordini. Quale era la situazione quando sei arrivato? Sono stato avvertito la mattina e in poche ore assieme al mio gruppo ho raggiunto l' Abruzzo. Appena arrivati a l'aquila c'era il completo caos. Tutte le persone stavano in macchina con i motori accesi per scaldarsi. Tutti erano terrorizzati. Ogni tanto c'era qualche scossa di assestamento. Una situazione indescrivibile fatta di paura, terrore, di gente che piangeva in continuazione e persone disperate che in pochi istanti avevano perso tutto quello che avevano. I primi giorni quello che serviva maggiormente erano i vestiti. Essendo scappati nel pieno della notte, molti stavano in pigiama e in ciabatte. Quali sono le prime cose che avete fatto? Abbiamo subito organizzato un ospedale da campo e poi abbiamo montato le tende. Abbiamo portato un pasto caldo e una coperta a tutti, con un'attenzione particolare verso i bambini e gli anziani. Lì mancava tutto. Anche perché quando succedono queste cose vengono chiusi acqua, gas e corrente elettrica per evitare ulteriori sciagure. Si può capire realmente quello che sta attraversando il popolo abruzzese? Ci si rende realmente conto della drammaticità della situazione solo stando lì anche perché i media cercano di puntare molto di più sul sensazionalismo e magari sorvolano su aspetti importanti che andrebbero evidenziati. Abbiamo lavorato per giorni, dormendo poco e niente. MARCO CARTA UN TRISTE RICORDO erremoto. Ti senti piccolo e vulnerabile nel Tpercepire la terra che si muove. Vuoi solamente scappare lontano, verso una zona che reputi sicura. È difficile riflettere su tale catastrofe in maniera razionale, pensando a chi lottando contro la morte ha perso. Ti fai delle domande delle quali conosci già le risposte. Non vorresti crederci, invece è proprio così. Non stai sognando! Quelle sono vere macerie. Il giorno della prima fortissima scossa che devastò gran parte dell'abruzzo, Andrea Ciuffarella 27 anni di Borghesiana, dottorando nella Facoltà di Scienze Motorie all'aquila, era a Roma. Lontano da quell'inferno che inghiottiva tutto. Aveva frequentato per 2 anni la casa dello studente. Da quanti anni frequentavi la Casa dello Studente? Per 2 anni, vincendo una borsa di studio, ho frequentato la mensa della Casa dello Studente. Che ambiente era? Era un ambiente stupendo, tutti amici che vivevano in piena armonia. La struttura era nuova, di circa due anni. La cosa davvero strana è che a crollare è stata solo questa parte. Secondo te la Casa dello Studente era un edificio sicuro? Adesso direi proprio di no, ma in passato sembrava uno stabile sicuro. Quali sono i ricordi più cari che hai di quell'ambiente? Gli amici con i quali ti fermavi a parlare dopo il pasto, scambiando battute, rilassandoti prima di tornare in facoltà. Da quanto tempo la terra all'aquila e dintorni tremava? Da circa tre mesi si sentivano piccole scosse. Sei riuscito a parlare con gli studenti che sono sopravvissuti? Sì, ho parlato con qualche ragazzo. Non ci sono davvero parole in certi momenti, basta uno sguardo per capire la disperazione e la paura vissuta. Dopo la tragedia sei tornato all'aquila? Sì, sono tornato e ho sentito un forte dolore al cuore, vedendo una città spettrale. Come descriveresti la città prima e dopo il disastro? Prima era una città bellissima, la gente è veramente umana, ora il centro e molti paesi non esistono più. Mi sento violentato e vuoto nell'anima. Quale è il tuo pensiero più frequente in questi giorni? Sono sconvolto e incavolato con il mio Paese. Perché solo dopo la catastrofe si viene a sapere che gli edifici non erano a norma. È per me inconcepibile pensare che nella stessa via ci siano palazzi con lievi danni e altri completamente distrutti. Perché? Di chi è la colpa? EMANUELE MARSIGLIOTTI ONNA NEI RICORDI DI ALFONSO ono nato in una casa che oggi è distrutta, "Sdove è morto mio cugino e la sua famiglia. A parlare Alfonso Rosa, 69 anni di Castelverde, originario del paese di Onna. Quale è stato il suo primo pensiero dopo il terremoto? E' come se si fosse chiuso un capitolo e la mia infanzia sia stata cancellata. Non ho mai assistito a terremoti passati, però mi hanno raccontato di piccole scosse. Le case, da quello che so io, sono vecchie costruzioni, realizzate con materiali poveri, pietra su pietra. Dopo il terremoto ho sentito il figlio di un cugino. La loro casa non è fortemente lesionata, non hanno subito danni fisici Per fortuna Una mia cugina invece è stata tirata fuori dalle macerie, insieme a suo marito. Suo figlio di 18 anni purtroppo è morto. Che ricordi ha del paese di Onna? L'Abruzzo è una regione bellissima Sono stato a Onna fino al 1942, poi nel corso degli anni sono tornato lì più volte. Mia madre è di quel paese. Ricordo il luogo con affetto. Quando ero piccolo, mio nonno mi portava in giro per il paese. Era bellissimo, un posto tranquillissimo. Ricordo che un pastore mi portava da bambino con il suo carro. E' morto. Come descriverebbe gli abruzzesi? Gli abruzzesi sono persone forti. Nel loro DNA hanno la capacità di sopportare tutto. E' gente positiva e tenace. Anche in questa tragedia sono sicuro che riusciranno con orgoglio a rialzarsi e reagire. Anzi lo stanno già facendo. Un messaggio che vorrebbe inviare loro? Il mio messaggio al popolo abruzzese è quello di resistere, mentre ai volontari e a tutte le forze dell'ordine chiedo di fare il possibile per aiutare la gente sfollata, alleviando le loro sofferenze. Bisogna ricostruire il prima possibile per non aumentare questa sofferenza. Quindi tirare su di nuovo le case e i monumenti che rappresentano la storia di questo popolo. Bisogna realizzare un nuovo centro per garantire alle persone un luogo sicuro per vivere bene.

5 primo PIANO tra l Abruzzo e l VIII SONO LE TRE E TRENTA ono le tre e trenta. La terra trema. Non solo CROCE ROSSA DI FINOCCHIO L UNIVERSITÀ DI TOR VERGATA Squella, trema la casa, il letto, mi sveglio e a no dei centri più attivi nella raccolta degli Uaiuti è quello della Croce Rossa Roma Sud di Finocchio. Piero Pasculli, volontario, spiega come si muove la macchina organizzativa dei soccorsi. Come avviene la raccolta degli aiuti? Le persone vengono direttamente qui da noi in Via Casilina o nei nostri distaccamenti locali. Poi iniziamo a raccogliere e catalogare il tutto. Abbiamo una lista di materiali utili fatta dal Ministero degli Interni e dalla Protezione Civile, si va dalla pasta ai giocattoli. La Croce Rossa rilascia anche una ricevuta che attesta la consegna della merce. Come avviene la distribuzione sul posto? La priorità è stata assegnare un posto coperto ai terremotati. Ora invece il materiale sarà spedito e distribuito. Il cibo e l'acqua servono per preparare pasti caldi da distribuire a tutti. Le altre cose invece sono distribuite in base alla necessità. Ogni famiglia ha esigenze diverse dalle altre, chi ha bambini, chi è con anziani. Ognuno ha bisogno di cose diverse. Come inviati gli aiuti? Il 10 Aprile è partito il primo tir con i beni di prima necessità. Ogni tre giorni, da quel momento, partono altri camion. Purtroppo ci sarà bisogno degli aiuti per ancora tanto tempo. Hanno partecipato tante persone alla raccolta? Moltissime, e continuano a farlo. C'è chi ci porta un giocattolo del figlio, oppure c'è chi fa la spesa acquistando più cose e le dona a noi. Nell'ottavo municipio c'è stata molta partecipazione da parte di tutti, sia dei volontari che della gente comune. Si sono tutti stretti attorno alle popolazioni abruzzesi. ALESSANDRO IACOPINI CIRCOLI PDL "Di fronte alla tragedia che ha colpito l'abruzzo è necessario che ognuno di noi contribuisca per quanto possibile ad aiutare i nostri connazionali. La donazione di beni di prima necessità e di farmaci diventa quindi il modo primario per garantire un aiuto concreto". Queste le parole di Fabrizio Santori, presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Roma, in relazione all'iniziativa 'Fratelli d'abruzzo' dei volontari del movimento Roma Europa Sociale (RES). "Oltre 100 circoli territoriali del Pdl - ha concluso Santori - si sono impegnati quotidianamente a raccogliere generi utili per la popolazione colpita dal disastro. Questo sostegno si aggiunge agli aiuti già messi in campo dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che ha dato disposizione alla Protezione civile comunale e al Comando del Corpo della Polizia municipale di predisporre tutto il possibile per prestare soccorso alla popolazione abruzzese colpita dal sisma". MA. CI. NELLA SCIAGURA PERDE LA VITA IL PROF. GUIDO ZINGARI, DOCENTE DI FILOSOFIA DELLA FACOLTÀ università di Tor Vergata si è mostrata particolarmente attiva verso le popolazioni abruzzesi L' colpite dal terremoto. In ogni facoltà sono state attivate dagli studenti centri di raccolta di qualsiasi bene utile ai terremotati dell'abruzzo. Nella facoltà di Lettere dell' università, gli aiuti sono stati raccolti dagli studenti dell' aula autogestita 'Charlie Brown'. "Già lunedì è iniziata la raccolta - spiega Sonia, mentre continua a inserire dati nel computer - ed è stato creato subito un sito per fare l'inventario di tutto ciò che è stato preso. Gli studenti, i professori, tutti quanti si sono attivati per aiutare le popolazioni terremotate. L'Abruzzo è una regione da cui provengono molti studenti della facoltà e il fatto che sia stata colpita anche la casa dello studente, la casa di ragazzi come noi, ci ha colpito molto". Facoltà di Lettere ferita purtroppo anche direttamente dal sisma visto che, tra le macerie dell' Aquila, ha perso la vita il Prof. Guido Zingari, docente di Filosofia della facoltà. Il Rettore dell' Università, Renato Lauro, oltre ad aver messo immediatamente a disposizione qualsiasi risorsa del polo ospedaliero universitario, ha espresso il suo cordoglio verso la famiglia del Prof. Zingari e verso il Rettore dell' Università dell'aquila, Prof. Fernando Di Orio, a cui ha espresso la solidarietà di tutto l'ateneo. ALESSANDRO IACOPINI REGIONE LAZIO ostituzione di un fondo presso il Consiglio regionale del Lazio con l'obiettivo di racco- almeno un milione di euro destinato agli studenti universitari abruzzesi del- "Cgliere l'università dell'aquila per i quali vogliamo costruire le condizioni affinché possano frequentare gli atenei di Roma e del Lazio con l'obiettivo di assicurare la continuità dei loro corsi di studi presso le diverse facoltà". Lo ha annunciato il presidente del presidente del Consiglio regionale del Lazio, Guido Milana, aprendo i lavori dell'assemblea dell' 8 aprile. "Confermo - ha aggiunto il presidente del Consiglio regionale - l'appello ai rettori degli atenei del Lazio a mettere le nostre università a disposizione degli studenti abruzzesi. Sono certo che presto anche le altre università di Roma e del Lazio seguiranno l'esempio dell'università della Tuscia e dell'università Campus Bio-medico di Roma che, con encomiabile tempestività, hanno già messo a disposizione strutture e organizzazione per accogliere gli studenti dell'abruzzo". "Ad alimentare il fondo - conclude Milana - saranno le donazioni dei singoli consiglieri regionali e dei dirigenti, oltre alle ore di lavoro che il personale del Consiglio vorrà devolvere in modo volontario e al reperimento di risorse nel nostro bilancio attraverso tagli tesi all'ottimizzazione e al contenimento delle spese. Un modo, questo, di accompagnare il minuto di silenzio con l'idea che l'azione dei consiglieri e del personale possa consentire a tanti studenti di proseguire i propri studi". MA. CI. IL CIRCOLO PD DI TOR BELLA MONACA Andrea Sgrulletti, segretario del circolo Pd Come è andata la raccolta? Abbiamo cominciato questa raccolta presso la sede del circolo Pd di Tor Bella Monaca lunedì 7 aprile. Abbiamo raccolto alimentari non deperibili, farmaci, prodotti per l'igiene. L'iniziativa è inserita nel quadro di un progetto più vasto del Pd di Roma che, in collaborazione con la Protezione civile sta costruendo attraverso i circoli Pd un trasporto importante con un camion di tutto il materiale che si raccoglierà. Sabato mattina (11 aprile n.d.r) è partito il camion con quello che abbiamo raccolto per arrivare in Abruzzo. Qual'è stata la risposta dei cittadini alla vostra iniziativa? Ho la sensazione che questa tragedia abbia toccato veramente nel profondo le persone. Noto che c'è una mobilitazione generale.. Devo dire che questa tragedia ha generato in tutti un grande sentimento di pietà e compassione che si vede nella riuscita facile di queste iniziative. Veramente c'è una generosità di base che è un'ottima notizia. In un momento così dobbiamo aiutare ed aiutarci. MA. CI. tremare ora sono io, di paura. Confuso mi chiedo se sto ancora sognando ma la persistenza dello sconquasso mi desta definitivamente. Non si fa mai l'abitudine a certe cose e sapere che qualcuno, molti, di questo annuncio di calamità ne hanno fatto una normalità ti lascia sgomento. Telegiornali a non finire e arrivo alla mattina. Pensi di iniziare la giornata come tutte le altre ma dentro di te sai che non è così, qualcosa è cambiato, sta cambiando di ora in ora, di morto in morto. C'è chi conta le vittime, chi i superstiti. Qualcuno ha il coraggio di contare i telespettatori. A lavoro ci guardiamo, ci interroghiamo senza fare domande. Bastano gli occhi e poi una decisione repentina. Partiamo per L'Aquila. Mi chiedo se sarò in grado di fotografare una persone nel pieno del suo dolore, nel culmine dello strazio. Prima di me ne avranno visti di curiosi affaccendati a scoprire le intimità più profonde. Non sarà così per me. Saranno loro, chi sta subendo la volontà della terra, che mi daranno la forza di guardarli perché saranno i loro occhi a parlare ma non le mie orecchie ad ascoltare. Il mio cuore. È una giornata strana, particolare quella della partenza. Fa caldo, anzi no, fa freddo. Sarà così per tutto il giorno con la pioggia che non riuscirà a togliere nemmeno un pò di angoscia. L'eccitazione del viaggio cessa immediatamente, basta qualche chilometro di autostrada, orizzonti che non ti appartengono ti calano nella realtà del disastro. Un autogrill sull'a24. Deserto, voci basse. Un camion della Protezione Civile. Qualche racconto della scossa notturna. Siamo dentro. Lo sgomento di un popolo è tutto negli occhi terrorizzati di un meccanico che vuole chiudere la sua officina ma non lascia la nostra auto in panne. È più forte di lui, ha paura che il suo mondo gli crolli addosso ma deve aiutarci nonostante tutto. Ci sentiamo in dovere non di ringraziarlo ma di scusarci per aver interrotto la sua fuga. IL MUNICIPIO ALESSIO CARTA Sei bancali contenenti carta assorbente, carta igienica, pomodori, pasta e farina sono stati recapitati lo scorso 11 aprile da una rappresentanza del presidente del Municipio delle Torri, Massimiliano Lorenzotti in alcuni paesi dell'abruzzo vittime del terremoto. Una raccolta di viveri e beni di prima necessità che ha avuto luogo in alcuni centri vittime della tragedia, quali Pagliere di Sassa, Palombaia di Sassa, e Poggio Picense. La raccolta è stata coordinata presso il Popolo di Roma di via Po 44 a Roma, per conto del Popolo della Libertà. La raccolta fondi è il primo passo, infatti ogni 15 giorni verranno recapitati presso alcuni centri devastati dal terremoto altri aiuti. MA. CI.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA Terremoti Un terremoto è un movimento oscillatorio del suolo causato da tre eventi consecutivi: 1. movimenti in particolari zone della crosta terrestre*

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi.

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi. Santo Padre, ho il grande privilegio di presentarle gli ospiti che oggi affollano quest aula, venuti da ogni parte d Italia per incontrarla, ascoltarla e ricevere la Sua benedizione. Sono i volontari di

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Marco Federici e i suoi "Angeli tra le Macerie"

Marco Federici e i suoi Angeli tra le Macerie "Angeli tra le macerie" aiuta la Protezione civile in Abruzzo È stato consegnato alla Protezione civile il ricavato della vendita del libro «Angeli tra le macerie», scritto dal giornalista della Gazzetta

Dettagli

CARGO FOR NEPAL LA NOSTRA MISSION

CARGO FOR NEPAL LA NOSTRA MISSION CARGO FOR NEPAL LA NOSTRA MISSION Panoramica di come sia nato tutto nel giro di 3 giorni: Il giorno 27 apri alle 6 del mattino squilla il telefono. Arriva un messaggio da un amico nepalese, Prem. Mi scrive

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia Disney 1 Ing. Andrea Fabbri Via Niccolò Machiavelli, 17 50012 Bagno a Ripoli (FI) Codice Fiscale: FBBNDR85M24A564C Partita I.V.A.: 06278480485 Telefono: 380/2678520 E-mail: a.fabbri@ymail.com Istituto

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Sei tecnici del Comune di Catania, provenienti da diverse Direzioni, hanno dato la propria

Dettagli