16 SIR REGIONE Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "16 SIR REGIONE Marche"

Transcript

1 Sir n. 80 (1.606) 21 novembre 2007 SIR quotidiano The daily RIS news bulletin for the European network CULTURA E COMUNICAZIONE Il progetto e l impegno ANNO18 RELIGIOUS INFORMATION SERVICE SERVICIO DE INFORMACIÓN RELIGIOSA SERVIZIO INFORMAZIONE RELIGIOSA SERVICE D INFORMATION RELIGIEUSE RELIGIÖSER NACHRICHTENDIENST Nella grande percezione di indeterminatezza e di incertezza che attraversa oggi l Italia (e non solo) è fondamentale cercare di mettere ordine, capire, orientarsi. La Chiesa e i cattolici hanno dunque una rinnovata responsabilità di discernimento: capire, ma non solo come esercizio intellettuale, capire per operare e testimoniare un apertura di speranza. Così il Papa ha letto la figura di Antonio Rosmini, ormai Beato: Testimoniò la virtù della carità in tutte le sue dimensioni e ad alto livello, ma ciò che lo rese maggiormente noto fu il generoso impegno per quella che egli chiamava carità intellettuale, vale a dire la riconciliazione della ragione con la fede. È questo uno dei grandi temi del magistero del Papa e dell impegno della Chiesa in Italia, sulla linea del progetto culturale. Il suo esempio aiuti la Chiesa, specialmente le comunità ecclesiali italiane, a crescere nella consapevolezza che la luce della ragione umana e quella della Grazia, quando camminano insieme, diventano sorgente di benedizione per la persona umana e per la società. Si tratta di un impegno da declinare a tutto campo, con apertura, serenità e chiarezza. Con una consapevolezza in più, oggi: che l esperienza storica sta progressivamente falsificando i paradigmi della secolarizzazione. È un processo quest ultimo, sempre evidente dal punto di vista pratico, ma sempre più in affanno in termini sostanziali. Per questo, diventa necessario leggere i segni dei tempi, sviluppare quel discernimento creativo in molteplici dimensioni, per dire Dio, presupposto e conseguenza di quell esercizio di allargare gli spazi della razionalità, di spalancare le porte a Cristo, le parole chiave degli ultimi pontificati. È il metodo del progetto culturale. Lo abbiamo visto nella recente Settimana Sociale: superata la tentazione di riprodurre nel mondo ecclesiale l agenda di un dibattito esterno (politico e pubblicistico) di corto respiro, si è cercato di andare dritti ai contenuti, di fare emergere in concreto le questioni, le attese, le piste di risposta. Lo stesso metodo è applicato nel dinamismo di Scienza e vita, che si sta cimentando su temi cruciali della questione antropologica. Questo porta a un rinnovato impegno di comunicazione. Su tutti i registri, da quelli più innovativi, alla carta stampata tradizionale, a partire proprio dalla rete dei settimanali cattolici, che sta per celebrare la sua XV assemblea elettiva. In questi ultimi anni il sistema della comunicazione dei cattolici in Italia si è modernizzato e, nello stesso tempo, si sta corroborando. Sintetizza un po l atteggiamento con cui operare in questa situazione liquida, cioè frammentata e mutevole: interloquire con passione e con attenzione, in modo assolutamente moderno, senza alcun complesso nei confronti di nessuno. FRANCESCO BONINI ITALIA 2-3 SETTIMANALI CATTOLICI Quali nuovi percorsi? Verso la XV assemblea nazionale Fisc (3) 5-6 BANGLADESH La tragedia si ripete Sgomento e domande 11 PROSTITUZIONE MINORI Abbandonati a se stessi Non basta la denuncia di carenze educative 16 SIR REGIONE Marche L impegno per i giovani EUROPA 19 PRIMA PAGINA Frontiere d Europa C.Lennert (Kna - Germania) 20 COMECE Accompagnare la politica N.Treanor 26 PARLAMENTO UE Una ferma condanna La violenza contro i cristiani Bisettimanale di informazione Editrice: Società per l Informazione Religiosa (SIR) s.p.a. Reg. Trib. Roma n. 581/88 del Presidente emerito: Giuseppe Cacciami Presidente: Vincenzo Rini Direttore: Paolo Bustaffa Stampa in proprio Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2 comma 20/B legge 662/96 filiale di Roma Abbonamento annuo: postale 130,00 Internet 60,00 Versamento su ccp n intestato a: Sir Società per l Informazione Religiosa s.p.a. Via Aurelia, Roma Direzione, redazione, amministrazione: Via Aurelia, Roma t f

2 SETTIMANALI CATTOLICI Quali nuovi percorsi? Verso la XV assemblea nazionale della Fisc (3) Dal 22 al 24 novembre, la Federazione italiana dei settimanali cattolici (Fisc) celebrerà a Roma la XV assemblea nazionale elettiva per il rinnovo del Consiglio nazionale. Alla vigilia di questo appuntamento, concludiamo il forum (cfr SIR 77-79/2007) con i direttori degli oltre 160 giornali che aderiscono alla Fisc. A tutti abbiamo chiesto una riflessione a partire dalla domanda: Per essere voci del territorio in un contesto sociale, culturale e religioso profondamente e velocemente cambiato, quali percorsi di pensiero si aprono per i settimanali nelle loro rispettive realtà e nell esperienza Fisc?. CAMMINATORI DI MONTAGNA. Chi ha avuto modo di fare quattro passi in montagna lo sa: per camminare alle alte quote ci vogliono gambe allenate per affrontare anche i sentieri più impervi e spalle robuste per portare quello zaino in cui è bene mettere sempre e solo l indispensabile. Prende il via da questo richiamo montano la riflessione di IRENE ARGENTIERO, direttore di IL SEGNO (Bolzano-Bressanone). In una società sempre più abituata a viaggiare sulle grandi autostrade dell informazione, i settimanali cattolici - dice Argentiero - sono chiamati a essere dei buoni camminatori di montagna. Questo non per evitare di percorrere le strade percorse dagli altri, ma per ridare al cammino dell informazione un ritmo a misura d uomo. I settimanali cattolici, per essere voci del territorio, sono chiamati - ricorda Argentiero - a essere sul territorio e a mettere a disposizione le loro risorse per raccontare la vita di chi sul territorio vive, spesso non senza difficoltà. Sostenuti dall essenziale, quella borraccia d acqua fresca il Vangelo che portano nel loro zaino, hanno come vocazione quella di raccontare le tante bellezze di cui è disseminato anche il percorso più impervio, bellezze che sfuggono agli occhi di chi sfreccia sulle grandi autostrade. Insieme, nella Fisc, i settimanali possono divenire una grande cordata, grazie alla quale inerpicarsi anche alla scoperta di nuovi cammini, spesso inesplorati e, per questo, ancora più affascinanti. La scelta di percorrere i sentieri di montagna, conclude Argentiero, è certamente molto impegnativa. Essa permette, tuttavia, di essere davvero sul territorio, di viverlo con i piedi ben piantati per terra e lo sguardo libero di puntare alla meta, senza correre il rischio di finire in un qualche ingorgo, come spesso accade nelle trafficate autostrade dei nostri giorni. OCCASIONI DI SPERANZA. Per essere voci del territorio afferma MASSIMO MANSER- VIGI, direttore di LA VOCE DI FERRARA- COMACCHIO - i percorsi dei settimanali debbono prima di tutto incrociarsi con i percorsi di chi ancora crede nella possibilità di raccontare i fatti nella prospettiva di costruire, attraverso la notizia, occasioni di speranza. In altri termini, spiega Manservigi, i settimanali avranno un futuro se si faranno carico di tutti quei giovani che vogliono iniziare a scrivere, a raccontare, a condividere la vita della gente, senza paraocchi ideologici. A loro, che difficilmente troverebbero posto nelle grandi redazioni, i settimanali dovrebbero sempre più garantire stimoli e offrire una vera palestra dell informazione. Data questa premessa, Manservigi evidenzia due priorità: Le singole Chiese locali devono investire, con maggior convinzione, in progetti di rilancio dell informazione in chiave cristiana: essere giornali del territorio è praticamente impossibile senza l appoggio delle strutture di cui la Chiesa dispone sul territorio. Inoltre, è necessaria una maggiore collaborazione dei settimanali tra di loro, cosa che peraltro in Emilia Romagna si sta già realizzando con buoni risultati. Tale collaborazione offre una quantità enorme di stimoli a progredire su percorsi già da altri intrapresi sia sotto il profilo del trattamento della notizia sia sotto quello economico-gestionale. NEL TESSUTO LOCALE. Il contrassegno fortemente locale e territoriale è il percorso più interessante e da perseguire nella nostra linea editoriale. L essere calati profondamente nel tessuto delle diocesi, con una lettura sempre costante dei piccoli e dei grandi fatti, permette di raggiungere una visione concreta, reale, delle sfide e dei bisogni della comunità. Ne è convinto EMANUELE FERRO, direttore di NUOVO DIAOLOGO (Taranto). Il raccontare le storie dei nostri paesi e dei nostri percorsi di fede afferma Ferro - ci aiuta a una riflessione disincantata o, comunque sia, diversa di quella che i media nazionali passano per esigenze globali e comuni. Forse si tratta di un contrappeso necessario. È principalmente un segno di attenzione della Chiesa, sintomatico a volte della vitalità e altre del torpore che caratterizzano le nostre realtà. Per quanto riguarda la Fisc: questa, secondo Ferro, è un opportunità ecclesiale che riesce a mettere in rete i nostri sforzi. La condivisione di questa vocazione alla formazione permanente che non passa attraverso una pachidermica macchina editoriale, ma piuttosto attraverso il tentativo di diffondere, a seconda dei tempi, dei linguaggi e delle possibilità, il messaggio della Chiesa nella sua vocazione di venire in dialogo come diceva Paolo VI - con il mondo in cui si trova a vivere. MAGGIORE IMPEGNO. Due gli argomenti posti in risalto da ANTONIO RICCI, direttore di IL CORRIERE APUANO (Pontremoli): Maggiore interesse nei confronti dei mezzi di informazione da parte della comunità ecclesiale; maggiore impegno a realizzare giornali che si vendono perché valgono in sé, non perché devono essere comperati dai sacerdoti, dai catechisti ecc.. Il primo punto: Una maggiore attenzione da parte della comunità ecclesiale spiega 2

3 SETTIMANALI CATTOLICI Ricci - permette di mantenere aggiornata la conoscenza del territorio (anche, ad esempio, attraverso il contributo di corrispondenze provenienti dalle diverse zone della diocesi). Il secondo punto: è necessario abbandonare la mentalità di una diffusione basata sul buon cuore di chi, appunto, acquista il settimanale per dovere. Un buon giornale entra con autorevolezza nel dibattito della società civile e contribuisce a rendere più visibile la comunità dei credenti nei confronti del mondo. Per RICCARDO LOSAPPIO, direttore di IN CO- MUNIONE (mensile della diocesi di Trani- Barletta-Bisceglie), i settimanali cattolici possono e devono confrontarsi con le sfide di natura culturale, sociale e religiosa per fare emergere le ragioni profonde di una presenza, quella cristiana, in ordine alle piccole e grandi questioni. Essi devono sentirsi come espressione operativa, nel campo della comunicazione, del progetto culturale della Chiesa italiana: fare emergere la valenza culturale del messaggio evangelico. Nella fedeltà a quest ultimo, i media cattolici e, tra questi, la cordata rappresentata dalla Fisc - veicolano con le categorie dell oggi il senso e il valore della proposta cristiana, della sua antropologia e della sua visione morale. In uno stile di dialogo e di confronto. VOCE PROFETICA. Diventare sempre di più voce profetica. Questo, secondo ANTO- NELLO MURA, direttore di DIALOGO (Alghero-Bosa), il compito principale dei settimanali cattolici. In che modo? Aiutando i lettori - dice Mura - a leggere la realtà da un altro punto di vista rispetto alle letture dominanti. In un contesto che confonde con facilità l opinione con la verità, manca - soprattutto a coloro che non vogliono fermarsi alla superficialità e al sentito dire - la possibilità di pensare e approfondire i contenuti dell informazione. In riferimento alla vita sociale, culturale ed ecclesiale, i nostri lettori vanno, quindi, sollecitati ad auto-educarsi, offrendo occasioni - tra l altro - per un discernimento che colga e interpreti i meccanismi che stanno dietro una comunicazione ufficiale spesso fuorviante e riduttiva. Per Mura, più che scendere sul terreno praticato dagli altri giornali o dalle altre fonti di informazione, siamo chiamati a presentare con competenza e coerenza quel nascosto e ignorato versante di verità che anche nelle nostre realtà fa fatica ad emergere. LA VOCAZIONE TERRITORIALE. La territorialità, proprio nell era in cui le distanze vengono cancellate e la comunicazione diventa villaggio globale, riconquista spazi e significati in ambiti sociali, culturali, religiosi, comunicativi. È quanto sottolinea EMILIO PASTORMERLO, direttore di L ARALDO LOMELLINO (Vigevano). La territorialità - ricorda Pastormerlo - non è solo uno spazio geografico, ma è il desiderio dell uomo di ritrovare dimensioni capaci di farlo sentire protagonista, valori e realtà che non sembrano trovare più spazio nel frenetico mondo del nostro tempo. La comunicazione assume un importanza fondamentale proprio nella territorialità, perché è lì che può ancora incontrare la persona, capire quali siano le attese e i problemi della quotidianità. Secondo Pastormerlo, il mondo e la cultura del nostro tempo non hanno bisogno di tanti nik-name, ma di nomi e cognomi veri, che parlano di storie, di problemi quotidiani, di speranze. Questa territorialità, non solo geografica, appartiene alla vocazione dei settimanali cattolici. Per questo, i nostri settimanali devono riuscire a far parlare il territorio, nelle sue diverse dimensioni e nei suoi ambiti: culturale, sociale, religioso. Nella specificità di essere voce dei cattolici, i nostri settimanali sono chiamati ad essere propositivi, portando nel mondo di oggi quei valori e, soprattutto, quella capacità di incontro e di dialogo che la cultura cattolica deve sempre essere capace di testimoniare. Per Pastormerlo, non ci può essere un buon settimanale se non ha alle spalle una forte comunità cristiana, una Chiesa consapevole della sua vocazione territoriale, capace di parlare all uomo del nostro tempo. UN SALTO DI QUALITÀ. Essere dinamici, sapersi continuamente rinnovare per intuire come essere sul piano giornalistico a servizio dell evangelizzazione della Chiesa. È quanto viene chiesto - secondo DAVIDE MALOBERTI, direttore di IL NUOVO GIOR- NALE (Piacenza Bobbio) - a chi lavora, come i settimanali cattolici, nel campo della comunicazione. Si tratta di un impegno non facile, perché per fare questo - spiega Maloberti - occorre, prima di tutto, avere con sé Cristo - e non è una cosa da poco e, in secondo luogo, saper leggere i cambiamenti sociali, politici, culturali ed ecclesiali con un giudizio cristiano. In vista di ciò, occorre sviluppare le sinergie locali e nazionali e far crescere il discernimento comunitario che, detto così, sembra una parola che dice tutto e dice niente. E invece è proprio su questo punto che occorre fare un salto di qualità. L obiettivo è capire in una visione cristiana i problemi sul territorio. E questo senza le facili strumentalizzazioni politiche, ma con un occhio al bene di un popolo in cammino. Non è un caso che la Fisc definisca i suoi giornali: giornali della gente, giornali della Chiesa, non di Chiesa. CON ONESTÀ E UMILTÀ. Per il nostro settimanale, che nel 2007 ha celebrato i 50 anni di vita, guardare al futuro e cercare di essere voce del territorio - dice STEFANO MALAGOLI, direttore di NOSTRO TEMPO (Modena-Nonantola) - significa anche volgere lo sguardo al passato e cercare di rimanere fedele a quanto proclamato nel 1 numero del 1957: Il settimanale è aperto a tutte le esigenze morali e sociali, spirituali e materiali del nostro tempo. Un tempo che siamo chiamati a riscattare e a santificare con la nostra presenza attiva e con la nostra testimonianza cristiana. Modena e il suo territorio, ricorda Malagoli, non sono più quelli della fine degli anni 50: oggi le sfide e le scommesse sono altre, forse più impegnative ma non per questo tali da motivare atteggiamenti rinunciatari. Se il settimanale, con onestà, disponibilità e tanta umiltà, sarà in grado di suscitare riflessioni e fornire elementi utili per agire in questo contesto mutato, allora sarà riuscito a rimanere fedele all impegno che si era assunto all inizio del suo cammino insieme alla Chiesa locale. A CURA DI VINCENZO CORRADO 3

4 TERRA SANTA Un nuovo capitolo? Il 27 novembre, la Conferenza di Annapolis Il 27 novembre si svolgerà ad Annapolis (Usa), convocata dal presidente americano Bush, la conferenza internazionale per la pace tra Israele e Palestina. Da tempo i leader israeliano e palestinese, Olmert e Abu Mazen, stanno cercando, in una serie di incontri, di trovare alcune convergenze sui cosiddetti cesti negoziali : confini dei due Stati, con riferimento ai confini del 1967; misure per garantire la sicurezza di Israele; diritto al rientro dei rifugiati palestinesi; status di Gerusalemme, presenza dell Anp prima dell accordo definitivo con la riapertura degli uffici di rappresentanza dell Autorità; questione degli insediamenti ebraici e degli avamposti illegali ; gestione delle risorse idriche nella prospettiva della nascita dei 2 Stati. I negoziati hanno fatto registrare dei progressi, ma finora non hanno prodotto nessun documento comune da portare ad Annapolis. Tuttavia, da parte israeliana ci sarebbe la determinazione a non creare nuovi insediamenti in Cisgiordania, a non procedere ad ulteriori confische di terreni e a rimuovere gli avamposti illegali. Si parla anche della liberazione di oltre 400 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane per reati connessi all intifada. Un apertura di credito di Olmert verso Abu Mazen e la sua capacità di garantire la sicurezza e il controllo dei gruppi armati palestinesi. La conferenza, ha detto il premier palestinese, rappresenta un occasione storica per aprire un nuovo capitolo nella storia del Medio Oriente, in primo luogo con la creazione del nostro stato palestinese indipendente con Gerusalemme per capitale. Il SIR ne ha parlato con il delegato apostolico di Gerusalemme e Palestina, mons. ANTONIO FRANCO. Che cosa possiamo attenderci da questa conferenza? L auspicio è che veramente si metta in moto un meccanismo che possa portare la pace in questa regione. In questa prospettiva, restiamo in grande attesa così come le popolazioni di questa terra. Si discute molto sui Paesi invitati ad Annapolis. Siria ed Arabia Saudita, per esempio, non hanno ancora confermato la loro presenza. La prima perché vorrebbe inserire nei colloqui la questione delle alture del Golan, la seconda perché timorosa di vedersi associare nel mondo arabo a un eventuale fallimento della conferenza... La soluzione della crisi tra israeliani e palestinesi non può prescindere dalla presenza e dall influenza che hanno altri Paesi della regione. Essa riguarda una serie di situazioni che coinvolgono i Paesi di tutta la regione. Quanto potrebbe pesare la mancanza di un documento previo comune tra israeliani e palestinesi nei colloqui di Annapolis? Cosa Olmert e Abu Mazen stiano discutendo per trovare una convergenza viene in qualche modo reso dalla stampa ma cosa veramente stanno cercando di mettere a fuoco per un intesa anche minima è difficile dirlo con esattezza. C è chi punta ad ottenere il tutto e chi no: si è parlato di insediamenti, dei confini, di Gerusalemme, della liberazione dei prigionieri e del ritorno dei rifugiati. Secondo me, il problema di fondo è vedere se c è la volontà politica, l intenzione di risolvere i problemi. In tal caso è necessario fissare delle tappe di lavoro, stabilire delle priorità per attuare un piano di pace e produrre in concreto qualcosa. Uno dei cesti negoziali più difficile da dirimere è la questione di Gerusalemme. È d accordo? Sulla questione di Gerusalemme si registrano, dalle varie parti, sentimenti di frustrazione e di incomprensione. Come Santa Sede non vogliamo mai perdere la speranza di una soluzione dei problemi, ma questa non deve essere differita nel tempo. La Santa Sede è stata invitata ad Annapolis? Per quello che riguarda la Delegazione, qui non abbiamo ricevuto nessun invito. Non so cosa è stato fatto direttamente con il Vaticano. Il prossimo 13 dicembre a Gerusalemme si terrà la plenaria della Commissione per l accordo fondamentale tra Israele e Santa Sede. Siamo ad una svolta? Il negoziato va avanti. Se questa plenaria rappresenterà una svolta difficile dirlo. Quello che posso dire è che l argomento della plenaria non sono i visti di ingresso, che pure restano un urgenza, ma il famoso accordo economico. Speriamo di fare tanti passi in avanti. A CURA DI DANIELE ROCCHI 4

5 BANGLADESH La tragedia si ripete Gli aiuti Cei e Caritas In Bangladesh sono 15 i distretti più colpiti dal ciclone Sidr che la settimana scorsa ha causato migliaia di morti e di senza tetto, distruggendo anche case e raccolti. La tragedia è stata ricordata dal Papa all angelus di domenica 18 novembre. A fronte degli oltre morti ufficiali ma c è chi pensa siano e potrebbero arrivare anche a figurano famiglie colpite per un totale di 3 milioni persone rende noto il Centro informazioni della protezione civile di Dhaka -. Le case danneggiate sono , completamente e parzialmente. L Unicef stima che siano oltre 3,2 milioni le persone colpite, di cui la metà bambini. La Caritas si è attivata sin dal primo momento con il sostegno della rete internazionale, che ha già messo a disposizione un milione di euro di cui da parte di Caritas Italiana - per i primi interventi. LA CEI STANZIA 2 MILIONI DI EURO. La presidenza della Conferenza episcopale italiana ha espresso la propria vicinanza alle popolazioni del Bangladesh e ha stanziato 2 milioni di euro, dai fondi provenienti dall otto per mille. Provvederà tempestivamente all erogazione della somma tramite il Comitato per gli interventi caritativi nei Paesi in via di sviluppo, che sta raccogliendo le richieste delle diocesi e degli enti ecclesiali in loco. La Chiesa italiana invita le comunità ecclesiali a pregare per le vittime e a sostenere le iniziative di solidarietà attuate con l obiettivo di alleviare le sofferenze di quelle popolazioni. GLI AIUTI CARITAS. Da subito la rete Caritas ha iniziato a distribuire aiuti alimentari a 400 famiglie a Kalapara, nella regione del Barisal. Ad ogni famiglia vengono dati 10 kg di riso, 2 di lenticchie e 1 di sale. Grazie all azione dello staff e dei volontari si sta anche facendo un monitoraggio dei bisogni più urgenti e delle situazioni più gravi. Gli operatori Caritas a Khulna, Barisal e Chittagong lavorano intensamente per reperire gli alimenti e organizzare i trasporti, mentre la Caritas nazionale a Dhaka coordina le azioni e si sta organizzando per soddisfare i bisogni non alimentari. Un team di 5 consulenti, della Caritas nazionale e di altre Caritas regionali, è arrivato il 17 novembre a Barisal e Khulna per sostenere l azione della Caritas locale. Gli operatori Caritas spiega AKHILA D ROZARIO, responsabile di Caritas Bangladesh per la gestione delle emergenze e per i progetti di sviluppo hanno passato la notte con le persone che hanno trovato riparo nei rifugi anticiclone per dare loro anche un sostegno psicologico. Purtroppo in alcune zone sono stati distrutti quasi il 90% degli alberi, compresi quelli di mango e altri alberi da frutto che davano sostentamento alla popolazione. Bisogna, con l aiuto di tutti, rimboccarsi le maniche e proseguire, senza scoraggiarsi, negli interventi di aiuto. Caritas italiana resta accanto alla Caritas e alla popolazione locale che sostiene dal 1991 e fa appello alla generosità dei donatori. Info:www. caritasitaliana.it UN MISSIONARIO: È UN DISASTRO. È un disastro, un gran disastro conferma padre ATTILIO BOSCATO, missionario saveriano da anni in Bangladesh, parlando alla Misna -. I nostri confratelli nell area ci hanno confermato una situazione estremamente grave. Il ciclone ha distrutto migliaia di abitazioni, casette povere e fatiscenti spazzate via dalla tempesta. I raccolti sono completamente distrutti e migliaia di capi di bestiame sono morti. Secondo padre Boscato, il bilancio sarebbe potuto essere molto più grave se il ciclone avesse colpito le coste solo poche ore prime, in coincidenza con l alta marea. Adesso il problema principale è l acqua potabile e il materiale sanitario per evitare che tra la popolazione si diffondano epidemie, conclude il saveriano, sottolineando come le località maggiormente colpite siano particolarmente impervie, è tutto un meandro di canali e canaletti e, probabilmente, ci sono zone che non verranno mai raggiunte dai soccorsi. 5

6 BANGLADESH Sgomento e domande La tragedia e i cambiamenti climatici Quasi morti in un continuo incalzare di nuove e drammatiche cifre, 70mila abitazioni distrutte, altre 50mila danneggiate. Danni incalcolabili alle coltivazioni e alle infrastrutture ancora una volta in un Paese tra i più poveri (200 dollari di reddito medio annuo) e affollati (150 milioni di abitanti su un territorio inferiore ai due terzi dell Italia) del mondo. All imbrunire del 15 novembre, Sidr - definito dalla stampa locale un superciclone - ha colpito anzitutto la regione delle Sunderbans, frontiera naturale tra una minaccia sempre più frequente che arriva dal mare e una terraferma che solo la vegetazione solleva al di sopra delle acque dell oceano e dei delta di immensi fiumi. Un territorio paludoso vasto come mezza Italia, disteso tra India e Bangladesh, che tra un ambiente ostile agli insediamenti umani e abbondante di specie animali e vegetali, rappresenta la speranza di milioni di abitanti di India e Bangladesh alla ricerca di qualche briciola di benessere. E a migliaia non hanno potuto trovare scampo dalle onde alte fino a cinque metri che nella notte hanno colpito villaggi in cui l allarme sembrava troppo remoto e troppo tempestivo per essere credibile. L occhio del ciclone ha preso terra attraversando il fiume Bolesar presso le Sunderbans, radendo al suolo tutto quanto ha trovato sul suo percorso nei distretti meridionali prima di raggiungere Faridpur e successivamente Dhaka. Perdendo energia, il ciclone si è diretto verso Sylhet lasciando il proprio segno sulle città di Comilla e Mymensingh. Il primo comunicato Caritas ha dipinto nell essenza la tragedia del Bangladesh, che solo nei giorni successivi ha mostrato le sue tante vittime, recuperate o a volte solo intraviste o indicate su un elenco provvisorio stilato in villaggi rasi al suolo. Tuttavia, questa volta qualcosa ha funzionato, e il Bangladesh ha dimostrato di sapere prevenire e reagire. Sidr ha mostrato, seppure drammaticamente, un modo diverso, in parte nuovo con cui il Bangladesh inizia ad affrontare un nemico insidioso e mortale attraverso la prevenzione e interventi successivi coordinati. Dal giorno prima, oltre 3 milioni di persone erano state evacuate dalle regioni costiere, limitando così con certezza la perdita di vite umane. Il bilancio finale di questo ciclone, per quanto incerto, non potrà raggiungere i dati di quello del 1970 che fece 300mila vittime o le 130mila di quello del 1991, ha dichiarato il coordinatore delle Nazioni Unite per le questioni umanitarie per la regione Asia-Pacifico, appena giunto nella capitale bengalese. Pronto e in diversi casi decisivo per salvare ulteriori perdite di vite umane l intervento della Caritas locale, che aveva seguito con attenzione l avvicinarsi del ciclone, allertando le sue strutture prima che l evento atmosferico irrompesse sul piatto territorio bengalese. Dall arrivo del ciclone è fortemente impegnata, sia a livello centrale, sia con le sue strutture locali, per raccogliere informazioni e intervenire di conseguenza in una situazione assai difficile. Come a Rampal, nella regione di Khula, dove il coordinatore dei soccorsi Caritas ha comunicato che il 35% delle abitazioni costruite in paglia, bambù e legno sono andate distrutte e il 90% degli alberi è stato abbattuto. La Caritas locale ha iniziato a distribuire riso, lenticchie, sale e olio a circa 20mila famiglie e sta per avviare la distribuzione di coperte e capi di vestiario. Sarà parte del nostro sforzo provvedere anche a fornire rifugi temporanei a un certo numero di famiglie. La perdita di abitazioni, raccolti invernali e alberi in certe aree è impressionante, ha comunicato il direttore della Caritas Bangladesh Alo Benedict D Rozario, e la consegna dei viveri è resa difficile dalle condizioni delle strade. Non ho mai visto una cosa del genere. Il panico era oltre ogni descrizione La gente non ha potuto fare altro che urlare la sua paura e la sua disperazione finché il ciclone non ha perso intensità, ha testimoniato Khalilur Rhman, funzionario governativo di Patuakhali, una delle aree devastate dal ciclone. Lo sgomento di Rahman e della gente di Patuakhali esprime anche una domanda che è di molti: il succedersi tanto ravvicinato di eventi atmosferici di questa violenza è casuale o rischia di aprire una stagione di incertezza e di terrore nell intera Asia meridionale? Tra giugno e agosto, un ondata di piogge eccezionali pur nella intensa stagione monsonica tipica di queste regioni dell Asia, aveva inondato un terzo del Paese, costringendo 8 milioni di abitanti a cercare la salvezza in rifugi di fortuna o in aree sopraelevate. Altri 25 milioni erano stati evacuati in diversi stati dell India dove il numero delle vittime era stato ancora più alto. Come pochi mesi fa, anche l arrivo del ciclone Sidr ha mostrato drammaticamente l effetto dei cambiamenti climatici in corso in Asia meridionale che con le loro dimensioni e imprevedibilità rischiano di annullare le speranze di sviluppo di interi Paesi. STEFANO VECCHIA Bangkok 6

7 SCUOLA CATTOLICA Educare insieme Un nuovo documento della Santa Sede IN MAGGIORANZA GLI INSEGNAN- TI LAICI. Nel mondo, sono oltre 250mila le scuole cattoliche, frequentate da circa 42 milioni di allievi; dei insegnanti nelle scuole cattoliche la maggioranza è dei laici, pur con una percentuale assai diversificata nelle varie parti del mondo. Sono alcuni dati emersi durante la presentazione del nuovo documento vaticano. I laici si legge nel testo che vivono immersi nel mondo, possono favorire l apertura della comunità educativa a un rapporto costruttivo con le istituzioni culturali, civili e politiche, con le diverse aggregazioni sociali presenti sul territorio. Senza contare il ruolo che gli insegnanti laici possono svolgere per favorire la relazione tra la scuola cattolica e le famiglie, che implica la piena partecipazione dei genitori alla vita della comunità educativa, anche grazie ad uno specifico servizio organico di formazione permanente a loro destinato. Gli insegnanti, come ogni persona che vive e lavora in ambito scolastico, educano, o possono diseducare, con il loro comportamento verbale e non verbale : di qui l importanza dello stile di vita, che va improntato alla comunione, e la necessità di una solida formazione professionale. Il disinteresse per le verità fondamentali della vita umana, l individualismo, il relativismo morale e l utilitarismo, ma anche il divario tra Paesi ricchi e Paesi poveri e le crescenti migrazioni, frutto della globalizzazione, o i problemi di stabilità della famiglia. Sono alcuni fenomeni caratteristici della nostra società, di cui risente anche il mondo della scuola: a prenderli in esame è il nuovo documento vaticano su Educare insieme nella scuola cattolica. Missione condivisa di persone consacrate e fedeli laici, elaborato dalla Congregazione per l educazione cattolica e presentato il 20 novembre in sala stampa vaticana. In questo contesto, si legge nel testo, diventa particolarmente urgente offrire ai giovani un percorso di formazione scolastica che non si riduca alla fruizione individualistica e strumentale di un servizio solo in vista di un titolo da conseguire, ma dia l opportunità alle nuove generazioni di incontrare una vera comunità educativa, costruita sulla base di valori progettuali condivisi. Tra gli obiettivi del nuovo documento, richiamare l attenzione su tre aspetti fondamentali che riguardano la collaborazione tra fedeli e laici consacrati nella scuola cattolica: la comunione nella missione educativa, il necessario cammino di formazione e l apertura verso gli altri come frutto della comunione. L IDENTITÀ CATTOLICA. Se in Italia la scuola cattolica non riceve sussidi dallo Stato, in Romania le scuole cattoliche, più numerose di quelle ortodosse, godono dei finanziamenti statali. A fornire questi due esempi, rispondendo alle domande dei giornalisti, è stato il card. ZENON GROCHOLEWSKI, prefetto della Congregazione per l educazione cattolica, che interpellato sullo status giuridico del laico nella scuola cattolica ha risposto: In tutti i Paesi c è uno sforzo per assicurare tale status giuridico, anche sotto il profilo delle assicurazioni economiche, ma la realtà è molto diversa nelle varie nazioni. In alcuni territori di missione, come in Congo, ha proseguito il cardinale, il 60% delle scuole sono scuole cattoliche, molti ci lavorano, ma soprattutto come volontariato. Diversa la situazione in alcuni Paesi post-comunisti: in Polonia, sono mille i presidi delle scuole cattoliche, e lo Stato assicura i pagamenti. Per quanto riguarda l identikit degli insegnanti, secondo il cardinale, l insegnamento nelle scuole cattoliche deve essere accompagnato dalla testimonianza, e la preoccupazione è quella di assicurare una vera identità cattolica, anche nelle scuole dove i cattolici non sono la maggioranza, pur nel rispetto dell identità religiosa di tutti gli studenti. LE SCUOLE CATTOLICHE NEL MONDO. La scuola cattolica opera in tutte le aree geografiche, anche in quelle dove non c è la libertà religiosa, o che sono socialmente ed economicamente più svantaggiate, con una stupefacente capacità di rispondere alle emergenze e ai bisogni formativi, nonostante talvolta vi siano grandi difficoltà. Lo ha detto mons. ANGELO VINCENZO ZANI, sottosegretario della Congregazione per l educazione cattolica. In Libano, ad esempio, il programma della scuola cattolica ha come obiettivo principale di portare i giovani al dialogo e alla collaborazione tra musulmani e cristiani : dei 210mila alunni delle scuole cattoliche, appartenenti alle 18 confessioni religiose presenti nel Paese, il 63% è cattolico, il 12,6% cristiano di altre confessioni, e il 24,4% non cristiano, per la maggior parte musulmano. In alcune aree del Paese i non cattolici sono il 99% degli allievi delle scuole cattoliche. In Terra Santa, ha informato Zani, le scuole cattoliche sono frequentate dal 55% di cristiani e dal 45% di non cristiani, per lo più musulmani, ma anche da alcuni ebrei. In Bosnia, inoltre, in piena guerra dei Balcani, l arcidiocesi di Sarajevo ha fondato tre scuole dette Scuole per l Europa, destinate ad accogliere allievi serbi, croati e musulmani. A CURA DI M.MICHELA NICOLAIS 7

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria "Chi affronta il Volontariato cristiano internazionale deve essere munito di una specifica competenza professionale e tecnica, e deve soprattutto

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI Secondo Convegno Volontari in Africa di Chiara Giusto, Volontaria VIS Dal 13 al 17 gennaio a Nairobi è stato organizzato dai Dicasteri per la Pastorale Giovanile e per le Missioni della Congregazione salesiana

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Diocesi di Roma GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015

Diocesi di Roma GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015 Diocesi di Roma SERVIZIO PER LA PROMOZIONE DEL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA CATTOLICA «UN CAMMINO DI FRATELLANZA!» GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015 16/11/2015 Come

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE X ASSEMBLEA DELL UFME Lisbona / Fatima (Portogallo) - 17-22 ottobre 2011 Europa, una missione e una sfida PROGETTO OFM PER L EUROPA Instrumentum Laboris INTRODUZIONE Il testo del Progetto Europa che viene

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli