Monitoraggio e mappatura delle frane: 20 anni dopo. Nicola Casagli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio e mappatura delle frane: 20 anni dopo. Nicola Casagli"

Transcript

1 Monitoraggio e mappatura delle frane: 20 anni dopo Nicola Casagli

2 Ven9 anni fa Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi Sottosegretario di Stato con delega alla Protezione Civile Ombretta Fumagalli Carulli

3 Ven9 anni fa

4 14 giugno 1994 Le no9zie del giorno

5 Debito pubblico

6 Località Cà di SoDo (San BenedeDo Val di Sambro) 9 14 giugno 1994

7

8

9

10 Lo studio Maurizio Pellegrini Paolo Canuti

11 Evoluzione della frana PRIMA FASE CONDIZIONI FINALI

12 Cronologia degli even giugno: evento di pioggia 342 mm in 4 giorni 14 giugno: prime fradure sul coronamento a quota 760 m s.l.m. 17 giugno: accelerazione del primo movimento 18 giugno: la frana raggiunge Cà di sodo a quota 600 m giugno: stasi 24 giugno: arvazione del secondo movimento ed evoluzione in colata 25 giugno: occlusione dell alveo del torrente Sambro

13 CaraDeris9che della frana

14 Velocità s9mata Primo movimento (scivolamento di terra): 1 2 m/h Secondo movimento (colata di terra): 5 10 m/h con picchi di m/h nella parte terminale del collasso

15 Classe Descizione Velocità (mm/s) Velocità Risposta umana 1 Estremamente lenta < 5 < 16 mm/anno Nulla 2 Molto lenta < 5 < 1,6 m/mese Manutenzione 3 Lenta < 5 < 13 m/mese Manutenzione 4 Moderata < 5 < 1,8 m/h Evacuazione 5 Rapida < 5 < 3 m/min Evacuazione 6 Molto rapida < 5 < 5 m/s Nessuna 7 Estremamente rapida > 5 > 5 m/s Nessuna Scala di velocità di Hungr in Cruden & Varnes (1995)

16 Evento meteo 10 13/6/1994

17 Indagini PIEZOMETRI INCLINOMETRI STAZIONI GEOMECCANICHE

18 Rilevamento geomeccanico

19 Prove geotecniche CH CL % 50 PI (%) 30 CL MH ML 0 0,001 0,01 0, d (mm) LL (%) Granulometrie Limi9 di ADerberg

20 Prove di taglio 200 peak - undisturbed fully softened residual 150 φ'=26.5 c'=18kpa t (kpa) 100 φ'=22 50 φ'= s' (kpa)

21 Sezioni inves9gate top elevation tip elevation length slope area volume (m) (m) (m) ( ) (10 3 m 2 ) (10 6 m 3 ) 1st movement nd movement entire landslide SECTION NW-SE SECTION E-W retrogression 1st movement post-slide profile pre-slide profile failure surface 650 2nd movement 525 Sambro river

22 Frana superiore

23 Frana inferiore

24 Back analysis

25 Frana inferiore con carico non drenato

26 Back analysis φ'=26.5 c'=18kpa tensione di taglio (kpa) 100 φ'=22 φ'= φ'= tensione normale eicace (kpa)

27 Diga di sbarramento

28 Diga di sbarramento Length (m): 478 Area (m 2 ): Width (m): 110 Volume (m 3 ): Height (m): 25 Lake volume (m 3 ): SECTION ALONG SAMBRO RIVER excavation max water level: m secondary slide DAM mean water level: 460 m

29 Foto aerea

30 Sbarramen9 da frana (Costa & Schuster, 1988)

31 Sbarramen9 da frana in Appennino Modena Bologna Dam not formed Landslide dam Unstable dam Main cities Pisa Florence

32 Longevità degli sbarramen9 cumulated % of failed dams Ermini & Casagli (2001) Costa & Schuster (1988) 1 day 1 week 1 month 1 year 10 years E C days from dam formation

33 1E+09 1E+08 Stabilità not formed failed slow erosion human control filled existing I b =5 I b =4 1E+07 IV - stable dams I b =3 dam volume V (m3) 1E+06 1E+05 1E+04 1E+03 1E+02 III - uncertainties II - unstable dams I - dams not formed 0, drainage basin area A (km2) I b = log V A Casagli & Ermini (1998)

34 Stabilità 1.E+08 failed dam volume Vd (m 3 ) 1.E+07 1.E+06 1.E+05 1.E+04 slow erosion human control filled existing piping failure stability instability 1.E+03 1.E+03 1.E+04 1.E+05 1.E+06 1.E+07 1.E+08 lake volume V l (m 3 ) da Canuti et al. 1998

35 Interven9 sullo sbarramento By pass: lunghezza 400 m, 3 idrovore da 0,25 m 3 /s canale di tracimazione sul corpo di frana condoua forzata con sifone disconwnuo: 2 tubi di diametro 1000 mm, spessore 20 mm, sviluppo di 620 m, portata massima di 10 m 3 /s

36 Canale di by pass

37 CondoDa forzata con sifone discon9nuo Paolo Lamber9

38 ProgeDazione Paolo Lamber9

39

40 Il radar

41 SpeDro eledromagne9co RADAR

42 Interferometria radar Massonnet et al., Nature, 1993

43 Caro Barberi, 9 scrivo per informar9 della situazione rela9va all uso della interferometria radar per il controllo di movimen9 di fenomeni franosi Prof. Paolo Canu9 1 Agosto 1996

44 Radar e frane Interferometria radar da satellite Interferometria radar da terra Modellis9ca e radar meteo da terra 1 m/anno 100 m/giorno Velocità della frana

45 Classe Descizione Velocità (mm/s) Velocità Risposta umana Monitoraggio radar 1 Estremamente lenta < 5 < 16 mm/anno Nulla radar da satellite 2 Molto lenta < 5 < 1,6 m/mese Manutenzione radar da satellite / da terra 3 Lenta < 5 < 13 m/mese Manutenzione radar da terra 4 Moderata < 5 < 1,8 m/h Evacuazione radar da terra 5 Rapida < 5 < 3 m/min Evacuazione radar da terra / radar meteo 6 Molto rapida < 5 < 5 m/s Nessuna radar meteo 7 Estremamente rapida > 5 > 5 m/s Nessuna radar meteo Scala di velocità di Hungr in Cruden & Varnes (1995)

46 Legge del creep

47 da satellite

48 scala nazionale

49 San Leo, 27 Febbraio 2014

50 San Leo

51 COSMO SkyMed (COnstellation of small Satellites for Mediterranean basin Observation) 4 satelliti elio sincroni sensori SAR ad alta risoluzione sensori in banda X (λ=3.1 cm) alta frequenza di acquisizione

52 San Leo dataset ascendente CSK

53 San Leo dataset discendente CSK

54 San Leo close up 1 ascendente novembre 2013 novembre 2013

55 San Leo close up 1 ascendente aprile 2012 aprile 2012

56 San Leo close up 2 discendente

57 Radar a terra Tecnologia LiSAmobile TM (Linear Synthe9c Aperture Radar)

58 Installazione GBInSAR 7 marzo 2014

59 Installazione GBInSAR

60 Scenario osservato

61 Spostamenti cumulati marzo 2014 Immagini singole 2 4

62 Spostamenti cumulati marzo 2014 Immagini mediate

63 Spostamenti cumulati marzo 2014 Immagini mediate

64 Spostamenti cumulati 07 marzo 07 aprile 2014 Immagini mediate

65 Cloud monitoring

66 Applica9vo web

67 Mobile monitoring

68 Rilievo laser scanner

69 Nuvola di punti

70 Modello digitale del terreno

71 Direzione di immersione (dip direction)

72 Settori in aggetto

73 Inclinazione (dip)

74 Orientazione globale

75 Famiglie di discontinuità identificate

76 Proiezione stereografica

77 Analisi cinematica

78 Scivolamento planare

79 Scivolamento di cunei

80 Caduta libera

81 Ribaltamento (toppling)

82 Global Kinematic Index

83 Spostamenti cumulati su modello 3D 30 mm 0 30 mm

84 Definizione dei punti di controllo 30 mm 0 30 mm

85 Serie temporali

86 Radar doppler meteo

87 Rete radar nazionale

88

89 MACUMBA (massive cumulate risk analyzer)

90 MACUMBA (massive cumulate risk analyzer)

91 HIRESS (high resolu9on stability simulator)

92 Integrazione dei modelli Scala nazionale: Livello 1 Assente Ordinaria Moderata Elevata Area di allertamento: Livello 2 min probabilità innesco max

93 Validazione dei modelli MIG - News (Multi-risk Information Gateway)

94 Even9 franosi su mass media eventi 1970 eventi per anno

95

96 Microwave World

97 Satelli9 radar geosincroni Mon9 Guarnieri et al. (2011) FRINGE Wokshop ESA

98 Antenne TV come PS Mon9 Guarnieri et al. (2011) FRINGE Wokshop ESA

99 Antenne passive porta9li

100 Monitoraggio da aeromobile

101 Droni

102 Composizione della spesa pubblica italiana openspending.org Totale 800 miliardi di Euro Previdenza e integrazioni salariali 43.01% Sanità 15.80% Istruzione 6.03% Oneri non ripar9bili 5.86% Ricerca 0,005% Interven9 sociali (assistenza beneficenza) 4.19% Difesa 2.76% Amministrazione generale 10.88% Traspor9 2.19% Gius9zia 0,99% Difesa suolo 0,005% Industria e ar9gianato 0.95% Cultura e servizi ricrea9vi 0.88% Viabilità 0.63% Ambiente 0.52% Altre campo economico 0.4% Formazione 0.27% Sicurezza pubblica 1.74% Agricoltura 0.50% Rifiu9 0.59% Ricerca 0.47%

103 L'incoraggiamento dei media da:

104 La Società della conoscenza Strategia di Lisbona (2000) da:

105 da: Vent anni dopo

106 Vent anni dopo La scienza e la tecnologia hanno fado passi da gigante La burocrazia è aumentata in modo insopportabile TuDo il resto è cambiato poco o nulla

107 I wish the Country had fewer lawyers and more engineers Barack Obama, The Audacity of Hope: Thoughts on Reclaiming the American Dream

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

Attenzione. Allerta. Allarme. da adottare nel monitoraggio del movimento di versante per il

Attenzione. Allerta. Allarme. da adottare nel monitoraggio del movimento di versante per il Individuazione delle soglie di Attenzione Allerta Allarme da adottare nel monitoraggio del movimento di versante per il Piano di Protezione Civile di S. Maria Maddalena di Ripoli in comune di San Benedetto

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI IN TICINO. SUPSI Istituto Scienze della Terra Christian Ambrosi

IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI IN TICINO. SUPSI Istituto Scienze della Terra Christian Ambrosi IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI IN TICINO SUPSI Istituto Scienze della Terra Christian Ambrosi IST: Settori di attività Institute of Earth Sciences Continuing education Engineering geology Geomatic

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l.

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. GAVORRANO (GROSSETO) CAVA POGGIO GIROTONDO PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RECUPERO AMBIENTALE (Ai sensi del. G.R. 11/02/2002 n 138, punto 5) VARIANTE IN AMPLIAMENTO

Dettagli

Il servizio SLAM. I prodotti SLAM

Il servizio SLAM. I prodotti SLAM Il servizio SLAM Manuale dei prodotti SLAM I prodotti SLAM Mappatura degli eventi franosi Monitoraggio dei movimenti franosi Mappatura della suscettibilità di frana Guida al tool di integrazione GIS Pagina

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO Domenico Morini Dirigente Servizio Geologico Regione Toscana Stefano Romanelli La.m.m.a. Regione

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio Francesco Antolini Emanuele Tavelli Geosciences and Information Technologies GIT 2015 - San Leo (RN), 17 Giugno 2015 Winet Srl Vu Pham

Dettagli

Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11

Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11 Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11 Oggetto: la capacità di osservazione della costellazione COSMO-SkyMed. Ringrazio

Dettagli

Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM

Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM Alessio Colombo, Carlo Troisi La presente nota riassume brevemente i principi del metodo PSInSAR tm, i limiti dello stesso e la

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

11 PROGRAMMA DI CONSOLIDAMENTO DELL ABITATO DI CUTIGLIANO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA/SPECIALISTICA

11 PROGRAMMA DI CONSOLIDAMENTO DELL ABITATO DI CUTIGLIANO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA/SPECIALISTICA COMUNE DI CUTIGLIANO PROVINCIA DI PISTOIA 11 PROGRAMMA DI CONSOLIDAMENTO DELL ABITATO DI CUTIGLIANO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA/SPECIALISTICA Stazione appaltante: Comune di Cutigliano Responsabile

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

Il monitoraggio delle colate detritiche

Il monitoraggio delle colate detritiche Workshop PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Il monitoraggio delle colate detritiche Lorenzo Marchi (CNR IRPI

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Stabilità dei pendii naturali in formazioni argillose: aspetti geologici

Stabilità dei pendii naturali in formazioni argillose: aspetti geologici Seminario di Aggiornamento Professionale STABILITÀ DEI PENDII NATURALI Tito Scalo 13 giugno 2008 Stabilità dei pendii naturali in formazioni argillose: aspetti geologici Domenico Calcaterra Dipartimento

Dettagli

Organizzazione di un servizio meteorologico regionale

Organizzazione di un servizio meteorologico regionale PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dip. Protezione Civile e Tutela del Territorio Ufficio Previsioni e Organizzazione Organizzazione di un servizio meteorologico regionale Andrea Piazza PROVINCIA AUTONOMA DI

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

caso di studio temporale nella zona di Storo dalle 16:30 alle 18:00 del 18/06/2013

caso di studio temporale nella zona di Storo dalle 16:30 alle 18:00 del 18/06/2013 Rapporto interno del 3 luglio 2013 a cura di Andrea Piazza caso di studio temporale nella zona di Storo dalle 16:30 alle 18:00 del 18/06/2013 Nel pomeriggio del 18 giugno un forte temporale di calore si

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Space surveillance systems for close approach management

Space surveillance systems for close approach management Space surveillance systems for close approach management Università di Bologna Alma Mater Studiorum, Università di Roma La Sapienza CIGC SICRAL Ministero della Difesa Ricercatori Coinvolti Alessandro Ceruti,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future Prof. Ing.

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

La Rete Regionale di Controllo dei Fenomeni Franosi

La Rete Regionale di Controllo dei Fenomeni Franosi La Rete Regionale di Controllo dei Fenomeni Franosi Giacomo Re Fiorentin Arpa Piemonte Centro Regionale per le Ricerche Territoriali e Geologiche Il regolamento di organizzazione di Arpa Piemonte, Ente

Dettagli

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo La previsione meteo 1 I dati della rete di monitoraggio 2 Le immagini satellitari 3 Le immagini radar 4 I radiosondaggi 5 Le carte di analisi al suolo Nuovi metodi di osservazione e calcolo (1960-1980

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

Utilizzo di dati telerilevati nella mappatura e nel monitoraggio dei fenomeni franosi e nell analisi della suscettibilità da frana

Utilizzo di dati telerilevati nella mappatura e nel monitoraggio dei fenomeni franosi e nell analisi della suscettibilità da frana Giornale di Geologia Applicata 3 (2006) 173-180, doi: 10.1474/GGA.2006-03.0-23.0116 Utilizzo di dati telerilevati nella mappatura e nel monitoraggio dei fenomeni franosi e nell analisi della suscettibilità

Dettagli

LOTTO 05 - Attività di monitoraggio di siti in frana e di aree soggette a fenomeni di subsidenza Rel. Fin. ALLEGATI

LOTTO 05 - Attività di monitoraggio di siti in frana e di aree soggette a fenomeni di subsidenza Rel. Fin. ALLEGATI Autorità di Bacino Regionale Regione Calabria POR Calabria 2000-2006 Asse 1 Risorse naturali Misura 1.4 Sistemi insediativi Azione 1.4.c Azioni di studio, programmazione, sperimentazione, monitoraggio,

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione

Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione Haiti: l IREA-CNR ottiene una particolare misura degli spostamenti co-sismici utilizzando immagini COSMO ad alta risoluzione A seguito del violento terremoto che ha colpito l isola di Haiti il 12 Gennaio

Dettagli

Convegno ENAC ENAV GESAP sul Wind Shear

Convegno ENAC ENAV GESAP sul Wind Shear Convegno ENAC ENAV GESAP sul Wind Shear Palermo, 19 settembre 2005 Andrea Caroni, Gaspare Galati, Gabriele Pavan Università di Roma Tor Vergata Sistema Integrato di Palermo: Algoritmi di Trattamento ed

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

Status of COSMO-ME-EPS system

Status of COSMO-ME-EPS system Status of COSMO-ME-EPS system Francesca Marcucci, Lucio Torrisi, Stefano Sebastianelli* CNMCA, National Meteorological Center,Italy * ISMAR-CNR, Venice, Italy Outline The COSMO-ME EPS system Evaluation

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità.

Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. Marco Volpin Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Torino, 9-10 Ottobre 2013 Consorzio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA D.I.C. - Sezione Georisorse e Ambiente Università di Trieste LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA Eugenio Castelli, Ph.D. Docente di Ingegneria e sicurezza degli scavi presso l Università

Dettagli

Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of land hydrological parameters

Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of land hydrological parameters Progetto ASI 1720 - HYDRO-COSMO The retrieval and monitoring of Land Hydrological parameters for Risk and Water Resources Management Comparison of COSMO-SkyMed and TerraSAR-X data for the retrieval of

Dettagli

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra Progetto WHERE World HEritage monitoring by Remote sensing Realizzazione di un sistema per il monitoraggio Sistema

Dettagli

L'USO DELLE TECNICHE SATELLITARI PER IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI

L'USO DELLE TECNICHE SATELLITARI PER IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI L'USO DELLE TECNICHE SATELLITARI PER IL MONITORAGGIO DEI FENOMENI FRANOSI Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale Università degli studi di Napoli Federico II diego.dimartire@unina.it;

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara

Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE BONIFICHE ALGHERO

Dettagli

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Valerio Capecchi - Giornata di Formazione in Protezione Civile Centro Intercomunale

Dettagli

NOTA SINTETICA PER LA COMPRENSIONE DEL DATO SATELLITARE PSInSAR E SqueeSAR

NOTA SINTETICA PER LA COMPRENSIONE DEL DATO SATELLITARE PSInSAR E SqueeSAR NOTA SINTETICA PER LA COMPRENSIONE DEL DATO SATELLITARE PSInSAR E SqueeSAR La presente nota riassume sinteticamente i principi del metodo PSInSAR e del recente SqueeSAR, limiti e vantaggi dei due prodotti

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008.

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008. GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM Via C. Colombo 89 Bianco (RC) geostru@geostru.com PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC Bogogno - NOVARA, 27 novembre 2012 Applicazioni

Dettagli

Applicazione di metodi di ottimizzazione all'identificazione elettromagnetica Settore scientifico- disciplinare: MASTRI INF02

Applicazione di metodi di ottimizzazione all'identificazione elettromagnetica Settore scientifico- disciplinare: MASTRI INF02 Relazione Tecnica per Borsa di ricerca della durata di 6 mesi finanziata nell ambito del Progetto "Materiali e Strutture Intelligenti" MASTRI - Linea 2 Asse IV a valere sui Fondi del Piano Operativo Campania

Dettagli

Monitoraggio continuo delle frane con tecnologia radar da satellite

Monitoraggio continuo delle frane con tecnologia radar da satellite Monitoraggio continuo delle frane con tecnologia radar da satellite Tool e applicazioni Cristoforo Abbattista Planetek Italia srl pkm026-441-1.0 GIT 2011 - Molfetta, 15 Giugno 2011 Il Gruppo Planetek Italia

Dettagli

LE CRITICITÀ E IL MONITORAGGIO

LE CRITICITÀ E IL MONITORAGGIO GOVERNARE IL TERRITORIO NEL TERZO MILLENNIO Bologna venerdì 13 marzo 2015 LE CRITICITÀ E IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO Bernardo DE BERNARDINIS Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Ravenna, 15 marzo 2011 www.eni.it Subsidenza è un lento e progressivo abbassamento verticale del fondo di un bacino marino o di un'area continentale.

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Metodo di base: triangolazione nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempi di arrivo dei segnali Come è

Dettagli

REGIONE PIEMONTE SCHEDA RILEVAMENTO FRANE DATA: 19/03/03 DENOMINAZIONE FENOMENO: 1FQ8 AMBITO DI LAVORO: P.R.G.C.

REGIONE PIEMONTE SCHEDA RILEVAMENTO FRANE DATA: 19/03/03 DENOMINAZIONE FENOMENO: 1FQ8 AMBITO DI LAVORO: P.R.G.C. REGIONE PIEMONTE SCHEDA RILEVAMENTO FRANE DATA: 19/03/03 DENOMINAZIONE FENOMENO: 1FQ8 AMBITO DI LAVORO: P.R.G.C. Generalità Cartografia Ambiente Foto / Allegati / Note ANAGRAFICA DESCRIZIONE GEOLOGIA Compilatore

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

ETR1000/V300ZEFIRO Il treno del futuro

ETR1000/V300ZEFIRO Il treno del futuro ETR1000/V300ZEFIRO Il treno del futuro Date: 01/07/15 Preparato da: Diego Canetta Technical Project Manager Bombardier Transportation 2015/01/26 Dall idea 2 lla realtà! Bombardier Inc. or its subsidiaries.

Dettagli

Premio Best Practice Patrimoni Pubblici 2010

Premio Best Practice Patrimoni Pubblici 2010 Progetto sperimentale per un servizio di monitoraggio integrato e e continuo della consistenza qualitativa della rete viaria della Benevento" Contesto patrimoniale quo ante Premio Best Practice Patrimoni

Dettagli

APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA

APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN PENDIO IN FRANA A.Di.S. Associazione Nazionale Difesa del Suolo "Difesa del suolo. Confronto di esperienze" Manoppello (PE), 2 dicembre 2006 APPLICAZIONE DI MISCELE COMPATTATE TERRENO CALCE NELLA STABILIZZAZIONE DI UN

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring)

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) 2 Bando Tematico riservato alle P.M.I. Osservazione della Terra SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) INNOVA Consorzio per l Informatica e la Telematica srl Dott. Antonio Valentino 13 luglio

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

FRANE A CINEMATICA ESTREMAMENTE LENTA IN UNA VALLE GLACIALE DELLE ALPI CENTRO-ORIENTALI

FRANE A CINEMATICA ESTREMAMENTE LENTA IN UNA VALLE GLACIALE DELLE ALPI CENTRO-ORIENTALI FRANE A CINEMATICA ESTREMAMENTE LENTA IN UNA VALLE GLACIALE DELLE ALPI CENTRO-ORIENTALI Lucia Simeoni Università degli Studi dell Aquila lucia.simeoni@univaq.it Luigi Mongiovì Università degli Studi di

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

ALLEGATO 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA FRANE IFFI

ALLEGATO 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA FRANE IFFI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO ALLEGATO 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA FRANE IFFI Pagina 1 ALLEGATO 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome Nome) PIZZIOLO MARCO Indirizzo) VIA DEL BOSCO 74 40065 PIANORO (BO) Telefono) 051 284210 Mobile 3470984152 Fax E-mail mpizziolo@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

Strumentazione e metodologie per il monitoraggio negli open loops systems

Strumentazione e metodologie per il monitoraggio negli open loops systems Strumentazione e metodologie per il monitoraggio negli open loops systems Corr Tek Idrometria srl Presentazione Stazioni meteo misura professionale di pioggia, neve, grandine, standard WMO Correntometri

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

Un mondo di Soluzioni

Un mondo di Soluzioni Un mondo di Soluzioni Monitoraggio Energie Rinnovabili. 10 kw 22 kwh 6,2 kg/co 2 6,6 LA PRECISIONE ASSOLUTA UN FOTOVOLTAICO SENZA INCENTIVI L AUTOCONSUMO 11:27 Attività impianto Rete elettrica Produzione

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi

Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi Le frane sono fenomeni complessi, molto differenti tra loro che vanno adeguatamente studiati, caso per caso

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

bacino di Mestre - Via Torino

bacino di Mestre - Via Torino Provincia di Venezia Stato di attuazione dei Piani delle Acque in Provincia di Venezia Mestre, 30 novembre 2012 Progetto realizzato da AATO LV per il Rilievo e modellizzazione idraulica del bacino di Mestre

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA SCHEDA FRANE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA SCHEDA FRANE STRUTTURA SEMPLICE 22.01 - CENTRO REGIONALE PER LE RICERCHE TERRITORIALI E GEOLOGICHE, STUDI E RICERCHE GEOLOGICHE VIA PIO VII, 9-10135 TORINO SIFRAP SISTEMA INFORMATIVO FRANE IN PIEMONTE GUIDA ALLA LETTURA

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Primo Corso Regionale in Lombardia su Servizi GPS di Posizionamento per il Territorio e il Catasto Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Giovedì 16 Febbraio 2006 prof.. Giorgio Vassena Schema

Dettagli

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO B. GRILLO 1, C. BRAITENBERG 1, R. DEVOTI 2, D. ZULIANI 3, P. FABRIS 3, I. NAGY 1 1 Dipartimento di Geoscienze - Università degli Studi

Dettagli

Negli ultimi anni lo sviluppo dei SAPR

Negli ultimi anni lo sviluppo dei SAPR MONITORAGGIO IN EMERGENZA DI UNA FRANA MEDIANTE SAPR (SISTEMA AEREO A PILOTAGGIO REMOTO) Landslide Monitoring in Emergency by UAV (Unmanned Aerial Vehicle) C. Costantini, C. Mozzetti, A. De Vitis: AiviewGroup

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

Settore Idrologia (monitoraggio acque)

Settore Idrologia (monitoraggio acque) Settore Idrologia (monitoraggio acque) Applicazione Potenziale cliente Prodotto Foto applicazione Monitoraggio livello idrometrico acque sotterranee, falde freatiche, pozzi, piezometri all interno di tombini,

Dettagli

2.1 Generalità. 2.2 Uso del suolo. 2.3 Caratteri ambientali

2.1 Generalità. 2.2 Uso del suolo. 2.3 Caratteri ambientali INDICE 1.PREMESSE...3 2.CRITERI DI ANALISI E DI PROGETTAZIONE...4 2.1 Generalità...4 2.2Uso del suolo... 4 2.3Caratteri ambientali... 4 2.4Caratteri geomorfologici del versante e descrizione del dissesto...5

Dettagli

Sistemi di monitoraggio

Sistemi di monitoraggio REPORT FINALE Sistemi di monitoraggio AZIONE 2.4.b Sistemi di monitoraggio G. Ventura 1, E. Suozzi 2 (2), A. Antonietti (2), B. Chiaia 1, B. Frigo 1 1. Premessa Il progetto di grandi sbarramenti include

Dettagli

Linee guida per la progettazione della viabilità forestale in Lombardia: stabilità delle scarpate e opere di stabilizzazione

Linee guida per la progettazione della viabilità forestale in Lombardia: stabilità delle scarpate e opere di stabilizzazione LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE DELLA VIABILITÀ AGRO-SILVO- PASTORALE IN LOMBARDIA stabilità delle scarpate e opere di stabilizzazione Linee guida per la progettazione della viabilità forestale in Lombardia:

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

E Vlbi Reti di radiotelescopi e Rete a larga banda

E Vlbi Reti di radiotelescopi e Rete a larga banda E Vlbi Reti di radiotelescopi e Rete a larga banda (M.Nanni CNR Ist. Radioastronomia) La Radioastronomia Vlbi Networks Come funziona il Vlbi e Vlbi Nel mondo e EVN: la rete europea La situazione in Italia

Dettagli