ONDE GRAVITAZIONALI. Inchiesta sul SOLE. una nuova NEBULOSA NEL CIGNO. Amatore scopre. Quanto è davvero AFFIDABILE, la nostra stella?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ONDE GRAVITAZIONALI. Inchiesta sul SOLE. una nuova NEBULOSA NEL CIGNO. Amatore scopre. Quanto è davvero AFFIDABILE, la nostra stella?"

Transcript

1 INIZIA L ANNO DELL ASTRONOMIA! La COMETA LULIN osservabile anche con un binocolo Amatore scopre una nuova NEBULOSA NEL CIGNO 2 Inchiesta sul SOLE Quanto è davvero AFFIDABILE, la nostra stella? a ONDE GRAVITAZIONALI A che punto siamo con la ricerca? Mensile - Anno 13 - Spediz. in A.P. - 45% art. 2 comma 20/B - Legge 662/96 DCI/VE ISSN Test: Telescopio Dobson MATH 12" Test: Collimatore laser Hotech SCA 2" Un eclisse rivela il giorno in cui ULISSE TORNÒ A ITACA 250 anni fa tornò una cometa, che da allora fu chiamata HALLEY Euro 6,00 GEN

2 28 GENNAIO 2009 C è qualcosa che non va sul Sole? 2 a PARTE UN INCHIESTA SULL AFFIDABILITÀ DELLA NOSTRA STELLA COME STABILE FONTE DI ENERGIA Prosegue e si conclude in questo numero la nostra inchiesta sul Sole, a cui hanno contribuito moltissimi astronomi sia italiani che stranieri. Dopo le prime quattro domande pubblicate la scorsa puntata, la quinta che abbiamo posto riguarda la possibilità o meno che la nostra stella (ritenuta una tranquilla nana gialla di mezza età)possa invece manifestare diciamo, ogni qualche milione di anni degli improvvisi guizzi di prolungata instabilità, sotto forma di flare esplosivi o di brusche variazioni della quantità di energia emessa. La cosa, come è possibile immaginare, potrebbe in ambedue i casi non essere piacevole per il nostro pianeta L ultima nostra curiosità, più che soddisfatta dagli intervistati, è stata invece quella di conoscere il loro parere sullo status della ricerca solare in un epoca di grandi miglioramenti tecnologici. Come già detto per la scorsa puntata, le risposte potranno apparire in qualche caso ripetitive, ma abbiamo preferito presentarle nella loro interezza per dare modo al lettore di realizzare una personale fotografia delle informazioni operando una sorta di compositazione. Come si sa, addizionando più immagini dello stesso soggetto il rumore di fondo si attenua, e risalta meglio il dettaglio comune a tutte le riprese Capita spesso che in occasione di conferenze o anche di semplici chiacchierate tra amici emerga la classica domanda ma quanto siamo sicuri che da un giorno all altro il Sole non ci riservi qualche brutto scherzo? Solitamente si invoca il fatto che attualmente il sole sta attraversando la fase più tranquilla della sua via, ma il dubbio è duro a svanire. Quali elementi concreti abbiamo che ci portano a escludere che tranquille stelle di sequenza principale come il Sole non possano manifestare diciamo ogni qualche milione di anni una qualunque anomalia (per esempio un aumento repentino dell attività) che, benché breve, possa rivelarsi letale per la vita biologica? Cosa ci dicono, per esempio, le attuali conoscenze dell evoluzione stellare a proposito della variazione della costante solare, oppure dell intensità del vento solare? Quali sono i limiti suggeriti dalle attuali teorie evolutive e, soprattutto, quanto tali limiti ci mettono effettivamente al sicuro da drammatiche conseguenze qui sulla Terra? Hathaway Come è già stato fatto notare, il ciclo delle macchie solari lascia la sua impronta negli anelli di crescita degli alberi e nei ghiacci polari e questo estende la nostra conoscenza dell attività solare fino a circa diecimila anni fa. Ebbene, le variazioni registrate ne-

3 COELUM gli anelli di crescita e nei ghiacci polari indicano che nel corso di questo periodo il Sole non è mai stato significativamente più attivo di quanto non lo sia ai nostri giorni. David Hathaway, fisico solare, Marshall Space Flight Center - NASA Pasachoff Sono molte le cose dell interno del Sole che noi conosciamo grazie all eliosismologia. Seguendo le oscillazioni della superficie solare siamo in grado di comprendere molto bene le temperature, le densità e i moti che avvengono al suo interno. E questo fa sì che io non mi preoccupi affatto della possibilità che il Sole possa nuocerci. Zuccarello Sappiamo che il Sole si trova nella fase di sequenza principale da circa 5 miliardi di anni e che, per una stella con la massa del Sole, il tempo di permanenza sulla sequenza principale è di circa 10 miliardi di anni. A partire da- gli anni 70 del secolo scorso è stato possibile scandagliare l interno del Sole grazie allo studio delle oscillazioni solari, che hanno permesso di verificare il modello di struttura interna che descrive come variano alcuni parametri fisici (temperatura, pressione, densità, ecc.) in funzione del raggio. Di conseguenza, la nostra conoscenza dell interno solare e dei fenomeni che avvengono anche in strati che non possiamo vedere direttamente è estremamente accurata. Inoltre, la misura del flusso di neutrini emessi dal Sole ha confermato che le reazioni nucleari presenti nel Sole avvengono secondo le modalità descritte nel modello di struttura interna e nei modelli di evoluzione stellare, per cui non ci aspettiamo brutti In basso. L illustrazione è veramente pessimistica nel ritrarre una Terra devastata dall aumento di calore apportato da gigantesche tempeste esplose improvvisamente nel Sole, e forse anche sterilizzata dalle radiazioni arrivate con il vento solare ma comunque rende bene l essenza del dubbio che abbiamo sottoposto agli esperti: Siamo davvero sicuri che il Sole non abbia mai attraversato, o potrà attraversare in futuro, degli sporadici episodi di parossismo?.

4 30 GENNAIO 2009 Francesca Zuccarello, Professore Associato all Università degli Studi di Catania. scherzi. Gli aumenti repentini di attività vengono osservati in stelle che hanno ormai abbandonato la sequenza principale, poiché esse hanno utilizzato tutto l idrogeno disponibile per la fusione in elio: queste stelle si trovano adesso in una fase detta di variabilità stellare. Altre stelle che potrebbero presentare fenomeni di alta variabilità appartengono a sistemi binari. Sulla base di queste osservazioni e grazie alle numerose verifiche dei modelli di struttura e di evoluzione stellare, è quindi possibile affermare che eventuali cambiamenti climatici o fenomeni che potrebbero avere conseguenze drammatiche per la vita sulla Terra non dovrebbero essere originati dal Sole (il condizionale è però d obbligo, in quanto ogni teoria in fisica è valida fino al momento in cui non si individua un processo o un esperimento che possa contraddirla). Bemporad L unico modo oggi a disposizione per conoscere la variabilità solare nei suoi 4,6 miliardi di anni di anni di vita è accettare l ipotesi che il Sole sia una stella di sequenza principale e quindi assumere validi i risultati forniti fin dagli anni 30 dal cosiddetto modello solare standard. Da questo modello sappiamo che il Sole era originariamente il 30% meno luminoso di adesso, osservazione confermata dagli studi condotti su stelle giovani di tipo solare. Il modello standard sviluppato a tutt oggi non fornisce tuttavia informazioni su eventuali variazioni nel corso dei miliardi di anni del meccanismo di dinamo solare e quindi sul ciclo solare. Un modo per studiare indirettamente l evoluzione dell attività solare almeno negli ultimi millenni consiste nello studio delle variazioni percentuali del radioisotopo 14 C presenti ad esempio nei tronchi degli alberi o nei ghiacci depositatisi sulle calotte polari. Studi di questo tipo hanno dimostrato che almeno negli ultimi anni (pari solo allo 0,0002% della vita del Sole) il Sole non ha proseguito in modo del tutto regolare il suo ciclo, ma sono stati osservati numerosi grandi minimi inattesi di attività. Inoltre, è stata osservata una diminuzione media della concentrazione di 14 C in un periodo (detto anche periodo caldo medioevale ) compreso tra il 1100 ed il È stato comunque recentemente dimostrato che, nonostante l esistenza di questi grandi minimi, il Sole ha proseguito le sue variazioni cicliche anche in assenza totale di macchie solari. Un modo alternativo per dedurre informazioni sulla possibile attività solare nel corso di tutta la vita di questa stella può essere quello di studiare l evoluzione osservata nelle stelle di sequenza principale di tipo Sole. È noto anzitutto, da studi dell attività magnetica condotti su stelle di tipo solare, che il Sole non è l unica stella ad avere un ciclo di attività. Sono stati così trovati periodi di attività stellare che vanno dai 6 ai 14 anni, alcuni regolari, altri irregolari o aperiodici, con variazioni della brillanza totale e dell attività magnetica che vanno dallo 0,1% fino anche al 4%, rispetto alle variazioni del Sole che sono, come detto, circa dello 0,1%. Sembra quindi che le variazioni nella brillanza Alessandro Bemporad, Ricercatore all Osservatorio Astronomico di Torino. totale e nell attività magnetica del Sole siano relativamente piccole rispetto a quanto osservato nelle altre stelle simili alla nostra, il che ci porta a concludere che il Sole è una stella di sequenza principale mediamente più tranquilla di quanto osservato nel resto dell universo. Ramelli Come per altri tipi di eventi catastrofici causati dalla natura, non possiamo escludere in modo assoluto eventi estremi originati dal Sole con gravi conseguenze sugli esseri viventi. Tuttavia i dati statistici a nostra disposizione ci In alto. Il flare registrato dalla sonda STEREO (Solar TErrestrial RElations Observatories), il 5 dicembre 2006: uno dei più intensi degli ultimi 30 anni. In astronomia, un flare (o brillamento) è una violenta eruzione di materia (plasma alla temperatura di diversi milioni di grado con protoni ed elettroni liberi) che esplode dalla fotosfera di una stella con un energia equivalente a varie decine di milioni di bombe atomiche. Sono spesso associati alle macchie solari e sono probabilmente causati dal rilascio di energia in occasione del fenomeno di riconnessione [vedi la prima puntata in Coelum n. 123] delle linee di campo magnetico. I flare sono classificati come A, B, C, M e X a seconda della loro intensità di picco nel dominio X misurata in watt/m 2 dal satellite GOES nelle vicinanze della Terra. Ogni classe è dieci volte più potente di quella precedente, con la X (la classe più energetica) che raggiunge gli 0,0001 W/m 2 (si consideri che la costante solare, ovvero la quantità di radiazione complessiva che la Terra riceve dal Sole per unità di superficie è di 1353 W/m 2 ), ed è poi ulteriormente divisa in 9 sottoclassi. A volte i flare superano il valore massimo (X9), come ad esempio quello del 4 novembre 2003, che dopo aver saturato i rilevatori di GOES (fondo scala a X28) fu stimato a X45 ed è da considerarsi il più potente mai registrato finora arrivando a 0,0045 W/m 2. I flare emettono fasci di vento solare molto energetico in tutte le regioni dello spettro (X, Gamma, UV) e possono quindi essere pericolosi per l attività umana nello spazio (o nel futuro per gli astronauti impegnati sulla superficie di pianeti come Marte non protetti da uno scudo magnetico). A fronte di queste informazioni, la domanda d obbligo è (visto che teniamo sotto controllo tali fenomeni soltanto da pochi decenni) se il Sole sia in grado o no di produrre dei flare talmente potenti da superare le barriere della magnetosfera terrestre e di mettere così in pericolo l ecosistema del nostro pianeta.

5 COELUM A destra. Una serie di grafici rappresenta la variazione della temperatura terrestre in intervalli di tempo sempre più ristretti, tutti conteggiati a partire dal presente (sulla destra, contrassegnato dallo zero). Come si può notare, a larga scala la variazione si è mantenuta intorno ai 5 C, e nel periodo più prossimo a noi (quello dei 150 anni) entro un intervallo di 1 C. Al momento è però difficile dire se le fluttuazioni possano in qualche modo indicare nel Sole la fonte della variabilità energetica, o se non siano piuttosto dovute alle più cicliche variazioni degli elementi orbitali terrestri e della inclinazione dell asse polare. L unico dato abbastanza certo che abbiamo, derivato dal modello standard della fisica solare, è che il Sole degli inizi era di circa il 30% meno luminoso di quello attuale, e che ad esempio ancora 300 milioni di anni fa la costante solare era del 2,5% più piccola di quella odierna. Si tratta però di variazioni molto graduali, che non possono quindi configurarsi nel repentino catastrofico mutamento a cui fa riferimento la domanda che abbiamo posto agli intervistati. Per inciso, dal terzo grafico dall alto appare evidente come la Terra stia attualmente attraversando una fase calda iniziata ben anni fa! rivelano che la probabilità che ciò avvenga è estremamente piccola e ciò dovrebbe tranquillizzarci. Eventi catastrofici di altra natura come forti terremoti, tsunami, esplosioni vulcaniche o uragani sono molto più probabili. Anche un disastro di natura meteoritica sarebbe verosimilmente più probabile di una catastrofe originata dal Sole. Per quanto riguarda la scala temporale che ci interessa come esseri viventi, l analisi statistica dei dati osservativi (del Sole e di stelle simili al Sole) forniscono Renzo Ramelli, ricercatore all Istituto Ricerche Solari di Locarno, Svizzera. molte più informazioni che non la teoria. Si osserva che la costante solare (che indica la potenza dell irraggiamento del Sole) presenta variazioni minime (dell ordine del permille). E per fortuna è così, altrimenti avremmo dei grandi scombussolamenti climatici. Il vento solare è invece molto variabile, ma ciò non provoca in genere grandi problemi. Per fare previsioni su una scala temporale molto più grande (dell ordine dei milioni di anni) allora le teorie dell evoluzione stellare ci sono molto di aiuto. In questo ambito si prevede un graduale aumento dell irraggiamento proveniente dal Sole e quindi una tendenza ad un riscaldamento sulla Terra. Poi vi sarà un aumento molto più rapido della potenza irraggiata dal Sole, quando questo comincerà a trasformarsi in una gigante rossa. Ma prima di allora la Terra sarà verosimilmente già divenuta inospitale per la vita [vedi in Coelum n. 82 l articolo Il Destino del nostro Sistema Solare ]. Per quanto riguarda i limiti suggeriti dalle teorie, è opportuno sottolineare che teoria e statistica osservativa difficilmente riescono a fissare dei limiti assoluti. Se si tenta di fissare un limite vi saranno quasi sempre dei rischi residui seppur minimi di oltrepassarlo (è per questo che quando in statistica si fissa un limite lo si associa sempre ad un livello di confidenza che indica la probabilità di non oltrepassarlo). Detto questo, non esistono dunque limiti che ci mettono al sicuro. Piuttosto ciò che ci può rassicurare è che la probabilità di oltrepassare certi limiti pericolosi è molto bassa. Messerotti Il modello standard del Sole e della sua evoluzione non ha subito cambiamenti significativi alla luce delle osservazioni della nostra stella e di stelle di tipo solare in diverse fasi della loro evoluzione. Ciò conforta nel sostenere che la situazione attuale non dovrebbe mutare almeno per i prossimi 4 miliardi di anni. Anche quando il Sole è stato particolarmente attivo, ovvero in epoca medievale, l epoca del Grande Massimo, la Terra ha subito un riscaldamento globale ed un ritiro dei ghiacci, ma nessun fenomeno che abbia in qualche modo costituito un pericolo per le specie viventi. Eventuali pericoli per la vita sulla Terra potrebbero invece provenire da sorgenti esterne, come l esplosione di una magnetar vicina, che causerebbe un lampo di radiazione gamma così intenso da essere in grado di distruggere lo strato di ozono del nostro pianeta, facendolo rimanere senza protezione dai raggi ultravioletti più energetici per almeno due anni. Si ipotizza che un fenomeno di questo tipo abbia provocato una estinzione di massa nell Ordoviciano. Mauro Messerotti è astronomo presso l INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste e docente presso il Dip. di Fisica dell Università di Trieste. Si occupa di Radiofisica del Sole e di Meteorologia dello Spazio, anche nel contesto dell Astrobiologia. Responsabile del Sistema Radio Solare di Trieste (TSRS), è rappresentante nazionale italiano e Vice-Presidente dell Azione europea COST ES0803 Developing tools and services for Space Weather in Europe nonchè membro dello Space Weather Working Team dell Agenzia Spaziale Europea (ESA). Si occupa da molti anni di comunicazione della scienza.

6 32 GENNAIO 2009 Berrilli La vita, anche se in forme più semplici rispetto a quelle che conosciamo oggi, apparve sulla Terra circa 4 miliardi di anni fa. Questa continuità ci dice che la nostra stella si comporta "mediamente" in modo normale e che la vita futura non corre particolari rischi. La teoria dell'evoluzione stellare ci dice che il periodo durante il quale il Sole brucia idrogeno, detto fase di sequenza principale, coincide con un lungo periodo di stabilità. Questa permanenza nella sequenza principale, iniziata per il Sole circa 4,6 miliardi di anni fa, durerà per un tempo altrettanto lungo, fino a quando il Sole disporrà di idrogeno per mantenere l'attuale luminosità. Tuttavia questi processi di fusione fanno cambiare lentamente la composizione chimica del nucleo e con essa la struttura globale della stella. Per questo motivo oggi il Sole è circa il 30% più brillante di quanto non fosse all'inizio della sua storia evolutiva. Ovviamente questa sua variazione secolare di luminosità, da non confondersi con le piccole variazioni di irradianza totale associate al ciclo di attività, hanno avuto un ruolo importante nella storia Francesco Berrilli, docente di Fisica Computazionale e Fisica Solare Università di Roma Tor Vergata. Vincenzo Andretta, ricercatore astronomo all Osservatorio Astronomico di Capodimonte. climatica dei pianeti, in particolare di Venere, Terra e Marte, i pianeti che si trovano nella cosiddetta fascia di vivibilità. Un Sole molto meno intenso deve aver prodotto in passato cambiamenti importanti nel clima dei diversi pianeti. Per quanto riguarda la Terra, geologi e biologi ritengono che la temperatura media non sia variata molto durante gli ultimi 4 miliardi di anni. Lo studio delle rocce e delle prime forme di vita ci dice infatti che circa 4 miliardi di anni fa la temperatura del pianeta doveva essere simile a quella odierna, e In alto, Una rappresentazione artistica dell interazione tra la Terra e il vento solare carico di particelle emesso da un flare esploso nel Sole mostra le caratteristiche essenziali della magnetosfera terrestre, che si estende per circa km sul lato rivolto verso il Sole (quasi 10 volte il raggio terrestre) e per oltre un milione di chilometri sul lato opposto. Al suo interno si distinguono zone circoscritte, dette fasce di van Allen o fasce di radiazione, che contengono particelle cariche ad alta energia. Tali particelle (essenzialmente elettroni e protoni) sono le componenti del vento solare che il campo magnetico cattura e costringe, attraverso l azione della forza di Lorentz, a compiere un moto spiraliforme intorno alle linee di forza del campo. Quanto potente dovrebbe essere un brillamento solare per riuscire ad avere la meglio di un simile scudo protettivo? questo in presenza di un Sole molto meno luminoso. Questo enigma è noto come il paradosso del Sole debole (Early Faint Sun Paradox). Più delicato è il problema del valutare possibili fattori di rischio associati all'attività solare in presenza di una civiltà altamente tecnologica. Nel 1859 la Terra fu investita da una tempesta solare di inaudita potenza che produsse aurore visibili alle latitudini di Roma e che impedì l uso dei telegrafi dell Europa e degli Stati Uniti. Si ritiene che si sia trattato dell evento più intenso degli ultimi 500 anni e che oggi arrecherebbe danni ai satelliti in volo per svariate decine di miliardi di euro. Condizioni di notevole attività o tempeste solari particolarmente intense, dovute a violenti brillamenti ed espulsioni di massa coronale dirette verso la Terra e l intero sistema solare, potrebbero produrre effetti disastrosi sui sistemi di radiocomunicazione, sui sistemi di posizionamento satellitare (GPS e GALILEO), sulle reti elettriche estese, sui satelliti in volo. Inoltre, la previsione di tali eventi risulterà essenziale durante le future esplorazioni umane verso la Luna e Marte. È per questo che le nazioni tecnologicamente più evolute

7 COELUM Mark Giampapa è Vicedirettore del National Solar Observatory e Principal Investigator per il progetto SOLIS (Synoptic Optical Long-Term Investigations of the Sun). Contribuisce inoltre allo sviluppo dei programmi per le osservazioni notturne dell Advanced Technology Solar Telescope. Ha pubblicato 130 studi riguardanti l origine e la natura del magnetismo stellare e per le quali è stato insignito del premio George Van Biesbroek. impiegano risorse umane e finanziare importanti per effettuare ricerche nel campo dell'astrofisica solare e della fisica spaziale. Andretta Dal punto di vista dell evoluzione stellare, non ci sono motivi per pensare a repentini cambiamenti della struttura solare. Questo sia dal punto di vista teorico che osservativo: non si conoscono stelle di tipo solare (stelle nane, singole, di mezza età, di colore giallastro) che abbiano, per esempio, mostrato repentini e significativi cambiamenti di luminosità. Per quanto riguarda il vento solare e in generale l attività magnetica del Sole, entriamo nel campo dello Space Weather. Il termine Space qui è cruciale: sebbene ci possano essere effetti anche al suolo di tempeste solari particolarmente forti (anche estesi black-out in zone prossime ai poli magnetici), il campo magnetico terrestre è un efficacissimo scudo. Infatti, il problema è nato da quando siamo entrati nell Era Spaziale: satelliti e astronauti in orbita sono più esposti tempeste solari. Per non parlare poi delle sonde interplanetarie Giampapa Sto riflettendo su questa domanda osservando l incredibile numero di soli che popolano l ammasso stellare noto come M67, nella costellazione del Cancro. Questo ammasso ha la stessa età e composizione chimica del nostro Sole, dunque le sue stelle sono davvero molto simili al Sole. Ho trovato che circa il 70% di queste stelle hanno livelli medi di attività che sono come quelli del Sole. Il restante 30% ha livelli che sono persino più bassi del minimo di qualsiasi ciclo solare, oppure più alti del massimo dell attuale ciclo solare. Questo potrebbe significare che per circa il 30% del tempo il Sole potrebbe avere escursioni nei suoi livelli di attività che vanno oltre i livelli attuali, ma probabilmente non più di un fattore o due rispetto al suo livello più elevato. Per questo non credo che un evento che possa capitare al Sole debba essere catastrofico per la Terra. Certo, è fondamentale anche il fatto che la Terra possieda un suo campo magnetico in grado di deviare molte particelle energetiche e anche un atmosfera che ci fa da scudo contro l energia dei raggi UV e X impedendo loro di raggiungere la superficie. I pianeti intorno ad altre stelle che non hanno magnetosfere come quella terrestre sarebbero posti davvero pericolosi per viverci. Dal punto di vista dell evoluzione stellare, sappiamo dai modelli evolutivi del nostro Sole che tra circa 900 milioni di anni comincerà a evolvere verso la sua fase di sub-gigante. A quel punto le sue dimensioni si saranno estese a dismisura e In alto. Per quanto riguarda lo studio del Sole per mezzo di sonde, la prima missione prevista tra le numerose che prenderanno il via entro il prossimo decennio sarà la SDO (Solar Dynamic Observatory), considerata l erede della ormai storica SOHO (Solar and Heliospheric Observatory). Prenderà probabilmente il via il 26 gennaio la Terra sarà tanto vicina al Sole che la sua superficie finirà con l essere bruciata e gli oceani completamente evaporati. Allora la vita sulla superficie del nostro pianeta sarà impossibile. Ma io sono fiducioso che in 900 milioni di anni la specie umana avrà trovato le soluzioni per evitare questa estrema scottatura solare della Terra! Vorremmo riservare una domanda conclusiva alle tecnologie oggi disponibili per gli astronomi che si occupano del Sole e al futuro delle loro ricerche. È noto a tutti che l astronomia notturna ha avuto un incredibile beneficio dall avvento delle nuove tecnologie (ottiche adattive, interferometria), ma quanti e quali benefici ne ha tratto l astrofisica solare? Come è cambiata negli anni l astrofisica solare? Quali sono le prospettive future (e i sogni nel cassetto)? Hathaway L Astronomia solare ha compiuto un incredibile balzo in avanti da quando è iniziata l era spaziale. L atmosfera del Sole la corona è estremamente calda e può essere osservata al meglio nel dominio ultravioletto, in quello X e nella radiazione gamma, osservazioni che possono essere effettuate solamente dallo spazio con strumenti come quelli di cui dispongono SOHO, TRACE, RHESSI e HINO- DE. Le cosiddette Coronal Mass Ejections enormi bolle di gas magnetizzati che vengono soffiate via dal Sole alla velocità di 1000 km/s erano completamente sconosciute prima che iniziasse l era spaziale. Ora le missioni SOHO e STE- REO compiono ogni giorno osservazioni di routine di questi eventi. Le parti più esterne della corona fluiscono via dal Sole per formare il vento solare. Oggi noi abbiamo sonde spaziali come Ulysses ed ACE che tengono costantemente sotto osservazione il vento solare e le sue variazioni. I libri di testo che riguardano il Sole devono continuamente essere aggiornati per tenere il passo con queste nuove scoperte. Mentre vediamo come ci siano continui problemi nel reperimento di fondi, credo che il futuro dell Astronomia solare sia luminoso. SDO (Solar Dynamics Observatory) è già pronto per il lancio che avverrà il prossimo anno. Sono in corso anche progetti per altre entusiasmanti missioni, quali il Solar Probe e il Solar Orbiter.

8 34 GENNAIO 2009 Jay M. Pasachoff, Direttore dell'hopkins Observatory e Field Memorial Professor di Astronomia al Williams College di Williamstown (Massachusetts). Pasachoff Mi piace ricordare come siano numerose le scoperte che in passato sono state compiute grazie all Astronomia solare, per esempio la scoperta dell elio in occasione di un eclissi nel XIX secolo, oppure la conferma della Teoria della Relatività Generale di Einstein nell eclissi del 1919, oppure ancora la scoperta che il Sole emetteva onde radio durante i primi impieghi del radar negli anni 40. Oggi abbiamo un bel po di satelliti compresi quelli del sistema GPS che devono essere affidabili e non devono essere messi in crisi dalle tempeste solari, una particolarità che potrebbe rivelarsi preoccupante non appena si decida di trasformare i sistemi di atterraggio degli aerei in sistemi che si basano sul GPS. Inoltre, il Sole è comunque il laboratorio migliore per riuscire a comprendere la struttura e l evoluzione delle stelle più distanti. Questo significa che ci saranno un bel po di vantaggi pratici e intellettuali nel futuro grazie alle ricerche solari in corso oggi. Oliviero Satelliti come SOHO hanno fornito una grande quantità di dati di alta qualità e continui nel tempo, favorendo la possibilità di un monitoraggio del Sole e la collaborazione stretta tra gruppi di astrofisici per l analisi della gran mole di dati disponibili. Inoltre, avere a disposizione osservazioni in più regioni spettrali e, contemporaneamente, del vento solare ci ha dato un quadro più completo dei processi in atto nel Sole e nell eliosfera, cioè nello spazio in cui si espande il vento solare ed in cui sono immersi i pianeti tra cui anche la Terra. Tutto ciò, però, ha fornito dati per circa un ciclo solare e quindi è un po lontano dagli studi sulla variabilità su scala temporale dei secoli, e quindi sui suoi effetti sulle variazioni del clima terrestre. Per il futuro si punta sempre più verso immagini ad alta risoluzione spaziale sia dallo spazio con una nuova generazione Maurizio Oliviero ricercatore astronomo presso l Osservatorio di Capodimonte Napoli. di satelliti (come Solar Orbiter dell ESA e le Solar Sentinels della NASA) che da Terra con telescopi di sempre maggiori dimensioni, come per esempio l ATST (Advanced Technology Solar Telescope), un telescopio americano della classe 4 metri di diametro in via di realizzazione, e il progetto EST (European Solar Telescope), un telescopio anch esso della classe 4 metri, ancora nella fase di studio. Zuccarello Anche le osservazioni solari hanno usufruito degli ultimi sviluppi tecnologici a cui si accennava e negli ultimi anni sono stati costruiti dei telescopi solari, molti dei quali si trovano alle isole Canarie, che hanno consentito di effettuare un enorme passo avanti nelle conoscenze dei fenomeni che avvengono nell atmosfera solare. Inoltre le sonde

9 COELUM 124** :11 Pagina 35 COELUM A sinistra, una straordinaria fotografia della fotosfera ripresa dallo Swedish 1-m Solar Telescope (vedi foto a destra), situato a La Palma, Canarie: uno dei primi tra gli Osservatori solari a dotarsi (nel 2002) di un sistema di ottica adattiva capace di annullare quasi completamente gli effetti della turbolenza atmosferica. I filamenti della penombra delle macchie sono risolti con una risoluzione di 0,1 secondi d arco, che alla distanza TerraSole corrisponde ad una dimensione di circa 80 chilometri. consentono oggi di avere un quadro più preciso dei processi fisici legati all interazione di un gas altamente ionizzato (il plasma) con i campi magnetici. Grazie a questi strumenti si è passati da una fase in cui gli studi venivano spesso fatti su basi statistiche ad una fase in cui i fenomeni solari vengono studiati mediante osservazioni in diver- A destra. Una visualizzazione 3D del complesso che supporterà l Advanced Technology Solar Telescope (ATST), lo strumento da 4 metri di diametro che consentirà un enorme salto di qualità rispetto ai grandi telescopi (generalmente di un metro di apertura) attualmente operativi nel campo dell astronomia solare. Con esso sarà possibile osservare per la prima volta (tra molto altro) l atmosfera solare con dettagli in grado di fornire importanti informazioni sui processi fondamentali dell interazione tra campo magnetico e plasma. Lo studio della nostra stella con strumenti da Terra si trova in un momento cruciale, in cui risulta finalmente possibile la progettazione e realizzazione di telescopi solari con specchi di diversi metri di diametro. I problemi di dissipazione dell enorme calore raccolto, nonché di abbattimento della turbolenza atmosferica creata dal Sole stesso, sono infatti finalmente risolvibili grazie al recente sviluppo di sistemi di ottiche adattive efficienti per il caso diurno e di controllo termico per telescopi solari di tipo aperto. ATST, proposto da un consorzio di istituti statunitensi che vedrà coinvolti anche centri di ricerca europei ed asiatici, sorgerà alle Hawaii sulla sommità del vulcano Haleakala nell isola di Maui. se bande spettrali, consentendo quindi di avere informazioni su ciò che avviene contemporaneamente in diverse regioni dell atmosfera solare e a diverse energie. Al momento, sono in fase di studio e di progettazione due telescopi solari, uno europeo (EST) e uno americano (ATST), caratterizzati da un diametro della classe dei 4 metri. Le caratteristiche di questi telescopi dovrebbero permettere di osservare i fenomeni solari con una risoluzione angolare, temporale e spettrale superiore a quelle raggiunte fino ad ora. Per

10 36 GENNAIO 2009 quanto riguarda le missioni spaziali, ricordiamo il progetto ADAHELI, finanziato dall Agenzia Spaziale Italiana, mentre un altro progetto estremamente ambizioso riguarda il satellite Solar Orbiter, che dovrebbe essere costruito nella prossima decade. Il condizionale questa volta è legato a questioni finanziarie, di sviluppo tecnologico e di priorità rispetto ad altri progetti Bemporad Negli ultimi decenni, a partire cioè dai risultati incoraggianti ottenuti negli anni dallo Skylab, l attenzione della comunità scientifica solare si è rivolta in modo preponderante verso l estensione delle osservazioni solari alla finestra spettrale che va dagli UV fino ai raggi X, osservazioni che possono essere condotte solo dallo spazio a causa dell assorbimento di queste radiazioni da parte dell atmosfera terrestre. Le missioni spaziali hanno poi l ovvio vantaggio di permettere un monitoraggio continuo dell attività solare, altrimenti impossibile da Terra; si sono inoltre recentemente dimostrate di fondamentale importanza per lo sviluppo di una nuova scienza detta meteorologia spaziale, il cui scopo principale sarà quello avvisare in tempo l umanità dell arrivo di intense tempeste solari prevenendo così danneggiamenti permanenti ai satelliti, rischio di esposizione a radiazioni potenzialmente mortali per gli astronauti, blackout da correnti geomagnetiche indotte a Terra, ecc Tutti questi argomenti hanno portato negli ultimi anni al lancio di numerose missioni dedicate soprattutto alle osservazioni solari di tipo remote sensing, tra cui va certamente ricordata SOHO (lanciata nel 1995 e tutt ora operativa), Yohkoh (che ha operato dal 1991 al 2002), TRACE (lanciata nel 1998 e tutt ora operativa) ed i numerosi satelliti GOES (Geostationary Operational Environmental Satellite) lanciati a partire dal Più recentemente, alla fine del 2006, è stata lanciate la sonda HINODE (ex Solar-B) che percorre A sinistra, la nuova torre solare del Big Bear Observatory (California) che ospiterà il New Solar Telescope (NST) da 1,6 metri di diametro (in alto) in sostituzione dell ormai obsoleto riflettore da 65 cm operativo fin dal Lo specchio principale è un 2,4 metri f/2,4 che verrà diaframmato fino a 1,6 metri, con una focale operativa di 83,2 metri. Dovrebbe essere operativo già verso gli inizi di quest anno. un orbita eliosincrona attorno alla Terra e sta fornendo spettacolari osservazioni in UV e luce bianca con dettagli temporali e spaziali mai raggiunti prima, e la coppia di satelliti STEREO che, posti in orbita attorno al Sole lungo l orbita terrestre, stanno fornendo le prime osservazioni stereoscopiche di fotosfera, cromosfera e corona solare. Tuttavia, per motivi tecnici, l uso dell ottica adattiva per le osservazioni solari è stato fino ad oggi limitato ai soli telescopi da Terra, permettendo comunque di raggiungere elevatissime risoluzioni e di rendere nuovamente competitive le osservazioni terrestri (perlomeno nello spettro visibile). È noto in particolare che lo studio con tecniche spettroscopiche e polarimetriche dei fenomeni convettivi fotosferici, dei moti di plasma nelle macchie solari, dei campi magnetici fotosferici e delle complesse strutture cromosferiche, possibili da Terra tramite osservazioni nella luce visibile, richiedono risoluzioni spaziali spinte fino agli 0,1 secondi d arco ed elevate risoluzioni temporali (fino a 10 secondi). Recentemente quindi le ottiche adattive sono state sviluppate in molti telescopi solari da Terra, tra cui per esempio il DST (Dunn Solar Telescope) a Sacramento Peak nel Nuovo Messico, ed altri si stanno attrezzando (per esempio il Big Bear Solar Observatory in California). Diverso è invece il discorso per quanto riguarda le osservazioni di tipo interferometrico del Sole, condotte da Terra nelle micro-onde e nello spettro radio da diversi decenni, in particolare in concomitanza con i brillamenti solari e la conseguente produzione di burst radio. Molte missioni spaziali dedicate all osservazione del Sole sono attualmente in lista di attesa da parte delle agenzie spaziali americana NASA ed europea ESA, oltre a numerosissime missioni dedicate progettate da singoli paesi europei ed extraeuropei. Tra le varie ricordiamo ad esempio SDO (Solar Dynamic Observatory), ASCE (Advanced Spectroscopic and Coronagraphic Explorer), SMESE (Small Explorer for Solar Eruptions), i 3 satelliti Kuafu, il Solar Orbiter ed il Solar Probe. In particolare queste ultime due missioni prevedono l invio di satelliti a ridottissima distanza dal Sole (fino a soli 8 raggi solari) in modo da permettere non solo osservazioni con tecniche di remote sensing con risoluzioni spaziali attualmente irraggiungibili, ma anche le prime osservazioni in situ del plasma solare in prossimità del Sole, eliminando del tutto grazie alla corotazione Sole-sonda gli effetti legati alla rotazione del Sole. Queste osservazioni per-

11 COELUM metteranno in particolare di caratterizzare per la prima volta le onde di plasma presenti in bassa corona e forse di risolvere definitivamente il problema del riscaldamento coronale. Ramelli La fisica solare ha tratto enormi benefici dalle nuove tecnologie, sia nelle osservazioni spaziali, sia nelle osservazioni da Terra. Le ottiche adattive sono state installate in quasi tutti i maggiori osservatori terrestri ed hanno permesso di ottenere immagini di alta definizione. Anche all osservatorio di Locarno abbiamo installato un sistema di ottica adattiva. Ci siamo specializzati in misure di spettro-polarimetria che traggono vantaggio dall uso di un polarimetro molto preciso basato su tecnologie innovative. In questo modo possiamo esplorare come mai prima d ora i dettagli su piccola scala della struttura del campo magnetico solare e la sua influenza sui processi atomici di assorbimento e emissione ottici che avvengono sul Sole. Per effettuare questo tipo di analisi è necessaria una selezione molto spinta della luce da misurare, cosicché le intensità luminose che arrivano ai nostri strumenti di misura sono piuttosto deboli. Sembrerà strano, ma è proprio questo il fattore principale che limita la precisione delle nostre attuali misure. Per avere misure ancora più precise di quelle attuali, in futuro si potrebbe dunque trarre vantaggio da telescopi di dimensioni maggiori. Anche in risposta a queste esigenze sono in corso di sviluppo nuovi progetti internazionali per telescopi solari più grandi. Messerotti I due strumenti di punta per le osservazioni del Sole in banda ottica saranno l Advanced Technology Solar Telescope (ATST) e l European Solar Telescope (EST), progettati rispettivamente dagli Stati Uniti il primo e da un consorzio di paesi europei il secondo. Si tratta di due telescopi solari di 4 metri di apertura, che saranno dotati delle più sofisticate tecnologie per la minimizzazione degli effetti dell atmosfera sulla qualità delle immagini. Ci si aspetta così di poter ottenere un altissima risoluzione spaziale, tale da risolvere i dettagli più fini dei fenomeni di attività, come sinora non è stato possibile fare. Risultati ancora migliori si otterrebbero lanciando un telescopio solare con apertura di qualche metro nello spazio, ma tale ipotesi è per ora accantonata a causa degli altissimi costi stimati. Molti satelliti per l osservazione del Sole sono operativi, come ad esempio SOHO, Hinode, RHESSI e STE- REO, due sonde di cui una precede e l altra segue la Terra nella sua orbita intorno al Sole, creando una base variabile In alto. Lo strumento IBIS (Interferometric BIdimensional Spectrometer) installato al fuoco del telescopio solare DST (Dunn Solar Telescope) nel New Mexico (USA). Il cuore dello strumento (evidenziato nella figura) è rappresentato da due interferometri di Fabry-Perot (i due grossi cubi metallici). Questi, sintonizzati in simultanea, forniscono immagini altamente monocromatiche della superficie solare, e quindi permettono di ottenere spettroscopia ad alta risoluzione dello spettro solare. IBIS è stato progettato e costruito all Osservatorio Astrofisico di Arcetri ( principal investigator Fabio Cavallini) in collaborazione con altri istituti italiani. Nel riquadro un immagine appena prodotta da ricercatori del gruppo di fisica solare dell'università di Roma Tor Vergata. Si tratta di una delle prime regioni attive (AR11005) del nuovo ciclo solare. La ripresa, in banda G ad alta risoluzione è stata ottenuta al canale di ottica adattiva del DST lo scorso 15/10/08 alle ore TU. L'immagine mostra dettagli fotosferici di circa 100 km ed un "light bridge" che attraversa la macchia, o sarebbe più corretto dire il pore (poro) vista l'assenza di penombra. Il team che ha progettato ed effettuato le osservazione era composto da Dario Del Moro (ricercatore), Marta Vantaggiato (laureanda) e F. Berrilli (responsabile della campagna osservativa).

12 38 GENNAIO 2009 per osservare i fenomeno solari in stereoscopia ovvero fornendo informazioni sulla loro struttura tridimensionale. Una missione solare molto attesa è il Solar Orbiter dell E- SA, il cui lancio è previsto nel Solar Orbiter si avvicinerà fino a 48 raggi solari di distanza dalla nostra stella e permetterà di osservarla con un livello di dettaglio senza precedenti. Infine ci si attendono significativi progressi nella comprensione dei legami tra la stella Sole ed il pianeta Terra da una serie di ricerche avanzate ora in corso, finanziate dalla Comunità Europea e promosse dall Agenzia Spaziale Europea (ESA), e dedicate allo studio della Meteorologia Spaziale cioè dei fenomeni perturbativi che hanno origine sul Sole ed interessano la Terra in vario modo, provocando tempeste geomagnetiche, interferenze nelle comunicazioni radio e nei sistemi GPS, black-out nell erogazione dell energia elettrica, danneggiamento dell elettronica dei veicoli spaziali e rischio fisiologico per gli astronauti. Gianna Cauzzi, ricercatore astronomo all Osservatorio Astrofisico di Arcetri. Cauzzi L ottica adattiva ha radicalmente influenzato le ricerche da terra permettendo finalmente di raggiungere risoluzioni spaziali limitate solo dall apertura del telescopio e non dalla turbolenza atmosferica terrestre. È ormai routine utilizzare l AO su tutti i telescopi più grandi (per ora della classe di un metro), in maniera da risolvere dettagli alla superficie del Sole dell ordine dei 100 km. Scale così piccole risultano essere fondamentali per la comprensione di fenomeni fisici più a larga scala: un esempio per tutti è quello della convezione, manifestata alla superficie come granulazione guidata da moti molto forti verso il basso di materiale che si raffredda radiativamente concentrandosi negli spazi intergranulari (< 100 km). Anche la tecnologia per la cosiddetta MCAO (multi-conjugate AO, ottica adattiva multi-coniugata) è molto avanzata nel caso solare, probabilmente più che in quello dell astronomia notturna, anche se non ancora completamente operativa. La MCAO permetterà di ottenere un campo corretto più grande (dell ordine del minuto d arco, contro i circa arcosecondi della AO attuale), provvedendo quindi preziose informazioni sulle condizioni fisiche in zone contigue estese. Un altro sviluppo tecnologico molto importante è stata la dimostrazione che un telescopio solare aperto può essere altamente performante (fino a pochi anni fa tutti i telescopi solari avevano il percorso ottico principale chiuso ed evacuato, per evitare problemi di turbolenze locali). Il primo telescopio di questo tipo è stato il DOT (Dutch Open Telescope), di 50 cm di diametro, installato a La Palma. Il DOT utilizza un raffreddamento passivo, ovvero solo tramite l effetto del vento. A breve dovrebbero essere operativi sia il GREGOR, telescopio tedesco da 1,5 m di diametro da installare a Tenerife, che l N- ST, telescopio americano da 1,6 m di diametro da installare all osservatorio del Big Bear in California. Entrambi prevedono un sistema di raffreddamento attivo degli specchi e dei sistemi circostanti in maniera da fornire altissime risoluzioni spaziali per periodi di tempo più lunghi di quanto non consenta il solo effetto del vento. Questi sviluppi hanno aperto la strada all idea di telescopi solari con diametro sensibilmente superiore all esistente: si stanno infatti attualmente progettando telescopi aperti con diametro intorno ai 4 m (impensabile fino a ieri per uno strumento sotto vuoto) in maniera da raggiungere risoluzioni spaziali dell ordine della decina di chilometri. Il progetto più avanzato à quello dell americano ATST, un 4 metri fuori-asse che dovrebbe iniziare la fase di costruzione ad Haleakala (Hawaii) nei prossimi 1-2 anni. Anche i paesi europei si stanno dando da fare e hanno recentemente iniziato la fase di progettazione per un telescopio simile, EST, di 4 m in asse, che dovrebbe venire costruito alle isole Canarie. La funzione fondamentale di tali telescopi è quella di raccogliere quanta più luce possibile: per quanto possa sembrare strano, anche l astronomia solare soffre di carenza di fotoni! Il primo punto ovvio, ma sempre da ricordare è che, al limite di diffrazione, il numero di fotoni disponibili da una certa sorgente risolta è sempre uguale, indipendentemente dal diametro del telescopio. Il punto cruciale, però, è che strutture di piccole dimensioni evolvono in tempi rapidi. C è quindi bisogno di raccogliere tutte le informazioni molto velocemente, in tempi spesso dell ordine dei secondi, o meno. Siccome poi l astrofisica solare sta facendo un uso sempre più esteso della spettropolarimetria (che va fatta a precisioni dell ordine di ) si capisce come grandi aperture siano una necessità. E veniamo allo spazio. Uno dei risultati più importanti dell osservazione solare tramite satelliti è stato lo stabilire fermamente nella coscienza collettiva che il Sole, la Terra e tutto il Sistema solare rappresentano un sistema unico, altamente dinamico e completamente connesso. Viviamo all interno dell atmosfera di una stella attiva, in cui il driver ultimo (l attività magnetica solare) ha ripercussioni profonde sulla nostra stessa vita, tramite l effetto del vento solare e delle possibili tempeste magnetiche sulla nostra magnetosfera. Il futuro ha in serbo molte eccitanti novità. Entro l inizio del 2010 la NASA dovrebbe lanciare SDO (Solar Dynamics Observatory), un satellite nato dai risultati di SOHO e che ne raccoglie l eredità (i due satelliti dovranno operare insieme per almeno qualche anno per consentirne la calibrazione congiunta). SDO fornirà immagini sia di intensità che di velocità e campo magnetico dell intero disco solare ad alta risoluzione spaziale e temporale. Sul versante europeo, ESA sta progettando per il 2017 il lancio di Solar Orbiter, un satellite che racchiude strumenti per remote sensing (usando quindi la luce) e per esperimenti in situ (misura di proprietà di particelle, ecc) ad una distanza dal Sole mai raggiunta. Si prevede, infatti che Solar Orbiter potrà arrivare a circa 50 raggi solari di distanza dal Sole (circa 1/5 di UA) e spostarsi fino a circa 40 gradi dall eclittica, in maniera quindi da ottenere informazioni sulle regioni polari mai viste prima con questo tipo di strumenti (solo Ulysses si è spostato verso i poli del Sole, ma non aveva questo tipo di strumentazione). Un punto importante sarà la misura dei campi magnetici ai poli e la loro evoluzione temporale. Nonostante questi siano un ingrediente fondamentale per la dinamo e lo sviluppo dell attività solare in generale (ad esempio le regioni polari sono la sorgente del vento solare veloce, con moti di km/s), dall eclittica non si possono osservare in maniera completa essenzialmente per problemi di prospettiva. La lista di progetti e idee sarebbe ancora lunga, ma mi fermo qui, rimandando l approfondimento a un altra occasione. Berrilli L astrofisica solare ha beneficiato delle nuove tecnologie esattamente come l astrofisica notturna. I sensori

13 COELUM di ultima generazione, estremamente veloci ed efficienti dall UV all infrarosso, tecniche sofisticate di ottica adattiva, rese più complicate rispetto a quelle notturne dall assenza di sorgenti puntiformi, interferometri per immagini e satelliti dedicati hanno consentito di studiare i processi fisici a risoluzioni spaziali, temporali e spettrali estremamente elevate ed impensabili fino a pochi anni fa. Oggi siamo in grado di studiare sulla superficie del Sole processi fisici di base a scale spaziali di poche decine di chilometri. Scale che, forse, non saranno mai raggiungibili per nessun altra stella. Le prospettive future sono molte, sia nel campo della ricerca spaziale che in quello degli strumenti a Terra. Vorrei concentrarmi su due grandi progetti che, assieme a molti colleghi delle Università e degli Istituti INAF, vedono coinvolto anche il nostro gruppo di astrofisica solare (www.fisica.uniroma2.it/solare/index.htm): la missione spaziale italiana ADAHELI e il telescopio europeo EST. Il progetto ADAHELI, finanziato dall ASI (Agenzia Spaziale Italiana) per lo studio di fattibilità, considera la possibile messa in orbita di un telescopio solare per catturare immagini spettropolarimetriche della superficie del Sole e di un radiometro per lo studio dei brillamenti nella regione spettrale del millimetro. Questa missione si propone di studiare i processi fisici che portano alla formazione di una cromosfera altamente dinamica e strutturata, ed al riscaldamento dell alta atmosfera solare. Il telescopio di futura generazione EST (European Solar Telescope) da 4 metri di diametro è frutto di una collaborazione europea (36 istituzioni da 14 nazioni) e dovrà essere realizzato in uno dei più importanti siti astronomici del mondo, le isole Canarie (Spagna). Questo telescopio ad elevata tecnologia basti accennare al fatto che il flusso di calore (W/m 2 ) al fuoco primario è confrontabile con quello sperimentato dalle barre di combustibile delle centrali nucleari consentirà di studiare il In alto, un illustrazione tecnica raffigura il satellite ADAHELI, di progettazione italiana, sullo sfondo del Sole. Sole ad altissima risoluzione spaziale dal vicino UV all infrarosso con una suite di strumenti di piano focale innovativa e un sistema di ottica adattiva multiconiugata (www.iac.es/proyecto/est/). Giampapa Sicuramente l avvento delle ottiche adattive e il loro impiego alle lunghezze d onda visibili e infrarosse promette decisivi progressi per la fisica solare. Ed è infatti proprio quella delle ottiche adattive la tecnologia che ci dà la possibilità di accingerci a realizzare il più grande telescopio solare mai costruito, l ATST. Avrà uno specchio di 4 metri e sembrerà più un telescopio astronomico notturno che uno dei quelli solari attualmente in uso. Ma perché è necessario uno specchio di queste dimensioni per studiare l oggetto più brillante di tutto il cielo? Noi vogliamo osservare il Sole ad altissima risoluzione spaziale in modo da poter vedere i piccoli elementi di campo magnetico che sono i mattoni del magnetismo dell intero Sole. Vogliamo anche osservare i rapidi cambiamenti che si verificano nella dinamica atmosfera del Sole e allo stesso tempo ottenere spettri ad alta risoluzione. Tutto ciò comporta la necessità inderogabile di raccogliere quanta più luce possibile. Attualmente i nostri telescopi solari risolvono particolari sul Sole delle dimensioni più o meno equivalenti alla distanza tra le Alpi italiane e il tacco dello Stivale. Con l ATST e le ottiche adattive operanti al limite della risoluzione del telescopio saremo in grado di osservare particolari sul Sole delle dimensioni di 25 chilometri, meno della distanza tra il centro di Roma e l aeroporto di Fiumicino! ATST rivoluzionerà la nostra comprensione del Sole. Stiamo invitando altre Nazioni a unirsi agli Stati Uniti in questo progetto e molte, compresa l Italia, hanno segnalato il loro interesse. La speranza è che la costruzione di ATST inizi entro la fine del 2009 e il telescopio diventi operativo entro il 2015, dunque un paio d anni dopo il prossimo massimo solare. Interviste raccolte da Claudio Elidoro. Binocoli IANUS Srl DAL 1 GENNAIO NUOVI PREZZI!!! Inoltre SCONTO dell' BINOCOLI FUJINON Astronomical Telescopes & Accessories 8 % su tutti i 10x70 FMT-SX2 o 16x70 FMT-SX2 Tel Fax

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Il Sole: un protagonista molto brillante! Dott. Salvo L. Guglielmino UniCT Dipartimento di Fisica e Astronomia

Il Sole: un protagonista molto brillante! Dott. Salvo L. Guglielmino UniCT Dipartimento di Fisica e Astronomia Il Sole: un protagonista molto brillante! Dott. Salvo L. Guglielmino UniCT Dipartimento di Fisica e Astronomia Il Sole la Stele di Rosetta dell Astronomia Il Sole può essere considerato come un immenso

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf. LE STELLE G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) (a) INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste (b) Istituto Comprensivo S. Giovanni Sc. Sec. di primo grado M. Codermatz" - Trieste Questo modulo

Dettagli

Il Sole: la nostra stella. Francesco Berrilli Dipartimento Di Fisica Solar Physics Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Il Sole: la nostra stella. Francesco Berrilli Dipartimento Di Fisica Solar Physics Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Il Sole: la nostra stella Francesco Berrilli Dipartimento Di Fisica Solar Physics Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Mestre 9 Aprile 2010 Il Sole...... un oggetto apparentemente semplice...

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Evidenze osservative " delle fasi di formazione stellare e planetaria!

Evidenze osservative  delle fasi di formazione stellare e planetaria! Evidenze osservative " delle fasi di formazione stellare e planetaria! planform1! G. Vladilo! 1! Dal mezzo interstellare alle stelle e pianeti! STELLE! Nucleosintesi! Metalli espulsi! Formazione di polvere!

Dettagli

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura LA RADIAZIONE SOLARE Tecnica del Controllo Ambientale Prof. Maurizio Cellura INTRODUZIONE Il progettista deve: 1. Definire le condizioni climatiche generali e locali; 2. Ricercale le soluzioni idonee;

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo I BUCHI NERI Maurizio Macchiarulo I Buchi Neri nella Fisica Classica 1687 Isaac Newton pubblica i suoi Principia 1783 John Michell formula il concetto di Dark Star 1795 Pierre Simon Laplace pubblica Le

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE La Terra, come ogni altro corpo dotato di massa, è circondata da un campo gravitazionale che attrae altri corpi. Siamo oggi in grado di determinare gli effetti della gravità,

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

Percorsi planetario globe

Percorsi planetario globe Percorsi planetario globe Da quest anno c è anche la possibilità di scegliere tra tre filmati FULL DOME: Losing the dark (in italiano), Stars (In italiano), e Back to the Moon for good (In inglese). Quest

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000.

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000. Introduzione La fondazione di un'astronomia dei neutrini cosmici di alta energia costituisce oggi una delle frontiere della ricerca in Astrofisica. Dopo i successi dell'astronomia dei gamma ottenuti con

Dettagli

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità IL TEMPO NELLA SCIENZA Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità Gli strumenti di misurazione del tempo La meridiana L orologio al quarzo Il pendolo L orologio atomico La meridiana è uno

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi!

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi! 1 Ciao! Il tuo Osservatorio di Monte Rosa si apre questa mattina e così inizia questa avventura alla scoperta del Cielo, per conoscere e comprendere quel che succede nell Universo, di cui la nostra Terra

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

La spettroscopia stellare

La spettroscopia stellare La spettroscopia stellare Noi studiamo i corpi celesti, e quindi anche le galassie, misurando le radiazioni che ci mandano e che riusciamo a rilevare con i nostri strumenti. La luce che i nostri occhi

Dettagli

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI Corso di Misure Meccaniche Termiche e Collaudi 5 anno - Ingegneria Meccanica Politecnico di Bari prof. Domenico Laforgia ing. Giuseppe Starace TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI In questa trattazione si farà

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI errore o inganno? by Michele Capogna capognamichele@virgilio.it

IMPIANTI FOTOVOLTAICI errore o inganno? by Michele Capogna capognamichele@virgilio.it IMPIANTI FOTOVOLTAICI errore o inganno? by Michele Capogna capognamichele@virgilio.it Le presenti note hanno lo scopo di valutare se l uso degli impianti PV come generatori elettrici ci consente di contenere

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν 3. Natura quantistica di fotoni e particelle materiali Le particelle utilizzate per studiare i mezzi materiali obbediscono alle regole della meccanica quantistica. La loro natura perciò è duale, nel senso

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

I satelliti meteorologici

I satelliti meteorologici I satelliti meteorologici Nella meteorologia moderna i satelliti svolgono ormai un ruolo fondamentale: grazie a questi occhi in orbita attorno al nostro pianeta possiamo monitorare in tempo reale l evoluzione

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

CONFRONTO. Giove ripreso da Fattinnanzi con una webcam. testa si cavallo ripreso con un Tele-Vue 101 con un sensore Sbig STL-11000M

CONFRONTO. Giove ripreso da Fattinnanzi con una webcam. testa si cavallo ripreso con un Tele-Vue 101 con un sensore Sbig STL-11000M CONFRONTO Forse non tutti se ne sono accorti, ma nel campo dell astrofotografia sta succedendo qualcosa di rivoluzionario. Come è già avvenuto per la fotografia planetaria negli ultimi anni, l avvento

Dettagli

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado 1 VISITA GUIDATE Attività didattiche Scuola Secondaria I grado Visita standard Gli studenti vengono condotti da un animatore scientifico in una visita ad alcune delle postazioni interattive del Museo.

Dettagli

TRY IT AT HOME! Esperienze didattiche in radioastronomia

TRY IT AT HOME! Esperienze didattiche in radioastronomia TRY IT AT HOME! Esperienze didattiche in radioastronomia Questo lavoro prende spunto da alcune attività didattiche che si possono trovare sul sito del National Radio Astronomy Observatory http://www.nrao.edu

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

Daniele Gasparri. Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario. Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013

Daniele Gasparri. Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario. Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013 Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013 Daniele Gasparri Sito web: www.danielegasparri.com Mail: info@danielegasparri.com Un piccolo estratto del mio

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

FLARE SOLARE: DISTURBO ATMOSFERICO

FLARE SOLARE: DISTURBO ATMOSFERICO FLARE SOLARE: DISTURBO ATMOSFERICO Durante l inizio di novembre l attività solare si è dimostrata molto complessa e forte producendo una serie di Flare di alta energia che hanno iniziato a sparare plasma

Dettagli

PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA

PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA Antonio Maggio INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Giuseppe S. Vaiana Visita Commissario INAF Palermo, 10-11 Marzo 2004

Dettagli

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato EXOMARS: la missione su Marte ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato avanti in collaborazione con la NASA. La missione è volta a dimostrare fattibilità di alcune

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Marte: il Pianeta Rosso

Marte: il Pianeta Rosso SPAZIO ASTRONOMIA divulgazione la carta d identità del pianeta le prime osservazioni le conoscenze acquisite tramite le sonde marziane le lune di Marte il futuro dell esplorazione di Marte Marte: il Pianeta

Dettagli

La scienza delle immagini a colori e dei CCD

La scienza delle immagini a colori e dei CCD INTRODUZIONE SULLE IMMAGINI A COLORI IMMAGINI A COLORI La scienza delle immagini a colori e dei CCD autore: Daniel Duggan traduzione e adattamento Alessandra Zanazzi Pag 1 di 6 Questo progetto è stato

Dettagli

DESCRIZIONE E VERIFICA ABBAGLIAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

DESCRIZIONE E VERIFICA ABBAGLIAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DESCRIZIONE E VERIFICA ABBAGLIAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1.0 Tipologia dell impianto L impianto consiste in pannelli solari fotovoltaici da installare sulla copertura di immobili ad uso civile abitazione

Dettagli

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Il Protocollo di Kyoto è stato approvato nel 1997 ed è entrato in vigore nel 2005 come convenzione internazionale,

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

E Vlbi Reti di radiotelescopi e Rete a larga banda

E Vlbi Reti di radiotelescopi e Rete a larga banda E Vlbi Reti di radiotelescopi e Rete a larga banda (M.Nanni CNR Ist. Radioastronomia) La Radioastronomia Vlbi Networks Come funziona il Vlbi e Vlbi Nel mondo e EVN: la rete europea La situazione in Italia

Dettagli

XIII Settimana Nazionale dell'astronomia

XIII Settimana Nazionale dell'astronomia XIII Settimana Nazionale dell'astronomia «Gli studenti fanno vedere le stelle» 16-22 Aprile 2012 La Società Astronomica Italiana (SAIt), in collaborazione con il Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Dalla Terra all Universo

Dalla Terra all Universo 1 of 8 Dalla Terra all Universo 00 07 Sentence 1 Trailer Il cielo notturno affascinante e misterioso. Dalla notte dei tempi è il protagonista delle storie raccontate ai fuochi degli accampamenti e dei

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Metodo di base: triangolazione nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempi di arrivo dei segnali Come è

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi. Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI. Competenze: Ricezione orale (ascolto)

9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi. Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI. Competenze: Ricezione orale (ascolto) 9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI Competenze: Ricezione orale (ascolto) Aspetto/i di competenza (in questo caso il tipo di ascolto e i processi

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare stelle Corpi celesti di grande massa, che producono al loro interno energia mediante fusione nucleare, e la emettono sotto forma di radiazioni elettromagnetiche.

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054?

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Immagine: il Grande Kiva di Chetro Ketl, una delle Grandi Case nel Chaco Canyon (New Mexico, USA). Fonte: Chaco Canyon National Historical

Dettagli

2015* anno internazionale della luce proclamato dall'onu e dall'unesco LA LUCE

2015* anno internazionale della luce proclamato dall'onu e dall'unesco LA LUCE 2015* anno internazionale della luce proclamato dall'onu e dall'unesco LA LUCE Il 20 Dicembre 2013 l'assemblea Generale delle Nazioni Unite (O.N.U.) ha proclamato il 2015 Anno Internazionale della Luce

Dettagli

Lo European Solar telescope (EST): prospettive per una migliore conoscenza delle interazioni plasma - campo magnetico

Lo European Solar telescope (EST): prospettive per una migliore conoscenza delle interazioni plasma - campo magnetico Lo European Solar telescope (EST): prospettive per una migliore conoscenza delle interazioni plasma - campo magnetico F. Zuccarello 1,2 per il Gruppo EST 1 Dipartimento di Fisica e Astronomia Universitá

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IL SOLARE TERMICO LA PRIMA FONTE DI ENERGIA: IL SOLE

IL SOLARE TERMICO LA PRIMA FONTE DI ENERGIA: IL SOLE IL SOLARE TERMICO L Italia è una delle nazioni Europee con le caratteristiche climatiche più favorevoli all utilizzazione della radiazione solare per usi energetici. Il valore di insolazione compreso tra

Dettagli