PENSARE LA CRISI FINANZIARIA. IL CONTRIBUTO DI ANDRÉ ORLÉAN. a cura di Stefano Lucarelli,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PENSARE LA CRISI FINANZIARIA. IL CONTRIBUTO DI ANDRÉ ORLÉAN. a cura di Stefano Lucarelli,"

Transcript

1 PENSARE LA CRISI FINANZIARIA. IL CONTRIBUTO DI ANDRÉ ORLÉAN. a cura di Stefano Lucarelli, Dipartimento Hyman P. Misky, Università di Bergamo 1. L Euforia. 2. L accecamento. 3. La cartolarizzazione. 4. La crisi. 5. I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioural finance. 6. Per una teoria delle aspettative in condizioni di incertezza. 7. Conclusioni: la moneta procede da una sovranità.

2 DALL EUFORIA AL PANICO Alan Greenspan 1994: Non c è niente nella regolamentazione federale che la renda superiore alla regolamentazione dei mercati. Alan Greenspan (New York 1926) per 5 mandati governatore della Fed dall 11 Agosto 1987 al 31 Gennaio 2006 Alan Greenspan ottobre 2008: Ho fatto un errore nel pensare che le organizzazioni mosse dalla ricerca del loro interesse privato, in particolare le banche, e altre organizzazioni di questo genere, fossero, per questa ragione, le meglio attrezzate per proteggere i loro azionisti e i loro investimenti. [ ] Così il problema è che qualche cosa che sembrava essere un edificio molto solido, e anche un pilastro fondamentale della concorrenza e dei liberi mercati, è crollato. E io ne sono stato scioccato.

3 L EUFORIA La crisi dei subprime si presenta come una crisi classica: ha origine da una bolla immobiliare strettamente legata ad una bolla del credito. Ma gli economisti non ci hanno forse insegnato che quando, in un mercato concorrenziale, il prezzo aumenta, allora la domanda si indebolisce e ciò conduce ad abbassare nuovamente il prezzo? Perché non ha funzionato l autoregolazione concorrenziale?

4 L EUFORIA. LA BOLLA IMMOBILIARE. Paese USA (indice Case-Shiller per dieci città) 171% Francia 139% Spagna 189% Regno Unito 211% Prezzi degli Immobili. Fonte: Aglietta 2008, p. 118 Indice di Case Shiller: indice riferito al settore immobiliare americano; mostra l andamento del prezzo reale delle case sulla base di una media mobile su 3 mesi relativa alle compravendite registrate nel mese considerato e nei 2 mesi precedenti.

5 L EUFORIA. LA BOLLA DEL CREDITO. Regole di emissione dei crediti subprime. Fonte: Gorton 2008, p. 73. Prestiti ipotecari a tasso variabile (ARM) Prestiti solo interessi Documentazio ne incompleta o assente (liar loans) Quoziente del servizio del debito sul reddito delle famiglie Valore medio del prestito sul bene % 0% 28,5% 39,7% 84% % 2,3% 38,6% 40,1% 84,4% ,1% 8,6% 42,8% 40,5% 86,1% ,4% 27,2% 45,2% 41,2% 84,7% ,3% 37,8% 50,7% 41,8% 83,2% ,3% 22,8% 50,8% 42,4% 83,4%

6 L EUFORIA La crescita del credito e la sottovalutazione del rischio non sono state limitate al settore immobiliare. Si sono diffuse a tutti i settori. Ne è seguita un espansione rilevante del bilancio delle istituzioni deputate al prestito che tra il 2001 e il 2007 è quasi triplicato (Bank of England, Financial Stability Report, ottobre 2007, p. 8) Perché gli operatori non percepiscono l incremento simultaneo dei rischi e il possibile capovolgimento delle situazioni sul mercato?

7 L ACCECAMENTO. LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DEL CREDITO Come fare per stimare il flusso quasi infinito dei dividendi futuri quando sappiamo già così poco del dividendo del prossimo anno? Nel caso dei crediti occorre limitare la stima al rischio default di pagamento. Il rischio di default dipende da: 1) la probabilità di default 2) la porzione di attivo perso dal creditore (loss given default) 3) la perdita media misurata come percentuale dell attivo (expectede loss)

8 L ACCECAMENTO. LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DEL CREDITO Per valutare il rischio di default dei crediti le tre principali agenzie di rating hanno proceduto calcolando la frequenza statistica di eventi passati simili e omogenei. ma nel caso dei subprime i dati disponibili non sono molto vecchi data la novità del prodotto. L unica base statistica esistente era rappresentata dai casi di default relativi alla recessione del Eppure il subprime del 2001 non è il subprime del La cosa è tanto più vera alla luce dell andamento crescente dei prezzi degli immobili! Una parte rilevante della sottovalutazione del rischio è spiegata dal fatto che le agenzie di rating non hanno previsto la rapidità con cui il mercato immobiliare ha rovesciato le sue aspettative.

9 L ACCECAMENTO. L INFLUENZA DELL OPINIONE COLLETTIVA L inferenza statistica non può in nessun modo stabilire una stima in grado di convincere l insieme degli investitori Ma allora come provare in modo convincente che si è in presenza di una bolla? In una situazione incerta, dove anche gli argomenti scientifici sono impotenti, l opinione finisce con il prevalere una volta che il mercato ha potuto rilevare la sua effettiva capacità di creare ricchezza, esso ne sosterrà energicamente la legittimità! Questi nuovi attori che hanno una gestione del rischio e delle prospettive di investimento differenti, aiutano ad attenuare e ad assorbire gli shock che, nel passato, colpivano essenzialmente alcuni intermediari finanziari FMI Aprile => Autoreferenzialità dei mercati finanziari

10 L ACCECAMENTO. L INEFFICIENZA DEL MECCANISMO DEI PREZZI Agli investitori professionali non interessa ciò che un investimento vale realmente, ma il livello cui il mercato lo valuterà, sotto l influenza della psicologia di massa, fra 3 mesi o un anno. Né si può dire che questo comportamento sia il prodotto di mentalità mal orientata. Sarebbe sciocco pagare 25 per un investimento il cui reddito prospettico sia ritenuto tale da giustificare un valore di 30, se nello stesso tempo si ritiene che il mercato lo valuterò 20 fra 3 mesi. Keynes Se il mercato è sufficientemente liquido, la strategia ottimale consiste nel trarre vantaggio dagli alti guadagni che procura la bolla e nel parteciparvi attivamente per tutto il tempo possibile. Prezzi crescenti comportano in questo caso un aumento della domanda! => La crisi non è causata dalla cartolarizzazione, ma ha invece origine dall inefficienza del meccanismo dei prezzi sui mercati degli immobili e del credito. Finché la musica suona, bisogna alzarsi e ballare! C. Principe, ex Ceo Citygroup

11 LA CARTOLARIZZAZIONE Cartolarizzazione: tecnica finanziaria che consiste nel trasformare i crediti iscritti tra le attività (per esempio dei crediti ipotecari) in titoli negoziabili. I crediti sono raccolti in diversi blocchi (impacchettati) e ceduti a dei fondi comuni che in seguito sono venduti a chi investe sui mercati finanziari sottoforma di obbligazioni. Alla fine del XX secolo, anche se il mercato ha già conquistato una grande parte dei sistemi finanziari evoluti, gli sfugge ancora una grandissima fetta: il credito bancario. Per la sua specificità, questo non è sottomesso alla valorizzazione di mercato. I crediti bancari rimangono totalmente illiquidi, conservati dalle banche nei loro libri contabili fino al loro rimborso. Si tratta di una grave distorsione del principio di liquidità che vuole che gli attivi finanziari possano essere negoziati liberamente sui mercati, condizione affinché, conformemente all'ipotesi di efficienza, siano correttamente valutati. Ecco il senso della cartolarizzazione: sottomettere i crediti bancari alla legge comune, ossia trasformarli in attivi negoziabili, dotati di una certa liquidità, per applicar loro il principio del fair value.

12 LA CARTOLARIZZAZIONE La bolla del credito è stata per lo più finanziata da prodotti strutturati o derivati ABS: asset-backed security. Il termine designa l importo di un portafoglio di attività finanziarie. Si tratta di uno strumento per trasferire i crediti bancari dai bilanci delle banche ad acquirenti terzi non bancari: i prestiti erogati dalle banche rappresentano delle attività immobilizzate nel bilancio; le banche possono utilizzare queste attività per costruire delle obbligazioni da esse garantite (dei titoli che poggiano sui prestiti) e venderle a fondi privati. MBS: mortgage-backed security. Varietà di ABS ottenuta mediante cartolarizzazione dei crediti immobiliari. CDO: collateralized debt obligations. Si tratta di titoli a reddito fisso che non sono sottoposti a regolamentazione sui mercati. Tipicamente l emissione dei CDO è operata da una società veicolo (SPV) cui viene conferito un portafoglio, per esempio un MBS: il portafoglio è spesso eterogeneo (crediti bancari ma anche strumenti finanziari negoziabili, o derivati sul credito). Il CDO viene poi diviso in tranches, più o meno garantite (rispettivamente supersenior, senior, mezzanine, equity). Si tratta di strumenti non omogenei che vengono trattati in transazioni bilaterali (over the counter).

13 à LA CARTOLARIZZAZIONE Crediti immobiliari subprime Cartolarizzazione dei crediti subprime AAA AA A BBB BB non classificato 80 % 11 % 4 % 3 % 2 % CDO high-grade Senior AAA Junior AAA AA A BBB Non classificato CDO mezzanine Senior AAA Junior AAA AA A BBB Non classificato 88 % 5 % 3 % 2 % 1 % 1 % 62 % 14 % 8 % 6 % 6 % 4 % CDO al quadrato Senior AAA Junior AAA AA A BBB Non classificato 60 % 27 % 4 % 3 % 3 % 2 % Figura 1 Composizione dei CDO: il gioco delle matrioske. Source : FMI, GFSR, ottobre 2008, p. 60.

14 LA CARTOLARIZZAZIONE Ilsole24ore.com 28 sett. 2008

15 LA CARTOLARIZZAZIONE. LA SOTTOVALUTAZIONE DEL RISCHIO Distribuzione delle perdite a seconda che la correlazione sia nulla o elevata (per una perdita media del 5%). Fonte: Committe on the Global Financial System, BIS, Gennaio 2005, p. 18. Nell analisi delle agenzie di rating conta anche la correlazione dei default tra i titoli sottoposti a certificazione. Uno stesso rischio medio può risultare distribuito in modo molto diverso a seconda di questa correlazione. Una correlazione più alta conduce ad un impatto maggiore sulla porzione senior (l area sottostante la funzione nella parte che interessa la porzione senior aumenta)

16 LA CARTOLARIZZAZIONE. LA SOTTOVALUTAZIONE DEL RISCHIO Le correlazioni possono evolvere velocemente con la congiuntura economica; è quanto è successo nel caso degli MBS. Prima della crisi l idea dominante era: i prezzi degli immobili in regioni diverse sono debolmente correlati! Anche se una bolla immobiliare per la nazione nella sua totalità sembra improbabile, è chiaro che si osservano quanto meno, i segni di una schiuma (froth) su alcuni mercati locali dove i prezzi immobiliari sembrano invece aver raggiunto dei livelli insostenibili Alan Greenspan, testimonianza al Joint Economic Committee del Congresso USA, 9 Giugno 2005

17 LA CRISI Luglio 2007: Bernanke calcola le perdite legate ai crediti subprime tra i 50 e i 100 miliardi di $. Gennaio 2008: le perdite legate ai crediti subprime sono collocate a circa 400 miliardi di $. Marzo 2009: l Asian Development Bank stima la perdita globale di ricchezza a 50 trilioni di $. I mercati finanziari non si correggono, amplificano gli squilibri

18 LA CRISI. IL PANICO DELL AGOSTO Premi delle porzioni subprime classificare AAA, BBB, BBB- (indice ABX HE, Gennaio 2001-Aprile 2008). Fonte Brunnermeier 2008, p. 9. AAA BBB BBB BBB BBB AAA 0

19 LA CRISI. IL DELEVERAGING Vendite forzate e deleveraging Capitale Proprio Attivo (Cap+Deb) Debito Leva: Attivo/Cap Vendite Situazione iniziale /15 = 20/3 = 6,7 0 Perdite pari a = = 85 95/10 = ,5 0 Ristabilimento del livello = ,7 28 Rischi crescenti => Abbassamento della leva a = = 40 /10 27 Domande di rimborso del 10% del Cap. => Uscite dei depositi Totale 59 Deleveraging: liquidazione forzata degli attivi messa in atto attraverso la vendita delle attività, o la capitalizzazione o il rallentamento dell offerta del credito.

20 LA CRISI. IL DELEVERAGING Interazione fra sfera finanziaria e sfera reale Credit Crunch Indebolimento dell economia reale Abbassamento dei prezzi delle attività finanziarie Indebolimento dei bilanci Deflazione del bilancio

21 LA CRISI. STIMA DELLE PERDITE DEL SETTORE FINANZIARIO Tabella 5 Stima delle perdite del setore finanziario. Deprezzamento dei crediti Ammontare Aprile 2008 Ottobre 2008 Subprime Alt-A Prime Immobili non residenziali Crediti al consumo Crediti alle imprese Crediti con effetto leva Totale dei crediti Deprezzamento dei titoli Ammontare Aprile 2008 Ottobre 2008 ABS CDO d ABS Prime MBS CMBS ABS su prestiti al consumo High-grade corporate High-yield corporate CLO Totale dei titoli Totale

22 LA CRISI. IL RUOLO DEL WHOLESALE FUNDING Il finanziamento sui mercati è cresciuto => market-based financial system Le istituzioni finanziarie (banche, ma anche le near banks che emettono ABS, le GSR, le imprese finanziarie, le banche di investimento) utilizzano i mercati dei capitali a breve (mercato interbancario, mercato delle cambiali o quello dei certificati di deposito o quello dei prestiti con garanzia) per finanziarsi. Quando questi mercati funzionano correttamente essi rappresentano una fonte naturale di liquidità e di finanziamento. Vi è uno stretto legame tra le difficoltà di valutazione delle attività e la difficoltà di ottenere della liquidità dalla loro vendita

23 UNA RILETTRA DEL CIRCUITO MONETARIO Fumagalli and Lucarelli 2010

24 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance. La teoria finanziaria neoclassica (1) Le attività finanziarie sono dei diritti su redditi futuri, scaglionati nel tempo e spesso incerti. La teoria finanziaria neoclassica ha ricondotto ad uno stesso quadro teorico un insieme di risultati volti a sostenere l efficienza dei mercati: 1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati finanziari 1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati finanziari che stabilisce una relazione tra il rendimento di un titolo e la sua rischiosità, misurata tramite un unico fattore di rischio, chiamato: beta. Quest ultimo misura quanto il valore del titolo si muove in sintonia col mercato. Il beta è proporzionale alla covarianza tra il rendimento del titolo e l andamento del mercato. Beta maggiori di 1 implicano una rischiosità in media maggiore rispetto a quella del mercato nel complesso; viceversa beta minori di 1 denotano una rischiosità minore. Dunque un'attività finanziaria più rischiosa avrà un beta più elevato, e dovrà essere scontata a un tasso maggiore; attività finanziarie meno rischiose avranno beta minori e saranno scontate a tassi minori. In tal senso il CAPM è coerente con l'intuizione che un investitore dovrebbe richiedere un rendimento atteso più elevato per detenere un'attività finanziaria più rischiosa.

25 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance. La teoria finanziaria neoclassica (2) 2) La formula di Black e Scholes calcola il prezzo di non arbitraggio di un opzione call o put di tipo europeo utilizzando parametri quali il livello dei tassi d'interesse, il prezzo corrente dello strumento sottostante, il prezzo d'esercizio, il tempo residuo fino all'esercizio e la volatilità dei rendimenti dei titoli sottostanti all'opinione stessa. Può essere derivata dalle ipotesi del modello di Black-Scholes-Merton, che descrive l'andamento nel tempo del prezzo di strumenti finanziari, in particolare delle azioni. Le ipotesi stabiliscono che: 1) il prezzo del sottostante segue un moto browniano geometrico Le ipotesi stabiliscono che: 1) il prezzo del sottostante segue un moto browniano geometrico (il che vuol dire che ogni variazione di prezzo avviene indipendentemente dalle variazioni precedenti e i movimenti positivi e quelli negativi hanno la stessa probabilità di accadere, cioè siamo in presenza di un processo stocastico senza memoria); 2) è consentita la vendita allo scoperto del sottostante, come dello strumento derivato; 3) non sono ammesse opportunità d'arbitraggio non rischioso; 4) il sottostante e lo strumento derivato sono scambiati sul mercato in tempo continuo; 5) non esistono costi di transazione, imposte, né frizioni di altri tipo nel mercato; 6) è possibile scambiare frazioni arbitrariamente piccole di ogni titolo sul mercato; 7) il tasso d'interesse privo di rischio è costante, e uguale per tutte le scadenze. L'equazione alla base della formula è stata originariamente derivata da Fischer Black e Myron Scholes, in un lavoro del L'intuizione fondamentale è che un titolo derivato è implicitamente prezzato se il sottostante è scambiato sul mercato.

26 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance La teoria finanziaria neoclassica (3) 3) Il Teorema di Modigliani-Miller (proposto per la prima volta da Franco Modigliani e Merton Miller nel 1958) costituisce il cuore della moderna teoria finanziaria. Nella sua formulazione più semplice, il teorema afferma che in presenza di mercati dei capitali perfetti (quindi in assenza di imposte, costi di fallimento e asimmetrie informative), il valore di un'impresa non è influenzato dalla sua politica di finanziamento. Non importa dunque se l'impresa ottiene il proprio capitale raccogliendo finanziamenti tramite l'emissione di azioni o indebitandosi. In un lavoro del 1961, Modigliani e Miller formulano un secondo teorema che afferma che, nell ipotesi di mercati finanziari perfetti e in assenza di imposte, a parità di scelte di investimenti (e quindi di utili), il valore di un'impresa è indipendente anche dalla sua politica dei dividendi. Date le ipotesi, un aumento dei dividendi, per esempio, certamente accresce il reddito degli azionisti, ma il suo effetto è completamente neutralizzato da una corrispondente riduzione del valore dell'impresa.

27 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance Irrazionalità degli investitori e critica dell arbitraggio. In sintesi, nella teoria finanziaria neoclassica, gli arbitraggisti razionali, portando acquirenti sui titoli sottovalutati e venditori sui titoli sopravvalutati, impediscono ai prezzi di scostarsi dai valori dei fondamentali. La finanza comportamentale contesta la pretesa neoclassica di fare dell arbitraggio la forza economica capace di frenare le derive dei corsi generate dalla presenza di investitori irrazionali. La tesi centrale della finanza comportamentale stabilisce che l arbitraggio nella realtà è rischioso, quindi limitato. => La razionalità finanziaria non può essere limitata alla sola osservazione dei fondamentali!

28 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance Razionalità finanziaria, dimesione strategica e ineficcienza Date le ipotesi che gli investitori non sono pienamente razionali e che l arbitraggio è rischioso, allora il mercato smette di essere efficiente De Long, Shleifer, Summers and Waldmann, Journal of Finance 1990, propongono un modello, a due periodi, in cui gli investitori razionali fronteggiano dei positive feedback traders che acquistano quando osservano una tendenza al rialzo e vendono nel caso contrario. La presenza di agenti razionali è destabilizzante, poiché essi per massimizzare i propri profitti (nel periodo 2) hanno interesse a stimolare (nel periodo 1) gli errori di valutazione dei positive feedback traders : le plusvalenze intascate dagli investitori razionali sono funzione della differenza fra valore fondamentale e prezzo sopravalutato.

29 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance Esperimento di Smith, Suchanek and Williams, Econometrica 1988 Si studia come varia il prezzo di un attività finanziaria la cui vita dura o 15 o 30 periodi. In ogni periodo, la detenzione di quest attività dà diritto a un dividendo (d). La legge di probabilità di d è common knowledge. Ed è la speranza matematica di d. Lo sperimentatore rende pubblico il fatto che alla fine del gioco, il titolo sarà ricomprato a un certo valore V. In ogni istante, il valore fondamentale dell'azione considerata dipende dal numero di periodi che restano da giocare prima della fine del gioco: VFn = ned + V. Nella stragrande maggioranza dei casi, all'inizio del gioco il prezzo si allontana leggermente da questo valore per, poi, salire molto in alto, ben al di là del valore fondamentale, raggiungere una sorta di limite superiore e, verso la fine del gioco, conoscere un abbassamento brutale che riporta il suo corso a livello del valore fondamentale. => Si ha la successione di una bolla al rialzo seguita da un crack con, tra i due, una fase di calma piatta. Anche in condizioni così favorevoli si osserva l emergere di bolle.

30 I mercati finanziari sono razionali? Fra convenzioni e behavioral finance Né l approccio neoclassico, né l approccio behavioral ci consentono di comprendere l esperimento di Smith, Suchanek e Williams. Si tratta di comprendere perché certe credenze sull evoluzione futura dei prezzi risultino improvvisamente privilegiate in un gruppo di agenti. => Ipotesi di autoreferezialità Bisogna pensare che tutti gli agenti sono ugualmente razionali e considerano anche l opinione del mercato per determinate l investimento redditizio. => La correlazione dei comportamenti risulta dalla natura stessa delle interazioni sul mercato in cui tutti gli investitori sono impegnati ad anticipare l opinione del mercato Come in un beauty contest in cui ai partecipanti si chiede di scegliere i sei volti più belli fra cento fotografie. Va un premio andava al concorrente le cui scelte si avvicinavano di più alla preferenza media di tutti i concorrenti di un gruppo. Naturalmente, per vincere un concorso come questo non bisogna scegliere i volti che si ritengono più belli, ma i volti che secondo noi gli altri riterranno più belli.

31 Per una teoria delle aspettative in condizioni di incertezza Il tener conto dell incertezza (nel senso di Knight e di Keynes) nelle relazioni economiche conduce non all indeterminatezza dei comportamenti, ma a certe forme specifiche di azione individuabili e formalizzabili a priori. Con il termine conoscenza incerta non intendo semplicemente distinguere ciò che è conosciuto con certezza da ciò che è solamente probabile: il gioco della roulette non è soggetto, in questo senso, ad incertezza la speranza di vita è solo leggermente incerta, ed anche il tempo atmosferico è solo moderatamente incerto. Il significato in cui uso questo termine è quello per cui si può dire che sono incerti la prospettiva di una guerra in Europa, o il prezzo del rame e il tasso di interesse da qui a vent anni, o l obsolescenza di una nuova invenzione, o la posizione dei proprietari di ricchezza privata nel sistema sociale del Su queste cose non c è alcuna base scientifica su cui poter fondare un qualsivoglia calcolo probabilistico. Noi semplicemente non sappiamo. (Keynes 1937)

32 Per una teoria delle aspettative in condizioni di incertezza L incertezza radicale cui Keynes si riferisce richiede forme di organizzazione che non possono essere ridotte a sommatoria di giudizi individuali. Essa legittima una forma istituzionale specifica, distinta dal mercato: la convenzione. In un contesto incerto la base del comportamento è l imitazione. L imitazione è la forma ultima di razionalità alla quale fanno ricorso gli agenti quando la loro conoscenza è nulla: 1) Se non ho idea sul fenomeno che cerco di valutare copiare il comportamento dell altro non può che migliorare i miei risultati; 2) Per assumere una posizione contraria a quella che risulta dall opinione media degli operatori bisogna essere assolutamente certi della propria valutazione.

33 Per una teoria delle aspettative in condizioni di incertezza Dinanzi all incertezza sistemica, una convenzione fornisce un sistema di valutazione a priori, indica pertanto l insieme di regole sociali che introducono un grado significativo di omogeneità nei comportamenti dei soggetti. Non è detto che la convenzione che si afferma risponda ad un modello epistemico corretto, cioè che essa rappresenti correttamente la realtà. Tuttavia l affermarsi di una convenzione diffonde un sistema di valutazione che può agire sulla realtà fino a trasformarla. Si tratta di una sorta di cecità collettiva che unifica la comunità degli operatori e che può garantire una certa stabilità al sistema di valutazione. La stabilità a livello macroeconomico dipende dalla convenzione prevalente. Laddove la convenzione viene meno, sorge la paura che può condurre al panico (alla perdita del senso).

34 Conclusioni Quando la dimensione dei mercati finanziari supera una certa soglia si assiste ad una trasformazione della società, dal momento che le convenzioni proprie della comunità finanziaria si diffondono fino a rimettere in discussione la credenza comune che costituisce il legame sociale primordiale delle società mercantili, la moneta. Cosa accade se nel capitalismo diventa centrale il ruolo dei mercati finanziari, cioè se il risparmio collettivo è drenato dalle Borse e se il finanziamento dell economia si sposta dal settore bancario a quello borsistico? Accade che la Banca Centrale si trova in qualche modo costretta ad assecondare la domanda di liquidità proveniente da posizioni debitorie via via crescenti. Accade cioè che la moneta certificata dalla Banca Centrale (la liquidità assoluta), deve sostenere la fiducia nei titoli quotati in Borsa, eletti a quasi-moneta, a liquidità derivata.

35 Conclusioni Quando si ha paura aumenta il desiderio di detenere una forma specifica di assicurazione contro l incertezza, aumenta cioè il desiderio di detenere ricchezza astratta, liquidità. Sin qui Orléan assimila l insegnamento di Keynes: Il nostro desiderio di detenere moneta come riserva di ricchezza è un barometro del nostro grado di sfiducia nelle nostre capacità di calcolo e nelle nostre convenzioni sul futuro [ ] Esso subentra nei momenti in cui le più superficiali, più instabili convenzioni si sono indebolite. Ma cosa ha condotto gli uomini a ricorrere alla moneta? In che senso la moneta può unificare una comunità di uomini? Per poter evitare il caos è necessario individuare un concetto di ricchezza che abbia per tutti la stessa validità. In assenza di questo punto fermo, gli uomini si affidano al mimetismo: la razionalità mimetica è tipica di quegli individui che ricercano una forma di ricchezza assoluta (la liquidità assoluta che consente di negoziare in una situazione di massima incertezza): Desiderando questo o quell oggetto, il rivale lo indica al soggetto come desiderabile. Il rivale è il modello del soggetto, non sul piano superficiale dei modi d essere, delle idee, ecc., ma sul piano del desiderio. R. Girard

36 Conclusioni La moneta sorge allora in quanto espressione dell essere insieme che caratterizza un gruppo, essa è l espressione della totalità sociale. Da essa dipende la stabilità di una società mercantile. La mediazione monetaria produce uno spazio comune di valutazione e di regole permettendo gli scambi e fungendo da guida nell attività produttiva dei privati. È l adesione unanime a questa mediazione che costituisce la comunità mercantile in una società stabile. La moneta procede da una sovranità. Questa crisi in fin dei conti ci invita a ripensare né più né meno l intero sistema monetario internazionale.

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI PMS - tutti i diritti riservati La crisi e il territorio Può una Banca essere vicina al territorio in un periodo di crisi? PMS - tutti i diritti riservati

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA Milano, 22 marzo 2011 MT/dg Caro Socio, un gruppo di ricercatori dell area Finanza dell Università di Ferrara (facoltà d economia) in collaborazione con il Master CFO ANDAF-UNIFE

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF Appunti di Economia finanziaria (a c. di G.Garofalo) Il finanziamento dell economia I stadio Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi Offerta di S / Domanda di AF Famiglie surplus deficit

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky

Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky Presentazione a cura di Elisabetta Pellini e Greta Vitali 1 Introduzione Contesto specifico: determinazione di un nesso causale fra

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

3. ALTRI STRUMENTI DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE E LA CRISI DEL MERCATO

3. ALTRI STRUMENTI DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE E LA CRISI DEL MERCATO 3. ALTRI STRUMENTI DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE E LA CRISI DEL MERCATO Prof. Valter Mainetti Amministratore Delegato SORGENTE SGR S.p.A. Parma, 24-25 Marzo 2014 MP-MS 1 Indice Altri strumenti di investimento

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

I modelli fondati sul mercato dei capitali

I modelli fondati sul mercato dei capitali I modelli fondati sul mercato dei capitali Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA L approccio basato sugli spread

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Tavoletta di argilla della terza dinastia reale sumera della città di Ur, datata 2046 A.C., con la quale si registra il pagamento al palazzo reale dell

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO

COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO 1 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento 2 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento Cos e il risparmio? Differenza tra totale entrate e uscite

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni:

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni: b) Il capital Asset Pricing Model (CAPM) Il modello del CAPM è stato elaborato agli inizi degli anni 60 da tre studiosi americani: Sharpe, Lintner e Mossin. Le ipotesi semplificatrici alla base del modello

Dettagli

Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016. Corso di Macroeconomia Lezione 16

Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016. Corso di Macroeconomia Lezione 16 Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016 Corso di Macroeconomia Lezione 16 1 La teoria del consumo e il ruolo delle aspe1a2ve Le teorie

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

Principali tipologie di rischio finanziario

Principali tipologie di rischio finanziario Principali tipologie di rischio finanziario Rischio di mercato: dovuto alla variabilità dei prezzi delle attività finanziarie Rischio di credito: dovuto alla possibilità che la controparte venga meno ai

Dettagli

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA 1 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA TRA FORME TECNICHE E FUNZIONI DELLA RACCOLTA DAL PUBBLICO OBIETTIVI, CONDIZIONAMENTI DI CONTESTO E LEVE DELLA GESTIONE DELLA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Dott. Luca Anzola A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Sommario CARATTERISTICHE DEI FONDI IMMOBILIARI IL MERCATO ITALIANO I DRIVER

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

L instabilità Finanziaria: dalla

L instabilità Finanziaria: dalla L instabilità Finanziaria: dalla Crisi i Asiatica ai Mutui Subprime. D Apice DApice Vincenzo e Ferri Giovanni Settore Studi ABI - Università degli Studi di Bari Dipartimento del Tesoro Ministero dell'economia

Dettagli

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale?

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? Nadia Linciano Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della finanza comportamentale tra economia, psicologia e

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Il Dibattito sulle Agenzie di Rating: Modelli e Proposte di Regolamentazione. Vincenzo D Apice Settore Studi - Centro Studi e Ricerche Abi

Il Dibattito sulle Agenzie di Rating: Modelli e Proposte di Regolamentazione. Vincenzo D Apice Settore Studi - Centro Studi e Ricerche Abi Il Dibattito sulle Agenzie di Rating: Modelli e Proposte di Regolamentazione Vincenzo D Apice Settore Studi - Centro Studi e Ricerche Abi Agenda 1. Criticità nel settore del rating; 2. Modelli su potenziali

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento La crisi segna uno spartiacque epocale per le banche italiane come

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli