la fonte terremoto anno decimo NOVEMBRE 2011 ANNO 8 N 10 periodico dei terremotati o di resistenza umana 1,00 Foto: Silvio Mencarelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la fonte terremoto anno decimo NOVEMBRE 2011 ANNO 8 N 10 periodico dei terremotati o di resistenza umana 1,00 Foto: Silvio Mencarelli"

Transcript

1 la fonte NOVEMBRE ANNO 8 N 10 periodico dei terremotati o di resistenza umana 1,00 terremoto anno decimo Foto: Silvio Mencarelli

2 il paese degli asini Piero Basso Un uomo in giacca e cravatta è apparso un giorno in un villaggio. In piedi su una cassetta della frutta, gridò a chi passava che avrebbe comprato a 100 euro in contanti ogni asino che gli fosse stato offerto. I contadini erano effettivamente un po' sorpresi, ma il prezzo era alto e quelli che accettarono tornarono a casa con il portafoglio gonfio, felici come una pasqua. L'uomo venne anche il giorno dopo e questa volta offrì 150 euro per asino, e di nuovo tante persone gli vendettero i propri animali. Il giorno seguente, offrì 300 euro a quelli che non avevano ancora venduto gli ultimi asini del villaggio. Vedendo che non ne rimaneva nessuno, annunciò che avrebbe comprato asini a 500 euro la settimana successiva e se ne andò dal villaggio. Il giorno dopo, affidò al suo socio il gregge che aveva appena acquistato e lo inviò nello stesso villaggio con l'ordine di vendere le bestie a 400 euro l'una. Vedendo la possibilità di realizzare un utile di 100 euro, la settimana successiva tutti gli abitanti del villaggio acquistarono asini a quattro volte il prezzo al quale li avevano venduti e, per far ciò, si indebitarono con la banca. Come era prevedibile, i due uomini d'affari andarono in vacanza in un paradiso fiscale con i soldi guadagnati e tutti gli abitanti del villaggio rimasero con asini senza valore e debiti fin sopra i capelli. Gli sfortunati provarono invano a vendere gli asini per rimborsare i prestiti. Il costo dell'asino era crollato. Gli animali furono sequestrati ed affittati ai loro precedenti proprietari dal banchiere. Nonostante ciò il banchiere andò a piangere dal sindaco, spiegando che, se non recuperava i propri fondi, sarebbe stato rovinato e avrebbe dovuto esigere il rimborso immediato di tutti i prestiti fatti al Comune. Per evitare questo disastro, il sindaco, invece di dare i soldi agli abitanti del villaggio perché pagassero i propri debiti, diede i soldi al banchiere (che era, guarda caso, suo caro amico e primo assessore). Eppure quest'ultimo, dopo aver rimpinguato la tesoreria, non cancellò i debiti degli abitanti del villaggio né quelli del Comune e così tutti continuarono a rimanere immersi nei debiti. Vedendo il proprio disavanzo sul punto di essere declassato e preso alla gola dai tassi di interesse, il Comune chiese l'aiuto dei villaggi vicini, ma questi risposero che non avrebbero potuto aiutarlo in nessun modo poiché avevano vissuto la medesima disgrazia. Su consiglio disinteressato del banchiere, tutti decisero di tagliare le spese: meno soldi per le scuole, per i servizi sociali, per le strade, per la sanità... Venne innalzata l'età di pensionamento e licenziati tanti dipendenti pubblici, abbassarono i salari e al contempo le tasse furono aumentate. Dicevano che era inevitabile e promisero di moralizzare questo scandaloso commercio di asini. Questa triste storia diventa più gustosa quando si scopre che il banchiere e i due truffatori sono fratelli e vivono insieme su un isola delle Bermuda, acquistata con il sudore della fronte. Noi li chiamiamo fratelli Mercato. Molto generosamente, hanno promesso di finanziare la campagna elettorale del sindaco uscente. Il tuo sostegno ci consente di esistere la fonte ABBONAMENTI PER IL 2012 ITALIA SOSTENITORI AUTOLESIONISTI 10,00 20,00 30,00 la fonte Direttore responsabile Antonio Di Lalla Tel/fax Redazione Dario Carlone Domenico D Adamo Annamaria Mastropietro Maria Grazia Paduano Segreteria Marialucia Carlone Web master Pino Di Lalla Quaderno n. 78 Chiuso in tipografia il 20/10/11 Stampato da Grafiche Sales s.r.l. via S. Marco zona cip S. Severo (FG) Autorizzazione Tribunale di Larino n. 6/2004 Abbonamento Ordinario 10,00 Sostenitore 20,00 Autolesionista 30,00 Estero 40,00 ccp n intestato a: la fonte molise via Fiorentini, 10 2

3 pietra dopo pietra Inizia per noi terremotati il decimo anno tra le macerie materiali e morali causate dal sisma - e non solo - del 31 ottobre Scampato il sussulto della tornata elettorale, appena conclusa, che ci avrebbe portati dalla padella alla brace, come avremo modo di argomentare, ci dobbiamo porre una domanda seria che prendiamo in prestito per chiarezza e profondità da Etty Hillesum, una donna di origine ebraica morta in un lager nazista: Vado cercando un tetto sotto cui ripararmi o vado costruendo pietra dopo pietra la mia casa?. L interrogativo è centrale per analizzare le scelte individuali che poniamo in essere, ma è soprattutto dalla risposta che daranno i partiti sedicenti di sinistra, finora dubbia, che può nascere una vera alternativa al berlusconismo e ai suoi affiliati, i quali oggi cominciano a vergognarsi di lui, tanto che il centrodestra molisano si è guardato bene dal farlo intervenire nella recente squallida campagna elettorale. Finché il centrosinistra non riparte dal cosa e come vuole costruire, possiamo solo assistere agli insulsi arrembaggi che, pur non approdando a nulla, servono comunque a farlo sentire in vita. Qualcuno si è perfino scandalizzato della nostra precedente copertina che crudamente snobbava la farsa che stavano mettendo in scena, anziché indignarsi per le indecenti coalizioni scese in campo. I fatti, purtroppo, ci hanno dato ampiamente ragione, dato che alle urne si è recato appena l un per cento in più rispetto ai referendum di giugno, e c è da dire, senza contare la gran quantità di schede annullate o lasciate bianche, che erano circa quattrocento i questuanti che hanno setacciato le case promettendo mari e monti pur di carpire una preferenza. Chi a sinistra si dispera per la manciata di voti che ha impedito il sorpasso del candidato presidente Frattura ha il prosciutto sugli occhi (anzi la mortadella, che è più proletaria) per non vedere il distacco abissale fra le due coalizioni; e quelli che provano a scaricare la colpa sul movimento 5 stelle rifiutano di capire che non Antonio Di Lalla sono la causa della sconfitta, ma la conseguenza di scelte fuori luogo e rampantiste fatte proprio dal centrosinistra. Cercavano un tetto sotto cui ripararsi e glielo ha fornito tale Roberto Ruta; continuano a non rendersi conto che finché abboccano alle strategie perdenti di siffatto soggetto non vinceranno neppure se correranno da soli! I partiti del centrosinistra sono come le case danneggiate dal terremoto, se non si riparte dalle fondamenta, ma si fanno solo riparazioni funzionali, ad ogni scossone fuoriusciranno nuove e peggiori crepe. I movimenti e le associazioni, all inizio dell estate, volevano ridare linfa alla politica, ma la saccenteria dei politicanti li ha snobbati. Vado cercando un tetto sotto cui ripararmi o vado costruendo pietra dopo pietra la mia casa? Etty Hillesum Noi continueremo perché il rinnovamento passa attraverso la coscientizzazione e gli asfittici partiti, quando se ne accorgeranno, saranno sempre i benvenuti. Ma c è qualcuno di loro che è disposto a mettersi in discussione e ripartire da zero? Se non lo fanno loro, perché non ci trovano tornaconto, iniziamo noi a ricostituire circoli nei paesi, nei quartieri, dovunque ci siano persone disposte a mettersi in gioco in modo che la democrazia torni ad essere partecipata. Un tetto sotto cui ripararsi cercano i per niente onorevoli in parlamento, tenendosi aggrappati al peggiore e più squallido presidente del consiglio che la storia ricordi. Tutto intorno a loro va in frantumi, ma essi, imperterriti, si prostituiscono con la mente, quando non con il corpo, sperando che l agonia sia più lunga e redditizia possibile. Credenti e non credenti, laici e cattolici, senza un minimo di orgoglio, si ritrovano a praticare l accanimento terapeutico, perché, staccata la spina, crolla anche il tetto sotto il quale si sono riparati. La nostra rivista ha fatto del terremoto un punto imprescindibile per leggere la storia, come gli ebrei con l esilio; di conseguenza oltre che guardarli con simpatia, stiamo accanto a tutti quelli disposti a costruire pietra dopo pietra, come i giovani che non si rassegnano, che protestano, che cercano faticosamente il nuovo o di scrostare il vecchio ancora valido. Le violenze dell ultima manifestazione a Roma, prevedibili e perciò non arginate, sono servite per non prendere in considerazione le sacrosante istanze di chi vuole un mondo più a misura delle persone. Solo la malafede di certi osservatori può aver fatto confondere le pietre di cui erano portatori i giovani con i sampietrini lanciati dagli infiltrati! Siamo accanto agli immigrati che cercano pane e libertà, perciò caldeggiamo la raccolta delle firme per le proposte di legge sulla riforma della normativa sulla cittadinanza e sul diritto di voto per le persone di origine straniera residenti in Italia. La casa che vogliamo costruire non è per escludere, ma per accogliere. L alterità, come ci propone Silvio Malic con la solita profondità e competenza, è componente essenziale dell essere; senza la relazione si può sperimentare solo la prigionia dell esistenza. Ponti, non muri, vogliamo costruire con le pietre a nostra disposizione. Al nascente terzo governo Iorio lanciamo una pietra come domanda: in questi dieci anni lei ha fatto transitare tantissimo denaro per la ricostruzione e la ripresa produttiva, perché non è nato niente, anzi stiamo peggio e senza prospettive? Se la sanità ha i debiti vuol dire che si è speso, non sarebbe tempo allora di vedere almeno qualche frutto? Un tempo si rispettava il cane per il padrone, ma in questa tornata, si sarà reso conto, la gente ha accarezzato il cane e tirato un calcio al padrone! Bene fa a punirli evitando gli assessori esterni. Se non altro almeno risparmiamo 20 3

4 spiritualità la scuola del deserto Michele Tartaglia La bibbia non dà una lettura univoca dell esilio, perché esso è visto sia come punizione divina, che come tempo di nuove opportunità, in quanto il ritorno all essenzialità permette di fare ordine nella propria vita per tenere solo ciò che è buono, come direbbe l apostolo Paolo. L esilio nella bibbia è diventato, come l esodo, una categoria interpretativa per le svolte importanti, crudeli e al contempo gravide di speranza per chi riusciva a rimanere in vita. Pensiamo, ad esempio, alla lettura che fu fatta dell oppressione greca nel libro di Daniele, oppure della tragica fine di Gerusalemme ad opera dei Romani, descritta nell Apocalisse e in alcuni testi apocrifi ebraici come il IV Libro di Esdra o il II Libro di Baruc. In tutte queste situazioni il nemico è definito semplicemente Babilonia, perché ormai quell esperienza era diventata emblematica e proverbiale per ogni cambio radicale. Quando si parla di Babilonia si parla sempre di esilio, che diventa luogo di revisione di vita per imparare dagli errori commessi e per sognare un mondo non più basato sulla miopia degli interessi di bottega ma sull utopia del bene condiviso. Per questi sogni è necessaria la poesia, di cui la bibbia abbonda, soprattutto in quei grandi poeti e sognatori che sono stati i profeti che, grazie alle loro parole conservate e attualizzate nelle diverse epoche, hanno saputo far compiere una lettura non disperata anche delle situazioni più nere. Certo è il ricordo di queste parole che spesso manca e che produce, ad ogni peggioramento, solo sconforto e cinismo, se pensiamo a luoghi come il nostro Molise, colpito da terremoti e alluvioni, fossilizzato in un sistema di potere che tende solo a conservare se stesso, travolto da una crisi economica epocale che uccide, come insegna la dura legge della natura, sempre prima il più debole. Se ci affidiamo alla natura non possiamo far altro che attendere la fine, solo augurandoci che l agonia sia breve. Ma l uomo non è solo natura, non è solo lotta per la sopravvivenza, ma è cultura, è presa in carico del debole, ammaestrato da quelle voci profetiche che hanno il vertice in Gesù e che sono l eco di quel mistero d amore che chiamiamo Dio, che ha dato forza ai deboli di resistere e di lottare per un mondo più umano, capace di riflettere, cioè, l immagine di Dio. Ascoltiamo uno dei più antichi profeti scrittori, che è stato riletto e attualizzato proprio alla luce dell esilio di Babilonia, da altri sognatori anonimi, come potremmo essere noi oggi, che hanno fatto proprie le idee di questo profeta e le hanno fatte camminare sulle loro gambe. Il profeta di cui parlo è Osea, che ha lottato contro le ingiustizie di un regno opulento e decadente, come era Israele nell VIII secolo a. C., ma la cui eco è giunta fino agli esiliati di Babilonia, che hanno appreso anche da lui a coltivare la speranza: Perciò, ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore Là canterà come nei giorni della sua giovinezza, come quando uscì dal paese d Egitto. E avverrà in quel giorno - oracolo del Signore - mi chiamerai: Marito mio, e non mi chiamerai più: Mio padrone. Le toglierò dalla bocca i nomi dei Baal, che non saranno più ricordati Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nella benevolenza e nell amore, ti fidanzerò con me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore (Os 2,16-22). Il deserto dell esilio è paragonato da Osea al deserto dell esodo, non tempo semplicemente di sconfitta e di perdita, ma tempo di ammaestramento, di educazione e riflessione su ciò che è essenziale per una giusta convivenza: la giustizia e il diritto, ma anche la benevolenza e l amore reciproco, con l impegno alla fedeltà alla parola data. Se pensiamo a quanti giuramenti vengono fatti sulla costituzione o sul vangelo, a quanti impegni presi di fronte ai cittadini o a quante prediche e discorsi e prolusioni riversano fiumi di parole sulla necessità di cambiare rotta, sull impegno a migliorare la situazione dei più disagiati, sul Mediterraneo come mare nostro e quindi accogliente, tutte cose dette e non fatte, capiamo che non basta solo annunciare la giustizia o l amore, bisogna coltivare la fedeltà ed è per questo che c è bisogno della scuola del deserto, del luogo in cui tutto manca perché tutto deve essere ancora conquistato; è la scuola del sogno ma anche di quel realismo che porta ad accogliere con gratitudine solo ciò che serve per vivere, dove l accumulo di risorse aumenta solo l esposizione al pericolo di non farcela e dove non si vivono ruoli sociali, ma solo la comune appartenenza alla vita umana. Il deserto delle dittature e delle guerre del XX secolo è stato il momento in cui si sono creati i migliori documenti sulla dignità umana e se troppo presto si è tornati all egoismo dei propri affari, la provvidenziale ciclicità delle crisi permette a certe parole antiche, ma sempre attuali, di risuonare ancora per coltivare la speranza. scommettiamo che Ora che Paolo Di Laura Frattura, dopo 11 anni di rincorsa, ha finalmente conquistato uno scranno alla regione Molise, lanciamo un grande quiz la cui soluzione avremo nel giro di sei mesi: a) imparerà a dire qualcosa di sinistra; b) tornerà alla corte del suo amico Iorio; c) poltrirà come gran parte dei colleghi. Le scommesse sono aperte, se non avete altre plausibili ipotesi; d) sarà sfrattato da qualche sinistrato. 4

5 glossario Queste non sono rivolte del pane o della fame. Queste sono rivolte di consumatori deprivati ed esclusi dal mercato. Le rivoluzioni non sono la conseguenza inevitabile delle ineguaglianze sociali, lo sono invece i terreni minati Se le rivoluzioni sociali sono invece fenomeni mirati, ecco che è possibile intervenire per identificarle e disinnescarle in tempo. Ma non le esplosioni da terreno minato. Cosi si esprimeva Zigmund Bauman lo scorso agosto, dalle colonne del Corriere della Sera, all indomani della protesta che ha avuto luogo in diverse città inglesi con protagonisti migliaia di giovani. E mentre mi accingo a scrivere queste note, per le strade di Roma, quello che doveva essere il corteo degli indignati italiani - in contemporanea con quelli di tante altre città al mondo - non riesce a snodarsi per le vie della capitale, bloccato e interrotto dagli atti inconsulti e violenti di pochi (rispetto alle migliaia in corteo) inqualificabili teppisti. Lo strascico polemico, che i mezzi d informazione ovviamente ingigantiscono, fa perdere di vista l obiettivo della manifestazione e ne vanifica anche il senso profondo. Tra le parole che sono rimbalzate in questa occasione di protesta contro la crisi che affligge l intera società (mondiale) è ormai diventato familiare l anglofono default [pronuncia: dìfolt]. I media lo traducono, con approssimazione, fallimento, limitandosi ad una interpretazione riduttiva inerente il lessico specifico del settore economico. Come da più parti osservato, il vocabolo che la lingua inglese prende a prestito dal francese défaut (in italiano difetto ), è sia un sostantivo che un verbo, e si traduce in maniera differente a seconda dell area semantica cui fa riferimento: mancanza, carenza, ovviamente difetto, ma anche inadempienza che corrisponde all assenza di azione o di reazione. Nell ambito commerciale esprime insolvenza quando non sono onorati i debiti contratti, non si paga il dovuto, non si risarcisce un danno; nel linguaggio giuridico default corrisponde all italiano contumacia. In quanto verbo esso traduce venire meno, tralasciare, denunciando in tal modo colpevole inattività o responsabilità elusa. Se da un lato ci sentiamo tutti coinvolti in questo generale default perché ad ogni livello si percepisce e si vive una condizione non semplice, sul piano economico soprattutto, viene da chiedersi se parlare esclusivamente di default quale sinonimo di fallimento renda giustizia al vero significato del termine e ne rispecchi un uso proprio. A ben guardare default è una parola che nel linguaggio informatico ha una propria collocazione: le operazioni di routine di un programma vengono svolte di default, cioè in modo automatico; quando non sono presenti istruzioni specifiche da parte di un operatore, il default rappresenta la condizione normale di funzionamento del computer. Le sfumature di significato che la parola inglese ci offre contribuiscono a mio parere a delineare una immagine metaforica del tempo che stiamo vivendo. Una condizione generalizzata di default è il ritratto che possiamo fare di un potere mondiale che a detta del premio Nobel per l economia del 2008, Paul Krugman, si basa su dottrine economiche completamente divorziate dalla realtà, fondate sulla menzogna: la menzogna secondo cui non c è crescita se vengono tassati i ricchi, e quella secondo cui la crisi nasce da troppi regolamenti e non, come i fatti dimostrano, da assenza di regole (New York Times, 29 settembre). E ben vengano le proteste degli indignati che non vogliono sentirsi falliti, che non hanno intenzione di pagare per le inadempienze e le colpe di altri! Default può definirsi il crolli Dario Carlone risultato di una politica regionale anch essa, per copiare Krugman, divorziata dalla realtà: riproposizione dei medesimi schemi, sordità rispetto alle istanze da più parti presentate, conservazione mascherata dei soliti privilegi. Default come inattività, rinuncia, assenza di partecipazione. Default come crollo di qualsiasi aspettativa di miglioramento o riscatto. Crollo come negli attimi del terremoto, come se il tempo non fosse mai passato: decimo anno. Fonogramma n 610 Da ministero esterni servizio protezione civile at comando stazione carabinieri stop. Urgono notizie presunto sisma sospetto epicentro vostra zona stop calcolare danni provocati movimento tellurico et controllare scala mercalli stop rispondere in fine stesso mezzo riportando gradi esatti stop raccomandasi massima urgenza stop. Risposta: Da - comando stazione carabinieri at ministero esterni - servizio protezione civile - stop Identificato finalmente sisma - trattasi di Sisma Giuseppe fu Gaetano - nato a Napoli et qui residente - noto pregiudicato per reati contro patrimonio et persona - stop - Per quanto riguarda epi centro non risulta nel nostro elenco anagrafico né in quello dei comuni vicini a noi - stop - Potrebbe trattarsi se c è stato errore nella vostra battuta telex - di Bepi Centro - conosciuto e stimato maestro elementare - stop - Il movimento tellurico non ha provocato nessun danno perché questa locale caserma tiene sotto controllo tutti i movimenti - compreso quelli politici - sindacali - et religiosi - stop - Non abbiamo potuto controllare la scala del signor Mercalli - poiché lo stesso si è allontanato dal suo domicilio et sconoscesi suo attuale recapito - stop - Per noi carabinieri i gradi sono gli stessi di prima - io sono appuntato ed il mio collega carabiniere semplice - stop - Infine ci scusiamo per non aver risposto prima - perché qui c è stato un terremoto della madonna - stop - 5

6 società giovani in piazza Cristina Muccilli lazioni e arbitrii di un capitalismo senza argini -. E questa distanza, indifferenza, protervia determina la tessitura di un disegno omertoso nel caso delle istituzioni, e di una visione e valutazione dei fenomeni del tutto conformista e strumentalmente indirizzata e superficiale, quando non è palesemente prezzolata, dei media. Un esempio: i comitati NO-TAV sono nati in piena autonomia avendo contro tutte le forze istituzionali, e di partiti e di governo e ovviamente economiche. Quei comitati sono stati bollati e liquidati da giornali e tv come black-block, gli stessi (giornali e tv) che in questi giorni hanno diffuso la tesi secondo la quale coloro che hanno provocato gli scontri a Roma sono stati addestrati ed equipaggiati nei boschi della Val di Susa. In pratica ci hanno raccontato che coloro che lottano per decidere del futuro del proprio territorio, e quindi per la propria vita, sono soltanto dei violenti (e non donne e uomini, anziani e giovani che subiscono violenza), i quali addestrano altri violenti. E così hanno chiuso il cerchio, messo una ulteriore etichetta su di un movimento che non è uniformabile e taciuto sulle aspettative di cambiamento che non sono solo della nostra nazione ma, oramai, globali. Due brevi considerazioni. La prima, non credo che a provocare gli scontri siano state tante persone, se a piazza San Giovanni erano trecento - ma ciò che La strategia è stata la stessa usata a Genova nel 2001 anche se modificata (meno male) nella sua strutturazione. Roma, una frangia di arrabbiati ha tenuto in scacco per tre ore polizia e carabinieri a piazza San Giovanni, una frangia di violenti ha incendiato due macchine a via Labicana e devastato alcuni uffici del Ministero della Difesa, negozi e cassonetti incendiati in vari punti della città, queste le notizie sulla manifestazione degli indignati e poco altro ancora, sì, anche la condanna netta di tutte le forze politiche. Quei bravi - senza alcun cenno di ironia - giornalisti che hanno seguito la diretta hanno commentato, biasimato, elaborato, ma qualcuno si è posto la domanda: come mai non è intervenuto nessuno, perché si è lasciato tanto spazio alla rabbia di pochi (tremila, secondo le stime, ma se così fosse sarebbero pochi?)? La stessa domanda che ci facemmo per le giornate del G8 di Genova, solo che allora fu l'esplicito pretesto per la feroce condotta delle forze dell'ordine tenuta nelle manifestazioni e fino a notte fonda nella caserma di Bolzaneto. Dieci anni dopo il disegno diventa più raffinato, sottile, come la tela del ragno (involontario il tributo a Camilleri). E infatti a due giorni da sabato si parla solo degli scontri, dei danni e di leggi speciali, delle ragioni che hanno portato in piazza centinaia di migliaia di persone, nulla più. Nel comportamento dei media, nelle reazioni e nei commenti di tutta la classe politica verifico la grande distanza che separa questi da ciò che in passato si chiamava il paese reale e oggi la società civile - precari di tutti i settori del lavoro, pensionati, studenti senza più futuro, donne e uomini impoveriti da specuho visto mi porta ad immaginarne al massimo la metà - nel resto della città potevano essere presenti, si e no, nello stesso numero, altrimenti la manifestazione si sarebbe fermata non al Colosseo, ma molto prima. La seconda è riferita a quanti pensano che lanciare sassi e incendiare macchine abbia un riscontro o sia qualificante: la storia, anche quella più recente, ci insegna che la rivolta deve avere il carattere dell'ineluttabilità, i duecentomila (probabilmente molti di più) manifestanti volevano parlare. È l'elaborazione che porta all'evoluzione degli eventi, la rivolta non si impone altrimenti rimane mera violenza. Avrei voluto iniziare con le parole che il vicecomandante Marcos pronunciò all'apertura della Convenzione Democratica ad Aguascalientes in Chiapas...e prima di Aguascalientes noi avevamo detto che l'assennatezza si siede a lamentarsi sulle soglie dolenti della storia, che la prudenza permette oggi il ripetitivo ticchettio del non far nulla, dell'aspettare, del disperare, che l'insensata e dolce furia di dire tutto a tutti, a noi niente, avrebbe trovato ascolto negli altri, quegli altri che non sono soltanto noi e voi. Parole di speranza nella possibilità di cambiamento attraverso una lotta pacifica e partecipata. Uso, invece, questo breve estratto, in chiusura, a sostegno di una visione del mondo che abbia come fulcro l'essere umano e non il profitto; a sostegno di una nuova etica politica volta alla tutela del cittadino e non del capitale; a sostegno di chi dice + soldi alle scuole alle banche, semplificando in uno slogan il problema del controllo, da parte dei governi, sul denaro pubblico erogato a questi enti; a sostegno di chi pretende di essere ascoltato e rispettato in merito alle scelte che coinvolgono la sua vita. A sostegno di tutti coloro che non hanno più un lavoro e attendono interventi per lo sviluppo, a sostegno di tutti i giovani che non vogliono morire Co.Co.Co., a sostegno di chi crede che i soldi sottratti all'evasione e alla corruzione avrebbero evitato agli italiani manovre suicide ed inefficaci e che i soldi impiegati per fare le guerre servano invece per risanare bilanci e darci respiro. E parafrasando slogan, concludo dicendo: il capitale uccide anche te, digli di smettere. 6

7 società costruttori di futuro L invito mi porta in un campo di tè immenso, verde a perdita d occhio. Non si sente nessun rumore, solo una voce profonda che canta un blues denso di malinconia credo che questa sia la fine, per favore perdonami, perdona i miei peccati. La strada sterrata disegnata sul foglio mi conduce al centro del campo, dove su tre poltrone di pelle marroni siedono le tre donne premio Nobel per la pace: Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakkul Karman. Su una sedia di paglia, messa in bilico tra le zolle rialzate, c è un uomo con la testa posta sullo schienale che rivolge il suo sguardo assente verso il cielo blu immenso. Al suo fianco un vecchietto esile con la pelle nera scavata dalle rughe, versa con gesti solenni l acqua per il nostro tè. Ellen con un luminoso sorriso mi invita a sedere e mi fissa con i suoi occhi antichi, attenti. Parla a nome di tutte, mi racconta le loro storie e mentre lo fa mi stringe la mano senza abbassare mai lo sguardo. Sembra che le stia molto a cuore che io dia ascolto ad ogni sua parola. Mi parla di uomini europei vissuti durante la resistenza al nazismo e al fascismo e mi chiede con apprensione: Perché voi che siete riusciti a ribellarvi allora ora non siete stati in grado di difendervi? Noi abbiamo agito per amore del nostro popolo e perché ci sentivamo oppresse. Voi non amate il vostro popolo? Non vi sentite oppressi? devi dirmelo. Quando non si è più oppressi si diventa oppressori? Oppure quando si è saziato totalmente l appetito non resta altro da fare che digerire? Abbiamo bisogno di saperlo per noi stesse e per il nostro futuro. Ascoltate queste domande l uomo seduto sulla sedia si desta improvvisamente dal suo torpore e non mi lascia il tempo di aprire la bocca che irrompe con vigore in mezzo a noi: Signore meravigliose dice io sono Alfonso Gatto, poeta. Non siate preoccupate, i vostri volti sono puliti e onesti e voi non cambierete, perché farete della resistenza una categoria esistenziale. Contrasterete la forza che agisce contro di voi e che vi invita a cedere, durerete al limite della vostra tenacia e della vostra pazienza fisica. Insieme a voi i poeti resisteranno all approssimazione della verità, gli uomini di religione all approssimazione della loro fede, i rivoluzionari al logorio dei loro insuccessi, gli individui si formeranno in una coscienza comune!. Finito di parlare, il poeta bacia tutte calorosamente, fa un grande inchino prima verso di noi, poi verso il nostro cameriere, e portandosi la sedia sotto il braccio se ne va verso l orizzonte infinito. Le donne si guardano sbalordite e sollevate bisbigliando qualcosa tra di loro. Mi decido a intervenire supplicandole: Portatemi con voi, io vi aiuterò in qualsiasi cosa, qui non vedo nulla per cui valga la pena di lottare e di vivere. A queste parole Ellen si scurisce in volto e il suo tono di voce diventa severo: Quello Michela Di Memmo che dici è sbagliato! Se tu senti la pena per la decadenza di un mondo, sai già come occorre agire. Bisogna cercare i fiori ancora vivi tra le macerie, prendersene cura, lavorare mossi dall amore. Lo dice Sant - Agostino: dalla radice dell amore non può che maturare il bene. Se ti rassegni in questo momento fai la cosa più semplice, ma tu hai il dovere di ambire al difficile!. Continua a parlare animatamente, il suo copricapo di seta azzurra si agita nel vento, ma io non sento più nulla. Una musica sempre più forte si alza dalla terra. Le donne stanno per salutarmi, lo vedo dai loro gesti affettuosi. Prima di sparire anche loro nel fitto mare verde si chinano con devozione davanti al vecchio, che socchiude i suoi occhi dolci e mostra un sorriso capace di portare la pace all intera umanità. È l umile servitore Nelson Mandela che adesso mi tiene tra le sue braccia, rassicurante e austero come un nonno, mi accarezza teneramente i capelli e la musica che sento sembra provenire dalla sua anima. Possa tu crescere per essere giusta, possa tu crescere per essere sincera, possa tu conoscere sempre la verità, possa tu essere sempre coraggiosa, stare eretta e forte, possa tu avere delle forti fondamenta, quando i venti del cambiamento soffiano, possa il tuo cuore essere gioioso. Roma, poche centinaia di teppisti causano danni incalcolabili. Votando la fiducia. ( www. spinoza. it) 7

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli