APPENDICE TELESCOPI E SONDE GLI STRUMENTI PER LA CONQUISTA DELLO SPAZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPENDICE TELESCOPI E SONDE GLI STRUMENTI PER LA CONQUISTA DELLO SPAZIO"

Transcript

1 APPENDICE TELESCOPI E SONDE GLI STRUMENTI PER LA CONQUISTA DELLO SPAZIO 0_appendice.indd 1 1/0/1 1:

2 _appendice.indd 1 1/0/1 1:

3 I grandi progressi fatti nel corso del XX secolo nella comprensione dell Universo, non sono dovuti soltanto alla nascita dell era spaziale e quindi alla possibilità di studiare i corpi celesti utilizzando tutto lo spettro elettromagnetico (raggi gamma, raggi X, ultravioletto, infrarosso che sono assorbiti totalmente o parzialmente dalla nostra atmosfera) ma anche all utilizzo di telescopi a Terra della «nuova generazione», molto più grandi e sofisticati dei precedenti, nonché a rilevatori elettronici più sensibili dell emulsione fotografica. Diamo qui un breve cenno degli strumenti, sia terrestri che spaziali, che più hanno contribuito al progresso della conoscenza della volta celeste. Cominciamo con i telescopi e poi facciamo una carrellata storica sulle sonde e rover principali. TELESCOPI Telescopi ottici Il più grande telescopio della vecchia generazione ancora in funzione è il metri di Monte Palomar e rappresenta un limite praticamente insuperabile. Difatti per ottenere immagini otticamente perfette la superficie parabolica dello specchio (un gigantesco specchio da barba) non dovrebbe discostarsi più di una frazione di micron dalla figura geometrica ideale. Poiché il vetro è un fluido, tende a deformarsi sotto il proprio peso, e perciò occorre lavorare un blocco di vetro di spessore almeno un quinto del diametro. Lo specchio va montato sulla montatura meccanica del telescopio, che deve poter ruotare da est a ovest per seguire il moto apparente della volta celeste e da sud a nord per puntare ogni punto del cielo. Poiché l esposizione necessaria per ottenere le immagini di oggetti molto deboli, specialmente usando come rivelatore l emulsione fotografica, poteva durare tutta la notte, era necessaria una montatura estremamente rigida e pesante, perché una flessione della montatura durante l esposizione, pur con lo specchio perfetto, renderebbe l immagine mossa Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 1 0_appendice.indd 1 1/0/1 1:

4 Eppure i telescopi della nuova generazione raggiungono anche i metri e sono «sottili», qualche decina di cm di spessore. Possono essere formati da una superficie unica, oppure da tasselli, che come le piastrelle di un pavimento coprono tutta la superficie. Sotto vari punti dello specchio o sotto ogni tassello c è un «adattatore» collegato a un computer che dice in tempo reale come va spostato il tassello per mantenere la superficie aderente al modello geometrico ideale. Con questa tecnologia si sono realizzati i specchi da, metri di diametro del VLT (Very Large Telescope) presso l osservatorio europeo per l emisfero australe (ESO, acronimo di European Southern Observatory), situati nel deserto di Atacama sulle Ande cilene; i due specchi da metri di diametro dell osservatorio americano sul vulcano spento Mauna Kea alle Hawaii; e l ESO sta progettando un telescopio da metri di diametro per cercare di scoprire pianeti extrasolari, anche piccoli come la Terra, e vederne le immagini. Tutti questi telescopi sono situati in zone desertiche, lontane dall inquinamento luminoso prodotto dalle luci artificiali. 1-1 I telescopi del VLT dell ESO in Cile hanno, metri di diametro. Nella foto sono visibili tre di essi, mentre si stanno compiendo le operazioni preparatorie per la notte. (ESO, G.HÜDEPOHL) 0 APPENDICE 0_appendice.indd 0 1/0/1 1:

5 I due telescopi da metri alle Hawaii sono i più grandi del mondo. Anche l altitudine è da record, poiché l osservatorio Keck si trova a ben metri sul livello del mare. I telescopi sono illuminati all interno delle cupole, prima del lavoro notturno. (WMKO) Radiotelescopi Quando, invece, si osserva il cielo con i radiotelescopi, bisogna tener conto del fatto che abbiamo a che fare con radiazioni di lunghezza d onda da qualche cm a parecchi metri. Poiché la lunghezza d onda è, per così dire, lo scandaglio che ci informa dei dettagli delle immagini celesti, questo scandaglio ci dà dettagli molto più grossolani di quelli ottenibili con la luce visibile, la quale ha lunghezza d onda dell ordine del migliaio di Angstrom (Å) e cioè del centomillesimo di cm. L ottica ci insegna che il potere risolutivo, cioè la capacità di vedere dettagli di un immagine (l equivalente dell acuità visiva del nostro occhio), è tanto maggiore quanto più piccola è la lunghezza d onda e quanto più grande il diametro del telescopio. Per fare un esempio, prendiamo il caso dell occhio nudo: per la lunghezza d onda di massima sensibilità nel giallo verde, circa 00 Å o, centomillesimi di cm, e il diametro della pupilla in condizioni di luce normale, di circa mm, si trova che il potere risolutivo dell occhio nudo è, decimillesimi di radiante o secondi (un radiante equivale a Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 1 0_appendice.indd 1 1/0/1 1:

6 secondi). Un telescopio di metri di diametro ha un potere risolutivo di centesimi di secondo. Per avere lo stesso potere risolutivo lavorando alla lunghezza d onda di un cm occorrerebbe un telescopio di diametro volte più grande. Alla lunghezza d onda di un metro, ancora 0 volte più grande. Il problema è stato risolto con i grandi radiotelescopi costituiti da più elementi collegati elettronicamente, addirittura su diversi continenti, così da avere telescopi di diametro paragonabile a quello della Terra. Il principio su cui si basano questi radiotelescopi è che per ottenere un dato potere risolutivo da uno specchio non è necessario utilizzare tutta la superficie, bastano due punti diametralmente opposti. Fra i più grandi radiotelescopi di questo tipo va ricordato il VLA (Very Large Array) situato a Socorro nel Nuovo Messico, composto da decine di antenne che si estende su una cinquantina di km. Il più grande radiotelescopio italiano è la «Croce del Nord», costruito e operato dall istituto di radioastronomia del CNR e ora facente parte dell INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica), situato a Medicina in provincia di Bologna. Il braccio est-ovest è formato da una sola antenna di forma cilindro-parabolica lungo 0 metri e largo metri. Il braccio nord-sud è formato da antenne anch esse di forma cilindro-parabolica lunghe, metri e larghe, disposte parallelamente a metri l una dall altra. Tutto l insieme più che una croce ha la forma di una T. Alla Croce si sono aggiunte tre grandi parabole, una di metri di diametro sempre a Medicina, una di metri a Noto (Sr) in Sicilia e una da metri in Sardegna in località San Basilio, a km da Cagliari, a formare un unico radiotelescopio che a sua volta è inserito in un interferometro intercontinentale internazionale. Ultravioletto I telescopi spaziali per l ultravioletto rappresentano la naturale estensione dei telescopi ottici, in quanto la gran maggioranza delle stelle e delle nebulose interstellari irraggia in gran parte nell ultravioletto. A differenza dei radiotelescopi, i telescopi per l ultravioletto sono in tutto simili a quelli ottici. Fra questi vanno ricordati tre grandi successi della scienza spaziale, Copernicus (lanciato il agosto 1), IUE (International Ultraviolet Explorer, gennaio 1) e HST, il telescopio spaziale Hubble (Hubble Space Telescope, aprile e ancora funzionante). Copernicus, è stato il primo grande telescopio in orbita con uno specchio di 0 cm ed è rimasto unico per aver reso possibile ottenere spettri ad alta risoluzione fra 00 e Angstrom, regione spettrale che ha permesso misure accurate dell abbondanza del deuterio interstellare, di grande importanza per la verifica delle teorie cosmologiche. APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

7 Il telescopio spaziale Hubble ha un diametro di, metri. Operando in orbita terrestre fuori dall atmosfera, il Telescopio Spaziale ha l enorme vantaggio di non essere disturbato dalla turbolenza dell aria. Per tale motivo, le sue immagini sono generalmente dieci volte più nitide rispetto ai maggiori telescopi ottici terrestri. Da vent anni, il Telescopio Spaziale è lo strumento di punta dell astronomia mondiale. (NASA) IUE è stato l unico a orbitare su un orbita geosincrona, cioè a circa.000 km dalla Terra e avere un periodo orbitale di circa un giorno, il che permetteva di utilizzarlo come un telescopio a terra, in modo estremamente flessibile. Malgrado lo specchio fosse di soli cm, lo spettrografo era molto più rapido di Copernicus e consentiva di ottenere spettri ad alta e bassa risoluzione anche di stelle più deboli della 1 a magnitudine. l telescopio spaziale Hubble col suo specchio di, metri è stato portato in orbita il aprile dalla navicella Shuttle Discovery. È stato ed è il più grande telescopio ottico in orbita. Oltre a sfruttare l assenza di atmosfera per studiare i corpi celesti dall ultravioletto all infrarosso, HST, grazie all assenza di turbolenza atmosferica ha un potere risolutivo che gli ha permesso di mostrarci dettagli mai visti prima di nebulose interstellari e di galassie Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

8 HST, come anche Copernicus è in orbita bassa, circa 00 km dalla Terra. Il periodo orbitale è circa 0 minuti. Questo vuol dire che ogni minuti circa bisogna cambiare il campo di osservazione perché nascosto dalla Terra. Perciò se dobbiamo osservare oggetti deboli che richiedono esposizioni di molte ore bisogna osservarli per mezz ora e poi riprenderli di nuovo in orbite successive. Oppure se abbiamo una stella variabile in modo irregolare da osservare in continuazione, non è possibile farlo. Inoltre occorre programmare in anticipo tutta la serie di oggetti da osservare e non è possibile cambiarla sul momento, come si fa a Terra (e come si può fare con IUE), se appare un fenomeno inaspettato come l esplosione di una nova o di una supernova. In compenso l orbita bassa ha permesso agli astronauti di raggiungere con lo Shuttle il telescopio spaziale, sia per installare una lente correttrice di errori che erano stati fatti nella lavorazione dello specchio, sia per sostituire gli strumenti ausiliari (spettrografi, fotometri, camere) nel piano focale del telescopio con un bell esempio di «attività extraveicolare», cioè le ormai celebri «passeggiate nello spazio». Infrarosso Il cielo è stato osservato anche nell infrarosso, a lunghezze d onda da qualche micron fino a 0 micron. Il primo telescopio di questa categoria è stato IRAS (Infrared Astronomical Satellite, della NASA). L europeo ISO (Infrared Space Observatory), è stato messo in orbita il 1 novembre 1 e ha lavorato per quasi due anni. A differenza dei telescopi per l ottico e l ultravioletto, la vita dei telescopi per l infrarosso è piuttosto breve. Questo dipende dal fatto che il telescopio osserva oggetti a bassa temperatura che irraggiano soprattutto nell infrarosso e hanno la stessa temperatura del telescopio, che introduce quindi un indesiderata fonte di rumore. Per evitare ciò, occorre immergere il telescopio in un grande thermos pieno di elio liquido, il quale evapora abbastanza rapidamente. Il più recente telescopio per infrarosso si chiama Spitzer in onore dell astrofisico americano Lyman Spitzer. Esso ha permesso di individuare la luce infrarossa diffusa che si Il Telescopio Spaziale Spitzer opera nell infrarosso, con un diametro di cm. È stato lanciato nel 0 su un orbita interplanetaria attorno al Sole (disegno a destra), lontano dalla Terra per evitare il riscaldamento del telescopio da parte del nostro pianeta. (NASA) APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

9 ritiene sia dovuta alle prime grandi stelle, formatesi 0 o 0 milioni di anni dopo il Big Bang. Telescopi per raggi X e Gamma Fra i telescopi a raggi gamma e raggi X, ricordo l UHURU che ha osservato per primo il cielo a raggi X ed è stato lanciato dalla piattaforma petrolifera italiana davanti alle coste del Kenia. L idea dell utilizzo della piattaforma per il lancio dei satelliti è stata dell italiano Luigi Broglio, esperto di astronautica. Da qui fu lanciato il satellite San Marco il 1 dicembre, che fece dell Italia l unica nazione oltre a USA e URSS ad avere un proprio satellite in orbita attorno alla Terra. Importante da ricordare il satellite per raggi gamma Beppo Sax, dedicato a Giuseppe Occhialini, Beppo per gli amici e colleghi. Nel 1, al tempo della guerra fredda, gli Usa avevano lanciato due satelliti Vela per scoprire eventuali esplosioni nucleari Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

10 clandestine al di fuori dell atmosfera. Invece delle bombe sovietiche, questi scoprirono degli improvvisi lampi di radiazione gamma la cui durata andava da qualche centesimo di secondo a qualche minuto. I lampi apparivano indifferentemente in ogni parte del cielo. Generalmente al lampo gamma seguiva un aumento di radiazione a raggi X. La distribuzione perfettamente isotropica sia rispetto alla Terra che rispetto alla Via Lattea voleva dire che si trattava di oggetti situati in un alone molto grande intorno alla Galassia, tanto che si poteva considerare la Terra praticamente al centro della Via Lattea, oppure si trattava di galassie. Senza sapere da che oggetto proveniva il lampo, e quindi senza conoscerne la distanza era impossibile calcolare l energia emessa. La difficoltà di identificare gli oggetti responsabili dei lampi gamma dipende dal fatto che i rivelatori gamma ci dicono che il lampo proviene da una parte del cielo molto ampia ma non il punto preciso. Il problema è stato risolto da Beppo Sax, il quale a bordo, oltre alla camera per raggi gamma aveva anche un rivelatore di raggi X che era in grado di individuare con precisione la posizione di una sorgente. Quando veniva osservato un lampo gamma, Beppo Sax aveva la capacità di passare rapidamente dal modo di osservazione a raggi gamma a quello a raggi X e andare poi a cercare in quella parte di cielo la presenza di una sorgente rapidamente variabile di raggi X. In questo modo si è potuto stabilire che i lampi gamma provengono tutti da lontane galassie, e l emissione inizia a raggi gamma e poi continua nel dominio dei raggi X, ultravioletto, visibile. Poiché le galassie responsabili dei lampi sono tutte lontane alcuni miliardi di anni luce, noi le vediamo nel lontano passato quando erano molto più giovani, e quindi i lampi gamma sarebbero un fenomeno caratteristico delle galassie di più recente formazione. Successivamente, sono stati messi in orbita diversi telescopi per osservare le radiazioni ad alta energia, come il GRO (Compton Gamma Ray Observatory), che ha operato durante un decennio fino all anno 00. Fra i principali strumenti ora in attività, abbiamo il satellite Chandra (in onore del fisico indiano Chandrasekhar) per i raggi X, lanciato dalla NASA nel 1. Per i raggi Gamma è attualmente in funzione il satellite Fermi, con la partecipazione dell Italia e di altri Paesi, insieme alla NASA che lo ha lanciato nel 0. Un importante partecipazione italiana si ha nel satellite europeo Integral per raggi X e Gamma, in attività dal 0. Hipparcos Un telescopio spaziale unico nel suo genere è stato HIPPARCOS (HIgh Precision PARallax COlleting Satellite), destinato a misurare distanze, moti propri e magnitudini delle stelle, e perciò chiamato APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

11 Il telescopio Compton a raggi Gamma. Denominato anche GRO (Gamma Ray Observatory), questo strumento ha funzionato in orbita terrestre dal al 00. (NASA) «Ipparco», perché come il grande astronomo greco fece il primo catalogo stellare, così HIPPARCOS ha fatto il primo catalogo astrometrico spaziale. È stato lanciato dall Agenzia Spaziale Europea nell agosto 1. Grazie a un complesso sistema ottico ha potuto misurare distanze e moti propri di centinaia di migliaia di stelle e il loro splendore nel blu e nel giallo-verde. Il catalogo Hipparcos contiene dati per 1. stelle, le più deboli delle quali sono 1 volte più deboli della sesta magnitudine. In un secondo catalogo basato sulle osservazioni di Hipparcos, chiamato Tycho, da Tycho Brahe, grande osservatore e maestro di Keplero, sono elencate più di un milione di stelle, con precisione un po inferiore, e gli oggetti più deboli sono quasi 00 volte più deboli di quelle visibili a occhio nudo, cioè di magnitudine 1, Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

12 SONDE INTERPLANETARIE L esplorazione diretta del Sistema solare Per lo studio del Sistema solare, al giorno d oggi generalmente le osservazioni non si fanno più con i telescopi, come aveva iniziato a fare Galileo Galilei. Le moderne ricerche planetarie procedono invece con l esplorazione diretta, inviando sonde spaziali verso i pianeti per osservarli da vicino, oppure addirittura per toccarne il suolo. Cominciando dallo spazio circumterrestre, la presenza dell uomo in orbita a partire dall anno 00 è ormai continua a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, per la conduzione di ogni genere di studi scientifici e astronomici. Ma forse non tutti sanno che l unico mezzo attualmente disponibile per andare nello spazio è la vetusta navicella russa Soyuz, essendo ormai fuori servizio lo Space Shuttle americano. Lanciata per la prima volta nel 1 dall Unione Sovietica, la Soyuz ha avuto diverse generazioni nel corso dei decenni. Attualmente viene utilizzata la versione Soyuz- TMA, capace di portare in orbita astronauti. La navicella russa Soyuz-TMA, capace di portare tre uomini in orbita. Dopo la dismissione degli Shuttle americani, questo antiquato ma collaudatissimo veicolo spaziale russo resta l unico mezzo per raggiungere la Stazione Spaziale. (ROSCOSMOS/NASA) APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

13 Il «treno» lunare Apollo è una complessa struttura modulare, che ha orbitato intorno alla Luna nelle missioni con astronauti. Sulla sinistra si trova il voluminoso Modulo di Servizio, con la capsula conica per l equipaggio. A destra è agganciato Il LEM (Modulo di Escursione Lunare) a forma di ragno. (GRAFICA NASA) Sonde lunari Il primo corpo celeste esplorato direttamente, rendendo così obsoleto il telescopio per il suo studio scientifico, è stata ovviamente la Luna. Negli anni Sessanta una numerosa serie di sonde automatiche ha anticipato lo sbarco degli astronauti, dopo che nel 1 la sonda sovietica Luna aveva mostrato per la prima volta la faccia nascosta agli occhi umani. L epopea del Progetto Apollo resta tuttora ineguagliata. L impresa è stata così straordinaria, che vi sono numerose persone le quali non credono che missioni con 1 astronauti americani abbiano raggiunto la Luna più di anni fa, tra il 1 e il 1. Il veicolo spaziale utilizzato per queste missioni è un astronave composta di moduli collegati, che formano una specie di «treno» in orbita attorno alla Luna. A un estremità si trova il Modulo di Servizio, cilindrico, con il potente motore per ripartire verso la Terra. Questo voluminoso elemento è collegato alla capsula Apollo, di forma conica, che ospita gli astronauti e servirà al rientro sul nostro pianeta. A essa è agganciato Il LEM (Modulo di Escursione Lunare), destinato a staccarsi per scendere sulla Luna, che a sua volta Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

14 comprende una base dotata di zampe, nonché il piccolo Modulo di Risalita che riporterà gli astronauti in orbita lunare. Dopo il Progetto Apollo, gli sbarchi degli astronauti sono cessati, ma è proseguita attivamente l esplorazione strumentale del nostro satellite. Non vanno dimenticate le sonde sovietiche della serie Lunik, veri robot capaci di muoversi per chilometri sul suolo lunare e di riportare campioni sulla Terra, che hanno proseguito le loro missioni fino al 1. Nei decenni successivi, l esplorazione è proseguita da parte di varie Nazioni, con l invio in orbita lunare di sonde piccole ma sofisticate, che hanno mappato metro per metro il suolo della Luna. Vi sono state varie sonde americane: citiamo Clementine «piccola come un arancia» nel 1; le cinque missioni fotografiche Lunar Orbiter tra il 1 e il 1; il Lunar Prospector partito nel 1 e fatto schiantare l anno dopo sul Polo Sud lunare, fino alla Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) lanciata nel 0 e ancora in attività. Anche i Paesi orientali si sono cimentati con la Luna: la sonda giapponese Kaguya (Selene) in orbita dal 0 al 0 ha inviato splendidi filmati, per ultima la cinese Chang e- ha orbitato per mesi attorno alla Luna nel, effettuando riprese ad alta risoluzione. Venere e Mercurio L esplorazione diretta del suolo di Venere è stata finora appannaggio esclusivo della vecchia Unione Sovietica, che ha realizzato imprese eccezionali tra il 1 e il 1, facendo scendere le sonde corazzate Venera (dalla Venera alla Venera 1) sotto l impenetrabile coltre di nubi che avvolge il pianeta. Queste enormi sonde, simili piuttosto a dei batiscafi, hanno resistito per più di un ora alle terribili pressioni e alle altissime temperature (quasi 00 C) del pianeta, analizzando l ambiente e scattando fotografie panoramiche sulla infernale superficie venusiana. Da parte loro, gli Stati Uniti hanno inviato la sonda Magellan in orbita attorno a Venere dal 1 al 1, mappando l intera superficie del pianeta con il radar. Si sono così scoperti numerosi vulcani attivi. Mercurio, il pianeta più vicino al Sole, non è stato oggetto di molte missioni spaziali. È stato raggiunto per la prima volta nel 1 dalla sonda americana Mariner, che ha sorvolato il pianeta per volte in un anno. Poi Mercurio è stato rivisitato nuovamente appena nel 0 dalla sonda Messenger, che è tuttora in attività orbitando attorno al pianeta. Esploratori marziani Marte è il pianeta più simile alla Terra ed è anche il meglio esplorato, alla ricerca per ora infruttuosa di vita extraterrestre. Le 0 APPENDICE 0_appendice.indd 0 1/0/1 1:

15 I rover marziani. Spirit e il suo gemello Opportunity sono due veicoli con intelligenza artificiale, che hanno percorso per anni il suolo di Marte. Hanno esplorato montagne e crateri, analizzando il terreno e le rocce. (GRAFICA NASA) Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 1 0_appendice.indd 1 1/0/1 1:

16 prime sonde a posarsi sul pianeta rosso furono i due Viking gemelli nel 1, autentici laboratori chimici per l analisi del suolo e dell ambiente marziano. Due decenni dopo, nel 1 il Pathfinder atterrò su Marte e fece anche uscire un piccolo robot semovente, il Sojourner, capace anche di trapanare e analizzare le rocce. Nel 0, la Phoenix atterrò vicino alla calotta polare, trovando acqua ghiacciata nel terreno. Spirit e Opportunity sono due rover gemelli, atterrati su Marte nel 0, che poi hanno viaggiato per chilometri sul pianeta rosso esplorando il territorio, salendo sulle montagne e nei crateri, con la facoltà di analizzare il terreno e le rocce nei luoghi più interessanti. Sono dotati di intelligenza artificiale, che li rende capaci di evitare gli ostacoli anche senza istruzioni dalla Terra. La parte superiore è coperta di pannelli solari, mentre il lungo «collo» regge una telecamera stereoscopica. Nel 1 Opportunity è ancora in funzione. Viaggiatori del profondo I Pioneer e, partiti nel 1 e, furono le prime sonde a spingersi verso Giove e Saturno, e a lasciare il Sistema solare. APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

17 Viaggiatori del profondo. A sinistra: una delle due sonde gemelle Voyager, che hanno esplorato i pianeti giganti: Giove, Saturno, Urano e Nettuno. L immagine è scura poiché lontano dal Sole c è poca luce; queste sonde non hanno pannelli solari ma piccoli generatori nucleari. (GRAFICA NASA) A destra: la sonda Galileo ha inviato una capsula di discesa nell atmosfera di Giove (in primo piano). La Galileo è entrata in orbita attorno al pianeta, esplorando (a sinistra) i famosi satelliti medicei. (GRAFICA DON DAVIS) Le due sonde interplanetarie gemelle Voyager, partite dalla Terra nel 1, hanno visitato con passaggi radenti i grandi pianeti esterni: Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Il lunghissimo viaggio interplanetario è durato più di un decennio e la Voyager ha sorvolato Nettuno nel 1. Nelle regioni più remote del sistema planetario la luce del Sole scarseggia; pertanto le sonde che si spingono così lontano sono alimentate da generatori nucleari, perché i pannelli solari sarebbero inutili. Nel 1, dopo anni di viaggio, la sonda Galileo, è entrata in orbita attorno a Giove, esplorando con numerosi passaggi radenti i quattro satelliti scoperti da Galileo Galilei: Io, Europa, Ganimede e Callisto. La Galileo ha anche lanciato una capsula di discesa dentro l atmosfera del gigantesco pianeta. La missione Cassini ha raggiunto Saturno nel 0 dopo un viaggio di anni. Ha poi esplorato il sistema di anelli e i suoi numerosi satelliti, orbitando per anni attorno al grande pianeta. La piccola sonda europea Huygens si è staccata dalla nave-madre Cassini, per andare a esplorare il satellite Titano, che è avvolto in una nebbiosa atmosfera rossa. La discesa di Huygens su Titano ha svelato un mondo da fan Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

18 tascienza, che ospita montagne, fiumi e laghi di metano. Questo satellite è il più grande del Sistema solare ed è l unico che possiede un atmosfera. Titano è anche il corpo celeste più lontano dalla Terra, su cui sia atterrata una sonda. Comete e asteroidi Le prime missioni verso una cometa sono state quelle della sonda europea Giotto e della sovietica Vega, che nel 1 hanno fotografato il nucleo della cometa di Halley. La prima missione con discesa su un asteroide è stata invece quella dell americana Near, che ha raggiunto Eros nell anno 00. Dopo numerose orbite, alla fine la sonda si è posata dolcemente su questo corpo celeste lungo km, che minaccia la Terra poiché percorre un orbita a rischio di collisione col nostro pianeta. La sonda giapponese Hayabusa (che in giapponese significa Falco pellegrino) ha raggiunto il piccolo asteroide Itokawa nel 0. In questa eccezionale missione, la Hayabusa ha toccato il suolo, prelevando alcuni minuscoli frammenti con un congegno a scatto. Nell urto contro l asteroide, però, si sono persi i contatti La missione Cassini ha studiato gli anelli e i satelliti di Saturno. Il modulo Huygens (capsula conica) ha raggiunto Titano, il satellite (a destra) con l atmosfera rossa. (GRAFICA NASA, JPL) APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

19 La discesa di Huygens su Titano ha svelato un mondo alieno con montagne, fiumi e laghi. Il paesaggio al suolo mostra la spiaggia di un lago di metano liquido. (GRAFICA D. DUCROS, ESA) con la sonda, che ha iniziato a rotolare nello spazio, totalmente fuori controllo. Dopo mesi di sforzi, gli scienziati giapponesi sono infine riusciti a riprendere i comandi dirigendo la Hayabusa verso la Terra. Cinque anni dopo la sonda ritornava sul nostro pianeta, facendo cadere una capsula che è stata recuperata in Australia. 1 La sonda americana Deep Impact (Impatto Profondo) nel 0 ha fatto schiantare un apposito modulo sul nucleo della cometa Tempel 1, provocando un esplosione artificiale. Questa ha generato un aumento di luminosità della cometa, visibile anche dalla Terra. 1 Successivamente, la sonda Stardust (Polvere di Stelle) ha sorvolato la Tempel 1 fotografando il nuovo cratere «fatto a mano». La stessa Stardust aveva in precedenza compiuto un lungo viaggio interplanetario, sorvolando la cometa Wild e inviando sulla Terra alcune particelle di pulviscolo della chioma, racchiuse in una capsula. La missione della sonda Dawn è in pieno svolgimento. Dopo aver raggiunto nel l asteroide Vesta, che è il terzo corpo in Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

20 La sonda giapponese Hayabusa sull asteroide Itokawa. Sulla punta dell asteroide, la sonda ha fotografato la propria ombra (macchiolina scura), ma non ha potuto ritrarre se stessa, per cui è riprodotta con un fotomontaggio. (JAXA - JAPAN AEROSPACE EXPLORATION AGENCY) 1 Esplosione artificiale sulla cometa Tempel 1, prodotta dalla sonda Deep Impact. Disegnata in piccolo, è riportata la sonda Stardust che successivamente ha sorvolato la cometa. (NASA) APPENDICE 0_appendice.indd 1/0/1 1:

21 1 Il motore a ioni. Questo rivoluzionario mezzo di propulsione interplanetaria è in grado di funzionare continuamente per anni. (JAXA) ordine di grandezza nella fascia degli asteroidi (dopo Cerere e Pallade), la sonda dovrà toccare il pianetino Cerere nel 1. Le più moderne sonde americane e giapponesi per l esplorazione di comete e asteroidi sono equipaggiate con motori a ioni, che consentono maggiore libertà nelle traiettorie di viaggio entro il Sistema solare. Infatti il motore a ioni è un propulsore rivoluzionario, che può funzionare continuamente per anni. 1 NELLE PAGINE SEGUENTI La scala del cosmo. Per orientarci nell Universo, possiamo usare il metodo delle «scatole cinesi», dove ogni cubo è 00 volte più grande del precedente. Partendo da 1 metro lineare (al centro in basso nella figura), troviamo un primo cubo (a sinistra) che ha 1 km di lato e comprende la località, o il rione cittadino, in cui ci trovaimo. Il cubo successivo, con 00 km di spigolo, contiene l Italia (qui ritratta dall orbita). Il passaggio seguente ci porta già nello spazio, poiché arriviamo a 1 milione di chilometri, che è la dimensione del sistema Terra-Luna. Nel prossimo cubo, entro 1 miliardo di km ci sta il nostro Sistema solare fino a Giove. Con tale progressione di mille in mille, andiamo poi a considerare (pagina a destra) un cubo di 00 miliardi di km, pari a 0,1 anni luce, che risulta vuoto con il Sole al centro. Le distanze interstellari sono così grandi, che soltanto la prossima «scatola», con 0 anni luce di spigolo, contiene le stelle più vicine a noi. Poi nel cubo che segue, entro anni luce, ci sta tutta la Via Lattea. Questa è solo una delle innumerevoli galassie disperse nell Universo, che vediamo aggregate in ammassi nel successivo cubo di 0 milioni di anni luce. La serie però non va avanti indefinitamente, perchè alla fine dobbiamo fermarci a una «scatola» ideale di 0 miliardi di anni luce (a destra in basso), che comprende l intero Universo osservabile. (WWW.FERLUGA.NET) Telescopi e sonde. Gli strumenti per la conquista dello spazio 0_appendice.indd 1/0/1 1:

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Qualche cenno al Sole

Qualche cenno al Sole Qualche cenno al Sole Corso di Astronomia Daniele Gasparri Lezione 7, 27/01/2012: La conquista dello spazio - L uomo sulla Luna - L esplorazione del sistema solare - Curiosità 1 Una domanda di tanto tempo

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Dalla Terra all Universo

Dalla Terra all Universo 1 of 8 Dalla Terra all Universo 00 07 Sentence 1 Trailer Il cielo notturno affascinante e misterioso. Dalla notte dei tempi è il protagonista delle storie raccontate ai fuochi degli accampamenti e dei

Dettagli

Marte: il Pianeta Rosso

Marte: il Pianeta Rosso SPAZIO ASTRONOMIA divulgazione la carta d identità del pianeta le prime osservazioni le conoscenze acquisite tramite le sonde marziane le lune di Marte il futuro dell esplorazione di Marte Marte: il Pianeta

Dettagli

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA Il Planetario di Padova offre alle scuole di ogni ordine e grado la possibilità di fare varie attività ed esperienze scientifiche, di

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA IL SISTEMA SOLARE LC.17.03.06 Prerequisiti: conoscenza del sistema metrico decimale e delle figure geometriche conoscenza simboli chimici capacità di lettura di mappe concettuali Obiettivi: fare ipotesi

Dettagli

Compendio della Tesi

Compendio della Tesi Compendio della Tesi Le galassie sono sistemi stellari di enormi proporzioni tenuti insieme dall attrazione gravitazionale, e rappresentano, su grande scala, i mattoni costituenti dell Universo. Ciascuna

Dettagli

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Ciao, riprendiamo oggi a studiare le stelle. L ultima volta abbiamo parlato della loro luminosità, e abbiamo scoperto che la luminosità

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014 Il Sistema solare In viaggio nello spazio Insieme con altri pianeti la Terra orbita attorno a una stella, il Sole. Il Sole e i pianeti formano il Sistema solare. Il Sistema solare fa parte di una galassia

Dettagli

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Il nostro Universo Che cosa sono i corpi celesti? Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Come si sono formati il sole ed i pianeti Quanto sono grandi la terra, il sole e l universo? Perchè

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 IL SOLE Tutti prima o poi si chiedono cosa sia il Sole, già da bambini chi non è stato incuriosito dalla nostra stella? Il Sole non è altro che una gigantesca

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Salve ragazze e ragazzi!

Salve ragazze e ragazzi! Salve ragazze e ragazzi! Iniziamo con questa pagina il nostro viaggio che ci porterà dalla scoperta della nostra Galassia fino ai confini dell Universo, così come oggi possiamo osservarli e conoscerli

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. laboratorio classe 2^O. a.s. 2002-2003. proff. A. Donello - G. Moro

IL SISTEMA SOLARE. laboratorio classe 2^O. a.s. 2002-2003. proff. A. Donello - G. Moro IL SISTEMA SOLARE laboratorio classe 2^O a.s. 2002-2003 proff. A. Donello - G. Moro PIANETA Corpo oscuro rotante attorno a una stella; in particolare, ciascuno dei corpi maggiori, a eccezione del Sole,

Dettagli

IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate?

IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate? IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate? altre lezioni su www.giocomania.org lezione preparata con materiale da www.scopriticielo.it IN TERZA INVECE ABBIAMO

Dettagli

L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo

L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo Giacconi. La prima osservazione astronomica nei raggi

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Percorsi planetario globe

Percorsi planetario globe Percorsi planetario globe Da quest anno c è anche la possibilità di scegliere tra tre filmati FULL DOME: Losing the dark (in italiano), Stars (In italiano), e Back to the Moon for good (In inglese). Quest

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astrofisico di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Fisica e Astronomia - Sezione Astrofisica Il Sole Scheda didattica realizzata

Dettagli

LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO

LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO Comitato Scientifico dell Osservatorio Astronomico della Valle d Aosta a cura di Federico Manzini 27 dicembre 2004 LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO Una cometa scoperta il 24 agosto si sta ora muovendo

Dettagli

Le survey radio. Le survey radio permettono quindi di studiare la geometria e la struttura su grande scala del cosmo.

Le survey radio. Le survey radio permettono quindi di studiare la geometria e la struttura su grande scala del cosmo. Le survey radio Survey su tutto il cielo a 408 MHz dell'idrogeno neutro ottenuta combinando le osservazioni dei radiotelescopi di Jodrell Bank, Effelsberg e Parkes (rispettivamente in Inghilterra, Germania

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 IL SISTEMA SOLARE Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 A cura di Gaia Pieraccioni e Arianna Canu PER FARSI UN IDEA 1. Li riconosci? Sono,.. e..

Dettagli

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di primo grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo materiale è quello di fornire i presupposti

Dettagli

Introduzione allo studio del Sistema Solare" IV" Pianeti nani, asteroidi e comete!

Introduzione allo studio del Sistema Solare IV Pianeti nani, asteroidi e comete! Introduzione allo studio del Sistema Solare" IV" Pianeti nani, asteroidi e comete! Lezione SolSys 4! G. Vladilo! 1! Corpi minori nel Sistema Solare interno! Verde: fascia degli asteroidi! Blu: Troiani

Dettagli

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo I BUCHI NERI Maurizio Macchiarulo I Buchi Neri nella Fisica Classica 1687 Isaac Newton pubblica i suoi Principia 1783 John Michell formula il concetto di Dark Star 1795 Pierre Simon Laplace pubblica Le

Dettagli

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO IL SOLE Nell universo ci sono tantissime stelle, ma il Sole è quella più vicina a noi, attorno alla quale ruotiamo insieme agli altri pianeti del sistema solare. E nato circa 5 miliardi di anni fa ed è

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce.

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. Questa attenuazione si ottiene mediante l uso di un

Dettagli

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi!

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi! 1 Ciao! Il tuo Osservatorio di Monte Rosa si apre questa mattina e così inizia questa avventura alla scoperta del Cielo, per conoscere e comprendere quel che succede nell Universo, di cui la nostra Terra

Dettagli

Nascita e morte delle stelle

Nascita e morte delle stelle Nascita e morte delle stelle Se la materia che componeva l universo primordiale fosse stata tutta perfettamente omogenea e diffusa in modo uguale, non esisterebbero né stelle né pianeti. C erano invece

Dettagli

Daniele Gasparri. Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario. Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013

Daniele Gasparri. Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario. Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013 Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013 Daniele Gasparri Sito web: www.danielegasparri.com Mail: info@danielegasparri.com Un piccolo estratto del mio

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

MERCURIO CI RACCONTA. La giornata

MERCURIO CI RACCONTA. La giornata MERCURIO CI RACCONTA 9 maggio 2016 L Istituto Nazionale di AstroFisica e il Dipartimento di Fisica e Astronomia G. Galilei dell Università degli Studi di Padova promuovono nelle loro due sedi di Padova

Dettagli

Bambini e ragazzi tra scienza e fede

Bambini e ragazzi tra scienza e fede Bambini e ragazzi tra scienza e fede Come educarli a un approccio equilibrato e serio 1) ALLA RICERCA DELLA VERITÀ L uomo è da sempre alla ricerca della verità su ogni cosa : del proprio corpo, di ciò

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

A caccia di raggi cosmici

A caccia di raggi cosmici A caccia di raggi cosmici una ricerca che compie cento anni Silvia Vernetto, OATO - INAF 1912 Sono passati 100 anni da quando Victor HESS, a bordo di una mongolfiera, scoprì i raggi cosmici Ma cosa sono

Dettagli

Osservazioni di oggetti celesti con un piccolo telescopio.

Osservazioni di oggetti celesti con un piccolo telescopio. Osservazioni di oggetti celesti con un piccolo telescopio. Progetto realizzato per l'a.s. 2007/2008 per gli studenti delle V classi del Liceo Scientifico Copernico. Con questo progetto intendiamo svolgere

Dettagli

Un posto in cui vivere

Un posto in cui vivere Conosciamo e osserviamo stelle e pianeti Primo incontro 8/5/2013 Un posto in cui vivere # Titolo Appunti Immagini 1 Un posto in cui vivere Questo incontro sarà un viaggio (per lo più nel nostro circondario

Dettagli

MARTE terrestri MARTE

MARTE terrestri MARTE MARTE I Pianeti più vicini al Sole sono detti terrestri perché la loro costituzione è simile a quella della Terra: sono solidi e di dimensioni contenute rispetto ai pianeti esterni, i cosiddetti giganti

Dettagli

Campi magnetici e struttura interna dei pianeti

Campi magnetici e struttura interna dei pianeti Campi magnetici e struttura interna dei pianeti Primo Levi 2013 Bedogni Roberto INAF Osservatorio Astronomico di Bologna http://www.bo.astro.it/~bedogni/primolevi/ email: roberto.bedogni@oabo.inaf.it Sole-attivit

Dettagli

STORIA DELL ASTRONAUTICA

STORIA DELL ASTRONAUTICA STORIA DELL ASTRONAUTICA La preistoria La propulsione a reazione è un idea già rudimentalmente applicata da Erone che ad Alessandria attorno al II secolo a.c. realizzò l' eliopila, una sfera riempita di

Dettagli

A cura della prof. ssa Barone Antonina

A cura della prof. ssa Barone Antonina A cura della prof. ssa Barone Antonina Oggi come 10.000 anni fa, l uomo si pone domande sull universo che lo circonda. Come si è formato? Qual è la sua struttura? Di che cosa è fatto? Le competenze Una

Dettagli

Il planetario portatile Homestar di Daniele Gasparri

Il planetario portatile Homestar di Daniele Gasparri Il planetario portatile Homestar di Daniele Gasparri il planetario con il cassettino portadischi chiuso. Notate il pannello di controllo, molto semplice da capire, la ghiera per la messa a fuoco, che contorna

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME Tecnico

Dettagli

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo:

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo: 01 Introduzione Noi viviamo su un pianeta che si chiama Terra. La Terra si trova in uno spazio grandissimo (spazio infinito). In questo spazio infinito ci sono tante cose (tante parti di materia). Come

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Martina Giordani Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali Corso di Laurea in Ottica e Optometria Federica Ricci Facoltà di Scienze matematiche,

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Proposte osservative e didattiche con l Osservatorio Astronomico F. Fuligni

Proposte osservative e didattiche con l Osservatorio Astronomico F. Fuligni Proposte osservative e didattiche con l Osservatorio Astronomico F. Fuligni Rete degli Osservatori didattici e remotizzati Frasso Sabino (RI), 10 novembre 2013 ATA - Presentazione istituzionale 1 Chi siamo

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado 1 VISITA GUIDATE Attività didattiche Scuola Secondaria I grado Visita standard Gli studenti vengono condotti da un animatore scientifico in una visita ad alcune delle postazioni interattive del Museo.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente).

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente). LA LUNA Si è formata agli inizi del sistema solare dallo scontro tra la PROTOTERRA e un corpo celeste delle dimensioni di Marte chiamato THEIA: il nucleo di Theia si fuse col nucleo della Terra ma il resto

Dettagli

Controllo dei telescopi

Controllo dei telescopi Progetto L astrofisica va a scuola Controllo dei telescopi Pietro Schipani INAF - Osservatorio Astronomico di Capodimonte Gli argomenti che tratteremo Cosa c è bisogno di controllare in un telescopio,

Dettagli

LA LUNA Satellite della terra, fasi lunari, eclissi La Luna E il satellite naturale della terra Ruota attorno alla terra La Luna e' il corpo celeste più vicino alla Terra e l'unico, finora, parzialmente

Dettagli

STELLE VARIABILI. Capitolo 14

STELLE VARIABILI. Capitolo 14 Capitolo 14 STELLE VARIABILI Esistono stelle che cambiano periodicamente o irregolarmente o solo occasionalmente la loro luminosità: nell insieme sono chiamate stelle variabili. Già abbiamo citato la loro

Dettagli

Le meteoriti. Meteoriti in Antartide

Le meteoriti. Meteoriti in Antartide Le meteoriti sono rocce di origine extraterrestre, catturate dal campo gravitazionale della Terra. Al loro ingresso nell'atmosfera danno luogo a scie luminose e boati che le hanno rese evidenti sin dall'antichità.

Dettagli

Olimpiadi Italiane di Astronomia 2011. Prova Teorica - Categoria Senior

Olimpiadi Italiane di Astronomia 2011. Prova Teorica - Categoria Senior Olimpiadi Italiane di Astronomia 2011 Finale Nazionale Reggio Calabria 17 Aprile 2011 Prova Teorica - Categoria Senior Problema 1. La teoria della relatività generale permette di calcolare l angolo di

Dettagli

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare stelle Corpi celesti di grande massa, che producono al loro interno energia mediante fusione nucleare, e la emettono sotto forma di radiazioni elettromagnetiche.

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

Consigli per l acquisto del primo strumento

Consigli per l acquisto del primo strumento Consigli per l acquisto del primo strumento 1. CONOSCIAMO IL CIELO E POI ACQUISTIAMO Sembra ovvio ma spesso non si ci pensa. Il telescopio, come anche il binocolo, è un potente mezzo di osservazione, che

Dettagli

Leggi di gravitazione e struttura del Sole

Leggi di gravitazione e struttura del Sole Leggi di gravitazione e struttura del Sole Keplero La più importante innovazione di Keplero fu quella di riuscire a liberarsi dal pregiudizio che le orbite dei pianeti dovessero essere necessariamente

Dettagli

Applicazioni del laser in metrologia e non

Applicazioni del laser in metrologia e non Applicazioni del laser in metrologia e non Applicazioni del laser nella metrologia dimensionale Misura di blocchetti di riscontro I blocchetti di riscontro (gauge blocks) sono dei parallelepipedi di acciaio

Dettagli

Progetto didattico. per

Progetto didattico. per Progetto didattico per Francesco D Alessio Responsabile Gruppo DivA INAF Osservatorio Astronomico di Roma Riccardo Leoni Ass. Culturale Estrellas y Planetas INTRODUZIONE L INAF Osservatorio Astronomico

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia

E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia Descrizione del software Celestia (ultima versione 1.3.2) è un software di simulazione 3D (tridimensionale) opensource,

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

Luna e Pianeti. Programma di osservazione

Luna e Pianeti. Programma di osservazione Luna e Pianeti Programma di osservazione 1 Il programma osservativo Luna e Pianeti Gli antichi osservatori del cielo si resero conto che fra le molte stelle che rimanevano ferme una rispetto all altra,

Dettagli

La scienza delle immagini a colori e dei CCD

La scienza delle immagini a colori e dei CCD INTRODUZIONE SULLE IMMAGINI A COLORI IMMAGINI A COLORI La scienza delle immagini a colori e dei CCD autore: Daniel Duggan traduzione e adattamento Alessandra Zanazzi Pag 1 di 6 Questo progetto è stato

Dettagli

Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO

Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO Come funziona? CONSENTE DI VISUALIZZARE e MISURARE L ENERGIA TERMICA EMESSA DA UN OGGETTO SENZA CONTATTO Che tipo di ENERGIA TERMICA? LUCE LA CUI LUNGHEZZA D ONDA RISULTA TROPPO GRANDE PER ESSERE INDIVIDUATA

Dettagli

Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169

Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169 Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169 Nicola Contu, Federica Poli, Istituto Magistrale A. Fogazzaro - Vicenza Elena Lobbia, Nadia Negro, Enrico Posenato, Roberto Sartori Liceo Scientifico

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

UNO SGUARDO NEL COSMO

UNO SGUARDO NEL COSMO UNO SGUARDO NEL COSMO AST R I S Astronomical Roman Indipendent Society Sole in H alfa Cominciamo il nostro viaggio partendo dal Sole. Sappiamo che è una sfera immensa di gas e che ci vogliono più di 320

Dettagli

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf. LE STELLE G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) (a) INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste (b) Istituto Comprensivo S. Giovanni Sc. Sec. di primo grado M. Codermatz" - Trieste Questo modulo

Dettagli

LEZIONI DI SCIENZE DELLA NATURA IL SOLE IL SOLE

LEZIONI DI SCIENZE DELLA NATURA IL SOLE IL SOLE 1 IL SOLE 1. FORMAZIONE DEL SOLE FIG. 1 a) l alta velocità di rotazione determinò l appiattimento della nebulosa; b) la temperatura della nebulosa diminuiva verso la sua periferia; lungo questa direzione

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Il Mezzo Interstellare. Lezione 9

Il Mezzo Interstellare. Lezione 9 Il Mezzo Interstellare Lezione 9 Sommario Nebulose a emissione (regioni HII, nebulose planetarie, resti di supernove); a riflessione; oscure. La polvere interstellare estinzione e arrossamento. Le componenti

Dettagli

E poi c è anche il resto dell Universo

E poi c è anche il resto dell Universo E poi c è anche il resto dell Universo Proposta di collaborazione ai docenti di Scienze delle ultime classi dei Licei e delle Scuole tecniche I programmi delle Scuole Superiori comprendono un ampio panorama

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

L osservatorio solare a Davos

L osservatorio solare a Davos CLIMA E SOLE L osservatorio solare a Davos L osservatorio di Davos registra l irradiazione solare con la massima precisione e omologa gli strumenti di misurazione in tutto il mondo. I dati osservati chiariscono

Dettagli