Comacchio: una città alto-medievale e l archeologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comacchio: una città alto-medievale e l archeologia"

Transcript

1 Comune di Comacchio - Assessorato alla Cultura Università Ca Foscari - Cattedra di Archeologia Medievale Comacchio: una città alto-medievale e l archeologia Da una Mostra a uno scavo a una Mostra, passando per un Convegno di S. Gelichi, E. Grandi, con una cartolina di R. Hodges

2 L intento di presentare a Comacchio gli atti del convegno internazionale sull alto medioevo From one sea to another. Trading places in the European and Mediterranean Early Middle ages (Da un mare all altro. Luoghi di scambio nell Alto Medioevo europeo e mediterraneo), che si è tenuto nella nostra città nell anno 2009, riflette adeguatamente l attenzione che l Amministrazione Comunale conferisce alla cultura e in particolare alla storia millenaria di questo territorio. La presentazione del volume vuole pertanto essere un momento qualificante all interno di un fecondo percorso di studi, avviati nel 2006 dall Università Ca Foscari di Venezia Dipartimento di Scienze dell Antichità e del Vicino Oriente (ora Dipartimento di Studi Umanistici) dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Emilia Romagna e dal Comune di Comacchio, in una proficua sinergia che ha avuto quale frutto maggiore il risultato delle indagini archeologiche compiute dall Università sul sito di Comacchio, sotto la direzione di Sauro Gelichi e Luigi Malnati. L Amministrazione ha voluto produrre questo agile libretto, a firma Sauro Gelichi ed Elena Grandi, di cui queste brevi note sono poste a premessa istituzionale. È stato realizzato per avvicinare ai lettori e rendere più facilmente comprensibili le informazioni tratte dal monumentale libro degli atti, che per lo più è in lingua inglese, a motivo della sua diffusione internazionale. È importante ed opportuno operare costantemente per una adeguata comunicazione ai cittadini e al pubblico delle nuove ricerche, come del resto è stato fatto spesso a Comacchio in questi anni dall Università di Venezia, durante gli scavi e nel corso delle iniziative successive agli stessi. Le indagini archeologiche effettuate nella zona antistante il sagrato della basilica concattedrale di Comacchio e nel settore nord-occidentale del centro abitato hanno portato alla luce reperti e strutture di grande interesse storico per la comprensione delle origini della nostra città e di altre nate nello stesso periodo, tra cui Venezia e Grado, ma anche per lo studio degli equilibri commerciali europei nell alto medioevo. Gli esiti sono così confluiti in importanti iniziative culturali, di respiro internazionale, quali il convegno e la mostra archeologica L Isola del Vescovo, allestita nell anno 2009 nel Settecentesco Ospedale degli Infermi. Grazie agli studi di Sauro Gelichi e della sua équipe si è potuto risalire, così, al ruolo di primissimo piano ricoperto da Comacchio nei secoli VII e VIII d.c. quale porto commerciale di collegamento in un crocevia di percorsi d acqua che servivano i territori longobardi e padani e le rotte mediterranee bizantine. I resti dell antica cattedrale hanno confermato la presenza di una sede vescovile e di botteghe artigianali. La presentazione del volume, che raccoglie gli atti del convegno internazionale sugli empori e le rotte commerciali nell Occidente altomedievale, permette all Amministrazione Comunale di trarre nuovi stimoli per ripensare alla propria archeologia. Questa tappa offre anche l opportunità di pianificare, con rinnovato vigore e interesse storico, altre ricerche nella direzione già intrapresa. Le Istituzioni hanno il dovere di salvaguardare il patrimonio archeologico, che ci consente di studiare la nostra storia, ricostruendo minuziosamente tutte le fasi in cui si è evoluta la nostra civiltà. Un sentito ringraziamento dunque va espresso al professor Sauro Gelichi e al professor Richard Hodges, curatori del volume degli atti, al Centro Interuniversitario per la Storia e l Archeologia dell Alto Medioevo che ne è l Ente promotore e responsabile, all Università di Venezia e a tutti coloro che ci hanno offerto questa straordinaria occasione per leggere e per conoscere il nostro passato, colmando tanti vuoti. Un ringraziamento particolare va anche alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara, la quale ha generosamente contribuito alla realizzazione del volume degli atti From one sea to another. Trading places in the European and Mediterranean Early Middle ages. Alice Carli Assessore alla Cultura Marco Fabbri Sindaco del Comune di Comacchio 2

3 Introduzione Il grande storico belga Henri Pirenne e la sua scuola dedicarono accuratissime ricerche a dimostrare che l avanzata musulmana nel VII e VIII secolo dell era cristiana diede il colpo finale alle già traballanti relazioni commerciali tra Est ed Ovest; di conseguenza il pepe in Occidente divenne scarso come non mai. C. M. Cipolla Il ruolo delle spezie (e del pepe in particolare) nello sviluppo economico del medioevo, in Allegro ma non troppo, Bologna 1988, p. 16 In porto Parmisiano piper oncias duas. Capitolare di Liutprando Biblioteca Comunale di Cremona Questo libretto ci è stato chiesto dall Amministrazione di Comacchio. Un testo, di facile lettura, da pubblicare in occasione della presentazione, a Comacchio, di un libro ben più ostico da digerire: gli atti di un Convegno Internazionale che si è tenuto nel marzo del 2009 a seguito di una Mostra, L Isola del vescovo. Atti di un Convegno che, all inusualità dell argomento, associano anche il problema della lingua (è scritto in gran parte in inglese). Ma tutto ha una sua ragionevole spiegazione: il tema non usuale, ma necessario, perché ci si prefiggeva lo scopo, come ha scritto Richard Hodges, di dare il benvenuto a Comacchio nel club dei grandi siti europei altomedievali ; la lingua, barbara, perché entrare in quel club così esclusivo significa parlare uno stesso idioma universale (che oggi non è più, ahinoi, il latino!). Su Comacchio abbiamo già scritto molto, in questi ultimi anni, e molto, ancora, pensiamo di scrivere nel futuro, visto che è in cantiere un volume monografico sugli scavi della Cattedrale e di Villaggio San Francesco. Dunque, questo libretto non vuole ripetere che cosa pensiamo di Comacchio, né discutere il suo ruolo nell ambito dell archeologia medievale europea; né, infine, vuole condensare, bignamino in pillole, quanto è stato detto in occasione di quell incontro (anche se qualche riferimento per un pubblico di non addetti ai lavori è d obbligo). Vuole essere, semplicemente, il racconto spiegato di un progetto; e la storia di un rapporto, non sempre facile, tra un gruppo di ricercatori e una comunità. L archeologia ha una difficile funzione in una società come la nostra: difficile perché importa modelli, e dunque principi generali da cui discendono comportamenti, disposizioni e regole, che sono stati elaborati in un contesto socio-culturale molto diverso e cronologicamente lontano da quello attuale. Inoltre, se la Società è cambiata anche l Archeologia non è più 3

4 la stessa. Tentare di coniugare, dunque, una nuova Archeologia con una diversa Società è una scommessa che la nostra Comunità Scientifica non ha ancora tentato di affrontare, ma indiscutibilmente dovrà farlo in un prossimo futuro (se non vogliamo vedere disperso e mortificato il nostro patrimonio archeologico, o perché dilapidato da un insensibilità crescente, o perché imbalsamato in uno spazio senza tempo e senza vita). Il rapporto concreto con una realtà concreta, come quella comacchiese, può dunque rappresentare, come ha rappresentato per noi, un esperienza molto istruttiva. La nostra scommessa, non lo nascondo ambiziosa, era infatti quella di trasferire un progetto (che nasceva da una precisa motivazione scientifica) elaborato altrove (per di più nella nemica storica, e rivale, Venezia!) in uno spazio ben preciso, fisicamente connotato, popoloso e chiaramente definito sul piano dell identità; e tentare di far vivere, e di far crescere, quel progetto cercando di agglutinare, attorno ad esso, il massimo del consenso. Non perché pensiamo che non possano esistere idee, valori e forti convincimenti anche al di fuori di un opinione comune e diffusa, spesso dettata dalla convenienza; ma perché riteniamo che, in tema di beni pubblici (e il patrimonio archeologico lo è di diritto, sia nelle sue espressioni materiali che in quelle immateriali), la condivisione sia una procedura ineludibile, un passaggio non negoziabile. Così, far discendere l azione archeologica da un progetto (e non viceversa, come quasi sempre accade) e tentare di spiegare e condividere le ragioni di quel progetto (che, oltretutto ha, come qualsiasi attività archeologica buona o cattiva che sia, un costo sociale elevato) è stata tra le priorità che ci siamo dati. Tutto questo è avvenuto, non lo nego, tra qualche inevitabile polemica, a mio giudizio dettata più da atavici fraintendimenti (e da un radicato senso di distanza che permea qualsiasi locale rivendicazione) che non da una meditata convinzione etica e scientifica. Tuttavia non sempre siamo stati convincenti, anche se non ci possiamo rimproverare la ricerca costante di un dialogo, l apertura quotidiana di canali di comunicazione diretta: e lo abbiamo fatto attraverso incontri pubblici (anche a livello politico) e attraverso lo strumento più facile che avevamo a disposizione, ma che raramente viene impiegato. Abbiamo, cioè, aperto il cantiere: anzi, l abbiamo sempre lasciato aperto. Sfidando le ragioni della segretezza archeologica, abbiamo messo alla prova i cittadini di Comacchio ponendoli a diretto contatto, senza diaframmi, con i loro tesori. E abbiamo anche cercato di raccontarli questi tesori che venivano ogni giorno alla luce, tentando di eliminare, insieme alle barriere fisiche, anche quegli ostacoli psicologici che spesso allontanano i cittadini dai loro beni. Un segmento della storia di questi luoghi è comunque emerso dalla penombra dove gli eventi umani l avevano da tempo relegato; anzi, per un breve periodo, ha conosciuto pure le luci di una ribalta internazionale. Così lo consegniamo alla collettività, sperando che sappia farne buon uso per il futuro. Per quanto ci riguarda, non ci resta che ringraziare le molte persone che al progetto su Comacchio hanno creduto, lo hanno aiutato a crescere e a concretizzarsi: i molti che qui hanno lavorato, insegnando ed imparando, e i molti che fuori da qui hanno guardato a questa esperienza con occhi, spero, che non siano stati solo quelli dell amicizia. Ferrara gennaio 2013 Sauro Gelichi 4

5 Le ragioni di un progetto archeologico e l identità di Comacchio Sauro Gelichi Il progetto archeologico su Comacchio altomedievale nasce nel 2003, quando un gruppo di ricerca cominciò a lavorare all allestimento della mostra Genti nel delta, un esposizione organizzata in coincidenza con le celebrazioni dell anniversario del Santo Patrono cittadino, cioè San Cassiano. L occasione rappresentava poco più di un pretesto per riprendere in considerazione un segmento temporale della storia di questo abitato che aveva conosciuto, nel passato, alterne vicende. Come è noto, le fortune archeologiche di questi luoghi erano cominciate verso gli anni 20 del Novecento con le bonifiche di Valle Trebba e, a seguire, di Valle Pega, interventi che avevano avuto lo scopo di recuperare terre all agricoltura e di far uscire dall isolamento Comacchio, che fino ad allora era un isola. Queste bonifiche ebbero anche il merito di riportare alla luce, in maniera meno episodica di quanto non fosse avvenuto nel passato, i resti di alcune necropoli dell antica Spina che, grazie ai loro corredi funebri, svolsero anche la funzione di porre alla ribalta nazionale questi dimenticati territori. La ricchezza quantitativa e qualitativa dei corredi etruschi non solo aveva attirato l attenzione della comunità scientifica su Comacchio, ma aveva anche favorito la nascita di una percezione comune che identificava in quegli oggetti (e nelle popolazioni che li avevano prodotti e/o utilizzati) i progenitori dei pescatori e salinari lagunari. Se non per via diretta (Comacchio all epoca di Spina non esisteva), l antica città etrusca, e i suoi oggetti finalmente ritornati alla luce dopo un lungo oblio, sembravano ridare un senso identitario a questa comunità e l aiutavano ad uscire da quello splendido isolamento nel quale si era trovata per secoli. Naturalmente le scoperte nelle Valli non avevano restituito solo materiali risalenti alla stagione dell oro spinetico. Saltuariamente, infatti, erano venuti alla Il regista Alfred Hitchcock nel 1960 alla Mostra dell Etruria padana e della città di Spina tenutasi a Bologna (http://www.flickr.com/ photosilfattoquotidiano/ /) luce reperti di epoca romana ed ancora posteriore, che documentavano non solo l ovvia frequentazione di questi luoghi in epoche più tarde, ma sembravano già delineare i caratteri e la fisionomia di un territorio senza più Spina. In particolare, sembravano già molto promettenti le scoperte in valle Ponti (Baro dei Ponti e Baro delle Pietre), a nord-ovest poco fuori l abitato di Comacchio, da cui provenivano diversi elementi lapidei decorati altomedievali e, soprattutto, i ritrovamenti in loc. Motta della Girata, dove vennero alla luce i resti di una chiesa con annesso battistero e, vicino, un estesa necropoli con più di duecento inumazioni. 5

6 Santa Maria in Padovetere, la chiesa e il battistero Ambone da Valle Ponti, foto degli anni 30 del secolo scorso (foto di A. Felletti, archivio di Antonio Bruno Felletti, Comacchio) Valle Trebba Disegno tratto dal Giornale di Scavo Per quanto a rimorchio di un archeologia che aveva nei tesori etruschi il suo centro, queste scoperte relative al periodo altomedievale riportavano (o avrebbero dovuto riportare) l attenzione su un altro momento durante il quale questi territori erano stati decisamente importanti (e, curiosamente, per gli stessi motivi per cui lo erano stati durante il mondo antico). Le fonti scritte, infatti, e soprattutto un famoso documento conservato a Cremona (il c. d. Capitolare di Liutprando), raccontavano dell esistenza, verso gli inizi del secolo VIII, di un insediamento che si chiamava Comacchio (proprio come l abitato attuale) i cui abitanti avevano stipulato un trattato con i Longobardi per il commercio lungo il Po e i suoi affluenti. Da questo documento si apprendeva, dunque, che alle soglie dell altomedioevo la frangia meridionale dell estuario del Po era tornata ad essere decisiva nelle relazioni commerciali ed economiche tra l Adriatico (e, più in generale, il Mediterraneo) e l entroterra padano (ora sotto il dominio longobardo). L archeologia comacchiese, dunque, avrebbe potuto percorrere anche queste vie, se i malfermi passi che muoveva allora l archeologia medievale, da una parte, e l ingombrante peso del passato spinetico, dall altra, non avessero consigliato altre strade. Non vi è dubbio che l archeologia a Comacchio nasca sotto il segno di un fraintendimento, di una prospettiva di ricerca distorta. Comacchio, in quanto tale, è il prodotto di un processo formativo che niente ha a che fare con il mondo antico e con la città etrusca. Negli anni in cui l emporio spinetico emergeva quale nodo commerciale, la zona dove sorgerà Comacchio era sommersa dalle acque dell Adriatico. Nell epoca immediatamente successiva, quella romana, un tipo diverso di popolamento aveva caratterizzato questi territori: vasti spazi di proprietà del fisco imperiale all interno dei quali si alternavano fattorie a ville a piccoli nuclei abitati (vici), il più grande dei quali, Vicus Habentia, non assurse mai a 6

7 dignità di città. Una realtà insediativa profondamente modificata e mutata che, in condizioni storicoeconomiche completamente differenti, avrebbe però riconsegnato, ad un insediamento nuovo in un nuovo spazio strappato prima al mare, poi alla laguna, quel primato che dieci secoli prima era stato di Spina. Ma questo è l unico possibile collegamento che ci è consentito avanzare tra Spina e Comacchio: niente di più di una coincidenza funzionale connessa con una rinnovata centralità delle vie d acqua sulle vie terrestri. Si sarebbe tentati di addebitare ad un fraintendimento storiografico, da una parte, e ad un legittimo anelito di restituzione di beni (le ceramiche spinetiche), dall altro, la responsabilità di aver lasciato il medioevo (nel suo complesso) in mano ad una colta erudizione che faceva a meno del dato materiale. Ma non è così, o non è solo questo. L altomedioevo comacchiese, in particolare tra gli anni 70 e 90 del secolo scorso, è stato infatti al centro di molti contributi scientifici che hanno cercato di recuperare il dato archeologico e di contestualizzarlo. Tuttavia questo è avvenuto Il Capitolare di Liutrprando ( ) con indicazione degli habitatoribus comaclo limitandone l uso nell alveo di una pratica tradizionale e piegandolo di fatto ad un tracciato disegnato da una storiografia che indulgeva alla ricostruzione erudita e ai suoi tipici topoi (longobardo-bizantini, la guerra e il limes, la sequenza episcopale che affondava nella notte dei tempi). La cultura materiale, che avrebbe potuto aprire un seppur timido varco nella spessa coltre delle ovvietà comacchiesi, rimaneva timida spettatrice, illustratrice muta di storie raccontate da altri. In realtà, una lettura più smaliziata e aggiornata dell edito archeologico e una riconsiderazione diretta dell inedito, avvenuti in occasione della Mostra Genti nel Delta, dimostravano una situazione differente, e soprattutto differentemente relazionata con il Regno longobardo e l Impero bizantino, prima, con l Impero Carolingio, poi. Non erano solo nuovi oggetti a raccontare una diversa storia, ma era soprattutto un diverso approccio a tutto quanto il contesto archeologico comacchiese a profilare scenari interpretativi profondamente mutati; e a posizionare dunque Comacchio in un contesto nuovo, senza dubbio più stimolante. 7 Inaugurazione della mostra Genti nel Delta (16/12/2006)

8 Genti nel Delta. Punto d arrivo e punto di partenza Sauro Gelichi Gli esiti degli studi avviati nel 2003 furono utilizzati per realizzare una sezione della Mostra Genti nel Delta e contribuirono alla redazione di una parte, piuttosto corposa, del Catalogo che accompagnava quell esposizione. L analisi diretta di tutti i materiali rinvenuti a Comacchio, e la possibilità di studiare i risultati dei saggi praticati nel 1996 in loc. Villaggio San Francesco (alla periferia ovest dell abitato, in occasione di una prima lottizzazione dell area), fornirono gli strumenti di base per riformulare una piattaforma progettuale su Comacchio altomedievale. Gli studi sui materiali fecero innanzitutto emergere, con grande chiarezza, la presenza di un numero consistente di contenitori anforici (le c. d. anfore globulari ), databili tra VIII e IX secolo. Scoperte un po ovunque nel passato (ma soprattutto nelle trincee di Villaggio San Francesco), queste anfore sono risultate essere una costante nei depositi comacchiesi che, nel contempo, andavano a caratterizzare in maniera Il catalogo della mostra Anfora globulare altomedievale (dalla Crypta Balbi, Roma) molto originale, sia sul piano qualitativo che quantitativo (al momento, infatti, in nessun altro insediamento dell Italia settentrionale ne è stato ritrovato un numero così alto). Poi, il posizionamento (geo-referenziazione) di tutti i ritrovamenti [in particolare le palificazioni scoperte dal Proni (assistente della Soprintendenza per i Beni Archeologici) negli anni 20 e 30 e quelle emerse nell area di Villaggio San Francesco negli anni 90], permisero di riconoscere, proprio in quella zona ad ovest dell attuale abitato, un importante snodo dell insediamento altomedievale, caratterizzato funzionalmente in senso marittimo e commerciale. Se non proprio il porto di Comacchio, almeno un porto di Comacchio nell alto-medioevo, come dimostravano proprio le tipologie dei contesti archeologici messi in luce (banchine, piattaforme, terminazioni spondali). Inoltre, anche le altre tipologie di manufatti (i recipienti in ceramica e pietra ollare, i vetri, i metalli) lasciavano intravedere una fisionomia della cultura materiale comunque diversa da quella dei coevi insediamenti di terraferma e molto più vicina a quella che, nel frattempo, stava emergendo nella laguna veneziana. La Mostra del 2006 aveva messo in evidenza, dunque, le enormi potenzialità di questo sito e, soprattutto, ne aveva descritto, con chiarezza, le specificità, che erano innanzitutto quelle di nuovo centro abitato, sorto da nulla in una zona non precedentemente insediata. Inoltre, indipendentemente da come venisse qualificato nelle fonti scritte (castrum, insula, 8

9 Le palafitte di Valle Ponti nel 1924, dal Giornale di scavo di F. Proni etc.), Comacchio appariva molto più vicino ai coevi empori del nord Europa che non alle città italiche sopravvissute al collasso del mondo romano. E questo nonostante che le differenze fossero pure sostanziali, come ad esempio il ruolo che qui avevano giocato le gerarchie ecclesiastiche (l arcivescovo di Ravenna, una stabile sede episcopale a partire dal secolo VIII) o quelle civili (quali erano, e quali erano state, le sue relazioni con il potere bizantino?). Per mettere meglio a fuoco il senso e il significato della Comacchio altomedievale, dunque, era necessario agire in due direzioni. La prima era quella di sganciare la storia del sito da una tradizione di studi che ne relegava il ruolo ad una dimensione tipicamente regionale, la stessa che lo collegava in maniera esclusiva allo sfruttamento, pure importante, del sale. Una storiografia che era propensa a leggere le vicende di questo abitato più nelle dinamiche politico-militari del Regno e poi dell Impero (conflitto Longobardi-Bizantini, poi Franchi-Longobardi) che non in una quadro, di sicuro più interessante, di genesi di una nuova comunità. Inoltre, disincagliare la storia di Comacchio dalle vulgate locali, significava anche tentare un ardito ma plausibile confronto con un fenomeno che gli storici e gli archeologi nord Europei conoscevano bene, ma che sembrava del tutto estraneo alla realtà italiana: quello degli empori. Un percorso che ci aiutava meglio a capire Comacchio, l urbanesimo altomedievale e, ancora, la fisionomia storico-economica del nord Italia durante l altomedioevo. L altra direzione era quella di pensare, in forme del tutto nuove, a dare un senso e una diversa organizzazione alla ricerca archeologica: non più una pratica collegata all emergenza, dove non c è attività che non sia il frutto del caso, ma una pratica che discendesse da 9 Resti lignei dalle trincee per i sottoservizi di Villaggio San Francesco Posizionamento delle palafitte ritrovate durante le bonifiche e delle trincee del 1996 nell area archeologica di Valle Ponti e di Villaggo San Francesco

10 Comacchio nell altro medioevo (disegno ricostruttivo di R. Merlo) un progetto, il quale a sua volta coordinasse e programmasse le indagini sul territorio. Non era difficile, bastava cominciare a mappare il rischio archeologico (e per alcune zone questo è stato anche fatto) e, di converso, ritagliare tra le risorse che l Amministrazione doveva comunque investire per lavori di pubblica utilità, quei finanziamenti che avrebbero permesso, appunto, di fare vera prevenzione. In sostanza si trattava di applicare a Comacchio quello che si stava cercando di L area degli scavi attorno alla Cattedrale fare anche in altre province della regione, e di farlo mettendo le risorse della collettività al servizio di un programma che doveva essere chiaro negli intenti, nelle procedure e nella finalità. Comacchio era nata nell altomedioevo e dunque lavorare a Comacchio non poteva che trovare in quel particolare momento storico, e nelle sue testimonianze materiali, il suo principale motivo di interesse. Per farlo, però, era necessario essere credibili, proporre qualcosa che la cittadinanza avrebbe dovuto accogliere e condividere. Così, quando si seppe che l Amministrazione comunale doveva rifare la pavimentazione intorno alla Cattedrale (cuore spirituale e civile della Comacchio storica), venne spontaneo proporre di far anticipare quelle ricerche sul sagrato da un approfondito ed esteso scavo archeologico: una volta tanto gli archeologi non sarebbero stati imbarazzati testimoni di un intervento in corso d opera (tra le ruspe che incombono e la fretta che incalza), ma protagonisti di una ricerca scientifica, con i tempi che occorrevano e le modalità che si rendevano necessarie. La Soprintendenza Archeologica dell Emilia-Romagna, e il suo Soprintendente, furono altrettanto audaci sperimentatori nel condividere con noi quell esperienza (nei modi, nei tempi). E così il lungo scavo intorno alla Cattedrale ebbe inizio. Era il 2006: sapevamo già molto di Comacchio, ma per la prima volta ci veniva offerta la possibilità di toccare con le nostre mani i depositi archeologici, e dunque di accedere direttamente ai segreti del sottosuolo. Le nostre speranze non vennero disattese. 10

11 L isola del vescovo. Gli scavi presso la Cattedrale Elena Grandi Si è detto nelle pagine precedenti che la ricerca archeologica ha un costo ed un impatto aggiungerei sociale non indifferente. Ma l aver investito qualche tempo e qualche risorsa in più per uno scavo archeologico stratigrafico, condotto manualmente, nel cantiere di Piazza XX Settembre, ha permesso di recuperare oggetti e dati fondamentali per conoscere la storia di Comacchio, dati che, con un diverso tipo di intervento, sarebbero andati perduti. Scavo stratigrafico e manuale: in queste parole è in qualche modo racchiuso il senso, oltre che il metodo, della nostra ricerca; e non è un concetto così scontato. Nei mesi trascorsi a lavorare in piazza, così spesso ci hanno chiesto perché scavavamo così, perché fare tutta quella fatica, pala, secchi, chini nel fango o sotto il sole, se non anche cosa cercassimo, che lì non c era niente, alludendo a mirabili vasi spinetici palesemente più belli dei cocci monocromi e informi che con tanta cura raccoglievamo. Credo che le ragioni di questo modo di procedere, del nostro cercare, siano per lo più arrivate a chi, giorno dopo giorno, si è soffermato a bordo scavo, osservando in modo curioso o molto spesso perplesso l avanzamento dei lavori. Ed è con l intento di condividere con la comunità i risultati raggiunti che nel marzo del 2009, a scavo appena ultimato, perciò senza gli approfondimenti e la rielaborazione che sono tutt ora in corso, è stata allestita la mostra L isola del vescovo. Gli scavi archeologici intorno alla Cattedrale di Archeologi al lavoro Lo scavo di una sepoltura Archeologi al lavoro 11

12 La sala dedicata alla bottega artigiana (foto di Arbali Walter) Artigiano al lavoro (bozzetto di R. Merlo) Sulle dune sabbiose : la prima sala della mostra Locandina della mostra L Isola del vescovo Fibbia in bronzo dalle fasi originarie di Comacchio (seconda metà VI sec d.c) Comacchio, corredata dall omonimo catalogo. La mostra raccontava le tappe salienti di mille e duecento anni di storia di Comacchio, riscoperte grazie ai 180 mq di scavo praticato tra il 2006 e il 2008 intorno al duomo di San Cassiano, in quella che, a ragione, abbiamo battezzato come isola del vescovo. Ripercorriamole brevemente. A circa tre metri dal piano di campagna abbiamo potuto individuare le prime testimonianze della storia dell insediamento, deboli tracce di una capanna con focolare costruita direttamente sulle sabbie naturali. I reperti associati, tra cui una notevole fibbia in bronzo molto ben conservata, la datano alla seconda metà del VI secolo d.c.. Questo, dunque, è il momento in cui vennero occupate le dune e gli isolotti recentemente formatisi grazie all avanzare dei depositi del delta; ma oggi sappiamo ancora molto poco di questa fase primigenia 12

13 Comacchio nella seconda metà del VI sec. d.c. (disegno di R. Merlo) L atelier artigianale dallo scavo di Piazza XX settembre Scorie di lavorazione del vetro Scorie di lavorazione dei metalli Matrice in marmo per realizzare lettere in bronzo A destra: matrice in bronzo per realizzare cammei in vetro (dallo scavo di Piazza XX settembre). A sinistra: uno dei cammei che orna il reliquiario a capsella del Tesoro del Duomo di Cividale del Friuli (Museo Cristiano e Tesoro del Duomo, Parrocchia di S. Maria Assunta) 13

14 Comacchio nel VII secolo, quartieri artigianali e abitativi (disegno di R. Merlo) dell insediamento. Molto più evidenti e ricchi di informazioni sono i resti archeologici della fase successiva: un interessatissima struttura che ospitava attività artigianali e produttive di grande rilievo, come quelle della lavorazione dei metalli e del vetro, testimoniate da una fornace e fuochi di lavoro, da scorie metalliche e vitree, oltre che da un ingente quantità di frammenti di crogioli in pietra ollare. All interno di questa officina, nel tardo VII secolo, si producevano recipienti in vetro (probabilmente bicchieri), manufatti di grande pregio artistico (cammei vitrei), oggetti in metallo (tra cui lettere in bronzo) e oggetti in osso. La fornace individuata era probabilmente destinata alla soffiatura del vetro; lo scavo ha messo in luce solo una parte dell atelier, lasciando presagire un complesso più ampio in cui si articolavano le diverse fasi di lavorazione e si svolgevano attività altamente specializzate. L eccezionalità della scoperta è palese se consideriamo Planimetria ipotetica dell area della primitiva chiesa vescovile, con il cimitero antistante (VIII sec. d.c.) 14

15 Frammenti dell arredo scultoreo della chiesa vescovile usati come elementi di reimpiego nel secolo XI Frammento di colonna in marmo Frammento di trabeazione con iscrizione dedicatoria Frammento di trabeazione con figura togata che, per l alto medioevo, i possibili confronti vengono solo da pochissimi luoghi: Roma, l isola di Torcello (Venezia) e il monastero di San Vincenzo al Volturno (Isernia); anche guardando all estero, quello di Comacchio resta un ritrovamento di estremo rilievo. Sul fare del secolo VIII l edificio produttivo fu smantellato; l area che occupava fu adibita a cimitero, con sepolture in semplici fosse disposte ordinatamente entro un limite topografico ben definito. La necropoli era collocata davanti alla prima cattedrale di Comacchio, che proprio in questo momento divenne sede vescovile. Questo edificio religioso fu distrutto nel X secolo ma numerosi elementi architettonici calcari e marmi decorati, nonché tessere musive pavimentali recuperati durante lo scavo, permettono di ricomporre e immaginare parte del suo arredo interno: recinti con pilastrini e plutei, colonne e capitelli, trabeazioni anche 15

16 Lastre marmoree e tessere musive pavimentali della chiesa altomedioevale iscritte. Sappiamo che tra IX e X secolo la chiesa era cinta da un fossato, delimitato da un terrapieno e da una palizzata lignea: questa è l unica struttura difensiva che gli scavi hanno restituito. Forse, non a caso, la sua presenza è ascrivibile ad un periodo di instabilità data dai conflitti con i Veneziani e dalla minaccia saracena. Il secolo XI rappresenta un momento di riqualificazione del complesso vescovile: la chiesa fu ricostruita e ad essa vennero associati due grandi edifici porticati che delimitavano il sagrato antistante. Si tratta probabilmente del palazzo vescovile e di ambienti accessori, che restarono in uso fino al Quattrocento inoltrato. A partire da questo momento, dopo l abbattimento del palazzo, l area fu ancora una volta risistemata e destinata ad uso cimiteriale. Salvo interventi di carattere architettonico, come la realizzazione di un portale monumentale sul lato meridionale della chiesa, la costruzione di una torre campanaria e poi l avvio del cantiere del duomo, l uso di seppellire sul lato dell edificio perdurò fino al XVIII secolo, quando il completamento del duomo di San Cassiano quale è oggi la sistemazione definitiva del sagrato. Quanto emerso da questa potente Planimetria ipotetica dell area episcopale nel secolo XI Denaro di Ludovico il Pio coniato a Venezia ( ) trovato nei livelli di distruzione della Chiesa 16

17 stratigrafia è stato minuziosamente raccolto, catalogato, contato, pulito, in parte consolidato e restaurato, per poi essere analizzato in laboratorio, disegnato ed esaminato. Allo studio di questi materiali stanno partecipando specialisti italiani e stranieri, i quali hanno accolto l invito a lavorare con noi, per lo più gratuitamente, grazie alla rilevanza dei ritrovamenti comacchiesi. Si tratta di studiosi di resti botanici, di resti ossei animali o umani, di numismatici, di storici dell arte, di esperti di arti minori, di ceramologi. Sono poi in corso analisi di laboratorio che consentiranno di determinare, con l aiuto delle scienze esatte, come la chimica e la fisica, quale fosse il contenuto delle anfore, quale la composizione e la tecnologia del vetro e del metallo che qui si lavorava e la possibile provenienza dei contenitori da trasporto. Grazie a questo lavoro d équipe potremo sfruttare tutto il reale potenziale informativo di uno scarto di lavorazione, di un banale coccio, di un campione di legno, di osso o di terreno. Materiali che a tanti sembrava un non senso raccogliere e che noi speriamo invece di poter concretamente tradurre in conoscenza per l intera comunità. Rosario in lignite da una sepoltura di età moderna Ingresso laterale monumentale della Cattedrale (XVI sec.) 17

18 Un Po di economia. Comacchio emporio altomedievale Elena Grandi L ipotesi che nell alto medioevo Comacchio fosse stato uno snodo commerciale, tra i traffici marittimi e quelli diretti verso la pianura padana, era stata formulata sulla base del famoso trattato stipulato con i Longobardi nel 715. Il riesame della documentazione delle bonifiche presso Baro dei Ponti e dei più recenti interventi edilizi in Villaggio San Francesco ci aveva condotti ad un primo riscontro materiale di tale ipotesi: i pali e gli assiti di legno affiorati in quelle occasioni erano probabilmente da interpretarsi come i resti di strutture portuali. È in quella zona, dunque, che una volta conclusa la campagna di scavo in centro città, ci siamo diretti per praticare, tra il 2008 e il 2009, alcuni sondaggi di analisi diretta. Le esigenze prioritarie erano quelle di recuperare una sequenza affidabile, che ci permettesse di inquadrare cronologicamente quei pontili e tavolati, e di verificare se la teoria che si trattasse di infrastrutture portuali fosse percorribile. Quanto emerso dai sondaggi ha superato le nostre aspettative poiché il grado di conservazione delle strutture supersiti è eccezionale. Si tratta di pontili con pali infissi e assiti orizzontali, come quelli di cui ci era arrivata documentazione, e di strutture di spondali di contenimento che delimitano una banchina dotata di scivolo di alaggio. Resti di pontile in uno dei sondaggi di Villaggio San Francesco Banchina con scivolo di alaggio coperto di pece, discendente verso il canale (parte inferiore della foto) Struttura lignea di contenimento della banchina prospiciente un canale portuale e tracce di una struttura (magazzino?) bruciata (Villaggio San Francesco, scavo 2009) 18

19 Contenitore da trasporto in ceramica depurata da Comacchio Frammenti di contenitori da trasporto dallo scavo del porto (Villaggio San Francesco, scavo 2009) Anfore globulari alto medievali da Comacchio Il cospicuo numero di contenitori da trasporto raccolti, sostanzialmente l unica classe di materiali qui presente, da un lato consente di datare queste costruzioni e il loro funzionamento tra il tardo VII secolo e l inoltrato IX secolo, dall altro conferma la funzionalità dell area, prioritariamente commerciale. Il sito occupa un area molto grande, stimabile in via preliminare in circa mq., e corrispondente alla zona dell attuale Villaggio San Francesco ed ex Zuccherificio, che nell alto medioevo si articolava su almeno due isole principali, individuate grazie alla cartografia storica e all analisi delle foto aeree. In queste ultime è possibile osservare come in questa zona confluiscano importanti vie acquee, che mettevano in comunicazione Comacchio con le rotte padane e marittime adriatiche. Banchine e piattaforme lignee 19

20 fungevano quindi da attracco e luogo di stoccaggio. Imbarcazioni locali a fondo piatto, adatte a percorrere i bassi fondali dei fiumi della pianura Padana, garantivano la distribuzione delle merci nell entroterra. Questo quadro potrà essere arricchito da contributi di tipo geo-pedologico e ambientale, che aiutino a leggere la conformazione del paesaggio e le trasformazioni dell ambiente terracqueo in età antica. Comacchio, pertanto, doveva essere in primis un centro di smistamento: beni che giungevano in Adriatico, anche da lontane rotte mediterranee, venivano reindirizzati verso l entroterra del Regno longobardo. Tra questi beni sono da annoverare sicuramente il vino, come dimostra l analisi del contenuto di alcune anfore, le spezie e, molto probabilmente, anche il garum (salsa di pesce) e l olio, come emerge dalle fonti scritte dell epoca. Oltre ad alimenti, dovevano probabilmente transitare per Comacchio anche tessuti, benché nessun documento li menzioni direttamente. Ma dal porto dovevano partire anche prodotti locali, come ovviamente il sale, e una serie di beni, in vetro e in metallo, d uso comune e di lusso, frutto dell attività artigianale rivelata dagli scavi archeologici intorno alla Cattedrale. Un centro cerniera tra mare e terra, dunque, inserito all interno di un sistema economico che, prima di tutto, doveva essere funzionale alle esigenze del Regno longobardo durante il secolo VIII. Rilievo digitale del terreno con individuazione delle due isole nelle quali si articolava il porto di Comacchio Il porto di Comacchio nell alto medioevo (particolare del disegno di R. Merlo) 20 Insediamenti di questo tipo si stavano sviluppando nello stesso periodo nella laguna veneziana o si sarebbero sviluppati poco più tardi nel sud Italia (come ad esempio Amalfi). Per l alto Adriatico, tuttavia, non esistono riscontri archeologici di porti altomedievali, interessanti confronti invece sono rintracciabili nel nord Europa (per esempio in Olanda e Germania), dove un archeologia più attenta alle fasi postclassiche ha indagato estesi empori lagunari e fluviali che presentano strutture di approdo del tutto simili a quelle di Comacchio. Le ricerche condotte hanno così evidenziato i caratteri dell insediamento comacchiese, la sua vocazione e la natura delle sue relazioni economicocommerciali. Comacchio, in sostanza, nasce e si sviluppa essenzialmente per il particolare ruolo economico che viene a

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura Il valore economico della cultura: come reinvestire l indotto generato dalla produzione culturale Intervento del Sindaco di Siena Franco Ceccuzzi

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE 26 OTTOBRE 2015 RELAZIONE PRESIDENTE ing. Filippo Pontiggia E da poco più di un anno che ricopro la carica di Presidente del Gruppo Giovani, un anno trascorso velocemente, ricco

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Progetto di formazione e laboratorio documentale destinato agli insegnanti e alle classi elementari, medie e superiori della Provincia di Como.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Laboratorio della Memoria

Laboratorio della Memoria Comune di Gemmano Laboratorio della Memoria Progetto 2006 a cura dell Auser Provinciale di Rimini 1 Laboratorio della Memoria 2006 Premessa Il presente progetto è la prosecuzione del progetto approvato

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

Australia working honeymoon visa. Visto di permesso speciale per una coppia in luna di miele

Australia working honeymoon visa. Visto di permesso speciale per una coppia in luna di miele Australia working honeymoon visa Visto di permesso speciale per una coppia in luna di miele Immagini dell autore. Daniela Scaccabarozzi Andrea Aromatisi AUSTRALIA WORKING HONEYMOON VISA Visto di permesso

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

A cura di: Giangiacomo Freyrie

A cura di: Giangiacomo Freyrie 1 Buongiorno. La collaborazione con Federcongressi&eventi entra nel vivo e nella fase più operativa. Partiamo dal gruppo dei PCO. Il primo con cui siamo entrati in contatto e con cui abbiamo cominciato

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

assaggifigurepaesaggi

assaggifigurepaesaggi Giorgia Fiorio Franco Fontana Ferdinando Scianna assaggifigurepaesaggi Snam Rete Gas per il paesaggio italiano PassaggiFigurePaesaggi 2010 Snam Rete Gas www.snamretegas.it Tutti i diritti riservati. Ogni

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

La Regione Germanica

La Regione Germanica La Regione Germanica Si tratta della regione centrale del continente europeo, che si estende dalla coste tedesche bagnate dal Mare del Nord e dal Mar Baltico fino alla catena montuosa della Alpi. Nell

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano

Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Lugano-Intervento giornate 9-10 settembre 2009 Silvia Cortellazzi, Università cattolica di Milano Indice 1. L Italia e la formazione professionale 2. La Lombardia e la formazione professionale 3. Chi esce

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli