Comacchio: una città alto-medievale e l archeologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comacchio: una città alto-medievale e l archeologia"

Transcript

1 Comune di Comacchio - Assessorato alla Cultura Università Ca Foscari - Cattedra di Archeologia Medievale Comacchio: una città alto-medievale e l archeologia Da una Mostra a uno scavo a una Mostra, passando per un Convegno di S. Gelichi, E. Grandi, con una cartolina di R. Hodges

2 L intento di presentare a Comacchio gli atti del convegno internazionale sull alto medioevo From one sea to another. Trading places in the European and Mediterranean Early Middle ages (Da un mare all altro. Luoghi di scambio nell Alto Medioevo europeo e mediterraneo), che si è tenuto nella nostra città nell anno 2009, riflette adeguatamente l attenzione che l Amministrazione Comunale conferisce alla cultura e in particolare alla storia millenaria di questo territorio. La presentazione del volume vuole pertanto essere un momento qualificante all interno di un fecondo percorso di studi, avviati nel 2006 dall Università Ca Foscari di Venezia Dipartimento di Scienze dell Antichità e del Vicino Oriente (ora Dipartimento di Studi Umanistici) dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Emilia Romagna e dal Comune di Comacchio, in una proficua sinergia che ha avuto quale frutto maggiore il risultato delle indagini archeologiche compiute dall Università sul sito di Comacchio, sotto la direzione di Sauro Gelichi e Luigi Malnati. L Amministrazione ha voluto produrre questo agile libretto, a firma Sauro Gelichi ed Elena Grandi, di cui queste brevi note sono poste a premessa istituzionale. È stato realizzato per avvicinare ai lettori e rendere più facilmente comprensibili le informazioni tratte dal monumentale libro degli atti, che per lo più è in lingua inglese, a motivo della sua diffusione internazionale. È importante ed opportuno operare costantemente per una adeguata comunicazione ai cittadini e al pubblico delle nuove ricerche, come del resto è stato fatto spesso a Comacchio in questi anni dall Università di Venezia, durante gli scavi e nel corso delle iniziative successive agli stessi. Le indagini archeologiche effettuate nella zona antistante il sagrato della basilica concattedrale di Comacchio e nel settore nord-occidentale del centro abitato hanno portato alla luce reperti e strutture di grande interesse storico per la comprensione delle origini della nostra città e di altre nate nello stesso periodo, tra cui Venezia e Grado, ma anche per lo studio degli equilibri commerciali europei nell alto medioevo. Gli esiti sono così confluiti in importanti iniziative culturali, di respiro internazionale, quali il convegno e la mostra archeologica L Isola del Vescovo, allestita nell anno 2009 nel Settecentesco Ospedale degli Infermi. Grazie agli studi di Sauro Gelichi e della sua équipe si è potuto risalire, così, al ruolo di primissimo piano ricoperto da Comacchio nei secoli VII e VIII d.c. quale porto commerciale di collegamento in un crocevia di percorsi d acqua che servivano i territori longobardi e padani e le rotte mediterranee bizantine. I resti dell antica cattedrale hanno confermato la presenza di una sede vescovile e di botteghe artigianali. La presentazione del volume, che raccoglie gli atti del convegno internazionale sugli empori e le rotte commerciali nell Occidente altomedievale, permette all Amministrazione Comunale di trarre nuovi stimoli per ripensare alla propria archeologia. Questa tappa offre anche l opportunità di pianificare, con rinnovato vigore e interesse storico, altre ricerche nella direzione già intrapresa. Le Istituzioni hanno il dovere di salvaguardare il patrimonio archeologico, che ci consente di studiare la nostra storia, ricostruendo minuziosamente tutte le fasi in cui si è evoluta la nostra civiltà. Un sentito ringraziamento dunque va espresso al professor Sauro Gelichi e al professor Richard Hodges, curatori del volume degli atti, al Centro Interuniversitario per la Storia e l Archeologia dell Alto Medioevo che ne è l Ente promotore e responsabile, all Università di Venezia e a tutti coloro che ci hanno offerto questa straordinaria occasione per leggere e per conoscere il nostro passato, colmando tanti vuoti. Un ringraziamento particolare va anche alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara, la quale ha generosamente contribuito alla realizzazione del volume degli atti From one sea to another. Trading places in the European and Mediterranean Early Middle ages. Alice Carli Assessore alla Cultura Marco Fabbri Sindaco del Comune di Comacchio 2

3 Introduzione Il grande storico belga Henri Pirenne e la sua scuola dedicarono accuratissime ricerche a dimostrare che l avanzata musulmana nel VII e VIII secolo dell era cristiana diede il colpo finale alle già traballanti relazioni commerciali tra Est ed Ovest; di conseguenza il pepe in Occidente divenne scarso come non mai. C. M. Cipolla Il ruolo delle spezie (e del pepe in particolare) nello sviluppo economico del medioevo, in Allegro ma non troppo, Bologna 1988, p. 16 In porto Parmisiano piper oncias duas. Capitolare di Liutprando Biblioteca Comunale di Cremona Questo libretto ci è stato chiesto dall Amministrazione di Comacchio. Un testo, di facile lettura, da pubblicare in occasione della presentazione, a Comacchio, di un libro ben più ostico da digerire: gli atti di un Convegno Internazionale che si è tenuto nel marzo del 2009 a seguito di una Mostra, L Isola del vescovo. Atti di un Convegno che, all inusualità dell argomento, associano anche il problema della lingua (è scritto in gran parte in inglese). Ma tutto ha una sua ragionevole spiegazione: il tema non usuale, ma necessario, perché ci si prefiggeva lo scopo, come ha scritto Richard Hodges, di dare il benvenuto a Comacchio nel club dei grandi siti europei altomedievali ; la lingua, barbara, perché entrare in quel club così esclusivo significa parlare uno stesso idioma universale (che oggi non è più, ahinoi, il latino!). Su Comacchio abbiamo già scritto molto, in questi ultimi anni, e molto, ancora, pensiamo di scrivere nel futuro, visto che è in cantiere un volume monografico sugli scavi della Cattedrale e di Villaggio San Francesco. Dunque, questo libretto non vuole ripetere che cosa pensiamo di Comacchio, né discutere il suo ruolo nell ambito dell archeologia medievale europea; né, infine, vuole condensare, bignamino in pillole, quanto è stato detto in occasione di quell incontro (anche se qualche riferimento per un pubblico di non addetti ai lavori è d obbligo). Vuole essere, semplicemente, il racconto spiegato di un progetto; e la storia di un rapporto, non sempre facile, tra un gruppo di ricercatori e una comunità. L archeologia ha una difficile funzione in una società come la nostra: difficile perché importa modelli, e dunque principi generali da cui discendono comportamenti, disposizioni e regole, che sono stati elaborati in un contesto socio-culturale molto diverso e cronologicamente lontano da quello attuale. Inoltre, se la Società è cambiata anche l Archeologia non è più 3

4 la stessa. Tentare di coniugare, dunque, una nuova Archeologia con una diversa Società è una scommessa che la nostra Comunità Scientifica non ha ancora tentato di affrontare, ma indiscutibilmente dovrà farlo in un prossimo futuro (se non vogliamo vedere disperso e mortificato il nostro patrimonio archeologico, o perché dilapidato da un insensibilità crescente, o perché imbalsamato in uno spazio senza tempo e senza vita). Il rapporto concreto con una realtà concreta, come quella comacchiese, può dunque rappresentare, come ha rappresentato per noi, un esperienza molto istruttiva. La nostra scommessa, non lo nascondo ambiziosa, era infatti quella di trasferire un progetto (che nasceva da una precisa motivazione scientifica) elaborato altrove (per di più nella nemica storica, e rivale, Venezia!) in uno spazio ben preciso, fisicamente connotato, popoloso e chiaramente definito sul piano dell identità; e tentare di far vivere, e di far crescere, quel progetto cercando di agglutinare, attorno ad esso, il massimo del consenso. Non perché pensiamo che non possano esistere idee, valori e forti convincimenti anche al di fuori di un opinione comune e diffusa, spesso dettata dalla convenienza; ma perché riteniamo che, in tema di beni pubblici (e il patrimonio archeologico lo è di diritto, sia nelle sue espressioni materiali che in quelle immateriali), la condivisione sia una procedura ineludibile, un passaggio non negoziabile. Così, far discendere l azione archeologica da un progetto (e non viceversa, come quasi sempre accade) e tentare di spiegare e condividere le ragioni di quel progetto (che, oltretutto ha, come qualsiasi attività archeologica buona o cattiva che sia, un costo sociale elevato) è stata tra le priorità che ci siamo dati. Tutto questo è avvenuto, non lo nego, tra qualche inevitabile polemica, a mio giudizio dettata più da atavici fraintendimenti (e da un radicato senso di distanza che permea qualsiasi locale rivendicazione) che non da una meditata convinzione etica e scientifica. Tuttavia non sempre siamo stati convincenti, anche se non ci possiamo rimproverare la ricerca costante di un dialogo, l apertura quotidiana di canali di comunicazione diretta: e lo abbiamo fatto attraverso incontri pubblici (anche a livello politico) e attraverso lo strumento più facile che avevamo a disposizione, ma che raramente viene impiegato. Abbiamo, cioè, aperto il cantiere: anzi, l abbiamo sempre lasciato aperto. Sfidando le ragioni della segretezza archeologica, abbiamo messo alla prova i cittadini di Comacchio ponendoli a diretto contatto, senza diaframmi, con i loro tesori. E abbiamo anche cercato di raccontarli questi tesori che venivano ogni giorno alla luce, tentando di eliminare, insieme alle barriere fisiche, anche quegli ostacoli psicologici che spesso allontanano i cittadini dai loro beni. Un segmento della storia di questi luoghi è comunque emerso dalla penombra dove gli eventi umani l avevano da tempo relegato; anzi, per un breve periodo, ha conosciuto pure le luci di una ribalta internazionale. Così lo consegniamo alla collettività, sperando che sappia farne buon uso per il futuro. Per quanto ci riguarda, non ci resta che ringraziare le molte persone che al progetto su Comacchio hanno creduto, lo hanno aiutato a crescere e a concretizzarsi: i molti che qui hanno lavorato, insegnando ed imparando, e i molti che fuori da qui hanno guardato a questa esperienza con occhi, spero, che non siano stati solo quelli dell amicizia. Ferrara gennaio 2013 Sauro Gelichi 4

5 Le ragioni di un progetto archeologico e l identità di Comacchio Sauro Gelichi Il progetto archeologico su Comacchio altomedievale nasce nel 2003, quando un gruppo di ricerca cominciò a lavorare all allestimento della mostra Genti nel delta, un esposizione organizzata in coincidenza con le celebrazioni dell anniversario del Santo Patrono cittadino, cioè San Cassiano. L occasione rappresentava poco più di un pretesto per riprendere in considerazione un segmento temporale della storia di questo abitato che aveva conosciuto, nel passato, alterne vicende. Come è noto, le fortune archeologiche di questi luoghi erano cominciate verso gli anni 20 del Novecento con le bonifiche di Valle Trebba e, a seguire, di Valle Pega, interventi che avevano avuto lo scopo di recuperare terre all agricoltura e di far uscire dall isolamento Comacchio, che fino ad allora era un isola. Queste bonifiche ebbero anche il merito di riportare alla luce, in maniera meno episodica di quanto non fosse avvenuto nel passato, i resti di alcune necropoli dell antica Spina che, grazie ai loro corredi funebri, svolsero anche la funzione di porre alla ribalta nazionale questi dimenticati territori. La ricchezza quantitativa e qualitativa dei corredi etruschi non solo aveva attirato l attenzione della comunità scientifica su Comacchio, ma aveva anche favorito la nascita di una percezione comune che identificava in quegli oggetti (e nelle popolazioni che li avevano prodotti e/o utilizzati) i progenitori dei pescatori e salinari lagunari. Se non per via diretta (Comacchio all epoca di Spina non esisteva), l antica città etrusca, e i suoi oggetti finalmente ritornati alla luce dopo un lungo oblio, sembravano ridare un senso identitario a questa comunità e l aiutavano ad uscire da quello splendido isolamento nel quale si era trovata per secoli. Naturalmente le scoperte nelle Valli non avevano restituito solo materiali risalenti alla stagione dell oro spinetico. Saltuariamente, infatti, erano venuti alla Il regista Alfred Hitchcock nel 1960 alla Mostra dell Etruria padana e della città di Spina tenutasi a Bologna (http://www.flickr.com/ photosilfattoquotidiano/ /) luce reperti di epoca romana ed ancora posteriore, che documentavano non solo l ovvia frequentazione di questi luoghi in epoche più tarde, ma sembravano già delineare i caratteri e la fisionomia di un territorio senza più Spina. In particolare, sembravano già molto promettenti le scoperte in valle Ponti (Baro dei Ponti e Baro delle Pietre), a nord-ovest poco fuori l abitato di Comacchio, da cui provenivano diversi elementi lapidei decorati altomedievali e, soprattutto, i ritrovamenti in loc. Motta della Girata, dove vennero alla luce i resti di una chiesa con annesso battistero e, vicino, un estesa necropoli con più di duecento inumazioni. 5

6 Santa Maria in Padovetere, la chiesa e il battistero Ambone da Valle Ponti, foto degli anni 30 del secolo scorso (foto di A. Felletti, archivio di Antonio Bruno Felletti, Comacchio) Valle Trebba Disegno tratto dal Giornale di Scavo Per quanto a rimorchio di un archeologia che aveva nei tesori etruschi il suo centro, queste scoperte relative al periodo altomedievale riportavano (o avrebbero dovuto riportare) l attenzione su un altro momento durante il quale questi territori erano stati decisamente importanti (e, curiosamente, per gli stessi motivi per cui lo erano stati durante il mondo antico). Le fonti scritte, infatti, e soprattutto un famoso documento conservato a Cremona (il c. d. Capitolare di Liutprando), raccontavano dell esistenza, verso gli inizi del secolo VIII, di un insediamento che si chiamava Comacchio (proprio come l abitato attuale) i cui abitanti avevano stipulato un trattato con i Longobardi per il commercio lungo il Po e i suoi affluenti. Da questo documento si apprendeva, dunque, che alle soglie dell altomedioevo la frangia meridionale dell estuario del Po era tornata ad essere decisiva nelle relazioni commerciali ed economiche tra l Adriatico (e, più in generale, il Mediterraneo) e l entroterra padano (ora sotto il dominio longobardo). L archeologia comacchiese, dunque, avrebbe potuto percorrere anche queste vie, se i malfermi passi che muoveva allora l archeologia medievale, da una parte, e l ingombrante peso del passato spinetico, dall altra, non avessero consigliato altre strade. Non vi è dubbio che l archeologia a Comacchio nasca sotto il segno di un fraintendimento, di una prospettiva di ricerca distorta. Comacchio, in quanto tale, è il prodotto di un processo formativo che niente ha a che fare con il mondo antico e con la città etrusca. Negli anni in cui l emporio spinetico emergeva quale nodo commerciale, la zona dove sorgerà Comacchio era sommersa dalle acque dell Adriatico. Nell epoca immediatamente successiva, quella romana, un tipo diverso di popolamento aveva caratterizzato questi territori: vasti spazi di proprietà del fisco imperiale all interno dei quali si alternavano fattorie a ville a piccoli nuclei abitati (vici), il più grande dei quali, Vicus Habentia, non assurse mai a 6

7 dignità di città. Una realtà insediativa profondamente modificata e mutata che, in condizioni storicoeconomiche completamente differenti, avrebbe però riconsegnato, ad un insediamento nuovo in un nuovo spazio strappato prima al mare, poi alla laguna, quel primato che dieci secoli prima era stato di Spina. Ma questo è l unico possibile collegamento che ci è consentito avanzare tra Spina e Comacchio: niente di più di una coincidenza funzionale connessa con una rinnovata centralità delle vie d acqua sulle vie terrestri. Si sarebbe tentati di addebitare ad un fraintendimento storiografico, da una parte, e ad un legittimo anelito di restituzione di beni (le ceramiche spinetiche), dall altro, la responsabilità di aver lasciato il medioevo (nel suo complesso) in mano ad una colta erudizione che faceva a meno del dato materiale. Ma non è così, o non è solo questo. L altomedioevo comacchiese, in particolare tra gli anni 70 e 90 del secolo scorso, è stato infatti al centro di molti contributi scientifici che hanno cercato di recuperare il dato archeologico e di contestualizzarlo. Tuttavia questo è avvenuto Il Capitolare di Liutrprando ( ) con indicazione degli habitatoribus comaclo limitandone l uso nell alveo di una pratica tradizionale e piegandolo di fatto ad un tracciato disegnato da una storiografia che indulgeva alla ricostruzione erudita e ai suoi tipici topoi (longobardo-bizantini, la guerra e il limes, la sequenza episcopale che affondava nella notte dei tempi). La cultura materiale, che avrebbe potuto aprire un seppur timido varco nella spessa coltre delle ovvietà comacchiesi, rimaneva timida spettatrice, illustratrice muta di storie raccontate da altri. In realtà, una lettura più smaliziata e aggiornata dell edito archeologico e una riconsiderazione diretta dell inedito, avvenuti in occasione della Mostra Genti nel Delta, dimostravano una situazione differente, e soprattutto differentemente relazionata con il Regno longobardo e l Impero bizantino, prima, con l Impero Carolingio, poi. Non erano solo nuovi oggetti a raccontare una diversa storia, ma era soprattutto un diverso approccio a tutto quanto il contesto archeologico comacchiese a profilare scenari interpretativi profondamente mutati; e a posizionare dunque Comacchio in un contesto nuovo, senza dubbio più stimolante. 7 Inaugurazione della mostra Genti nel Delta (16/12/2006)

8 Genti nel Delta. Punto d arrivo e punto di partenza Sauro Gelichi Gli esiti degli studi avviati nel 2003 furono utilizzati per realizzare una sezione della Mostra Genti nel Delta e contribuirono alla redazione di una parte, piuttosto corposa, del Catalogo che accompagnava quell esposizione. L analisi diretta di tutti i materiali rinvenuti a Comacchio, e la possibilità di studiare i risultati dei saggi praticati nel 1996 in loc. Villaggio San Francesco (alla periferia ovest dell abitato, in occasione di una prima lottizzazione dell area), fornirono gli strumenti di base per riformulare una piattaforma progettuale su Comacchio altomedievale. Gli studi sui materiali fecero innanzitutto emergere, con grande chiarezza, la presenza di un numero consistente di contenitori anforici (le c. d. anfore globulari ), databili tra VIII e IX secolo. Scoperte un po ovunque nel passato (ma soprattutto nelle trincee di Villaggio San Francesco), queste anfore sono risultate essere una costante nei depositi comacchiesi che, nel contempo, andavano a caratterizzare in maniera Il catalogo della mostra Anfora globulare altomedievale (dalla Crypta Balbi, Roma) molto originale, sia sul piano qualitativo che quantitativo (al momento, infatti, in nessun altro insediamento dell Italia settentrionale ne è stato ritrovato un numero così alto). Poi, il posizionamento (geo-referenziazione) di tutti i ritrovamenti [in particolare le palificazioni scoperte dal Proni (assistente della Soprintendenza per i Beni Archeologici) negli anni 20 e 30 e quelle emerse nell area di Villaggio San Francesco negli anni 90], permisero di riconoscere, proprio in quella zona ad ovest dell attuale abitato, un importante snodo dell insediamento altomedievale, caratterizzato funzionalmente in senso marittimo e commerciale. Se non proprio il porto di Comacchio, almeno un porto di Comacchio nell alto-medioevo, come dimostravano proprio le tipologie dei contesti archeologici messi in luce (banchine, piattaforme, terminazioni spondali). Inoltre, anche le altre tipologie di manufatti (i recipienti in ceramica e pietra ollare, i vetri, i metalli) lasciavano intravedere una fisionomia della cultura materiale comunque diversa da quella dei coevi insediamenti di terraferma e molto più vicina a quella che, nel frattempo, stava emergendo nella laguna veneziana. La Mostra del 2006 aveva messo in evidenza, dunque, le enormi potenzialità di questo sito e, soprattutto, ne aveva descritto, con chiarezza, le specificità, che erano innanzitutto quelle di nuovo centro abitato, sorto da nulla in una zona non precedentemente insediata. Inoltre, indipendentemente da come venisse qualificato nelle fonti scritte (castrum, insula, 8

9 Le palafitte di Valle Ponti nel 1924, dal Giornale di scavo di F. Proni etc.), Comacchio appariva molto più vicino ai coevi empori del nord Europa che non alle città italiche sopravvissute al collasso del mondo romano. E questo nonostante che le differenze fossero pure sostanziali, come ad esempio il ruolo che qui avevano giocato le gerarchie ecclesiastiche (l arcivescovo di Ravenna, una stabile sede episcopale a partire dal secolo VIII) o quelle civili (quali erano, e quali erano state, le sue relazioni con il potere bizantino?). Per mettere meglio a fuoco il senso e il significato della Comacchio altomedievale, dunque, era necessario agire in due direzioni. La prima era quella di sganciare la storia del sito da una tradizione di studi che ne relegava il ruolo ad una dimensione tipicamente regionale, la stessa che lo collegava in maniera esclusiva allo sfruttamento, pure importante, del sale. Una storiografia che era propensa a leggere le vicende di questo abitato più nelle dinamiche politico-militari del Regno e poi dell Impero (conflitto Longobardi-Bizantini, poi Franchi-Longobardi) che non in una quadro, di sicuro più interessante, di genesi di una nuova comunità. Inoltre, disincagliare la storia di Comacchio dalle vulgate locali, significava anche tentare un ardito ma plausibile confronto con un fenomeno che gli storici e gli archeologi nord Europei conoscevano bene, ma che sembrava del tutto estraneo alla realtà italiana: quello degli empori. Un percorso che ci aiutava meglio a capire Comacchio, l urbanesimo altomedievale e, ancora, la fisionomia storico-economica del nord Italia durante l altomedioevo. L altra direzione era quella di pensare, in forme del tutto nuove, a dare un senso e una diversa organizzazione alla ricerca archeologica: non più una pratica collegata all emergenza, dove non c è attività che non sia il frutto del caso, ma una pratica che discendesse da 9 Resti lignei dalle trincee per i sottoservizi di Villaggio San Francesco Posizionamento delle palafitte ritrovate durante le bonifiche e delle trincee del 1996 nell area archeologica di Valle Ponti e di Villaggo San Francesco

10 Comacchio nell altro medioevo (disegno ricostruttivo di R. Merlo) un progetto, il quale a sua volta coordinasse e programmasse le indagini sul territorio. Non era difficile, bastava cominciare a mappare il rischio archeologico (e per alcune zone questo è stato anche fatto) e, di converso, ritagliare tra le risorse che l Amministrazione doveva comunque investire per lavori di pubblica utilità, quei finanziamenti che avrebbero permesso, appunto, di fare vera prevenzione. In sostanza si trattava di applicare a Comacchio quello che si stava cercando di L area degli scavi attorno alla Cattedrale fare anche in altre province della regione, e di farlo mettendo le risorse della collettività al servizio di un programma che doveva essere chiaro negli intenti, nelle procedure e nella finalità. Comacchio era nata nell altomedioevo e dunque lavorare a Comacchio non poteva che trovare in quel particolare momento storico, e nelle sue testimonianze materiali, il suo principale motivo di interesse. Per farlo, però, era necessario essere credibili, proporre qualcosa che la cittadinanza avrebbe dovuto accogliere e condividere. Così, quando si seppe che l Amministrazione comunale doveva rifare la pavimentazione intorno alla Cattedrale (cuore spirituale e civile della Comacchio storica), venne spontaneo proporre di far anticipare quelle ricerche sul sagrato da un approfondito ed esteso scavo archeologico: una volta tanto gli archeologi non sarebbero stati imbarazzati testimoni di un intervento in corso d opera (tra le ruspe che incombono e la fretta che incalza), ma protagonisti di una ricerca scientifica, con i tempi che occorrevano e le modalità che si rendevano necessarie. La Soprintendenza Archeologica dell Emilia-Romagna, e il suo Soprintendente, furono altrettanto audaci sperimentatori nel condividere con noi quell esperienza (nei modi, nei tempi). E così il lungo scavo intorno alla Cattedrale ebbe inizio. Era il 2006: sapevamo già molto di Comacchio, ma per la prima volta ci veniva offerta la possibilità di toccare con le nostre mani i depositi archeologici, e dunque di accedere direttamente ai segreti del sottosuolo. Le nostre speranze non vennero disattese. 10

11 L isola del vescovo. Gli scavi presso la Cattedrale Elena Grandi Si è detto nelle pagine precedenti che la ricerca archeologica ha un costo ed un impatto aggiungerei sociale non indifferente. Ma l aver investito qualche tempo e qualche risorsa in più per uno scavo archeologico stratigrafico, condotto manualmente, nel cantiere di Piazza XX Settembre, ha permesso di recuperare oggetti e dati fondamentali per conoscere la storia di Comacchio, dati che, con un diverso tipo di intervento, sarebbero andati perduti. Scavo stratigrafico e manuale: in queste parole è in qualche modo racchiuso il senso, oltre che il metodo, della nostra ricerca; e non è un concetto così scontato. Nei mesi trascorsi a lavorare in piazza, così spesso ci hanno chiesto perché scavavamo così, perché fare tutta quella fatica, pala, secchi, chini nel fango o sotto il sole, se non anche cosa cercassimo, che lì non c era niente, alludendo a mirabili vasi spinetici palesemente più belli dei cocci monocromi e informi che con tanta cura raccoglievamo. Credo che le ragioni di questo modo di procedere, del nostro cercare, siano per lo più arrivate a chi, giorno dopo giorno, si è soffermato a bordo scavo, osservando in modo curioso o molto spesso perplesso l avanzamento dei lavori. Ed è con l intento di condividere con la comunità i risultati raggiunti che nel marzo del 2009, a scavo appena ultimato, perciò senza gli approfondimenti e la rielaborazione che sono tutt ora in corso, è stata allestita la mostra L isola del vescovo. Gli scavi archeologici intorno alla Cattedrale di Archeologi al lavoro Lo scavo di una sepoltura Archeologi al lavoro 11

12 La sala dedicata alla bottega artigiana (foto di Arbali Walter) Artigiano al lavoro (bozzetto di R. Merlo) Sulle dune sabbiose : la prima sala della mostra Locandina della mostra L Isola del vescovo Fibbia in bronzo dalle fasi originarie di Comacchio (seconda metà VI sec d.c) Comacchio, corredata dall omonimo catalogo. La mostra raccontava le tappe salienti di mille e duecento anni di storia di Comacchio, riscoperte grazie ai 180 mq di scavo praticato tra il 2006 e il 2008 intorno al duomo di San Cassiano, in quella che, a ragione, abbiamo battezzato come isola del vescovo. Ripercorriamole brevemente. A circa tre metri dal piano di campagna abbiamo potuto individuare le prime testimonianze della storia dell insediamento, deboli tracce di una capanna con focolare costruita direttamente sulle sabbie naturali. I reperti associati, tra cui una notevole fibbia in bronzo molto ben conservata, la datano alla seconda metà del VI secolo d.c.. Questo, dunque, è il momento in cui vennero occupate le dune e gli isolotti recentemente formatisi grazie all avanzare dei depositi del delta; ma oggi sappiamo ancora molto poco di questa fase primigenia 12

13 Comacchio nella seconda metà del VI sec. d.c. (disegno di R. Merlo) L atelier artigianale dallo scavo di Piazza XX settembre Scorie di lavorazione del vetro Scorie di lavorazione dei metalli Matrice in marmo per realizzare lettere in bronzo A destra: matrice in bronzo per realizzare cammei in vetro (dallo scavo di Piazza XX settembre). A sinistra: uno dei cammei che orna il reliquiario a capsella del Tesoro del Duomo di Cividale del Friuli (Museo Cristiano e Tesoro del Duomo, Parrocchia di S. Maria Assunta) 13

14 Comacchio nel VII secolo, quartieri artigianali e abitativi (disegno di R. Merlo) dell insediamento. Molto più evidenti e ricchi di informazioni sono i resti archeologici della fase successiva: un interessatissima struttura che ospitava attività artigianali e produttive di grande rilievo, come quelle della lavorazione dei metalli e del vetro, testimoniate da una fornace e fuochi di lavoro, da scorie metalliche e vitree, oltre che da un ingente quantità di frammenti di crogioli in pietra ollare. All interno di questa officina, nel tardo VII secolo, si producevano recipienti in vetro (probabilmente bicchieri), manufatti di grande pregio artistico (cammei vitrei), oggetti in metallo (tra cui lettere in bronzo) e oggetti in osso. La fornace individuata era probabilmente destinata alla soffiatura del vetro; lo scavo ha messo in luce solo una parte dell atelier, lasciando presagire un complesso più ampio in cui si articolavano le diverse fasi di lavorazione e si svolgevano attività altamente specializzate. L eccezionalità della scoperta è palese se consideriamo Planimetria ipotetica dell area della primitiva chiesa vescovile, con il cimitero antistante (VIII sec. d.c.) 14

15 Frammenti dell arredo scultoreo della chiesa vescovile usati come elementi di reimpiego nel secolo XI Frammento di colonna in marmo Frammento di trabeazione con iscrizione dedicatoria Frammento di trabeazione con figura togata che, per l alto medioevo, i possibili confronti vengono solo da pochissimi luoghi: Roma, l isola di Torcello (Venezia) e il monastero di San Vincenzo al Volturno (Isernia); anche guardando all estero, quello di Comacchio resta un ritrovamento di estremo rilievo. Sul fare del secolo VIII l edificio produttivo fu smantellato; l area che occupava fu adibita a cimitero, con sepolture in semplici fosse disposte ordinatamente entro un limite topografico ben definito. La necropoli era collocata davanti alla prima cattedrale di Comacchio, che proprio in questo momento divenne sede vescovile. Questo edificio religioso fu distrutto nel X secolo ma numerosi elementi architettonici calcari e marmi decorati, nonché tessere musive pavimentali recuperati durante lo scavo, permettono di ricomporre e immaginare parte del suo arredo interno: recinti con pilastrini e plutei, colonne e capitelli, trabeazioni anche 15

16 Lastre marmoree e tessere musive pavimentali della chiesa altomedioevale iscritte. Sappiamo che tra IX e X secolo la chiesa era cinta da un fossato, delimitato da un terrapieno e da una palizzata lignea: questa è l unica struttura difensiva che gli scavi hanno restituito. Forse, non a caso, la sua presenza è ascrivibile ad un periodo di instabilità data dai conflitti con i Veneziani e dalla minaccia saracena. Il secolo XI rappresenta un momento di riqualificazione del complesso vescovile: la chiesa fu ricostruita e ad essa vennero associati due grandi edifici porticati che delimitavano il sagrato antistante. Si tratta probabilmente del palazzo vescovile e di ambienti accessori, che restarono in uso fino al Quattrocento inoltrato. A partire da questo momento, dopo l abbattimento del palazzo, l area fu ancora una volta risistemata e destinata ad uso cimiteriale. Salvo interventi di carattere architettonico, come la realizzazione di un portale monumentale sul lato meridionale della chiesa, la costruzione di una torre campanaria e poi l avvio del cantiere del duomo, l uso di seppellire sul lato dell edificio perdurò fino al XVIII secolo, quando il completamento del duomo di San Cassiano quale è oggi la sistemazione definitiva del sagrato. Quanto emerso da questa potente Planimetria ipotetica dell area episcopale nel secolo XI Denaro di Ludovico il Pio coniato a Venezia ( ) trovato nei livelli di distruzione della Chiesa 16

17 stratigrafia è stato minuziosamente raccolto, catalogato, contato, pulito, in parte consolidato e restaurato, per poi essere analizzato in laboratorio, disegnato ed esaminato. Allo studio di questi materiali stanno partecipando specialisti italiani e stranieri, i quali hanno accolto l invito a lavorare con noi, per lo più gratuitamente, grazie alla rilevanza dei ritrovamenti comacchiesi. Si tratta di studiosi di resti botanici, di resti ossei animali o umani, di numismatici, di storici dell arte, di esperti di arti minori, di ceramologi. Sono poi in corso analisi di laboratorio che consentiranno di determinare, con l aiuto delle scienze esatte, come la chimica e la fisica, quale fosse il contenuto delle anfore, quale la composizione e la tecnologia del vetro e del metallo che qui si lavorava e la possibile provenienza dei contenitori da trasporto. Grazie a questo lavoro d équipe potremo sfruttare tutto il reale potenziale informativo di uno scarto di lavorazione, di un banale coccio, di un campione di legno, di osso o di terreno. Materiali che a tanti sembrava un non senso raccogliere e che noi speriamo invece di poter concretamente tradurre in conoscenza per l intera comunità. Rosario in lignite da una sepoltura di età moderna Ingresso laterale monumentale della Cattedrale (XVI sec.) 17

18 Un Po di economia. Comacchio emporio altomedievale Elena Grandi L ipotesi che nell alto medioevo Comacchio fosse stato uno snodo commerciale, tra i traffici marittimi e quelli diretti verso la pianura padana, era stata formulata sulla base del famoso trattato stipulato con i Longobardi nel 715. Il riesame della documentazione delle bonifiche presso Baro dei Ponti e dei più recenti interventi edilizi in Villaggio San Francesco ci aveva condotti ad un primo riscontro materiale di tale ipotesi: i pali e gli assiti di legno affiorati in quelle occasioni erano probabilmente da interpretarsi come i resti di strutture portuali. È in quella zona, dunque, che una volta conclusa la campagna di scavo in centro città, ci siamo diretti per praticare, tra il 2008 e il 2009, alcuni sondaggi di analisi diretta. Le esigenze prioritarie erano quelle di recuperare una sequenza affidabile, che ci permettesse di inquadrare cronologicamente quei pontili e tavolati, e di verificare se la teoria che si trattasse di infrastrutture portuali fosse percorribile. Quanto emerso dai sondaggi ha superato le nostre aspettative poiché il grado di conservazione delle strutture supersiti è eccezionale. Si tratta di pontili con pali infissi e assiti orizzontali, come quelli di cui ci era arrivata documentazione, e di strutture di spondali di contenimento che delimitano una banchina dotata di scivolo di alaggio. Resti di pontile in uno dei sondaggi di Villaggio San Francesco Banchina con scivolo di alaggio coperto di pece, discendente verso il canale (parte inferiore della foto) Struttura lignea di contenimento della banchina prospiciente un canale portuale e tracce di una struttura (magazzino?) bruciata (Villaggio San Francesco, scavo 2009) 18

19 Contenitore da trasporto in ceramica depurata da Comacchio Frammenti di contenitori da trasporto dallo scavo del porto (Villaggio San Francesco, scavo 2009) Anfore globulari alto medievali da Comacchio Il cospicuo numero di contenitori da trasporto raccolti, sostanzialmente l unica classe di materiali qui presente, da un lato consente di datare queste costruzioni e il loro funzionamento tra il tardo VII secolo e l inoltrato IX secolo, dall altro conferma la funzionalità dell area, prioritariamente commerciale. Il sito occupa un area molto grande, stimabile in via preliminare in circa mq., e corrispondente alla zona dell attuale Villaggio San Francesco ed ex Zuccherificio, che nell alto medioevo si articolava su almeno due isole principali, individuate grazie alla cartografia storica e all analisi delle foto aeree. In queste ultime è possibile osservare come in questa zona confluiscano importanti vie acquee, che mettevano in comunicazione Comacchio con le rotte padane e marittime adriatiche. Banchine e piattaforme lignee 19

20 fungevano quindi da attracco e luogo di stoccaggio. Imbarcazioni locali a fondo piatto, adatte a percorrere i bassi fondali dei fiumi della pianura Padana, garantivano la distribuzione delle merci nell entroterra. Questo quadro potrà essere arricchito da contributi di tipo geo-pedologico e ambientale, che aiutino a leggere la conformazione del paesaggio e le trasformazioni dell ambiente terracqueo in età antica. Comacchio, pertanto, doveva essere in primis un centro di smistamento: beni che giungevano in Adriatico, anche da lontane rotte mediterranee, venivano reindirizzati verso l entroterra del Regno longobardo. Tra questi beni sono da annoverare sicuramente il vino, come dimostra l analisi del contenuto di alcune anfore, le spezie e, molto probabilmente, anche il garum (salsa di pesce) e l olio, come emerge dalle fonti scritte dell epoca. Oltre ad alimenti, dovevano probabilmente transitare per Comacchio anche tessuti, benché nessun documento li menzioni direttamente. Ma dal porto dovevano partire anche prodotti locali, come ovviamente il sale, e una serie di beni, in vetro e in metallo, d uso comune e di lusso, frutto dell attività artigianale rivelata dagli scavi archeologici intorno alla Cattedrale. Un centro cerniera tra mare e terra, dunque, inserito all interno di un sistema economico che, prima di tutto, doveva essere funzionale alle esigenze del Regno longobardo durante il secolo VIII. Rilievo digitale del terreno con individuazione delle due isole nelle quali si articolava il porto di Comacchio Il porto di Comacchio nell alto medioevo (particolare del disegno di R. Merlo) 20 Insediamenti di questo tipo si stavano sviluppando nello stesso periodo nella laguna veneziana o si sarebbero sviluppati poco più tardi nel sud Italia (come ad esempio Amalfi). Per l alto Adriatico, tuttavia, non esistono riscontri archeologici di porti altomedievali, interessanti confronti invece sono rintracciabili nel nord Europa (per esempio in Olanda e Germania), dove un archeologia più attenta alle fasi postclassiche ha indagato estesi empori lagunari e fluviali che presentano strutture di approdo del tutto simili a quelle di Comacchio. Le ricerche condotte hanno così evidenziato i caratteri dell insediamento comacchiese, la sua vocazione e la natura delle sue relazioni economicocommerciali. Comacchio, in sostanza, nasce e si sviluppa essenzialmente per il particolare ruolo economico che viene a

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo 53 La riscoperta dell isola di Sant Erasmo Venezia e Murano, il Lido e Chioggia, Burano e Torcello. Da secoli, i luoghi simbolici per eccellenza della laguna custodiscono la storia, la cultura, la tradizione

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Musei e Paesaggi culturali

Musei e Paesaggi culturali La Carta di Siena Musei e Paesaggi culturali Proposta da ICOM Italia il 7 luglio 2014 alla Conferenza Internazionale di Siena 1. Il paesaggio italiano Il paesaggio italiano è il Paese che abitiamo e che

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Fondazione Carlo Perini

Fondazione Carlo Perini Fondazione Carlo Perini EXPO 2015 Proposta di riqualificazione delle periferie Il Cavallo di Leonardo in Piazzale Accursio/Portello a Milano Aprile 2014 Milano, aprile 2014 Dare visibilità al Cavallo di

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE

QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE SISTEMI OPERATIVI QUALI TRAFFICI PER IL PORTO DI CHIOGGIA RAPPORTO FINALE Venezia, settembre 1997 INDICE SINTESI DEI CONTENUTI 0 PREMESSA 1 IL PORTO DI CHIOGGIA OGGI E DOMANI 1.1 LE INFRASTRUTTURE E LE

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA Quest anno devo dire che stiamo usando tanto la moto, soprattutto perché le temperature miti stanno lottando con l inverno

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO Palazzo Canevari, Largo di S. Susanna 13, Roma Il Palazzo già sede del Museo Geologico Nazionale di Largo Santa Susanna, voluto da Quintino Sella alla fine dell 800,

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA

Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA Editoriale Futuro da scrivere. E questo il titolo del documento predisposto da Federcasse in preparazione del 14 Congresso Nazionale del Credito Cooperativo tenutosi

Dettagli

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI:

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: Il Progetto GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: UNA CAPITALE DEL MEDITERRANEO Mostre, convegno, percorsi e manifestazioni Museo di Sant Agostino Ottobre 2015 Lo Scenario Genova medievale e il suo ruolo nel

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

sono lieta di annunciarvi che, quest anno, la 1 E andrà in Perù!!!... MAGARIIII!!!

sono lieta di annunciarvi che, quest anno, la 1 E andrà in Perù!!!... MAGARIIII!!! Carissimi lettori, sono lieta di annunciarvi che, quest anno, la 1 E andrà in Perù!!!... MAGARIIII!!! Un nuovo progetto sta portando la nostra classe in un viaggio alla scoperta della civiltà precolombiana

Dettagli

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A Passeggiando per Bagnara Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A A.S. 2014-2015 Presentazione Gli alunni della Classe III - A della S.S. di I grado San Francesco di Bagnara

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA L OBIETTIVO È CREARE UN POLO AGRICOLO, L OCCASIONE PER RIUNIRE I DIVERSI SETTORI DELL AGRICOLTURA E COLLEGARLI CON UN PUBBLICO ETEROGENEO, CREANDO

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Ferrara e il Grande Fiume, Comacchio e le sue Valli Proposta di viaggio (2 giorni/1 notte)

Ferrara e il Grande Fiume, Comacchio e le sue Valli Proposta di viaggio (2 giorni/1 notte) 2015 Proposte di viaggio ed itinerari BICI&BARCA per gruppi a Ferrara, Comacchio lungo il Grande Fiume e nel Delta del Po Ferrara e il Grande Fiume, Comacchio e le sue Valli Proposta di viaggio (2 giorni/1

Dettagli

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p.

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p. INDICE San Maurizio....... p. 2 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni e Prenotazioni..... p. 7 Pubblicazioni...... p. 8

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

La Regione Germanica

La Regione Germanica La Regione Germanica Si tratta della regione centrale del continente europeo, che si estende dalla coste tedesche bagnate dal Mare del Nord e dal Mar Baltico fino alla catena montuosa della Alpi. Nell

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 I. LA STORIA IN GIOCO: terza, quarta e quinta elementare II. LA STORIA

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997)

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) Corso di formazione per insegnanti 2 incontro Francesca Piccinini Coordinatrice del sito UNESCO di Modena 22 ottobre 2013 Modena nel

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini La storia delle città è molto spesso una storia di lente stratificazioni e l immagine che oggi abbiamo di esse non è altro che l ultima, provvisoria, tappa di un lungo lavoro di costruzione e ricostruzione.

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Per fare un museo ci vuole tempo, denaro e tanto coraggio

Per fare un museo ci vuole tempo, denaro e tanto coraggio Intervento di venerdì 7 maggio 2010 Per fare un museo ci vuole tempo, denaro e tanto coraggio Premessa n. 1 Innanzitutto vorrei sgombrare subito il campo da inevitabili fraintendimenti: quello che vedete

Dettagli

SOLO ITALIA BRIDGE Il Bridge va in vacanza

SOLO ITALIA BRIDGE Il Bridge va in vacanza PROGRAMMA Sabato, 9 Novembre: Aeroporto Verona Mantova (47 km, 41') Arrivo all'aeroporto Marco Catullo di Verona e trasferimento in hotel a Mantova. Il cocktail di benvenuto sara' servito in hotel prima

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

VENEZIA CAPITALE MONDIALE DEL TURISMO SINTESI DELLE ATTIVITÀ

VENEZIA CAPITALE MONDIALE DEL TURISMO SINTESI DELLE ATTIVITÀ FOCUS GROUP IN MODALITÀ BLENDED VENEZIA CAPITALE MONDIALE DEL TURISMO Venezia, 21 settembre 28 settembre 2004 SINTESI DELLE ATTIVITÀ È ormai opinione condivisa che uno sviluppo urbano sostenibile, che

Dettagli

LA VIA DEL MARMO LA VIA DEI LONGOBARDI 21-28 Maggio 2016

LA VIA DEL MARMO LA VIA DEI LONGOBARDI 21-28 Maggio 2016 Dopo la Milano-Venezia del 2015, l avventura continua con la riscoperta di due nuove idrovie: LA VIA DEL MARMO LA VIA DEI LONGOBARDI 21-28 Maggio 2016 www.remiveri.it 1. remiveri: LE ORIGINI Milano, palazzo

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

SABATO 5 FEBBRAIO 2011

SABATO 5 FEBBRAIO 2011 ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCHIMEDE Via Clitunno, 28 00198 Roma Tel. 068418271 Fax 068552660 http://www.archimedecultura.it e-mail: archimede.ac@mclink.it Ordine degli Ingegneri di Roma Via Emanuele Orlando

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Partecipa alle attività, anche se raramente assume iniziative personali. Se sollecitato dimostra interesse e curiosità

Partecipa alle attività, anche se raramente assume iniziative personali. Se sollecitato dimostra interesse e curiosità UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe 3ª Scuola primaria Titolo DOVE SIAMO Rappresentare il territorio della scuola con mappe e plastici Senso del percorso formativo L osservazione del territorio

Dettagli

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano Itinerando Scuola per conoscere il Litorale Romano Visite guidate per bambini e ragazzi alla scoperta delle bellezze naturalistiche, storico-culturali e paesaggistiche del territorio Chi siamo Programma

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012

Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012 incomune news Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012 Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. Auguri di Buon Natale

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Castiglione dei Pepoli - Camugnano (BO) LA FORMAZIONE DEL PRIMO SAPERE STORICO CON I QUADRI DI CIVILTÀ

Istituto Comprensivo di Castiglione dei Pepoli - Camugnano (BO) LA FORMAZIONE DEL PRIMO SAPERE STORICO CON I QUADRI DI CIVILTÀ Istituto Comprensivo di Castiglione dei Pepoli - Camugnano (BO) a.s. 2002/2003 LA FORMAZIONE DEL PRIMO SAPERE STORICO CON I QUADRI DI CIVILTÀ PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DIDATTICA: L INSEGNAMENTO DELL

Dettagli

Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica

Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica 1 Ufficio Lavori Pubblici. 2 Società per lo sviluppo dell arte, della cultura e dello spettacolo. 3 A supporto e promozione

Dettagli

LINEE GUIDA AL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

LINEE GUIDA AL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE DI PROGETTAZIONE M U SEO REGIONALE DELL'ARTE NU RAGICA E DELL'ARTE CONTEM PORANEA DEL M EDITERRANEO DI CAGLIARI LINEE GUIDA AL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Indice 1.

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 1 CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Il tempo della propria esistenza Formula riflessioni e considerazioni relative a se stesso. Sviluppa il

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Progetto di formazione e laboratorio documentale destinato agli insegnanti e alle classi elementari, medie e superiori della Provincia di Como.

Dettagli