CATEREDAZIONALE. di chiarire insieme chi sono queste misteriose. dai mass media, che in realtà dovrebbero parlare di cracker.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATEREDAZIONALE. di chiarire insieme chi sono queste misteriose. dai mass media, che in realtà dovrebbero parlare di cracker."

Transcript

1 1

2 CATEREDAZIONALE Dopo che un giovanissimo studente, non ancora identificato con certezza, ha pensato bene di cancellare completamente il famoso appoggio studenti, cartella condivisa che permette l accesso ai files degli studenti da qualunque computer della rete del liceo, mi è stato chiesto di scrivere un articolo sugli hackers: ho colto l occasione per cercare di chiarire insieme chi sono queste misteriose figure. Generalmente quando si parla di hacker viene sempre in mente quel personaggio che padroneggia il pc e lo usa per arrecare danni informatici ad altri utenti. In realtà questa definizione non è del tutto esatta ma neanche del tutto errata in quanto chi ha un particolare potere può usarlo tanto in modo distruttivo quanto in modo costruttivo. Infatti la categoria degli hackers si divide in due categorie: hacker neri, e hacker bianchi. Gli hackers in generale sono figure che cercano di usare le proprie risorse intellettuali per superare delle limitazioni che vengono imposte. Il termine è stato coniato al Massachusetts Institute of Tecnology (Mit) e in italiano lo rendiamo con smanettone. 2 Gli hacker neri, i black hat, sono coloro che abbiamo definito sopra e sono anche detti cracker: agiscono con l esclusivo intento di arrecare un danno alla macchina. Sfruttando i bug (bachi, errori di scrittura, ndr) dei sistemi, essi cercano di accedere a sistemi informatici in modo illecito, senza il consenso dei proprietari, violandone quindi la privacy. La definizione erronea di hacker per questa categoria viene purtroppo diffusa anche dai mass media, che in realtà dovrebbero parlare di cracker. Gli hacker bianchi, i white hat, sono invece quelli che contrastano l abuso delle abilità informatiche, quindi si pongono l obiettivo di monitorare e migliorare la sicurezza di una rete e dei sistemi a essa collegati. Sono degli ottimi utilizzatori dei pc e agiscono con l intento di ampliare le proprie conoscenze e di mettere in gioco la propria creatività in una sfida intellettuale oltre limiti imposti. Proprio come la definizione di hacker suggerisce. In conclusione possiamo affermare che non si è in grado di stabilire se il colpevole del misfatto possa far parte della prima categoria piuttosto che della seconda. Di certo la sua azione poteva essere compiuta praticamente da chiunque. Tony Samperi

3 TOP SIX DEI BUONI MOTIVI X NON LEGGERE IL CATER Se vi chiedete come mai questo periodico continui a straripare testi e a uscire, a intervalli irregolari ogni santo anno, nelle aule e lungo i corridoi del Maske, se lo ritenete un giornalino noioso privo di una qualsivoglia utilità, non leggete questo articolo. Un infinità di motivi possono invogliare lo studente a non leggere il Caterpillar, a provare una repulsione estrema per i nostri articoli seri e appassionati, faceti e ironici, talora tragicomici, per le cronache interne - a noi, a voi e alla nostra scuola - o per quelle esterne, per i nostri e i vostri pensieri e interessi nei campi della cultura e dello sport e nel tempo libero dallo studio. Se state leggendo questa pagina solo perché il vostro interesse si limita ad articoli idioti, fini a se stessi, improvvisati con un linguaggio semplice e banale tanto per riempire qualche minuto di una spiegazione o di un interrogazione, bravi, c avete azzeccato: questo articolo fa per voi. Infatti, non avendo mai letto, ma solo sfogliato e cestinato il Caterpillar, non vi sareste mai chiesti quali sono i motivi per i quali non dovreste leggerlo. Ce lo siamo chiesti per voi. E ci siamo lambiccati per rispondervi. Quali sono i motivi per i quali non dovreste leggere il Caterpillar? Primo buon motivo per non leggere il Caterpillar. Perché questo è un giornalino scolastico e, in quanto tale, relegato a un ambito prettamente formativo ed educativo; di conseguenza è lecito pensare che la sua trattazione si sviluppi esclusivamente intorno ad argomenti noiosi, di cui avete piene le scatole, il cui interesse vi ha già abbandonato da anni. E questo non è un aspetto da sottovalutare, è gia sufficiente per evitare la lettura. Secondo buon motivo per non leggere il Caterpillar. Considerate le infinite utilità di 3 ben 15 fogli formato A3 e i molteplici usi degli stessi 15 fogli, nati dalla vostra creatività. A questi pensieri, la lettura del Caterpillar passa nettamente in secondo piano, superata da fini assai più allettanti, diventando, nella migliore delle ipotesi, la materia prima di un fantastico aeroplanino. Terzo buon motivo per non leggere il Caterpillar. È quasi estate. Siete asfissiati dal caldo assurdo della vostra classe, il compagno di banco si è dimenticato di fare uso del deodorante la mattina stessa ed emana sgradevoli odori grondando sudore. Ti stai sciogliendo e ti cade l occhio sul Caterpillar fresco di stampa e intonso, un insieme rigido di fogli sparsi sul tuo banco. La logica ti spinge non a leggerlo, ma a piegarlo e ripiegarlo su se stesso pagina dopo pagina, di articolo in articolo, parola su parola per creare un solido e utilissimo ventaglio. Quarto buon motivo per non leggere il Caterpillar. State cercando di annotare i ragionamenti in aramaico della vostra profe: è un caso eccezionale, pertanto cercate almeno di prendere decentemente appunti e di scrivere in modo accettabile. Ma il banco dondola da destra a sinistra, da sinistra a destra per infinite oscillazioni e, quando vi sembra di aver finalmente raggiunto una posizione di equilibrio appoggiando il gomito sinistro sulla sedia e tenendo il destro leggermente sospeso al di sopra del banco, assumendo insomma una posizione disumana, riecco che ricomincia. State perdendo la pazienza; la profe è passata di argomento in argomento e voi avete inesorabilmente perso l inestricabile filo del suo ragionamento; il dondolio del banco vi sta snervando all inverosimile ed ecco la salvezza: il Caterpillar. Otto belle pagine sotto la gamba traballante e voi avete riacquistato la serena stabilità. Quinto buon motivo per non leggere il

4 Caterpillar. Il Caterpillar è lì, a metà tra il vostro banco e quello del vostro irritante compagno di classe, che si pavoneggia del suo 8 nella verifica, ridicolizzando all ennesima potenza il vostro sudato e immeritato 4. L utilità di leggere il Caterpillar in questa situazione è pari a zero. Ma quest edizione straordinaria strabocca di pagine Istintivamente le arrotolate per ottenere un efficace manganello di carta, il cui utilizzo è lasciato alla vostra più sfrenata fantasia. Sesto buon motivo per non leggere il Caterpillar. Perché sprecare il vostro prezioso tempo per leggere uno stupido periodico scolastico, quando potreste spararvi tre belle ore su facebook? Siete di questa opinione e, accartocciando il Caterpillar in una voluminosa e compatta palla, sfoderate le vostre innate capacità di baskettisti per mettere a segno un fantastico canestro nel cestino della vostra camera. Non ci basta aver dimostrato, con metodo rigorosamente scientifico, che questo giornalino può risultare inutile a un comune studente: aspettiamo ulteriori ipotesi, suggerimenti, aiutini, proposte in merito. Nel frattempo, cari lettori del Caterpillar, buone vacanze. Leo 4

5 CRONACA INTERNA 5

6 Intervista al ministro Meloni sulle iniziative di governo realizzate per e con i ragazzi Altro che bamboccioni... «I giovani sanno quello che vogliono e si danno da fare» Perché il Ministero della Gioventù e le sue iniziative non sembrano essere tra i più menzionati e presenti su media come la televisione? «Bisognerebbe girare questa domanda ai media: forse loro potrebbero spiegarlo anche a me - premette il ministro della Gioventù Giorgia Meloni -. A parte gli scherzi, è vero: purtroppo è molto più facile per tv e giornali correre dietro alla polemica politica del momento piuttosto che dare risalto alle iniziative concrete. I progetti e le azioni del Ministero della Gioventù ne fanno le spese molto sovente. Perciò abbiamo scelto un approccio diretto per parlare ai giovani italiani, attraverso alcuni tra i canali che sono loro più vicini: internet e le web radio. Lo abbiamo fatto attraverso il sito che da qualche tempo è diventato anche un App per iphone e ipad e che, pur mantenendo il rigore istituzionale, apre le porte al dibattito con i ragazzi. Pproprio per questo, esso è il più visitato tra i siti istituzionali e si è guadagnato il premio E-Gov2009 del EuroPA come miglior sito nella pubblica amministrazione. Lo abbiamo fatto anche con l esperienza di Radio Gioventù: attraverso una rubrica radiofonica abbiamo stabilito un nuovo livello più informale di comunicazione tra i giovani e il governo. Ogni settimana, per mezz ora, le iniziative del Ministero della Gioventù vengono presentate dal ministro in prima persona e commentate insieme a personaggi rappresentativi non solo della vita politica, ma soprattutto della società civile. Tutte le puntate sono disponibili on-line sul sito www. Il ministro della Gioventù Giorgia Meloni 6 radiogioventu.it». «E poi c è la nostra galassia Facebook: - prosegue il Ministro - una rete pensata e gestita dai giovani per i giovani, che parla il loro stesso linguaggio e che contribuisce a dare senso compiuto a tutti i progetti e le iniziative portati avanti dal Ministero della Gioventù, con oltre utenti attivi. Al primo posto per

7 partecipazione e popolarità, c è la pagina Giorgia Meloni Ministro della Gioventù, nella quale confluiscono giornalmente commenti e osservazioni e che rappresenta un vero e proprio filo diretto tra gli utenti e la titolare del Ministero della Gioventù. E poi ci sono tutte le pagine create ad hoc per i grandi eventi, come Gioventù Ribelle, il Festival TNT, Operazione Nasorosso, Campus Mentis, Giovani per la Legalità, Giovani per l Abruzzo e Campogiovani, che vi invito a scoprire, per saperne di più. Ma la comunicazione viaggia anche su Twitter, sulla pagina GiorgiaMeloni». Questa potrebbe essere un occasione per far sapere di iniziative, opportunità, provvedimenti del Ministero della Gioventù destinate in particolare a studenti della nostra età, compresa fra 14 e 19 anni «Allora approfitto dell opportunità che mi date per parlare di Campogiovani: da giugno a settembre, con la collaborazione dei Vigili del fuoco, della Marina militare, delle Capitanerie di porto e della Croce rossa italiana, il Ministero della Gioventù organizza campi estivi in tutta Italia rivolti a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 14 ed i 22 anni che frequentino istituti scolastici superiori o siano iscritti ai primi anni del ciclo universitario. Campogiovani vuol dire una settimana da protagonisti in difesa dell ambiente, in aiuto alla popolazione, al servizio dell Italia. Una settimana per apprendere nozioni utili, fare amicizia, conoscere persone straordinarie, scoprire attitudini e soddisfare la propria voglia di impegno civile. Tutte le informazioni possono essere trovate su internet all indirizzo o sulla pagina di Facebook dedicata al progetto. Un altro progetto di cui vado orgogliosa si chiama Diamogli Futuro e introdurrà per la prima volta in Italia il prestito d onore: forte di uno stanziamento di 18 milioni di euro, già interamente stanziati, consentirà a circa 30mila ragazzi che non hanno alle spalle una famiglia di potersi mantenere durante gli anni dello studio attraverso un prestito garantito dallo Stato. Ma sono tante le iniziative e i progetti che giorno dopo giorno mettiamo in campo per giovani e giovanissimi: potete trovare tutte le informazioni che cercate sul nostro sito È frequente in notiziari e dibattiti televisivi il problema dell esodo di molti giovani neolaureati all estero, in centri di ricerca, università e imprese che offrono migliori opportunità economiche e 7 prospettive professionali. Che cosa si sta facendo per risolvere la cosiddetta fuga dei cervelli? «Con il pacchetto Diritto al futuro abbiamo fatto molto in questo senso: 216 milioni messi in campo dal Ministro della Gioventù che diventano 300 milioni grazie al cofinanziamento pubblico e privato. Serviranno per dare vita a posti di lavoro a tempo indeterminato per giovani genitori con contratti atipici; mutui concessi a giovani coppie di precari; 100 milioni per l impresa giovanile, il talento e l innovazione tecnologica; tra i migliori neolaureati d Italia messi a contatto con il mondo produttivo; giovani meritevoli che potranno investire sul proprio futuro e completare la propria formazione grazie a un prestito garantito e oltre 68 milioni di spesa coordinata con gli enti locali a favore delle giovani generazioni. Per contrastare efficacemente la cosiddetta fuga dei cervelli è stata poi approvata in Parlamento una legge bipartisan che prevede incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori più talentuosi in Italia ed è sostenuta da numerosi parlamentari di maggioranza e opposizione». Pensa che l immagine dei giovani offerta dai media sia veritiera? «Assolutamente no. Su tv e giornali si sente parlare solo di giovani disimpegnati, di bulli, nel migliore dei casi di aspiranti veline o troniste. Ma di certo ragazze e ragazzi italiani non sono quei bamboccioni che i media dipingono, un po per miopia un po perché a volte andare a cercare la verità, oltre gli stereotipi e i pregiudizi, costa più fatica di quanto sia disposta a farne un giornalista in cerca di sensazionalismi a buon mercato. Sicuramente l attuale giovane generazione è combattiva, tenace, non si lascia scoraggiare dalle avversità e, anzi, trova anche il tempo per dedicarsi al volontariato e all impegno civile. È una generazione che sa quello che vuole e lavora duramente per costruirsi il proprio posto nel mondo». Lei è il Ministro più giovane della storia italiana. Sembra ovvio per un Ministro della Gioventù, ma Giovanna Melandri, che l ha predeceduta nel mandato, aveva quasi cinquant anni. E, in generale, la classe politica italiana è spesso criticata per essere tra le più vecchie d Europa. Quali strade possono intraprendere i ragazzi appassionati di politica per raggiungere incarichi di rilievo in giovane età? «In Italia i giovani si trovano a pagare gli strascichi di un sistema fortemente gerontocratico,

8 improntato sull idea che l età sia sinonimo di esperienza e competenza, e che lascia quindi ben poche modalità di accesso ai giovani. Quanto accade in politica, purtroppo, non è che la cartina al tornasole di una tendenza generalizzata anche nel mondo del lavoro e persino nell università. Sono fermamente convinta che per cambiare le cose sia necessario un serio ritorno al sistema del merito, per aprire opportunità concrete anche a chi non ha i capelli bianchi. I giovani, a differenza di quanto spesso di senta dire dai media, hanno una gran voglia di essere protagonisti delle scelte che li riguardano, di avere voce in capitolo quando si tratta di decidere del loro futuro. E a questo desiderio la politica deve dare una risposta seria. Specialmente alla luce del fatto che, in Italia, ancora non esiste una giusta equiparazione tra elettorato attivo e passivo. Credo sia innanzitutto su questo fronte che si debba cominciare a lavorare. Per questo motivo vado particolarmente orgogliosa della proposta di legge costituzionale che ho presentato in Consiglio dei ministri e che, oltre a prevedere l equiparazione tra elettorato attivo e passivo, inserisce nella nostra Costituzione il riferimento esplicito alla necessità di promuovere la partecipazione attiva dei giovani alla vita economica, sociale, culturale e politica della nazione, riconoscendo anche il rango di valore costituzionale alla promozione del merito come ascensore sociale». «A ragazze e ragazzi che vogliono seriamente impegnarsi in politica - conclude il ministro Meloni - mi sento di dare un consiglio: lavorate per la politica, ma non lasciate che la politica diventi un mestiere. Al primo posto deve arrivare sempre il bene della vostra comunità, qualunque essa sia: la vostra classe, la vostra scuola o, un domani, un comune o una circoscrizione della Camera o del Senato». Anche se la si chiama con un altro nome, la 8 rosa profuma allo stesso modo; parola di Shakespeare. Eppure due anni fa è cambiato il governo ed è cambiato il nome del Ministero per le Politiche giovanili e le Attività sportive in un più sobrio Ministero della Gioventù. Perché? «Non si è trattato di una scelta stilistica. I n n a n z i t u t t o, il Governo ha inteso separare le competenze tra politiche giovanili e sport, dedicando a quest ultimo il lavoro del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Rocco Crimi. Rinominando il dicastero da Politiche giovanili a Ministero della Gioventù, però, ho voluto non solo uniformare la dicitura a quella più comunemente utilizzata in Europa, ma anche trasmettere l intenzione di superare un impostazione culturale che non mi appartiene. Non credo alle politiche di genere, qualsiasi esse siano. Non credo alle politiche femminili, alle politiche per gli anziani o per i giovani. Le azioni di governo devono essere rivolte al bene della Nazione nella sua totalità. La casa, l autosufficienza energetica, le infrastrutture, non sono scelte che si fanno anche per le giovani generazioni? E le iniziative dirette specificamente ai giovani non sono politiche di interesse generale per la Nazione? Allora ecco la sfida che il Ministero della Gioventù ha voluto affrontare da subito: creare una sintesi politica capace di dare ai giovani risposte che possano avere valore anche per tutto il resto della società, e viceversa. Questo ha significato non solo un costante lavoro di coordinamento in Consiglio dei ministri di tutte le iniziative rivolte ai giovani, ma anche far misurare direttamente le giovani generazioni e passare dalla visione assistenziale a una dimensione di reale protagonismo». Daniele in collaborazione con la redazione del Caterpillar

9 Sondaggio sugli stili di vita degli adolescenti di Bergamo condotto da studenti del Maske Generazione di perfetti Generazione di... perfetti??? Non bevono e, se lo fanno, non guidano e non portano nessuno in moto. Tutti studiano tanto, ma i più praticano anche sport. Non si curano troppo delle firme. Il 91 per cento di loro non ha mai provato uno spinello. Ecco la fotografia - reale? - dei primini del liceo Mascheroni, in base a quanto emerso dai questionari somministrati dagli studenti delle prime F H N O ai loro coetanei di altre classi prime durante lo scorso mese di dicembre. Interviste a cui si sono aggiunte quelle ai primini di altri tre istituti scolastici di Bergamo: Pesenti, Mamoli, Manzù. Sei gli ambiti indagati dalle domande: l affettività, la scuola, il tempo libero, il corpo e l alimentazione, io e la strada, il fumo e i vizi. Le riflessioni degli studenti sull analisi completa, tabulata nel corso dell anno, sono state presentate ai vari consigli di classe, ai docenti interessati, ai genitori, ai referenti degli altri Istituti, il pomeriggio dello scorso 3 giugno nell auditorium del Mascheroni. Il Caterpillar raccoglie, nei grafici riportati in queste pagine, alcuni esiti del sondaggio condotto dai suoi stessi lettori. E ringrazia per la documentazione la coordinatrice di questo progetto di Educazione alla salute, la docente di Lettere Elena De Petroni. PROGETTO EDUCAZIONE ALLA SALUTE Sondaggio sugli stili di vita degli adolescenti di Bergamo Istituti scolastici coinvolti Liceo Scientifico L. Mascheroni Liceo Artistico Manzù IPSIA Pesenti Liceo Scienze Sociali + ISIS M. Mamoli 9

10 Dati sugli intervistati TOTALE 29 Prime PRESENTI ,50% TOTALI 800 * * * ASSENTI 92 11,50% TOT MASCHI ,25% TOT FEMMINE ,75% RISPOSTE TOTALI * * * VUOTE ,85% NULLE ,22% ETA' MEDIA 15 anni * * * 5. Hanno importanza le Firme? 10

11 2. Pratichi sport? MASCHERONI PESENTI 14% 0% 1% 0% 0% 1% 0% SI NO 32% SI NO Non risponde Risposta Non valida 67% Non risponde Risposta Non valida 85% 2. Pratichi sport? MANZU MAMOLI 0% 1% 0% 25% 0% 39% SI NO SI NO 60% Non risponde Risposta Non valida Non risponde Risposta Non valida 75% 11

12 5. Quante ore studi al giorno? MASCHERONI PESENTI 12% 1%0% 4% 5% 20% 49% 38% Circa 2 Più di 2 Meno di 2 Non risponde Risposta non valida 54% 17% Circa 2 Più di 2 Meno di 2 Non risponde Risposta non valida 5. Quante ore studi al giorno? MANZU MAMOLI 1% 2% 2% 6% 25% 41% 40% Circa 2 Più di 2 Meno di 2 Circa 2 Più di 2 Meno di 2 Non risponde Non risponde Risposta non valida 53% 14% Risposta non valida 16% 12

13 2. Hai mai esagerato con l alcool? MASCHERONI PESENTI 21% 1%1% 15% 4% 3% SI NO In occasioni speciali 27% 47% SI NO In occasioni speciali Non risponde Non risponde Risposta non valida Risposta non valida 62% 19% 2. Hai mai esagerato con l alcool? MANZU MAMOLI 16% 0%0% 16% 0%2% 41% SI NO In occasioni speciali 48% SI NO In occasioni speciali Non risponde Non risponde 43% Risposta non valida 34% Risposta non valida 13

14 3. Sei in giro e bevi due birre Cosa fai? 3. Hai mai provato uno spinello? MASCHERONI PESENTI 1% 1% 0% 7% 6% 1%2% SI NO Vorrei Non risponde Risposta non valida 33% SI NO Vorrei Non risponde Risposta non valida 91% 58% 14

15 2011. E hai mai provato... una MASKE - COGESTIONE? 15

16 16

17 BACK IN 5 MINUTES YEARS (e ora chi risolverà i dilemmi del Cater?, ndr) Cercando di sfuggire all alienante vortice delle tante formule e dimostrazioni di fisica da studiare, la mia vista, quasi istintivamente, cerca conforto in qualunque cosa non sia un libro, un quaderno o un foglio di carta. Sfortunatamente, la tregua dura ben poco, dal momento che i miei occhi vengono attratti dalla minacciosa presenza di un calendario, che mi ricorda quanto è spaventosamente vicina la data d inizio dell incombente evento che rovinerà a me e a molti altri una buona porzione dell estate. In un istante, mi giunge il ricordo di quanto lontano e indefinito doveva sembrarmi l esame di Maturità, ops di Stato, fino a qualche anno fa o semplicemente all inizio della quinta, quando a prevalere era il sollievo che ancora molto tempo sarebbe dovuto trascorrere. Ora non è più così, ormai ci siamo: il passato è alle spalle e, oltre quest ultimo ostacolo finale, s intravede già una via d uscita, un nuovo e inesplorato sentiero futuro. Ripenso a questi cinque incredibili anni al Mascheroni: certamente anni duri e impegnativi, capaci di temprare anche gli animi più forti, anni pieni di nottate passate a studiare, di lezioni passate a dormire. Non sono mancate le delusioni e le amarezze e i tanti buoni propositi, che ciascuno di noi si pone ogni anno e che sono spesso andati in fumo. Certamente, però, non sono questi i motivi per cui mi ricorderò del tempo qui trascorso. Prima di ogni cosa sono stati cinque intensi anni di soddisfazioni e di divertimento, ricchi di tantissime nuove amicizie e conoscenze, nonché di esperienze che quest impareggiabile liceo ha saputo offrirmi e che continuerà a offrire a tutti. La mia memoria va ad attività extracurriculari come gli esami del Pet e del First, gli esilaranti corsi Ecdl con il pazientissimo prof. Arizzi, l alternanza scuola-lavoro prima alla farmacia Bolzoni di Nese e poi al Museo archeologico di Bergamo. Ripenso poi all incredibile viaggio in Canada con la Mitica Compagnia e con il prof. Gervasoni, alle cogestioni, alle conferenze da relatore per Bergamo-Scienza, all indimenticabile Archeostage dell anno scorso e, naturalmente, al 17 Una foto di 5d, dato che manca nell annuario ! Caterpillar, non soltanto un giornalino, ma voce libera dell Istituto, che dà a tutti la possibilità di esprimersi e condividere le proprie esperienze per abbattere il muro dell indifferenza e dare ali alla creatività, come recitava il motto ai tempi della sua nascita, avvenuta per mano del grande Panseri. Come potrei poi dimenticare la volta in cui, proprio dopo un ritrovo con la redazione, sono rimasto imprigionato a scuola fino alle sette di sera (come nel peggiore degli incubi), a causa di una bufera di neve, che aveva isolato il Mascheroni dal mondo esterno. Oppure quando, a fine prima, un simpatico sgambetto nella palestra di sotto mi ha provocato una frattura scomposta radio-ulna, prima che fosse affrescata la sorniona scritta safety first. Potrei scrivere davvero numerose altre cose riguardo a quest avventura, ma nel pericolo di sembrare già un nostalgico e nel dubbio che potrei sottrarvi a tante proficue ore di studio (!), mi limito a queste, ben sapendo, tuttavia, che il Mascheroni è davvero molto altro ancora. Un grande ringraziamento, dunque, a questa Scuola, che non solo ha saputo far crescere e maturare ciascuno di noi, fornendoci un bagaglio di esperienze che sarà difficile dimenticare, ma si è rivelata anche un centro propulsore di creatività, idee, iniziative. Grazie

18 anche a tutti gli studenti, professori (specialmente i membri interni, nds), tecnici e assistenti che, con il loro contributo, provvedono quotidianamente a far sì che possiamo tirarcela quando diciamo di fare il Mascheroni. Detto questo, mi piacerebbe condividere con voi alcuni aneddoti, esperienze, convinzioni acquisiti in questi cinque anni: 1) Nella vita, capita di imbattersi in situazioni spiazzanti: scoprire soltanto in quinta che nel bagno accanto al laboratorio D c è uno sgabuzzino contenente un armamentario di attrezzi e utensili, come trapani, cesoie e persino un tagliaerba, è una di quelle. Una volta, per curiosità, ho provato a mettere quest ultimo in moto, con la spiacevole sorpresa che Severo, trovandosi nelle vicinanze, è irrotto nello stanzino, sgamandomi in pieno e facendomi perdere almeno tre anni di vita. 2) Il secondo punto riguarda la presenza di nascondigli segreti all interno del nostro liceo. Come sapete, il Mascheroni non è certo paragonabile a Hogwarts, la famosa scuola di maghetti. Tuttavia, il prode Buglia e io abbiamo trovato un posto segretissimo, in cui abbiamo nascosto la formula per ottenere la regolarità sulla successione dei decimali di p. Trovarla è stato più facile che scovare il posto segretissimo. 3) Se siete in prima e non sapete fare le ruote o le verticali, imparate a farle al più presto e vi toglierete il pensiero, dal momento che, solitamente, vengono valutate quasi tutti gli anni. Non riducetevi ad eseguire in quinta - come nel mio caso - oscenità scoordinate e stentate che hanno la pretesa di sembrare accettabili. Questo consiglio vale per ogni cosa, non solo per le ruote. 4) Nell anno scolastico 2010/2011 le classi prime sono state 15 (!!!!!!), con tutti i problemi che ciò ha potuto comportare (non mi dilungo tanto sull argomento, dal momento che firmerò l articolo, rendendomi potenzialmente vittima di maligne ritorsioni). Mi rende orgoglioso pensare che questi giovani, acerbi e irritanti primini un giorno diventeranno 18 Dall alto al basso, il fantomatico tagliaerba; la formula nascosta nel posto segretissimo; primini, tanti e dannatamente organizzati.

19 un esercito di gagliardi studenti di quinta, pronti a imporsi sui nuovi arrivati, riportando giustizia all interno del liceo. Naturalmente il discorso non vale per le primine, sempre ben accette. 7) Con ben 116 Tonnetti mangiati nei soli ultimi due anni di scuola, credo di essere il detentore del record di tale specialità. Se qualcuno pensa di potermi battere, è probabilmente un illuso. 5) A che cosa serve la saletta sopra il bar? è una domanda che ogni studente del Mascheroni si è posto almeno una volta nella vita. A niente suggerirebbe il buon senso. Ecco alcune delle ipotesi più accreditate intorno all effettiva funzione di tale saletta. - Non serve a niente, appunto. - Non serve a niente, ma al suo interno vi è il Vuoto, creato direttamente dal prof. Bettoni con una pompa apposita, prima che la botola per accedere alla saletta fosse murata. - Contiene gas esilarante, per rallegrare gli studenti quando i Registri Elettronici avranno avuto il sopravvento sugli umani e instaurato il loro regime dispotico della Tristezza. - Racchiude l umiltà di Mourinho, il pudore di Platinette e la coerenza dell on. Capezzone. Come eravamo... all archeostage e a Toronto La misteriosa saletta sopra il bar 6) Sempre a proposito dei primini, pare che la densità media s di questi piccoli simpatici amici al bar nelle ore di punta sia circa 37,4 primini/m 3. Lo ha rivelato uno studio condotto dall Università del Massachusetts su un campione di 3 primini, tenendo conto di fattori come conoscenza del sanscrito, prominenza del pomo d Adamo, numero di ricorsi al Tar del Lazio e grado di sopportazione di un programma di Gigi Marzullo (Fonte non attendibile:). 19 8) Tempo fa, durante una calda giornata di maggio, stavo camminando per i corridoi del Masche, quando una ragazza che non avevo mai visto prima mi fermò e mi chiese, in inglese (!), se potevo prestarle un po di ripeness. Non avendo la minima idea di cosa volesse dire ed essendo disorientato da quella strana richiesta, come un idiota cominciai a mimare il gesto di consegnarle un po della mia fantomatica ripeness ; lei si mise a ridere e mi disse: Thank you, ll be back in 5 minutes. Sono passati cinque anni, qui al Mascheroni, e della ragazza nemmeno l ombra: la sto ancora aspettando, dal momento che tra una manciata di giorni un po più di Maturità mi farebbe davvero comodo. Simone Cuocina

20 Le origini della festa in maggio e consigli sui possibili regali Mamma, basta la parola La seconda domenica del mese di maggio è la festa delle mamme, a cui bisognerebbe sempre ricordarsi, tutti, di fare gli auguri. È un giorno dedicato alle mamme che sono sempre in pensiero per voi, anche fin troppo certe volte. Però in questo speciale giorno si possono lasciare da parte i grattacapi, che spesso ci fanno incavolare e anche molto. Vorrei presentarvi la storia di tutte le mamme e della loro festa, che è vecchia quanto lo stesso universo, però prima devo accertarmene. Comunque le prime feste risalgono agli antichi Greci, che dedicavano un giorno alle proprie generatrici, ossia alle madri, soprattutto come segno di riconoscimento alla dea Rea, moglie di Crono e madre di tutti gli dei. Rea era la personificazione di Madre Natura, protettrice della vegetazione e dell agricoltura, veniva raffigurata come una matrona, seduta in trono fra due leoni. La festività di Rea e delle madri si diffuse anche in Asia e tra gli antichi Romani. Questi ultimi in sostanza adoravano gli stessi dei greci: per loro Rea era Cerere, a cui veniva dedicata una settimana di festeggiamenti nel mese di maggio. La festa della mamma è dunque una festa originariamente pagana, che si è trasformata con l avvento della religione cristiana: la festa di Cerere è ora quella della Madonna, che non a caso 20 si tiene il mese di maggio. La storia di questo speciale party per le mamme continua nel diciassettesimo secolo, quando in Inghilterra molte persone povere lavoravano per i signori più ricchi e molto spesso vivevano nelle loro case, rimanendo lontane dalle proprie. Perciò venne istituito il Mothering Sunday, speciale occasione in cui i servi avevano il giorno libero per andare a casa e rincontrare non solo i loro famigliari, soprattutto le loro madri, preparando loro una torta come regalo, per l appunto il Mothering cake. La festa della mamma in Inghilterra cade sempre durante la quarta settimana di Quaresima. Penso che questa sia una delle più belle trovate per la festa della mamma: preparare qualcosa con le proprie mani.

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli