Psicologia Sociale A.A. 2011/12. Le Euristiche. Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Psicologia Sociale A.A. 2011/12. Le Euristiche. Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli"

Transcript

1 Psicologia Sociale A.A. 2011/12 Le Euristiche Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli

2 Decisione & Incertezza A 3 gruppi di studenti venne chiesto di immaginare di dover sostenere un esame importante alla fine del semestre. Venne detto inoltre che avevano la possibilità di prenotare una vacanza alle Hawaii ad un prezzo decisamente basso e che potevano scegliere fra 3 diverse opzioni 1. Prenotare e pagare 2. Non prenotare e non pagare 3. Differire la decisione e sostenere un costo maggiore al momento del pagamento Esperimento di Tversky e Shafir (1992) 2

3 1 gruppo: immaginare di aver superato l esame 2 gruppo: immaginare di essere stati bocciati 3 gruppo: immaginare di non essere ancora al corrente dell esito dell esame che avevano sostenuto Quali soggetti prenoteranno la vacanza? 1 e 2 gruppo: 54% prenota 30% no 3 gruppo: differiscono la decisione e pagano l eventuale costo maggiore Perché? 3

4 Perché siamo bloccati dall incertezza Tutto si risolverebbe se il decisore riuscisse a considerare simultaneamente tutti gli sviluppi del processo decisionale Promosso Vado in vacanza Non vado in vacanza Bocciato Vado in vacanza Non vado in vacanza 4

5 Il problema nasce dalla difficoltà di trarre conseguenze da un ipotesi non sapendo se l ipotesi è vera o è falsa Questo meccanismo è stato definito EFFETTO DISGIUNZIONE, nel senso che non andiamo oltre la disgiunzione dei due rami decisionali che ci porterebbero comunque alle stesse conclusioni La difficoltà a ragionare in condizioni di incertezza impedisce alle persone di seguire il principio della cosa certa e le spinge a pagare per avere un informazione evidentemente inutile dal momento che, qualsiasi fosse stato l esito dell esame, sarebbero andate in vacanza 5

6 I problemi visti relativamente al problem solving portavano tutte a situazioni certe Erano sempre disponibili informazioni complete ed ogni problema ammetteva una risposta corretta Nella vita di tutti i giorni, però, la regola è l INCERTEZZA È raro disporre di informazioni complete e spesso non esiste una risposta corretta a certi problemi come: quale automobile comprare, quale facoltà fare, ecc. Come facciamo, allora, a prendere decisioni in condizioni di INCERTEZZA? 6

7 Euristiche Spesso prendiamo decisioni prevedendo che un evento si verifichi: Possiamo decidere di comprare una casa perché prevediamo che il prossimo anno aumentino i prezzi degli immobili Possiamo decidere di studiare filosofia perché prevediamo che in futuro ci sia una forte richiesta di filosofi Come facciamo a prendere una decisione? Un modo è rappresentato dal farsi guidare da euristiche 7

8 Euristica (definizione) L euristica è una strategia particolare che consente all individuo di risolvere un problema compatibilmente con la complessità del compito e la limitatezza dei suoi sistemi di immagazzinamento e di elaborazione delle informazioni 8

9 Euristica (definizione) Nei compiti di giudizio l euristica produce prestazioni non sempre accurate, ma non per questo meno razionali delle risposte teoriche che si dovrebbero ottenere sulla base di un modello normativo. Infatti, spesso gli individui forniscono risposte abbastanza buone" proprio perché nell ottica simoniana, date certe circostanze, queste risposte sono il frutto del funzionamento naturale del sistema cognitivo 9

10 Euristica (definizione) Le euristiche sono anche procedure flessibili in quanto, pur basandosi sui meccanismi generali di funzionamento della mente, si modulano secondo il compito richiesto. L approccio basato sugli errori sistematici ha prodotto risultati che consentono di comprendere come effettivamente gli individui giungono ad emettere un giudizio focalizzando l attenzione sugli aspetti o sui fattori che producono una particolare risposta sbagliata 10

11 Esempio Dovete comprare un melone. Lo volete maturo al punto giusto. Avete davanti a voi sul banco del fruttivendolo una ventina di meloni. Quale prendete? Una procedura sicura Comprate tutti i meloni e li assaggiate uno per uno Avete risolto il problema ma a caro prezzo Soluzioni alternative quello più profumato quello più giallo quello che suona meglio 11

12 Procedure come quelle alternative non garantiscono la soluzione ottimale ma in genere risolvono il problema e sono economiche (cognitivamente) Nel comune ragionamento probabilistico vengono quindi applicate procedure dette euristiche che hanno il vantaggio di essere economiche ma che ci fanno compiere errori sistematici (biases) Di seguito vedremo alcuni di questi bias 12

13 Euristica della rappresentatività (Tversky & Kahneman, 1974) Fa sì che la probabilità di un evento sia stimata sulla base del suo grado di tipicità rispetto alla categoria cui appartiene Immaginiamo di aver lanciato una moneta per sei volte e di aver ottenuto i seguenti risultati A. Testa, testa, testa, croce, croce, croce. B. Testa, croce, croce, testa, croce, testa. Quale fra A e B è la sequenza più probabile? 13

14 La maggior parte delle persone sceglie B, perché rappresenta lo STEREOTIPO di sequenza casuale In verità, sia A che B sono egualmente probabili (sia A che B = 1/4096) 14

15 In un casinò, nel gioco della roulette, un giocatore sarebbe portato a valutare più probabile l uscita del rosso dopo quella consecutiva di tre neri (fallacia del giocatore d azzardo) Nel gioco del lotto le persone tendono a giudicare più probabile l uscita di un numero che non esce da 30 settimane Gli individui tendono a trarre conclusioni sulla base di pochi casi (legge dei piccoli numeri) considerando questi RAPPRESETATIVI di un numero di casi più ampio (infinito) 15

16 Esempio In una scuola ci sono due sezioni con lo stesso numero di classi (5). Nella sezione A i ragazzi sono in maggioranza (65%) nella B in minoranza (45%) Supponiamo adesso di entrare in una classe qualsiasi e di vedere che il 55% di studenti sono maschi in che sezione siamo? 16

17 La maggior parte delle persone crede di trovarsi nella sezione A, per il semplice fatto che ritiene che questa classe sia più RAPPRESENTATIVA della sezione A che della B 17

18 Maschi per classe 1A (70%) 1B (35%) 2A (60%) 2B (55%) 3A (65%) 3B (45%) 4A (70%) 4B (42%) 5A (60%) 5B (48%) Media 65% 45% 18

19 Esempio Carlo è calmo e timido. Ama essere utile agli altri, ma di solito non si interessa alla gente e agli eventi quotidiani. È molto attento alla pulizia, all ordine e alla precisione dei dettagli È più probabile che Carlo sia bibliotecario o contadino? 19

20 La maggior parte delle persone risponde bibliotecario perché la descrizione corrisponde ad uno STEREOTIPO Questo è plausibile visto che la verità della conclusione dipende dalla verità dello stereotipo 20

21 Cosa succede aggiungendo un informazione in più? Carlo è membro di un club composto da 5 bibliotecari e 20 contadini Carlo è bibliotecario o contadino? 21

22 La maggior parte delle persone risponde ancora bibliotecario Gli individui tendono ad ignorare le informazioni a priori e a fare stime definitive di probabilità in verità Carlo ha il 20% di probabilità di essere bibliotecario e l 80% di essere un contadino 22

23 Secondo Kahneman e Tversky, gli individui credono che piccoli campioni di un determinato evento siano rappresentativi dell intero universo (legge dei piccoli numeri, 1971) Se gli studenti del corso di laurea in filosofia dell Università di Pavia (campione) si laureano tutti con 110 e lode, ciò non vuol dire che tutti gli studenti di filosofia del territorio nazionale si laureano con 110 e lode Nelle scienze statistiche, un gruppo di soggetti rappresenta un CAMPIONE solo se questo è RAPPRESENTATIVO di un UNIVERSO e la costruzione del campione richiede fasi lunghe e laboriose 23

24 Euristica della disponibilità (Tversky e Kahneman, 1974) L euristica della disponibilità porta a stimare la frequenza di una classe di eventi sulla base della facilità con cui vengono alla mente gli esempi della stessa Nelle città italiane sono più frequenti le auto straniere o quelle italiane? 24

25 Qualcuno risponderà italiane e qualcuno straniere ma sulla base di cosa ognuno di noi ha risposto? 25

26 Sulla base della DISPONIBILITA in memoria Gli eventi più frequenti, più vicini nel tempo, più comuni, più importanti per un soggetto sono più disponibili in memoria tuttavia possono portare a fare degli errori 26

27 Esempio Abbiamo deciso di comprare una macchina. Leggendo le riviste del settore sembra che l Audi A3 sia molto affidabile, relativamente a frequenza di riparazioni, valutazione dell usato, sicurezza e consumi. L ultimo numero di quattroruote la considera una macchina sicura e comoda da guidare, sicuramente una delle migliori attualmente in commercio. Esco per andare a comprarla e incontro il mio vicino che ha la stessa macchina e mi dice che si è trovato malissimo e che sta per cambiarla la compro lo stesso? 27

28 La maggior parte delle persone non la compra perché? (Nisbett e Ross, 1980) 28

29 Secondo molti autori gli errori di giudizio sono attribuibili a due tendenze: 1. Sovrautilizzo di strategie inferenziali 2. Sottoutilizzo di strategie statistiche Cioè sottostimo i giudizi statistici delle riviste (che invece sono rappresentativi), sovrastimo le inferenze (negative, come il giudizio del vicino) ma soprattutto vengo influenzato dall euristica della disponibilità: la testimonianza del vicino è la PIU RECENTE e la PIU DISPONIBILE in memoria, e vi attribuisco un peso maggiore 29

30 Pensiamo che ci siano più morti di AIDS che di Cancro perché di AIDS se ne parla di più, che l influenza aviaria sia particolarmente pericolosa, ecc. Queste strategie sono ben conosciute dai pubblicitari come dai politici, non per niente sotto elezioni vi è par condicio Abbiamo detto che incide molto l importanza o il giudizio personale in questa euristica quindi Se conosciamo alcune persone di media età ad aver avuto attacchi cardiaci, tendiamo a credere che la media età sia la causa degli attacchi cardiaci, e così via 30

31 C è un motivo per cui ci basiamo su euristiche di rappresentatività e disponibilità prendendo certe decisioni. Tornando all esempio della macchina perché non ho comprato l Audi? Come mi sentirei se comprassi l Audi e si rivelasse veramente un fallimento? Che figura ci farei, poi, con il vicino che mi aveva avvisato? Allora compro un altra macchina! 31

32 Spesso facciamo delle scelte non perché siamo razionali ma perché siamo IRRAZIONALI, e spesso ci facciamo guidare dall intuito Se compro un altra macchina, egualmente soddisfacente secondo le riviste del settore e secondo il mio vicino, è come accontentare tutti (me, il vicino e le riviste), quindi proteggo la mia IMMAGINE e minimizzo il RIMPIANTO Quello che può apparire irrazionale, date certe assunzioni, secondo la logica, può risultare alla fine ADATTIVO 32

33 Cos è in definitiva la probabilità? E stato osservato che trasformare un problema di probabilità in un problema di frequenza produce una diminuzione degli errori di giudizio Secondo alcuni studiosi ciò dipende dalla incapacità intrinseca della mente umana di trattare le informazioni probabilistiche La selezione naturale avrebbe dotato invece la mente di un modulo per registrare ed elaborare le frequenze degli eventi osservati 33

34 Decisione Nella vita quotidiana si prendono continuamente decisioni In alcuni casi le decisioni sono automatiche, in altri casi prendere una decisione può essere molto difficile. Ci si può affidare al consiglio di un esperto, si può rimandare la decisione, ci si può affidare al caso, oppure si può seguire il proprio intuito I risultati ottenuti negli ultimi decenni dalla ricerca psicologica hanno dimostrato che le persone quando prendono decisioni in maniera intuitiva possono violare i principi di scelta razionale 34

35 Ancoraggio L euristica di ancoraggio e accomodamento si verifica quando, dovendo emettere dei giudizi in condizioni di incertezza, le persone riducono l ambiguità ancorandosi ad un punto di riferimento stabile per poi operare degli aggiustamenti ed infine raggiungere una decisione finale. In altre parole, si tratta di processi di stima di un qualche valore a partire da un certo valore iniziale, rispetto al quale viene accomodato il nuovo esemplare. 35

36 Esempio Kanhneman e Tversky (1974) Chiesero ai soggetti di apportare una correzione ad una stima arbitraria che era loro proposta a proposito della percentuale dei paesi africani presenti all ONU. Ad alcuni soggetti era stato dato un ancoraggio del 10% ad altri del 65%. 36

37 Risultato: gli aggiustamenti operati dai soggetti li portavano ad una stima rispettivamente del 25% e del 45%. Non si sono dimostrati in grado di svincolarsi dal punto di ancoraggio anche se sapevano che si trattava di un dato di partenza errato. 37

38 L euristica della simulazione: il pensiero controfattuale Processo attraverso il quale smontiamo il nostro passato e ricostruiamo il futuro che si sarebbe potuto realizzare, ma che non è stato Il pensiero controfattuale influenza notevolmente la comprensione degli eventi, degli altri e dei loro stati d animo Le cose non sarebbero andate così se Film: Sliding doors 38

39 Rispetto ad un evento negativo, tanto più è facile immaginare un corso alternativo degli eventi, tanto maggiori saranno gli stati d animo di sofferenza Rispetto ad un evento positivo, tanto più è facile immaginare un corso alternativo degli eventi, tanto maggiori saranno gli stati d animo di felicità 39

40 Kahneman & Tversky (1982) Luigi e Giovanni dovevano prendere aerei differenti previsti per il medesimo orario A causa dell intenso traffico di New York arrivarono 30 min in ritardo rispetto all orario di partenza A Luigi venne comunicato che il suo aereo era partito in orario A Giovanni venne comunicato che il suo aereo era partito con 25 min di ritardo Chi è più triste? 40

41 Giovanni! La facilità con cui gli esiti alternativi sono immaginabili da parte dell individuo, rendono più estreme le reazioni affettive 41

42 Medvec et al. (1995) monitorano le espressioni emotive dei 2 e 3 classificati alle olimpiadi del 1992 Gli argenti avevano espressioni meno sorridenti che i bronzi Gli argenti erano arrivati più vicini alla vittoriacontrofattuale sulla perdita I bronzi erano arrivati più vicini alla non vittoriacontrofattuale sulla vincita 42

43 Focalizzazione e Framing Anche se siamo in grado di ragionare con efficacia e facendo uso di regole di inferenza, spesso basiamo le nostre scelte sul modo in cui interpretiamo le situazioni Il modo in cui una situazione viene presentata o la struttura (frame) può avere effetti sulle scelte da effettuare Alcuni esempi 43

44 Esempio (condizione 1) Immaginate di essere entrati nell atrio di un teatro e di scoprire di aver perso il biglietto che avete pagato 30, paghereste ancora altri 30 per comprarne un altro e vedere lo spettacolo? 44

45 Più del 70% delle persone non comprano un altro biglietto perché lo spettacolo verrebbe a costargli così 60 45

46 Esempio (condizione 2) Immaginate di essere entrati nell atrio di un teatro per comprare un biglietto e scoprite di aver perso 30, comprereste comunque il biglietto di 30 per vedere lo spettacolo? 46

47 Più del 70% delle persone comprerebbero il biglietto e, se ci fate caso, gli costerebbe sempre 60 47

48 Perché? La differenza fra le due condizioni non è di tipo economica, ma dipende dall interpretazione della situazione Se perdiamo il biglietto abbiamo una ragione per non comprare il biglietto: lo spettacolo non vale 60 Se perdiamo del denaro non abbiamo una ragione per non comprare il biglietto: lo spettacolo vale comunque 30 Queste scelte dipendono dall importanza data alla struttura, cioè come un problema viene strutturato (Kahneman & Tversky, 1982) 48

49 Esempio Si immagini che gli USA si stiano preparando a fronteggiare una malattia asiatica a causa della quale ci si aspetta che debbano morire 600 persone. Vengono proposti due programmi alternativi per combatterla. Si assuma che le stime scientifiche esatte delle conseguenze dei programmi siano le seguenti Tversky e Kahneman,

50 Formulazione (strutturazione) 1: Se verrà adottato il programma A, 200 persone saranno salvate Se verrà adottato il programma B, c è 1/3 di probabilità che si salvino 600 persone e 2/3 di probabilità che nessuno si salvi Che programma scegliere? 50

51 Risultato: il 72% dei soggetti sceglie il programma A 51

52 Formulazione (strutturazione) 2: Se verrà adottato il programma C, 400 persone moriranno Se verrà adottato il programma D, c è 1/3 di probabilità che nessuno muoia e 2/3 di probabilità che muoiano 600 persone. Adesso, che programma scegliere? 52

53 Risultato: il 78% dei soggetti sceglie il programma D 53

54 Le due formulazioni sono praticamente identiche, quello che cambia è la cornice (frame) all interno del quale sono inserite le formulazioni e quindi il modo di presentare le cose Si ha sempre 1 probabilità sue 3 che si salvino 600 persone e 1 su tre che nessuno muoia Questo vuol dire che prendiamo decisioni in modo da proteggerci da rimpianti e in modo da essere certi di poter giustificare le nostre scelte a noi e agli altri (come per l acquisto dell auto) 54

55 La teoria del prospetto Uno degli elementi centrali della teoria del prospetto è la funzione di valore soggettivo, cioè: Avversione per le perdite: una perdita ha un impatto maggiore di un guadagno di pari entità. Un aumento di prezzo produce un fastidio di intensità maggiore del piacere provato nel ricevere uno sconto di pari entità I guadagni e le perdite sono definiti in base a una operazione mentale di codifica rispetto a un punto di riferimento 55

56 Nella prima versione del problema della malattia asiatica, il punto di riferimento è l aspettativa di morte di 600 persone Le persone valutano l esito di salvare un certo numero di individui come un guadagno rispetto al punto di riferimento e scelgono quindi il programma A Le persone valutano la morte di un certo numero di individui come una perdita rispetto al punto di riferimento e scelgono quindi il programma D 56

57 Esempio Immagina di aver deciso di passare una settimana in un posto caldo. Hai a disposizione due pacchetti turistici ad un prezzo ragionevole. Il depliant informativo ti dà solo alcune informazioni. In base a queste informazioni, in quale località preferiresti andare? Località A Condizioni climatiche normali Spiagge di media qualità Hotel di media qualità Temperatura media dell acqua Vita notturna normale Località B Clima molto soleggiato Barriere coralline e spiagge bellissime Hotel ultra-moderni Temperatura molto fredda dell acqua Venti molto forti Assenza di vita notturna 57

58 La maggioranza delle persone a cui viene presentata questa versione sceglie la località B Cosa accade se si presenta lo stesso problema e si chiede di indicare non la località preferita, ma quella in cui NON si vorrebbe andare? I risultati mostrano che anche in questo caso le persone scelgono la località B Le persone quindi scelgono e rifiutano la stessa alternativa 58

59 Questi dati, apparentemente sorprendenti, sono attribuibili all azione del principio di compatibilità le persone danno maggior peso alle caratteristiche positive delle opzioni quando scelgono, mentre danno maggior peso alle caratteristiche negative quando eliminano le opzioni che ritengono peggiori Seguendo il principio di compatibilità le persone possono compiere delle scelte anche incoerenti 59

60 Esempio (condizione 1) Immaginiamo di poter scegliere fra due corsi, Fisica I e Chimica I. Fisica I richiede molto lavoro ma è molto affascinante, Chimica I richiede poco lavoro ma è molto noioso Cosa scegliere? 60

61 In questo caso la maggior parte delle persone ha difficoltà a decidere poiché le caratteristiche negative e positive tendono a bilanciarsi (conflitto) 61

62 Esempio (condizione 1) Immaginiamo adesso che venga introdotto un nuovo corso (che si aggiunge a Fisica I e Chimica I), e cioè Fisica IA ancora più faticoso di Fisica I, ma più interessante Cosa scegliere? 62

63 Nessuno sceglie Fisica IA, ma sorprendentemente molte persone scelgono Fisica I come mai? 63

64 Molto semplicemente nella condizione 2 si ha una buona ragione, rispetto alla condizione 1, per scegliere Fisica I Questa ragione risolve il conflitto ci permette di vedere la situazione in modo diverso (con un frame diverso), di giustificare le scelte a noi stessi e agli altri e di non avere rimpianti nel caso la scelta si rivelasse sbagliata 64

65 In definitiva La psicologia della decisione (Daniel Kahneman; Amos Tversky et al.) ha mostrato, attraverso esperimenti di laboratorio, che le scelte individuali non avvengono seguendo il principio della razionalità Ma che gli individui sono invece "irrazionali" in modo sistematico e replicabile, cioè seguono dei patterns automatici, o euristiche, dipendenti per lo più da come il problema di decisione viene loro presentato e configurato (framing). 65

66 I risultati ottenuti negli ultimi dieci anni dalla ricerca psicologica hanno dimostrato che le decisioni sono influenzate dalla comunicazione dal compito dal contesto Questi dati hanno messo in crisi la teoria normativa della scelta razionale Le anomalie di scelta rispetto a tale teoria si possono spiegare in base a meccanismi di rappresentazione ed elaborazione dell informazione 66

67 Le fonti di errore che si riflettono sul giudizio, non dipendono dall errata applicazione della teoria della probabilità, ma: 1.Dal processo di elaborazione delle informazioni necessarie per esprimere il giudizio probabilistico 2.Dall applicazione delle strategie euristiche che l uomo adotta per giungere alla formulazione di stime o previsioni (Kahneman, Slovic & Tversky,1982) 67

Una scelta medica. Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A

Una scelta medica. Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A Decisioni (2) 1 Una scelta medica Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A Trattamento A: 10% pazienti non salvati Trattamento B: 20% pazienti non

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU

Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU Docente: Marco Ruffino marco.ruffino@unibo.it Piccolo eserciziario sui

Dettagli

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 LE DECISIONI Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 1 La scelta razionale Dove mi iscrivo: Arti o Design? Probabilità che diminuisca il mercato del lavoro nei prossimi X anni Arti Design... 2 La

Dettagli

Percezione Memoria Linguaggio Categorie Schemi Attribuzioni Euristiche Semplificare il mondo mettendo insieme cose simili

Percezione Memoria Linguaggio Categorie Schemi Attribuzioni Euristiche Semplificare il mondo mettendo insieme cose simili Problemi e soluzioni Troppe informazioni Semplificare Percezione Memoria Linguaggio Poche informazioni Completare Selezione Organizzazione Categorie Schemi Attribuzioni Euristiche Inferenza Armonizzazione

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Elementi di calcolo delle probabilità

Elementi di calcolo delle probabilità Elementi di calcolo delle probabilità Definizione di probabilità A) Qui davanti a me ho un urna contenente 2 palline bianche e 998 nere. Mi metto una benda sugli occhi, scuoto ripetutamente l urna ed estraggo

Dettagli

GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE

GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE il giocatore reale non è razionale la rilevanza delle euristiche l euristica della rappresentatività Nel corso del terzo incontro in tema di scienze cognitive

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

scuole medie* La Crisi Economica

scuole medie* La Crisi Economica Economia: una lezione per le scuole medie* La Crisi Economica Giacomo Calzolari Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna http://www2.dse.unibo.it/calzolari/ * L autore ringrazia le cavie,

Dettagli

Private Banker Edoardo Momini

Private Banker Edoardo Momini Private Banker Edoardo Momini Chi sono? Edoardo Momini Private Banker di Banca Fideuram I MIEI NUMERI: 31 Gli anni dedicati alla mia professione 150 Nuclei famigliari 60 Milioni di portafoglio Agricoltura

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Teoria del Prospetto. (Cap. III di Bowles) 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no reciprocità, altruismo, ).

Teoria del Prospetto. (Cap. III di Bowles) 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no reciprocità, altruismo, ). Teoria del Prospetto (Cap. III di Bowles) Mio piccolo prologo: Nelle precedenti lezioni abbiamo visto che nell analisi del comportamento umano il paradigma standard ASSUME (in modo eroico, ma per fini

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo B. Russell - Cles (TN) Classe 3D Insegnante di riferimento: Claretta Carrara Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Alessio, Christian, Carlo, Daniele, Elena, Filippo, Ilaria,

Dettagli

della salute Dopo averci ragionato vi proponiamo qualche aggancio noi non produciamo sanità, noi produciamo salute.

della salute Dopo averci ragionato vi proponiamo qualche aggancio noi non produciamo sanità, noi produciamo salute. Lean thinking e prevenzione della salute Dopo averci ragionato vi proponiamo qualche aggancio con le attività del Dipartimento di Prevenzione: primo noi non produciamo sanità, noi produciamo salute. Dania

Dettagli

Analfabetismo statistico

Analfabetismo statistico Analfabetismo statistico e decisioni informate Matteo Paris Dipartimento di Fisica Università di Milano matteo.paris@fisica.unimi.it http://qinf.fisica.unimi.it/ paris Analfabetismo statistico e decisione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

= variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del 2000 = 500; PIL del 2001 = 520:

= variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del 2000 = 500; PIL del 2001 = 520: Fig. 10.bis.1 Variazioni percentuali Variazione percentuale di x dalla data zero alla data uno: x1 x 0 %x = 100% x 0 = variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità Ingegneria del Software Interattivo - Oltre l esperimento - Docente: Daniela Fogli Parte quarta: L usabilità 1. L ingegneria dell usabilità 2. I metodi di valutazione di usabilità dei sistemi interattivi

Dettagli

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA E-BOOK i 7 ERRORI che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA INDICE 2 Se non sei ricco è perché nessuno te l ha ancora insegnato. C Libertà Finanziaria: non dover più lavorare per vivere perché

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Tasso di interesse e capitalizzazione

Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse = i = somma che devo restituire dopo un anno per aver preso a prestito un euro, in aggiunta alla restituzione dell euro iniziale Quindi: prendo

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA COGNIZIONE SOCIALE

LA COGNIZIONE SOCIALE LA COGNIZIONE SOCIALE Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione Sommario La psicologia sociale è interessata a conoscere gli aspetti della realtà sociale nelle sue diverse forme e

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Progetti per le vacanze!

Progetti per le vacanze! Progetti per le vacanze! Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici le vacanze: programmare, raccogliere informazioni, parlarne la costruzione con si ci di luogo Svolgimento L attività è finalizzata

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

UNA STORIA PROBABILE di Francesca D Iapico

UNA STORIA PROBABILE di Francesca D Iapico UNA STORIA PROBABILE di Francesca D Iapico Si mostrano qui alcune delle tappe attraverso le quali si è compiuto il cammino che ha portato al calcolo delle probabilità come lo usiamo oggi Un racconto pensato

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Migliora intelligenza - LUG 2011:Layout 1 30-06-2011 11:10 Pagina 3 INDICE PREFAZIONE 9

Migliora intelligenza - LUG 2011:Layout 1 30-06-2011 11:10 Pagina 3 INDICE PREFAZIONE 9 Migliora intelligenza - LUG 2011:Layout 1 30-06-2011 11:10 Pagina 3 INDICE PREFAZIONE 9 CAPITOLO 1 PERCHÉ NASCIAMO STUPIDI 11 Che futuro ha Tarzan?.....................................11 I limiti della

Dettagli

Design of Experiments

Design of Experiments Design of Experiments Luigi Amedeo Bianchi 1 Introduzione Cominciamo spiegando cosa intendiamo con esperimento, ossia l investigare un processo cambiando i dati in ingresso, osservando i cambiamenti che

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Metodi e Modelli per le Decisioni

Metodi e Modelli per le Decisioni Metodi e Modelli per le Decisioni Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Lezioni: Giovedì 13.30-15.30 Venerdì 15.30-17.30 Ricevimento:

Dettagli

Testa o croce: quando conviene scegliere a caso

Testa o croce: quando conviene scegliere a caso Testa o croce: quando conviene scegliere a caso Fabio Fagnani fabio.fagnani@polito.it http://calvino.polito.it/ fagnani/ Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino p. Quale ricerca? p. Quale ricerca?

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006 Statistica Dai risultati di un esperimento si determinano alcune caratteristiche della popolazione Calcolo delle probabilità

Dettagli

Teoria del Prospetto. 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no preferenze sociali, no altruismo, ).

Teoria del Prospetto. 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no preferenze sociali, no altruismo, ). Teoria del Prospetto Nelle precedenti lezioni abbiamo visto che nell analisi del comportamento umano il paradigma standard ASSUME (in modo un po' eroico, ma per fini normativi) che l homo economicus sia

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa NOTA INFORMATIVA (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

studi e analisi finanziarie PREZZI CASE MILANO

studi e analisi finanziarie PREZZI CASE MILANO PREZZI CASE MILANO I prezzi delle case a Milano stanno aumentando: la considerazione è che la qualità degli immobili in vendita sia bassa ed i prezzi richiesti siano elevati: tutti cercano casa, ma pochi

Dettagli

I moduli formativi. 1. Il benessere nelle organizzazioni 2. Comunicazione i avanzata 3. Teoria e pratica dei gruppi

I moduli formativi. 1. Il benessere nelle organizzazioni 2. Comunicazione i avanzata 3. Teoria e pratica dei gruppi I moduli formativi Organizzazione, leadership e strategie di cambiamento : organizzato da Com.e in partnership con L Università degli Studi di Roma Torvergata 1. Il benessere nelle organizzazioni 2. Comunicazione

Dettagli

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Carlo Romanelli (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Introduzione Tematica: Costruzione, entro un budget assegnato, di un preventivo per le proprie

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento Tivoli, 2011 Mario Gentili mario.gentili@mariogentili.it Aspetti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

Introduzione all analisi Intelligence: tra bias e conoscenza A cura di Mirko Lapi - 16 agosto 2013 (Atlasorbis On line)*

Introduzione all analisi Intelligence: tra bias e conoscenza A cura di Mirko Lapi - 16 agosto 2013 (Atlasorbis On line)* Introduzione all analisi Intelligence: tra bias e conoscenza A cura di Mirko Lapi - 16 agosto 2013 (Atlasorbis On line)* Il Signore disse a Mosè: "manda uomini a esplorare il paese di Canaan che sto per

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

DISCLAIMER: Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Pagina 2

DISCLAIMER: Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Pagina 2 DISCLAIMER: Questo libro ha esclusivamente scopo didattico. Pertanto NON deve essere inteso in alcun modo come consiglio operativo di investimento, né come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore Area IL VALORE DI UN TEST L equipe orientamento del Centro Studi Evolution propone una serie di di concreta utilità e dall alto valore scientifico. Una valutazione oggettiva è alla base di ogni serio e

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 Finalità: Sistematizzare concetti e definizioni. Verificare l apprendimento. Metodo: Lettura delle OSSERVAZIONI e risoluzione della scheda di verifica delle conoscenze

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid Federico Perali Dipartimento di Scienze Economiche Università degli studi di Verona Scelte di Investimento

Dettagli

Il ruolo del caso nella nostra vita: ignorarlo o comprenderlo? La probabilità: capire la realtà e prendere decisioni migliori.

Il ruolo del caso nella nostra vita: ignorarlo o comprenderlo? La probabilità: capire la realtà e prendere decisioni migliori. ITCG "E. Fermi", Pontedera 2 dicembre 2014 La probabilità: capire la realtà e prendere decisioni migliori Leonardo Grilli grilli@disia.unifi.it local.disia.unifi.it/grilli Il ruolo del caso nella nostra

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali Seconda Università di Napoli Facoltà di Economia - Dipartimento di Diritto ed Economia Facoltà di Psicologia - Dipartimento di Psicologia 20 e 21 maggio 2010 Economia cognitiva e sperimentale: decisioni

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

Caso e probabilità. Il caso. Il caso. Scommesse e probabilità Fenomeni aleatori Probabilità

Caso e probabilità. Il caso. Il caso. Scommesse e probabilità Fenomeni aleatori Probabilità Introduzione Il caso Il caso commesse e probabilità Il caso i chiama evento casuale quello che si verifica in una situazione in cui gli eventi possibili sono più d uno, ma non si sa a priori quale si verificherà.

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI 1. Problemi di informazione 2. Tipi di incertezza 3. Avere

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni Introduzione Parte 1 Antonio Lengua IL TRADING CONSAPEVOLE CAPITOLO 1 LA NASCITA DI UNA NUOVA PROFESSIONE 1.1

Dettagli

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative possono cambiare? Emozioni= stati mentali e fisiologici

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

Aspetti probabilistici del gioco d azzardo

Aspetti probabilistici del gioco d azzardo Università degli Studi di Genova Scuola di Scienze Sociali Dipartimento di Economia Perché il banco vince sempre? Aspetti probabilistici del gioco d azzardo Enrico di Bella (edibella@economia.unige.it)

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli